.

.

domenica 12 gennaio 2014

Quella roba lì grigia

Quando c’è la partita così presto, per non ridurre l’editoriale a una sveltina, bisognerebbe avere il coraggio di scrivere già il commento della partita, in modo da anticipare tutti. L’unico modo al mondo per rendere l’eiaculazione precoce una caratteristica di pregio. Non avendo però il coraggio necessario firmerei per una vittoria, facendo molta attenzione a quelle persone che con le scuse più banali vi chiedono di firmare qualcosa. Perché spesso dietro queste richieste si nascondono vere e proprie truffe. Anzi, se siete d’accordo con me, firmate anche voi per questa campagna e per aiutarmi a sostenere le spese della vittoria, inviatemi subito dieci euro. Avete tempo fino al riscaldamento della squadra. Certo che il rischio di anticipare il commento dell’evento prima ancora che accada, dovrebbe essere un concetto connesso con le aspettative dell’utente del blog che si aspetta sempre qualcosa da chi lo gestisce, quindi si aspetterebbe di avere già a colazione il risultato del lunch match. E viste le mie recenti peripezie giudiziare, e il fatto che devo provare a fare un commento della partita prima della partita devo prendere atto che il rischio è diventato il mio mestiere. Sto pensando di usare la stessa tattica di quando vado dal mio vecchio barbiere che non trovando ancora una buona lozione per non invecchiare continua a spompettare profumacci di merda definendoli lozioni e intanto invecchia vedendoci sempre meno. E siccome farsi radere da lui sta diventando troppo pericoloso, pago una controfigura perché si faccia fare la barba al posto mio. Così farò anche per il blog, in modo che se dovessi cadere rovinosamente in tribunale, a farsi male sarebbe il mio stuntman di fiducia. Controfigura che potrebbe servire anche al Ceccarelli non tanto perché ha permesso agli eruditi di offendermi il blog senza intervenire in mia difesa. A lui magari servirebbe di più per farsi raccontare meglio la partita e dare così voti che non sembrino pescati da un bussolotto. Anche perché con me non rischia nessuna ritorsione dei poveri, per sua fortuna io ho l’unica cosa grigia capace di colorare l’esistenza. Mentre c’è chi è costretto a colorarsela con la peperonata. E quella roba lì grigia se uno non ce l’ha non gliela può dare certo un avvocato, a me quella roba lì serve a vivere meglio, e se sufficientemente dotati, studiandosi un po’ ognuno di noi è in grado di capire cosa fa bene al suo organismo e cosa, invece, non riesce a tollerare. No davvero, voi pensate che io scherzi, ma per chi non ha quella roba lì grigia è tutto più difficile. E faccio l’esempio di un’amica che l’altra sera si è mangiata un chilo di spaghetti alla matriciana, un tegame intero di peperonata, sette ossobuchi, una montagna di patatine fritte con la maionese e un tiramisù intero. Poi mi ha raccontato di non essere riuscita nemmeno a trombare perché ha passato tutta la notte a girarsi e rigirarsi nel letto cercando di digerire. Alla fine si è messa a riflettere, ha riflettuto a lungo perché intanto si erano fatte quasi le undici, e mi ha detto di aver capito che è intollerante al pomodoro che c’era negli spaghetti. Ho provato a dirgli che la sua analisi mi sembrava superficiale, allora ha aggiunto di essere intollerante in senso più generale, di avercela non solo con me ma anche con le persone anziane perché hanno sempre fretta e lei non capisce dove devono andare, così si è rivolta a un legale. Nel frattempo ha segnato Ilicic.

158 commenti:

  1. Oh, non c'è nessuno. Allora, siccome pure io ieri sera ho mangiato pesante, quasi quasi ne mollo una...

    RispondiElimina
  2. Foco, ora vado sul tuo blog e faccio un rutto.

    RispondiElimina
  3. L'unico calciatore che ora vorrei alla Fiorentina: Kujit. Sa fare il 9, sa giocare largo- anche ala all'occorrenza, ripiega e va a prendere palla ovunque... e si fa un culo quadrato. Ora uno come lui lo vorrei.

    RispondiElimina
  4. Ah, fai pure, tanto è lercio. La donna di servizio non ci viene più da quando c'ha trovato Armagnac ubriaco e ignudo.

    RispondiElimina
  5. Con l'arrivo di Rossi-Gomez speravo di non vederci più accostati i vari Floccari, Cassano, Matri e Quagliarella. Invece la sfiga , oltre ad averci privato di due campioni, ha avuto anche l'effetto ricicciatorio per le solite tristi, false, ripetutissime indiscrezioni di mercato. Non vedevano l'ora i giornalai e in questo tripudio di ritrovata baldanza, si riazzardano anche a riavvicinarci Marrone come colpissimo per il centrocampo. Ci hanno già bollato come ridimensionati nelle loro capoccette dotate di prepuzio. Spero che se la prenderanno ugualmente in culo.

    RispondiElimina
  6. Chiarificatore12 gennaio 2014 09:57

    Non ti preoccupare Foco, l'anno scorso di questi tempi avevamo, per molti, lo stesso problema, poi venne Larrondo che si limitò ad assistere da vicino all'esplosione di Ljajic.
    Quest'anno succederà la stessa cosa, chiunque verrà avrà il privilegio di vedere da vicino l'esplosione di Rebic.

    RispondiElimina
  7. Chiarificatore12 gennaio 2014 09:59

    Ore decisive per Dainelli e Gilardino, ah ah ah ah ah!!!!

    RispondiElimina
  8. E se non riusciremo a ritoccare la squadra potremo sempre farlo con chi ci sta accanto.

    http://www.upworthy.com/see-why-we-have-an-absolutely-ridiculous-standard-of-beauty-in-just-37-seconds

    RispondiElimina
  9. Chiarificatore12 gennaio 2014 10:09

    Qualcuno si ricordi di rinnovare ORA il contratto a Neto.

    RispondiElimina
  10. Riguardo alla partita di oggi, non penso sia una buona idea coprirsi per paura di Cerci. Il Toro è una buona squadra, ma ha grosse lacune in tutti i reparti, un atteggiamento troppo prudente, oltre che non essere insito nel nostro DNA, non ci faciliterebbe in attacco, dove siamo per l'ennesima volta rimaneggiati e diversi per uomini e tattiche. Bisogna, però, stare molto attenti alle loro ripartenze e a non lasciare i difensori soli a contrastare i loro attaccanti in corsa, visto che Barreto e il romano hanno nella velocità e nel dribbling lanciato le loro armi migliori. Prevedo un gran lavoro per il centrocampo che sarà pressato dai loro muscolari di mezzo e dovrà tenere più che mai le distanze tra i reparti. Spero che Cuadrado giochi a destra perché il confronto con lo scarso Pasquale potrebbe essere la chiave a nostro favore della partita. Farei giocare dall'inizio Matos, non tanto per la pericolosità, ma perché il brasiliano potrebbe portare un ora buona di pressing furioso sul loro primo portatore. Tomovic terzino sinistro in generale non la vedo come miglior soluzione, oggi però potrebbe essere una mossa azzeccata perché Cerci, sinistro che gioca a destra, dribblando e convergendo per tirare troverebbe lo slavo sul suo piede migliore e quindi un avversario meno arrendevole nel contrasto. Mati, Pek e Borja formano un centrocampo tanto poco fisico quanto intercambiabile, speriamo che il divario tecnico abbia la meglio. Ilicic in posizione centrale dovrà spesso retrocedere a prendere il pallone a centrocampo e con metri a disposizione faccia alla porta avversaria,tirare il più possibile da fuori.

    RispondiElimina
  11. Chiarificatore12 gennaio 2014 10:24

    A proposito di formazione, la cosa più cretina, e sottolineo cretina, è pensare che Montella abbia in mente un modulo piuttosto che un altro.
    Montella ( esattamente come fa Foco qui sotto) ha in mente i migliori della rosa a disposizione, anche in relazione all'avversario di turno, quelli manda in campo adottando il modulo ad essi più adatto.

    RispondiElimina
  12. Chiarificatore12 gennaio 2014 10:27

    Ovviamente devi considerare il mio wishful thinking.

    RispondiElimina
  13. Lo considererò certamente. È di razza pura? Io una volta c'avevo un cane lupo...
    (Ehehehehehehehehheheh)

    RispondiElimina
  14. Chiarificatore12 gennaio 2014 10:35

    Con tanto di pedigree, eh eh eh.

    RispondiElimina
  15. Chiarificatore12 gennaio 2014 10:51

    ..... e tra i migliori a disposizione non bisogna mai dimenticare che Montella, da quando ha messo piede a Firenze, ha sempre voluto avere un VERO nueve.

    RispondiElimina
  16. Non fare lo Zaller. Ah ah ah!

    RispondiElimina
  17. Chiarificatore12 gennaio 2014 10:59

    Zaller nelle poche cose giuste che ha detto è sempre arrivato dopo ed in ritardo.
    Tra quelli che chiesero, in tempo utile, il rinnovo a Ljaijc, lui non c'era, c'eravamo Lele, Deyna ed il sottoscritto, ad esempio, ma lui no.

    RispondiElimina
  18. Non entro nelle discussioni calcistiche ma permettimi di correggere le falsità Chiari. Da cosa deduci che non fossi favorevole al rinnovo di Ljajic se quando non segnava ho persino pubblicato statistiche che dimostravano che alla sua età tutti i grandi campioni non segnavano molto (ottobre 2012). E non sono arrivato dopo, ma prima!

    RispondiElimina
  19. Cerci può farci male, ma anche lasciare molto campo a Vargas. In trasferta abbiamo spesso stentato per insensata prudenza.

    RispondiElimina
  20. Chiarificatore12 gennaio 2014 11:08

    Vedi Lud che non sai leggere! Che cazzo di erudito sei?
    Ho scritto che sei arrivato tardi, dopo gennaio, a chiederlo, e dopo di noi, non che eri contrario.

    RispondiElimina
  21. Dopo gennaio di che anno? Io ho registrato la crescita di Ljajic non appena Montella ha preso ad allenarlo e gli ha trovato il ruolo, settembre-ottobre 2012, prima Adem non era oggettivamente un giocatore compiuto. Ho inoltre spesso fatto notare che il dissidio con Rossi l'aveva fatto maturare come spesso accade quando i giovani si scontrano con un fatto brutto.

    RispondiElimina
  22. Anch'io così la vedevo su Ljajic (che ho sempre considerato un potenziale fuoriclasse, tanto da stupirmi in negativo per la sua mancata consacrazione a Roma), ma bisogna dare atto dell'ossessivo ljajicismo di Zaller.

    RispondiElimina
  23. Chiarificatore12 gennaio 2014 11:15

    Continui a divagare, qui si parla di chi ha chiesto in tempo utile il rinnovo, non se fosse un goleador o un giocatore compiuto. .
    Tu sei stato dalla parte di Ljaijic solo da quando hai visto che Montella credeva in lui. Noi invece non abbiamo aspettato Montella, abbiamo detto chiaro e forte "io sto con Liajic" molto prima.

    RispondiElimina
  24. Ad ogni modo, può essere che il ljajicismo zalleriano sia successivo alle richieste di rinnovo di alcuni sitollockiani. Non mi ricordo.

    RispondiElimina
  25. Comunque sia, settembre 2012 era un termine ancora utile per farlo rinnovare. Lì hanno un po' dormito.

    RispondiElimina
  26. Chiarificatore12 gennaio 2014 11:23

    Certo. E c'era qualche possibilità anche a gennaio 2013.

    RispondiElimina
  27. Chiarificatore12 gennaio 2014 11:25

    ...come in questo gennaio, per me, c'è la necessità di rinnovarlo a Neto.

    RispondiElimina
  28. Io ho guardato il giocatore in campo visto che dite che non guardo le partite, con Montella era un altro.

    RispondiElimina
  29. Chiarificatore12 gennaio 2014 11:29

    Bene, allora visto che guardi le partite, non dimenticare la porta, guarda Neto e chiedi il rinnovo. Eh eh eh!

    RispondiElimina
  30. Sì, sarebbe buona cosa per evitare un nuovo caso di ingratitudine.

    RispondiElimina
  31. Ma credo anche che lo sappiano.

    RispondiElimina
  32. Chiarificatore12 gennaio 2014 11:41

    L'undici titolare di ‪#‎TorinoFiorentina‬:

    TORINO: Padelli, Basha, Farneroud, Maksimovic, Glik (C), Moretti, Darmian, Gazzi, Pasquale, Cerci, Barreto. All. Ventura

    FIORENTINA: Neto, Roncaglia, Gonzalo, Savic, Tomovic, Mati Fernandez, Borja Valero, Pizarro (C), Joaquin, Cuadrado, Ilicic. All. Monella

    RispondiElimina
  33. Un 5-3-2 bello grezzo quello granata, forse siamo troppo coperti per il numero di giocatori offensivi avversari.

    RispondiElimina
  34. Per me è troppo prudente. Joaquin sarebbe più efficace a partita in corso. Mah.

    RispondiElimina
  35. Chiarificatore12 gennaio 2014 11:46

    Sono d'accordo.

    RispondiElimina
  36. La mia, premia i due più in forma, Joaquin e Mati. Ilicic invece scelta obbligata speriamo premiante per giocatore e tecnico.

    RispondiElimina
  37. Anderson del Man Utd. Potenzialmente un big, come cinque anni fa però. Gran fisico e tecnica fantastica, purtroppo accompagnate dalla personalità di una bustina di camomilla usata. Qui potrebbe diventare un grande ( finalmente) e giustificare i 30 zinzilioni che spese Ferguson per prenderlo.

    RispondiElimina
  38. Tranquillo Rouge, non è prudente. Bene anche Roncaglia.

    RispondiElimina
  39. Cerci è una pippa fantasmagorica e destinato a una carriera nelle serie inferiori, non deve farci paura. Mi dite che l'hanno detto delle grandissime teste di cazzo? Ma alle volte anche le teste di cazzo la dicono giusta! Proprio come alle volte, come ieri sera, anche il Chiari mi offre un cenone da «Vittorio al mare»! Un cenone anche per voi, mi ha detto forzandomi a consumare la seconda bottiglia di una vecchia riserva mentre Buck sveniva dalla sorpresa per vedere il padrone in quello stato di grazia largitoria, se azzeccate il risultato di oggi (io dico 0-2, segnano Mati e Ilicic). Intanto, bisogna dire, gran pezzo di Pollock: ma era peperonata o caponata, mica ho capito bene? Antoinerouge sì, capolavoro di Ophüls, dopo tutto, ma è una bella lotta perché pressano dietro alle calcagna altre cinque opere somme (il suo «Werther», «Liebelei», «La ronde, «Le plaisir», «Les bijoux de madame de...»). E ora una parola sul mio assistito, quella fava di Zazà: è filoserbo da prima dell'attentato di Sarajevo, lui, come invece altri qua sul sitollock non è entrato in guerra dopo le radiose giornate di maggio, sotto istigazione corruttiva deil'Intelligence francese! Formazioni: ci sono Mati e Roncaglia, non c'è Pasqual: sborro fluvialmente. Ilicic falso nueve, lo sottolineo per chi ancora cerca provocazioni contro quella testa di cazzo del mio assistito che anche i fatti assistono, a questo punto. Avrei firmato per un pareggio, adesso fiuto la vittoria come il lupo il sangue della preda smarritasi in foresta.

    RispondiElimina
  40. Chiarificatore12 gennaio 2014 12:11

    Matos e Rebic, le uniche due punte pure che abbiamo, fuori. Mi auguro solo che ad un certo non si renda necessario un loro impiego.
    E' vero che Joaquin è in forma, ma a questo punto non mi convince Ilicic in quel ruolo.
    Mati raccoglie quello che ha seminato, con lui un centrocampo sempre tecnico ma più offensivo, questo potrebbe equilibrare l'assenza di punte pure.

    RispondiElimina
  41. Chiarificatore12 gennaio 2014 12:12

    Sognami prodigo, Colonnello, sogna! Ah ah ah ah ah!!!

    RispondiElimina
  42. Siamo solidi con quattro difensori puri dietro, ma troppo poco impacciati quando c'è da sovrapporsi sulle fasce. In mezzo dominiamo, ma non c'è nessuno che va dentro a dettare la verticalizzazione. Campo infame che ci penalizza la tecnica nettamente superiore.

    RispondiElimina
  43. Chiarificatore12 gennaio 2014 13:25

    Inappuntabile Foco.

    RispondiElimina
  44. Possesso palla sontuoso, sontuoso... Centrocampo da favola, il migliore d'Italia. Sfuggito una sola volta Cerci. Quattro occasioni da gol. I limiti: Ilicic meglio che contro il Livorno ma ancora non ai suoi livelli, Cuadrado controllatissimo che prende pochi rischi e solo nel finale del tempo si ricorda di essere l'immensità che è ma Joaquin che gioca mezz'ora da vecchio lui. Continuare così, senza prendere rischi inutili. Se a un certo punto (ventesimo della ripresa) non si sfonda, fuori Ilicic per Matos e Joaquin (che sta già appannandosi rispetto all'inizio sfolgorante) per Wolski. Abbiamo comprato Anderson, è ufficiale: a questo punto il centrocampo fa paura anche a un veterano della decima legione ed è sistemato per il prossimo lustro.

    RispondiElimina
  45. Chiarificatore12 gennaio 2014 13:29

    Inappuntabile anche il Colonnello.
    Quindi di sontuoso c'è anche questo blog.

    RispondiElimina
  46. "Torino fa densità" ....una volta si chiamava catenaccio. 10-1 lo schema del toro.

    RispondiElimina
  47. Cambio ultratardivo.

    RispondiElimina
  48. Perché chiedi due punte ma poi neanche schieri le due che giá hai, anzi....!?!?

    RispondiElimina
  49. Perché le ritiene acerbissima una (Rebic) e inadeguata l'altra (Matos). Per me questi difetti il Monty li porterà nella tomba. Ma va bene, oggi non mi lamento.

    RispondiElimina
  50. Chiarificatore12 gennaio 2014 14:29

    Io invece mi lamento.
    Ilicic falso nueve è stata una bella cagata, ma di quelle sesquipedali, quello che mi fa incazzare è che io, che non sono un esperto, l'avevo prevista.
    Nel secondo tempo due cambi incomprensibili per non dire allucinanti, ed un terzo tardivo, ci hanno impedito di vincere una partita che si doveva e si poteva vincere. Punto.

    RispondiElimina
  51. Chiarificatore12 gennaio 2014 14:34

    Giudizio generale sulla Fiorentina di oggi, buon primo tempo complessivo, secondo tempo da dimenticare.

    RispondiElimina
  52. Chiarificatore12 gennaio 2014 14:38

    Secondo me Jakovenko oggi in campo è stata una marchetta, per facilitarne la vendita. Pazzesco.

    RispondiElimina
  53. Difesa sicura ma troppo fornita contro un Torino che ha attaccato sempre con massimo due uomini. Ottimo Roncaglia ma spostato in un ruolo che non contempla la sola marcatura. Probabilmente contro Cerci sarebbe bastato Vargas con l'aiuto di Savic, lasciando così Fac a presidiare la destra di una difesa a tre. Buoni i tre centrocampisti che tentano anche di risolvere oltre che costruire, se davanti mancano i riferimenti e i movimenti non è colpa loro.
    Cuadrado ha fatto vedere probabilmente la sua peggior partita da quando è con noi. Il suo ruolo non è quello, è bene che se ne convincano tutti, lui per primo. Joaquin dura un tempo . Lui sulla fascia cerca il fondo, non converge per il tiro, è una qualità propria delle ali pure e per queste sue caratteristiche risulta pericoloso solo quando può assistere. Tolti i riferimenti non si può sostituire a loro. Ilicic deve cercare più la giocata finalizzata al tiro. La mia impressione è che abbia troppa paura di non seguire le direttive tattiche e così facendo penalizza l'istinto, risultando un vorrei ma non posso. In sostanza un'occasione persa a partita finita. Anderson va più che bene, ma serve gente di peso e dotata di sano egoismo là davanti.

    RispondiElimina
  54. Finisce col risultato per il quale avrei firmato ma che speravo migliorabile. Primo tempo ottimo, poi è mancata l'accelerazione anche perché Montella non ha capito sia l'inerzia sia le seminalità del match. Come scrivevo nell'intervallo, Ilicic e Joaquin erano da cambiare vedendo l'incaglio ma l'inizio della ripresa consigliava sostituzione anche più rapida. Invece l'immaturo (non voglio credere organicamente limitato o maculato visivamente, come vuole Antoinerouge) Montella ritarda (nel caso di Matos con possibile attenuante della seminfermità mentale, forse invocabile da parte di colleghi senza scrupoli di Antoinerouge), inserisce l'indicibile Jako e per giunta nel suo ruolo e dunque lasciando il problema del centrale offensivo insoluto, e poi butta dentro, con meccanica ebetudine, l'inutile Ambrogio (dopo l'entrata del quale c'è il nulla, per noi) per Mati, il quale era meno vivace che nel primo tempo, avendo già giocato 90 minuti tre giorni e mezzo prima ma che è tuttavia Mati e che qualche secondo prima del cambio aveva prodotto grande penetrazione sulla sinistra purtroppo indebolita da scivolata sul terreno infame, non so se bagnato (come il Real fa contro il Barcellona al Bernabeu) per sciupare la nostra cifra tecnica stratosferica. L'infortunio di Rossi è insomma pagato subito per le stesse ragioni per le quali già avevamo pagato quello di Gomez. Sono giornate in cui la propaganda di Zemanviola in favore di Spalletti trova il suo significato.

    RispondiElimina
  55. l'uomo più pericoloso oggi è stato borja, e non so fino a che punto
    matos e rebic in campo avrebbero cambiato la situazione. Mi ricorda
    quando mancava batistuta e ci si affidava alla coppia banchelli beltram.
    Vista la situazione che si è creata ci sarebbe bisogno di un anticipo
    di cassa per comprare un valido attaccante, giovane, ma più affidabile
    dei nostri, e che possa restare come ottima alternativa a rossi anche
    dopo il suo recupero, oltre al centrocampista. Inizio a ricredermi invece su neto...

    RispondiElimina
  56. Mossa decisiva di Ventura, favorita anche dall'assenza di Rossi, è stata bloccare Cuadrado con raddoppi e falli quasi mai cattivi ma tali da neutralizzarlo.

    RispondiElimina
  57. Scontiamo subito il montellismo: la Roma dilagherà col Genoa (già 2 a 0), il Napoli vince addirittura nella difficile Verona. Cagasottismo, idiosincrasie, prandellerie sclerotiche ci zavorrano, coi tre punti a vittoria. Se DDV non si svena non sarà certo Montella a fare nouvelle cuisine coi prodotti dell'orto.

    RispondiElimina
  58. QUANDO NON DAI PUNTI DI RIFERIMENTO NEANCHE AI TUOI TIFOSI... E così per una volta Montella riesce a mettere tutti d'accordo, tifosi e non, uniti dal coro "Ma che cazzo fa? Chi mette?!?!". 
    Partita gettata alle ortiche contro Ventura che rinnega il 4-4-2 per rifugiarsi in un difesa ad oltranza con contropiede stile Guidolin; primo tempo di supremazia, con un solo spunto di Cerci per il toro, mentre la viola divora due gol con Valero, uno con Joaquin ed uno con Roncaglia. Difficile,improbo riuscire a trovare il tiro da fuori area (Ilicic mai mai al tiro, sua specialità) causa Maginot granata. La palla gira come vuole Pizarro, quando gli esterni affondano creiamo ma manca la punta-punta. Ne Rebic ne Matos e questo è un vantaggio solo per gli avversari, visto che Ilicic gira troppo al largo, Joaquin ha autonomia per massimo un'ora, Cuadrado prima a sinistra-poi al centro- poi dovunque, eccetto da ala destra pura. La ripresa offre un pressing viola continuo ma esposizione a contropiede che esaltano il Migliore in campo, alla fin fine: Neto. Valero su ottimi livelli, Mati così così ma i cambi gridano vendetta. Yakovenko per bocciarlo definitamente? Ambrosini per consegnare la firma sullo 0-0 all'avversario? Matos per farlo incazzare? Vero che non c'erano gli spazi per Rebic ma poteva essere utile per quei pochi cross che arrivavano in area. Cinque partite senza prendere gol, cinque partite con avversari ammassati in difesa, stavolta o l'ariete croato o il grimaldello brasiliano avevano un senso. Mah.....amaro in bocca, il Torino di oggi era poca cosa, con Barreto che contrastava nella sua area di rigore. Bisognava riuscire a trovare il tiro da fuori -una sola volta- e magari giocare con un uomo che sulla carta d'identità avesse la scritta "attaccante".
    NETO 7,5 : una mezza sbavatura poi 4 parate decisive. Il migliore.
    RONCAGLIA 6,5 : il nostro miglior Torito contro il migliore del Torino; duello d'altri tempi, bello e agonistico. Forse contro Gervinho...occorreva. Bravo e valore aggiunto ritrovato. Togliere dal mercato. Subito.
    SAVIC 6 : concentrato e risolutivo ma sui contropiede finisce troppo in difficoltà, denotando il problema dell'errata posizione. Ben pettinato.
    RODRIGUEZ 6: lavoro ordinario ma anche lui fuori posizione sul contropiede. Come ministro della difesa può fare di più. Stanco(?).
    TOMOVIC 6,5: cresce in personalità ma manca l'affondo quando arriva vicino l'area avversaria, anzi perde l'attimo giusto. Deve studiare di più.
    CUADRADO 6: accende la miccia ma non arriva mai a detonare. Spento.
    JOAQUIN 6,5 : vivace, buoni spunti ma autonomia a scadenza. Peccato.
    MATI F. 6 : un paio di buoni spunti ma non risolve nulla. Cambio "cercato".
    PIZARRO 6,5 : oggi girava bene, tutto passava per lui. Ritrovato.
    VALERO 6,5 : oggi è stato il miglior stoccatore viola, con ben 5 tiri verso la porta (su uno miracolo di Glik, che si immola). Predicatore nel deserto.
    ILICIC 6: ne un tiro ne uno spunto. Sembrava più uno di raccordo e non uno da assalto. Un pochino snaturato. Cambiare pettinatura.
    YAKOVENKO 5: Unidentify Flying Object. Di lui si ricorderà una moglie da Gran Premio, una donna da competizione. Lui non sembra esserlo, in campo.
    AMBROSINI N.G. : perché lui?
    MATOS N.G.: entra tardi, entra senza un perché (a quel punto!) e all'85o solo Houdini-forse- poteva inventarsi qualcosa, non Ryder. Tardivo.
    MONTELLA 5: io non ho capito ne l'11 titolare ne l'entrata delle riserve. Questa volta il pareggio si digerisce (con Maalox), la gestione  gli uomini impiegati no.

    RispondiElimina
  59. stefano vienna12 gennaio 2014 16:01

    Partita giocata bene per 70 minuti poi un calo fisiologico.

    RispondiElimina
  60. stefano vienna12 gennaio 2014 16:12

    La formazione iniziale è quella che ti ha permesso nel primo tempo di creare quattro-cinque palle gol senza rischiare quasi nulla. Al massimo si possono criticare i cambi, a me personalmente -e penso a molti- non hanno convinto.

    RispondiElimina
  61. Sopra, se non gli comprano nel frattempo un centravanti da un deca (non credo), col Catania Vincenzino offrirà il bis. Ma a trombà la Johansson e' son boni tutti, l'è con la mi' moglie e co la tua che bisogna fa vedè i' valore!

    RispondiElimina
  62. stefano vienna12 gennaio 2014 16:13

    Si gira a 37, il dubbio che sia difficile ripetersi è legittimo, non tanto per la partita di oggi (una simile ad Udine la perdemmo), ma per gli infortuni e gli impegni nelle coppe. Certo se arrivano rinforzi come Anderson, i dubbi verrebbero di molto affievoliti.

    RispondiElimina
  63. Come annunciato, la Roma dilaga e si porta a +7, il Napoli sbanca Verona e si porta a +5 ed entrambe ci hanno battuto nei confronti diretti. Il Catania perde a Bergamo e va in disperazione, onde il prossimo turno Vincenzino andrà in Sicilia con le mutande marroni. Intanto un testa di cane dice su cloaca che Anderson è trequartista: di nascita, poi è stato impostato come centrale di reparto. Acquisto di pregio. Adesso il centravanti, o Vincenzino va a chiagne sotto le gonnelle di mamma.

    RispondiElimina
  64. Raddoppio del Napoli, Vincenzino ancora sulla tazza.

    RispondiElimina
  65. Si apre subito un contenzioso perchè Vincenzino non lo dovete toccare, è sempre lui, se vi era piaciuto contro il Chievo vi deve piacere anche il giorno in cui l cose vanno un po' meno bene.

    RispondiElimina
  66. BLIMP, non so se le nostri mogli stiano sulla difensiva così tanto come il Torino ma sappiamo come prenderle, se vogliamo. Reiterare contro l'ultima in classifica non sarebbe stupidità ma incompetenza; non reputando incompetente Vincenzino credo che non vorrà reiterare. Mi fa pensare di più la dirigenza (se fosse vera la notizia)che impegna tanti soldi per un centrocampista, piuttosto che per la priorità che molti stanno evidenziando, cioè la punta. Scrivo "molti" perché per me Rebic e Matos vanno bene ma se non li schieri rischi di fare ciò che Prandelli fece con Osvaldo o altri. Oggi Montella m'ha fatto veramente incazzare!!! Arriverà una punta e...questi due? Naftalina quando almeno potevano giocarsela oggi?? "Matos ha la mia stima" mi ricorda Milena Vukotic in "Ugo (Fantozzi) io ti stimo...". Quella frase mi sa di excusatio non petita, mi sa di "Ho fatto una stronzata a non farlo giocare e a metterlo tardi, a mo' di perdita di tempo...". A Catania, con una retrocedenda ci vorrà un nueve-vero.

    RispondiElimina
  67. stefano vienna12 gennaio 2014 16:50

    Ma col ritorno di Lud non si doveva arrivare ai 200 post come fossero bruscolini?

    RispondiElimina
  68. Ci arriviamo quando vuoi Sopra, te lo metto per iscritto, ma ora sono a mezzo servizio, vorrei evitare gli scontri reiterati che non mi pare siano positivi per il blog.

    RispondiElimina
  69. penso che l'errore di montella sia più nei cambi che nella formazione iniziale, che è figlia del dilemma se giocare senza attaccanti, ma con giocatori che lui ritiene potenzialmente decisivi, o con un modulo più sensato, ma affidandosi a giocatori che lui non vede pronti.

    RispondiElimina
  70. E chi l'ha detto, Stefano? Io credo che senza Lud noi siamo come con Lud, senza Stefano come con Stefano, senza Colonel Blimp come con Colonel Blimp. I cimiteri sono zeppi di gente indispensabile e questo sito non gonfia i numeri usando come glande defloratore un testa di glande. Sopra, la dirigenza non «impegna tanti soldi», prendi in prestito con diritto di riscatto a 5 milioni. E un centrocampista serve e come, per uno la cui poltiglia cerebrale ritiene di dover far entrare Ambrogio il Mogio per Mati al momento in cui dovevamo vincerla.

    RispondiElimina
  71. Giulioc, sono quattro mesi che scazza i cambi, qualche conclusione dovremo pur trarla, no?

    RispondiElimina
  72. Buon anno a tutti e ben ritrovati!
    Giornata oggi dura specie per la vittoria esterna del Napoli e in parte per il non tracollo romanista dopo le tre pere gobbe. Dolorosa perché senza due punte titolari e con le riserve inadeguate alla zona di classifica a cui ambiamo, si capisce chiaramente quale fase stiamo della stagione stiamo vivendo. Troppo delicata che se non si pone subito rimedio rischia di essere il passaggio dolorosamente decisivo per una stagione incompiuta. Oggi ho visto grande personalità in campo, grande condizione e buona sicurezza anche nel reparto arretrato. Ora va capitalizzato il momento con gli innesti appropriati, che sono una punta che si chiami tale (quante volte un uomo di peso sarebbe servito oggi, quante volte si alza la testa e non si trova nessuno in area), in attesa del rientro almeno di Gomez. Purtroppo Iako a costo zero si è rivelato una patacca, troppo estraneo al nostro gioco. Fateci caso, oggi mentre doveva entrare Montella gli parlava e lui non capiva cosa gli stesse chiedendo di fare.
    Analizzando poi qualche singolo, non mi è dispiaciuto Mati e non ho capito la sua sostituzione. Ottimo Roncaglia, da brividi sulla schiena certi appoggi di Savic. Su Ambro nel finale, poi, avrei capito il suo ingresso specie se con compiti offensivi, grazie alla sua capacità nel gioco aereo, mentre lo vediamo a coprire, forse lo stanco Pizarro che allora avrei sostituito con Ambro al posto di Mati. Tomovic avrebbe ottime occasioni sulla fascia in avanti ma è davvero penoso in fase di cross. Ilicic non malissimo, ma non gli vedo ancora la cattiveria che ci servirebbe ora che siamo spuntati.
    Oggi chi ci sta davanti guadagna 2 punti, vediamo di prendere i 3 al prossimo turno, altrimenti rischiamo di essere risucchiati nel gruppo dell'Europa League lontani da ogni velleità Champion's

    RispondiElimina
  73. Se arriverà Anderson almeno si divertiranno sotto la doccia.

    RispondiElimina
  74. Ahahahahahahahahahah! Incorreggibile Antoinerouge! Per i giudici in udienza devi essere uno spauracchio! Ahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  75. Gli indispensabili non esistono verissimo e i cimiteri ne sono pieni. Un erudito del Settecento una volta scrisse: come faremo senza il Pelli, senza il Muratori, senza il Tartarotti (cito a caso)? Beh la storia ha dimostrato esattamente il contrario, non c'è dubbio.

    RispondiElimina
  76. Ti ho risposto sotto su Ophüls. Ma sai a cosa penso adesso, che sia in «Suspicion» sia in «Letter from an unnown woman» c'è Lei, Lei! Lei «que j'eusse aimée» (ma Lei non «le savait», a differenza della «passante» baudelairiana)!

    RispondiElimina
  77. Cominciamo dai dati positivi, che sono (almeno) due: 1) per la quartapartita consecutiva non abbiamo subito reti 2) Roncaglia a sinistra è andato molto bene, non so se per una sua attitudine alla posizione o se - più peobabilmente - perché è tornato in forma.
    Per il resto, è chiaro che senza punte fare gol è difficile: di fatto, per le caratteristiche dei giocatori, abbiamo giocato con una sorta di 4-6-0. Ilicic messo come centravanti arretrato, o falso centravanti, o centravanti spaesato, come volete chiamarlo, è inevitabilmente sottoposto a fare brutte figure; già mi piaceva niente l'attacco con Rossi centrale e Cuadrado e Joaquin ai lati, un attacco con Ilicic spaesato al posto di Rossi è ancora peggio. Se non ci si fida di Matos e Rebic, occorre subito convincere una qualche squadra a prestarci Di Natale, Osvaldo, Pinilla o gente simile, insomma qualcuno che, come chiede Montalla, faccia gol. Comunque qualcuno che faccia i movimenti della punta. Della vera punta.

    RispondiElimina
  78. stefano vienna12 gennaio 2014 17:20

    La vedo anche io così.

    RispondiElimina
  79. Joan Fontaine non si pensa sessualmente, si adora come una santa, come una mamma giovane, come una sorella bella. Ci si prostra ai suoi piedi, sul tappeto persiano, per udirla parlare, forse leggere una poesia di Tennyson, al caminetto, les longues soirées d'hiver. O carissima, anche tu non sei più, e non ti ho commemorata sul sitollock, quando il triste giorno arrivò, alla fine del maledetto 2013!

    RispondiElimina
  80. http://www.gay.tv/news/lifestyle/il-principe-gay-di-manchester-4357/

    RispondiElimina
  81. Era adorabile. Innocente e pura come una bambina (o come un animale).

    RispondiElimina
  82. Hola ORCIO, como estas? Bentornato ma...questo divario tra la Juve e le altre è già di per se umiliante, per tutte le altre...poi se Roma e Napoli le vanno dietro si scava un solco da campionato scozzese, se la viola continua a giocare spuntata diventa come il campionato lettone o moldavo. Essere risucchiati dipenderà dal nome della punta o eventualmente dal prossimo falso-9...!

    RispondiElimina
  83. Un giocatore gay sarebbe un segnale importante, in una città che ha una lunga tradizione (fin dal Medioevo) di costume omosessuale da un lato e di reattiva omofobia dall'altro (anche su questo sito, in passato, l'innocente, casta e legittima omosessualità di Antoinerouge ha trovato risposte cipigliose, banalmente difensive della latenza). Caro Lud, una francese fra le mani è da maneggiare come una bomba inesplosa della prima guerra mondiale e ne so qualcosa. Il mignolo non lo alzano bevendo il tè, però lo amano errante là dove Foco auspica il rasoio.

    RispondiElimina
  84. Capisco la frustrazione di Mario. Che torni prima possibile lo desidero come nient'altro. Ma se la manfrina deve proseguire, allora che si cerchi una alternativa per alleviarci la febbrile attesa...

    RispondiElimina
  85. Chiarificatore12 gennaio 2014 18:23

    Forse qualcuno dimentica che da un po' di anni alla vittoria vanno tre punti. Oggi abbiamo perso due punti, poche palle.
    Un pareggio contro una non concorrente non va mai bene, è una quasi sconfitta, come si è visto alla luce dei risultati delle concorrenti.
    Quindi il bicchiere non è mezzo pieno, è quasi vuoto.
    Queste partite bisogna solo vincerle, questi avversari bisogna solo batterli, tanto più che ne avevamo i mezzi.
    Il rimpianto aumenta perché Montella, artefice della Fiorentina smagliante di questi due anni ma non santo, ci ha messo del suo, sia nella formazione di partenza che ancor più colpevolmente con gli incomprensibili cambi effettuati.
    Ed anche il discorso che avrebbe voluto mandare dei segnali alla proprietà mi fa incazzare ancora di più, i segnali non si mandano sulla pelle della Fiorentina.

    RispondiElimina
  86. Chiari, in trasferta si caga addosso.

    RispondiElimina
  87. Chiarificatore12 gennaio 2014 18:27

    A volte è proprio così.

    RispondiElimina
  88. E' quel che dicevo prima, Chiari, siamo nell'era dei tre punti e si ragiona ancora alla Trap! Antoinerouge, io costruisco tutto un paziente castello difensivo e tu tracchete, mi sballi tutto! Non lo sai che, come dice l'Azzeccagarbugli a Renzo, lo sciocco che non dice la verità al suo avvocato la dice poi al giudice?

    RispondiElimina
  89. Contesto che non abbia voluto rischiare, ha giocato in modo aperto per 3/4 di gara, nel finale la difesa del pari era doverosa, se ricordate Fiorentina-Pescara persa attaccando fino all'ultimo secondo.

    RispondiElimina
  90. Chiarificatore12 gennaio 2014 18:34

    Anderson sarebbe un ottimo acquisto. Se non ho capito male è diventato con il tempo un play, quindi potrebbe giocare subito perché è forte ed in prospettiva potrebbe sostituire Pizarro, quindi andrebbe a colmare l'unica lacuna della rosa.
    Il fatto che sia gay non guasta, è, come dice il Colonnello, un segnale importante, ma non tanto per Firenze quanto per tutto l'ambiente calcistico italiano.

    RispondiElimina
  91. Chiarificatore12 gennaio 2014 18:37

    Io non dico che non abbia voluto rischiare, non ha utilizzato tutte le frecce che ha al suo arco per vincere, che è un'altra cosa.

    RispondiElimina
  92. Abbiamo pareggiato la partita perché purtroppo non avevamo in campo stasera una punta degna di questo nome. la squadra è forte, sa giocare, ma stenta al momento di concludere. Aumenta il rimpianto di non aver praticamente mai giocato con le due punte titolari (che non hanno uguali per valore nel nostro campionato). fate giocare il Napoli senza Higuain, al Juve senza Tevez, la Roma senza Totti per un intero campionato e poi vediamo se riescono a far più punti di noi al completo. Comuque sia, questo abbiamo e questo Montella deve provare ad utilizzare al meglio. Certo, se poi mi butta in campo Yakovenko nell'ultima mezz'ora, un po' incazzare mi fa. Ultima notazione: c'è qualcuno che ama parlare di calcio, ma ha visto un gran duello tra Cerci e Savic. Morale: o è cieco o farebbe meglio a seguire l'hockey (a rotelle).

    RispondiElimina
  93. Chiari e Antoine, ma cosa dite? in 1 campionato e mezzo abbiamo vinto 13 volte in trasferta. Lo scorso anno 8 volte (record dai tempi del santo) e quest'anno siamo già a 5. Oggi, come nota giustamente Lud, abbiamo attaccato spesso con 8/11 rischiando alcuni contropiede. Piuttosto lo scorso anno un paio di pareggi in più ci avrebbero permesso di arrivare in CL. Quest'anno, la lepre Roma prima, e una mostruosa, diciamolo, Juve poi, hanno reso simil scozzese un campionato dove non siamo più su per mancanza di pedine fondamentali in attacco, messe fuori causa da legamenti e tendini fragili.

    RispondiElimina
  94. Chiarificatore12 gennaio 2014 19:11

    Orcio infatti ho specificato "a volte".
    Nelle due trasferte a Roma quest'anno si è cagato addosso.
    Oggi ha messo in campo una formazione senza punte ed Ambrosini nell'ultima mezz'ora. Fai tu.

    RispondiElimina
  95. Chiarificatore12 gennaio 2014 19:15

    A me i discorsi di carattere generale che in molti, qui e nel sitone, stanno facendo, su quanto è bella la Fiorentina, su quanto è bravo Montella, su quanto di bello ha fatto anche quest'anno, per quanto condivisibili, dopo due punti buttati via fanno incazzare ancora di più.

    RispondiElimina
  96. Montella è sicuramente un bravo allenatore, ma commette anche lui i suoi sbagli. Stasera non ho per niente capito perché abbia fatto giocare Yakovenko, ma per quanto riguarda l'inserimento di Ambrosini nel finale non ho alcun rimprovero da muovergli. A quel punto, visto com'erano andate le cose, era meglio correre i minori rischi possibili.

    RispondiElimina
  97. Chiarificatore12 gennaio 2014 19:25

    A me pare che con Ambrosini siano diminuite le probabilità di vincere molto di più che quelle di perdere.

    RispondiElimina
  98. Non abbiamo apreggiato la partita per colpa di Ambrosini, siano sinceri, Chiari.

    RispondiElimina
  99. No, ma se resta in campo Mati e entra Matos per Joaquin prima e Wolski invece di Yako (anch'esso prima; o viceversa) abbiamo più chances di vincerla.

    RispondiElimina
  100. Chiarificatore12 gennaio 2014 19:30

    Certo le cause sono anche altre, ma mettendo Ambrosini abbiamo deciso che il pareggio andava bene. Tutto lì.

    RispondiElimina
  101. A me pare che abbiamo deciso di pareggiare quando Montella ha messo dentro Yakovenko. O sbaglio?

    RispondiElimina
  102. Chiarificatore12 gennaio 2014 19:36

    Si può dire così, anche se scendere in campo senza punte ed infoltendo di fatto il centrocampo è stato il primo segnale.

    RispondiElimina
  103. Ambrosini ha giocato 15 minuti totali (entrato al 33' con 3' di recupero) e concordo con Mc Guire che ci può stare, anche se avrei tolto Pizarro, ormai cotto. Delle frecce, poi Yako non lo consideri una punta? Per un soffio non ha siglato su una palla in area piccola. E chi sarebbero gli altri "dardi" da scagliare oggi? Lo statico Rebic di coppa, che segna dopo che la palla gli capita in testa su assist della traversa? Vargas che crossa per una punta infortunata? Sicuramente Matos andava messo un po' prima e difatti non sono qui a santificare Vincenzino che di errori ne commette, ma dire che in trasferta ci si caga addosso mi sembra fuori luogo, almeno questo. Che si abbia sfiga, che si facciano errori di valutazione anche, ma far passare per paura una gara giocata all'attacco è ingeneroso. Poi, tenere i ritmi delle prime tre (posto che li mantengano e ne dubito parecchio) senza l'attacco titolare è impossibile e questo è il vero punto, che Montella fa notare, per alcuni qui sul sitollock per nascondere suoi limiti (per una quota parte sarà anche così), ma la situazione è oggettivamente problematica e tutti lo possiamo riconoscere.

    RispondiElimina
  104. Chiarificatore12 gennaio 2014 19:44

    Non so quanto Yakovenko sia punta, so che lo ha messo esterno alto, ma soprattutto Rebic vale molto di più di Yakovenko sia oggettivamente che per quello che entrambi hanno fatto vedere anche a Firenze. Yakovenko è stato un flop evidente, Rebic ha sempre fatto bene, ha mostrato buoni numeri e doti non trascurabili. Orcio, aver messo Yakovenko oggi è una cagata che grida vendetta.

    RispondiElimina
  105. Anderson non ancora ventenne fu etichettato come nuovo Ronaldinho e mi pare che fu su di lui per molto tempo l'Inter, quando Moratti aveva il PIN del conto corrente, prima che il fratello glielo levasse. Dunque iniziò da trequartista ma il fatto che avesse corsa e fisico convinse Fergie a impostarlo in mediana. In Inghilterra non ha mai fatto vedere granché nonostante in ogni suo match si sia potuto notare grande impegno. La mia impressione è che gli manchino i tempi della giocata a centrocampo e questo lo porta a tentare il lancio o la giocata sempre in un momento di partita non ideale. Avrebbe un gran tiro, ma spesso lo forza e lo fallisce per precipitazione. Detto questo, è un grande acquisto? Molto probabilmente. È un '88 che gioca stabilmente tra i professionisti da 2006, ha impatto fisico, corsa ed è di un livello tecnico che tra i centrocampisti della serie A si può riscontrare in tre o quattro elementi al massimo. I brasiliani in Inghilterra hanno quasi sempre dato molto poco e credo che i paesi latini siano sempre la miglior destinazione per permetter loro di esplodere. Il nostro gioco ha bisogno di un calciatore delle sue caratteristiche, di uno che possa far alzare il ritmo delle azioni, e lui troverebbe un ambiente ideale da un punto di vista tecnico- tattico che gli permetterebbe di completare la sua crescita. È gay? Meglio, rimane statisticamente più pappa per noi.

    RispondiElimina
  106. stefano vienna12 gennaio 2014 19:58

    Colonel, l'abbiamo ormai perso, è lui il nuovo Lud, e sarà un osso molto più duro, anzi mi sa che ci fa il mazzo a tutti quanti.

    RispondiElimina
  107. Per la prima volta Lud hai fatto una semi-ammissione di un tuo errore. E' vero, un paio di duelli tra Savic e Cerci ci sono stati, ma il vero confronto è stato con Roncaglia. Continua così che mi sembri in deciso progresso (detto senza ironia).

    RispondiElimina
  108. La differenza, Stefano, è che io non brillo in erudizione e ciò indebolisce di molto le mie posizioni.

    RispondiElimina
  109. stefano vienna12 gennaio 2014 20:04

    Chiari, scusa, ma il primo tempo è stato buono, dai, poi è subentrata la stanchezza e onestamente l'entrata in campo di Yakovenko sfido chiunque a dire che non sia una bischerata. Che poi altre scelte (io avrei messo Wolski al posto di Joaquin) ci avrebbero fatto vincere è indimostrabile. Capisco l'incazzatura nonostante.

    RispondiElimina
  110. stefano vienna12 gennaio 2014 20:07

    Non sei un maestro di dialettica come il tuo indegno precursore. Indegno da intendere rispetto al suo successore, non vorrei che si fraintendesse una graduatoria per un insulto.

    RispondiElimina
  111. Ahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  112. Scusate ma, come ho scritto in sede di commento, la cosa più eretica è che non solo butta dentro quel maniscalco di Jako, ma lo schiera di fascia, mentre il centro diventa anche più no man's land. Per me l'errore è gravissimo, il peggiore della carriera fiorentina di Vincenzino insieme al protrarsi della marcatura di Tom su Gervinho contro la Roma.

    RispondiElimina
  113. Schierare Yakovenko di fascia invece che centrale è una mossa esatta (a prescindere dal valore del giocatore), perché per l'appunto è un attaccante esterno. Il problema è che Yako è un broccaccio acclarato e, a quel punto, era senz'altro meglio buttare dentro Matos.

    RispondiElimina
  114. Ma è ovvio che Jako è di fascia, McGuire, e anche questo avevo scritto! Ma perché lo metti dentro, allora?

    RispondiElimina
  115. Sinceramente non te lo so dire. Posso azzardare un paio di ipotesi:
    1) lo metto, magari segna e così ne aumento la valutazione (scarsa) sul mercato e qualcuno se lo prende;
    2) lo metto così mando un segnale alla società forte e chiaro perché mi prenda un attaccante valido, perché con queste alternative che ho non si va da alcuna parte.

    RispondiElimina
  116. Chiarificatore12 gennaio 2014 20:37

    Stefano è dimostrato, sia per il loro valore oggettivo sia per quello che hanno fatto vedere a Firenze, che Rebic e Matos valgono molto di più, e quindi garantisco di più in qualsiasi ruolo d'attacco, di Yakovenko.
    Per quanto nel calcio di certo non ci sia nulla è certo che con uno di loro due in campo al posto di Yakovenko avremmo avuto più probabilità di vincere la partita.

    RispondiElimina
  117. Anche io sono rimasto interdetto, specie perché come punta centrale l'ucraino ha sempre detto di non saper/voler giocare. Poi l'ho visto sulla fascia, suo ruolo naturale e ho pensato che lo avesse visto in palla negli allenamenti e ho sperato. Con il senno di poi è sicuramente una mossa errata, specie perché è parso davvero spaesato e fuori dagli schemi e dal nostro modo di giocare. Come dice McGuire ci sono possibili motivi, magari il desiderio di tentare una mossa che lo rilanciasse, contando su uno scatto di orgoglio che ci facesse comodo. Ci è andato vicino quasi per sghetto, sarei stato felice di dare ragione al mister su questo punto. Ragione che alla prova dei fatti, su questo cambio non ha. Ma questa mossa non penso sia la causa del pareggio.

    RispondiElimina
  118. stefano vienna12 gennaio 2014 20:40

    Propendo per la numero 3. Montella ha uno spiccato senso dell'ironia. Forse vi siete persi una sua risposta durante una delle ultime conferenza stampa, prima di Fiorentina-Chievo, credo.


    Giornalista: "Montella, lei ripete spesso di non essere scaramantico, ma tutti questi infortuni..."


    Montella: "Ma infatti io non mi sono fatto male".


    L'entrata di Yakovenko deve essere interpretata come una bischerata degna del Conte Mascetti.

    RispondiElimina
  119. Chiarificatore12 gennaio 2014 20:41

    Opto per l'ipotesi 1) McGuire, comunque molto criticabile, ma meno delle altre.

    RispondiElimina
  120. Ora, siccome Lud non è il solo che si sente Nostradamus, vorrei rivendicare di aver fatto per primo il nome di Anderson in estate. E siccome anche ora sto avendo una visione dovuta ai miei poteri paranormali ( o più facilmente al liquore di melograno fatto da mia madre), ci rivelo che anche la punta giungerà dall'estero.

    RispondiElimina
  121. Quali sono le squadre che hanno vinto a Torino contro il Toro?

    RispondiElimina
  122. Un po' generico, Foco... Nuda, nuda, nuda, la vogliamo nuda!

    RispondiElimina
  123. Posso dirti solo che parla bene il tedesco, altro per adesso no, sono entrato in contatto con lo spirito di Macchiavelli che mi prega di dire allo svizzero che Cuadrado non è una punta.

    RispondiElimina
  124. Il solito servo aziendalista. Lo querelo.

    RispondiElimina
  125. Cristante del Milan è un probabilissimo prossimo grande giocatore.

    RispondiElimina
  126. Milan da godere, vorrei che giocasse tutti i giorni.

    RispondiElimina
  127. Premesso che a Torino non è semplice vincere per nessuno e noi l'avremmo pure meritato, se proprio bisogna scegliere qualcuno al quale dare la colpa per non esserci riusciti, io scelgo Borja Valero che ha sbagliato un gol già fatto su assist di Cuadrado.

    RispondiElimina
  128. Calma Foco. Perdersi è facilissimo.
    A me va bene il pareggio odierno e sulle formazioni della Fiorentina in trasferta ho fatto il callo. Prendere una tra Napoli e Roma col Monty caghino e senza Rossi mi pare impossibile, ma possiamo far bene nelle due coppe.

    RispondiElimina
  129. Chiarificatore12 gennaio 2014 21:51

    Per fortuna che c'è questo Milan in domeniche come questa.
    Quattro pere.

    RispondiElimina
  130. Su Cristante (a meno che scherzassi).

    RispondiElimina
  131. Berardi sta spiegando figurativamente la differenza tra un attaccante esterno ed un esterno come Cuadrado. La presenza in area arrivando in diagonale ( leggi taglio) è un requisito fondamentale del primo tipo di calciatore.

    RispondiElimina
  132. Ok, ho deciso.
    Io voglio Osvaldo.
    Che lo prendano in prestito dai Saints, a tutti i costi, con ogni mezzo, lecito o non lecito: che utilizzino artifizi e raggiri, che circonvengano incapaci e anche capaci, che utilizzino dolo, violenza e induzione all'errore. Possono arrivare fino al sequestro di persona.

    RispondiElimina
  133. POLLOCK, la tua domanda e quasi stucchevole. Tra l'altro il tuo pezzo di oggi parla proprio di "Quella roba li grigia", magari quella materia che oggi aveva problema con il by-pass per Montella. Questo è si il Torino che fa fuochi d'artificio con l'Inter e con il Milan (e con il Chievo) ma oggi...oggi non era quel Torino, era un Sassuolo qualsiasi, un Bologna qualsiasi. Il Torino di oggi ha abiurato il credo storico di Ventura, il Torino di oggi si é rintanato e logica vuole che se un allenatore vede palesarsi un monolite formato da 9 giocatori in maglia granata, dopo 50 o 60 minuti cambia per cambiare, non per insistere a voler infilare una sfera in un imbuto occluso. Yakovenko è entrato per tentare di sfondare a sinistra (mi sembra chiaro), dove già dall'inizio c'era riuscito solo Valero-non marcato da mastini granata; ne Cuadrado ne Joaquin sono riusciti a trapanare la parete di sinistra. L'ho visto solo io? E Vincenzo per tentare ancora non mette un Black&Decker, no! Mette uno che da quando è a Firenze non è riuscito manco a rendere sudata la camiseta. L'unico a sfondare a sinistra, 2o tempo, e stato Mati (come per Valero nessun mastino attaccato alle calcagna) L'ostracismo odierno contro Rebic e Matos non mi è proprio piaciuto e, sarò un osservatore da strapazzo (?!?), Montella ha perso un'opportunità per responsabilizzare uno dei due (Matos) e per tenere accesa la miccia di Rebic (non va responsabilizzato? Così ieri in conferenza stampa, Montella). Sono completamente d'accordo con CHIARI. Due punti persi e due giocatori (quasi) umiliati, vedendo andare in campo il pippero 2013/14. Cribbio, STEFANO, Matos è uomo di EL ma ha fatto un figurone a San Siro e anche nei 10 minuti contro la Juve, Rebìc ha risolto mercoledì ed è un prospetto, ripeto: se non oggi, quando? Il dato sicuro è che Yakovenko non è presentabile. Ne in campo ne al calciomercato. Immagino uno come Valero cosa avrà pensato..."Io devo condividere il pianeta con uno così? Che prima si pettina alla Rodolfo Valentino e poi in campo e proprio lentino...? Cabròn!". Yako....mi ricorda uno di casa-Agnelli.

    RispondiElimina
  134. Ah, avevo collegato la prima frase al resto del post. Cristante ha doti eccellenti e in questo Milan dà una pista a molti molto più esperti. Poi si potrà anche perdere ma la stoffa è pura seta pregiata.

    RispondiElimina
  135. A Sassuolo hai giocato peggio che a Torino ma non ho letto nessuno dare contro a Montella. Forse perché c'era Pepito?

    RispondiElimina
  136. Certo, c'era almeno una punta. Oggi una punta è entrata solo a 10 minuti dalla fine.

    RispondiElimina
  137. Borja alla fine del primo tempo:
    Alla fine del primo tempo del match tra Torino e Fiorentina ha parlato ai microfoni di Sky Borja Valero: “E’ difficile giocare senza punta di riferimento, ma credo che Ilicic stia facendo abbastanza bene. Stiamo cercando di fare gol giocando come sappiamo fare, ma siamo stati anche sfortunati in più di una occasione.
    E’ troppo morbido il campo e scivoliamo tutti abbiamo dei problemi con i tacchetti”.

    RispondiElimina
  138. Il problema non è il ruolo ma le qualità del giocatore che interpreta quel ruolo. Del resto uno non è capocannoniere a caso. Se poi per sostituire uno che fa la differenza basta inserire una punta qualsiasi allora non importa andare sul mercato e puntare su Matos e Rebic per il resto della stagione. Ripeto, più delle sostituzioni sono state sbagliate le palle gol, Borja Valero in primis.

    RispondiElimina
  139. Chiarificatore12 gennaio 2014 22:23

    Pollock qui non si sta discutendo se abbiano inciso più le sostituzioni o le palle gol sbagliate. Si sta dicendo che le sostituzioni sono state sbagliate, l'ultima nei tempi, ed hanno diminuito le possibilità di vincere questa partita.

    RispondiElimina
  140. Chiarificatore12 gennaio 2014 22:25

    ...una partita che la Fiorentina aveva tutti i mezzi ( uomini e gioco) per vincerla, anche senza Rossi e Gomez.

    RispondiElimina
  141. Ma una punta, seppure acerba e meno forte del titolare, almeno fa i movimenti della punta per smarcarsi e per aprire gli spazi per l'inserimento dei centrocampisti. Ilicic, poveraccio, tornava a prendere il pallone sulla trequarti, si vedeva che era abituato a farlo per poi passare alla punta , solo che d'improvviso gli veniva in mente "oh, cazzo, ma la punta sono io!" e non sapeva che pesci pigliare.

    RispondiElimina
  142. Lo so Chiari, dico solo che se avesse fatto gol Valero avremmo fatto come a Sassuolo, avremmo parlato della vittoria.

    RispondiElimina
  143. Chiarificatore12 gennaio 2014 22:31

    Ovvio, e ti dirò di più, se Yakovenko avesse avuto la gran botta di culo di segnare nella occasione che ha avuto saremmo qui a parlare di Montella Mago, ma ciò non toglie che oggi le sostituzioni abbiano diminuito le nostre chances di vittoria.

    RispondiElimina
  144. Pazzesco Pazzolivo. Honda non mi pare così male, ottimo impatto per uno appena arrivato. Monto non sfigura, ma per il resto sono una pena e mi sa che qui Allegri se la passi male. Balotelli è diventato penoso e fa tenerezza ormai, non gli credono più. Considererei il prestito secco di Matri: perchè rivalutargli un giocatore per loro invendibile se non a meno della metà? Farei eventualmente prestito con riscatto a 3-4 M€, altrimenti ciao

    RispondiElimina
  145. A Torino ha vinto solo la Juve dopo polemiche e non era una vera trasferta. Do' ragione piena a Pollock.

    RispondiElimina
  146. stefano vienna12 gennaio 2014 23:21

    Che Montella con l'entrata di Yakovenko l'abbia fatto fuori dal vaso è 'sì lapalissiano che nemmeno vale la pensa sottolinearlo.

    RispondiElimina
  147. Infatti, POLLOCK, se hai letto ciò che scritto varie volte, io non sono per l'acquisto di una punta; spiego anche il mio punto di vista: 1) Ti prendono per il collo (molte volte successo alla dirigenza viola in passato-qualcuno riuscendoci), 2) Una punta per lottare su tre fronti, punta che faccia gol, non ne vedo- ne in Europa ne in Italia, 3) tutti i nomi sinora ascoltati non hanno ne appeal ne score adatto (forse solo Gilardino), 4) tra centrocampista e punta dove andranno direzionali gli investimenti?, 5) Matri? Tipo l'arrivo di Amauri?, 6) Borriello? Prima che riprende forma..., 7) Di Natale? 36 anni e sembra non vedere più la porta da tempo, 8) Matri-Borriello-Di Natale o fanno subito boom o faranno pensare "Tanto valeva puntare sui giovani" (classico refrain quando prendi una bufala), 9) Arriva una bendetta punta e Rebìc va via? 9) Uno straniero? Chi? Più che un coniglio dal cilindro, Macia e Pradè dovranno tirare fuori una lepre (Muriel? Quagliarella? Il primo lascerebbe scoperta i Friulani- forse Rebic va li?- il secondo ha un ingaggio alto e devi contrattualizzarlo- minimo un biennale). Se i due di mercato faranno il colpo, tanto di cappello. Ci sarebbero dei buoni sudamericani ma tra mondiale e stanchezza, quanto impiegherebbero per inserirsi? La situazione e più complessa di quel che sembra. Denis? Arriva per fare panchina a Gomez, tra un mese? Io- romantico -mi fiderei dei due, a partire da Matos.

    RispondiElimina
  148. Gran cosa, questo post, gran cosa. Peccato, doverti spacciare, nel Gran Giorno. Ma sarò cavalleresco, alla Stroheim.

    RispondiElimina
  149. Sono uno dei pochi, qui e sul sitone, che ha saputo fare ammenda su errori o topiche. Attendo il messia, sapendo che quello che venne, oltre 2014 anni fa, pur essendo mediorientale era biondo, chiaro, europoide. Un falso-nuovo. Ahahah ahahah ahahahah....attenzione a far cadere saponetta o accessori in doccia, con Anderson, COLONNELLO! Passa rasente i muri se lo incroci...ahahah ahahahah ahahahah!!,

    RispondiElimina
  150. Stroheim...visto pochissimo di lui, un bel bastardone. Stranezza, pensavo ti riferissi, BLIMP, allo Stroheim di Jojo, dei fumetti....eheheh eheheheh associazione di idee e di fantasmi, tipiche di quando si è in apnea. Tipo Montella oggi: pensava fosse un attaccante, Yakovitti, invece era un difensore. Della sua pettinatura. COLONNELLO, un voto da 1 a 10 della moglie di Yakovenko? Almeno lei speriamo rimanga.

    RispondiElimina
  151. Sopra, ora mi tiri fuori anche l'arianesimo del predecessore di Lud! Per te, una nuova Norimberga (per lo Schreber, la vergine di)!

    RispondiElimina
  152. Per lo Schreber un vergine, please. Chissà chi è l'Irving del Sitollock, io una mazza idea la avrei....

    RispondiElimina