.

.

giovedì 29 maggio 2014

Quattro stagioni che non siano una pizza

Sono in mezzo a un paio di giorni pieni di cose da fare, di giorni che una persona normale, e non affetta come me da "metafora tremens", definerebbe "di corsa", tipo quelli che ti lasciano segnato come le carte di un baro, e che poi sei costretto ad andare da rinomati psicologi di ultima generazione, che visti i giorni così ripieni ti fanno subito un paio di test farciti. Non ho quindi il tempo di analizzare nessuna ipotesi di mercato, vi lascio in mano tutte le trattative e le chiavi sotto il vaso dei gerani. Prima del bip del Telepass posso fare solo una considerazione generale in vivavoce, di come cioè il tifoso Viola si prepara alla nuova stagione, sempre con la stessa identica speranza nel cuore di vincere qualcosa. E poi spesso si ritrova in mano al massimo una "Rustichella" e la macchina piena di bottigliette di acqua minerale vuote e sparse qua e là. Così é tornata la primavera e ci ha ritrovati qui con la sciarpa Viola al collo, poi é arrivata l'estate e ci ha trovato ancora qui ma senza la sciarpa perché faceva troppo caldo. Poi é giunto l'autunno ventoso, ok con la sciarpa, ma anche piovoso e quindi ci ha trovato qui belli fradici perché senza ombrello. Quindi puntuale come un referto falso di Gervasoni é ritornato l'inverno e ci ha ritrovati ancora qui. Insomma, mai visto uno sciopero dei treni così lungo.

34 commenti:

  1. Giornate di corsa? Non hai mai visto le giornate, soprattutto le domeniche e i giovedì, di Cuadrado!

    RispondiElimina
  2. "Avendo già ingaggiato Rossi
    nella sessione invernale, la linea di attacco, Cuadrado, Rossi, Ljajic
    era definita. Restava da prendere un centravanti giovane che potesse
    ritagliarsi qualche spazio importante e crescere all'ombra dei tre
    titolari. In questo senso anche Gabbiadini andava bene". Quando è stato scritto? (Non è facile).

    RispondiElimina
  3. Buona la Rustichella, calda è apprezzabile. Il prossimo anno qualificazione CL.

    RispondiElimina
  4. Non è il quando il problema Antoine, è il chi! D'altronde è risaputo fra Gomez e Gabbiadini molto meglio allocare il secondo in rosa, si dischiudono obbiettivi e ambizioni differenti.

    RispondiElimina
  5. L'autore è facilmente identificabile, ma la data del post potrebbe essere una qualsiasi dall'acquisto di Gomez ad oggi, dato che la puntina del giradischi si è incantata in quel momento.

    RispondiElimina
  6. Gomez, Gabbiadini... Sia chiaro che io posso ricamare, cesellare, addobbare, fare ghirigori e, esprimendomi da tanguero, adornos attorno agli scritti di un pazzo. Non posso tuttavia prenderli come serio motivo di discussione. Qui non c'è da confutare nulla. Qui c'è da prendersi cura. Qui ci sono in gioco motivi umanitari.

    RispondiElimina
  7. E' stata scritta OGNI GIORNO dal luglio scorso a oggi.

    RispondiElimina
  8. Ricomincio da capo.

    RispondiElimina
  9. Ovvio che col rendimento di Gomez Montella sia in rotta con la società, manco l'aveva chiesto.

    RispondiElimina
  10. Ljajic e Gabbiadini sono il futuro, Ilicic pippa.

    RispondiElimina
  11. C'è distonia fra proprietà e area tecnica.

    RispondiElimina
  12. Il 31 Agosto andrà a male pure l'aceto.

    RispondiElimina
  13. Insomma, non avete indovinato: il post è fresco di giornata.

    RispondiElimina
  14. Sabato sera speciale "Quark", con Piero Angela. Indovinate su chi?

    RispondiElimina
  15. Nooooo! Ma dai....

    RispondiElimina
  16. Io non lo avrei mai immaginato, perché non posso credere ad un grado di follia così elevato.

    RispondiElimina
  17. Veramente anche se avessimo sparato una data a caso negli ultimi dieci mesi, per esempio 12 dicembre 2013 oppure 28 marzo 2014, avremmo comunque indovinato.

    RispondiElimina
  18. Allora lo Speciale Quark sarà replicato anche domenica.

    RispondiElimina
  19. Lud oggi ripete: "Diverse fonti giornalistiche riferiscono che la Fiorentina avrebbe raggiunto un accordo con l'Udinese per un riscatto della metà di Cuadrado a 5 milioni e l'altra metà a 10 nel 2013. Se si fossero versati allora, in contanti, 15 milioni (derivanti da parte di quanto incassato da Jovetic) non vedo cosa avrebbe potuto obiettare Pozzo."
    In realtà ne avevamo parlato alcuni giorni fa ed era venuta fuori UNA fonte secondo la quale secondo l'accordo dell'anno scorso, la Fiorentina avrebbe dato 5 milioni nel 2013 (oltre al milione versato nel 2012) per la prima metà e 10 milioni nel 2014 per la seconda metà. L'Udinese starebbe facendo la furba chiedendo di più quest'anno. Naturalmente non abbiamo la certezza che quanto scritto in quell'articolo corrisponda a verità.
    Questo per la precisione.
    Gliel'ho scritto anche se su fi.it, vediamo se mi risponde sul merito o si limita ad insultarmi o a chiamarmi Toro Seduto o qualcosa di simile.

    RispondiElimina
  20. Sinceramente, Anto, mi meravigli. E lo dico perché ti stimo.

    RispondiElimina
  21. Lo disse anche Pina a Fantozzi......

    RispondiElimina
  22. Non vorrei sembrare un nostalgico di Ljajic....... ah ah ah ah ah ah
    Sempre freschezza e novità in ogni suo post ah ah ah ah ah ah

    RispondiElimina
  23. Dopo un supplemento sgradito di disavventure, preparatevi, o amici: siamo ormai a circa -7 dal Deyna-Day! Da un internet point di fortuna, velocissimi telegrammi: Spero vivamente per noi che il Giubba decida di non portare Pepito in Brasile, sarebbe deleterio per la sua prossima stagione; leggo di Lud che spera in una cessione di Gomez, la ritengo quasi impossibile visto l'investimento economico e di immagine che è stato fatto; su Ljajic sono in disaccordo con molti di voi, è lento a maturare, ma ha un potenziale non inferiore a Hazard e Goetze: lo riprenderei al volo [e credo anche Montella, se ho letto bene una sua intervista di poche settimane fa], ora che è probabilmente più umile; come volevo il centravantone per la Maquina, altrettanto indispensabile è sempre stata per me la diga di centrocampo, credo che sarebbe un bel colpo Sandro, in periodo di annebbiamento; spero che vengano restituiti poteri di movimento a Macia, la Fiorentina si sta troppo pradeizzando, come dimostrano il tremendo mercato di gennaio, e i nomi che si sentono in giro. Un grande saluto a tutti, il Brasile è vicino!

    RispondiElimina
  24. Ma... ma... è veramente Deyna? Lui con le sue parentesi quadre? Spero non sia uno stupido scherzo, perché mi sto commuovendo

    RispondiElimina
  25. Un fulmine a ciel sereno! In effetti qui da me piove e c'è il sole! Non aggiungo altro. Vedremo!

    RispondiElimina
  26. Non voglio creare una sfiancante suspence di mesi e mesi [né subire un altro interrogatorio a lampade puntate, ahahah] ma finalmente sono prossimo al rientro in squadra: aquí estoy, Deyna soy yo, todo yo!

    RispondiElimina
  27. Forse... forse è recuperabile.... hai visto? Si fa una buona azione e accade il miracolo (Deyna)

    RispondiElimina
  28. Magari tornasse Ljajic! Ma mi pare impossibile.

    RispondiElimina
  29. La mail é quella che ha sempre usato Deyna.

    RispondiElimina
  30. Graditissima e attesissima sorpresa quella del ritorno di Deyna, ma, come vedo, farcita di comprensibile scetticismo. Suvvìa, sbilanciamoci nel riaccoglierlo con un grande, grandissimo abbraccio, fraterno più che ideale. BENTORNATO GRANDE!

    RispondiElimina
  31. Fondamentale il rientro di DEYNA per il possesso-post!!!! Qui molto bravi nel recupero degli assenti o delle comproprietà, altro che Liajic...

    RispondiElimina
  32. Si ma....Gabbiadini.....

    RispondiElimina
  33. Mi unisco anch'io al coro di bentornato per Deyna. Mai ammirato qua, bensì al di la dello specchio. Perché essere scettici? Se il boss ci tranquillizza, allora è vero.

    RispondiElimina
  34. Secondo me, soprattutto sul "sitone", si continua ad evitare il nocciolo della questione. Badate bene, non è se Cuadrado resta o no: se resta mi fa piacere, sia chiaro; il problema, però, sarebbe soltanto rimandato di un
    anno. Il focus è un altro, correggetemi se sbaglio.
    Rossi: seconda punta. Capace, con la tecnica, di sopportare anche il peso dell'attacco, buono per triangoli e scambi veloci, certo, ma soprattutto cecchino finalizzatore.
    Gomez: centravanti, abituato a giocare con esterni fisici (e tecnici), fortemente tendenziosi a puntare la porta (Robben più di Ribery, ovviamente), capace di buttarla dentro, anche su rimpallo, con medie esagerate, per il nostro campionatuccio di passaggio (c'è da rassegnarsi, siamo in serie B).
    Ilicic: trequartista, con piedino da imbucata e/o da lancio lungo.
    Wolski: altro trequartista, con piedi e velocità da dribblomane, anche se senza bastevole fisico.
    Rebic: seconda punta veloce, con buona tecnica, buon fisico e con la fissa della porta.
    Joaquin: ex eccellente esterno di attacco (senza il cross), con la voglia di scambio stretto e con la fregola, possibilmente, del tiro.
    Cuadrado: anima libera, da corsa, scherzo della tattica, tutt'istinto, spaziatore della prima linea. Frantumatore di schemi e di attributi (di Montella).

    Scritto il cappello, vorrei far notare che i precedenti ingredienti, tutti assieme, non fanno una buona pietanza. Per dirla alla Pollock: frutta? Positivo.
    Cioccolato? Positivo. Lampredotto? Positivo. Frutta, cioccolato e lampredotto
    assieme? Molto negativo.
    Vorrei far notare quindi, come sia ovvio che Vincenzino avesse idea di giocare, lo scorso campionato, con almeno due diversi moduli offensivi, tendenti addirittura ai tre.
    Sia chiaro, a me i moduli interessano il giusto, però non posso far a meno di notare che la raffica di infortuni ha sconclusionato i piani del mister, togliendo di torno gli unici elementi buoni per ogni modulo possibile. Va da sé che non sono sulla stessa linea (altrove, ovvio) di chi afferma che Montella avrebbe voluto un 433 andante, per tutto il campionato. Se così fosse, andrebbero licenziati in tronco sia il mister, sia coloro che gli hanno fatto la campagna acquisti.
    Sempre che non si tratti di una grave forma di bipolarismo Edu-Dan, in senso psichiatrico (già c'è da gestire lo Yin Andrea e lo Yang Diego, vorrei evitare un ulteriore conflitto dovuto a sdoppiamento di personalità del "Direttorio", escludendo ogni riferimento alla Révolution Française). In questo caso il buon Vince' sarebbe anche innocente, ma troppo fesso per essere vero.

    Per finire, è certo che la volontà di creare una squadra competitiva deve andare oltre Cuadrado (che relativamente ai gol, è esploso solo quest'anno, per mancanza di ulteriori interpreti), così come è certo che nessuno può essere incedibile (neanche Savic), così come è certo che Ljajic (adesso un po' meno) è, nonostante tecnica e Deyna, calciatore che non ha il posto "dove mettere cappello".
    Direi anche, con sufficiente certezza, che nel quattrotrettré uno degli esterni deve essere più punta (Rossi?, Ljaijc?, Joaquin?) e l'altro deve essere più "coprente" (chi resta?), a meno di non avere un centrocampo veramente "galattico" e non bravo solo a cantare "belle romanze".
    Bene. Scritto. Aspetto commenti.
    Posto anche di là, con qualche variante. Devo rispondere a qualcuno.

    RispondiElimina