.

.

venerdì 18 gennaio 2013

Viagradinata

E così alla fine è arrivata la crisi mistica, il tifoso mastica amaro, e dopo le tre scoppole della vita non sa più chi è nemmeno dalla vita in giù. Ma chi è diventato allora il tifoso Viola dopo il tracollo e dopo le sconfitte arrivate tra capo e collo, quali sono oggi le sue emozioni, si sono travestite di delusione o è lui che per il dispiacere è diventato un travestito. Che cosa prevale quindi dentro di noi, qual’è il nostro aspetto interiore, trasandato per la delusione cresciuta come una barba di due settimane, oppure dentro ognuno interpreta il finto trasandato, un ultras andato e datato, oppure uno sornione e consapevole di provare ancora piacere anche dopo qualche battuta d’arresto perché conscio di avere comunque iniziato un percorso virtuoso che vede ancora il bilancio positivo, che poi alla fine è l’aspetto della questione che più c’interessa davvero, lui si sempre gradevole. E questa consapevolezza rimane comunque affilata come un buon rasoio mentre si è scatenata una tempesta tra l’ormonale e l’anormale, si sono perse le certezze, la sessualità vacilla, le credenze popolari insinuano tarli più voraci di quelli che ci sono nella credenza della nonna, e avanzano fino a scadere nella Pescaramanzia, tre sconfitte hanno fatto uscire la vera belva che è in noi, non rimane adesso che tagliarsi la barba per mettersi l’Acqua Velva. E gettare così anche un po’ di Acqua Velva sul fuoco. Aspettiamo il Napoli per capire meglio se siamo carne oppure pesce, se proseguiamo il cammino con le nostre gambe o se il pesce tra le gambe ce l’ha solo Cavani. Insomma qual’è oggi la nostra identità dell’umore, una collana di sconfitte in una perla di girone d’andata, oppure una collana di perle su un petto villoso, e tatuaggi che rendono più volgare un cammino che sembrava elegante, un rossetto in mezzo a una barba che è addirittura peggio che avere Rossitto in mezzo al campo. Siamo letteralmente scombussolati, questo duemitredici ci ha minato le certezze, la buona sorte non si è limitata a fare orecchie da mercante, ci ha messo orecchini e piercing, tutta ferraglia per marchiarci e così riconoscerci meglio prima di calamitarci addosso tutta la sfiga possibile. E al palo della lap dance dove si avvinghiava una squadra fino ad allora sinuosa, ha sostituito il suono del palo che sa di schianto, dove si stampa il dramma e si strozza in gola l’urlo del gol. E ancora non siamo usciti dall’equivoco delle palle inattive, che essendo tali sono però le uniche che procreano gol. E menomale che sono inattive. Allora compriamo una punta inattiva. Mentre anche il passivo Failla è stato colto da questa crisi d’identità sessuale a momenti, tanto che la sua soglia del dolore ha superato quella di Jovetic e la sensibilità ha superato persino quella di Heidi mettendosi a gridare tutto il suo sdegno per la violenza inaudita scaturita da un addetto che è scivolato dolcemente sulla copertura del tunnel che porta agli spogliatoi, è una vergogna! Aveva ragione Conte in quella famosa conferenza stampa perché aveva intuito prima di tutti la deriva di un calcio che stava scivolando da solo prima verso il fairiplay e poi verso il Failla. Dobbiamo rientrare al più presto nel nostro corpo di tifosi che altro non è che la nostra vera identità, non è facile perché alle porte c’è il Napoli che non solo non sembra essere d’accordo, ma è anche un cliente non certo dei più passivi, non proprio disposto a riavviarci ad un’attività sessuale soddisfacente facendoci da nave scuola. Abbiamo comunque bisogno di un aiutino psicologico e non, e allora ho pensato a qualcosa che sia facile e di sicura efficacia. Un interruttore?

118 commenti:

  1. Heidi?Haidara,casomai....Non so se riusciremo a Cava(ni)re il ragno dal buco,anche perché non ho mai assistito a questo accadimento,un uomo ch riesca a far uscire un aracnide da un foro.Chiaramente ci sono da sistemare le due ragnatele:quella di centrocampo e quella,più "tosta" che si è formata sulle sedicenti punte viola.Siamo fieri che in fìeri non abbiamo il problema delle doppie punte(neanche Valero e Migliaccio hanno il problema)ma se la pediculosi non è pericolosa,l'attacco napoletano si!Credo che le nostre Smorfie possano servire ai napoletani,ma occorrerà giocarsi bene le combinazioni,domenica,senza sbagliare cambi,impostazioni,mentalità.

    RispondiElimina
  2. Rispondo qui a Deyna: l'Europa League è stata vinta negli ultimi anni dal Porto e - due volte - dall'Atletico Madrid; se preferisci da Aguero e Radamel Falcao. Io una vittoria nell'EL non la schiferei affatto, a differenza vostra: nella nostra bacheca abbiamo una Coppa delle Coppe di più di cinquant'anni fa, una Mitropa di più di quarantacinque anni fa e una Coppa di Lega italo-inglese di più di trentacinque anni fa, vincere una coppa europea non sarebbe male. Il Bayern o il Milan magari possono anche snobbare l'EL, noi penso di no. Preferirei vincerla e mettere un trofeo in bacheca che arrivare agli ottavi o quarti di CL. Per lo stesso motivo avrei preferito vincere la Coppa Italia.

    RispondiElimina
  3. Solo per la cronaca. Stamani ho ascoltato Gabriele Canè direttore de La Nazione, parlare con Teotino e Guetta (replica del Pentasport di ieri) e sostenere che il gol della Roma è responsabilità al 100% di Neto.

    RispondiElimina
  4. Chiarificatore18 gennaio 2013 09:18

    La partita contro il Napoli non è l'ultima spiaggia nella maniera più assoluta.



    Affrontarla come se fosse l'ultima spiaggia è il modo migliore per perdere lucidità, sicurezza e quindi la partita.



    E' una partita che abbiamo la possibilità di vincere ma che, visto l'avversario, nello stesso modo potremo anche perdere.La Fiorentina non è in crisi di gioco, ma alcuni calciatori decisivi sono:in crisi (Jovetic), stati assenti (Pizarro), non più in grado di fare miracoli ( Toni) proprio quando i loro sostituti non ci sono ( El Hamdaoui).A tutto ciò si aggiunga lo sculo e gli arbitri e vengono fuori le tre sconfitte.La Roma ed il Milan sono di 3 e 4 punti sotto di noi, non mi pare che a gennaio si stiano rivoluzionando eppure sono convinto che entrambe pensano ancora alla Champions League, perché non possiamo allora puntarci e crederci noi? Anche in caso di malaugurata sconfitta contro il Napoli?  

    RispondiElimina
  5. Da piccolo ci riuscivo, Sopra, ma era un giochino un po' crudele: tiravo una formica nella tela, e quasi subito il ragno usciva dal buco del muro in pietra in cui si era nascosto, per avvolgerla nel suo "sacco blu". Comunque mi dicono che a Firenze, come in ogni periodo di crisi che si rispetti, stanno uscendo le voci più incontrollate: Viviano avrebbe mannato affanculo Montella, Facundo sarebbe fuori perché in allenamento ha tirato un pedatone a Montella che giocava, ecc ecc. Non sono ancora state coinvolte fidanzate e mogli di giocatori e allenatori, ma penso sia solo questione di tempo, se si perde ancora.

    RispondiElimina
  6. E pensare Anto che le ho anche viste quelle finali, ho proprio rimosso. Per arrivare fino in fondo però devi impostare la stagione su quello, e trascurare un bel po' il campionato, a meno di non metter su una rosa mostruosa. Non credo mica sia nei progetti della Fiorentina...Lo farebbero per la CL, non credo per l'EL.

    RispondiElimina
  7. "Ognuno sembra giocar per sé salvo passar
    la palla quando non ne può fare a meno al compagno, meglio se marcato". Questo scrive Jordan riguardo il nostro "gioco" d'attacco, e sottoscrivo parola per parola. Oltre ai tre tenori di centrocampo [Aquilani è un po' rauco ora, però], mi vien da dire che il nostro migliore acquisto è stato Vio.

    RispondiElimina
  8. Chiarificatore18 gennaio 2013 09:35

    Sono d'accordo con te, Deyna, sulle voci incontrollate, degli scontenti della prima ora, che cominciano a circolare a Firenze. In questo blog qualcuno ci mette del suo, eh eh eh.

    RispondiElimina
  9. Chiarificatore18 gennaio 2013 09:37

    Sull'Europa League sono pienamente d'accordo con Anto, certo, Deyna,  vanno presi alcuni veri e propri doppioni in rosa, ma su quello mi sembra che Macia e Pradè stiano lavorando.

    RispondiElimina
  10. Chiari, la partita col Napoli è determinante, soprattutto per motivi psicologici e ambientali. Gli auspici però non sono favorevoli, in primo luogo perché mercoledì ci siamo sfiancati come bestie fino ai supplementari, in secondo luogo perché il Napoli è la peggiore squadra che poteva capitarci: faranno come l'Udinese domenica, una partita di difesa e contropiede, visto che la nostra difesa, a maggior ragione se non c'è Facundo, soffre di essere presa in velocità.
    Secondo me andrebbe bene anche un pareggio, magari condito da una buona prestazione.

    Quanto al fatto che la colpa del gol della Roma sia al 100% di Neto, mi sembra incredibile pensare una cosa simile, per le ragioni esposte da me e (soprattutto e meglio) da Jordan nei giorni scorsi.

    RispondiElimina
  11. Chiarificatore18 gennaio 2013 09:50

    Anto, che la partita contro Napoli capiti nel momento psicologicamente meno adatto, sono d'accordo, che sia decisiva no. 



    Con i tre punti in palio, un pareggio, tanto più in casa, sarebbe numericamente quasi una sconfitta. 



    Poi conterà la nostra prestazione, in ogni caso.Se malauguratamente perderemo ma giocando bene avremo tutte le possibilità di rialzarci.

    RispondiElimina
  12. Chiarificatore18 gennaio 2013 09:55

    Volevo dire degli scontenti dell'ultima ora.

    RispondiElimina
  13. Chiarificatore18 gennaio 2013 10:17

    Sembra che sia venuto fuori il nome del centravantone che Montella voleva ai primi di gennaio: Larrondo, eh eh eh. Se fosse vero, Montella ha fatto benissimo ad incazzarsi per il ritardo, perché avrebbe potuto dare una mano per evitare le tre sconfitte, ed il ritardo nel condurre in porto la trattativa, da quanto s'è capito, è stato dovuto a dettagli marginali.

    RispondiElimina
  14. Canè esagera, non il 100% (vista la compartecipazione della difesa in pennichella), il 50% però sì, perché Neto non copre sul primo palo la linea immaginaria tra palo e area a uscire e resta in posizione al tutto inutile ai fini di difesa della porta: una cosa alla Frey. La palla arriva prevedibilmente bassa, come Gianni USA osserva giustamente in compagnia di Pacco Dono (del quale ultimo vi servo il pensierino di oggi: Facundo mangia vento e caca tempesta... ahahahahahahahahah!), a due metri e forse un po' meno dalla linea di porta e ad almeno sette metri dal piede di Pjanic. E' un errore tecnico in un portiere che giudico posizionale, ma di posizionalità istintiva e che deve crescere coi consigli e, a mio avviso, coi video più che con la pratica di campo (mi sembra, caratterialmente, il brasiliano fava da passeggio, anche se bravo figliolo, e dunque c'è da lavorare più che altro sul mentale). Frattanto, la disgraziata avventura vivianesca sembra al capolinea: non strappiamoci troppo i capelli, il Tifoso (già, come Pallavicino... datemi allora un bel gobbo, ma che faccia l'affar nostro!) è stato utile in funzione acchiappavuturi e non ci ha fatto pagar troppo dazio in rapporto alle sue enormi potenzialità negative. Interessanti le voci su un ritorno di Boruc: il gorillone prodigo accetterebbe la panca, dopo l'infelice esperienza inglese, assicurando alternativa ovviamente validissima in caso di crollo del giovane Neto e, d'altra parte, sarebbe un formatore straordinario, come molti vecchi grandi portieri hanno fatto nel passato, per il titolare dagli anni verdi. Fronte centravantone: come immaginabile i prezzi lievitano, perso il treno iniziale. Il Lione rifiuta 9+3 di bonus, alluzzato dall'asta con la Juve, il Saint-Etienne spara 15 per Aubameyang. Ci siamo infilati nella botte chiodata. Occorrerebbe portare per Facundo il Kazan a 10 milioni (già lo abbiamo portato da 6,5 a 7,5) e a quel punto difficile sarebbe biasimare Pradè per una simile fantastica plusvalenza in sei mesi (Roncaglia è arrivato a costo zero in Florence). Ma ogni giorno che passa toglie speranza. Intanto, per sopravvivere, occorre una vittoria comunque sia col Nabole e io sono così messo male, come illustra allegoricamente il gran pezzo pollockiano odierno, che confido solo in: 1) culo allo stato puro (Jordan e Deyna si prestano volentierissimo, per la Viola: scuserete se io invece declino, ho leggera diarrea e non vorrei disgustare... ahahahahahahahahah!); 2) canale Juve-Bergonzi per tener distante il Nabole; 3) Larrondo sotto la Fiesole a gridare «Stronza mangiatrice di caponata, hai visto se non sono il nuovo Van Basten!».

    RispondiElimina
  15. Colonnello sul goal con la Roma le nostre posizioni differiscono ed è inutile ricamarci ancora sopra, come anche mi sembra un po' azzardata la definizione di "fava da passeggio" di uno che non conosci nemmeno di striscio. Se era così fava da passeggio crollava come una pera dopo Udine, invece l'ho visto concentrato e convinto. Su Boruccone son d'accordo anche se mi sembra voce Terimiana poco attendibile e non ho tutta questa fiducia che verrebbe a far la chioccia conoscendone il carattere., comunque grande portiere che credo farebbe sempre comodo. Quanto al sacrificio mi dispiace ma declino, c'è un limite a tutto, anche all'amore per i colori ed il culo è sacro.

    RispondiElimina
  16. Interessamento per il ventenne Corona, su cui vorrei delucidazioni da Deyna. Ho l'impressione che sia manovra mediatico-ricattatoria nei confronti del Legia (peraltro, è extracomunitario che non potrebbe arrivare a gennaio) ma tutti i video youtube che ho visionato mostrano un mancino di grande maturità e intelligenza di gioco per l'età: sul piano tecnico, poi, spaventosa la rapidità di gambe e il numero d'arresto, mento a terra, che fa pensare a Sivori. Mi sorprenderebbe che questo non diventasse qualcuno, anche solo sulla stretta base del «cucchiaino» youtube.

    RispondiElimina
  17. Colonnello mi spiace, ma visto che il Chiari si sottrae al pagamento in denaro, dovrà rimediare lui, in natura. Larrondo sotto la curva ad esultare è ormai il nostro sogno low cost, speriamo inizi col Ciuccio, e non si fermi più.

    RispondiElimina
  18. Mah, Deyna, se anche Jordan declina occorrerà presentare il genovese in tutù rosso in coppia col Sopra. E' carne più frolla, tu potevi assicurare più freschezza al Destino Cinico e Baro. Pensaci! Ne va della Viola!

    RispondiElimina
  19. Chiarificatore18 gennaio 2013 12:02

    Con tutta la generosità e la disponibilità che posso mettere a disposizione per la causa viola, vi giuro che non ho la benché minima  predisposizione per quel tipo di servizio. Niente da fare. Provate con altri.

    RispondiElimina
  20. Vabè, se è per il futuro della Viola mi sacrifico, ed offro Vita in olocausto, è il più fresco di tutti!

    RispondiElimina
  21. Vitalogy piace molto al Destino, c'è poco da dire, ma voi mancate di slancio in un momento topico per la Beneamata. In fondo è solo una questione mentale, un timore infantile: immaginate di fare un'endoscopia, non è nulla di più. Finita l'offerta al destino vi direte: «Tutto qui? Ma allora lo rifaccio ogni sabato prima della partita!»(ahahahahahahahahahahahahahahahah!)!

    RispondiElimina
  22. BLIMP,in coppia si ma io mai davanti!

    RispondiElimina
  23. Attendo ancora la scheda tecnica di Deyna sull'impressionante Corona. 

    RispondiElimina
  24. E intanto Nicolas Castillo, interessantissimo centravanti cileno, si sta mettendo in mostra alla Copa Sudamericana Under 20...Pare che la juve stia cercando di prenderlo, quello sì che era roba per noi.

    RispondiElimina
  25. Deyna, il mondo è pieno di centravanti di qualità e cinque mesi bastano e avanzano per prenderne uno. Qui sembra quasi che un centravanti sia diventato come il Penny Black! Il mio invito presente ai DV è lo stesso che formulo vanamente da tanto tempo al Chiari: dare dare dare!

    RispondiElimina
  26. Corona l'ho visto solo in un paio di partite, Colonnello...Per quel poco, mica mi ha impressionato, mi sembra un dribblomane leggerino, per carità non fine a se' stesso, cerca molto l'assist, ma ha pochissima incisività se deve andare al tiro. Non so neanche come potrebbe essere sfruttato in italia, forse a impostarlo come Gomez del Catania...Non ci punterei molto.

    RispondiElimina
  27. Mancino? ma se è un'ala destra che si adatta anche a sinistra o nel mezzo, ma nasce sulla destra. E' alto come Giovinco, ma rapido e tecnicamente bravo anche lui.

    RispondiElimina
  28. Eh ma Castillo è veramente forte, fino a poco fa lo prendevi con realtivamente poco, ho paura che presto sarà già fuori portata. E' dai tempi del Bati che aspetto in gloria il centravanti-craque dal Sudamerica, questo poteva veramente essere quello giusto...

    RispondiElimina
  29. Bene, Deyna, mi fido anche se youtube (con tutti i suoi limiti che sappiamo) era molto lusinghiero.

    RispondiElimina
  30. Jordan, da quel vedo su youtbe è mancino, poi giocherà dove vuole, ma il suo piede è il sinistro. 

    RispondiElimina
  31. Intanto è stato ufficialmente trovato l'accordo economico per Wolski: rimane la questione se potrà arrivare già a gennaio; il Legia vorrebbe tenerlo fino a giugno, il giocatore punta i piedi, la Fiorentina lo vuole sùbito, l'impressione è che bisognerà aggiungerà qualcosina sul piatto.

    RispondiElimina
  32. «Bisognerà aggiungere», qua sotto.

    RispondiElimina
  33. Ho la sensazione (e mi pare che anche Deyna l'abbia scritto) che certe difficoltà di difensori, attaccanti, centrocampisti nascano da una certa stanchezza del modulo e degli assetti tattici studiati da Montella. Con la Roma ad esempio era inevitabile che i difensori fossero esposti a brutte figure quando la squadra avversaria saltava il nostro centrocampo e andava all'uno contro uno. Anche gli attaccanti risentono della difficoltà di giocare per linee centrali come richiede il modulo spagnoleggiante, con pochi cross e discese sulle fasce. Non so fino a che punto un centravanti d'area potrebbe adattarsi a questo modulo di gioco, che chiede scambi stretti e triangolazioni anche in area di rigore, mentre pochi palloni arrivano dalle corsie esterne (più da Pasqual che da Cuadrado). E aggiungo che Neto secondo me non ha fatto male, proprio perchè se la squadra avversaria si presenta cinque o sei volte pericolosamente di fronte alla porta il portiere non può sempre e comunque metterci una pezza. In due o tre occasioni il buon Norberto ha tenuto botta, in un'altra circostanza è toccato a Savic togliere dalla porta il pallone a goal fatto. Alla fine il goal si è preso, e certo non solo per colpa del numero uno.

    RispondiElimina
  34. Comunque Wolski è classe pura, eh...Uno Zidane peso gallo, più rapido. Semmai è l'infortunio che non mi lascia tranquillissimo, mi dicono si sia sbriciolato completamente il calcagno, speriamo torni sano.

    RispondiElimina
  35. Caro Lud, ti faccio notare che Larrondo avrebbe piede educato. Hai ragionissima sul fatto che, a forza di lasciar arrivare gli avversari da soli o quasi davanti al portiere, il gol in qualche maniera arriva, statisticamente, perché il portiere ha tutto il diritto di esserne frastornato.

    RispondiElimina
  36. Corona su youtube non l'ho visto, ma me lo ricordavo destro anch'io...Il sinistro non lo usa solo per prendere il tramme, intendiamoci, sa crossarci e giocarci in dribbling, ma mi pareva prevalentemente destro.

    RispondiElimina
  37. Così Sandrelli: «Neto è un grazioso brasiliano che, come tutti i
    sudamericani, recita da portiere senza conoscere la grammatica del
    ruolo. A parte la papera fatta nell’ultima di campionato, in occasione
    del gol subito contro la Roma, davanti al cross resta colpevolmente sulla linea di porta, faccia alla metà campo, E’ un ventiquattrenne che non pare avere i cromosomi del campione». Si apra il dibattito ma Jordan deponga la Smith & Wesson nelle mani del buttafuori all'entrata, prego.

    RispondiElimina
  38. Chiarificatore18 gennaio 2013 12:58

    Le cose migliori, Deyna, Corona sembra farle col sinistro.

    RispondiElimina
  39. Sì, avete ragione voi, ho rivisto il video di Fiorentinanews su vostra spinta: è un destro ma di assoluta proprietà col sinistro, praticamente un ambidestro. Nel giudizio, per quel poco che si vede, mi sento più dalla parte di Jordan che da quella di Deyna, ma tanto se Wolski è in dirittura quel discorso salterà.

    RispondiElimina
  40. Chiarificatore18 gennaio 2013 13:01

    Apriamo il dibattito sì, Colonnello, ma su Sandrelli. Un'altro Brera de noantri che le spara più grosse che può per far parlare di sé.

    RispondiElimina
  41. Lud, a me è sembrata folle l'idea di andare a pressare alto la Roma di Zeman, che fa della velocità del tourbillon offensivo, con i suoi schemi, il suo marchio di fabbrica. Non si può lasciare tutto quel campo libero, e scoprire così anche Rodriguez, che è fortissimo, ma più a suo agio in spazi più stretti, coperto e aiutato prevalentemente da Roncaglia. Soprattutto avendo lasciato fuori Facundo, che è l'unico difensore veloce, e rapido nei recuperi [chissà, con lui sulla destra al posto di Savic, se non avrebbe anticipato Destro in occasione del gol]. Mi pare un po' l'errore - ho paura a fare questo nome, non vorrei innescare un centinaio di post sul tema - di Prandelli quando la squadra calava di forma, e lui insisteva a tenere la difesa alta, esponendosi a contropiedi micidiali, anche da parte di "squadrette" tipo Lecce e simili. Cross: Pasqual il piede sulla carta lo avrebbe anche, ma come diceva ieri Leo si prepara al calcio col paraocchi, non intuendo quali saranno i movimenti dei compagni. E sono troppi quelli che sbaglia di suo, calciandoli addosso ai difensori. Cuadrado invece sembra proprio negato in questo fondamentale, speriamo che con l'allenamento migliori, perché un esterno deve anche crossare. 

    RispondiElimina
  42. Rivisto il filmato su violachannel, fermata l'immagine sia al momento del cross che al momento del goal. Neto sta dove deve stare, accanto al palo e ci sono sia Gonzalo che Savic che, al momento del cross sono in anticipo su Destro che li brucia tutti e due. Il portiere da dove è e dove deve essere non ha la minima possibilità di intervento. Fermate l'immagine al momento del cross e vedete bene le posizioni, c'è una ripresa laterale dall'alto, cioè lato tribuna, che è molto chiaro e che mi piacerebbe far girare per tutti i coglioni del sitone Guetta compreso. Se mi riporti il parere di Sandrelli mi scappello, ma nel senso triviale del termine. Non sarà mica uno che capisce qualcosa di calcio? Fuori che fare il polemista rizzacazzi non ha mai fatto altro. La sua lezione di giornalismo quando collaboravo con loro alla Città da giovane (si fa per dire) fu: "Non importa scrivere il vero, l'importante è scrivere il verosimile". Grande personaggio, via, per favore...

    RispondiElimina
  43. L'articolo di Sandrelli va letto tutto, perchè non è sotto accusa solo Neto. Ecco quale altra citazione: 
    -"Aquilani, Borja Valero e Pizzarro pensano come dei valenti filosofi ma non sanno mordere". 
    -"Giocare con i “tre tenori” è un lusso che nessuno si può concedere impunemente. Occorre un centrocampista di fatica, che completi la struttura. La Fiorentina è una squadra che ha una fortissima vocazione di far gioco ma deve anche sapersi coprire convenientemente". 
    -"Montella deve riscoprire unaFiorentina che coglie favori e riscuote complimenti ma che non può prescindere dai risultati. E’ importante vincere quando serve, gli incontri che contano, altrimenti si finisce nell’oblio che Mourinho definì quello dello: “….zero tituli…”.
    Da sempre Sandrelli è nemico di Montella e del suo modo di intendere il calcio. A novembre si preparava a lanciare un attacco in grande stile ma una serie di risultati positivi gli consigliò prudenza. Sotto Natale lasciò cadere la sua teoria secondo la quale la squadra ha bisogno di boscaioli. 
    Ora evidentemente ritiene giunto il momento di ripartire lancia in resta all'attacco. Non mi piace lo stile giornalistico e letterario di questo cronista, mi sembra che nasconda una certa volgarità d'animo e scarsa eleganza. In quest'articolo si parla fra l'altro di "peli strappati con le tenaglie". Un proustiano come me non può sopportare un uso così goffo della metafora. 

    RispondiElimina
  44. Montella, Deyna, ha provato la strategia del pressing alto memore della partita precedente. Qualcosa doveva inventarsi dopo che la partita precedente sul piano tattico era stata disastrosa per la Fiorentina. Ma Zeman aveva nel frattempo a sua volta deciso per un cambio di tattica. Per adesso il Vecchio batte il Giovane 2-0. 

    RispondiElimina
  45. Caro Jordan, la riportavo per fartelo rizzare, appunto, non perché condivida il suo giudizio generale sul portiere, che ho già più volte formulato, anche stamani. Sul gol di Destro sono d'accordo con Sandrelli e con diversi altri, comunque: ho appena rivisto il gol, Neto è immobile faccia al centro del campo come dice Sandrelli, il cross è da sette metri, non forte, rade parallelo nemmeno a due metri dalla porta, direi a 1,70. La palla è sua, sennò in porta si può lasciare anche uno spaventapasseri impalato al suolo e se uno lo dice nel sitone, sia Pacco Dono oppure Gianni USA, non è per questo un «coglione». Manchi di serenità su Neto, Jordan, ne fai una questione di vita o di morte tue. Se lo beccava Viviano, un gol così, ti sentivamo fino al giorno del giudizio. Che poi, come dice Lud, a forza di vedersi arrivare davanti avversari soli o quasi un portiere inevitabilmente sbrachi è altra questione, non meno fondata.

    RispondiElimina
  46. Larrondo subito in mischia Domenica... Inizia il divertimento...

    RispondiElimina
  47. Anche oggi il Pek si è allenato a parte: in dubbio la sua presenza domenica, e anche Borja e Aquilani non stanno tanto per la quale. Nubi sempre più fosche all'orizzonte. Forse aggregato al gruppo l'enfant prodige Capezzi.

    RispondiElimina
  48. Pradè e Mencucci a Milano: operazioni in vista, soprattutto sul fronte delle cessioni (insistente la voce su Cassani all'Inter).

    RispondiElimina
  49. Chiarificatore18 gennaio 2013 13:47

    Grande Louis.

    RispondiElimina
  50. Si spreca in elogi su Daprelà Gigi Maifredi, e ciò è inquietante.

    RispondiElimina
  51. M'avete costretto a riguardarmi l'azione del gol della Roma, maladetti buhaioli! L'inquadratura quasi dall'alto che dice Jordan per me taglia la testa al toro: per prendere quel pallone, Neto avrebbe dovuto lasciare il palo [che fino all'impatto di Pjanic col pallone copre, non diciamo assurdità] in anticipo sul cross, rischiando di rimanere uccellato. E ad ogni modo anche così sarebbe stato difficile prendere quel pallone, radente e veloce, da distanza così ravvicinata. Non era impossibile, ma molto difficile, col rischio di prender gol in altra maniera. Guardando mille replay ci si può anche convincere che Neto abbia fatto un errore, a posteriori, ma pensando con la testa del portiere, Neto in quella frazione di secondo ha preso la decisione più razionale. Diciamo che avrebbe potuto rischiare di più, ma con nessuna certezza di prendere quel pallone, ed esponendosi ad eventuale figuretta barbina. Cosa che credo Neto e Viviano, ora, temano come la peste.

    RispondiElimina
  52. Comunque Larrondo sarà inespresso quanto volete, ma di testa è già prontissimo a buttarla dentro, voglio vedere chi lo marca in aria, di quei brodi dei difensori del Napoli. Spero nei cross di Valero, perché Pasqual fa sempre peggio...

    RispondiElimina
  53. Non sono d'accordo, Deyna, il pallone non è così veloce e passa vicino, se stai fronte al giocatore copri sia il palo sia la linea immaginaria che va da esso in fuori, come Neto avrebbe dovuto fare in ogni caso. Neto non è stato ai fondamentali del mestiere: se viene scavalcato da palombellone su secondo palo sculo, non ha responsabilità e del resto, inchiodato com'è sulla linea di porta, non l'avrebbe presa comunque nemmeno in quel caso. Non è affatto «razionale» stare in luogo inutile per qualsiasi soluzione che non sia la conclusione da fuori, dopo tre o quattro secondi, di un romanista dopo respinta eventuale in mischia di un viola e non è certo a questo che Neto ha pensato. Boruc quel pallone lo blocca a terra, nemmeno lo respinge, Zoff lo allontana magari di piede. Errore tecnico, lavorare sulla teoria, anche coi video.

    RispondiElimina
  54. Ma Cuadrado non è così male sui cross, uno bello nel primo tempo l'aveva fatto, per la mummia imbalsamata che l'ha sbrodolato. E' che non li varia abbastanza, sono spesso morbidi ma un po' meccanici, un po' astratti, poco attenti ai movimenti in area. Sotto, là dove scrivo «fronte al giocatore» intendo Pjanic, ovviamente.

    RispondiElimina
  55. Zoff magari può accadere che si faccia uccellare sul primo palo come da Socrates nell'82...Anche Boruc ha preso gol simili a quello di Destro, Frey poi non se ne parla, a vagonate. E spesso lui sì, per suo errore, ché dalla linea non si schiodava mai, nemmeno se il traversone proveniva dalle parti della bandierina.

    RispondiElimina
  56. Tutt'altra posizione, con Socrates, ciò che non allevia le responsabilità di Zoff nell'occasione, s'intenda. Avevo infatti paragonato Neto a Frey nel frangente. Di Boruc non ricordo errore simile, Boruc era uno che anticipava sempre, sempre e l'errore, quando gli veniva (ed era raro, in un campionato) veniva da quello, mai dal suo contrario. Confermato comunque in porta col Napoli: si va verso l'addio di Viviano, Deo gratias.

    RispondiElimina
  57. Badalì, non fai in tempo ad assentarti che ti vogliono affidare ad un Destino beffardo, e con che giustficazione poi, solo perchè sono il più fresco! Mi costruirò un'arma di difesa mangiando fagioli, e vi mando'nculo come ci garba fare a noi cciòvani (la correzione è mia, come si può ben vedere eheheh), blog ingrato e gerontocratico!

    RispondiElimina
  58. Deyna io la fò molto più veloce e magari sbaglio, anche se non credo. Quando la palla passa nell'area piccola è dura spenzolarsi a dire che il portiere non ha alcuna colpa... palloni veloci? Hai presente a che velocità fanno un passaggio di giro palla in serie A? Sembra un tiro in porta di quelli seri in Promozione... Non do colpe specifiche sull'azione di quel gol, mi pare abbiano puppato in diversi, ma di qui a scagionare Neto ce ne corre... 

    RispondiElimina
  59. A proposito di culi, leggo che c'è l'offerta per il messicano Jesus, un altro con cui non si scherza
    http://www.youtube.com/watch?v=YeQzyl97OS4

    RispondiElimina
  60. Ho rivisto alla moviola le immagini dell'incontro ravvicinato tra Belen Rodriguez e Neto e confermo: lui sta fermo, non si muove mentre Belen avanza nuda verso di lui e vista l'indifferenza del giovanotto passa oltre.

    RispondiElimina
  61. Negativo, se lo beccava Viviano un goal così non aveva colpe, come non le ha Neto, come non le ho date a Viviano sul goal di Cerci che tanti anche gli hanno imputato, o addirittura sull'autogoal di Gonzalo con la Samp quando è partita la caccia al portiere, per cui tutti i goal che si pigliano son per forza colpa del portiere. Quindi secondo te un tiro rasoterra in corsa da 7-8 metri (che son quattro più meno del dischetto del rigore) che ti passa a due metri si deve bloccare a terra! Boruc l'avrebbe bloccato a terra? Può darsi, se avesse lasciato il palo rischiando l'uccellata, cosa che lui, guascone com'è e menefreghista avrebbe magari fatto, ma che un portiere sotto la mira delle mitraglie magari istintivamente non fa. Zoff l'avrebbe deviato di piede? Gli ho visto prender goal su quel palo infatti in occasione che dovresti ricordare ben più colpevole del povero Neto. 

    RispondiElimina
  62. E' fidanzato ed è una persona seria

    RispondiElimina
  63. Ho detto che qui' go' e un lo pigliava nemmen Gesù, ma un vu mi dovei miha prendere alla lettera e andare a comprallo!

    RispondiElimina
  64. Della serie dagli amici mi guardi Iddio che a' nemici ci penso io

    RispondiElimina
  65. Quando la palla passa nell'area piccola vuol dir poco, bisogna vedere da dove viene ed i tempi d'intervento che hai. Voi vorreste che il portiere, che parte da fermo, fosse più rapido ed arrivasse sul pallone più avanti di uno che arriva in corsa (Gonzalo) e che deve fare più o meno la stessa strada. Quando parte il cross la distanza dalla futura linea di palla di Gonzalo e Neto è comparabile, solo che uno (con Destro alle spalle) ci sta correndo e l'altro è attaccato al palo. Che poi sul pallone ci arrivi Destro e non Gonzalo si dovrebbe chiedere all'argentino. Forse il timore dell'autorete con la Samp lo ha frenato.

    RispondiElimina
  66. BLIMP,se tu leggi e dai retta a Jordan&Deyna(che hanno cromosomi ereditati daI quechua)ti convincono che la vincitrice dei "Golden Globes-Miglior sedere di Copacabana" ha tre chiappe!!!Guarda che loro due sono l'anello di congiunzione tra Cristoforo Colombo e Licia Colò.Ma insomma:nessuno da anni va più a Milano e P&M sono a Milano?Maremma retrocedenda ma si può fare la sessione invernale di calciomercato avendo come inno "La locomotiva" di Guccini?Ma se volevamo la punta con prezzi bassi andavamo all'opposto,a Modica,dove le quotazioni sono congrue al nome del paese.Possibile che il Milan,scannato e alla canna del gas col denaro berlusconiano,si rifa'(sembra)il lifting con del burro di Kakà e noi neanche un burro,un burrito estroso e goleador?In vista di questi big-match,esami e prospettive si poteva far prima,in via del ciuccio eccezionale,per una punta.Una punta.Una punta,basta temperamatite.

    RispondiElimina
  67. Chiarificatore18 gennaio 2013 15:05

    Pizarro ancora a parte e in dubbio per domenica, Aquilani perde colpi, Valero spremuto oltre misura. Wolski probabile ma a giugno, Vecino sicuro ma a giugno, una degna riserva però ci voleva subito, tanto più che quelle considerate non degne sono state cedute. Questo un'altro ritardo che ci ha fatto perdere punti ed in qualche misura anche il filo del gioco, al punto tale che forse si sta pensando di convocare Capezzi, se è vero lo si doveva fare tre partite fa.

    RispondiElimina
  68. Vita, a distanza di mesi mi ricicli zitto zitto Never Mind The Pollocks? Ma allora bisogna fa come i'Chiari, © su tutto e riscuotere! Eheheh. Registro subito il Cigno di Tunuyán©, và, sperando che porti bene.

    RispondiElimina
  69. E gli è fidanzato e serio

    RispondiElimina
  70. Se fossi Neto piglierei l'influenza pe' domenica, mi sa che si pigli una giubbata e poi indovina di chi gli è la colpa?

    RispondiElimina
  71. E' molto difficile che si perda la quarta di fila, nonostante il talismano Rossi che twitta. E' altrettanto difficile che in queste condizioni si batta il Napoli. Direi che sarà pareggio, e andrebbe anche di lusso, per il momento. Quasi quasi contravvengo al mio principio di non scommettere mai, e me la gioco.

    RispondiElimina
  72. Jordan, non scritto che ha colpe specifiche, ma nemmeno che ne è totalmente esente. L'errore che compie è di posizionamento, perchè, probabilmente, se si fosse piazzato mezzo metro più verso il dischetto avrebbe comunque avuto il modo di tenere sufficientemente coperto il palo e, magari, ma questo è già più difficile da dire, avrebbe potuto tentare di intervenire sul pallone. Detto tutto questo, e fermo restando che, come avevo scritto anche prima, il marcatore ha le sue belle colpe, concordo sul fatto che il fattore psicologico sia importante e comunque, dato che inizio a farmi un'idea anche del brasiliano, mi schiero ufficialmente dalla sua parte e dico che, a questo punto, SI DEBBA puntare su di lui e lasciare andare Emiliano, anche o soprattutto in considerazione del fatto che Neto è nostro e va comunque valorizzato. Penso anche, a questo punto, che Viviano verrà ceduto dato che Montella sembra definitivamente averlo accantonato. A mio avvisto, giustamente.

    RispondiElimina
  73. Per dire quanto sono partigiano di Neto: per me se ci danno
    Stekelenburg, si può dare subito in prestito il brasiliano per
    controllarlo e vedere come cresce, e mettere tra i pali l'olandese, che
    è un gran portiere. Stesso discorso per Carrizo, anche se lui mi
    inquieta un po' di più, per qualche sbruffoneria che ogni tanto costa
    cara, ma è un ottimo portiere, padrone dell'area.

    RispondiElimina
  74. http://www.violanews.com/news-viola/roncaglia-e-uno-sguardo-rivelatore-20130118/

    vai, si 'omincia...

    RispondiElimina
  75. Comunque vorrei dire due parole su Neto e Romulo. Sono stati accantonati per lungo tempo, mai una parola fuori posto, grande serietà, lavoro a testa bassa, grande impegno. Alla faccia dei brasiliani inaffidabili...

    RispondiElimina
  76. Se lo danno in italia, Facundo, e m'incazzo pe davvero. Certo fosse vera la notizia del titolo sotto, con le russe che offrirebbero addirittura 14 milioni, sarebbe da pensarci poco, pur con dispiacere. E' vero che son stati pagati 25 milioni per Ranocchia, e 15 per Criscito e Bonucci, ma non son più quei tempi, seppur vicini. Intanto la miseria potrebbe aguzzare l'ingegno: pare che sarà promosso in prima squadra Capezzi, e per quel che ho visto potrebbe davvero far bene, lanciato gradualmente. A stasera!

    RispondiElimina
  77. Louis probabilmente su quel pallone un portiere strafottente e psicologicamente forte come Boruc avrebbe arrischiato l'uscita e la parata. Poteva a) prenderla e salvar tutto, b) farsi uccellare sul primo palo ed essere preso a pernacchie, ma lui se ne sarebbe fregato, c) tentare Pjanic alla conclusione sul primo palo che però il romanista avrebbe potuto anche sbagliare (difficile essendo Pjanic) e così tutto si sarebbe risolto lo stesso positivamente, d) bucare la palla (non era facile prenderla checchè ne dicano) e finire come al punto b). Se tutte queste possibilità avessero uguale probabilità (ma non l'hanno) si sarebbe ad un 50-50, ma quelle negative avrebbero causato la fucilazione sul posto di un giovane portiere molto più di quanto succeda ora che è rimasto a guardia del suo palo come regola di calcio comanda.
    Quindi per me se c'è restato ha fatto bene e molto più colpevoli di lui sono i tre difensori coinvolti anche se per ragioni diverse. Al momento del cross Gonzalo non è molto più lontano di Neto dalla linea che avrà la palla ed è davanti a Destro, così come Savic, e sono in corsa tutti e due. Come poteva Neto che è fermo al palo arrivare sul pallone prima di loro che già stavan correndo e  si son fatti, entrambi bruciare da Destro?.
     Direi piuttosto che si sta alzando di nuovo inverecondo polverone mediatico contrario il brasiliano. Sandrelli avete già letto le stronzate che ha detto, Bucchioni ha raddoppiato, si va alla ricerca di vecchi portieri che siano disponibili a fare dichiarazioni in favore di Viviano (già trovati Pagliuca e Superchi), insomma non siamo ancora ai livelli di luglio ma ci stiamo andando. Tutto questo in vista di una partita difficile come quella di domenica. Penso che il vero male del calcio siano i giornalisti.

    RispondiElimina
  78. Larrondo ufficiale col numero 18! Deyna speriamo bene

    RispondiElimina
  79. Non so se davvero c'è dietro qualche possibilità di mercato, anche se non capisco perchè quello dovrebbe essere un motivo per non giocare. Però Tomovic, Savic e Roncaglia son tutti e tre ottimi difensori e ci son due posti a disposizione, se Montella ha visto un leggero scadimento di forma di uno e vuol dare un po' di spazio ad un altro non vedo tutte queste tragedie. Credo che Roncaglia tornerà a giocare presto,  a meno che non sia successo qualcosa che non si sa.

    RispondiElimina
  80. Non credo che prendano Stekelenburg anche perchè non glielo danno e poi vorrebbe dire dar via tutti e due i portieri e prenderne altri due (Stekelenburg ed un altro). Credo che a gennaio non prendano nessuno, al massimo un 12 se va via uno dei due.

    RispondiElimina
  81. Vediamo il lato positivo, poteva scegliere il 29. Spero comunque che la
    maglietta sia stata disinfestata dalle malefiche presenze da un
    competente esorcista.

    RispondiElimina
  82. Il fantasma di Bovo si aggira di nuovo sul mercato della Fiore...Speriamo sia una bufala, soprattutto perché darebbero al Genoa Camporese con diritto di riscatto.

    RispondiElimina
  83. Quindi Larrondo è l'erede di Montolivo? A parte gli scherzi, è un acquisto che continuo a non capire, poi magari hanno ragione Louis e Ciccio Baiano, ma io rimango perplesso.

    http://sd.keepcalm-o-matic.co.uk/i/keep-calm-and-juve-merda-2.png

    RispondiElimina
  84. Questa notizia invece penso che sia una bufala, perché se fosse vero sarebbe una grandissima cazzata:

    http://www.violanews.com/calciomercato/bovo-per-camporese-si-lavora-allo-scambio-20130118/

    RispondiElimina
  85. Deyna, Capezzi l'ho visto a Moena e mi ha davvero impressionato per capacità di giocare la palla e per sfrontatezza al cospetto di giocatori esperti e navigati con cui si allenava. Ma mi è sembrato troppo leggero, causa l'età: deve ancora irrobustire gambe e busto, perché ora risulta leggero nel contrasto e poco "quadrato" per un ruolo, quello di centrocampista nel mezzo dove la componente fisica è parte importantissima del ruolo. Ricapitoliamo per la mia memoria: una punta, un centrocampista (vice Pizarro o 4° possibilmente di "gamba" ma più gentile di piede di Romulo o Migliaccio), un esterno di rincalzo o di rimpiazzo a Pasqual.

    RispondiElimina
  86. Jordan finchè parlano Sandrelli e Bucchioni possiamo star tranquilli, anzi, finchè sono all'opposto del nostro lato, siamo nel giusto. E' matematico. L'importante è che chi decide non cada nel trabocchetto. Mi pare che Montella sia ormai schierato, giustamente secondo il mio punto di vista, e come ti scrivevo prima. Penso che visto che ci avviamo alla fine del mercato in settimana Viviano sarà rispedito al mittente, a meno che non giochi titolare domenica, ma sarebbe come darsi la zappa sui piedi, e non per un discorso prettamente tecnico, quanto perchè Montella, così facendo, creerebbe un casino dal quale non si sortirebbe più... 

    RispondiElimina
  87. Capezzi penso lo mettano come vice-Borja, semmai...Nel mezzo per lui è un po' presto, sì. 

    RispondiElimina
  88. Anto, se lo dice Ciccio, che di attaccanti se ne intende, potete star tranquilli, eh eh eh

    RispondiElimina
  89. Guarda, Jordan, avrei voglia di darti ragione sul gol con la Roma (e cioè sul fatto che un portiere degno della Fiorentina non possa murare un tiro di medio-bassa velocità da sette metri avendo una porta immaginaria larga un metro e settanta) anche solo per la campagna d'insulti e di cazzate che il Multinick/Multilocke sta combattendo contro te e Deyna e in favore di Viviano su cloaca: Naomo, Max, Rep, Decimomeridio, Purple Rain, Pietro Firenze, Pirovano, Marco Firenze (e mi limito alle ultime due pagine di pagelle) sono infatti sempre e solo lui, la cloaca la firma lui per metà. Non c'è soltanto follia, è il suo lavoro. E' invece follia Bovo per Camporese, quindi non ci credo. La pista Corona sembra più calda del previsto ma il giocatore non ha passaporto comunitario, quindi continuo a supporre che venga sventolato in faccia la Legia per farlo decidere in fretta. Se Ronco Bill non gioca nemmeno col Napoli, dopo lo strazio difensivo di Coppa Italia e contro l'Udinese, la partenza è sicura, Montella non è autolesionista: per 10 milioni e plusvalenza equivalente, un dirigente non può che dire sì se sta cercando un centravantone coi prezzi che gli sparano adesso dopo aver perso tanto tempo prezioso.

    RispondiElimina
  90. «Al Legia», qua sotto.

    RispondiElimina
  91. Vi prego, passare dal veloce Roncaglia alla "statua" Bovo, sarebbe un colpo mortale al reparto.....

    RispondiElimina
  92. Comunque, Deyna, visto che mendichi copyright, ti faccio notare che hai causato orgasmo multiplo alla caponata-eater con un MIO conio: di anatroccolone che si spera possa tramutarsi in cigno IO parlai. Fai goder le femmine con la nerchia d'altri e questo non mi sta bene.

    RispondiElimina
  93. Roncaglia è per noi quello che Cordoba era anni fa per la difesa dell'Inter, difensori così rapidi, duri e reattivi non si trovano dietro l'angolo, che ci pensino bene...Poi non si potrebbero permettere di sbagliare il centravanti, altrimenti in un colpo solo indebolirebbero due ruoli. Il nome in arrivo dovrebbe essere veramente grosso e rodato, a quel punto. Colonnello, ma sul serio il multinick ha tale estensione?

    RispondiElimina
  94. Deyna, quelli che ho citato sono un assaggio soltanto.

    RispondiElimina
  95. Pradè in cerca di una ottima punta....diventa come sangue davanti ad uno squalo.Bah,speriamo in una spizzata di Larry,domenica.Ah,la coscienza di Zeno:domenica al Franchi le due ex punte del Siena.Se la follia porterà Bovo a Firenze,perché no anche Onofri?

    RispondiElimina
  96. «Larry»... ahahahahahahahahah! Roba da telefilm americano in fascia prima di cena... ahahahahahahahahah! 

    RispondiElimina
  97. E se fosse Camporese per Borriello? A preziosi sta venendo la bava alla bocca pensare di investire su Camporese.... Comunque se Roncaglia viene venduto Camporese deve rimanere...

    RispondiElimina
  98. Sopra, per domenica spero esattamente nella capocciata vincente del Cigno di Tunuyán©.

    RispondiElimina
  99. Deyna scusa, avevo qualche sospetto che fosse stato già detto, ma la copertina corretta mancava!

    Sopra, dopo Jesus, mi tiri fuori anche Larry??? Allora oggi è proprio serata da Grande Lebowski
    http://www.youtube.com/watch?v=z2CMElkhCfs

    RispondiElimina
  100. Sì, splendida la copertina...Ahahahahah, dannato piccolo Larry, te lo insegnamo noi a fare ostruzionismo! Ma che ci fa Frey nel Grande Lebowski?

    RispondiElimina
  101. Frey sarebbe il ciccione ex-marine? ahahahah

    RispondiElimina
  102. oddìo, anche il proprietario della Corvette ce l'ha un che...

    RispondiElimina
  103. Ahhahaah, ma no, è il Drugo! 

    RispondiElimina
  104. Vita, col Pek ancora in forse il Destino Cinico e Baro chiede al sitollock un sacrificio. Sì, Vita, il Minotauro vuole te, perché il pallone non si stampi per tre volte ancora sui legni della porta avversaria, perché due rigori non fischiati per noi e due gol in fuorigioco per i napoletani non abbiano ad avvenire, perché i nostri non subiscano infortuni, perché in porta Neto non prenda gol ad avviso di suo padre e di Jordan imparabili. Vita, sarebbe una tantum! Vita, solo per superare un momento difficile! Vita, il Destino sta bussando con le note di Beethoven! Vita, non saresti il primo! Vita, la Fiorentina lo vuole!

    RispondiElimina
  105. Chiarificatore18 gennaio 2013 20:57

    A me le due cessioni, di Roncaglia e di Camporese,  proprio non andrebbero giù.
    Spero solo che si tratti di due bufale.

    RispondiElimina
  106. Camporese, Chiari, lo daranno al massimo in prestito, mica sono scemi. Per Roncaglia conterà il prezzo.

    RispondiElimina
  107. Chiarificatore18 gennaio 2013 21:11

    Per Camporese ho letto, Colonnello,spero infondatamente, che si sarebbe parlato di diritto di riscatto, sarebbe inaccettabile. Per Roncaglia mi girerebbero i coglioni comunque.

    RispondiElimina
  108. A nome di suo padre, di Jordan e di tutti gli osservatori neutrali e calciocapenti. Se Vita fa il sacrificio che sia perchè non prenda gol di nessuna natura, ed è già un passo avanti. Poi faremo la festa di San Vita.

    RispondiElimina
  109. Guarda come ha murato bene Buffon il tiro di Sansone, non aveva molto più di un metro e settanta di porta libera, ma il portierone è rimasto in ginocchio imbullettato come un tricheco. Io credo che con Roncaglia lavoriate troppo di fantasia. 1) non capisco perchè uno che fosse sul mercato non potrebbe giocare, 2) e se fosse un po' giù e basta? Montella ha tre buoni/ottimi difensori per due posti, che li alterni un po' non è la fine del mondo.

    RispondiElimina
  110. Comunque Colonnello, mettiamoci il cuore in pace, Corona non si può prendere: Trezeguet l'ha fatto andare al gabbio. Ah ah.

    RispondiElimina
  111. Credo che con Montella ci sia stata anche baruffa, l'ha presa ben di punta dopo averlo pure schierato per quindici partite più amichevoli. Sandrelli, Bucchioni a caproni vari mi interessano poco ma se scatenano i trinariciuti come fecero loro e altri compari a luglio la vita per chi gioca diventa sempre più difficile. Critiche per la partita con la Roma Neto le ha avute solo a Firenze, media dei voti della stampa sportiva 6,91, gli stessi tifosi che votano sul sitone, nonostante la sconfitta, han dato una media di 6,2., la seconda dopo Borja Valero. Eppure son  due giorni che rompono i coglioni in crescendo perchè si avvicina la formazione di domenica.

    RispondiElimina
  112. Vabbè, se il Destino è così ingrifato, il sacrificio lo farò di altro tipo: mi alzerò alle 7 nonostante sia domenica, prendo il Frecciarossa e in 3 ore spaccate sono a Napoli, la partita me la guardo in qualche ristorantino sul golfo mangiando un piatto di paccheri, e nel caso si mettesse male fo anche il sacrificio di smettere di guardarla, e vo a barcargliar du' fìe mentre gli uomini sono ancora a vedere la partita... e gli ci vo ma io ni'culo ai'Destino, sai!

    RispondiElimina
  113. se s'accorgan che sei viola e ti fanno il servizio, il sacrificio è consumato e la partita volgerà a nostro favore

    RispondiElimina
  114. Corona chi l'è quello che trombava Belen? Allora gli era meglio Borriello!

    RispondiElimina
  115. Chiarificatore18 gennaio 2013 21:45

    Idea intrigante la tua, Vita, ma a quel punto la cosa migliore sarebbe guardarla direttamente  con due gnocche napoletane lasciate sole in casa, se va male "vendicarsi" nelle loro braccia, se va bene consolarle, sempre nelle loro braccia.

    RispondiElimina
  116. Chiarificatore18 gennaio 2013 21:47

    Se esce il pareggio, scoparle senza pensare al calcio.

    RispondiElimina
  117. Certo pe' uno che trombava Belen anda' 'n gabbia pe' tresseghe l'è i'cormo!

    RispondiElimina
  118. ahahah Chiari in realtà qualcosa di vagamente simile mi capitò anni fa quando ci soggiornai un paio di mesi... però con due insieme la vedo difficile, son gelose asserpentate!

    RispondiElimina