.

.

sabato 12 gennaio 2013

Mariangela

Travolta da un insolito destino muore Mariangela Melato, Berlusconi che invece non muore mai condanna il Museo delle Cere ad un lungo e infinito Travaglio, perché se aspettano lui per spostare la sua cera dalla sala delle celebrità del momento a quella del memento mori, qualsiasi museo delle cere sparso sul globo può diventare nel frattempo un museo che c’era. C’è da notare una curiosità, le cere dei personaggi meteora, come possono essere stati i vari Santiago Silva, Olivera, Lazzari,  Kharja e ultimo Della Rocca, vengono smantellate e i corpi fusi per tornare ad incarnare altri personaggi famosi come Pepito Rossi, anche se certi particolari come il crociato non sempre vengono bene alla prima, mentre le teste vengono conservate nel caso dovessero servire di nuovo. Cerci a tal proposito in settimana ha fatto sapere attraverso un comunicato stringato visto che non usa i mocassini, che una volta appurato che Vargas sarebbe rientrato tra le meteore, ma che purtroppo non gli si poteva salvare nemmeno la testa in quanto privo, avevano deciso insieme a Lazzari di rubare le pernici per essere preparati nel caso che il giocatore fosse dovuto tornare alla Fiorentina, in modo quindi che in quel malaugurato caso si sarebbe potuto ricomporre in qualche maniera almeno con una testa piumata, Cerci ha aggiunto dando la sensazione di ostentare una certa sicurezza, che con una pernice al posto della testa il peruviano non solo non si sarebbe più ribaltato con la Porsche ma sarebbe risultato addirittura anche meno imbalsamato di quanto risulti oggi in campo con la maglia del Genoa. Tornando all’attualità speriamo solo che per come si è messo questo fine settimana, l’insolito destino non si trasformi in un insoluto del destino che non ci vuole ripagare per la beffa subita col Pescara, un insoluto che ci negherebbe la sacrosanta vittoria di rimborso spese proprio a Udine. Facciamo volentieri un omaggio a Mariangela mentre l’omaggio vorremmo evitare di farlo a quel Guidolin che oltretutto fa rima con Perin, quindi evitiamo che “Per grazia ricevuta” come è successo al Pescara, o per colpevole distrazione come sembra che stia succedendo in questa settimana con un ambiente più interessato alle vicende di mercato che non di campo, alla fine “La classe operaia va in paradiso”, perché a proposito di operai, specie quelli impiegati nella metallurgia del lamento come Guidolin che ancora oggi non ha digerito la scelta in favore di Prandelli, non vorremmo mai avere a che fare con una squadra avvelenata che lotta per il suo “Mimì metallurgico ferito nell’onore”. Attenzione quindi a quella “Faccia di spia”, e “Attenti al buffone”, quindi, prima che succeda un altro “Casotto” come contro il Pescara, squadra corta per evitare le ripartenze micidiali dei bianconeri e per non doversi ritrovare a temere un “Domani si balla” in difesa, e di conseguenza a esclamazioni del tipo “Mortacci”. Mariangela che pur non partecipando alle riprese di “Anche i mariangeli mangiano i fagioli”, ne ha comunque subito gli effetti nocivi sul set del “Petomane”, mentre a proposito di fagioli e quindi per evidenziare anche gli aspetti di natura gastronomica del blog spesso trascurati, devo citare il film “Notte d’estate con profilo greco, occhi a mandorla e odore di basilico” che è sempre meglio di quell’odore di cacca che si è sprigionato domenica pomeriggio al Franchi. Cerchiamo di ritrovare subito la vittoria tra gli “Oggetti smarriti”, e che la sconfitta alla fine risulti un episodio isolato e dimenticato con la velocità di “Flash Gordon”, e per “Dimenticare Venezia” anche se poi è stato Pescara, che a sua volta non è la Venezia del sud, fino al più classico Pescara non è Venezia, riprendiamo il cammino interrotto immeritatamente domenica scorsa, voglio quindi salutare la vittoria della Fiorentina a Udine e allo stesso tempo salutare anche la Melato, per la quale purtroppo oggi “La fine è nota”, dopodiché a Mariangela non potevano che mandare un mariangelo a prenderla, che sensibile e preparato, citando l’ultimo film dell’attrice ha sussurrato “ Vieni via con me”.

100 commenti:

  1. Lisandro non è più il capitano del Lione: segnale inconfondibile... Il problema è che la Juve sarà la prima scelta e non mi spiace, perché se Aubameyang è sgraffignabile preferisco il gabonese all'arnese in decadenza (seppur non rapida). Sul Berbatov attuale, al di là della vaccata dei gobbi, si può tirare un sospirone di sollievo e valevano le mie perplessità quando sembrava diretto a Firenze. Rifiutata un'offerta di 28 milioni per Cuadrado, il giocatore più picchiato d'Europa dopo Messi (quando riescono a chiapparlo, quest'ultimo). Interessamento incomprensibile, assolutamente traversiano per Schelotto (ma sarà depistaggio), comunque destinato all'Inter. Il ritardo su Larrondo può venire dalla ricerca da parte dei senesi di un'altra punta a rimpiazzo, direi, vista la cessione di Calaiò (al Napoli per 2,5: una cazzatona), ma anche dall'attesa nostra di imbarcare il centravantone, dopo di che la soluzioncina per tappare il buco d'Africa di El Ham diverrebbe superflua. Per la partita di Udine ho da tempo comunicato alla mia stagista, con un biglietto nel reggiseno e una raspata nelle mutandine, che il centrocampo visto a Palermo sembra dare più sicurezze e del resto Montella, da quanto si apprende dalle fonti giornalistiche, è così orientato. In attacco Seferovic (se non lo tengono fuori per l'imminente prestito al Villareal, piacere per l'affare-Rossi: dieci società spagnole di A sull'orlo del fallimento, è lì che bisogna puntare i binocoli) oppure Ljajic, Toni mi parrebbe un'altra desolazione in trasferta. Loro con Muriel ormai maturo per il gol, Di Natale in formissima, Lazzari assist-man, buon giocatore spregiato dai nesci l'anno scorso, laddove produsse un girone di ritorno dignitoso e fu sontuoso nelle Tre Gloriose che ci salvarono la pelle. Partita durissima, non vedo più che un pareggio, Guidolin ne ha già perse due quest'anno, con un po' di buona sorte da parte nostra (il che lo fa imbufalire: è sempre oblioso, di contro, quando si tratta di culo delle sue squadre), è improbabile che perda la terza.

    RispondiElimina
  2. Se ben ricordo a Udine abbiamo sofferto, ma siamo anche stati in grado di imporre il nostro gioco. L'aspetto positivo è che l'Udinese lascia gioca e lascia giocare, quindi non rivedremo le barricate umilianti del Pescara. La partita è da 1-X-2. Per vincerla dovremo avere i centrocampisti al meglio, qualche segno di cedimento nel secondo tempo pescarese si è notato anche in Valero. Mi pare più che normale, dopo un campionato in prima linea come il suo. Partito Olivera, la scelta è tra Mati e Migliaccio, senza via di mezzo. La partita di Palermo induce in effetti a dare fiducia a Migliaccio, giocatore duttile e simpatico, ma la voglia di giocarsela di Montella è tale che non mi meraviglierei se scegliesse Mati dall'inizio e Migliaccio a subentrare. In attacco potrebbe essere di nuovo la volta di Ljiajc che domenica si è mosso molto bene. 

    RispondiElimina
  3. Sarei per Mati, per un giocatore come Mati, fossi sicuro che si sapesse esprimere discretamente. Il centrocampo udinese è mediocre, credo cercheranno di saltarlo per lanciare direttamente negli spazi Muriel e Di Natale. La fiducia farebbe anche bene a Fernandez, ma sono tutt'altro che certo del suo rendimento. Migliaccio dà più sicurezze credo, anche se la sua fase propositiva è elementare. Sarebbe anche paradossale schierarlo titolare proprio quando non c'è molto da contenere, né legna da fare, contro un centrocampo scarso. Tutto sommato proverei Mati, se va male siamo in tempo a far entrare Migliaccio. Aubameyang avrei dovuto vederlo di più per esprimermi, Colonnello [ma di testa come se la cava?], i colpi sicuramente li ha, con la sua rapidità negli inserimenti può diventare devastante in certe situazioni, ma per quel poco che ho visto proprio un fenomeno non mi parrebbe...Lisandro Lopez è diverso da Berbatov, per il quale il rischio adagiamento si percepiva. Ha garra tipicamente argentina, ha personalità, voglia di giocare e vincere, penso andremmo sul sicuro.

    RispondiElimina
  4. Chiarificatore12 gennaio 2013 11:39

    Sulla possibile formazione avete già detto, sulla partita prevedo spettacolo perché l'Udinese è squadra  robusta e dal gioco aperto, noi più fantasiosi e ancor più aperti nel proporre gioco. Una vera partita da tripla quindi, speriamo che la buona sorte questa volta sia dalla parte nostra.
    Quanto alla campagna acquisti se davvero sono ufficiali le cessioni di Olivera e Della Rocca mi auguro che significhino la determinazione ad acquistare almeno un centrocampista a tutto campo già a gennaio degna riserva dei magnifici tre.

    RispondiElimina
  5. Seferovic al Villareal non la capisco molto, aveva bisogno di cinque mesi in B a giocare, là dubito che vedrà molto il campo. Ma forse qualche rassicurazione l'avranno avuta...La Melato da ragazzino la trovavo molto erotizzante, dopo che la vidi seminuda sul...Guerin Sportivo. Brava attrice comunque, a quel che ricordo. Come centrocampista, Chiari, vedrei benissimo Canteros [Villareal] e Banega [Valencia], quest'ultimo sempre se si è ripreso bene. Visto che con entrambe le squadre Macìa ha robustissimi contatti, io spero.

    RispondiElimina
  6. Muriel a Firenze scherzò Gonzalo come nessuno ha fatto poi, speriamo non si ripeta, ed ora hanno anche il cecchino che a Firenze mi pare non ci fosse. Per questo ho paura degli spazi aperti. Migliaccio, Migliaccio, non scherziamo. Poi se si perde si prova anche Mati, ma dopo. Dell'arbitro, di cui ho accennato nell'altro topic, niente mi dite? Casalingo allo spasimo. Meno male che l'Udinese è della banda Abodi (o ha defezionato nell'urna mignotta?).

    RispondiElimina
  7. Non è un fenomeno, nemmeno Lisandro lo è ed è sempre meno gran giocatore, Damiao nemmanco ma ci si avvicina un po' di più costando peraltro il doppio, Pato poteva esserlo... Se fai il conto di fenomeni attualmente nel ruolo di centravanti bastano le dita di un monco, in Europa: Ibra e boh (non Ba), forse un gradino e mezzo sotto Cavani, di Aguero e di Higuain non ho la stima che hai tu, se loro sono fenomeni io che sono (come dico sempre alla stagista)? Di testa è buono, Aubameyang. Per un deca è quanto di meglio puoi prendere, fra un anno non ci arrivi più. Migliaccio non serve tanto contro i centrocampisti diretti (ma Lazzari, come scrivevo, è tutt'altro che scarso), quanto come primo fronte sugli avanti udinesi in ripartenza: devi fare i conti col Mati attuale.

    RispondiElimina
  8. Seferovic è dovuto, al Villareal.

    RispondiElimina
  9. Anche il Villareal è in B, in Spagna, non so che attaccanti abbia, ma, se ce l'hanno mandato qualche assicurazione che non gli verrà il culo quadro in panca gliel'avranno data. Magari ci danno anche Canteros! Ma se son retrocessi i brodi chi erano?

    RispondiElimina
  10. Sai, Jordan, quando leggi la formazione che retrocesse, Agroppi duce, resti ancor oggi trasecolato.

    RispondiElimina
  11. No, e qui ti sbagli, Leandro Damiao, come centravanti, è un fenomeno. Cavani anche, se per fenomeno intendi uno che davvero può fare la differenza. Hai visto cos'è il Napoli senza Cavani? Però per Cavani il Napoli ha rifiutato 50 milioni ed ha una rescissoria a 60, Leandro Damiao ora lo prendi con meno di venti. Tutto il resto di quelli che conosco è resto, perchè anche Ibra e Drogba i trenta ormai li han superati da un pezzo.

    RispondiElimina
  12. Oltre tutto Leandro Damiao è un '89, Lisandro Lopez un '83, è tutta una carriera di differenza, per uno da fare, per l'altro già fatta.

    RispondiElimina
  13. E' vero, ha dell'incredibile, ma chi era presidente? uno che qualcuno ancora rimpiange e che andava a far casino negli spogliatoi e licenziò l'allenatore alla fine del girone d'andata quando eravam terzi, in un gruppone, ma terzi!

    RispondiElimina
  14. Io, Jordan, metto questa classifica attuale: 1) Ibra; 2) Cavani; 3) Damiao. Come ho già scritto, per il secondo, a buona distanza da Ibra, posso ancora accettare la denominazione (sappiamo cosa vale senza di lui il Napoli, ad ogni modo, ma non sappiamo ancora quanto egli aggiunga a una grande squadra visto che non vi ha mai giocato), per il terzo non me la sento ancora ma vi si avvicina, vediamo quando sarà in Europa. Al di sotto di questi, non riesco a fare classifiche, dipende dai giorni, dalle occasioni, dalle situazioni: non sono, non sono mai stati o non sono più fenomeni.

    RispondiElimina
  15. Certo, Jordan, fra Damiao e Lisandro non c'è partita, è Deyna che ne va matto.

    RispondiElimina
  16. Deyna va matto anche per Leandro Damiao e se fosse argentino ancora di più. Se per la patente di fenomeno vuoi che ci sia l'esame in grandi squadre europee è chiaro che il brasiliano avendo giocato solo nell'Internacional e nella Seleçao dovrebbe ancora farlo, ma su uno come lui che ha il fisico di Toni ed i piedi e l'età di Jovetic non ho proprio dubbi che lo supererebbe a pieni voti. Comunque lasciando stare i sogni e  "caindo na real", Lisandro Lopez lo prenderei subito, Aubameyang lo conosco poco, il Ricky VW anche mi tenta come Tim Matavz. Tutte soluzioni che avrei accolto con molto maggior entusiasmo di Rossi, se avessi dovuto sceglierne uno solo. Se poi arriva quello e quell'altro, ripeto, mi cheto.

    RispondiElimina
  17. Lisandro se c'è in ballo la Juve non lo prendi: è ovvio che è meglio di un calcio nei denti ma a parità di prezzo prendo Aubameyang tutta la vita. Io non ho dubbi che arriva questo e quello, Jordan, il solo dubbio che ho è se quello arriva a giugno e non sùbito, come sarebbe invece necessario. Montella ha appena chiesto un secondo attaccante dopo Larrondo e non avrebbe senso portare un altro come Larrondo, e cioè un ripiego per El Ham in Coppa d'Africa, ergo ho buone speranze. Ribadisco che la maggiorazione di prezzo a gennaio rispetto a giugno sarebbe coperta dalla qualificazione Champions e comunque la cessione di Jojo colmerebbe a sfare, a giugno. L'errore sarebbe nel non comprare il centravantone adesso ma l'acquisto di Rossi non l'avrebbe impedito, perciò non capisco il tuo palato stucco sull'operazione col Villareal.

    RispondiElimina
  18. Questo e quello intendo subito. A giugno penso anch'io che arrivi, anche perchè, come te se ho ben capito, son quasi sicuro che parta Jovetic. Ma allora a giugno, se è sempre in Brasile, voglio Leandro Damiao davvero!

    RispondiElimina
  19. Se il prossimo campionato si parte con Leandro Damiao e Pepito sano ti garantisco che non avrò affatto il palato stucco.

    RispondiElimina
  20. Chiarificatore12 gennaio 2013 13:24

    Che quasi certamente  Jovetic vada via a giugno non è una novità, lo si sa da inizio campionato. La novità è che il rendimento oltre le previsioni della Fiorentina, il suo bel gioco e la possibile qualificazione in Champions League, hanno creato qualche possibilità che possa essere confermato.

    RispondiElimina
  21. Per Damiao occorre sempre il passaporto comunitario: purtroppo, uno degli errori di Corvino (che ancora stimo in percentuale di 20% rispetto ai meriti) è stato quello di bloccare con Gulan per anni un posto di extracomunitario. Strategicamente, inoltre, anche se alla lunga Neto sta dando i suoi frutti, c'è da chiedersi quanto sia conveniente occupare un posto di extracomunitario con un portiere.

    RispondiElimina
  22. Allora, Lisandro Lopez per l'immediato è tra i migliori che potremmo prendere, non credo avrebbe problemi di ambientamento, ma lo considero un ottimo attaccante, mica un fenomeno. E' molto concentrato, dà tutto in campo, si muove molto, tira da tutte le posizioni, è opportunista, e la prende abbastanza anche di testa. Lo vedrei bene a fraseggiare con Jovetic, senza perdere profondità. Con Leandro Damiao non c'è gara, il brasiliano ha pressoché tutto: tecnica superiore, fisico, colpo di testa in elevazione, tiro, senso del gol, è validissimo sia come uomo d'area che in contropiede...Mi sento di dire che con lui andremmo sullo strasicuro. Dovendoli prendere a gennaio, credo che Damiao necessiterebbe di più tempo per l'ambientamento, ma chi se ne frega, se lo puoi prendere lo prendi senza se e senza ma, uno così. Comunque se vogliamo essere restrittivi, di fenomeni veri non ne vedo in giro, ora, in quel ruolo. Cavani deve dimostrare di saper fare quello che fa qua [si sta avvicnando al Bati, devo ammettere] anche in CL e con l'Uruguay [per ora è rimasto un po' all'ombra di Forlan e Suarez]; Ibra in italia spaccava le partite, la Francia nemmeno la conto, ma in CL, a Europei e Mondiali non ha mai lasciato il segno; Aguero l'han messo centravanti perché sa segnare, ma fenomeno lo è da seconda punta; di Pato abbiamo detto; Higuain è discontinuo e soprattutto non ha la fiducia dell'allenatore; Benzema non ha mantenuto tutte le promesse, idem Dzeko; Milito è un grande ma in declino, e nemmen lui è mai stato proprio fenomeno ecc, ecc. C'è qualche giovane molto interessante, ma devon mangiare ancora tanta pappa. La mia classifica attuale è invece: (1) Falcao (2) Ibra (3) Cavani (4) Damiao (5) Higuain [nell'Argentina lo dimostra, maladetto Mourinho]. Ma Damiao ha il potenziale per passare avanti a tutti...

    RispondiElimina
  23. Deyna, scusa, ma oggi come oggi Damiao non lo puoi prendere per via del passaporto, sennò si ragiona del nulla.

    RispondiElimina
  24. Montella: "Centrocampo di costruzione o rottura senza Pizarro? Riflessioni
    si fanno su tante cose.. Bisogna vedere chi è mentalmente più pronto
    rispetto ad altri che invece a livello caratteriale non sono ancora
    nelle condizioni ideali per affrontare partita del genere...". Mati in panchina al 100%, è chiaro.

    RispondiElimina
  25. Se uno è in cura con la sanità pubblica, con esenzione di ticket, non si vede perché organizzare una pubblica raccolta di fondi per le sue condizioni di salute. Tanti poveri pensionati, i quali hanno lavorato (sì, loro hanno lavorato, loro...) per tutta una vita che hanno avuto dignitosa nei comportamenti (sì, loro l'hanno avuta dignitosa, loro...), sono nell'indigenza ma nessuno si premura di batter cassa per loro. L'impegno politico risolve questi problemi, o almeno mira a risolverli (sempre che, ovviamente, ci si batta per gli ideali della giustizia sociale), altrimenti provvedono privatamente gli amici e i parenti.

    RispondiElimina
  26. Beh chiaro, il discorso era in linea puramente teorica, tanto Damiao mi sa che non lo prendi comunque, passaporto o no. Falcao e un vi piace a voi, eh?

    RispondiElimina
  27. http://www.fiorentina.it/notizia.asp?IDNotizia=124032

    RispondiElimina
  28. Il mio ricordo di Andrea è sempre vivissimo. L'occasione di scrivere e leggere sul sito di Gianni, che ringrazio, al pari di Corrado, come amico di Etruskolo, per tutto quello che ha fatto in occasione della Sua prematura scomparsa, è per me spesso motivo di ricordo di quello che è stato un grande tifoso della Fiorentina, la passione che ci accomuna tutti. Ti saluto amico mio, ci vediamo lassù, per dibattere delle tinte a noi tanto care.

    RispondiElimina
  29. Caro Deyna, hai ragionissima, vergognosamente ragione, copri una lacuna importante e dimostri come, purtroppo, il giocare in squadre che non fanno parte delle top-ten europee mini la memoria degli appassionati di calcio che si credono più aggiornati. Falcao merita ovviamente l'inclusione e anzi il secondo posto, nella mia classifica: più vario e tecnico e continuo di Cavani, nel complesso. 

    RispondiElimina
  30. Colonnello, premetto che non conosco il Ciuffi se non per sentito dire, visto che l'ho visto un paio di volte in tv circa 20 anni fa. Non si sprecano denari pubblici aprendo questo fondo, è una cosa piuttosto comune, e provvedono parenti e amici, solo che si è allargato anche agli amici "virtuali", quelli che magari si sono affezionati per via dei suoi programmi. Semmai sarebbe bene fare una cosa più trasparente, e motivare perché ci sarebbe il bisogno di questa colletta - usiamo i termini consueti - perché da quel che ho letto mica ho capito, se ha bisogno davvero o no.

    RispondiElimina
  31. Etruskolo aveva una conoscenza delle cose calcistiche da grande addetto ai lavori, dettagliata, certosina, panoramica: il calcio, non solo la Fiorentina, dev'essere stata perciò per lui una passione divorante, la quale però non gli ha impedito di comunicare un affetto che adesso la moglie gli rende in memoria con accenti commoventi, che stracciano ogni convenzione. Ogni tanto leggiamo commemorazioni di utenti deceduti, da parte di familiari, su Fiorentina.it: purtroppo il dolore non ha originalità, non trova le parole (non ce ne sono mai, di commisurate) e spesso, quindi, quei corsivi ci appaiono ingiustamente opachi e protocollari. La signora Antonella è riuscita a forare quell'ineffabilità, soprattutto nel finale della sua lettera: tutti vorrebbero essere ricordati dalla donna amata come la signora ha ricordato l'Etruskolo. Sono contento peraltro che Pollock abbia avuto il riconoscimento che la sua umana sensibilità merita.

    RispondiElimina
  32. Ho conosciuto Etruskolo solo virtualmente, sul sitone, e l'ho apprezzato, per quegli scambi che abbiamo avuto. A volte mi viene alla mente, dopo una bella vittoria di questa splendida Fiorentina: chissà se in qualche modo resiste nell'universo una traccia di lui, che possa goderne insieme a noi.

    RispondiElimina
  33. Chiarificatore12 gennaio 2013 14:48

    La stessa splendida e commovente lettera in ricordo di Etruskolo è uscita questa mattina (ore 10.38) anche  su violanews, non l'ho riportata perché, trattandosi di questioni affettive, non mi sembrava fosse compito mio, ma dei diretti interessati, parenti ed amici. Andrea non l'ho conosciuto abbastanza bene sul piano personale per poterne parlare con cognizione di causa, posso solo ricordare non solo la sua passione ma anche la sua lucidità, il suo equilibrio, dimostrati anche nell'ultima travagliata fase della SdA, la sua capacità di dialogare e fraternizzare, nello stesso identico modo, con chi  faceva parte della SdA e con chi non ne faceva parte. Un ragazzo molto intelligente e di grandissima umanità che ha lasciato un ricordo indelebile nei siti Viola.

    RispondiElimina
  34. E' vero, Colonnello, mi ricordo di Falcao solo perché quest'anno ho seguito più spesso l'Atletico, sennò tendiamo a pensare ai soliti noti dei "top team"...

    RispondiElimina
  35. Falcao e ci piace ma tu lo prendi ancora meno

    RispondiElimina
  36. Chiarificatore12 gennaio 2013 15:01

    Falcao in un top team ci sarà prestissimo, mi risulta che sia già del Chelsea.

    RispondiElimina
  37. Per me la cessione di Jojo a giugno è probabile (penso che il City abbia qualcosa in più di un'opzione) ma non certa, e credo che comprando Rossi la società abbia contemplato sia l'ipotesi di sostituire il montenegrino che l'ipotesi di farli coesistere; coesistenza che ritengo possibile, nell'ottica del tipo di gioco a cui sta mirando Montella.

    Non conosco Damiao. Tra i centravanti che conosco, per me oggi la classifica (momentanea, ovvero escludendo coloro che oggi sembrano in calo) è: 1) Cavani; 2) Falcao; 3) Ibra. L'uruguagio del Napoli lo preferisco perchè, oltre alla facilità con cui trova la porta ovunque si trovi, difende con efficacia per tutto il campo, pure nella propria area, o anche inseguendo gli avversari sulle fasce.

    Le cessioni di Della Rocca e Olivera mi fanno pensare che un centrocampista da inserire subito arriverà. Al Colonnello faccio presente che Gulan non bruciò posti da extracomunitario, poichè proveniente da società italiana (la Samp); semmai si può dire che avrebbe potuto creare una "casella" in più cedendolo all'estero, ma dopo il prestito al Monaco1860 non si trovarono più acquirenti all'estero.

    La questione del Ciuffi penso sia chiara, leggendo ciò che è stato scritto sul blog del Guetta: indebitato per non meglio precisati motivi, gli è stato pignorato tutto ciò che aveva, dai patrimoni immobiliari, alle liquidità al c/c bancario stesso.  

    RispondiElimina
  38. Ho verificato, il sitolock è nato solo il 9 dicembre del 2011: e sembra una vita! Lo scoprii uno di questi giorni di gennaio dell'anno 2012 ma non riesco a trovare il mio primo post, che però credo di ricordare. Jordan e Chiari soci fondatori, presto anche Orcio e alcuni che non leggo più (tipo Marco Berna, Mastro, Giorgio Siracusa). Che gran cosa, il sitollock! Certo, non so se sarebbe nato, nelle intenzioni del suo demiurgo, se non fosse prima occorso l'affondamento morale della casa-madre (adesso, è rimasta la fossa atlantica, un'immensa e orrida cicatrice al suo posto: la Cloaca!): è divenuto insostituibile come l'ossigeno nell'aria. Un umile ringraziamento da parte mia al suo geniale creatore, in grande ritardo.

    RispondiElimina
  39. Sì, Vitalogy, su Gulan è come dici ed è quel che volevo dire, ma mi sono espresso male, evidentemente. Per quell'altra questione, che tu dettagli (non ne sapevo nulla), ribadisco tanto più adesso, sulla scorta di quanto già da me scritto: provvedano amici e parenti. Ripenso involontariamente alla colletta che Mosca volle bandire in televisione per Nino Benevenuti: uno come lui, diceva, non può vivere con due milioni al mese (si parla di venti anni fa circa). I personaggi pubblici non possono vivere due esistenze alle spalle di noi, che in buona parte facciamo fatica a vivere la nostra. Per principio non ho mai preso a credito nulla, in vita mia, se non una casa, una volta (con l'ipoteca, del resto, com'è intuitivo), e ho sempre atteso un mondo migliore per tutti, battendomi per questo ideale, non chiedendo scivoli per me quand'io mi fossi cassée la figure (la prudenza è una delle virtù cardinali, rammento!). Però ho talora sovvenuto amici nel bisogno e non ho mai creduto di alleggerire questo mio soccorso battendo la grancassa con degli sconosciuti. Non so se questo mi avvicina alla filosofia del Chiari ai tuoi occhi, ma è sinceramente quel che penso.

    RispondiElimina
  40. Chiarificatore12 gennaio 2013 15:27

    Se la memoria non mi inganna, Colonnello, ci fu, qui, una dolce signora che, in qualche modo, preannunciò il tuo arrivo, eh eh eh.

    RispondiElimina
  41. Non ho mai conosciuto personalmente l'Etruskolo, con cui "parlavo" spesso in quanto facente parte della ristretta cerchia di utenti piacevoli del sifone, che poi in maggioranza ho ritrovato su questo blog. Un ex-sda che al momento dell'addio di Prandelli non voltò mai le spalle alla società, e fino al suo ultimo momento ha creduto che la Fiorentina avrebbe risalito la china. Una persona i cui scritti lasciavano trapelare sempre positività, nonostante la sofferenza di cui venni a conoscenza solo a scomparsa avvenuta. Mi unisco al ricordo e mando un abbraccio ai suoi cari se ci leggono.

    RispondiElimina
  42. Colonnello il discorso sugli extracomunitari non è così semplice. In pratica chi all'inizio del 2011-2 ne aveva meno di due poteva tesserare chi voleva fino ad un massimo di tre giocatori complessivi extracomunitari. Per i nuovi il limite si pone se provengono da federazione estera. Chi ne aveva due ne poteva tesserare uno solo nuovo, o due solo rivendendo all'estero o per fine contratto o per acquisizione di stato comunitario di uno di quelli che aveva. Chi ne aveva più di due non poteva tesserare nessuno a meno di non cedere all'estero quelli che aveva fino ad un massimo di due. Non sono considerati nei limiti sopradetti degli extracomunitari, in queste regole, quelli che, pur essendo di nazionalità extra-europea si trovavano già tesserati d una società italiana al 30-06-2011. Quindi se la Fiorentina, prima del 30-06-2011, si trovava già ad avere più di due extracomunitari tesserati gli cambiava poco tesserarne altri, anzi, ad averli, aumentava il ventaglio delle possibilità di cessione e, quindi del diritto di poterne tesserare di nuovi. In altre parole averne 4-5 o 6 non ti cambia nulla anzi, ti permette di avere più possibilità di cessione per poter acquisire il diritto di nuovi tesseramenti. Se poi ne avevi uno solo, anche qui, tra averne uno e nessuno non cambia praticamente niente. Non so in che situazione esatta fosse la Fiorentina al 30-06-2011 per valutare se davvero Corvino ha sbagliato o meno.

    RispondiElimina
  43. Chiarificatore12 gennaio 2013 15:41

    Nel diseguale, ingiusto e popolosissimo ( siamo sette miliardi e solo due generazioni fa eravamo due miliardi!) mondo contemporaneo, a partire dalla parte più povera, i disperati che in vario modo avrebbero bisogno di carità sono miliardi, e quasi tutti molto lontani da noi che viviamo nella parte più fortunata. Quindi la carità, pur essendo un nobilissimo moto dell'animo,non può che essere a sua volta diseguale. Possono invece operare a favore di una maggiore eguaglianza, giustizia e assistenza sociale le istituzioni e le associazioni preposte, che andrebbero sostenute ( e controllate) da tutti noi sulla base delle nostre possibilità.

    RispondiElimina
  44. Chiarificatore12 gennaio 2013 15:58

    Deyna, la Melato non è stata solo una buona attrice, è stata, dopo la Magnani, forse  la più grande attrice italiana.Gradirei un parere degli esperti del blog.

    RispondiElimina
  45. Non mi sento in grado di esprimere un parere su cosa sia giusto o meno. Ho solo capito, leggendo, che il Ciuffi ha avvertito un malore nel momento in cui si è materialmente ritrovato senza più un tetto e senza un centesimo, e che anche le persone che lo conoscono bene hanno scoperto tutto ciò solo quando, visitandolo all'ospedale, hanno visto che la moglie restava a dormire su una sedia davanti a lui, in quanto priva di alternative. Un caso quindi diverso da quello dell'ex pugile, che almeno un'entrata mensile per campare l'aveva. Ignoro totalmente la situazione "pensionistica" di Ciuffi e consorte, ma dato che il Guetta ha scritto che aprire un c/c intestato alla moglie e renderne pubblico l'IBAN non avrebbe cambiato di una virgola la situazione, bensì serviva creare un altro soggetto giuridico a tal scopo, credo che ciò significhi che qualsiasi accredito (che sia una pensione o un'offerta di chicchessia) ricevuto da uno dei due (che evidentemente non hanno la separazione dei beni) verrebbe automaticamente girato a chi avanza il credito da loro.
    Concordo sul fatto che nella sfiga il Ciuffi sia un privilegiato, in quanto un minimo di notorietà lo sta facendo beneficiare di favori che migliaia (e forse di più) di sconosciuti italiani nella sua stessa situazione non hanno e non avranno mai, però capisco che per chi gli vuole bene e ha toccato con mano la situazione dell'amico sia stato impossibile non muoversi in aiuto. Forse hai ragione Colonnello quando dici che non avrebbero dovuto battere la grancassa degli sconosciuti. Ma se è vero ciò che a Firenze si dice sul Ciuffi (ovvero che in passato era una persona molto molto benestante, che avrebbe dilapidato ingenti capitali accollandosi cene di viola-club e trasferte a migliaia di tifosi; e credo che non sia una leggenda metropolitana, in quanto lo confermò anche il Guetta sul suo libro), penso che chi ha in qualche modo approfittato della sua ingenua generosità avrebbe il dovere morale di rendergli qualcosa. Come ho detto all'inizio, non so cosa sia giusto a questo punto.

    RispondiElimina
  46. Un saluto all'Etruskolo che non ho mai conosciuto di persona,ma che ricordo tifoso misurato nei toni e sapiente nei pareri che esprimeva Ciaoccaro !

    RispondiElimina
  47. Chiarificatore12 gennaio 2013 17:01

    Io penso, Vitalogy, che nel caso specifico ( come in molti altri) non aiutino le categorie del giusto o dell'ingiusto, ma le personali motivazioni di ognuno, ed è su quella che fanno leva i promotori della colletta che, sono certo, ha le sue valide ragioni.

    RispondiElimina
  48. Chiarificatore12 gennaio 2013 17:02

    Quella, verso la fine della seconda riga qui sotto, sta per quelle.

    RispondiElimina
  49. Grazie per le parole in ricordo di Andrea

    RispondiElimina
  50. Chiarificatore12 gennaio 2013 17:27

    Tale  Walters dello Stoke City ha appena realizzato una strepitosa doppietta degna di Gigi Riva ma...nella propria rete. Incredibile, mancava solo che esultasse, eh eh eh.

    RispondiElimina
  51. Canteros, Jordan, è al Villareal, ma in prestito dal Velez. L'unico problema sarebbe forse quello, non credo gli argentini siano troppo ben disposti con noi dopo la storia del Tanque...E' anche vero che ci siamo rinnovati e ci presentiamo diversamente, e possiamo contare sugli ottimi rapporti col Villareal, buon biglietto da visita. Per me è un ottimo giocatore, e può coprire tutti e tre i ruoli occupati da Pizarro, Borja e Aquilani. Inoltre ha un'intelligenza tattica e una maturità incredibili per un '89. Banega appaga di più l'esteta che è in me, ha un piede formidabile [ha pochi, veramente pochi uguali al mondo tra i centrocampisti] e contratsa pure duro, anche nella continuità era molto migliorato prima dell'infortunio. L'ho visto solo nella gara del rientro, però, non so quindi come abbia ripreso.

    RispondiElimina
  52. In volo verso Udine

    RispondiElimina
  53. Mati non è tra i convocati, centrocampo all'osso, presagi sempre più scoranti. La foto l'hai presa tu, Pollock, o te l'hanno inviata i Nostri che ci leggono (AntoineRouge potrebbe allora sospettare che Toni scriva col nick Pippobaccello)? E' rispuntato Mancoalicani, era lunga pezza che non si faceva vedere.

    RispondiElimina
  54. Me l'ha data Ceccarelli dopo quella farlocca di Lampard ah ah ah ah!!!! Grazie Blimpe per le belle parole, per me e per il blogghe.

    RispondiElimina
  55. Mi sa che Pollock s'è fatto un twitter farlocco, sotto le spoglie di una 18enne ucraina cui ha trafugato le foto da un vecchio account flickr ormai estinto. Così ci dispensa queste anteprime mandateLE dai giocatori, pazienza se si deve sorbire anche le immagini di Olivera nudo sotto la doccia.

    RispondiElimina
  56. Chiarificatore12 gennaio 2013 17:52

    Lo stesso Walters ha anche appena sbagliato ( al novantesimo!) un calcio di rigore. Manco Fantozzi. Commovente, i suoi tifosi lo stanno inneggiando.

    RispondiElimina
  57. Chiari, concordo anche col tuo punto di vista.
    Ma Giagioluc chi è? Un nick alternativo di un vecchio utente o una new-entry? Nel secondo caso, benvenuto tra noi.
    Un bentornato anche a Mancoalicani, bentornato che spero di poter dare anche a Deep-Purple che è un po' che non si vede più.

    RispondiElimina
  58. Chiarificatore12 gennaio 2013 18:04

    Giagioluc è Jordan.

    RispondiElimina
  59. O Vitalogy, è stato già spiegato un par di vorte, Giagioluc è Jordan quando l'è dalla sòscera e l'account regolare e' ugni funziona (fosse solo hello... ahahahahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  60. Giagioluc, per i più intimi Giaggiuolo.

    RispondiElimina
  61. Belle le parole della moglie di Andrea. L'ho solo conosciuto su internet, una preghiera per lui e i suoi cari. Blimp mi ricordavo il tuo ingresso con scmbio di battute tra te e Pollock ma non riesco a ritrovarle. Non so se il tuo ingresso è avvenuto come Blimp o con altro nick. Io ricordo che c'ero e che mi colpiva che Pollock riuscisse a scrivere un pezzo quotidianamente dopo un paio di mesi dall'apertura del blog. Ieri dovevamo festeggiare il post n. 400!!! Riguardo a domani, ho letto Jordan che ricordava a tutti che siamo alla prima del girone di ritorno, il mercato vi sta tutti distraendo. Centrocampo ridotto ai minimi termini con infortuni di Pek e Mati, cessioni o quasi di Della Rocca e Olivera. Rimane il Migliaccio con Borja e Aquilani. Formazione ridotta un po' all'ossicino. Davanti io inizierei con Adem assieme a Jovetic: se è vero che Monty lo vede in palla c'è necessità di fraseggio preciso e rapido e Lucone a "salire" in partita nella seconda parte del match in qualsiasi situazione. Per me la partita di domani nasconde l'insidia di "testa", una risposta positiva domani sarebbe indice di crescita, una negativa innescherebbe una preoccupante spirale di scoramento in un momento delicatissimo della stagione (e maledetti quei tre dannati facili punti che non abbiamo preso domenica, aaaaarrrrggghhhh).

    RispondiElimina
  62. Orcio, fammi un favore, non lo chiamare Monty. Quello là, quello dell'asticella, porta sfiga anche per sostituzione.

    RispondiElimina
  63. No dalla socera no perchè l'è in Brasile. Son sempre qui ma l'è disqus che fa il bischero e ogni tanto mi mette il coso della posta invece del nickname.

    RispondiElimina
  64. Esatto, ma non lo fo apposta, l'è questo cazzo di software che mi fa e dispetti

    RispondiElimina
  65. Per Etruskolo qui non ho commentato, sul sitone sì, ma non molto nemmeno lì. Il ricordo mi commuove e non so che dire. Bravo Pollock hai detto tutto anche per me, non interpretate il silenzio come indifferenza perchè è tutto il contrario.

    RispondiElimina
  66. Niente da fare, scrivo Jordan, clicco e lui stampa Giagioluc. Pollock me lo sai spiegare? Ora è tornato Jordan, ma mi piglia in giro?

    RispondiElimina
  67. Ho trovato il mio primo post che però, a mio avviso, non è poi il primo: è dell'11 gennaio 2011 ma io sono sicuro di aver scritto sul sitollock già dall'8 o dal 9, perché riaprii la cloaca dopo le vacanze e vi trovai un richiamo-civetta di Pollock a tutti gli utenti, onde mi connessi sùbito golosamente al fresco sitollock. Ho l'impressione, Pollock, che si siano perduti dei post, non solo i miei, di quell'epoca, poiché ricordavo più interventi in verità. Boh! Del resto quel primo post mio che ho trovato (perdonerete quest'autoreferenzialità collezionistica, fa pensare a Eliogabalo, che conservava ogni suo versamento spermatico in ampolla: immagino che alla fine della sua vita il contenitore fosse divenuto una damigiana) faceva riferimento a un altro post del giorno precedente che non esiste però nella lista. Altri nick di quei primi tempi ruggenti e che non vedo più sono Giulio Pieri e Gianni Galli. C'era anche Scacco, col nick Light at Two Lights: durò pochissimo perché non appena si accorse che Colonel Blimp ero io sbattè la porta con incazzatura omerica e con qualcosa come un «Questa città è troppo piccola per tutti e due!». Pensare che, prima del suo sbotto eloquentissimo quale chapliniano «Great Dictator», io invece non mi ero accorto che quello era lui. Bazzicava Zeman, che poi non ne ha voluto più sapere e non si capisce perché; è sempre mancato Drago e questo è un peccato; Edy è sparito anche dalla cloaca; l'Omino di Ferro è un giornalista che teme di essere detettato. Sennò tutti i meglio sono qua, in questa beata abbazia di Thélème.

    RispondiElimina
  68. O Jorda, sempre meglio Giagioluc che Mammaluc (ahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  69. Ovviamente leggasi: 11 gennaio 2012, e non 2011.

    RispondiElimina
  70. Giagioluc potrebbe essere anche Mammaluc, ma in realtà, essendo un indirizzo di posta sono le prime tre lettere dei nostri nomi di battesimo, io, figlio e moglie (gio è Giordano, cioè Jordan). Contenti? giuro che non lo faccia apposta per cambiar nick ed ancora non ho capito perchè succede.

    RispondiElimina
  71. Ma via, Jordan! Come se ci fosse bisogno di dirlo! Se c'è un mononick a questo mondo sei tu! Si sa bene che questi aggeggi combinano scherzi, io ho avuto a lungo problemi, proprio all'inizio, scrivendo da un'altra postazione che adesso è anche più rapida d'accesso della presente. D'altra parte questi tornelli sono una garanzia necessaria. In attesa della Rivoluzione io sono per l'Ordine.

    RispondiElimina
  72. Ma Scacco matto di cui sento favoleggiare scrive ancora? Non l'ho mai incontrato ma ho visto il bellissimo simbolo su internet della SDA, lo scudo diviso in quattro campi con le immagini di Andrea e Diego della Valle, Corvino e Prandelli. Altri tempi è ovvio. 

    RispondiElimina
  73. In realtà sono stato tra i primi il 13 dicembre (l'ho rivisto ora, non è che me lo ricordassi o l'avessi scritto) nel topic "il tatuaggio e la frittata" che credo fosse il quinto o il sesto della storia del sito. Complimenti poeta, sei proprio bravo un pezzo al giorno, quasi 400 oggi, con tutta questa verve, fantasia e brillantezza non è davvero impresa facile. Chapeau.

    RispondiElimina
  74. Sì, Lud, altri tempi: da quello scudo furono infatti spiccati tre quarti, con esecrazione, e rimase solo uno, lo stesso che veneri tu sull'altar maggiore. Che tu non l'abbia mai incontrato con quel nick su cloaca è difficile, visto quando cominciasti a scrivere.

    RispondiElimina
  75. Bello questo revival del blog, quella più provata dai 400 post è comunque la Rita, è probabile che qualche commento sia andato effettivamente perduto quando ho dovuto disinstallare Disqus per aggiornarlo, in quel caso ho dovuto reimportare tutti i commenti. Dal quel giorno tra l'altro il sistema non mi permette più di mostrare 20 commenti sulla home anche se c'è effettivamente la possibilità di impostare una tale opzione.

    RispondiElimina
  76. Peccato, Pollock, ma quel che resta vale il biglietto. Nel tempo lontano in cui avrò tempo e dunque poco tempo mi rimarrà cercherò di mettere insieme un'antologia tematica da offrire al creatore (con la minuscola... per quello con la maiuscola vorrei, come Max von Sydow nel «Settimo sigillo», altro tempo ancora, di grazia).

    RispondiElimina
  77. Forse l'ho letto qualche volta, Scacco, Blimp, ma probabilmente stava già diradando suoi interventi. In effetti quel simbolo oggi non potrebbe essere più riproposto perchè l'armonia tra Prandelli, Della Valle e Corvino si è poi spezzata e si discute se mai di chi è stata la colpa. Ho letto che la SDA si sciolse il giorno delle dimissioni di Prandelli essendo venuta meno la ragione sociale.

    RispondiElimina
  78. Non so, Lud, bisognerebbe chiedere a Pollock o ad Attila, ad esempio, se la ragione sociale fosse venuta meno: credo che loro due intendessero «adorazione della Fiorentina». Comunque nessun diradamento davvero quando, nel girone di ritorno del campionato 2008/2009, cominciasti a scrivere tu. Sei una gatta morta svizzera, caro Lud, con vibrisse spioventi... Intanto sembra che il presidente del Legia abbia esonerato il direttore tecnico reo di aver voluto vendere Wolski alla Fiorentina per 2.5 milioni. Siamo terribili!!!!!

    RispondiElimina
  79. Era in realtà, o era divenuta, soprattutto una SdAP, peccato che tu non l'abbia conosciuta, ne saresti diventato un discepolo entusiasta. Questa mania del capo e di alcuni seguaci per Prandelli la sgretolò, tanti, come l'illustre nostro ospite, erano invece adoratori della Fiorentina e solo di lei, a prescindere da ogni altra icona. Tutto qui. Il fatto che i DV avessero liquidato Prandelli fu giudicato come un assassinio della Fiorentina stessa compiendo un errore storico che i fatti confermano oggi. Se va via Prandelli, magari ci metti del tempo, ma poi trovi un Montella che è meglio, se ti va via una proprietà come i Della Valle, magari trovi anche di meglio, ma è molto, molto più difficile, per me, di questi tempi, vicino all'impossibile. Oltre tutto nell'occasione l'allenatore non fu certo l'agnellino sacrificato mondo da ogni peccato che volevano far apparire, ma uno che ci mise molto del suo per rovinare con un finale indegno un periodo senza dubbio pieno di successi ai limiti del possibile.

    RispondiElimina
  80. Non ha mica tutti i torti, gli vende il pezzo meglio, di vent'anni, dopo che è stato fermo sei mesi per un infortunio al tallone, e quindi non ha certo una valutazione ottimale! Macìa e Pradè son tremendi, si buttano sulle prede da ogni parte!

    RispondiElimina
  81. Sono tutto meno che gatta morta, Jordan. Di solito quello che scrivo va preso per buono e non ha doppi sensi o interpretazioni in chiave complottistica. Io la Sda l'ho conosciuta a posteriori e proprio per questo non posso dire se le sue posizioni coincidessero interamente con le mie. Della decisione di sciogliersi il giorno delle dimissioni di Prandelli l'ho letto su di un loro sito internet, forse collegato al sito-madre, in questo momento non ricordo.

    RispondiElimina
  82. L'ha ragione il Colonnello, ma se tu scrivi dal 2008-9 (informazione che mi mancava) o com'è che un tu hai mai letto di Scacco Matto, ma che ci perculeggi?

    RispondiElimina
  83. Dal profilo della setta sul sito maggiore trascrivo il commovente messaggio di scioglimento degli Adoratori: 3 giugno 2010: con la rescissione del contratto da parte di Cesare Prandelli termina anche l'avventurosa epopea della Setta degli Adoratori [SdA], nata con l'intento goliardico di "santificare" i Protagonisti di anni fantastici.
    "I've seen things you people wouldn't believe. Attack ships on fire off the shoulder of Torino (2.3.08 & 18.5.08), Liverpool, Lione, Monaco. I watched Toni/Mutu/Gila-beams glitter in the dark near the enemies Gate. All those ... moments will be lost in time, like tears ... in rain. Time to die."
    Grazie a tutti per la partecipazione e condivisione di gioie (innumerevoli) e dolori (pochi) e sempre Forza Viola!

    RispondiElimina
  84. Il 2008/2009 non è posteriore al 2010, mi sembrerebbe piuttosto nell'anteriorità: ad ogni modo le parole che hai trascritto le porterò sempre nel cuore, Lud. A te e ai sitollockiani un buon week-end (il che, per tutti noi, significa una cosa sola...) e una buona serata.

    RispondiElimina
  85. Ah, ok, mi era sfuggita la precedente spiegazione su giagioluc. 

    RispondiElimina
  86. Commovente? Farneticante direi, e tutto questo perchè non c'era più Prandelli! "All those moments will be lost in time, like tears in rain. Time to die" Roba da chiamar la Misericordia! ma persi saranno loro, quei momenti restano nel passato ed altri ce ne saranno nel futuro, perchè la Fiorentina è una fede che trascende questo o quello.

    RispondiElimina
  87. Non avevo mai letto il messaggio di scioglimento della Setta, che più che alla commozione, mi muoverebbe verso la richiesta di un TSO immediato. L'addio di Prandelli coincide con la fine del periodo aureo - senza nemmeno sapere cosa verrà dopo, quindi a priori - e da lì in poi saremo figli di un dio minore. Ho sempre detto che in realtà era una SdAP, ma non immaginavo ci fosse anche il Manifesto postumo. Ma ora che fanno, i pellegrinaggi a Coverciano, le offerte votive ad Orzinuovi? Ma l'hanno festeggiato il 25 dicembre il Natale, o come i Testimoni di Geova pensano che sia una data falsa, sacrilega? Con Montella, siamo quindi in pieno paganesimo? 

    RispondiElimina
  88. Chiarificatore12 gennaio 2013 21:37

    Alla notizia delle 10.38 di oggi su violanews, che ho già segnalato,  oltre alla lettera in ricordo di Etruskolo, c'è anche una sua bella foto con la moglie Antonella, la segnalo perché evidentemente è stata mandata affinché gli internauti viola che lo hanno conosciuto solo virtualmente conservassero la memoria anche del suo volto in un momento radioso della sua vita e con la sua compagna della sua vita.

    RispondiElimina
  89. Gatta morta non te l'ho detto io. Ho detto solo che mi sembra difficile, quindi mi porta al sospetto del perculeggiamento, che uno, adoratore nel DNA come te di Prandelli, in due anni di frequentazione del sito (dal 2008 al 2010) non si sia accorto della SdA che imperversava ad ogni topic e che era in realtà, almeno in molti degli elementi più rappresentativi incluso il capo (e, per fortuna, escluso il nostro ospite) in realtà una SdAP come dimostra chiaramente il manifesto di scioglimento che riporti.

    RispondiElimina
  90. Chiarificatore12 gennaio 2013 21:51

    Centrato il tuo apprezzamento, Deyna, di Montella geniale motivatore nel dichiarare che Lampard a Firenze dovrebbe accettare anche la panchina.

    RispondiElimina
  91. Grazie, Chiari. Tra poco mi vedo Valencia-Siviglia, tra l'altro per vedere [se gioca] in che condizioni è Banega. Ripensavo al nostro self-service Villareal, specialmente se continuasse ad andare male...Tra gennaio e giugno, attenzione a Musacchio e Canteros.

    RispondiElimina
  92. Jordan, Deyna, il citato messaggio di scioglimento della SDA è semplicemente ironico, scimmiottando il celeberrimo monologo finale di Blade Runner : "Ho visto cose che voi umani...".
    Piuttosto, domani, senza il grande Pizarro di questi tempi sarà molto dura.
    Speriamo in Jovetic.

    RispondiElimina
  93. Ho gia' detto che non ero cosi' addentro alle cose del sito da cogliere in modo chiaro le contrapposizioni. Le sigle, alquanto misteriose, non aiutavano (SDA per me inizialmente era mistero). Il messaggio cita Blade Runner se non erro. Ma la parola fondamentale è "goliardia" che allude al fatto che ogni affermazione è in chiave autoironica. Ed ironico e divertito era anche l'uso da parte mia dell'aggettivo "commovente". Se gli SDA mi mandano una tessera postuma omaggio la accetterei volentieri.

    RispondiElimina
  94. Chiarificatore12 gennaio 2013 23:03

    Nel frattempo bel gol, da vero cecchino, di El Hamdaoui in Africa, in un' amichevole preparatoria.

    RispondiElimina
  95. Banega ha giocato una discreta partita, con la solita visione di gioco e maestria tecnica. Ancora si prende delle pause, però, e non mi sembra molto fluido nella corsa. Soldado, con due gol da predatore d'area, stravince la sfida con l'altro goleador spagnolo, Negredo [pressoché nullo]. Potrebbe segnarne un terzo, dopo aver scartato anche il portiere, ma il generosissimo Medel in recupero intercetta il suo tiro a pochi metri dalla porta vuota. Buona prova dell'esterno sinistro Guardado, deludente Tino Costa.

    RispondiElimina
  96. Le abbiamo finite Lud, magari alla prossima.......

    RispondiElimina
  97. Deyna ti chiedo scusa, quando ho scritto il nomignolo per Montella in effetti mi suonava strano, ma ero di fretta: dalla prossima volta 'Vince' può andare? Ciao!

    RispondiElimina
  98. "Vince" ottimo e beneaugurante! Bona!

    RispondiElimina
  99. Autoironico? magari avessero voluto prendersi un po' per il culo! ma quel che è seguito nei comportamenti mi è sembrato tutto fuori che ironico. Il capo o è sparito, almeno ufficialmente come se un grande amore fosse finito nel peggiore dei modi, altri han continuato buttando fiele e pascendosi solo di sconfitte, salvo sparire anche loro adesso che quelle si fanno, fortunatamente, troppo rare. Parlo di alcuni, non di tutta la SdA, ovviamente, fatta per la maggior parte da appassionati veri della Fiorentina che, magari dopo un certo brontolìo che è anche comprensibile, si son ributtati ad amarla.

    RispondiElimina
  100. E non se ne può non far fare 100 alla Melato. Solo per ricordarla il centesimo, grande attrice, a me non mi attizzava per niente Deyna, per lo meno niente a che vedere con la tua amica delle foto, però era una grande attrice.

    RispondiElimina