.

.

domenica 11 maggio 2014

Quarto posto senza ascensore

C'è in ballo il quarto posto, prima però c'è anche un cinque è cinque per pranzo con lo sguardo oltre la terrazza Mascagni. Oltre a Spalletti. Forse addirittura già oltre al prossimo campionato. Un quarto posto che è sempre meglio del quarto piano senza ascensore della sorella di Furio. In San Frediano purtroppo la gente che abita in alto è irrequieta e reale come Montella, gli anziani sono prigionieri di vani scale ripidi, da scalare come una classifica per chi ha il bacino d'utenza come quello di Firenze. Quando ero piccolo c'era il cestino di paglia da calare, e un paio di scudetti da esibire, oggi non si usa più, nemmeno vincere uno scudetto, con l'aggravante dell'uso sempre più diffuso dell'acqua minerale in bottiglia, che naturalmente va portata su, come appunto la squadra di Montella in classifica. Il vantaggio della partita di oggi è che lo stadio di Livorno è sul livello del mare. Di buono c'è anche che Pradè rinnova, che Rossi e Gomez sono già due grandi acquisti per la prossima stagione, che Rinaudo oggi pomeriggio non c'è, e che comunque possa prima andare affanculo e poi in serie B, come gli augurammo senza remore e rimorsi il giorno dell'infortunio a Pepito. Mi aspetto solo una vittoria, nient'altro. La stagione va chiusa oggi in maniera convincente, qualsiasi altro risultato sarebbe come un quarto piano senza ascensore, e non ho voglia di portare su l'acqua minerale. No, dopo il ponce dal Civili, no. Solo quando devo mettere a posto la coscienza, lo faccio, e da noi Diladdarno le occasioni non mancano. Come invece gli ascensori. Non mancano le occasioni di sentirci in colpa perché pecchiamo, siamo sostanzialmente degli impuri, insomma, mistifichiamo le nostre coscienze come più volte mi diceva un saggio prima di ricadere anche lui in una vita di tentazioni e nuovi nick. E allora, quando devo sistemare le cose, per mettere in pace la coscienza, compio una buona azione; così dopo sento l’anima pulita e leggera come quella di Gerry 'a carogna. Ieri, ad esempio, ho aiutato la mamma di Furio che è anziana, povera e malandata, a portare la spesa al quarto piano. Voleva ringraziarmi, ma sono stato io a ringraziare lei perché mi aveva permesso di compiere quel gesto semplice ma tanto nobile. E poi comunque, per ringraziarmi, erano sufficienti quei dieci euro di mancia che mi sono fatto dare con la forza.

43 commenti:

  1. Oggi l'imperativo è vincere per essere sicuri del quarto posto che ci permette di evitare i preliminare di EL. Il Livorno è squadra scarsa e per di più priva di Paulinho, ma dovremo cercare di evitare gli errori difensivi commessi contro il Sassuolo. Pare che giochi Matos, spero che si sblocchi in campionato, poi potremo mandarlo in prestito e riprenderci Babacar.

    RispondiElimina
  2. Tra i convocati c'è anche Rebic

    RispondiElimina
  3. Sono contento delle dichiarazioni di Montella, si. Dentro o fuori il grande circo, facciamo ora il grande salto; lo ritengo uno sprone più che un monito e credo siano stronzate le illazioni sulla voglia di andare via, e anche il,paragone con Prandelli c'entra 'na sega! Vai Vince', fatto rispettare! E macina risultati! (Due 4i posti consecutivi, roba che non succedeva spesso, a Firenze!).

    RispondiElimina
  4. Succedeva, Sopra, con Prandelli...

    RispondiElimina
  5. Sono d'accordo anche io, parla di programmi per il prossimo anno, addirittura di un prolungamento, non mi pare uno che se ne voglia andare, da ambizioso qual'è vuole, come tutti gli allenatori del mondo, che i pezzi migliori rimangano, più che chiedere forti innesti pare voler mettere le mani avanti sul lasciargli almeno quelli che ha. Non serve molto per portare questa squadra a lottare, non per il vertice, ma per una zona CL abbastanza stabilmente. Se poi è tutta una manfrina per preparare la rottura rimarrei molto deluso ma nel calcio ci sta tutto, le sorprese sono ridotte al lumicino in questo ambiente, a qualsiasi livello. Oggi sarei contento di non fare figure di merda, a prescindere dal risultato.

    RispondiElimina
  6. Aruspice!!!

    RispondiElimina
  7. No, solo notaio: due quarti posti consecutivi, come dicevi, «succedeva» con Prandelli, è solo quanto scrivevo sotto. Per quel che è dell'arte aruspicina, invece, basterebbe fondarsi sui tuoi arroccamenti incazzati su coloro che do per partenti: nel passato Magic Raven e Jovetic, oggi quindi Cuadrado e Montella.

    RispondiElimina
  8. L'analisi del primo tempo è facile: senza giocatori tutti di primo livello contro un Livorno decimato e scoraggiato non puoi segnare, c'è poca da fare.

    RispondiElimina
  9. Cerchiamo disperatamente di arrivare quinti. Ambrogio giocatore regalato agli avversari, Aquilani corricchia, Borja come nella più parte delle gare di quest'anno, inincidente lento digressivo, Ilicic cesellante il vuoto pneumatico. Gioca solo Cuadrado, trequartista inventato da Montella (recente, reale e grande merito dell'allenatore, anche se acquisito per via di infortuni, indisponibilità e cazzate accumulate in precedenza) anche se la Fava Atomica lo delira punta dall'anno scorso e vuole che noi gli riconosciamo il genio di averlo compreso per primo (ahahahahahahahahah!). Matos ha qualche buona verticalizzazione ma è smussato, Vargas non salta più l'uomo, il Fac sbuccione in qualche intervento. Ora entrino Pepito per Matos e Mati per Ambrogio. Mati fu il migliore del nostro centrocampo contro il Sciasciuolo, del resto, ma quell'imbecille ippopotamesco di Cicciare' gli mollò non so più se tre o quattro in pagella. Terzo cambio per Wolski, direi, al posto di Ilicic. Poi, resterà soltanto da provare LUCIANO.

    RispondiElimina
  10. Poco, non poca, qua sopra: sulla pochezza di Vincè, invece, parole non appulcro.

    RispondiElimina
  11. Entra il Pep e risolve, come faceva in partite bruttissime nel girone d'andata. Sublime resa di triangolo a Juan (immaginate Ilicic: era ancora lì a pensarci su).

    RispondiElimina
  12. Che tristezza per il povero Bologna.... delitto perfetto di Rocchi.... Ma che senso hanno in serie A Sassuolo e Chievo? Campionato a 20 squadre sempre più inutile.

    RispondiElimina
  13. Quarto posto messo in cassaforte, adesso domenica possiamo anche regalare 3 punti al Toro perché vada in EL (abbiamo perso in casa con cani e porci, non ci metteremo a rompere i coglioni ai fratelli granata, spero).
    A qusto pnto si può cominciare a fare un bilancio della stagione: 64 punti, 37 all'andata (con Pepito), 27 al ritorno (senza Pepito); 34 punti in trasferta, 30 in casa. Tutto sommato la stagione è positiva, considerando gli infortuni in attacco (Gomez ha giocato di fatto 5 partite, Rossi solo metà campionato, Rebic non si capisce cosa gli sia accaduto), certo non ci sono stati passi avanti rispetto a quella scorsa, non abbiamo avuto acuti e c'è il rimpianto della Coppa Italia.
    Alcune decisioni di Montella sono state poco comprensibili, ma spero che questa stagione sia stata la palestra per affrontare la prossima, in cui almeno un trofeo (Coppa Italia o Europa League) dovremo portarlo a casa.

    RispondiElimina
  14. Se anche vinceremo col Torino, i punti totalizzati in trasferta supereranno quelli fatti in casa: caso molto raro in Italia e molto raro su punteggi da Coppe. Siccome i numeri sull'arco di un campionato non mentono, ne emergono due fattori scompensanti fra le mura amiche: sofferenza sui contropiedi e imbarazzo di fronte a difese chiuse. Il secondo fattore si spiega con l'assenza di Gomez ma qualcuno ancora non l'ha capito. Beh, non vorrei esser troppo reticente: quel qualcuno è la Fava Atomica (ahahahahahahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  15. Orcio, cedendo Diamanti il Bologna ha firmato la sua condanna. Comunque la tua logica mi spiace, in base ad essa lo scudetto dovrebbero contenderselo sempre e solo in tre, le strisciate. E' pure quel che succede, ma è tradizione malefica. Nei paesi sani il Sassuolo può vincere lo scudetto.

    RispondiElimina
  16. In casa 9 vittorie, 3 pareggi e 6 sconfitte, 34 reti fatte e 27 subiti.

    In trasferta: 10 vittorie, 4 pareggi e 5 sconfitte, 29 reti fatte e 15 subite.

    Siamo la seconda miglior difesa in trasferta, solo la juventus (con una partita in meno) ha subito meno reti fuori casa (14), mentre in casa solo quattro squadre hanno subito più reti di noi.

    RispondiElimina
  17. Anto, sono numeri eloquenti, come scrivevo sotto. Anche lo scontro con la Juve in UEFA è in casa che l'abbiamo perso.

    RispondiElimina
  18. Ti vorrei dire che nella finale di Coppa Italia eravamo stati sorteggiati come squadra di casa...

    Il problema in effetti sono i troppi gol subiti in casa, evidentemente frutto più di una certa disposizione tattica e all'esposizione che della qualità dei difensori.

    RispondiElimina
  19. Partita geometricamente decisa da un postulato euclideo: con l'aiuto di Rossi, Cuadrado fa il triangolo in area e il cerchio é chiuso.

    RispondiElimina
  20. Lo scemo del villaggio reitera le sue follie dando ennesima dimostrazione quanto lui e il calcio siano le due famose rette parallele. Già il colonnello esplica bene il quadro statistico casalingo facendoci rimpiangere oltremodo uno scassina difese come il panzer con squadre chiuse. Scassina difese che non è Rossi (l'idiota lo metterebbe falso centravanti, lo vogliamo più stolido di così ?!) per costituzione né Cuadrado per ruolo, neanche se utilizzato più ala come quest'anno. Salvo infortuni il modulo del prossimo anno tornerà ad essere quel 3-5-2 dell'anno passato e di questo, quasi, metà campionato (eh si, col 4-3-3 2,2 punti a partita, ma solo un bruto vede questo modulo applicato da noi quest'anno, un bruto che ama scimmiottare pensieri altrui anche perché incapace di generarne di propri), con buona pace di tutti e che ci mette al riparo dai 4 dietro che non abbiamo per poterlo fare, di fatto un terzino e mezzo di ruolo in mezzo a tanti centrali più o meno decenti, anche questo dato rende evidente la statistica fra e fuori le mura amiche. Quarto posto matematico che in se non sarebbe da celebrare, 64 punti che questi rimarranno perché fare uno sgarbo al Toro per non farlo entrare in europa non avrebbe senso, basta farlo in maniera intelligente. Ma questo quarto posto non è da considerarsi un pessimo risultato, ci sono pure ottavo di europa league perso per un goal di differenza nei confronti di una squadra che ce ne ha rifilati 32 in campionato (ad oggi), una finale di CI giocata più che alla pari senza tre titolari principali e vagamente falsata dagli intimidatori atteggiamenti di una tifoseria (capeggiata da jenny a'merda) che ha tenuto in ostaggio il regolare svolgimento, insomma, a fronte di qualche punto in meno c'è stata una finale di coppa e un'ottavo perso con dignità contro la più forte in Italia. C'è crescita, crescita che deve tenere conto di chi è mancato per un anno (praticamente Gomez ha giocato da sano 5-6 partite) e Rossi un girone e una lenticchia del ritorno, le due punte sulle quali era stata costruita la squadra, le mura che avrebbero dovuto tenere al riparo dalle tempeste tutto il castello. Non sono attenuanti, alibi, ma doverose precisazioni a chi ha pensato a tirare più concio a Montella che a capirne la gravità che queste defezioni hanno causato. In qualche partita si è perso la faccia per atteggiamento sbagliato, ci sta, in altre si è perso per scarsità di mezzi (Pasqual non si può più vedere, con o senza fascia) di alcuni interpreti, l'unico vero appunto riguarda la preparazione e la fase difensiva. La prima, come Simeone insegna "se vuoi fare l'allenatore non puoi sbagliarla" [cit.] è stato un'incidente di percorso irripetibile, il prossimo anno non voglio vedere giocatori pascolare in mezzo al campo per due mesi, la seconda merita puntuale approfondimento, sviluppo ed estensione di dettami che insegnano già dai pulcini, quanto meno non perdere l'uomo che si marca, cosa quest'anno mai vista, presi goal a grappoli come polli. Un paio di difensori decenti, un paio di centrocampisti (un regista buono SUBITO), richiamare Baba e Bernardeschi all'ovile in attacco ed il gioco è fatto.

    RispondiElimina
  21. Una spalmata dietro l'altra ma sappiamo che non esistono incassatori così. Peccato che sia inconsapevole e incapace di provare dolore, lo scalfisse la vergogna capirei ma a chi è incapace di provarne può solo aver tolla coma pasto notte e dì.

    RispondiElimina
  22. Comicissima la Fava Atomica, che torna a minacciare querele al povero Pollock per gli insulti che qui riceve e che puntualmente viene a leggere per cercare di accrescere il suo Io disturbato. Ormai s'è messo in testa di essere il più bravo ed il più furbo degli intenditori per aver scoperto le doti di attaccante di Cuadrado e la mena contro coloro che chiama quattro fanatici pseudo esperti. Ormai sta straparlando e se ne stanno accorgendo tutti sul sifone e ci mette pure il carico sopra invocando la cessione di Gomez. Credo che il parlar troppo di calcio, capendone meno di niente, cominci a nuocere gravemente alla sua salute. Che si faccia curare, ma da uno bravo!

    RispondiElimina
  23. Per quanto riguarda Gomez, ricordo che, nel doppio confronto di EL contro la juve, all'andata è entrato sull'1-0 per i gobbi e ha segnato il pareggio, mentre al ritorno è uscito sullo 0-0 e abbiamo subito gol quando lui è uscito. Per carità, sarà un caso...

    RispondiElimina
  24. La differenza fra il rendimento casalingo e quello fuori casa si è vista anche in EL, e non solo contro la juve: pensiamo al doppio confronto contro il Grasshopper (vittoria fuori e sconfitta in casa) e contro gli svedesi dei sedicesimi di finale (vittoria fuori e pari in casa).
    Solo in Coppa Italia siamo andati meglio in casa che in trasferta.

    RispondiElimina
  25. Colonnello, la mia logica dice che ovviamente tutti nel calcio hanno dignità e nulla volevo intendere contro favole come unSsassuolo che vince lo scudetto (cosa che non mi sembra possa accadere anche da altre parti). Dicevo solo che piazze rappresentative di una storia come Bologna o Catania vanno giù a favore di realtà seguite da qualche centinaio di appassionati ogni domenica, facendo da palestra ed emanazioni proprio del potere strisciato, come lo sono le succursali Chievo e Sassuolo

    RispondiElimina
  26. La liga senbra che non la voglia vincere nessuno, ci iscriviamo alla prossima?

    RispondiElimina
  27. La Juve: desolatamente la più forte. La Roma: Garcia disse 9 giorni fa "Scudetto? Andato." E i giallorossi beccano 5 gol in due match e li perdono entrambi, per la serie "Quanto incide un mister, psicologicamente"! Il Napoli: 73 milioni di euro per arrivare terzi, in distanza siderale dalla Juve, cui prodest? Fiorentina: vinceremo il tricolor? Bologna: un buon attaccante in naftalina (Rolandone) enessun giocatore da Serie A: giusta la B. Catania: Pulvirenti sterza verso l'edilizia e certifica la fine degli etnei. Livorno: Spinelli rimane una garanzia di altalene da A a B e viceversa. Sassuolo: giovani e arditi ma soprattutto Berardi, Zaza(+Gabbiadini e Immobile)= almeno 30 milioni nelle casse della Juve, che rischierà di essere, anche l'anno prossimo, desolatamente la più forte.

    RispondiElimina
  28. A me dispiace che si demolisca da solo in quel modo. «Non c'è spazio per Gomez»... Credo che lo accontenteranno, come no... lo vedo già, Gomez venduto in estate... Poi, dirà cosa? Inventerà cosa? Ho una botta di tristezza, è persona non priva d'ingegno, per parafrasare Don Lisander, e si sta maciullando in una pozza di merda...

    RispondiElimina
  29. Colonnello, forse lo sopravvaluti. Un qualche ingegno probabilmente lo ha, ma rovina tutto con la sua debordante presunzione che cerca di mascherare, ma che viene sempre prepontentemente fuori ad ogni piè sospinto. E', come giustamente lo hai soprannominato tu, un Fava dalle proporzioni abnormi (m solo in senso figurato). Dovrebbe limitarsi a dire ogni tanto la sua, senza proporsi ogni volta a petto nudo come lo scopritore dell'acqua calda. Con le cazzate che sta dicendo su Gomez, adesso cominciano a prenderlo per il cuolo un po' tutti anche sul sitone, ma lui, impassibile, rimane piantato lì con suo cappello di Napoleone.

    RispondiElimina
  30. "Senbra" non è male.

    RispondiElimina
  31. «Devo fare delle valutazioni. Non voglio decrescere. La mia professione mi impone di non decrescere»: addio. Un altro che vuole alzare l'asticella e finirà per infilarsela. Forza LUCIANO!

    RispondiElimina
  32. Uno scemo che giudica un giocatore che non mai visto al top nella Viola se non per brevissimo tempo, ed anche in quel poco una manita di goal di pregevole e pesante fattura, non ultimo quello in coppa. Un totale idiota che vorrebbe venderlo quando rappresenta la bistecca della campagna acquisti e che il suo deprezzamento ci darebbe una bordata ai conti che nemmeno un Marino qualunque si permetterebbe di fare come operazione in uscita. Uno dei pochi punti fermi del prossimo anno e il cretino ne invoca la cessione. Per fortuna si è invaghito di Rossi che quanto a fragilità ne ha ben donde più del tedesco sennò sai che palle.......giudica senza sapere, senza conoscere, d'altronde sa una sega chi è Gabbiadini. Gabbiadini chiiiiii....?! Voleva Guidetti perché s'è scritto noi ma ancora sta cercando motori di ricerca che forniscano link decenti per cui possa scriverci sopra qualche cazzata. Difatti ha mollato, impresa titanica anche per uno spara cazzate a ripetizione di quel livello. Adesso c'è l'embolo per Cuadrado come se qualcuno ne avesse messo in dubbio doti e qualità qui, e come se fosse scoperta sua quella del suo utilizzo. Certo, oggi in serie A ci sono 20 giocatori che ne hanno marcate di più di reti ma dato che Cosmi ha affermato "attaccante devastante" e che lui ne condivide la definizione ecco che i geni si chiamano Serse Cosmi (mai utilizzato come ala e poco anche come esterno.....) e lui che ne aveva previsto grappoli (???) di goal. Di previsioni azzeccate ne facciamo noi, finché non viene sulle palle al mondo intero non avrà pace, che i follower siano persone che lo cercano per mandarlo a fare in culo non gli importa, basta che ci siano.

    RispondiElimina
  33. Il Sassuolo ci ha provato ad affossarsi con Malesani, fortuna loro che sono rinsaviti in tempo riprendendo Eusebio Di Francesco in tempo, uno che gioca davvero col 4-3-3 ed autore di un'autentico miracolo, basti vedere i punti messi insieme da quando è tornato alla guida. I giocatori li aveva ma li ha fatti giocare davvero bene valorizzandoli, anche nel girone di andata dove aveva messo insieme colpacci su campi difficilissimi. Allenatore da tenere d'occhio, ha già un campionato di B e quasi uno di A ad alto livello, non diventerà un guru fra gli allenatori giovani ma le basi mi paiono buone, molto buone, dovesse riconfermarsi li o da un'altra parte si potrebbe parlare di prospetto di sicuro interesse.

    RispondiElimina
  34. "A volte gli avversari in panchina hanno dimostrato di avere qualcosa in più". Plus dixit quam voluit?

    RispondiElimina
  35. Ahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  36. Be' tenendo conto di Yako, Bakic, Matos, Ambrosini....Spiace che nessuno abbia notato che la Fiorentina, oggi, ha vinto con il risultato che piace di più e apprezza (vedi post sul sitone) la Papessa crociata...

    RispondiElimina
  37. Sopra, ed è pure una cazzata, perché i campionati con gli 1 a 0 li vince solo la Juve, che non è una grande squadra, come l'Europa dimostra e ha sempre dimostrato. Le grandi squadre vincono 1 a 0 quando veramente non possono fare di meglio e perché preferiscono questo al pareggio e alla sconfitta: così è corretto. La Juve vince 1 a 0 perché l'arbitro stoppa gli avversari, non espelle Chiellini e non fischia il fuorigioco sul gol di Osvaldo: in Europa non può succedere, da cui turchi e portoghesi inculatori.

    RispondiElimina
  38. Intanto, cloaca incredibilmente bloccata coi post a più di due ore fa: per me è blogspot, intervenuto su segnalazione di Gomez.

    RispondiElimina
  39. Saranno le querele a random...oppure l'addetto che stava facendo un paio di nespolette con la ragazza...Oppure li leggono uno ad uno...Oppure un post kilometrico ha intasato tutto...(andrei velocemente a prendermi Koné, nel frattempo).

    RispondiElimina
  40. Volevo leggere replica inane del mentecatto ma pare totem quell'ultimo mio post a inchiodarlo di fronte alle sue responsabilità di padre di post idioti, non che serva la prova del DNA, certi parti hanno genetica certa.

    RispondiElimina
  41. Mi attendo un editoriale contro la Decrescita, POLLOCK...ah ah ah...ahahah...ahahahah..

    RispondiElimina
  42. C'è querela e querela, a quelle del pietrasantino manca il destinatario, non gli resta che inviarsele.

    RispondiElimina
  43. Crede di aver trovato l'uscita così: siccome sa (almeno lui, Sopra, lo sa... ahahahahahahahahah!) che Cuadrado sarà ceduto, dice che i dirigenti si trovano di fronte all'alternativa (tattica, badate bene, tattica!) fra Cuadrado e Gomez. Una volta ceduto Cuadrado dirà che la Società ha fatto la scelta sbagliata per Gomez, contro la volontà di Montella: se con Montella faremo caghèr l'anno prossimo, dirà che è perché i dirigenti hanno scelto il tedesco contro il colombiano; se Montella se ne andrà in estate, dirà che è perché è stato prevaricato dalla Società che ha scelto Gomez contro Cuadrado a dispetto del suo volere. Rimane una possibilità: che Montella senza Cuadrado entri in Champions con Gomez in 4-3-3 o in 3-5-2, moduli per i quali la Fava Atomica lo ritiene impossibile. Se ciò avvenisse la Fava Atomica non avrebbe più parate. Confido che impastrocchi qualcosa nei mesi a venire per pararsi il culo, già sfondato a siluri, di fronte a questa eventualità.

    RispondiElimina