.

.

lunedì 28 gennaio 2013

Tra tattoo e vodoo

Che inculata! Davanti a un gennaio che si è tatuato tutto di sfiga mentre pali e traverse delimitano ormai i labili confini tra facili alibi, il disagio e la sfortuna sotto porta, che evidenzia però anche un problema di chi dovrebbe fare servizio di guardiania alla nostra, problema più sgargiante di qualsiasi maglia in dotazione ai nostri numero uno, che in compenso e da ambientalisti sensibili, invece che al campo di gioco preferiscono andare in camporella tra papaveri e papere. Un gennaio che termina sostituendo i giorni della merla con i giorni della merda. E poi la sfortuna di Jovetic colpito da anemia mediterranea che lo rende avulso dalla manovra, dalla nostra sia chiaro, non certo da quella di Ramadani che sembra spostare, arzillo, il suo giocatore sulla scacchiera giocando con la Fiorentina come il gatto con il topo player. Perché se è vero che è lontano dal gol sembra essere soprattutto lontano dall’anima della squadra, con la testa e con il cuore, sentimentalmente abulico, un grande talento che però non usa, sbarcandolo invece che a Lampedusa, probabilmente in un centro d’accoglienza bianconero. Parole queste mie, portate con un gommone da uno scafista senza scrupoli e ragione, sugli scogli della delusione per una partita persa in un modo pazzesco. Per fortuna però c’è anche una ragione che prevale, che raccoglie la delusione e l’asciuga dalla rabbia scoprendo così anche una gran bella Fiorentina, che spreca e regala con le caratteristiche tipiche di chi ha le mani bucate, e non solo quelle dei propri portieri, ma che riesce a reagire al pareggio del Catania col piglio della grande squadra, con carattere, se possibile giocando un calcio migliore di quello espresso prima di essere tradita dall’atteggiamento sconsiderato di Aquilani. Bene sugli esterni con Pasqual che macina chilometri e scarica cross in area con arma automatica, e con Cuadrado che si piazza mina vagante nelle maglie della difesa etnea, come allo stesso modo si comporta sotto porta almeno in maniera stravagante, capace cioè di dilapidare le occasioni più ghiotte depilando la traversa. L’inserimento di un ragioniere come Migliaccio porta addirittura degli sgravi fiscali iinaspettati in zona gol mentre i manager fanno gli stessi buchi di bilancio di Mussari, tanto possesso palla e fase propositiva, ma anche un’incredibile percentuale nel riuscire a subire gol nelle pochissime occasioni concesse. Ma c’è speranza in questa settimana però, quella di alleviare il dolore per le sbruciacchiature riportate insieme ai lapilli siciliani, spalmandoci sopra l’emolliente curiosità in crema estratta dalle caratteristiche dei nuovi arrivati, specie il polacco visto che Vecino non ha ancora ottenuto il passaporto italiano, sperando che il padre non sia quel Caruso che conosciamo e che abbia invece conoscenze in alto, magari con qualche Papa che ci metta una parolina buona per allontanare la sfiga. C’è bisogno anche del ritorno di Pizarro e quello di El Ham che sembra il più capace di puntare con cattiveria la porta senza tanti giri di parole, sperando che Larrondo possa sorprenderci in positivo. Ma per il bene della Fiorentina c’è bisogno soprattutto di serenità e di tanto equilibrio, il girone di andata è lì come una stele per ricordarci le grandi doti di questa squadra, un monito a non creare dualismi o polemiche, perché anche la squadra adesso avrà bisogno di posteggiare gli episodi negativi nel dimenticatoio, per affidarsi al sistema automatico di ricerca del box libero dove scaricare la delusione e dove andare a ritirare la propria auto-stima bella lavata dagli schizzi di sfortuna e con il pieno di fiducia.

170 commenti:

  1. Chiarificatore28 gennaio 2013 07:34

    Capisco che dopo una sequela di risultati così negativi
    venga voglia di spaccare tutto e di prendersela con qualcuno. Ma pensare che
    siano colpa dell’attaccante che non è venuto e di Neto è la cosa più sbagliata
    , infantile e autolesionistica che si possa fare. 





    Queste sconfitte, trattandosi
    di un gioco,  sono esattamente colpa del
    destino cinico e baro e di qualche arbitro. Un sfiga così persistente non s’è
    mai vista, lo stesso Montella che non è certo un piagnone lo ha dichiarato,
    vogliamo credere che andrà ancora avanti? Può anche succedere, ma è
    ragionevolmente molto difficile che accada, ed in ogni caso non è un motivo per
    rinunciare a continuare giocare bene. 







    Poi, se vogliamo metterci qualche colpa
    nostra, io ci metto l’imprecisione di molti dei nostri sotto rete, il nervosismo di
    alcuni, la testardaggine di Montella nel puntare solo e sempre su Toni
    regalando regolarmente un uomo all'avversario di turno,  certamente anche qualche incertezza di
    troppo di ENTRAMBI i portieri e, non dimentichiamolo , l’indisponente
    rendimento di Jovetic. 







    Non c’è dubbio che ENTRAMBI i portieri non diano
    (ancora?) pieno affidamento, tra i due, però, quello che continua a darne un
    po’ di più e che ha i maggiori margini di miglioramento, per ragioni tecniche,
    strutturali, di età e di freschezza fisica,   secondo me resta Neto, quindi io continuerei
    a dar fiducia a lui, ma su questo potrei sbagliarmi, mentre su quanto ho detto
    prima sono ragionevolmente certo. 







    Ora non ci sono più attenuanti, un paio di
    centravanti da serie A, che possono farci giocare in undici li abbiamo,continuare
    a mettere Toni sarebbe autolesionismo puro, e lo dico sapendo che il buon vecchio
    lucone, al quale dobbiamo solo essere grati, qualche zampata sarebbe ancora in
    grado di darla. 







    Ieri di positivo c’è stato che s’è visto che un degno sostituto
    di Pizarro  in casa ce l’abbiamo, si
    chiama Valero,  e questo OTTIMO mercato
    di gennaio che ha fatto la Fiorentina ha messo a disposizione di Montella dei
    rinforzi molto molto interessanti in ogni reparto e disponibili immediatamente,
    per non parlare del prossimo futuro dove c’è letteralmente da esaltarsi. 








    Continuiamo,
    a detta di tutti, a giocare il miglior calcio d’Italia, vogliamo rinunciarci?
    Io dico che dobbiamo andare avanti per la nostra strada magari curando di più
    certi dettagli, ma con la stessa determinazione e senza perdere la testa ( vero
    Cuadrado e Aquilani? ) quando le cose in campo non vanno, anzi mantenendo
    grande serenità e sicurezza dei propri mezzi  e, ripeto, possibilmente giocando in undici
    visto che spesso ci capita di giocare contro dodici.

    RispondiElimina
  2. Chiarificatore28 gennaio 2013 07:59

    Quanto a Pasqual, ieri ha meritato una buona sufficienza per i tanti cross ben eseguiti, ma, parliamoci chiaro, solo quello sa fare, dobbiamo allora chiederci se la Fiorentina di Montella può permettersi un lusso del genere.

    RispondiElimina
  3. Perché dovremmo rinunciare a giocare un bel gioco, Chiari? Semplicemente dobbiamo avere efficienti due ruoli cruciali per una squadra e attribuire colpe esclusive all'arbitro e alla sfortuna per un pareggio e quattro sconfitte in un mese, caro Chiari, non aiuta a approntare la soluzione ai due problemi che tutti, ma proprio tutti gli addetti ai lavori additano e un intero stadio con loro (qualcuno tra noi da un bel po' di tempo, certamente Deyna prima di tutti). Credimi, Chiari, l'aziendalismo preventivo non ha mai fatto bene nemmeno ai Padroni: non ti succede nulla, non sei fellone se dici che non la buttiamo dentro con gli attaccanti se non con quote da retrocessione e che in porta è una sagra degli orrori chiunque ci giochi. Credimi, non è come se un tenentino avesse detto a Baffo che l'operazione Barbarossa, a occhio e croce, era una cazzata, ma è vero che l'onore della Germania lo si difende realmente non raccontando che a Stalingrado 'sti bolscevichi li stiamo facendo neri, anzi Viola. E guarda che non dico che sei autolesionistico e puerile, come sarebbero tutti gli addetti ai lavori e tutto uno stadio ormai (le maiuscole verbali non rafforzano mai un bel nulla, caro Chiari), ma che stai sbagliando sì.

    RispondiElimina
  4. Io non credo che sia la sfortuna la causa di questi deludenti risultati. Aggrapparsi scimmiescamente ai pali ha poco senso se la difesa viene regolarmente perforata alla prima occasione, i centrocampisti macinano gioco ma non sanno tirare in porta, Jovetic si dimostra un disadattato, si spera in Larrondo e in Vio.

    RispondiElimina
  5. Chiarificatore28 gennaio 2013 08:32

    Come ti ho già dimostrato più volte, caro Colonnello, aziendalista sei tu, io sono stato aziendalista solo nelle aziende in cui ho fatto il manager ed ora lo sono nella mia ditta individuale, punto e basta.





    Per quanto riguarda la Fiorentina sono nulla altro che un suo accanito tifoso, e pretendo che la proprietà, e per essere più espliciti, che la famiglia Della Valle con la Fiorentina continui a rigar dritto, altro che aziendalista!





    Le colpe di questo gennaio non sono solo della sfortuna e degli arbitri, lo sono soprattutto, poi ce ne sono altre nostre che ho elencato, ma ritengo ASSOLUTAMENTE SBAGLIATO, PUERILE ed AUTOLESIONISTICO dire che le colpe sono di questa campagna acquisti e di Neto.





    O è vietato e offensivo anche parlare di infantilismo, di autolesionismo di certi atteggiamenti e di certi ragionamenti, e sottolineare un concetto mettendolo in maiuscolo?

    RispondiElimina
  6. Chiarificatore28 gennaio 2013 08:42

    Detto da AntoineRouge, sentirmi dare della scimmia attaccata ai pali, lo prendo come un complimento, e non sto scherzando.

    RispondiElimina
  7. Neto tra l'altro è stato il protagonista dell'unico punto che si è preso in queste quattro partite, è stato protagonista con l'Udinese in Coppa e con la Roma (a parte il goal cui qualcuno gli vuole attribuire responsabilità che per me non ha, aveva parato più che bene),  
    gli unici punti che gli si possono imputare sono i due di ieri (la papera di Udine, clamorosa, sul risultato ha infierito poco visto che si perdeva già 2-1 e non si è riusciti nemmeno a fare il 3-2) per un errore in uscita. E' un giovane soggetto ad alti e bassi, agli 8 ed ai 4 soprattutto perchè lanciato nel modo e nelle situazioni peggiori in una squadra che, per come gioca, avrebbe bisogno di un vecchio saggio e padrone di tutta l'area e non di un giovane da far crescere tenuto colpevolmente per due anni in naftalina. 

    RispondiElimina
  8. L'ho detto e lo riscrivo, per come si è giocato, per le occasioni da rete create, che son poi quello che conta, da noi e dagli avversari, in una situazione astrale non assurda  come quella di questo mese e/o con arbitraggi normali avremmo nove punti in più e si sarebbe fatta la semifinale di Coppa Italia e tutti saremmo felici e contenti. A da passa' a nuttata, tutto qui. Che poi ci siano carenze, nell'organico ed in qualche prestazione, è ovvio, se no si vincerebbero tutte e si sarebbe davanti alla Juve.

    RispondiElimina
  9. Sì, è sbagliato, Chiari, non è sorretto da analisi obiettiva, come ti ho detto e come chiunque direbbe ormai ad apertura di giornale, accensione di televisione ed entrata in bar, ed è, soprattutto, vano, come di chi voglia riempire il secchiello con tutta l'acqua del mare. Ma siccome sei un giustificazionista per aziendalismo preventivo, vedrai Chiari che, se i due problemi saranno risolti autolesionisticamente e puerilmente dalla Società, sarai contento pure tu e retrospettivamente almanaccante un «come volevasi dimostrare». La variabile davvero imprevista, e incidente assai, era Juvetic, di cui si può sospettare, ormai, l'intento ricattatorio ma anche su ciò è mancata analisi tempestiva, anche perché Montella continua a non essere sorretto, come non lo erano i precedenti allenatori, da un consigliori/cinghia di trasmissione con la società (non ne hanno il ruolo né le competenze né Pradè né Guerini) che riceva input dal basso e permetta una rielaborazione situazionale da parte dell'azienda, uno che nel Milan, ad esempio, ha tante volte risolto e sta risolvendo le grane temporanee, impedendone la cronicizzazione. C'è stata anche, come nel Martino proverbiale, una supervalutazione di risultati parziali: se non si mangia per un giorno (l'avrete provato tutti), superata la fase-crampi, leggerezza e ignota lucidità pervadono, ma dopo due giorni insorge lentamente cachessia.

    RispondiElimina
  10. Ciao Pollock, è sparito un mio commento postato ieri sera. Non mi sembrava dai aver scritto cose strane. Ci riprovo. Era un post in risposta a Jordan e al Blimp. A Jordan dicevo che secondo me in questo periodo Neto non è stato particolarmente pressato dal punto di vista psicologico e che io gli ho visto fare dei grandi errori tecnici per cui comincio a ritenerelo (contento di sbagliarmi nel caso) un portiere sul mediocre basso. Sono d'accordo invece con Jordan sullo sculo pazzesco che abbiamo in questo periodo e mi preoccupa ancora una volta il silenzio sulla vergognosa situazione arbitri contro di noi. A Blimpe dicevo che su Frey gli aveva già risposto Jordan stesso mentre ero d'accordo con le sue considerazione su Jovetic. Questo suo "rendimento" è piuttosto sospetto e non vorrei che il gentil Ramadani....Comunque mi sembra il caso di lasciarlo in panchina in questo periodo a riflettere sui suoi errori.

    RispondiElimina
  11. Chiarificatore28 gennaio 2013 09:11

    Insisti testardamente a parlare di aziendalismo, Freud ne darebbe una ragione di questa tua insistenza, caro Colonnello.
    Quanto alle "analisi obiettive", non ce n'è una in tutto il globo che indichi nella campagna acquisti di gennaio la responsabilità di questi nostri rovesci, questa analisi sbagliata, infantile ed autolesionistica si legge solo qui,  e qua e là nel sitone.

    RispondiElimina
  12. Chiarificatore28 gennaio 2013 09:20

    Cerca di non far confusione con i ragionamenti, Colonnello. 



    Se venisse un bel centravanti da 20 gol, un portiere affidabile e di grande esperienza,  un tornante sinistro simil Cuadrado, tutti con ingaggi conformi ai nostri parametri, chi non sarebbe contento a Firenze? Altra cosa, però, sbagliata, infantile ed autolesionistica è sostenere che i nostri rovesci di gennaio sono colpa dei mancati arrivi, o anche solo di un mancato arrivo, di cui sopra.

    RispondiElimina
  13. Jordan bisogna capire se il tuo punto di vista è empirista o aristotelico. Se deduci da premesse tue di tipo biologico-culturale che l'atleta brasiliano è comunque superiore all'italiano puoi incorrere nell'errore di parlare male di Viviano sin da agosto, con il rischio di creare un clima negativo intorno all'atleta e accentuarne le difficoltà psicologiche. Se deduci sempre sulle stesse basi logiche che Giuseppe Rossi non va preso perchè si deve prendere anche in questo caso un brasiliano, viene meno la logica e la concretezza e oggettivamente non si porta acqua al mulino della causa viola. Anzi, direi tutto il contrario. In generale non mi piace quando un nostro giocatore viene distrutto, messo ai paletti, costretto ad arrancare per difficoltà che gli vengono create dalla sua stessa tifoseria.

    RispondiElimina
  14. Ma naturalmente, Chiari, che la campagna di gennaio non ha la sola responsabilità! Come ho scritto, il problema viene da lontano, da un mercato estivo, nei due ruoli-chiave, incasinante con Viviano, ridicolo con Toni, abortito con Berbatov: poi come ancora scrivevo, l'illusione di Martino. Credo che Freud si occuperebbe piuttosto, caro Chiari, di chi inizia la mattina inviperito distribuendo patenti, esse sì infantilmente ripetute a ogni post anche in maiuscola (peccato che non passi il grassetto, peccato che non passi il corsivo!), di infantile autolesionismo a uno stadio, alle televisioni, ai giornali tutti, perché non sa provare a parole la fondatezza del suo disaccordo. Oggi riterrò questa considerazione, credo con gratitudine del Lelone Africano: «Un epilogo atteso da parte dell’ex dirigente viola, Mario Sconcerti, che spiega: "Il problema è molto chiaro, se non hai un portiere e un centravanti puoi tenere il pallone quanto vuoi, ma alla fine… Poi è anche vero che questo è un periodo sfortunato. Ma non si può pensare di andare in Champions League in queste condizioni"». Zeman a rischio panchina e proprio a causa di Stekelenburg: durissimo comunicato di Baldini in merito (azz! Se continua così per noi e se la Roma cambia allenatore anche questi ce li vediamo passare davanti: in quanto al portierone, adesso è blindato dalla Società, con simili dichiarazioni). Oggi ultima offerta della Juve per Lisandro: con l'acqua alla gola arriverebbero fino a 6 per il riscatto, ma Aulas non molla su 8. E Llorente si è infortunato gravemente, sì da far probabilmente sballare l'acquisto. Noi alla finestra per Quaglia. Promesse di cambiamento abbondante di uomini e forse di tattica da parte di Montella. L'ambiente attorno a Viviano assicura di una sua permanenza a Firenze, onde il suo ritorno fra i pali col Parma appare scontato.

    RispondiElimina
  15. Jordan ha ragione. La situazione sarebbe molto preoccupante se i cattivi risultati di gennaio fossero stati accompagnati da cattive prestazioni di squadra. Casa che non è avvenuta. Il gioco, nonostante le sconfitte (tutte quante estremamente discutibili e dovute ad errori di singoli, come arbitri e portieri, soprattutto) c'è sempre stato. Anzi, da quel punto di vista, Catania ha mostrato una squadra in crescita rispetto alle ultime settimane. Purtroppo paghiamo salate le uniche due falle della campagna acquisti: la mancanza di un valido centravanti (che doveva essere Berbatov e non è stato) e di un portiere dal rendimento sicuro. Si è voluto prendere Viviano a tutti i costi per ingraziarsi la curva vuturiana, affiancandogli un giovane che non metteva piede in campo da due anni. Quando ci si è resi conto che Viviano è un grande tifoso, ma che come portiere non ha convinto nessuno e neppure i suoi amici, abbiamo buttato nella mischia Neto, con tutte le incognite che si portava dietro ed ha alternato cose belle a cappelle mostruose. ma, diciamolo francamente, questa situazione era stata prevista e temuta sin da agosto. Tanto valeva affidarsi ad un portiere più esperto e solido dei due che abbiamo. Temo che per quest'anno dovremo arrangiarci con quel che abbiamo. Ma il problema c'è, è grosso e va risolto.

    RispondiElimina
  16. CHIARI il tuo ottimismo, davvero, mi contagia e mi fa venir voglia di dichiararmi d'accordo con te. Anzi, sicuramente sono con te quando si dice che siamo un cantiere in pieno svolgimento. Sono d'accordo con te quando evidenzi che abbiamo un impianto di gioco e che un mese negativo non ci deve far rinnegare una filosofia. Lo sono meno quando ancora riponi fiducia in Neto che, secondo me, ha mostrato limiti tecnici e caratteriali notevolissimi (ha giocato pochissime partite e ha fatto davvero troppi errori gravi, non compensati da alcuni ottimi interventi) e quando ritieni la campagna acquisti ottima a gennaio. E' sicuramente buona, inengabile per me, ma la mancanza di un centravanti vero e di un sostituto del buon capitano comincia a farsi sentire gravemente.

    RispondiElimina
  17. Veneto, mi dispiace ma non dipende da me, evidentemente il sistema si mangia commenti come Cuadrado i gol.

    RispondiElimina
  18. Certo che sono solo due falle, McGuire, e che, a parte Juvetic (problema inopinato per tutti), per il resto il gioco è magnifico (la seconda frazione col Catania è, dopo quella con la Juve, la nostra migliore in questo campionato)! Purtroppo, come dice Sconcerti con lapidaria esattezza, sono due falle intrattenute (una, con la partenza di Boruc e l'operazione acchiappavuturi di Viviano, l'altra con la prosecuzione di una carenza che dura da quando Gila fece il vuoto attorno a sé e poco dopo entrò in declino) colpevolmente e sono due falle in ruoli-chiave. Adesso, in tre giorni e mezzo, sarà dura turarle. E' ovvio che torneremo alla vittoria, che la sfortuna sarà meno asfissiante, ma se i due problemi non saranno curati in tempo non credo che ormai andremo oltre il settimo posto ed è un peccato proprio per la qualità di gioco che abbiamo saputo e sappiamo esprimere.

    RispondiElimina
  19. Chiarificatore28 gennaio 2013 09:52

    Belle e scontate considerazioni di carattere generale sulle nostre esigenze, le tue Colonnello, che sono il regno dell'ovvio e del risaputo, resta INDISCUTIBILMENTE SBAGLIATO, INFANTILE, AUTOLESIONISTICO E CONTRADDETTO, NON SOLO E NON TANTO DA QUANTO TI HO ESPLICITAMENTE SPIEGATO, MA DAI FATTI E DALLA CONSEGUENTE OPINIONE PUBBLICA GENERALE,  sostenere che i nostri rovesci di gennaio siano colpa delle scontate esigenze che continui ad elencare e che anche i muri condividono.
    p.s. fatemi sapere se è vietato sottolineare, con le maiuscole, cioè l'unico modo possibile, un ragionamento, e se è vietato o criticabile scrivere di mattina presto.

    RispondiElimina
  20. Il buongiorno africanoBuongiorno
    a tutti.Registro che il Chiari mi da'di puerile o almeno puerili le mie
    argomentazioni,dato che senza ombre ho addossato almeno il 90% di
    responsabilita'di questo gennaio da incubo al mercato insufficiente,e
    quindi a chi lo ha compiuto.(penso tra l'altro che attaccarsi solo allo
    sculo e arbitri,quello si' sia superficiale)Oltre a questo,sarei anche
    autolesionistico.Ora carissimo Chairi dimmi cosa ci sarebbe di
    autolesionistico affermare il fallimento del mercato che e'sotto gli
    occhi di tutti,tranne quelli che,mi pare come te,vuole strenuamente
    difendere le sue posizioni.Per te acquistare Rossi in inverno e'stata
    una genialata,ma a parte il prezzo(e ci aggiungerei che in questo
    e'racchiuso anche il rischio fisico)devi rispondere sulla tempistica e
    non ci puoi passare sopra di fatto arrendendoti prematuramente alla
    lotta allora vivissima per la CL e passare al prossimo campionato.Mi
    spiace,Chiari sai quanto ti stimo,ma rare volte ho letto tue
    retromarce,tuoi ravvedimenti,anche davanti ad evidenze.A te fa schifo
    Toni,lo hai preso per il culo pure quando segnava,ma dimmi chi doveva
    mettere ieri,Seferovic?O quanti tiri in porta,non gol,ci ha fatto vedere
    questo?Se ci si ritrova in queste condizioni e'colpa dei DS,che per me
    restano dei professionisti di grande qualita',ma che hanno scazzato alla
    grande,e che non hanno trovato di meglio di un Larrondo pure tenuto
    riserva di Toni,oppure dirlo e'autolesionistico?O Montella e'uno
    scarso,o lo scarso e'Larrondo che fa panca ad un soprammobile...Credo
    che autolesionistico sia tapparsi gli occhi e continuare ad argomentare
    le proprie tesi senza specificita'tecnica.Come la valutazione di ottimo a
    questo mercato.Conosci Vecino?Volsky?Alonso?Commper?non
    rispondere "se li hanno presi vuol dire che son buoni"questo se lo
    augurano tutti, e aggiungo pure che mi fido di loro,ma anche se
    cosi'fosse,dove e'la punta che ci manca dall'estate?Come li metti in
    campo?Non rispondermi alla Lud,per cortesia.No Chiari,ravvedersi nelle
    valutazioni non e' reato,tranquillo,si puo'fare con grande
    dignita',senza tentare di arrampicarsi sugli specchi.
    Lele
    P.S.
    Vedo con piacere che almeno in una cosa mi dai seguito,ossia a chi
    chiedeva un sostituto di Pizarro,dicevo da mesi che ce l'abbiamo in casa
    ed e'Borja.

    RispondiElimina
  21. Non è vietato, Chiari, del resto i ragionamenti giusti non hanno bisogno di marchingegni di sottolineatura o di soprammobili con la freccia lampeggiante. L'«opinione pubblica generale», ad apertura di giornali, accensione di televisioni, entrata in bar, ritiene le carenze nei due ruoli-chiave decisive per la spiegazione, l'opinione del Chiari no. I fatti parlano di molti punti persi dai nostri portieri dall'inizio dell'anno e di quote gol degli attaccanti da squadra che lotta per non retrocedere.

    RispondiElimina
  22. Chiarificatore28 gennaio 2013 10:00

    Io sono convinto che se rigiocassimo dieci volte questo maledetto mese di gennaio, anche  con gli stessi uomini, faremmo come minimo una media di due punti a partita. Di cosa stiamo parlando allora se non di sfortuna? 

    RispondiElimina
  23. Ad ogni modo in un attaccante io spero ancora: con quel che crea la squadra basterebbe un attaccante di qualità sicura, non un fenomeno (per ora). Per il ruolo di portiere temo invece che faremo il pendolo fra l'uno e l'altro, fra una papera e l'altra, se ho capito l'antifona montelliana e vista l'evoluzione del caso-Stekelenburg, che sta travolgendo Zeman.

    RispondiElimina
  24. Chiarificatore28 gennaio 2013 10:08

    Ti ripeto, Colonnello, un conto è dire, come dicono tutti, che ci vorrebbe un centravanti da 20 gol, un portiere esperto,sicuro ed affidabile, un  tornante sinistro, altra cosa è dire che quanto è successo a gennaio è colpa di questo che ci vorrebbe e che non c'è.





    p.s. una sottolineatura non è una pretesa o un bisogno di aver ragione,  è semplicemente una segnalazione di un concetto che si ritiene utile mettere in particolare evidenza.

    RispondiElimina
  25. Sì, Chiari, ma è proprio quello che ti divide dal pensiero comune sulla situazione. Specifico comunque, come ho scritto sotto, che nemmeno di un centravanti da 20 gol a campionato, come dici, ci sarebbe bisogno adesso, ma da una dozzina e che crei spazi e che dialoghi. Sulla sfortuna: posto che ieri ho parlato a lungo della dea bendata maledicendola, io direi che chiamare Perin sfortuna è dir troppo, è un portiere e cerca di evitare gol alla sua squadra, nel secondo tempo non facemmo un tiro in porta, avevamo fatto bagordi nelle vacanze sottovalutando alla grande un avversario che ieri in effetti ne ha beccate sei. Con l'Udinese meritavamo di più, difficile dire però se la vittoria, eravamo in vantaggio di un gol. La Roma, decimata e in trasferta, ha meritato la vittoria, ha giocato meglio di noi. Col Napoli è dura sostenere che avremmo meritato di vincere noi... Ieri, al di là delle carenze, la jella è stata palpabile. In totale, direi 4 punti in più se il libeccio non fosse stato contrario, se fosse stato proprio favorevole allora 6. Ma poi occorre smettere la parte del tifoso (è dura, lo so...) e valutare un intero campionato con lo jellometro: credo che qualche nostro avversario, nei quattro mesi prima di Natale (mettiamo, la Lazio), avrebbe magari da dire qualcosa sul soggetto.

    RispondiElimina
  26. Certo, Chiari: fossimo nel Borneo faremmo un uso proficuo delle capacità prensili dimostrate. Qui, invece, servono solo come autogiustificazione.

    RispondiElimina
  27. Lele permettimi, MA MI sembri un tantino esagerato nella critica a Pracià. Sull'operazione Rossi avrai ampiamente modo di ricrederti, lascia passare il tempo e ti ricorderai di me. Ed anche su Larrondo, mi pare tu stia accelerando un po troppo. Ribadisco che questo ragazzo ha  buone potenzialità, è stato pagato poco (come molti degli acquisti del DUO..), ci vuole solo il suo tempo. E' arrivato a metà della scorsa settimana, ha 5 giorni di allenamento col gruppo, metterlo 20 minuti, in trasferta, in inferiorità numerica, che senso avrebbe avuto? A bruciarlo ancor prima di metterlo vicino al fuoco. Domenica avremo modo di vedere il suo debutto, sono convinto che ci darà una mano. Purtroppo qualcosa si è sbagliato, anche Vita ieri sera evidenziava che adesso rischiamo di essere corti pure nel mezzo, lo scrivevo già dopo la gara pareggiata con Napoli. Sono arrivati due grandi prospetti come il polacchino e Vecino (ci fa anche rima), aspettiamo che Vincenzo li inserisca e gli trovi collocazione (sono certo che ci riuscirà). Insomma, viste le macerie dalle quali sono partiti ritengo, ancora, il bilancio ampiamente positivo. Aspetto il mì omo, che quell'attro ritrovi i sù cenci e la sorpresina di fine gennaio. Poi icche centra, i coglioni mi girano anche a me...

    RispondiElimina
  28. Lud io non parlo affatto per stereotipi o per pregiudizi razziali alla rovescia (il calciatore brasiliano è più ganzo per forza), registralo e mettitelo nel capo. Nella fattispecie per quanto riguarda Viviano ho obiettato sin dall'inizio su due punti 1) il modo assolutamente sbagliato di portarlo, quasi imporlo come un'icona del tifo il che avrebbe portato a divisioni interne tra chi questi concetti ce li ha come postulati e chi invece se ne frega, rendendo molto difficile l'applicazione di qualsiasi alternativa, come è puntualmente successo, 2) trattasi di portiere che non ritengo eccezionale e che veniva da un brutto incidente, molto delicato per la sua complessione fisica e che, nei sei mesi di Palermo, non aveva dimostrato di aver superato, quindi era un'incognita anche come rendimento. Anche questo dubbio è stato puntualmente verificato dai fatti. Per quanto riguarda Neto, lo conoscevo, a differenza di quasi tutti, a parte Deyna, dal suo unico campionato fatto in Brasile, in maniera, lui sì, vicino all'eccezionale, per la giovane età ed il rendimento raggiunto, per cui auspicavo potesse fare lo stesso in viola. E' stato fatto di tutto perchè non succedesse ed infatti lo stiamo rovinando. Due anni di inattività al limite del criminale, l'imposizione dell'icona che non lasciava molte alternative in partenza, il lancio quasi obbligatorio con mezza tifoseria che gufa contro, che gli dà la colpa di qualsiasi goal subito e che, ovviamente, lo fucila per i due errori veri fatti. Il Brasile e l'Italia c'entrano poco, c'entra la logica. Come c'entra per Rossi. I dubbi esposti riguardano anche lì la tempistica, (ci serve uno pronto subito perchè abbiamo difficoltà ad andare in goal e si prende uno che, ad andar bene, giocherà l'anno prossimo), ed il pericolo che la perfetta efficienza possa essere una chimera, visto il tipo di infortunio, ripetuto, subito. Cosa c'entra il Brasile? le battute su Leandro Damiao? se tu avessi letto, cosa che abitualmente non fai, avresti capito che erano solo tali. A parte ogni altra considerazione (e  ce ne sono tante altre) il brasiliano non può venire a gennaio a Firenze perchè è extracomunitario il che taglia la testa al toro per il dubbio uno circa la tempistica. Se però invece che investire per l'anno prossimo su Rossi non sarebbe stato meglio prendere, che ne so, Aubameyang, o Van Wolfswinkel o Tim Matavz o chi ti pare, di qualsiasi nazionalità vuoi, resta ed è il dubbio che abbiamo espresso subito, io, Lele ed altri.

    RispondiElimina
  29. E' una somma di episodi che determinano 3 o 4 punti in più in classifica in questo mese. Parcellizzare meriti o responsabilità a portieri o attaccanti dalle polveri bagnate, cazzate della difesa o arrivi presunti o mancati o semplice jella è un esercizio duro da mandare a memoria. Come sostiene il colonnello lo jellometro non ci vedrebbe stravincere rispetto ad altre, di certo i fischietti non ci sono stati amici in questo mese ma guai a pensare ai "soliti" disegni di stampo cupolistico, ci siamo stoppati da soli. Penso che Larrondo e Wolski fossero il massimo a cui potessimo arrivare in questo Gennaio, sia per tempistica, sia per disponibilità economica, senza scordarci che Rossi, da solo, ha bruciato il tesoretto; io la considero un'operazione fantastica, fatta nei tempi e nei modi migliori per arrivare ad un simile giocatore. (Certo l'incertezza recupero è una variabile ma perché pensare sempre mer... ?!) Il sostituto del Pek è un ruolo difficilmente reperibile, quanti ce ne sono in europa di questo livello sotto i 10 milioni ?! Sul portiere abbiamo già scritto, Neto si è giocato parecchi bonus e non è detto che sia lui di nuovo l'estremo difensore, il fatto che non abbia giocato per due anni non è colpa né di Montella né della coppia dei DS, c'è lui, tocca/va a lui, vanno sparate cartucce migliori quando ne hai l'occasione, che non sia facile dopo un lungo periodo di inattività è chiaro ma lo è altrettanto capire che un simile andazzo (neanche tragico) non è sopportabile, un'altra cappella, forse no, e torna in panchina, forse, definitivamente. Deve riaccumulare bonus che ne impediscano un accantonamento. Se si crede ai miracoli magari arriva il passaporto di Vecino in questi 3 giorni ed avremmo un altro centrocampista di sicuro avvenire. E' riduttivo pensare che non essendo arrivato Lisandro e Stekelenburg siamo ancora fermi a 36 punti, se dopo 18 giocatori nuovi e un girone di andata a quei ritmi si pensa che con due innesti ne faremmo altrettanti se non di più significa che molti di quei 18 sono scarsini o che i due nuovi arrivi valgono una settantina di milioni in due, cosa palesemente errata, sia la prima, che la seconda.

    RispondiElimina
  30. Chiarificatore28 gennaio 2013 10:39

    Lele, non mi sogno neppure lontanamente di pensare che tu, ed il Colonnello, diciate di solito cose sbagliate, o che siate infantili o addirittura autolesionisti.Penso semmai l'esatto opposto, e cioè che di solito sostenete cose giuste e per me istruttive, che siete due persone mature, molto intelligenti e tutt'altro che autolesionisti.
    Ciò detto penso che il vostro ragionamento sul mercato di gennaio messo in relazione con i rovesci di gennaio sia sbagliato, infantile ed autolesionista.
    Mi chiedi perché autolesionista? Perché di fatto mortifica le grandi prestazioni della squadra in questo maledetto mese, punite dalla sfortuna soprattutto.
    Toni non mi fa schifo, oggi lo ritengo un uomo in meno in campo, soprattutto se messo dal primo minuto, penso che persino Seferovic darebbe maggior contributo agli schemi di Montella, e che se Larrondo lo hanno preso è perché lo stimano più in grado di lui oggi di fare il centravanti, al punto tale che Montella s'è lamentato per il ritardo del suo arrivo. 
    Quanto a Vecino e Wolski e opinione generale degli esperti che si tratti di due veri e propri gioielli. 
    Rossi per me è stata un'occasione da prendere al volo, un rischio calcolato che ci farà fare un notevole salto di qualità.
    Ho pensato che l'Unione Sovietica fosse un sistema, in quell'area d'Europa, tutto sommato giusto, valido e magari riformabile, ed ho sbagliato.Sono stato ideologicamente comunista ed ho sbagliato, anche se me ne sono accorto prima di molti altri nel mio partito.
    Per me ravvedersi è segno di intelligenza, ditemi concretamente in cosa dovrei farlo e sarò ben lieto di farlo.

    RispondiElimina
  31. Jordan, Rossi è 3 o 4 volte meglio di quelli lì... Damiao escluso...

    RispondiElimina
  32. Chiarificatore28 gennaio 2013 10:42

    E' , non e, opinione generale degli esperti, al quartultimo capoverso qui sotto.

    RispondiElimina
  33. Ho parlato di Lisandro e Stekelenburg (giusto due nomi a caso) per sottolineare i ruoli nei quali pensiamo di essere scoperti.

    RispondiElimina
  34. Con tutto quanto scritto qui sotto, confermo quanto detto pochi post prima. Con un Eupalla  non favente, ma neutro, avremmo fatto nove punti in tre partite (non ho nominato Napoli, l'unica partita nella quale è stato neutro e che abbiamo, giustamente, pareggiato). Con Atalanta a Cagliari abbiam vinto 4-1 giocando peggio che in queste tre partite. Questo per dire che nel calcio la palla è rotonda ed il fattore C. è fondamentale, e per dire anche che questa squadra non è mai andata sotto nel gioco, con nessuno, e men che meno in questo periodo apparentemente tragico sotto il profilo del punteggio. Perciò niente tragedie, lasciamole alle cassandre del sitone che è  infrequentabile di questi tempi. Penso che ne usciremo senza grossi problemi se non ci facciamo del male da soli.

    RispondiElimina
  35. Ma se il primo agosto inizia la campagna contro Viviano e il due gennaio quello contro Giuseppe Rossi io credo ci sia qualche cosa che non va. E' naturale infatti che si possa aprire il gioco al massacro alla prima partita sbagliata da Viviano, o al primo goal fallito da Rossi. E dunque o Rossi e Jovetic fanno insieme caterve di goal alla prima uscita oppure si apre il processo. Non mi pare corretto. Aspettiamo almeno di vedere i giocatori in campo per un congruo numero di partite e fino a quel momento evitiamo la tattica sistematica della distruzione e autodistruzione. Per quanto riguarda la possibilità di intervenire a gennaio sul mercato andrebbe capito se i giocatori citati da te, Jordan, erano disponibili, se la spesa era sostenibile per i conti della società e se facevano davvero al caso nostro. In generale mi pare che la società, sulla base dei 35 punti ottenuti prima di Natale, abbia preferito proiettarsi su di una programmazione sull'arco almeno di un anno, più adeguata a certi parametri economici ed in sostanza ragionevole. Certo Mario Cecchi Gori sarebbe corso in Brasile ad acquistare il nuovo Edmundo, ma i Della Valle ormai si sa operano in modo diverso.

    RispondiElimina
  36. Era Louis, era (forse). Se lo è ancora si vedrà a settembre, non di certo prima, e questo, il tempo, è un punto fisso. Spero che tu abbia ragione ma non ne sono sicuro al 100%. Ma intanto si continua con Lucone e si fa bene, perchè di meglio non c'è. Se poi Larrondo...però me lo fai vedere prima?

    RispondiElimina
  37. Un squadra che è andata a due punti-partita di media per un girone d'andata non può passare d'improvviso a 0,33 nel girone di ritorno perchè non si è comprato il centravanti o per errori di campagna acquisti, soprattutto se le partite, pur perdendole, le ha praticamente comunque dominate. Gli errori di campagna acquisti, if any, si misurano a giugno, non a gennaio. 

    RispondiElimina
  38. Chiarificatore28 gennaio 2013 11:00

    L'opinione comune in Italia, Colonnello, è che i mancati arrivi di gennaio, al contrario di quello che pensi tu, non c'entrino un cazzo con i nostri rovesci di gennaio.

    RispondiElimina
  39. Ne usciremo, Jordan, mica le perdermo tutte fino alla fine, ma occorre vedere come, non per la Champions senza interventi, e il settimo posto non era quanto il gioco di questa squadra prometteva e merita. Circa i 9 punti (addirittura!) cfr. quanto sotto da me scritto, circa il dominare l'avversario farei eccezione per la Roma e, per ragioni di stanchezza, per il Napoli nel secondo tempo. E ora la parola a Giuliano il Grande, visto che lo evocavo ieri a pietra di paragone in campo quand'anche con la peste bubbonica: «in occasione del gol di Legrottaglie l’errore è evidente. Manca la
    reattività del portiere, è uscito in ritardo e si è fatto anticipare dal
    difensore del Catania. Sono errori gravi, inoltre in quei casi si deve
    cercare di andare direttamente sul pallone, poteva anche franare
    sull’avversario e causare così il rigore».

    RispondiElimina
  40. Ma non sono di gennaio, come ti ho scritto, Chiari, sono carenze di lunga data e rimarcate come causa ovunque, sui giornali, dalle televisioni, sui siti, a Firenze in ogni bar e se fra due ore vado dallo Scheggi a pranzo so bene quel che udirò nell'affollato bugigattolo che soddisfa il palato. Dichiarazioni come quelle di Sconcerti che ho sotto citato ne troverai a bizzeffe.

    RispondiElimina
  41. Come anche le dichiarazioni di Montelal ieri, nel dopo-partita, intendevano (è dal 20 dicembre che chiede il puntero a gennaio...) «non è ancora tramontata la possibilità della Fiorentina di ottenere Fabio Quagliarella dalla Juventus e Vincenzo Montella sta spingendo molto verso questa direzione. Molto dipenderà anche da che tipo di risposte arriveranno da Lione per Lisandro Lopez.
    Con l’arrivo del centravanti argentino, i bianconeri dovrebbero
    sfoltire giocoforza il reparto offensivo. Questa operazione, sempre per
    la ‘rosea’, potrebbe essere il preludio all’approdo alla Juventus di Stevan Jovetic nel corso della prossima estate».

    RispondiElimina
  42. Che è uscito in ritardo non importa che me lo dica Sarti, l'ho detto da ieri sera, sul pallone direttamente non ci vai perchè non lo trovi più, l'altro ti ha anticipato ma è conseguenza dell'errore uno, uscita in ritardo. Uscita fatta in emergenza, rimarco, quando ha visto l'avversario non marcato, sbagliando, perchè a quel punto fai solo la figura del piccione e rischi anche di peggio, rigore ed espulsion se non viene il goal diretto. Sarti ha comunque anche detto che sul secondo goal non ci poteva fare nulla, perchè alcuni gli danno colpa anche di quello.

    RispondiElimina
  43. Buon non-compleanno Tommy.Sappi ragazzo che mettere domenica prossima Viviano in porta significherà una badilata per Neto e la sua probabile richiesta di andare via,a giugno;così avremo un portiere irriscattabile a 7,5(follia!)ed uno dipartito...La nostra tifoseria dovrebbe abbandonare il motto "Meglio poco con onore che molto con vergogna",si perché a noi rimane spesso un onore,agli altri rimangono tre punti,coppe,trofei;eravamo una squadra bella dalla cintola in giù,ora bestemmiamo gli dei in coppia con il maiale di cinta...Ieri era una giornata tersa,e si è portata via la terza sconfitta,roba da chiudersi in soffitta a meditare sul concetto "Poveri ma belli" o "Ricchi ma Conte"?Sai Tommy,ti racconteranno dei cerchi nel grano,nella realtà quei cerchi sono i giri strani che fa la grana della viola per regalare un mistero ancor più grande:la punta che a Firenze non arriva da mesi.Punta punta,vera non arrotondata come Larrondo.Ti diranno che il viola forse porta sfiga(era lo zio BLIMP in totale scoramento:senza gol,senza vittoria,senza stagista e infestato di multinick),ti diranno che i portieri sudamericani sono molto forti,evitando di citare fra' Valdir Peres(zio Jordan)ma sopratutto scoprirai che per fare pronostici o previsioni per la Fiorentina è meglio la,palla di vetro.Un nonno cattivo ha detto che "Il baffone qualcosa di buono a pure fatto" e allora vedrai sdoganata questa frase per Neto,Viviano,Dainelli,Toni,Moggi,Miha,Zeman,Cicconi,Nicodemo,Liajic,Zironelli,Amenta,Vinny Jones,Corona,Leandro,Nuno Gomes,Sconcerti,Mancini,Marco Rossi....forse tutti hanno fatto qualcosa di buono ma la punta nessuno l'ha portata e la portata di tale magagna si è ingigantita con la porta non più involata,anzi viola di vergogna.Il mio ottimismo CHIARI-ano mi porta a scrivere che sono certo che vedrai uno scudetto vinto dalla Fiorentina,anche perché il tu' babbo sta per far partire una raccolta fondi-pro-punta e tutti noi faremo parte della questua,prima che BLIMP venga accusato di stalkeraggio di siti di calciomercato e magari ci ritroveremo in questura a pagare la cauzione.Cauzione per me non pagata,a loro fa comodo io stia qui,a scaldare il posto a un Moggi che mai verrai...ma tanto lui qualcosa di buono ha anche fatto.Si!Se ti farai rinchiudere in uno spogliatoio,subendo pressioni,male che vada diventerai commentatore in tv!Quindi....deciderai:arbitro o artista?Sempre di tutti i colori ne combinerai!(da "I dolori del non-più-giovane Viola").

    RispondiElimina
  44. Chiarificatore28 gennaio 2013 11:21

    Esigenze di carattere generale che tutti condividiamo già da inizio campionato infatti, Colonnello, che però non ci hanno impedito di essere la squadra più bella in Italia, frenata a gennaio soprattutto da una rara sfortuna, ed in generale dagli arbitri.

    RispondiElimina
  45. «Pradè, intervistato ieri prima della gara con il Catania, ha tuttavia
    smentito le voci di mercato su Viviano, affermando che il portiere
    resterà in viola almeno fino al termine della stagione, quando verrà
    discusso il suo fututo. A questo punto, se Viviano davvero
    dovesse continuare a vestire la maglia viola in questa stagione, si
    riaprirebbe il ballottaggio con Neto per una maglia da titolare, con
    Viviano tornato prepotentemente in testa alle preferenze del tecnico
    gigliato». Titicche titocche, più che tikitaka, fra i portieri: lo scenario peggiore e anche su questo Giuliano, nell'intervista di cui ho riportato stralcio, scrive cose sagge.

    RispondiElimina
  46. Se le condivi anche tu, Chiari, devi farle valere, perchè il loro non soddisfacimento compromette nei risultati il gioco che produciamo.

    RispondiElimina
  47. Posto che non ti schieri con Giuliano (io sì) coi tuoi distinguo perrymasoneschi ma non persuasivi, caro Jordan, ti dico che su quella candelora lumacosa (da calcio fermo, poi!) il portiere che è portiere va sempre e comunque chiamando (ricordiamoci, su Viviano, quel che dicevi delle palle lente e da lontano che sue devono essere), la sbarba sempre e comunque e non sta a vede icche succede per poi prendere la decisione di tempo minchiona. Con Neto la colpa è sempre dei difensori, con Viviano se Gonzalo gli cicca davanti il pallone che va nell'angolo è colpa sua tutta la vita. Jordan, non è fruttifero questo adulterare la stadera, cui ti trasporta il secondo cuore brasiliano. Neto ha qualità di base che giudico certe e notevoli, superiori a quelle di Viviano, che ormai conosciamo nella sua mediocrità: se non si vuole puntare sùbito su di lui mandarlo a giocare altrettanto rapidamente (ma comprare portiere pronto altrettanto rapidamente), è uno che non butterei via. Ma, nella tecnica, è ineducato, mangia con le mani a tavola, rutta e tiene il tovagliolo al collo.

    RispondiElimina
  48. Chiarificatore28 gennaio 2013 11:38

    Già condividendole e sostenendole , come fa  la stragrande maggioranza del resto, le faccio valere, Colonnello, altra cosa è considerare l'oggettiva difficoltà di dar loro esaustiva soluzione nel mercatino di gennaio, o dire che senza una loro soluzione le cose si metteranno male. Anche così come siamo possiamo giocare bene, efficacemente e ragionevolmente per l'Europa e persino continuare a provare a farlo per quella che conta.

    RispondiElimina
  49. Che così bastiamo per l'Europa non lo credo e i risultati così parlano. Il mercato di gennaio, se hai una carenza lampante dopo aver fallito l'assalto a Berbatov e proprio perché l'hai fallito e lo sai, hai quattro mesi per prepararlo. In quel «mercatino» hai preso Rossi, l'acquisto più caro, credo, nel panorama non solo italiano di questo mese. Hai fatto una scelta, che io condividevo perché pensavo che essa non escludesse, nei piani dei DDV, un'altra scelta più impellente. Ma se si dice: «E' ce n'eran solo pe' chellolì, ora giù i' bandone!», allora mi trovo d'accordo con Lele-Jordan-Deyna.

    RispondiElimina
  50. Chiarificatore28 gennaio 2013 11:49

    Inarrivabile  Sopra:"prima che BLIMP venga accusato di stalkeraggio di siti di calciomercato e magari ci ritroveremo in questura a pagare la cauzione.Cauzione per me non pagata,a loro fa comodo io stia qui,a scaldare il posto a un Moggi..." ahahahahahahahahahahhhhahhahhahahahahhhaaahahah!!!!Vuoi dire che dovrò tirar fuori soldi anche io? E per salvare il culo al Colonnello? Ahahahahahahahahah!!
    Tu resta lì dove sei, o Gramsci della rete, che ti fa solo bene, come vedi. Ahahahahahahahahah!!!!

    RispondiElimina
  51. Finirà anche questo mese.......abbiamo fatto 35 punti con un calendario sfavorevole e con una squadra che doveva rodarsi, è ragionevole credere che possiamo farne altrettanti con un calendario più abbordabile e con una squadra che si conosce a memoria. C'è da limare qualche errore di troppo e sperare che la iattura volti lo sguardo altrove. In questa finestra di mercato non ci siamo certo indeboliti, penso che il ritorno alla vittoria possa far scaturire commenti più positivi e considerazioni meno amare. Ci giochiamo l'europa con Inter, Milan, Lazio e Roma, chi lo credeva alla penultima del campionato scorso. 

    RispondiElimina
  52. Chiarificatore28 gennaio 2013 11:54

    Come si può non essere d'accordo? Si tratta solo di vedere se c'era (o c'è)  un punta veramente trattabile, che rispondesse sicuramente e pienamente alle nostre esigenze, e con un ingaggio compatibile, Colonnello.

    RispondiElimina
  53. Chiarificatore28 gennaio 2013 11:57

    I risultati nel calcio, soprattutto in un arco di tempo limitato, non sempre corrispondono ai valori, Colonnello, perché se così fosse il mese di gennaio direbbe che siamo la peggior squadra italiana, abbondantemente da serie B. 

    RispondiElimina
  54. Molte molte volte nei mercatini si fanno affaroni,tipo guache di Pizarro,incisioni di Picasso,tele di Monet...casi successi varie volte;a noi per la punta son capitate teste di Modigliani pescate nel fiume,disegni di Caravaggio falsi....Stiamo scrivendo di un'incompiuta,come una scultura di Michelangelo accennata e imprigionata nel pensiero dell'artista.

    RispondiElimina
  55. E invece no, Blimpe! Cazzo, ti stai facendo tirare dentro dall'emotività del momento in modo eccessivo. Vediamo cosa succede da ora in poi, perchè il mercatino di gennaio esplode negli ultimi 3 giorni. Se però, esclusi i giocolieri milanesi che prenderanno Balotelli coi soliti modi mafiosi di chi li presiede, non ci dovesse essere, come credo, il classico movimento da 10 milioni, allora come incolpare una dirigenza che compie un acquisto come quello di Pepito? A me paion barzellette. Rinunciare a lui poi, per prendere chi? Io 10 milioni al Lione, da sempre maestro nell'inchiappettare il prossimo con cessioni a cifre spropositate, per Lisandro, 30 anni, con un  massimo di 17 reti in stagione in un campionato molto meno competitivo del nostro col cazzo che glieli avrei dati... Insomma, adesso non posso accettare che si ribalti come un calzino un autentico capolavoro. Diciamo, e questo lo posso capire, che la fame vien mangiando, che, ad un certo punto, visto anche il valore ed i problemi degli avversari, ci s'è addrizzato i'pipi e ora si vorrebbe arrivare al dunque, ed invece nisba (forse): da qui l'amarezza, ma manteniamo la lucidità e riconosciamo i meriti di questi due. Wolski e Vecino (del secondo mi dicono già meraviglie, dopo soli 3 giorni di allenamenti) sono due capolavori in prospettiva... E l'anno scorso ci siam salvati alla penultima eh...

    RispondiElimina
  56. Quoto Louis in toto. Non aggiungo una virgola. 

    RispondiElimina
  57. Non è vero che non son d'accordo con Sarti, ho solo precisato che l'avevo già detto da ieri e che il non andare sul pallone è conseguenza diretta dell'essere uscito in ritardo, non un fatto aggiuntivo. Anche sul resto dell'intervista son d'accordo, anche sull'inizio quando dice che Neto nel secondo goal non ha colpe. Rivedendo il filmato devo convenire che poteva e doveva uscire prima. In diretta la palla mi sembrava più verticale, invece è abbastanza laterale ed il tempo d'intervento c'è il che non esime i difensori dall'effettuare le giuste marcature e mi resta l'impressione che lui, dopo aver deciso di restare tra i pali, cambi idea quando vede Le Grottaglie solo e tenta l'uscita disperata, in ritardo. Insomma se fosse restato in porta sarebbe stato passibile di critiche per non essere uscito (la palla è comunque un paio di metri fuori dell'area piccola), ma molto meno della mitragliata che ha subito per averlo fatto in ritardo. Non è vero che avrei usato stadera diversa per Viviano. Fosse stato lui avrei detto esattamente le stesse cose, in pagella gli ho dato 5 mica 7. Ricordami una mia pagella in cui Viviano ha preso meno di 5 da me. Il goal che ha preso a Torino, Viviano, comunque, gli è andato in porta diretto dalla linea del fallo laterale, altro che non uscire, lì ti fanno goal da quaranta metri su tiro-cross.

    RispondiElimina
  58. Prossime tre partite 7 punti...Tanto siamo abituati ad allungare l'orizzonte,il brodo,le attese e quindi rimandiamo a nuovi sogni a breve,A.B.M. mai però!(ABM:a babbo morto).

    RispondiElimina
  59.  E’ subito Carraro show al debutto con la sua nuova maglia. Il
    trequartista, reduce da una stagione e mezzo di semi-inattività tra
    Modena e Pro Vercelli, va in campo da titolare nel match casalingo
    contro l’Aversa Normanna. 72′ a buon ritmo alle spalle di due attaccanti
    e soprattutto la rete del 2-0 che chiude la gara, peraltro
    insolitamente segnata di testa, nel match che finisce 3-1.

    RispondiElimina
  60. 1)Sfiga transitoria: pali, doppi pali, ecc.
    2)Zavorre non transitorie imposteci dall'alto: arbitri becchi, idem i collaboratori.
    3)Errori ripetibili o meno,commessi da vari giocatori: portiere, difesa, tiri a bischero, ecc. .
    4)Limiti strutturali della rosa che dureranno finchè non saranno corretti: manca un centravanti di alto livello, mancano alternative valide in 2-3 ruoli.

    Unisci tutti questi fattori, e non ti stupirai se ti capita di fare 1 punto in 1 mese. Certo ricapiterà anche il mese in cui ne faremo 10, ma è una media insufficiente per la Champions e non è detto basti neanche per il 6°posto, sulla cui bontà (è un peccato non aver rafforzato la squadra in corsa a 35 punti, o va bene così considerato che l'anno scorso stavamo per retrocedere?) ognuno la veda come vuole.
    Sui punti n.1) e 2) non puoi farci niente, se non nominare qualcuno invano quando si verificano.
    Il n.4) è correggibile col mercato, e che qualcosa andasse corretto si sapeva dal 31 agosto.
    Il n.3) in parte lo rimedieresti intervenendo sul punto 4), in parte invece te lo tieni perchè gli errori li fa chiunque, chi più chi meno a seconda della bravura del giocatore.
    Non voglio inchiodare Pracià, dato che hanno fatto tante grandi operazioni in autofinanziamento, ma mi sento libero di affermare che non aver fatto trovare una punta forte al 1°gennaio è stato un errore, dipeso o dal fatto che i 35 punti (di cui oltre metà dovuti ai Santi Gol Su Palla Inattiva, senza i quali, nei mesi precedenti, ci saremmo mangiati le mani per tanti altri "Catania-Fiorentina" della situazione) avevano fatto loro sottovalutare la lacuna, o dal fatto di non esser riusciti al trovarlo. Perciò una colpa comunque (chi li ha preceduti veniva inchiodato se non trovava una punta superiore a S.Silva che accettasse Firenze pur sapendo già in anticipo di essere a priori riserva designata di Gila, senza possibilità di contendergli il posto), anche perchè in questo gennaio una quindicina di milioni sono stati spesi, ergo erano a disposizione. Mi dite che era necessario spenderli ora perchè altrimenti Rossi non lo prendevi più? Ok va bene, però io dico anche che nel mondo ci sono altri Rossi mentre c'è solo un Cavani. E con la metà di quei 15 milioni, a giro per il mondo, un Cavani in erba si trova. Poi è ovvio che essendo in erba non è detto che diventi il Cavani di Napoli, ma ci sarebbe andato benissimo pure il Cavani di Palermo in questa voragine. 

    RispondiElimina
  61. Ma dov'erano i quaranta metri, Jordan? E i difensori esistono per disturbare solo Neto, non Viviano quando gli lisciano la palla davanti e lui può prenderla solo dopo e certo non prima? Dài, che se l'Annona ti controlla la stadera trova il tarocco a bomba e ti ritira la licenza... Intanto il Quaglia ha rifiutato la Viola. Chiari, il bilancio di risultati è per ora su 22 partite ed è inferiore alle potenzialità, il bilancio tecnico sulle carenze, che va oltre i risultati contingenti e li determina alla lunga, è chiaro nei due ruoli. Louis, i metodi mafiosi non bastano per prendere Ballo, lì ci vogliono quattrini. Aubameyang se mettevi un decino ce lo avevi. Ripeto, se proprio l'alternativa era Rossi domani non-si-sa-in-che-stato e un centravanti forte subito, allora, come vedo che ha detto stamattina Mambo al se stesso che è lo Pseudosenese e che poi è Kunz Pettifogger, mi adagio su Lele-Jordan-Deyna. Nel frattempo vedo che Beberri su cloaca ha fatto marcia indietro, siamo tornati alla pontellizzazione, alla società di cioccolatai: e io che mi ero fidato! Vecchio demente d'un Bonzo, mi hai fregato una volta di più! Ho firmato troppo presto non la dismissione, ma la dimissione dalla clinica per l'analfabeta che chiede del suo dottore, vedo. Ma sono qui, Bonzo, sono qui, lo sai bene... ahahahahahahahahahahahah! Bruci, eh! Ahahahahahahahahahah! Ci leggete ma non ci frequentate e schiattate per questo ogni giorno che Dio manda e che vi pigliamo per il culo (che non è molto difficile, ne convengo) o rimandiamo indietro sputtanato il vostro Multinick/Multilocke imbecille che ieri aveva cercato hackeraggio... E tu dove sei, relitto umano d'un Beberri, devastato dall'infanzia, tra un post e l'altro ogni due mesi? Non ti dico però di venire da noi perché non conosci le maniere e ragioni come una tazza da cesso e poi il Patriarca migrerebbe immediatamente e senza Oliviero come si fa il poema (Pollock è il compagno d'arme: Rolando è prode ed Oliviero è saggio)? Però a Zeman ricordagli: http://pollock-pollock.blogspot.it/2013/01/tra-tattoo-e-vodoo.html#disqus_thread. I' Dorfino lo sa già, spera sempre che si litighi, qua, e fa il possibile per, quando viene in missione per il cretino che gioca ad ajedrez, ma è buca, è buca, Dorf, è buca e tu se' buho... ahahahahahahahahahahahaahahahah!

    RispondiElimina
  62. Jordan questo il parere di albertosi. Chia avrà ragione? Lui o Sarti? Il grande Ricky Albertosi, portiere viola per 10 anni e campione d’Europa con l’Italia ’68, ai microfoni di Radio Blu commenta la situazione di casa Fiorentina: “Non condivido la gestione di Montella, il portiere è un ruolo delicato e serve indicare un titolare ed una riserva. Sono convinto che Viviano sia più forte di Neto e dovrebbe giocare lui, invece dopo gli errori che ha fatto a Roma è stato messo fuori. Ma tutti sbagliano, è successo anche a Buffon e De Sanctis. Ieri Neto ha sbagliato su entrambi i gol, l’uscita fuori tempo sul primo e il tuffo goffo sul secondo, la conclusione era centrale”.

    RispondiElimina
  63. Chiarificatore28 gennaio 2013 15:06

    E' vero, Colonnello, il bilancio è su 22 partite, ma un'analisi più approfondita ed in definitiva più corretta non può esimersi dal dividerlo in due parti ( prima parte fino al 31.12.2012, seconda parte gennaio 2013), perché  omogenee al loro interno ed esageratamente  diverse una dall'altra, pur risultanti dallo stesso organico e dallo stesso tipo di gioco. Per cui, trattandosi di un gioco e non di una scienza esatta, nell'ultima e più breve parte non possono non aver influito altri fattori, quali, nel caso, clamorosamente e soprattutto la sfortuna. La prima parte invece  essendo la più lunga dal punto di vista temporale è la più attendibile e probante ai fini di determinare l'effettivo valore della squadra. 

    RispondiElimina
  64. Scale in pietra serena africanaChiari,mettiamo
    che io mi sia costruito una casa bellissima,che tutti mi invidiano,mura
    a pietra faccia vista,scale in pietra serena,arredata con
    mobili Busnelli,poltrone Frau,giardino fiorito dove giace una bella
    piscina,ma ho delle falle sul tetto che non ho ultimato visto che il
    budget e'terminato e se piove forte entra l'acqua.Rattoppo in qualche
    maniera per arrivare alla prossima entrata di disponibilita'prevista a
    fine anno,e nel frattempo ho 4 mesi per organizzarmi,trovare l'impresa
    in base al nuovo budget.Ma invece di scegliere quella che mi sale sul
    tetto per completare la casa subito,la pago in anticipo per fare i
    lavori il prossimo anno,e con quello che mi resta,abbellisco ancor
    piu'il parco,l'illuminazione,il vialetto,e rinforzo le mura.Tutto molto
    bello,ma se piove, l'acqua continua ad entrare.Questo e'l'assunto.Se mi
    bagno sono stato poco previdente e riconoscerlo e' segno di puerilita' e
    disfattismo?Bene,io,Lele,non un professionista sportivo,avrei fatto
    diversamente e non e'una discussione sul valore di Rossi,ma
    1)sulla tempistica
    2)Sulla ricerca delle pezze mancanti,visto che siamo pieni zeppi di mezzepunte,tutte buone,ma pieni.
    Sulla
    funzionalita' di Rossi stesso,e'un discorso che abbiamo gia' affrontato
    e rispondo con questo anche a Louis,inegrando la risposta di Jordan.
    Attaccarsi
    allo sculo,che col Napoli non c'e'stato,e'fine a se stesso.Io,avrei
    puntato grosso per arrivare alla CL,perche'la CL mi porta un indotto di
    quattrini diretti e indiretti molto maggiore della spesa,se poi non ci
    arrivo,pace ma ho fatto di tutto,cosi'facendo ho gettato la spugna
    subito,non potendo chiedere sempre miracoli a Toni,gol a Seferovic che
    finora non ha fatto(ma che nella sua carriera per me fara')o grandi
    giocate a Mounir.Devo,in quanto DS affermato e celebrato,trovar
    soluzioni dove sono scoperto,trovare non obbigatoriamente la punta da 20
    gol,ma almeno un partner ideale al mio miglior giocatore(e per me Rossi
    non e'molto funzionale a Jovetic,ma li'e'sempre un altro discorso)C'era
    il tempo necessario ed il mondo a disposizione per trovare una
    soluzione anche in prestito per farsi trovare pronti al match col
    Pescara,ma in questo tempo ho ulteriormente abbellito la casa dove era
    gia' molto bella,ma se continua a piovermi dentro,la colpa non e'del
    meteo sfortunato,ma mia e solo mia.  
     
    Lele
    P.S.Louis
    non conosco Larrondo,puo'essere che sia come dici,ma i fatti dicono che
    per ora non ha fatto un minuto e son volate 4 partite dove abbiamo
    preso un punto e una che ci ha eliminato dalla Tim Cup.E terrei fuori
    anche la valutazione tecnica di Rossi,ora il motivo di discussione
    e'temporale.
     

    RispondiElimina
  65. Chiarificatore28 gennaio 2013 16:16

    Ha una logica inoppugnabile il tuo ragionamento, Lele, ma se ,come fai tu col tuo esempio, lo applichi ad una scienza esatta quale , appunto, quella delle costruzioni.il calcio invece, e tu lo sai meglio di me, non è una scienza esatta è un gioco, per cui, ad esempio, nessuno poteva, ragionevolmente e tecnicamente,  prevedere i rovesci di gennaio, per comprendere i quali bisogna inevitabilmente e prevalentemente chiamare in causa il fattore sfortuna. Sul piano strettamente tecnico quindi, attenendosi alle prestazioni della Fiorentina al 31.12.2012, e per consolidarle, puntare per l'immediato su Wolski, Larrondo ( anche in attesa di El Ham), Compper ( e forse qualcun altro?) e per il futuro anche su Vecino, Alonso e Rossi mi pare sufficiente a definire in modo altamente positivo il mercatino di gennaio.

    RispondiElimina
  66. Sbollita un po' la rabbia, cerco di condividere alcune mie considerazioni.
    E' un fatto che non giochiamo male, anzi giochiamo bene, anzi giochiamo decisamente meglio dell'avversario
    Ma perdiamo.
    Non si può nemmeno dire che teniamo palla ma creiamo poche palle gol, perché di palle gol ne creiamo, anche di più di quante ne creassimo nelle prime partite di questa stagione.
    Ma perdiamo. 
    E' successo col Pescara, è successo a Udine, è successo ieri.
    Giochiamo meglio, dominiamo l'avversario e creiamo diverse palle gol.
    Ma perdiamo.
    Una partita è sfiga, due è sfighissima, tre comincio a pensare che ci sia qualcosa che non va.
    Forse c'è stato anche un calo fisico, ma non mi pare sia stato così clamoroso, a me sembra che soprattutto ci sia un'involuzione psicologica e un grave difetto di concentrazione, perché le sconfitte sono maturate essenzialmente da nostri errori, di fatto abbiamo regalato le partite agli avversari: errori del portiere, errore dei difensori, errori di chiunque si trovi a battere a rete (ieri Cuadrado, quando ha preso la traversa mangiandosi un gol già fatto, l'avrei giustiziato seduta stante), errori comportamentali.
    Ecco, a proposito, di errori comportamentali: Aquilani. Ma porcaccia di quella vacca, a 17 anni ti spiegano che mandare affanculo l'arbitro è da cretini, perché lasci i tuoi compagni in 10 inutilmente, te lo spiegano, te lo rispiegano, poi te lo ripetono ancora e alla fine uno la dovrebbe capire. Non si può a quasi 29 anni farsi cacciare in maniera così stupida. Chiariamo, è da cretini anche se ingiustamente ti annullano un gol o ti danno un rigore contro inesistente o non ti fischiano un rigore evidente, ma in questi casi almeno è un po' comprensibile; ma farsi cacciare per aver mandato affanculo l'arbitro per un fallo dubbio non dato a metà campo è da idioti al cubo. Sinceramente penso che la sconfitta di ieri sia colpa di Aquilani almeno quanto (se non di più) lo è di Neto.
    Comincia a vniermi il sospetto che qualcosa si sia rotto nello spogliatoio, che qualcuno manchi di tranquillità.
    Quanto ai due puncti dolentes della nostra squadra:
    1) il portiere: ieri Neto ha fatto una cappella sul primo gol, c'è poco da fare, sembrava Zenga su Caniggia nel 1990, è uscito a farfalle e il gol subito è colpa sua (in concorso con la difesa, ma soprattutto responsabile è lui; il secondo gol invece è colpa di facundo, Neto con poteva farci nulla); ora, mi sembra chiaro che da qui a giovedì noncompreremo nessun portiere, quindi dovremo arrangiarci da qui alla fine della stagione con Neto e Viviano, scegliendo il meno peggio; io continuo a pensare che è meglio far giocare Neto, che almeno è nostro, e non Viviano che è del Palermo, ma la scelta non è così scontata;
    2) il centravanti: anche qui purtroppo dovremo giocare con chi abbiamo a disposizione, non credo che in 4 giorni compreremo un altro attaccante, io sinceramente confido più in El Hamdaoui (che però alla Coppa d'Africa non ha combinato niente, mi pare) che in Larrondo, soprattutto confido che prima o poi Jovetic si dia una svegliata.

    RispondiElimina
  67. Per darmi una botta di ottimismo, mi ripeto che questa stagione somiglia sempre di più a quella di Malesani: gran gioco, spettacolo, partenza a razzo, decisioni arbitrali contrarie quando si va a mille, poi l'inevitabile calo invernale.  Spero che, come nel 1998, ci sia anche quest'anno il recupero nel finale della stagione (con il Male siamo arrivati quinti).

    RispondiElimina
  68. Chiarificatore28 gennaio 2013 17:15

    Anto, a questo punto c'è da chiedersi se uno tra Neto e Viviano non sia meglio che se ne vada subito da Firenze, lasciando ovviamente la decisione a Montella. C'è una situazione troppo stressante attorno alla loro convivenza, sia nei confronti dei tifosi e non vorrei anche tra loro e all'interno dello spogliatoio, che non promette nulla di buono. 

    RispondiElimina
  69. Chiarificatore28 gennaio 2013 17:18

    Ancora più pesante la situazione a Roma. Sabatini rozzo e inopportuno contro Zeman. La città spaccata, mi sembra più dalla parte di Zeman e contro il duo Baldini-Sabatini. O sbaglio?

    RispondiElimina
  70. Aquilani squalificato per due turni, a questo punto speriamo nel recupero del Pek e di Mati.

    RispondiElimina
  71. Credo che Albertosi sia amico di Viviano, Venetoviola, perchè tuffi goffi io non ne ho visti, ho visto un tentativo di intervento, col braccio giusto che non è andato a buon fine perchè il tiro era ravvicinato e non facile da prendere. Poi ognuno si può divertire ad impallinare il bersaglio di turno e emettere giudizi. Non credo che Montella si diverta a perdere le partite per fare i dispetti a Viviano, se non lo mette avrà i suoi motivi e anche Albertosi farebbe bene a chiederseli prima di pontificare cazzate.

    RispondiElimina
  72. Deyna, o dogmatico che oltrepassi i limiti oltre il lecito (pora slandrona, le son cose da maestra di sostegno... ahahahahahahahahahahah! Quando il marchese ti lascia, lascia però il segno... ahahahahahahahahahah! Per conto mio, il Marchese invece Martelloni, massima autorità in fatto di fihe, di bevuhe e di cazzeggio, insuperabile Petronio moderno, mio personale Prandelli zalleriano, me lo tengo stretto: se gli stravizi non me lo ammazzano prima), di Gonzalo Bueno del Nacional e di Sebastián Cristófor cosa mi dici? Scheda, please! Anto, io faccio gran pregio dei tuoi commenti ma che Cuadrado sia da crocifiggere per il colpo di testa me lo devi spiegare, non vorrei che tu, il più sobrio e catoniano dei magici utenti del sitollock, una delle carte più preziose del mazzo, fossi andato giù pesante a caponata di Giorgio, a pranzo: per me è sfiga pura, gran tempo d'intervento, schiacciata in volo come un centravanti che non è e che non abbiamo. Se mi parli della sventagliata sopra la traversa è un altro paio di maniche. Lele supremo, leopardiano (da «Operette morali», dico), nella parabola iniziale del tuo postone, vorrei averla scritta io e invece va dritta nell'antologia futura (molto futura, Pollock, il giorno è fatto di 24 ore... Grazie dei complimenti, caro, ma è troppo facile, sono una merdaccia, è come se Klitschko se la prendesse con un bulletto transilvanico di Piazza D'Azeglio). Rialti scrive che Ljajic è «l'unico che non s'impegna in questa squadra»: scusate tanto, ma ciò dopo la partita di ieri? Confonde mica con Juvetic? Sette anni richiesti per Zapphy: e ora chi glielo dice a ZV? Ma, caro Pollock (lo chiedo anche a te, AntoineRouge, che sei importante uomo di giure), se finisce in gattabuia gli ritirano il premio «Enoteca con Silviona» per il miglior presidente degli ultimi trent'anni, come ad Armstrong i Tour de France? Ahahahahahahahahahahahahah! R.S.V.P.

    RispondiElimina
  73. No caro Colonnello, ora sei tu che hai la stadera starata. Se un portiere deve avere autorità nella sua area (ed il cross di ieri era fuori dal regno) ancor di più la deve avere nella sua porta ed un conto è avere un compagno al quale devi berciare di levarsi dai coglioni su un cross che ti arriva in mano (tanto è che gli è entrato in porta diretto), un conto è dover uscire su una mischia dove tra amici e avversari ce n'hai una ventina a romperti i coglioni a sette metri di distanza. La cappella di Neto è più visibile, quella di Viviano più grave e non è questione di stadere.

    RispondiElimina
  74. Ascolta, Jordan, la palla (da venti metri o poco più, a venticinque non arriva) è di Gonzalo, Gonzalo la buca di netto, come in Promozione, la buca là dove rimbalza e probabilmente la sfera prende anche un minimo di svirgola: quando la prende, Viviano? Dirai, anticipa mentalmente anche la scazzata potenziale e si estende da dio. Appunto, da dio. Albertosi e Buffon la parano, stavolta Sarti non ne sono sicuro davvero, non era la sua specialità assoluta. Lì ci vuole uno grande grande nel numero per pensare a tutto ed arrivarci.

    RispondiElimina
  75. Su Albertosi giudice di portieri non ho mai fatto gran caso, così come delle sue potenze intellettive (diciamo così). Giuliano invece, dopo esser stato grande portiere, è anche mente serenissima giudicante. 

    RispondiElimina
  76. Non metto in dubbio che Albertosi capisca come si fa il portiere. Che veda le parite invece lo metto in dubbio fortemente, perchè se dice che Viviano ha sbagliato solo a Roma, dimostra solo ciò. Roma fu solo il culmine di una lunga serie di episodi in cui il nostro concittadino mostrò zero riflessi: 1°gol del Napoli, gol di Pazzini dopo il palo di Mexes, gol del momentaneo pareggio dell'Atalanta, 1°gol della Samp, 2°gol del Torino, 1°gol della Roma; più vari altri episodi da cui per fortuna non scaturirono gol (lo assolvo invece dal 2°gol di Napoli e dal 1° di Torino, che in molti gli hanno imputato). Oltretutto, figuriamoci se Montella inverte una gerarchia così delicata solo per una partita sbagliata.

    RispondiElimina
  77. No caro Colonnello è una palla che gli arriva in mano a balzelloni, non deve anticipare nessuna scazzata, deve berciare, dire "mia" e prenderla in mano senza nemmeno sporcarsi i calzoncini. Il problema è sempre il solito, decisione ed autorità, che nemmeno Viviano, nonostante i 27 anni, possiede in gran misura. Boruc la para senza nemmeno spettinarsi.

    RispondiElimina
  78. Non condivido, Jordan, perché Gonzalo è lì davanti e non puoi chiamare il carro attrezzi, quella palla (che peraltro non è lenta ed è radente) non la raccatti con le mani semi-chino, quella palla se Gonzalo la cicca devi andare a prenderla comunque d'angolo e nessun portiere chiama una palla per andare a tuffarsi in estensione.

    RispondiElimina
  79. Nemmeno Boruc, che poi per certe cose somiglia a Sarti più di quanto sembri, la prendeva, a mio avviso. Lui, a proposito, era un bel pazzo, come molti di voi keeper del resto. E' riuscito a litigare col mondo universo, a farsi sbattere via da tutte le parti. Con le sue doti poteva fare carriera non buona, come ha fatto, ma favolosa: un Edmundo della porta.

    RispondiElimina
  80. Sette anni a Zapphy... E noi cosa dovremmo dire, che ce ne appiopparono dodici, con lui? Ahahahahahahahaahahahahahaahhahaahah! Dismission? Impossible!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  81. A questo punto direi proprio di sì, e consiglierei a Neto di andarci lui a Bologna perchè qui o fa i miracoli tutte le domeniche o lo fanno andar nei pazzi.

    RispondiElimina
  82. Il primo goal del Torino (quello di Cerci) era imparabile, e così quello della Samp, che facilitò con un anticipo di parata assurdo, ma che certo non era facile da prendere. Con la Samp piuttosto fece una cazzata prima respingendo nel mezzo e sui piedi di Kristic un tiro da venticinque metri, meno male che l'attaccante spadellò a porta vuota. Ho qualche dubbio invece sul secondo goal del Napoli, tiro da fuori area che passa in mezzo alla porta e sotto la pancia, l'unica scusante la gente davanti, ma lui stesso disse che aveva visto partire il tiro. Vitalogy ha ragione, per aver tolto un'icona del tifo venuto col posto garantito Montella doveva avere le palle piene, ma credo c'entri anche il comportamento agli allenamenti che mi dicono non essere irreprensibile e questo rivolgersi sempre ai tifosi, e fare il capo centurione che avrebbe rotto i coglioni a diversi nello spogliatoio.

    RispondiElimina
  83. Sarti, oltre ad essere molto competente in materia, è anche una merdina, che, di sicuro, non lesina le critiche a nessuno. Se dice che uno non ha colpe, proprio non le ha, almeno a suo giudizio. Non conosce il politichese, anzi...

    RispondiElimina
  84.  28/01/2013 16:40:38

    Kurt, Roma
    Sinceramente mi trovo in imbarazzo a commentare
    una partita come quella di ieri. Ditemi se sono un visionario, ma io ho
    visto una bella Fiorentina. Una squadra che ha giocato con autorità,
    personalità su un campo difficilissimo e contro un avversario più che
    ostico e assai propenso a picchiare. Che ha comandato le operazioni per
    settanta minuti su novanta (tolgo i primi dieci in cui abbiamo un po'
    sofferto la loro partenza a razzo e gli ultimi dieci in cui eravamo con
    l'uomo in meno e ci siamo limitati a controllare). Che dietro non ha
    rischiato quasi nulla (se al posto dello sventurato Neto in porta c'ero
    io finiva lo stesso 2-1). Che non si è limitata a uno sterile possesso
    ma ha prodotto occasioni in quantità, non solo i due pali e l'altro gol
    fallito da Cuadrado ma altre azioni non andate a buon fine per un
    nonnulla. Giocar bene e perdere è grave, soprattutto perché a forza di
    giocar bene e perdere si perde anche la fiducia e si finisce per giocar
    male. Però credo che in primo luogo dobbiamo farci benedire, perché
    perdere tre partite come quelle che abbiamo perso giocando come abbiamo
    giocato è qualcosa di più unico che raro. Poi dobbiamo agire sui nostri
    difetti, certo. Ma più che difetti mi appaiono limiti, il che rende più
    semplici le cose se la società opera saggiamente. Il portiere, per
    esempio. Ieri Neto non è stato aiutato dai compagni: sul primo gol
    Legrottaglie è comunque lasciato colpevolmente libero a centro area, sul
    secondo Facundo non stacca e non ostacola l'avversario (il quale si
    produce in un bellissimo stacco, ma basterebbe allargare un braccio o
    saltargli contro per impedirglielo). Dopodiché Neto ci mette del suo.
    Perché è un portiere mediocre o addirittura scarso, come si sa e si
    sapeva senza bisogno di aspettare gli errori di ieri o quelli che
    verranno. Siccome anche Viviano è mediocre o scarso, la soluzione è
    semplicemente quella di acquistare un portiere vero. Non importa se ora o
    a giugno, basta prendere quello buono senza soluzioni-ponte. Poi c'è
    bisogno di uno che veda la porta là davanti. Lo abbiamo già preso,
    rotto. Vediamo se si ripara. Se si ripara siamo molto avanti e ci serve
    solo un armadio da area di rigore che non abbia trentasei anni. Sennò le
    cose sono più complicate. Ma io resto molto fiducioso con una squadra
    che gioca così. Altre cose (Gonzalo un po' appannato – forse è lui che
    deve prendere il pallone incornato da Legrottaglie –, Aquilani che crede
    di essere in maglia giallorossa e quindi di poter mandare impunemente
    l'arbitro a quel paese, Cuadrado poco lucido sottoporta) mi sembrano
    normali momenti di una stagione, non cose su cui far drammi. Ieri se al
    posto di Neto e del pur volenteroso e sfortunato Ljajic c'erano non dico
    Albertosi e Batistuta ma Superchi e Maraschi vincevamo tre o quattro a
    zero. Gente come Pradè e Macia li troverà, penso.


    Magistrale, al solito...


    Notevole la passata sulla situazione portiere, che condivido in toto...

    RispondiElimina
  85. Louis, non condivido il tuo entusiasmo per Kurt, le cui analisi ho trovato sempre generiche, barendsoniane, pallose, sbiadite (intendiamoci, per pareggiare in ciò Marco da Siena, cioè Kunz Pettifogger, dovrebbe fare però ancora tutto un percorso di crescita... ahahahahahahahahah!). Inoltre, non si vede (né Kurt lo spiega, non ha mai spiegato nulla) perché Neto sia scarso e mediocre: che sia ineducato tecnicamente è altra cosa. Kurt è mediocre, invece, lui. E' insipido, non sa di niente, non ha mai saputo di niente, sembra sempre in campagna elettorale, un colpo al cerchio e uno alla botte. E invece dovrebbe solo dire la sua sul calcio, in libertà e in allegria. Ma non ne capisce una seppia, per di più. Leggete http://pollock-pollock.blogspot.it/2013/01/tra-tattoo-e-vodoo.html, è il calcio in quintessenza! E... dismission? Impossible!!!!!!

    RispondiElimina
  86. L'ho appena rivista, per parlare con dati oggettivi. Il tiro-cross del pirlotto parte a mezza strada tra il vertice dell'area di rigore e la linea del fallo laterale, diciamo a 2-3 metri dalla stessa a circa 15 metri dalla linea di fondo, ti puoi divertire a fare un triangolo rettangolo ed a calcolarci un'ipotenusa di circa 30 metri che è la distanza tra il punto di partenza ed il centro della porta (se il campo è largo 50-60 metri fai pure i calcoli). Quando arriva all'altezza del primo palo non può distare più di 2-3 metri dallo stesso e ad un portiere che muova i piedi gli arriva in mano, senza nemmeno bisogno di buttarsi perchè non è nemmeno alta, è a mezz'aria e viene con un rimbalzone. L'unico ostacolo è Gonzalo che sta arrivando in corsa ma che il portiere può fermare con un bercio. Confermo, Boruc, ma non solo, la piglia senza nemmeno spettinarsi. Neto con la Roma doveva arrivare su un cross rasoterra sparato da sette metri dal palo e questo che viene da trenta metri e passa più o meno alla stessa distanza è imparabile? ma che stadere usi?

    RispondiElimina
  87. Jordan, solo un appunto (poi mi pare siamo d'accordo su tutto): non dico che il primo gol della Samp fosse facile da parare, figuriamoci, se piglia quella palla è un miracolo, però da qui a farsi spiazzare sedendosi in anticipo dall'altra parte ci corrono 4 oceani.
    Su come sia invece agli allenamenti, e come lo veda il gruppo, taccio perchè non ne so niente.

    RispondiElimina
  88. Kurt dice quasi tutto bene a parte l'impietoso giudizio sul portiere che ovviamente non condivido. Sul secondo goal non c'era molto da fare. se lo piglia fa un miracolo, ma quelli non li faceva certo Superchi, non scherziamo. Io credo che la partita sarebbe finita 2-1 anche con molti altri portieri che sul primo goal magari sarebbero rimasti in porta salvandosi un po' la reputazione ma non il risultato.

    RispondiElimina
  89. Viene da una distanza massimo massimo massimo di venticinque (non mai di quaranta), non comparabile per traiettoria, per posizione del crossante (ma icche «spara», Destro?) e per posizionamento dei compagni. La palla passa a quattro-cinque metri sul primo palo, non è parallela alla porta ma va trasversa e va in angolo, Gonzalo non lo sposti col carro attrezzi (come ti ho già detto), il bercio nella dinamica di quell'azione, che non è una candelora alta su calcio da fermo, non lo capisce nessuno né si ha il tempo di obbedirvi, non si chiama una palla su cui devi tuffarti, la palla è comodamente di Gonzalo che purtroppo la cicca. E guarda che per me Viviano vale poco, oh!

    RispondiElimina
  90. Discutiamo di una cosa che credo sia fuori dalle intenzioni attuali di Macìa&Pradè: mettiamo che non vadano bene né Viviano né Neto. Chi prendereste ora, tra i più o meno disponibili a gennaio, e chi a giugno, se la decisione fosse rimandata a tale data? Ovviamente nel secondo caso vi potete sbizzarrire assai di più, per il portierone di domani.

    RispondiElimina
  91. Bueno è una punta esterna/ala/seconda punta, Colonnello, dotato di velocità e mancino velenoso, ma non credo faccia al caso nostro, ora. Cristoforo l'ho visto giocare poco, mi sembra un centrocampista molto...ordinato, recupera palloni, distribuisce il gioco, pesca bene gli attaccanti in verticale...Potrebbe essere abbastanza interessante.

    RispondiElimina
  92. A me pare che Kurt scriva le stesse cose che scriviamo qui e la disamina della partita sia corretta, differenze fra il suo e molti altri pensieri letti qui non ve ne sono. Se poi si vuol parlare male di tutti per sugo di nulla basta farlo, che cambia....?! 

    RispondiElimina
  93. Opinione che rispetto, Blimpe. Per me, invece, Kurt di calcio ne capisce tanto, ma tanto tanto e sarei felicissimo di poterlo avere qua con noi a discutere di pallone. 

    RispondiElimina
  94. Thanks, Deyna. E poi: questione passaporto? Ad ogni modo sembra non muoversi nulla. dice che al massimo vendono Llama. Boh (da rispondere al petroliniano: «ma che je farò io ale donne?»)!

    RispondiElimina
  95. Jordan, d'accordo sul secondo gol ma parliamoci chiaro, una volta per tutte. Anche Neto non è un fenomeno. Buffon, a 18 anni, non 25, quando debuttò in A, questi gol non li prendeva, c'è poco da fare. Ora, io non voglio fare paragoni fuori dal mondo ne mi aspetto che Neti diventi anche solo la metà dello scommettitore, però di magagne me ne ha già portate fin troppe, per convincermi che non siano dovute a carenze tecniche strutturali e non migliorabili...

    RispondiElimina
  96. Deyna, credo ci sia poco da fare, almeno per quest'anno. So che uno valido l'ha preso il Il Palermo con Sorrentino, che per me non ha niente in meno rispetto a un De Sanctis o ai portieri del Milan. Dei nomi letti sul mercato italiano, l'unico valido che resta mi pare Stekelembug, ma penso non sia fattibile per noi. Il tanto sponsorizzato Agazzi mi pare un Neto più anziano e con meno meno margini di miglioramento. Quelli di serie B non li conosco, di quelli all'estero ne conosco pochi. Se fallisse Neto, spero che uno buono lo trovi Macia, perchè Pradè a Roma ha dimostrato di non capirne molto di portieri, che sono sempre stati il tallone d'Achille delle formazioni giallorosse dei suoi anni.

    RispondiElimina
  97. E perché no, Louis? Cambierebbe nulla in peggio, è carta velina. Vedrai del resto che a poco a poco verranno tutti qui, soprattutto ai primi caldi, quando le cloache cominciano a puzzare. E poi la vita vera è qua, i vampiri vengono a succhiarla.

    RispondiElimina
  98. Insomma, non credo ne abbiano oramai il tempo e il modo, ma se riuscissero nel miracolo che paventa Kurt, di sbolognarli tutti e due e portarmi che so, Steke, giuro che parto, vado al centro sportivo gli do la mano a tutti e due con tanto di foto, e la posto qua sul GIANNITUBE!

    RispondiElimina
  99. Ho detto trenta e li ho calcolati, non è Destro che spara, ma Pjanic, certo che non è comparabile infatti è infinitamente più facile intervenire su questo che su quello. Se viene calciata da una distanza di quindici metri dalla linea di fondo non può esserne a 4-5 quando ha fatto l'ottanta per cento del percorso ed è arrivata all'altezza del palo e sei metri dopo entra in porta, sarà a 2-3 metri al massimo e nel frattempo uno che non dorme ha avuto tutto il tempo di fare un paio di passi laterali per prenderla in mano. Gonzalo non è sulla palla, ci va, di corsa e se uno gli bercia "mia"  la lascia. Se una è una candelora calciata appena un po' più su, anche questo non è un missile, visto che tocca terra e rimbalza alcuni metri prima del palo. Non ci si deve affatto tuffare se muove i piedi (cosa che non fa, d'abitudine, e questo sì che è un grave difetto d'impostazione), tanto è che, nonostante sia rimasto impiombato come un papero quasi gli picchia addosso prima di entrare in porta, mentre lui fa un goffo tentativo annaspante.

    RispondiElimina
  100. Nessuna caponata, Colonnello, ma confermo: Cuadrado se l'e' mangiata. Era solo, a cinque metri dalla porta, ha fatto un bel tuffo e ha fatto bene a schiacciarla, ma certo che se la schiaccia praticamente in verticale, la palla giocoforza schizza in alto.
    Era una posizione molto simile a quella di Antonio in occasione del suo famoso gol di testa in tuffo contro i gobbi, anzi era ancora piu' vicino e non marcato.

    RispondiElimina
  101. Che sia fuori dalle intenzioni Deyna, non ci scommetterei... diciamo che non ce la fanno coi tempi... venderne due e comprarne un altro in tre giorni è dura anche per due come loro...
     

    RispondiElimina
  102. Louis, se la metti così potrebbe credere che lo sospettiamo di non capire un tube... 

    RispondiElimina
  103. Bueno ha il passaporto portoghese e potrebbe venire anche subito, ma è soprattutto un esterno alto sinistro che fa anche i gol, ma è un '93. E' seguito da molti, il Bologna l'aveva già quasi preso, poi ha mollato. 

    RispondiElimina
  104. Beh, la rivedrò, Jordan, ma 30 lo dici adesso, quando ne hai parlato per la prima volta oggi hai detto 40. E Gonzalo non «corre». Perché devo far passi laterali se Gonzalo interviene, ed è la cosa più normale e giusta e meno rischiosa, e non posso spostarlo? Voglio dire: c'è anche l'imponderabile, per il portiere come per tutti. Non vedo la cosa sbagliata, nella gestione di Viviano. Con maggior talento la para, ma ti ho fatto nomi importanti all'uopo.

    RispondiElimina
  105. Ora, parlando di portieri, scusate se non partecipo alla discussione sul secondo gol del Toro e se non calcolo l'ipotenusa (ah, gli ingegneri...), ma, ripeto, e' come dice Deyna: e' quasi impossibile che entro giovedi' troviamo un portiere forte, un secondo decente, una squadra che si prenda Viviano e un'altra che si prenda in prestito Neto.
    A questo punto, dopo seria e meditata riflessione, ho convenuto quanto segue: Viviano da qui alla fine non prendo nemmeno in considerazione, metto titolare Neto sperando che si dia una scossa e non faccia piu' cappelle. A quel punto, dopo una ventina di partite da titolare lo si potra' giudicare con un po' piu' di ragion veduta: se dimostra di essere un portiere forte lo si tiene, in caso contrario lo si vende (dopo una mezza stagione da titolare e' piu' facile) e si compra un portiere affidabile (Stekelemburg o chi per lui); se si rimane indecisi lo si manda (finalmente ) in prestito.

    RispondiElimina
  106. Ha preso una traversa interna, Anto, ha fatto quel che doveva nel gesto accorrendo e non essendo punta, a mio avviso. Grazie, Jordan, allora è un'alternativa a Pasqual, quella che sta sfumando col Bolton.

    RispondiElimina
  107. Louis uno era già quasi venduto, perchè io credo ci siano dei problemi, a parte il rendimento in campo. Ora non so che faranno, ma non c'è molto in giro, Stekelenburg credo sia quasi impossibile perchè non te lo danno, soprattutto ora che la posizione di Zeman vacilla. Poi però bisogna anche darsi una regolata perchè da noi di portieri non ne regna uno, abbiamo fatto scappare anche uno come Boruc che, per me, è di valore mondiale. Il portiere è un ruolo particolare, devi giocare tranquillo e fiducioso, perchè devi continuamente prendere decisioni al limite che contano la partita. Neto l'ho visto giocare un campionato intero in Brasile ed errori come questi non li ha commessi mai, ed aveva tre anni meno.

    RispondiElimina
  108. Questa sarebbe la cosa razionale, Anto, ma Viviano vuole giocare sennò parte e Neto è debole, adesso, di fronte alla Fiesole (domenica mi tremerebbero davvero le gambe, tra i pali, sotto i mambi a fischio preventivo). Forti pressioni su Montella perché torni in porta Amici-ci-si-vede-in-pizzeria.

    RispondiElimina
  109. Ha preso una traversa da cinque metri. Se da cinque metri prendi la traversa vuol dire che l'hai alzata troppo. Intendiamoci, ieri e' stato il migliore in campo, ma nell'occasione anche se ha fatto quel che doveva fare, cioe' andare di testa in tuffo, poi l'ha colpita male.

    RispondiElimina
  110. Neto ne ha 23 e qualcosa e due li ha persi per colpa nostra. Di portieri a 18 anni come Buffon non è che ci sia la fila ed è nato e cresciuto, coccolato a casa, a Parma. Tu avessi visto Neto a 20 anni nell'Atletico Paranaense non avresti notato grosse differenze, ma lì erano ovazioni ad ogni intervento. Pensi che non conti? Non credo proprio che abbia carenze tecniche strutturali, credo gli manchi solo tranquillità e fiducia.

    RispondiElimina
  111. Colonnello, Neto a Udine ne ha fatto una peggiore di quella di ieri e nella partita casalinga successiva contro il Napoli ha mostrato che non gli tremavano affatto le gambe. Mi sembra abbastanza freddo.
    Anzi, va testato proprio in questo momento, per vedere veramente di che pasta e' fatto.

    RispondiElimina
  112. Colonnello ma tu hai preso il morbo di LZ, l'ho scritto tre post prima del tuo, 45' fa, che ero andato a guardare il filmato ed avevo fatto i calcolini da ingegnere così Vitalogy mi prende per il culo!

    RispondiElimina
  113. Ma sono d'accordo, Anto, dico che ci sono fortissime probabilità che domenica torni Viviano.

    RispondiElimina
  114. Oh Jordan sui calcoli dell'ipotenusa t'ha meleggiato Anto, non io!

    RispondiElimina
  115. Per me uno deve partire. Se li lasciano così li distruggono tutti e due, di sicuro distruggono Neto.

    RispondiElimina
  116. Scusa, ma era una battuta mica me la son presa nemmeno con lui.

    RispondiElimina
  117. Ma io ho semplicemente detto che la prima volta oggi avevi scritto 40, non di più. Io di Lud ho solo l'ammirazione smodata per una persona, non Prandelli ma il Marchese Martelloni, che però va all'inferno quand'e' more, a occhio e croce (Machiavelli diceva volerci andare anche lui, perché dall'altra parte non aveva amici) e non è Santo e che prima di portare un giubbottino rinuncerebbe a una fiha halda (ma se racchia, oh! Ahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  118. Io credo che o torna o se ne va e voi indovinate cosa spero io.

    RispondiElimina
  119. Infatti l'avevo scritto, ma poi dietro la tua ribattuta a 20-25 sono andato a vedere il filmato ed ho fatto i miei calcolini. La vecchiaia piglia anche così, che ci vuoi fare?

    RispondiElimina
  120. Cazzo, e' s'è presa un'impennaha di nulla co' post! Stassera i' Neto e' funziona meglio della vasellina e meglio anche di Ludde (ahahahahahahahahahahaha!). Pollock, se si n'accorge i' Dorfino, gni piglia 'no sbocco! Ahahahahahahahahahahahaha!

    RispondiElimina
  121. Udinese:un tiro e mezzo(il rigore)+un tiro telefonato con jack da inserire nel foro(come negli anni '60-tre minuti per parlare con un altro utente)di Muriel.Pescara:due tiri,due gol.Napoli:due tiri,un gol.Catania:tre tiri,due gol.Di cosa stiamo scrivendo?Di avversari che hanno l'80% di realizzazione contro di noi?Sembra strano ma i portieri della viola di questa stagione passano le loro partite come una volta le trascorrevano Sebastiano Rossi,Zoff,Buffon,Julio Cesar:spettatori degli assedi,del pallino del gioco dei propri compagni e poi due,massimo tre interventi ma decisivi,che spesso apparivano di normale amministrazione ma effettuati dopo un'ora o 80 minuti di spettatore non pagante.Tutto qui,solo che noi non abbiamo un top-ortiere.Rivedere le gerarchie?Montella può fare quel che vuole ma resta un dato incontrovertibile,per chi ha sale in zucca:non riscattabile Viviano a 7,5 milioni di euro.Viviano non è bruciato,è un raro esempio di autocombustione.Su Neto si può lavorare:un anno in prestito giocando sempre,in una squadra che imbarca tanti tiri,poi ritorno alla base.Anno prossimo?Boruc tornerebbe a piedi,a Brescia mi disse "Mi piace tantissimo qui alla Fiorentina ma non mi terranno"(cfr.sul sitone giorno stesso di Brescia-Fiorentina 2-2,mio commento al match).Boruc è un Portiere.

    RispondiElimina
  122. Va bene, riprendiamoci Boruc, lasciamo andare Viviano al Bologna, acciuffiamo un secondo qualsiasi che sia un po' meglio di Lupatelli, pero' poi dobbiamo pure trovare una squadra che prenda Neto in prestito e lo faccia giocare titolare.
    Abbiaamo tre giorni.

    RispondiElimina
  123. «Autocombustione»... ahahahahahahahah! Su Boruc, Sopra, ho scritto nel tempo cose che Alceo se le sogna. cose da trascinarmi ipnotizzata in camera la stagista a prendere appunti (su come prendere a calci Cagaldo, ovviamente, cosa credevate... ahahahahahahahah!). Ma ho anche parlato oggi pomeriggio della sua pazzia suicida e non so come stia attualmente a circonferenza d'epa.

    RispondiElimina
  124. Nell'anno di Neto all'Atletico Paranaense, non ho visto tutte le sue partite, ma moltissime sì [mi ero fissato con Rhodolfo e soprattutto con Chico, e scoprii lui per puro caso], e devo confermare che di cappelle non gliene ho viste fare nemmen una. Sembrava anche più sicuro in tante occasioni, ai limiti a volte della spavalderia, tanto che usciva molto di più [e quel che importa meglio]. Quindi escluderei che i limiti siano tecnici [poi per fare impennare ancor di più discorrerei un po' di Nuciari!], penso sia la pressione sommata alla lunga inattività ad averlo reso un po' più timoroso. Se gli levano ViviUno di Noi© ad alitargli dietro dalla panca senza dubbio ne guadagnamo lui e noi in serenità. Se però disgraziatamente scelgono di rimettere Viviano in porta, che a sto giro lo diano in prestito, ché fargli buttare altri 6 mesi sarebbe da delinquenti. Comunque di portieri giovani tanto più forti di lui non è che ne vedo poi molti, eh, solo De Gea, Courtois e l'italiano Leali [ma lui lo devo vedere meglio] mi sembrano nettamente sopra, già Perin io mica lo vedo meglio, nel complesso. Ce ne sono anche altri forti, in giro per il mondo, ma li ho visti giocare solo poche partite, così non li cito.

    RispondiElimina
  125. Uomo di panza, uomo di sostanza, Colonnello. Il ritorno di Boruc tra i pali lo saluterei con gioia, ho qualche dubbio solo sulla sua partecipazione attiva al gioco della Maquina...

    RispondiElimina
  126. Boruc mi pare che nel frattempo sia diventato titolare (i suoi detrattori fiorentini, un paio di mesi fa, lo sminuivano dicendo che faceva il terzo al Southampton, nonostante fosse arrivato a ottobre-novembre). L'autocobustione del Sopra m'ha piegato dal ridere, anche se spero che presto si torni a ridere per qualche vittoria

    RispondiElimina
  127. http://www.youtube.com/watch?v=d3AaEzCAbVI

    http://www.youtube.com/watch?v=gmHhxwFfTNs

    Aridatece King Arthur!

    RispondiElimina
  128. Sopravvissuto abbi pazienza ma la statistica dei tiri/gol non è che abbia un gran significato. Ad uno gli puoi anche far due tiri e due gol tutte le partite ma se sono imparabili che è colpa sua? Giocare in porta nella Fiorentina di quest'anno anche a prescindere dai tanti cazzoni che ci sono sugli spalti e dietro le tastiere, soprattutto quelli con la tessera dell'USSI, non è affatto facile per quello che dici. Per un portiere è molto più facile quando sei sotto pressione di continuo, quando i compagni stringono gli spazi e ti proteggono e gli orecchi son ritti per forza perchè hai sempre il pericolo alle porte. Se fossi un portiere giovaneche si vuol mettere in mostra vorrei giocare nel Pescara piuttosto che nella Fiorentina. 

    RispondiElimina
  129. Boruccone nel Southampton ha fatto due partite, credo e mi dicono si sia un po' freizzato, cioè abbia messo su qualche chiletto. Figuriamoci se non lo ripiglierei, però con i suoi piedoni il gioco montelliano di scambi con i difensori lo vedo improbabile.

    RispondiElimina
  130. Solo quel che ha scritto nel tempo lo pseudosenese mamboide su Boruc basterebbe a riconoscerne l'assoluta e però aggressiva incompatibilità col calcio, caro Vitalogy, in effetti. Il più grande portiere passato a Firenze dall'addio di Albertosi. E nemmeno l'abbiamo avuto all'apice, occorre riconoscere, perché tra il 2006 e il 2009 gli ho visto fare nel Celtic cose-che-voi-umani, mentre da noi si mosse nell'ambito dell'umanità, pur superiore.

    RispondiElimina
  131. Credo che Boruc sia meglio di Albertosi, solo col miglior Sarti ci penserei, anche se il fisico non è nemmeno paragonabile, ma come classe, senso della porta, presa, sono due esseri superiori. A Firenze abbiam criticato anche loro ed uno l'abbiam fatto scappare.

    RispondiElimina
  132. Questa è la grande tristezza, nella città che abbiamo la dannazione di amare e di aver avuto in destino, caro Jordan: l'impossibilità di una gioia collettiva, di un consenso di anime intorno a un valore riconosciuto. Se disprezzi Boruc, secondo me, c'è qualcosa in più che il non capire di calcio. Questa è Firenze!

    RispondiElimina
  133. "Sopravvissuto abbi pazienza ma la statistica dei tiri/gol non è che abbia un gran significato. Ad uno gli puoi anche far due tiri e due gol tutte le partite ma se sono imparabili che è colpa sua?"JORDAN,e fai autogol pure te?Buonanotte(non quello del Malaga,qui facciamo frittate e non gelati)!Muriel,Legrottaglie,Castro imparabili?Uno lo accompagna casomai non entrasse poiché troppo lento(Muriel),uno lo prende facendo come Raimondo Vianello-Tarzan e la liana mancata(Legrottaglie)e l'ultimo lo becca in maniera Vivianescaconcorso di colpa marchiana di Roncaglia,s'intende).Belli miei,io entro poco poco in questioni tecniche,ho le mie idee,convinzioni ma voi vorreste convincere un professore di storia che Colombo sia stato il primo a sbarcare in America o che "La Venere di Botticelli" sia nata in Grecia(da qui il falso storico sul titolo...)?Su su...Ripeto,da molti mesi,che il portiere lo avevamo:Boruc.Gratis,già qui,pronto e con pochi migliori di lui nel campionato italiano.Viviano non rimuove(psicologicamente)l'infortunio,Neto manca dei fondamentali,lo noterebbe anche Boranga,che di fondamentali aveva solo il numero di maglia(1) e la maglia stessa(collo tondo,grigio-anonimo,aderentissima.

    RispondiElimina
  134. Sul goal di Castro ci puol fare poco e lo dice anche Sarti che di parare se ne intende e non è dolce con nessuno. Certo è più facile fare dello spirito che intendersi di cose di pallone, Se è per ridere ridimo, ma se Neto manca di fondamentali lascialo dire a chi sa cosa sono.

    RispondiElimina
  135. Quando Corvino prese Boruc, per qualche ora quasi non credetti alla notizia, tanto mi pareva impossibile che avesse portato a Firenze uno dei miei portieri preferiti degli ultimi 20 anni. Uno che al Celtic [ma anche nella Polonia a Europei e Mondiali] aveva fatto cose disumane. Come sia stato possibile criticare pesantemente anche un portiere così, a Firenze, non ha spiegazione razionale. Ecco, una cosa che Neto non ha di Boruc, è la presenza, il timore che incute: penso che nelle mischie in area gli avversari abbian sempre paura di incocciarci contro, e di prendere uno sganassone decapitante. O così mi sembra...Ah, ho riguardato il video della gara di ieri, chi si perde Legrottaglie ["con almeno lo stesso tasso di classe di Rodriguez"] è Savic, non capisco proprio queste continue leggerezze in marcatura su palle inattive...

    RispondiElimina
  136. Lefrattaglie con lo stesso tasso di classe di Rodriguez? O Deyna o da quale monumento di sapere calcistico hai tratto questa citazione?

    RispondiElimina
  137. Certo, Sopra, tutto o quasi è parabile, se nei limiti fisici delle umane possibilità di estensione, come i mezzi miracoli di Neto sui colpi di testa di Di Natale e Pandev testimoniano. Però, non avesse intercettato quei due palloni, nessuno gliene avrebbe fatto colpa, penso. O forse sì? Sul colpo di testa di Castro in sospensione [pareva Pelè, mortacci sua] non vedo falla tecnica: sta dove deve stare, si tuffa come deve, cerca di usare il braccio giusto. Ma il colpo di testa è talmente ravvicinato, che solo il fattore C gli avrebbe potuto far prendere quel pallone, e si sarebbe trattato di un altro mezzo miracolo. 

    RispondiElimina
  138. Devi tornare su sitone, Jordan, te ne perdi troppe..."Gonzalo ha una certa raffinatezza, ma è molle nei contrasti,
    insufficiente nel gioco aereo, narciso (a volte), incline all’errore
    ripetuto anche nei disimpegni banali. Non m’importa che abbia segnato
    sei gol (di cui quattro sum penalty). Gli preferisco di gran lunga un
    Legrottaglie che pure è solo il decimo in classifica tra quelli bravi
    in Italia, perché più concreto, più bravo di testa, più forte sulle
    gambe e con almeno lo stesso tasso di classe. E voglio aggiungere che
    con Gonzalo al posto di Natali l’anno scorso avremmo realizzato meno
    punti del Lecce". GAT dixit

    RispondiElimina
  139. Notare il "quattro su penalty"...

    RispondiElimina
  140. Raimondo Vianello/Tarzan... ahahahahahahahahahah! Boranga! Chi non mi hai ricordato, Super-Sopra! O Jordan, e chi vuoi che sia? Il Cagaldo! Ahahahahahahahahahah! Che bischero qui' monteCarlino... ahahahahahahaahahahahah! Comunque, Jordan, quando si parla di Neto fai come i bovindi: vai di fuori. Hai visto come rispondi al Sopra? Se il Sopra non sa di calcio io sono il babbo di Barry (coough! cough! cough!). Le battute del Sopra sono sempre esegetiche e comunque io ne capisco allora quanto lui perché anch'io penso che Neto abbia lacune di formazione, che si chiamano lacune di fondamentali, anche se le potenzialità sono rimarchevoli. Se citi poi Sarti a sostegno, devi anche dire, pur non concordando (nemmeno io), che per Sarti Viviano è tecnicamente superiore.

    RispondiElimina
  141. Su una cosa in parte concordo, però: in una squadra da zona retrocessione come la Fiorentina montolivizzata dell'anno scorso, Gonzalo avrebbe stonato, e nei mischioni Natali ha una sua efficacia. Naturalmente Natali [come Gamberini] è impensabile nella Fiorentina spagnoleggiante di quest'anno...

    RispondiElimina
  142. Chiarificatore28 gennaio 2013 23:24

    Il gol preso da Legrottaglie secondo me non si può correttamente definirlo una papera di Neto, perché Neto non ne ha la responsabilità diretta, c'è una sua corresponsabilità e neppure preminente.  

    RispondiElimina
  143. Mio Dio, Rodri peggio di Legrottaglie! E butta le notti, quel lobotomizzato, per defecare questa roba! Almeno venissero i medici di Molière, a gustarne una particola e ad emettere sentenza! No, tocca farlo a noi!

    RispondiElimina
  144. Sono d'accordo, Chiari, anzi sarei per l'assoluzione plenaria in quel caso.

    RispondiElimina
  145. http://www.youtube.com/watch?v=lxqMyAWWZX8

    Esaltante video su Boruc. Mannaggia a voi, mi avete fatto venire la nostalgia...

    RispondiElimina
  146. Chiarificatore28 gennaio 2013 23:32

    C'è un merito principale di Legrottaglie, c'è un demerito principale di  chi doveva contrastarlo vista la lontananza dalla linea di porta, in terzo luogo c'è anche un ritardo nell'uscita di Neto giustificato in parte dalla lontananza di cui sopra.

    RispondiElimina
  147. Boruccone pazzesco per come sapeva coprire lo specchio della porta. Presa di ferro, uscite da vero dominatore dell'area. Ma Jordan fa notare una cosina non da poco e che è il particolare per cui in questa squadra non farebbe la sua bella figura: con i piedi era da terza categoria.....

    RispondiElimina
  148. Rispondo a chi, per amore di paradosso o di battute a qualsiasi costo dice della cazzate. Se dici che ha lacune nei fondamentali dimmi dove. Buffon ha lacune nei fondamentali per il goal che ha preso due domeniche fa? Certo se uno mi dice che il pallone di Castro era facile da prendere cosa ci vuoi parlare a fare? Io non ci vedo alcuna lacuna ma solo un ragazzo che gioca fuori giri e senza la necessaria tranquillità il che lo porta delle volte a fare i miracoli e delle volte a fare scelte sbagliate.

    RispondiElimina
  149. Mio Dio, Deyna, quella manaccia smisurata che sembra indipendente dal corpo, quell'anticipo infallibile, quasi ridicolo, da cartone animato, quella copertura gorillesca di tutta la porta col corpo che in volo cambia direzione sembrando dilatarsi come ameba. Per come mio padre lo descriveva, per quello che si vede in rarissime immagini-video e nelle foto, il portiere che probabilmente è più assomigliato a Zamora. Attenzione, non dico che sia stato il numero due nella Storia, dico che morfologicamente e stilisticamente è il portiere che più gli è assomigliato, forse.

    RispondiElimina
  150. http://www.youtube.com/watch?NR=1&feature=fvwp&v=QS2qw1m8c4U

    Basta, stasera è Borucmania, telefono a Lorenzo di Pescara e ce lo andiamo a riprendere in Inghilterra offrendo supercontratto triennale, tanto paga il Chiari, per il Bene Supremo!

    RispondiElimina
  151. Chiarificatore28 gennaio 2013 23:42

    Non ha i piedi.

    RispondiElimina
  152. Il tempo nelle uscite è un fondamentale.

    RispondiElimina
  153. Deyna, con la scusa dei piedi si è ritratto dalla spesa, ancora una volta... ahahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  154. Chiarificatore28 gennaio 2013 23:43

    Le papere sono quelle dove c'è un'esclusiva responsabilità del portiere senza meriti o responsabilità di altri.

    RispondiElimina
  155. Il solo emergere,come elemento chimico proveniente da deiezione in forma solida(quindi come uno stronzo),il solo affiorare come muffa leggera su parete imbiancata di villa patrizia e razionalista(eh eh eh), un pensiero ragionato,frutto di un cogito per il quale si è pronti alla pubblicazione di richiesta di morte presunta nel voler mettere in comparazione G.Rodriguez con Legrottaglie...se questo lo rendiamo plausibile,be' allora possiamo die che anche GAT "Qualcosa di buono ha fatto".Questa sera Gasbarroni in gol,intanto.Riguardo l'aereo da caccia scomparso alle h.22 in zona Adriatico:Neto ha provato a prenderlo al volo,ma è uscito in ritardo,anche 'stavolta.Si presume che il portiere brasiliano uscirà di nuovo... intorno alle 01.00.per gettare i rifiuti solidi urbani.

    RispondiElimina
  156. E questo i tifosi viola l'han fatto andar via dicendo che era un pippa, ed ancora lo dicono. Magari per qualcuno di loro ha qualche carenza nei fondamentali.

    RispondiElimina
  157. Son veramente troppo pochi gli spezzoni video di Zamora che ho visto...A me Boruc ricorda lui, il grandissimo Schmeichel [ps: per urlare in faccia a Stam ci vogliono huevos di granito...]

    http://www.youtube.com/watch?v=xyKCxLQOo5w

    RispondiElimina
  158. Dice che son 158 commenti e poi si ferma a 147, perchè? è pieno?

    RispondiElimina
  159. Non vedo più gli ultimi post, che succede?

    RispondiElimina
  160. Ah ecco, ora invece li vedo di nuovo, boh?

    RispondiElimina
  161. Schmeichel, che aveva padre polacco, anche se è danese, ha un figlio, Kasper, anche lui portiere, dell' 86 che gioca nel Leicester City ed ha già debuttato nella nazionale danese. Sentiamo Macìa se lo conosce.

    RispondiElimina
  162. Chiarificatore29 gennaio 2013 00:04

    Qualcuno sta informando Attila che stiamo per perdere Cassani?

    RispondiElimina
  163. Ahahahahahahahah... Sopra! Ma parlando ora serissimamente: se ti pagassero, per inventarne così, riusciresti a pensarne una di quella purezza? Rodri e Lefrattaglie... ma nemmeno Swedenborg! Ma questo alle 4 di notte raggiunge apici visionari che il Coleridge oppiato di Kublai Khan gli fa le contropipe! Bisognerebbe avere il coraggio di parlare di genio.

    RispondiElimina
  164. Ora gli scrivo, ma il Genoa che fa? la Fiorentina B? 

    RispondiElimina
  165. Prova 1! Prova 1! Marmotta Buco! Prova 2! Prova 2! Parrucca Merda!

    RispondiElimina
  166. Deyna, incollare quel confronto Gonzalo-Legrottaglie (scritto da Legrotesque) è quasi come quando ci postavi foto montolivette 80enni obese e ignude, una tortura!

    RispondiElimina
  167. No, il tempo nelle uscite è una qualità che si affina giocando e che si perde non giocando, la decisione di uscire a tempo è frutto di sicurezza, che viene dall'abitudine e dal carattere, e di tranquillità, che viene dal sostegno esterno e ancora dal carattere. Se uno ha paura di sbagliare non esce o esce tardi. Fondamentali sono invece  l'elevazione, l'esplosività, la reattività, l'agilità, la presa, la tecnica di usare le differenti parti del corpo, il senso della posizione e poi c'è l'estro, la fantasia, l'istinto di prevedere quel che succederà che non è un fondamentale, che non si insegna, quello è arte ed è di pochi.

    RispondiElimina
  168. Legrotesque... ahahahahahahahahahahahah! Che giornata! Conclusa (almeno per me, adesso infatti vado a Nanninga... Ti è piaciuta, Deyna? Ahahahahaahahahahah!) dalla perla delle perle di Vitalogy, che brucia sul filo di lana un pur ispiratissimo Sopra (eliminato Pollock, che cercava scorciatoia alla Fogar) e vince il MonteCarlino della Notte, da spendere nei negozi convenzionati del Chiari.

    RispondiElimina
  169. Più che la Fiorentina B, il Genoa fa la "Fiorentina in B", cosa che ci profetizzavano i pontellizzazionisti che invocavano Preziosi al posto dei DV.

    RispondiElimina