.

.

lunedì 26 maggio 2014

L'Emanuelle di via de' Serragli

Ieri ho fatto una macedonia pazzesca, ho trovato un melone, delle fragole e un'ananas decisamente sopra la media, poi é bastato mezzo limone di quello vero e dello zucchero di canna, roba da riportare la serenità anche in casa di Nuvola, o un qualche sapore nei post di Marco Siena. È così che ho affrontato il divano, carico di fruttosio e con ancora le raccomandazioni del grillo parlante di andare a votare. Sarà che quel Grillo non era la voce della mia coscienza ma un vino siciliano, e così alla fine non sono andato a votare. Il Grillo mi parlava nelle orecchie con parole di sonno, fino a quando non ho sognato il Bambi che mi telefonava e mi svegliava. E così come non era il grillo parlante, non era nemmeno un sogno, era lui che mi svegliava davvero per raccontarmi delle sue pene d'amore. Se non fosse un reduce dalla guerra contro l'eroina, lo manderei più spesso affanculo, mi perito solo perché ho paura delle ricadute, e lui che lo sa bene certe volte ne approfitta. Questa volta si é innamorato di una filippina che lavora dai Marchesi Torrigiani in via de' Serragli, era convinto che fosse davvero la donna della sua vita, ci aveva investito pensieri profondi, secondo me gli ricordava alla lontana la prima "Emanuelle", e così ancora con il fruttosio che annegava nel Grillo ho ascoltato l'ennesima disavventura. Mi ha fatto anche un po' tenerezza questa volta, perché avrebbe voluto avere il tempo di parlarle, avrebbe voluto insomma il tempo di conoscerla, o almeno il tempo di capirla, e invece dopo due minuti gliel'aveva già data. Quella gran maiala di filippina mi ha fatto andare il fruttosio di traverso. Ma questa volta eroina o non eroina gliel'ho dovuto dire quello che pensavo, del resto il Real aveva vinto la Champion infrangendo l'ennesimo sogno di David contro Golia, la mattina ero stato impegnato in terrazza e avevo dato fondo a tutte le ultime risorse in materia di collaborazione domestica. Hai voglia caro Bambi ad elencarmi tutte le virtù dell'erotica filippina, si perché anche di fronte all'evidenza che lei si era concessa in maniera precoce come certe eiaculazioni, ha cercato di impreziosirne i tratti descrivendomi il suo viso che gli ricordava Poppea. Poppea? "Ma che cazzo dici?", ho provato a dirgli che era una donna di facili costumi, e giù lui a descriverla furiosamente con la disperata rabbia espressiva di un Emilio Vedova, tirandone fuori una tenacia eburnea tipica solo di Cleopatra. Ho pensato che mi prendesse per il culo come aveva fatto Gervasoni con quel referto, l'ho pregato di farla finita facendogli presente che non giocava nemmeno la Fiorentina, e che quindi non ero nell'umore giusto per continuare a sentirlo straparlare. Ho pensato persino che si fosse fatto. Poi ha aggiunto all'improvviso anche una certa spiccata furbizia, elogiandone così l'efebica astuzia, tanto da paragonarla a quella di Messalina. Non ci ho visto più, perché dopo Poppea, Cleopatra e Messalina, gli dovuto far presente mio malgrado che mi stava ricordando solo delle grandi puttane.

80 commenti:

  1. Dopo la Macedonia....Montenegro? Pandev come Jovetic?

    RispondiElimina
  2. Le due notizie marcanti di ieri sono senza dubbio le nozze di Montolivo sul lago Maggiore e il premio a Candice Swanepoel come massima fica dell'universo (un'incollatura sopra Scarlett). Mi dissocio, indignato, dal risultato di Scarlett e mi dissocio anche da Montolivo, sebbene, in quest'ultimo caso, la dissociazione fosse in atto almeno dl 2010, quando persi ogni speranza sull'uomo e sull'atleta. Secondario, il risultato elettorale. Nel senso che non dice nulla di nuovo sull'Italia e su quello che Papini chiamava il suo pecorismo nazareno. E' una vittoria strepitosa di Renzi, la più ampia della storia repubblicana per un homo novus, ed è il miracolo della rinascita della DC. Il travaso di voti dal Berlusca è patente, il moderatismo italiano, banche e confindustria hanno trovato finalmente, dopo i sussulti ventennali con un uomo di destra pura e dura scomodo per i poteri forti e ripugnante all'estero, un uomo di paglia cui Licio, in intervista, ha dato il suo ok. Decisivi: 1) l'appello quarantottesco (appunto neodemocristiano) contro i cosacchi pedofagi e in San Pietro abbeveranti; 2) l'incapacità di Grillo, nel momento cruciale della campagna, di sostenersi ad altro che a battute; 3) la disperazione di un popolo mai così aux abois dalla fine della seconda guerra e che, come sempre fatto nella sua storia più derelitta, si è affidato ciecamente a un uomo (in fondo, uno qualunque) come ultima risorsa prima della catastrofe; 4) l'abilità di Renzi nell'assicurare la transizione dalle chiacchiere e dalle millanterie del Berlusca alle sue, meno aggressive e minacciose, più da genero come vorrebbero tutte le mamme del quartiere (McMillan: «Gli Italiani parlano solo perché hanno la bocca»); 5) l'alto tasso di astensione, che ha rubato gli scontenti terminali (un terzo degli Italiani) al voto di protesta o di opposizione; 6) l'appoggio massiccio dei media, che in Italia sono tradizionalmente di regime, e cioè del governo del momento; 7) il pacco di pasta alla Lauro, gli 80 lordi, e promesse di congeneri caramelline avariate, a un popolo di pezzenti che venderebbero la figlia per una cena al ristorante.

    RispondiElimina
  3. Oggi sarebbe stato stato il trionfo del Chiari, e si capisce cosa ha inventato per non aprire neanche una bottiglia di Pigato.


    Mentre per ringraziare il Colonnello dell'analisi politica...

    RispondiElimina
  4. Esempio di Magical box: Fiorentina - Sassuolo. Berardi, secondo gol.
    Pendel, è ovvio che i calciatori che erano in campo sabato sera, a Firenze si vedranno solo in gita turistica. E' anche ovvio che, se fosse per me, prenderei pure diversi di quelli che erano in tribuna. Che fossero inquadrati, come faceva notare Anto, oppure no.
    Però, sulla difesa, non sono così sicuro sia tutto un problema di valore del singolo, anche se parecchie responsabilità ci sono.
    Pasqual, costretto dall'annata a dare il peggio del suo repertorio; Savic, ultimamente molto svagatello; Gonzalo, che rispetto al campionato scorso ha
    reso la metà, cappone o non cappone; Tomovic, che terzino non è, a furia di
    giocare sulle fasce (anche a sinistra, purtroppo) si è scordato come si
    comporta un centrale; Compper, timido e falloso; Alonso, pessimo (tra l'altro,
    appena uscito dalla nostra difesa è diventato improvvisamente bravo). Troppi
    rendimenti al di sotto della media, per non essere sospetti. Unici spiragli di
    luce: Neto, Diakité, che potrebbe anche andarsene, ed Hegazy, che ha giocato, quest'anno, una partita di numero (un rinforzino di nulla, direbbe il Mascetti "vero").
    Quello che più mi preoccupa, quindi, è la fase difensiva nel suo complesso. Trovo che rispetto allo scorso anno ci siano meno idee. E più confuse, persino. Molti errori "ad personam", non forzati, come direbbe Foco. Ma anche molti errori di reparto, con movimenti, se non sbagliati, fuori tempo e fuori "spazio". I due centrali che partono assieme, i terzini che non scalano, i centrocampisti che si perdono l'uomo o che "confondono" la marcatura. Varie eventuali, insomma; troppo varie e troppo eventuali. E, purtroppo, molte castronerie non dipendono da errori tecnici, ma tattici, tanto che ho cominciato a convincermi che la responsabilità maggiore potrebbe essere di chi cura la fase difensiva. Come sappiamo, Montella è troppo signore per farlo, per cui se ne occupa un suo fido collaboratore (immagino Daniele Russo). Chiunque sia, bisognerebbe seriamente pensare a dargli una controllatina, a mio parere.
    Un esempio? La trovata della scatola magica. Cosa fosse, non lo sapevo neanche io. Fino a che non ho cominciato a controllare alcuni dei gol presi dalla viola e, spesso e volentieri, terzini e centrali, quando sono attaccati o sono in ritardo, si dispongono ai vertici di un quadrilatero, formando la "magical box",. Non so se sia una scelta tattica precisa oppure se si tratti solo del precipitare degli eventi, ma il chiodo fisso dello staff per la geometria sembra evidente. Qualsiasi cosa sia, soprattutto con l'attacco a tre, non funziona.
    Sassuolo, Napoli; Verona, Torino: sono solo alcuni esempi della magical box. Potete controllare, se volete. Mia fissazione immotivata? Può essere. Casualità? Possibile. Resta il fatto che la viola prende troppi gol. E questo dato statistico va migliorato, per "non decrescere".

    RispondiElimina
  5. Già, gli esempi... Piccoli, si vedranno?
    Io ci ho provato.

    RispondiElimina
  6. Secondario il risultato elettorale? Primario direi, se fosse successo il contrario con Grillo al 40% si sarebbe sprofondati nella merda più nera della storia d'Italia. Ho fatto 40 Km per andare a votare per la prima volta in vita mia PD e mi dici che il risultato è secondario? Pollock sempre pronto io ad aprire il Brunello che ho risparmiato con la Coppa Italia!

    RispondiElimina
  7. Grillo è un Buffone, neanche un comico. E mi dispiace, ma non mi meraviglia, che abbia attratto molti scontenti, riducendoli a tanti signorsì, senza alcuna possibilità di discussione all'interno di quello che lui chiama Movimento (Falso come il titolo di Wenders), manipolati come burattini nientepopodimenoche da Casaleggio. Ma chi cazz'è costui che agisce nell'ombra? Chi lo conosce oltre al Buffone? E' in Parlamento e non fa un cazzo perché vuole, pretende la maggioranza assoluta, anzi, il 100%. Un bel Regìme, sì, perché di sicuro siamo dei nostalgici ('si stava meglio quando si stava peggio') qualunquisti ('i politici sono tutti uguali' ecc, ecc.). Suvvìa, siamo seri!

    RispondiElimina
  8. Grande Jordan!

    RispondiElimina
  9. Piccoli, appunto. ne ripropongo uno. Il secondo gol di Berardi.

    RispondiElimina
  10. D'accordo con quello che scrive Jordan, soprattutto se il Brunello è di quelli buoni. Ma come non considerare i 7 punti di Blimp? Speriamo solo di non aver consegnato l'Italia ad un altro "lui". Io diversi, per non dire molti, timori ce li avrei.

    RispondiElimina
  11. C'è del vero in quel che dici, Gonfia. Come diceva mia nonna, davanti alla pentola, "il dado è tratto". Speriamo che la minestra sia almeno decente.

    RispondiElimina
  12. Beh, Gonfia, è stato sconfitto e si apre dunque per il Paese un lungo periodo di prosperità. Ljuka, per un Brunello ti vendi i miei sette punti! Se ci fosse Anto ne aggiungerebbe almeno un paio, magari con sottonumerazione (a, b, c ecc.). Grande analisi della fase difensiva (ut dicam), comunque, caro Ljuka (cioè me... ahahahahahahahah!). Montella «troppo signore» per curarla è battuta (si perdoni il bisticcio) signorile.

    RispondiElimina
  13. E' rinata la Democrazia Cristiana (rectius: è stato democristianizzato il PCI-PDS-DS-PD). Devo dire che venti anni fa la DC sembrava il demone assoluto (non volevamo morire democristiani), adesso dopo il ventennio berlusconiano mi sembra meno peggio. Bisognerebbe aspirare al meglio, intanto mi accontento del meno peggio.

    RispondiElimina
  14. Aggiungo che Berlusconi ha - di fatto - distrutto il centro-destra italiano. Ritengo che Montanelli lo avversasse per questo, avendo evidentemente visto più lungo già da tempo.

    RispondiElimina
  15. Avete votato, in Italia? Fa piacere. Attendo fremente tutte le positività che questo porterà. Un plauso ai francesi che hanno aperto gli occhi. LJUKA, la fase difensiva viola é un po' come il governo Renzi: alla fine fai ruotare gli uomini ma sono quelli, non fanno miracoli; ex reimpastati, alcuni ex condannati per concussioni da poco. Merce rara gli ottimi difensori, come i politici.

    RispondiElimina
  16. I due post del gran ligure elencomane mi trovano consenziente. Del Sopravvissuto (e cioè, anche stavolta, di me... ahahahahahahah!) condivido al solito l'analisi, non le finalità predappiche (ahahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  17. Ieri sera mi sono visto Pescara-Modena per osservare i nostri due ragazzi in prestito agli emiliani. Prestazione non esaltante di entrambi. Salifu è entrato nel secondo tempo limitandosi al (mediocre) "compitino". Babacar si è molto irrobustito nel fisico e partecipa di più alla manovra (rispetto ai tempi della Primavera), svariando su tutto il fronte d'attacco.
    A me (che sono tutt'altro che un "intenditore") è sembrato molto macchinoso e lento negli spazi stretti e carente anche nel controllo e nella difesa della palla.
    Degne di nota una conversione al centro con tiro, però, scentrato e una deviazione di prima a smarcare un compagno.
    I commentatori TV, comunque, hanno sottolineato che il Babacar di solito gioca meglio.

    Ben altra e migliore impressione ha destato un altro ragazzo di colore del Modena (ma di proprietà dell'Atalanta), un certo Doudou, che nella mezz'ora circa giocata ha messo in evidenza dribbling, agilità, velocità, segnando un gol e contribuendo concretamente al pareggio della propria squadra.

    RispondiElimina
  18. Colonnello, sono pessimista di natura, al contrario della puttana di Dalla, ma come dice anche Anto è il meno peggio, anche se il silenzio assordante sulla lotta alla mostruosa evasione fiscale non è, per me, di buon auspicio. Sono 20 anni che l'Italia non cresce perché sono gli Italiani che non si decidono a farlo, è il loro, nostro, sfrenato egoismo che lo preclude. Se aspetti Grillo stiamo freschi. Ljuka perfetto nell'analisi della fase difensiva e non solo. Io sarei per cambiare il o i tecnici addetti perché ritengo improbabile che gli stessi possano insegnare un comportamento diverso rispetto a quello degli ultimi due anni, ma Vincenzo non lo farà. Vedremo, in entrambi i casi.

    RispondiElimina
  19. Voglio, la caramella che mi piace tanto, e che fa Doudoudou, Doudoudou, Douuuuuuuuu... fouuuuuuurrrrr! Marisa Del Frate, Pollock: se la trovi gnuda schiaffala in blog. Gonfia, ormai non aspetto più Grillo, aspetto il tuo plebiscitato Uomo della Provvidenza, sono sicuro che mi rimboccherà le coperte da Dio, la sera prima di dormire. D'ora in poi torno nell'ovile tsiprasiano, rivelatosi fallace il calcolo machiavellico-leninista in paese di caprùn.

    RispondiElimina
  20. Colonnello, dopo Capanna, Bertinotti e altri prima, per finire a Turigliatto e l'altro di cui non ricordo il nome, mi sono deciso a comprare il piumino d'oca, perché nessuno di questi mi ha rimboccato le coperte, ahahah! Sinceramente un pensierino a Tsipras l'avevo fatto e mi fa molto piacere il risultato che ha ottenuto la lista. Non si cambia mai del tutto.

    RispondiElimina
  21. Io credo che se le elezioni si fossero fatte due settimane fa, avrebbero preso il 30. Gli slogan si sono ritorti loro contro. O meglio, l'uso di slogan molto connotati politicamente e in perfetta antitesi, ha confuso una parte del loro elettorato. Uno che ha votato sempre a destra si sarà sentito un po' strano ad urlare il nome di Berlinguer. Almeno come un vecchio comunista a sentir dire i "boia chi molla". Per non parlare poi degli anticlericali che si sono sentiti citare papa Roncalli. E di quelli dell'Impero che hanno dovuto digerire un motto dei cavalieri Jedi.

    RispondiElimina
  22. Ma no, Gonfia, è che gli slogan gridati dai due alleati (Renzie e Berlie), amplificati dalle pravdine italiche, nella deformazione degli slogan altrui, hanno fatto breccia. Ora, finalmente, ci attende la felicità, il benessere, la sicurezza: chiudiamo questa brutta parentesi!

    «Vedrai, vedrai...
    Vedrai, andremo in giro insieme e troveremo il bosco pieno di animali
    E poi andremo con la barca dove il mare è alto in mezzo ai pescecani
    E poi stanchi morti andremo fuori a cena dalla zia Morina
    Che ci farà il coniglio e ci darà quel vino che c'ha solo lei».

    RispondiElimina
  23. Gli analisti dicono che la stragrande maggioranza dei Moderàti sono rimasti a casa (cfr il Sopra, ahahah!). Se la prossima volta decidono di incazzarsi si andrà a mangiare dalla zia 'Marina', Colonnello (Dudù sarà da tenere d'occhio, sennò altro che coniglio!). Gli unici slogan che ho gridato sono quello classico del pueblo unido e l'immortale W M, WL, W MTT. Ah, beata giovintù!

    RispondiElimina
  24. Bona, GONFIA, azzeccato. Mentre voi votavate (voto bulgaro, macchinato a monte- anzi al Colle...Napolitano "Occore legalità e rompere con mafie" tanto poi i nastri si bruciano...troppo facile, zio!) io mi facevo spaghetti aglio, olio e peperoncino, un'ora di sonno con due negrette che con le palme mi procuravano sventolio di sollievoe pensavo "Godi popolo? Godo io".

    RispondiElimina
  25. Allora Sopra, deciditi! Dio, Patria o Famiglia? La uno, la due o la trè? Ahahah!

    RispondiElimina
  26. Comunque, caro Renzie, ora sotto con le cose serie da fare! C'è da pianificare gli arbitraggi della Fiorentina nella prossima stagione! E' lì che sarai giudicato!

    RispondiElimina
  27. Da Italiano penso che McMillan fosse una grandissima testa di cazzo. Così ho dato ancora più razionalità alla sua funzione, ma da uno straniero quel giudizio non l'accetto. Contento, Colonnello?

    RispondiElimina
  28. Ma davvero hanno insinuato che siamo la stessa persona? Ahahahahah me lo sono perso. Evidentemente ho una proprietà lessicale che ho sempre sottostimato ahahahahahahaha.

    RispondiElimina
  29. Grillo ha pianificato tutto bene, salvo cadere nella tagliola per eccellenza: Porta a Porta, dove si é fottuto da solo. In quella trasmissione gli slogan hanno fregato Berlusconi, poi Casini, poi Bossi. Lui cosa va? Va nella ana del lupo. Gli insulti? Sintomatico, é l'abc della comunicazione: quando non hai argomenti puoi solo insultare, offendere (cfr.Le mogli quando hanno torto ti ricordano che non ricordi date, anche se non c'entra nulla come argomento oppure citano la suocera). GONFIA! Con me mai scusarsi! Le do e le prendo, nella pugna mi esalto! Ricorda: potrei fare le scale del mio scannatoio a piedi (magari facendo anche la "cadenza", stupidamente abolita, vietata. Perché?) ma pigio il tasto dell'ascensore gridando "Camerata!" Solo per vedere la luce che si accende con la scritta "Presente". Ah ah ah ah ah ah ah....GONFIA, il valore di Renzi si vedrà (bravo Blimp) con la capacità di far portare un trofeo a casa alla viola! Li si che si vedrà l'uomo...ah ah ah ah ah ah aha ha.....!! COLONNELLO: voto sentimentale, voto di tessera, voto di ideale, voto di protesta, voto per cambiare, voto per coalizioni, voto per vedere cosa succede, voto per il nuovo, voto per la stabilità, voto per le riforme, voto per l'uomo e non per il partito, voto per il partito sino alla morte, voto di scambio (eh eh eh eh), voto di favore (uhuuhuhuhuh), voto alla Madonna, voto a Gesù Cristo, voto per la viola...Le abbiamo provate tutte!! Risultato? Tornata la Balenottera Bianca, con la divisa da trasferta e con la terza maglia...ma dai....!!! Si, io mi sono sempre arrangiato da solo, costretto!! Non temo cambiamento (l'uomo é la bestia che fa più resistenza ai cambiamenti, in natura) ma sono i politici che vogliono il perdurare lo statu quo, a loro sta bene cambiare non cambiare nulla. Non devo insegnare politica, non sono la persona adatta. Posso insegnare come non demordere mai e conseguire risultati, raggiungere obiettivi, usare "le pedine", questo si. Grillo ha fatto come lo scacchista (non senese) che ad un certo punto ribalta il tavolo. Risultato? Consiglio di....Ascoltare e tradurre "One night in Bangkook" (Murray Head), insegna che "cerebral fitness" é troppo difficile per la gente...la regina degli scacchi é un po' diversa dalla regina che ti attende nella Spa con unguenti e mani sapienti. Torna al bar, con il tuo spritz, giovane, qui il livello é troppo alto. Quindi ne Berlusca (Regina nella Spa per lui) ne Grillo (Regina degli scacchi che ti tramortisce)....un Alfiere (Renzi) in luogo di un Cavaliere...ah ah ah ah aha ha ha h...Tutti arroccati, alla fine. Sulle loro poltrone. Ádda torna' Er Puzzone.....(il formaggio? Almeno se magna qualcosa.

    RispondiElimina
  30. Caro Gonfia, tanti anni fa ho mollato un ceffone di scatto, voltandomi all'indietro, una volta a Parigi, a Montmartre, a un buffone travestito da Pierrot, che stava prendendo sotto braccio una mia moglie precedente per non so qual balletto di strada e che alle mie rimostranze stava cominciando la solfa degli «spaghetti». Allora ha cominciato a piagnucolare e a minacciare di rivolgersi alla Polizia Postale (se ben ricordo... ma forse confondo... ahahahahahahahahah!). Insomma, io ci sto ad avvolgermi con la bandiera, infatti tifo Italia nonostante le vaccate perpetrate ai danni della Viola, e all'inno di Mameli mi si gonfiano gli occhi. Ma a un'analisi obiettiva il tipo della «grandissima testa di cazzo» quale tu definisci, caro Gonfia, mi è sempre parso popolare lo Stivale più che altro luogo del pianeta.

    RispondiElimina
  31. Sopra in piena: ha superato le spallette, ha rimesso le spalline, il golpe è vicino (ahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  32. Ma lo sai che a pensarci bene, a rivedere mentalmente le ultime interviste al 'popolo della strada' che danno gli stessi responsi: 'questi politici non mi rappresentano ecc. ecc.' hai ragione? Ma non facciamo di ogni erba un fascio! Non ci può rappresentare tutti una affermazione del genere. Come se io dicessi che gli inglesi sono tutti becchi perché la sera preferiscono andare al Pub piuttosto che trombare le mogli. Troppo, troppo categorico!

    RispondiElimina
  33. Effettivamente, quella che i politici non ci rappresentano è buffa! Chi li manda in Parlamento? E da quale fungaia remota spunterebbero? Sono alieni che hanno preso forma di Italiani?

    RispondiElimina
  34. Grandissimo Sopra! Ma me 'un tu m'incanti! Ahahahah!

    RispondiElimina
  35. Giulio portò a Roma Vierchowood, Renzie chi ci porta per blindare la difesa?

    RispondiElimina
  36. Perché non sei un serpente. Le donne mi hanno sempre appellato "Incantatore", i nemici "Pifferaio"... vedi te....

    RispondiElimina
  37. Woodcock (cfr. Traduzione dall'inglese: un cazzo di legno). Ah ah ah ah ah....

    RispondiElimina
  38. E neanche un sorcio! Ahahah!

    RispondiElimina
  39. COLONNELLO, al mio paese natale (pianura pontina, chiaramente) unico comune dove "Fratelli d'Italia" (Giorgetta Meloni presente, con i suoi meloncini gradevoli) ha preso il 13% dei voti, te capí??! La fiamma non si spegne mai....ah ah ah ah ah ah ah.....

    RispondiElimina
  40. Anto, era un film caro anche al povero Deyna.

    RispondiElimina
  41. C'é un utente (sul sitone) che scambierebbe Lasogga con La sorca...ah ah ah ah ah.....chi potrebbe essere?......difficile indovinare....

    RispondiElimina
  42. Ogni volta che si nomina Deyna giuro che mi viene una stretta al cuore

    RispondiElimina
  43. È un buon film, Anto, probabilmente sottostimato come tutto Carpenter (i cui migliori sono "Distretto 13" e "Il seme della follia"). Ma il buon John si sbagliava: certe cose gli alieni non le farebbero.

    RispondiElimina
  44. Però ho visto che, nella scorsa settimana che non ero collegato, una canaglia ne ha offeso e schernito la memoria, su cloaca. E si sta parlando, con Deyna, di un un buono, dell'utente più mite, con te, del sitollock. Non ci sono parole. In nome del Giubba v'è chi potrebbe, letteralmente, scannare.

    RispondiElimina
  45. Vi vedo carichi, sparate tutte le migliori munizioni perché Nonna Papera e la Banda Bassotti vorrebbero farci chiudere. Intanto ho messo sacchi di sabbia davanti alla sede.

    RispondiElimina
  46. Sì, però, anche tu Pollock.... almeno Gene Gnocchi si è fatto querelare da Maradona...

    RispondiElimina
  47. Poi come è andata con la postale?

    RispondiElimina
  48. Ci devo ancora andare perché quella di Parma ha voluto sapere quale mi sarebbe stata più comoda per essere ascoltato. Dopo averglielo indicato mi faranno chiamare da loro.

    RispondiElimina
  49. Insomma, la Banda Bassotti deve ancora mordere un po' il freno, perché adesso ci sono i tempi biblici della Giustizia, anche se questa vlta viene chiamata in causa per motivi veramente importanti.

    RispondiElimina
  50. La querela di Nonna Papera vale di più di quella di Maradona. Ora mi aspetto quella di Lupo Alberto di Monaco.

    RispondiElimina
  51. Tanto per sapere, ti fanno un procedimento penale o ti hanno solo chiesto un risarcimento danni in sede civile?

    RispondiElimina
  52. Non me ne parlare, mi ci sono incazzato a bestia

    RispondiElimina
  53. Non so niente perché come detto mi devono chiamare dal mio commissariato di competenza. E come anticipato renderò pubblica l'intera vicenda. Ad ogni ulteriore aggiornamento.

    RispondiElimina
  54. Tra la fine dei Fifties e l'inizio dei Sixties, il grande Pietro Trombi (omen nomen) faceva sequestrare i film se presentavano baci «a mordicchio, a risuccchio, a ventosa». Io ci provo, mi sono rotto il pampero di questa Riblogghita! Per Giubba, con Giubba, in Giubba! Ma anche: da Giubba, a Giubba, su Giubba!


    http://2.bp.blogspot.com/_Vj_1LOYaR7o/SznkU51LelI/AAAAAAAAy3M/nEnBYGjjJ28/s400/20091228-Janice_Dickinson_Dirty_Tongue_Kiss_TOP.jpg

    RispondiElimina
  55. Siamo ancora alle indagini preliminari? E' lunga, allora...

    RispondiElimina
  56. Pollock, in tutta la faccenda non mi è però chiaro chi sia Ciccio.

    RispondiElimina
  57. Chi è Don Cicciooooooooo?









    http://www.youtube.com/watch?v=JaEvzk6LomE

    RispondiElimina
  58. COLONNELLO, conosco una (piadineria, Adele la Soffocona) che potrebbe aspirarti anche i calzini con le scarpe....

    RispondiElimina
  59. Il gioco dell'Oca, sul l'altro tavolo: siamo tornati ad Aubameyang e Gabbiadini. Non ne usciremo vivi.

    RispondiElimina
  60. Sopra, non seguo più da ieri, non ce la faccio, Pippuccio e Ludduccio mi hanno sfinito a boiate. Vite bruciate.

    RispondiElimina
  61. Grillo ubriaco, neanche verifica ciò che dice (e chi gli scrivono) "L'Italia é un paese di pensionati, non pronto a cambiamenti, siamo un paese di vecchi". Dati ISTAT : giovani-adulti tra i 17 e i 64 anni = 36 milioni, anziani oltre i 65 anni= 12 milioni. Fuori come un balcone, un uomo groggy.

    RispondiElimina
  62. Finirai come il buon K. Ti può salvare solo Pannella.

    RispondiElimina
  63. Con la Fiamma. Le osmosi della vita, il disordine che ha un capo e una coda. La parola Fiamma, digitata da te, vale una pubblicità della Edison. Vai BLIMP, nostalgico mascherato, nick che tu scegliesti (Zorro) proprio perché dentro il tuo inconscio c'é voglia di giustizia, di un Principe, di un condottiero che non sia fuffa, che non sia il solito intruglio. Vota Antonio vota Antonio!!,

    RispondiElimina
  64. Riporto una notizia dell'Adn Kronos: non raggiunge il quorum il partito che voleva Gomez via dalla Fiorentina.

    RispondiElimina
  65. Un fatto accaduto l'altro ieri (Simeone fa di tutto per recuperare Diego Costa, che esce subito, ritrovandosi a giocare una finale di 120 minuti con di fatto due soli cambi a disposizione, oltre che senza il suo bomber... e finisce che lo prende in culo per una questione di centimetri), e uno accaduto ieri (la mia ragazza entra in un camerino a tenda per provarsi dei vestiti, tira la tenda più che può ma resta uno spiraglio di qualche centimetro aperto; decido di intervenire io che sono più alto: riesco a chiuderla abbondantemente ma così facendo apro uno spiraglio di qualche centimetro alla tenda accanto, scorgendo le chiappe perizomate di una ragazza intenta ad infilarsi dei pantaloni stretti), mi hanno insegnato che il mondo si riassume in tre soli punti:
    1) La coperta è corta sempre e ovunque.
    2) Se non lo pigli in culo te lo piglio in culo io;
    3) La vita -come insegnava già Rocco Siffredi- è sempre una questione di centimetri.
    Oggi perciò ho pubblicato un IBAN a disposizione di chiunque disprezzi gli 80€ di stipendio in più
    P.S. Dimenticavo: l'IBAN è il mio, non sono un dipendente.

    RispondiElimina
  66. Intendevo Ciccio di Nonna Papera, avevo anche postato una foto (ehm.. un disegno), ma non lo vedo.

    RispondiElimina
  67. Ahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  68. Sopra, dichiarazioni molto, molto deludenti... Oltre tutto, cosa propone per i pensionati? La soluzione finale? Il sogno dei medici di famiglia... Va be', era interessante solo come cuneo, preso il Palazzo d'Inverno non avremmo certo lasciato a lui il servizio d'argento dello zar. Ora il ragazzo di Piazza Martini è inservibile, non val nemmeno la pena di ripararlo. Torno al classico, a Carlino (al Carlino, invece, solo quando mi firmo Traversi... ahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  69. Carlino chi? Petrini? Marx? Ancelotti?

    RispondiElimina
  70. Ludduccio lasciamo perdere... Pippuccio non mi sembra che scriva boiate, su alcune cose non sono d'accordo, ma non mi sembrano boiate

    RispondiElimina
  71. Vita, un mio conoscente, anni fa, sosteneva che il mondo si divide in due categorie: i "mettìnculo" e i "pigliànculo".

    RispondiElimina
  72. Intanto i' Giubba 'un l'ha cahato nessuno e ha rinnovato fino agli Europei. Peccato!

    RispondiElimina
  73. Gonfia, rispetta il miglior allenatore della storia della Fiorentina! L'uomo dai quarti posti più quarti degli altri! L'uomo del ciclo (ma anche del marchese, anche delle sue cose)! L'uomo della crescita e del progetto! L'uomo della mescita e del goccetto!

    RispondiElimina
  74. Forse si capisce che non lo sopporto neanche dipinto, figuriamoci parlante! Pussa via!

    RispondiElimina
  75. Lui è ancora più categorico di me, e magari col pensiero più radicato nel tempo, io invece mi sono svegliato solo dopo questo weekend!

    RispondiElimina
  76. Gonfia, non sono d'accordo, contro la Fiorentina non si tifa mai! Al massimo si poteva desiderare la C2 per il cucurbitaceo, una volta che eravamo finiti comunque in B, per togliercelo dagli zebedei. Ma tifare contro la maglia viola si paga nell'altra vita! Pèntiti, finché sei in tempo!

    RispondiElimina
  77. Comunque una ventata nuova nella politica la si vede, dal day-after delle amministrative: se prima tutti erano soliti proclamarsi vincitori ("...sì ehm vabè abbiamo perso Salerno... MA ABBIAMO CONQUISTATO NOCERA!!!"), adesso si celebra la sconfitta altrui (Salvini: "Grillo ha perso, ora se è coerente se ne va" ... peccato che ha preso il triplo/quadruplo dei tuoi voti...)

    RispondiElimina
  78. I' Giubba l'ha disonorata, dal primo giorno, la mia, la nostra Fiorentina. Ciechi molti a non vedere, sordi a non capire. Anche Caronte. confidenzialmente, mi ha detto che non mi traghetterebbe all' Inferno. La pensa come me e, a dirla tutta, sono stato assolto in primo grado per non aver commesso il fatto, quindi incensurato, a tutti gli effetti, terreni e divini. Non avrò più tentazioni, il demonio si è dileguato definitivamente dal Franchi.

    RispondiElimina
  79. Spero tanto che torni. L'olio me lo fornisce i' mi cognato, il vino una cantina locale. Ritorno a parametro zero, insomma, per quel che mi riguarda. Dai Chiari, non fare il bischero!

    RispondiElimina
  80. 100 commenti!! Affancul' chi c' vo' 'o male!!

    RispondiElimina