.

.

domenica 13 gennaio 2013

Lo scoop di chi lavora vicino alla Coop

Dopo la foto di Lampard recapitata a Fiorentina.it anche la riblogghita riceve il suo scoop, e ce lo invia un ragazzo che frigge le patatine al McDrive, la foto è stata scattata vicino alla stalla dei maiali di questa coppia di presunti maiali, in questo caso però il nostro gancio che sa di olio rancido ci assicura accompagnando la foto con una mail, che lei non geme di piacere e nemmeno che lui la stia prendendo per il culo raccontando che al bar non ha bevuto niente quando invece sa di sambuca da fare schifo anche ai maiali. Il ragazzo che in Viale Nenni i colleghi chiamano affettuosamente “olio vegetale” sostiene con forza la bontà di questo scoop fino a definirlo vero, prendendo le distanze da quanto successo invece con la foto di Lampard, insomma, la coppia all’apparenza molto tattile in realtà è uno dei grandi segreti della Fiorentina di quest’anno, la definisce una coppia tattica più che tattile. Si, il ragazzo che sguazza tra grassi vegetali e animali ha seguito per mesi Gianni Vio ogni volta che in maniera sospetta passava a notte fonda a farsi un Bic Mac, lui sostiene in onore di Maccarone che era un suo grande idolo, insomma l’ha seguito sicuro di scoprire i suoi segreti, fino a quando non sono arrivati in questo casale intestato a Rossana Casale, un inseguimento terminato nelle campagne di Casale Monferrato dopo aver mangiato una busta intera di caramelle Rossana. Una proprietà incastonata nel niente della campagna di un comune come quello di Alessandria, che però proprio grazie a questa proprietà così sparuta si è gemellato con il comune siciliano di Salaparuta, ma è in questa landa desolata che la coppia in questione crea gli schemi su calcio da fermo che hanno reso tanto famoso Gianni Vio, si, proprio quelli che tanti punti hanno portato alla nostra causa. Nello specifico l’unto dal Signore ci ha spiegato come questo in foto sia effettivamente l’ultimo tipo di blocco studiato per sfruttare i calci d’angolo, un blocco che a suo dire dovrebbe essere provato proprio oggi a Udine. E’ ormai chiaro a tutti come non sia tutta farina del suo sacco, Gianni Vio in realtà si avvale delle doti di questa coppia di contadini dalle scarpe grosse, lui fattore proprio della proprietà di Vio che una volta scoperte le doti che servivano al contadino per incularlo, ha sfruttato le strategie di un cervello così fino per inculare anche le difese avversarie. Non ce ne vorrà Ceccarelli se il ragazzo che non frigge certo con l’acqua ci ha voluto omaggiare anche di una seconda foto, nella quale sostiene di aver individuato una prova inconfutabile e non una bufala come quella che avrebbe dovuto documentare la presenza di Lampard davanti ad un albergo cittadino. E in vista di una partita difficile come quella di oggi, con un centrocampo ridotto ormai ai minimi termini dopo la cessione di Della Rocca e Olivera, e dopo l’infortunio di Mati, il ragazzo i cui sogni di arrivare al terzo scudetto sanno di fritto, per confortarci ha voluto rivelare un grande particolare che non è un particolare grande come invece sembrerebbe. Nell’ormai infinita discussione tra chi è top player e chi no, lui sostiene documentato il tutto con foto scattata dopo l’allenamento di rifinitura prima di partire per Udine, che Borja Valero sia un grande, e la sua orma non dimostra solo questo, secondo il friggitore del Viale Nenni, lascerà un' impronta importante anche sul match del pomeriggio.

106 commenti:

  1. Visto che gli SDA hanno chiuso i battenti ho deciso di fondare gli ORI, Osservatori razionali illuministi. Il gruppo si propone di superare la componente irrazionale e fideistica propria del calcio mediante il ricorso a dati oggettivi, prove razionali e documenti. 

    RispondiElimina
  2. Anche la mia testuggine si chiama Ori.

    RispondiElimina
  3. Nella visione degli ORI ogni elogio di Prandelli o Montella discende da una verifica oggettiva dei risultati ottenuti sul campo in relazione alla caratura tecnica della squadra e agli investimenti societari. Gli ORI riterranno dunque oggettivamente positivo e non aprioristicamente valido il ciclo di Prandelli. Gli ORI si preparano a non dare la croce addosso a Montella se non vince niente, come già Prandelli, perchè ritengono che la vittoria del campionato non rientri negli obiettivi della società, nel tipo di investimenti, nella logica imprenditoriale. Per lo stesso motivo gli ORI esaltano l'acquisto di Giuseppe Rossi in quanto Rossi non è il miglior giocatore del mondo, ma un ottimo acquisto in rapporto agli obiettivi e ai mezzi economici dell'AC Fiorentina. Gli ORI condannano sia il totale disimpegno finanziario che l'elargizione irragionevole alla Mario Cecchi-Gori. Ritengono moralmente e razionalmente giustificata la scelta della società di darsi un tetto ingaggi e di non accontentare ogni pretesa economica di già ricchissimi calciatori. 

    RispondiElimina
  4. Chiarificatore13 gennaio 2013 09:58

    Zeman tornando a Roma è rincretinito, d'altra parte quello è un ambiente che corrompe le menti tanto quanto Berlusconi. E' diventato un provocatore , ma non più dei potenti, delle persone per bene e dell'intelligenza..
    Prima dice che gli insulti sono tutti uguali, praticamente per lui dare del cornuto all'arbitro è come discriminare uno insultandolo ogni volta che tocca palla solo perché ha la pelle nera, poi ha detto che i tifosi della Roma sono i più educati del mondo, poi ha detto che facendo giocare la Roma a Firenze in Coppa Italia il regolamento non è stato rispettato, ed ora sulle voci che vogliono una proposta della Roma a Guardiola dice che sapeva tutto, e la dignità? A volte saper stare zitti è il più alto segno di intelligenza, lui non lo sa fare, ed ora straparla.

    RispondiElimina
  5. Ho letto le vostre discussioni sui centravanti piu' forti: sono ovviamente d'accordo su Radamel Falcao, Cavani ed Ibra, ma mi sembra che vi siate dimenticati di Rooney e Van Persie (e pure di Gomez del Bayern).

    RispondiElimina
  6. Per quanto riguarda la partita di oggi, strappare un pareggio sarebbe gia' positivo, visto che siamo senza Pizarro, per di piu' con Romulo come unica alternativa a centrocampo. La nota positiva e' data dal fatto che torna la difesa titolare con Gonzalo.
    Bisognera' stare attenti ai contropiedi udinesi, con una partita che, per questo aspetto, puo' fare anche da allenamento per quella, molto piu' difficile ed importante, forse decisiva, contro il Napoli di domenica prossima.
    Il dilemma e' sempre lo stesso: Toni o Ljajic accanto a Jovetic?

    RispondiElimina
  7. Lud, eliminare la componente irrazionale e fideistica nel calcio e' impossibile, d' altronde se si dovesse seguire il calcio freddamente e razionalmente, senza passioni, nessuno lo seguirebbe. Non c'e' alcuna ragione per cui io debba essere incazzato il lunedi' mattina se la Fiorentina perde o per cui invece inizi la settimana fischiettando se vince, visto che la mia vita non cambia in niente nei due casi: pero' mi succede, sempre, da decenni.

    Prova a chiedere a un tifoso milanista se era piu' forte Mazzola o Rivera e poi prova a chiederlo a un interista...

    Non si puo' razionalizzare tutto, Lud, l'essere appassionati di calcio e' dionisiaco, non apollineo.

    RispondiElimina
  8. Chiarificatore13 gennaio 2013 10:28

    Ancora più importante e decisiva è la partita di mercoledì contro la Roma, che viene prima di quella contro il Napoli, Anto. Ma se davvero siamo una grande , queste sono situazioni psicologiche che bisogna saper dominare e fisiche che bisogna saper gestire con una oculata scelta dei cambi durante la partita e riuscendo a dare in ogni partita il massimo. Ancora una volta dobbiamo puntare al filotto, senza remore.

    RispondiElimina
  9. Tra i più noti esponenti del pensiero ORI ci sono Volterra, Rossore, Montespertoli...

    RispondiElimina
  10. Ma certo Anto, però qualche volta la componente irrazionale prende troppo il sopravvento, e siccome le squadre sono ormai realtà economiche, gli allenatori scienziati dotati di ampi staff e i giocatori professionisti l'irrazionalità totale non mi pare si addica più a questo mondo. A differenza di quanto leggo io non mi sento un tifoso emotivo e irrazionale, non mi innamoro di giocatori o allenatori ma neppure li odio. Il mio presunto odio per Mihajlovic nasceva dalla constatazione che giocare il suo calcio era come brandire la clava ed andare a combattere contro un esercito dotato di carri armati. Si è visto quest'anno quanto conti avere in panchina un allenatore preparato.

    RispondiElimina
  11. Chiarificatore13 gennaio 2013 10:45

    Ma guarda caro Anto, che le giuste cose che dici Lud le sa benissimo anche se ama disquisire variando  e rimuovendo in libertà sul tema. A proposito di fideismo, ad esempio,  prova a chiedergli cosa ne pensa degli ultimi mesi di Prandelli a Firenze, eh eh eh.

    RispondiElimina
  12. Proprio la razionalità porta a concludere che Prandelli a Firenze ha portato avanti un ottimo ciclo centrando gli obiettivi societari che gli erano stati assegnati (non doveva vincere il campionato e neppure la Champion ), valorizzando la rosa e ottenendo gli obiettivi di marketing desiderati dai Della Valle in quanto l'immagine della Fiorentina era ottima. Quindi niente da dire ma nessuna adorazione: solo ragionamento.

    RispondiElimina
  13. Chiarificatore13 gennaio 2013 11:05

    Come dovevasi dimostrare,  Anto, con la sua  razionalità  Lud non ha letto o rimuove la domanda che ti avevo suggerito di fargli, e parla d'altro, di cose scontate. 

    RispondiElimina
  14. Ti auguro lunga vita LZ, perchè nel 2044, quando io avrò cent'anni e ti leggerò di sicuro parlerai di Prandelli e ne magnificherai le geste nel quadriennio delle quattro scempionse. Obiettivo e razionale? ma è autoironia anche questa, spero?

    RispondiElimina
  15. Quello che si è visto quest'anno, o ORI, è quanto conti anche e soprattutto avere in campo gente che sa muovere il pallone.

    RispondiElimina
  16. Non voglio farmi trascinare in discussioni già fatte. Mi limito a ripetere il mio invito ad un approccio razionale. Vale anche per il caso recente di Giuseppe Rossi. Del resto mi pare che la ragionevolezza sia al cuore del progetto dei Della Valle come la follia irrazionale era al cuore del progetto di Vittorio Cecchi Gori. 

    RispondiElimina
  17. Per te razionale è solo quello che pensi tu e allora è difficile discutere. Cosa ci sia di irrazionale a dire che i 10-12 milioni li avrei spesi, se non ci saranno altre disponibilità, per l'immediato e non per una scommessa per l'anno prossimo non lo so. Cosa ci sia di irrazionale a temere che un ginocchio operato tre volte e saltato due possa non consentire un recupero completo della caratteristiche di gioco del giocatore, non lo so. Quanto all'irrazionalità di WCG ed alla razionalità dei DV con me sfondi una porta aperta, non devi certo dirlo a me.

    RispondiElimina
  18. Africa così e così


    PREPARTITA
    Sembra che con decisone logica Montella voglia privarsi di Toni
    titolare.In trasferta non ha quasi mai brillato,se non a Palermo,dove
    pur non segnando fece un partitone,forse non lo vede nella stessa
    condizione di allora,come da prestazione col Pescara.,ma Ljiajc
    dovra'mostrare finalmente qualcosa di piu'del tanto fumo finora
    espresso...Ci si presenta con uomini di centrocampo contati,e qui c'e'da
    tirar gli orecchi ai nostri DS.Ok che Olivera e'scarso,che della Rocca
    non si sa nemmeno come e' fatto,che magari e' solo per questa partita,ma
    mercoledi'ce n'e'un'altra importantissima e questa coperta cortissima
    non e'molto rischiosa.Speriamo che tutto fili liscio.Tatticamente un
    ruolo determinante lo avra' Cuadrado,che non trovandosi Armero sulla
    corsia,dovra'temere meno la fase difensiva quindi e'auspicabile una
    perforazione continua sulla destra.Leggo che Montella e DiNatale
    chiaccherano al telefono...poco tempo fa'giudicai vantaggiosa per tutte
    le componenti l'arrivo di Toto',e'ora che si convinca,cazz...!

    Nell'attesa
    di commentare il primo tempo,ho avuto il tempo di leggere la madre di
    tutte le amenita',o,parlando piu'seriamente,della mistificazione e
    ribaltamento della realta' dei fatti accaduti:il santino avrebbe
    valorizzato la rosa...!ua ua ua uah ahahahahahahahahaha!!!!

    stamattina
    mi ero alzato cosi'cosi',infatti ho giocato malino e avevo un po'di
    giramento,ma questa ilarita'mi ha fatto scompisciare.

    A dopo e buona domenica.

    Lele

    RispondiElimina
  19. O' GUBERNATOR,l'importante non si prenda McDonald Mariga,l'ex interista(pippone major),in quel caso tutti in gita a Riga,dove abbonda.....Mo' vi leggo,intanto fuori ci sono 2 gradi ed un vento maledetto che impaurisce per l'igloo che troverò a Udine...

    RispondiElimina
  20. Iscrisse il Santo su una tavola di pietra pomice: Ori et labori. Requiescat in pace.

    RispondiElimina
  21. CHIARI,il sistema assorbe Zeman e lui prima faceva sport,ora fa spot.I tifosi romani sono i più razzisti d'Italia,non credo che la cosa sia sconosciuta,visto che ho conosciuto e ci sono in mezzo a loro iscritti a "Dente di Lupo",fans dei "Peggiore amico".Parla lui di etica?dov'è una sua dichiarazione dove afferma che magari "Col Cagliari era il caso di rigiocarla...".Domanda:se un telecronista dice che(ad esempio) "Pogba da un cioccolatino a Matri davanti la porta..." è velato razzismo?Ma soprattutto:il pandoro che aveva in testa Pogba domenica scorsa,in campo,non è da querela?

    RispondiElimina
  22. La rosa al termine del ciclo di Prandelli valeva un sacco di soldi, lo sappiamo tutti, tanto che è opinione comune che valesse la pena di rinnovarla completamente, vendendo giocatori come Mutu, Gilardino, Vargas quando erano al top del valore, ossia dopo gli ottavi di Champion. Credo sia inoppugnabile. 

    RispondiElimina
  23. Correzioni africaneOvviamente volevo scrivere..la coperta cortissima E' molto rischiosa
     
    Lele
     

    RispondiElimina
  24. Forse nell'estate del 2009, prima di quel campionato da retrocessione, valeva ancora di più. Mutu al top del valore nel giugno 2010? questa è una barzelletta, e Vargas e Gilardino? magari anche Frey era al top del valore. Comunque son tre poi c'era passatina che già comincava a far l'occhietto a Galliani e Jovetic rotto prima di cominciare, in un ambiente allo sfascio dentro e fuori. Ma questo non deve essere razionale perchè la razionalità dice che fu tutta colpa di Sinisa, se fosse rimasto Prandelli avremmo vinto un'altra scempionse.

    RispondiElimina
  25. Chiarificatore13 gennaio 2013 11:58

    Strepitoso Sopravvissuto: "il sistema assorbe Zeman e lui prima faceva sport,ora fa spot."

    RispondiElimina
  26. Non volevo commentare la "valorizzazione della rosa" da parte di Importante I da Orzinuovi, per non riattizzare vecchie e sfiancanti discussioni. Ma - considerando anche solo i superstiti del "turn over mai" prandelliano, senza contare cioè i giocatori che il Santo ha bruciato e che si sono valorizzati altrove, cioè i vari Osvaldo, Kuzmanovic, Maggio, Balzaretti, Pazzini ecc - al termine del ciclo di Prandelli, Mutu era fermo per squalifica, e Gilardino in involuzione clamorosa, quindi il loro ipotetico valore sul mercato era in ribasso. Vargas sì era al massimo della sua quotazione [riportato a fare quello che faceva a Catania, dopo averlo quasi rovinato per cercare di fargli fare il terzino puro]. Jovetic fu lanciato in virtù del caso, che fermò prima Gilardino, poi Mutu, non è merito del Santo, che l'avrebbe fatto marcire tra panca, spezzoni di partita, e castranti apparizioni sull'out di sinistra. Gamberini come altri era in ribasso, specialmente dopo il collettivo, disastroso finale di campionato. Montolivo era reduce da tre mesi giocati ai suoi livelli più alti, prima del crollo finale, quindi in rialzo. Non vedo miracoli, nemmen qui.

    RispondiElimina
  27. Comunque sia - e non incentrando la discussione su valori di mercato che non ritengo così importanti in una valutazione tecnica, perché aleatori - non vedo perché riattizzare dal nulla una discussione morta e sepolta, che ci trova concordi sul giudicare positivo l'operato complessivo di Prandelli, nel complesso, tenendo conto delle vette delle qualificazioni CL, come del crollo finale. Anni positivissimi [senza miracoli, ma quelli li vedono solo i fideistici...] che valgono certo di più dei mesi finali allo sbando, ma ci sono stati anche quelli, in gran parte per responsabilità proprio del Santo, e questo non si può cancellare. Ma direi che oggi, nel 2012, ce ne possiamo anche ampiamente fregare. C'è Montella, oggi, e da valutare semmai c'è il suo operato, che non ha niente a che fare con Prandelli, per fortuna.

    RispondiElimina
  28. Volevo allegare la solita immagine augurale di Antonio e Ljajic, ma non mi carica i file...Fate conto di averla visualizzata, e Alè Viola!

    RispondiElimina
  29. Lud, non confondere due piani diversi, quando si parla di calcio. Una cosa e' la gestione di una societa' di calcio, altra cosa il tifo per una squadra o comunque in generale la passione per il gioco del calcio. Nel primo caso e' chiaro che ci vuole razionalita' - sono d'accordo con te riguardo al confronto fra Vittorione e Della Valle, anche se a dire il vero nel primo non mancava solo la razionalita' ma anche il raziocinio - nel secondo invece vale quello che ho scritto sotto.

    RispondiElimina
  30. Dalla SDA all'ORI il passo è lunghissimo, almeno nei programmi, ma si sa quanto contano, in Italia, per i partiti... Effettivamente e conformemente alle tue aspirazioni, Lud, sei però di diritto sdaiolo, lo hai ampiamente meritato negli anni e, se non sei uno dei tanti doppioni o triploni o quadruploni della lista farlocca dei già soci, credo che tu possa prendere tranquillo possesso di una delle tessere smesse. Ho una grande simpatia per i vecchi «incroyables» che sotto Luigi Filippo portavano ancora polpe, redingote e parrucchino. Per il resto il più razionale fra noi è Jordan, da ingegnere testone vecchio stampo, che se gli presenti il fantasma di Canterville gli dice «Ragazzino, togliti quel lenzuolo, per cortesia, e pulisci la macchia di rosso che hai lasciato per terra!». Lele, ma a icche tu giohi di primo mattino? Lisandro può andar via, dice il presidente del Lione, ma solo a titolo definitivo e la Juve su questo nicchia: fate un regalo a Deyna, DV, se non volete farlo a me con Aubameyang...

    RispondiElimina
  31. Nella foto in copertina, per chi non li avesse riconosciuti, Jordan, non reggendo più, si fa di brutto una delle tante esteticamente discutibili starlettes presentategli da Deyna.

    RispondiElimina
  32. Deyna, si parla di un mancino di fascia dal Paraguay, per di più con passaporto comunitario, tale Ortiz dell'Olimpia: lo conosci?

    RispondiElimina
  33. Ljajic dall'inizio e niente mummia: Vincenziello interpreta benissimo il momento. Che Dio sia con noi.

    RispondiElimina
  34. Ortiz è buono, Colonnello, ma credo che anche lui abbia alle spalle una rottura del legamento. E' un Monzon in minore: corre tanto, ha molta grinta, non molla mai, difende benino giocando tutto sull'anticipo, nonostante non sia alto la prende abbastanza anche di testa, e soprattutto si inserisce bene in avanti ed ha un tiro di sinistro formidabile, da ogni distanza. E' un po' disordinato in campo, ma sotto Montella potrebbe crescere molto.

    RispondiElimina
  35. Colonnello, l'altro giorno ho postato quintali di eccellente carne fresca, bei tagli di magro, e il Patriarca si riduce a questo? Ma allora è un perverso, ha preso tutto dal Mala! Ahahaha 

    RispondiElimina
  36. Cerci trascinatore e ancora in gol, per la gioia dello Pseudosenese (ahahahahahahahahhahahah!), Siena merda nell'abisso: Larrondo non lo vendono più, c'è caso, ed è un bel caso per noi. Comunque l'esonero di Cosmi è stato una cazzata. Intanto gli juventini che tifano solo Juve hanno assalito a spranghe un bar a Parma: vediamo se a quei delinquenti dei drughi cominciano a proibire un po' di trasferte!

    RispondiElimina
  37. Io ci spero nel Licha, alla prima partita infiamma Firenze. Con uno con quella garra là davanti, si spacca tutto! A dopo la partita! Alè Fiore!

    RispondiElimina
  38. Rigore che mi sembra esserci. Tomovic incerto a ciccare la palla. Siamo polli perché andare al riposo in vantaggio non era male. 

    RispondiElimina
  39. Se in una squadra il goleador è il centrale di difesa e non d'attacco un'analisi facile facile sarebbe da condursi. Chiamatelo come volete, Lisandro, Pierre-Emerick, Ricky, Totò, ma   un tizio armato davanti appare indispensabile, come l'acqua per un pesce.

    RispondiElimina
  40. Ljajic gioca anche bene, ma avrebbe bisogno di un centravanti armato, appunto, da servire dopo che ha saltato l'uomo; Jovetic gira al larghissimo dall'area, ed oggi sembra inutilmente altruista quando si appropinqua, quando invece potrebbe tentare l'azione personale, piazzati male o marcati gli altri. Il rigore lo voglio rivedere, dopo il fischio ero a smoccolare in altra stanza, per preservare l'integrità del pc. A dopo, speriamo di creare una pressione sempre più costante, per schiacciare l'Udinese in pochi metri, e sfruttare Lucone. 

    RispondiElimina
  41. Ecco la cappella di Neto, porcaputtana!

    RispondiElimina
  42. Incredibile sconfitta, o forse no: gol mangiati, gol in fuorigioco e cappella di Neto Ecco la frittata servita. Siamo in continuità con domenica scorsa. M aspettavo una prova di carattere: continuiamo a giocare benino ma a non siglare. Così è dura.

    RispondiElimina
  43. Visto che non sono un ORI, dico solo: vadano tutti affanculo! Guidolin, Di Natale, Tomovic, l'arbitro, Neto, Ljajic, Viviano e chi li vuole seguire.

    RispondiElimina
  44. Olè, e anche per quest'anno il giohino l'è finiho, almeno si smette di fassi le seghe mentali, tra tutti quanti... Ma un poteo nasce tifoso del Barcellona, accident'amme! Bada se tutte le domenie mi deo guastà i' fegato per questa banda di criminali... Maledetti gobbi bastardi...

    RispondiElimina
  45. Ho visto una Fiorentina splendida, che teneva palla e affondava, sicura, anche in difesa. Numerose le occasioni da goal con salvataggi disperati degli avversari. Costringere una squadra come l'Udinese a giocare in contropiede sul proprio campo è sicuramente prova di forza e maturità. Purtroppo le ripartenze loro facevano male e si era già visto. Ma se ci sono due fuorigioco sui primi due goal, la partita è evidentemente falsata. 

    RispondiElimina
  46. Considerazioni sparse: segnale di ripartenza non è arrivato. Giochiamo bene anche questa volta, non meritiamo la sconfitta, ma ne prendiamo 3 e ne facciamo solo uno. Errori nostri e della terna (anche cinquina se vogliamo) regalano i gol all'avversario. Errore Tomovic primo tempo, guardalinee nel secondo (sul filo comunque e difficile da vedre) e poi Neto che taglia definitivamente le gambe. Incredibile l'ammonizione non data a Pasquale su Cuadrado che azzoppa l'esterno. Speriamo che Valero non si sia rotto, altrimenti mercoledì sarà molto dura. Diciamo per ora ciao al terzo posto e speriamo di mantenere la posizione EuropaLeague. Concludo con Vince e Jo-Jo: oggi avrei inserito Toni prima dei gol subiti, stavamo costruendo molto, mancava la finalizzazione. Jovetic, ma cosa gli è successo? Non vede più la palla, non ha più occasioni da gol, questo è il vero enigma di questa parte di campionato.

    RispondiElimina
  47. Almeno oggi non si deve leggere che s'è perso per colpa di Toni. Pasqual evanescente, e sono generoso, Cuadrado deve tirare il fiato ma non ci sono alternative su quella fascia. Liajic bellino, trottolino, propositivo, ma se gioca da seconda punta non può mangiarsi quei goal. Jovetic sarà bene che l'abbozzi con il ricevere il pallone e puntare il nostro centrocampo invece che la porta avversaria. Neto sarà all'ultimo bonus ?! Perché se li ha già finiti rivedremo gambe molli in porta. Insomma, qual'è il nostro valore, quello dei "presunti" 38 punti alla penultima o quella dei 35 alla prima di ritorno ?! Domanda legittima perché se prendi 5 goal in due partite segnandone 1 qualche domanda è giusto farsela. Il rigore sarà dubbio ma a velocità normale, a parti invertite, l'avrei voluto; il fuorigico sul secondo è invece per me netto. Ma sarebbe troppo facile continuare ad additare gli arbitri come unici colpevoli della nostra classifica. Non è la sola assenza di Pizarro il problema, Domenica scorsa c'era ma due pere in casa con il Pescara si sono prese nonostante una partita molto differente rispetto ad oggi. Maledetta sosta, 9 volte su 10 a noi ci taglia le gambe, e forse è normale visto il girone d'andata, di fatto si torna a parlare di europa league benché in un mese le situazioni mutano in fretta. Va bene così, anche quell'obbiettivo rimane tanta roba, aver fatto la bocca a qualcosa di più era normale, adesso lo è un po' meno. Va bene lo stesso. 

    RispondiElimina
  48. Via ragazzi, siamo seri, sul rigore, che per me non è neanche così netto come dicono, ce ne sono 5 di quell'attri in fuorigioco, il secondo è in fuorigioco anche quello... ma d'icchè si vo ragionare... maremma impestaha...

    RispondiElimina
  49. Leo, se non sbaglio i gol il Pescara li ha fatti dopo che Pizarro è uscito. Anche i telecronisti argentino del mio streaming, oggi, dicevano che Pizarro è il miglior regista oggi in circolazione in Europa, io aggiungo che senza di lui il nostro centrocampo perde tutte le geometrie, il punto di riferimento, diventando un buon reparto, ma più normale. Smaltisco l'incazzatura, poi se riparla. Comunque oggi tremendo mix tra arbitraggio scandaloso e pollaggine. Ciliegina sulla torta la tanto attesa cappella di Neto, così in un colpo solo ci troviamo con due portieri bruciati. A poi.

    RispondiElimina
  50. La Fiorentina deve assorbire questi due colpi e ripartire giocando come ha dimostrato di saper fare.  Per diventare una squadra di vertice mancano attaccante e temo anche il portiere, ma questo più o meno si sapeva.  Per quanto mi riguarda non ho mai pensato che al primo anno di rinnovamento si potessero nutrire ambizioni sfrenate.  Quindi calma e insistiamo nel dare continuità al gioco che è la cosa più importante.  Per migliorare poi bisogna agire nei tempi giusti e ciò significa che dovremo attendere questa estate.  E' vero che oggi siamo stati penalizzati dall'arbitro ma è anche vero che non riusciamo a chiudere le partite pur avendo occasioni a sfare.

    RispondiElimina
  51. Luis sto aspettando di rivedere le immagini del rigore che non ho visto con chiarezza, io ero concentrato sul tocco di Migliaccio. Sono comunque due partite che stiamo a cercare  motivi per cui non abbiamo perso 6 punti e mi sembra evidente che dobbiamo sbatterla dentro sia con il Pescara e anche oggi, visto che gli episodi si sono verificati dopo le numerose occasioni che abbiamo mancato: il problema non lo vedo principalmente nella punta che manca ma nel nostro fuoriclasse che sta oggettivamente giocando sottotono. Sugli arbitri mi fa più incazzare la poca tutela che stanno garantendo ai vari Cuadrado & co. 

    RispondiElimina
  52. Chiarificatore13 gennaio 2013 17:29

    Alcune considerazioni a caldo:


    1) Bella partita della Fiorentina che per la prima volta quest'anno domina in largo ed in lungo l'Udinese e paradossalmente per la prima volta non vince anzi addirittura perde.


    2) Paradossalmente però, fino ad un certo punto, perché il risultato è stato deciso dall'arbitro quando ha concesso un rigore all'Udinese subito dopo aver sorvolato su un clamoroso fallo su Jovetic auto-lanciatosi a rete, cosa che si ripeterà anche nel secondo tempo, da un gol in fuorigioco di Di Natale e da una clamorosa cappella di Neto.


    3) Il migliore dei 22 è stato Ljajic, assurdo cambiarlo quando ancora ne aveva e stava dando spettacolo, anche se non in qualità di punta.


    4) Toni in questi mesi  ha dato più di ogni ragionevole aspettativa, però ha molto poco da dare ancora a questa Fiorentina.


    5)Al posto di Toni teniamoci stretto El Hamdaoui, nel frattempo piuttosto Lisandro  (fidandoci dei nostri esperti) o ben venga un colpaccio già a gennaio,se capita l'occasione. 


    6) A gennaio ci serve più di ogni altra cosa almeno un centrocampista degno di sostituire uno dei tre magnifici. Quando s'è fatto male Valero mi sono venuti i sudori freddi, e abbiamo visto la differenza tra il pur generoso Migliaccio e Pizarro.


    7) Seconda priorità, l'acquisto, possibilmente già a gennaio di un bel tornante sinistro, il pur generoso Pasqual non punge, qualche buon cross a parte.


    8) Neto, nonostante la papera, che capita anche nelle migliori famiglie,  dà  più sicurezza e sembra più reattivo  del Viviano che abbiamo visto finora, quindi non va messo in discussione. A giugno si tireranno le somme. 


    9)Nulla è perduto, la Fiorentina c'è e sta giocando bene, nel calcio questi momenti in cui va tutto male capitano, bisogna tener duro e continuare a giocar bene, l'Europa è alla nostra portata, per quella che conta ci vuole una serie di vittorie consecutive, che è alla nostra portata, come s'è visto nel girone e d'andata.

    RispondiElimina
  53. Ho visto ora: cazzo di cazzo è fuorigioco grande come una casa cazzooooooooo!
    Brutti arbitracci del cavolo! Questo per la precisione. E c'era anche una bella ammonizione/espulsione per Di Natale su dischetto: davanti all'arbitro scalcia evidentemente Aquilani!

    RispondiElimina
  54. Deyna guardati i goal presi con il Pescara e poi riparliamone, dimmi cosa c'entra la presenza di Pizarro in campo. Oggi non è mancato il gioco, tutt'altro, ma siamo sterili la davanti c'è poco da fare. 

    RispondiElimina
  55. Orcio, guarda, io son d'accordissimo, sul piano tecnico, con tutto quel che hai detto... Il Nostro problema, che mi fa, tutti gli anni, cascar le palle e girare i coglioni a settimane intere, è che alle beghe di casa si sommano SEMPRE quelle dei giubbottini neri... Domenica ci ha segnato uno che doveva essere di già sotto la doccia, oggi l'arbitro prima lascia correre, come era giusto che fosse, però ci pensa il giudice di linea, o come cazzo si chiama, a metterci bocca, a farci fischiare il rigore contro... Però, ovviamente, sul fuorigioco di Di Natale un vedono nulla, ne lui ne il guardalinee... Ah ecco, vedo che hai rivisto anche te.... ora puoi comprendere meglio la mia incazzatura...


    Quanto al resto: ora abbiamo due grosse beghe con i portieri, siamo spompati come era prevedibile perchè giocano sempre quelli e, alla lunga, si è capito che neppure il pur bravissimo Montella inventa il calcio, nel 2013...


    Liacicce, ve lo ridico, non è un giocatore sul quale puntare, non determina, non decide, non incide, e, alla fine, mancano i punti...


    Jovetic non è più lui, speriamo si riprenda, altrimenti a fine anno non ci saranno dubbi sulla sua permanenza, ma perchè un ce lo chiderà nessuno, almeno non per trenta milioni o giù di lì...

    RispondiElimina
  56. C'entra, Leo, perché Pizarro avrebbe fatto buttar fuori il bestione pescarese che poi ha segnato, ma l'arbitro ha deciso diversamente...

    RispondiElimina
  57. A me quello che fa imbestialire è vedere una squadra come la Lazio lottare per il campionato con una squadra che non cambierei mai con la mia, a parte il portiere ed Hernanes... 

    RispondiElimina
  58. Louis, La Lazio è l'esatto contrario della Fiorentina, segna e chiude pur non mostrando grande gioco.  La butta dentro, noi poco rispetto alla grande mole di gioco  che riusciamo a sviluppare.  Ci manca l'istinto assassino che le nostre punte non hanno.

    RispondiElimina
  59. No Deyna, quello non c'entra nulla, se giudichi di pancia diventa monca la disamina. Fa niente. 

    RispondiElimina
  60. Le pagelle sul sitone sono quanto di più ridicolo mi sia mai capitato di leggere. Pare che gli abbiano raccontato il risultato, non che l'Udinese nel secondo tempo ha giocato di rimessa. Roba da maiali! Il primo rigore oltre a non esserci è viziato da un fuorigioco chilometrico, la palla arriva a Domizzi che è 2(DUE) metri oltre i nostri, la perde per intervento di Migliaccio senza subire neanche fallo; c'è un tocco, minimo, e lui...sviene. Ancora più grave il secondo fuorigioco, Di natale è oltre un bel pezzo, benché sia nano per definizione, con il copro oltre il nostro ultimo, ma come si fa a non vedere due fuorigioco così evidenti da due differenti guardalinee ?! Assurde le riprese su tutte le televisioni, chi parla del primo episodio, chi del secondo (aspetto ancora che qualcuno approfondisca....) ma pare siano errori veniali.........penoso. Non voglio mandare qualunque valutazione in vacca additando gli arbitri per ogni sconfitta, ma oggi mandiamola pure da quelle parti, ci stanno massacrando. 

    RispondiElimina
  61. No caro Lele, il terzo goal è una cappella clamorosa e su quello non si discute, ma sul secondo di Di Natale c'è ben poco da fare. Guarda quello che ha fatto Sansone a Buffon. Uno che ti arriva solo in corsa e te la piazza da cinque metri o te la scaraventa addosso o non la pari.

    RispondiElimina
  62. Concordo come spesso accade con Lele, anche secondo me doveva entrare prima Lucone. Ma Lele, oggi Adem non è stato peggio di Jo-Jo. Io ripeto una cosa su cosa manca: cerchiamo un esterno sinistro che sappia segnare più di Pasqual, che senza un attaccante forte dentro diventa inutile perché crossa per il nulla. Piuttosto: incrociamo le dita perché domani la caviglia di Bo-Va sia a posto. 

    RispondiElimina
  63. Attenzione a non giudicare la partita solo a partire dal risultato finale, perchè nel secondo tempo si è vista a lungo una Fiorentina ottima che ha schiacciato l'avversario. Gli attaccanti non avevano ancora segnato, è vero, ma mancava ancora mezz'ora e c'era tutto il tempo per concretizzare senza un uno-due determinato da un goal in fuorigioco e da un errore del portiere. Mi sono piaciuti moltissimo Valero e Cuadrado. Cuadrado ha fatto due partite straordinarie che gli hanno fruttato però voti appena sufficienti in pagella per il fatto che si sono concluse con sconfitte nostre. Si è detto che è fumoso e inconcludente, per me al contrario è stato travolgente. Splendida anche la partita di Valero, che ha dimostrato di non essere in calo ma di poter dare il suo consueto contributo. Rodriguez ha segnato e fatto ripartire la squadra, Savic ha chiuso come al solito con freddezza. L'Udinese aveva solo uno schema, la ripartenza su Di Natale, e non credo che fosse tattica. La verità è che gli abbiamo nascosto la palla per 70 minuti almeno. 

    RispondiElimina
  64. A parte la cappella del terzo goal che ha chiuso la partita, e della quale dico subito così mi levo il dente, questo 2013 si conferma un anno sculato che più sculato non si può, speriamo che cambi. Anche oggi abbiam dominato la partita, almeno a lunghi tratti, anche oggi il solito arbitro del cazzo ci ha penalizzato in maniera oscena, anche oggi usciamo con un risultato umiliante e, nel complesso immeritato. Lele il rigore non solo non c'è perchè Migliaccio interviene netto sul pallone, ma Domizzi è anche un paio di metri in fuorigioco, insieme ad altri tre compagni che possono dire di non partecipare all'azione ma che son lì davanti a tutti. Sul lancio, Di Natale è tutto avanti rispetto a Gonzalo. E' vero che, come dice Montella, a palla scoperta far la regolina del fuori gioco con Di Natale e Muriel è da gente che ama il rischio e l'avventura, ma, nel caso, il fuori gioco c'era. Sin lì avevamo dominato e stavamo spingendo per vincere.  A nostra colpa c'è da dire che la manovra d'attacco anche se ossessiva ed a buoni ritmi, è di un macchinoso che fa male e lì c'è senza dubbio molto da rivedere.

    RispondiElimina
  65. O brodi pe' riusci' ni' miraholo e ci vorrebbe armeno quella con le poppe ritte che dice gli è amica di Deyna, con questo budellone artro che voglia della chiocciola!

    RispondiElimina
  66.  d'accordo Attila, e gli danno pure una mano...

    RispondiElimina
  67. C'è poo da rivedere, Jordan. E ci vole uno che la tonfi dentro sennò ci viene l'urcera, maremma indiavolata. Se poi, oltre ai limiti di liacicce e all'età di Lucone ci si mette l'apatia di Jojo siam messi di nulla. Domani arriva il mi omo, nello scetticismo generale. Meglio, così come per Tomovic ci sarà più gusto a vedere la vostra meraviglia... Ovvia, cerco di tirarmi un po su di morale perchè questo 2013 m'ha belle e pieno i cosiddetti... e un siamo neanche a metà gennaio...

    RispondiElimina
  68. Deyna, o son diventato cieco o quello dopo liacicce è un 6.5? Eh?

    RispondiElimina
  69. Questa volta ho visto la stessa partita che ha visto Jordan, una partita dominata e poi persa inopinatamente, per un doppio disgraziato ko determinato da un errore arbitrale seguito da un errore del portiere. Duro da digerire, durissimo, lo capisco, ma se c'erano dubbi sulla tenuta della squadra e sul contributo di certi giocatori per me sono stati fugati, in quanto gli elementi chiave, da Valero a Gonzalo, hanno giocato molto bene. E a me è piaciuto, e molto, anche Cuadrado che non trovo affatto arruffone. Difficile giudicare la prova di Jovetic perchè un attaccante come lui deve segnare, ma senza quei due colpi da ko non si sa come sarebbe finita. Mi pare giusto, anzi doveroso, continuare ad aver fiducia in questo modulo e nei giocatori che lo incarnano. Il calcio è scienza per eccellenza non già dell'a-priori ma dell'a-posteriori e la partita di oggi si presta in modo perfetto ad illustrare le leggi generali che condizionano il giudizio di osservatori e giornalisti. 

    RispondiElimina
  70. Ora non ricominciamo con il toto portieri, se si comincia a cambiarne uno dopo ogni errore un se ne leva più le gambe, ribadisco che quello che ho visto oggi è roba da ufficio indagini... se ci fanno di questi trabocchetti un si va da nessuna parte... e non sono certo uno che si attacca agli arbitri, ma ora son gonfio come un fio pallone...

    RispondiElimina
  71. Ad ogni modo le dichiarazioni di Montella nel dopo-partita preludono a un ritorno di Viviano.

    RispondiElimina
  72. Lud, al di là degli arbitri: se costringi [o è scelta tattica altrui, anche?] gli avversari nella loro metà campo, non sai creare nulla per scardinare la loro difesa, e ti fai infilare in contropiede, qualcosa che non funziona c'è. Il gioco negli ultimi trequarti di campo ancora non c'è, ma con un centravanti degno di questo nome diverse situazioni le risolveremmo.

    RispondiElimina
  73. Leggendo le pagelle di qua, di là, di su e di giù, mi trovo discorde solo sulla valutazione della prova di Aquilani, a mio avviso discreta per quanto ho scritto nel commentone. Credo che si chieda illegittimamente a un interno la continuità di giocate di un play, credo che il metro di giudizio sui diversi ruoli di centrocampo dovrebbe essere, appunto, diversificato. Il 6,5 deyniano a Ljajic mi è duro, in effetti: ancora ancora capisco la sufficienza (perché c'è una parte positiva nella sua prestazione, quella di cucitura col centrocampo), addirittura il mezzo voto di abbondanza mi lascia perplesso.

    RispondiElimina
  74. Molto più veritiere le pagelle di Blimp, forse solo un po troppo generoso con Aquila.

    RispondiElimina
  75. Non ho visto contropiedi dell'Udinese molto pericolosi e comunque quando avvenivano erano ben controllati. Se però incassi un goal in fuorigioco e sfortuna vuole che un minuto dopo il portiere vada in crisi la partita ovviamente si chiude. 

    RispondiElimina
  76. Ljajic ha fatto appunto un gran lavoro di cucitura tra centrocampo e attacco, ha recuperato e giocato tanti palloni, ha saltato costantemente l'uomo, e cercava sempre il passaggio smarcante per compagni purtroppo immobili o naviganti al largo. Anche l'occasione che si è creato è frutto di una splendida giocata. Rimane un equivoco, fa sempre più vedere che sarebbe un centrocampista offensivo costretto a giocare di punta da un mercato monco, ed essendo un adattato un minimo di margine positivo glielo concedo, in una giornata in cui viene sul sitone ingiustamente massacrato. La sua prestazione resta per me, ad ogni modo, ampiamente sufficiente. Il problema Neto-Viviano si pone ora in tutta la sua drammatica evidenza, ogni scelta rischia di essere annichilente per i due, e soprattutto per la Fiorentina. Scendere in campo con Roma e Napoli dovendo scegliere tra due portieri entrambi sotto pressione e reduci da cappelle, è la peggior situazione possibile.

    RispondiElimina
  77. Per la cronaca è di nuovo intervenuto il signor Gino_p, mio interlocutore privilegiato, con un post che affossa Adem Ljiajc.

    RispondiElimina
  78. Direi che la soluzione sarà Viviano in coppa (speriamo) gran prestazione e fiducia e rabbia riconquistata. In questi casi si fa così, anche se occorrerebbe dare fiducia ad un portiere anche dopo una cappella. Ma lo scenario era prevedibile: Neto in campo fino a (una) prova contraria. Oggi mi sono visto nel primo tempo (con diretta gol causa streaming non funzionante) due-tre interventi di Mirante: ecco un portiere che mi sembrava e faceva un buon numero di papere che oggi mi sembra molto più sicuro e senza le enormi cappelle di un tempo. Il Ljajic di oggi, buoni piedi, corsa e grinta, potrebbe essere provato sulla linea dei centrocampisti con due punte davanti? E poi: ma sti esterni che segnano la miseria di due gol in 20 partite non sono un problema maggiore della punta che comunque manca?

    RispondiElimina
  79. L'arbitro non fischia due falli su Jojo al limite, nella ripresa, ma non espelle nemmeno Borja. Il rigore lo fischia perché il quarto o quinto o sesto o settimo o duecentesimo uomo lo avverte e non ho ancora capito se ha fatto bene o male (dopo l'off-side iniziale bisogna studiare se il friulano ha partecipato all'azione prima di ricevere palla quando ormai era rientrato: non è facilissimo per noi, figurarsi in campo), il fuorigioco di Di Natale non è l'arbitro che deve vederlo e c'è, in verità, ma non è di due metri, come sento dire, è di mezzo corpo e con Di Natale come con Inzaghi devi fare bene attenzione a tagliarli fuori perché la loro rapidità inguaia il guardalinee e comunque stavi già giocando peggio o per lo meno sconsideratamente con uomini smenci e infine avevi tutto il tempo per pareggiare Neto permettendo. Sia oggi sia col Pescara eviterei di tirare in ballo l'arbitro perché le cause dei nostri problemi dopo la sosta appaiono altre e perché focalizzandoci sugli arbitri trascureremmo problemi che, lasciati marcire, ci danneggerebbero anche quando avremo arbitri al nostro gusto. C'è una falla a sinistra del nostro schieramento e c'è un buco nero al centro dell'attacco, Jojo è nel mondo dei sogni, se manca Pizarro e se manca Mati (che già rende meno del previsto) il centrocampo soffre nel momento in cui deve raddrizzare la partita (non vale il paragone col Pescara perché Pizarro è uscito per infortunio a partita ancora parte), il ruolo di portiere è ancora, inopinatamente, in alto mare (due guardiani che giocano a turno sempre camminando sui carboni ardenti e gufandosi addosso, con la piazza che pensa a tifare più contro uno o l'altro che per la Fiorentina, non formano situazione ideale).

    RispondiElimina
  80. ? africanoOrcio,da come gioca Jovetic,sarebbe da toglierlo per Ljiajc,ma sinceramente mettiti in panca,lo faresti?Io no.
    Questo
    non toglie che continuare con Ljiajc centravanti(era questa la
    consegna,guarda il primo quarto d'ora)vuol dire continuare con chi
    li'non ci sta'.Se si prepara la partita tatticamente e dopo poco tempo
    si vede che uno non mantiene le posizioni,o lo si richiama o gli si
    cambia ruolo.
    Ljiajc naturalmente
    gioca nel posto di Jovetic,e finche'c'e'questi,e'un casino.La scelta
    sarebbe stata logica se Adem si sacrifica in un ruolo non suo,ma di
    fatto non ce la fa,lascia l'area vuota,e ora dimmi te se si puo'sperare
    di tirare in porta.Questo e'il film gia'visto ad inizio campionato e se
    poi si e'iniziato a far gol,lo si deve a Luca Toni e non tanto per i
    gol,ma per l'ampiezza della manovra che la sua presenza da sola crea. 
    Ripeto
    da tempo che siamo dietro alla Lazio(a parte per gli aiuti
    evidenti)perche'davanti hanno Klose e noi un pur valoroso Toni(che
    ammiro ma i cui limiti sono evidenti)se inverti questi due,noi siamo in
    testa,e i romani a meta'.
    Jordan,allora
    avevo visto bene,nonostante lo streaming.Deyna,credo che il 6.5 a
    Ljajic sia di stima o per l'abnegazione che mette,perche'mi pare
    esageratissimo.
    Comunque spero che l'accordo col City sia gia'siglato,perche'Jove mi sta deludendo e non poco.
    Lele
    P.S.Louis ti riferisci a chi?
     

    RispondiElimina
  81. Africa etereaColonnello,dopo
    un po'di partite posso pensare che Aquilani sia a suo agio quendo i
    ritmi non siano elevati,non gli vedo tempi di reazione fisica di
    livello.Quando invece ha spazi e luce all'orizzonte ecco che la sua
    classe emerge.Mi son fatto l'idea che,oltre ai piedi e al lancio,la sua
    caratteristica determinante sia la penetrazione centrale alla
    Perrotta,cosa che e'mancata oggi ed e'per quello che mi e' parso etereo.
    Lele
     

    RispondiElimina
  82. Blimp, i problemi ci sono, nessuno lo nega. E' solo che vorrei perdere una partita perchè sbaglio 50 gol, perchè non tiro mai in porta o, semplicemente, perchè gioco da far schifo. Punto e basta. Invece c'è sempre lo zampino, determinante per il risultato, di questa banda bassotti. E purtroppo, nel conto, alla fine, ci vanno messi. Lele, tranquillo, non mi riferisco a De Rossi, mi limito a Larrondo. E' un'altra delle mie scommesse, di quelle che, o mi rivalutano, o mi fanno prendere per il culo, per anni e anni, eh eh eh. 

    RispondiElimina
  83. Direi magistrale il post di Lele, sulla valutazione tattica di liacicce. Sarò prevenuto (a me non è mai piaciuto, lo trovo una delle più grosse cappelle di Corvino, se davvero ha scucito quasi 8 mln per averlo...) ma io continuo a non capirne l'utilizzo. Si buttano partite nel volerci insistere. Purtroppo adesso che non c'è nemmeno Mounir siamo ridotti ai minimi, Toni è stato evidentemente risparmiato in vista della Roma, dato che a questo punto mi pare ovvio puntino tutto sulla C.I.

    RispondiElimina
  84. Louis, Ljajic è costato 6, a quel che ricordo. Toni se non lo risparmi per la Roma ti fa quel che ha fatto per metà ripresa oggi (e sempre ha fatto in trasferta) e tìrati su le ciocce. Ovvio che anche Larrondo adesso parrebbe la manna dal cielo, mentre è solo neve grossa ma sporca. Qui bisogna capire che senza centravantone rischiamo il collasso, che una squadra si regge, in sua assenza, per espedienti per non più di un girone, poi la magagna va all'aria. Se poi le fasce sono monche a sinistra e a destra Cuadrado rifiata o lo dimidiano a calcioni, se Pizarro per tutte le sfighe di 'sto mondo fa tante partite dentro quante fuori, se in porta hai insediato da luglio il Problema, hai un quadro che vorrei curare a panglossismo ma non ci riesco.

    RispondiElimina
  85. L'incazzatur e' rimasta, ma adesso riesco a scrivere qualcosa di piu' o meno raziocinante; mi scuso anzi con tutti per lo sfogo volgare dopo il terzo gol, che certo non ha contribuito al dibattito.
    Posto che dopo il terzo gol ho spento lo streaming, tanto si capiva che era finita, direi che oggi i migliori sono stati Valero, Cuadrado e Gonzalo, insomma i soliti. Aquilani e Savic sufficienti, Jovetic in fondo un 6- lo puo' guadagnare, ma da lui ci si aspetta di piu', altrimenti tanto vale avere Gasbarroni. Ljajic si impegna, si', ma non ha minimamente i movimenti da attaccante, non incide, none' un caso che i pochi gol ch ha fatto sono stati dei (bellissimi) gol,da centrocampista. A quel punto, tanto vale mettere lo svizzerotto.

    RispondiElimina
  86. Io rimango dell'idea che con Rossi al posto di Ljajic la musica sara' diversa, perche' Pepito, pur leggerino come il Serbo, e' attaccante vero, che attacca la profondita', sa smarcarsi e ha un ottimo tiro e fiuto del gol. Per intanto, che abbiamo bisogno di un attaccante davanti non c'e' bisogno che lo dica io, a me Larrondo sembra scarsetto, poi... mah... spero abbia ragione Louis.
    A questo punto (e lo dico con rammarico) mi andrebbe bene persino Borriello.

    RispondiElimina
  87. Finisco dicendo che, cercando da ragionare da ORI, non va sottovalutato il vecchio detto secondo il quale in una squadra sono indispensabili un portiere forte e un centravanti forte. Noi non abbiamo ne' l'uno ne' l'altro: del centravanti abbiamo gia' discusso, Toni ha fatto gia' piu' di quanto ci si aspettasse da lui, quanto al portiere, beh, mi sembrano mediocri entrambi. Per come gioca adesso Frey non lo rimpiango certo (o almeno, non lo rimpiango piu' di quanto rimpianga Galli o Toldo), ma Boruc si' che lo rimpiango!
    Ripeto che se arrivimo quinti io sono contento.

    RispondiElimina
  88. 6? Sempre troppi, Blimp. Piuttosto non credi, rileggendo il tuo ultimo post, di essere stato un po troppo duro nei confronti di PraCià? Mi sembra cioè, che tu abbia di colpo rimosso quanto di buono detto sino ad oggi dell'operato di società e staff tecnico. Non possiamo buttare tutto a mare alla seconda sconfitta, seppur consecutiva, e dove, ripeto, gli errori arbitrali sotto tutt'altro che marginali. Scappo, vi leggo domani...

    RispondiElimina
  89. Un portiere non si giudica per una cappella anche se oggi l'ha fatta grossa. Mi ricorda quella di Viviano col Galatasaray quando inventò tutta quella pantomima dell'infortunio. Errore di preparazione e sottostima del tiro e quello che credevi un facile intervento in presa per un rimbalzo basso (Viviano) o per un improvviso abbassamento della traiettoria (Neto)  ti diventa una palla maligna sulla quale non sei preparato ad abbassarti. ci vai d'istinto con le mani, senza la protezione del corpo e ti frega di brutto. Bisogna spostarsi prima col corpo e proteggere sempre la traiettoria della palla. Purtroppo è un errore che gli costerà e ci costerà caro, perchè ora abbiamo due portieri sotto le mire dei rispettivi supporters, come dice giustamente il Colonnello e rischiamo di bruciarli tutti e due. Ma era un situazione largamente prevedibile in partenza. Su un portiere giovane o ci punti sicuro e allora lo fai partire titolare, o lo mandi a giocare se non vuoi rischiare in casa ma mantenendone il controllo, o, se non ci credi e lo hai bocciato, lo vendi. Ma non puoi tenerlo in panca due anni e poi prendergli un altro titolare intoccabile, e, quando sei alle strette, buttarlo in campo sperando che d'incanto ti risolva lui tutti i problemi. Peccato, io a differenza di Anto, continuo a credere che Neto sia un ottimo prospetto, ma non è certo questo il modo di farlo crescere.

    RispondiElimina
  90. Ma io non tolgo nulla ai grandi meriti di Pradè, Louis, altrimenti non avrei salutato e anzi nomato il Wunderteam mentre i vertici della tua organizzazione ancora esecravano i DV e parlavano di società di cioccolatai né li ho mai tolti al Magic Raven a causa del suo melanconico finale di partita: in verità sono due DS che ho sempre esaltato, come ognun sa, pur da fuori della SDA un tempo e dall'ORI dell'unico tesserato adesso. Ora, però, c'è un grosso problema, quello del centravanti, che va sanato o rischia di inficiare tanto del buono messo insieme: in verità sarebbe stato bene ripresentarsi al nuovo anno già armati, ma Palermo aveva illuso pur dopo la scampanellata di Roma. L'operazione Viviano fu sbagliata non solo per Viviano in sé ma perché non lascia tranquillità nemmeno al subentrato: continuando così, di due portieri dovremo preoccuparci e non più di uno solo. In alternativa possiamo dare per persa la Champions e fare le cose con calma per il prossimo anno giocando tutte le carte sulla Coppa Italia. Peccato, però, in quel caso.

    RispondiElimina
  91. Vedo del resto che il mio compagno di merende, sul problema del portiere, ha scritto meglio e più facondamente di me qualche minuto prima. Sono sicuro che anche il Lucchese saprà meglio esprimere i miei stessi concetti intorno all'improrogabilità dell'arrivo di una punta centrale.

    RispondiElimina
  92. Jordan, leggo che il Minorato di Rio, quello che giustificava Viviano a Roma, parla di due papere di Neto oggi, dal che desumo che intenda scacazzata del brasiliano sul secondo gol udinese. Scrivi qualcosa tu, perché mi cascano le palle.

    RispondiElimina
  93. Due gol in fuorigioco ed una papera del portiere. Possiami fare tutti i ragionamenti che vogliamo, ma questi, purtroppo, sono i fatti.

    RispondiElimina
  94. 70 e più(settanta e più) minuti di football bailado,70 e più minuti di giochi di prestigio con i fraseggi e gli scambi,70 e più minuti di bestemmie,litanie diversamente religiose e rosari tirati come una rosa di pallini,diciamo tre come i pallini presi.L'incisività questa sconosciuta,il gol ora diventato come una brutta performance di Padarewski(introvabile quindi);croncaca di una partita lunga ma di testo breve:la Fiorentina gioca benissimo,non finalizza 2/3 contropiede perfetti(o quasi) e l'Udinese,con il nuovo acquisto in campo-tale Romeo-porta a casa la partita;sul primo gol decretato dall'uomo di fondo campo c'erano 4 friulani in fuorigioco,un Domizzi tarantolato per un soffio del MejoMigliaccio,non pago l'arbitro distribuisce ammonizioni a guisa di membro di gentil segugio,tira fuori i cartellini "per sentito dire" e guarda tutta la partita senza vedere lo stillicidio di falli e falletti(come col Pescara)per Jovetic,Cuadrado e poi anche per Toni.Quest'ultimo oggetto di pensieri bipolari:quando c'è "Perché lui?",quando non c'è "Perché non lui?".Mah....Io ho visto una squadra tonica,meno ordinata ma comunque disciplinata;spiace non aver visto un solo cross alto per Toni,spiace aver visto in campo ciò che scrissi venerdì:l'Udinese è a suo agio e fa male solo in contropiede.Pagelline:
    NETO 4:prende 3 gol con una sola vera parata(su Pasquale)ma la sua paperina ha lo stesso effetto della topica Roncagliana di domenica scorsa.Tagliagambe.Ma rimane titolare.
    SAVIC 6:alla fin fine dalla sua parte fanno poco o nulla,ma non si propone mai,fedele alle consegne.
    GONZALO 7:rimane il più lucido,il più puntuale,il più preciso.Sempre Ministro della Difesa.
    TOMOVIC 6 :partita onesta,certo il liscio mette in ambasce tutto il circo...
    MIGLIACCIO 6,5 Non molla mai,piovra cattura-palloni finchè ha fiato.Ha dimostrato di essere un ottimo mediano,buon frangiflutti.Ma non chiedetegli di più.
    AQUILANI 6:s'è capito che non gli garba fare il regista,oramai fa il centrocampista all'inglese,a tuttocampo ma alcune castagne da fuori non le prova mai;bene gli inserimenti.
    VALERO 7:il suo fallo da arancione su Di Natale si chiama DIGNITÀ.Esempio perenne.
    CUADRADO 6,5:rischia la fine del Pek ma quando parte è il Bip-Bip de noantri.Massacrato.
    PASQUAL 5:dopo il gol col Genoa è sparito.Urge ricambio.
    LIAJIC 6:lui deve giocare lontano dalla porta,non Jojo.Fumoso a tratti,potrebbe succedere sempre qualcosa con la palla tra i suoi piedi ma non succede mai...
    JOVETIC 6 : io l'ho visto meglio di altre volte,ha osato di piuma cercato soluzioni ma duella con se stesso per avvicinarsi ai 13/14 metri,dove potrebbe essere letale,in realtà non lo fanno tirare più in porta,han capito qual'è la sua "mattonella" e han messo tutti lo sbarramento.Stop-Player,per ora.
    U2 SUBENTRATI:nessun coniglio dal cilindro,anzi andavamo a 3 cilindri.Nessuna magia.
    MONTELLA 6:occorre ritrovi sua scaramanzia napoletana e si doti di un bel cornetto,la sfiga....ooops...la svista arbitrale diventa appendice della viola.
    PROSPETTIVE(che qualcuno ha dimenticato):buone.Eliminando la Roma e dando il cuore col Napoli(con un Pek in più)il nostro Barnum dimostrerà che panettoni e pandori(ma soprattutto i cotechini)saranno stati digeriti,sperando non arrivi un Paulo Roberto Cotechinho di turno.Ora a gufar il diavolo....

    RispondiElimina
  95. McGuire, dov'eri finito? Ci manchi! Lascia stare gli attentati col tritolo alla casa di Mourinho e stai di più con noi!

    RispondiElimina
  96. Il problema del centravanti c'è da settembre, ma mi preoccupa di più l'involuzione del gioco. Io non ho visto una bella Fiorentina, né contro il Pescara né oggi. Il livello tecnico, tattico e agonistico mostrato nella gara contro i gobbi (che mi fece pensare in grande) è molto distante da quello attuale. Quanto ai portieri, urge operazione drastica: insistere su Neto e privarsi di Viviano a stretto giro; ma accadrà l'opposto.

    RispondiElimina
  97. Chiarificatore13 gennaio 2013 22:20

    - Se il calcio fosse una scienza esatta, nelle ultime due partite avremmo preso 6 punti.



    - Il calcio è un gioco, un gioco però dipendente, anche ed in misura crescente, dalla  discrezionalità di chi deve garantirne un corretto svolgimento. Chi deve fare ciò in  Italia,   la classe arbitrale, è di dubbia moralità e di dubbia rettitudine sportiva, quindi   condizionabile, in varia misura ed in vario modo, dai grandi interessi e poteri che ruotano  intorno al calcio.   - La Fiorentina ha perso le ultime due partite solo per i due motivi scritti al punto   precedente.. - Perché mettere in discussione questa Fiorentina che continua a dare spettacolo? - Se la partita l'abbiamo persa immeritatamente e per colpa dell'arbitraggio, come quasi  tutti sostengono per me giustamente, perché prendersela poi anche con chi è sceso in  campo a Udine con  la maglia viola dando spettacolo?- Mettere  in discussione un portiere per una papera è da bambini.  

    RispondiElimina
  98. GUBERNATOR.....s'è perso il mio post con commento al match.Provvedi,Jupiter!

    RispondiElimina
  99. Chiari, poiché in diversi pensano che la Fiorentina a Udine non abbia dato spettacolo. La sintesi di AntoineRouge mi è vicina, anche per ciò che riguarda la necessità di togliere ogni rivalità interna per il ruolo di portiere. C'è anche la possibilità, AntoineRouge, di un taglio del nodo di Gordio quale prospettava Deyna: via tutti e due e arriva Carrizo. Situazione mal congegnata a luglio, via!

    RispondiElimina
  100. Sopra, l'invidia di Pollock non ha fondo e tu dal carcere sei impotente.

    RispondiElimina
  101. Chiarificatore13 gennaio 2013 22:45

    Ad appesantire ed impoverire il calcio italiano c'è anche la povertà del tifo, legato in modo ossessivo al risultato, risultato che condiziona radicalmente, fino a rovesciarli,  i giudizi dei tifosi sulle prestazioni dei singoli.
    Un segnale in controtendenza sono stati gli applausi della Curva Fiesole alla fine della partita contro il Pescara. La Fiorentina di oggi ha meritato gli stessi applausi.

    RispondiElimina
  102. Chiarificatore13 gennaio 2013 22:52

    Nelle altre due partite vinte contro l'Udinese quest'anno la Fiorentina ha sicuramente giocato peggio di oggi, però nessun processo, come mai? Solo perché ha vinto, perché solo vincere conta per la stragrande maggioranza dei tifosi italiani.

    RispondiElimina
  103. Vabbè,BLIMP....l'ho incollata sul sitone.

    RispondiElimina
  104. Sopravvissuto



    70 e più(settanta e più) minuti di football bailado,70 e più minuti di
    giochi di prestigio con i fraseggi e gli scambi,70 e più minuti di
    bestemmie,litanie diversamente religiose e rosari tirati come una rosa
    di pallini,diciamo tre come i pallini presi.L'incisività questa
    sconosciuta,il gol ora diventato come una brutta performance di
    Padarewski(introvabile quindi);croncaca di una partita lunga ma di testo
    breve:la Fiorentina gioca benissimo,non finalizza 2/3 contropiede
    perfetti(o quasi) e l'Udinese,con il nuovo acquisto in campo-tale
    Romeo-porta a casa la partita;sul primo gol decretato dall'uomo di fondo
    campo c'erano 4 friulani in fuorigioco,un Domizzi tarantolato per un
    soffio del MejoMigliaccio,non pago l'arbitro distribuisce ammonizioni a
    guisa di membro di gentil segugio,tira fuori i cartellini "per sentito
    dire" e guarda tutta la partita senza vedere lo stillicidio di falli e
    falletti(come col Pescara)per Jovetic,Cuadrado e poi anche per
    Toni.Quest'ultimo oggetto di pensieri bipolari:quando c'è "Perché
    lui?",quando non c'è "Perché non lui?".Mah....Io ho visto una squadra
    tonica,meno ordinata ma comunque disciplinata;spiace non aver visto un
    solo cross alto per Toni,spiace aver visto in campo ciò che scrissi
    venerdì:l'Udinese è a suo agio e fa male solo in contropiede.Pagelline:
    NETO
    4:prende 3 gol con una sola vera parata(su Pasquale)ma la sua paperina
    ha lo stesso effetto della topica Roncagliana di domenica scorsa.Tagliagambe.Ma rimane titolare.
    SAVIC 6:alla fin fine dalla sua parte fanno poco o nulla,ma non si propone mai,fedele alle consegne.
    GONZALO 7:rimane il più lucido,il più puntuale,il più preciso.Sempre Ministro della Difesa.
    TOMOVIC 6 :partita onesta,certo il liscio mette in ambasce tutto il circo...
    MIGLIACCIO
    6,5 Non molla mai,piovra cattura-palloni finchè ha fiato.Ha dimostrato
    di essere un ottimo mediano,buon frangiflutti.Ma non chiedetegli di più.
    AQUILANI
    6:s'è capito che non gli garba fare il regista,oramai fa il
    centrocampista all'inglese,a tuttocampo ma alcune castagne da fuori non
    le prova mai;bene gli inserimenti.
    VALERO 7:il suo fallo da arancione su Di Natale si chiama DIGNITÀ.Esempio perenne.
    CUADRADO 6,5:rischia la fine del Pek ma quando parte è il Bip-Bip de noantri.Massacrato.
    PASQUAL 5:dopo il gol col Genoa è sparito.Urge ricambio.
    LIAJIC
    6:lui deve giocare lontano dalla porta,non Jojo.Fumoso a
    tratti,potrebbe succedere sempre qualcosa con la palla tra i suoi piedi
    ma non succede mai...
    JOVETIC 6 : io l'ho visto meglio di altre
    volte,ha osato di piuma cercato soluzioni ma duella con se stesso per
    avvicinarsi ai 13/14 metri,dove potrebbe essere letale,in realtà non lo
    fanno tirare più in porta,han capito qual'è la sua "mattonella" e han
    messo tutti lo sbarramento.Stop-Player,per ora.
    U2 SUBENTRATI:nessun coniglio dal cilindro,anzi andavamo a 3 cilindri.Nessuna magia.
    MONTELLA
    6:occorre ritrovi sua scaramanzia napoletana e si doti di un bel
    cornetto,la sfiga....ooops...la svista arbitrale diventa appendice della
    viola.
    PROSPETTIVE(che qualcuno ha dimenticato):buone.Eliminando la
    Roma e dando il cuore col Napoli(con un Pek in più)il nostro Barnum
    dimostrerà che panettoni e pandori(ma soprattutto i cotechini)saranno
    stati digeriti,sperando non arrivi un Paulo Roberto Cotechinho di
    turno.Ora a gufar il diavolo....

     

    RispondiElimina
  105. E 'namo a letto, via, è proprio l'ora dopo i complimenti dello Pseudosenese al se stesso chiamato Mambo e dopo che il Minorato di Rio, quello che voleva cacciare i DV, ha dimostrato di non aver non dico capito, ma neanche letto l'analisi tecnica, da parte di Jordan, della situazione del secondo gol di Di Natale e, a suo tempo, di quello di Jonathas, e ha ripetuto accuse generiche e prive di qualsiasi sostegno analitico verso Neto e addirittura verso Jordan aizzapopolo e incendiario (ahahahahahahahahahahhahahahahah! Via, una tessera anche per il Minorato di Rio! A logica e a buona fede quel coglione la merita tutta!). Adesso un po' di gargarismi con la caponata di Giorgio, uno sguardo alla foto della Claudia per sgonfiarmi il cazzo e proteggermi così dalle tentazioni notturne e a nanna, contando i nick del Multilocke mentecatto al posto delle pecorelle.

    RispondiElimina
  106. Domani si parlerà della carne messa al fuoco stasera: del centravanti non val la pena di parlare più, per me, visto che lo chiedo da settembre; per il portiere, sarei ormai per la drastica soluzione Carrizo, anche se pure il guascone argentino, per i precedenti, non mi rassicura al 100%; la squadra per me sta giocando tutt'altro, si fa le pippette col pallone, è molto diverso. Se non si elaborano schemi offensivi e si velocizza di nuovo la manovra, segnare sarà sempre più complicato, perché hanno capito che conviene aspettarci, spuntati e segaioli come siamo. Se continuiamo così, più che dalle parti del Barcellona di Guardiola, siamo vicini alla Roma di Luis Henrique, che aveva una difesa molto meno organizzata, ma anche uomini che vedevano più la porta, in attacco.

    RispondiElimina