.

.

giovedì 31 gennaio 2013

Messaggio di servizio (come ti sevizio l'IP)

E’ molto chiara l’esigenza, la vede bene chi degli occhiali può fare senza ma anche e soprattutto chi la mattina non accende l’intelligenza con diavolerie cinesi ad intermittenza. Senza neanche la possibilità di avanzare eccezioni specifiche tipo l’intelligenza intermittente perché la squadra gioca con l’albero di Natale o perché uno ha scelto anche Moranduzzo tra i suoi tanti nick. E alla fine l’essenza è solo una questione d’intolleranza, non al glutine in questo caso, ma al vivere tutti insieme nella stessa stanza, questione di convivenza, insomma, senza che per constatarlo ci voglia per forza un blitz della Guardia di Finanza. Chi scrive su un blog come questo  è perché vuole condividere una passione scambiando le proprie considerazioni e vuole sentirsi tutelato dal fenomeno del multinickismo che s’inerpica in qualche caso fin sulle vette di siti importanti, Dolomiti e dementi fuori pista, di quei siti per capirsi che fanno del numero dei contatti il core business. Quello di cui stiamo parlando non è il problema di gestire uno scambio anche vivace di opinioni diverse, anzi questo è l’unico sale che non da noia alla pressione, stiamo parlando degli agguati di chi si sdoppia come la vista di un ubriaco razzista che preferisce stordirsi col Mojito invece che con dei Negroni. Tutto questo panegirico per dire cosa, intanto che per l’intolleranza di cui sopra il panegirico è senza glutine, e poi per rassicurare gli abitanti del blog che non verrà concessa la residenza a chi usa più identità come fa Diabolik e che proprio per la confusione mentale che questo comporta a chi è costretto spesso ad emigrare dalla propria identità verso la svizzera dell’hamburger, si ritrova poi a trombare Immanuel invece di Eva Kant. E questo è inaccettabile per il nostro blog che fa della lucidità sessuale un vanto, identità sessuali tutte ma ben definite, e lo fa soprattutto a scapito dei contatti, nessuno cioè può toccarci il culo così come se niente fosse. Sono molti gli strumenti per dissuadere i malintenzionati, che per spiegare agli spioni confusi non sono i tifosi personali di Sissoko che è il capitano del Mali, strumenti dicevamo primo dei quali la volontà di farlo cercando appunto di tutelare un ambiente sano dal fumo passivo. Ed oltre al più efficace e tradizionale come il cotto dell’Impruneta, che è quello di fare a fette l’IP come il Parmacotto, ci sono altri filtri meno definitivi, quelli cioè che concedono al soggetto dall’identità itinerante almeno un’altra chance. Diciamo un un filtro educativo alla pari, come una ragazza che da una mano in casa, mentre il primo è uno strumento con il più alto tasso d’inflazione perché è purgare un IP per educarne cento. Scrivo questo messaggio di servizio in attesa delle diciannove quando chiuderà il mercato, ho dato mandato ad una società che fa appunto ricerche di mercato e che per combattere il fenomeno ha voluto prima capire le caratteristiche e quindi quali sono gli imput che muovono oggi un multinick. Da questo è emerso che il mammifero marino ama molto guardare dal buco della serratura, diciamo pure che è attratto prima di tutto dallo spiare, e allora è stato attivato un filtro che tende a mortificare questo tipo di propensione. La foto di oggi è una demo che mostra come il software filtri le immagini solo verso chi ha il palletico del nick e quando identifica un indirizzo IP che sforna commenti dalle identità ridondanti, abbatte in automatico la qualità dell’immagine privando il soggetto delle immagini più salienti. E’ garantito al limone che il soggetto frustrato si allontanerà senza essersi limonato.

271 commenti:

  1. Però Leo,35 punti in un girone con questa rosa e 18 nuovi acquisti sono stati fatti! e 35 punti portano a una proiezione di 70 che garantisce almeno i preliminari di C.L. 35 punti fatti senza un portiere di affidamento,senza un centravanti senza un alternativa a Pasqual.Non andare in Europa dopo un girone del genere sarebbe un delittoCosa si chiedeva al duo di mercato? Questo appunto,sopperire alle mancanze... ne vedi traccia ?Aspettiamo ancora poche ore,ma dubito che succeda .Ormai il gioco di Montella è stato assorbito dagli allenatori avversari,che nelle ultime 5 partite guarda caso,hanno giocato tutti alla stessa maniera:aspettandoci e ripartendo.raddoppiano su Cuadrado e lasciano libero Pasqual,che tanto si marca da solo...perdiamo palla al limite dell'area avversaria ,lancio sulle fascie sguarnite,cross.....e il gioco è fatto.Potremmo cambiare modulo,potremmo cambiare uomini,ma restiamo sempre li.chi segna,chi para?

    RispondiElimina
  2. MANCOALICANI il gioco di Montella è stato assorbito dagli avversari? Ma cosa piffero stai dicendo? Ma se tra pali e amenità arbitrali varie si son dominate tutte le partite e mal che sia andata (Napoli e Roma) si son giocate alla pari? Ma cosa vuoi che abbiano assorbito? manca quello che la scaraventa dentro anziché sui pali, e questo si è detto e ridetto, ma negare che Pescara, Catania, Udinese e Roma abbian vinto più sculo nostro che per le capacità tattiche dei loro allenatori mi sembra pazzesco.

    RispondiElimina
  3. E riprendiamo gli aggiornamenti, nel Giorno Più Lungo. Ottimismo di tutti i siti viola, eccetto il pur ottimo Violanews, circa l'arrivo di un attaccante. Lo scenario-Lisandro, a sorpresa uscito dal cilindro in Fiorentina.it, sarebbe poi cosa favolosa se si pensa soprattutto allo smacco per i gobbi: un Berbatov servito freddo, anzi ghiacciato sul vassoio della vendetta. Avremmo dunque atteso lo sfinimento juventino per piazzare la stoccata finale, usurando quel volpone di Aulas stesso, che ormai ha in casa un giocatore smobilitato? Solo per questo, solo, Pradè meriterebbe podio e Fiorentina.it rivalutazione.

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo con Veneto e le sole squadre che ci hanno messo in difficoltà a centrocampo sono la Roma e, nel secondo tempo all'andata, il Parma. Io ci penserei, prima di cambiar modulo: il problema è nei due terminali (portiere e centravanti) e nella crisi joveticiana. Poi, tutto si può fare, ma questa squadra l'abbiamo ammirata per 22 partite per il suo gioco, che nella ripresa a Catania è rifulso come soltanto contro la Juve.

    RispondiElimina
  5. Chiarificatore31 gennaio 2013 09:34

    Stavo per sottoscriverti il commento qui sotto, Colonnello, determinato ad offrirti, come premio e come nel mio generoso stile,  un'arbanella di acciughe del Tigullio sotto sale, poi mi cadi proprio con le ultime tre fottute parole.
    Non esiste alcuna "mancata coincidenza attuale", Pradè e Macia stanno portando a termine, in perfetta coincidenza e sviluppo con quanto di miracoloso fecero nel mercato estivo,una campagna di gennaio favolosa, e sottolineo FAVOLOSA, indiscutibilmente la più intelligente e lungimirante di tutta la serie A.

    RispondiElimina
  6. Chiarificatore31 gennaio 2013 09:37

    Sottoscrivo Venetoviola.

    RispondiElimina
  7. Se cado, Chiari, l'importante è non caderti sul pisello, come la Signora Longari. L'attaccante e la vicenda Viviano fanno perdere la coincidenza della Freccia Rossa peggio che a Pollock, ma c'è speranza ancora per nove ore circa, poi ti dirò se con una corsa pazza in macchina siamo riusciti a riagguantarla, la Freccia Rossa, a Bologna, così da arrivare trionfalmente a Firenze col contratto milanese in tasca prima delle 19. L'arbanella è più di quello che hai mai regalato in vita tua e dà la misura della tua amicizia: sono tra il commosso e l'esterrefatto.

    RispondiElimina
  8. Ottimo AfricaOttimo Pollock.
    Orcio,mi
    sa che ti ricordi di questa estate quando speravo venisse Denis.Non era
    certamente il top player tipo Berbatov,ma a me garba perche'oltre a
    fare un discreto numero di gol,e'una prima punta vera,che
    lotta,pressa,si porta due addosso,e sicuramente non e'una primadonna che
    fa le bizze se va in panca.Per questo,visto l'ingente investimento su
    Rossi,speravo venissero Firenze per Dicembre,con qualsiasi forma di
    acquisto o prestito,Di Natale o lui,visto che il tempo che allora era
    abbondante per cercare l'aggancio.Non e' andata,amen.Magari
    Larrondo,come afferma Louis,e'molto meglio.Ho visto qui un buon
    Sissoko,fisicamente in forma,anche se facilitato dalla pochezza degli
    avversari.Infatti a parte il Ghana,Niger e RDC non sono provvisti di
    elementi di gran qualita'.Lui e'stato messo davanti alla difesa,dove un
    po'per ruolo e caratteristiche ricorda il Desailly del Milan.
    Lele
     

    RispondiElimina
  9. Occhio Colonnello che se cadi sul pisello di Chiari tu ti rompi tutto!
    JORDAN,fermo restando che su altri siti ritengo tu abbia tutte le ragioni per infamare Viviano in risposta alle infamate su Neto,almeno su questo,che ritengo una perla nel mare merdum,potresti evitare di offendere Viviano o dargli nomignoli?Personalmente non ho mai offeso nemmeno Montolivo sino a quando ha indossato la maglia viola,figurati un pò...In fin dei conti a Viviano non si può certo imputare una mancanza di attaccamento alla maglia non pensi?Con questo mica voglio dirti che non lo devi ritenere tecnicamente e fisicamente non adeguato,solo di non offenderlo(ripeto,almeno su queste pagine).Venedo alle cose serie,sono felice che il gran capo abbia messo i puntini sulle i e gli accenti sulle v,nonchè gli apostrofi sulle s!Così si fa.
    Colonnello,se Pracia annunciasse Lisandro,dopo le vicende estive,non so quale reazione orgasmica potrei avere;probabilmente mi troverei con una ulteriore bocca da sfamare,dopo le due iene(ovviamente di gentil sesso) che già mi ruzzolano per la casa(o quel che ne rimane)!O per evitare questa probabilità,andrei velocemente in bagno, a scaricare il gentil augello!!(che non è come quello del Chiari eh!)

    RispondiElimina
  10. Il Pek è tutt'altro che sicuro, per domenica, e Mati non ha recuperato. Con Sissoko ancora inutilizzabile e Aquilani squalificato, il centrocampo è un bel rebus contro il Parma che ce l'ha buono. Migliaccio, Borja e Romulo farebbero uno schieramento composito e sommamente eterogeneo. E se si buttasse Wolski in pista? Senza tanti retropensieri, alla Liddas a Verona con Antoniosuperstar?

    RispondiElimina
  11. GUBERNATOR,oramai il sitone ha esaurito le strategie di guerra,ha tolto le truppe storiche( nick storici spariti in quantità industriale,andatina rinforzare "competitor")ed ha dislocato questi ragazzini dislocati a fare guerriglia alla quale molte volte noi abbocchiamo;JORDAN,e tu mi sembri "George e Mildred" quando decidi di far cozzare il vate o altri con le tue idee sapienti.Ieri l'oca fatta di Cialis(El Prix)ha riprovato a spargere nervino nell'etere ma ne ha inalato troppo lui stesso..."il Querelato-The One and only" sembra Ferdinand Beyersen,che ritira la caparra da Magritte ma arriva tardi,in affanno nello studio del pittore e stramazza al suolo,rimanendo un'icona anonima con bombetta.Non se ne può più,a sentire California e dargli retta,con VCG,saremmo stata l'unica squadra commissariata,Vittorio peggio di Vardinoyannis e il crack Panathinaikos!!!Questo sitozzi neanche sanno fare vero giornalismo,non usano neanche la vecchia regola che "Una smentita è una notizia data due volte"....Wiwa Della Valle ma affermare che la punta può attendere o che Larrondo è "La punta" equivale a dire che Toto Cutugno sarà il super-ospite a San Remo...ma dai....Per la fronda del tifo caldo(autocombustione anche per loro?)Viviano sembra un perseguitato di Equitalia,la squadra nuova di Prandelli e Monti,un'Italia equa che da chance a tutti,sopratutto se "figli di...".E allora noi continueremo a fare i figli di buona donna,nel senso più romanesco del termine:a noi nun ce fottete,anzi tie',beccate questo!

    RispondiElimina
  12. DKNE, Chiari è, per parafrasare il Duran su cui Deyna potrà scriverti un papiro, Bicho de Piedra, ma sembra che risparmi anche sulle eiaculazioni, al modo dei confuciani. Caro Lele, su Denis non riuscirai facilmente a convincermi, mentre per Sissoko avanzi giustamente il paragone con Dessailly, di cui però è più anarchico e meno tempista.

    RispondiElimina
  13. Chiarificatore31 gennaio 2013 10:12

    Se quella è la mancata coincidenza alla quale ti riferisci, Colonnello, ci fu, e tu lo sai bene, anche nel miracoloso mercato estivo, a riprova che la perfezione non è di questa terra e che magari semplicemente  non si sono manifestate le concrete condizioni per ovviarvi, ma anche che di questa terra e soprattutto di questa Fiorentina sono le campagne acquisti favolose che, come quella estiva così quella di gennaio, non solo non  ti fanno perdere alcun treno ma ti danno la possibilità di prenderlo. Ti dirò di più, questa campagna di gennaio ti dà non meno ma più possibilità di prenderlo, quel treno, anche se chiudesse così, senza la ciliegina finale, e non solo per il futuro ma anche subito, grazie al rinforzo in attacco, al rinforzo in difesa, ed ai notevoli rinforzi a centrocampo.

    RispondiElimina
  14. Eh, Sopra, il giornalismo parallelo di cui parlavi ieri in questi ultimi giorni di mercato ha i suoi più grandi fasti. Il Querelato pure me lo segno. Toto Cutugno è stato per anni l'immagine dell'Italia all'estero e francamente, immagine per immagine, il tuo Mutandone non è che ci facesse risultare molto peggio di lui. Ma peggio di tutti Il Padrone, non delle ferriere ma dello stalliere.

    RispondiElimina
  15. Ma un Pellissier lo vedreste male?Al Chevo hanno deciso di puntare su Paloschi e il Pelli fa panca;costa poco,conosce il calcio italiano,ha i movimenti giusti per creare spazio e dialogare con i compagni e,caratteristica di non poco conto,la butta pure dentro(o la buttava,ma chi lo sa).Per i mesi mancanti alla fine del campionato,in attesa di Rossi e del puntero che ritengo SICURAMENTE arriverà a luglio non sarebbe un acquisto mirato ed intelligente?O sono io che sono di fori?

    RispondiElimina
  16. A me, DKNE, è sempre piaciuto, è uno all'antica, un Maraschi (Corvino lo abboccò più volte), ma doveva venire per Larrondo allora, e lui non ama la panca, tanto è vero che è dall'inizio dell'anno che lo spogliatoio del Chievo è in subbuglio per i suoi cazzotti nel muro e le sue frasette al curaro alla stampa. Per questo credevo proprio che partisse, in questa sessione, e forse lo farà anche.

    RispondiElimina
  17. CHIARI io e te ultimamente coincidiamo quasi alla perfezione (dico quasi perchè non v'è dubbio che io sia ben più prestante di te....ah ah ah). Ho una crisi d'identità ah ah ah. Comunque anche secondo me il mercato è quasi perfetto. Il "bubbone" portiere (se davvero è tale) è solo recente mentre sull'attaccante spesso dimentichiamo che abbiamo preso Rossi. Uè Rossi dico, mica na ciofeca. Da questo nasce la mia convinzione che la programmazione sia quasi perfetta. DKNE su Pellissier io ti avrei appoggiato entusiasticamente un paio di anni fa ma ora, sinceramente, non lo vedo più fisicamente (tecnicamente è sempre stato uno dei migliori, senza dubbio degno di una carriera migliore di quella che ha fatto) e se anche il suo fratello di latte Corini non lo schiera più significa che è quasi esaurito.   

    RispondiElimina
  18. Come spesso, lineare ma impeccabile l'analisi di Violanews, sito parco di news ma quelle sempre documentate e affiancate da un indubbio spessore di di riflessione:





    «Neto, appena persa la titolarità, farà le valigie quasi certamente in direzione Bologna. Una scelta che ha una doppia motivazione: da un lato c’è quella del giocatore brasiliano di non tornare in panchina e giocare con continuità. Dall’altra quella della Fiorentina di valorizzare un proprio patrimonio e, allo stesso tempo, offrire la massima tranquillità a Viviano affiancandogli un “secondo” vero e proprio come può essere Agliardi».

    RispondiElimina
  19. Chiarificatore31 gennaio 2013 10:35

    Il mio risparmio sulle eiaculazioni non è dovuto a Confucio, ma all'età, Colonnello. 
    Continuando a contare solo sulle mie forze, me ne permetto una alla volta, ma buona.




    Wolski è un genio sbarazzino, in quello che dice fuori dal campo ed in quello che fa in campo. Diventerà un'idolo. 

    RispondiElimina
  20. Confucio teorizzava soprattutto il risparmio invernale, Chiari: bada, però, intendeva l'emissione, non la penetrazione, era per una politica ritentiva ma non astensionistica.

    RispondiElimina
  21. Chiarificatore31 gennaio 2013 10:44

    Anche il "bubbone" portiere", Venetoviola, non è di oggi.
    Jordan in questo fu profeta l'estate scorsa, purtroppo.
    A questo punto incrociamo le dita, speriamo che si tratti solo di condizione fisica in via di superamento, e sosteniamo Viviano, che, se Neto andrà via in prestito, non avrà neppure la sua ombra a disturbarlo.

    RispondiElimina
  22. Chiarificatore31 gennaio 2013 10:50

    In quello Confucio era in piena sintonia con noi genovesi, Colonnello: risparmiare per "durare" di più, e più volte.

    RispondiElimina
  23. Vero, Chiari, vero. Ma nemmeno Jordan riteneva avessimo un problema perchè avevamo Neto di rincalzo che, purtroppo, ad ora non sta dimostrando molto nemmeno lui. In questo senso Chiari. Detrattori dell'uno o dell'altro si sentivano tranquilli che la soluzione era in casa. Io, poi, che non son detrattore nè dell'uno nè dell'altro mi sentivo in una botte di ferro...invece, ad oggi. Quindi nella ottica della programmazione del nostro magico Pracia il problema portiere non esisteva certamente.

    RispondiElimina
  24. Mi sembra che, tra polemiche sul portiere e speranze di un nuovo attaccante, si stia sottovalutando l'acquisto di Momo Sissoko, non dico noi del sitollock, ma in genere l'ambiene e la stampa fiorentini. Questo è veramente un ottimo acquisto, se sta bene è uno dei migliori mediani in circolazione: grosso, potente, veloce, grintoso, grandissime doti fisiche e capacità tecniche migliori di quanto si creda. L'unico dubbio riguarderebbe le sue attuali condizioni fisiche, ma Lele l'Africano in questo ci conforta e rassicura.

    RispondiElimina
  25. Chiarificatore31 gennaio 2013 11:14

    Le preoccupazioni, Venetoviola, nascevano dal fatto che Viviano veniva da un brutto infortunio, dal se e dal come ne sarebbe uscito, e con alle spalle un Neto mai continuativamente messo in condizioni di dare il meglio di sé e scalpitante. E più in generale da un dualismo che in quel ruolo rischiava di danneggiare entrambi e di essere dannoso alla squadra. Tutte  preoccupazioni che purtroppo si cono rivelate fondate, infatti pare che ora si stia cercando di superarlo, il dualismo, togliendo di mezzo uno dei due.







    L'unica mia preoccupazione è che stiano togliendo di mezzo quello che ha mercato.

    RispondiElimina
  26. Vigile non la sottovalutare la questione portieri perchè è stata gestita abbastanza male e quando le cose si fanno male possono avere anche strascichi seri nello spogliatoio. I nuovi che potrebbero far la differenza sono giovani tutti da valutare in questi teatri. Vecino e  Wolski, soprattutto il secondo, promettono faville, le facevano, ma il livello si alza e bisogna vedere se si continuano a fare. Vecino è un centrocampista di ottima corsa e capacità d'inserimento, Wolski è un trequartista, mezza-punta con buona disposizone ad assist e goal. Di Larrondo tanto è stato detto, io lo conosco poco e nulla, c'è chi ci giura e chi scuote la testa. Era un giovane molto promettente fino a 2-3 anni fa, poi a Siena, passato dalla primavera alla prima squadra, si è un po' arenato. Nemmeno malaccio in B con Conte, ma in A poche presenze e poco significative fino alla squalifica di quest'anno. Spero che abbia ragione chi ci giura, ma io non ho elementi per farlo. Come caratteristiche è un centravanti di gran fisico, ottimo nel gioco aereo e nel tener botta, simile a Toni insomma, ma bisogna vedere se ha almeno un poco del senso del goal che aveva Toni alla sua età. Compper è un difensore che eccelle nel gioco aereo ma non ha gran piede. Direi che per ora è tutto perchè di Rossi è inutile dire.

    RispondiElimina
  27. Mancoalicani non ho affermato che non hanno sbagliato un colpo, scemo lo sono ma non fino a questo punto, e gli occhi per vedere li abbiamo tutti. Hanno lavorato non bene, di più, ma penso che se la juve s'è messa nel mezzo ad Agosto magari qualche altra lo ha fatto in questa finestra. Magari qualcuno voleva tirare sul prezzo, magari a certe cifre non si sono verificate certe condizioni (e non parliamo di Rossi, a 10 sarei andato a piedi a prenderlo!) ma se leggo che non programmano o che hanno sbagliato tempi e scelte mi viene da ridere. Sono fenomeni se allestiscono una squadra, ex novo, da 35 punti in un girone d'andata e diventano dei coglioni perché in una finestra di mercato non trovano un portiere ed una punta migliori di quelle che abbiamo ?! Io non la vedo così, non penso così, non mi riesce virare dal bianco al nero in un batter di ciglia, c'è tanto grigio nel mezzo, anche se il lavoro svolto è di un bianco accecante per me. Ho fiducia in Larrondo e Wolski, penso che il rientro di Mounir sia l'ultimo tassello mancante. Danno via Cassani (che ho sempre apprezzato) e si ritrovano i soldi per arrivare a Sissoko. Si prende Vecino di cui parlano un gran bene, Wolski,prospetto indicato dalla Fifa come nuovo crack, Giuseppe Rossi una delle migliori seconde punte (visto quanto marcano oggi gli attaccanti lo si può considerare pure una prima punta) in circolazione. Larrondo il cui potenziale, inespresso, lo relega definitivamente nella lista dei brocchi del secolo. Userei prudenza. Magari questo ci fa una decina di goal e ci permette di riprendere il passo per i 70 punti finali. Dubito che ne faremo così tanti a questo punto, l'ultimo mese ha abbassato pesantemente la proiezione finale, vediamo di farne 63-64 che significa europa sicura, quale lo vedremo a fine stagione.

    RispondiElimina
  28. Anni fa nelle 48 ore finali del calciomercato arrivano i Di Tacchio,i Bolatti e giorni prima muratori capitati per sbaglio a selezioni per Miss Italia.Consoliamoci ma se è vero il no netto per Denis e Pinilla,be' un pensiero Leliano lo faccio...

    RispondiElimina
  29. Libro stampato Leo, libro stampato.

    RispondiElimina
  30. Pollock non andarci giù troppo pesante col Delfino curioso, col Moranduzzo del vizio, un Morandini che recensisce nel suo infinito vaccabolario del cinema "L'occhio che uccide", un Gianni Morandi mangiamerda che ogni tanto deve togliere la testa dai soffocanti miasmi, e venire a respirare aria pulita ad alta quota. In fondo, chissà, potrebbe avere anche buone intenzioni: uno spione di tal fatta e così incancrenito nella sua debolezza, un voyeur così solerte e morboso, non può che essere anche un cuckold.

    RispondiElimina
  31. No Venetoviola, il problema c'era e ben chiaro, come poi si è manifestato. C'era Neto ma Neto non era e non è un portiere di 27 anni con cinque o sei campionati alle spalle, è un giovane che ha ballato (e molto bene) una solo estate e poi è stato messo a far tappezzeria coatta per due anni, quindi non uno che puoi pigliare e buttare in mezzo alle contestazioni, la sfiducia e le gufate preconcette. Dissi a suo tempo che se ne sarebbero rovinati due insieme e che Neto, arrivando Viviano, doveva essere mandato a giocare altrove (come lui aveva chiesto, del resto) ed è successo esattamente quanto previsto. Viviano deludente e Neto bruciato sull'altare della contestazione cafona ai primi errori (da preventivarsi). O hai fiducia nel giovane e lo lanci sin dall'inizio dimostrandogliela e sostenendolo o non ce l'hai e lo vendi, o credi nelle potenzialità però non sei disposto ad aspettare che si trasformino in atto e allora lo mandi a giocare mantenendone il controllo. La manovra attuale, sacrosanta a giugno, è tardiva e mi sembra condotta con fretta e male. L'alternativa di Napoli poi è incomprensibile.

    RispondiElimina
  32. Colonnello lascia perdere Violanews, nell'affare portieri sono stati di una partigianeria oscena, arrivando a fare due sondaggi che permettevano voti multipli per poter dire che i tifosi volevano quel che volevan loro. Una ventina di cretini che hanno tempo da perdere votano per mille!

    RispondiElimina
  33. «Vaccabolario»... ahahahahahahahahahahahahahahah, Deyna! Grande fuori campo, per restare in tema baseballistico moranduzziano! E grande saggezza del Patriarca nell'analisi del mercato! Ma rimangono ancora ore preziose e come dice DKNE Lisandro potrebbe mandarci tutti in bagno col vasetto di caponata di Giorgio in tasca. Detto questo, 'sto Vigile scrive sempre cose interessanti e con garbo vivace, è una sentinella notturna del sitollock come ci vuole, se non il mambo almeno il samba o la bossa nova li danza bene, è un piacere guardarlo nelle figure che disegna. Io darei, dopo l'8 assegnato in estate (cfr. mio postone odierno iniziale per più compiuta disamina, ma senza caduta sul pisello del Chiari... ahahahahahahahahahahahahah!), un 5,5 per ora al mercato attuale, un mezzo voto in più rispetto a Casimiro, essenzialmente per la non funzionalità rispetto ai tempi (tutto il mese di gennaio senza utilizzo dei nuovi arrivati, per Rossi ben di più, per Vecino se ne riparla a settembre, per Sissoko altri quindici giorni come minimo col centrocampo in marasma per infortuni e  squalifiche) e la mancanza del centravanti pur da troppo saputa, ma l'acquisto di quest'ultimo, in cui confidavamo (gente, ma che Inter e Milan non combinassero nulla a gennaio chi lo credeva? Avevamo più volte ammonito, in tal senso!) che pure nel non farsi ha mandato all'aria i piani o meglio gli strumentali ma puntualmente decembrini deliri-scudetto dello Pseudosenese nelle tre varianti e di Champions di chi credeva che col Pescara avremmo passeggiato e siccome avremmo fatto 38 punti all'andata bastava fare 38x2 perché il girone di ritorno era più facile, potrebbe rimetterci in carreggiata per un ritorno il quale comunque non disfi quell'inobliabile bellezza dell'andata che su cloaca i soliti beceri che Pollock stanga giornalmente da par suo vorrebbero mandare a Tutunci o a puttane che dir si voglia. Se arriva il centravantone 7, se nisba ma Larrondo si scopre centravantone idem. Jordan, io Violanews non lo lascio stare, è un sito dabbene, non ha colpa per gli utenti, comunque più civili che su cloaca per relazionalità.

    RispondiElimina
  34. La gestione della porta della Fiorentina è stata invero disastrosa. Via Boruc, ADV decide di portare a Firenze ViviUno di Noi©, con un'operazione che di tecnico ha poco - oltre ai congeniti limiti tecnici, il portiere era reduce da una stagione deludente a Palermo, dopo un infortunio grave che a tutt'oggi deve dimostrare di avere del tutto superato - ma molto di demagogico. Si veste l'Icona di viola, insomma, per riappacificarsi con una tifoseria sempre più contestataria. Per far questo, si continua a trascurare Neto, un portiere giovane e bravo che avrebbero dovuto mandare a giocare e fare esperienza già da tempo. Poi Viviano, com'era prevedibile, delude, nell'ultima partita anche malamente, e si butta dentro Neto, nel peggior clima possibile, e senza che abbia maturato quelle esperienze che ci permetterebbero di essere traqnuilli sul suo rendimento. Gioca bene, salva un paio di partite, ma compie anche due grosse cappelle che rimettono tutto in discussione. Oggi sembra che si rilanci Viviano, e che neto venga dato finalmente in prestito [si spera]. La riserva sarà probabilmente una superpippa come Agliardi, un Lupatelli biondo, con nemmeno troppi capelli in più. Due anni fa avevamo Boruc, Frey e Neto, ora ci ritroviamo con Viviano, Agliardi e Lupatelli, un parco portieri che sarebbe da brividi anche in una media serie B...

    RispondiElimina
  35. Deyna, dicono che Cavenaghi si sia svincolato...................................

    RispondiElimina
  36. Con Momone anch'io salgo per ora a 5.5, Colonnello, il fatto è che si è preso di tutto fuorché quel che serviva ora...Certo è che se stasera c'è da accogliere El Bandoneonista a Peretole, il voto vira immediatamente verso il 7/7.5, perché il mercato accoppierebbe attualità [seppure con un buoco temporale di un mese] e lungimiranza. 

    RispondiElimina
  37. Scenario fosco in porta, Deyna, quello che dipingi ma cosa mai in paragone di quello che profetizzò, ampiamente confermato dai fatti (ahahahahahahahahahahahahahahahahahahah!), un pre-vuturista cui ebbi la disgrazia d'insegnare (da solo non trova mai nulla) il neologismo «pontellizzazione» (beh, sì, Pollock, mi venne d'impeto, nell'estate del 2009, alla fine quel mercato, confesso, eppure fino a Natale lottammo per lo scudetto... ahahahahahahahahahahahah! E' Gnignigni che ha sciupato tutto a Genova... ahahahahahahahahahahah!). Ed ecco il cazzatone supremo, Deyna, e dimmi se lo Schreber ha mai delirato peggio:


    «Giannino, dai, canta con me.. ay, ay, ay, ay, canta y no llores, porque
    cantando se alegran, Cielito lindo, los corazonesssss.. evvai, un anno intero a
    cercare di esorcizzare le paroline magiche [non quella del mago di Zigo Zago,
    eh...] RIDIMENSIONAMENTO e PONTELLIZZAZIONE [ma ti ci svegliavi sudato anche di
    notte?? Dev’essere stato proprio un brutto tormentone..] e poi cosa succede?
    Prima l’autonominatosi neopatròn che le certifica, poi, dopo un anno in cui non
    avevano voluto/saputo metterci mano, ecco a voi la Sarabanda delle svendite!
    Contento? Perché, hai voglia a scrivere scemenze su scemenze (alcune pure divertenti
    come ai vecchi tempi.. sigh..), ma quando il fratellino dichiara che
    l’obbiettivo del futuro sarà dal quarto all’ottavo posto mentre, nell’epoca
    Prandelli, era quarto/quinto posto, come lo chiami se non RIDIMENSIONAMENTO? E
    quando annuncia urbi et orbi, con una strategia magari (forse) da rivedere, che
    vuole abbassare di un bel tot il monte ingaggi come credi si possa operare in
    concreto? Te lo dico io, visto che vuoi far finta di non arrivarci: vendendo i
    meglio fichi del bigoncio, cioè... PONTELLIZZAZIONE! E con questo non sparo
    sulla Croce Rossa entrando nel merito se sia cosa buona (come adesso vi
    affannate a cercare di dimostrare con dubbi risultati di convincimento..) o
    meno, ci tenevo “solo” a mettere i classici puntini sulle “i” su chi c’aveva
    visto più lungo da un anno a questa parte».

    RispondiElimina
  38. Cavenaghi...ora al Villareal...svincolato...Non è più quello di prima - lo adoravo, agli esordi, ma anche a Bordeaux ha lasciato un bel segno - ma come soluzione-ponte da qui a giugno potrebbe essere un'ideona. Tra l'altro lo vedo molto bene col nostro gioco...

    RispondiElimina
  39. Al solito siamo in accordo, Deyna, sono le milf che ci dividono... ahahahahahahahahahahahahahah! Con Lele invece sono le botte che mi ha dato sugli stinchi in campo -anta anni fa... ahahahahahahahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  40. In relazione a un tuo breve post qua sotto, Deyna: ma buco a chieeeeeeeee????????

    RispondiElimina
  41. Deya su Marca lo danno al Pachuca in Mexico.........

    RispondiElimina
  42. Belligeranze africaneDi
    Sissoko non possiamo sottovalutare la prestanza fisica e la
    caratteristica belligerante in mezzo al campo.Tecnicamente e'un pochino
    meglio del milanista Desailly a cui somiglia,ma non cosi'tanto da
    avvicinarsi a Yaya Toure'.Yta l'alto che sia soggetto di livello lo
    dimostra chi ne ha posseduto il cartellino.Lo ricordo a volte un
    po'troppo impetuoso dote che lo portava allo schizzo e a reazioni
    forti,magari ora si e' un po'calmato.In verita'era tempo che non si
    vedeva in giro e per questo ho messo particolare attenzione alle sue
    prestazioni,ignorando completamente che di li'a poco sarebbe stato
    annunciato viola.Ripeto che da fuori sembra fisicamente recuperato ora
    lo aspetto al prossimo step dove mettero'la loupe...
    Lele
     

    RispondiElimina
  43. Addirittura in Mexico finisce Cavenaghi...Ecco uno che ha fatto una carriera infinitamente minore rispetto ai mezzi. Qualche punto d'incontro sulle milf, in senso strettamente tecnico, potremmo pure trovarlo, Colonnello...Una ragazza madre in età ragionevole mica la vorremo buttare!

    RispondiElimina
  44. Venendo al Kinder Bueno sorpresa last minute, è tutto quello che dici, Colonnello, anche se lo vedo un giovane talento da far crescere dietro Rossi [ma spesso anche al posto di, visto che chissà quando sarà veramente pronto, il Pepito], e non un centravanti...

    RispondiElimina
  45. Leo, penso che nella situazione che hai descritto ieri sera tu abbia enfatizzato più del dovuto i vizi dei tifosi che frequentano questo blog. Dire "io terrei Tizio, vendereri Caio e comprerei Sempronio", o dire "per me la squadra può arrivare in tal posizione" fa parte dell'esser tifoso, qualsiasi squadra al mondo si tifi, e qualunque sia il livello di competenza di un tifoso; idem dare una valutazione personale sull'operato della dirigenza, ma ciò non significa aver la presunzione di insegnar loro come si fa il loro mestiere. Danno voti un Guetta o un Ferrara davanti a una piazza intera, non vedo perchè non possano parlare un Leo o un Vitalogy tra una ristretta cerchia di interlocutori. Poi se a te non piace farlo non ti obbliga nessuno, però mi permetto umilmente di dirti che dovresti accettare che altri abbiano voglia di farlo, magari evitando di leggere dove credi che vengano scritte cose che a te dà fastidio leggere. Non sono un DS, sono un tifoso, se scrivessi qui una volta ogni 6 mesi potrei anche scrivere solo "forza viola", ma poichè ci postiamo quotidianamente, è naturale che nascano discussioni più articolate. Talmente articolate che a volte si sconfina a parlare di passioni extra-calcio, per poi essere ripresi da qualcuno perchè non abbiamo parlato di calcio (quando basterebbe semplicemente provare a introdurre un nuovo spunto di riflessione calcistica, se a uno non piace ciò di cui si stava parlando fino a quel momento).
    La questione del portiere non nasce oggi, la questione del centravanti neanche; che fino a gennaio siano state un limite per la Fiorentina è un fatto pratico, che il mercato di gennaio possa averle risolte è una cosa teorica che il girone di ritorno ci dirà se avrà anche un riscontro pratico, perchè non discuterne? Ma a prescindere da queste due questioni, non mi pare che questo blog (che -fortunatamente- dà spazio alle opinioni di tutti gli utenti e -altrettanto fortunatamente- ci tiene al riparo da gente che si inventa secondi nick per dar ragione al suo primo nick) sia un luogo dove nascono i semi di sentimenti anti-viola o anti-dirigenza. Il lavoro di Pradè e Macia, nel suo complesso, qui è stato lodato in tutte le salse. L'acquisto di Sissoko, l'altro ieri, mi pare sia stato accolto con entusiasmo, e mi pare che per il futuro siamo tutti ottimisti.  

    RispondiElimina
  46. Deyna, Bueno mi sembra maturo e scafato, per l'età, ed è molto ma molto meglio di niente e così sia.

    RispondiElimina
  47. Non vi è dubbio, Colonnello. 

    RispondiElimina
  48. Macia, Vitalogy, è il più grande occhio powelliano al mondo, Pradè stava superando il Corvo, adesso lo sta comunque pareggiando. C'è una grande qualità, ci sono errori come inevitabile e purtroppo ingrato ai tifosi, e manca stridentemente la cinghia di trasmissione di cui parlavo ieri. In quanto ai DV, Vitalogy, d'accordo che stanno svendendo, d'accordo che allora tanto vale Tutunci, d'accordo che sono dei cioccolatai, d'accordo che sono degli interisti, d'accordo che sono dei foresti, d'accordo che col calcio non ci hanno certo rimesso, ma in fondo sono quel che ci meritiamo (ahahahahahahahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  49. Blimpe, quel cazziatone lì è stato il mio testamento su Fi.it. Speriamo almeno che il mammifero marino posso aver apprezzato la chicca d'archivio certamente più gustosa di un acciuga marcia del Chiari. 

    RispondiElimina
  50. Colonnello cosa c'entrano gli utenti? I sondaggi e come condurli e che titoli trarne li decidono gli utenti?

    RispondiElimina
  51. Ma chi l'ha preso Bueno? Mi fate andare a vedere in tutti i siti speranzoso! Magari si pigliasse, ha vent'anni ed i gol li fa, potrebbe essere anche un Pepito ventenne e con i ginocchi buoni.

    RispondiElimina
  52. E' vero che il cazzatone voleva anche essere un cazziatone (rigorosamente paranoico), Pollock, ma qui nemmeno avariate arrivano le acciughe del Chiari, non arriva proprio nulla dal Tigullio. Io non penso poi tanto a me, penso ai digiuni di quel povero Buck: sono stati ritrovati sbranati alcuni capi ovini, in Sabina, i pastori danno colpa ai lupi scesi dall'Abruzzo ma io so quale povera bestia è dovuta andare a cercarsi così il pasto. 

    RispondiElimina
  53. Se il calciomercato fosse un'arma e le notizie fossero i proiettili avremmo in Italia la Roulette Russa come prima responsabile delle morti sul lavoro;oramai sembra un passatempo ma per chi ama il rischio c'è anche il Centro Massaggi di Madame Ifix o il baracchino di frutti di mare crudi dietro la stazione,dov'e i gestori,i Sellociompy,le suonano a tutti se azzardano a commentare negativamente.Ogni giorno le anguste viette del calciomercato provocano stupore come camicie hawaiane anni '80 indossate il 15 dicembre,paure caudate da calciatori che sembrano avere la mano di Freddy Kruger al posto del piede;oramai anche le tv sembrano un coacervo di personaggi prezzolati che stringi stringi non ti dicono una emerita cippa!Oramai da Criscitiello o a SKY mancano solo il vicino di casa,l'amico di vecchia data del mare,il farmacista(che come una volta sa tutto),il consigliere comunale,uno zio di secondo grado per il quale era stata chiesta la morte presunta....Dal momento che sparano pugnette a iosa,mi domando:c'è un'equazione,nonché la considerazione che le cazzate sono un dato assolutamente non oggettivo,ma legato al doppio filo con il Q.I. di chi le enuncia?Tutti questi speaker tolti dall'acquario dei dipendenti(cfr.Fantozzi)assumono un comportamento che porta danni collaterali peggiori di un fallo laterale battuto da Maggio verso Cavani!Non so perché ma attendo una sorpresa questa sera....

    RispondiElimina
  54. Chiarificatore31 gennaio 2013 13:11

    Sì sì,  Pollock , l'acciuga è marcia tanto quanto l'uva era acerba per la volpe di Esopo.

    RispondiElimina
  55. Chiarificatore31 gennaio 2013 13:22

    Tutto giusto Sopravvissuto, e se ne esce solo mettendo in cassaforte le notizie ufficiali, quali ad esempio: Contratto di Wolski: tutto regolare e depositato in Lega, Pizarro tutto ok, pronto per scendere in campo contro il Parma. Evvvvvvvvvvvvvvvaaaaaaaaaaaiiiiiiiiii!!!!!!!!! 

    RispondiElimina
  56. Vero Chiari, ma se in cassaforte c'è quello che tu riservi agli amici, a chi ti vuol bene, a chi pensa che la Liguria sia la più bella terra del mondo, allora uno è portato a sbrigliare la fantasia per compenso.

    RispondiElimina
  57. Chiarificatore31 gennaio 2013 13:55

    La Liguria, col suo levante in particolare,  è la più bella terra del mondo, Colonnello, e se lo pensi pensi giusto, ma ciò non ti dà il diritto a sperare nella MIA cassaforte.Il bene che mi volete lo apprezzo molto, ed ancor più perché sono certo che è disinteressato, eh eh eh.

    RispondiElimina
  58. Gipsoteca a fricanaCredo
    che VITA abbia scritto un post monumentale,pieno zeppo di rilfessioni
    che trovo giuste.In effetti personalmente sarei anche per deviare la
    discussione,di tanto in tanto,verso materie extracalcistiche.Siamo in un
    salotto a chiaccherare e non ci vedrei nulla di male a farlo anche
    sulla politica,soprattutto adesso potrebbe essere utile  uno scambio di
    impressioni,e anche perche'no di lavoro professionale in generale  e
    pure personale. Infatti si discute quoltidianamente ma pochissimo o
    punto si sa delle professioni di ognuno di noi.Ovvio che dovrebbe
    rimanere a livello superficiale credo infatti nessuno voglia sforare il
    limite di privacy,ma insomma...
    COLONEL,mi
    fai passare per scarpone,quando sai benissimo che non lo ero..eh
    eh,.forse non ricordi ma le punizioni da sinistra a dal centro le
    battevo io.
    ANTO,scusami,ancora non ho capito se sei Forever o Rouge.
     
    Lele
     

    RispondiElimina
  59. Vitalogy, quella "ristretta cerchia di interlocutori" riferito al blog, te l'ha suggerito quella merda del Delfino.

    RispondiElimina
  60. Lele, è Antognoniforever accorciato, sennò sarebbe un Multinick, il che vedrai non capere in questi giri, per dirla con uno che prese la via di Maggio, di Osvaldo e di Kuzmanovic, e ciò a causa di un altro Santo, macché, di un Papa (ahahahahahahahahahahahahah!)!

    RispondiElimina
  61. Pare che la juve abbia abbandonato la pista Lisandro - ma non credo l'abbia mai seguita, almeno se si parla di acquisto e non di prestito - questa per me è già una buona notizia, male avrei sopportato di vederlo con i gobbi. Se poi invece che al Tottenham viene da noi, meglio ancora, ma non credo. L'Inter ha preso Laxalt, giocatore interessante della new wave uruguaiana, ma comunque non un campione, da lì pescherei altro...

    RispondiElimina
  62. Per intenderci, bel giocatorino sì, Laxalt, ma il colpo l'abbiamo fatto noi con Vecino.

    RispondiElimina
  63. Deyna, cosa mi dici di quel competentone di Bagni, che ha definito «solo discreto» Vecino?

    RispondiElimina
  64. Nelle prime interviste che lessi di Bagni, mi fece l'impressione di uno che di calcio ne capiva. Poi cominciò ad esaltare Salvio come il nuovo craque del calcio mondiale, e a me che lo trovavo solo discreto, lui sì, ai tempi del Lanus, cominciarono a venire dei dubbi. Poi infilo', oltre alle celeberrime telecronache, un'altra ventina di topiche simili, ed oggi la mia opinione è cambiata abbastanza radicalmente. 

    RispondiElimina
  65. Pollock, non distrarlo in pieno esercizio, i' Dorf sta pendolando paurosamente, sai come il grande saltatore in lungo arabo, Dalì Allà (ahahahahahahahahahahahahahahahah!), senza trovare la giusta misura, se siamo illusi o siamo piuttosto del partito del vecchio politico finlandese (ovviamente Kekkonen... ahahahahahahahahahah!): aiutalo facendo il punto sulla situazione, così porta notizie di noi laggiù e ci riporta di rinterzo altre reclute alla DKNE e qualche resto di bottiglie di Eduardo (vulle behete voi, i' prosecco l'è bono pe' Bucke e nemmen pe' lui!).

    RispondiElimina
  66. Grazie Lele, allora ti do un input invitandoti a raccontarci di un po' di tuoi passati calcistici con o contro il Colonnello, eheheh.
    Pollock, "cerchia ristretta di interlocutori" è un concetto relativo: considerato che il tuo blog ha solo un annetto di vita, che non è linkato da violanews, che non sei una persona conosciuta (nella vita reale non so, ma almeno qui pure tu ti presenti con un nick come noi), che non hai pubblicità, che non accetti i multinick, e che i maleducati in generale non vi entrano perchè non si sentirebbero a proprio agio, penso che il numero di contatti che hai sia altissimo, senza considerare chi legge ma non posta.

    RispondiElimina
  67. Credo, Vitalogy, il viola più postato da utenti «uno a uno» dopo la cloaca, la quale è comunque surrettiziamente enfiata nel modo che definisti magistralmente ieri. Il problema è forse che: 1) pochi scranni vuoti per sani di mente e di cuore restano in Empireo; 2) un'ulteriore crescita vertiginosa non sarebbe facilmente gestibile, immagino, dall'eroico gestore; 3) nemmeno è chiaro se una crescita vertiginosa, non cioè (come finora) implacabilmente regolare anche grazie a una staffetta per la quale Pollock rischia la denuncia per elusione del minimo sindacale e per circonvenzione di incapace (ahahahahahahahahahahahah!), sarebbe auspicabile per dispersione del dibattito, delle affinità, della convivialità. E' vero però che sembrava di star bene anche quando eravamo molti meno e invece cresciuti stiamo anche meglio.

    RispondiElimina
  68. Blimp arrrghhhhhhh. Non bestemmiare? Please. Qui da me ci sono dei Cartizze millesimati che sono poco meno che divini..............

    RispondiElimina
  69. Fantastico il figlioletto di Borja (3 anni ca?) che canta l'inno della Fiorentina.  Il video girato dal babbo è appena passato su sky sport.  Sicuramente lo ripasseranno, da non perdere.  Forse lo si trova già anche sulla rete.  Search & find.

    RispondiElimina
  70. Pochi ma buoni,qui.L'incompetenza creativa ha bisogno di privilegi,quindi un sitone aperto a tutto,col Ceccarelli che dice "Dio fa' la tua volontà perché la mia è un disastro";in un mondo pieno di imbecilli colti un collettore di stronzate è oro,li è facile sentirsi grandi,scrittori,intenditori soprattutto se non si ha senso di autocritica...Noi qui attuiamo la regola del tatuaggio,il quale non ammette pentimenti ma ravvedimenti si.Caro VITA(non lo slogan No al carovita...eh eh eh eh),Dio è con noi è una convinzione che hanno molti,anche di opposti fronti ma il nostro fronte ha più sentinelle,più strumenti,qui non trasciniamo-no-noi seduciamo.

    RispondiElimina
  71. Comunque Bueno e già qui,nel mio studio.Xavier.

    RispondiElimina
  72. Ecco qua il link, non ve lo perdete: http://amoreviola.altervista.org/blog/lintervista-a-borja-e-alvaro-il-figlio-canta-linno-della-fiorentina/

    RispondiElimina
  73. Chiarificatore31 gennaio 2013 15:55

    Attila, c'è, da un giorno o due,  il video integrale, mi sembra su Violanews, vattelo a vedere, è stupendo. 
    Per quello che ieri discutendo con Jordan sui viola "simpatici" ho scritto che il figlio di Valero lo è più di tutti. 

    RispondiElimina
  74. Veneto, che siano stati fatti dei progressi, negli ultimi vent'anni, è certo, ma io sono per lasciar fare le cose a chi le sa fare: non chiederei mai uno spumante in Francia (a Saumur si credono di aver chissà cosa ed è buono per il bidet) ma nemmeno i loro secolari metodi improvvisati da noi. Però concepisco il tuo sdegno sciovinista, che non è tuttavia il mio quando mi si chieda esaltazione, che so, dei bianchi di Toscana o del pane toscano, il quale ultimo piace come curiosità ai foresti ma che a lungo andare viene ad apparir loro per quel che è, un'eresia arcaizzante. Dopo di che, udendo già boati di guerra da San Frediano, mi chiedo se non sia per me meglio battere in rapida ritirata... non prima di aver detto ad Attila, a proposito della nostra canzone del cuore, che quel lobotomizzato di Berti, contattato telefonicamente da Prizio per una trasmissione radio (l'ho udito con le mie orecchie in taxi ieri), all'autopresentazione di Prizio («Sono un giornalista di Firenze, vorrei chiederle qualche parola su Fiorentina-Parma») ha cominciato a prendere per il culo in diretta, dileggiando e storpiando l'inno di Narciso Parigi, facendo lo scemo, quasi fosse ubriaco, di fronte alla legittima sorpresa di Prizio («Scusi, ma lei è proprio Nicola Berti? Ma lo sa che sto registrando?») e chiudendo con un «me ne frega un cazzo se stai registrando» o qualcosa del genere. 

    RispondiElimina
  75. Grande Sopra!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  76. Chiarificatore31 gennaio 2013 16:08

    Ho controllato, Attila, confermo che è su Violanews ore 18.15 del 29.01.2013.

    RispondiElimina
  77. Blimp forse no ho capito bene il tuo post ma per fare i prosecchi o gli spumanti e lo champagne si usano metodi totalmente diversi. Certo il loro (champenois) è molto più datato ed antico del metodo Martinotti (preferisco la dizione italiana a quella francese di Charmat) ma non mi spingerei a dire che sia sinonimo assoluto di "nobiltà" di prodotto (inteso come qualità). I due prodotti sono talmente differenti che non si possono certo comparare. Io, comunque, ero, sono e rimarrò fan autoctono. Poi sai, com'è successo nel calcio agli inglesi direi che gli allievi possono tranquillamente superare i maestri

    RispondiElimina
  78. Sembra che Neto alla fine resti qui, trattativa saltata con il Bologna, TMW, e forse è meglio così.  Grazie Chiari, Borja è sulla buona strada per diventare un evergreen viola.

    RispondiElimina
  79. Siamo d'accordo, Veneto, non lo hai inteso bene in effetti ma solo se quell'«o gli spumanti» non voleva essere sinonimo di prosecchi. Peraltro la méthode champenoise è utilizzata ampiamente anche in prosecco, mentre della Charmat pure i Farncesi rivendicano primogenitura e che Martinotti segua (lì mi dichiaro storicamente incompetente, ti dico quello che loro mi hanno detto più volte: siccome però, come sai, loro rivendicherebbero anche l'invenzione della luce solare, può anche essere che non sia così, il che non mi cambia però il palato).

    RispondiElimina
  80. Chiarificatore31 gennaio 2013 16:28

    Sono d'accordo Attila. Sul piano tecnico, la maestria e lo stile che Valero dimostra in mezzo al campo mi ricordano quelle di Luisito Suarez. In certo momenti la somiglianza è impressionante.

    RispondiElimina
  81. Chiarificatore31 gennaio 2013 16:29

    Certi momenti.

    RispondiElimina
  82. Suarez resta superiore, Valero non ha l'occhio d'allodola, la profondità di visone verticale di Luisito, non ha il quaranta metri a spegnersi, come un filo di cenere, sulla ciabatta destra di Jair.

    RispondiElimina
  83. Neto resta, la battaglia continua, Jordan ha calato l'elmetto.

    RispondiElimina
  84. Guarda proprio sabato mattina sono andato a Valdobbiadene dal mio storico pusher di prosecco. Mi ha datto un paio bottiglie di Cartizze senza etichetta, rigorosamente riservate ai vecchi amici (oltre ad un paio di bottiglie di Fragolino.....non so se conosci) di una qualità assolutamente pazzesca. I francesi sulla querelle non li vedo dalla parte della ragione (come spesso accade). Charmat mise a punto e brevettò il macchinario che aveva pensato Martinotti, almeno così a me l'hanno venduta.

    RispondiElimina
  85. Ecco, sul fragolino invece sfondi una porta aperta... Anche se a confessarne la passione, in me smodata, si passa per grezzi, dunque resti fra me e te.

    RispondiElimina
  86. Anche Llama resta, quindi Alonso arriva a giugno: del resto Llama mi era piaciuto in Coppa, è in ripresa. Adesso però ci vuole la maledetta punta...

    RispondiElimina
  87. Chiari, siccome si sta parlando di vini, potresti portare in tavola i tuoi?

    RispondiElimina
  88. Blimpe, dire "resti tra me e te", permette alle spie che ci sono a giro di fare subito due conti su quanti siamo.

    RispondiElimina
  89. Non sarà arrivato il colpaccio dell'ultimo minuto che ancora non si sa se arriverà, ma di buone notizie ne stanno arrivando altre:
    -Neto pare che resti, quindi niente Agliardi
    -Lezzerini convocato in Under 19
    -Seferovic convocato in nazionale maggiore svizzera da Hitzfeld
    -Taddei non lo prendiamo
    P.S. Sopra, il mio Dio -anche se non è più tra noi- è Ronnie James! Eheheh

    RispondiElimina
  90. Ho guardato anch'io l'intervista a Borja di cui parlavano Attila e il Chiari: bellissimo il bimbo che canta il nostro inno, bellissimo anche a metà filmato quando dice che non gli piace la Juve, ma bellissima anche l'intervista intera a Borja, che da come si esprime sembra provare un affetto sincero per Firenze e per la nostra maglia... speriamo duri a lungo!

    RispondiElimina
  91. Vita quando si scrive che manca programmazione o che si fanno acquisti sballati è un modo strano per definirsi tifosi. Non mi ci riconosco ma non è un problema di carattere ma di dati di fatto, hanno lavorato bene, si deve anche capire perché non si arriva a certi obbiettivi e parto dal presupposto che ne sappiano più di noi. E qui essere tifosi o no è un altro dato di fatto. Se siamo rimasti con questo portiere e questi attaccanti si può discutere se possano farci fare un salto di qualità o meno i nuovi senza dipingerli come scarsi o inutili all'organico senza neanche averli visti all'opera. Tutti si può esprimere giudizi, tifosi e non, ma che siano basati su dati oggettivi. Io aspetterei ad esprimerli se saranno scarsi avremo modo di valutarlo. 

    RispondiElimina
  92. BLIMP,VENETO:Monte Elena-Mendoza11....vino argentino,13,5 gradi...merita.

    RispondiElimina
  93. Pollock... ahahahahahahahahahahahah! Quando fai il Veneto sei proprio simpatico! Aspetta che mi cambio e faccio il Vitalogy! Ma non ti affrettare a spostarti nel Mugello a fare il Jordan tanto a me prima di atterrare a Barcellona e fare il McGuire occorrerà un po' (ahahahahahahahaahahah!).

    RispondiElimina
  94. Si è vero Blimp. Solitamente è da "grezzi" e i veri sofistici non lo ritengono manco vino....il problema è che avrebbero anche ragione nella maggior parte dei casi perchè in giro ci sono dei fragolini "finti", zuccherosi allo schifo che nulla hanno a che vedere con quello vero, naturale, frizzantino con quell'asprigno e dolce che si "combattono" in bocca....favoloso!

    RispondiElimina
  95. Sopra, tanti mi dicono meraviglie del vino argentino, sia in Italia sia in Francia ma io temo sempre il bidone e non mi lancio mai in un sondaggio approfondito, perché non è la bottiglia una volta tanto che ti fornisce un panorama attendibile. Ci vorrebbe una terza vita e ti assicuro che la seconda e mezzo che ho speso per gli ungheresi è stata bene spesa.

    RispondiElimina
  96. Beh, credo che sia finita qui, non c'è tempo per depositare roba di rilievo, soprattutto per una punta, oppure hanno saputo nascondere alla grande il gioco da giorni. Che Larrondo sai con noi, nel corpo e nello spirito!

    RispondiElimina
  97. Neto e Llama rimangono, forse è un bene (non per Viviano, penso, che avrà dinuovo il fiato sul collo del Brasiliano).
    Magari sono le "ultime parole famose", ma io dubito che arrivi qualcuno di nuovo da qui alle 19.

    P.S.: Lele, io sono Antognoniforever (con nome più corto), AntoineRouge è un'altra persona.

    RispondiElimina
  98. Comunque - 102 minuti.

    RispondiElimina
  99. SOPRA non conosco per nulla i vini argentini. Che vitigno è? dal grado un rosso ma specifica e, soprattutto, dove lo si trova?
    100 minuti oramai non si fa più nulla. Accolgo l'augurio del Blimp e che Larrondo sia!

    RispondiElimina
  100. Chiarificatore31 gennaio 2013 17:28

    Io ho la solita scorta di Rosso dell'Elba per i nuovi arrivati.

    RispondiElimina
  101. Non che mi freghi molto ma Firenze Viola sembra sempre la prima ad arrivare sulle notizie.  La cloaca invece le risucchia dall'aire quando già svolazzano. O meglio, scopiazzano senza ritegno.  E' sempre più luogo per commentare il deja vu. Si reggono solo sulla intuizione originale nel registrare per primi il nome 'fiorentina' a costo zero. Poi nel lasciare a cani e porci la libertà di pubblicare commenti dando la sensazione di vederli pubblicati quasi come fossero editoriali invece che, molto spesso, come escrementi quali sono.

    RispondiElimina
  102. Chiari, tu hai la solita scorta di metanolo! Roba da «Arsenico e vecchi merletti», così che i nuovi arrivati si ritrovano sepolti in cantina senza nemmeno accorgersene! Attila, non saprei aggiungere altro a quel che hai scritto. Quel che lascia soprattutto attoniti è l'assenza di pensiero, in ciò commenti redazionali e commenti dei lettori fanno specchio, potrebbero invertirsi.

    RispondiElimina
  103. Nulla ovunque. Mercato che avrà conosciuto solo due botti, uno in apertura (Rossi), l'altro in chiusura (Balotelli). Nel mezzo, speranze e cambiali.

    RispondiElimina
  104. Chiarificatore31 gennaio 2013 17:46

    In Costa Rica gustavo ottimi vini rossi cileni prodotti dalla cantina  Concha y Toro che portò più di cento anni fa  in Sud America  vitigni della regione di Bordeaux. Tra l'altro concha da quelle parti significa conchiglia ed altre cose, tra le quali gnocca.

    RispondiElimina
  105. E invece c'è ancora da attendere! Marmotta a colloquio col collega doriano! Icardi sarebbe un colpo di nulla! Società amiche, promesse di favori arbitrali, solito smantellamento doriano nel mese di gennaio... Se arriva Icardi, allora qualcosa di gobbo si smuove anche per noi. Da seguire attentamente, ma non con occhi cisposi di delfino (ahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  106. E allora, Chiari, versaci un po' di quella gnocca nel bicchiere mentre attendiamo il Matri che non ti aspetti!

    RispondiElimina
  107. Leo per quanto riguarda i colpi mancati, con me personalmente sfondi una porta aperta: ho sempre difeso Corvino contro tante inefficienze che gli venivano attribuite, quindi figurati se non difendo i Pracià.
    Comunque nei termini in cui la metti adesso la trovo una riflessione più serena, nonchè uno spunto di riflessione costruttivo (tranne quando supponi che qualcuno abbia definito scarsi i nuovi, qui mi pare che nessuno l'abbia fatto) come generalmente è nel tuo stile, mentre da come l'avevi messa ieri sera mi sembrava trapelasse una stizza eccessiva e ingenerosa verso noi tutti, dato che non mi sembra di scorgere beceri disfattisti o checche isteriche.
    Mi pare che in questi giorni si sia parlato non tanto di "mancanza di" programmazione, quanto di "errore nella" programmazione; non so se il confine tra le due cose sia labile (per me no), però qui nessuno è stato minimamente sfiorato dall'idea di chiedere la teste dei due direttori. I dubbi sui soldi spesi in questo gennaio riguardavano le priorità nei ruoli, non il valore dei nuovi arrivi, dubbi contro i quali il tuo ultimo post è una risposta ben argomentata, che peraltro da una parte condivido, mentre dall'altra parte ho il vago timore che i 35 punti di dicembre abbiano potuto far sottovalutare a qualcuno in società l'enorme incisività giunta dai gol su palla inattiva (cosa che non dico col senno di poi, scrissi un paio di mesi fa che il nostro bomber al momento era Vio), e di conseguenza a sottodimensionare il vuoto rimasto quando era sfumato Berbatov.  

    RispondiElimina
  108. Chiarificatore31 gennaio 2013 17:52

    Il vino si divide quando si è in buona compagnia, la gnocca mai. 

    RispondiElimina
  109. Stekelenburg al Fulham

    RispondiElimina
  110. Chiarificatore31 gennaio 2013 18:03

    Intanto mettiamo in cassaforte anche Sissoko.
    Quanto a Neto, la ragione mi dice che forse per lui sarebbe stato meglio andare in prestito secco a Bologna dove avrebbe avuto più possibilità di giocare da titolare. 

    RispondiElimina
  111. Chiarificatore31 gennaio 2013 18:09

    Sky parla di Viviano richiesto dalla Roma.

    RispondiElimina
  112. E si riparla di Bianchi: bah! Non è perché abbiamo Toni che tutto deve andarci bene. Sta di fatto che è una vecchia pista, già di Corvino, e che metterebbe d'accordo il Gat con quest'ultimo.

    RispondiElimina
  113. Visto che si parla di vino, oggi a pranzo ho bevuto un bicchiere di un'ottima Falanghina del Sannio. Devo dire che questi vini bianchi del Sud sono molto buoni: la Falanghina è la migliore, poi ci sono anche il Greco di Tufo e il Fiano di Avellino (che non amo perché mi ricorda la Coppa Uefa rubataci dai gobbi...).
    E, a proposito di bianchi, ci sono voci su Rolando Bianchi.

    RispondiElimina
  114. Per lui senza dubbio sì, per la Fiorentina no. Ti immagini se Viviano si faceva male e c'era da giocare con Agliardi?

    RispondiElimina
  115. Beh, Chiari, almeno fornirebbe una spiegazione razionale per le due cappelle a Roma prima di Natale (ahahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  116. Blimp, posto che dubito che possa arrivare, a me Rolando Bianchi è sempre piaciuto, ha avuto una carriera inferiore alle attese, sia per il fallimento della sua esperienza al City sia perché è rimasto per anni in un Toro mediocre.Sarò io che ne capisco poco, ma non lo considero inferiore né a Pazzini né a Matri. Tecnicamente non è granché, ma non è nemmeno quel caprone che di solito si dipinge, ha grandi doti fisiche, di testa è forte, ha buona velocità, molta grinta e senso del gol.

    RispondiElimina
  117. Come si faccia a comprare un giocatore in un'ora mi sfugge dal comprendonio. Se non eran discorsi già quasi definiti prima credo sian tutte bubbole.

    RispondiElimina
  118. Chiarificatore31 gennaio 2013 18:19

    Infatti Jordan ho detto la ragione nell'interesse di Neto. Per la Fiorentina in senso strettamente tecnico va meglio così, come dici tu, anche se resta la situazione incandescente che in qualche modo sta logorando entrambi.

    RispondiElimina
  119. E' più forte di Pazzini, meno di Matri. Ad ogni modo, ha giocato solo nel City, come grande squadra, da noi avrebbe l'ultima chance, da trentenne. Non che sia impossibile, ma faresti rispetto a Toni, con caratteristiche similari, progresso non consistente. Tuttavia, caro Anto, progressino ci sarebbe e verrebbe rimandata la soluzione del centravantone a giugno, tanto ormai la Champions è ita.

    RispondiElimina
  120. La Roma ha chiesto Viviano? proponoamogli uno scambio alla pari con Osvaldo, tanto mi sembra che sia l'ora delle cazzate questa.

    RispondiElimina
  121. E' Zampa a smentire su Viviano, a dimostrazione che certi sospetti di Jordan, su cose che non sappiamo dell'accordo col Palermo, sono fondati.

    RispondiElimina
  122. Anto, non sono d'accordo con te. I vini campani sono senz'altro buoni, ma la Falanghina ha una qualità decisamente inferiore rispetto al Greco ed al Fiano.
    La falanghina è un vino profumato e leggero, da primi o da pesce bollito, mentre Greco e Tufo sono più complessi, di bella struttura e vanno soprattutto abbianati ai grossi pesci al forno.

    RispondiElimina
  123. Mah, Colonnello, a me Pazzini, Borriello, Bianchi e Matri paiono più o meno tutti dello stesso livello... Certo che Toni alla loro età era molto meglio, adesso Bianchi sarebbe un passo avanti.

    Intanto il giocatore più sopravvalutato degli ultimi 20 anni (insieme a del piero) è finito al PSG.

    RispondiElimina
  124. Gente, rassegnatevi. Per gennaio basta così, ed è stato un ottimo mercato. Vedrete...

    RispondiElimina
  125. Trenta minuti ma direi proprio che è finita e non se ne poteva proprio più, d''altronde. Anto, mi fa piacere il tuo giudizio sui due sopravvalutati, ma anche quello sui bianchi (non Bianchi, eh eh eh...) che citi, con preferenza per la Falanghina.

    RispondiElimina
  126. Dare loro un portiere in crisi in prestito dal Palermo e ottenere un ottimo centravanti di loro proprietà in cambio sarebbe al limite della circonvenzione di incapace. :)

    RispondiElimina
  127. Sono curioso di vedere per quanto passa Lisandro al Tottenham.

    RispondiElimina
  128. Chiarificatore31 gennaio 2013 18:32

    Zamparini parla così perché sa che Viviano a Roma farebbe la riserva quindi avrebbe ben poche possibilità di rivalutarsi.

    RispondiElimina
  129. Bianchi non arriva, ma Rossi ce l'abbiamo da un mese. Dalle mie parti si produce uno dei rossi più buoni, il Rossese di Dolceacqua. E' difficile trovare quello veramente doc (su alcuni che si trovano in circolazione ho sospetti di adulterazione con altri rossi, ne producono troppo rispetto ai vigneti che esistono sul territorio), ma se ne trovi uno vero, è veramente ottimo.

    RispondiElimina
  130. Un ex giocatore che per me è+ invece quasi bibbia, specialmente quando si parla di calcio argentino, è Daniel Bertoni, che non ne sbaglia praticamente una. Il bianco per me non è un vino, è una bevanda. A tra poco per commenti sul mercato. Già aver evitato Pazzini, comunque, mi rincuorerebbe un minimo.

    RispondiElimina
  131. Intendevi una persona "diversa", caro Anto. Da due settimane mi pare di non esistere al di fuori del lavoro, così vi leggo ma non ho tempo per scrivere le mie fesserie. Mi limito a due considerazioni, peraltro scontate: 1) ormai temo sia tardi, ma uno dei due portieri (preferibilmente Viviano) andava ceduto; se restano entrambi, come pare, temo che il numero di cappelle aumenterà, perché chiunque giocherà lo farà senza essere sereno (mi pare che soprattutto Viviano, anche a prescindere dalle sue carenze tecniche ormai difficilmente eliminabili, soffra da questo punto di vista); 2) quanto all'attacco, giudico questo mercato di riparazione pessimo: che la squadra patisca maledettamente l'assenza di un attaccante che sappia buttarla dentro era già di evidenza palmare prima di questo tragico gennaio, perché a chi è del mestiere non poteva essere sfuggito come si stesse tra le stelle in gran parte grazie a Vio, cosa che, com'è ovvio, non poteva durare. Sfumato (irreparabilmente) il terzo posto, le speranze di agguantare quello per l'Europa minore sono affidate, oltreché alle insicure mani di Viviano (che comunque a giugno se ne andrà), ad un ritorno in grande stile di Jovetic (eventualità a cui non credo, tanto che lo avrei già spedito a Torino), all'esplosione miracolosa di Larrondo e ad un El Hamdaoui ritrovato (il che mi pare già meno improbabile). Il tutto, ovviamente, sperando che il centrocampo tenga quanto a Pizarro (quando gioca) e Valero, cresca (quanto ad Aquilani, fin qui piuttosto deludente) e sorprenda quanto a Sissoko.

    RispondiElimina
  132. Colonnello, per me sei un ottimo intenditore di calcio ed un finissimo funambolo della parola, ma, ahimè, riguardo al vino hai dei gusti primitivi (o vuturiani, se preferisci).
    Il fragolino viene fatto con l'uva americana (vitis labrusca) e per legge in Italia non può, giustamente, chiamarsi neppure vino. Per me è uno sciroppone disgustoso e imbevibile. Quanto al Cartizze di cui Veneto dice meraviglie, bah, che dire? Forse non ha mai bevuto un vino spumante serio, se reputa di qualità pazzesca quel mediocre vinello.

    RispondiElimina
  133. «Il bianco per me non è un vino, è una bevanda»: uhm uhm...

    RispondiElimina
  134. Chiarificatore31 gennaio 2013 18:37

    Dopo il niet di Zamparini su Viviano a Roma  Stekelenburg torna in Italia.

    RispondiElimina
  135. trattano icardi-matri...

    RispondiElimina
  136. A me piace dire le cose chiaramente è senza ambiguità. Ho già espresso il mio parere nei giorni scorsi. Per quel che penso Corvino era incapace di programmare ed ha sempre fornito al tecnico rose monche o sbilanciate. La rosa attuale è già molto più completa di una qualsiasi rosa di Corvino. Ci sono ancora punti deboli, ma non dimentichiamo che il nuovo ciclo si è aperto solo da sei mesi durante i quali si è fatto moltissimo. La Fiorentina di Pradè e Macia andrà a regime solo l'anno prossimo, ma gli stessi acquisti invernali, non occasionali ma attentamente programmati, lasciano sperare bene anzi benissimo.

    RispondiElimina
  137. Diciamo che Antoine Rouge si schiera all'estrema sinistra del partito di cui Jordan rappresenta la destra (come per caso... ahahahahahahahah!): al centro doroteo io, Vitalogy e Deyna, Lele piuttosto ingraiano ma non romperà a sinistra come invece AntoineRouge rischia.

    RispondiElimina
  138. Cosa mi dite di Felipe Anderson alla Lazio? Matri al doria la vedo dura.... Con l'ingaggio che ha...

    RispondiElimina
  139. Diciamo, Lud, che l'attuale rosa + monca in porta e di punta, per il resto molto bene assortita e molto competitiva, con una lacuna sulla fascia sinistra.

    RispondiElimina
  140. Questa non l'ho capita, non è che stare a destra mi dispiaccia, ma su quel che ha detto Antoine Rouge son d'accordo quasi su tutto, come si fa ad essere agli opposti? convergenze parallele?

    RispondiElimina
  141. Non + ma «è».

    RispondiElimina
  142. A proposito di vini, ho letto solo ora che avete parlato di quelli argentini: quando son stato là, nelle zone di Cordoba e Mendoza, ne ho assaggiati di veramente ottimi, rossi autoctoni che non hanno niente da invidiare ai francesi, anzi, in alcuni casi li trovo decisamente superiori. Qualche nome me lo ero appuntato, se ritrovo i fogli ve li nomino. Anche certe carni, soprattutto le carni - mi perdoni Antoine - sono incomparabili, e non solo le bovine ma anche altre meno "mainstream", come quella di capretto di una certa zona [anche quella appuntata], che è veramente dell'altro mondo. Ma là le bestie hanno spazi sconfinati dove muoversi e pascolare, senza inquinanti, e sono rigorosamente grass fed.

    RispondiElimina
  143. Vita il problema di fondo è che il mese di Dicembre ha fatto venire un appetito smisurato a tutti quanti. Di botto ci siamo ritrovati terzi a competere per una CL da protagonisti quando era impensabile sperare che al primo anno saremmo stati in grado di fare quello che ad altre società, prendendo a riferimento l'anno passato, riescono a fare dopo 2 o 3. C'è poco da fare. Adesso qualcuno si è scottato e si parla di programmazione sbagliata, di acquisti che non spostano l'ago della qualità in alto e di ruoli scoperti. Ma quali ruoli....18 innesti ad Agosto, adesso ne sono arrivati altri 5 di cui 2 di alto livello consolidato, Sissoko e Rossi, più quel Vecino che non vedremo in campo prima di Settembre. A me pare che come programmazione non siamo messi male e i ruoli che hanno coperto (esterno sinistro a parte) offrano un discreto ventaglio di scelta. E non di basso livello. Chiaro che tutto è perfettibile e migliorabile, all'infinito se si vuole, ma bisogna anche saper fare di necessità virtù. Se questo quinto posto (se lo manteniamo) venisse salutato come una sconfitta stagionale quello che ho scritto ieri sera sarebbe ben poca cosa. Tolte le nostre convinzioni, da tifosi, sulle altre squadre (leggiti cosa scrivevamo di Inter, Milan, Napoli e Lazio da Ottobre a Novembre, non farmi fare il topo d'archivio) non è che stiano sull'albero a cantare. C'era un gap prima, e ce n'è uno adesso. Si gioca bene ma certi limiti strutturali non possono essere colmati con il centrocampo o il bel gioco. Si è visto che da soli non bastano, serve anche sostanza, e la nostra che poggia su basi di assoluto livello non è ancora a quello delle squadre che ci precedono. 

    RispondiElimina
  144. Cavolo, Jordan, ti credevo più moderato! Guarda che AntoineRouge ci è andato pesante! Va bene, va bene, ti situo allora all'estrema sinistra, ala «Manifesto». Faremo di tutto per evitare la scissione. Deyna, non mi dire che anche tu fuggi a sinistra o resto solo con Vitalogy a presidiare la palude dorotea, mentre si sa bene invece che essa è sempre stata maggioritaria (ahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  145. Big Ben ha detto stop! Chissà se Alonso a giugno ci sarà! Peccato, a Natale avevamo la Champions alle viste: sarà per il prossimo anno, coi soldi di Juvetic una gran punta e un grande esterno sinistro, sperando che la situazione del portiere trovi soluzione.

    RispondiElimina
  146. Bene Ludwig, vista l'ufficialità con cui stabilisci che gli acquisti di un tempo erano tutti casuali mentre quelli di ora tutti minuziosamente programmati, ci butti giù una formazione non casuale con Compper, Wolski, Vecino e Larrondo?

    RispondiElimina
  147. Dei quattro citati due sono riserve. Gli altri due Wolski e Vecino vanno collocati. Ci penserà Montella, ma direi che arricchiscono il reparto cui sin dal principio si sono dedicate le maggiori cure ossia il centrocampo.

    RispondiElimina
  148. La mia impressione è che abbiano cercato di prendere un grande attaccante a inizio gennaio, ma che non ci siano riusciti. Solo così si spiegherebbe perché hanno tirato tanto per le lunghe con Larrondo, il quale poteva arrivare già il 2 gennaio ed è stato acquistato solo una settimana fa: l'hanno preso (tenendolo in stallo per 20 giorni come soluzione B) solo quando sono stati sicuri di non riuscire ad arrivare al vero obiettivo (Lisandro? Aubemayang?).
    Adesso sotto col campionato e col Parma: torna Pizarro, in attacco forse spazio al nuovo arrivato?

    RispondiElimina
  149. In attacco arriva Rossi. Basteranno pochi aggiustamenti in estate per avere l'anno prossimo una squadra che sulla carta appare molto forte e completa in tutti i reparti. Quest'anno invece dovremo adattarci ad una rosa non completamente a regime. Ma in sei mesi, ripeto, Pradè e Macia hanno strafatto.

    RispondiElimina
  150. Voto al mercato, 7. Anche se forse, il solo arrivo di Rossi e il fatto che migliorare il miracolo estivo fosse davvero improbo, meriterebbe l'aggiunta di mezzo voto. Adesso rilassatevi ed aspettate che i talenti arrivati in casa Fiorentina faccinao il loro corso. Io son tranquillo...

    RispondiElimina
  151. Dimenticavo: per domenicac'è anche El Hamdaoui, penso che titolare sarà lui e non Larrondo

    RispondiElimina
  152. Vitalogy, stai schizzando a sinistra pure tu! Comunque diciamo che delle lacune  attuali una cominciò con Corvino, l'agonia nel settore di punta, dopo l'inizio del declino gilardiniano. Il paragone ad ogni modo è difficile, Pradè ha rilevato un DS ormai sconfitto dalla piazza, dall'usura di rapporti coi colleghi, dall'età, dalla stanchezza, il paragone va fatto col Corvino del primo quadriennio, se va fatto (per me no, sono due grandi professionisti, grazie a entrambi, giocare l'uno contro l'altro è puerile). Pradè lavora da giugno, domani è febbraio e la punta centrale che ci ha portato in tutto questo tempo di scopertura è un pensionato negli Emirati: difficile dire che, in quel settore, abbia ben operato, come difficile è attribuirgli una gestione dei portieri sagace (ma su ciò avevo avvertito, quand'era arrivato, che anche a Roma coi portieri era stato casinista). Bilancio complessivo un bel 7+: ha fatto un gran dissodamento iniziale e semina di qualità, poi ha beccato una grandinata trascurando le previsioni meteo e partendo in week-end e nuovo lavoro di riparazione in prospettiva del prossimo raccolto. Diciamo che quest'anno ha fatto un margine che gli consente di pagare i creditori e la scuola ai figli. La moglie pensa che poteva andare anche meglio e che avrebbero potuto cambiare la macchina, ma che capiscono le mogli dei campi?

    RispondiElimina
  153. Allora, mercato di riparazione invernale:
    - Compper: a far numero in difesa, giocatore nel complesso mediocre
    - Sissoko: buon rinforzo come centrocampista incontrista, se sano
    - Vecino: acquisto per la prossima stagione
    - Rossi: acquisto per la prossima stagione
    - Wolski: tornerà in condizione da partita tra circa un mese, giovane di talento verificato solo in Polonia, di difficile collocazione in questo modulo
    - Larrondo: centravanti dal potenziale molto interessante ai tempi delle giovanili del River e del Siena, ma è rimasto per ora praticamente lì, a livello professionistico il rendimento è da pippone.
    Punti deboli su cui c'era da intervenire a gennaio: portiere, sostituto di Pizarro, alternativa di qualità a Pasqual, forte centravanti. Correzioni effettivamente apportate: nessuna.
    Voto: 5.5, solo perché si vede la prospettiva, ma questo campionato difficilmente sarà di nuovo raddrizzato. Programmazione a lungo termine, quando però non sappiamo a che livello potremo competere con le altre, che ferme non staranno: 7; programmazione per il presente, una stagione in corso che con un intervento agli inizi della sessione poteva ancora condurci in CL: 4. 

    RispondiElimina
  154. Come voto al mercato sarei d'accordo con Louis, anche per le motivazioni che ha dato, anche se, a dire la verità, a parte i colpacci Rossi e Sissoko e a parte Vecino che è un acquisto per il prossimo anno (in effetti anche Rossi, di fatto), gli altri acquisti sono tutti da verificare, a partire da Wolski e Larrondo. Sono abbastanza doroteo, Colonnello?

    RispondiElimina
  155. Beh, Colonnello, se andiamo a vedere il Pradé della Roma, allora anche come centravanti non è che fosse messo molto bene: a parte Vucinic (che non è un centravanti classico) non ne ha azzeccate molte, tra Nonda, Mido, Carew, Adriano e forse mi dimentico qualcuno.Detto questo, io rimango soddisfatttissimo del suo operato (e di Macia, naturalmente) e molto fiducioso nel futuro.

    RispondiElimina
  156. Deyna non schizza a sinistra, è proprio Robespierre! Bello tagliente, ammirevole comunque. Eh, ti ghigliottinerà anche, il Maximilien, ma come ragiona, come parla, eh... Però si è sempre detto che con le donne non lo si vede mai: boh, saranno malignità di Danton (ahahahahahahahahahahahahahahah!). Pollock, che striscia di qualità abbiamo fatto! Guarda la cloaca e compara: là stronzate puzzolente di spermi vaganti, mentre qui sapere, vita, soldi (con Chiari), fica (potenziale, con le lettrici fisse che però non scrivono mai, mannaggia!), risahe, dorfini da piglià a calci 'n culo, tutto, tutto, tutto! Dismission? Impossible!!!!!!!!!!! Alè Viola e 'n culo a' gobbi!

    RispondiElimina
  157. Infatti Colonnello il confronto lo ritengo poco sensato anch'io, oggi mi vanno bene i Pracià anche se per giugno mi aspetto di vedere chiarite (come ritengo sia nelle corde di questi due ottimi direttori) le questioni del portiere e della punta. Chiarezza tecnico-tattica che invece è già stata decretata ufficialmente da Ludwig, perciò ho chiesto la formazione a lui, che ha già visto tutto chiaro e ci ha appena informato di non dare giudizi disambigui. Ma a dire che Wolski e Vecino andranno collocati ci arrivavo anch'io,

    RispondiElimina
  158. Non ho mai pensato che la Fiorentina da subito si sarebbe inserita nella lotta per la CL.  Il riferimento è il Napoli al quale sono occorsi anni per essere dov'è ora.  Quindi valuto il mercato appena concluso molto positivo in prospettiva con qualche (pochi) dubbi che riguardano il recupero di giocatori provenienti da infortuni.  D'altronde la società deve correre dei rischi per accedere ai giocatori che sono stati presi, altrimenti saremmo strisciati e non viola.  Per quanto mi riguarda tutto ciò che viene quest'anno oltre a quello che abbiamo già espresso (bel gioco, base solida, giocatori da top club) è tutto trovato, non per caso ma per abilità del gruppo dirigente e dell'allenatore. che restano i migliori garanti del nostro futuro.

    RispondiElimina
  159. La Fiorentina è stata programmata per andare a regime in un anno. Il lavoro è iniziato in estate, proseguito a gennaio e sarà terminato a giugno prossimo. Il voto al ciclo al momento per me è nove. Si intravedono potenzialità davvero notevoli ed una rosa completa. Può sentirsi frustrato solo chi immaginava l'innesto immediato di giocatori alla Edmundo. Ma che il modus operandi dei Della Valle sia diverso lo sanno anche i bimbi. Resta da dimostrare inoltre che i top player auspicati fossero sul mercato a prezzi non esosi.

    RispondiElimina
  160. Lud, io spero che la tua programmazione a regime non sia come quella che dicevi per la finale europea con la Spagna: ahahahahahahaahahahhahahahahahhahahahah!

    RispondiElimina
  161. Anto, quello è stato uno dei 3 limiti del Pradè DS a Roma. Il secondo fu quello di non aver trovato un portiere decente (Doni, Julio Sergio, Artur, Lobont) per una squadra di quel livello, il terzo fu quello di non aver mai scovato un giovane craque.
    A far da contraltare, fece diversi colpi con l'usato sicuro, prendendo tanti giocatori di spessore internazionale (Riise, Juan, Burdisso, ecc.) a prezzo di saldo, e vendendo tanti giocatori a prezzi assurdi (Mancini, Chivu, ecc.)
    Questo mi fa pensare che non sia granchè come osservatore di calcio, ma che in compenso sia un grande nelle trattative e sappia tenere buoni rapporti diplomatici. Direi che lui e Macia sono complementari come Battisti e Mogol (lo spagnolo, quando provò a fare il DS, durò quanto un gatto sull'Aurelia), non esiste l'uno se non esiste l'altro, ma noi li abbiamo entrambi perciò va benissimo così. Macia è l'osservatore, perciò mi immagino che il parere tecnico su Savic, Vecino e Wolski l'abbia messo lui. Così credo che dovremo affidarci a lui anche per il portiere e la punta, perchè abbiamo già constatato a Roma che Pradè da solo, in tal senso, non è una garanzia. 

    RispondiElimina
  162. Vitalogy fai due conti e dimmi cosa manca alla Fiorentina come sarà a fine campionato. A me pare che tutti i reparti siano coperti più che bene, sia guardando ai titolari che alle riserve. L'attacco Jovetic-Rossi non è certo da provinciale, centrocampo e difesa sono già ottimi quest'anno. Resta forse una relativa abbondanza di centrocampisti avanzati ma può darsi che in un gioco alla Montella o alla Spalletti risultino utili. Inoltre un giudizio definitivo si potrà dare dopo il mercato estivo, quando potranno esserci entrate ma anche uscite. Francamente non trovo punti deboli. Dire come e dove dovranno giocare i due giovani Vecino e il polacco mi pare prematuro, ma presto lo capiremo. Un fatto è certo: la presenza del polacco crea una grossa competizione in Lljajc che infatti domenica ha fatto una delle sue migliori partite in viola.

    RispondiElimina
  163. Io do un bel 6,5 a questa finestra di calciomercato. Larrondo è un'incognita, ma anche no. Vediamo che cartucce ha da sparare, penso che spariranno diversi sorrisini e mugugni. Wolski è un prospetto eccellente, nei primi 5 a centrocampo della sua età secondo le liste Uefa. Compper, vale la legge Pracià, che ti prendono un Gonzalo e un Borja per un piatto di lenticchie, eppure......Rossi, niente da dire, un capolavoro. Sissoko, si mette in dubbio che sia sano ma sta giocando la coppa d'Africa, eccome se lo è. Fosse quello della juve (che seguivamo prima che ce lo soffiassero) sarebbe tanta qualità in più in questo centrocampo, da palati fini. Vecino, altro giovane di sicuro avvenire, ne sono certo. Alonso verrà a Giugno, si è solo rimandato. Così come verrà un esterno buono sulla sinistra. In attacco si è posto rimedio, rimane aperta la grana portiere che Rouge ha riassunto molto bene avendo preso lezione dal patriarca che certe cose le scrive da mesi. Stringiamo il cordone fuori dell'area di rigore e vediamo che i difensori facciano meno cappelle, ne gioverà senz'altro il portiere, chiunque esso sia, anche se preferisco Neto che offre maggiori garanzie di tenuta sul lungo termine, c'è da chiedersi se gli verrà concessa ancora fiducia. Anche perché togliergliela significa peggiorare ulteriormente il quadro psicologico già non brillante. 

    RispondiElimina
  164. Blimp ti ho già risposto in passato citando numerosi miei post estivi nei quali facevo presente che l'Italia agli Europei non era inferiore a nessuna altra squadra eccetto la Spagna i cui valori individuali erano nettamente migliori dei nostri.

    RispondiElimina
  165. Vigne africaneItaliani la
    qualita' media e' molto alta,francesi perche'li sanno fare bene e nei
    gran cru sono al top,mentre su con quelli di prezzo basso ci puo'solo
    cucinare.Se esco da questi,vado senz'altro sui sudafricani.Comunque pur
    preferendo i rossi,anch'io sono un fan del Prosecco che compro,quando
    posso,a Feletto.Colonnello,ingraiano???ah ah,volevi dire malagodiano,e adesso tuttovabenefuorche'monti.
     
    Lele
     

    RispondiElimina
  166. Ottimo Leone, ottimo. Adesso si riparte con un Larrondo in più, e non è poco, aldilà degli sghignazzi di quelli che bollano i giocatori se solo non gli torna il cognome. Wolski certo deve fare un po di anticamera ma non appena inizierà a capire in che banda è finito aprirà il gasse e farà divertire la piazza come non mai. Compper ci da una mano la dietro e poi, sullo sfondo, impaziente e fortissimo, arriva Beppone nostro, cazzo se solo penso al prossimo anno...

    RispondiElimina
  167. Dopo le superbe radiografie di Pradè compiute da Anto e Vitalogy (bravissimi) il DS può anche entrare in camera operatoria... Lud, se hai programmato tutto al millimetro non vai a cercar Bianchi (d'accordo con Brovarone: allora resto con Larrondo!) nelle due ultime ore di mercato, come ormai ripetono tutti i siti locali e nazionali nonché le tv. Sono sorpreso dalla Juve, comunque: rischiano di perdere tutto su ogni fronte (dalla Coppa Italia sono già fuori) col loro mercato di merdissima.

    RispondiElimina
  168. Ludwig che l'attacco sia coperto numericamente non c'è dubbio, come prolificità non lo so e lo vedremo da qui a giugno.
    Cosa manca alla Fiorentina? Se pensiamo a come eravamo messi al 45° di Fiorentina-Novara non ci manca nulla di nulla, se pensiamo a come eravamo un mese fa ci sono mancati un portiere affidabile e un centravanti che ci garantisse un minimo di gol. Ora che gennaio è passato e le speranze di Champions (allo scudetto non ci ho mai pensato)sono ridotte al lumicino, preferisco vedere la parte mezza piena del bicchiere, perciò alla tua domanda rispondo che per quest'anno non ci manca nulla. Ma il punto è che alla domanda sarebbe stato più appropriato se avessi risposto tu invece di rigirarla a me dato che sei stato tu a dire che che prima tutti gli acquisti erano casuali mentre ora hanno logica definita e nitida. Lo so da me che Vecino e Wolski vanno collocati.

    RispondiElimina
  169. Eppoi, vedi che da quanti sono addirittura li lascio per strada, MomoSissoko, che Corvino inseguiva ad annate intere facendoci sempre la figura del bischero che rimaneva col cetriolo in mano, diventerà credo molto più di una riserva di lusso...

    RispondiElimina
  170. Sulla falsariga delle mie previsioni estive aggiungo che la Fiorentina del prossimo anno non sarà da scudetto. La nostra dimensione è un'altra. Per lottare per il titolo occorrerà una stagione perfetta e una certa dose di quella buona sorte mancata quest'anno. Potremo però divertirci e lottare per il posto in Champions.

    RispondiElimina
  171. Abbiamo dimenticato il colpo dell'ultima ora: De Rossi!

    RispondiElimina
  172. Beh, Vitalogy, col Novara avevamo il doppiettista, vuoi mettere?Ahahahahahhahaahhahahahahahahhahahah!

    RispondiElimina
  173. Ahahahahah, eh lo sapevo Blimpe!

    Ti basti sapere, comunque, che ci hanno provato davvero...

    senza dirlo però, come faceva uno del salento...

    RispondiElimina
  174. Eh, Louis, non mi dire che non puoi citare le fonti o te le bruci, perché allora e' ti metto nella banda dello Schreber e della Bordigotta, quelli di Fatima... ahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  175. Ma Lisandro, c'è andato al Tottenham? E se sì, per quanto?

    RispondiElimina
  176. E invece te lo dico... ahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  177. De Rossi e Balotelli, dieci milioni di ingaggio in due. Bravi per carità, ma a parte Viviano nessuno si riduce l'ingaggio per venire a Firenze.

    RispondiElimina
  178. Lud, a parte il fatto che, in certi momenti, una mano te la danno i club titolari del cartellino, pur di levarsi la magagna di casa...

    Per quanto riguarda De Rossi lo snodo c'è stato la sera di befana quando ha giocato (bene, direi) contro il Milan nel posticipo serale vinto dai giallozozzi...


    Avesse fatto panca anche quella sera...

    RispondiElimina
  179. Rossi mi sembra averlo fatto o sbaglio, Lud?

    RispondiElimina
  180. Lisandro, dico?

    RispondiElimina
  181. Di certo raiola ci s'è fatto tondo con balotelli...

    RispondiElimina
  182. Louis, è come Waterloo, se Grouchy avesse fatto quel che doveva oggi parleresti con l'evve moscia come l'Avvocato. Su Grouchy ho fonti migliori delle tue, comunque, e anche Lud, credo (ahahahahahahahahahahahahah!). Ditemi di Lisandro.

    RispondiElimina
  183. Sicuro, Louis? Non credo che Aulas stavolta sia stato molto lungimirante, d'ora in poi Lisandro sarà per lui un mal di testa, faceva meglio ad essere più pratico.

    RispondiElimina
  184. Il calciomercato inglese chiude piu' tardi, se non sbaglio, Colonnello.

    RispondiElimina
  185. Rossi ha detto di aver ricevuto dalla Fiorentina la proposta più concreta. Non penso si sia ridotto l'ingaggio. Conosceva il suo valore ma sapeva anche che c'erano incognite significative destinate a influenzare la valutazione e lo stipendio. Siamo stati bravi a prenderlo, ma per scoprire se davvero gli altri ds debbano mangiarsi le mani bisogna aspettare!

    RispondiElimina
  186. Chiarificatore31 gennaio 2013 20:40

    Condivido, ma forse si sapeva, le opinioni di Attila, Louis e Ludwigzaller su questa campagna acquisti, ampiamente positiva ed importante tappa di un processo esaltante basato su una lucidissima e competente programmazione a breve,medio e lungo termine, oltreché sulle opportunità, in relazione ad essa, che si presentano. Vi faccio presente che, a detta di tutti,  tra  i migliori 5-6 colpi di questa campagna acquisti ce ne sono due colorati di viola: Rossi e Sissoko.
    Peccato Ludwig che tu sia invece così scorretto nel giudicare  Corvino.Per quattro anni fu artefice, per la parte di sua competenza, di un'ottima programmazione, come l'attuale, poi naufragò e neppure soprattutto per colpa sua.Ti faccio un solo esempio, Montolivo e D'Agostino, nelle mani di un allenatore come Montella avrebbero potuto essere le colonne di una nuova Fiorentina, quindi le basi di una seria programmazione, un po' come lo sono ora Pizarro e Valero. Nella Fiorentina degli ultimi anni invece sono apparsi come doppioni incompatibili, come un esempio di pessima programmazione. 

    RispondiElimina
  187. Chiari, l'avevo già accennato qualche giorno fa, ma con una Fiorentina che ha 35 punti a Natale, Prandelli avrebbe bocciato una campagna di riparazione fatta di tanti stranieri e da un italiano col ginocchio rotto, perciò oggi sarebbe a dire "così facciamo fatica... gli acquisti per il futuro non si fanno a gennaio... Wolski deve imparare a scrivere con meno ipsilon, vudoppie e zeta... io avevo chiesto due italiani da mettere inserire subito (Palombo e Caracciolo, ndr)"

    RispondiElimina
  188. Chiarificatore31 gennaio 2013 20:51

    Il punto cruciale è che se Rossi non avesse avuto l'infortunio poteva puntare ad un top club e ad un conseguente ingaggio notevolmente superiore a quello che prende a Firenze, quindi  ce lo saremmo sognato.

    RispondiElimina
  189. La mia personale impressione, non parlerei di scorrettezza, che le rose create da Corvino fossero meno complete e meno coerenti. Alcuni reparti come l'attacco erano anche troppo forniti. A centrocampo e in difesa la qualità era inferiore. Montolivo è stato il giocatore chiave attorno a cui ruotavano gli Zanetti, i Liverani, i Donadel. Niente a che vedere con la qualità complessiva del centrocampo attuale che ora ha anche Wolsky e Sissoko. Anche la difesa della Fiorentina prandelliana aveva parecchi onesti pedatori e pochi o punti campioni. D'Agostino è un caso a sè Chiari, si sa: sulla carta ottimo acquisto, ma arrivato pare per sostituire Montolivo, a fine stagione viene ceduto alle buste con un bagno di sangue economico.

    RispondiElimina
  190. Chiarificatore31 gennaio 2013 21:01

    Lo ricordo benissimo, Vitalogy, ed io approvai  in pieno quel tuo giudizio sul possibile  atteggiamento di  Prandelli in questa circostanza, anche se ce da considerare che allora, all'apice del prestigio, fu motivato anche dal fatto che forse si stava già guardando attorno. 

    RispondiElimina
  191. La differenza rispetto agli ultimi anni di Prandelli sta nel fatto che non giochiamo la Champion. Inoltre per adesso Pradè e Macia non hanno sbagliato, a differenza di Corvino, un solo acquisto.

    RispondiElimina
  192. Il mercato viola se lo si giudica per il risultato immediato
    di quest’anno è stato abbastanza scadente. Delle lacune che c’erano non ne è
    stata tappata nessuna, a parte, forse il centrocampo rinforzato da Sissoko se è
    sempre lui. Il problema portiere è rimasto, anzi forse è acuito dalle tensioni
    di queste ore, il back-up di Pasqual resta Llama e,soprattutto, la potenza di
    fuoco è rimasta pressoché inalterata a meno di non voler sperare nei miracoli
    di Wolski (non ancora al 100%) e del misterioso Larrondo. E’ arrivato un
    buon  mestierante in difesa, Compper,
    bravo soprattutto nel gioco aereo dove abbiamo mostrato carenze evidenti, è
    arrivato un grande giocatore in restauro che per questo campionato non servirà
    praticamente a niente, ed è arrivato un centrocampista giovane, ottimo
    prospetto ma disponibile, si spera, solo a giugno.


    Se si voleva lavorare per quest’annata si doveva fare
    tutt’altro, quindi mi immagino che non è per quest’annata che si è lavorato ed
    allora non si può giudicare con questo metro di giudizio. Questa campagna
    acquisti la si giudica un altr’anno di questi tempi, quando tante promesse
    dovranno essersi fatte conoscere. E valutare chi non si conosce è difficile davvero.

    RispondiElimina
  193. La gestione dei portieri in questa finestra di calcio
    mercato ha qualcosa di allucinante.


    Si mette praticamente sul mercato Viviano (l’ultima ora di
    oggi dimostra che c’era andato davvero ma di questo se ne parla poi). Neto è il
    titolare, Viviano non accetta la panchina, se ne va. In seguito ad un errore di
    Neto a Catania si cambia completamente strategia e sul mercato ci va il
    brasiliano perché le parti all’improvviso non si sa per l’intervento di quale
    “Deus ex machina” si invertono. Neto va a Bologna, va bene, giocano tutti e due
    e poi si vede. No, Neto va  a Napoli! A
    far cosa? La panchina a De Sanctis per non volerla fare a Viviano? No, Neto a
    Napoli non ci va più perché non ci vuole andare (e ne ha tutte le ragioni) e
    allora va a Bologna. No, perché il Bologna si deve prima disfare di un portiere
    e siccome anche la Fiorentina ha bisogno di un 12 glielo vuole rivogare (il
    Bologna ne ha quattro a carico e non ne ha uno buono). Ma Agliardi che, per
    ora, a Bologna gioca, a Firenze a far la panca non ci vuol venire e Curci non
    lo vuole la Fiorentina. Allora tutto a monte, restano tutti e due a scornarsi.
    No, Viviano lo vuole la Roma a due ore dalla chiusura perché ha venduto
    Stekelenburg al Fulham. Zamparini dice di no (ma cosa c’entra Zamparini, era un
    passaggio di prestiti!) perché il padrone è lui e allora Stekelenburg torna
    indietro. Ora, a parte capire chi è che decide, però non ci raccontate bubbole,
    se la Roma praticamente vende il suo portiere è perché è convinta di avere il
    rimpiazzo, non è che va acercarlo a due ore dalla chiusura del mercato, tanto è
    vero che quando scopre che non ce l’ha manda tutto a monte! Ma allora si era
    già venduto Viviano e si stava per dare in prestito Neto al Bologna? Ma in
    porta chi ci giocava? Lupatelli? O Agliardi? Se glielo dicevano, veniva di
    corsa. C’è qualcosa di abbastanza incomprensibile.

    RispondiElimina
  194. Che fosse arrivato per sostituire Montolivo se lo inventò Pallavicino Caduto da Cavallo, per giustificare la pantomima del Passata. Che ci avessero creduto il Gat e le magdelieclaudie non mi stupisco, ma sentirlo dire da te mi stupisce, Ludwig. Per essere pretestuoso verso Corvino, dài credito a quella che tu sai bene essere una scemenza strumentale uscita dalla bocca di un procuratore.
    Se Montolivo aveva giocato in una linea di centrocampo Kuzmanovic-Liverani-Montolivo, non vedo perchè non avrebbe potuto giocare nella linea Behrami-D'Agostino-Montolivo, assolutamente speculare a quella sopracitata.

    RispondiElimina
  195. Jordan complessivamente concordo con te: non è un mercato che darà esiti immediati. Hai dimenticato però di citare i due pezzi pregiati: Sissoko che è più di un rincalzo ed è subito disponibile (potrebbe dare molto) e Giuseppe Rossi. Aggiungerei Wolsky, che potrebbe essere una sorpresa.

    RispondiElimina
  196. Insomma Vitalogy: è vero o no che D'Agostino non solo ha giocato poco e senza entusiasmare e che è stato ceduto sotto costo, anzi regalato alle buste? Farlo passare per un capolavoro di Corvino mi pare estremamente discutibile.

    RispondiElimina
  197. Analizzare la Fiorentina di Dago e Monto significa poi chiamare in causa Sinisa, del quale sai cosa penso.

    RispondiElimina
  198. «Pallavicino caduto da cavallo»... ahahahahahahahahahahahah! Pollock attento, Vitalogy ha accerchiato con le sue truppe il palazzo presidenziale, esci fuori disarmato... ahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina