.

.

domenica 19 maggio 2013

Aglio, olio e peperoncino

Mentre scorrono i titoli di coda, che a Roma saranno alla vaccinara, nella speranza che il Milan, invece, lo prenda sotto la coda, oggi vi suggerisco quella che è la religione della cucina. Se fatta bene. Una sfida che sarà dura come quella di stasera. Tanto per dare sfogo anche all’altra anima del blog, in attesa che smetta di piovere, che si conosca il verdetto, che si sappia se tenersi libero il giovedì, una giornata quella di oggi che sarà lunga e nella quale risuona ancora  il rumore sordo della capocciata di De Silvestri, un gol che sembra essere una flebile luce in fondo al tunnel, perché se fa gol lui allora c’è speranza per tutti. Anche di uscire dalla crisi, di non generare più figure raccapriccianti mezze Kabobo e mezze Cossiga. Purtroppo il maltempo non aiuta, soprattutto a chi prepara i TG, perché la crisi intanto si porta via le file ai caselli e non si potrà riciclare più la solita intervista in coda, non si potrà parlare di partenze intelligenti come Vargas, bollini rossi su delio Rossi, salta così anche il solito filmato sulla siccità, sul pianeta che si surriscalda come gli animi dopo Fiorentina-Roma, dovranno produrre nuovi servizi come quello sui Viola in coppa, quale, ve lo dico dopo avervi suggerito un must in cucina, facile solo apparentemente, ma se fatta bene meglio anche della sconfitta della Juve. Aglio, olio e peperoncino va fatta con poco olio, intanto, un cucchiaio raso a testa, non è quello che darà il sapore, uno spicchio d’aglio che va tagliato a metà e privato del germe interno, che se novello è quasi impalpabile, l’aglio non va imbiondito, se avete un libro che dice questo buttatelo via come la speranza di vedere Wolski, l’olio deve andare pianissimo, diciamo sulla fiamma più bassa possibile, l’olio non si deve denaturare, il peperoncino fresco calabrese va privato dei semi e dei filamenti perché poi dovrà profumare e non aggredire il palato, appena l’olio comincia a sfrigolare va allungato con l’ acqua di cottura della pasta, che intanto, dopo tre minuti, quando sarà appena piegata dovrà essere risottata in padella, in poche parole va fatta un’emulsione di questo olio che profuma di aglio e peperoncino, ma con l’acqua di cottura, che così renderà lo spaghetto viscoso, che in bocca vi scivola, è l’emulsione che la fa da padrone, se lo fate così mangerete spesso e volentieri aglio, olio e peperoncino e sarà molto più digeribile, come appunto il risultato del campionato che sta arrivando sul piatto. E uno spaghetto così è da campioni. Questa è la risposta che vi dovevo.

119 commenti:

  1. Chiarificatore19 maggio 2013 09:14

    Grazie per i preziosi consigli sull'"aio e oio".

    A spanna non vedo contraddizione tra l'aumento delle precipitazioni ed il riscaldamento globale.

    Quest'ultimo è causa dello scioglimento dei ghiacci e di maggiore evaporazione quindi di successive maggiori precipitazioni.

    Nulla si distrugge, tutto si trasforma.

    Forza fantastica Viola!

    RispondiElimina
  2. Che sia di buon augurio il post che un mascalzone, con precedenti penali e madre impegnata alle Cascine, ha avuto pubblicato all'ora dei fantasmi:

    «19/05/2013 00:07:19 i'giannelli chissa' dei nostri chi segna domani... Toni? Larrondo? El Hamdoui? Rotti [questo delinquente, inculato dal Giubbotto, così chiama Giuseppe Rossi]? JUVEtic? Bernardeschi?... oppure El Sharawi, Balotelli e Pazzini... non ho capito se per quest'anno il nostro scudetto virtuale è considerato vinto oppure non vinto... vediamo cosa ci racconteranno in questi giorni.... prima che apra ufficialmente i'mercato per poter così accogliere Perrotta e la tanto attesa punta Darione Hubner... e Bernardo Corradi per tentar di sbancare l'Europa...».

    Chi ha scritto questo e chi ha voluto questo, presto, molto presto, per inesorabile malattia, avranno lumino spento dal müde Tod.

    RispondiElimina
  3. Tornando a ieri, Joaquin ai suoi massimi era una furia, immarcabile, come impatto sulle partite qualcosa di simile al nostro Cancello pre-infortuni. Nelle partite che gli ho visto fare quest'anno però mi sembra un po' bollito, anche se col milan ha messo a tratti in crisi i difensori. Intanto si parla di un nostro interesse per Quintero, sarebbe ottimo, come vice-Borja. Come backup per il Pek invece è ancora acerbo, mancando completamente della fase difensiva, per giocare davanti alla difesa. Comunque è giocatore di classe assoluta, al Sub 20 Sudamericano ha dato spettacolo. Se gioca un po' più avanzato, tra l'altro, ha un tiro da fuori micidiale.

    RispondiElimina
  4. Battiamo il Pescara e poi comunque vada ricordiamoci che "in magnis et voluisse satis est". Il Giannelli probabilmente alias California Viola, alias Pecos Bill è uno (o l'unico) dei rimasti prezzolati a gettone a inquinare il sitone, o di che ti meravigli?

    RispondiElimina
  5. Quintero lo pronosticavi addirittura come futuro campione, Deyna. La soluzione per il dopo-Pek l'abbiamo in casa, è Mati, in bel crescendo finale di stagione peraltro. Ribadisco che Joaquín verrebbe a cartellino zero e sarebbe vice-Cuadrado: a quelle condizioni, come non far l'affare? Mi dici che è bollito: se si svincola dal Malaga e Del Bosque non lo caha più certo non dev'essere più quel che fu, ma se Madè ci hanno messo l'occhio vuol dire che c'è ancora carne di prosciutto attorno all'osso e quello che gustai un tempo valeva il San Daniele.

    RispondiElimina
  6. I commenti di chi ancora sparla dell'attacco viola (uno dei migliori della storia gigliata), di chi sparla con cattiveria dei giocatori viola sono da considerarsi scritti da figli di troll....Una stagione che ha fugato paure di disimpegno, paure di ambizioni al ribasso, timori di incapacità strategica non può avere tifosi insonni per scrivere stupidaggini; mi attenderei più un post solitario di speranza, un ex voto per 'stasera, un'insonnia dovuta a doppietta copulativa, un sonnambulismo dovuto alla mancanza di meta futura, CL o EL. Ritengo plausibile che molti tifosi della Fiorentina, quelli incomprensibili anche a se stessi, siano veramente nobili, quindi hanno copulato solo per procreare...da qui il liquido seminale (accumulato) che va ad otturare i canali che fanno affluire ossigeno al cervello. Questa gente, e parafraserò De Andrè, non ci ha supportato col coraggio che occorreva in maggio e sono quelli che del pesce preferiscono l'ala. Che gente! A questi figli di troll se gli chiedi chi è Joaquin, ti rispondono che è un torero, se gli chiedi chi è Pek rispondono "il titolo di un film...Dante's pek...", se chiedi di Aquilani ti dicono che gioca poco, se chiedi di Quintero potrebbero dirti "Ma...la Quinta del Buitre c'entra?"....Chendo, Sanchis, Pardeza, Michel, Butragueno...ecco...cinque tipi da Maquina, perchè quel Real era un po' Maquina.

    RispondiElimina
  7. Di quelli che citi, Sopra, il vero fuoriclasse era Michel, giocatore eterno, che potevi inserire nella Nazionale campione del mondo nel '38, nella grande Ungheria, nella grande Olanda, nel Milan di Sacchi, nel SuperBarça, indifferentemente.

    RispondiElimina
  8. Quintero tuttora penso abbia tutte le qualità per imporsi come uno dei migliori centrocampisti del calcio mondiale...Su Mati ci andrei molto più cauto, nel pensarlo alternativa a Pek: in tutto l'anno avrà fatto al massimo 4-5 buone partite, mai comunque eccezionali. Molto più spesso ha deluso, e il ruolo impone una grandissima personalità. Sono stato un suo grande ammiratore ai tempi del Colo Colo, ma mi ha costantemente deluso in Europa, ragione per cui non accolsi con grande entusiasmo il suo acquisto da parte nostra, essendo dubbioso sulla sua capacità di imporsi in italia, per lui ancora più ostica che Spagna o Portogallo. Impostato alla Pizarro, è vero, minimizzerebbe uno dei suoi difetti più grandi, la mancanza di cambio di passo, ma non so proprio se ha la continuità e il carattere per fare il play. Intanto saluto con piacere il ritorno in nazionale del Pek dopo tanti anni, giusto premio alla sua grande stagione.

    RispondiElimina
  9. Il diagramma delle prestazioni di Mati è abbastanza omogeneo quest'anno, Deyna. Inizia impiegato da centrocampista avanzato o proprio da mezza punta, dove sconta un rallentamento di passo evidente rispetto agli anni di giovinezza e la sua integrazione nel gruppo lascia a desiderare, complice anche un ritardo di preparazione (per infortunio pregresso) che Vincenzì denuncia fin dai giorni di Moena. Il Wunderteam funziona quasi da se stesso mosso e in tale meccanismo perfetto non c'è spazio per gli attardati: Mati finisce in panca e incontra un numero impressionante di acciacchi che lo rendono non convocabile per forse un terzo del campionato. A marzo subentra due volte e fa assai bene, ma ha un nuovo infortunio, dopo il quale rientra con una performance sciupata dalla catastrofica rabona (ha cercato quella spavalderia, quell'autostima che gli rimproveri per difetto ed è stato sùbito punito...) e poi con due prestazioni di qualità: addirittura nell'ultima è il migliore dei centrocampisti sull'arco dei novanta minuti e l'unico a lottare in copertura. Vincenzì lo ha già confermato per il prossimo anno e ha più volte ribadito la sua fiducia in lui: per il futuro, occorre soltanto vedere con accoramento se la fragilità muscolare si dichiari organica. La sua interpretazione del ruolo, rispetto al Pek, sarebbe lievemente diversa: Mati è più disponibile al sacrificio, più compassatamente pensoso, più capace negli inserimenti in area (anche se quest'anno ha avuto sfortuna costante, in ciò). I suoi fondamentali sono di rilievo mondiale. Pertanto, per usare metafora ormai più logora del culo del Giannelli, il primo rinforzo della Fiorentina 2013/2014 è a mio avviso nella sua riconferma.

    RispondiElimina
  10. Darò nove alla campagna se Valero si lega alla piazza in modo stabile anche tramite un giusto adeguamento di contratto. Cuadrado viene acquisito per intero. Ljajic diventa un mattone per un futuro a lungo raggio firmando un contratto lungo a cifre adeguate. Ha segnato moltissimo per un giocatore nel suo ruolo e più di molti attaccanti. Con una campagna difensiva gettiamo le basi di un ciclo. Comprando dei nuovi ma rischiando di perdere i vecchi ci tagliamo le gambe da soli. Vale anche Montella ovviamente.

    RispondiElimina
  11. Il Fac sempre più verso le Russie: mah! Speriamo che la plusvalenza sia ragguardevole. El Ham per riscattare Cerci. Sissoko, cagata di gennaio salutata da gigeschi entusiasmi, in partenza. Nessuno dimentichi che il prossimo anno avremo un Vecino nel motore.

    RispondiElimina
  12. Non si sente più parlare di Fisher, grandissimo talento...Speriamo nel colpo a sorpresa.

    RispondiElimina
  13. Negredo a 25 milioni credo che resterà dov'è. Con 70 punti un gran bel campionato, straordinariamente equilibrato nel punteggio fra girone d'andata e girone di ritorno. Quel che c'è mancato è stata l'impennata, e ciò più volte nel campionato: all'inizio l'arbitro pareggia per la Juve un match in cui avevamo preso i gobbi a pallate ed eravamo gonfi di entusiasmo; dopo la vittoria col Milan, quando sembravano schiudersi addirittura sogni scudettati, Viviano ci inceppa in due pareggi con Toro e Samp e poi ci mata a Roma; dopo le vacanze natalizie e nuovi sogni di gloria, arbitro clinico, sculo magno e imperdonabile gran sufficienza ci stoppano nella partita terribile col Pescara, prodromo a un mese non meno terribile, aduggiato peraltro da un mercato inefficiente per l'immediato; ci riprendiamo e stendiamo la mano verso la Champions, ma due arbitri, contro il Milan e contro la Roma, ci dicono che il frutto è per altri e almeno nel primo frangente portiamo un po' di colpa (il primo tempo è comunque osceno, non si gioca così un match-ball in casa, il Pek commette un errore inqualificabile, che brutta la sua stagione per il resto fantastica e forse la migliore della sua carriera).

    RispondiElimina
  14. Fisher chi? Carrie Fisher? O quello dell'Ajax?
    Quanto a Negredo, a 15 milioni va bene, a 25 ciao ciao

    RispondiElimina
  15. I problemi di Mati sono psicologici. Mi pare un insicuro che prima di fare una giocata o un passaggio si chiede se gli riuscirà. Un giocatore così non è facile da recuperare.

    RispondiElimina
  16. Su Mati son molto più sulla linea di Deyna, per me ha deluso e non poco quest'anno sì che non mi metterei certo a piangere se partisse. Però Montella non l'ha voluto dare a Passarella a gennaio e sembra lo voglia confermare, quindi mi inchino alla maggiore conoscenza. E' lui che lo vede in allenamento tutti i giorni che ci va (purtroppo non sempre quest'anno) e che se ci ha visto quel che non è stato dato vedere in partita, ha di certo ragione lui. Per quel che si è visto in campo Colonnello non son d'accordo con te, la sufficienza l'ha raggiunta ben di rado anche se la scusante di non aver avuto un minimo di continuità esiste. Però è il vecchio problema dell'uovo e della gallina, ha giocato poco (a parte le indisponibilità) perchè giocava male o giocava male perchè giocava poco?

    RispondiElimina
  17. Beh, Lud, il suo finale di campionato è di giocatore recuperato: è poco, ma quel poco è buono e conforme al meglio che di lui conosco. Diciamo che avrebbe bisogno della titolarità per cementare il suo mentale di mantequilla, ma questo non è possibile garantirglielo. D'altra parte, la fiducia di Vincenzì mi riempie a sua volta di fiducia.

    RispondiElimina
  18. Che Negredo a 25 milioni resti dov'è mi sembra matematico. Una quindicina però son disposti a metterceli davvero e chissà che non bastino, però non subito, bisogna che prima il Siviglia si convinca che, in realtà, non ci tira fuori di più

    RispondiElimina
  19. Fischer dell'Ajax, sì. Il Siviglia, se è vero che chiede 25 milioni, ha fatto la sparata, ma con una cifra dai 15 ai 18 per me lo si porta a casa, Negredo. Domanda: preferireste arrivare ai quarti di CL, o vincere la EL?

    RispondiElimina
  20. Ma io, Jordan, non ho scritto proprio da nessuna parte che la sufficienza l'ha vista spesso, ho scritto che il suo finale è stato confortante, quattro prestazioni davvero di qualità intervallate da un nuovo infortunio. Ha giocato poco, come ho già scritto, perché a lungo e a più riprese infortunato e perché all'inizio Montella insisteva su una sua posizione avanzata nel mentre che lui era in ritardo di preparazione e coi problemi d'integrazione di un timido un po' musone che ha bisogno di amore preventivo (lo so, lo so, il calcio chiede mezzo dito di cotenna sul cuore e lui ha invece il pericardio allo scoperto).

    RispondiElimina
  21. I quarti di CL. Dell'EL me ne sbatto ma la considero propedeutica al cimento successivo con la CL e strumento di affermazione e di crescita dei giocatori che fanno panca in campionato, soprattutto dei più giovani o dei reduci da infortunio.

    RispondiElimina
  22. Per me pagare un centravanti più di 15 e meno di 30 è un errore sempre e comunque e se paghi cifra intermedia ti fai fregare, perché il divario fra Falcao/Cavani/Ibra (poniamo) e Auba/Osvaldo/Negredo non conosce scarto minore.

    RispondiElimina
  23. L'errore è stato aspettarsi il Mati Fernandez del Colo Colo o del primo anno a Lisbona. La velocità d'esecuzione e di pensiero l'ha smarrita negli ultimi 4 anni, ha cambiato ruolo arretrando sempre più; in avanti non ha guizzo, a centrocampo traccheggia troppo e se non entra la prima (usuale e oramai prevedibile) finta stenta a scartare l'uomo; davanti la difesa sarebbe pericoloso col pallone tra i piedi. Del regista non ha nulla, della mezz'ala qualcosa c'è. Per chi si attendeva poco, va bene così. Personalmente non discuto ne la classe ne la potenzialità, discuto l'impatto quasi nullo sui match. L'errore da dischetto contro la Lazio lo ha come svuotato, l'ha bloccato psicologicamente, più della rabona sbagliata con la Roma. La sufficienza, per me, non la raggiunge proprio perché non ha cambiato il corso di nessuna partita. Un'altra chance sino a gennaio 2014 la darei, confidando in un suo adeguamento ai ritmi italiani, ai meccanismi della Maquina. (P.S.: il gol di ieri di Ribery è candidato al più bello dell'anno).

    RispondiElimina
  24. Dell'EL tendenzialmente me ne sbatto abbastanza anch'io, ma arrivare in fondo e vincerla è sempre un bel trofeo in bacheca, e ci permette di batterci con i vincitori della CL nella SuperCoppa Europea...

    RispondiElimina
  25. E chi pagasse 25 milioni Negredo dovrebbe poter avere i quattrini per portarsi a casa, più fruttuosamente, Cavani, altrimenti è come quello che si compra la Rolls per vivere in un appartamentino di 32 mq. a Sorgane.

    RispondiElimina
  26. Oddio, tutto è relativo: se quotano 12 milioni due mezze tacche trentenni come Matri e Quagliarella, Negredo può valere tranquillamente il doppio...

    RispondiElimina
  27. Sito madre va inteso nel senso dell'astronave madre di Visitors, dal cui ventre fuoriescono altre navicelle.

    RispondiElimina
  28. E' un ventre un po' zozzo, sto ancora a ripulirmi.

    RispondiElimina
  29. Negredo, se mai arriverà, non sarà certo per 25 milioni, come minimo 5-6 milioni in meno, se non di più. Incrocio le dita per un suo arrivo, è davvero fortissimo. Oggi ho già fatto il pieno d'amaro per stasera, qualunque cosa mi toccherà assistere non mi coglie impreparato, ne ho viste troppe per continuare a meravigliarmi e non credo ci siano colpi di scena, il copione è scritto da un mese, oltre al piano A c'è già pronto il B, il C ed il D, non succederà niente di quello che speriamo e che sarebbe legittimo ci venisse riconosciuto, abbiamo solo la dea Eupalla, capace di prodigi ma vuota quanto a miracoli. Campionato di eccellenza assoluta, un grazie a tutti in anticipo, i ruoli chiave sono tutti confermatissimi anche per il prossimo anno, un piazzamento CL al prossimo ed ecco che contratti, appetibilità e convincimenti potrebbero mutare anche per chi si ritiene partente e con le valigie in mano a Giugno 2014.

    RispondiElimina
  30. Le navicelle non uscivano dal ventre eh eh eh eh eh

    RispondiElimina
  31. Grazie, LUD, grazie anche oggi per aver citato Prandelli.

    RispondiElimina
  32. Io non so cosa avrebbe in più Prandelli rispetto a Montella (che apprezza molto il giocatore e lo sta difendendo alla conferma per il prossimo anno) per sbloccare psicologicamente Mati. Sulla psicologia, poi, Prandelli lavora così bene che gli ex da lui cacciati potrebbero formare dossier nero. Come insegnante, Prandelli sarebbe stato perfetto per i bambini col fiocco fiammante e col grembiulino di bucato, composti sul banco e che prendono appunti anche degli sbadigli: per i disordinati, i provocatorelli, gli incattiviti, i depressi, i musoni, invece, la bocciatura a fine d'anno, con tanti sorrisi di comprensione e spallucce di «Che ci potevo fare io? Io l'ho preso così!» ai genitori.

    RispondiElimina
  33. Sopra se mi ridai del Lud ti depenno dagli utenti attendibili ah ah ah ah ah ah eppoi dove ho scritto di Prandelli ?!

    RispondiElimina
  34. E basta con 'sto cazzo di Prandelli! E gli ha ragione Lele, un funziona neanche i' tasto "ignore" perchè tu faresti svarvolare anche Giobbe. Ora qui' prete farso come le banconote da tre euro e sa lavorare sulla psicologia! E ci ha buttao a i'macero mezza squadra, sarvo richiamalli 'n nazionale quando ce l'avea fatti svende' tutti!

    RispondiElimina
  35. Secondo me sul piano del recupero psicologico dei giocatori Prandelli ha pochi rivali. Ciò non vuol dire che tutti si siano trovati bene con lui. Talvolta il feeling non è scattato. Montella mi pare avere un atteggiamento diverso, ma forse è solo una impressione esterna. Più che sul recupero Montella fa leva sulla sfida psicologica e sull'orgoglio del giocatore per farlo rendere. Montella più protestante, Prandelli più cattolico. Mi scuso col vegetariano Leo per aver parlato nel mio commento della bistecca al sangue provocandogli la consueta crisi di rigetto che ha colpito anche Sopra che quando sente parlare di Prandelli mette mano alla pistola.

    RispondiElimina
  36. Colonnello, sacrilego! Il Santo ha ricondotto sulla retta via Cerci il selvaggio, in una sola settimana di ritiro nazionale, oltre che averne tirato fuori tutto il talento inespresso! Certo, senza periodici richiami si rischia la regressione altrove, come testimonia la baruffa con Masiello, ma tu dai a Prandelli il quotidiano lavoro nel club, e fa di Ted Bundy un perfetto gentiluomo.

    RispondiElimina
  37. no no guarda che l'era proprio lui che ora mi scambia pe' te e ritira fori le bistecche, i'prandellocentrico che continua imperterrito cascasse i'mondo a schiantacci le palle co' i' prete smesso.

    RispondiElimina
  38. Grande Serena! Go vegan! Un pugno di Serena in faccia a chi afferma che vegan non si può.

    RispondiElimina
  39. Con Cerci Prandelli non ha fatto un lavoro psicologico, ma essenzialmente tecnico tattico. L'ha cioè utilizzato benissimo e fatto rendere al meglio all'interno del suo 4-3-3. Il lavoro psicologico si deve a Ventura. Sfortunato il ragazzo perchè alla sua prima esperienza in un club di alto livello ha impattato in un tecnico che lo metteva in campo ma gli dava ben poco.

    RispondiElimina
  40. Ed è ovvio a chi mi riferisca.

    RispondiElimina
  41. E' ovvio, gli è la fissazione due. I'diaolo e l'acqua santa.

    RispondiElimina
  42. Lud, quando il feeling non è scattato la colpa era solo del giocatore, che ha rifiutato amore e salvezza che gli erano donati. Cerci ha giocato diverse partite bellissime con Miha, non ha dovuto aspettare Prandleli per giocare due buoni spezzoni di partita. Che Ventura sia più psicologo di Delio, che aveva distrutto Cerci e l'aveva allontanato dal pubblico, è poco ma sicuro.

    RispondiElimina
  43. Antoine, chi è diventato vegan, Aldo, la Grandi o la Williams?

    RispondiElimina
  44. Le Williams, Deyna, una perchè è malata, l'altra per solidarietà con la sorella.

    RispondiElimina
  45. Rispondo a Deyna: preferisco di gran lunga vincere l'EL che arrivare nei quarti (ma anche in semifinale) di CL. Metti in bacheca un trofeo, tenendo conto che la nostra unica coppa europea risale a piu' di 50 anni fa, per cui non mi pare il caso di far tanto gli schizzinosi (come la Roma, peraltro, che ha snobbato la Uefa negli anni scorsi).

    RispondiElimina
  46. Caro Anto, se arrivi nei quarti vuol dire che l'hai giocata, la Champions, che dunque hai preso 30 milioni da investire sul mercato, che i giocatori vengono a te come i fanciulli al Cristo e che hai dunque potuto metter su una squadra che intanto vince lo scudetto e l'anno seguente la Champions la disputa con milgiori chances. Ovvio che, poi, se disputi l'EL è per vincerla.

    RispondiElimina
  47. senti questo e l'ha rotto le palle con le bistecche da tre giorni e ora e vo' le metafore!

    RispondiElimina
  48. Perché, secondo lui sa ragionar di bistecche ?! ah ah ah ah ah fettina all'olio scondita con taglio sopra il ginocchio, quando la va bene.

    RispondiElimina
  49. Un europa League a vincerla porta sui 15 milioni fra tv, stadio e premi. Una CL porta dai 20-22 fino ai 30 milioni il solo gironcino, dipende da come ti chiami e quante ne vinci nel girone, appunto. Vincere una CL non si sa bene quanto porti, c'è chi parla di 80 e chi di 100 milioni a prescindere dal blasone e dalla storia; dagli ottavi in poi son roba da 10 milioni a turno dalle sole tv, andata e ritorno, sui premi sorvoliamo, un'esagerazione, ecco perché fa gola ai top club, ecco perché vogliono spartirsela fra di loro.

    RispondiElimina
  50. Cambio metafora. Parlare qui di Prandelli è come fare un elogio di Prodi in un circolo di Forza Italia, o di Berlusconi in una sede di Sel. Come servire costolette di maiale a un musulmano o far mangiare carne a un cattolico di venerdì. Insomma non si può fare. Mi sembra però che tutti concordino sul fatto che arrivare anche solo ai Quarti in una Champions, e financo agli Ottavi sia un grandissimo risultato sportivo e finanziario che vale quattro Coppe Italia e due o tre Europa Legue.

    RispondiElimina
  51. Parlare tutto il giorno di Prandelli, allenatore che ha lasciato la Fiorentina tre anni fa, caro Lud, è segno di qualche problema della personalità.

    RispondiElimina
  52. O duro! a' quarti e un c'è arrivao, che te lo metti ni'capo! E agli ottavi e un c'è arrivao Prandelli ma la Fiorentina. Visto che tu ha' cambiao metafora te tu saresti capace di fa' veni' su coglioni Prodi a quelli dell'Ulivo e Berlusconi alla Brambilla, perchè un ti ci hai i'senso della misura. Arrivare agli ottavi di Scempionse pe' la Fiorentina gli è un gran risurtao, fa' 17 punti ni' girone di ritorno di qui' campionato e fa' recere sehondo te negli ottavi e c'è andao Prandelli e 17 punti e li hanno fatti tutti quegli artri. E tu ha belle fatto scappa' lele o che vo' desertifihare i' sitollocche?

    RispondiElimina
  53. Jordan, dev'essere in missione per Scacco, al fine di svuotare il sito del transfuga... ahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  54. Come col Palermo, 3-5-2, il modulo in fondo più consentaneo a questa squadra, a questa rosa. Mati per ripetere la bella prestazione contro i rosanero, Compper a saldare la difesa diretta dal più prolifico centrale europeo, Nutella tornato a mettere a ferro e a fuoco la difesa avversaria, Jojo per lasciarci con un buon ricordo, Cuadrado cannibalico. E forza magica viola!!!!!

    RispondiElimina
  55. Sarebbe da seghe...

    RispondiElimina
  56. La faccia di Galliani... ahahahahahahahahahahahahahahah! Adesso l'è sceso ni' camerino dell'arbitro a sistemà le hose, la finirà com'e' vole lui, ma intanto la strizza che avrà avuho pe' 45 minuti... ahahahahahahahahahahahah! Grazie ragazzi per come giocate, vada come vada, siete il NOSTRO ORGOGLIO! Sopra, la sola possibilità che hai di farti perdonare le perfide cazzahe che questo pomeriggio hai sparaho su quel DIO DEL CALCIO che è Mati, oggi SIRE DEL CENTROCAMPO, uno dei PRIMI DIIECI giocatori al mondo per fondamentali, è inculare per me il sederino merdoso di SaraX5 se la va come la penso io... ahahahahahahahahahahah! O Ludde, continua a parlacci di Prandelli, che porta bene... ahahahahahahahahahahahah! Io mi rituffo nel mio infarto alle coronarie, se vu' permettehe... ahahahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  57. Non succede ma se succede, COLONNELLO, lo farò con la sabbia, altro che vaselina.

    RispondiElimina
  58. IL MILAN ATTUA LA SUA SPECIALITÀ : LA METTE SULLA RISSA.

    RispondiElimina
  59. Nell'appoggiare lentamente la mano su di un tagliacarte di materiale ferroso gesto che nel comune eloquio si definisce "toccare ferro" esprimo la mia più viva trepidazione.

    RispondiElimina
  60. Rigore fasullo per il Milan... ahahahahahahahahahahah! Strano, non l'avrei mai creduto... ahahahahahahahahahahah! Via, partorite l'ultimo furto, BASTARDI! E sette minuti di recupero, oh, ci vogliono!

    RispondiElimina
  61. Come volevasi dimostrare... Che paese, che paese... anche questa avrebbero persa, anche questa... Senza vergogna, senza vergogna...

    RispondiElimina
  62. Adesso aspetto il primo che dice che non dobbiamo prendercela cogli arbitri e con il Milan "più continuo". Maledette merde.

    RispondiElimina
  63. Il Milan l'ha buttata sul rissone e la doppia espulsione l'ha favorito, a squadre più larghe più spazi. Tutto scientifico... Beh, cosa vuoi spaccare il capello in quattro ai nostri, e Viviano, e Jojo, e il centravanti che non c'è, e tutti i cristi... Se facevamo cinque punti in più il Miian ne avrebbe fatti sei, se ne avessimo fatti sei loro ne avrebbero fatti sette.

    RispondiElimina
  64. Che brutto mondo.

    RispondiElimina
  65. Ma 'sto cazzo di Milan non poteva vincere 3-0 tranquillo cosi' non mi facevo illusioni e non mi facevo il sangue marcio? Comunque divento "simpatizzante" di qualsiasi formazione incontreranno i rossoneri nel preliminari.

    RispondiElimina
  66. Sono stanco di constatare quanto (e quanti) i rigori abbiano aiutato il Milan. Addirittura la partita finisce anche in anticipo, da non credere!

    RispondiElimina
  67. Adesso aspetto quelli che dicono che non dobbiamo prendercela cogli arbitri e che il mMilan è "più continuo". Maledette merde.

    RispondiElimina
  68. Caro Foco, se è per questo aspettati le pacate considerazioni di Cagaldo, il tripudio di SaraX5, il processo di Filippo alla Società, le accuse del Dubbio a Rodri, la ricomparsa fugace (il tempo di prendere una ciaffata di merda in faccia) di Beberri. Peccato per i nostri tifosi che hanno gridato e cantato sugli spalti a Pescara, sperando nell'impossibile. Civoli inquadrato di sorpresa, si stava riprendendo da un coccolone, pallidissimo, boccheggiante.

    RispondiElimina
  69. Speriamo li asfaltino al preliminare queste merde, è uno schifo, 86 minuti con un piede in CL, bah........Contatti come quello del rigore se ne vedono 800 a partita. Pegolo che gli rimane il pallone sotto il corpo e Mexes che di punta mette al sicuro il risultato, senza Balotelli arrivavano a 15 punti di distacco, peccato. Che fosse serata amara lo sapevo, così no però, va giù male, dovevano rubarla meglio, senza regalarci questa sofferenza che non meritavamo, sono stronzi anche in questo, rubano con moderazione.........surreale il secondo tempo del Siena, quando potevano colpire rinculavano, pareva scottasse la palla nel fare il passaggio smarcante, tolto Emeghara buio pesto, ma doveva andare così.

    RispondiElimina
  70. Comunque, a parte il fortissimo senso di ingiustizia subita (senza aiuti arbitrali, il Milan sarebbe sicuramente dietro l'Udinese e forse anche dietro le due romane), sono molto soddisfatto del nostro campionato, uno dei migliori degli ultimi trent'anni. Orgoglioso di questi giocatori e di questo allenatore, una stagione stupenda. Ora il prossimo anno voglio vincere l'Europa League.

    RispondiElimina
  71. Oltre al rigore che è davvero ridicolo, anche l'espulsione compensativa di Terlizzi grida davvero allo scandalo! Ambrosini, da buon fabbro era stato espulso giustamente. Questa epulsione ha determinato gran parte del risultato. Pazzesco, ma ero sicuro che Galliani a vigilare, l'arbitro non avrebbe potuto esimersi dal fischiare. Prima del rigore le tentavano di tutte, sempre ad alzare la manina. Ora pensiamo alla costruzione della prossima, lunga e difficile stagione! Forza viola, sono davvero orgoglioso da quanto ha fatto la Fiorentina in questo bellissimo campionato.
    Ciao a tutti!

    RispondiElimina
  72. Se Balotelli casca e non dai rigore sei uno sporco razzista.

    RispondiElimina
  73. Mi guardo bene dal vedere la DS. Raccontatemela voi domani.
    Buonanotte e Forza Viola sempre.

    RispondiElimina
  74. Terlizzi è un'imbecille, quell'entrate con un uomo se le risparmi per la serie B.

    RispondiElimina
  75. Il Siena si è chiuso ma che doveva fare, non aveva animus agonistico o per lo meno lo aveva normale, anche troppo per una squadra già retrocessa. Hanno tenuto il vantaggio fino al furto perché gli altri non sono una squadra di calcio. Ora voglio rivedermi l'azione del rigore con calma e udire il commento di Civoli (scommetterei su un «a norma di regolamento è calcio di rigore, poi possiamo anche discuterne fino a domani»)

    RispondiElimina
  76. Credetemi, questo è cantiere di scudetto. Siate felici, è una squadra meravigliosa, serve qualche finizione e ci vorranno poi troppi rigori fasulli per fermarci.

    RispondiElimina
  77. Lezione di stile e classe di Vincenzino a Sky con galliani collegato, questo non è un bravo e precoce allenatore, è un tripallico che metterà a tacere parecchie big.

    RispondiElimina
  78. Pensavano di averci ammazzato con la Roma, invece hanno dovuto fare del loro peggio per rubare quello che spettava di diritto ad una squadra fantastica. L'hanno prossimo non basterà rubare, li spezzeremo a suon di calcio giocato.

    RispondiElimina
  79. Tutte le volte come un cretino mi faccio illusione che alla fine il calcio sia pulito, che certe imprese siano possibili, e regolarmente ecco lo schifo a riportarmi alla realtà. Bravi, bravissimi i nostri, ma l'amarezza è troppa. I Senza Vergogna spero siano asfaltati già ai preliminari, o che comunque escano al primo turno nella maniera più umiliante. Hanno raggiunto e sorpassato la juventus in vetta al mucchio della feccia. D'ora in poi nessun senso di sportività con loro, mi ritiro nell'abbazia di Thelema e canalizzo le più terribili maledizioni. Le palle in campo gli devon cascare, a quei...no, ha ragione Antoine, definirli maiali sarebbe insulto troppo grave per il nobile animale.

    RispondiElimina
  80. Ma su quale campo d'Europa vanno i milanisti? Con quale gioco? Altro che ranking, prepariamoci a perdere altri punti...

    RispondiElimina
  81. Il milan potremmo trovarcelo contro in EL, una volta eliminato dal girone...sarebbe bellissimo.

    RispondiElimina
  82. Un galliani imbarazzato dalle domande dei giornalisti Sky attacca a destra e a manca e predica tranquillità e serenità a tutti, roba da cupola. E come si son zittiti tutti ah ah ah ah ah ah Il milan visto stasera a Siena ha poche speranze nel preliminare, anche il Genk o il Metalist potrebbero rappresentare scoglio insormontabile.

    RispondiElimina
  83. Anche perché la parte dei maiali spetta a noi. Loro sono i macellai.

    RispondiElimina
  84. E voglio dire che fino all'87° è stata una bellissima festa, una festa da veri vincitori, da vincitori sul campo e non nei palazzi. La squadra ha mostrato uno smalto invidiabile, per un'ultima di campionato: complimenti ai preparatori. Con 72 reti il secondo miglior attacco del campionato, il migliore della Fiorentina negli ultimi 50 anni. La Milfona si è appena incazzata come una bestia perché l'intervistatore da Pescara titillava Montella sul rigore a Balo: ci sono cose che non si dicono, nella buona società.

    RispondiElimina
  85. Nel primo tempo trattenuta di Ambrosini clamorosa: quella non ha meritato rigore.

    RispondiElimina
  86. A mediaset premium parlano di rigore regalato, domani fioccano letterine di licenziamento ah ah ah ah ah ah Costacurta, non noto per la sua fiorentinità credo, ammette che il rigore è inesistente e che andava fischiato quello per il Siena nel primo tempo. La rivolta degli ex ah ah ah ah ah ah mezza Italia è imbarazzata per l'inculata rifilata senza vasellina in maniera così "platonica" ah ah ah ah ah ah Meglio buttarla sul ridere.

    RispondiElimina
  87. A Fester dico: attento, hai un male! Allegri è una persona perbene, invece, e non gliene voglio.

    RispondiElimina
  88. Allegri persona perbene? Uno scommettitore aggiustapartite salvato da un insabbiamento, non lo vorrei mai a Firenze.

    RispondiElimina
  89. Il disprezzo di Montella, come è filtrato sotto il sorriso, deve far loro paura: è il figlio di Don Vito che ha visto il padre colpito a morte, ma domani tocca a voi e fate bene a tremare, nelle vostre tane. Stasera ho la certezza che scudetto sarà, la provocazione al Vero e al Giusto è andata troppo oltre. E mi si perdoni il tifo per la Nazionale: io sono come un soldatino della Wehrmacht, lo vedo bene chi mi comanda, ma servo il mio Paese. Però, che brutta cosa, servire una cattiva causa!

    RispondiElimina
  90. E' andato vicino a venirci, Deyna, e ribadisco che la sua persona pubblica è apprezzabile. Intanto Montolivo dichiara: «Siamo stati bravi: l'arbitro ha fatto una buona partita e noi altrettanto». Dite qualcosa voi, ci sono argomenti che mi fanno sbarellare e poi ci chiudono il sito.

    RispondiElimina
  91. Speriamo in uno scatto d'orgoglio di ADV, che leghi e imbavagli Diego per un'oretta, e ci porti a Firenze 4-5 campioni per staccare di dieci punti sul campo le Merde.

    RispondiElimina
  92. Ai preliminari vanno come teste di serie (oltre, naturalmente, che come teste di cazzo), eviteranno quindi inglesi, tedesche e spagnole: non facciamoci illusioni. E poi coi 30 milioni pagano sì Balo, ma resta loro di che prender qualcosa di buono a centrocampo e fra Robinho e Boateng cavano qualche altro solduccio. Si terranno a galla, ma è chiaro l'anno prossimo li spazziamo come la spiaggia il libeccio autunnale.

    RispondiElimina
  93. Persino Massimo Mauro, imbeccato da Marchegiani ha ammesso la solarità del rigore non concesso al Siena e la perplessità su quello concesso ai milanisti, aveva la faccia rossa di vergogna, non possono mentire, eppoi aveva in collegamento Iachini uno a cui cazzate ne racconti poche. Peccato siano tutti così onesti a risultato acquisito, quando è finita. Ipocrisia ai massimi livelli.

    RispondiElimina
  94. Rodri: «Se dico quello che penso non gioco più in Italia». Pasqual: «Peccato uscire per un rigore regalato al Milan». Montella: «Qualcuno ha provato a farci cadere, noi abbiamo sempre avuto la forza di risalire». Io: «LADRI!»

    RispondiElimina
  95. E' uno di quei giorni in cui darei ragione a mia moglie e chiuderei bandone col calcio. Non è possibile essere sempre presi per il culo così. Magari questa volta lo faccio davvero oppure domani la malattia mi ripiglia, però ora non ho proprio voglia di parlare.

    RispondiElimina
  96. VIVIANO 5+ : Anche in serata di gala lui porta jeans sdruciti, solito ritardo su punizione telefonata, solito tuffazzo sordo, solita ciaffata semifrontale per l'avversario, che non falla.

    TOMOVIC 6 : Nessun patema dietro, ma goffaggine proponendosi in avanti.

    RODRI 7- : Bruttino (quasi inciampa) in apertura su Sforzini, poi olimpico sempre.

    COMPPER 7,5 : Un'altra prova di sicurezza in lettere gotiche maiuscole, si cimenta anche in lancioni quali Dainelli non ha mai imbroccato uno (uno, davvero mirabile per Jojo nella ripresa, pareva uscito dai piedi di Rivelino).

    CUADRADO 6,5 : Al risparmio, stasera. Tanto gli basta poco olio per la frittura di pesce dell'Adriatico.

    PIZARRO 7 : Dominatore, un po' più sobrio e un po' meno ficcante di altre volte, forse perché spalleggiato e quasi soppiantato da un Mati sfarzoso.

    BORJA 7 : Non si vede con la frequenza assurda con la quale siamo abituati, ma quando c'è lavora soltanto di oreficeria, come con la palla filtrante che libera Cuadrado per il primo gol.

    MATI 8 : Lezione di calcio urbi et orbi, quantità e qualità, corsa e visione, spettacolosa varietà di tagli nei passaggi e rientri puntuali.


    PASQUAL 6 : Assiduo e quasi assiduamente impreciso nei cross.

    JOJO 7 : Conferma i recenti progressi, sulla via di un ritorno (ormai altrove che a Firenze) alla sua normalità.

    LJAJIC 8,5 : Ormai proiettato nel Gotha calcistico, diventato anche rapinatore d'area, gli si dia quel che vuole, gli si faccia un castello di Nutella, una palazzo di Kinder, una reggia di Mars,



    Non giudicabili i subentrati.


    MONTELLA 9 : Solo grazie.

    RispondiElimina
  97. Così Il Dubbio:

    «19/05/2013 23:26:57 E' evidente, che anche i più tardi hanno capito dove Montolivo ha piantato la sua asticella. Buon divertimento fiorentini!».



    Poi voi ci discutete, con questo mascalzone.

    RispondiElimina
  98. Sembra che su Sky Montella abbia detto che il Milan è arrivato terzo perché ha saputo battere meglio i rigori... ahahahahahahahahahahahahah! La classe, quella non si compra... ahahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  99. Ehm, Colonnello, mica vorrai replicare lo storico qui pro quo di Domenico, che allucinò Donadel in campo?

    RispondiElimina
  100. Alves, Auba, Clasie, torna Sefe, torna il garrinchino, torna Piccini, Vecino è già nostro, Alonso quasi: scudetto, no? E che, ci falceranno col mitra? E poi con la Fiorentina2 vinciamo l'EL e la Coppa Italia, visto che ci tenete tanto. Via, ma non lo vedete che qualità teniamo? Non vedete che questo è Wunderteam allo stato puro? L'infamia milanista è solo piedistallo alla nostra grandezza.

    RispondiElimina
  101. Deyna, se ti rendi più chiaro te ne sarò grato.

    RispondiElimina
  102. La respinta sui piedi del pescarese l'ha fatta il povero Lupatelli...

    RispondiElimina
  103. http://blog.corrieredellosport.it/direttore/2013/05/20/incredibile-errore-champions-falsata/

    RispondiElimina
  104. Uh, Deyna! Tocca mi rincorrerà con l'accetta... passando a vedere quasi costantemente il match di Siena manco avevo notato il cambio! Ahahahahahahahahah! Tanto è come coi gobbi e coi milanisti, a imputargli una vaccata di troppo non si fa mai torto... ahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  105. Sì, o come la donna per i cinesi: quando torni a casa bastonala, anche se non sai il perché, lei lo sa. Ahahahahahah

    RispondiElimina
  106. Pollock, domani sfornaci il capolavoro, almeno.

    RispondiElimina
  107. Deyna, ti prego di non saccheggiare la mia biografia (ahahahahahahahahahah!)!

    RispondiElimina
  108. E' morto il Monna: onore a lui.

    RispondiElimina
  109. Violenze psicologiche avevano sentenziato quei giudici, psicologiche! Ahahahahah

    RispondiElimina
  110. Beh, perché se quelle due avessero tirato fuori quelle altre ne avrebbero toccate anche di più (ahahahahahahahahahah!)... Ora ditemi come fa un cristiano a dormire dopo una serata come questa... Se non brillassero in cielo le stelle di DDV, di Madè e di Vincenzino, se non avessi il Wunderteam da cullarmi, uscirei per strada col piccone, alla ghanese.

    RispondiElimina
  111. Colonnello quello della punizione era Lupatelli. Viviano non ha quasi toccato palla

    RispondiElimina
  112. Se ci avessi un piccone 'n mano e mi trovassi davanti la zucca pelata di chi so io e rischierei di rovinammi la vecchiaia

    RispondiElimina
  113. Parliamo domani delle consolazioni, non senza accennare intanto a Wolski: fulgidissimo talento, visibile anche in pochi minuti.

    RispondiElimina
  114. Quella di Montella però l'è stata bellina. Non si va in Champions perchè si batte peggio i rigori. I'pelato di là l'ha detto che un gli faceva bene la cuffia.

    RispondiElimina
  115. In settimana l'avevo previsto più volte il regalo per Balotelli (scazzando però il momento, immaginavo nei primi 5 minuti anzichè negli ultimi). E' veramente paradossale, vedere una Fiorentina così meravigliosa e contemporaneamente provare tanta tristezza. Un mio amico veterano della Lega Pro, sulla partita di Siena mi ha detto "è stata una cosa scandalosa", gli ho risposto che non c'era bisogno me lo dicesse lui poichè è da sempre così, e lui "ne ho viste così tante sulla mia pelle che potrei scriverci un libro, ma fino a questo punto mai".

    RispondiElimina
  116. Su tutti i siti di giornali nazionali è una gara fra tifosi non-milanisti nel denunciare lo scandalo. Ma non cambia nulla, è come Giulio che tutti sapevano e sanno che era un assassino e gli hanno fischiato il minuto dappertutto, ma poi la gente non ha la forza per ribellarsi. Indro diceva che ciò che manca all'italiano è la spina dorsale, Guizot diceva la fede nella verità e tutti e due volevano dire la stessa cosa. I popoli sani e morali non fanno il piccolo calcolo di quel che possono perdere nell'immediato ed è così che si sono conquistati la parte grossa nella Storia. Noi siamo degli sciuscià, viviamo delle cicche buttate per terra, viviamo a traino, ma ci sembra di perder chissà cosa se leviamo la voce, se battiamo i piedi...

    RispondiElimina
  117. Ecco, Jordan, io per quello ho un'insopportazione fisica: non mi è frequente, perché io abomino essenzialmente le idee, ma in lui tutto fa corpo con la sua ributtante esteriorità. Stasera ha preso il contropiede, come fanno i veri mascalzoni, è andato a mostrarsi spavaldo sulle reti televisive perché non sembrasse che è sulla difensiva. Sai, Jordan, le persone dabbene vivono nel ricordo: delle altre, delle cattive, glielo puoi anche fabbricare il ricordo, puoi cercare di imporlo, ma la gente te lo fischia in massa allo stadio. E le sentenze di prescrizione non assolvono, nella coscienza collettiva. Dall'altra parte del muro, poi, per chi ci crede, sta un arbitro meno malleabile di Bergonzi.

    RispondiElimina
  118. Io rilancerei questa variante di un classico (purtroppo): "meglio quarti che ladri"
    E' l'unica cosa che mi viene in mente in questo oceano di dispiacere

    RispondiElimina
  119. Meno male che nel mondo ci sono anche gli Jachini, ma, purtroppo, son molti di più i Bergonzi, se no sarebbe vita dura anche per i mestatori scarsicriniti. La un mi passa, nemmen la notte l'ha portato consiglio. Vita, nella disperazione e mi viene anche i' dubbio che un sia meglio ladri.

    RispondiElimina