.

.

mercoledì 29 maggio 2013

Scomode prospettive

Tanti i movimenti di mercato intorno alla Fiorentina, più di quelli che normalmente si registrano intorno a un mercato rionale, ultimi in ordine di tempo sono quelli avvistati nei pressi della “Vucciria” con Ilicic e con il possibile riscatto di Viviano, mentre piovere piove su tutti ormai quasi come in Blade Runner, e così certi modi di dire come “piove sul bagnato” non valgono più solo per la Roma dopo il derby di Coppa Italia, o per Montolivo che viene infamato dopo una battuta infelice, no, valgono proprio per tutti. La Juve intanto, dopo aver vinto lo scudetto non può fare trentuno se prima non caccia trenta, bloccando di fatto modi di dire e filastrocche, intasando l’uso di certe espressioni popolari, perché la Juve fa parecchi discorsi che a loro volta non fanno flanella, e che bloccano per esempio il trotterellare dei trentatre trentini che vorrebbero entrare in Trento. Studi medici in rivolta, letteralmente imbufaliti con Marotta, danneggiati nello svolgere della propria preziosa attività, deolontologicamente frustrante giocare al ribasso col paziente, mortificante usare lo stetoscopio auscultando sottocosto, “dica ventinove” non è accettabile, ma se la Juve non sblocca la situazione e arriva a quei fatidici trenta milioni per Jovetic nessuno potrà fare più trentuno, i trentini andranno a passo d’uomo e i dottori non potranno chiedere formule consolidate da tempo come il “dica trentatrè”. Menomale che c’è ADV che anticipa, perché in mezzo a tanti taccagni e alla crisi economica profonda del calcio e non solo, la Fiorentina è l’unica squadra a intasare le strutture private per fare le visite mediche ai nuovi giocatori, il Fanfani ringrazia ma vorrebbe respirare, pianificare, essere avvertito per tempo visto che il mercato non è ancora ufficialmente aperto e gli stagionali erano stati previsti proprio a partire da quella data.  Poi ci sono categorie più a rischio a proposito di numeri quando la crisi attanaglia, a parte i trentini e i dottori, in pochi altri sono in grado di arrivare a certe cifre, la Bice, che anche quest’anno sarà la nostra inviata a Moena, ha raccolto lo sfogo della categoria dei gatti che avendo il sette come numero di vite massimo a disposizione teme che siano una cifra più abbordabile per Marotta, e che dopo Berbatov vada a rompere i coglioni anche a loro che già hanno difficoltà serie di prospettiva, il felino Viola infatti, randagio e non, ha raccontato di avere ormai seri problemi di assetto specifico che rende difficile seguire una squadra che va così bene, nella foto ha voluto far presente alla Bice quale postura sia ormai costretto a tenere per guardare la classifica della Fiorentina. Un disagio quello dei gatti che però va oltre alla specifica categoria, che è diventata una seria preoccupazione anche per le squadre che dal prossimo campionato rischiano seri problemi alla cervicale se vogliono continuare a guardarci. E chi si è accorto della Fiorentina, anche in Europa, non sono proprio quattro gatti.

130 commenti:

  1. Non escludo che Andrea della Valle voglia tenere Jovetic. Se si permette di rimandare al mittente offerte di 25 milioni di euro vuol dire che intende liberare Jo solo per cifre intorno ai 30 milioni in contanti. Non so se sia una buona strategia. In passato ogni volta che ha tentato di trattenere un giocatore scontento, il giocatore in questione ha preso a non rendere più come prima. Cito Montolivo ma anche Gilardino. Non sostengo che i due avessero ragione, ma il loro rendimento è precipitato e alla fine erano diventati inutili. Tra i due più Gila che Monto. Quindi non so: meglio tenere solo quelli motivati.

    RispondiElimina
  2. Concordo. Con i denari si motivano, o con prospettive diverse. Jovetic con stipendio da 4/5 milioni diventa motivato.

    RispondiElimina
  3. LZ non è ADV che rifiuta offerte (ammesso che ci siano) di 25 milioni, ma il giocatore che sembra voler andare solo da una parte. Da quella parte non c'è stato ancora alcun contatto ufficiale con la Fiorentina ma solo abboccamenti col procuratore e indicazioni che più su di una certa cifra in contanti (poco più della metà dei 30 che si vorrebbero) non si va, il resto da coprire con gente che interessa poco o per valore assoluto o per entità dello stipendio o per tutti e due. In queste condizioni cosa fai? cedi ai ricatti per lo più provenienti da una parte che si vede come il fumo negli occhi? Jovetic ha un contratto fino al 2016 e la promessa di esser lasciato libero prima se porta qualcuno che paghi 30 milioni cash. Siamo in una botte di ferro, credo, non può stare tre anni a far flanella se no poi lo piglia il gatto. Piuttosto, in caso di irrigidimento (e la notizia che tutto passa a Cognigni mi fa interpretare proprio questo) si complica la posizione di Ljajic nella quale siamo ben più scoperti e che tratta lo stesso procuratore.

    RispondiElimina
  4. Lud, il rendimento del fidanzato della ciucciabonghi non poteva precipitare, era già a livello dello scantinato. Si riparla di Mario Gomez (bof!), mentre il nome di Ilicic viene oggi definito un diversivo (il che mi solleva un po').

    RispondiElimina
  5. Dovrebbe esser tagliato Aquilani, in favore di Poli: il Giubba dimostrerebbe così, una volta di più, di non capire un emerito cazzo.

    RispondiElimina
  6. Ilicic credo sia soprattutto un allarme anti-persiano e può diventare cosa seria solo in caso di rottura e vendita di Ljajic. Gomez sono fantasie, come lo erano quelle di Torres, gente che naviga a 6 milioni netti di stipendio e contratti non in scadenza non può entrare nelle nostre orbite, è fantascienza. Piuttosto spero che si prenda uno dei giovani "chiaccherati": Mitrovic, Duvan Zapata e Castillo son tre prospetti più che interessanti (il serbo ed il cileno già qualcosa di più) sui quali varrebbe la pena investire, son tutti, per ora, sotto i cinque milioni di cartellino ed a salari assolutamente bassi.

    RispondiElimina
  7. Considerate anche, però, che se Ramadani vuole portare altrove Jojo a un po' meno dei 30 milioni concordati, deve trovare l'accordo per Ljajic ancora in viola...Insomma, è una partita a scacchi. Per Jovetic non scenderei però sotto i 28, e soprattutto niente juve e paccottiglia varia a riempimento.

    RispondiElimina
  8. Che Prandelli non capisce un cazzo è cosa nota, ma più drammatico ancora di Poli (che in fondo è un giovane bravo) è il fatto che si porti dietro Giaccherini. Quello poi di fiorentinanews che nelle liste mette Cerci nei centrocampisti deve aver preso la laurea a Coverciano.

    RispondiElimina
  9. Boh? o se aveva detto che voleva fare la Champions anche lui a casa sua? appena vedono i sghei cambiano subito idea. Classico centravantone potente sfondatore di reti che va sempre dentro se gli fanno parecchi cross fa parecchi gol, li ha sempre fatti.

    RispondiElimina
  10. Non vedo in cosa fosse criptico il mio avvisare che quell'imbecille del Giubba starebbe tagliando Aquilani! Il tuo problema, una volta di più manifestatosi, caro Lud, è che tu non leggi e parti dietro i tuoi fantasmi. Molto spesso, pertanto, a discuter con te si perde tempo, è come dialogare con un sordo da commedia.

    RispondiElimina
  11. Furia era un delinquente comune, regolarmente espulso in campo internazionale ma con licenza di uccidere in campionato, inoltre faceva lo sbirro e la spia nello spogliatoio (era l'unico calciatore invitato a casa del Perdigiorno Cocainomane), quindi elemento indispensabile alla causa degli infami. In Nazionale sarebbe stato ridicolo, oltre a lasciarci in dieci dopo qualche minuto sarebbe stato incapace di passare un pallone oltre i cinque metri. Tecnica prossima allo zero, i suoi stop di stinco con allungo di palla di venti metri, che andava sùbito a recuperare piccatissimo, spaccando la gamba di chi incontrasse senza che l'arbitro battesse ciglio, erano leggendari.

    RispondiElimina
  12. Lud hanno ragione Jordan e Colonnello...hanno scritto l'esatto opposto e cioè che Prandelli sbagliando preferirebbe Poli ad Aquilani.Per quanto concerne la "probabile" punta penso che alla fine arriverà uno il cui nome non è mai stato fatto...se ci pensate nel mercato scorso il duo ha portato quasi tutti giocatori che sui giornali non erano mai statio accostati alla Fiorentina.

    RispondiElimina
  13. Se tutto il problema è una differenza negoziale di tre milioni, l'affare è fatto. Alla faccia di chi riteneva il centravanti di peso incompatibile col calcio montelliano, alla faccia di chi ipotizzava l'attacco dei sette nani senza Biancaneve!

    RispondiElimina
  14. Al limite avrei fatto l'esempio di Colombo nel Milan sacchiano....

    RispondiElimina
  15. Non mi pronuncio sul turco avendolo visto solo negli higlights delle coppe.Se lo vogliono il duo e Montella però ben venga in quanto questi meritano fiducia per ciò che hanno dimostrato l'anno passato...Ad occhio e croce(e sicuramente sbaglio) non mi pare un giocatore "tecnico" da integrare nel gioco,ma più un animale da gol(stile Toni intendo..ceerto che se fosse paragonabile al primo Toni saremmo da 1-2 posto)

    RispondiElimina
  16. Yilmaz mi sembra una specie di Mario Gomez, con la differenza che si accontenterebbe, penso, di un ingaggio più basso di quello del Tedesco. In pratica un Toni più giovane, se si adatta al campionato italiano va benissimo.

    RispondiElimina
  17. C'è da dire che Colombo in confronto a Furino era Zico.

    RispondiElimina
  18. La juve non ha i soldi per comprare Higuain né quelli per comprare Jovetic (come non aveva i soldi, gli anni scorsi per comprare i vari Aguero, Tevez, Dzeko, Van Persie, Benzema eccetera che secondo i giornali trattava). Con noi prova a inserire un po' di scarti nella trattativa, col Real manco ci prova, giustamente.

    RispondiElimina
  19. Mi pare di aver dato atto di essermi sbagliato. Non so cosa altro aggiungere.

    RispondiElimina
  20. Anto, sono patetici, e ancor più lo è lo stuolo di famuli che brigano per loro sui giornali e alla televisione, sovente gratis, sperando di ottener benemerenze, di entrare un giorno, quando che sia, nel libro paga.

    RispondiElimina
  21. stefano vienna29 maggio 2013 11:24

    Yilmaz è un centravanti che abbina forza fisica e discreta tecnica, tipo Madzukic, quindi si adatta bene al gioco della Fiorentina, meglio di Gomez. La notizia uscita oggi mi sembra una boutade: 3,5 milioni di ingaggio più bonus, più di quello che prenderebbe Jovetic alla Juve. Se Ljajic ne chiede 2,5, come si fa a dirgli di no?

    RispondiElimina
  22. Ho scritto molto chiaramente che mi stavo riferendo al Furino juventino e a non a quello della nazionale che non esiste. Per quanto riguarda la nazionale italiana Valcareggi metteva spesso Domenghini che non mi pare fosse molto più tecnico di Giaccherini. Col passaggio al 4-3-3 d'altronde il posto di Giaccherini è attualmente occupato da El Sharawi. Non sottovalutate l'umile pedatore perchè nel calcio esiste ed esisterà sempre, è il gregario che non molla mai che esiste anche nel ciclismo e nel tennis (Barazzutti aveva un decimo della classe di Panatta e Bertolucci ma ha fatto una grande carriera).

    RispondiElimina
  23. Altro esempio: Gattuso che credo che di nazionale se ne sia fatta un bel po'.

    RispondiElimina
  24. Lud, nemmeno il Furino della Juve sarebbe esistito senza arbitri italiani, come sotto articolavo. La "grande" carriera di Barazzutti la devo proprio conoscere. Se, come dice Anto, Colombo appetto a Furia era Zico, Gattuso in confronto a Furia era Di Stefano.

    RispondiElimina
  25. stefano vienna29 maggio 2013 11:29

    Prandelli ha il complesso del gregario, forse perché anche lui lo fu all'epoca, l'eterno vice-Platini. Ma, detto questo, Giaccherini non è Furino. Al Cesena giocava trequartista, ha buona tecnica. Forse in Giaccherini Prandelli rivede se stesso, un discreto centrocampista e un atleta serio fuori e dentro il campo. La psiche di Prandelli la conosciamo bene, nel bene e nel male.

    RispondiElimina
  26. Ottima la puntualizzazione di Stefano, qua sotto. Di Furia dimenticavo la difesa della palla iimbrodantegli i piedi, pur a campo sgombro intorno di dieci metri, con le braccia alzate e tese in posizione di kung-fu. Visto uscire espulso, in un primo tempo di Fiorentina-Juve, dopo un'entrata criminale delle sue, accompagnata da offese all'arbitro, sotto la Fiesole che gli lanciava incudini, bidet, armadi in noce, chioschi di giornalaio, e lui impassibile, mentre gli oggetti lo sfioravano (in quel caso protetto, davvero, dalla fortuna dei malvagi), salutare per scherno il pubblico viola. C'è un cerchio dell'inferno, che attende Furia. Non parlatemi di lui se non volete che m'incazzi buio buio già a metà mattina.

    RispondiElimina
  27. Jordan quello che dici è plausibile;però a discolpa di Prandelli bisogna anche dire che in Italia(oggi) di grandi centrocampisti c'è penuria;se non ricordo male,ai tempi del Derossi in forma,del Pirlo un pò più giovane e di Aquilani pre infortunio,con l'aggiunta di Montolivo un tentativo di fare un centrocampo "tecnico" rinunciando al gregario di rottura era stato fatto.Penso che il grande problema che Prandelli dovrà affrontare è quello della mancanza di giocatori.In attacco non siamo messi male,la difesa più o meno c'è(se Barzagli conferma gli standard juventini);ma a centrocampo la vedo buia buia....

    RispondiElimina
  28. Jordan è cambiato pure il gioco in questi anni;Furino oggi potrebbe al massimo giocare nei dilettanti.Anche nella Juve,tutelata dalle giacchette gialle,oggi non finirebbe il primo tempo(così come Gentile ai mondiali 82)

    RispondiElimina
  29. DKNE, Disqus, t'inganna, sono Blimp che parla di Furia l'immondo. Ma è proprio per quel che dici che Furia non può esser preso a modello di nulla per l'oggi, Furia era uno psicopatico lasciato libero, che c'entra col calcio? In quale modulo rientrerebbe? In quale compatibilità di gioco e di compagni? Al massimo a tirar pallonate (regolarmente oltre il muro di cinta) nel cortile di un penitenziario.

    RispondiElimina
  30. mi appari come "Jordan"....

    RispondiElimina
  31. Rinfresca la pagina e l'attribuzione diverrà corretta.

    RispondiElimina
  32. Mario Gomez è un simil- Toni, Ylmaz ha anche discretw qualità tecniche. Detto questo gioca nel Galatasaray che riguardo a stipendi non è inferiore a nessuna big. La mia prima punta ideale è più tecnica che fisica e necessariamente con buon tiro dal limite. Gila, grande prima punta solitaria, aveva la potenza di tiro di mia sorella, Toni non ne aveva la meccanica, anche se nella stagione d'oro qualche ciavattata gli è riuscita. Ecco, il mio ideale sarebbe un Montella. Il toro lo vorrei in panchina per eventuali assedi all'arma bianca. Credo che arriverà verosimilmente da Spagna o Inghilterra, i mercati più conosciuti dai nostri due ds. Il mercato italiano è povero di contenuti tecnici e caro, come già affermava Macia tempo fa. Per questo credo che tutti i nomi usciti in questi giorni tipo Ilicic non siano seriamente presi in considerazione.

    RispondiElimina
  33. Rileggetevi la rosa della nazionale di Lippi e vedrete che coi Grosso e i Gattuso Marcello ci ha vinto i mondiali. Per quanto riguarda le confidenze di spogliatoio tra giocatori turchi, aspetterei una fonte un po' più concreta.

    RispondiElimina
  34. Non dico (e questa volta sono io) che Giaccherini sia una pippa assoluta, dico che non mi sembra elemento da nazionale. Una buona riserva per squadra top un buon titolare per squadra di bassa A, ma nulla di più. Non facciamo paragoni con Domenghini che non esistono. Domenghini in buone condizioni atletiche era grosso giocatore di fascia con un gran tiro in porta tra l'altro, giocatore che ha ampiamente meritato, per lungo periodo, la nazionale. Venendo a noi sono dubbioso sul fatto che venga Yilmaz, un po' per la stessa ragione, anche se attenuata da numeri meno impossibili, che son sicuro che non verrà Mario Gomez. Yilmaz sta già prendendo uno stipendio alto al Galatasaray, a casa sua, ed è in una squadra che farà la Champions, assicurandogli quindi visibilità. La Fiorentina non gli darà mai quei 3,5 più bonus di cui qualche media straparla e per prendere quanto gli danno a casa sua senza fare la Champions non vedo proprio cosa lo potrebbe attrarre in viola. Di piste se ne seguono diverse, alcune anche sapendo che sono solo specchietti per allodole per avere più facile la via per quella che interessa davvero.

    RispondiElimina
  35. I mondiali il viareggino li ha "vinti" con doping e arbitri, altroché...

    RispondiElimina
  36. Cosa c'entra Grosso con Giaccherini? Grosso è un esterno basso nemmeno malaccio nei suoi momenti buoni, non certo peggio di Balzaretti ad esempio. Idem per Gattuso, mediano recuperatore di palloni ed apportatore di grinta nel mezzo. Giaccherini cos'è? Ex ala, discreto senso del goal quando giocava davanti, ora solo corre, spesso senza grande senso tattico, solo un volonteroso tappabuchi scelto da uno per simpatia di personaggio, il medioman calciatore (copiato da ZV con riconoscimento di copyright)

    RispondiElimina
  37. Non mi direte che Grosso aveva una tecnica raffinata spero. Allora diciamo che i giocatori "alla Giaccherini" in nazionale ci sono sempre stati e probabilmente ci saranno anche in futuro. Può non piacere Giaccherini in particolare, ma la nazionale italiana è sempre stata un mix di campioni dotati di tecnica e di gregari. La situazione attuale è tra la migliore degli ultimi anni, perchè disponiamo di parecchi buoni elementi (tranne che sulle fasce, dove ora stanno però emergendo El Sharawi e Cerci). Ai tempi di Lippi il livello medio della squadra, per unanime parere degli esperti, era tutt'altro che elevato. Ma vincemmo il mondiale. Se poi erano tutti drogati come dice Deyna mi taccio, ma siamo alle solite perchè quando ti conviene, Deyna, parli di droga, quando non ti conviene glissi.

    RispondiElimina
  38. L'uscita del compagno di squadra di Yilamz chiude definitivamente le porte all'acquisto del turco;quando mai un compagno darebbe questa dritta se la vicenda fosse vera?Secondo me è come parlare a nuora perchè suocera intenda:o per un rialzo dell'ingaggio(seppur già elevato) o per metter fretta ad altre squadre "big" nel tentare un acquisto.Mi stupirei davvero se questa uscita di Sahin corrispondesse alla verità,sarebbe un caso più unico che raro.Ruttosport sembra darci molto vicini a Mario Gomez,indi per cui anche questa pista entra di diritto nel novero delle "bufale"

    RispondiElimina
  39. Cannavaro, Grosso, Gattuso, Zambrotta per giocare a calcio ed arrivare a una finale mondiale, oltre che di arbitri compiacenti, hanno bisogno di aiuti. Xavi, Fabregas, Busquets, Iniesta e soci no.

    RispondiElimina
  40. Lud Grosso aveva una grande tecnica(ovviamente come termine di paragone teniamo presenti i terzini odierni);tanto è vero che segnò un grandissimo gol contro la Germania(tecnicamente favoloso con tiro a girare) ed il 5 rigore decisivo in finale(rigore bellissimo tra l'altro).Non era Roberto Carlos,ma paragonato a tutti i terzini che abbiamo visto all'opera dal 2006 ad oggi pareva davvero un marziano

    RispondiElimina
  41. Infatti come ho già detto prima, credo si tratti di due bufale, nel caso del turco probabilmente un'uscita concertata, come mi sembra suggerisici anche tu, per accelerare le offerte di altri. Siccome vedo complicarsi la faccenda Jovetic (a meno che non si convinca a lasciar perdere la Juve) non credo proprio a conclusioni a breve con centravanti top. Più facile chiudere con un giovane (Mitrovic, Zapata, Castillo) che potrebbe venir bene comunque.

    RispondiElimina
  42. Lasciando stare per un attimo le questioni economiche, fossero tutti abbordabili, chi preferireste tra questi centravantoni? Gomez, Soldado, Yilmaz, Cardozo, Osvaldo, Negredo. Il mio ordine è inverso a questo. Leandro Damiao è il sogno impossibile, Fred e Marcelo Moreno due soluzioni sudamericane ottime ma altrettanto improbabili per altri motivi...

    RispondiElimina
  43. Deyna non sono d'accordo;Cannavaro in alcuni momenti della sua carriera è stato un centrale veramente mostruoso in termini di chiusure,anticipi e come colpitore di testa.Gattuso recuperava una infinità di palloni,traducendo un'azione difensiva in una offensiva.Era un diverso modo di giocare;certo che se paragoni "tecnicamente" il centrocampo e la difesa italica con quelli spagnoli non c'è gara(a favore della Spagna naturalmente).Come efficacia sul campo da gioco non c'era invece paragone a favore dell'italia.Sono due pianeti diversi:certo che esteticamente preferisco il modo di giocare della Spagna(per cui pure quello della Fiorentina) rispetto a quello dell'Ital-Juve.Sino al 2008 il gioco della spagna era bello ma inefficace(in termini di conseguimento dei risultati),ed in effetti non avevano niente.Dal 2008 è diventato pure vincente per cui hanno raggiunto il sogno di tutti i tifosi e dei dirigenti:squadre bellissime ed al contempo vincenti.

    RispondiElimina
  44. E dai! Grosso era un terzino di buone caratteristiche anche tecniche per il ruolo, Gattuso idem. Certo i fini dicitori, i play-maker erano altri, ma ognuno ha il suo ruolo. Vorrei sapere qual è quello di Giaccherini se non quello di portaborracce di corridore utlie per tutte le stagioni a scapito persino delle caratteristiche che aveva, che eran quelle di aletta veloce e con discreto senso del goal.

    RispondiElimina
  45. considerando quello che avevamo l'anno passato mi andrebebro bene tutti ovviamente;però se dovessi scegliere ti dico che escluderei Cardozo(non mi piace per niente) ed Osvaldo(per meri motivi di spogliatoio,non per le qualità tecniche).Soldado mi pare quello che potrebbe integrarsi perfettamente nel gioco di Montella;tra Negredo e Gomez scegli pure tu che a me vanno bene entrambi eheheh

    RispondiElimina
  46. Quei "momenti" di Flebo Cannavaro penso proprio sian coincisi con l'assunzione più massiccia di droghine...Quanto a Grosso certo, se paragonato a quanto offre oggi il calcio italiano sulla fascia sinistra, era Francisco Marinho Chagas. Ma a livello internazionale era un mediocre anche per il suo tempo. Semmai Zambrotta aveva un livello internazionale decente, ma pure lui nel 2006 correva con la bava alla bocca. Comunque mi concentrerei sul mercato viola...

    RispondiElimina
  47. Quelli più adattabili al gioco di Montella sono Negredo e Osvaldo, ma anche Soldado, mentre Gomez, Cardozo e Yilmaz son meno tecnici e più fisici ma fanno forse, alla fine, anche più gol. Fred credo non si muova da Rio dove è re e l'ho già detto, comunque è giocatore in fine di carriera ed abituato a comandare ed a fare i comodi suoi, non so nemmeno se alla fine sarebbe un gran chiappo portarlo qui. Marcelo Moreno mi piaceva un sacco prima dell'avventura nelle Russie andata decisamente male. Ora, rientrato, sembra aver ritrovato i suoi ritmi. Leandro Damiao è Leandro Damiao, per me altra roba rispetto e tutti quelli citati.

    RispondiElimina
  48. Non ho elementi per contaddirti riguardo alle "droghine",ma allora le prendeva pure a Parma con il suo compagno Thuram....visto come giocavano...

    RispondiElimina
  49. Tornando al mercato viola,c'è qualcuno che ricorda Rafael Carioca?Io con questo giocatore ho preso un abbaglio niente male..pensavo potesse un crak,ed invece si è dimostrato un creker

    RispondiElimina
  50. Rafael Carioca è un '89, non è mica vecchio. E' andato dopo una bellissima stagione al Gremio nel 2008, quindi giovanissimo, nelle Russie, allo Spartak Mosca, è poi ritornato in prestito al Vasco ed ora è di nuovo in Russia, ma dovrebbe tornare al Gremio quest'anno a prendere il posto di Fernando, nazionale, in partenza anche lui per l'Europa. E' un mediano che anch'io credevo facesse di più, a vent'anni mostrava molte più potenzialità. E' comunque buon elemento, attualmente nello Spartak è titolare.

    RispondiElimina
  51. Con Rafael Carioca ho preso un bell'abbaglio anch'io, ai tempi...

    RispondiElimina
  52. Intendevo dire che rispetto a quelle che erano le premesse l'evoluzione non è stata corrispondente;che sia un buon elemento lo penso tutt'ora...

    RispondiElimina
  53. Le droghine le pigliano tutti, chi più chi meno.

    RispondiElimina
  54. Con Thuram al fianco, altro che Cannavaro. Il francese difendeva per due...Lilian con il mio cane da guardia al fianco, e il quadrupede andava in nazionale.

    RispondiElimina
  55. Milan dietro Liajic, Juve dietro Pek(se vero) dimostrazione che le strisciate attuano ostruzione contro l'edificazione della Maquina dell'anno prossimo. E ci temono, chiaramente.

    RispondiElimina
  56. Che cane hai, Sopra [Antoine mi scuserà il possessivo]?

    RispondiElimina
  57. Pare che anche Chelsea e Borussia Dortmund vogliano acquistare Jovetic.

    RispondiElimina
  58. Il Chelsea sarebbe una soluzione ideale, solitamente pagano bene, e lui non andrebbe a rafforzare un'italiana [ché da seconda punta è un valore aggiunto, eccome].

    RispondiElimina
  59. I se africani

    Se si parla di giocare a calcio, non si deve nemmeno nominare Furino
    mentre Domenghini a distanza di 40 anni, ancora si ricorda per tecnica e
    corsa.Di Giaccherini si ricordera' che era uno scarso pupillo del
    santino. Punto.Io sono felicissimo se il grande intenditore lascia a
    casa Aquilani...
    Parlando di cose serie, credo che il Duo abbia gia'
    in canna il centravanti e per noi avventurarsi in ipotesi e' molto
    avventato.
    Di quelli da noi citati mi andrebbero bene in ordine 1)
    Damiao 2) Benteke 3) Gomez, che capisco che se ne discuta l'ingaggio, ma
    che ci si sputi sopra..Sara' meno tecnico ma non scenderebbe sotto i 20
    gol con noi..4)Auba 5) Matri 6) Soldado.

    Lele

    RispondiElimina
  60. Premesso che Gomez con l'ingaggio che ha lo trovo fantascienza come già è stato detto, io per lui ci stravedo (penso più di voi tutti messi insieme, a giudicare dai vostri toni freddini nei suoi confronti) e penso che farebbe la differenza almeno quanto Klose.
    Gomez a parte, riuscire a chiudere subito per una grande punta sarebbe un toccasana per tutta questa nostra sessione di mercato: anticiperemmo le rotture di coglioni da parte di strisciate che vogliono intralciarci, avremmo la rosa finita per un 90% e si lavorerebbe così fin dal primo giorno di ritiro, eserciterebbe ulteriore potere di richiamo verso un altro eventuale grande nome che tratteremmo, avremmo tempo per respingere le offerte per i nostri giocatori in uscita fino a quando non saremmo noi a giudicarle consone.

    RispondiElimina
  61. Anch'io sono contento se rimanda a casa Aquilani, è molto soggetto agli infortuni e non sopporto che un nostro giocatore rischi di non esserci con noi per colpa di una nazionale che detesto. La prima parte di questo campionato l'ha saltata per colpa di un infortunio in azzurro, è una cosa inconcepibile.

    RispondiElimina
  62. Su Gomez ammetto che ho un pregiudizio, non mi è mai piaciuto, un po' come Toni, e penso che stonerebbe parecchio nella Maquina. Però che la butti dentro è innegabile, sicuro me lo farei piacere, con le buone o con le cattive. Damiao, Lele, sarebbe anche il mio preferito, è centravanti completissimo, potente ma anche mobile e tecnico, bello da vedere.

    RispondiElimina
  63. Peccato che il Chiari non è ancora rientrato, sarei curioso di sapere il suo parere sulla iniziativa di Soru e Boeri [o, io le provo tutte...]

    RispondiElimina
  64. I movimenti di Mario Gomez non avranno l'eleganza da cigno, Deyna, ma il suo controllo palla a terra Toni non l'ha mai avuto.

    RispondiElimina
  65. Mario Gomez tecnicamente è meglio di Toni

    RispondiElimina
  66. Lasciando Damiao da parte, io scarto Gomez. Tecnicamente imbarazzante secondo me. Sentendo puzza colpo spagnolo io dico: 1) Villa 2) Soldado 3) Hernandez (Palermo) 4) Auba 5) Hernandez ( MU). Ovviamente le punte devono essere almeno due, quindi per la seconda :1) Castillo 2) Zaza 3) Mitrovic.

    RispondiElimina
  67. Sì, Gomez tecnicamente è più valido di Toni, ma insomma...Comunque parlavo di preferenze, non di possibilità. Il Chicarito mi piace molto, Foco, ma è un altro tipo di centravanti, che gioca tutto sulla rapidità e sulla scelta di tempo. Anche se, proprio per questo, di testa la butta dentro pur non essendo certo un gigante. Hernandez del Palermo ha dei colpi, ma fisico e continuità non mi convincono, piuttosto prenderei Dybala da far crescere dietro a Rossi. A me piacerebbe molto Marcelo Moreno, molto completo, bravo tecnicamente, bel fisico, forte di testa, tiro con entrambi i piedi, e bravo a battere le punizioni. Credo anche che costerebbe relativamente poco. Tra i giovani, anche se non è proprio un centravanti puro per ora, un gran colpo per reinvestire parte dei soldi portati da Jojo sarebbe quel Fischer di cui si parlava tempo fa, secondo me un futuro fuoriclasse, quasi sicuro.

    RispondiElimina
  68. Con Villa penso si vada nella fantascienza per motivi di ingaggio, come con Gomez (riguardo al quale aborro il "tecnicamente imbarazzante", sperando di non far incazzare il Foco ahah); certo lo spagnolo è un centravanti di classe a differenza del tedesco, ma lì bisogma vedere quali sono le caratteristiche richieste da Montella. Hernandez del Palermo 3 anni fa mi esaltava, poi però mi pare si sia perso, o sbaglio?

    RispondiElimina
  69. Viva l'obiettività! Sono tutti meglio di Giaccherini, anche Gattuso, Grosso e Domenghini. Non è analisi, è tifo. E nel tifo, si sa, l'oggettività non conta niente. Ma quel che trovo grave è che non si tratta di un tifo sereno come un vento che spira a favore, di un tifo viola positivo accetto condivido e comprendo, ma di un tifo contro, incomprensibile e autodistruttivo. Gomez: io non so se sia meglio o peggio di Toni, ma so che ha sette anni in meno, se non sbaglio. Quei sette anni che separano il giocatore ancora nel pieno della carriera da quello finito. Non dimenticherei che proprio Della Valle vendette Toni al Bayern e che anche i tedeschi potrebbero essere in corsa per Jo.

    RispondiElimina
  70. Anche a me l'Hernandez palermitano degli esordi piaceva un sacco - per certi versi, solo alcuni, me lo ricorda Aubameyang - ma non ha più fatto quasi nulla da allora. Villa tra l'altro ama partire da sinistra e poi convergere, più che stare al centro, vedo problemi anche per quello. Io spero arrivino a Negredo, in viola è uno da 18/20 gol, e tanto peso.

    RispondiElimina
  71. Perché, Lud, esaltare Giaccherini è tifo viola positivo, forse? Stiamo valutando un giocatore, paragonarlo a Grosso e Gattuso è paragonare le mele con le pietre [ma sono comunque due, se proprio vogliamo parlarne, che nelle loro squadre e in nazionale hanno inciso molto di più del Giack, che è una riserva fissa], ma se lo si confronta con Domenghini certo, l'antico 7 italiano era incomparabilmente più forte, non credo ci sia nessuno che ne dubiti al mondo, neppure tra i 50 giornalisti che consulti.

    RispondiElimina
  72. "Cursore è il centrocam­pista votato a far da «gregario» a compagni stilisticamente più dotati, ma anche meno generosi e fisicamente fragili. Celebre cur­sore è stato Domenghini: “Domen­ghini è cursore di cieca furia podistica che, senza correre, non saprebbe pensar calcio...”
    Dal vocabolario del calcio di Gianni Brera.

    RispondiElimina
  73. E Cardozo come lo vedete? Ho un po' di dubbi sulla sua rapidità, per l'italia, certo che tiro e colpo di testa ci sono tutti, e segna come se non ci fosse un domani.

    RispondiElimina
  74. Risposta di Deyna perfetta, difficile aggiungere altro e se il tuo amore pazzo per il santo ti porta ad esaltare un mediocre come Giaccherini è inutile che rivolti le frittate e tu ci accusi di essere noi a sminuirlo per odio indiretto, non è proprio il caso, non ce n'è proprio bisogno.

    RispondiElimina
  75. Ps: non si stava parlando di Giaccherini, l'argomento è sempre il solito: tifo contro il cui è oggetto è Prandelli.

    RispondiElimina
  76. Anche ammesso che non si stesse parlando di Giaccherini ma di Prandelli [un po' curioso, se inizi il post con Giaccherini...], dove sarebbe l'autodistruttività in questo "tifo contro"? Devi ancora elaborarlo, ma nulla qui può autodistruggersi, essendo il Santo andato via da ormai tre anni...

    RispondiElimina
  77. Abbozzala, ci fai solo una cattiva figura, paragonare Domenghini con Giaccherini è un moccolo calcistico. Manda un Tweet al santo per sentire cosa ti dice lui.

    RispondiElimina
  78. Gomez è un terminale che ha bisogno del gioco di tutta la squadra, senza è dell'utilità di un termosifone a centro area. Preferisco giocatori letali in area ma con più soluzioni tecniche. Hernandez & Hernandez sono potenziali campionissimi, quello del Palermo, per me, è più forte di Cavani alla sua età. Infortuni e squadra del cazzo lo hanno bloccato. A sette, otto sarebbe un colpissimo. Villa con noi farebbe quello che ha fatto ai mondiali: il centravanti. Con Rossi e Ljaic sarebbe un bel tourbillon di tagli e tiri. Per l'alternativa fisicata, preferirei giovanotto in rampa di lancio.

    RispondiElimina
  79. Cardozo è il tipico centravantone con gran fisico (per questo non velocissimo nel breve) e grande senso della rete che ad averlo contro ti fa cagar sotto perchè ti può far goal in ogni momento. Non è nemmeno lui bellissimo a vedersi, ma sull'efficacia c'è poco da dire.

    RispondiElimina
  80. Deyna sono purtroppo abbastanza vecchio per ricordare Domenghini, eccellente "gregario" dai piedi pessimi, che si faceva l'out destro in su e in giù e segnò goal decisivi in nazionale togliendo castagne dal fuoco in situazioni difficili. Qui o si ha la memoria corta o si bara. O non si è visto il giocatore e allora beati i giovani! Certo Giaccherini non è Domenghini, ma se per questo neanche Pirlo vale sul piano tecnico Rivera.

    RispondiElimina
  81. A me Cardozo non piace e ritengo che in Italia farebbe molta fatica;su Gomez sono molto vicino a Vita.Lui in Italia con il gioco di Montella potrebbe fare una quantità abnorme di gol(e se miriamo all'EL uno come Gomez sarebbe perfetto,non solo per le sue qualità,ma per aver giocato anni ad altissimi livelli;le coppe sono casa sua..).Ovvio che se venisse Cardozo diventerei seduta stante il suo primo tifoso

    RispondiElimina
  82. L'argomento è sempre il solito, la tua fissazione psichicamente preoccupante, per cui ogni critica fatta ad una scelta del tuo santo è fatta per partito preso per nuocere alla sua santa immagine. Per me Giaccherini è giocatore mediocre che di sicuro non merita la nazionale e questo a prescindere di chi lo fa giocare, mediocre sarebbe anche se l'allenatore azzurro fosse Montella.

    RispondiElimina
  83. "Viva l'obiettività! Sono tutti meglio di Giaccherini, anche Gattuso, Grosso e Domenghini. Non è analisi, è tifo", scrivi. Ma se "certo Giaccherini non è Domenghini" che insorgi a fare, per darci ragione? E che c'entrano Pirlo e Rivera? Mica ti seguo.

    RispondiElimina
  84. L'età purtroppo ce l'ho tutta e la memoria ben viva, che Giaccherini non è Domenghini mi sembra persino ovvio, ci corrono un paio di categorie ma è quanto si dice sin dall'inizio obiettando a tua affermazione in contrario. Cosa c'entri Pirlo con Rivera Dio solo lo sa, come se, tra l'altro, giocassero nello stesso ruolo.

    RispondiElimina
  85. Debbo ripetermi. Ci riprovo. Nel calcio esiste una ben precisa categoria, il gregario come lo definisce Brera, un tipo umile che corre si da' da fare e ha tecnica inferiore ai compagni. Questi gregari giocano a ogni livello, anche in nazionale o nei grandi club e sono spesso preziosi. Nel 1970 Domenghini faceva il gregario a grandi campioni come Riva o Rivera. Mutatis mutandis, perchè è passato mezzo secolo, oggi il ruolo del gregario può essere interpretato da un Giaccherini. Certo, oggi tutti corrono di più, allora c'era una più netta differenza tra il campione elegante e statico ed il suo portaborracce. Ma un Giaccherini ci sta in un gruppo come quello dell'Italia e così la vede Prandelli.

    RispondiElimina
  86. DKNE Gomes e Cardozo mi sembrano giocatori abbastanza simili, Cardozo è un po' più statico, ma son centravantoni tutti e due, bravi nel gioco aereo, con ottimo senso della porta, abbastanza scafati, ma entrambi son terminali offensivi, non partecipano certo gran che alla manovra. Stilisticamente non mi riempion molto l'occhio, nessuno dei due, ma uno che mi farebbe, probabilmente, venti gol a campionato (e tutti e due credo li farebbero) io li rispetto per forza

    RispondiElimina
  87. Ci sono quelli che eccellono in qualità e quelli che eccellono in quantità (alcuni in tutte e due ma non son molti) e poi ci sono le varie gradazioni. Ecco è questo che fa la differenza. Domenghini che eccelleva soprattutto in quantità, aveva anche una qualità che Giaccherini nemmeno si sogna. Quindi il paragone non esiste. Per difendere Prandelli, che è il tuo scopo nella vita, avresti potuto scegliere strade più intelligenti, come dire che di Domenghini oggi non ce ne sono, il che è in parte vero, o che di Giaccherini, per far quel lavoro, di meglio non c'è nessuno (il che è molto meno vero), però addentrarti in paragoni tra un giocatore che ha avuto lunga vita in nazionale, campione europeo, vice campione mondiale, scudettato (e da titolare, non da comprimario) ed il beniamino del tuo santo, è perdente.

    RispondiElimina
  88. Lud, giustificheresti anche le convocazioni di Pazienza, Donadel o Gazzi, dicendo che ci stanno in un gruppo come quello dell'italia. Perché? Perché così la vede Prandelli.

    RispondiElimina
  89. Mutatis mutandis Jordan vuol dire che il calcio di oggi non è quello del 1970, dunque il paragone resta condizionato, oltre che alla differenza tra i due giocatori, ai mutamenti intervenuti nel calcio. Ciò che li accomuna è essere gregari. Il discorso sulla tecnica individuale ci porterebbe lontani ed è stato affrontato tante volte. Certo, allora in generale si giocava meglio la palla, ma non c'era l'aspetto atletico che poi si è affermato in ogni sport. Negli ultimi tempi è intervenuto un nuovo cambiamento. Sono tornati di moda i calciatori tecnici. Nel calcio stile Barcellona lo spazio per i faticatori si è ridotto. La Fiorentina ad esempio ne fa a meno. E come credo tu sappia ho sempre auspicato questa evoluzione.

    RispondiElimina
  90. Figurati, si dice anche del coniuge, eh eh.

    RispondiElimina
  91. Anche paragonarlo a Gattuso mi pare grossa.

    RispondiElimina
  92. Claro che Gomez lo prendo, Lele, ma se posso esprimere una preferenza, per la Maquina preferisco un altro tipo di centravanti, più tecnico e più portato al dialogo con gente come Ljajic, Cuadrado, Rossi, Aquilani, Pizarro e tutti gli altri. Mettiamo che un Gomez ha un potenziale di 22 gol e Osvaldo di 15 circa, se quest'ultimo si inserisce meglio nel gioco e dialoga bene con gli altri, aiuta di più la squadra e magari segna di più anche lui, mentre Gomez forse non rende al suo meglio e inceppa un po' il meccanismo, vai a vedere. Poi se viene uno completo come Damiao meglio...Quello a cui non vorrei rinunciare comunque sia è il gioco aereo.

    RispondiElimina
  93. Possiedo un Labrador( ha 10 anni) color cioccolato. È dolcissimo....ah ah ah ah ah...,ma protegge e gioca con bimbi. Un cane ideale. Un po' Gattuso (ringhia), un po' Liajic (delizioso), un po' Cuadrado (il manto), ma anche Aquilani (attacca gli spazi); più reattivo di Viviano.

    RispondiElimina
  94. Lele come al solito sei elegante come un pachiderma. Ne avrai visti troppi in Africa. D'altronde è noto che tu sei un incrocio tra Guardiola, Mourinho e Gianni Brera. Che di calcio sai più degli altri. E che ti permetti di liquidare tutti con lo stesso tono. Non so se esista il Pallone d'oro dei commentatori dei blog, ma secondo prima o poi lo vincerai. Il cambiamento tattico che liberò Tardelli da compiti stringenti di marcatura ai mondiali dell'82 fa parte della storia del calcio italiano, se non ne hai mai sentito parlare documentati.

    RispondiElimina
  95. Io non mi sono espresso su Gattusi e Domenghini vari, errore del disqus. Però sono io che affermo che Hernandez ha un potenziale che Gomez se lo sogna. Tecnicamente c'è un abisso e credo che il moretto abbia pure più soluzioni nella sua faretra. Gomez sfrutta il gioco di una squadra, fa l'ultimo tocco, e la stazza gli permette di imporsi davanti alla porta. La tecnica non c'è, Mandzukic ha le stesse qualità fisiche e gli è superiore, per non parlare di Lewandosky, rimanendo in Germania. Io credo che serva un attaccante da doppia cifra che sappia integrarsi anche coi piedi. Credo anche che uno come Cavani supera i 20 gol l'anno, anche grazie a una discreta castagna da fuori, cosa che per me un centravanti deve avere. Il fisico da solo basta solo se il resto della squadra ti mette in condizione di usarlo, altrimenti è fine a se stesso. Se hai Robben e Ribery che vanno via in mezzo a tre e ti mettono un pallone a mezzo metro dalla porta, non sei un campione, hai un gran culo.

    RispondiElimina
  96. Perfettamente d'accordo con Foco. Infatti a me pure Gilardino faceva piangere, ma chiudevo gli occhi visto che segnava.

    RispondiElimina
  97. Giaccherini gioca in Nazionale solo e soltanto perché fa la riserva nella Juve. Giocasse ancora nel Cesena, Prandelli non lo considererebbe neppure. Tecnicamente è piuttosto scarso e paragonarlo a Domenghini ( ma anche a gattuso o Grosso) è reato di leso calcio.
    Hernandez del Palermo era buono due o tre anni fa. Poi gli infortuni e la vita notturna lo hanno azzerato. Gomez mi piace, anche se non bello da vedere: sgraziato, ma molto efficace. Se sei un brocco, non fai i gol che ha fatto lui, anche giocando nel Bayern. Di tutti i centravanti di cui si parla, quello che più mi piace e che vorrei in viola è (d gra lunga) Damiao. Negredo l'ho visto giocare spesso, è buono, ma sicuramente è inferiore a Soldado (altra roba).
    Dovessi comprare uno spagnolo, punterei su Villa (che però ha ingaggio troppo alto), che nella maquina funzionerebbe a meraviglia. Torres non mi ha mai convinto appieno, neanche nel suo periodo migliore.

    RispondiElimina
  98. Milanista animale mitologico:
    corpo da uomo, testa di cazzo.

    RispondiElimina
  99. Domenghini era un campione, altro che gregario...con l'Inter di Herrera ha vinto tutto, e perfino con il Cagliari vinse l'unico scudetto isolano, con il passare degli anni diventò perfino trequartista, faceva di tutto, correva, colpi di classe, dribbling e cross perfetti. In Nazionale è stato il miglior giocatore dei Mondiali messicani del 1970. Non scherziamo

    RispondiElimina
  100. Damiao, ovviamente, piace anche a me. Trovo che sia la cosa più simile a Ibra in circolazione. Magari non ne ha la cattiveria agonistica e questo gli crea problemi nella selecao e lo tiene fuori dai radar delle big. 24 anni sono ancora abbastanza pochi e forse riuscirà a venire in Europa in tempo per diventare un fuoriclasse.

    RispondiElimina
  101. Ho fatto ogni possibile sforzo per cercare di chiarire quella che era un generalizzazione estesa fra l'altro a vari sport. Tale generalizzazione riguarda la figura del cosiddetto "gregario", come lo definiva Brera. Ci sono gregari anche nel ciclismo, ma ho citato anche Barazzutti o Zugarelli nel tennis. Ho provato a spiegarmi in tutti i modi ma del mio discorso è stata recepito solo il concetto distorto che Domenghini sia la copia conforme di Giaccherini. Che non l'abbia scritto non conta nulla. Quanto al fatto che Domenghini sia stato un vicente, come appunto Gattuso, Grosso o tanti altri, non fa che confermare l'importanza del giocatore generoso in ogni tipo sport. Se mai possiamo dire che la vera novità è la scomparsa di questo tipo di giocatore nel gioco del Barcellona come in quello della Fiorentina. A questo proposito rammento a chi non lo ricorda che non solo ho sempre sostenuto che una squadra di undici Berhami non avrebbe funzionato, ma che ho anche alzato barriere contro il suggerimento di Sandrelli di inserire in squadra un legnaiolo.

    RispondiElimina
  102. Ceccarini su twitter: "Bayern Monaco, avviata trattativa per Mario Gomez" 29/05/2013

    Il giornalista Mediaset Ceccarini ha pubblicato sul suo profilo twitter un notizia di mercato riguardante Mario Gomez, obiettivo della Fiorentina: "Assalto a Mario Gomez, trattiva avviata con il Bayern Monaco. Il giocatore ha dato la sua disponibilità." Adesso manca solo l'accordo tra i due club

    RispondiElimina
  103. Pronto un contratto da 7 milioni l'anno per Cavani, offerta giunta da......... De Laurentis. Credo sia una scemenza, se non lo fosse ha inizio l'autodistruzione del Napoli. Se non lo fosse....si guadagna troppo bene dai cinepanettoni.

    RispondiElimina
  104. Nibali posso chiederti se te lo ricordi per averlo visto giocare o se parli in senso storico?

    RispondiElimina
  105. Pachidermi africani


    Ah ah ah , O LUD, e t'ha ragione, i miei occhi han visto cose che te umano non puoi immaginarti, navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, ho visto pachidermi, a cui ti riferisci, abbattuti dai piccoli ma micidiali cacciatori pigmei, che dopo avergli tagliato i tendini, aprono loro la pancia coi machete, e per estrarre gli intestini se li arrotolano al corpo girando su se stessi. Ma le mie parole di sapere calcistico che cerco di infonderti e tutti questi momenti solenni, andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia.

    E' tempo che impari...! ahahahahahahahah!



    Lele



    P.S. Ti avevo capito FOCO, e' il tuo ragionamento ha una logica, ma esistono le categorie e tra Gomez ed Hernandez ce ne sono diverse. DEYNA sai bene che approvo Osvaldo, mi garba e molto,( ricordi quando dicevo che con lui e Bale era scudetto?) solo non l'ho messo perche'pare gia' destinato altrove, ma in una formazione dove moltissimi hanno tecnica sopraffina, uno piu' rozzo ma concreto ci sta benissimo. Dai via un facciamo gli schizzinosi, Gomez non verra' per tanti motivi, ma se viene, noi ci si lecca i baffi, agli altri viene un attacco di bile. Il numero 9 deve avere un mandato: buttarla dentro spessissimo, come non importa, le giochesse e gli assit li fanno gli altri.

    RispondiElimina
  106. La dociltà degli elefanti e delle balene lascia pensare che ce la saremmo cavata anche contro i dinosauri, mastodontici finchè si vuole ma troppo stupidi e lenti per rappresentare un vero pericolo per gli uomini. Pare peraltro che uomini e sauri non si siano mai incontrati sulla terra e che solo i creazionisti credano ad una convivenza tra uomini e sauri. Gomez non mi spiace, è un po' come Toni di cui prende il posto, ma ha quei sette anni in meno che lo rendono molto più credibile. Può anche darsi che Jovetic entri nell'affare. Ormai il Bayern è il club più potente d'Europa.

    RispondiElimina
  107. Ahahahahahahha, Lele in forma smagliante. Lud, il tuo discorso odierno era iniziato gridando allo scandalo [trasecolavi!] perché sminuivamo il valore di Giaccherini, osando dire che perfino Domenghini gli era superiore [cosa su cui in seguito hai invece concordato], non cambiare le carte in tavola. Claro che i gregari a volte e in determinate condizioni sono utili, ma c'è gregario e gregario, e il Giack è scarso perfino come gregario, in quel ruolo! Quanto agli "undici Behrami" hai forse frainteso il senso in cui veniva pronunciata tale speranza - c'ero anch'io tra quelli che li invocavano, gli undici Behrami. Si intendeva una squadra con undici leoni, che lottassero su tutti i palloni, in contrapposizione a una squadra di undici montolivi, senzapalle [sempre] e defilati dalla lotta in quel momento. Si parlava di spirito, non di caratteristiche, è ovvio che con undici Behrami, intesi letteralmente, non vai da nessuna parte. Ma neanche con undici Aquilani, né con undici Maldini o Baresi, se è per questo: a volerla interpretare alla lettera, andrebbe bene solo con undici Neeskens, forse.

    RispondiElimina
  108. Ovviamente si parla di preferenze soggettive, Gomez in quello che fa è tra i migliori tra quelli con le sue caratteristiche. Personalmente lo trovo funzionale se la squadra domina, contropiede e soluzioni estemporanee non fanno parte del suo bagaglio. A noi serve un assassino che rimanga pericoloso anche con la squadra che non lo supporta di continuo.

    RispondiElimina
  109. Son campati incontrastatamente per 185 milioni di anni, c'è voluto un meteorite o un supervulcano per farli estinguere, alla faccia degli stupidi e lenti. Se sapevano contare quanto campavano....?!

    RispondiElimina
  110. Se trovi in un mio post la frase "Giaccherini è superiore a Domenghini" ti invito a segnalarmela citando il post completo, Deyna. Ma il problema è che non l'ho mai scritta. Insisto, io ho parlato del concetto di gregario ed ho elencato una serie di gregari facendo i primi nomi che mi venivano in mente. Che Giaccherini sia stato il peggiore o il migliore dei gregari che hanno giocato in nazionale ha scarsa importanza, visto che Prandelli non poteva certo scegliere tra Gattuso, Giaccherini e Domenghini. Prandelli allena la nazionale vera, non gioca con le figurine dei calciatori del passato o alla playstation.
    La partenza di Berhami da Firenze è stata molto discussa e rivendico il fatto di essere stato tra i primi a osare dire che secondo me potevamo farne a meno. Pian piano si sono accodati in tanti.

    RispondiElimina
  111. Trascrivo a uso di Deyna. Mi pare che la società mi abbia ascoltato, visto che le cose sono andate proprio come avevo suggerito.

    24/06/2012 14:14:04
    ludwigzaller, ginevra
    Una squadra di undici Berhami secondo me retrocederebbe in serie b. E d'altronde da quando l'abbiamo in squadra ci siamo sempre posizionati intorno alla zona retrocessione. Non è colpa sua, è vero, perchè in campo ha sempre dato tutto. Ma nella costruzione del gioco è singolarmente poco dotato. Cederlo potrebbe voler dire fare una grossa pluvalenza, incassare denaro fresco utile alla campagna acquisti e risparmiare un ingaggio milionario. Con gli 8-10 milioni ipotizzabili si possono comprare il sostituto ed un altro centrocampista.

    RispondiElimina
  112. Lud, hai fatto partire tutta questa discussione esordendo con: "Viva l'obiettività! Sono tutti meglio di Giaccherini, anche Gattuso, Grosso e Domenghini. Non è analisi, è tifo. E nel tifo, si sa, l'oggettività non conta niente": Ora, siccome tutti sappiamo interpretare uno scritto così chiaro, se ne deduce che per te è uno scandalo affermare che anche [=perfino] Gattuso, Grosso e DOMENGHINI siano meglio di Giaccherini. Ne consegue che per te Giaccherini è meglio [=superiore] di tutti questi, compreso DOMENGHINI. Un nostro giudixio obnubilato da tifosi, che perdono di vista l'oggettività. Puoi infiocchettarla e mutarla quanto ti pare, ma il senso iniziale di quel che dicevi era questo...

    RispondiElimina
  113. Leo, guarda che Cavani già ne guadagna più di 5. Evidentemente il cinepanettonaro non ha paura delle differenze e vale la meritocrazia più spietata nel Napoli. D'altra parte se uno fa 28 gol anche gli altri accettano.

    RispondiElimina
  114. Ma leggi quel che uno scrive, una volta almeno, perdio! Ti ho appena detto che ai tempi di Sinisa e Delio, durante cioè lo sfascio morale della squadra ereditata da Prandelli, eravamo in molti ad evocare undici Behrami, ma per lo spirito, non certo per le caratteristiche tecniche. Chi vuoi che voglia una squadra di undici mediani cursori? La sua cessione, che è fatto successivo, non c'entra niente con la discussione. Se ne vogliamo parlare, comunque, inizialmente aveva lasciato perplesso anche me, ma appena ho capito la direzione spagnoleggiante che stavano prendendo il mercato e la squadra di Montella, l'ho accettata tranquillamente, perché a mio parere non era più necessario un Behrami portatore di palla in quel nuovo contesto.

    RispondiElimina
  115. Una squadra con 11 Behrami retrocederebbe........, ammazza che previsione, e quella squadra di geni che c'è in società secondo te avrebbe ti avrebbe ascoltato visto come sono andate le cose ?! Lud se lo fai per provocare taccio, se ne sei convinto, lo ripeto, il problema è serio.

    RispondiElimina
  116. Mi sembra che tu sia sempre più confuso e cerchi solo di far polverone per scappare nella nebbia. Sei partito dalla strenua difesa di Giaccherini in ossequio alle scelte del tuo santo e ti sei impelagato in una serie di confronti senza senso con giocatori del passato più o meno recente. Ora arrivi al deprofundis del giocatore gregario, magari, per tornare all'inizio avverti il tuo santo che i gregari non servono più così può darsi lasci a casa Giaccherini.

    RispondiElimina
  117. La cessione di Berhami è stata digerita male. Il giocatore era molto stimato. Penso di essere stato tra i primi a scrivere che potevamo farne a meno. Credo che in molti sottovalutassero i suoi limiti in fase di impostazione. Fino a novembre Sandrelli ha portato avanti la sua polemica contro Montella, sostenendo che mettere in campo i tre tenori era un errore. Per quel che può contare ho sempre contestato questa posizione di Sandrelli, che era arrivato a suggerire, alla vigilia della partita con la Lazio, che Montella era sull'orlo di una crisi tecnica e di risultati. Da allora in poi non se ne è persa una e Sandrelli se ne è stato buono. Non criticavo il concetto degli undici Berhami che era solo una immagine, criticavo l'idea che Berhami facesse al caso nostro nel momento in cui si doveva ricostruire la squadra. Ne avevo abbastanza di quei giocatori di scarsa qualità che ci avevano imposto Corvino e Montella. Su Giaccherini confermo: ve la prendete con Giaccherini solo perchè è uno dei tanti modi di attaccare Prandelli, che fra l'altro al momento non lo schiera mai, visto che sta puntando sul 4-3-3 con El Sharawi al posto di Giaccherini.

    RispondiElimina
  118. Ma quando, finalmente, un sereno dibattito sul confronto fra El Shaarawy e Colaussi?

    RispondiElimina
  119. Per quanto riguarda il mio post, Deyna, ne hai rovesciato semplicemente il significato, non avendo io mai affermato che Giaccherini era meglio di Domenghini, ma se mai che Domenghini, Gattuso e Grosso non erano meglio di Giaccherini. La cosa cambia, e non poco,se permetti. Mi sono limitato a metterli nella stessa categoria, non ad asserire la superiorità di Giaccherini. Il paragone stesso tra i giocatori è fuorviante non potendo Prandelli scegliere tra questi, visto che Domenghini ha settant'anni.

    RispondiElimina
  120. Behrami è stato un punto di forza del centrocampo del Napoli che quest'anno è arrivato secondo una decina di punti sopra a noi. E' tutto da dimostrare, in quanto non esiste controprova che con Behrami la Fiorentina sarebbe andata peggio, categorizzi troppo, vai a schemi, sei rigido ed invece il calcio è mobile, fatto di sfumature, bisogna giocarlo, capirlo, guardarlo, tu ami fartelo raccontare e pretendi di divenirne così uno scienziato, ma sei più di fuori delle terrazze.

    RispondiElimina
  121. Dire che Domenghini non era meglio di Giaccherini è una corbelleria che fa tremare le pareti e dire che non era meglio è fare un paragone, che hai fatto solo tu, salvo poi dire che è fuorviante. Più parli e più ti annodi, accendi la candelina della sera sull'altarino del santo e vai a riposarti che fai miglior figura.

    RispondiElimina
  122. Tu sei ganzo di nulla! Sei un precursore, un apripista, poi tutti ti vengono dietro. Deve essere il santo che ti ispira. Il senso del ridicolo non ti appartien, beato te. Quanto al paragone del fenomeno Giaccherini con altri giocatori del passato a tuo parere non esattamente fini dicitori, alcuni in ruoli che con quello cell'ex-cesenate c'entrano come i cavoli a merenda son d'accordissimo che è una cazzata. ma l'hai messo in ballo tu per inventare questa categoria "gregari" nella storia del calcio. Di sicuro il santo non può scegliere tra Giaccherini e Domenghini (se potesse e scegliesse Giaccherini sarebbe da rinchiudere e buttar via la chiave) ma può scegliere tra Giaccherini ed un'altra decina di alternative migliori ma con il grosso difetto di non avere la maglia a strisce bianche e nere.

    RispondiElimina
  123. Jordan Domenghini era di gran lunga il peggiore, sul piano tecnico, tra centrocampisti e attaccanti dell'Italia del 1970, era uno che correva molto sulla fascia, corsa scomposta e poco più. Il suo tiro era noto come la "ciabattata". Segnò due goal ai mondiali ma secondo i più erano segnature casuali. All'Inter ha vinto tutto, ma all'ala destra giocava Jair. In una squadra di raffinati palleggiatori come Mazzola e Rivera non era brillava, ma Valcareggi lo metteva regolarmente in campo. E Domenghini lo ripagò. La categoria di cui si parla è appunto quella del gregario. Non me lo gabellare come un Conti o un Causio perchè le ali destre di qualità in nazionale sono arrivate dopo.

    RispondiElimina
  124. Non ho fortuna con le mie osservazioni. Io ho parlato della minaccia rappresentata dagli uomini. In un mondo senza uomini anche le balene e gli elefanti avrebbero solcato indisturbati per millenni oceani e savane.

    RispondiElimina
  125. Jordan allora prendiamo Cavani mettiamolo nel nostro attacco e vediamo dove arriva la Fiorentina se prima o dopo il Napoli.

    RispondiElimina
  126. Fortunatamente gli uomini camperanno molto meno dei dinosauri. Ai dinosauri facciamo le pippe.

    RispondiElimina
  127. Domenghini, Conti, Causio, son tutti paragoni che fai tu e divaghi, non ho voglia di cominciarne un'altra e lascio perdere comunque Domenghini è stato un atleta importante nella storia calcistica nazionale cosa che Giaccherini mai arriverà ad essere nemmeno alla lontana. Parlavamo di Giaccherini infatti e siccome Prandelli lo convoca in nazionale per te deve essere bravo, se giocasse ancora nel Cesena il tuo santo non lo cagherebbe nemmen di striscio e tu lo stesso.

    RispondiElimina
  128. Che cazzo c'entra Cavani? ho detto che Behrami è andato a fare il punto di forza del centrocampo di una squadra che è arrivata seconda, a sentir te sembrava un borccolaccio dai piedi torti che doveva andara a giocare nel Peretola. Lo sai che è nella lista degli acquisti di Mazzarri, suo allenatore, ora all'Inter?

    RispondiElimina
  129. Beh, diciamo che sei sfigato quanto a divagazioni scientifiche, gli elefanti hanno parenti anfibi datati 37 milioni di anni fa, le balene hanno parenti terrestri datati circa 50 milioni di anni fa quindi, uomo o non uomo, sono ancora li in bella posta. Bella minaccia comunque. Fossi te mi concentrerei su Domenghini.

    RispondiElimina