.

.

domenica 20 gennaio 2013

Una partita sproporzionata

C’era una volta una partita sproporzionata, una partita di calcio spezzatino sporzionato sul piatto che piange direttamente da una cucina piovosa all’ora di pranzo, servito ai tifosi Viola dopo che la mucca del lilla che invoglia ha brucato tutto il campo per drenarlo, mentre i tifosi napoletani, corna, bicorna, aglio, frattaglie, fattura ca nun quaglie, temono invece che la mucca sia un cavallo di troia nel quale si nasconde una brutta sconfitta. Poi c’è anche qualche figlio di troia che invece non gliene può fregare di meno se la principessa è grassa come una mucca, oppure se è troia, ne se arriva o non arriva in carrozza, perché quello che importa è che dentro la carrozza ci sia la mozzarella. Una partita dove non servono i buoni sentimenti, o almeno servirebbero se fossero Ennio (I), Arnaldo (II), Vittorio (III), Lucidio (IV) e Primo (V), una famiglia piena di Sentimenti che riempiva le squadre non solo di buoni giocatori ma anche di buoni propositi. Questa però è una partita dove è vietato essere buoni come il pane, dove la fase difensiva non deve essere di marzapane, dove non c’è Glenn Hysen e ne tantomeno Hansel e Gretel, ma dura come un tozzo di pane, dura ma leale, con frasi non certo da fiaba come voglio vedere il sangue, sostutuite con il pomodoro San Marzano, e con la difesa del Napoli intenta a fare una bella pizza difensiva con la quale sfamare il nostro desiderio di ritornare alla vittoria. E’ una partita sproporzionata perché priva di un giocatore scapolo ma allo stesso tempo coniugato, quel Larrondo che essendo gerundio è soggetto a infortuni perché sempre in movimento, sarebbe bastato un Larrondò per aver già superato l’infortunio al ginocchio o un Larrondrò per rimandarlo a un un futuro prossimo. In un calcio sproporzionato dove c’è l’unico Vigile che mi fa i complimenti invece delle solite multe. Intanto il bello addormentato nel bosco Jovetic baciato dalla buona sorte si risveglierà dalla pennichella e una volta ripresa coscienza di essere ancora un top player e non una semplice Ranocchia, nella ripresa segnerà le due pere della foto. Lo gnomo Pek come in tutte le più belle favole alla fine giocherà e salverà la Fiorentina dall’antipatia dell’orco Mazzarri, uomo che mal si adatta a una visione fiabesca di una domenica da cani, perché uomo ruvido e specifico dei giorni nostri, un mastino napoletano ringhioso e bavoso, un inelegante che inala rozzezza puzzolente come l’acqua di Sirmione, un burbero spesso in maniche di camicia salvato spesso dalle prodezze Cavaniche, un uomo che per coerenza scenografica oggi dovrebbe ritrovarsi nel bel mezzo di una partita incolore del suo Napoli, lui certamente più adatto al bianco e nero come in un film di Spike Lee, lui che è un vero afronapoletano della lamentela, e se è vero che la fiaba è quanto di più distante gli si possa accostare, vogliamo comunque accontentarlo  inserendolo nel suo ambiente più naturale, tanto che per amore della sua estrema praticità lontana da sogni e poesia, e per un uso iperrealista della fotografia a lui più congeniale, che non sia insomma così volgarmente fanciullesco come la foto di copertina, ma per non cambiare il senso a noi tanto caro, comunque sempre due belle pere gli vogliamo regalare.

47 commenti:

  1. Chiarificatore20 gennaio 2013 10:31

    Perchè Mati Fernandez non è neppure convocato?

    RispondiElimina
  2. Chiarificatore20 gennaio 2013 10:41

    Camporese, senza il 50% del suo cartellino, non lo vuole o non lo valorizza nessuno, almeno in serie A, ma cedendo, in qualsiasi modo,  il 50% del suo cartellino si perderebbe, ovviamente, la metà del suo controllo. Nel caso di Camporese, che ha già dimostrato quanto può valere, non mi andrebbe bene.

    RispondiElimina
  3. Chiari, parti alla carica di buon mattino :))
    Su Mati a dire il vero non capisco cosa ci sia, una settimana è convocato, quella dopo no e poi di nuovo si. Boh... Certo che oggi viste le condizioni di molti giocatori che hanno corso matti per 210 minuti nell'ultima settimana ci avrebbe fatto comodo. Su Camporese il discorso è semplice come hai detto te: oggi il prestito secco non è valorizzato. Viene presa in considerazione la comproprietà: in questo senso non si potrebbe proporre a qualche squadra bisognosa di prestare il giocatore con un accordo economico che riconosca il numero di presenze di almeno 45 minuti?. Se vogliamo far crescere il ragazzo o gli diamo fiducia a Firenze o lo mandiamo altrove. Fare il 5 non ha senso. Penso che attendano di vedere se (facendo gli scongiuri) qualcuno non si fa male prima della fine del mercato e poi lo daranno via. Io lo terrei promuovendolo almeno 4 difensore: giochiamo con tre centrali. Alternativa che vedo è usarlo come scambio per un giocatore in altro ruolo (regista, esterno?) tramite prestito secco o comproprietà. ù
    Ora testa alla partita: sto preparando tutto minuziosamente, oggi non mi perso un secondo, sono troppo curioso di vedere la nostra reazione in una situazione dove tutto sembra sfavorevole.

    RispondiElimina
  4. Roncaglia rientra, Romulo dentro, per il resto stessi di coppa. Forza Viola!

    RispondiElimina
  5. Chiarificatore20 gennaio 2013 11:34

    Tu, Orcio,  reagisci al nervosismo curando i dettagli, io invece pensando alle cose che non capisco ed a quelle che non mi vanno, tanto per innervosirmi un po' di più, eh eh eh.
    Non c'è dubbio che chi scende in campo in maglia viola oggi deve fare come te.

    RispondiElimina
  6. Chiarificatore20 gennaio 2013 11:47

    Romulo e non Migliaccio vuol dire che la vogliamo vincere anche a costo di perderla, il pareggio infatti non ci serve. Sono d'accordo. Poi, se si va in vantaggio, dentro Pizarro nell'ultima mezz'ora per portarlo a casa, amministrandolo.

    RispondiElimina
  7. Bisogna sempre abbassare i toni concentrandosi sui poche cose per ripartire. A parte la Juve, che vedo comunque ahimè tosta, siamo ancora in ballo. Pensate alla Lazio che ha perso con noi e ha preso tre pere dal Napoli, pensate al Napoli stesso che prima della sosta è stato sconfitto due volte dal Bologna, venendo eliminato dalla Coppa Italia. Oggi ripartiamo con umiltà, senza farci prendere dalla foga e dall'ansia di prestazione. Quadrati, concentrati e niente bubate dentro e fuori dallo stadio!

    RispondiElimina
  8. Ieri me l'aspettavo che Roncaglia avrebbe segnato da fuori area.... ehehehehe

    RispondiElimina
  9. Bella partita, abbiamo giocato bene noi e ha giocato bene anche il Napoli, il pareggio nel complesso è giusto. Sono abbastanza soddisfatto, ci voleva un pareggio con una buona prestazione per riprendersi, anche psicologicamente. Comunque sia fisicamente sia psicologicamente siamo messo meglio di quanto pensassi, abbiamo anche finito la partita all'attacco. Grande Neto, buono Aquilani, solito grande Valero seppur marcato a uomo e pestato per l'intera partita, timidi segnali di ripresa da parte di Cuadrado. A dopo per altri commenti.

    RispondiElimina
  10. Mancata espulsione di Berhami che grida vendetta. Detto questo, un punto che per molti non serve granché ma che a mio parere è buono perché interrompe una serie negativa e per tutte le ragioni negative che consideravamo prima del match. Neto decisivo con la parata a dieci minuti dalla fine. Su un campo pesante, con 120 minuti in più sulle gambe dei nostri, mi aspettavo qualche cambio con un po' di anticipo rispetto a quanto gestito da Montella. Ma sono dettagli che forse non avrebbero influito granché. Adesso riposo e preparazione della gara di Catania che dobbiamo andare a giocare con la stessa determinazione di Udine.

    RispondiElimina
  11. Chiarificatore20 gennaio 2013 14:34

    La Fiorentina c'è eccome.



    Meritavamo anche di vincerla.



    Gigantesco Neto, salva il risultato e gioca una partita maiuscola.



    Reattivo come un gatto e sicuro come un veterano.



    Mi auguro che abbia messo tutti d'accordo una volta per tutte.



    Pasqual  e Toni danno tutto quello che hanno, ma nel gioco della Fiorentina sono due corpi estranei.

    RispondiElimina
  12. Pareggio tutto sommato giusto, le occasioni ci sono state da entrambe le parti, alcune molto pericolose. Peccato per l'ultima ghiotta occasione sparata malissimo da Aquilani autore di una prova da solito compitino. Bene Neto, determinante in almeno due occasioni, l'uscita su Cavani vale mezzo goal, serve coraggio e tempismo per anticiparlo. Bravo anche sul colpo di testa di Pandev, non irresistibile ma molto, molto vicino. Toni riesce a tenere in apprensione la difesa napoletana da solo, sul lancio di Roncaglia l'errore lo compie De Sanctis ma la sua presenza costringe Britos ed il portiere ha compiere la papera colossale. Sfortunato sulla battuta a 30cm dal portiere nell'area piccola. Su Pasqual ho già detto. L'unico vero errore della difesa ci è costato il goal, ma davanti a questo Napoli qualcosa concedi, c'è poco da fare. Un pareggio che non cambia sostanzialmente la classifica ma dopo due sconfitte consecutive e la maratona di CI era lecito aspettarsi una viola non al top che comunque ha giocato bene. Sotto alla prossima. 

    RispondiElimina
  13. Io non ho visto mai Maggio veramente pericoloso e siccome giocava sulla stessa fascia di Pasqual deduco che sia stato ben controllato. Toni ha giocato un'ottima partita come al solito, di più non gli si può chiedere. Corpo estraneo mi pare poco condivisibile Chiari. Vero è che dopo la partita di coppa la nostra autonomia era limitata per cui nel finale siamo calati. E che prima di Natale si segnava una caterva di goal tra palle inattive, goal dei difensori e segnature degli stessi Jovetic e Toni. Dopo Natale non so perchè siamo a secco. A questo punto diventa facile sostenere che l'investimento fatto su Rossi è inappropriato. Purtroppo le cose sono andate così per un insieme di concause: probabilmente la trattativa con Rossi andava avanti da mesi. Inoltre nessuno poteva prevedere che la Fiorentina a Natale sarebbe stata così avanti e dopo Natale avrebbe rallentato in modo tanto vistoso. Aggiungiamo il fatto che la proprietà non butta i soldi facilmente. Insomma non resta che godersi una squadra che continua ad esprimere un ottimo gioco e attendere tempi migliori. Nessun obiettivo comunque ci è precluso, la storia è ancora lunga.

    RispondiElimina
  14. Blimp quando scrivi che la Fiorentina "investendo dieci avrebbe ottenuto venti" mi trovi perfettamente d'accordo. Sono contrario alle elargizioni alla Vittorio Cecchi Gori, ma credo invece che oculati e ragionevoli investimenti vadano messi in conto in funzione dei risultati sportivi che possono schiudere e dei conseguenti guadagni. Si resta dunque nel campo della razionalità illuministica: non si agisce in spregio ad ogni regola economica solo per soddisfare i tifosi e ingrandire il proprio ego.

    RispondiElimina
  15. Chiarificatore20 gennaio 2013 17:07

    Anche tu confermi, Ludwig, che Toni e Pasqual hanno fatto quello che è ragionevolmente nelle loro possibilità, e che, secondo me, non corrisponde nella maniera più assoluta alle esigenze della manovra viola, per questo li definisco due corpi estranei.
    Resta un mistero irrisolto,  per me, come possa Pasqual addirittura essere il capitano di questa Fiorentina. Pienamente d'accordo con le pagelle del Colonnello.

    RispondiElimina
  16. Chiarificatore20 gennaio 2013 17:25

    La Fiorentina ha anche detto oggi, Colonnello, che in questo mercato di gennaio Lisandro non è mai stato preso in considerazione. Per questo secondo me non vale la pena disquisire sulle tante voci incontrollate che girano, mentre conviene farlo solo sulla realtà dei fatti e sulle dichiarazioni ufficiali.
    In attacco, viste le oggettive possibilità di rafforzarci, sicuramente e subito, rispetto a ciò che abbiamo in casa e tenendo conto dei nostri parametri, dovremo fare con quello che c'è e con quello che è arrivato, tutte cose che potrebbero rivelarsi più valide delle tue fosche valutazioni, soprattutto pensando a El Hamdaoui, ma anche a Larrondo.
    Tutto sommato, e vista la concorrenza, questa Fiorentina ha un patrimonio calciatori ed un gioco che possono consentirle di conquistare ragionevolmente l'Europa tentando anche la qualificazione in Champions League.

    RispondiElimina
  17. Chiarificatore20 gennaio 2013 17:46

    Per quanto riguarda invece il centrocampo e la fascia sinistra, continuo sperare in un paio di acquisti immediati e di qualità, nel primo caso, centrocampo, in una giovane e qualificata riserva degna, a meno che Montella non abbia in mente di provare a lanciare Capezzi, nel secondo, fascia sinistra, in un possibile nuovo titolare , a meno che non si voglia puntare anche in questo caso su quello che c'è in casa: Llama o  Tomovic o lo stesso Romulo. La difesa è a posto così.

    RispondiElimina
  18. Mi accontento di questo pareggio perchè, viste le condizioni morali e fisiche da cui venivamo, oggi temevo come non mai di prendere una rimballata. Non nascondo però di rosicare come un castoro per non aver inculato Mazzarri nel finale con quell'occasione sui piedi di Aquilani.
    Resta però, almeno ad oggi, il problema del gol; come sotttolinea il Colonnello, la nostra odierna segnatura ci viene consegnata da una botta di culo che è un bonus che ad ogni squadra capita sì e no una volta l'anno. Dalla prossima dovremo ricominciare a segnare con le nostre forze.
    Portiere. Da giudice imparziale, non essendo nè vivianofilo nè netofilo, la prova di oggi ribadisce la mia preferenza per il secondo, già sottolineata nei giorni scorsi nonostante la papera di Udine. Ancor prima di singoli interventi, il primo criterio col quale valuto un estremo difensore è la sicurezza che mi trasmette, aspetto difficilmente esemplificabile a parole ma percepibile senza replay che tenga.
    Difesa. Bene tutti quanti, nonostante quel gol che mi ha fatto girare le palle, ma Cavani oggi è -ahimè- il centravanti più forte al mondo insieme a Falcao, nel caso qualcuno se lo stesse dimenticando...
    Centrocampo. Ognuno ha reso al massimo di ciò che concedevano le forze (Borja e Aquilani) e limiti tecnici (Romulo), bene anch'essi.
    Esterni. Cuadrado temutissimo, perciò picchiato ergo a corrente alternata, ma quando si accende lui la differenza si vede. Su Pasqual, comunque al solito encomiabile per l'impegno, continuo a vederla come hanno scritto il Chiari, Leo e il Colonnello.
    Attacco. Toni fa il massimo di ciò che può fare continuando a farsi benvolere dal sottoscritto, ma resto convinto che oggi non sia più all'altezza di una squadra che vorrebbe andare in Champions. Mi dissocio invece da tutte le critiche che stanno piovendo addosso a Jovetic, non lo sto vedendo con la testa altrove, mi pare che si stia impegnando e che gli girino anche dimorto le palle perchè non gli sta riuscendo niente, insomma niente a che vedere col comportamenti di Montolivo degli ultimi 2 anni; è il nostro maggior patrimonio tecnico e andrebbe semmai tutelato, penso comunque che ne uscirà da solo perchè ha già dimostrato tante volte che la personalità ce l'ha.

    RispondiElimina
  19. Mattinata iniziata al santuario degli squadristi,con prece per la squadra triste-viola.Il pellegrinaggio è valso a metà.Una Fiorentina face/off riesce a nob perdere con un avversario più nerboruto della gobba,più fisico di una squadra che lotta per retrocedere.La viola violenta se stessa andando in ferramenta e facendo duplicato delle chiavi del centrocampo,cosa che Inler gradisce.Nel gioco delle coppie uno sgassato Pasqual non permette al sino-ad-oggi-effervescente Maggio di essere pericoloso,De Santis sembra Viviano,Neto sembra il De Santis paratutto di molti match;Aquilani molto molto in palla,uno denigrato per le poche partite che gioca ogni anno,si ritrova uno dei più continui,magari senza altissimi picchi ma oggi c'era,recuperando palloni e prendendo più spazio,grazie ad un esausto(troppo evidente)Valero.Il randellator servente Behrami non eccelle oggi,e i due viola lo costringono alla resa.Al di la delle sottrazioni e moltiplicazioni BLIMPIANE(Cavani a noi,Toni a loro ed è 3-0 per noi.Vero)rimane una desolazione da Desolati ante litteram negli ultimi 20 metri,e non è la mancanza di schemi(in nuce ci sono)ma l'inabilità a renderli concreti.Sembra grottesco ma credo che la Nostra squadra dovrà snaturarsi un pochino per essere meno vulnerabile,più tosta e meno vellutata.Consederazione sul Napoli:forte,muscolare,potente,contropiedista ma alla fine di un ciclo,secondo me.Considerazioni sul calciomercato:alcuni accadimenti riabilitano un po' la figura di Corvino e rimango deluso dal mancato(se così sarà) arrivo di un buon centravanti.Pagelline:
    NETO: 7 Definitivamente titolare inamovibile,con lui sicura la squadra,meno apprensivi noi.
    RONCAGLIA: 6,5 Sembra giocare pensando "Si pentirà di avermi lasciato fuori per due partite" e al gol la sua espressione è da "Ve l'avevo detto!";sfarfalla una sola volta ma lui ha messo il morso a chiunque passasse nelle sue zone.
    RODRIGUEZ: 7 Poetico nelle chiusure,stavolta preciso negli appoggi(avrà fatto "il muro" con i cerchi,come una volta-in allenamento),fisico più di altre partite.Condottiero.
    SAVIC: 7 Col cartello al collo,l'uomo sandwich "Qui non si passa" ha vergato.Lui e gli altri due evitano i 3/4 gol che il Napoli recapita(vedi la Roma...)normalmente nei big-match.
    ROMULO: 6...Per la corsa,il resto avrebbe bisogno di aggiustata generale.Oggi prezioso.
    AQUILANI 6,5 Sarebbe stato oltre il 7 se avesse deciso di non cenare,mangiando il gol al 92'.Tatticamente perfetto,controfigura di nessuno,molto mediano,poco regista ma gioca tantissimi palloni,ne perde pochissimi e ne cattura tanti.Non facile oggi con le manguste napoletane.
    VALERO: 6,5 Stanco,opacizzato ma splendente a tratti;i suoi tagli non ci sono,le sue sgroppate ammatti-centrocampisti sono latitanti,la sua muleta è riposta come la Balabuska di uno snooker in pensione.
    CUADRADO: 6,5 Montella ordina "seats" e lui da buon dogo obbedisce;vietato il fondo per lui,quando arriva crossa come Pasqual...ah ah le brutte compagnie(di piede...eh eh eh).Annulla Zuniga.
    PASQUAL: 5 Cercasi velo per pietosa distensione:padella cross non-sense,riesce a frenare Maggio ma non ha slancio propulsivo.Costringe Savic ad avere antenna telescopica sempre verso l'alto.
    TONI 6 Per il Nostro Ronin è così,va bene la l'aiuto per la barca-non-Barca,doveva essere la terza punta si ritrova ad essere la prima,se lo dicevano 10 anni fa erano matti!
    JOVETIC: 5,5 Sembra scontento,sbuffa,non sorride più:al momento delle responsabilità vere,al momento di caricarsi attacco e squadra sulle spalle,lui si cosparge di olio di mandorla e allora tutto scivola giù,anche il suo rendimento.Non all'altezza dei suoi compagni,da troppe partite.
    MONTELLA: 7 Fa miracoli continui col suo staff,la forma c'è,polmoni ok,cambi strategici positivi.Lui è un novello Archimede "Datemi una punta,vi solleverò la classifica!".

    RispondiElimina
  20. Ottime le analisi tecniche di Leo, Blimp e Vita alle quali non mi permetto di aggiungere nulla. Sottolineo solo l'improvvisazione invernale che, ad oggi, purtroppo, ha mostrato Pracià. E non mi riferisco solo alla vicenda Larrondo della quale avete già esaurientemente riportato. Ricordo solo, e anche oggi si è visto, che anche a centrocampo siamo oramai ridotti ai minimi termini. Siamo stati lestissimi nel cedere prima Della Rocca, che per me rimane un mistero, (vedendo il Romulo di oggi, continuo a non spiegarmi per quale motivo non gli si sia voluta dare almeno una chance) e poi Oliveira. Certo non due titolari, comunque due elementi (soprattutto Ruben, vista la considerazione di Montella) facenti parte di un reparto da sempre nevralgico. Aggiungerei Cassani (altro mistero di stagione), praticamente ceduto da più di un mese ma non ancora sostituito, Mati nemmeno convocato e sempre più ai margini della squadra e, perchè no, llama, al posto del quale tocca ancora una volta all'inossidabile Manuelino (ah, l'amico Wall mi voleva convincere, anni fa, che Molinaro fosse molto meglio...). Il risultato di questa serie di errori (e come li vogliamo chiamare?) è un centrocampo (esterni compresi) ridotto all'osso, e numericamente, e fisicamente. Aquilani (ma anche Borja) avrebbero bisogno di rifiatare, almeno per spezzoni di partita, ma chi può prenderne il posto? Capezzi? Magari, un giorno. Il problema è adesso, però. E intanto Milan e forse Roma, stasera, son sempre più vicini, a minacciare anche la seconda, di europe, visto che la prima se n'è andata con l'Epifania... Forza Viola!

    RispondiElimina
  21. GUBERNATOR! S'ê perso il mio post-commento?Ritroviamolo,grazie(il primo rigo che leggerete è ironico,logicamente).

    RispondiElimina
  22. Oggi forse abbiamo visto una possibile variante al modulo tattico fino ad ora adottato: difesa a 4 con Tomovic a sinistra. Centrocampo a 3/4 con Quadrado in propensione avanzata e davanti due punte (mezze a dire il vero....) mobili che non danno riferimenti. In questo contesto con Aquilani e Borja freschi potremmo vedere anche Llama sulla sinistra e Cassani poterbbe tornare utile come esterno di difesa. Schema da adottare in assenza di Pizarro, visto che con il Pek il 3-5-2 rende al meglio. Louis sulla tua analisi non butterei via tutto quanto è fuori dai 12-13 titolari. Davanti mi aspetto un rientro frutttuoso di El Hamadoui, sono convinto come Vita che Jo-jo si sbloccherà, e credo che Montella in queste settimane tenterà di portare qualche novità dando fiducia a qualche elemento fino ad ora poco utilizzato a favore di qualche giocatore poco usurato da questi primi 5 mesi. Certo, se arrivasse un giocatore a centrocampo male non sarebbe.

    RispondiElimina
  23. Infatti Orcio, nel mio post focalizzo l'attenzione sul centrocampo. Abbiamo ridotto all'osso un reparto (il più numeroso, visto che si è scelto di giocare a 5) che ha bisogno di alternative. Due giocatori ceduti e altri due/tre sulla strada... Nessun arrivo però... Ed ecco che basta un infortunio (ad un 33enne) ed un po di stanchezza (possibile e preventivabile, visto il gennaio che ci attendeva) e sei alle pompe, tutto qui... Per il resto, fiducia e respect a PRACIA'...

    RispondiElimina
  24. Sabotaggio dall'alto,GUBERNATOR?Adunata sediziosa contro di me?

    RispondiElimina
  25. Chiarificatore20 gennaio 2013 19:01

    Ecco la verità.

    RispondiElimina
  26. Dovessi giudicare, di pancia, quello che non è stato fatto in questa sessione invernale di calciomercato (mancano ancora due settimane, aspettiamo....) avrei da muovere qualche appunto; poi mi convinco che in queste finestre di mercato, grossi colpi, se ne ricordano una manciata. Preferisco concentrarmi su quello che può succedere ringraziando il cielo che se c'è un malumore positivo, visti gli obbiettivi ancora in ballo, devo ringraziare quanto fatto questa estate, quindi qualunque critica non ha, per me, ragione d'esistere. Su Jovetic la vedo come Vita, che non si sarebbe mosso primo di Giugno lo sapeva da Agosto, e la sua partenza a razzo ad inizio campionato non fa certo pensare ad un giocatore con la testa altrove. Oltretutto, nelle ultime domeniche, si può parlare di involuzione, di movimenti senza palla sbagliati o scelte opinabili sul cosa fare con il pallone non certo una mancanza d'impegno o di lavativismo. La condizione non mi sembra scarsa, è la mancanza d'intesa con i compagni che deprime, sia con Toni, sia con Liajic, quando sono sulla trequarti inizia a scottare e son tiracci da parte di tutti. Capisco che dalla sinistra i rifornimenti sono quelli che sono, raramente buoni o accettabili, ma sulla destra dovremmo fornire qualcosa in più, pare mancare qualcuno all'altezza per dialogare da pari a pari con Cuadrado e per dare vita ai pericoli maggiori che dovrebbero scaturire da quella fascia. Per vie centrali si è capito che se non sei capace di dialoghi stretti in rapidità dentro l'area non ci entri, ci sbatti contro, e per questo tipo di gioco oltre al citato JoJo servirebbero proprio quei due che mancano, Mati (non convoncato) e Mounir, in Africa. O affidarsi al rientro del Pek capace di triangolazioni, rapide, in profondità che creano quella superiorità numerica che ha permesso a molti giocatori di andare a segno, non solo sui calci piazzati di Vio, che pure sono già tanti. Quindi ?! Non mi straccio le vesti per le cessioni di Olivera o Della Rocca (il dubbio di Louis è legittimo ma se non lo vede nessuno.......qualcosa ci sarà......) né per Cassani o Camporese se verrà ceduto (Bovo no, oddio, proprio Pio Bovo ?!) ma inizio a preoccuparmi, più che per l'attaccante, il cui avvento sarebbe salutato con tanto di agnello sull'altare, per la quantità numerica degli abili a centrocampo. S'inizia ad essere pochi, già c'erano pochi ricambi prima, adesso siamo vicini all'out assoluto, al minimo insindacabile. Mi fido del duo, qualche colpo in canna c'è, Wolski e Vecino subito ?! Bene. A Giugno ?! Sveglia!!!! Se viene un raffreddore a Borja, mancando il Pek, siamo una squadra da centro classifica. 

    RispondiElimina
  27. Dal post di Leo "Capisco che dalla sinistra i rifornimenti sono quelli che sono, raramente buoni o accettabili, ma sulla destra dovremmo fornire qualcosa in più, pare mancare qualcuno all'altezza per dialogare". Leo non ti facevo un "montiano" di ferro per non dire casinista, né finito.....

    RispondiElimina
  28. Penso sia impossibile che, ceduti Olivera e Della Rocca, non arrivino due centrocampisti a pareggiare numericamente il reparto, quantomeno. Del resto i segnali di stanchezza ci sono tutti, da parte dei tre tenori. Certo che se non arriva il centravantone, davanti è proprio dura segnare...

    RispondiElimina
  29. Pagelle del Sopravissuto alla cella d'isolamento



    Mattinata iniziata al santuario degli squadristi,con prece per la
    squadra triste-viola.Il pellegrinaggio è valso a metà.Una Fiorentina
    face/off riesce a nob perdere con un avversario più nerboruto della
    gobba,più fisico di una squadra che lotta per retrocedere.La viola
    violenta se stessa andando in ferramenta e facendo duplicato delle
    chiavi del centrocampo,cosa che Inler gradisce.Nel gioco delle coppie
    uno sgassato Pasqual non permette al sino-ad-oggi-effervescente Maggio
    di essere pericoloso,De Santis sembra Viviano,Neto sembra il De Santis
    paratutto di molti match;Aquilani molto molto in palla,uno denigrato per
    le poche partite che gioca ogni anno,si ritrova uno dei più
    continui,magari senza altissimi picchi ma oggi c'era,recuperando palloni
    e prendendo più spazio,grazie ad un esausto(troppo evidente)Valero.Il
    randellator servente Behrami non eccelle oggi,e i due viola lo
    costringono alla resa.Al di la delle sottrazioni e moltiplicazioni
    BLIMPIANE(Cavani a noi,Toni a loro ed è 3-0 per noi.Vero)rimane una
    desolazione da Desolati ante litteram negli ultimi 20 metri,e non è la
    mancanza di schemi(in nuce ci sono)ma l'inabilità a renderli
    concreti.Sembra grottesco ma credo che la Nostra squadra dovrà
    snaturarsi un pochino per essere meno vulnerabile,più tosta e meno
    vellutata.Consederazione sul Napoli:forte,muscolare,potente,contropiedista
    ma alla fine di un ciclo,secondo me.Considerazioni sul
    calciomercato:alcuni accadimenti riabilitano un po' la figura di Corvino
    e rimango deluso dal mancato(se così sarà) arrivo di un buon
    centravanti.Pagelline:NETO: 7 Definitivamente titolare inamovibile,con lui sicura la squadra,meno apprensivi noi.RONCAGLIA:
    6,5 Sembra giocare pensando "Si pentirà di avermi lasciato fuori per
    due partite" e al gol la sua espressione è da "Ve l'avevo
    detto!";sfarfalla una sola volta ma lui ha messo il morso a chiunque
    passasse nelle sue zone.RODRIGUEZ: 7 Poetico nelle chiusure,stavolta
    preciso negli appoggi(avrà fatto "il muro" con i cerchi,come una
    volta-in allenamento),fisico più di altre partite.Condottiero.SAVIC:
    7 Col cartello al collo,l'uomo sandwich "Qui non si passa" ha
    vergato.Lui e gli altri due evitano i 3/4 gol che il Napoli
    recapita(vedi la Roma...)normalmente nei big-match.ROMULO: 6...Per la corsa,il resto avrebbe bisogno di aggiustata generale.Oggi prezioso.AQUILANI
    6,5 Sarebbe stato oltre il 7 se avesse deciso di non cenare,mangiando
    il gol al 92'.Tatticamente perfetto,controfigura di nessuno,molto
    mediano,poco regista ma gioca tantissimi palloni,ne perde pochissimi e
    ne cattura tanti.Non facile oggi con le manguste napoletane.VALERO:
    6,5 Stanco,opacizzato ma splendente a tratti;i suoi tagli non ci sono,le
    sue sgroppate ammatti-centrocampisti sono latitanti,la sua muleta è
    riposta come la Balabuska di uno snooker in pensione.CUADRADO: 6,5
    Montella ordina "seats" e lui da buon dogo obbedisce;vietato il fondo
    per lui,quando arriva crossa come Pasqual...ah ah le brutte compagnie(di
    piede...eh eh eh).Annulla Zuniga.PASQUAL: 5 Cercasi velo per
    pietosa distensione:padella cross non-sense,riesce a frenare Maggio ma
    non ha slancio propulsivo.Costringe Savic ad avere antenna telescopica
    sempre verso l'alto.TONI 6 Per il Nostro Ronin è così,va bene la
    l'aiuto per la barca-non-Barca,doveva essere la terza punta si ritrova
    ad essere la prima,se lo dicevano 10 anni fa erano matti!JOVETIC:
    5,5 Sembra scontento,sbuffa,non sorride più:al momento delle
    responsabilità vere,al momento di caricarsi attacco e squadra sulle
    spalle,lui si cosparge di olio di mandorla e allora tutto scivola
    giù,anche il suo rendimento.Non all'altezza dei suoi compagni,da troppe
    partite.MONTELLA: 7 Fa miracoli continui col suo staff,la forma
    c'è,polmoni ok,cambi strategici positivi.Lui è un novello Archimede
    "Datemi una punta,vi solleverò la classifica!".

     

    RispondiElimina
  30. Orcio da "quella" destra non mi aspetto nulla per fortuna. eh eh eh eh eh Deyna, il centravanti serve d'accordo, ma spero arrivi prima un rinforzo al centro che temo sia ancora più necessario. Se poi arriva l'uno e l'altro, benissimo. 

    RispondiElimina
  31. Pollock, ora basta con l'ostruzionismo al Sopravvissuto! E' uno scandalo! Una sopraffazione! Devolvo quindi al Sopra, così defraudato, i proventi del concorsone (1€ simbolico il biglietto) «Come farà a  recuperare una figura di merda?». Le risposte possibili: 1) si scusa dandosi di cogliona; 2) dice che scherzava pure lei ma che lei aveva capito benissimo mentre nessuno ha capito lei; 3) sparisce dalla cloaca dopo una sbornia di caponata per rimuovere; 4) dice che in fondo è quel che Deyna pensa nel profondo e lei non ha fatto altro che portarlo alla luce; 5) dice che si è sbagliata perché Deyna di cazzate del genere in passato ne ha dette troppe; 6) dice che dopo aver letto quella bestialità ha smesso di leggere, convinta com'era che Deyna fosse in
    preda di qualche sostanza, come dire, particolarmente potente, perché in
    effetti era troppo anche per lui. Vincere è facile (ahahahahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  32. Elenco di seguito alcune delle ragioni che spiegano il comportamento della società negli ultimi mesi: a) l'operazione Rossi è probabilmente iniziata molto tempo fa ed era già stata delineata prima di natale; b) era impossibile prevedere che la Fiorentina tenesse un tale ritmo prima di Natale; e c) altrettanto impossibile prevedere il crollo post-natalizio; d) prima di Natale la squadra aveva una media goal impressionante: segnavano Jovetic, Toni ma anche difensori e centrocampisti, tanto che si vinceva di goleada; e) dopo Natale abbiamo segnato con il contagocce ed in modo del tutto fortunoso. Nonostante queste attenuanti resta il fatto che una certa esitazione, una programmazione non perfetta e un eccessivo timore di investire hanno danneggiato, anche se non irrimediabilmente,  una stagione che poteva schiudere anticipatamente le porte della Champion. 

    RispondiElimina
  33. Leo, la mia è una critica molto lieve e dettata più sulla tempistica di certe operazioni che non sull'effettivo valore dei giocatori, anche se Della Rocca lo conosco abbastanza bene, oggi 90 minuti contro un crostino per niente facile come Kristisic e la sua presenza ha già cambiato il volto del centrocampo senese. Rimango dell'idea che potesse farci molto comodo, ma avrà sicuramente ragione Montella. Rimane il fatto che nel mezzo siamo contati e, messi come siamo, basta e avanza l'assenza di Pizarro, importante quanto volete, ma un pestone alla caviglia lo devi mettere in conto, in qualunque campionato, per metterti a pecora. Aquilani anche oggi ha viaggiato sotto ritmo, Romulo fa quel che può, Borja dovrà pur tirare il fiato, anche lui. E questi siamo, non c'è tanto da scialare. Visto che il tipo di gennaio che ci aspettava (con tanto di coppa italia, in casa, nel mezzo)  lo si sapeva già da prima della sosta io avrei preferito qualcosa di diverso. E non mi riferisco certo a grossi acquisti e/o movimenti. Un saluto.

    RispondiElimina
  34. Condivido tutto del tuo ultimo post, caro Lud, eccetto un po' d'enfasi sulla media-gol fino a Natale di Toni e di Jojo.

    RispondiElimina
  35. Deyna, un difensore non lo devi valutare per un miracolo su gentile concessione del portiere avversario, piuttosto domandati dov'era sul pareggio di Cavani. A me insegnavano a marcare l'attaccante mettendomi con almeno mezzo busto davanti a lui... Ma forse in Argentina la scuola è diversa... Altra cappellata su posizione quando siamo passati a 4 dietro, nel secondo tempo... Si è fatto portar fuori da Pandev e ha lasciato dietro un buco grosso come una casa... Direi invece che qualche magagna anche sul gringo sta venendo fuori, ma sicuramente son troppo perfezionista io... o non solo io, visto Montella....

    RispondiElimina
  36. Una nota se può aiutare il padrone di casa nell'individuare le cause del presunto ostracismo di Sopra: il suo commento originale, non quello rilanciato da Pollock, è presente nella visualizzazione del sito ottimizata per cellulari/tablet. Nella versione web, invece, non c'è traccia come lamentato dall'amico in cella.... Sopra, ma sei davvero passato in Romagna? A Brisighella trovi un fantastico olio di oliva che unito al sublime sale di Cervia rende il pinzimonio di verdure davvero gustoso. Ciao!!!!

    RispondiElimina
  37. Allora, stiamo giocando con due dei nostri migliori giocatori decisamente fuori forma (mi riferisco a Jovetic e Cuadrado), un altro con la lingua penzoloni (Valero) e un altro infortunato in panchina (Pizarro). In queste condizioni non e' strano fare fatica. Piuttosto, in attesa del ritorno ad alti livelli dipei quattro di cui sopra (Cuadrado. jovetic oggi li ho visti un po' meglio che nelle ultime partite, in particolare su JoJo sono d'accordo con Vitalogy), da oggi s possono trarre alcune conclusioni positive, per esempio Neto: da' sicurezza, e' bravo, si sapeva, oggi per la prima volta ha fatto anche il miracolo. Per questa stagione e' chiaro che il titolare deve essere lui. Se continua cosi', possiamo anche pensare di aver trovato il portiere titolare per i prossimi anni, altrimenti comunque se volessimo venderlo, un po' di soldi li si raggranella. E comunque portieri migliori in giro non ce ne sono tanti, avete visto oggi il secondo portiere della Nazionale?

    RispondiElimina
  38. Orcio, dov'è passato il Sopra spacciano solo olio di ricino, eheh. Louis, penso che qualunque difensore, oggi, potesse contrastare quel movimento e quel colpo di testa di Cavani solo commettendo fallo da rigore. Chiediamoci piuttosto perché il più vicino a marcarlo era lui, come Aquilani su Jonathas, come Borja Valero su...ecc ecc. Non riesco a capire se è Montella che trascura le marcature a uomo dei "lunghi sui lunghi", sui calci piazzati, o sono i giocatori che se le perdono ed altri devono cercar di rimediare. Vista tutta la preparazione che c'è sulle palle inattive a favore [cfr. Vio], mi sembra che le situazioni da calcio piazzato a sfavore siano colpevolmente trascurate.

    RispondiElimina
  39. Rigore buffo dato alla Roma, meno male che il "Palazzo" favorisce le solite squadre del nord.... A Zeman......daje....

    RispondiElimina
  40. ORCIO,certo che sono andato a Brisighella,molte volte e conosco l'olio,assaggiato però "Al parlamentino"(li mortacci)luogo storico di Imola dove Andrea Costa teneva i suoi primi discorsi,infervorando gli astanti.In quel posto ho chiacchierato molte volte col genio femminile di Gae Aulenti,donna che avrebbe meritato un dicastero ad hoc.Football:impossibile che Lazio e Napoli non flettano il loro rendimento,l'Inter non la calcolo neanche,il bluff Stramaccioniano è stato scoperto facilmente,il Milan pagherà la gioventù,temo la Roma e quindi se la viola recupera tutti i titolari può ancora giocarsela,specialmente ora che è tornato al gol Roncaglia....ah ah ah aha .....uh uh uh uh.Se beccava quel gol uno dei nostri portieri riciclavano la Ruota degli Esposti e nottetempo i tifosi andavano a consegnarli al clero...(sul sitone molti allocchi non hanno colto l'ironia dell'ingegno del Fac descritto da uno dei Nostri Pulitzer Sitollockiani...ah ah ah ah).BLIMP,ho notato(sotto "Le pagelle" del sifone)tale Fenicottero in Vespa-al quale ho risposto...ma la mignotta da gang-bang-multinickiana non prendeva la pillola?GUBERNATOR,questo vetero oscurantismo ci renderà più ricchi un giorno,il nostro stroryboard funziona,come una telenovela.

    RispondiElimina
  41. Il Ribbogghito poi.....che povertà di idee in questi personaggi ab agro.

    RispondiElimina
  42. Toh, guardavo que ciuccacci su odeon... Agroppi, da Piombino: "ragazzi, badate che c'ho il tesserino di Coverciano e vi dio che Neto sul go della Roma in coppa italia doveva stare due metri più fuori, però un l'ha detto nessuno..." si vede che un legge La Riblogghita...

    RispondiElimina
  43. Deyna, non so chi dovrebbe marcare la punta avversaria sui calci da fermo, nella nostra area di rigore, secondo gli illuminati schemi di Vio&Co. So solo che, ai miei tempi, era compito esclusivo del difensore. Direi che Roncaglia si addormenta e perde Cavani che, da campione qual'è, ci mette del suo. Ad ogni modo lo stesso Montella non è sembrato proprio soddisfatto in sede di intervista, del comportamento di Facundo sull'episodio...

    RispondiElimina
  44. Ci fa solo piacere, Sopra, solo piacere e anzi mille di quelle rivogate.... ADV dice che per un grande attaccante ci vuole tempo e che dunque adesso è difficile. Quanto tempo? Cinque mesi erano pochi? E Berbatov non veniva dipinto come un grande attaccante (non per me, s'intenda)? Allora perso lui s'immaginava arrivasse pari grado. Invece no. Lud dice, giustamente, che l'investimento unico, a questo punto, concerne solo Rossi, il futuribile (e seconda punta, aggiungo), il che però rivaluta la posizione di Deyna e di Jordan due settimane fa o anche meno, mentre io sono rimasto infinocchiato, che credevo che arrivasse Rossi più il centravantone. Non credo che sia pretattica, da parte di ADV, è questione di entità di spesa e su questo ADV è stato categorico: poi, che arrivi sùbito un Wolski non è da escludere, ma non sarebbe lui, si rivelasse anche d'emblée un drago nel suo ruolo, che incidererebbe sulla penuria del gol in attacco. Martino ha creduto che il suo bell'asino campasse d'aria, tutto qui: per un po' dura, poi ci vogliono fieno e avena o la brava bestia va al Creatore degli asini.

    RispondiElimina
  45. Notizie sul giustiziere degli Xeneises,a Buenos Aires?E 'sto Vlaminckx(in Turchia) che ne ha fatti 4 oggi,dopo le caterve degli anni scorsi in Olanda?Costava du' lire...

    RispondiElimina
  46. Che giocatore Guarin, tanta roba davvero. 

    RispondiElimina
  47. Concordo LEO,un superman,a volte ricorda Nedved per dinamicità e tiro.

    RispondiElimina