.

.

venerdì 30 maggio 2014

C'è anarchia tattica nell'aria

L'argomento Cuadrado mi spinge a fare due riflessioni, una di natura economica e l'altra tattica. Il calcio italiano non ha più la capacità di trattenere nessuno  dei suoi campioni, se ne andrà anche Immobile detto Ciro, probabilmente al Borussia detto anche Dortmund, non penso che possa farcela la Fiorentina a trattenere il colombiano se non per un anno. Poi comunque se ne andrà inevitabilmente, così come Vidal e Pogba tanto per citare due giocatori di squadre che fatturano molto di più e che hanno il benedetto stadio di proprietà. I mari invece ce li saccheggiamo da soli, ieri ho mangiato degli scampi siciliani freschissimi e bevuto una Ribolla Gialla, una terza bottiglia come del resto per qualcuno é gialla come la terza maglia. Dopo il depauperamento di mari e campionati non ci resta che fare un ultima considerazione di natura tattica, e come per il comparto della pesca si obbligano le flotte ad effettuare un "Fermo biologico" di 40 giorni dove si fermano tutte le attività per permettere il ripopolamento delle specie ittiche, così dovrebbe fare anche il calcio chiudendo il mercato. Solo così saremo sicuri che nessuno potrà venire più a sconfinare nei nostri mari pieni di talento come anche di buste di plastica. Mi viene in mente Montolivo a tale proposito. E poi c'è un problema di disciplina tattica degli stessi giocatori all'interno di un mercato che in questo caso non é affatto ittico, perché il giocatore sotto contratto può sempre manifestare la propria volontà di andarsene, e come si dice, anche se non ho ancora capito chi cavolo l'ha detto, poi non si può trattenere un giocatore che ha offerte irrinunciabili da grandi squadre. È finita? Macché. C'è ancora tanta altra anarchia tattica all'interno di tutte le altre anarchie, Cerci per esempio non rientra e non fa una diagonale difensiva non tanto per postulato quanto per un difetto di postura, Cuadrado é un altro giocatore difficilissimo da "educare" tatticamente, insomma da inserire in maniera funzionale dentro a un disegno dove si distribuiscono ruoli e compiti. E allora mi viene da fare anche a me una considerazione di natura tattica finale che nasce dall'analisi di tutti questi comportamenti anarchici, a cominciare da chi pesca in maniera intensiva, fino a chi beve Ribolla Gialla senza misura infischiandosene delle quantità consentite per mettersi alla guida. E così ci ritroviamo un Paese dove il pittore dipinge le sue tele, il musicista compone le sue liriche, lo scrittore elabora i suoi testi, con il risultato che alla fine ognuno fa quel cazzo che gli pare.

40 commenti:

  1. Caro POLLOCK, la fantasia rende impotente la ragione e se Cuadrado di fantasia ne ha, figurarsi chi lo ha posto al centro del progetto Fiorentina, tanto da scalzare Gomez...Rispondo indirettamente anche a LJUKA: la Fiorentina é a un bivio più di quanto immaginiamo; compie 'sto benedetto salto o resta in un limbo di "sforzi ma senza portare a casa nulla"? L'Inter si sta riorganizzando e punterà in alto, la Roma c'ë già, il Napoli idem, la Juve irraggiungibile-per ora e per molto.....Hai elencato, ieri, la batteria di giocatori offensivi viola:bella gente, varia, caratteristiche peculiari notevoli sulla carta. Ecco, "sulla carta": sulla carta Babacar é straordinario, Bernardeschi idem, Gomez carneade, Cuadrado imprendibile, Rossi monumento nazionale, Joaquin per esteti e per noi,Rebíc il futuro Boksic, Gonzalo diga, Savic incedibile (non esiste termine più desueto!!!), etc etc. Tutto bene, tutto bello. Immagina che io non cederei nessuno!! Adoro chi veste la maglia viola e sono buoni sta ma.....Questo "sulla carta" ora pesa! Cuadrado sará telenovela come Liajic? Si. Un anno di tempo senza l'acquisto definitivo o comunque un accordo di massima, mondiale alle porte (moltiplicatore di valore, purtroppo per noi- luogo di sirene, luogo di offerte, luogo di affari atro che Ataquark!) e pensiamo di averlo tutto per noi, acquistarlo? Credo sia già tardi. Esulterò se rimarrà ma la vedo dura, a 45 anni ho imparato dal calcio questi tatticismi."Sulla carta" avevamo batteria per Campionato, EL, C.Italia (al netto di infortuni). "Sulla carta". Noi non abbiamo la maledizione di Guttman ma forse l'intenzione di crearla si. Sono Dellavalliano, come afferma Ludwigzaller non a torto, ma ora sono ad un bivio anche io: lo compie 'sto sforzo per lottare per uno scudetto (lottare sino alla 38a giornata, non sino a febbraio!!) o rimarremo dove si balla passando sotto un'asta molto bassa (Limbo)? Vorrei credere alla creazione dei blocchi: prima un ottimo attacco (Rossi-Gomez-Cuadrado- X), un centrocampo da finisseur (Valero-Aquilani-Pek-Mati-X) e infine una difesa-Maginot; la facciamo quest'anno la difesa insuperabile cosicché dalla trequarti in poi si divertono a sventrare difese e irridere avversari?!?!?!? LJUKA, siamo sempre "sulla carta" e se vai al ristorante "la carta" spesse volte é migliore del menù ma oggi, anzi, a settembre, cosa gusteremo? "Sulla carta" o il menù, al banchetto della Serie A? Per giocare a calcio occorre essere giovani, quasi spensierati...per capire il calcio occorre essere un po' maturi...Ecco mi sento maturo per capre che siamo all'ennesimo bivio viola. Nel calcio, come direi a Lud, non occorre avere ragione, no. Bisogna invece ragionare. Se io ragiono sulla viola, oggi, sento un po' di rabbia. Si. Allunghiamo le mani dentro la scatola delle competizioni, tocchiamo anche qualcosa ma non la definiamo, un po' come Diego Della Valle. Definisca, il patron, questa Fiorentina.

    RispondiElimina
  2. Che l'Inter punti in alto dubito e dubitano i suoi tifosi. Puntano al risparmio a partire dall'allenatore, che resta anche se non piace.

    RispondiElimina
  3. Veloce, perché sono in partenza. Tutto vero, soprattutto relativamente al discorso di crescere. Il "menu", però, è stato presentato soprattutto perché secondo me è uno sbaglio continuare ad ordinare ribollita e bistecca alla fiorentina, quando hai la possibilità di assaggiare anche pappa al pomodoro e lingua in salsa verde, oppure raviolo "sulla papera" e coniglio ripieno. I moduli, e soprattutto i menu (o menù, che dir si voglia, tanto per non attivare nuovamente la "Crusca"), che passione.

    RispondiElimina
  4. In genere con Ljuka non riesco a entrare in dialettica: nel senso che per me ha ragione, di norma, e la ha con eleganza indefettibile. Prendendo però a prestito dal post del Sopra, osserverei che stavolta Ljuka dimentica i rientrantri Babà e Bernardeschi, se non usati come pedine (ormai solo di prestito: osservo di sfuggita che l'abolizione delle comproprietà favorisce i grandissimi club, che dispongono di schienali in serie A per casi come quelli dei due citati). D'altra parte, è vero che partendo Cuadrado manca, per una variante (per me sempre deprecabile, intendiamoci) di 4-3-3, un esterno più di copertura. Capitolo Deyna: se è lui, prende per il culo e vaffanculo allora. La storia dell'internet-point di fortuna la racconti a questo paio di corbezzoli. Barry Bonds, insomma, aveva ragione e a lui mi converto, con lui fuggo in luna di miele. Tipico lettone a tre degli alberghi dei Caraibi: c'è posto anche per il Giubba, lo stringiamo a sandwich. Addio, amici degli scarpari! Tutunci forever, dodici anni di chiacchiere, andate all'Incisa voi e Cuccureddu!

    RispondiElimina
  5. È "lui", Colonnello ed ho maturato le tue convinzioni dopo la sua penultima ricomparsa. Ho smesso di preoccuparmi allora. Insomma, siamo in rete ed ognuno fa quel che gli pare.

    RispondiElimina
  6. Senza dubbio, AntoineRouge (nel week-end vado a vedere il Cronenberg e ti dico), però vaffandomo lo stesso a lui.

    RispondiElimina
  7. Non li dimentico, blimp, soprattutto Bernardeschi (in quel caso sarebbe da cassare, nel menù, Wolski). Su Babà, meno golosamente appetibile della geniale invenzione di Partenope, ho fiducia inferiore alla media. Non una certezza, ma una sensazione a pelle. In prestito, per me.

    RispondiElimina
  8. Se Deyna sta bene, sono già contento. Se torna a scrivere qui sono ancora più contento, poi può fare quello che vuole. Blimp, non ho capito cosa c'entra BarryBonds.

    RispondiElimina
  9. Perché sei tontolone, Anto, e non ricordi nemmeno di cosa dicevi esserti indignato qualche giorno fa. A questo punto anche Ludde aveva ragione e andate affandomo golfisti dei laghetti! Zamparini modello! Cellino for president! Braccini di Sant'Elpidio!

    RispondiElimina
  10. Dimentichi quelli della Casa dell'Agricoltore, della Casa del Fascio. BLIMP rispondi, visto che le azzecchi tutte:Cuadrado? Resta o va?

    RispondiElimina
  11. Sopra, è una vita che esorcizzi! Va via, cosa vuoi che faccia? Ma non è la fine del mondo, solo un pretesto per nuova gazzarra dei pagliacci antiviola.

    RispondiElimina
  12. Io sono uno di quelli ( pochi) che crede che Cuadrado sarà tutto nostro e viola anche la prossima stagione. E non per ottimismo sfrenato, ma perché sono convinto che in società sappiano benissimo quanto la cessione, adesso, sia un pessimo affare. Economico, non solo tecnico. Cedere il colombiano, sia la metà, sia l'intero cartellino, significherebbe ottenere una plusvalenza che difficilmente potrebbe arrivare ai 10 milioni. Un terzo del valore attuale. Cuadrado è un assegno riscuotibile in qualsiasi momento e la sua cessione, secondo me, si ripercuoterebbe a livello tattico anche sulla rosa. Che a quel punto avrebbe bisogno di un maggiore numero di innesti e , quindi, di un esborso che non sarebbe minimamente coperto dall'eventuale plusvalenza. In sostanza, fra tenerlo e cederlo la differenza di spese necessarie sarebbe minima. Dico questo per il semplice motivo che il colombiano è la chiave di volta che tiene su tutta l'architettura del 3-5-2, del centrocampo tecnico, della difesa a tre e dell'attacco con due attaccanti. La sua doppia valenza, offensiva e di presidio, rende il buon Juan difficilmente sostituibile in questo modo di giocare. E un cambio di modulo implicherebbe investimenti massicci in ogni zona del campo, dai laterali di difesa, ai mediani di contenimento, alle eventuali ali o attaccanti esterni. Varrebbe la pena ridiscutere tutto un impianto di gioco collaudato e i suoi interpreti per dieci milioni? Sarebbe un affare? Non credo.

    RispondiElimina
  13. Cuadrado non varrà mai più di quanto vale adesso (35, se sei corvinesco 40). Può solo farsi male, tenendolo. Comunque farebbe flanella.

    RispondiElimina
  14. Tesi più convincente degli ultimi 2 mesi.

    RispondiElimina
  15. Se con adesso intendete dopo i mondiali, mi accodo. Però mi piacerebbe che avesse ragione Foco. DV, stupiteci! E non solo con Cuadrado (se uno deve sognare, che sia sogno a colori ed in 3D).

    RispondiElimina
  16. Grazie del tontolone, Blimp,,, non avevo collegato BarryBonds, che conosco superficialmente e più, per cosi dire, per fama, a quello che aveva scritto quel post qualche giorno fa. O semplicemente mi ero dimenticato di quel post. Comunque è una coincidenza curiosa, che proprio dopo pochi giorni da quel post compare Deyna.

    RispondiElimina
  17. Il post di Deyna mi solleva senza se e senza ma, oltre a ciò spero di ricomimciare a trovarlo qui stabilmente.
    Su Cuadrado, come avevo scritto la settimana -mi pare- scorsa, penso che se dovessimo riscattarlo a 15 per rivenderlo a 30, allora tanto varrebbe lasciar che sia l'Udinese a riscattarcelo a 15, cosa che però farebbero solo se avessero alle spalle qualcuno che glielo piglia per 35-40. Ma a quel punto chi sarebbe a riscattarlo per rivenderlo conterebbe poco per l'eventuale acquirente ultimo, che potrebbe trovarlo pure con noi l'accordo, c'è giusto l'eccezione che i friulani fanno affari anche coi loro paricolore da Torino, e questo sfava (come si dice a Sesto)...spero resti ancora un anno.

    RispondiElimina
  18. Anto, tu sai che tontolone detto da me è un segno di predilezione... Sono d'accordo sulla curiosità della coincidenza.

    RispondiElimina
  19. Pollock ma il tizio della foto di oggi è Pino Scotto?

    RispondiElimina
  20. Ma 'sto Rossettini come vi sembra?
    Se lo come sostituto di Compper va bene, se invece lo prendono come sostituto di Savic già mi va meno bene. Se non lo prendono vivo lo stesso.

    RispondiElimina
  21. "Segno di predilezione"... ossignùr, tu a un certo punto sembravi avere Ludde come protetto... vuol dire che mi sto zallerizzando?

    RispondiElimina
  22. Se il pezzo grosso della difesa del Cagliari è Astori, che è già scialbo di suo, questo non ci sposta di una virgola.

    RispondiElimina
  23. Foco, ti piglio al volo. Ma tu, la Carbonara come la fai? A casa tua dico. Ogni tanti sperimento nuove soluzioni ma il risultato non è sempre soddisfacente. Grazie.

    RispondiElimina
  24. Io ho provato a farla stasera, col guanciale. Ora però non so come dormire

    RispondiElimina
  25. La faccio col guanciale. Lo faccio rosolare poco in padella. Poi lo unisco alle uova sbattute insieme a pepe nero e pecorino romano. Scolata la pasta ( io preferisco i bucatini) li metto in padella insieme a pochissima acqua di cottura per ripassarli mezzo minuto. Spengo e ci verso sopra le uova mischiate col guanciale. L'uovo si deve rassodare col calore della pasta, non va mai cotto.

    RispondiElimina
  26. Tequila, sale e lime. Un paio. Digerisci e dormi. In alternativa grappa.

    RispondiElimina
  27. Come la facevo ...anni fa, ma facevo rosolare anche la cipolla: che errore, vero?

    RispondiElimina
  28. Sdraiato a letto, ahahah!

    RispondiElimina
  29. Non intendevo problemi di digestione, ma di appoggio della testa

    RispondiElimina
  30. Col guanciale sotto la testa. Bona questa, ahahah!

    RispondiElimina
  31. Non ci va la cipolla. Solo uova, pepe, pecorino e guanciale. La cosa importante è che la pasta sia calda ( in modo da dare all'uovo cremosità, se è fredda rimane viscido e semicrudo) ma non deve essere sul fuoco ( l'uovo si rassoda troppo e si attacca facilmente). Qualcuno ci mette la pancetta, in quel caso deve essere tesa e non arrotolata e preferibilmente non affumicata che rimane troppo saporita.

    RispondiElimina
  32. Ottimo, grazie!

    RispondiElimina
  33. Scusa Vita, 'unn'aveo capiho la battuha, ahahah: Che doddo che sono! 'Un sono più Rock, sono Lento (alla Celentano), ahahah!

    RispondiElimina
  34. C'ho messo una mezz'oretta a capirla. E sono sobrio.

    RispondiElimina
  35. Questo mi rincuora, anche se c'ho messo solo un secondo meno di te per capirla, ahahah!!

    RispondiElimina
  36. Anto, «protetto» 'sto cazzo! Per il resto, io il guanciale lo uso solo con quelle brutte.

    RispondiElimina
  37. Ho capito, Foco gli è di già a trombare a quest'ora. Quindi una chiara, sicuramente, ahahahah!

    RispondiElimina
  38. Io ce le metto intere. Un tre uova per mezzo chilo di pasta sono più che sufficienti. Le sbatti con la forchetta che fa meno spuma della frusta. Prima di unire il guanciale, magari scolalo dal grasso che ha rilasciato durante la rosolatura e fallo un po' raffreddare. Il guanciale caldo potrebbe cuocere l'uovo. Non aggiungere sale, la sapidità del guanciale e la forza del pecorino bastano. Il sale solo nell'acqua della pasta.

    RispondiElimina
  39. Ahahahahahahah, certo che 'sti quarant'anni m'hanno proprio atterrato. Un anno fa, in un venerdì sera di libertà, a quest'ora starei cercando di convincere una sugli enormi benefici dell'ingoio. E domattina avrei fatto la solita colazione del sabato: 2 Plasil, 2 Maalox , 2 Spidifen e un caffè.

    RispondiElimina