.

.

mercoledì 14 maggio 2014

Il pannolone

Ieri ho ricevuto molti auguri, diciamo una manifestazione di affetto con tanti cartelli, e come dicevo, uno di questi indicava Roma. Molte sciarpe Viola, e l'ennesimo articolo di Bucchioni. Devo ammettere che non mi appassiona molto la vicenda delle dichiarazioni di Montella, e che anche per questo motivo non conosco nel dettaglio. A questo proposito, in una vita scandita dai km e dal bip severo del Telepass, ho ascoltato distrattamente i commenti dei vari opinionisti in radio, opinionisti senza offesa sia chiaro, poi ho letto anche le vostre considerazioni. Mi sembra di capire che ci sia una divisione netta tra chi ritiene normali e legittime le richieste dell'allenatore, e chi invece le trova fuori luogo, eccessive, addirittura strumentali a creare i presupposti per una rottura. Questo perché il Mister sarebbe allettato da alcune proposte di club che possono dare maggiori garanzie di successo all'ambizioso Vincenzo. Quindi non posso nemmeno chiedervi una sintesi, perché a seconda di chi mi risponde avrei uno scenario uguale e contrario a quello di un altro. Solo se decidessi di farmi dare del mistificatore saprei a chi rivolgermi senza nessuna possibilità di errore. Posso dire che mi colpisce molto Bucchioni perché è sempre lì a sfruculiare, rigira e rigira l'argomento come se fosse davanti al barbecue. E fumo ne esce tanto dai suoi scritti. Anzi, è come quando un bambino senza pannolone pesa otto chili, e invece con il pannolone diciotto. È l'ora di cambiare il bambino. Si cerca un altro bambino e gli si mette lo stesso pannolone. Se anche l'altro bambino aumenta allora bisogna cambiare il pannolone. Se poi con il pannolone cambiato il peso è uguale allora bisogna cambiare la bilancia. Se anche allora il peso risultasse identico, Bucchioni dovrebbe decidesi a scrivere articoli su Montella scendendo dalla bilancia. Forse è per via di questa logica che non mi appassiona quello che scrive sull'argomento, e poi Montella è lì che ridacchia troppo. Non vorrei che quella merda di Vincenziello gli tenesse un piede sulla bilancia proprio mentre scrive per fargli credere che il pannolone è pieno di merda. Mentre in San Frediano, noi che siamo figli di buona donna, si sussurra che siano i suoi articoli quelli ad essere così pieni di sostanza. Organolettica naturalmente. Si insomma, quella che poi sfalsa il peso delle parole sulla bilancia. Per non farsi mancare niente leggo persino di Prandelli e del uso famoso codice, che non è un manoscritto come quello di Leonardo, ma è a doppio velo e lungo circa dieci piani di morbidezza, scritto a quattro mani con Genny 'a carogna, e allora penso che sia stato lui ad aiutare Bucchioni a riempire quel pannolone, penso oltretutto di non sbagliare molto ad essere così favorevole alla chirurgia etica. Si, perché Cesare ha evidentemente bisogno di rifarsi il senno. Oggi intanto tortellini, domani speck e venerdì brodetto, questo il mio menù chilometrico che dovrebbe salvaguardarmi dai vostri giudizi troppo severi, penso cioè che la mia distrazione possa essere ragionevolmente sopportata, confido poi sulla mancanza dal blog di chi avrebbe potuto attaccarmi in maniera verticale anche se nel menù chilometrico non ho inserito le acciughe. E poi ci sono dei momenti dove proprio mi assento, mi capita spesso quando sono fermo all'autogrill, e allora immagino che mi piacerebbe vedere Bucchioni a Pamplona rincorso da un toro. Poi c'è sempre qualche bel culo che esce e che mi riporta alla realtà, al fatto cioè, che a Roma anche se non ho visto il Papà e neanche toccato il cielo con un dito grazie alla porchetta di Ariccia, ho comunque soppesato qualcosa di meglio delle parole di Montella.

40 commenti:

  1. Quindi qui sul Sitollock, così come tra tutti i tifosi fiorentini, é come entrare in San Giovanni dei Fiorentini- sempre a Roma- la chiesa del sacro e del profano, delle spaccature, dei geni (Borromini sepolto li, documenti di Leonardo custoditi li; una stanza particolare nella basilica: su una parete il piede di Maria Maddalena, di fronte le spoglie del marchese Onofrio del Grillo, quindi....Alcuni sitollockiani sono come Maria Maddalena, altri come il Marchese del Grillo! Attenzione che qualcuno non finisca veramente ad Ariccia, sul ponte dove si gettano i laziali sconfitti nel derby, oppure finisca tra Roma e Monterotondo, a Ponte del Grillo, dove su ogni platano c'é un'epigrafe per chi si é spiacciccato. W Montella, abbasso chi strumentalizza....inizi pure ad imparare uno strumento da suonare ma non ci rompa il piffero!

    RispondiElimina
  2. 1. Cesare Prandelli: "Il codice etico sarà in vigore anche nell’ultimo mese, chi sbaglierà dovrà pagare. Sono stanco di certi atteggiamenti, li vediamo solo dalle nostre parti. Chi sbaglierà vorrà dire che non saprà reggere la pressione di un Mondiale. Non si può prevaricare l’avversario con gomitate e cazzotti". (16 aprile 2014)
    2. Gomitata di Chiellini a Pjanic: 3 giornate di squalifica (la gazzetta dello sport, 12 maggio 2014)
    3. Mondiali 2014 - Prandelli: "No codice etico per Chiellini" (eurosport, 12 maggio 2014)

    RispondiElimina
  3. Lui l'ha scritto, lui lo interpreta, lui lo applica: è quindi il codice giubbetico. Essendo la sua etica, non vedo incoerenza nella decisione su Chiellini.

    RispondiElimina
  4. L'essere gobbo é uno status, consapevole. Attento che il Pranda rischia, con alcune decisioni, di fare giurisprudenza....ahahaha ahah ahaha ahaha ...Ti ribalta lo ius Eliano. Ahah ahah. Ahah

    RispondiElimina
  5. Mettiamo che Rossi fosse una testa di cazzo ma che il suo rendimento in campo fosse quello di quest'anno, lo lasceresti fuori perché rifila un cazzotto ?! Chiellini vale 1/3 di Rossi ma la dietro è uno dei migliori al momento in Italia (questo passa il convento) con un mondiale alle porte ci facciamo a fare del populismo ?! Prandelli è una fava, il boomerang è tornato indietro con tutti gli interessi ma non l'ha preso con una mano ciò non toglie che se l'Italia farà schifo al mondiale il non portare Chiellini significherebbe farsi ridere dietro dal mondo intero. Non doveva vararlo 'sto codice, su questo siamo tutti d'accordo.

    RispondiElimina
  6. Prandelli sta al Calcio come Berlusconi alla Politica. Non è difficile Indovinare di chi è la colpa del loro successo (perché purtroppo è successo)!

    RispondiElimina
  7. L'Under21 nel campionato di SerieB e i frequenti Stages per gli azzurrabili durante il campionato, mentre quasi tutti sono impegnati anche nelle coppe europee e in quella nazionale. Perché Il codice etico? Perché "non c'è 2 senza 3" e la quarta vien da sé! Ahahah, che buffonate, anzi, prandellate!

    RispondiElimina
  8. La Quarta, già! Impianto di irrigazione sotto il campo di Coverciano per riprodurre le stesse condizioni di umidità (!) che 'dovrebbero' trovare in Brasile. Azz, le studia tutte, che genio, gli è avanti, ahahah!

    RispondiElimina
  9. Nonostante tutto mi sta simpatico, ahahahahah! Che cazzata, questa è la Quinta! Ahahahah!

    RispondiElimina
  10. Il peggio, Gonfia, è che per via di questo poro cazzone una banda di scoglionati insultava dalla garitta, per tutto il giorno, chi capitasse in cloaca e i medesimi tifano ardentemente contro la Viola da quando il cazzone è stato stracazzato via. Non avete commentato la convocazione di Pasqual: Lui ci vede chiaro!

    RispondiElimina
  11. Come si dice in questi casi: velo pietoso! Anche se sicuramente non ci andrà, il solo pensarci è un obbrobrio, ma in linea con il personaggio! Degli insulti dalla garitta sono stato anch'io bersaglio, orgogliosamente.

    RispondiElimina
  12. La cappella di quella cappella, caro Gonfia, ci andava e ci va a mangiare insieme: interesse privato in atto viola.

    RispondiElimina
  13. Preferirei il digiuno, Colonnello, non mi andrebbe di traverso!

    RispondiElimina
  14. Ma Mergda e Inculaclaudia dove saranno finite? In quale angolo della città ducale?

    RispondiElimina
  15. E il Dubbio? Non è più Sconosciuto ma non conosco la sua nuova identità!

    RispondiElimina
  16. E Quartagenerazioneviola, quello che diceva che con Donadel per Melo si volava e battemmo una smusata da undicesimo posto con record di sconfitte?

    RispondiElimina
  17. E Brugnolo? E Buster? E Wallenstein? E Mindviola? Dove, dove siete finiti, cari compagni dell'età mia bella, care nullità intercambiabili?

    RispondiElimina
  18. La prima è la zia del Moscio, tiferà Milan. La seconda tifa sempre viola, ma con parsimonia rispetto a prima. Lo so perché, casualmente, arrivai a conoscerne il cognome su Facebook. Mi hai costretto a riandare a vedere la sua pagina, mai più Colonnello!

    RispondiElimina
  19. E Giorgio e la sua caponata? E la Signora Viola? E Valentinaviola? E Violablond? Ah, labili fantasmi! Ah, impalpabili entità!

    RispondiElimina
  20. Le nick d'un sdaieul, hélas! change plus vite que le coeur d'un mortel!

    RispondiElimina
  21. E Domenico che è diventato pappa e ciccia co' i' Travy? Prima lo avrebbe sfidato a duello, adesso si cercano, si trovano, si capiscono, si amano. Una Jam Session sensazionale! Come si cambia, per non morire, come si cambia, per amore! Perdonatemi questa memoria sdolcinata, Ahahah!

    RispondiElimina
  22. Temo che quest'idillio non piaccia al geloso Cinghia de Lope, odo già il fischiar della cinghia per aria!

    RispondiElimina
  23. Manual-mente, come va di moda adesso, ahahah!

    RispondiElimina
  24. Gonfia, che dici, Pippuccio un pensierino a Gobbrandelli al posto di Vincè, dopo i Mondiali chiusi rovinosamente, ce lo fa?

    RispondiElimina
  25. Chi è Pippuccio?

    RispondiElimina
  26. Pippuccio riense, quello fuso a orario.

    RispondiElimina
  27. Quello della celeberrima quartina:


    Jordanino Jordanuccio,
    io mi chiamo Filippuccio:
    nella vita ho un solo cruccio,
    che non vuoi che te lo ciuccio!

    RispondiElimina
  28. E non sarebbe il solo. Son duri a capire, quando si è innamorati! Anche lo storico, adesso morde il freno e si attacca a Ljajic, ma un domani, chissà? Io mi auguro vada a Torino a far danni.

    RispondiElimina
  29. Gonfia, non vogliono capire, questi innamorati, che




    Lorsque tout est fini
    Quand se meurt votre beau rêve
    Pourquoi pleurer les jours enfuis,
    Regretter les songes partis?
    Les baisers sont flétris
    Le roman vite s'achève
    Pourtant le cœur n'est pas guéri
    Quand tout est fini
    On fait serment, en sa folie,
    De s'adorer longtemps, longtemps
    On est charmant, elle est jolie
    C'est par un soir de gai printemps
    Mais un beau jour, pour rien, sans cause,
    L'amour se fane avec les fleurs
    Alors on reste là, tout chose
    Le cœur serré, les yeux remplis de pleurs.

    RispondiElimina
  30. Sembra che in Francia l'avessero capito molto tempo prima, ahahah!

    RispondiElimina
  31. Comunque grazie per l'iniezione poetica, Colonnello. Ne avrei avuto bisogno tanto tempo fa, ma ero più attratto dai fatti che dalle parole, che stolto!

    RispondiElimina
  32. Marlene grande, nell'interpretazione, ma la Moreau ancor più grande.

    RispondiElimina
  33. Ora mi stai facendo a fette, ahahah! Bis später. (e l'idraulico non telefona, mannaggia, devo uscire per sfogarmi)

    RispondiElimina
  34. Il Codice etico, parte prima:

    http://www.violanews.com/altre-news/per-balotelli-una-notte-da-far-west-a-milano-20140514/

    RispondiElimina
  35. Rebic è stato inserito nella lista dei 26 pre-convocati nella Nazionale croata per il Mondiale

    RispondiElimina
  36. Preconvocati Croazia: ... Srna... Modric, Rakitic... Mandzukic, Olic ... Rebic!
    Magari riusciremo a capire se il grullo è il CT croato o se lo è stato Montella.
    Sul giubba invece stendo un brandello pietoso.

    RispondiElimina
  37. Ha avuto diversi infortuni, a quanto ho capito: trauma al dito del piede che è sfociato poi in lesione del legamento collaterale del piede e infine in una metatarsalgia

    RispondiElimina
  38. Anto, sta di fatto che un convocato per una Nazionale non di ultima fascia non ha giocato novanta minuti interi in tutta la stagione nel suo club di appartenenza. Siccome il ct di una Nazionale non ha gli uomini contati come un allenatore di club, la supposizione che la fava sia a Firenze è molto fondata.

    RispondiElimina
  39. Ahahahahahahahahah! Locke quota Canterbury... ahahahahahahahahah! ma Locke è Canterbury... ahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  40. Tranquilli, l'idraulico viene domattina presto. (fine delle riflessioni, d'ora in poi ricomincerò a parlare senza pensare, è così bello e liberatorio, ahahah!)

    RispondiElimina