.

.

sabato 26 gennaio 2013

Vietato distrarsi

Adesso bisogna iniziare a risalire la classifica portando via l’intera posta da Catania, senza affrancare o mettere tempo in mezzo anche se la scala dei valori è ripida e tagliente come una katana. E se vogliamo davvero parlare di mercato con cognizione di causa, fermandoci almeno un attimo a riflettere alla stazione dell’intera posta su chi sarebbe più adatto a fare cosa, invece che riempirci la bocca di sudamericani sarebbe più realistico pensare ad un norvegese più adatto a risalire come ci insegna la natura grazie ai salmoni. Comunque sia non ci resta che vincere, e da quel Massimino che non è certo il povero Troisi, bisognerà riportare a casa segnali Benigni a proposito di quel tumore che ha attaccato le cellule della classifica di gennaio, e al massimino, se proprio non c’è nient’altro da fare, bisognerà obtorto collo farsi piacere anche un pareggio che saprebbe però tanto di brodino di pollo, e solo se ben sgrassato potrà essere una magra consolazione, altrimenti non ci resta che piangere, una magra consolazione, se dovrà essere, da accompagnare magari con una buona mostarda di Cremona o con una più nostrana salsa verde speranza. Sono categorico nelle aspettative e pitagorico nel conto della serva che mi aspetto come resto da questa trasferta siciliana, non accetterò creste dopo aver disinnescato quella più pericolosa di Hamsik domenica scorsa, perché la Fiorentina dovrà imporre la propria superiorità e dimostrare con i fatti di voler assolutamente vincere questa partita, senza se e senza ma che è l’essenza di una grande squadra. Perché se vogliamo portare due fiori al cimitero allora andiamo pure a Trespiano che di ipotesi e obiezioni son piene le fosse. Quello che mi aspetto dalla spesa siciliana del resto è matematico, vittoria uguale a tre punti. Perché quella di domani è una partita che ci impone di imporci per non buttare il resto del campionato ai porci, e proprio per non opporci a quel domani che sembra venirci incontro a piene mani. Non mi aspetto altro che una vittoria quindi, voglio una grande partita e non una partita grande come un capodoglio, una prestazione convincente, lontana da qualsiasi alibi o governo di coalizione per condurre la partita all’armistizio come fece il maresciallo Badoglio. Ci vuole solo una dimostrazione di forza, o qualsiasi altra cosa che sia sufficiente a non permettere nemmeno all’arbitro di contaminare la scena di una vittoria a scena aperta. Come oscena risulterebbe invece una qualsiasi battuta d’arresto, inaccettabile anche l’ipotesi di costituirsi ad un pareggio che ci lascerebbe nei paraggi della delusione a meno che non stai perdendo quindici a zero e poi recuperi. Sono molto concentrato sulla trasferta etnea, nella preparazione della partita potrebbe battermi solo quel Mutti che quando allenava e non era polpa era doppio concentrato, mi aspetto davvero tanto e quindi non accetto nessuna distrazione, del resto non mi manca niente, pizza, birra e la partita della Fiorentina. Come da foto allegata, non le solite chiacchere.

47 commenti:

  1. Chiarificatore26 gennaio 2013 08:22

    A completamento, dal mio punto di vista,  e sostegno dell'editoriale odierno di Pollock segnalo questa volta su Firenzeviola.it un'editoriale come si deve, a firma di
    Leonardo Petri.




    Ne consiglio la lettura, non tanto perché scrive cose che nel
    mio piccolo vado scrivendo da giorni qui ( forse ci legge? eh eh eh), ma,
    battute a parte, perché mi sembrano quelle giuste, soprattutto in questo momento. 





    L’unico
    appunto che gli faccio è che forse poteva scriverle prima, come ho fatto io (
    eh eh eh), nei momenti in cui i media fiorentini ( i quali ora tutti aggiustano affannosamente  il tiro) solo per avere un po’ di audience si sono fatti
    strumento di divulgazione e sostegno di interessi non proprio coincidenti con
    quelli della Fiorentina, anzi proprio di quelli del nostro nemico pubblico numero
    uno (la rubentus), arrivando persino ad inventarsi, a tal fine, vere e proprie prese
    di posizione di Montella, presunte politiche di avvicinamento da parte nostra e
    addirittura un conseguente impegno nostro alla cessione ai gobbi di Jovetic. 



    Roba da matti, o meglio, da Tafazzi al cubo.

    RispondiElimina
  2. Ieri notte ci siam lasciati parlando di un cretese,ci ritroviamo con le notizie notturne di un cretino qualsiasi sul calciomercato;quando crescerà il quoziente di Criscitiello?Quando capirà Di Marzio che anche se gli uomini arrivano da Marte e arrivano(alcuni)anche con la notizia di un acquisto boom,le donne arrivano con amplessi più complessi,senza distrazioni,neanche quelle tendinee di Aquilani,che ora ha messo le tendine e non si vedono più infortuni?Sino a poche partite fa noi facevamo quattro gol a tutti,ora rimane solo Quattrociocche per il romano e allora si,domani saremo salmoni molto fortunati,si!Perché ho,letto,l'oroscopo che dice "Fine settimana fortunato per i pesci"(eh eh eh eh eh).La Katana,direbbe Kabuto,è come il Kendo che usa Kabul in partite inglesi ma noi preferiremmo un tipo alla Katanec,dinoccolato ed elegante.Da un cretese a un etneo,sempre isole sono e permetteranno di sorseggiare un amaro Isolabella,cosa che l'isolato Corona non potrà fare,avendo perso l'alloro ed essendo allocco.Ci sarà il "Clamoroso al Cibali",dopo anni senza Amoroso?Nonostante il gufo Amoruso?Nonostante qualcuno storce il muso?A Catania a fine partita,è l'augurio,diranno "Pensavo fosse un calesse",nella realtà sarà stato il carro viola,pronto per diventare in pochi messi un Grande Carro,costellazione di ottimi giocatori.Non faremo,GUBERNATOR,il conto della serva,noi,no,quello l'abbiam pagato già col serbo,allenatore di nerbo.E allora sia,facciam pace con la vittoria,formiamo l'armistizio anche noi a Villa Giusti,cosicché riposeremo col sonno dei giusti.

    RispondiElimina
  3. Di chi è la seconda foto, Pollock? Grandiosa.

    RispondiElimina
  4. Campo dei miracoli africano


    Caro
    Pollock,hai citato il povero Troisi,che mi riporta alla battuta dello
    stesso quando rimprovera Arena che chiedeva a S.Gennaro un miracolo
    difficile,invitandolo a richiedere un piu'modesto miracolo facile.

    Un
    miracolo difficile e'chiedere ed ottenere da LUD obiettivita'nel non
    travisare volutamente pensieri  e parole mogoliani degli amici con cui
    si imbatte in "dialoghi".Leggo,caro LUD,che stai lavorando,con la tua
    celebre potenza da CAT,per innalzare le discussioni dove qualcuno di noi
    secondo te e solo te,preferirebbe le corvinate rispetto agli attuali
    DS.

    Dato
    che e'evidente il tuo forzare la mano,ti invito,con un fiorentino
    termine,ad abbozzarla.Non puoi continuare a passare la tua vita in un
    blog a distorcere il pensiero altrui senno'mi dai
    ragione(involontariamente)quando ti definii come Uri Geller.

    Tuttavia,amichevolmente,sto
    ancora aspettando che dai seguito alla spiegazione tattica della futura
    squadra da te definita ad ORA "nitida",quindi dammi delucidazioni e
    dimmi con che schema,uomini,formazione,approccio,temi tattici reali
    la suadra si presentara',concetti che dovrebbero esserti facili
    elencare visto la nitidezza,ma che non siano per favore,quelli finora da
    te descritti.Grazie anticipato.

    Parlando
    con Deyna e Jordan molto tempo fa',segnalai un interno sinistro allora
    nell'Auxerre: Alain Traore' 24 anni,con un tiro mancino alla Vargas,che
    poteva essere anche un ottimo esterno sx.nel 352.Lo scorso anno mise
    dentro 18 gol su 50 partite,poi il retrocesso Auxerre lo ha venduto al
    Lorient(non il PSG...)dove fa gia' 8 gol su 16,e in questa Coppa
    d'Africa ha gia'brillato con una doppietta.E'extracomunitario,ma costava il giusto e di mancini buoni se ne trovano pochi.

     

    Lele
     

    RispondiElimina
  5. Infatti,DEYNA,quel culo non molto sodo non mi è nuovo...devo averlo avuto tra le mani,credo.....ah ah ah ah ah

    RispondiElimina
  6. Il mio monopensiero (nel senso che non ce ne saranno altri, dopo) dell'oggi è che senza Pek (è ufficiale, stamani non si è allenato coi compagni), con Migliaccio e Toni asse centrale sbilenco e di stagnola e con Pasqual voragine sulla mancina non potremmo andare al di là del pareggio, nonostante la decimazione della squadra etnea. Altro conto sarebbe ritrovare la nostra bella anima con Mati a centrocampo e Larrondo (di cui aneliamo l'esplosione, messi male come siamo) davanti, in quel caso le chances di non pareggiarla aumenterebbero in misura esponenziale. Dalla prossima settimana Wolski dovrebbe essere a disposizione, Alonso potrebbe arrivare da salvatore per depasqualizzarci e dovremmo avere inoltre messo, per grave difetto di programmazione, un affannoso tampone dell'ultimo minuto (si spera non con un altro pensionato fra i cammellari degli Emirati) al cruciale deficit di punta, presumibilmente grazie all'altrettanto affannata Juve (eh, se si affidano ad Anelka sono proprio del gatto... ma i tifosi juventini continuano a sperare in una manovra distraente che abbia come meta Lisandro, ieri non per niente escluso dalla partita col Valenciennes). La vittoria a Catania sarebbe fondamentale: in caso contrario potrebbe raggiungerci o addirittura superarci il Milan e, considerando quale gioco abbiano espresso le due squadre finora, sarebbe da un lato un paradosso ma dall'altro anche la conferma di una legge aurea del calcio, che cioè una squadra brillante ma che si affidi allo stopper per far gol vale, e spesso non vale, una più scacia ma che abbia un faraone davanti che la butti dentro.

    RispondiElimina
  7. Deyna, l'unico riferimento che ho è
    мужской рай

    RispondiElimina
  8. A proposito di punte...

    http://www.violanews.com/news-viola/el-hamdaoui-torna-a-firenze-ad-inizio-settimana-20130126/

    RispondiElimina
  9. Il titolo della seconda foto qual'è? Partita in Corso? Comunque è sicuramente americana, vedasi pizza in scatola, birra etc.  Guardando meglio l'omo sapiens potrebbe anche star giocando alla play station.  Vorrei sperare che gli italiani davanti al sancta sanctorum dimenticherebbero anche un gol del loro attaccante preferito.  O forse no?

    RispondiElimina
  10. Sembrerebbe invece tratta da un sito russo. Ce ne sono altre interessanti, ne accludo un'altra.  La domanda è: dov'è il pallone?

    RispondiElimina
  11. Chiarificatore26 gennaio 2013 13:14

    Basta tenere sotto controllo i movimenti di tutte le palle in gioco e non ti perdi nulla, Attila.

    RispondiElimina
  12. ATTILA!O lei o l'altra,nel senso o la partita o la patonza.Nessun compromesso,se non pro verga mea.

    RispondiElimina
  13. Chiarificatore26 gennaio 2013 13:20

    Mi riferivo al tuo primo commento, Attila, per quanto riguarda il secondo, in quella situazione per giocarsela tranquillamente sono consigliate le mutande di ghisa con apertura solo anteriore.

    RispondiElimina
  14. Icché un si fa pe vede' vincere la propria squadra, in quello stato e ci credo che vengano le allucinazioni.  Comunque complimenti a Pollock per scovare foto di prim'ordine.

    RispondiElimina
  15. Questo gioca alla play station, io non ho mai amato alcun tipo di gioco, anzi quelli da bar li odiavo perché nessuno veniva a giocare a pallone...Se però la partita fosse un Fiorentina-juventus decisiva per lo scudetto, o una nostra finale di CL, non ho dubbi: via la fiha dal divano, e con calcio in culo incorporato anche! Del resto, una volta nella vita ce lo potremo pure permettere!

    RispondiElimina
  16. Deyna pensaci tu potresti gode' doppio....

    RispondiElimina
  17. Attila, un n'esageriamo. Quando una bella trombata la diventa merce più rara d'un go' di Ljajic e la merita rispetto e concentrazione. La televisione la si guarda dopo, tanto c'è un monte di replay (mentre pe' la trombata e comincia di già a esse' più difficile).

    RispondiElimina
  18. Colonnello ha voglia di fare manovre il guercio, il Lyon non ha nessun interesse a dar via Lisandro in prestito, anche se oneroso, per 2-3 milioni, per poi ritrovarselo con un contratto faraonico a sue spese a luglio. O aprono il borsello o prendono Anelka davvero.

    RispondiElimina
  19. Chiarificatore26 gennaio 2013 14:04

    Compper esterno sinistro in un 3-5-2 vale più o meno di Pasqual?
    In caso di malaugurate future assenze di Pizarro in questo campionato, come lo vedreste Aquilani al suo posto e Wolski al posto di Aquilani? 

    RispondiElimina
  20. E' da vedere Chiari, mi pare assodato che Wolsky abbia spiccate attitudini offensive, però nel gioco di Montella deve anche arretrare per la fase senza palla e contrastare gli avversari.  Per questo bisogna aspettare per capire se è adatto a questo tipo di gioco.  Io penso che sia stato preso per sostituire Mati che vedo in partenza anche se per ora tutto tace.

    RispondiElimina
  21. Chiari, lo vedrei come abbiamo visto (e potremmo vedere anche domani) Aquilani al posto di Pizarro e Mati al posto di Aquilani, magari sperando che Wolski si inserisca nel calcio italiano meglio di quanto abbia fatto Mati. Quanto a Compper, non lo conosco, ma mi sembra di aver capito che giocherebbe fra i tre distro e non al posto di Pasqual.

    RispondiElimina
  22. Nella penultima riga homscritto "distro" invece di "dietro".

    Ah, quello che gioca con la playstation qua sopra e' un grandissimo coglione.

    RispondiElimina
  23. Compper al posto di Pasqual è peggio di Pasqual, allora meglio Tomovic! Compper è un difensore, un brindellone alto che non può correre su e giù per la fascia, non lo ha mai fatto e ci è più o meno negato. Compper è un back-up di Savic, sia in una difesa a quattro che in una difesa a tre. nel primo caso si può giocare il posto anche con Pasqual, ma per fare il terzino non il fluidificante.

    RispondiElimina
  24. Wolsky è più attaccante che centrocampista, però è un '92, è tutto da scoprire

    RispondiElimina
  25. Tra fiha e playstation (che nemmeno ho), la fiha senza se e senza ma.
    Tra fiha e partita della Fiorentina, un se ce lo metto:
    -se è una fiha che frequenti quotidianamente e ti salta addosso mentre sta iniziando la partita, potrebbe darsi che lo faccia apposta per non fartela guardare, perciò forse è bene farle capire da principio che di tempo per chiavare ce n'è prima e ce n'è dopo, giusto per non creare precedenti, altrimenti sarà pronta a rifarlo e addio partite per sempre;
    -se è una fiha che puoi frequentare una tantum, ed è proprio bona bona da tirar le testate ni'muro, la partita la vedo in replica.

    RispondiElimina
  26. Vita, così l'è facile, ti parlavo mica di un Chievo-Fiorentina alla 3° di campionato! Mettiamo penultima giornata, Fiorentina e juve in testa alla classifica a pari punti, scontro diretto e decisivo al Franchi. A quel punto la fiha in questione dev'essere dell'altro mondo pe davvero, una venusiana, e comunque un'oretta e mezzo in caldo pole aspettà anche lei, che giochi allo scivolino con la ringhiera delle scale, ahahaha! E non te la cavare dicendo che tanto la gara è già segnata dall'arbitro, tantovale un guardalla, eh...

    RispondiElimina
  27. Chiarificatore26 gennaio 2013 14:47

    Io rispetto alla playstation sono rimasto al calcio balilla, quindi nemmeno mi pongo il problema,una bella mussa tutta la vita.
    A più tardi.

    RispondiElimina
  28. Wolski è tutto da decifrare ancora, ma per quel poco che ho visto non mi sembra pronto per fare la mezzala...Compper è quel che dice Jordan, mi verrebbe da aggiungere che è anche più tendente allo scarso che al bravo, ma voglio lasciarmi una speranza. Aquilani nel ruolo del Pek a me non piace, non ha quella rapidità di gamba e di pensiero, e non è così costante nel proporsi ai compagni per la gestione del pallone. Domani entra Larrondo e spacca tutto.

    RispondiElimina
  29. Ecco Compper mi ricorda il nostro Natalone, appena un po' più agile. Lo avresti messo a correr sulla fascia come esterno in un 3-5-2? Nel posto di Pek per me va meglio Borja Valero, all'inizio ci avrei anzi visto lui piuttosto poi il Pek mi ha sputtanato di brutto. Certo che si toglie parecchia quantità, il play è un po' più stabile nel mezzo, adesso Borja svaria dappertutto. Non c'è altro, Migliaccio a Palermo era andato benino, se si gioca più raccolti il suo lo può fare, però con la Roma ha mostrato limiti evidenti quando i livelli si alzano. Romolo non è un centrocampista ed il riproporlo come tale è volergli male.

    RispondiElimina
  30. Un'appendice fugace e fuggiasca al monopensiero mattutino: le dichiarazioni del padre di Wolski (a briscola mettetelo in coppia con papà Neto, mi sembra che a cervello pesino uguale) non mi sono piaciute niente niente. Umiltà, nanni, sei appena arrivato, non sei nessuno e tutto devi dimostrare. Forse in questo girone di ritorno giocherai solo degli scampoli e dovrai pure ringraziare perché intanto impari la grammatica. Dortmund a Firenze fa magnas pipas riccasque. Una benzinaia donna-cannone, nella semicampagna attorno a quella plumbea città del cazzo (ma un mio collega ha la moglie che di là viene e s'incavola quando gliene dico male: di Dortmund dico, perché di sua moglie non potrei mai... ahahahahahahahahahahah!) mi fregò pure sul resto del pieno, e poi dicono degli Itali... E passate dal barbiere a farvi tosare la cresta, polacchi ultimi arrivati, figlio e papà, o vi presto io la sciabola di Pilsudski, se date replica.

    RispondiElimina
  31. Colonnello, trattare bene l'Erede designato!

    RispondiElimina
  32. Intanto il Mito è sempre più grande, qui la cerimonia per il ritorno delle ceneri in Polonia, con l'inaugurazione di una statua a Varsavia.

    RispondiElimina
  33. Colonnello fai poco il sofista, vuoi star dietro a quel che dice un padre-procuratore? Non ha poi fatto nessun confronto tra Dortmund e Firenze, ma tra la Fiorentina ed il Borussia che la stessa cosa non è. Che Dortmund a Firenze faccia magnas pipas è persino ovvio, che lo stesso faccia il Borussia alla Fiorentina è più discutibile. Comunque le chiacchere non fanno farina, che il giovane dimostri sul campo le sue qualità e saremo pronti all'incenso. Deyna non mi sembra comunque che somigli al tuo idolo, che, ai miei ricordi, era un centrocampista classico che abbinava potenza di calcio a capacità di fraseggio, mezzala a tutto campo dei più forti dei suoi tempi. Wolsky lo vedo più leggero e più veloce, tutto tecnica e rapidità, più punta che centrocampista. Per me è molto forte, unico dubbio è come reagirà alle mazzolate di queste parti perchè mi sembra tuttora abbastanza esile.

    RispondiElimina
  34. Sì è vero Jordan, non fosse polacco ci sarebbero pochi punti di contatto, se non una tecnica molto sopra la media, e la genialità. Ma gli volevo dare un po' di prospettiva, più che altro per incoraggiare noi stessi. Come vice Pizarro non cercherei soluzioni interne - la forza di Borja è proprio il suo essere todocampista - ma un'alternativa sul mercato, anch'essa di prospettiva.

    RispondiElimina
  35. Deyna, stavo parlando di domani per la sostituzione di Pizarro. Alla fine ci giocherà Migliaccio, penso, e se fosse quello di Palermi tira-baralla. Che a medio termine andrebbe trovata altra soluzione non ci piove. Per venire dietro a voi mi farei rendere Romizi dal Bari, magaru convincendolo a cambiar procuratore

    RispondiElimina
  36. Stavo per scriverlo di Romizi, sì, a questo punto sarebbe una soluzione sensata. Domani penso anch'io che giocherà Migliaccio...

    RispondiElimina
  37. Chiarificatore26 gennaio 2013 19:40

    Io stavo parlando del periodo che va  da oggi a fine campionato, visto che entro gennaio ormai non sarà facile che arrivi un simil Pizarro di prospettiva.
    Per il futuro ho letto da qualche parte che vogliono provare a formare Vecino. Voi che ne dite? Certo i vari Cirigliano, Gomaa e lo stesso Romizi sembrano più predisposti.
    Tornando all'oggi e al centrocampo ideale quando non c'è Pizarro, tra quelli che abbiamo in casa forse Aquilani resta il sostituto migliore tenendo conto che togliere Valero da dov'è mi sembra un vero peccato. Al posto di Aquilani, in quei casi ci sono tre trequartisti che si potrebbero provare, Mati, Wolski e lo stesso Ljajic.
    Quanto a domani, non c'è problema, ne fa due Larrondo.
    La lazio sta perdendo in casa.

    RispondiElimina
  38. Intanto la Lazio ha perso in casa col Chievo, e tu gli volevi portar via Paloschi al povero Chievo!

    RispondiElimina
  39. Vecino non lo vedo adatto al ruolo, se non con grossa forzatura. Ma perderebbe uno dei suoi pezzi forti, l'inserimento offensivo. Valero lo vedo molto meglio di Aquilani, certo sarebbe un peccato privarci del todocampista. Gomaa spero che prima o poi lo prendano, più lo vedo e più mi sembra un gran bel centrocampista.

    RispondiElimina
  40. Per quel poco che conosco Vecino non mi sembra proprio che abbia le caratteristiche per il ruolo di play. E' uno di falcata lunga, bravo negli inserimenti, mi ricorda un po' Kuzmanovic, non mi sembra proprio il tipo del distributore di gioco, comunque anche lui è un '91 è tutto da vedere.

    RispondiElimina
  41. Ieri Blagosckyekkaz'(insomma quello del Dortmund)con due gol,oggi Palosky,un bel dì prossimo Wolsky...il futuro è di quelli che sono polacchi o lo sembrano per assonanza.Intanto la Lazio ci conferma che la lotta per la Champions sarà lunga,con colpi di scena,uscite di scena,inserimenti,speranze sino alla fine....Ah,Andreino nostro!Andreino....Ingroia è il cavallo di Troia dei comunisti,Lisandro poteva essere il cavallo di Troia per la Champions.

    RispondiElimina
  42. La Lazio comincia a restituire alla buona sorte un po' del mal tolto. Ho visto un tempo di Bolton-Everton: hanno perso ma con Alonso in trono, furore sulla fascia, a cross sta già meglio di Pasqual, tira senza pensarci su, ad accelerazione basterei io del resto per far meglio del capitano sgangherato, in ripiegamento non lo superi lo spagnolo. Voto 7, per oggi. Per me non lo prendiamo più, questo qui, oppure bisognerà rilanciare. Che Larrondo ce la mandi buona, domani, ma Ljajic è sempre meglio, dall'inizio, che il condor imbalsamato e sembra che Montella sia così orientato. E poi Juvetic dovrà pur risvegliarsi, un giorno o l'altro. Fuori anche Migliaccio e si riaccende la speranza. Via, vamos a ganar. Bah, ne riparliamo dopo il match, quando farò anche il punto sulle vostre proposte per il vice-Pizarro: per ora manca solo Lupatelli, alla lista, ma se scende in campo Lud credo che verrà fuori anche quel nome (ahahahahaahahahahahahahahaahah!). Un'ipotesi per la foto sopra: lei è Anna Karenina e credeva che lui fosse Vronsky, mentre è solo Wolski (padre) e si vede: il motel è alla periferia di Dortmund, città ridente e d'arte dove Wolski (nonno) sognava il futuro per la sua discendenza, un duplex richiuso che ho conosciuto, scassinai la porta di separazione in cerca di vulva che avevo fiutato ma mi ritrassi fulmineo e sgomento quando vidi, in una fredda penombra, la stagista vestita da fantino frustare col gatto a nove code lo Schreber, il quale era prono in tuta di foca con ovale aperto sulle natiche, gridandogli «Trippone di Vernole, ladro, analfabeta, incapace, rospo anzi Ranocchia». Credevo di esser stato rapido nella ritirata, ma lui ebbe il tempo di vedermi, mentre la bava gli colava sul mento in mezzo ai mugolii e una pessima musica jazz ventava dalla radio a muro. Da allora mi odia.

    RispondiElimina
  43. Chiarificatore26 gennaio 2013 21:47

    Nel frattempo il venduto di turno ha ignorato un rigore clamoroso contro la Juventus, come sempre.

    RispondiElimina
  44. Chiarificatore26 gennaio 2013 21:57

    Dettaglio: Vucnic respinge in piena un  pallone pericolosissimo col braccio, allargandolo in modo palesemente volontario, anzi spostandosi con tutto il corpo per farlo meglio.
    In compenso la rube è appena passata in vantaggio grazie ad un autorete. 

    RispondiElimina
  45. Ahahahahahha Colonnello, che quadro inquietante, che torbida messa in scena!

    RispondiElimina
  46. Chiarificatore26 gennaio 2013 22:38

    In compenso i ladri pretendevano un rigore per un fallo di mano nettamente involontario.

    RispondiElimina
  47. Chiarificatore27 gennaio 2013 08:00

    Nel dettaglio sul rigore negato al Genoa, qui sotto, manca la parola area dopo piena e l'apostrofo tra un e autorete, ma s'è capito lo stesso. 

    RispondiElimina