.

.

giovedì 10 gennaio 2013

Due gocce come due pocce

Piove forte o sono solo due gocce, ma anche, non piove per niente e se piove anche a dirotto non me ne frega perché sono al coperto, e le due gocce sono di Chanel Nr 5 come quelle che bastavano a Marylin, la quale non solo non voleva nient’altro, e le gocce quindi non erano solo due, ma al contrario erano tutto ciò che serviva. Poi ci sono quelle della somiglianza e quelle che fanno tracimare, e se la memoria non m’inganna come le “gocce di memoria” di Giorgia, Pradè è stato molto chiaro sul tema, l’acquisto di Rossi non compensa la cessione di Jovetic, anzi, ma Firenze che come sempre è città estrema, va oltre. E allora l’Oltrarno del suo pensiero s’interroga oggi se Rossi e Jovetic possono convivere, perché il tema è quello classico delle due gocce d’acqua che pur essendo apparentemente uguali come caratteristiche apre la discussione alle mille altre sfaccettature che il calcio è in grado di generare in materia. Rossi è stato comprato per sostituire Jovetic, oppure per giocarci insieme? E se poi fosse vero quello che dice Pradè, allora avanzano come panzer le perplessità sul confezionamento di una coppia che per qualcuno non sembra assortita poi così bene, ed è qua che il tema delle gocce d’acqua inizia a far tracimare un vaso dentro al quale il tifoso sempre un po’ fazioso e orbo, è propenso comunque a pisciarci di fuori. Perché il mondo delle gocce d’acqua nel calcio apre scenari che si frappongono ad una interpretazione troppo rigida di categorie come appunto quella delle gocce d’acqua e sottocategorie come quella dei gemelli monozigoti, dizigoti e del gol come lo erano Graziani e Pulici, e quindi in grado di compensarsi offrendosi benefeci a vicenda. Se amiamo tanto il cross come sfogo alla manovra, o sopperiamo per esempio con un vecchio Ancillotti giallo, ricordo di aver passato parte dell’adolescenza davanti alla vetrina del concessonario di Via Santa Monaca, allora abbiamo bisogno di un gemello del gol brindellone, uno da scoppio del carro insomma, oppure mandiamo all’appuntamento con il traversone  in area i vari centrocampisti muniti del sesto senso dell’inserimento, e i difensori specie sui calci da fermo. Nel Barcellona non c’è un gemello di Chinaglia, anzi i gemelli del gol sono stati mandati al gas addirittura da Fabregas messo lì non tanto per far gol ma per far rima, perché uno dei grandi temi che si sta sviluppando nel calcio moderno è che il gioco ha bisogno soprattutto di giocatori che posseggono grandi doti tecniche, gocce d’acqua di qualità, gemelli di tecnica sopraffina, teoria e in certi casi eclatante pratica blaugrana, perché il concetto è che chi è capace di dare del tu al pallone non è un maleducato ma uno bravo, e chi parla la stessa lingua di solito si capisce bene senza bisogno di avere un corpulento là in mezzo, e allora invece che con il cross in mezzo all’area ci si arriva con il triangolo, del quale si potrà dire quello che ci pare ma aveva già cominciato a parlare un illuminato come Renato Zero. Montella è uno bravo, anzi molto bravo, che predilige la fase propositiva per la quale necessita di manodopera di qualità, comprargli giocatori dalla tecnica sopraffina non sarà mai un errore come comprargli invece un giocatore che stoppa a seguire e poi deve seguire un iter complicato per recuperare il pallone. Prendiamo la natura che è difficile che sbagli, e quando si parla di coppie dovrebbe essere presa sempre come esempio, guardiamo il culo o il seno  femminile, le due parti che compongono questo meraviglioso insieme non sono perfettamente uguali ma quasi, ora, mettere un Rolando Bianchi insieme a un Giuseppe Rossi non mi sembrerebbe affatto un quasi accettabile, mi sembrerebbe una visione molto retrò del calcio, uno può anche ascoltare i Gemelli Diversi e confessare di aver visto le prime gambe grazie alle Kessler, ma non si può chiedere a Montella di guardare a un calcio troppo datato, e quindi ne chiedergli di portare le maniche della camicia slacciate come faceva Agnelli, ne tantomeno, di chiudersele con dei gemelli.

79 commenti:

  1. A parte Damiao, di cui ho già scritto nella discussione di ieri, vorrei soffermarmi sui presunti candidati ad essere il Grande Centravanti Fine Di Mondo (o GCFDM) che si sarebbe voluto qui a gennaio:- Lisandro Lopez e Matavz giocano in squadre che lottano per lo scudetto nei loro rispettivi paesi e che è molto improbabile che se ne privino a metà campionato;- per lo stesso motivo non penso che il Bayer Leverkusen, in lotta per un posto in Champpion's, voglia vendere Kiessling a metà campionato;- Osvaldo ha un ingaggio anche superiore a Jovetic e Pepito, inoltre la Roma non vuole rafforzare una diretta concorrente;- Guidetti potrebbe essere preso solo in prestito, non penso che il City voglia venderlo a titolo definitivo, inoltre puntare su un ventenne che non conosce il nostro campionato sarebbe un azzardo;- Van Wolfswinkel forse si potrebbero anche prendere a titolo definitivo, ma anche lui dovrebbe adattarsi al campionato italiano (magari mettendoci lo stesso tempo che Pepito ci metterà a tornare in campo...);- il vecchio Luis Fabiano O Fabusolo - mio idolo - è tornato al San Paolo per rimanerci; anche per lui inoltre potrebbe valere il discorso che ho fatto sui Brasiliani che rimangono nel loro paese fino al Mondiale in casa loro.Di GCFDM non me ne vengono altri in mente (considerando che di certo non possiamo prendere R. Falcao, Suarez, Torres o Cavani), per questo mi sembra che l'operazione Pepito Rossi sia stata la migliore possibile, anche in prospettiva.Per avere un centravanti già pronto da qui a giugno e che conosca già il campionato italiano, bisognerebbe andare a prendere qualcuno che giochi poco nel suo club di appartenenza; a me vengono in mente solo Borriello, Pazzini, Di Natale e Acquafresca, magari prenderemo uno di questi, anche solo in prestito, ma come vedete non sarà certo un GCFDM.

    RispondiElimina
  2. GUBERNATOR,oramai è diventato arduo trovare due pocce che stiano su da sole,bisogna scendere ad una 17enne,per andare certi che non troveremo un Wonderbra,che non è il Brasile delle meraviglie;allo stesso tempo trovare e mettere insieme un duo prolifico ed efficace è diventato la ricerca del Cacao Meravigliao,al quale non sopperiremmo neanche con Cacau-Mirallas,visti i ruoli e gli score dei due.Mettere insieme pocce e gocce non è arduo,direbbe Cordua(7 promozioni dalla D alla C),al quale rispondono due difensori che solo a nominarli escono due gocce,due lacrime:Mesto e Modesto.A noi occorre una coppia tra sacro e profano,li davanti,tipo Cruz-Pagano ma non è possibile,acqua passata,come disse l'uomo con l'imbuto mentre imbottigliava.Il sogno del Sacro e Profano,forse è a Sacrofano,zona vip fuori Roma(sulla strada per il CHIARI...eh eh eh)dove albergano(o li o alle Rughe)alcune punte della Roma,anche se Formello e li a stretto giro.Il massimo del sacro e profano per antonomasia?Trinidad&Tobago,la Trinità ed il Tabacco....un "assieme" terribile,come Jovetic&Larrondo...ma il pallone è tondo,comunque rotolerà il rete.Non avremo mai Messi ma avremo messe di gol,e quindi gol-messe,profano-sacro.E così sia.

    RispondiElimina
  3. Invece l'acquisto di Larrondo, se è vero e non è un depistaggio per farlo comprare da Marotta, non lo capisco proprio.

    RispondiElimina
  4. C'è sempre un giocatore migliore di quello che abbiamo preso in qualche parte del mondo. Uno più bravo, più adatto agli schemi, più sudamericano nel passaporto e nell'animo, il top (of the pops), l'essere perfettissimo, che esprime l'essenza stessa del calcio. Ma ragionando così si rischia di non apprezzare quel che passa il convento (e non è poco) e si gettano le basi per futuri insuccessi, soprattutto se per caso il giocatore arrivato dovesse incontrare qualche difficoltà di ambientamento e a quel punto riemergessero i dubbi e le prese di posizione del tipo "io l'avevo detto" fino a rendere la vita difficile al giovanotto. Che nel caso specifico ha le spalle molto larghe, determinazione e ottimismo tipicamente americani: ma non si sa mai, dopotutto si tratta di ragazzi giovani, che guadagnano e sono privilegiati, ma nascondono inevitabili fragilità ed insicurezze. L'ho detto e per adesso mi taccio. 

    RispondiElimina
  5. Chiarificatore10 gennaio 2013 10:14

    Infatti io vivo "oltre" la zona vip, Sopra, dove l'imu è più bassa, eh eh eh.

    RispondiElimina
  6. Chiarificatore10 gennaio 2013 10:20

    In compenso molto più bella, alle porte della Riserva Naturale Tevere Farfa. 

    RispondiElimina
  7. ANTO,se fosse vero il detto "Attenti a quei due comprano solo i non-nominati/scritti sui giornali" saremmo a posto,tranquilli sul depistaggio ma chissà???LUD,hai scritto cose che condivido nel tuo post,soprattutto nelle prime righe ma chi deve illuminare il nostro attacco?...'Sto Diogene chi sarà?La via del gol la potrebbe illuminare Ottofaro ma è uno da serie C(e a Como lo rimpiangono),Lampa-rd ma non è un finalizzatore,Raggio(Garibaldi) ma dopo le gesta nel Genoa(giovanili)è nel dimenticatoio,andiamo a giocare a Lucerna?Prendiamo come mister Lux-emburgo?Prendiamo come sponsor Neo-n?Viaggiamo in trasferta con un (Led)Zeppelin?Ci faremo benedire in San Giorgio in Lucina?Pregheremo la redenta da Cristo Fotina(ai più ignoranti nota come "l'adultera")?Illuminaci Pradè,dai frate'...non ci lasciare senza ciccia nel piatto,altrimenti finiamo come baccalà appesi,ad una speranza.Preghiamo per la punta?Facciamo come il benedettino che entrando in refettorio per pranzo,servendo pesce,diceva "Orate,frateres....".Eh eh eh eh eh eh.CHIARI.....in Austria pressione fiscale 22%,in Lituania 12%,se ti interessa posso indirizzarti bene....a proposito di fisco:ma Berlusconi per i capelli usa il Calzanetto?E sopratutto:il secondo gol della Juve(ieri)parte da disimpegno errato di Montolivo?E non dicano a Milano che non li avevamo avvisati(tra domenica e ieri Riccardino non arriva a 12,sommando i voti cartacei...uh uh uh uh!Nulla di nuovo sotto il sole!).

    RispondiElimina
  8. È "Orate,fratres".

    RispondiElimina
  9. Chiarificatore10 gennaio 2013 11:19

    L'Austria non sarebbe male, Sopra,  ma tutto sommato sto bene dove sono, in questo pezzo di Umbria nel lazio, tanto più che il berlusca è finito e che Renzi rappresenta la più bella risorsa per il futuro dell'Italia, un po' come Pepito Rossi per la Fiorentina, eh eh eh.

    RispondiElimina
  10. Pepito Renzi.

    RispondiElimina
  11. Buon Anno a tutti e, ovviamente, in particolare all'anfitrione Pollock. Dico la mia sul mercato chiedendo un parere di tutti. Ho la netta impressione che, come ha dimostrato per l'ennesima volta anche la vicenda Rossi, i Pracia siano due che seminano molto fumo e che poi vadano invariabilmente a colpire il nome mai uscito sui giornali. Anche in questo mercato credo stiano facendo lo stesso quindi potrei immaginare che: a) come centravanti di scorta possa arrivare uno come Guidetti, magari in prestito visti i buoni rapporti con il City. b) Cassani non verrà ceduto se non su sua ferma richiesta c) Seferovic verrà mandato a farsi le ossa e partirà solo se arriverà Larrondo per il quale non tratteranno ulteriormente con il Siena. Del tipo o prendere o lasciare e forse lasceranno d) Camporese verrà mandato in prestito (ma cos'ha sto ragazzo che nessunod einostri tre ultimi allenatori se l'è filato troppo) e arriverà un centrale d'esperienza. Il nome? Non saprei ma mi era balenato il nome di Silvestre in prestito dall'Inter. Insomma si fa per ruzzare...

    RispondiElimina
  12. Dunque vediamo, Sopra: Lampard è un milionario inglese senza problemi di ingaggio. Cinquecentomila euro in più o in meno non gli fanno ne' caldo ne' freddo. Ama Firenze per esserci stato e vorrebbe vivere dalle parti di Fiesole per poi andare a visitare chiese e musei con la moglie come facevano Harold Acton o Bernard Berenson. Se le cose stanno così, non c'è niente da fare: viene da noi. A quel punto la lotta a centrocampo potrebbe farsi spietata perchè i posti di titolare sono tre, a meno che non si cambi modulo. Indiziato numero uno a retrocedere a riserva Aquilani. Il centravanti di peso è diventato l'ossessione di questo sito e probabilmente serve, non dico di no. Ma ripeto: Montella, Macia e Pradè che sono bravissimi avranno pure valutato le potenzialità della coppia Jovetic-Rossi, coppia di piccoli è vero, ma micidiali e se hanno acquistato Rossi vuol dire che pensano che possa giocare con Jovetic e non ne sia la riserva di lusso. Un doppione da 2,5 milioni di ingaggio sarebbe davvero un assurdoNon cadiamo nell'errore di confrontare la coppia di piccoli Jovetic-Llajic con quella Jovetic-Rossi. L'unico punto in comune è la statura, perchè mentre Ljiajc è ancora esitante nelle conclusioni, ma in crescita, Rossi è implacabile. Infine stiamo attenti a giubilare Toni per una partita senza goal. Non mi è sembrato corretto farlo passare dalle stelle alle stalle solo per una incertezza davanti alla porta. 

    RispondiElimina
  13. Speriamo che non tocchi a Pepito Renzi rottamare Giuseppe Rotti, Sopra, eheh

    RispondiElimina
  14. Veneto, stravedo per Silvestre, che solo Stramaccioni [e pochi altri illuminati, forse] può pensare di lasciare fisso in panca per far giocare...Ranocchia. Non credo che arriverà, né ce n'è tutto questo bisogno, ma se arrivasse mi farebbe molto piacere: è elemento di esperienza, sa giocare a calcio, stacca bene [anche in avanti], ed è mancino. Però credo che puntino a valorizzare Savic, che è stato un investimento. Lampard non mi ha mai entusiasmato, figurarsi oggi a 35 anni. Uno dei giocatori al mondo più sopravvalutati, sempre deludente a Europei e Mondiali.Lud, parlare di Damiao sarà solo un esercizio teorico [ma potrebbe diventarlo anche parlare di coppia Jojo-Rossi, se dovessero cedere il montenegrino...], ma perché no? Lascia stare il mercato, è una domanda tecnica: potessi scegliere un partner per Jovetic, in questa Fiorentina, preferiresti Rossi o Damiao?

    RispondiElimina
  15. Di chi è la foto, Pollock, ma soprattutto chi è la ragazza? E' uguale a una mia amica che fa la modella per fotografi "arty", ma non sono sicurissimo sia lei...

    RispondiElimina
  16. Se dovessi scegliere i più grandi poeti del mondo sceglierei Dante e Shakespeare, se dovessi decidere io chi gioca nella Fiorentina prenderei Balotelli. Ma non ha alcun senso! La discussione se mai puo' riguardare l'opportunita' di avere in avanti due piccoli. Io penso che se i due piccoli sono tecnici, mobili, atipici e cinici in zona goal l'accoppiata sia plausibile.

    RispondiElimina
  17. Chiarificatore10 gennaio 2013 13:53

    E' una stagista in redazione.

    RispondiElimina
  18. Ahahahahahahahahahahahaha!

    RispondiElimina
  19. Mettiamola così, anche se si resta più nel vago: per il gioco della Fiorentina, fatto salvo che si parla di grossi attaccanti, preferisci una coppia di attacanti "tecnici, mobili, atipici e cinici in zona goal" [piccoli non lo userei, avendo in mente Jojo], o una coppia con uno solo di questi più un centravantone forte di testa, cinico pure lui [il cinismo va di moda, oggi, in ambiente calcistico...], abbastanza mobile e tecnico? 

    RispondiElimina
  20. Ecco, invece decidessi io, Balotelli non lo vorrei nemmeno regalato. E' imprevedibile, purtroppo in tutti i sensi, di saper far gol con continuità lo deve ancora dimostrare, e soprattutto - per quanto magari di fondo sia anche un bravo ragazzo - è una mina vagante in uno spogliatoio. E non sto parlando di saponette, eh!

    RispondiElimina
  21. Chiarificatore10 gennaio 2013 14:07

    Giornata decisiva per Larrondo. Ma non era Longo?

    RispondiElimina
  22. Rossi e Jovetic fino a prova contraria per me sono il top. Ho già detto tante volte perchè: sanno giocare la palla, sono tecnici, supportano il centrocampo, non amano agire in una posizione fissa, non sono esterni puri, sono micidiali e non marcabili in zona goal. Può essere utile avere anche un centravanti di area ma se i titolari fossero loro mi sentirei rassicurato.

    RispondiElimina
  23. Deyna potessi scegliere io direi Rossi E Damiao con Jojo dove vuole. Attenzione non dico che Jojo non mi piaccia ma se devo scegliere ho l'impressione che un Rossi integro possa essere più decisivo ed incisivo del montenegrino. Ovviamente l'ideale sarebbe Rossi E Damiao E Jovetic, così non si scontenta nessuno. Nemmeno io vorrei mai Balotelli. Certo grandi potenzialità ma gli scapestrati non sono MAI arrivati ai massimi livelli (per massimi intendo livelli da Pallone d'Oro). Lo stesso Cristiano non brilla certo per simpatia, tutt'altro, ma sul suo essere vero atleta credo non si possano porre dubbi. Visto che si parla di sogni io con JoJo ci avrei visto bene Dzeko più di chiunque altro, eccetto forse Cavani.

    RispondiElimina
  24. Ok, ho capito, ora è chiaro: lasceresti in panchina Damiao [non si può migliorare il top] per farli giocare entrambi, ehehe

    RispondiElimina
  25. Chiarificatore10 gennaio 2013 14:12

    A me Balotelli sta simpatico ma al suo confronto Tevez, Mutu e Vargas sono chierichetti. Il Mancio per colpa sua è in analisi.

    RispondiElimina
  26. Comunque centravanti moderni tipo Drogba, Damiao e Osvaldo, non sono solo potenti e forti di testa, hanno tecnica e si muovono molto, non pensiamo ancora a Pruzzo e Savoldi come centravanti d'area...

    RispondiElimina
  27. Ma che voi sappiate, Lampard ha veramente dichiarato di amare Firenze e volerci vivere? Io ricordo solo che un annetto fa fu visto un weekend per Via Tornabuoni con la su'fiha e i sacchetti dello shopping, come fanno ogni anni milioni di persone da tutto il mondo; da ciò a ricamarglici sopra il desiderio di emulare suoi vari connazionali ottocenteschi ce ne corre. Qui a mezzo km da casa mia c'è una villa in cui si vocifera che ci abbia vissuto Byron, ma a parte la testimonianza tramandata oralmente di generazione in generazione (della serie: "...lì e c'ha vissuto Bàironne, sonasega io chi gl'era di preciso Bàironne, però e dice cì tornò di hasa..."), non ho mai trovato documenti, o fonti d'altro tipo o minimi indizi che ne diano uno straccio di conferma. Mi immagino la stessa villa in prossimità del 21° secolo, con i sestesi del futuro che narreranno che lì ci ha vissuto Lampard.  

    RispondiElimina
  28. in prossimità del 23° secolo

    RispondiElimina
  29. Tevez è molto "sopravvalutato" come sregolato e casinista. Dzeko mi piaceva tantissimo quando giocava in Germania, al City ha relativamente "deluso", rispetto al potenziale. Nel campionato italiano attuale, inserito come terminale della Maquina, seppellirebbe di gol gli avversari, e altrettanti ne farebbe fare a Jovetic/Rossi. Io, a proposito di questi due, ribadisco che li farei giocare assieme solo in particolari occasioni, per il resto preferirei alternarli [giocando CL, campionato e coppa italia], in modo da non far giocare a nessuno dei due 2/3 partite a settimana, viste le ginocchia disastrate. Punto fermo, il centravanti, che giocherebbe più di loro, essendo lui sperabilmente integro. Naturalmente si parla di una situazione di lusso, non so quanto sostenibile per noi.

    RispondiElimina
  30. Lampàrde,VITALOGY.

    RispondiElimina
  31. Visione estremistica Deyna: Rossi a fare la riserva a Jovetic non ce lo vedo. Qui si tratta della famosa questione del delantero cui talvolta le squadre spagnole rinunciano senza rimorsi (Torres era in panchina agli Europei). Su Lampard ho già detto che se davvero gli va di stare a Firenze l'ingaggio non credo costituirebbe un problema. Gli inglesi a Fiesole sono sempre venuti gratis, anzi pagavano loro. Trovo dunque perfettamente plausibile che un miliardario britannico voglia offrirsi due anni di vacanza nello stile di "Camera con vista".

    RispondiElimina
  32. Siamo in piena playstation e ormai si favoleggia l'attacco Dzecko, Balotelli, El Sharawi, Jovetic, Damiao (come è noto i ragazzini amano squadre di soli attaccanti). "Continuiamo così facciamoci del male" (Nanni Moretti).

    RispondiElimina
  33. Il bello, anzi il tragico, è che Cagaldo alla stagista qua sopra chiede notizie da Udine invece di metterla sull'incudine. A capezzoli siamo a livelli difficilmente uguagliabili, Pato e Rossi non tengono il confronto, Transfermarkt conferma. La foto è tagliata, la strafiga è impegnata nel ponte levatoio.

    RispondiElimina
  34. Sul Faraone devo dire che ieri sera ho visto la partita del Milan contro le merde e devo dire che mi ha impressionato. Non tanto per la partita che ha fatto ma ha una concretezza, da una sensazione di maturità incredibile. Poi ha senso della posizione ed intelligenza. Veramente un grandissimo e modernissimo attaccante, destinato credo alle grandissime squadre straniere.

    RispondiElimina
  35. Veneto Viola, Lud, aveva doverosamente premesso che si parlava di sogni, riguardo Dzeko, ed io ho semplicemente continuato su quello spartito. El Shaarawy chi l'aveva nominato? Comunque hai ragione, basta favoleggiare di attaccanti, cominciamo a pensare a Lampard, che è più realistico. Per inciso detesto quasi tutti i film di Ivory, ahah.

    RispondiElimina
  36. Lampard lo credevo impossibile ma se ama Firenze e vuol vivere qui, beh il discorso cambia. Vitalogy forse non conosce bene il fenomeno ma ce ne sono stati tanti che hanno fatto la stessa scelta, grandi scrittori, critici, uomini ricchissimi. E non è leggenda.

    RispondiElimina
  37. Certo Deyna, chiaro che si parla di sogni. il Faraone lo avevo nominato con riferimento alla playstation Lud e quindi ho postato il mio entusiastico commento. Con certezza è il più forte giovane attualmente in Italia. Lo comprerei a occhi chiusi senza far cambio con nessuno straniero (parlo di giovani...mi proponessero Messi ci penserei eh eh eh). Su Lampard che dirti Deyna. Io non ci perdo nemmeno un secondo dietro alla bufala ma se fosse, se fosse, se fosse.....credo che anche il Blimp mi diventerebbe buho virtuale per un attimo e si darebbe a pratiche onanistiche sulla foto del Franckie, eh eh eh

    RispondiElimina
  38. Chiarificatore10 gennaio 2013 16:27

    La differenza tra quello che Lampard guadagna e quello che guadagnerebbe a Firenze è enorme, non ho idea di quanto gli stiano offrendo altri. Il paragone con grandi intellettuali che hanno voluto Firenze come scelta di vita sta in piedi un po' a fatica, non credo che ci abbiano rimesso economicamente, in compenso dal loro punto di vista ci guadagnarono intellettualmente, quindi professionalmente.
    Damiao non lo conosco abbastanza, prendo atto del suo ruolo di prima punta pura e del fatto che il suo valore da quando lo segnalarono Deyna e Jordan ad oggi è aumentato molto, pur non raggiungendo la massima quotazione di Rossi  all'apice, 30 milioni, come dice Transfermarkt.
    Può darsi che il mio sia wishful thinking, ma per me Rossi e Jovetic, se sarà confermato, nel calcio della Fiorentina, hanno tutte le caratteristiche  per dar vita ad una coppia del gol da sogno: rapidissimi, molto tecnici, implacabili cecchini ma anche portati alla manovra e altruisti quando trovano il partner giusto, piedi complementari.

    RispondiElimina
  39. Colonnello, irredimibile buongustaio, con l'occhio sempre attento al punctum! La tipa sarebbe questa [un cervello, una cultura e una genialità incredibili, già fin dalla più tenera età, tra l'altro], c'è una notevole somiglianza con quella della foto di Pollock, ma ho dei dubbi. E da una sola foto è difficile avere sicurezze. Ecco la musa...PS: è un omaggio al magnifico ospite Poeta, per tutte le belle foto che ci regala da mesi.

    RispondiElimina
  40. Inutile dire che sono d'accordo con Chiari e che conserverò questi post per tirarli fuori alla prima doppietta di Jo-Jo Pepito, ossia al peggio nella finale di Coppa Italia. Per quanto riguarda Lampard, Chiari, va verificata la sua fame di soldi: ne ha già tanti che potrebbe anche rinunciare ad una parte dell'ingaggio per poter fare una esperienza di vita che desidera. Non sarebbe ne' il primo ne' l'ultimo caso. Se ragiona in termini economici ovviamente non viene.

    RispondiElimina
  41. Paragonare Leandro Damiao a Rossi mi fa scappar da ridere con tutto il rispetto per Pepito. Su transfermarket posson dire quello che gli pare, la verità è che Rossi è stato pagato 11 milioni dal Villareal al MU, non è stato riscattato a 15 dal MU, e nemmeno adesso, visto che tuttora aveva la precedenza, agli 8-10 che ha pagato la Fiorentina. Non son cifre basse, perchè il giocatore se sta bene, vale  ma il paragone con Leandro Damiao che, tra l'altro, ha tutt'altre caratteristiche e tutt'altro fisico, è roba da fantascienza. Non scherziamo per favore, è come paragonare un Drogba di 23 anni con Quagliarella.

    RispondiElimina
  42. LZ se poi sa che a Firenze potrebbe conoscere anche te che tu lo metteresti su un altro altarino alla destra di'santo, di sicuro cancella gli ultimi dubbi! E ci ha 35 anni sonati e piglia 5 milioni l'anno, se vuol venire a fare i' turista, che venga, ma si paghi l'albergo! Ma ti sembra possibile che possa venire allo stipendio di Toni (che tanto di più qui un gli possan dare?) e se gli danno 2 o 3 milioni l'anno pe' 2 o 3 anni (per meno penso che non ne parli nemmeno) lo sai che casino gli succede nello spogliatoio? Ma ne vale anche lontanamente la pena per un quasi pensionato? Ma perchè non pensate alle cose serie?

    RispondiElimina
  43. Deyna ogni tanto qualcosa di bono (a) tu lo trovi anche te!

    RispondiElimina
  44. Fiorentina-Siena 4-1, Jordan: ma si poteva sempre vincere 10-1, soprattutto se avessimo schierato la nazionale brasiliana. Io non sono soddisfatto e lo scriverò. Per quanto riguarda Lampard: ho detto e ripetuto che il suo arrivo può avere un senso solo se decide di lasciar da parte l'aspetto economico. Potrà sembrare impossibile ma certe volte accade che si faccia una scelta di vita nella quale i soldi non sono al primo posto. Intendiamoci, non deve venire gratis ma solo tagliarsi parte dell'ingaggio.

    RispondiElimina
  45. Fiorentina-Pescara 0-2, magari con un attaccante più fresco di Toni (che pure sai quanto stimo) si vinceva noi. Bastava fare il primo e ne pigliavano un secchio. Delle cifre di Lampard ne ho già parlato, ma tu, come al solito, non avrai letto.

    RispondiElimina
  46. Lampard (centrocampista che in carriera ha segnato più di 250 gol...) che viene da noi a 1 milione l'anno pur di poter andare agli Uffizi in settimana mi sembra una boutade.

    RispondiElimina
  47. Deyna, non ti tratti male, ad amiche... potresti presentarcene qualcuna, azzo! Intanto mentre il mio pupillo Saponara è finito, per la seconda metà al Milan, noi si attende la sorpresa della merla.

    RispondiElimina
  48. A proposito, ma Damiao e Neymar icche aspettano a traversare l'ocenao, son vent'anni che li sento nominare...

    RispondiElimina
  49. Toni non so perchè è diventato il capro espiatorio di quella partita con il Pescara, mentre solo quindici giorni prima aveva ricevuto numerosi otto in pagella, credo anche il tuo Jordan. Ho letto comunque che doveva scendere in campo Lljiajc che nella notte è stato male. Su due punti mi sento di insistere: bisogna stare attenti a evitare da un lato la visione brasiliano-centrica del mondo, dall'altro aver coscienza dei limiti entro cui si muove l'Ac Fiorentina come realtà calcistica. 

    RispondiElimina
  50. Sai, Lud, brandire la minaccia dei post da conservare ha irrimediabilmente e da tempo immemore sprofondato nella cacca qualche tuo compare di prandellismo puro (Matto, Baseballista, Mangiatrice di Caponata e Multinick su tutti), in cloaca, e anche te qui per via di Italia-Spagna: io mi terrei al presente, dammi retta, qui non hai controparti da annientare, fiele in corpo, e cui inviare il messo giudiziario (anche se ti piace pensarlo). Ho passato mesi, dopo l'estate, a smitragliare vecchi post-boomerang dei cazzoni succitati ma ti giuro che con te non lo farei mai, alla per me sicura partenza di Jojo da Firenze. Deyna, un giorno o l'altro riuscirai a far mettere i sigilli del tribunale al sitollock: tu sarai fuggito sulle Ande, ma il Direttore Sanfredianino verrebbe tradotto nella sovraffollata Sollicciano, in una cella con tre marocchini ai quali troverebbe difficile spiegare la differenza fra il suo e un qualsiasi corpo femminile.

    RispondiElimina
  51. Trova il post in cui io do' per scontata la vittoria dell'Italia contro la Spagna Blimp e se ne riparla. Io invece ho trovato ad esempio questo nel quale mi esprimo con l'equilibrio e la prudenza abituale, facendo notare che la Germania non ci è superiore, mentre la Spagna esprime valori calcistici migliori. Siamo credo alla vigilia della semifinale:
    Ludwigzaller21 giugno 2012 07:56
    Ma perchè ci dobbiamo precludere la finale in ragione del fatto che la Germania schiera giocatori come Mario Gomez o Schweinsteiger, bravissimi, per carità, ma non superiori ai nostri De Rossi, Pirlo, Cassano o Balotelli (che pure gioca come Lucrezio scrisse il De rerum natura secondo S. Girolamo, ovvero per "intervalla insaniae")? Accostiamoci fiduciosi alla finale con la Spagna, nella quale ci servirà un impegno alla Lippi per superare l'unica squadra che ha valori tecnici individuali superiori ai nostri.

    RispondiElimina
  52. Chiarificatore10 gennaio 2013 19:50

    In culo a Baldini, Zeman, Di Livio e compagnia cantando.
    Ed ora il 16 il Franchi dovrà essere una bolgia per metterglielo in quel posto a tutti quelli in maglia giallozozza.

    RispondiElimina
  53. Chiarificatore10 gennaio 2013 19:54

    Ah dimenticavo, in culo anche alla RAI, filiale giallozozza, che c'ha provato.

    RispondiElimina
  54. Caro Lud, al solito combatti tesi che inventi tu di sana pianta: io non ho mai scritto che avevi dato per scontata la vittoria dell'Italia, trova quindi dove l'avrei scritto e poi «se ne riparla»... Circa «l'equlliibrio e la prudenza abituali» che dire? Non si è mai così ben serviti come da se stessi, dicono i Franzosi... Per me, su Prandelli sei un pericoloso estremista, ad esempio. La prudenza, peraltro, indurrebbe a leggere con attenzione i post cui si vorrebbe rispondere. Buona notte a te e a tutti i sitollockiani!

    RispondiElimina
  55. Questa l'hai toppata Blimp. Io ho sempre sottolineato i rischi della partita con la Spagna. Speravo in un risultato diverso ma ho sempre scritto che i valori individuali ci penalizzavano. Quindi niente cloaca!

    RispondiElimina
  56. Non gli ho dato otto, ma ho sempre detto che sta facendo i miracoli e che è l'unico centravanti che abbiamo, e l'ho ridetto anche nell'ultimo post che avrai come al solito sorvolato leggendo una parola su tre. Ciò posto non è sicuramente, a 35 anni, quel GDFCM che diceva Anto e che vorrei fosse venuto invece di puntare sull'anno prossimo. 

    RispondiElimina
  57. Ludwig, io ho scritto:
    "...  Io ricordo solo che un annetto fa fu visto un weekend per Via Tornabuoni con la su'fiha e i sacchetti dello shopping [...]; da ciò a ricamarglici sopra il desiderio di EMULARE SUOI VARI CONNAZIONALI ottocenteschi ce ne corre...";

    tu hai risposto:
    "... VITALOGY FORSE NON CONOSCE BENE IL FENOMENO ma ce ne sono stati tanti che hanno fatto la stessa scelta, grandi scrittori, critici, uomini ricchissimi. E non è leggenda...".

    Ti pare che le mie siano parole di uno che non conosce il fenomeno?
    A me sembra di aver affermato proprio il contrario!
    Il concetto su cui ho ironizzato è stato un altro: poichè una volta Lampard è stato avvistato a far shopping a Firenze, i giornali oggi scrivono che ama Firenze e vorrebbe viverci. Quando avrebbe detto tutto ciò?

    RispondiElimina
  58. Ho ricavato questa impressione Vitalogy dai tuoi dubbi in merito ai soggiorni italiani di Byron, che invece sono ben documentati (anche se non conosco nel dettaglio i rapporti tra Byron e Firenze). Non credo che la notizia sia nata solo da una giornata di shopping, visto che lo shopping in via Tornabuoni l'avranno fatto anche Totti o Cristiano Ronaldo senza che s sia pensato di attribuire loro il desiderio di venire a Firenze. Immagino, ma sottolineo immagino, che ci sia di più, dei rapporti più stretti, un interesse più vivo. 

    RispondiElimina
  59. Bella intervista oggi all'Animale, Edi. Che si dice pentito di essersene andato in quel famoso gennaio, lascaindoci in braghe di tela... Che sia vero oppure no, mi rimane il ricordo di quel fenomeno infinito, che correvo ad ammirare ai campini, con giochesse davvero difficili da raccontare, oggi. Ricordo palloni calciati per aria a venti metri e stoppati tra nuca e schiena. Compagni di squadra e bimbetti della primavera che, sfiniti dalle sue giocate di altra categoria nello spazio di mezzo metro quadrato, menavan pedate che nemmeno in finale di champions... Il Trap che si sgolava per insegnarli quel paio di schemi che conosceva e lui che scuoteva il capoccione e lo mandava a cagare... Che banda che era, e centinaia di tifosi che lasciavano il lavoro per venire a vedere il matto e le sue giocate... Quel gol con sgroppata di 40 metri a parma saltando come birilli cannavaro e thuram coi due che si guardano e si dicono: "Ma questo da dove viene, da Marte?" Deyna, ricordami ancora una volta cosa rispondeva il compare Romario quando gli chiedevano chi fosse più forte tra lui e Ronaldo... Io l'ho sempre pensato, ma mi son sempre riguardato dal dirlo, anche agli amici in quei tempi, per la paura di esser preso per grullo... Ma non cambio idea, ancora oggi... Magnifico Edi!

    RispondiElimina
  60. Scenari africaniO
    Jordan,ma anche te...ancora un't'hai capito che son provocazioni,poste
    solo per immaginare scenari tipo Parnassus,che nessuno che vive di
    realta' puo'immaginare e su queste imbastirci ipotesi che non stanno
    ne'in cielo ne' in terra.Tipo Pato.Poi se tu provi a replicare con
    esempi critici e tecnici,allora si' che si scatena un panegirico e via
    ad estrapolazioni di frasi dai concetti per costruire una rete che ha
    come obiettivo,il caos...poi viene portato ad esempio il
    santino che propose Rossi Cassano(che fecero proprio niente di
    eccezionale)come edificante pietra di paragone,e allora funzionera'
    magnificamente Rossi Jovetic,quando anche un cieco non lo vede un
    accoppiamento ottimale.Questo si dice,non che faranno cahare.E che
    c'e'qualcuno che si prepara a tenere questi post nel cassetto pronti ad
    essere riesumati alla prima doppietta dei due di coppia,cosi' da passare
    da eretici...ma di'cche'si parla?di calcio o di gossip?Ieri c'era ADV
    che ha chiesto lumi al santino prima di acquistare Rossi,oggi lo stesso
    Rossi paragonato a Damiao,ora c'e' Lampard in Via Tornabuoni,domani,che
    so,Corona come fotografo ufficiale della squadra cosi'da scriverci una
    cinquantina di post ...Ovvia su',una al giorno leva il medico di
    torno,almeno si ride,ah aha ahahahahahahaha.
    Lele
     
     

    RispondiElimina
  61. Edmundo non aveva dei piedi,aveva delle mani alle estremità(con guanti di Yak).E vista l'assonanza vada a quel paese anche Yaki!

    RispondiElimina
  62. Lele scusa: la società compra un nazionale italiano, un giocatore oggettivamente molto forte. E vien fuori che il nome non è quello giusto, che si tratta di un giocatore normale, non di un top-player, che è rotto, che al suo posto si volevano giocatori (quasi sempre brasiliani) irraggiungibili per costo e per ambizioni di carriera. Allora voglio capire: di chi è secondo te la provocazione? Di chi elogia la società e si dichiara soddisfatto del nuovo acquisto? O di chi si mostra eternamente scontento? Di chi lascia intendere che Pradè, Macia e Montella hanno toppato? O di chi continua a dare fiducia a dirigenti che finora non ne hanno sbagliata una? E che c'è di provocatorio nel dire grazie alla presidenza, all'allenatore e ai tecnici per aver portato a Firenze un giocatore tanto forte? E soprattutto: che me ne viene in tasca a me? Sono forse il procuratore di Rossi? 

    RispondiElimina
  63. Chiarificatore10 gennaio 2013 21:59

    Lele, stai parlando dello stesso cieco che secondo te ( e Jordan) avrebbe visto che Valero e Pizarro non sono un accoppiamento ottimale? 

    RispondiElimina
  64. Chiarificatore10 gennaio 2013 22:02

    Ho letto bene?: Damiao sta a Pepito Rossi come Drogba sta a Quagliarella?

    RispondiElimina
  65. Ludwig, non ho espresso dubbi sui soggiorni italiani di Byron (nè tantomeno sui soggiorni fiorentini di tanti altri stranieri illustri o meno), ma ti pare?? Ho solo preso per i fondelli gente della mia zona che racconta di suoi soggiorni sestesi, malgrado la più totale assenza di riscontri, che da ciò che affermi mi pare manchino anche a te.
    Ma anche se io fossi talmente ripescato dalla piena da non aver mai potuto vedere quanti ricchi stranieri vivano a Firenze, e anche se fossi talmente ignorante da non conoscere Byron perchè l'unica cosa che abbia mai letto è il manuale di scuola guida... tuttavia l'auto in piazzale Donatello l'ho parcheggiata milioni di volte!

    Tornando al calcio, l'unica testimonianza del rapporto tra Lampard e Firenze resta quella foto di oltre un anno fa mentre faceva shopping con la fiha. Ricamarci sopra un suo presunto desiderio di vivere a Firenze, è come pensare che io stasera desideri dormire in mezzo ai barboni solo perchè oggi ho comprato un paio di scarpe davanti a S.M.N.

    RispondiElimina
  66. Chiarificatore10 gennaio 2013 22:06

    Colonnello hai letto?: Transfermarkt non conta un cazzo.Questa è per te che ne hai parlato come fosse il vangelo.

    RispondiElimina
  67. Chiarificatore10 gennaio 2013 22:09

    Deyna hai letto?: paragonare Damiao a Rossi fa scappar dal ridere. Questa è per te che sei l'unico qui che ha fatto quel paragone.

    RispondiElimina
  68. Sono stato il primo ad avanzare dubbi sull'arrivo di Lampard perchè sul piano finanziario mi pareva una operazione impossibile. Mi sono in parte ricreduto, non interamente, certo, quando ho sentito parlare di motivazioni non economiche. Il tutto avallato da un articolo della Gazzetta dello sport, quotidiano che credo e spero verifichi le proprie fonti. 

    RispondiElimina
  69. sì sì, chiedilo a Zico, Ludwig!

    RispondiElimina
  70. Più o meno. Guarda che Quagliarella mica gliel'hanno regalato alla Juventus! Mi sembra l'abbia pagato più di una quindicina di milioni.

    RispondiElimina
  71. Chiarificatore10 gennaio 2013 22:42

    Ok, allora ho letto bene.

    RispondiElimina
  72. Lele, icche tu gli vo' fare? qualcuno se un ci fosse bisognerebbe inventallo. Quella però di paragonare Lampard a Byron l'è da Guinness de' primati.

    RispondiElimina
  73. Louis, lessi quella cosa sulla Gazzetta al bar, mi par di ricordare. Era un'intervista a Romario, ai tempi in cui i tre assi giocavano tutti insieme in Copa America. Il giornalista chiese chi fosse più forte tra lui e Ronaldo, e Romario rispose: "Chi è più forte tra me e Ronaldo? Edmundo è il più forte tra noi" - aggiungendo poi dopo una pausa "...se solo fosse normale" o "se solo avesse la testa", non ricordo esattamente. Mi colpì molto questa dichiarazione, perché il Baixinho non era esattamente un campione di modestia, e lui e O'Animal litigavano e facevano pace ad ogni alito di vento. Ci sono stati giocatori più forti di Edmundo a Firenze, o meglio più realizzati, ma le emozioni che mi ha dato lui, nessuno. Ricordo ancora il suo esordio in viola con Malesani, gara di coppa italia a Torino contro i gobbi: prende palla poco fuori il limite dell'area, dribbla secco Montero, fa fuori Ferrara sullo scatto con finta, lasciandolo sul posto, e tira un diagonale che non mi ricordo più se colse il palo, se fu parato da Peruzzi [?] con un mezzo miracolo, o se finì fuori di un soffio. Mi dissi: "Ecco, non segnerà quanto nel Vasco perché qui la prima punta è il Bati, ma la differenza che faceva in Brasile la farà tranquillamente anche qui". E Infatti...Oltre al memorabile gol di Parma, alle ubriacanti azioni che precedevano l'assist per il Bati, all'incredibile gol su punizione contro il Lecce [mi pare] in coppa italia, e a decine di altre prodezze che tutti conoscete, un episodio in particolare mi è rimasto scolpito nella memoria. Lazio-Fiorentina, Edmundo pressato dai laziali a metà campo, quattro o cinque uomini tutti su di lui, che già li aveva scherzati a ripetizione. Ebbene, questi stringono su Edi, si crea un nugolo di uomini attorno al pazzo, che si mette a fare giochi da marziano in un fazzoletto: finte di corpo, carezze alla palla di suola, stop and go, in un mulinello di gambe, sempre più veloce. Sembra quasi alzarsi un polverone, in quel turbinìo, l'unica immagine netta che ho di quella folle sfida a metà Lazio, è questa scena jacovittiana, di laziali in fermo immagine seduti, stesi a pelle di leone, in corsa verso la direzione opposta a quella del pallone...E da questa nuvola, Edmundo che esce come Beep Beep con la palla al piede. Grande Edi! Comunque anche tempo fa aveva dichiarato di essersi pentito di aver lasciato Firenze per il Carnevale, non vedo che interesse abbia a farlo, non deve tenersi buono nessuno, qua da noi. Penso sia sincero

    RispondiElimina
  74. Chiarificatore10 gennaio 2013 23:20

    Edmundo è stato il secondo dei motivi (il primo è stato Batistuta) per cui la Viola, nel periodo in cui ero in Costa Rica, da quelle parti si faceva ammirare più delle strisciate.
    Di persistente fama e prestigio godeva anche Antognoni, nonostante a suoi tempi non ci fosse ancora la tv satellitare.

    RispondiElimina
  75. Grande Deyna, grazie. Rimane il rimpianto di avere avuto la coppia di attaccanti più forte del mondo e di non aver goduto abbastanza. Con il mito ho anche una foto scattata nella settimana di preparazione a quel famoso Roma Fiorentina del vaffa a Trap. Anche lì partito grandiosa .

    RispondiElimina
  76. Santoro non è riuscito a "mandarlo sotto".Ha fatto la figura del comprimario,a tratti troppo ossequioso e connivente su alcuni argomenti.Missione fallita,Michele.Riprovaci,col tuo abito di Armani sempre addosso.....

    RispondiElimina
  77. Chiarificatore11 gennaio 2013 07:01

    Vero, Sopra, e non solo non lo ha mandato sotto, ma lo ha messo in una luce persino simpatica in un ambiente conviviale tra vecchi nemici-amici che prima se le dicono e poi si abbracciano. Politica spettacolo della peggior specie.

    RispondiElimina
  78. E' sincero perchè forse ve l'ho già detto ma lo disse personalmente a me e a mio figlio che lo conosce bene, lui ed  il suo procuratore, dopo una "peladinha" e con una "geladinha" in mano, un paio d'anni fa, a Rio, parlando di Firenze e della Fiorentina. Disse davvero più o meno quello che è riportato nell'intervista, di aver perso una grande occasione, di avere un gran rimpianto del pubblico fiorentino che è quello che secondo lui l'ha amato di più e di non sapersi perdonare di aver "tradito". "Podia ter me confirmado idolo e caguei en cima". Forse nella "geladinha", che non era la prima, trovava la sincerità. E' un temperamentale, istintivo ed emozionale, che un freddo può definire anche pazzo, ma non è scemo, solo che non sai mai cosa puoi aspettarti, la puttanata o l'estasi. 

    RispondiElimina
  79. By the way, tuttora nelle "peladinhas" è uno spettacolo.

    RispondiElimina