.

.

mercoledì 7 maggio 2014

Questioni di punti di vista

Capisco la voglia di giugulare tutta napoletana, ci sta, stasera ci sta, anche perché la Pasqua è passata e con lei la possibilità di addentare una pastiera. Da Genny a Montella il passo è breve, io però per non passare da razzista, il Daspo lo darei per primo e più volentieri, intanto a Gonzalo Rodriguez. Questione di punti di vista, come quelli di chi aveva attaccato proprio Montella per il mancato utilizzo di Matri sabato a Roma. Questo Matri. Questioni di punti di vista anche quelli. Capisco che la colpa da che mondo è mondo, da Macondo fino al terzo mondo, nei bar oppure ovunque mettiamo il dito sul mappamondo, è sempre del’allenatore, si, malgrado gli svarioni di Savic bene o male sempre fuori posizione, che fa a gara con Rosati per aggiudicarsi responsabilità sparse nell’emorragia difensiva. Questione di punti di vista. Tutti legittimi. Wolski è come Matri, fortissimo. Basta solo non farlo giocare spesso, e poi quando non gioca dare la colpa a Montella. Questioni di punti di vista. Io per esempio su Pasqual non posso dire niente perché trasforma Berardi in Robben come Gesù moltiplicava i pani e i pesci. Quindi Pasqual è come Gesù, ma è Montella da crocifiggere. Il disastro Diakite è invece più figlio del mercato di riparazione, Mati Fernandez è sempre figlio di un Dio minore, la versione di Borja Valero è quella in tono più minore. Insomma, la squadra esce scarica dalla finale e trova un avversario che davanti ha giocatori validi che non puoi affrontare così. Certo la colpa è di Montella perché è l’allenatore, io però sulla gogna non ce lo metto, scusatemi, giusti i fischi, ma era anche abbastanza prevedibile andare incontro a qualche difficoltà, o almeno era prevedibile per chi un po’ di calcio lo ha masticato, anche se non fino a questo punto, ovviamente, ricordo che il Sassuolo ne ha fatti tre anche a Napoli quando ancora gli azzurri credevano di lottare per lo scudetto. Se non approcci nella maniera dovuta qualsiasi partita del nostro campionato vai giocoforza incontro a figuracce come quelle di ieri. Ma alla squadra va riconosciuto però anche la capacità di aver superato tante difficoltà durante la stessa stagione. Mi voglio godere piuttosto l’ennesimo e incredibile ritorno al gol di Pepito Rossi. Una grande gioia. Dopo essersi vergognati un po’ per aver preso quattro gol in casa da Sassuolo, più uno sbagliato incredibilmente da Zaza, più un palo clamoroso, mi godo Rossi che è stato il lieto fine dopo aver incontrato Genny nel bosco della stagione. Un lieto fine non solo per il gol e il quasi pareggio, ma per la sua spavalda ennesima rinascita, una bella storia che ha del prodigioso dopo quattro mesi di stop. Come se l’infortunio non ci fosse mai stato. Cancellato con la facilità di chi è un campione profondamente diverso da Balotelli. E scusatemi se non riesco a godere per una sconfitta, preferisco godere per il ritorno di un grande giocatore. Questione di punti di vista. Dispiace per la serata, come dispiace se non riesco a buttare via tutto quello che di buono è stato costruito in questi due anni. Prendiamoci questo quarto posto, adesso è solo questo quello che conta, anche se capisco bene quanto sia necessario un capo espiatorio per dare un senso alle delusioni, e mentre voi lo sollevate dall’incarico per rinfrancarvi, io sollevo il suo poster dalla porta del bagno e ci metto sotto uno spessore prima che me la rovinate con le freccette. Mentre la considerazione che mi sento di fare a margine dell’ennesima sconfitta interna, è che la squadra oltre ad aver dimostrato quanto ancora bruci la delusione di coppa, ha dimostrato soprattutto di avere seconde linee non all’altezza, con tutto quello che ha comportato dover far logorare quei soliti 13. Foco non ti preoccupare, va capito chi reagisce alle sconfitte insultando o deridendo squadra, proprietà e tifosi, alla sofferenza ognuno si approccia come può, e quindi li abbraccio perché mi sento più fortunato, anzi vorrei fare qualcosa per loro. So che non sono cattivi, stanno solo male, e quindi se tu li offendi e loro mi querelano, facciamo entrambi un’opera di bene, perché con la querela si sentiranno sicuramente meglio. C'è chi usa la marijuana nella terapia del dolore. Si Foco, facciamo benifecenza, sarà come aver adottato un altro bambino a distanza. E mai come in questo caso mi sento di dire, per fortuna a distanza. Dopo la fiaba Rossi, la crocifissione di Montella, e la sperenza che chi soffre possa finalmente trovare pace magari spendendo gli 80 euro di Renzi in carta bollata, vorrei suggerire alla tifoseria di protestare si, ma in maniera più sana, anche più moderna, restituendo cioè pan per focaccia proprio alla squadra che così tanto ieri ci ha deluso. Come? Applicando lo schema preferito usato per la fase difensiva. Lo stesso. Il flash mob.

62 commenti:

  1. C'è da dire che Diakité terzino destro è disastroso, mentre quando è stato schierato al centro della difesa ha giocato abbastanza bene.

    RispondiElimina
  2. In generale, se vogliamo giocare con la difesa. 4, dobbiamo acquistare due terzini adatti alla difesa a 4.

    RispondiElimina
  3. Sopravvissuto7 maggio 2014 08:37

    ANTO, per non prenderne 4, si! Comunque, oltre i 3 al Napoli, il Sassuolo ne ha fatti 4 alla Samp, 4 al Milan!! Squadre con difese allegre, come la nostra. POLLOCK,m scrivi cose sagge ma ieri é stata serata di risposte: del perché Matri é stato donato alla viola, del perché Diakité può fare il centrale (riserva) e non il terzino, del perché non si fanno passaggi orizzontali in difesa, del perché Pasqual non l'ha mai richiesto ufficialmente nessun club, del perché Wolski viene fatto giocare poco, del perché sono tre sessioni di mercato invernale dove la Fiorentina (eccetto Pepito infortunato) non é riuscita a prendere un calciatore decisivo, del perché Montella con il materiale a disposizione (11/12 titolari) di più non può fare, del perché con Rossi avevamo almeno 7 o 8 punti in più, del perché abbiamo un pubblico maturato e pronto per vincere-rispetto alla squadra, del perché alcuni utenti (uomini e donne) spariscono da fiorentina.it per riapparire al momento meno opportuno per vomitare melanzane, formaggio, olio, capperi, sughetto, Lambrusco sulla viola. (Strano, nei pochissimi "filotti" o turni superati i personaggi non apparivano).

    RispondiElimina
  4. Sopravvissuto7 maggio 2014 08:39

    Rimane un unico interrogativo: sacrificati Gobbi, Alonso, Vargas a Pasqual. Perché?

    RispondiElimina
  5. Concordo Sopra.

    RispondiElimina
  6. Diakitè in una difesa a tre come centrale non lo schiererei mai, come quarto di destra si e praticamente è il ruolo nel quale ha giocato una vita. Altro discorso è una difesa a tre molto bloccato dietro. Individuare i problemi di difesa in uno arrivato a Gennaio lo vedo il classico scaricabarile alla caccia del capro espiatorio, Gonzalo non è quello che alcuni pensano e dargli 7 per partito preso anche in partite che valeva un 6 stiracchiato poco cambia, Savic dev'essere guidato da uno bravo e l'argentino non lo è ma rimane il giocatore, non solo potenzialmente, migliore che abbiamo la dietro. Si possono tenere entrambi basti che si racimoli un mezzo fenomeno da affiancargli. Su Matri non concordo, Sabato la Fiorentina ha giocato a pallone e avrebbe potuto avere un'incidenza differente, ieri la Fiorentina non ha giocato per un tempo e mezzo, chiaro venga inghiottito pure lui. L'ho affossato e per me il discorso è chiuso ma le partite non sono tutte uguali, ieri gli unici d'impatto sono stati Rossi e Cuadrado, si torna sempre all'origine dell'universo, quelli buoni fanno la differenza.

    RispondiElimina
  7. Quelli buoni fanno la differenza, anche in partite come quella di ieri. Matri non è buono. Ma lo diventa sempre quando non gioca.

    RispondiElimina
  8. Matri non è buono, al pari di Pasqual ma quando la squadra gira anche il capitano pare meno brocco, inutile, Sabato la squadra, tolte le solite amnesie difensive, ha girato per lungo tempo, penso sarebbe stato più incisivo, forse determinante ma son ragionamenti col senno di poi. Ieri sera è stata imbarazzante tutta la difesa ma non è da ieri che lo è, è stata imbarazzante per molte partite quest'anno e non eravamo reduci da finali di CI.

    RispondiElimina
  9. Matri non è un fenomeno e non lo è mai stato, questo lo sappiamo, ma rimane comunque un giocatore (in teoria) decente, uno che negli ultimi anni qualche gol lo ha fatto, che è stato semi-titolare nella juve che ha vinto due scudetti e che ha avuto pure qualche convocazione in Nazionale. Come e perché si sia imbrocchito in questo modo non lo si capisce proprio, ma io rimango dell'idea che un centravanti in campo è meglio averlo: pur avendo giocato male, quanto meno sabato ha fatto l'assist per lo scagurato Ilicic e ieri con un colpo di testa ha sfiorato il palo. Insomma, riesce a portare un po' di pericolo in area avversaria e ad aprire spazi per i compagni.

    RispondiElimina
  10. Comunque, al di là delle scelte tattiche, quello che di Montella non mi è piaciuto sono certe dichiarazioni che ha rilasciato negli ultimi tempi, in cui sembra soprattutto cercare delle scuse non richieste.

    RispondiElimina
  11. Sulle dichiarazione di Montella, almeno personalmente, avrò modo di commentare, quando gli scenari saranno più chiari. Per quanto riguarda le scelte tattiche non ci sarà mai un allenatore al mondo che dopo una sconfitta non avrebbe potuto fare così, o cosà. Nessuno. Secondo me Montella va valutato complessivamente per il lavoro che ha svolto in questi due anni. Gli darei la possibilità di chiudere il lavoro impostato, attraverso la prossima stagione. Per misurarlo. Sempre che sia lui che la società siano d'accordo nel proseguire.

    RispondiElimina
  12. Sopravvissuto7 maggio 2014 10:19

    Magari a maggio, dopo essere stato bravo ad ovviare alle assenze dei due top-forward senza mai porli come scudo, un po' di lamenti potrebbero essere capito...

    RispondiElimina
  13. Sopravvissuto7 maggio 2014 10:20

    "capìti", scusate. Lamenti! Non lamentele, perché fa male...

    RispondiElimina
  14. Giusto, anche ieri ho scritto che servono tre anni per avere un quadro completo, la somma di questi due è senz'altro positiva rimangono da chiarire le ultime dichiarazioni, martellanti in una sola direzione, perché lo capiremo più avanti. Due ipotesi 1) Ascolta sirene da fuori 2) Pungola la società che farà di tutto per accontentarlo. Rimane il dato delle plusvalenze terminate, non abbiamo giocatori su cui potere farle, servono sghei o la cessione di un big, quale lo vedremo ma penso che finché non sarà risolta la posizione con l'Udinese non potrebbe essere nemmeno il colombiano.

    RispondiElimina
  15. Pollock, sono d'accordo, nel complesso i due anni di Montella sono stati puù che positivi e anche a me va bene tenerlo, però mi piacerebbe che a) non ripetesse gli errori commessi (inevitabili, a maggior ragione in un allenatore giovane); b) fosse un po' più umile; c) evitasse di chiedere pubblicamente rinforzi passando la palla alla società. Non aveva mai fatto certe dichiarazioni fino a un mese fa.


    Quanto al mercato, se vogliamo tenere Cuadrado si deve cercare di far cassa con i vari Savic, Roncaglia e Ilicic, oltre che con i vari giocatori in prestito in giro.
    Anche vendendo Cuadrado, comunque, considerando che ne abbiamo solo una metà, più di 15 milioni non ricaviamo.

    RispondiElimina
  16. Si Anto, i motivi delle dichiarazioni di Montella verranno fuori. Certo che deve dimostrare di aver imparato dagli errori. Deve di mostrare anche di valere la Fiorentina. Il prossimo anno sarà quello dei verdetti, sempre se ci saranno le condizioni per proseguire. Cuadrado va tenuto almeno un'altra stagione.

    RispondiElimina
  17. Trattenere Cuadrado non sarà però facile, speriamo...

    RispondiElimina
  18. In questo mercato secondo me dovremo acquistare:
    1) un terzino destro forte;
    2) un terzino sinistro forte;
    3) un centrale di difesa forte (se vendiamo Savic);
    4) un regista,meglio se giovane, che si alterni con Pizarro;
    5) un centravanti di riserva;
    6) una seconda punta di riserva.

    RispondiElimina
  19. Perché servirebbero tre anni? Facciamo quattro, magari cinque. Evidentemente quello che si è visto da gennaio ad oggi non vi basta: giustificando tutto con l'assenza di Gomez e Rossi, sostenendo (solo ora) la pretesa inadeguatezza delle alternative (Mati minor, Matri scarso, Rebic infantile, Wolski brutto, Ilicic lento, Roncaglia impresentabile) e lamentando (solo ora) la fantomatica mediocrità di alcuni titolari (pure Gonzalo e Borja Valero, leggo), l'innocenza del profeta appare irrefutabile. Come per il Giubba, avete bisogno di un'annata tremenda per levarvi la cispa dagli occhi.

    RispondiElimina
  20. Un allenatore.

    RispondiElimina
  21. Approfondisco la mia opinione che avevo anticipato ieri sera. Dunque, quest'anno avevamo il sogno di cogliere almeno un traguardo tra: qualificazione alla CL rubataci per un soffio l'anno scorso, arrivare in fondo all'EL, vincere la C.Italia.
    Il cammino si mostra subito insidioso tra fatiche delle gare ogni 3 giorni e mazzate continue tra i KO dei nostri uomini migliori e persecuzioni arbitrali infami. Fino a un mese e mezzo fa resistiamo come possiamo (o forse peggio di come potevamo, ognuno la veda come vuole ma non è questo il punto che volevo sviluppare ora, le singole opinioni al riguardo sono già note) restando in corsa per tutti e tre gli obiettivi. Nel giro di un mese succede che in EL ce lo mettono nel culo, in campionato il distacco dal 3°posto diventa irreversibile e infine perdiamo la C.Italia, tra rimpianti per l'occasione di Ilicic, rabbia per certe decisioni arbitrali e frustrazione per esser stati vittime inermi e incolpevoli dello schifo camorrista.
    A tre giorni da quest'ultima mazzata trovo comprensibile presentarsi totalmente scarichi, ci restava solo da render matematico il quarto posto (che non è un traguardo che ribalta un bilancio stagionale come gli altri tre che sognavamo e che comunque è quasi preso), ci troviamo davanti una squadra che se vince sa di passare dal terzultimo al quintultimo posto, e si vede la partita messa in discesa da un rigore ridicolo.
    Per tutto ciò, ci sta di trovarsi in balìa dell'avversario ieri sera.
    Quello che non ci sta è trovarcisi fino a quel punto, è comprensibile avere motivazioni ormai a terra ma non lo è presentarsi alla W il parroco fino a quel punto. Certo che in campo alla W il parroco ci si sono presentati i giocatori, ma colui che deve tenerli sull'attenti ha rilasciato il giorno prima delle dichiarazioni che, in buona o cattiva fede che siano (e questo lo sapremo tra un mesetto, come dice Leo) si devono fare solo quando si ufficializza il rompete le righe stagionale.
    Per le prossime due partite, pronostico nostra vittoria a Livorno e non vittoria col Toro se saranno ancora in corsa per il sesto posto.

    RispondiElimina
  22. Per me la colpa principale di Montella, nei mesi precedenti, è aver perseverato su quel 4-3-3 che era bislacco vista la carenza di terzini e ali di ruolo.
    Sul resto credo che le attenuanti gli vadani riconosciute tutte.

    RispondiElimina
  23. Per non buttare via tutto. Considera che sono stati acquistati giocatori con certe caratteristiche, adatti cioè ad assecondare proprio la filosofia dell'allenatore. Puoi benissimo decidere di aver sbagliato ad andare in quella direzione. Ripartire con un altro allenatore probabilmente ti costringe a rifondare un'altra volta. Ma è proprio tutto così da buttare? L'attuale 4° posto, e lasciamo fare le attenuanti che così tanto danno fastidio, è comunque così scandaloso? Antoine, a me va bene anche cambiare, basta fare meglio di un quarto posto e continuare a vedere la maglia Viola su un campo verde. E forse hai ragione a proposito della cispa, è inutile che poi mi lamento con Tommaso che non si lava bene la faccia. Ma almeno lui è un ragazzo.

    RispondiElimina
  24. Antoine, io mi auguro che l'annata tremenda Montella non ce la faccia vivere.
    Quanto all'annata tremenda del giubba, la ragione primaria fu il suo ammutinamento reso pubblico nel marzo della sua quinta stagione, una volta che aveva deciso che a Firenze aveva fatto il suo tempo.

    RispondiElimina
  25. Infatti, proprio per questo vanno valutate le dichiarazioni rilasciate in questi giorni. Montella rimane solo se c'è totale sintonia fra lui e la squadra, da una parte, e fra lui e la dirigenza, dall'altra.

    RispondiElimina
  26. Borja, Aquilani, Mati, Gonzalo, Rossi, Gomez, Cuadrado (aggiungendo anche Ilicic, Wolski e Rebic, in cui credo, a prescindere dall'annata) andrebbero bene a qualsiasi allenatore, credo. Il problema non è il quarto posto in sé, ma la distanza dalla terza (per non parlare dei primi due posti), oltre a ciò che si è visto da gennaio ad oggi (in alcuni casi da esonero immediato: vedi partita col Milan). Poi, è vero che a me Montella non è mai piaciuto molto, quindi sono verosimilmente prevenuto.

    RispondiElimina
  27. Neppure io me lo auguro. Sarei felice di sbagliarmi (in fondo, mi sono sbagliato tante volte).

    RispondiElimina
  28. E' stato fatto un investimento su questo allenatore, sbagliato sostiene Antoine, corretto secondo me. Valutiamo il periodo della scommessa però, chi avremmo potuto prendere che rientrasse nel nostro target e avesse margini di crescita come lui? Oggi c'è Spalletti libero, e forse questo ci influenza. Mandare via Montella dopo avergli rinnovato il contratto non mi sembrerebbe neanche tanto serio, ma diciamo che il Mister attraverso le sue ultime dichiarazioni manifestasse un qualche disagio, anche se Pradè ha smentito, e se ne volesse andare. Chi potrebbe sostituirlo?

    RispondiElimina
  29. La distanza dalla terza non ci sarebbe Antoine, e si è visto ieri sera con un Rossi al 50-60% a farla grassa, è una posizione bislacca chi teme sia solo il manico a sbagliare alla pari di chi si attacca alle assenze. Quei due la davanti ti proiettavano, minimo, alla pari del Napoli, e l'aver avuto il solo Cuadrado in finale avrebbe dato un volto differente all'intera stagione, figuriamoci con gli altri due. Idem per il gioco espresso, senza terminali la palla la tieni e basta, se nessuno conclude, è un riferimento, fa sponda, appoggia ai compagni, in parole povere, se non finalizzi hai voglia a tenerla, con una ripartenza ti bucano e addio sogni di gloria. Punto il dito sulla preparazione, sbagliata, troppi due mesi e mezzo di passeggiate in campo e sulla difesa, infilata da qualunque squadra, alcune davvero mediocri, con una facilità irrisoria tanto da farci temere che dietro si sia assistito a uno splendido numero illusionistico facendoci vedere fenomeni dei giocatori di assoluta normalità. La verità sta nel mezzo, Gonzalo non è un cappone, Savic non è un paracarro, Tom se la cava, Diakitè non è uno scarto, Pasqual è una merda. Su Compper e Roncaglia sorvolo, deluso dal tedesco non dall'argentino in cui dalla prima partita erano evidenti pregi e difetti. Ma un allenatore che si vuol fare ed ha giuste ambizioni di grandezza (perché è un bravo tecnico!) non può rinnegare indole e filosofia della difesa italiana, tramandata dai vecchi fino ai meno recenti e agli attuali allenatori di livello che giungono da questa scuola, la nostra scuola, quella che ci ha attirato piogge di critiche ma altrettante piogge di trofei a livello di club e nazionale. Non può non dedicarci un quarto d'ora ad allenamento e non si può vedere un dato in peggioramento quando le tendenze negative vanno invertite o appiattite, in questo Montella deve lavorare, e parecchio, e che non mandi in malora nuovamente la preparazione, in quel caso, io, lo silurerei subito.

    RispondiElimina
  30. Non Spalletti che non viene per meno di 4 mln netti a stagione salvo che accetti meno della metà. Ma non si potrebbe parlare di allenatore di prospettiva né con margini di crescita, sarebbe una scelta ridicola investire tanti soldi su un tecnico andando ad incidere su acquisti da fare in rosa.

    RispondiElimina
  31. ... e quindi sarebbe una risorsa male allocata...

    RispondiElimina
  32. ah ah ah ah ah Ovvio!

    RispondiElimina
  33. http://www.violanews.com/stampa/la-ricostruzione-cosi-e-andato-il-dialogo-hamsik-genny-20140507/

    RispondiElimina
  34. E a proposito di decisioni arbitrali, avevo notato come eravamo stati solerti a riconoscere le ragioni della terna arbitrale sul fuorigioco di Aquilani a Roma. Ieri il rigore di Borja Valero non c'era, tanto per la precisione.

    RispondiElimina
  35. Non credo che a Catania Montella avesse lo stesso staff tecnico, ma potrei sbagliarmi. Comunque, sta alla Società avere la capacità di riconoscere che tanti 'specializzati' a libro paga sono stati inutili (uno su tutti Vio che non ha prodotto i miracoli dell'anno scorso) o dannosi (preparazione estiva) e che invece qualcuno nuovo, in sostituzione, necessiti (fase difensiva a cominciare dall'atteggiamento unita a maggiore pressing a centrocampo). Campagne acquisti discutibili: due campioni più uno presunto, ma tanto presunto, un ex sul viale del tramonto e uno stuolo di giovani promettenti ma prevedibilmente inutilizzabili, per finire a gennaio con tre di cui solo uno è risultato appena appena passabile. Sfortuna mostruosa che ha colpito soprattutto i due campioni sommata agli evidenti 'errori' arbitrali le attenuanti. In questa difficile situazione credo che Montella abbia mostrato limiti tecnici (cambi frequenti di modulo, scelta degli interpreti) e caratteriali (presunzione, deleteria come spesso succede). Non sono per cambiarlo, tanto a non vincere siamo abituati, soprattutto per evitare di trascinarsi negli anni dubbi e recriminazioni basati su supposizioni con relative inutili polemiche. Il prossimo anno ci dirà, compatibilmente con la disponibilità che i Della Valle accorderanno.

    RispondiElimina
  36. "La delegazione è composta dalle forze dell’ordine, un dirigente azzurro, l’ispettore Figc e altri non identificati."


    Come sarebbe "altri non identificati"?

    RispondiElimina
  37. Il gol di Aquilani a Roma era buono (l'amico del giaguaro è Blimpe) e il suo annullamento è stato decisivo.


    Quanto al rigore di ieri, non c'era. è vero, ma non possiamo scioglierci come neve al sole perché al 20' del primo tempo siamo sotto 0-1 in casa contro il Sassuolo, eh.

    RispondiElimina
  38. stefano vienna7 maggio 2014 12:50

    Io nonostante tutto penso che Montella debba continuare. Avrei più dubbi su alcuni giocatori, anche su Valero che viene dato vicino alla Roma. Per 10 milioni si può cedere. Servono centrocampisti più incisivi.

    RispondiElimina
  39. Ci mancherebbe, l'arbitraggio non può certo essere un alibi. Ma come si sottolinea che ci annullano gol giustamente, io sottolineo che ci danno un rigore contro ingiustamente. Visto che sono un tifoso.

    RispondiElimina
  40. Devo dire che l'ultimo Borja Valero anche a me ha dato la sensazione di girare sempre alla larga dalla zona che conta. Però anche lui, come Montella, secondo me va rivisto il prossimo anno. Magari per non pentirsi di averlo dato via con troppa leggerezza.

    RispondiElimina
  41. http://www.violanews.com/calciomercato/borja-alla-roma-lagente-impossibile-20140507/

    RispondiElimina
  42. Pollock, la boccia di ieri ha avuto effetto, anche se è sparita solo per metà, non mi posso spaccare lo stomaco per certa gente.
    Riguardo a Montella io faccio un discorso semplice: la nostra attuale situazione vale sia per gli allenatori che i calciatori. Possiamo ambire a giocatori da rilanciare o da far esplodere speranzosi e nello stesso modo ci possiamo permettere tecnici navigati che non interessano il grande giro o giovani allenatori che devono ancora completarsi. Abbiamo scelto la seconda via e, per questo, bisogna concedere un lasso di tempo che porti l'allenatore a crescere. Il valore della squadra , secondo me, è rappresentato dalla classifica che abbiamo raggiunto in questi due anni. Per migliorare abbiamo preso un grande nome in attacco, cosa che ci è stata permessa solamente dall'innamoramento del giocatore per la città, non certo per le possibilità economiche. Questo è venuto a mancare e siamo ritornati al punto di partenza.
    Quando giudico la squadra ed il tecnico metto tutto nel calderone, sia le cazzate che ci hanno fatto bestemmiare che i motivi per cui la squadra ha fatto bene. Quest'anno, per me, il bilancio è in pareggio, mentre lo scorso anno fu nettamente in positivo.
    Riguardo la squadra, per migliorarla serve ( e servivano) almeno tre calciatori pronti e possibilmente titolari. I giovani che possiamo permetterci sono scommesse ed il prezzo pagato li identifica come tali. Prospetti sicuri costano cifre che non possiamo sborsare. Credo che nessuno in società, sia tanto scemo da puntare sulla vendita di mezzo Cuadrado per finanziare un mercato da attacco ai vertici. Montella l'ha voluto ricordare, magari sbagliando, prima di un cda che potrebbe rivelarsi la chiave di volta del processo di crescita di questa squadra.

    RispondiElimina
  43. Foco non bere, o almeno non farlo per chi si è bevuto il cervello.

    RispondiElimina
  44. Diciamo che, almeno in questo, Montella ha avuto i suoi meriti ahahahahahah

    RispondiElimina
  45. colonel.blimp7 maggio 2014 13:25

    Volete che vi parli di LUCIANO? Mi spiace, non vi parlerò di LUCIANO. Ma sapete bene che non penso che a LUCIANO, e le ragioni per cui voglio LUCIANO cominciano finalmente ad esser chiare anche a voi che non volevate LUCIANO. Cerchiamo disperatamente il quinto posto ma se il premio per ieri fosse un giovincello invero interessante del Sciasciuolo, che ne direste? Certo, se invece fosse per qualcuno un'auto da corsa nuova fiammante da spermacchiare sui sedili posteriori con una wandanara da Suburra e da sfracellare contro un muretto possibilmente fra un mese, ci rimarrei molto male. Ho letto che personaggio dementissimo, non pago della figurona di merda al sugo rimediata aggredendo la nostra tifoseria che aveva festeggiato il ritorno da Roma dei nostri, ha fatto le corse per postare in pole position (né vi è riuscito! Un'ingiustizia palese! Su cloaca potevano almeno censurare il post precedente!) a palate di merda contro il colore viola. Foco, occorre essere cavalieri col gentil sesso, quand'anche cozzico, sfigato, mascalzonesco, psicopatico e deficiente. Occorre, ho detto. Poi, fai icche tu vòi (ahahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  46. Sul Corriere dello Sport-Stadio si parla del futuro di Vincenzo Montella, affermando che il tecnico si legherà alla Fiorentina fino al 2019. Svelato il nuovo contratto: Montella ha firmato un accordo che scadrà nel 2017, per 1,2 milioni di euro iniziali che saliranno fino a 1,8 milioni di neuro netti. Il club viola ha un’opzione a favore, quella di un prolungamento per altri due anni, questo vorrebbe dire blindare Montella fino al 2019. Ad una sola condizione: in caso di chiamata di un top club europeo (Bayern Monaco, Barcellona, Real Madrid, Paris Saint Germain, Manchester City, Manchester United, Chelsea) potrà liberarsi. Niente Milan, dunque, in generale niente Italia per un tecnico che – in serie A – si è legato soltanto alla Fiorentina.

    RispondiElimina
  47. Su SportMediaset hanno or ora parlato di una clausola rescissoria, in alternativa a quella sopra riportata, di 7 mil. Avremo dunque tutto il tempo necessario per giudicare.

    RispondiElimina
  48. Ci ho pensato anch'io, ma chi sarebbe il giovane interessante del Sassuolo? Sono tutti in prestito dai gobbi.

    RispondiElimina
  49. Comunque il risultato di ieri, di fatto, non cambia la nostra classifica, ma ha il risultato di metterlo in quel posto al Bologna.
    Così il Sassuolo (squadra del Presidente di Confindustria, squadra che serve come palestra per i giovani della juve) finirà per salvarsi.

    RispondiElimina
  50. Sopravvissuto7 maggio 2014 14:00

    Una squadra, praticamente.

    RispondiElimina
  51. A fianco di chi si ribella:
    http://anguane.noblogs.org/?p=2368

    RispondiElimina
  52. Il Bologna resta pur sempre a un punto dalla quartultima, Anto, direi semmai che il risultato di ieri ha affossato sopratutto il Livorno, che dall'avere un piede e mezzo in B ora vi si trova con un piede e nove decimi.
    Il Sassuolo a questo giro ha sfruttato il beneficio di giocare per ultima (che spesso quest'anno potevamo sfruttare anche noi ai danni del Napoli, ma non abbiamo mai approfittato), ha rischiato il tutto per tutto col tridente sapendo di non aver nulla da perdere, ha trovato la strada in discesa per quel rigorino di merda e un avversario inerme fino al 60°, poi Eupalla gli risparmiato un 4-4 che per loro avrebbe cambiato tanto in negativo.
    Credo che domenica troveremo un Livorno col proposito di darci battaglia ma ormai troppo affossato per non lasciarsi prendere in breve tempo dalla frustrazione, e noi ne approfitteremo sperando che stavolta i loro fallacci (che ci saranno, garantito 100%) non ci accoppino nessuno.

    RispondiElimina
  53. A fianco di chi si ribella, contro gli orridi schiavisti:
    http://resistenzanimale.noblogs.org/files/2014/04/2012-Vazzola-TV-mandria-.pdf

    RispondiElimina
  54. A proposito di esigenze di giocatori da acquistare e di risorse da bene allocare, voi vedete così indispensabile l'eventuale acquisto di Bonaventura (che è un ottimo giocatore, per carità), di cui tanto si parla?

    RispondiElimina
  55. Sopravvissuto7 maggio 2014 17:22

    Dopo sconfitta, sitone over the top per commenti. Incredibili.

    RispondiElimina
  56. Nulla di nuovo sotto il sole

    RispondiElimina
  57. colonel.blimp7 maggio 2014 18:32

    Sopra, godono come porci. E come porche.

    RispondiElimina
  58. Tra l'altro, chi leggesse i commenti senza sapere la nostra classifica, penserebbe che siamo dodicesimi o giù di lì.

    RispondiElimina
  59. Sopravvissuto7 maggio 2014 19:56

    Scandaloso. E non c'é stata trattativa?? Ha ragione Lud, vittoria a tavolino per noi,

    RispondiElimina
  60. Ma il daspato non doveva andare a firmare in questura?

    http://www.leggo.it/NEWS/ITALIA/napoli_tifosi_ultr_amp_agrave_daspo_olimpico_tessera/notizie/671494.shtml

    RispondiElimina
  61. Ho già detto a Lud la mia opinione, sarebbe da revocare la Coppa al Napoli e lasciarla non assegnata.
    Io un titolo vinto a tavolino non lo voglio.

    RispondiElimina
  62. Sopravvissuto7 maggio 2014 22:11

    Leggo e riprto da "Panorama" (pag.102, 10* rigo a destra): "Di fatto oggi non solo si affaccia una fetta di neoluddisti che decide di sparire dai social e spegnere cellulare, ma c'é chi ne teorizza la presenza". Neoluddisti! BLIMP, cosa hai creato in laboratorio? LUDWIGZALLER, so che leggi...ti rendi conto? Sei un "movimento", ora.

    RispondiElimina