.

.

sabato 19 gennaio 2013

Rattop player

Non è facile costruire una squadra, gestirla, quando necessita cercare di correggerla in corsa, e si parla di chi questo lo fa di professione, di chi la squadra la gestisce come fosse una casa chiusa, parecchio chiusa all’esterno, con la tenutaria che ne conosce gli equilibri, tutti gli spifferi fino all’ultimo dei mugolii, insomma di chi conosce bene la materia dall’interno come hanno dimostrato Pradè e Macia nella costruzione e Montella nella gestione. Perché poi c’è invece chi va solo a trombare, c’è il tifoso che ragiona sul risultato, che gode o si lamenta, che si esprime in maniera triviale sulla trombata, lontano molto lontano dal peso di decisioni importanti come quelle della tenutaria, che sono determinanti a far scaturire poi la qualità di quell’evento trombata. Al tifoso le opinioni  non costano niente, non le pratica per lavoro ma per passione, non è richiesta una competenza specifica in materia, ma questo non gli vieta di emettere giudizi anche severi verso chi invece è pagato proprio per la propria competenza, nonchè professionalità. Il tifoso non conosce le pieghe del mercato, ma se ne nutre costantemente come se ne avesse letto gli ingredienti sulla confezione e non sul giornale, e confeziona così formazioni su formazioni, per intere giornate e sogna di scrivere la sua formazione tipo proprio su un giornale. Si approvvigiona di giocatori in tutto il mondo senza che il campo possa mai imputargli l’inadeguatezza di nessuna di quelle scelte, senza che il campo ne evidenzi mai una sostanziale mancanza di equilibri tra i reparti, non ultima la mancanza di equilibrio proprio in quel reparto dove produce fantasie a ciclo continuo. Lui lo spogliatoio non lo gestisce mai, lui si spoglia per godere, i suoi giocatori preferiti sono il frutto di un lavoro di patchwork, gioca di collage, il suo collegio giudicante è severo e non ha mai torto, il suo insomma è l’atteggiamento più classico, come un paio di College. Non tratta ingaggi ma ingaggia discussioni con chi non tratta ingaggi come lui e come lui ingaggia discussioni, e ce ne fosse uno che paga un ingaggio. Il vantaggio di questa posizione di forza è la sostanziale mancanza di pericolo di un esonero nella notte, l’unico svantaggio è la mancanza sostanziale d’ingaggio percepito comunque anche in caso di esonero, i suoi giudizi dopo aver perso dimostrano che se si fosse fatto come diceva lui non si sarebbe perso, ci sono tifosi che nella loro lunga carriera non hanno mai perso, tutti. I nostri giocatori ideali sono spesso quelli che non ci sono, le sostituzioni da fare quelle che non sono state fatte, le scelte proporzionalmente diverse a seconda del risultato, disaccordo furioso in caso di sconfitta, concetti, idee, intrpretazioni in luna di miele dopo una vittoria. Metti quello, togli quell’altro, a quello e a quell’altro ci vorrebbe la qualità di quell’altro ancora e che invece manca ad entrambi, e allora forse avrai il giocatore tipo che ti manca per la fascia destra, perché per quella sinistra ci vuole gente di fascia equatoriale. Mi sono preso la briga di fare uno studio inserendo i dati incrociati di tutti i commenti inviati in un anno di vita del blog, escluso solo quelli riguardanti i crociati di Pepito Rossi per evitare di fare confusione con i controlli incrociati. Un software ha elaborato la quantità di indicazioni che sono state inserite in questo anno di dissertazioni tenendo conto di fattori determinanti come il giorno, l’orario ecc, filtrando quindi anche aspetti che incidono poi sul commento, come per esempio la stanchezza di un suggerimento dato di venerdì invece che di lunedì quando si è più riposati, oppure la lucidità di una metà mattinata invece di una tarda serata dove qualcuno ha alzato il gomito pur non essendo in mischia. Il software ha quindi elaborato il giocatore tipo del blog, il volto e il seno sono la conseguenza di una fissazione nota, non è stato possibile mostrarlo di spalle perché il sistema ha rilevato qualcosa di più di una fissazione, il resto è quello che Pradé e Macia dovrebbero comprare per risolvere il problema del gol, i pezzi mancanti sono stati fermati in dogana. I componenti metallici sono in realtà d’argento, argentini quindi. E naturalizzati.

97 commenti:

  1. Quindi il top-player dovrebbe essere Edward mani di forbice,la seconda scelta "The lawnmover",il tagliaerbe.Per assurdo,ora,mi preoccupa più il mercato in uscita,con Facundo che non vorrei mai tra i ceduti.

    RispondiElimina
  2. E' vero poeta ma se al tifoso gli togli tutto quello cosa gli resta?

    RispondiElimina
  3. Chiarificatore19 gennaio 2013 09:32

    La cessione di Nastasic l'ho accettata subito nonostante il grandissimo valore del calciatore, e non solo e non tanto per quanto ce l'hanno pagato, ma  perché c'erano le condizioni interne ( Hegazy)  e di mercato ( Rodriguez) per sostituirlo al meglio, e poi stavamo già coltivando  il suo gemello (Camporese). Per  Roncaglia il discorso è diverso, come lui non ne vedo, né a Firenze né in giro, se poi ci aggiungiamo cosa è diventato per noi tifosi, viene fuori la sua intoccabilità.

    RispondiElimina
  4. A me sembra che i media a Firenze siano abbastanza isterici: sono bastate due assenza di Roncaglia, probabilmente per motivi disciplinari (secondo me, secondo la Repubblica per farlo rifiatare), per far uscire voci incontrollate di cessione. Stamane invece i giornali rivelano che domani Facundo tornera' titolare contro il Napoli, non vedo il bisogno di creare sempre un caso.

    RispondiElimina
  5. Chiarificatore19 gennaio 2013 09:57

    Anto, il sensazionalismo, anche basato sul nulla, è un vecchio armamentario del giornalismo, ma sempre in voga.

    RispondiElimina
  6. Domani mi sembra necessario inserire giocatori che non si sono sfiancati mercoledi': quindi, oltre a Roncaglia, penso a Mati, a Llama, a Romulo e magari al nuovo Larrondo (!?!?!). In particolare farei rifiatare gli esterni: Pasqual e' fuori forma e Llama ha dimostrato di essere in crescita, mentre a destra anche Cuadrado e' cotto, avrebbe bisogno di rifiatare, inserendo quindi Romulo o il desaparecido Cassani. Dobbiamo cercare di far valere il nostro maggior tasso tecnico a centrocampo, evitando il lancione.

    A proposito di centrocampo, abbiamo vdato via due giocatori e non ne abbiamo presi nessuno: se Della Rocca non ha praticamente messo piede in campo e quindi la sua cessione e' indifferente, Olivera qualche partita l'ha fatta e la sua mancanza, a livello numerico, nell'orgnico, alla lunga, si puo' far sentire.

    RispondiElimina
  7. O un ve l'avevo detto che mi sembrava si lavorasse troppo di fantasia?

    RispondiElimina
  8. E' vero, Chiari, ma dopo solo due panchine sono saltate fuori voci sunpresunti litigi con Montella, addirittura leggende metropolitane su una rissa... mi sembra un tantinello esagerato.

    RispondiElimina
  9. Detto ieri: " Io credo che con Roncaglia lavoriate troppo di fantasia. 1) non capisco perchè uno che fosse sul mercato non potrebbe giocare, 2) e se fosse un po' giù e basta? Montella ha tre buoni/ottimi difensori per due posti, che li alterni un po' non è la fine del mondo."

    Mi piace!
    Rispondi

    RispondiElimina
  10. Anto il nostro problema domani è proprio il centrocampo, la fonte di tutto per noi. Il trio meraviglia è fatto da uno che non si sa ancora se ci sarà, e da altri due che han finito la partita di mercoledì a gattoni e non si sa in che condizioni siano. Se ci tocca a mettere un trio B.Valero (stanco), Migliaccio, Mati siamo del gatto.

    RispondiElimina
  11. Sopra, Tim Burton è più [Sopra]vvalutato che Higuain da Deyna. Pollock ci bacchetta mentre gli nutriamo il sito, meriterebbe il Multinick/Multilocke a infestarglielo. E allora sotto con le notizie della mattinata, a costo di beccarsi su i' capo il suo aspersorio di esorcista! Saremmo interessati a Cecilio Dominguez: o chillè? Rispunta Insua sulla fascia sinistra. Pizarro ancora indolorito, ma Ronco Bill torna titolare dissipando le voci di cessione. Unanime, ieri sera su «Sfida viola», la censura a Neto sul gol di Destro, ma occorre dire che Bucchioni e Paloscia sono vivianomani tanto quanto Jordan è netomane: solo Simone Nozzoli, a sua volta inaffidabile quando si parla di Jojo, ha compiuto analisi convincente e imparziale sulla volatilizzazione del brasiliano sul cross di Pjanic. Ridicoli Pedullà e Criscitello: «sondaggio della Fiorentina su Wolski ma forte la concorrenza di Borussia Dortmund e Ajax». La Fiorentina è sul polacco da mesi, ha provocato il licenziamento del DS del Legia per accordo al ribasso, il punto è se sùbito o a giugno, se 4 o 3,5 milioni, ma la coppia di comici laidi e non italofoni annuncia che ieri avremmo fatto un sondaggio... Questi sarebbero gli esperti di mercato! Ma allora Deyna cos'è? E Pollock ce l'ha pure gratis! E senza nessuna, a traino, delle vallette orride di Sportitalia!

    RispondiElimina
  12. Chiarificatore19 gennaio 2013 11:15

    Anche sul gol preso da Viviano secondo me s'è costruito SOLO  A FIRENZE un polverone sul nulla. E' vero che un grande tecnico disse che la partita perfetta dovrebbe finire zero a zero e che quindi dietro ad ogni gol c'è sempre una responsabilità, ma questo è stato uno di quei gol da mettere esclusivamente a merito della squadra che l'ha fatto, con un'azione fulminea e precisissima. Un gol del genere mi sembra che lo abbia fatto Toni in questo campionato, per merito di chi gli ha fatto l'assist e poi anche suo che s'è fatto trovare al posto giusto al momento giusto, ed in quella circostanza nessuno, giustamente , né a Firenze né in Italia, si sognò di imbastire discussioni su una presunta responsabilità della difesa ed in particolare, ancora più presunta, del portiere. Ma a Firenze, si sa, piace farsi del male, e poi ci sono sempre le fazioni ad inventarsi l'oggetto del contendere, per  difendere interessi più e meno nobili.

    RispondiElimina
  13. Chiarificatore19 gennaio 2013 11:16

    Ovviamente Viviano, alla prima riga qui sotto, sta per Neto.

    RispondiElimina
  14. Sulla sponda di un fiume un uomo pesca.Sull'altra sponda un uomo banana.Sono i nostri portieri?Sono Criscitiello e Di Marzio?Sono Wolsky e Jena Plinsky?Loro Calaiò noi calarrondo,noi pantomime loro Pandev,noi imbuto loro Inler,noi cotti come a maggio loro Maggio,noi difesa di marzapane loro Mazzarri,noi preghiamo i santi loro De Santis,la viola ora basso profilo loro Squadra Insigne.Gli aruspici sono contro,necessario sacrificio di una vestale,tipo una stagista;il gesto supremo non verrà compiuto da BLIMP,che porrebbe fine alla castità della Rea di turno(che non e la De Pin,stavolta)ma da LUD,con un semplice sillogismo di 272 post su un argomento che è bravo ad inventare.Lei morirà.Il ciuccio perderà.

    RispondiElimina
  15. Acclarato che Borja e Aquilani sono cotti, domani giocherei con uno dei due, Romulo e Migliaccio. Perderemmo in qualità ma potremmo acquistare in dinamismo cercando di giocare più accorti. Davanti Adem o Mati e Jovetic. Sulle fasce Partirei con i titolari per poi fare una staffetta del più stanco con Llama o Cassani. Cambi possibili: Aquilani, un esterno e una punta (facile Toni se i è sotto, difficile Larrondo che Montella dice di vedere per bene solo oggi). Una nota dal sitone: Montella dichiara che non ha problemi con Viviano e che non gli ha detto di voler andare via e l redazione dopo 30 minuti che fa? Ti rilancia l'articolo sui dubbi e il possibile addio di Viviano, ottimo tempismo!

    RispondiElimina
  16. Grande Sopra, sei un artista davvero! Complimenti!!!!!

    RispondiElimina
  17. Quanto ai napoletani: noi Sopravissuto, loro Fuorigrotta...

    RispondiElimina
  18. Chiarificatore19 gennaio 2013 11:37

    E' la prigionia, Orcio, gli fa bene.

    RispondiElimina
  19. ORCIO,noi assetati e con un orcio,loro dissetati,satolli e con scorcio di scudetto.

    RispondiElimina
  20. D'accordo sulla sopravvalutazione di Tim Burton, Colonnello [di lui a me piacciono due film "minori", Ed Wood e Mars Attacks], non su quella di Higuain! Cecilio Rodriguez è l'autore del 2-1 del Paraguay in questa partita del Sud Sub 20. Notare il gol di Vietto per l'Argentina...

    http://www.youtube.com/watch?v=KOLSRROPwqo

    RispondiElimina
  21. Vabbè,il rituale,visto l'avversario-il ciuccio,non si può fare con la vestale o stagista(BLIMP sembra aver declinato)lo farò domattina,deviando da Padova verso Firenze in località Brisighella,detta "La citta degli asini"(piazza centrale,secondo piano degli edifici tutto dedicato ai ciucci,i quali erano trattati "da piano nobile" per la loro importanza,nel passato),li eseguirò il rito;poi proseguirò per Predappio,un saluto a nonno e poi....da ex sorcino,caro ORCIO,auspico per il Napoli la fine del sorcio!!(Or ora a RadioBlu,un utente "Eh,la Fiorentina ha un ottimo portiere ancora mezzo infortunato e demoralizzato,ed un portiere integro ma scarso(Neto)...".L'opinione pubblica ha scorte di vetriolo ma quanto a fosforo sono alla canna del gas.DEYNA,scrivi comunque di scommesse,al di la della bravura che mostrano attualmente le punte che hai "visionato".

    RispondiElimina
  22. E veniamo all'editorialetto sulla partita di dimane. Pessimi, gli auspici. Siamo in serie-no, abbiamo le gambe mozze per i 120 minuti di mercoledì e il morale sotto i tacchi per l'esito di quel match, a Firenze piove e il terreno sarà ancora inzuppato per aggiungere acido lattico ai polpacci dei nostri e favorire la squadra ospite contropiedista e fresca, in porta Neto deve ripigliarsi dopo aver procurato agli avversari due gol in due partite, a centrocampo è praticamente ufficiale che mancherà di nuovo il Pek e Borja non sta benissimo, in attacco la mummia imbalsamata è alle pompe e Jojo si divide fra onanismi sul campo e pensieri bianconeri, il Napoli è carico, «vede» la Juve dopo la sentenza d'appello che lo ha riabilitato, è il tipo di squadra che la Fiorentina soffre, Cavani è in forma stellare, gli ex tornano con fare vendicativo, c'è tutto l'entusiasmo di un esodo di tifosi del ciuccio al séguito. Io conto, con qualche speranza, in tre fattori: 1) il Culo, in grande ritardo sulla ruota di Firenze; 2) la linea calda di cellulare Marmotta-Bergonzi, perché la crisetta juventina reclama riequilibrio classico esterno in questi casi da che mondo è mondo; 3) l'esplosione di Larrondo, il cui divario fra strumenti di base e pipponesimo di performance deve trovare se non conciliazione almeno riduzione. Il mercato continua intanto a tacere e non credo che ciò vada a carico di Pradè-Macia: ripeto infatti quanto detto nei giorni scorsi, l'asino di Martino crepò proprio il giorno in cui il padrone era in sollucchero per esser riuscito ad avvezzarlo al digiuno totale.

    RispondiElimina
  23. Blimpe, come diceva Totò "e poi si dice che uno si butta a sinistra"

    RispondiElimina
  24. Sì, Sopra, trattasi di scommesse. Non fosse uno di quei 4-5 giocatori accostati alla Fiorentina ad ogni sessione di mercato dai tempi di Pandolfini, mi piacerebbe molto Insua, tra l'altro notevolmente maturato. 

    RispondiElimina
  25. Pollock, e' sarebbe l'ora per te, Tocca, Sopra, Jordan e Attila! Che se si votasse solo sul sitollock Deyna, Vita e io finiremmo in Sardegna nei campi di Gladio per davvero! Con Chiari a cercar di mediare, di imbastire compromessi del cazzo al centro-centro-destra-sinistra prima di essere imbarcato nel furgoncino anche lui («Ma come? Io sono un moderato, sono per le larghe intese!», «Vaiavaia, vu' siehe tutti d'una pasta, comunisti di merda!» e giù una zuppa su i' capo... ahahahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  26. Il Chiari vota solo perchè gli prestano la matita.

    RispondiElimina
  27. Chiarificatore19 gennaio 2013 14:13

    Touchè, Pollock. 

    RispondiElimina
  28. Pollock... ahahahahahahahahahahah! E poi il presidente di seggio deve farlo richiamare dal carabiniere perché se la stava portando a casa... ahahahahahahahahahahah! Anche Aquilani affaticato: se defice propongo Mati (davanti alla difesa), Borja e Romulo a centrocampo. Il Llama di mercoledì è da valutare per un reimpiego. Davanti, coppia Larrondo-Ljajic, un po' alla Aguilera-Skuhravy, con Jojo a rimuginare in panca sulla sua fessaggine. E' fondamentale passare in vantaggio come che sia nel primo tempo: se  ci vanno loro è finita, se andiamo all'intervallo sullo 0 a 0 sinistri scricchiolii nella stiva.

    RispondiElimina
  29. Lisandro ha salutato i suoi tifosi con un giro di campo, le lacrime agli occhi, alla fine della partita con l'Evian. Vi avevo già detto che aveva riconsegnato una settimana fa la fascia di capitano. E' dunque sicuro che parte: e poi dice che a gennaio non si muove nessuno... Oremus (sed non pro perfidis che se lo vogliono accaparrare al pari nostro)!

    RispondiElimina
  30. La triste sopresa: né Mati né Larrondo fra i convocati. Buon Dio, piove sul bagnato! In Capezzi we trust... Siamo aggrappati a un pelo di fica, nel vuoto sotto un cornicione al cinquantesimo piano di un grattacielo: tieni duro stagista lassù, non muovere il bacino!

    RispondiElimina
  31. Chiarificatore19 gennaio 2013 14:34

    Però un pelo di fica può tirare più di una mandria di buoi.

    RispondiElimina
  32. Due legnate nel sabato pomeriggio... Marcelone manco convocato e Camporese per Bovo dato per fatto... maremma maiala, dopo il botto iniziale sto mercato mi ricorda sempre più spiacevoli precedenti... speriamo di no, via..

    RispondiElimina
  33. Neto non deve ripigliarsi da un cazzo e i due gol in due partite li vedete tu, Sandrelli, Bucchioni, Paloscia e qualche fesso di Radio Blu. E' importante che non faccia cazzate, quello sì, perchè ha la "faca e o quejo nas maos" e se si taglia son  cazzi suoi. E' cioè padrone del suo destino, se ne esce bene domani c'è caso che l'altro si levi dalle palle davvero, se ne esce male rimette tutto in corsa. Il problema è che uscirne bene non è facile. Non pigliar goal sarà difficile e, appena ne prende uno, è colpa sua per postulato, figurarsi se ne piglia di più come non sarà nemmeno impossibile!

    RispondiElimina
  34. Se ne esce bene, Jordan, non beccando a gol a bischero, come ha invece fatto nelle ultime due partite. Circa il processo alle intenzioni ai vivianomani, esso è lo stesso che i vivianomani facevano ai netomani sostenendo che gli errori del loro protetto erano o inventati o prodotti dalla pressione degli ostili. Vi siete divisi in partiti sul portiere come se il portiere della Fiorentina non dovesse essere uno soltanto.

    RispondiElimina
  35. Col culo che abbiamo in questo periodo, la fiha di cui parla il Colonnello sarà come minimo depilata alla brasiliana, quindi non offrirà peli cui aggrapparsi.
    Forse ci conviene sperare in un Napoli presuntuoso e convinto di passeggiare.
    Nel video, corso itinerante di motivazione per tifosi viola d'Italia, organizzato dal Sopra.
    http://www.youtube.com/watch?v=n1wAqZM7nW8

    RispondiElimina
  36. Quanto alla benevolenza arbitrale dopo che abbiam voltato le spalle ai vincitori della battaglia di Lega e siam rimasti fuori da tutto (in benemerita compagnia, Juventus, Inter e Roma, è vero) non ci farei molto affidamento. Han vinto Milan, il bieco zio Fester, lo monnezzaio ed il cinepanettonaro, Beretta dimissionario dal marzo 2011 è stato rieletto, insomma una roba che la politica quella vera sembra una cosa seria. In compenso non contiamo un cazzo mentre contano i nostri avversari principali, Napoli e Lazio, e non è un bel panorama.

    RispondiElimina
  37. Camporese è chiuso qui a Firenze anche se il Back-up di Gonzalo non esiste e sarebbe bene pensarci, e non vuole stare a fare il quinto difensore. Mandarlo a giocare, se se ne mantiene il controllo non lo trovo così sbagliato. Caso mai mi piace poco Bovo che, tra l'altro, guadagna anche molto di più. Quanto a Larrondo è arrivato oggi, non so in che condizioni, anche se lo avesse convocato difficilmente avrebbe visto il campo. Piuttosto c'è una bella notizia, fondamentale direi, che Pizarro si è allenato col gruppo e, quindi, le probabilità di vederlo in campo domani crescono abbastanza. Non so perchè non abbia convocato Mati, deve avere qualche problema.

    RispondiElimina
  38. Ecco, Vita, vorrei evitare per domani un finale come quello che il Nonno ormai luetico ci procurò in guerra. Ma vorrei anche, e ciò con riferimento al mercato, che evitassimo la sfilata di quattro o cinque carri armati, sempre gli stessi, attorno a un isolato di Tripoli, organizzato da Balbo per abbacinare i Tedeschi, i quali ci caddero pure (loro ogni volta ci mettono un po' prima di capire che gli stiamo sfilando il borsello dalla tasca: purtroppo quando se ne accorgono s'incazzano con effetto superstraiperretroattivo).

    RispondiElimina
  39. Ci sei quasi VITALOGY,avendo avuto un business con Roberto Re(colui che rimise in piedi sia la Kostner sia Del Piero)...BLIMP,ti sei tirato indietro con la Vestale,che era nature-alla francese anni '70,ed era il "pelo" al quale attaccarsi.Ora necessitiamo di una boccetta d'acqua portata a noi da Lourdes,dai Pirenei Francesi...ecco,no....forse basterebbe dell'acqua Evian,qualcosa che sia partito da li....tipo Lisandrone nostro!!Larrondo non convocato significa che il pre-mercato di riparazione/invernale e quindi(mercato) in corso non hanno portato neanche un calciatore utilizzabile nel mese in corso...Votazioni:l'ala progressista,che sembra poggiare su un baldo giovane,capello alla El-Sharaawy,senza accento regionale e che ha un nome da impallinato(Bersani-Bersaglio)trionferà,non avendo avversari(Ahò,CHIARI,e se nun vincete ora?Quanno volemo fa?)...l'ala conservatrice sembra in declino,col pinocchietto multimuliebre che oramai si intervista da solo e al quale è rimasta solo la testa dell'ultimo iscritto alla Scuola Calcio Milan su cui giurare,quindi centrodestra perdente.Ma come poteva l'Italia risolvere i problemi di droga e famiglia/disagi se ai dicasteri c'erano Pera e Casini?Nome Omen?...allora Fini,così se lo prendiamo nel di dietro farà meno male.

    RispondiElimina
  40. Senza accento regionale una sega, Sopra! Circa l'esito, vedo uno stallo con Monti ri-salvatore della patria degna di lui.

    RispondiElimina
  41. Chiarificatore19 gennaio 2013 15:45

    Con Renzi non ci sarebbe stato alcuno stallo, avrebbe stravinto, Bersani vincerà e Monti farà il Ministro dell'Economia, ma per attuare l'agenda Bersani. Monti è SCESO in politica malamente, e,  pur con tutti i difetti che ha, non pretenderà il ruolo ed il potere che pretese Craxi con gli stessi voti.

    RispondiElimina
  42. Chiarificatore19 gennaio 2013 15:51

    Sempre a proposito del farsi del male, confermo che gli elettori del PD che alle primarie votarono Bersani, con tutto il rispetto, per me furono dei coglioni, perché a loro dobbiamo il ritorno in scena del Berlusca e dovremo una vittoria non su tutto il fronte.

    RispondiElimina
  43. Sì, quella su Pizarro sembra l'unica nuova buona. Certo che su Camporese bisogna tenere il controllo, perchè se mollano anche solo mezzo cartellino per prendere quello di Bovo mi cascan di grazia tutto d'un colpo... E comunque, visto che sia Rodriguez che Roncaglia son di cartellino facile e che il primo s'è comunque rifatto il crociato due volte, io Camporesino lo tenevo e lo mettevo dentro ad ogni soffio di vento... Ma così non sembra e allora che vada, ma solo ed esclusivamente in prestito, cazzo!

    RispondiElimina
  44. Wolski è nostro per 4 milioni, firma la prossima settimana. A disposizione da giugno, naturalmente, come Vecino, come Rossi... La gallina di domani è bella pasciuta, purtroppo oggi ova nisba!

    RispondiElimina
  45. BLIMP,il senza-accento era ironico.Monti era e rimane il "fermino" che l'Europa ha collocato in Italia;come a poker quando c'è il tizio con poco o nulla in mano e va a vedere e comunque evita che un altro tizio ne approfitti con un bluff.Lo scrissi:Monti ci consegnerà sempre più all'Europa;non potendo debellare i veri veleni nelle vene italiane,mafia-camorra-'ndrangheta-corruzione iperbolica,diventeremo " una controllata" dell'Europa,sempre più.I miei consigli sono:Lituania(pressione fiscale 12% e sistema bancario non controllabile dall'ovest),la solita Carinzia.Salvate il salvabile,stanno per inventare "nuove tasse" su cose non ancora tassate!Dice bene il giullare-Grillo "Io devo spiegare(redditometro)come spendo i soldi?Devo argomentare o giustificare per ciò che spendo?E tu politico/burocrate quando mi spieghi come spendi i soldi nostri?Quando fermi l'emorragia di denaro pubblica dalla quale si abbeverano i politici e l'apparato parassitario in dotazione?".Stavolta l'ex comico ha ragione.Turerò il naso e voterò.(a Renzi ho creduto e lo speravo,comunque).

    RispondiElimina
  46. Su Camporese per una volta tendo a fidarmi della vox populi: se, nonostante gli ottimi mezzi, prima Sinisa, poi Delio, infine Montella non l'hanno più preso in considerazione dopo un ottimo esordio in A, probabilmente la professionalità del ragazzo è davvero scadente. E le ultime dichiarazioni di Montella riguardo la cultura del lavoro non lasciano molti spazi. Poi ci saranno stati anche problemi fisici, ma non credo tali da impedirgli di vedere il campo così a lungo. Le potenzialità sono grosse, ma se non ci fosse la testa, c'è poco da sperare, anche se può ancora cambiare. Se a Genova lo fan giocare non può fargli che bene, sempre che ne teniamo il controllo, certo che andrà sostituito. E Bovo è da brividi. Meno male che di Larrondo dicevano che aveva impressionato per la brillantezza fisica! Se è fuori e sta bene, si dev'essere dimostrato un corpo estraneo in allenamento, o tirava nella sua porta, chissà. A questo punto spero in Lisandro, ma temo molto Marty Feldman. Anche se fino a ora, coi grandi centravanti, ha sparato a salve.

    RispondiElimina
  47. Chiarificatore19 gennaio 2013 16:26

    Nel frattempo bella vittoria all'inglese ( + due legni) della Fiorentina Primavera, senza Capezzi, contro il forte Genoa, Bernardeschi in bella evidenza, un'altro gioiello, quasi pronto anche lui  per essere convocato in prima squadra.

    RispondiElimina
  48. Larrondo problemi al ginocchio?!?!?BLIMP,con Wolski abbiamo esaurito le barelle:anche questo fermo da tempo per infortunio al tallone....ma daiiiii!!!!!

    RispondiElimina
  49. Ho letto l'editoriale odierno di Blimpe per la partita di domani e mi è venuta una grande depressione, stile '29... Poi la si butta in politica, poi in politica calcistica, poi in convocazioni con il "qualcosa di diverso davanti" manco convocato e penso di non ripigliarmi più. Poi un raggio di luce: la speranza fioca del Pek titolare e allora sapete che vi dico? Questo mi basta e per domani sono fiducioso e con i tre punti in saccoccia sarà bello commentare la ripartenza! 

    RispondiElimina
  50. Chiarificatore19 gennaio 2013 17:49

    Forza Miccoli, facci sognare!

    RispondiElimina
  51.  Con il seguente intervento sul proprio sito Gianluca Di Marzio ha parlato del futuro di Lisandro Lopez.
    “Un giro di campo, al sapore d’addio. Lisandro Lopez, dopo la gara
    dell’Olympique Lione contro l’Evian, ha salutato tutti. Il volto toccato
    e un probabile addio in questi ultimi giorni di mercato. Dalla Juventus
    non arrivano conferme su una presunta apertura al prestito, ma Lisandro
    spinge ora per andare via. Lo vuole la Fiorentina, in pressing da
    giorni, ma anche la Lazio avrebbe fatto un sondaggio. E intanto, Lopez è
    già passato ai primi saluti…”

    RispondiElimina
  52. Larrondo pare sia infortunato al ginocchio... ma non doveva servire subito? Va a finire che torna prima Mounir dala Coppa d'Africa!
    Non ho capito poi perché non sono stati convocati Mati e Cassani: stanno male?

    Domani sulla presenza del Pek non ci conterei molto, io metterei un centrocampo Borja Valero - Aquilani - Romulo, in attacco accanto a Jovetic rimane il dubbio Toni o Ljajic, come dire: è meglio perdere palla in area o fuori area?

    Su Lisandro non mi faccio illusioni, probabilmente andrà alla merdentus.

    RispondiElimina
  53. Sopra, perdona, sono appunto ed evidentemente le mie radici tedesche a rendermi parzialmente incapace di intendere e di volere ironia. I problemi al ginocchio di Larrondo spiegherebbero il ritardo nell'ufficializzazione: i medici devono aver approfondito il carattere solo temporaneo dell'infortunio. Immagino le capriole di gioia di Montella, che ancora non ha ricevuto rinforzo alcuno e ha perso due riserve di centrocampo. Orcio, senza Larrondo rimangono due risorse: Culo e Marmotta (coppia del resto affiatata come poche). Lo scenario è questo: prima mezz'ora di sfarinamento nostro a centrocampo mentre davanti Toni boccheggia su ogni palla e Jojo si avvita in scartini segaioli e perdenti, il Napoli colpisce due legni e gli viene annullato un gol di Cavani in posizione regolare su tempestiva segnalazione al cellulare di Marmotta a Bergonzi. Al trentesimo De Sanctis sbaglia un rinvio di piede, la palla carambola sulla schiena di Toni, cicca il rinvio Gambero come ai tempi belli, si avventa al volo Cuadrado su cui respinge Zuniga, palla sul palo interno, rimbalzo addosso all'accorrente Cannavaro e gol! Sùbito il Napoli si lancia all'arrembaggio: all'ultimo minuto del primo tempo fallo plateale di Gonzalo su Hamsik in piena area, Bergonzi consulta Marmotta che attribuisce il fallo allo slovacco il quale si sdirena in proteste isteriche ricevendo secondo giallo, visto che era già stato ammonito per fallo di gioco in precedenza. Mazzarri furibondo in panchina piange, pesticcia, scalcia i cartelloni pubblicitari, chiama la mamma, si toglie la giacca, si aggrappa alla manica del quarto uomo, fa avanti e indietro sedici volte l'intera fascia tra le due panchine, infine sbotta in un vaffanculo e viene anch'egli espulso dal campo. Ripresa con Fiorentina che controlla la gara fino al ventesimo, quando accade il fattaccio: Facundo colpisce, a palla lontana, Cavani con un pungo, l'uruguagio reagisce prendendolo per il mento proprio nel momento in cui si volta verso di loro il guardalinee che richiama l'attenzione dell'arbitro, il quale non può che cacciare dal campo il centravanti napoletano. Napoli in nove ma non domo, si aprono grandi spazi per il contropiede viola ma Jojo fallisce due volte cercando di entrare in porta col pallone dopo aver dribblato la bandierina del calcio d'angolo ed essere tornato indietro nella sua area di rigore, mentre Toni solissimo si fa recuperare, in piena cris d'asma, trenta metri di vantaggio da Maggio che devia in calcio d'angolo quando ormai anche De Sanctis era superato. La partita sembra finita (recupero di un solo minuto nonostante le sei sostituzioni e gli arresti di gioco infiniti per nostra manfrina) quando Zuniga, vinto un rimpallo a centrocampo s'invola sulla sua e mette al centro un cross sbilenco che sorprende Neto: la palla incoccia sotto la traversa e rimbalza con chiarezza un metro dentro la riga di porta riuscendo poi in campo. L'arbitro indica il dischetto di centrocampo, assiepato però dai giocatori della Fiorentina che protestano e invitano a consultare il settimo uomo, Marmotta, che al cellulare smentisce il parere arbitrale: non è gol, il tempo è scaduto, abbiamo portato a casa un preziosissimo risultato. L'indomani è annunciato l'acquisto di Lisandro e di Cirigliano e quello di Wolski da sùbito disponibile, la corsa alla Champions continua.

    RispondiElimina
  54. Sto freneticamente consultando i siti gobbi d'informazione ufficiali nonché quelli non ufficiali ma di fatto (Di Marzio, Pedullà ecc.): anche loro annaspano nel buio, il saluto di Lopez ai tifosi dà la certezza dell'addio ma non altro. La Lazio la toglierei dal novero, non ha i mezzi per competere. Noi possiamo arrivare a 10 alla società e a 2,5 (e cioè quanto prende ora) al giocatore per un quadriennio, mentre la Juve preme sul giocatore offrendogli una baracca di soldi ma non più che il prestito oneroso al Lione. Direi che è chiaro che il Lione lo darebbe a noi, il giocatore e il suo procuratore preferirebbero la Juve (e chi non preferirebbe la Juve se ti paga di più? Siamo pratici!). Se la Juve non fa lo sforzo dell'acquisto, visto che ha anche l'ipotesi Llorente in ballo, credo che potremmo spuntarla noi, per una volta.

    RispondiElimina
  55. Giusta la tua disamina di mercato, Blimp, però 2.5 per 4 anni ad un trentenne mi sembrano tanti, conoscendo la strategia societaria intrapresa qua da Noi, considerando anche quanto danno a Rossi e Jovetic... Io ci spero, vediamo...

    RispondiElimina
  56. Allora, i siti francesi parlano di richiesta di 15 milioni per bocca di Aulas (difficile chiudere per meno di 12 o 13, direi). L'allenatore è in freddo con Lisandro, da dicembre l'argentino sta tirando indietro la gamba e ci sono sentori di dissidio con Gomis, il quale non vuole invece partire nonostante sostanziosa offerta del Newcastle, più soddisfacente per Aulas di quanto non giudichi quelle italiane per Lisandro. Tutti e due non li vende, il Lione, uno di certo perché la società sta male a finanze e non possono sbarellare proprio nella federazione di Platini. Può essere che la Fiorentina abbia il mercato congelato per via della difficoltà della trattativa che a questo punto può chiudersi anche all'ultimo giorno, perché la Juve ha diritto di precedenza per prestigio, per possibilità economiche e per preferenza del giocatore, ma noi forse in questo mercato possiamo calare più soldi e più veri di quelli della Juve. Alla Juve deve poi dispiacere non poco il sapere che se mollano la presa siamo noi a portar via la preda, le pressioni sul giocatore devono essere tremende, ma sto tranquillo che il Lione in prestito anche con diritto di riscatto non lo vende. Machiavellicamente dobbiamo sperare che domani la Juve vinca e Lazio e Napoli no, perché se si vede raggiunta la Maledetta tirerà fuori i quattrini nonostante tutto: fra lui e Llorente, che però è possibile prender in prestito oneroso, la prima scelta è ovviamente Lisandro.

    RispondiElimina
  57. La Lazio vince, ahimè...

    RispondiElimina
  58. Floccari,tiro di testa sgarzellona.....(Seconda voce di Premium "Lazio... la partita je s'è messa come vole lei...",per la serie "parlo come magno").

    RispondiElimina
  59. I nostri inviati di Radio Globo e Cadena Argentina hanno appena gridato "Los mas exitos...Dybala!".

    RispondiElimina
  60. Alè!!!!!! Forza Paliemmo! Sarebbe una prima bellissima notizia! Domani reggere l'anima coi denti, ma reggerla! Se battiamo il Napoli siamo a  4 punti e se stasera la Juve vince allenta la  presa su Lisandro: è un turno decisivo, decisivo... Vincere, domani, di riffa o di raffa, ma vincere! Rubarla ma portar via i tre punti! E poi in settimana può arrivare la grande notizia! Ma prima vincere! E' la partita più importante della gestione Della Valle dopo quella col Bayern a Firenze.

    RispondiElimina
  61. Chiarificatore19 gennaio 2013 19:50

    Che senso avrebbe aver preso Larrondo se stesse arrivando Lisandro?
    L'infortunio al ginocchio di Larrondo è ufficiale?

    RispondiElimina
  62. Chiari, Larrondo è una riserva, con El Ham in Africa e Seferovic che andrà in prestito. Con licenza, Larrondo diventerà anche a Van Basten, ma intanto fra lui e Lisandro ci corre lo stretto di Messina e senza Ponte del Cavaliere.

    RispondiElimina
  63. Chiarificatore19 gennaio 2013 19:58

    Meno male che da oggi Lotito doveva contare di più.



    Rubata la vittoria alla Lazio.



    Che stia  funzionando lo schema del Colonnello?

    RispondiElimina
  64. Non «a Van Basten», ma «un Van Basten».

    RispondiElimina
  65. Chiari, se scommetti sulla regia juventina non perderai mai.

    RispondiElimina
  66. Chiarificatore19 gennaio 2013 20:02

    Non è in discussione la differenza tra Lisandro e Larrondo, Colonnello, è in discussione l'opportunità di aver preso Larrondo se davvero sta arrivando Lisandro.

    RispondiElimina
  67. Chiari, ti ho detto che Seferovic deve andare in prestito e che El Ham è in Africa e ha mostrato finora insufficienza di adempimenti per una prima punta. Larrondo è una riserva necessaria che costa nulla, lo riscatti se vuoi sennò arrivederci e grazie. Toni, peraltro, ha finito le banane, sembrerebbe. Non è come se tu avessi preso Aubameyang e Lisandro insieme, hai preso Larrondo, Chiari, Larrondo, hai preso uno che è il nuovo Van Basten solo per dei bischeri malati irrecuperabili come noi.

    RispondiElimina
  68. Colonnello tu che sei diventato un teorico della palla del portiere nell'area piccola sempre e comunque, che ne dici del primo goal di Marchetti? Gliel'hanno fatto da non più di tre metri su un cross rasoterra a balzelloni partito molto più da lontano di quello di Neto. A scanso di equivoci per me ci poteva far poco anche lui, ma se la palla nell'area piccola è sempre del portiere quella doveva essere sua.

    RispondiElimina
  69. Ma siete sicuri che Larrondo l'abbiano già tesserato? O che non ci sia qualche scappatoia per quel ginocchio? Comunque è vero, Seferovic è in partenza e magari sarà El Ham, se viene Lisandro, e resta Larrondo come credo, ad andare sul mercato, anche perchè rischierebbe di giocar molto poco. Ma ho paura che Lisandro lo abbian preso quelle merde dei gobbi. Comunque lasciam perdere, per domani tutto questo conta poco e noi domani dobbiam fare risultato.

    RispondiElimina
  70. Chiarificatore19 gennaio 2013 20:33

    Arridaie, Colonnello, con Van  Basten e con il confronto tra Lisandro e Larrondo. 

    Io sto parlando d'altro, sto dicendo che  se davvero sta arrivando Lisandro,  Larrondo non ha senso.Toni per cinque mesi può fare la riserva, Seferovic, al contrario di quello che dici tu, non è certo che se ne andrà, e lo stesso El Ham poi, non credo che farà solo la riserva di Jovetic.

    RispondiElimina
  71. Non sono molto ottimista sull'arrivo del Licha, anzi, ho proprio paura che se lo prendano le Merde. Per questo non ho voglia di lanciarmi in discussioni sull'utilità o meno dell'arrivo di Larrondo...Seferovic comunque credo che lo diano via per 5 mesi, El Ham è da vedere come torna dall'Africa [e sarebbe già tardi comunque], Toni chissà se ce la fa a tirare avanti fino alla fine [decentemente, dico]...Al prezzo che si paga [cioè nulla], perché no, Larrondo?

    RispondiElimina
  72. 19 anni, fisco pazzesco, coordinazione e botta mostruosa: ma quanto cazzo è forte Pogba?

    RispondiElimina
  73. Uno come Lisandro Lopez ha dolo imbarazzo della scelta su dove andare,è uno che ha ancora mercato,da oriente e occidente;se lui arriva a Torino,i gobbi non cedono Quagliarella o Matri?L'Udinese dimostra ancora una volta,stasera, che non è in grado di fare gioco,di operare con geometrie...

    RispondiElimina
  74. Chiarificatore19 gennaio 2013 22:01

    A me pare che i vostri ragionamenti siano pieni di wishful thinking e di ipotesi un attimino forzate. In sostanza, se non ho capito male, state dicendo che anche se viene Lisandro  serve Larrondo, perché:Toni non arriva a fine campionato, Seferovic va sicuramente via, El Hamdaoui passerà immediatamente da fuori forma a stanco per troppo lavoro e comunque quando arriverà, al più tardi tra tre settimane, sarà troppo tardi.
    Per me invece se davvero sta arrivando Lisandro non si capisce tutta questa estenuante trattativa, con tanto di incazzatura di Montella per il ritardo, che s'è fatta per avere anche Larrondo.Chiedo ancora una volta: è ufficiale l'infortunio al ginocchio di Larrondo?E chiedo per la prima volta: il prestito di Larrondo è gratuito? E l'ingaggio?

    RispondiElimina
  75. Chiarificatore19 gennaio 2013 22:16

    Ed anche se fosse tutto gratis, cosa che non credo, anche un genovese tirchio come me una cosa gratuita la prende in considerazione solo se ne ha bisogno. 

    RispondiElimina
  76. Chiari, sarà anche che Lisandro provano a prenderlo, forse, ma non hanno nessuna certezza sulle probabilità di riuscita? Sempre ipotizzando, volevano forse pararsi il culo da qui alla fine del mercato. Boh?

    RispondiElimina
  77. Intanto altra bordata di Pogba, Orcio...Si sapeva che era forte e che aveva di queste frecce al suo arco, ma due in una sola partita è roba notevole davvero.

    RispondiElimina
  78. Non c'è davvero paragone possibile, Jordan: il cross è lisciato prima da un laziale e poi passa arretrato attraverso o rasente le gambe di una frotta di giocatori, rimanendo sempre sulla linea di area piccola e cioè a 5 metri dalla porta (ti abbono il mezzo metro in più), non si vede in quale tempo Marchetti avrebbe potuto inserirsi, certamente comunque non sul primo palo. Invece, su Pjanic Neto ha tutta la visuale, solo di quello deve occuparsi che è a sette metri, deve coprire su cross non forte e senza ostacolo laterale a destra una linea immaginaria che si rivela di 1,70 dal palo di sinistra verso il fuori, cosa che non fa rimanendo fronte al centrocampo e aspettando non si sa cosa (come ho già scritto, e in effetti avevo già scritto anche quanto sopra, aspettando forse il rinvio di un compagno fuori area e tiro eventuale di romanista, boh...). Aggiungi, come ti ho già segnalato, Simone Nozzoli al novero dei persuasi dell'errore (Nozzoli pensa anche che Neto sia modesto, però, cosa che io non penso). Dopo la vittoria di stasera e il «guidato» allontanamento della Lazio la percentuale di vedere in viola Lisandro, caro Deyna, è invece per me in rialzo. Intanto si dice che il Kazan sarebbe arrivato a 8, per Roncaglia. Montella, caro Chiari, non s'incazza per il ritardo di Larrondo, ma di quell'altro.

    RispondiElimina
  79. DEYNA,la seconda che hai scritto:Larrondo per parare-culo in caso di non arrivo del puntero d.o.c..

    RispondiElimina
  80. Hai visto Deyna? Pensando che ha 19 anni e fa queste cose.... È mostruoso! Poi non è molto dinamico e non è precisissimo, ma se cresce tatticamente questo è da vertici assoluti e non rimarrà a lungo a Torino....

    RispondiElimina
  81. «Questo è da vertici assoluti e non rimarrà a lungo a Torino»... ahahahahahahahahah! E' la carognata più perfida che io abbia mai letto contro i gobbi... ahahahahahahahahahahah! Questa il Sopra te la invidierà usque ad mortem... ahahahahahahahahah! Che acqua cheta che tu se', Orcio... ahahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  82. Comunque 4 pere all'Udinese sono tante, noi domenica scorsa potevamo comunque dargliene un altro paio e portare a casa i tre punti. Vedendo la partita di stasera, a parte le perle di Pogba, mi ė venuto da pensare a quanto poco siamo efficaci da fuori area (punizioni a parte). Oltre a Vio, il tiro da fuori potrebbe aiutare a scardinare le squadre molto chiuse che ultimamente ci affrontano...

    RispondiElimina
  83. Se Neto poteva anticipare il movimento per prendere il traversone di Pjanic, lo poteva anche Marchetti, che ha avuto più tempo e una traiettoria più lenta e a balzelloni. Ma non vorrei continuare da qui alla fine del campionato a commentare ogni situazione simile...La juve non credo aspettasse i risultati di stasera per puntare o meno su Lisandro, perché penso lo vedano come rinforzo per provare ad andare fino in fondo in CL, visto che per il campionato bastano quelli che hanno...Speriamo, comunque, arrivi da noi. La Lazio potrebbe incominciare il calo, e se battiamo il Napoli ci reinseriamo da subito nella lotta, da affrontare però col centravantone. Bel guizzo alla Montella di Dybala, a proposito, anche se quel tipo di giocatore con l'arrivo di Rossi ormai non ci serve più, in doppio.

    RispondiElimina
  84. Orcio, il tiro da fuori non è facile con manovra avvolgente, corta, non velocissima, nemmeno il Barcellona ha percentuali apprezzabili di realizzazioni con la balistica da fuori.

    RispondiElimina
  85. Ripeto, Deyna, non vedo come, visto che il pallone viaggia coperto 8e in partenza pure lisciato) in area affollata a cinque metri parallelo alla porta e non a 1,70. Sennò si fa come nella gag di Fernand Raynaud e chiedete, tu e Jordan, il croissant che il cameriere vi ha già detto da un pezzo che è finito.

    RispondiElimina
  86. Chiarificatore19 gennaio 2013 22:50

    Colonnello, per il ritardo dell'arrivo di Larrondo, Montella s'è incazzato eccome, e lo ha anche dichiarato in maniera inequivocabile.

    RispondiElimina
  87. «(e in partenza», non «8e in partenza».

    RispondiElimina
  88. Blimp, sono contento di averti strappato un sorriso, in questi giorni mi stai preoccupando.... Ma non voglio strappare a Sopra battute o perfidie, io al comfronto sono un principiante. Ma sono fieramente antijuventino, qua in Romagna gli anticorpi sono incazzati: anni '80 andavo alla scuola media conla sciarpa Alè Viola bella in mostra: saremo stati 2 tifosi viola in tutta la scuola...
    Sul tiro da fuori hai ragione, non ê facile sfruttarlo, domani se torna Facundo speriamo lo provi...

    RispondiElimina
  89. Se ancora nessuno ti avesse fatto i complimenti per il "pezzo" te li faccio io : il "rattop player" é una brillante genialata da scrittore consumato e vale da solo un anno di commenti vari.Non esiste mica solo il pallone nella vita, diamo spazio anche alla prelibatezza del linguaggio, ecchecazz ..!

    RispondiElimina
  90. Sai, Vigile, è anche per questo (forse anche tu) che esodammo da cloaca a scuola da Pollock.

    RispondiElimina
  91. Per me nessuno dei due gol è responsabilità del portiere, ma se lo è l'uno, lo è anche l'altro. Ehi cameriere, quel croissant, allora?

    RispondiElimina
  92. Alla fine, Deyna, il cameriere lo portano via in preda a una crisi nervosa con tic irrefrenabili.

    RispondiElimina
  93. Commento buono VIGILE,finale non urbano,come direbbe Cairo.DEYNA,chiosi la serata col miglior augurio per tutta la galassia viola:vittoria(e poi ducali da stroncare),iniezione per morale,iniezione con un puntero e andiamo ad ammucchiarci dietro ai gobbi.

    RispondiElimina
  94. Il paragone sta nel fatto che Rios la butta dentro da tre metri (non da cinque, riguarda meglio) e ben dentro quindi l'area di porta su cross laterale che, per quanto bucato, è molto più lento e più da lontano di quello di Pjanic. Il paragone consiste nel dogma che tu hai ribadito che tutto quello che è nell'area di porta è del portiere, dogma che ha le sue eccezioni, come in questi due casi. Nei due casi bada bene, perchè io non sto dicendo che Marchetti ha delle colpe, ma le ha solo se le ha Neto, in ragione del dogma. Dove sarebbe potuto intervenire? Un attimo prima di Rios, a tre metri dalla sua porta in pieno suo kingdom. Chi sia Simone Nozzoli non lo so e poco me ne importa se è della banda Sandrelli-Bucchioni-Paloscia. Perchè non mi riporti quello che pensa qualcuno che si intende di calcio invece di questi imbonitori da fiera?

    RispondiElimina
  95. Caro Jordan, il dogma che tutto quel che è nell'area piccola è del portiere è proprio tutto tuo, del tempo in cui Viviano era titolare: io non l'ho mai e poi mai sostenuto, non sai più cosa inventare per la tua battaglia personale in favore del brasiliano. La palla palermitana non è «molto più lenta» e arriva a tre e mezzo (non 1,70 massimo) dalla porta all'ultimo della sua sfilata di gambe dopo essere partita e rimasta quasi fino alla fine a cinque metri parallela alla porta. Nessun tempo d'intervento possibile: Marchetti segue la traiettoria non potendo intervenirvi prima e non può certo buttarsi a tre metri e mezzo all'ultimo momento. Pessimo esempio accattato per giustificare un errore, certo in compartecipazione, di Neto, che pure aveva fatto in quella partita buone cose. E ora annamo a vede la partita, tifando, con la Viola, Culo e Marmotta, oggi essenziali. 

    RispondiElimina
  96. Per giustificare qualcosa bisohgna che esissta, il tempo che aveva Marchetti per anticipare Rios è più o meno lo stesso che aveva Neto, entrambi insufficienti

    RispondiElimina
  97. Ma perché esce fuori «giordano»?????

    RispondiElimina