.

.

domenica 6 gennaio 2013

Yellow Submarine

Enigmatici, un po’ mistici, molto enigmistici, abbiamo reagito così all’acquisto di pepito Rossi, in un rebus di emozioni che ci ha spinto a raccontare la vita di Padre Pato, che ha stimmate muscolari permanenti, che oltretutto è papero e non Pio come il pulcino. Uno strano comportamento, che è come se Boateng si fosse incazzato perché qualcuno gli ha dato del pata negra, come se volessimo imbarcare tutti i razzisti su un Boateng 747 con scalo, anzi con lo sculo per loro di un volo che non avrà nessun scalo, come se invece di un colpaccio avessimo avvertito un dolorosissimo crampo al polpaccio. Orizzontale o verticale che sia, il nostro pensiero torna oggi finalmente al calcio giocato, si fa presto a dire calcio, sperando che qualcuno ancora frastornato da quel quesito della Susy che sono i sentimenti, non vada invece a pescare, o che perscara-manzia non usi la cartomanzia per conoscere il risultato delle proprie analisi del sangue. Un pepito in tribuna potrebbe dare inizio ad una nuova epoca, quella della caccia all’oro, Firenze come il nuovo Klondike, Pradé nuovo Re Mida, e noi con ancora il pandoro sullo stomaco a setacciare i tre punti dal fondo della classifica del Pescara. Lasciamoci alle spalle le palle di Natale, quella sensazione bastarda di aver ecceduto troppo con la mostarda, ma se tra i buoni propositi c’era anche quello di non dire più spropositi, dopo l’acquisto di Rossi, parlare di Pato significa aver ecceduto anche con il pan pepato. La Lazio intanto non paga dazio, quindi la nostra risposta dovrà essere una vittoria secca, un trionfo che sia anche una risposta al trionfo di frutta secca che ci ha visti sgranocchiare come scoiattoli per tutte le feste. Mi auguro che la squadra scenda in campo con il giusto atteggiamento in modo da sbrigare velocemente la pratica Pescara, e mi auguro poi che in caso di acquisto di Larrondo non si parli di Robinho, e non voglio pensare cosa potrà venire fuori dall’arrivo di Vecino che oltretutto arriva da così lontano. Una volta precisato poi che pepito non è Delio, e che probabilmente sul suo crociato ci sarà bisogno di una crociata per rincuorare i più timorosi, che se sarà Pescara bisognerà pescare la vittoria, e se qualcuno invece andrà a pescare suggerisco come esca quell’indeciso di Massimo Mauro, indeciso nel senso che è ancora al nome figuriamoci quando si deciderà per il cognome, per dire che oggi ritroveremo tutte le sensazioni, quelle più sgradite come il commentatore Sky, ma anche, speriamo, il sapore della vittoria e quindi delle vertigini. Lo dico a chi non ha smaltito ancora del tutto le calorie, siccome con il sottomarino giallo sono già arrivati Gonzalo, Borja Valero e Pepito Rossi, Sottomarino giallo che non c’entra niente con il cartellino che verrà sventolato a Pizarro, non aspettiamoci che adesso che manca solo il quarto Della Valle faccia scendere sulla Pescaia di Santa Rosa pure  Ringo Starr.

81 commenti:

  1. Chiarificatore6 gennaio 2013 10:06

    L'editoriale di Pollock mi suggerisce tre interrogativi:
    1) Zeman ha detto che gli insulti sono tutti uguali e che lui non riesce a distinguere le offese più importanti. Sarà mica anche un po' idiota questo Zeman?
    2) Il vero Re Mida è Montella, e se saprà valorizzare Pepito Rossi come ha fatto con gli altri  non  vi pare che il paragone si potrà iniziare a farlo tra Pepito Rossi e Roberto Baggio?
    3)Ammesso e non concesso che l'uscita del portiere cagliaritano su Klose, punita con ammonizione e rigore, sia stata un po' scomposta, che dire di quella di Martina su Antognoni che, se non ricordo male, non fu punita, né con l'ammonizione né con un calcio di rigore?

    RispondiElimina
  2. Ecco l'andamento del valore di mercato di Rossi su transfertmarkt. Come si vede c'è una crescita costante fino a 30 milioni e un inevitabile calo a 10 milioni. Se torna a giocare può traquillamente riacquistare il suo valore naturale, vista anche l'età. Fosse un titolo di borsa si direbbe che ha tutte le caratteristiche dell'azione da acquistare. http://www.transfermarkt.it/it/giuseppe-rossi/mwverlaufgraph/spieler_19104.html

    RispondiElimina
  3. Per le ragioni già sviscerate da Vitalogy, le valutazioni virtuali dei giocatori mi interessano poco più che niente...Ad esempio se guardi Pato, ceduto dal Milan al Corinthians per 15 milioni, trovi che per questo sito ha già un valore di mercato di 25. Le spiagge brasiliane hanno effetti taumaturgici? Poi un paio di cose mi devi spiegare, su Osvaldo: perché al suo top avrebbe, come hai scritto l'altro giorno, un valore di 10 milioni? E perché mai non sarebbe più suscettibile di incremento di valore, avendo un solo anno in più di Rossi?

    RispondiElimina
  4. Chiari (1) Zeman è un bastian contrario e ama provocare con i paradossi, ha anche detto però che il problema è nell'educazione delle persone, e nella prevenzione, ossia non far entrare certa gente allo stadio, mentre invece le società se li coccolano (2) Baggio, e tantomeno Messi, non si diventa a 26 anni...godiamoci Rossi per quel che è, sperando torni quello di prima, ma non accostiamolo a certi fuoriclasse, si rischia solo di ingenerare delusione (3) non ricordo assolutamente cosa successe dopo lo scontro Martina-Antognoni...Ieri credo sia stato scandaloso il rigore, a meno che non ricordi male il regolamento: l'arbitro non può dare il vantaggio perché Klose ha tirato prima del contatto col portiere, aspettare di vedere dove va il pallone, e poi fischiare il rigore quando vede che non entra in porta.

    RispondiElimina
  5. La cifra di 30 milioni di euro risulta anche da un articolo della Gazzetta in cui si delineava prima dell'infortunio un accordo tra Villareal e Barcellona per Rossi.
    La trattativa: affare da 30 milioni di euro.
    Giuseppe Rossi sempre più vicino al Barcellona.
    Per l'attaccante italiano del Villarreal pronto un contratto di 5 anni da circa 3 milioni a stagione.
    La Gazzetta non presenta la cifra come mirabolante perchè non lo era. Se poi non ci vuoi credere Deyna liberissimo, ma le cifre erano quelle e su quelle cifre credo si sia ragionato a Firenze al momento di prenderlo. L'argomento secondo il quale non si può conoscere il valore di un giocatore non venduto è capzioso. Certo, nel dettaglio risulta impossibile: ma che Ibra o Messi valgano una certa cifra e che Larrondo ne valga un'altra lo sanno tutti anche prima che sia messa la firma sul contratto.

    RispondiElimina
  6. Con tutto il rispetto Lud, accetta un consiglio: lascia perdere quei siti, e quegli articoli... ci sono talmente tante variabili legate al prezzo di un cartellino che è veramente impossibile stabilire un prezzo realistico.

    RispondiElimina
  7. La trattativa tra Villareal e Barcellona per Rossi non e' una invenzione di "certi siti", ma una notizia di Marca e della Gazzetta. Le cifre erano quelle, da 25 a 30 milioni. Poi il Barcellona scelse Sanchez ma per Rossi c'era un forte interesse. Louis non cadiamo nello scetticismo: i prezzi si conoscono e dire che sono impossibili da sapere è ipocrisia.

    RispondiElimina
  8. Chiarificatore6 gennaio 2013 13:04

    Certo, Deyna, che campioni non si diventa ma in buona misura si nasce, ma il calcio  è un gioco, dove le circostanze, gli episodi e la fortuna hanno un ruolo decisivo nel dare ad un campione tutte le possibilità di dimostrare tutto il suo valore. Io ad esempio penso che Antognoni sia il più grande calciatore italiano di tutti i tempi,  e che solo le circostanze, gli episodi e la (s)fortuna abbiano impedito che questo fatto fosse universalmente evidente e riconosciuto. Prova a pensare ad Antognoni per 15 anni, senza infortuni, nel Milan e in nazionale ma da milanista e con tanto di spalla al suo servizio in maglia azzurra. Per questo, secondo me, a Pepito Rossi, già campione, con Montella e in questa Fiorentina, potrebbero dischiudersi circostanze molto favorevoli e capaci di esaltarne ulteriormente l'enorme talento. E visto che le condizioni soggettive ed  al contorno esistono tutte, perché negarle o nasconderle?

    RispondiElimina
  9. Confermo, il prezzo reale di un giocatore è quello per cui è venduto nella realtà. Finché si resta nel virtuale, come dice Louis le variabili sono infinite, come pure le false voci di mercato e le finte trattative-specchietto per le allodole per sviare gli avversari, o indurre i proprietari del cartellino di un giocatore che interessa ad abbassarne il prezzo...Il Barcellona può anche avere avuto davvero un puorparler col Villareal per Rossi, chi lo sa, ma quando ha voluto comprare un titolare ha preso Sanchez. Il Manchester United poteva prelevare Rossi quando voleva, per un accordo precedente che ne fissava il prezzo a 15 milioni, ma Fergusson non ci ha nemmeno pensato...Il giocatore è [sarebbe, per ora] buono, ma non esaltiamolo oltre misura, perché poi la delusione è inevitabile, se ci si aspetta uno del livello di Baggio o Mutu. Sul sitone scrivi proprio di dargli tempo e di non contestarlo se non fa subito due gol a partita, ma dicendo che è più forte di Pato o di altri campioni, o dicendo che è un top player da Barça, stai creando le premesse proprio per questo, Lud. 

    RispondiElimina
  10. Ebbè, se lo dicono Marca e...LA GAZZETTA! allora è sicuro. Comunque sia, per tutta la serie di ragioni spiegate ieri da Vita, i giocatori li voglio valutare dal valore reale, tecnico, non dal prezzo reale o fittizio, perché a me indica davvero poco. In quegli anni, Ranocchia, Criscito e Bonucci venivano acquistati a 25, 15 e 15 milioni. Li valevano? Cos'è successo a Pato in pochi giorni trascorsi in Brasile, per vedere aumentare il valore del suo cartellino da 15 [cifra per cui è stato venduto] a 25 milioni? E ancora non ho capito, su Osvaldo: perché al suo top avrebbe, come hai scritto l'altro giorno, un valore di 10 milioni? E perché mai non sarebbe più suscettibile di incremento di valore, avendo un solo anno in più di Rossi?

    RispondiElimina
  11. Buongiorno africanoGiorno a tutti.Vengo proprio ora ad aprire il sitone e mi imbatto in un lungo post di Ludwigzaller
    Lud,devo
    ricredermi,credevo che evessi una vena artistica,ma non la credevo
    condita di malvagita'.In pratica da solo,senza contraddittorio,senza uno
    straccio di riferimenti se non quelli che ti sei inventato,hai
    costruito un post inutile,polemico,inutilmente  polemico,basato su
    l'artefazione scientifica dei pensieri altrui,per il solo scopo di far
    casino,senza che nessuno all'infuori di te ne senta il bisogno.Post
    basato su affermazioni altrui completamente false o falsate.Penso che
    vista la lunghezza tu ci abbia amche lavorato di tempo oltre che di
    evidente fantasia,al che uno si chiede?Chi cazzo mai ha ipotizzato Pato a
    Firenze?A chi cazzo frega qualcosa dei problemi di Pato?Chi si
    autoflagella per l'arrivo di Rossi?Poi e'un crescendo,scusa la
    franchezza,di fregnacce,dove l'apice lo raggiungi nell'ultimo
    rigo.Tralascio per educazione quello che personalmente penso di questo
    tuo post che io leggo come offensiva,subdola e strisciante volonta'di
    creare polemica nei confronti di molti di noi su questo blog.Mi hai
    molto deluso,caro Lud,e a niente serviranno i tuoi distinguo ai quali ci
    hai abitato.
    Se
    avevi qualcosa da dirci qui lo hai sempre fatto in liberta'e nonostante
    la tua immarcescibile caratteristica di stravolgere parole e pensieri
    altrui,ti abbiamo sempre risposto,ma andare a gettare un sasso nello
    stagno sitone con falsita',cercando appigli polemici da altri utenti per
    cotruirne un caso condito di 100 post dove ti ergerai a giudice,per me
    hai toccato veramente il fondo.
    Stammi bene
    Lele
    P.S.scusatemi se h utilizzato il plurale
     

    RispondiElimina
  12. Chiari, Antognoni avrebbe fatto sicuramente molto di più, ma della sua generazione penso sia considerato comunque l'italiano più forte...Rimanendo al solo calcio moderno, penso che Rivera avesse forse qualcosa di più, anche se ha avuto il limite di non averlo espresso che in piccola parte nelle grandi competizioni con l'italia. Però qualcosa si deve comunque vedere, Rossi non ha mai mostrato i numeri eccezionali di Baggio, non ha quella tecnica, non può fare certe cose in nessun contesto, nemmeno se lo metti accanto a Messi, Xavi e Iniesta. Al di là delle caratteristiche tecniche, credo che il suo valore assoluto, raggiungibile,  sia dalle parti di Signori, di Chiesa, di Di Natale, di questo tipo di giocatori. Che è tutt'altro che poco, eh! Infatti Di Natale, pur 36enne, lo vorrei ancora.

    RispondiElimina
  13. Ragazzi, scusate... Premesso che l'arrivo di Rossi dovrebbe farci più che contenti, visti i precedenti, nemmeno troppo lontani, targati Santiago Silva e Amauri, mi pare si stia facendo un po di casotto, soprattutto da parte Tua, Lud. Senza rancore. Non ho letto tutta la diatriba tra te e Deyna, però il solo fatto che tu attribuisca ad uno come Osvaldo un valore massimo di 10 milioni quando i fatti, ripeto i fatti, e non le chiacchere tra di noi, testimoniano che la Roma lo ha pagato 18 cucuzze dall'Espanyol, mi sembra una bella forzatura. Io credo, ma questa è una opinione, che il potenziale TOTALE dell'italoargentino non si sia ancora visto, e forse non lo vedremo mai, perchè anche questo, quanto a testa, non è che sia proprio uno stinco di santo... l'ho visto ieri in una intervista sky con quegli occhiali stile Johnny Deep e mi ha fatto sganasciare...  Molti amici, anche dell'ambiente, mi hanno detto che sia un bravissimo ragazzo ed un buon professionista, lo fregano atteggiamenti alquanto "estrosi" fuori campo (ricordate la ferrari dopo neanche un mese di Firenze?) che, purtroppo, oggi pesano anche su tutto il resto. Quanto al valore dei giocatori, ripeto, l'UNICA cosa che fa testo, è il vaore realmente pagato da una società all'altra al momento del trasferimento. Per come la vedo io, e qui sono più dalla tua che non da quella di Deyna&Co., quanto scucito per Rossi è sempre e comunque un affare perchè conosco il giocatore e sono convinto che SE torna chi era, e lo può fare, vista la testa del ragazzo, presto i 15 milioni saranno molti di più. Ma lasciamo i valori dei giocatori a quanto stabilito dai trasferimenti tra società. Che poi si possa pagare uno più o meno del proprio valore è altro discorso e ci pensa il giudice insandacabile, il campo, a stabilire il verdetto.

    RispondiElimina
  14. Proprio nel sito citato da Lele ho scritto: "Osvaldo ha già raggiunto la sua massima valutazione, difficilmente tra due o tre anni offrirà altre possibilità di plusvalenza. Di più: la Roma avrebbe potuto tranquillamente incassare i 15 milioni versati da noi per Osvaldo ed impiegare i due terzi della cifra per acquistare Rossi, ma per fortuna queste operazioni felici di mercato al momento sono nostra prerogativa". Quindici milioni dunque il prezzo che ho ipotizzato in una trattativa tra la Fiorentina e Osvaldo. Di questi 15 la Roma poteva girarne 10 al Villareal cioè 2/3 per comprare Rossi. Louis, meno male che sono io che non leggo! Lele non ho scritto sul sito maggiore per evitare il confronto con voi ma perchè l'argomento mi pareva di interesse generale. La discussione sui limiti e i pregi di Rossi non è stata prerogativa esclusiva del sito di Pollock. Ad esempio, come ho spiegato, a sostenere che sarebbe stato meglio acquistare Pato è stato, sull'altro sito, un certo signor Gino_p che non conosco. Di qui le mie osservazioni che sono state poi commentate da Deyna e altri. Che il prezzo di Osvaldo non possa crescere si spiega con un fatto molto semplice: Osvaldo è sano, la sua valutazione può crescere solo a suon di goal o prestazioni super: non impossibile, certo, ma molto difficile. Rossi invece crescerà di valore guarendo. Se l'hanno pagato 10+5 da convalescente, Pradè e Macia evidentemente lo valutano molto di più quando tornerà al massimo della forma. Sennò sarebbero dei fessi e fessi non sono. Pato invece è attualmente sottovalutato proprio perchè ha problemi fisici e psicologici. Il giorno che tornasse al top potrebbe anche lui scontare un incremento di valore. Ma a me pare che i problemi di Pato siano ben più gravi di quelli di Rossi. 

    RispondiElimina
  15. Chiarificatore6 gennaio 2013 14:14

    Strepitose nuove da Udine.

    RispondiElimina
  16. Vorrei aggiungere che Rossi è italiano e questo aspetto credo che conti per i Della Valle, che non vogliono una Fiorentina tutta straniera. Io non sono nazionalista, tutt'altro, ma credo anch'io che una certa presenza di giocatori italiani non sia disprezzabile, specie se si parla di giocatori nel giro della nazionale come Aquilani o lo stesso Rossi. 

    RispondiElimina
  17. Sta per cominciare la partita, rispondo dopo...Alè Viola!

    RispondiElimina
  18. Sarà anche scarso Perin.........ora si dirà che erano tutte parabili, a me non pare. L'1-0 lo ha negato lui, nient'altro. 

    RispondiElimina
  19. Sì erano tutte parabili, ma un portiere capace para ciò che è parabile. I nostri poi, quanto alle occasioni avute, hanno fatto ciò che potevano, Toni a parte. Peccato per la deviazione sul tiro di Aquilani, dato che sembrava ben indirizzato.

    RispondiElimina
  20. Tutte parabili.......e facili aggiungiamolo......

    RispondiElimina
  21. Incredibile occasione persa oggi. Dopo il primo tempo temevo un calo, mai avrei pensato di non bucare una squadra scarsa come il Pescara....

    RispondiElimina
  22. Perin,Lele,nato a 37 km da casa mia,zona pontina.Era già un crack a 14 anni,acquistato prestissimo dal Genoa;ha giocato in tutte le nazionali,a Padova l'anno scorso ha fatto fuori entrambi i titolari(presunti)ed è sottoposto a una media di 35 tiri nella sua porta a partita.5/6 punti del Pescara sono tutti suoi.Molto anarchico all'apparenza,in realtà è un portiere all'olandese,tra l'altro molto serio e con piedi piantati a terra(non quando gioca....eh eh eh eh).Capello anni '60.
    Questo il mio post di ieri sera........................................................................sic!

    RispondiElimina
  23. Consolazione da Torino con il colpaccio del Doria del tanto sbeffeggiato Delione....

    RispondiElimina
  24. Queste sono le classiche domeniche che mi mandano in bestia e mi lasciano il nervoso per giorni interi... quando l'avversario non passa MAI la metà campo e alla prima mezza occasione ti fa gol, su deviazione e con uno che manco doveva essere ancora in campo, capisci subito che è meglio spegnere tutto e andare a fare una girata, invece di continuare a smoccolare davanti alla tv...


    p.s. Lele, era meglio se anche su Perin mi sbugiardavi in stile De Rossi, sic...

    RispondiElimina
  25. Orcio tanto scarso il Pescara non è, e gli ultimi risultati in campionato, da quando è arrivato Bergodi erano li a dimostrarlo. Perin era in giornata, è un ottimo portiere, il migliore in campo oggi e questo esclude un calo di concentrazione nostro, un atteggiamento sbagliato o un approccio errato. Il primo tempo doveva chiudersi almeno 1-0, forse di più. Il secondo tempo siamo stati meno brillanti e parecchio più imprecisi ma il Pescara intasava tutte le corsie disponibili, non c'era spazio, evidentemente eravamo lenti, non si attaccava la profondità in velocità e gli sbocchi si sono ridotti a parecchi tiri da lontano e un paio di colpi di testa in area. Di drammatico non è successo niente, giramento forte di coglioni si, perde l'Inter, la Juve e noi, non ci voleva, era una bella spallata alla classifica. Stasera è probabile che il Napoli ripassi avanti, insomma, era un turno da sfruttare meglio. Peccato.

    RispondiElimina
  26. Chiarificatore6 gennaio 2013 17:37

    Risultato ingiusto, il gioco del calcio purtroppo qualche volta è anche questo. Perin ha fatto buone parate ma non i miracoli. Da recriminare per le tante occasioni dove è mancata la precisione ed in particolare per un paio, clamorose, capitate a Toni dove poteva fare molto meglio.Nel secondo tempo il doppio colpo, gol subito ed infortunio a Pizarro,  ci ha tagliato le gambe.Fare però dei processi a questo o a quello mi sembra altrettanto ingiusto quanto il risultato. Quando le cose vanno così qualsiasi altra cosa si fosse fatta sarebbe stato meglio, ma anche se si rigiocasse la partita con la stessa formazione altre dieci volte le vinceremmo tutte. Proviamo a consolarci, almeno in parte, con le sconfitte di Inter e Juventus, altrettanto clamorose ed impreviste.

    RispondiElimina
  27. A più tardi per commenti più compiuti alla partita, ho ancora tutta una serie di moccoli da smaltire. Di Perin se ne parlava tempo fa con Sopra, Louis ed altri, per il poco che l'avevo visto mi aveva impressionato molto, sia per alcune ottime parate, sia per delle cappelle altrettanto notevoli. Però se sai fare quelle parate, crescendo puoi limitare le cappelle fino a lasciartene un paio a stagione, per quello chiedevo a chi l'aveva visto di più...Oggi l'ho osservato bene [purtroppo], continua a sembrarmi un portiere anomalo nello stile, un po' come Marchetti. Non mi piace molto come para - preferisco portieri più classici ed eleganti, tipo De Gea - ma devo dire che è tremendamente efficace. Mi dà anche l'impressione di "coprire la porta" con molta presenza, scoraggiando un po' gli attaccanti. E' un'impressione, non quantificabile come altre cose, ma è una cosa che mi sembra un po' mancare a Neto - forse l'unico neo che gli trovo - nonostante l'altezza. Sul sitone Dubbio dice che Leali è molto più forte e pronto di Perin, qualcuno lo conosce? Aspettiamo di vedere cosa dice Jordan. 

    RispondiElimina
  28. Ferite africane



    PRIMO TEMPO:il Pescara che ci si attendeva,niente davanti,gran pressing e
    ovvi falli,sperando nel portiere che come gli orsi si e'svegliato dal
    letargo.La domanda e',ma proprio oggi?Comunque siamo imprecisi in fase
    gol.Almeno tre enormi occasioni tirate addosso al portiere,una
    ciabattata indegna di Pasqual,mentre sulla testa di Aquilani il merito
    e' di Perin.Jove deve andare ad occupare la sinistra cosi'da allargare
    anche per un eventuale entrata di Seferovic.Piu'pressing alto e il gol
    arrivera'.

    SECONDO
    TEMPO come due labbrate.Si son dati per scontati questi 3 punti ed
    eccoci qui a leccarci le ferite.Se nella prima frazione non abbiamo
    concretizzato,almeno il gioco scorreva fluido e con piu'attenzione
    davanti alla porta si era qui a commentare una goleada.Invece nel
    secondo tempo siamo stati poco organizzati,poco sciolti,e presatazioni
    modeste di alcuni hanno fatto il resto.Nemmeno prima del primo gol si
    dava profondita',poi beccato lo 0 a 1(che a causa del blocco stream non
    ho visto)ci siamo intestarditi e contratti.A parte qualche tiro da
    lontano non si e'vista efficacia.Abbiamo sfruttato le fasce molto
    male,dove Pasqual e'tornato ai livelli mediocri,e Cuadrado che non e'
    parso brillante come nel primo tempo.Ci siamo scontrati con la prima
    partita ai livelli accreditati a Perin che fin qui aveva lasciato molte
    perplessita',fugate oggi.Tecnicamente non m'e'garbata la sostituzione di
    Toni,non perche'brillasse,ma era l'unico in grado di inzuccare in
    un'area zeppa;mettere Ljiajc insieme a Jovetic e Mati,si fa possesso
    fino al limite,ma cercare di passare coi triangoli,poi si sbatte nel
    muro.Questo leit motiv e'quello che io e pochi altri,dibattiamo quando
    si chiedeva una punta come Osvaldo Damiao,e anche Di Natale,una punta
    cioe'in grado di lavorare  davanti come fa Toni,ma con molta
    piu'qualita' e mobilita'.Una partita del genere e'difficile che la
    risolvi con una punta esterna come Rossi.Quindi  prendiamola bene,che
    niente e' perso,siamo sempre in netto vantaggio su tutte  le
    piu'ottimistiche previsioni,siamo capaci di recuperare anche in
    trasferta e magari queste due labbrate ci fanno pure bene che si torna
    coi piedini sulla terra ferma.
    Infatti,Sopra,avevi ragione.Io avevo scritto:speriamo non cominici domani a dimostrarlo...sigh sigh.
     
    Lele
     

    RispondiElimina
  29. Sulle parate, erano quasi tutte non difficili, ma quella sul colpo di testa di Tomovic è un capolavoro. Anche quella su Aquilani era tutt'altro che scontata, ha anticipato bene il rimbalzo del pallone...

    RispondiElimina
  30. Chiarificatore6 gennaio 2013 18:13

    Sì Deyna, quelli che dici tu sono stati i due interventi più belli e soprattutto più spettacolari di Perin, che dimostrano ottimi riflessi, tuttavia su tiri non proprio imparabili che se sei in giornata di vena ti fanno fare bella figura. E' stata una di quelle partite dove un portiere più para più  si galvanizza più produce adrenalina e più si sente imbattibile. Sono curioso di conoscere l'opinione di Jordan.

    RispondiElimina
  31. TOCCA L'ALBICOCCA6 gennaio 2013 18:14

    Vedo ora il tabellino delle presenze allo stadio che mi conforta,23000 spettatori con la squadra in cima alla classifica,in un giorno di festa,niente pioggia,temperatura accettabile e non particolarmente umido almeno a giudicare dalla brina che non c'era sopra la sella del motorino a fine partita.
    In compenso c'era da salutare l'arrivo di Pepito Rossi.ma questa città non riesce a portare allo stadio nemmeno 25000 persone.
    Io fossi DV non investirei nemmeno un euro,nè per la squadra nè per lo stadio.
    Il sesto posto per i quattro gatti che siamo è anche troppo,vergogna...

    RispondiElimina
  32. Primo tempo perfetto,geometrico,sintetico nella trama per arrivare a creare le occasioni ma un ottimo portiere nega i gol.Ineccepibile in tutto la viola del primo tempo,se non nella stoccata finale.Un paio di tiri erano "dritti dritti",un paio hanno dimostrato la bravura del n.1 pescarese.Ottimo Neto nell'unica parata all'apparenza semplice,uno scatto ed un movimento che il portiere partito titolare ad inizio stagione avrebbe reso drammatica.Secondo tempo senza nervo,senza cattiveria,senza geometrie.La Maginot adriatica regge grazie a falli tattici perfetti ed un arbitro che dimentica di ammonire,con rosso a rimorchio,sia Jonhas sia Nielsen.Pizarro bersagliato,colpito e affondato,Valero meno dinamico,Aquilani con poca responsabilità in fase propositiva;Cuadrado ottimo nelle due fasi,spompato alla fine e Pasqual molto sottotono(se giochi con Toni mi attendo più cross...).L'intensità,a tratti caotica,contraddistingue ancora la viola ma forse un paio di palloni gettati per creare mischie con botte di culo incorporate non avrebbero guastato,dopo l'85o.Nulla è perduto,un incidente di percorso per una squadra in crescita,un contrattempo rimediabile,l'importante è guardare a chi sta avanti e non a chi sta dietro,tanto anche oggi il rigore inventato è stato di nuovo creato dal nulla a Milano.(Noi siamo così ligi che neanche abbiamo tentato l'uno contro uno per cercare il falletto che forse Giacomelli avrebbe fischiato.
    NETO:5,5 Sul secondo gol forse poteva fare di più.Forse.
    RONCAGLIA:5 Weiss il 2o tempo lo porta a spasso,imperdonabile l'errore in quel frangente.
    TOMOVIC:5,5 Quando becchi due gol non sei esente da colpe...
    SAVIC:5 Non ha un vero avversario davanti e questa è un'aggravante per il moro.
    AQUILANI:5,5 Fa il compitino,meglio nei contrasti che nelle proposizioni di gioco ma in questo tipo di match occorrerebbero i suoi tiri da fuori,alcune sue invenzioni,invece delega...
    VALERO: 6 Di stima e di media tra primo e secondo tempo(da 5 per i movimenti a vuoto).
    PIZARRO:7 l'unico,inappuntabile,preciso,mai in difficoltà e sempre lucido,addirittura va più in profondità del solito e rincula più del solito.Monumentale.Come la sua futura assenza.
    CUADRADO:6,5 Primo tempo da Varenne sudamericano,molto dedito alla causa,cerca la conclusione più di quanto abbia mai fatto.Nel secondo tempo non riesce più a dialogare,a triangolare con nessuno;perde di profondità,perde ossigeno,apnea.
    PASQUAL:4 Oggi il nulla aveva la fascia da capitano;impreciso,molle,sbilenco nel calciare.
    JOVETIC:6 In progresso,in crescita ma ha sempre un cane alle calcagna;costretto a girare troppo alla larga dall'area,dove sarebbe più pericoloso nel cercare il contatto e quindi una massima punizione.Lo spunto con overdrive è tornato,manca l'acuto risolutivo,che non avrà per ancora molto se continua a stare a 20 metri dalla porta.
    TONI:6 Buon primo tempo ma la dea bendata non toglie lo straccio davanti agli occhi e quindi....Poco servito con cross alti,causa un Pasqual ad alzo zero.
    I TRE ENTRATI: 5 Non cambiano l'inerzia del match.
    MONTELLA: 6 Primo tempo a chiedersi come finiva a Napoli e a Roma con Perin in porta alla viola,secondo tempo dove o non da suggerimenti o non viene ascoltato:impossibile che il canovaccio della partita non sia mai stato cambiato.
    PUBBLICO DI FIRENZE: 8 Maturo per grandi traguardi.
    COLONEL BLIMP: S.V.
    G.ROSSI:8 per l'acquisto,4 per l'euforia che potrebbe aver innescato in maniera deleteria,oggi.....eh eh eh eh eh eh.Quindi 6 per la partecipazione.

    RispondiElimina
  33. Lele, non mi pare proprio che si possa imputare a Giuseppe Rossi la sconfitta di oggi, visto che era in tribuna. Non credo proprio che il problema sia consistito nella mancanza della punta d'area. Se mai nel primo tempo avrebbe fatto comodo una punta più veloce e più fredda in zona goal, proprio come Rossi. Nel secondo tempo qualche rimpianto per la mancanza di El Ham, che aveva già risolto situazioni analoghe con i suoi goal pesanti. 

    RispondiElimina
  34. S'è perso il mio post con commento e pagelle....GUBERNATOR aiuto!

    RispondiElimina
  35. Mai più in AfricaEhy,LUD,guarda di smetterla di mettermi in bocca parole e ragionamenti che non ho fatto.
    Lo so che ti piace e sei un maestro in questo,ma non farlo piu'con me.
    Grazie
    Lele
     

    RispondiElimina
  36. Sopravvissuto


    Primo tempo perfetto,geometrico,sintetico nella trama per arrivare a
    creare le occasioni ma un ottimo portiere nega i gol.Ineccepibile in
    tutto la viola del primo tempo,se non nella stoccata finale.Un paio di
    tiri erano "dritti dritti",un paio hanno dimostrato la bravura del n.1
    pescarese.Ottimo Neto nell'unica parata all'apparenza semplice,uno
    scatto ed un movimento che il portiere partito titolare ad inizio
    stagione avrebbe reso drammatica.Secondo tempo senza nervo,senza
    cattiveria,senza geometrie.La Maginot adriatica regge grazie a falli
    tattici perfetti ed un arbitro che dimentica di ammonire,con rosso a
    rimorchio,sia Jonhas sia Nielsen.Pizarro bersagliato,colpito e
    affondato,Valero meno dinamico,Aquilani con poca responsabilità in fase
    propositiva;Cuadrado ottimo nelle due fasi,spompato alla fine e Pasqual
    molto sottotono(se giochi con Toni mi attendo più
    cross...).L'intensità,a tratti caotica,contraddistingue ancora la viola
    ma forse un paio di palloni gettati per creare mischie con botte di culo
    incorporate non avrebbero guastato,dopo l'85o.Nulla è perduto,un
    incidente di percorso per una squadra in crescita,un contrattempo
    rimediabile,l'importante è guardare a chi sta avanti e non a chi sta
    dietro,tanto anche oggi il rigore inventato è stato di nuovo creato dal
    nulla a Milano.(Noi siamo così ligi che neanche abbiamo tentato l'uno
    contro uno per cercare il falletto che forse Giacomelli avrebbe
    fischiato.
    NETO:5,5 Sul secondo gol forse poteva fare di più.Forse.
    RONCAGLIA:5 Weiss il 2o tempo lo porta a spasso,imperdonabile l'errore in quel frangente.
    TOMOVIC:5,5 Quando becchi due gol non sei esente da colpe...
    SAVIC:5 Non ha un vero avversario davanti e questa è un'aggravante per il moro.
    AQUILANI:5,5
    Fa il compitino,meglio nei contrasti che nelle proposizioni di gioco ma
    in questo tipo di match occorrerebbero i suoi tiri da fuori,alcune sue
    invenzioni,invece delega...
    VALERO: 6 Di stima e di media tra primo e secondo tempo(da 5 per i movimenti a vuoto).
    PIZARRO:7 l'unico,inappuntabile,preciso,mai
    in difficoltà e sempre lucido,addirittura va più in profondità del
    solito e rincula più del solito.Monumentale.Come la sua futura assenza.CUADRADO:6,5
    Primo tempo da Varenne sudamericano,molto dedito alla causa,cerca la
    conclusione più di quanto abbia mai fatto.Nel secondo tempo non riesce
    più a dialogare,a triangolare con nessuno;perde di profondità,perde
    ossigeno,apnea.PASQUAL:4 Oggi il nulla aveva la fascia da capitano;impreciso,molle,sbilenco nel calciare.JOVETIC:6
    In progresso,in crescita ma ha sempre un cane alle calcagna;costretto a
    girare troppo alla larga dall'area,dove sarebbe più pericoloso nel
    cercare il contatto e quindi una massima punizione.Lo spunto con
    overdrive è tornato,manca l'acuto risolutivo,che non avrà per ancora
    molto se continua a stare a 20 metri dalla porta.TONI:6 Buon primo
    tempo ma la dea bendata non toglie lo straccio davanti agli occhi e
    quindi....Poco servito con cross alti,causa un Pasqual ad alzo zero.I TRE ENTRATI: 5 Non cambiano l'inerzia del match.MONTELLA:
    6 Primo tempo a chiedersi come finiva a Napoli e a Roma con Perin in
    porta alla viola,secondo tempo dove o non da suggerimenti o non viene
    ascoltato:impossibile che il canovaccio della partita non sia mai stato
    cambiato.PUBBLICO DI FIRENZE: 8 Maturo per grandi traguardi.COLONEL BLIMP: S.V.G.ROSSI:8
    per l'acquisto,4 per l'euforia che potrebbe aver innescato in maniera
    deleteria,oggi.....eh eh eh eh eh eh.Quindi 6 per la partecipazione.



     

    RispondiElimina
  37. Lele sbaglio o hai detto che oggi non si è vinto perchè ci manca una punta centrale e che quindi l'acquisto di Rossi è un errore? Ecco, io trovo che chiamare in causa Rossi oggi sia poco sensato. Sennò che vuol dire quando scrivi: "Questo leit motiv e'quello che io e pochi altri,dibattiamo quando si chiedeva una punta come Osvaldo Damiao,e anche Di Natale,una punta cioe' in grado di lavorare  davanti come fa Toni,ma con molta 
    piu'qualita' e mobilita'. Una partita del genere e'difficile che la risolvi con una punta esterna come Rossi".

    RispondiElimina
  38. Deyna spero che ti sarai accorto che l'uscita di Toni ha avuto effetti più devastanti di quella di Pizarro, difatti Montella è corso ai ripari immettendo subito un'altra torre perché palla a terra in area pescarese non entravi neanche se durava 800' questa partita.....

    RispondiElimina
  39. TOCCA L'ALBICOCCA6 gennaio 2013 18:49

    Pubblico di Firenze 8???
    Sopravvissuto mi sorprendi,forse intendevi 8 a quei pochi intimi che anche oggi c'erano.
    Su Firenze e su tutti quelli che regolarmente se ne stanno a casa stenderei invece un velo pietoso insieme a chi,oggi,ha cominciato a sfollare con la partita ancora in bilico.
    Ripeto.Progetto stadio nel cassetto chiuso a due mandate,non ne parliamo più che basta e avanza il Franchi.
    E Larrondo come centravanti l'è anche troppo.

    RispondiElimina
  40. Direi di si,TOCCA,direi di si....8 al pubblico presente.Come ben sai degli assenti non si parla(anche se non condivido questa tesi,in generale).Condivido il tuo punto di vista,una squadra che veleggia tra le prime quattro,dopo due anni di digiuno di bel calcio ed emozioni,che applica buoni prezzi,che annuncia già un ottimo acquisto,che poteva spiccare il volo verso un terzo posto solitario...be' si...avrebbe dovuto avere almeno 30.000 spettatori.L'unica scusante(volendola trovare)potrebbero essere le spese delle festività,il rientro per molti sia al lavoro sia a scuola,l'avversario di basso lignaggio...boh....Mi sa che ho scritto cazzate.......

    RispondiElimina
  41. Andiamo Tocca, non è che da altre parti si veda tanta più gente allo stadio, considera che, volenti o nolenti, cìè una crisi che morde, le pay tv fanno il resto e il Franchi, purtroppo, è uno stadio dove, bene che sei messo, vedi il giocatore più vicino a te, distante 50 metri... Penso, al contrario, che uno stadio nuovo, senza pista nel mezzo a rompere le palle, con un parcheggio decente senza dover perdere ogni volta un'ora a trovar parcheggio ed un'altra a cercare dove cazzo hai parcheggiato la macchina, invoglierebbe non poco la gente a venirci, allo stadio... Deyna, io non so dove l'hai vista la buona prestazione di liacicce... si è mangiato un gol di testa che fossi stato lì sarei entrato in campo a pingercelo io incontro al pallone... il problema è che siamo drammaticamente corti là davanti, col marocchino in africa, in attesa che arrivi Larrondo, sul quale leggo ancora ironia, ma ne riparleremo, anche di lui... sempre che venga...

    RispondiElimina
  42. Leo, Toni vanificava ogni giocata al limite dell'area, rendendo palloni sberciati agli avversari, sbagliava bolsamente davanti alla porta, e Pasqual non azzeccava un cross. Era doveroso cercare di cambiare, del resto Ljajic il gol l'ha sfiorato con una splendida azione personale. Semmai non ho capito la mossa di far uscire Pasqual, e poi mettere dentro un altro potenziale colpitore di testa come Seferovic. Siamo tutti felici per la bella favola del vecchio combattente che riesce ancora a battagliare e a risolvere qualche partita, ma se abbiamo le ambizioni di cui si parla ci vuole ben altro davanti. Anche perché ad ogni modo è estremamente ottimista pensare che Toni riesca ad andare avanti in un buono stato di forma, senza infortuni. Se si fa male, con El Ham in Africa, che facciamo, giochiamo con Seferovic o Larrondo? Mettiamo Ljajic di punta? Io non butterei via questa grande occasione che abbiamo quest'anno, non si ripetono facilmente...E mi unisco a ciò che dice Lele: se proprio abbiamo un budget limitato da investire, avrei lasciato perdere Rossi che se va tutto bene gioca a settembre, e avrei puntato forte su un centravanti di livello che ci possa portare in CL.

    RispondiElimina
  43. TOCCA L'ALBICOCCA6 gennaio 2013 19:19

    Ragazzi,un ci pigliamo per il culo,se fosse una questione di quattrini sarebbero vote maratona e tribuna e piena la Ferrovia che è quella che costa di meno in assoluto.
    Invece è l'incontrario.
    Uno stadio come intendo io,e come questa squadra meriterebbe,non avrebbe permesso
    al signor Giacomelli di fare il brutto e il cattivo tempo indisturbato.
    Ci sono due rigori su Toni nel giro di un minuto e due pescaresi da cacciare senza pensarci nemmeno un attimo,quello che ha falciato da tergo Cuadrado che se ne va in porta e quell'infame che ha stroncato Pizarro che andava espulso prima di segnare e che invece ha chiuso impunito la sua partita.
    State pur certi che a Napoli o a Roma questi lacchezzi un si permettono di farglieli,ma noi
    si vole lottare per la Champions stando in poltrona perchè siamo i più ganzi di tutti...
    Europa League,Larrondo e arzati,date retta a me.

    RispondiElimina
  44. Deyna, se Toni è la bella favola del vecchio combattente, e ottimistico pensare che possa mantenere un buono stato di forma, mi piacerebbe capire come mai si chiede Di Natale.

    RispondiElimina
  45. Toni stava giocando malissimo, ma senza una punta questa squadra fa una fatica della madonna. Oggi non l'avrei tolto. Ad ogni modo, queste partite capitano, non facciamone un dramma.

    RispondiElimina
  46. Perché Toni, Pollock, negli ultimi anni ha una storia di ripetuti stop per infortuni, e mi pare molto improbabile che si mantenga integro e in forma fino alla fine. Anche ci rimanesse, comunque, è buono per qualche partita come quelle dette, per la maggior parte ci vuole ben altro. Di Natale, che pure comincia [ebbè!] a perdere qualche colpo fisicamente, è una macchina da gol "unstoppable", si ferma pochissime volte, ed ha una ben diversa pericolosità, contro grandi e piccine.

    RispondiElimina
  47. Allora, se si vuol dire che, anche oggi, l'arbitro NON ci ha aiutati, posso anche concordare,  come ho scritto subito, dato che il pennellone brasiliano andava espulso ad inizio ripresa per fallo di mano. Se si vuol dire che non siamo visti bene, ne mai lo siamo stati, da palazzo e compagnia cantante, sono ancora concorde. Mi incazzo però quando rileggo la storiella che la colpa dei risultati che non vengono (quando non vengono) è di quelli che stanno in poltrona invece di andare allo stadio. Un po come quando si dava la colpa ai rosiconi degli scorsi anni quando si collezionavano figurette a giro per l'Italia. Se a Roma e Napoli certi lacchezzi non succedono non è certo per colpa o merito degli spettatori di tali stadi. Ho visto il San Paolo mezzo vuoto molto spesso quest'anno. E lo stesso vale per la quasi totalità degli altri stadi in Italia, J.S. escluso. A San Siro oggi ci saranno state, forse, le stesse persone che erano a Firenze, che facendo le debite proporzioni, sono nulla. Io so (e non per sentito dire) che ci sono decine e decine di aziende che ogni mese chiudono, gente con moglie e figlioli che si ritrova di colpo col culo per terra senza sapere chi ringraziare, amici e tifosi che hanno disdetto anche gli abbonamenti alle pay tv (altro che stadio) e vanno a vedere le partite (e neanche tutte) nei vari barre per risparmiare. Penso che ci si prenda per il culo, semmai, a scrivere il contrario... Quanto alla champions, ricordo solo chi ci è andato lo scorso anno, l'Udinese, nota in tutto il mondo per la propria "torcida" ...

    RispondiElimina
  48. Deyna, io penso invece che l'erba del vicino è sempre più verde, e speriamo almeno che con l'arrivo di Vecino questo trend possa cambiare. Toni sta bene fisicamente, e come dimostra soprattutto Zanetti può tranquillamente continuare a giocare. Ma come dimostra anche l'arrivo di Rossi, c'è sempre qualcosa di meglio da qualche altra parte che ci fa allungare il collo.  

    RispondiElimina
  49. TOCCA L'ALBICOCCA6 gennaio 2013 20:13

    Vabbè,pensavo che almeno su questo blog non si distorcesse il pensiero altrui ma vedo che mi sbagliavo.Adesso Louis non ti rimane che incolpare direttamente me della crisi così riscuoterai consensi a non finire.
    Con lo Steaua Bucarest,in Champions e ancora lontani dalla crisi c'erano 18.000 persone.
    Napoli,Milano e Roma sono stadi il doppio dei nostri e quindi sembrano vuoti anche quando ci sono 40000 spettatori.E comunque sia a Roma che a Napoli e Milano le curve sono piene e casomai sono vuoti i settori che costano di più,esattamente l'incontrario di ciò che avviene a Firenze.
    Comunque,visto l'andazzo che hai voluto dare a questa discussione la chiudo sottolineando,ma pensavo che in questo blog non ce ne fosse bisogno,che non mi riferivo,
    ovviamente,nè a chi ha perso il lavoro nè a chiunque abbia problemi ben più gravi ma a
    chi di questi problemi non ne ha ma se ne sta a casa,e ti assicuro che ne conosco diversi.

    RispondiElimina
  50. Sul pericolo che Toni, 35enne, si faccia male, concordo, ed è per questo che, essendo l'unico centravanti che abbiamo, ne invocavo almeno un altro delle stesse potenzialità offensive o di più, ma per subito. Sul fatto che giocasse male oggi non sono affatto d'accordo. Aveva sbagliato un bel goal subito in apertura, ma aveva aperto spazi, si era procurato due rigori, insomma era l'ultimo che vrei levato visto la partita che dovevamo fare anche nell'ultima mezzora. Se si pensa con undici avversari in area di rigore quasi fissi, di entrarci sempre in triangolo stretto vuol dire che non si è capito un cazzo.

    RispondiElimina
  51. Infatti, Tocca, non ti ho incolpato della crisi, semmai di sottovalutarla. Non ci vedo niente di male nel fatto che si svuotino le curve (al limite la ferrovia), la Fiesole mi sembra piena come al solito, perchè chi subisce di più la crisi sono proprio i frequentatori dei settori popolari. A Roma, Milano e Napoli hanno sì stadi molto più grandi, costruiti in proporzione alla dimensione delle città che, difatti, sono, minimo, di dimensione doppia rispetto a Firenze. Se poi ce l'hai con chi non ha problemi economici e viene di rado allo stadio allora dovresti avercela con l'80% almeno di chi scrive qua sopra, e, sineramente, fatico a comprendere come possa essere colpa nostra se oggi l'arbitro non ha espulso questo o quel giocatore o perchè mai dovremmo meritarci Larrondo piuttosto che Messi.... Non voglio dare nessun indirizzo alla questione, al contrario proprio di quanto hai fatto tu, allargando la mia opinione al clima che vige su questo sito. Ecco, questo non mi sembra corretto. Passo e chiudo.

    RispondiElimina
  52. Che qualcuno si possa fare male anche fuori dall'incredibile tetto dei 35, oggi ce l'ha dimostrato Marchisio, e in tribuna c'era un certo Rossi fermo da un anno anche se solo ultraventicinquenne

    RispondiElimina
  53. Vi avevo promesso di osservare Perin ed ecco quello che ho visto. Da come sta in porta, busto eretto, sfrontato, mi ricorda Albertosi e non comincio quindi male col giudizio. In porta ha grandissima reattività, un paio di interventi (non di più, non esageriamo, la maggior parte era roba che doveva prendere) sono stati veramente significativi (quello sul colpo di testa di Aquilani e quello sulla conclusione al volo di Borja). Non l'ho mai visto uscire una volta in presa alta dai pali, nonostante i numerosi cross, non so se è un limite, almeno attuale, o se questa è l'impostazione difensiva del Pescara che gioca raccoltissimo e quindi lascia ai difensori il compito della "difesa aerea". Sarebbe da rivedere sotto questo aspetto ed anche in altra situazione tattica. E' molto più facile per un portiere reattivo, cioè sveglio, atletico e pronto di riflessi come indubbiamente Perin è, parare nella porta del Pescara, che gioca tutto raccolto in spazi stretti che avere da amministrare difese più larghe, magari è bravo anche lì, ma non si è visto. Quindi giudizio molto positivo su quel che ho visto, ma c'è da vedere altro.

    RispondiElimina
  54. Non è Toni che sbaglia i triangoli non ha capito nulla chi glieli chiede! E del resto cercare di entrare in un'area zeppa come la metropolitana di Tokyo in ora di rush a tocchettini e triangolini come abbiamo cercato sempre di fare è roba da manicomio. Queste partite le risolve Vio, con le palle inattive, oppure due ali che sanno crossare in velocità e gente che sa andare in acrobazia, oppure chi sa tirare da lontano. Noi si sembra arsenico e vecchi merletti, molto vecchi merletti e poi l'arsenico per suicidarsi. Poi, quando hai fatto il primo, ti puoi anche divertire e prendere il corbello.

    RispondiElimina
  55. Anche io Toni non lo avrei tolto, non era in gran giornata, come tutti del resto, ma, soprattutto dopo il vantaggio del pescara, era l'unica boa e sfondatore rimasto. Nel primo tempo ho visto un'ottima fiorentina, cambiata anche nel modo di giocare, direi volutamente da parte della guida tecnica. Più veloce, maggiori e più rapidi cambi di fronte, maggior ricerca della verticalizzazione (prima occasione di Toni ad esempio) e minore assiduità nel palleggio. Si è cercato di chiuderla subito, forse timorosi che portare troppo in là il Pescara poteva diventare un rischio, e purtroppo così è stato. Come dicevo prima credo che adesso ci voglia un qualcosa pronto da subito là davanti, perchè siamo inevitabilmente corti, con la partenza di Mounir per la coppa d'africa. Non aspettiamoci grandi botti, almeno per il centravanti, perchè l'investimento per Rossi è stato davvero notevole...

    RispondiElimina
  56. TOCCA L'ALBICOCCA6 gennaio 2013 20:42

    Adesso ti dovrei rispondere che non sottovaluto un bel niente ma ho l'impressione che servirebbe a poco.
    Lasciamo perdere,hai voluto farmi passare per quello che non sono e ci sei probabilmente riuscito,non contento hai aggiunto il carico da 90 dicendo che mi riferivo a voi del blog quando non mi passava nemmeno per l'anticamera del cervello,casomai mi riferivo a te che hai tirato fuori l'argomento offendendomi soltanto nel pensare che mi potessi riferire a chi ha problemi economici.
    Se questo ti ha aiutato a passare una serata migliore son contento per te,avevi qualcosa sul gozzo da dirmi e lo si capisce fin troppo chiaramente.
    Ora me lo hai detto,quindi da superficiale sporco e cattivo ti ringrazio per la sincerità,anche se sono convinto che il Sopra,ad esempio,non si fosse,giustamente,sentito chiamato in causa.
    Nel caso così non fosse mi scuso già da ora.

    RispondiElimina
  57. Lele, ma cosa vuoi che faccia un portiere sul secondo goal, con un avversario che ti viene avanti con mezzo campo libero a palla dominata? Fuori che star lì, accorciando, per coprirgli più porta possibile c'è poco da fare, se poi quello fa come Toni e te la scarica addosso tiri il sospirone se è freddo, anche perchè ne ha anche il tempo, e ti fa il pallonetto la raccatti in fondo al sacco. A uscirgli addosso c'è o da farsi scartare o da beccarsi anche il rosso.

    RispondiElimina
  58. Concordo con Pollock, quando non si vince è Toni che manda in vacca tutte le triangolazioni, quando fa goal sono sorprese casuali che andranno a scemare, se apre le difese è perché son squadrette gli avversari, e se oggi si è mangiato un goal si è perso perché è bolso. Io le partite non le vedo come voi cercando sempre il capro espiatorio, ed oggi, dopo averlo sostituito non si è smesso di arrivare al limite dell'area pescarese ma non ci è riuscito entrare dentro palla a terra come si vorrebbe, e qui Jordan ha già esplicato il tutto, nonostante Cuadrado, Mati, Aquilani, JoJo e Liajic in campo.......Serviva una torre perché si difendevano in 13(!!!) e non si è trovato un buco per entrare in velocità in area, vuoi perché eravamo un po' lenti, vuoi perché eravamo anche leziosi e privi d'incisività, vuoi perché dopo il goal non si è tirato le fila come altre volte, fatto sta che senza una torre oggi quella difesa non si bucava. Di Natale, e che cambia ?! Oggi neanche pepito l'avrebbe scardinata, servivano cross, non quelle ciabattate indegne di Pasqual, difatti è su due cross che siamo stati pericolosi con Tomovic e "quasi" Liajic di testa nel secondo tempo. Rifatevela con Toni quando non si vince, l'agnello è belle e servito, non valutate anche le prestazioni degli altri se dopo aver dominato 45' si esce con due pere sul gobbo in casa con il Pescara! Mortacci vostri........Zanetti gioca ancora, Totti parla di rinnovo per arrivare ai 40 in campo, Toni no, è bolso, goffo, deleterio alla manovra, si si, come no, 6 goal, 3 assist e due rigori procurati, che vuoi, in serie A ce ne sono a bizzeffe così. La punta arriverà, che si chiami Larrondo o altro a me va benissimo purché abbia caratteristiche simili, un'attaccante di fisico e prestante serve come il pane anche ad una squadra come la nostra che in giornata no non riesce a bucare neanche una difesa come quella del Pescara, e vorremmo andare in champions ?!

    RispondiElimina
  59. Chiarificatore6 gennaio 2013 20:50

    Vivendo lontano da Firenze ho poca voce in capitolo, però capisco l'amarezza di Tocca. La percezione che da qualche anno il  tifo a Firenze, tradizionalmente numeroso e caldo,   sia meno numeroso e meno caldo, c'è. Io resto dell'idea che in gran parte ciò sia dovuto alla campagna denigratoria nei confronti degli "intrusi" DV, condotta per anni da certa parte della città e dei mass media locali,  campagna denigratoria  esplosa con l'addio di Prandelli, attraverso la sua strumentalizzazione, arrivando a riversarne in modo calunnioso le responsabilità su chi ne fu invece vittima, la proprietà e la società. In questo modo è stato fatto un danno gravissimo e per certi aspetti irreparabile prima di tutto alla Fiorentina. Fatto il repulisti s'è vista la verità e sta tornando anche l'entusiasmo,  ma per ricostruire un  tifo degno della tradizione fiorentina a quanto pare non bastano il bel gioco e la competitività, ci vogliono servizi, comodità, qualità della visione, anche nello stadio, perchè per riempirlo nuovamente bisogna portarci nuovi tifosi, non solo far tornare i vecchi che sono sempre di meno.

    RispondiElimina
  60. Max quello che hai scritto sulle presenze allo stadio lo capisco anche se mi sento un po' tirato in ballo, quello che stai scrivendo a Louis lo capisco meno, penso che il missunderstanding sia palese in maniera reciproca non vedo perché metterla su codesto piano. Siccome ti conosco e so quanto ti girano in questo momento non dirmi che anche io ti descrivo brutto sporco e cattivo, se ti conforta, oggi è una giornata di merda per parecchi, queste sono occasioni da non mandare al macero ma una giornata storta di quando in quando capita. 

    RispondiElimina
  61. Non mi sono sentito chiamato in causa,TOCCA L'ALBICOCCA;io sono atipico:ho visto più partite con Sinisa che con Montella(riferito al girone d'andata)forse perché gli ultimi due eredi ora vanno all'elementari;non c'entra la distanza o il clima,quando uno vuol andare va(a Udine due anni fa alle 18 c'erano -6,vedi foto d'archivio sul sifone,mio figlio ed io con coperta!),conto l'Udinese stagione scorsa(al Franchi)-3 e vento gelido ma c'ero ed eravamo tanti,pur con squadra non esaltante.Ritengo tante concause che determinano la scarsa affluenza,chiaramente la PayTv ha un ruolo centrale.La PayTv.Influisce il Franchi-struttura?Certamente se porti tutta la famiglia,con percorsi angusti,sedili stretti,il mio piede 46 che male si incastra col sedile davanti.Non ho frequentato molti stadi all'estero,diciamo 13/14 ma nessuno,comunque,era peggiore del Franchi,forse solo quello del Farense,in Portogallo.La disaffezione dallo stadio è grave,in Italia,ma nessuno sembra preoccuparsene,il Palazzo traccheggia su questo argomento.

    RispondiElimina
  62. Tocca te tu sei incazzato, anche noi, ma ci si vuol bene (pe' modo di dire) lo stesso. E vol di' che si vince a Udine, o che t'incazzi?

    RispondiElimina
  63. Quello che ho scritto è chiaro, non è africanoLUD,usero'delle
    parole che non dovrai cercare di interpretare e guarda che e'l'ultima
    volta che rispondo alle tue provocazioni,come aveva ragionissima
    Eduardo: sei un provocatore nato.
    Se
    conosci l'italiano quello che ho scritto vuol dire quello che ho
    scritto,se invece distorci,come ancora una volta hai fatto e cerchi di
    mettermi in bocca frasi MAI DETTE E MAI PENSATE,allora ti chiedo,di
    andare dove hai capito.E'CHIARO?Mi interessa zero spiegarti il senso che
    peraltro e' chiarissimo perche'te,l'unico qui dentro,sei qui col solo
    scopo di crear polemica e rompere i coglioni,e a me li hai
    gia'fracassati, e'piu'chiaro questo ora?Gia'il post di stamattina sul
    sitone era rivoltante ma vedo che continui,quindi,lasciami stare,quando
    vedi che scrivo,salta a pie' pari.
     
    Lele
    P.S. Jordan,non sono io che ho citato Neto.
     

    RispondiElimina
  64. Chiarificatore6 gennaio 2013 21:28

    Caro Sopravvissuto, la distanza non conta, ma l'età sì. Negli anni settanta e ottanta ho fatto il pendolare, prima da Genova e poi da Roma, su Firenze e non solo, anche in molte  partite esterne della Viola.Gli anni novanta li ho vissuti in centro america seguendo la Fiorentina, spesso in diretta,  tramite Direct TV. Ora,  a sessantadue anni, con la diretta, il 42 pollici e l'alta definizione, non me la sento più di guidare per cinquecento chilometri la domenica per venire allo stadio, anche se qualche volta capiterà, magari anche per incontrarci. 

    RispondiElimina
  65. Chiarificatore6 gennaio 2013 21:33

    Faccio notare che quanto sotto mi costa un migliaio di euro l'anno, soprattutto per la Fiorentina. Non so per voi, ma per un tirchiaccio come me è moltissimo, ci vuole tanto amore, eh eh eh.

    RispondiElimina
  66. Mamma mia che sfondatore Cavani. Sarò sacrilego, ma si sta avvicinando - è sempre distante, intendiamoci - all'immenso Bati. E pensare che quando venne a Palermo e lo citavo ogni 3x2 come obiettivo per la Fiore, sul sitone lo spernacchiavano tutti, dicendo che era molto più forte Pazzini. Ecco, credo che Damiao avrebbe un impatto simile sul nostro campionato.

    RispondiElimina
  67. CHIARI,qui siamo in cinque e o tutti o nessuno,e quindi son sempre partite 400/500 cocuzze per andare al Franchi(e la moglie che vuole la tribuna coperta!).Capitolo mercato:c'è un attaccante panchinaro scontento da portare a Firenze per 6 mesi?Abbiamo sondato tutte le "rose" di Serie A?Estere?Io vi ridico il mio preferito,molto sottovalutato ma letale(e lo scrissi a luglio,col GUBERNATOR che cooptava l'idea)e non panchinaro:Borriello.

    RispondiElimina
  68. Chiacchere africaneL'avevo
    scritto in diretta che,pur non brillante,far uscire Toni per Ljiajc non
    m'e'sembrata una genialata e vedo che molti la pensano cosi'.Abbiamo
    toppato per aver sbagliato sotto porta e poi,subito il gol,siamo mancati
    sulle fasce perche'cercare di passare nel mezzo con una squadra
    arroccata e'un miracolo e serve una giochessa che oggi non c'e'stata.Con
    un Pasqual molto opaco e un Cuadrado devastante negli
    spazi,ma molto meno abile nell'uno contro uno e scattare sul
    fondo,(Cerci per questo oggi sarebbe stato piu'utile)la manovra e'
    diventata asfittica e ci siamo incartati.
    E'vero
    che se marchiamo all'inizio finiva tanto a zero,ma una squadra che
    punta dritta alla CL non dovrebbe farsi infinocchiare in casa col
    Pescara,ma deve possedere frecce nell'arco per ovviare alle
    avversita'.La squadra ha un suo gioco delineato che non si trova
    benissimo con le squadre chiuse a riccio.Ed ecco che quando gira
    male,torna di attualita'la punta centrale che sappia
    risolvere,perche'Toni sta facendo molto di piu'di quel che si pensava,ma
    non si puo'chiedere ad uno di 35 anni di fare il 25enne sempre.Per
    questo mercatino io sarei andato su quelli che si e'sempre detto proprio
    per questo,oppure anche qualcuno di meno appeal,tipo Denis,ma di resa
    sicura.Ovvio che si fa per chiaccherare perche'bisogna vedere se sono
    poi acquistabili,ma che siamo carenti e'emerso chiaro oggi.Comunque il
    minimarket e'appena iniziato e aspettiamo la fine,anche se i tre punti
    oggi erano tanta roba... 
    Lele
     
    P.S.
    Ciao Tocca,capisco lo sfogo,ma non sarei cosi'pessimista,se si prende
    esempio dalla rube.Vincevano,rubando,ma vincevano e allo stadio,il
    vecchio Comunale che era piu'o meno come il nostro,ci andavano in
    pochi.Fatto lo stadio ad hoc,ecco che i gobbi si son
    moltiplicati(purtroppo)
    quindi chissa'che non possa accadere anche da noi.
     

    RispondiElimina
  69. Hai ragione Lele, era il Sopravissuto, allora giro a lui l'obiezione.

    RispondiElimina
  70. Avevo scritto di Cavani dopo il secondo gol, ne ha fatto pure un altro con stacco imperioso, mannaggia a lui! E' entrato Osvaldino, e ha voluto partecipare anche lui alla sagra del gol, con movimento e tocco da grande centravanti. Ecco, noi questi non ce li abbiamo.

    RispondiElimina
  71. http://it.violachannel.tv/dettaglio-highlights/items/highlights-fiorentina---pescara.html  E' una mia impressione, o il colpo di testa del pescarese è stato anche deviato da Aquilani? Chi era allo stadio smentisce?

    RispondiElimina
  72. Secondo me la deviazione è addirittura decisiva.

    RispondiElimina
  73. Ah ecco, mi pareva...

    RispondiElimina
  74. E' decisiva, il colpo di testa andava probabilmente fuori, comunque direi che è un caso, gli batte nel capo. segno che era il giorno di Eupalla nolente.

    RispondiElimina
  75. Quello che magari non capisco è perchè con tre difensori a saltare contro il brindellone avversario di va Aquilani!

    RispondiElimina
  76. JORDAN,perchè giochiamo all'olandese,quasi.Guarda un paio di recuperi da terzino del Pek.....

    RispondiElimina
  77. A me sembra, e non da oggi, che i difensori sui calci piazzati perdano spesso la marcatura. Vio stesso dice che cura maniacalmente gli schemi offensivi sulle palle inattive, ma non le situazioni difensive, perché ci sono troppe variabili ed è impossibile star dietro a tutto. Ecco, se magari Montella tirasse fuori un po' del suo buon senso e insistesse sulle marcature a uomo sui calci da fermo...

    RispondiElimina
  78. O Sopra se su carci da fermo se a marcare uno d'1,90 che gli è l'uniho pericoloso di testa di quella banda di ridicoli d'attaccanti di' Pescara e ci va Aquilani e un si gioca all'olandese ma a cazzo di cane.

    RispondiElimina
  79. Non avevo ancora visto la sintesi, ero rimasto ai frettolosi ricordi delle immagini streaming: effettivamente il colpo di testa di Tomovic [pollo] non era così difficile per Perin, lo era molto di più il tiro di Borja...Bona a tutti.

    RispondiElimina
  80. Chiarificatore7 gennaio 2013 08:09

    Secondo me resta più difficile la parata bassa sul colpo di testa, tuttavia, ripeto, non ho visto parate miracolose.

    RispondiElimina
  81. Di parate difficili ne ha fatte due, quella sul colpo di testa di Aquilani e quella sulla conclusione a volo di Borja. Quella di Tomovic era da molto vicino, ma gliel'ha tirata a portata di mano e non molto forte. E' comunque un portiere molto reattivo che su quei tiri ci va a nozze. Mi piace meno quando si butta anche quando non è necessario, ho qualche dubbio sulla presa, e, ripeto, non l'ho mai visto uscire dai pali per prendere un cross. Lo vorrei rivedere, delle doti importanti le ha, ed ha fatto vent'anni da poco, beato lui, oltre a mostrare una sfrontatezza che deve essere tipica del ruolo. Però credo che debba ancora crescere un bel po' e un trentina di gol li ha pure presi!

    RispondiElimina