.

.

mercoledì 9 gennaio 2013

Tra i dirupi di una sconfitta e una canzone di Drupi

Non è stata solo sfortuna, oppure lo è stata ma non intesa come sfiga ma figa, non abbiamo perso contro il Pescara perché Pradè ha strappato Toni a Madame Tussauds e di conseguenza a Marotta al quale la Tussauds ha strappato un occhio per avviare il restauro della statua di Polifemo, oppure perché Macia ha comprato Rossi al posto di Damiao. Nemmeno la prova Maiuscola della reincarnazione di Garella può essere una giustificazione valida per una squadra che ha valori tali da arrivare allo stadio con il portavolori, mentre il Pescara senza nemmeno i portaborse perché arrivano vestiti da casa e si fanno doccia e shampoo a secco. Dopo quarantotto ore, e dopo che il quarantanove se l’è preso Rossi lasciando a Damiao cinquanta sfumature di grigia permanenza al di là dell’oceano, sono arrivate le prime indiscrezioni corredate da materiale fotografico, l’attuale squadra di Montella, la stessa che aveva vissuto ai margini lo scandalo delle pernici, oggi si ritrova nell’epicentro del gossip, proprio mentre Lazzari sforna assist come Giovanni Rana la sfogliavelo. Bagordi quindi. Oriundi o non oriundi, compresi gli indigeni, tutti ingordi. Dopo gli esami approfonditi dello staff di Montella al rientro dalla sosta, la squadra ha evidenziato se non proprio un picco almeno una curva evidente sul grafico alla voce “assunzione caffè”, molte, molte curve, e più che grafico prevedibilmente granfiche. Abitudine malsana quella di assumere caffè in curva perché si sa che il rischio alla fine è quello di raddrizzarla, e quando si raddrizza poi si rischia di prendere la tangente come ai tempi di Craxi, e la Fiorentina ha preso la tangente che porta alla prima e inopinata sconfitta interna maturata invece che al pub come faceva Vargas, sul pube. Un grande girone di andata non sarà certo macchiato dal caffè, nero o biondo che sia, diciamo che per farsi perdonare però, la squadra ci regalerà adesso il passaggio in semifinale di Coppa Italia, una sorta di condono tombale sui bagordi di Natale, e vittoria d’antipasto contro l’Udinese. Gianni Vio intanto si è soffermato a capire come mai la squadra si sia seduta sugli stravizi di questa maledetta sosta, una sosta che costa alla comunità Viola una batosta, più dura e ingiusta di un’imposta, per di più è ricominciato Porta a Porta con Vespa e ospite Brunetta dei Ricchi e Poveri. Dicevamo di Gianni Vio che è rimasto a lungo ad osservare le gabbiette dei tappi dello spumante bevuto dai giocatori Viola, ci ha spiegato “ sono rammaricato perché è come se nascondessero una qualche traccia che se letta per tempo poteva raccontare di una squadra seduta sugli allori, sfumatura che non sono riuscito a cogliere, e quindi non ho potuto mettere in atto nessuno schema per dare un calcio da fermo alla sfortuna, se vogliamo continuare a chiamarla ancora così, anche se sappiamo benissimo che quella sfortuna lì, specie quando è mora per non dire proprio nera, tira più di un carro di buoi”. Poi a microfoni spenti Vio si è lasciato andare allo sconforto davanti a quei segnali inconfutabili di una squadra adagiata sugli stravizi, e guardando Vincenzino che è sempre sereno, anzi “sereno è” che non è un affermazione in sardo ma una canzone di Drupi, ha esclamato “ma a quelli del Pescara non gli pace proprio la sfortuna?”

122 commenti:

  1. Gran pezzo, Pollock, ma siamo ancora dall'altra parte con gli aperitivi.

    RispondiElimina
  2. Continuo di qua...Se il criterio è anche essere caduti quasi nel ridicolo, Bresciani allora no, anche se credevo potesse fare di più in carriera. Dertycia - Chiari che mi dici, abbiamo rinunciato a REDONDO per Dertycia? non bastavano Romario e Van Basten a farmi agonizzare, postumi? - non aveva credenziali spropositate, già all'arrivo, anche se una certa attesa seppe crearla. Maiellaro deluse, ma mantenne dignità, a quel che ricordo. Il povero Fiondella lo vedevo giocare a Lucca, non mi aspettavo più di quel che ha fatto. Aneddoto su Landucci: da ragazzino, in Lucchesia c'erano due squadre giovanili che dominavano i campionati, in una giocava lui, nell'altra un mio compaesano. Portierino fortissimo [ho visto raramente una tale tecnica, esplosività ed agilità, anche in serie A] questo, di una spavalderia e sbruffonaggine che più che Albertosi bisognerebbe citare Pfaff o Chilavert. Purtroppo era bassino, per il ruolo. Ebbene, il Milan organizzò un provino per quella classe, e in porta avrebbe dovuto giocare Landucci nel primo tempo, e lui nel secondo. Il genio, a quel che ricordo, si rifiutò di fare il secondo a Landucci anche solo per un tempo, perché "Me lo mangio a colazione, quel lungagnone". E in effetti era anche vero, ma si giocò una bella occasione. Poi crebbe di anni ma non di statura, e non è mai andato oltre la serie C.

    RispondiElimina
  3. Nell'apprezzamento della fantastica prestazione di Perin contro di noi occorrerebbe spogliarsi del paragone con Neto, come vedo invece esser stato fatto da alcuni strumentalemente, provocando la piccata reazione di gelosia di Jordan (ona ona ona ma che bella rifiholona, e l'è più bella la mia di quella della zia...). Non si tratta di postulare Perin per Neto (vai peraltro a strapparlo a Preziosi, adesso! Quella è merce per Jumilan) né d'immaginare un Perin salvatore dei due gol da noi incassati, imparabili a chiunque. Insomma, Neto è bravo e Perin pure.

    RispondiElimina
  4. Riguardo la coppia Jovetic-Rossi, vedo che siete quasi tutti molto pessimisti sulla permanenza di Jojo [questo non significa che siate pessimisti sul futuro della Fiorentina senza di lui]. Lo ero anch'io, ma da quel che sembra trapelare - e sono anche state spese parole importanti - sembrerebbe resti. Non farebbero gran figura a dire che Rossi resta per giocare con Jojo e non per sostituirlo, per poi rimangiarsi tutto...Nell'ipotesi che resti, io una coppia fissa Jojo-Rossi per la maggior parte delle partite la vedo forzata, non troppo ben studiata. Entrambi amano partire da fuori, entrambi amano partire da sinistra, entrambi sono scarsi di testa [anche se Jovetic avrebbe dei margini]. Soprattutto, sarebbero entrambi due reduci da gravissimi infortuni ai legamenti, e farli giocare 3 volte a settimana come faceva il buon Prandelli con Gilardino e Mutu fino a consunzione degli stessi, sarebbe delittuoso. Anche perché, pure volendo, non ce la farebbero. Ci vuole in ogni modo un terzo attaccante di grosso livello, un centravanti, a completare il reparto.

    RispondiElimina
  5. Il criterio è la spoporzione, di vario genere e che versa nel ridicolo, come sempre col flop e come ho scritto proponendo dapprima la mia decina, che modificherei adesso effettivamente con Socrates per Fiondella (che valeva più delle sue pipponate leggendarie, e i cui malestri maldestri alla Paperino meritano ricordo), mentre Maiellaro ci starebbe per le doti in parte (essendo accecato per tutto il resto) insigni che aveva e d'altronde per l'infirgardaggine di segaiolo davvero unica, ma non saprei chi togliere allora tra i magici dieci. E' che voi Seminario non l'avete visto, sennò capireste, come Jordan può asseverare, quanto egli sia imprescindibile nella compilation.

    RispondiElimina
  6. Deyna: tre partite a settimana sono sicuramente troppe per qualsiasi coppia. Al lato opposto e sempre per eccesso: Rossi non può essere stato preso per fare la riserva a Jovetic. Immagino quindi che la loro compatibilità sia stata oggetto di attenta valutazione. Per quel poco che ne capisco nemmeno a me sembrano incompatibili. 

    RispondiElimina
  7. Sì, mi sento di condividere l'analisi tecnica di Deyna sulla compatibilità dei due, ma che sia un ostacolo insormontabile la discrepanza tra il dire e il fare nel mondo del calcio questo no, suvvia... Si tratta di tener buona la piazza e concentrati il giocatore e la squadra fino a  giugno, allora si potranno raccontare tante cose (offerta irrinunciabile, volontà del giocatore pur grato, esigenze di far tornare i conti a fronte delle nuove spese ecc...). L'operazione è classicamente così orientata, non ti muovi a gennaio su un giocatore fermo per infortunio e spendendo fracco di denaro se non per colmare falla prevista dopo sei mesi, perché un allenatore cherispetto ad altre soluzioni fa sempre giocare Toni, pur matusalemmico e ingronchiato, ha sicuramente chiesto per il futuro un uomo d'area e comunque un centrattaccone molto centro e molto one, la bistecca alla fiorentina insomma, non il suo surrogato di champagne e caviale.

    RispondiElimina
  8. Non dico che siano incompatibili, dico che non la vedo la migliore delle coppie possibili che si possa studiare. Ci sarebbe una certa forzatura per entrambi, nell'adattamento, e lo vedo comunque un attacco un po' monco, senza gioco aereo. Tu dici che si rimedia in questo con i difensori, ma nelle azioni di gioco i difensori rarissimamente possono prendersi il lusso di lasciare la difesa per correre fino in area a colpire di testa...Come dici tu di là, ci vedo in parte un'operazione di immagine nell'acquisto di Rossi, spero vada molto meglio di quella fatta con ViviUno di Noi©. E dovrebbe essere così, visto il diverso, diversissimo valore dei due giocatori. Solo che ecco, per me una dupla Jovetic-Rossi sembra uscire da un generatore casuale di coppie d'attacco, più che frutto di programmazione tecnica. Uno dei miei modelli quando penso alla coppia d'attacco ideale è proprio la Rossi-Bettega di Argentina '78, due giocatori che si integravano perfettamente e si completavano a vicenda. E credo che il concetto di base non sia ancora superato. Ci vuol molto meno a mettere insieme due attaccanti complementari che si intendono e funzionano, che a studiare ed applicare improbabili schemi d'attacco, che se non sei il Barcellona con la sua cantera omologata ci vogliono anni per mettere a punto. Infatti questi schemi noi ancora non li abbiamo, uomini a parte, perché sono i più difficili da assimilare.

    RispondiElimina
  9. Colonnello, li ho visti entrambi a Lucca, e Fiondella era certamente molto molto più forte di Bettarini, ma quando seppi che li prendeva la Fiorentina non ero certo entusiasta di nessun dei due.

    RispondiElimina
  10. Non mi risulta di aver fatto nessun paragone. Uno lo conosco bene, all'altro gli ho visto fare la prima partita intera domenica. Ho detto solo ai rintronati che facevano paragoni di prestazioni, che i due gol di Neto li avrebbe presi anche Perin e chiunque altro, a meno dell'imponderabile che sempre nel calcio esiste (ti trovi un metro più in là, dove non dovresti nemmeno essere e l'impossibile diventa possibile). Neto è di sicuro bravo, probabilmente anche Perin e chi ha detto il contrario?

    RispondiElimina
  11. Chiarificatore9 gennaio 2013 12:31

    Stiamo parlando del mese di agosto 1989, Deyna, lo ricordo perchè lo trascorsi con amici a St.Moritz, alloggiando in appartamento in affitto. In quel periodo c'era presa la mania del mountain bike. Trovammo anche Greg Lemond che ci superò come un treno sul Passo del Bernina direzione Livigno, in quel momento ci sentimmo delle lumache. Il gringo si stava preparando per il mondiale, che poi avrebbe vinto. Ebbene,  i quotidiani sportivi nazionali diedero  in quei giorni la notizia che la Fiorentina, non ricordo in quale trattativa, doveva scegliere uno tra due talenti argentini ancora sconosciuti Dertycia e Redondo. Avevamo forse più bisogno del centravanti da affiancare a Baggio e si scelse quindi Dertycia. Se qualcuno ne sa più di me può confermare o smentire. Venni poi al Franchi a novembre contro l'Ascoli e  ricordo che scherzando pronosticai tre gol di Baggio e due di Dertycia, cosa che incredibilmente avvenne.

    RispondiElimina
  12. Seminario non era così male. Era brutto da far paura, un po' rintronato, correva ingobbito che gli sarebbe stato bene il bianconero, ma col pallone tra i piedi non era così ciofeca. Ricorderei allora Ortega e Parodi, quelli ve li ricordate?
    In tempi recenti sarei per Portillo che costò il posto al povero Mondo, Latorre, i due centravanti, il povero Vitali e Rebonato

    RispondiElimina
  13. Sulla necessità del centravantone per Montella son d'accordo, quasi ci piange dietro ogni domenica a Skype. Infatti gli han preso Larrondo che almeno grosso è.

    RispondiElimina
  14. Che attualmente giochi Toni mi pare normale, viste le alternative disponibili. Comunque prendo atto della pluralità degli scenari che si aprono: in particolare potrebbe essere ceduto Jovetic e il problema non si porrebbe, oppure essere acquistato un centravanti, anche se temo che non sia possibile un investimento della stessa entità e intravedo il rischio di una crisi nello spogliatoio se Rossi fosse tenuto in panchina per far posto all'ormai mitico centravanti di aerea. Dal mio punto di vista l'incompatibilità non è così vistosa, anzi sono fiducioso nel fatto che si possano ben integrare per quel che ricordo del gioco di Rossi. Suggerisco comunque di prendere in considerazione i partner di Rossi nel Villareal per capire di che tipo di partner ha bisogno. Da quel che leggo ad esempio Nilmar non era affatto un centravanti statico vecchia maniera, ma un giocatore moderno e molto duttile. 

    RispondiElimina
  15. Chiarificatore9 gennaio 2013 12:49

    L'acquisto di Pepito Rossi per me è stata un'operazione splendida, clamorosa, che dà innanzitutto la misura dei nostri obiettivi, poi va bene sia nel caso di cessione di Jovetic, sia nel caso di sua conferma. In nazionale se non ricordo male Rossi giocò in attacco in coppia con Cassano, così come agli europei Cassano fece coppia titolare con Di Natale che non mi sembra proprio un centravanti di sfondamento, ed entrambi sono deboli di testa. Rossi è un mancino puro, Jovetic è destrorso, parlano la stessa lingua calcistica , mi rifiuto di pensare che non si possano integrare alla perfezione e dar vita ad una delle più belle coppie d'attacco in circolazione anche  livello internazionale. p.s. secondo me Jovetic di testa è molto bravo, non si trova (quasi)mai nella posizione per colpire di testa perché ne predilige giustamente altre.

    RispondiElimina
  16. Ma infatti che si voglia mettere in campo una coppia Jovetic-Rossi mi meraviglia, se le dichiarazioni e gli atti di Montella hanno una logica. Così a naso mi sembrava chiaro che Rossi fosse stato preso come il successore, le parole dei dirigenti però mi han dato da pensare, si sono sbilanciati un po' troppo per essere solo il solito gioco delle parti. Boh. Anche il possibile arrivo di Di Natale lo vedevo come un tampone di lusso immediato al problema dell'attacco [lì in mezzo ci sa stare, e soprattutto segna, segna, segna...], non potendo arrivare ai Damiao e agli Osvaldo a gennaio, per poi lasciarlo come alternativa di lusso a Rossi e al nuovo centravantone il prossimo anno. 

    RispondiElimina
  17. Domanda secca quasi anoressica nonché Catalaneggiante:  se a Giugno andasse via Jovetic ed arrivassero Ramirez e Osvaldo, la Fiorentina sarebbe più forte di ora?  

    RispondiElimina
  18. Chiari, ricordo solo che quando Redondo era all'Argentinos Jr era esaltato quasi ogni giorno da Nassi nella sua rubrica su La Nazione, lo vedeva come un futuro grandissimo del calcio mondiale. Per un po' ci ho sperato anch'io arrivasse, ma non ricordavo ci fosse mai stata un'opportunità così concreta di prenderlo. Un altro che sembrava dovesse arrivare sicuro a Firenze fu Mauro Silva, pallino di Vittorione. Condividevo la sua passione per questo giocatore, colonna del Deportivo, autentica diga del Brasile '94 assieme a Dunga. Tra l'altro non gli toglievi mai il pallone. Mi pare che saltò tutto per infortunio.

    RispondiElimina
  19. No, non è "normale", Lud, perché la coppia Jojo-Ljajic (sì, il Ljajic che adori...) è senz'altro più assimilabile alla coppia Rossi-Jojo che la coppia Toni-Jojo. Ma Montella privilegia Toni. E prima privilegiava Toni su El Ham. E su Seferovic. Per continuare poi il "di là": no, non vale per te quel che vale per me circa Jordan, perché tu ieri eri sul sito e perché oggi hai tratto il la conclusione, sùbito naufragato, "Vedo che nessuno...". Se trai un reboante consuntivo generalissimo, per la tua solita frenetica impazienza di darti ragione, se sorvoli sul fatto che Deyna e io non siamo d'accordo, devi essere corretto e non avertene a male.

    RispondiElimina
  20. Mi assale un dubbio, la tazzina è bucata?

    RispondiElimina
  21. Attila... ahahahahahahahahahahahah! Saresti in quel caso capace d'intingerlo anche nel caffè bollente... ahahahahahahahahahahahahah! Al tuo quesito rispondo affermativamente anche se arrivasse solo Osvaldo, poiché avremmo un centravanti, mentre se arrivasse solo Ramirez saremmo punto e daccapo. Nel post per Lud correggere in: "la conclusione, sùbito naufragata".

    RispondiElimina
  22. Non ho citato Ljiajc tra le alternative disponibili per Montella perchè Adem ha oggettivamente una media goal molto bassa. A inizio stagione Montella lo preferiva a Toni perchè non aveva idee chiare sull'autonomia e la capacità realizzativa di Toni. Una volta che si è reso conto che Toni reggeva per quasi 90' e segnava come un ragazzino i dubbi di Montella si sono sciolti e Adem è finito (e mi dispiace, ma lo trovo giusto) in panchina. Rossi a differenza di Ljiajc è essenzialmente un opportunista, un giocatore che fa della velocità e della rapidità di esecuzione il suo punto forte. Ed è uno che segna molto. Una coppia Jovetic-Giuseppe Rossi potrebbe rappresentare un incubo per le difese avversarie. In una partita come quella con il Pescara, ad esempio, un Rossi al top della condizione avrebbe colpito e affondato gli avversari al momento giusto, cioè nei primi minuti.

    RispondiElimina
  23. Chiari, due o tre buoni stacchi [poco o nulla marcato, però] li ho visti fare a Jojo, ma fosse forte di testa in area salterebbe sui calci piazzati, visto che non tira angoli né punizioni. Capisco che preferisca restare al limite per provare il tiro se capita, ma almeno qualche volta a saltare [e colpire] ci andrebbe, credo. Te l'ho detto, margini ne ha, ma non credo ormai diventi un colpitore di testa. Lud, ma infatti non stiamo parlando di Horst Hrubesch, ma di gente tipo Damiao o Osvaldo, che sappia colpire di testa, dare profondità e impegnare fisicamente le difese, sì, ma anche agile e tecnica, per poter duettare con Jojo o Rossi...

    RispondiElimina
  24. Chiarificatore9 gennaio 2013 13:10

    Colonnello per me il tuo ragionamento è un po' forzato. Rossi è un cecchino, Ljajic (ancora?) no, El Hamdaoui al momento giusto non era pronto fisicamente, per tutto questo Toni ha trovato spazio da titolare, più di quanto tutti prevedessero. Penso che non sarebbe capitata la stessa cosa con Rossi a disposizione. Detto questo è vero che di un bel centravanti di sfondamento, in vista degli impegni anche europei, ne avremo bisogno in ogni caso.

    RispondiElimina
  25. Il problema della coppia Jovetic-Rossi potrebbe essere il doverli marcare tutti e due, perchè sono imprevedibili molto tecnici e spietati in zona goal. A quel punto gli allenatori avversari non potrebbero correre il rischio di lasciare solo Rossi per creare una gabbia intorno a Jo-Jo. Rossi e Jovetic inoltre possono partecipare attivamente al gioco dei centrocampisti con chiaro vantaggio della manovra avvolgente e del possesso palla che ci caratterizza. Rossi infine era già partner privilegiato di Valero, Mati e Rodriguez e si inserirà con facilità nello spogliatoio.

    RispondiElimina
  26. E allora, Lud, vedi che chi ti ha sempre contrastato su Ljajic qualche ragione ce l'ha, se la metti sul piano realizzativo (e sbagli, così facendo e così mutando approccio, perché Ljajic garantisce altro, seppur non necessariamente meglio nella somma). Toni ha segnato 6 gol in un girone, di cui 5 in casa contro squadrucce, e 5 di quei sei gol erano gol elementari (sì va bene, è stato bravo a trovarsi lì bla bla bla ciop ciop ciop), con dietro una squadra che mediamente sviluppa una mole di gioco spaventosa. Ha fatto meglio del previsto? Certo! E' l'ideale, soprattutto per andare in Champions? No, altrimenti la Juve non l'avrebbe tenuto addiruttra in tribuna sei mesi, altrimenti non finiva tra i baluba. Però Toni è il prototipo di centravanti desiderato da Montella, ma senza grucce, ma con velocità integra, ma con piede non raccapricciante e raccapricciato. E io sono d'accordo con lui: l'omo deve fà l'omo, la donna deve fà la donna e i centravanti e' dee fà i' centravanti.

    RispondiElimina
  27. Questo evocare le [indimostrabili] doti taumaturgiche di Rossi, Lud, continuo a trovarlo pericoloso, finché non può giocare. Il suo gioco poi si sviluppa spesso partendo fuori dall'area, e se guardi le partite della Liga non sono molto frequenti le gare con squadre a difesa chiusa, e Pepito non è Pablito o il Chicarito, pur essendo in determinate situazioni opportunista. Ramirez a me non convince troppo, mi sembra abbia un caratteraccio, ed è discontinuo. Tuttavia ha mezzi notevolissimi, ed un fiato tale che si potrebbe anche pensare ad impostarlo più arretrato. Da punta non credo abbia in canna molti gol, e sarebbe anche sprecato.

    RispondiElimina
  28. Cirigliano per Mati... e ci pensano anche? :-)

    RispondiElimina
  29. Ljajic potrebbe essere il capolavoro di Montella, se si decidesse a impostarlo alla Aquilani. Ha tecnica di alto livello, polmoni, dribbling che crea superiorità numerica, visione di gioco, assist e passaggi filtranti, sa duettare con gli avanti per arrivare al tiro. Giungendo alla conclusione a fari spenti, poi, secondo me segnerebbe anche quei 7/8 gol a campionato che ora gli mancano. Gli mancano solo forza nei contrasti e forse lancio lungo, per ora. Però è stato preso Vecino e si pensa a Wolski...Toccherà fargli fare il Borja, eheh. Da regista puro alla Pirlo davanti alla difesa non lo vedo, invece.

    RispondiElimina
  30. Volevo spendere due parole sul Matino. Mi spiace dirlo, mi sta anche simpatico e si vede lontano un km che è un bravo ragazzo ed un professionista come pochi. però ha deluso, e non poco. E non si può nemmeno dire che Montella non gli abbia concesso chances. Non ha inciso come trequarti, ha buttato al vento le occasioni come seconda punta per non parlare dell'anonimato fatto vedere quando ha preso la posizione di intermedio sia sinstro che destro ai lati del Pek. Non mi pare adatto ad un tipo di calcio veloce e fisico come il nostro. Eppoi mi garberebbe sapere che tacchetti gli monta il magazziniere, un si regge ritto su nessun campo...

    RispondiElimina
  31. Avevo fissato per Ljiajc se avesse giocato con regolarità un bottino di sette o otto goal comprese punizioni e rigori. Credo siano alla sua portata, anche domenica nelle conclusioni è stato molto sfortunato. Ciò che ha scompaginato i piani di Adem è stata la super-stagione di Toni, che si è superato arrivando a livelli stratosferici in rapporto all'età, meritandosi il post a suon di goal. Da tifoso duttile quale mi reputo do' ragione a Montella, ma non per questo ne deduco che Ljiajc sia un brocco. Anche in Italia, Deyna, mi pare che le difese non siano ermetiche come un tempo. L'unica squadra che è venuta a Firenze a far barricate è stata il Pescara. L'unica anche che abbia vinto, ma aiutata dalla fortuna, dagli errori nostri, dal momento stagionale e dalla accondiscendenza degli arbitri. Le altre squadre piccole hanno giocato e provato a vincere: penso ad esempio al Cagliari e all'Atalanta. Persino il Siena non si è chiuso come il Pescara, il cui catenaccio ha evocato davvero i fantasmi di Herrera e di Rocco.

    RispondiElimina
  32.  In definitiva; troppo lento per fare la seconda punta, in più gli manca la cattiveria per andare a cercarsi la conclusione da fuori, eppure il tiro sembrerebbe averlo. Forse, lavorandoci sopra potrebbe sostituire il Pek quando manca ma ha già 27 anni e cambiare uno di ruolo  a quell'età non è così semplice... Poco male, su una marea di capolavori come quelli della scorsa estate una buccia di banana ci sta di diritto, ma Mati non l'hanno azzeccato...

    RispondiElimina
  33. Io liacicce lo venderei domattina, se solo trovassi qualche bischero che mi da anche 4 o 5 milioni... 

    RispondiElimina
  34. Oddio, temo stia emergendo alla luce il diabolico, mostruoso piano di Lud. Sponsorizzare la coppia Jojo-Rossi, per poi attribuirne il merito a Prandelli, che quando ancora coltivava velleità barcellonesche [poi naufragate miseramente nel giro di qualche esperimento] aveva provato la coppia Rossi-Cassano! 

    RispondiElimina
  35. Per fare il giocatore ci vuole molto carattere e temo che da questo punto di vista Mati sia carente. Anche Ljaijc non è un leone ma essendo giovane si può sperare che diventi più forte e consapevole dei suoi mezzi. A me comunque non dispiacciono ne' Mati ne' lo stesso Aquilani perchè pur non essendo continui sono in grado di dialogare con gli altri centrocampisti tecnici e possono sempre sfoderare qualche bel colpo imprevedibile. Inoltre hanno classe ed è bello vederlo giocare.

    RispondiElimina
  36. No Lud, non è stato sfortunato. Non vorrei passare per sapiente o mr so tutto io ma, il signor liacicce, ad un certo punto, ha avuto sulla chiorba il pallone del pareggio. Cross perfetto da sinistra, mi pare da parte di Pasqual, forte e teso proprio sulla fronte. Quelle classiche palle che devono solo essere spizzate per mettere fuori causa il portiere dato che era all'altezza dell'area piccola. Invece, e dal replay lo si è visto benissimo, il ragazzo ha avuto paura di impattare, forse per timore dell'intervento di Perin, e ha lisciato il pallone... Non è una seconda punta, si mangia gol in quantità industriale, forse potrebbe fare quello che prospetta Deyna, ma gli manca l'interdizione e il cambio di campo. E per cambio di campo non intendo tanto la capacità di lancio, quella, dalla c2 in su ce l'hanno tutti. Ma essere in grado, a quelle velocità e con l'avversario che ti azzanna le caviglie, di riuscire a tenere a bada il centrocampista avversario, alzare la testa e far partire il calcio... Facile a dirsi, meno a farsi... E il serbo gioca troppo a testa bassa per riuscire a fare queste cose. Per me hanno buttato via una paccata di milioni e sono anni ormai, che lo scrivo. Non mi ha ancora smentito.

    RispondiElimina
  37. Su Mati espressi dubbi fin dal suo arrivo, Louis, se ti ricordi. Vederlo a Firenze mi galvanizzava, perché ha piedi che cantano, ma con la ragione prevedevo non sarebbe esploso, per i motivi che dici, e che purtroppo son reali. Del resto non aveva saputo fare la differenza né in Spagna né nemmeno in Portogallo, difficile la potesse fare qui, dove tutto è meno bello, ma più complicato. Ci fosse la possibilità di arrivare a Cirigliano, darglielo subito Mati a Passarella!

    RispondiElimina
  38. Siam d'accordo Deyna. Purtroppo come dice un mio amico, da anni allenatore tra i dilettanti, dopo averci fatto gol a grappoli, in questo giochino ci son le categorie. E se, a 27 anni (non 17), arrivi alla Fiorentina dopo essere stato ceduto dal Villareal allo Sporting, c'è qualcosa che non torna. O quanto meno, non è tutto oro quel che luccica...

    RispondiElimina
  39. Di proposito non ho citato ne' Prandelli ne' la posizione di Rossi in nazionale. Mi sono invece chiesto come giocasse il Villareal di Rossi e chi giocasse in attacco con Rossi. 

    RispondiElimina
  40. Era una mossa preventiva per risparmiarci centinaia di post incensatori al Santo, Lud, ormai te l'ho bruciato, ahaha

    RispondiElimina
  41. Eh, Deyna... come per gli investigatori il movente di un omicidio, scava scava, è sempre e solo sesso o denaro, così i pronunciamenti tecnico-tattici di Lud nascondono nell'ombra sempre e solo qualcosa d'Importante (ahahahahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  42. Sembra che Andrea Della Valle sia sempre in ottimi rapporti con Prandelli, quindi forse l'avranno consultato, dopotutto è pur sempre l'allenatore di quella squadretta di quarta categoria che non ricordo più se si chiama Gignoro football club o nazionale italiana e che gioca in quel di Coverciano, dove si passa per andare dalla da me amatissima Villa i Tatti.

    RispondiElimina
  43. Ne sono convinto, Lud, mai e poi mai i DV avrebbero fatto una mossa simile di mercato senza consultare preventivamente Prandelli, ormai sul trono che fu di Mondino e di Donadoni, di Vicini e di Maldini. Intanto, mettendo insieme le dichiarazioni di Morabito ("Rossi e Jojo? Coppia buona per la play-station...") e quelle di Amoruso ("L'arrivo di Rossi segna l'addio di Jojo") si ha una compendiosa sintesi del mio pensiero sul tema. Interessantissima la voce di mercato su Aubeyang, vivaio Milan, 23 anni, un drago nel Saint-Etienne: non gli manca nulla, ha il solo problema di avere una testa da calciatore africano, per il resto può diventare chiunque. Quest'anno ha matato il PSG in casa sua, con mio grande disappunto, e gli sceicchi parlavano di comprarselo sùbito. Costa una dozzina di sacchi, adesso. Da farsi.

    RispondiElimina
  44. Morabito voleva che acquistassimo Demba Ba di cui è il cugino, procuratore e tuttofare. Poi è venuto fuori che era una operazione costosissima. Amoruso è quel geniale individuo che non appena ha smesso di giocare si è immerso nella edizione critica del Degli heroici furori di Bruno. Non sono pareri convicenti, Blimp. Per me l'allenatore dell'F.C. Coverciano-Gignoro con sponsor Esselunga ci capisce di più. 

    RispondiElimina
  45. Sicuramente, in quanto allenatore, visto che è allenatore, mentre come osservatore gli preferirei un milioncino circa di italiani: che poi abbia consigliato lui l'acquisto di Rossi ai DV è, dopo oggi e dopo questo topic, una certezza, come il fatto che Jojo rimarrà a Firenze dopo giugno.

    RispondiElimina
  46. Io ne so meno di te, Blimp, ma presumo che Andrea abbia telefonato a Prandelli il quale come ct del Coverciano-Gignoro era impegnato nella preparazione della importantissima trasferta di Gavorrano, partita clou della stagione. E che Prandelli gli abbia tirato giù i nomi dei giocatori da prendere nella prossima campagna acquisti. 

    RispondiElimina
  47. Fra Udinese e Roma ci vorrà turn-over e quindi ci sarà da valutare l'opportunità, per una partita e per l'altra, del più adatto per quattro ruoli: io sugerirei Savic, Migliaccio, Pasqual, Ljajic per l'Udinese, Tomovic, Romulo, Mati e Seferovic per la Roma.

    RispondiElimina
  48. Anch'io presumo come te, Lud, dunque c'è da mettere in conto un ritorno di Santana nel mercato estivo.

    RispondiElimina
  49. ADV ha Montella come allenatore e referente tecnico, e come setacciatori dei campionati esteri Macìa, e Pradè. L'eventualità che scavalchi Montella e chieda a Prandelli [quello che chiese come indispensabili rinforzoni come Semioli e Felipe, quello che per sua stessa ammissione non conosceva Jovetic né nessuno che giocasse oltre Trieste o Campione d'italia] consigli su chi comprare è tanto realistica quanto il mio parteuze di stasera con Juliette Lewis e Dominique Swain, ibernate ai tempi di Cape Fear e di Lolita. PS: quella di Morabito cugino di Demba Ba era humour svizzero, vero? Comunque è costato 8.5 milioni, il problema stava nell'ingaggio, ma dubito che se non entrava in gioco Abramovich qualcuno avrebbe messo sul piatto 5 milioni annui...

    RispondiElimina
  50. Comunque, Deyna, anch'io vorrei, come Traversi, una "stagista a mia disposizione", che per lui è davvero sprecata e male impiegata. Ho molto da insegnarle e d'altra parte ho da imparare le lingue. Comodi, sul tappeto cinese davanti al caminetto. Piano piano, dolce stagista...

    RispondiElimina
  51. "Il fatto che i due siano bravi,e 
    che possono essere schierati insieme,non vuol dire saper ottimizzare le 
    loro caratteristiche, senno',esempio,Rivera Mazzola avrebbero 
    spopolato,invece c'era De Sisti": grande, questa è l'Argomentazione Definitiva, proprio quello che penso riguardo alla coppia Jovetic-Rossi.

    RispondiElimina
  52. Seferovic, Colonnello, allo stato attuale mi sembra quasi un uomo regalato, in partite di un certo spessore...

    RispondiElimina
  53. Potrei glassarmi di caponata di Giorgio e lasciare che l'intenditrice riconosca l'annata all'assaggio. Poi, potremmo sgranare i baccelli (se non ho fatto la spesa e ce n'è solo uno si adatterà, spero) per il pecorino. Ti prego, stagista, sta giù...

    RispondiElimina
  54. Ooooohhhhh stagista... oooooohhhhhhhh! Così... brava così... Chi è al cellulare? Il coglione di Bologna? Digli che vada affanculo e torna qui sotto il rubinetto che c'è ancora da fare il travaso... Staaaaa... gi... staaaaaa...!!!!

    RispondiElimina
  55. Di Natale mi sembra di livello assai più alto rispetto a Rossi, anche se, da guarito completamente, questi gli si potrebbe avvicinare tra qualche anno. Totò qualche limite non dico caratteriale, ma motivazionale, lo deve avere avuto, per non essere mai approdato in una grande e non avere inciso che marginalmente a livello internazionale con la nazionale. La vera differenza tra lui e un Villa, ad esempio, credo stia lì: tecnicamente e come capacità realizzativa, vi sembra così inferiore? La sensibilità di piede di Di Natale quando si incolla alla scarpetta palloni lanciati da 40 metri in piena corsa, o quando si inventa freddamente geniali tiri a girare difficilissimi anche solo da concepire, penso abbiano pochi uguali al mondo.

    RispondiElimina
  56. Chiarificatore9 gennaio 2013 16:43

    Invece per me il paragone, Rivera Mazzola come Jovetic Rossi,  non sta in piedi, innanzitutto tutto per i ruoli diversi delle due coppie e le conseguenti diverse esigenze di copertura. 
    La presunta incompatibilità di due centrocampisti simili non significa un'altrettanta incompatibilità di due attaccanti simili: mai sentito parlare di attaccanti gemelli, o di gemelli del gol? Mi sfugge poi il perché dovrebbero essere precluse in linea di principio, alla Fiorentina di Montella, tutte la varie soluzioni in attacco che nel corso di questi entusiasmanti anni il Barcellona ha adottato, inclusa la più manovrata.

    RispondiElimina
  57. Aggiorno anch'io il Colonnello sul dibattito passato...Parlando di Rossi, era venuto fuori tra gli altri il nome di Damiao, come esempio di centravanti forte e pronto per la CL. Lud aveva introdotto il tema del sudamericano "caratteriale", acquisto rischioso, spesso difficile nell'inserimento in Europa, portando ad esempio Ronaldo Fenomeno e Pato. Che invece si sono inseriti benissimo, venendo ridimensionati solo dagli infortuni [Ronaldo poi era il Messi dei suoi anni, bene ricordarlo]. Mi interessa conoscere il tuo parere, o Colonnello, sul paragone che è stato fatto tra il valore assoluto di Pato e Rossi, entrambi al loro massimo pre-infortuni. Lud e Chiari sono per la parità, Jordan e io siamo nettamente a favore di Pato [e qui stranamente concorda anche Nuvola], che pensiamo essere di un'altra categoria, e non solo per la maggior completezza. Lele non ricordo se si è espresso. 

    RispondiElimina
  58. Ahah, temo che la figura della povera stagista diverrà un tormentone.
    Chiari, le più note coppie d'attacco, erano di solito "gemelli diversi" del gol. Potevano anche avere qualche caratteristica importante in comune, ch'è meglio abbondare, ma una certa complementarietà era d'obbligo. Jovetic più Rossi imporrebbero una manovra tutta rasoterra - con Cuadrado che dovrebbe assolutamente asciugare il suo stile, e imparare a produrre rapidamente e con precisione decine di passaggi arretrati, una volta sul fondo - velocità tipo flipper, e schemi barcelloneschi per gli inserimenti, senza i quali con questi attaccanti non si va da nessuna parte. Ammesso che loro due si adattino bene, per sviluppare un gioco d'attacco stile Barça temo ci vogliano anni, partendo dal lavaggio del cervello e dagli automatismi mandati a memoria fin dalle giovanili. Infatti Montella ha plasmato in pochi mesi un gioco bellissimo fino alla trequarti, sorprendendomi, ma in attacco non si vede nulla di particolare, per ora. Per questo Zeman ritengo sia un mostro, limitatamente alla fase offensiva: riesce in pochi mesi a insegnare cose che richiedono anni. E secondo me con giocatori più "vergini" e senza pretese dovute al nome, ci riuscirebbe anche meglio. La Roma secondo me, infatti, ha fatto un grosso errore a lasciarsi scappare Borini per Destro, quasi doppione di Osvaldo. Per il gioco di ZZ, Borini sarebbe stato perfetto. Totti, Lamela e Osvaldo [ed anche Destro, probabilmente] sono tutti superiori a Borini, ma messi assieme non sono proprio l'attacco che credo avrebbe in testa Zeman. 

    RispondiElimina
  59. Solo un attimo, Deyna, che la stagista mi fa il risucchio... Bene, brava, adesso puoi ritelefonare al coglione di Bologna, come siamo d'accordo digli che Gasbarroni ha fatto una partita fantastica, che è il nuovo Jairzinho, digli che che Cigarini è maturo per farsi naturalizzare brasiliano e spacciarsi come il figlio segreto di Gerson. Be' culo che tu c'hai, stagista! O icche c'è? Bah, o vediamo che non posso nemmen sculacciarlo! Una cosa affettuosa, una forma di ringraziamento. Bello sodo, stagista! Il diploma d'imbrattacarpe e tinche te lo sei meritato! Ora, venendo a noi, Deyna: sono due posizioni e due interpretazioni differenti in campo, Pato è più quel che farebbe comodo a noi adesso, ovviamente la sua inaffidabilità fisica è totale, il suo gigolismo vergognoso, quindi non se ne parla nemmeno. Al suo meglio, così poco dato a conoscere, Pato è un grandissimo e non si vede come paragonarlo a Rossi, che è un grande in erba. Sia chiaro che se Jojo parte e arriva il centravantone a me Rossi sta benissimo.

    RispondiElimina
  60. Tra i flop d'autore, tra i rincalzi metterei anche Baronio, che da giovanissimo a Brescia mi incantava. Vero che quando arrivò a Firenze aveva già spento molti entusiasmi, ma è uno che in carriera avrebbe potuto fare molto di più...

    RispondiElimina
  61. Su Baronio hai ragionissima, Deyna (vedi, a ponzarci su, quanti ne vengono fuori!), e allora c'è da tenere in conto anche Manfredini.

    RispondiElimina
  62. Manfredini l'ho rimosso quasi totalmente.
    Comunque se qualcuno riesce a ritrovarmi i filmati della vecchia Fiorentina Primavera che vinceva i tornei di Viareggio a fine anni '70 [vorrei rivedere come giocava Masala, ormai è una fissa che devo realizzare, i traumi infantili vanno risolti], sono disposto a pagare benissimo il servizio. Coi soldi che mi porta Buck, si capisce, l'ho addestrato per mesi, clandestinamente, a portarmi ben stretti tra le fauci gli averi dell'Arpagone, in cambio di selvaggina cacciata all'uopo. Pato ovviamente fa testo finché è stato in forma, quello di adesso nessuno si sogna di proporlo come giocatore per la Viola, anche se sono curioso di vedere se in Brasile si riprenderà o no. Nel caso, comunque, credo che Berlusconi si sia lasciato il diritto a fare la prima offerta, sempre che non abbia escogitato uno dei suoi rigiri/storni, e non sia in realtà ancora del Milan. 

    RispondiElimina
  63. Chiarificatore9 gennaio 2013 17:26

    Deyna, se l'allenatore giusto ha gli uomini che sanno parlare la sua stessa lingua tecnico-tattica e la sanno parlare tra di loro, la quadra si trova rapidamente in ogni reparto, come s'è visto nella Fiorentina di Montella, a centrocampo ed in difesa. Non capisco perchè secondo te in attacco  invece ci vogliano anni. Si tratta di trovare gli uomini giusti anche in attacco,  e se ci sono gli uomini giusti ( con le caratteristiche di cui sopra) e l'allenatore giusto la magica alchimia si può creare in pochissimo tempo in ogni squadra, non solo a Barcellona, Fiorentina docet. Quanto a presunti doppioni, non dimenticare che anche a centrocampo in teoria Pizarro e Valero  lo dovrebbero essere, e non pochi anche in questo blog ad inizio campionato manifestarono le loro preoccupazioni al riguardo.Preoccupazioni poi rivelatesi totalmente infondate.

    RispondiElimina
  64. Le affermazioni su Rossi le verificheremo più avanti, quando scenderà in campo. La serietà è un punto a suo favore come la fame di calcio. L'infortunio è grave ma la diagnosi definita come la prognosi. Pato non ha una diagnosi ne' una prognosi chiara dei suoi disturbi muscolari, e sul piano psicologico è in crisi nera tanto che la piazza lo contesta. Damiao pur fortissimo non ha mai giocato in Europa e questa è una incognita. Per Damiao altro problema è il prezzo.

    RispondiElimina
  65. Rincalzi?Li ho qui vicino!Masitto allena la Thermal Abano,Amerini l'Abano...eh eh eh.Ma il GAT cos'ha pubblicato oggi?Il Bugiardino del Maalox?Al suo allievo da bastonare per il sudamericanismo ha subito rimproverato per l'erroraccio di Roncaglia....ahi ahi ahi,caro Luis Cesar Menotti del blog,t'ha puntato proprio....eh eh eh

    RispondiElimina
  66. Si riparla di Meireles [ma può cambiare tre squadre in una stagione?], ha quasi 30 anni, ma porterebbe dinamismo, grinta e inserimenti al tiro, mi piacerebbe. Prima di lasciarvi, quella che mi auguro sia una giusta dritta: mi ha appena mandato una mail un'amica argentina, che frequenta gente nel giro del River, vicino alla società dico. Mi dice che Passarella non si sarebbe dimenticato del suo passato viola, e avrebbe aperto una sorta di corsia preferenziale con noi. Questa sorta di tacito accordo sarebbe stato pensato negli ultimi tempi dell'era Corvino, e perfezionato con Macìa e Pradè. Prevede che i prodotti del vivaio del River - e i giocatori già fatti, ovvio - a parità di offerta verranno trattati con noi. Il primo frutto di questo accordo sarebbe il possibile arrivo a giugno di Pezzella, che deve però essere verificato dopo un infortunio, e soprattutto l'acquisto di Cirigliano, che parrebbe davvero vicinissimo, addirittura per gennaio, e a una cifra molto più bassa di quelle che circolano. Ritengo la tipa piuttosto affidabile, perché tra le altre cose quando in passato si parlava di trattative per Funes Mori e Lamela, lei mi disse che non le risultava potessero venire a Firenze. Speriamo, via, sarebbe un'ottima notizia!

    RispondiElimina
  67. Chiarificatore9 gennaio 2013 17:52

    Pato e Rossi al loro apice hanno raggiunto la stessa quotazione tecnica e, conseguentemente, di mercato. Che Pato avesse la possibilità di diventare come Ronaldo o addirittura Messi è un grande azzardo puramente teorico, nello stesso modo si può dire allora che senza infortuni Pepito Rossi oggi sarebbe al livello di Cristiano Ronaldo.

    RispondiElimina
  68. In verità, Chiari, secondo il sito di mercato più affidabile al mondo, nel gennaio 2010 Pato è giunto a valere 37 milioni, Rossi ha invece attinto il suo vertice nell'aprile 2011, quando ha toccato i 27 milioni di valore presunto. 

    RispondiElimina
  69. Chiarificatore9 gennaio 2013 18:05

    Il sud america ha sfornato i più grandi talenti della storia del calcio,ma anche tanti presunti fenomeni a vent'anni, che poi si sono ridimensionati. Pato sembra appartenere a questa seconda categoria. Quanto agli effetti del Milan Lab, non sovrastimiamoli, io ho paragonato il suo caso di "irrobustimento nocivo"a quelli di Del Piero e di Vialli, tuttavia non sono certo che Pato riuscirà a fare in tutta la sua carriera quello che hanno fatto loro.

    RispondiElimina
  70. E aggiungo che, sempre secondo Transfermarkt, con tutti i suoi guai che, a mio avviso, ne rendono sconsigliabile l'acquisto a chicchessia, Pato ha a tutt'oggi un valore stimato di mercato di 25 milioni, laddove Rossi è stato acquistato alla cifra che conosci.

    RispondiElimina
  71. Chiarificatore9 gennaio 2013 18:19

    Strepitosa notizia, Deyna, Cirigliano per me sarebbe quello che più ci vuole a gennaio, ed a questo punto della campagna acquisti,  per avere ragionevoli garanzie di continuità di rendimento e di qualità del gioco nel girone di ritorno: un centrocampista che, nel caso, non faccia sentire l'assenza di uno dei magnifici tre.

    RispondiElimina
  72. Chiarificatore9 gennaio 2013 18:23

    Il basso valore attuale di Rossi è dovuto solamente alla gravità dell'infortunio, senza quello varrebbe più di Pato. Sulle quotazioni al loro apice ho visto cifre diverse e simili tra loro, superiori in entrambi i casi ai 30 milioni.

    RispondiElimina
  73. Chiari, poiché per primo hai evocato consistenze finanziarie io ti ho fornito i dati del sito dei siti, del sito fruito dai professionisti del settore. Che varrebbe più di Pato, Pepito Rossi, senza l'infortunio attuale, è un ottimo esempio di quei "se" che rifiuti a Deyna. Io noto che, con tutta la sua cristalleria al posto dei muscoli, Pato vale ancora presuntamente 25 milioni e ciò mi sembra molto indicativo. Pato non è stato una promessa, quando è stato nei suoi cenci è stato grande, bell'e formato. Ci è stato poco, spero per lui che ci rientri (ne dubito), ma al mondo tutti i professionisti del settore non saprebbero situare sullo stesso piano il miglior Pato conosciuto col miglior Rossi conosciuto. E ti ripeto che sono contentissimo dell'acquisto di Rossi condizionatamente alla partenza di Jojo per un centravantone.

    RispondiElimina
  74. Rossi si è fatto male a 25 anni, che io ricordi, quindi numeri e giocate da vero fenomeno ne dovrebbe avere già mostrate, a quell'età. Invece, tranne l'ultima stagione, segnava una decina di gol ad annata, tra cui diversi rigori. Solo nell'ultima andò sopra le righe, segnando 32 reti tra campionato [18] e coppe spagnole ed europee, di cui però 10 su rigore. Lasciando perdere infortuni, quotazioni e paragoni con Pato, di per sè è un grosso attaccante, ma non un grande. Trovo assurdo paragonarlo al miglior Pato, di due anni più giovane, che appena arrivato in italia - dove segnare è più difficile che nella Liga - ha subito mostrato doti da fuoriclasse vero, anche in CL. Per me non sarebbe arrivato a valere Messi o Ronaldo Fenomeno, ma fuoriclasse lo era già, eccome. Molto più completo di Rossi, tra l'altro. Pepito che trovo più vicino alla dimensione dei Signori, dei Chiesa, dei Di Natale, il che non è certo un'offesa. Poi sull'attendibilità delle quotazioni virtuali di mercato non mi sto neanche a soffermare: Pato è stato venduto a 15 milioni al Corinthians, e solo pochi giorni dopo è quotato 25 dal sito di mercato per eccellenza: potere taumaturgico delle spiagge brasiliane, o criteri un bel po' aleatori? La realtà è che Rossi è stato lasciato andare da Fergusson una prima volta, per poi non esercitare nemmeno il diritto di riprenderselo dal Villareal alla cifra prefissata di 15 milioni. Quando una grandissima vuole un fuoriclasse, se lo prende, e nemmeno Barcellona, Real, Chelsea, Manchester City e Bayern lo hanno mai voluto: un caso?

    RispondiElimina
  75. Chiarificatore9 gennaio 2013 19:01

    Non ho detto "se", Colonnello,  ho detto che sono certo che Rossi senza infortunio varrebbe più del Pato attuale. Che il Pato di oggi poi valga 25 milioni mi sembra alquanto discutibile, mi pare che le cifre della attuale transazione che lo ha riguardato parlassero di una quindicina di milioni. Quanto al loro valore all'apice,ti ripeto, anche Rossi era dai 30 milioni in su, quindi stiamo parlando di due calciatori della stessa fascia. E' vero, Pato ( come Pepito Rossi!) è stato più di una promessa, ma qui è stato scritto molto di più, che Pato era il prospetto di un nuovo fenomeno del calcio mondiale tipo Ronaldo, questa è la valutazione che io ritengo molto azzardata e puramente teorica. Ti ripeto, non sono neppure certo che Pato farà la carriera di Vialli e di Del Piero, anche loro "irrobustiti". 

    RispondiElimina
  76. Chiari non facciamoci la bocca a Cirigliano, perché Passarella è sempre nel mirino della tifoseria, e per vendere deve prima comprare bene...Però pare che questo canel con la Fiorentina sia stato davvero aperto, e se Cirigliano sarà ceduto, a gennaio o al più tardi a giugno, verrà in viola.

    RispondiElimina
  77. Chiarificatore9 gennaio 2013 19:05

    I presunti 25 milioni di valore del Pato di oggi sono proporzionali  ai presunti 37 milioni di allora. 

    RispondiElimina
  78. Non sottovalutiamo nemmeno il possibile arrivo di Pezzella, gran bel difensore, a me piace molto. Bisogna vedere però come torna dopo l'infortunio...

    RispondiElimina
  79. Vedo intanto che Lud continua a parlare del Pato attuale, come se qualcuno qui lo avesse mai proposto per la Viola come acquisto...

    RispondiElimina
  80. Chiarificatore9 gennaio 2013 19:09

    Se non ricordo male, Colonnello, Ludwig  produsse dal sito che dici tu una quotazione massima di Rossi di 35 milioni, cifra che fu confermata quando lo prese in considerazione il Barcellona.

    RispondiElimina
  81. Quando qualcuno riuscirà a far entrare nella chiorba di LZ che tutte le discussioni Pato-Rossi hanno sempre avuto una base teorica che riguardava il loro valore al top, prima degli infortuni, suoneranno le campane. Oggi, e l'ho già detto, non avrei comprato nessuno dei due, ma uno pronto subito e forte. Per Leandro Damiao, che è tale fuoriclasse che la latitudine conta una sega, il problema, per gennaio, non sono i soldi, che sono tuttora, abbastanza inferiori al valore, ma il passaporto, ma, del resto, il suo acquisto l'ho sempre presentato come un sogno irrealizzabile, mica ci credevo davvero. 

    RispondiElimina
  82. O non vuole Mati Fernandez? e allora diamoglielo!

    RispondiElimina
  83. Beh, Chiari, la tua certezza mi sembra apodittica, più impalpabile nei sostegni delle valutazioni di Deyna, che sostanzialmente accolgo ma al rialzo nel paragone (per me Rossi migliore si situava sopra Signori, Chiesa e Di Natale, cui mai i grandissimi club si erano interessati peraltro). Quel che mi ripeti del valore di mercato nel passato, Chiari, è contraddetto dal miglior sito di mercato, appunto. "Per me non sarebbe arrivato a valere Messi o Ronaldo Fenomeno": così Deyna, quindi non è lui ad aver stabilito confronti inidonei, se un altro l'ha fatto ha sbagliato al mio sentire ma non è dunque Deyna. Insomma io vorrei tanto che le donne che ho amato nella mia vita fossero state più belle di Rita Hayworth: alcune erano davvero bellissime, però la Hayworth era decisamente più bella. Sarà per un'altra esistenza, nella quale la Fiorentina vincerà gli scudetti ad anni alterni... e Pato sarà meno forte di Rossi.

    RispondiElimina
  84. Ultima, poi devo andare: Chiari, lo storico di Transfermarkt lo puoi consultare agevolmente da te, senza mediatori.

    RispondiElimina
  85. Chiarificatore9 gennaio 2013 19:25

    Colonnello, nessuno ha scritto che Pato all'apice fosse meno forte di Rossi all'apice. Io ho parlato di stessa fascia. Che senza l'infortunio Rossi varrebbe più del Pato attuale non è una certezza apodittica bensì molto logica, basata sulla sua quotazione prima dell'infortunio e su quella attuale, molto più bassa, di Pato.

    RispondiElimina
  86. Ma chi se ne frega del confronto tra Giuseppe Rossi e Pato negli anni migliori. Questa disputa è puramente accademica e tanto vale inserire anche Meazza nel confronto. La domanda a cui si deve rispondere è quale sia il giocatore migliore per la Fiorentina attuale. Questa domanda deve per forza tener conto del momento storico che attraversano i vari Pato, Damiao, Rossi stesso. Quando sul sito maggiore ho discusso di questo problema l'ho fatto, d'altronde, rispondendo non a te Jordan e neppure a Deyna, ma al signor Gino_p il quale aveva scritto: "con il budget a disposizione avrei preso Pato perchè pur essendo anche lui in condizioni fisiche non ottimali è un giocatore più forte". Su certi siti frequentatissimi la discussione si allarga inevitabilmente. Nel mio post ho evidenziato alcuni atteggiamenti ricorrenti come il timore che non si possa riprendere dall'infortunio, la preferenza per altri giocatori e persino il timore che porti jella, perchè anche questo si è detto. Ripeto che l'arrivo di un titolare della nazionale doveva essere salutato da meno scetticismo perchè altrimenti ci si fa del male. Liedholm diceva Jordan: a Firenze se si vince 3-0 ti chiedono come mai non si è vinto 4-0.

    RispondiElimina
  87. Chiarificatore9 gennaio 2013 19:32

    Colonnello, quando parlo di stessa fascia non dico un identico valore, Pato può certamente essere arrivato a valere  qualche milione in più di Rossi, tieni conto che anche i diversi palcoscenici incidono, ma sempre della stessa fascia stiamo parlando.

    RispondiElimina
  88. Se non te ne frega nulla di un argomento non ne parlare, ma non rispondere, di continuo, come se si parlasse d'altro. Sul sito "maggiore" (?) parla di quello che vuoi, ma non puoi rispondere qui a chi parla d'altro con quello che avresti risposto là, chi cazzo è il signor Gino lo sai tu e allora parla con lui.

    RispondiElimina
  89.  "La domanda a cui si deve rispondere è quale sia il giocatore migliore per la Fiorentina attuale. Questa domanda deve per forza tener conto del momento storico che attraversano i vari Pato...": la domanda che nessuno si è o ha posto, qui, è se Pato attualmente sia il giocatore migliore per la Fiorentina, visto che nessuno l'ha mai preso in considerazione. Ma poi scusa, se io qui prendo a parlare di Banega come grandissima idea per il centrocampo della Fiorentina, tu di là inizi a martoriare Gino P chiedendogli se ritiene Banega il miglior centrocampista possibile per la Fiorentina?

    RispondiElimina
  90. Primo colpo della nouvelle vague rossonera: 4emezzo per metà Saponara... noi a Empoli proprio un ci si vole comprà nulla... 

    RispondiElimina
  91. Colonnello, Rossi è forte, ma non più di Signori, Chiesa o Di Natale. E' anzi già una grossa concessione di fiducia, da parte mia, accreditarlo già ora di un valore che deve ancora dimostrare, perché oltre 20 gol in serie A, quando non nei pressi dei 30, deve ancora segnarli. Del resto in nazionale ha fatto finora poco o nulla per definirlo un campione di dimensione internazionale. L'interesse dei grandi club, come detto, ci può anche essere stato a livello di pourplarler, ma quando si va a stringere non se l'è preso nessuno, e tra gli altri Fergusson poteva farlo per "soli" 15 milioni, quando voleva. Per noi se torna è un grosso acquisto, ma non vorrei si creasse un'aspettativa esagerata, perché il ragazzo non è un fuoriclasse, e si rischia di generare solo delusione, poi.

    RispondiElimina
  92. O aspetta, Deyna! In italia ci ha giocato sei mesi e ne ha fatti 9 in 19, in una squadra di raccattati  che ha salvato quasi da solo tirandoli fuori da una bega di nulla... Te preoccupati che torni chi era e poi se ne riparla... se non definisci un fuoriclasse questo vorrei proprio sapere chi ti aspetti si possa prendere. Non vorrei dirtelo, ma, mi sa, Messi e Cristiano un ci vengono a Firenze, eh...

    RispondiElimina
  93. Eleganza africanaSi
    Deyna,mi ero espresso con un pochissimo elegante "che cazzo mi
    frega,"visto che Pato che c'incastra con noi?A me fregava che venisse
    uno tipo Osvaldo o Damiao o qualcuno in grado di farmi un lavoro alla
    Klose.Al gruzzolo sostanzioso,se non fosse bastato,avrei aggiunto altro
    ancora da scontare con la qualificazione CL che sarebbe arrivata.Ma
    resto convinto che se e'stato preso Rossi e'perche'Jove se ne andra'.Se
    e'stata presa questa decisione,discutibile o meno quanto si
    vuole,e'decisione molto logica.Come non e' logica credere di farli
    coesistere abbandonando di fatto il gioco aereo e la profondita'.Ancor
    meno logico essere in posizione privilegiata per la corsa CL,avere un
    mercatino a disposizione e riparare con Larrondo,(a meno che non sia
    quello che ho visto finora,allora giu'ancora applausi)ma per questo
    aspetto la sua conclusione per esprimermi compiutamente.
    Lele
     

    RispondiElimina
  94. Quando giorni fa ho affrontato il tema del confronto tra il Pato attuale e Giuseppe Rossi l'ho fatto perchè il tema era affiorato in alcuni commenti come quello che ho menzionato. Ma anche oggi il tema è stato posto e non da me. Blimp infatti scrive: "Ora, venendo a noi, Deyna: sono due posizioni e due interpretazioni differenti in campo, Pato è più quel che farebbe comodo a noi adesso, ovviamente la sua inaffidabilità fisica è totale, il suo gigolismo vergognoso, quindi non se ne parla nemmeno. Al suo meglio, così poco dato a conoscere, Pato è un grandissimo e non si vede come paragonarlo a Rossi, che è un grande in erba. Sia chiaro che se Jojo parte e arriva il centravantone a me Rossi sta benissimo". Si parla del Pato di adesso o sbaglio, Jordan? Non mi fate perdere del tempo a cercare nei vecchi post perchè è un lavoro. 

    RispondiElimina
  95. Non ho martoriato Gino.p per un post scritto da te, Deyna, ho discusso con Gino credo in maniera civile come faccio sempre sull'altro sito. Tu ti sei inserito nella discussione ed hai dato vita ad una serie infinita di equivoci, dando per scontato che parlassi con te anche quando non ti nomino esplicitamente. 

    RispondiElimina
  96. Deyna, il commento numero cento me lo spendo per dirti che mi sono mangiato una zuppa con fagioli rossi lucchesi.

    RispondiElimina
  97. Louis, non è che se è il massimo che ci possiamo permettere [?] diventa per questo un fuoriclasse. A me va benissimo - sempre se recupera, se funziona con Jojo, o se vien ceduto Jojo per arrivare a un grande centravanti, e blah blah blah - ma ci andrei pianino con gli accostamenti...

    RispondiElimina
  98. No Lud, il Colonnello usa il presente, ma parla chiaramente del Pato pre-infortunio, che non solo servirebbe come il pane a noi ora, ma sarebbe un lusso.

    RispondiElimina
  99. Nell'insieme dei "sudamericani presunti fenomeni a 20 anni" ci metterei i Denilson (intendo, tra i vari calciatori con questo nome, quello che negli anni '90 faceva tremila doppi-passi sulla fascia) o i D'Alessandro, che arrivarono in Europa a caro prezzo ma non incisero mai. L'impatto dell'allora 18enne Pato in Europa invece fu straordinario fin dalla gara d'esordio, e per i primi 2 anni si rivelò decisivo ogni volta che gli acchiacchi gli davano una tregua minima che gli consentisse di mettere piede in campo. Per me a suo tempo era l'under20 più forte al mondo, non una promessa ma già un fuoriclasse. Oggi, arrivato a 23 anni reduce da 3 anni passati in infermeria, mi pare ovvio che sia regredito: esistono giocatori (giovani o vecchi che siano) che migliorano non giocando?
    E sottolineandone il regresso prima che mi si tacci per colui che oggi vorrebbe comprarlo, spero sia sottinteso che io oggi non lo prenderei affatto.
    P.S.Non essendo ancora nato quando Liedholm allenò a Firenze, non ho mai sentito pronunciare da lui in persona quella frase che gli viene attribuita, ma che ho sentito essergli attribuita in due versioni: 1)a Firenze se vinci 2-0 ti chiedono perchè non hai vinto 3-0; 2) a Fireze se vinci 3-0 ti chiedono perchè non hai vinto 4-0... qual è l'orginale (sempre che l'abbia detta davvero)?
    P.P.S. Deyna, su chi suonava l'altra sera: nessuno di eclatante, solo una bella serata coverband con amici e una birretta. 
     

    RispondiElimina
  100. Non ho detto che hai martoriato Gino P, ti ho chiesto se hai intenzione di farlo prendendo le discussioni che facciamo qui portandole di là, come hai fatto qui prendendo spunto da questo tale Gino, quando qui mai nessuno ha proposto Pato come acquisto per la Fiorentina...

    RispondiElimina
  101. ll confronto tra i valori assoluti non ha senso, lo ripeto ancora, perchè non è di nessuna utilità e ci porta fuori strada. Ci sono tantissimi tennisti, ciclisti, scrittori straordinari che poi si sono rivelati incapace di concretizzare il loro potenziale. Anche se si giungesse alla conclusione che Pato è un atleta eccezionale ciò non migliorerebbe la sua carriera successiva e la sua valutazione. 

    RispondiElimina
  102. Chiarificatore9 gennaio 2013 20:47

    Su Pato sono d'accordo Vitalogy, la pensiamo forse diversamente su Rossi, perchè per me anche Rossi non è stato una semplice promessa ma già un fuoriclasse. Detto questo anche io, tra i due al top , avrei scelto Pato, ma stiamo parlando di due calciatori che hanno offerto rendimenti e raggiunto quotazioni paragonabili. 

    RispondiElimina
  103. E mille! si può parlare di quello che vuoi, ma non puoi rispondere ad uno su quello che discuti con un altro! E lo continui a fare nonostante che ti si dica, a testa avanti. Se parlare di valori assoluti non ha senso per te, non ne parlare, ma a me che dico che Pato al top era di un'altra categoria rispetto a Rossi al top non puoi continuare a scrivere chilometri di post, uno dietro l'altro, dicendo che uno non si ripiglierà e che è stato meglio prendere l'altro perchè non c'entra un cazzo, è un'altra barzelletta. Te lo vuoi metter nel capo di cercar di rispondere su ciò che ti si scrive e non su ciò che ti pare?

    RispondiElimina
  104. e chi se ne frega! si parla d'altro!

    RispondiElimina
  105. E il confronto tra un giocatore acquistato ancora rotto dalla Fiorentina e un altro venduto rotto a giorni alterni dal Milan, che nessuno qui ha mai detto di volere a Firenze, di che utilità risulta? Pato non è incapace di realizzare il proprio potenziale, per inciso, Pato l'hanno rovinato Milan Lab e il campo di patate di San Siro. O per chi dubitasse di questa visione, Pato è stato fermato da una casuale propensione agli infortuni.

    RispondiElimina
  106. E' un tema del quale, qui, hai parlato solo tu mentre noi si parlava d'altro. Blimp è tornato da un giorno e da un giorno scrive sull'argomento perchè interrogato ed a domanda precisa  ha risposto, chiaramente, di essere d'accordo con noi sul fatto che il Pato sano e al top era nettamente più forte del Rossi pre-incidente. La domanda era quella, se non ti piace puoi dire che non ti piace ma non rispondere mettendo sul tavolo un altro argomento. Si può rispondere anche a quello e l'ho fatto per tagliare il discorso, ma è un'altra domanda. Oggi non avrei preso nessuno di due se ci fosse stato la possibilità di prendere uno forte e pronto subito. Se poi o così o pomì speriamo che Rossi ritorni quello di due anni fa, ma, nel frattempo, potremmo aver perso il treno buono quest'anno. 

    RispondiElimina
  107. Anche la risposta "che cazzo me ne frega" sarebbe stata corretta LZ, almeno avresti dimostrato di aver capito la domanda

    RispondiElimina
  108. Il confronto tra Rossi e Pato oggi l'hai introdotto tu Deyna domandando a Blimp cosa ne pensasse delle idee mie e di Chiari. Io mi sono limitato a chiarire la mia posizione. Se si tratta di un confronto tra valori assoluti per me non ha senso se non nel cotesto di una pura accademia. Se si tratta di un confronto attuale a me sta benissimo, ma va a favore di Giuseppe Rossi. Sono seguite alla tua 50 citazioni di Pato ma non le ho scritte tutte io. Alla base di tutto secondo me c'è l'idea che il giocatore acquistato dalla Fiorentina non sia niente di speciale. E in questa frase vedo riemergere la patologia di Liedholm. Con questo acquisto vinciamo 3-0 ma potremmo sempre vincere, ipoteticamente, 4-0 e quindi ci flagelliamo. Vitalogy: Guetta che forse ne sa più di me parla di Liedholm e di 3-0-

    RispondiElimina
  109. Per uscire dal logorante impasse [e riuscire nel frattempo a cenare: boni i fagioli lucchesi, Pollock, ma stasera vado di totani e rucola più valeriana], pongo una domanda a Lud: mettiamo che per Damiao volessero spendere 18/20 milioni e fosse agganciabile, chi avresti preferito come acquisto di gennaio, lui o Rossi? E come acquisto di giugno? Buon appetito a me.

    RispondiElimina
  110. Boh......?! Ancora con Pato ?! Potrei scrivere un libro sulle differenze fra Rossi e Pato tanto sono ovvie. Pato si accingeva a diventare un giocatore, salvo infortuni, fra la ristretta cerchia di quelli che potevano ambire al Pallone d'Oro (non che sia un riconoscimento sempre oggettivo, la storia ne è piena), Rossi non lo vincerà mai! Basta questo per capire la differenza fra i due o no ?! Si parla di un eventuale recupero dei due ai loro livelli massimi, e chi lo sa, siamo mica nei loro muscoli o nella loro testa.....o nei loro legamenti. Penso che Pato in Brasile risorgerà, tornerà al suo antico splendore perché non lo ritengo finito né fisicamente né psicologicamente, ma solo il tempo lo dirà. Ma tornerà fortissimo pure Rossi, che pur appartenendo ad un livello genetico inferiore (parlo di valore assoluto, evitiamo contrapposizioni che, facendo riferimento a quello, non hanno ragione d'esistere per quanto scritto sopra) è un giocatore di assoluto livello, una grandissima seconda punta che a livello di sostanza può essere determinante per il raggiungimento di obbiettivi inimmaginabili. Batistuta (l'unico uomo che ho amato, e chi cazzo se ne frega se era venale!!!!) è stato per me il massimo, nel ruolo, nell'empatia che suscitava, nel trascinare, nell'emozionare, nel regalare sogni, nel farci sentire invincibili etc.etc.etc. non era un fuoriclasse, eppure........

    RispondiElimina
  111. Deyna ti auguro buon appetito ma al solito rilevo che contrapponi una ipotesi di scuola o accademica ad un fatto reale. Sappiamo tutti che Damiao non è in vendita a 15 milioni di euro, che chiede un ingaggio corrispondente al valore e che punta ad accasarsi in un top-club. Si è spesso parlato di top-player, ma ci sono anche i top-club, un ristretto numero di società che aspira alla vittoria in Champion. Ebbene noi non ne facciamo parte e non ne faremo parte neppure in futuro. La nostra caratura è quella di squadre come il Porto, il Villareal, l'Atletico Madrid. Possiamo far bene in Champion, persino vincerla, perchè no ma si tratterebbe di una grande sorpresa. Qualche volta è successo e magari succederà ancora e proprio a noi che una squadra di seconda fascia si giochi la finale di Champion, magari se in panca c'è un Mourinho. Ma non avverrà attraverso una campagna acquisti in cui acquisiremo Damiao, Balotelli o Lampard. Sono nomi che leggo sul sito maggiore ma dubito fortemente che li vedremo qui.

    RispondiElimina
  112. Penso veramente che tu abbia grosse difficoltà  leggere o a capire cosa leggi. Ecco cosa Deyna ha chiesto al Colonnello: "Mi interessa conoscere il tuo parere, o Colonnello, sul paragone che è stato fatto tra il valore assoluto di Pato e Rossi, entrambi al loro massimo pre-infortuni." lo capisci cosa c'è scritto o no? Leandro Damiao, per adesso (credo non per molto) è cercato sul serio solo dal Tottenham e la cifra offerta è anche più bassa di quella citata da Deyna, (ma non gliel'hanno dato) è stato due mesi fermo per uno stiramento, perciò quest'anno ha segnato meno del solito, ma ha già ricominciato con la consueta regolarità. Potrebbe anche essere il momento buono. Il problema che taglia la testa al toro è quello che dice il Colonnello, il passaporto. L'ho portato per esempio del tipo di giocatore, so bene che è una chimera, ma di centravanti buoni da subito, anche se non sono Leandro Damiao ce ne sono.

    RispondiElimina
  113. Mi inserisco nella discussione per proporre di salvare il toro dalla decapitazione che gli vorrebbe infliggere Jordan.

    RispondiElimina
  114. Ottimo, juve e Milan che si devono puppare i supplementari, a poi!

    RispondiElimina
  115. La Juve, col solito culo, passa. Meno male che questa volta han finito 11 contro 11.

    RispondiElimina
  116. Lampard secondo me va alla Lazio come Klose, mi pare si somiglino pure (e entrambi mi pare somiglino al cantante dei Muse... poi tutti e tre nati nel giugno '78... mah...)

    RispondiElimina
  117. Oggi nun vò seguito....mannaggia!In famiglia sono tutti in pensiero:Pato?Se veniva?Quanto valeva?Meglio lui o Cariglio?E Carino Tonino?E Toni?Rossi è meglio dopo ritto o era meglio non rotto prima?LUD sei come il mare:tenace.O testardo?

    RispondiElimina
  118. Non so come sia nata, ma la discussione Pepito - Pato mi sembra assurda. Certo che Pato prima degli infortuni era il massimo a livello mondiale come attaccante, ma chi se ne frega.
    Allora, se una ventina di anni fa avessimo acquistato Vialli, si sarebbe detto: "cazzo, ma Van Basten e' piu' forte"?
    Su Damiao: a parte il passaporto non comunitario, io mi sono fatto l'idea che fino ai Mondiali in casa loro, i Brasiliani piu' forti, quelli aspiranti alla Selecao non si muoveranno dal loro paese. Anzi, parecchi che erano in Europa stanno tornando in Brasile.

    RispondiElimina