.

.

lunedì 13 gennaio 2014

Hotel Iakovenko

Ancora senza subire gol, solo qualche gufata di Massimo Caputi che ci da già per morti, mentre io sostengo che anche in un campionato anomalo dove ci sono arbitri come Calvarese e buttafuori come Agazzi e Rinaudo, la Fiorentina dirà la sua fino in fondo. Intanto continua a impermeabilizzare la fase difensiva come un lastrico solare, crescono Neto e Roncaglia, con la squadra che presenta la solita personalità in un campo concimato con bucce di banana. E con un po’ di fortuna in più avremmo potuto portare a casa anche l’intera posta di fronte ad una squadra che evoca lo spirito di Nereo Rocco che batte ben più di un colpo sotto il tavolo del suo allenatore che si dice prenda in contropiede anche la moglie facendo densità in cantina dove accatasta di tutto davanti alla porta. La società  si muoverà sul mercato e probabilmente riuscirà a rendere meno difficile l’attesa per il ritorno dei due campioni là davanti.  Una notizia buona c’è comunque, non solo il fatto di vedere la Fiorentina uscire ancora  imbattuta e così allungare la sua striscia positiva, anche vedere il Livorno perdere, i suoi sostenitori oggi cantano meno di quanto hanno fatto a Firenze dopo aver azzoppato Pepito. La serie A non può essere consentita a società che non si limitano a non aggiungere niente da un punto di vista tecnico, ma che pisciano addirittura sul sagrato della chiesa. Giriamo con due punti in più dello scorso campionato pur essendo stati devastati dalla malasorte che ha spazzato via i nostri investimenti ma non le nostre ambizioni che ho cercato di salvare imbullettandoci sopra delle assi d'ottimismo. Adesso ci vogliono i gol della società per riuscire a garantire a Montella la salvaguardia della qualità del lavoro svolto fino a questo momento, fermo restando che siamo coscienti dell’impossibilità di sostituire a gennaio giocatori come Gomez e Rossi. Intanto si parla di Anderson che risveglia in me ricordi ed erezioni, anche se in quel caso si parlava di Pamela. Purtroppo è molto scomodo avere una grande squadra privata della sua forza realizzativa anche se ieri gli inserimenti dei centrocampisti avrebbero potuto risolvere il problema, questo disagio mi ha ricordato una mia esperienza personale con la quale forse riesco a spiegare meglio quello che provo in questo momento di assoluta emergenza. L’ultima volta che sono andato fuori per lavoro, non riuscendo a trovare altra sistemazione sono stato costretto ad arrangiarmi in un un albergo a ore, l’Hotel Iakovenko. Imbarazzo a parte non sono riuscito a chiudere occhio, non solo per la rabbia di sentire gli altri godere ripetutamente mentre io andavo in bianco come solo può essere considerato uno zero a zero, ma anche e soprattutto perché ogni ora il portiere mi faceva scendere nella hall per pagare il conto. Ho parlato di disagio e chiudo parlando d’ingiustiza, quella che reputo di aver subito dopo che in un girone di campionato siamo stati privati dell’intero nostro reparto d’attacco lasciandoci addosso una sensazione di rasseganzione tipica di chi pensa di aver subito appunto un’ingiustizia. E anche in questo caso vi racconto una mia esperienza personale che penso riesca a spiegare meglio quello che ho provato ieri nel vedere la qualità della squadra infrangersi sugli scogli dell’infertilità. L’altro giorno ho preso una multa per divieto di sosta, e visto che il vigile era ancora lì ho provato a vedere se me la toglieva. Niente da fare. Mi ha spiegato che le multe non si annullano e che vanno pagate, Proprio come certe assenze là davanti. E allora ho pagato. Trovo però che sia stata solo una scusa per fare cassa perché la macchina era parcheggiata dentro al mo garage. Proprio come lo erano certi nostri sogni prima che si presentassero due vigili troppo zelanti in divisa rossoblu e amaranto.

228 commenti:

  1. In assoluto è vero che un pareggio fuori casa contro una squadra di classifica medio-alta è un risultato buono, quello che fa preoccupare è la mancanza di fiducia dell'allenatore (il quale avrà i suoi motivi, da qui la preoccupazione) nei nostri giovanissimi attaccanti. Io mi aggiungo a quelli che non comprendono l'ingresso del buon (si fa per dire) Iakovenko, quando ho visto entrare lui e uscire Ilicic pensavo fosse un errore dello streaming. L'unica spiegazione, come ampiamente già dibattuto, è che Montella abbia voluto metterlo in vetrina perché qualche squadra mattoide lo acquisti, probabilmente Vincenzino avrà pensato che tanto non avremmo vinto né con Iako, né con Matos, né con Rebic né con Wolski, e allora tanto vale inserire quello che ha bisogno di essere esposto in bella mostra col cartellino "saldi" al collo.
    Come prospettive future, considerata la mancanza di punte e la nuova, confortante solidità difensiva, ho idea che partite di stampo trapattoniano ne vedremo parecchie. Dico subito che a Catania un 1-0 (per noi, ovvio) mi andrebbe benissimo.

    RispondiElimina
  2. E a chi andrebbe male, Anto?

    RispondiElimina
  3. Chiarificatore13 gennaio 2014 08:55

    Quello che mi fa incazzare è che di fronte alle cazzate fatte ieri da Montella le obiezioni delle persone che si considerano ragionevoli, dei pompieri, sono state le seguenti:


    1) Non rompete i coglioni perché a Torino non ci ha vinto nessuno,
    2) La Fiorentina ha comunque giocato bene,
    3) Non c'è la dimostrazione che Matos o Rebic ci avrebbero fatto vincere,
    4) Nessuno tocchi Montella,
    5) Abbiamo due punti in più rispetto all'anno scorso,
    6) Mancano Gomez e Rossi


    Queste risposte sono persino più gravi della cazzate che ha fatto ieri Montella, perché indicano totale irrazionalità dei ragionevoli, totale incapacità da parte loro di analizzare suddette cazzate e quindi di evitarle in futuro, e quindi la loro disposizione a ripeterle, e quindi a causare un incendio, che è la cosa peggiore che ad un pompiere possa capitare di fare.

    RispondiElimina
  4. Oh, qualcuno lo trovi

    RispondiElimina
  5. I punti da 1 a 6 sono, comunque, assolutamente veri, caro Chiari. Che poi certe scelte non siano da ripetere (v. attacco senza attaccanti oppure Iako mandato in campo) è vero.
    Speriamo che arrivi presto un attaccante vero in prestito, così la questione si risolva da solo.

    RispondiElimina
  6. Il punto è che Montella è, seppur con poca esperienza, un ottimo allenatore, ma ovviamente non è esente da errori, mica è Gesù Cristo.
    L'importante non è non fare errori, perché li fanno tutti, l'importante è imparare da essi e non ripeterli.

    RispondiElimina
  7. Chiarificatore13 gennaio 2014 09:02

    Non mi interessa che siano veri i sei punti, Anto, è grave che si risponda i quei sei modi alle cazzate di Montella di ieri.
    E' ancora più grave delle cazzate stesse.
    Se un mio subalterno dopo una cazzata mi rispondesse così lo caccio immediatamente non per la cazzata, per le risposte.

    RispondiElimina
  8. Concordo con Anto, sono sei argomenti molto ragionevoli. Aggiungo una vittoria col Chievo senza problemi solo tre giorni prima in una gara secca comunque delicata e sempre senza Rossi, dove gli uomini chiave sono stati Wolski e Joaquin.

    RispondiElimina
  9. Chiari, ti pregherei di non esagerare con citazioni occulte dai post del mio assistito! Ci perdi la cantina, se assumo Antoinerouge! Comunque, dei sei punti che hai evocato il più favesco (ma è una bella lotta) è il numero 3. La controprova non c'è mai, nel calcio. C'è però la prova. Infine, «l'irrazionalità dei ragionevoli» è carina, mi fa pensare alla distinzione che Manzoni poneva fra buon senso e senso comune...

    RispondiElimina
  10. Chiarificatore13 gennaio 2014 09:09

    I sei punti non sono ragionevoli Lud, sono veri, ma il nocciolo è un altro, essi non sono una giustificazione delle cazzate, esulano, quindi chi risponde così non garantisce di non commetterle più, le cazzate.

    RispondiElimina
  11. Chiarificatore13 gennaio 2014 09:11

    Il punto è che la ragionevolezza dei ragionevoli è presunta Colonnello.

    RispondiElimina
  12. Chiari, in quei sei punti mi sembra di essere citato a giudizio più di quanto sia già successo. Non avendo risorse economiche per difendermi su più fronti giudiziari contemporaneamente farò uso dell'avvocato d'ufficio. Che opta per derubricare le cazzate che tu addebiti a Montella e chiamare alla sbarra invece Borja Valero.

    RispondiElimina
  13. Diciamo che i sei punti (a parte il 4) sono attenuanti.
    A Catania però io vorrei Matos o Rebic dall'inizio e Iakovenko fisso in panchina.

    RispondiElimina
  14. Chiarificatore13 gennaio 2014 09:15

    Per derubricare una cazzata ci vogliono argomenti pertinenti non evasivi, Pollock.

    RispondiElimina
  15. Quella che tu reputi una cazzata per me non lo è e quindi non serve nessun argomento pertinente. Sono due punti di vista legittimi e contrari.

    RispondiElimina
  16. Chiarificatore13 gennaio 2014 09:19

    Quindi per te non è una cazzata aver messo Jakovenko, Pollock?
    E' di questo che bisogna parlare, non del fatto che a Torino non ci ha vinto nessuno.

    RispondiElimina
  17. Diventa una cazzata solo perché Borja Valero ha commesso una cazzata. Altrimenti Montella avrebbe vinto la partita mettendo in condizione la squadra di procurarsi diverse occasioni da rete malgrado Iakovenko.

    RispondiElimina
  18. Chiarificatore13 gennaio 2014 09:23

    No Pollock, aver messo Jakovnenko è una cazzata di proporzioni gigantesche in sé, e lo sarebbe stata anche se Valero avesse fatto gol.

    RispondiElimina
  19. Rispetto la tua valutazione in merito ma continuo a riternerla marginale e influenzata dal risultato.

    RispondiElimina
  20. Ciao Chiari,2 cose:la prima è che non possiamo avere la controprova che Montella ieri abbia fatto "cazzate".Nel senso che TU puoi pensare che facendo mosse diverse la Fiorentina avrebbe vinto,al contempo altri possono ritenere che ieri Montella abbia fatto tutte le scelte ottimali.Comunque sia rimaniamo nel campo dell'ignoto in quanto nessuno al mondo può sapere se facendo mosse diverse da quelle che ha fatto ieri Montella avremmo vinto(magari mettendo Matos o Rebic avremmo perso,chi lo sa..).La seconda,che mi ha colpito di più,è che tu ieri hai scritto:"con squadre non dirette nostre concorrenti dobbiamo vincere,senza se e senza ma".Il che vorrebbe dire,tolte 5 squadre(Inter,napoli,juve roma e Milan), che con le restanti 14 dovremmo fare 42 punti all'andata e 42 punti nel ritorno.Totale 84.Ci aggiungi una vittoria e qualche pareggio con le "grandi" tra andata e ritorno e facciamo più di 90 punti.Mi sembra alquanto presuntuoso considerando che non è mai successo nella storia.Al limite puoi pretendere che la squadra "provi" a vincerle e da questo punto di vista a Montella,almeno dal mio punto di vista,dovresti dare atto di averci sempre provato(ed in effetti abbiamo fatto una striscia quasi record di vittorie in trasferta tra coppa e campionato,nel girone di andata abbiamo già vinto 5 volte,compreso in quel di Sassuolo che oltre ad aver umiliato il Milan ha costretto al pareggio in casa loro Napoli e Roma).In questo anno e mezzo,tolto Torino l'anno scorso con i gobbi e quest'anno con la Lazio,la squadra ha sempre dato l'impressione di poter vincere,anche a Roma dalla maggica quest'anno.

    RispondiElimina
  21. Chiarificatore13 gennaio 2014 09:31

    Invece no, Pollock, il risultato non influenza un cazzo il mio giudizio, perché il risultato in sé non è disastroso, una cazzata non è stata il risultato, per quanto insoddisfacente, è stata aver messo Jakovenko, e questo lo hanno pensato tutti nel mondo appena Jakovenko si è alzato dalla panchina, non hanno atteso l'esito della partita, e se tu e Dkne, come sta facendo qui sotto, rispondete a questa cazzata evitando di analizzarla questo o sminuendola, la vostra risposta è ancora più grave della cazzata

    RispondiElimina
  22. La Roma,non appena ha dovuto giocare 4 partite senza Totti ha fatto 4 pareggi consecutivi(con squadre di bassa e media classifica) perdendo il treno scudetto.Se,al pari della Fiorentina,dovesse giocare tutto il girono di ritorno senza er capitano,e noi dovessimo giocare il ritorno con Gomez e Rossi quanti punti gli arriveremmo davanti?Stessa cosa il Napoli senza Higuain..il secondo posto sarebbe nostro senza neppure troppi sforzi.Questo per dire che Montella,per essere a 37 punti oggi(e considerando il furto col Napoli ed i 4 punti in più già in saccoccia ma buttati a mare col Cagliari e col Parma al 95esimo)ha compiuto un'impresa ai limiti del miracoloso;se aggiungi che rispetto all'anno scorso abbiamo giocato anche il giovedì in coppa possiamo togliere anche "ai limiti" e lasciare impresa miracolosa(secondo me ovviamente)

    RispondiElimina
  23. Chiarificatore13 gennaio 2014 09:35

    Io non sono assolutamente certo che la Fiorentina avrebbe vinto senza Jakovenko, caro Dkne, sono però assolutamente certo che aver messo Jakovenko sia stata una cazzata di proporzioni gigantesche, e lo ero, assolutamente certo, come tutti, prima che Jakovenko entrasse in campo. Punto.

    RispondiElimina
  24. Io non credo che Yakovenko sia stato messo in vetrina (sai che vetrina). Montella l'avrà visto bene in settimana ed ha pensato che potesse far meglio di Matos e Rebic. Su quest'ultimo sono d'accordo, essendo stato fino ad ora una delusione totale (ma verrà fuori, confidiamo), non su Matos, che ha sempre fatto bene quando è stato impiegato. La punta serve e va benissimo Di Natale.

    RispondiElimina
  25. Chiari rispetto il tuo pensiero;io dico semplicemente che non è vosì scontato che abbia fatto una cazzata.Giocando(come stiamo facendo) ai "se","se" Iako avesse fatto gol ad esempio(e non l'ha fatto per poco),sarebbe lecito oggi dire che "Montella" ha fatto una cazzata enorme a mettere Iako"?

    RispondiElimina
  26. Chiarificatore13 gennaio 2014 09:37

    Se una squadra vuol andare in CL , caro Dkne, contro le squadre non concorrenti deve scendere in campo con un solo obiettivo, vincere. Poi gli obiettivi non sempre si raggiungono, questo è naturale e bisogna metterlo in conto.

    RispondiElimina
  27. Chiari,leggi quello che ho scritto:esattamente quello che stai scrivendo tu adesso.Ma ieri avevi scritto un'altra cosa,vai a rileggerti.

    RispondiElimina
  28. Chiarificatore13 gennaio 2014 09:39

    Jakovenko è impresentabile, dare una qualsiasi giustificazione all'averlo schierato ieri è ancora più grave che averlo schierato.

    RispondiElimina
  29. Chiarificatore13 gennaio 2014 09:40

    Ieri ho scritto lo stesso.

    RispondiElimina
  30. Non mi è piaciuta la formazione di partenza, sebbene un criterio l'avesse (quello di puntare su tutti uomini che tengono palla a terra, almeno per quanto concerne i tre di centrocampo e i tre "d'attacco"), sebbene il gioco ci sia stato, soprattutto nel primo tempo, e le occasioni per vincerla pure. Nononostante tutto ciò io sarei partito con uno tra Matos e Rebic. Che forse Montella avesse voluto "comunicare" alla società che l'acquisto di una punta fosse più urgente di quanto creda la dirigenza?

    RispondiElimina
  31. E cosa ci può essere di più grave di una cazzata, Chiari? La tua situazione, dal punto di vista giudiziario, si sta complicando maledettamente... Comunque, il problema, Pollock e Dkne, è scorporare la valutazione complessiva su Montella da quella sui singoli errori. L'argomento Borja non funziona, perché se Borja avesse segnato Montella non avrebbe avuto l'occasione di sbagliare inserendo quel che Beberri chiama Eiaculovengo. Che inserire Eiaculovengo sia stato un errore lo dice la prestazione di Eiaculovengo se messa in fila con tutte le sue precedenti anche tenendo conto del fatto che Montella lo ha piazzato nel suo ruolo di esterno lasciando il centro desertico ma dichiarando poi in conferenza stampa che aveva buttato in campo Eiaculovengo per dare maggior profondità (hai visto tu...). Il criterio del «non c'è la prova che» vale per tutti, anche per Giorgi e per Cavasin, e allora non ci sono più differenze. Il fatto è che la realtà non è mai bianca o nera, che non esistono infallibili (Prandelli, Montella) e non esistono fallibili assoluti (Sinisa). La realtà è grigia, con infinite gradazioni e sfumature. Antoinerouge, fra i parametrati zero o attorno a zero anch'io penso che Di Natale sia il preferibile.

    RispondiElimina
  32. Chiarificatore13 gennaio 2014 09:44

    Non sono attenuanti, esulano, Anto, impediscono un'analisi seria di quello che è successo ieri.

    RispondiElimina
  33. Chiarificatore13 gennaio 2014 09:45

    Scusa se secondo te Rebic è stato una delusione totale, cosa è stato Jakovenko? Da fucilare?

    RispondiElimina
  34. Tutti 'sti "SE", DKE1, tutte le colpe di Valero, POLLOCK....ma quando stava entrando Yakovenko cosa avete pensato? A) La Roma gioca senza Totti e pareggia..., B) Mannaggia Valero...., C) Chi cazzo mette? Ne Rebic ne Matos?. Questione miracoli: li fa senza punta, e li anche fatti (i miracoli) ma ieri c'erano le due punte. Col Chievo mica ha giocato Yakovenko! Neanche uno scampolo con il Livorno; puzzava di naftalina e per questo i compagni lo evitavano, l'ex del campionato belga. Vi ricordo che sono pro-Montella ma oggi e ieri sono totalmente pro-CHIARI. A Torino nessuno ha vinto? E che parte a fare la squadra per andare a giocare li? Quindi siccome Sassuolo è terno di conquista, Allegri è una sega? (la metafora, ben letta, occorre). E Yakovenko sta superando Hutwelker (non ricordo bene il nome) e Turchetta, come fantasma. Per una volta, Montella, non ha centrato il water.

    RispondiElimina
  35. Chiarificatore13 gennaio 2014 09:48

    Una cazzata si può sempre fare, soprattutto a caldo, Colonnello.
    Dannatamente imperdonabile è non saperla analizzare dopo, sminuendola o cambiando discorso.

    RispondiElimina
  36. Mi sento sempre più a mio agio tra le accuse Blimpe. Valuto la prova della Fiorentina molto positiva e trovo marginale ai fini della valutazione della stessa l'ingresso di Iakovenko. Semplicemente.

    RispondiElimina
  37. Chiarificatore13 gennaio 2014 09:54

    Ancora esuli Pollock, cambi discorso, in perfetto stile zalleriano.
    Qui non si discute la prova della Fiorentina, si discute se avere messo Jakovenko sia stata una cazzata o no, sia stato un errore o no.

    RispondiElimina
  38. Il sale del blog è discutere tra noi su come l'allenatore avrebbe dovuto mettere in campo la formazione,che tipo di modulo e quali giocatori.Questo è e questo condivido.Però avere la certezza che il Mister abbia fatto cazzate è pretestuoso.Il calcio è episodico.Se Iako avesse fatto gol(e ripeto non è mancato pio molto),oggi sareste qua a dire che Montella ha fatto una cazzata enorme a metterlo dentro?

    RispondiElimina
  39. un errore probabilmente ininfluente ai fini del risultato è ancora un errore? Per me montella a quel punto era rassegnato al pareggio, a meno di una botta di culo, e allora ha fatto come a volte si fa puntando su un cavallo brocco o mettendo 2 alla partita del milan, seguendo un'intuizione o una sensazione del momento "hai visto mai che mi va bene?".
    Io quello di borja non lo definirei errore: si è dovuto improvvisare finalizzatore, ha fatto il possibile, ma se ci fosse stato un attaccante avrebbe lasciato che fosse lui a proporsi

    RispondiElimina
  40. Chiarificatore13 gennaio 2014 10:02

    Dkne, affermare che aver messo Jakovenko sia stata una incomprensibile ed enorme cazzata non è una mia presunzione, lo hanno pensato tutti appena si è alzato dalla panchina. Punto.
    Prova ne è che tutte le giustificazioni che qui stiamo cercando alla cazzata sesquipedale esulano dal fatto tecnico.

    RispondiElimina
  41. Ma la certezza non c'è mai, Dkne, nemmeno sulla moglie di Cesare, figurarsi su Eiaculovengo (che visto il nomignolo datogli da Beberri potrebbe essere anzi il responsabile di un'eventuale infedeltà della moglie di Caio Giulio). C'è però una grossa probabilità, considerati i precedenti di Eiaculovengo e la performance offerta da Eiaculovengo. Pollock e Chiari, sono in estrema difficoltà: da un lato sono il patrocinante di Lud, d'altra parte il suo stesso nome viene assunto (contro di te, Pollock) come il sinonimo di sparacazzate per antonomasia e ciò in materia che mi vede consenziente. E' un conflitto deontologico che mi induce al silenzio, ormai, sull'argomento.

    RispondiElimina
  42. ma se la spiegazione di montella sul fatto che jako garantisse più profondità di matos fa tornare sul discorso di ieri: all'inizio ha scelto i giocatori che più gli davano affidabilità, sacrificando il modulo: quando ha visto che era tutto inutile ha ribaltato la prospettiva, inserendo un giocatore che assecondasse il modulo, pur garantendo (ancora meno) affidabilità di matos e rebic

    RispondiElimina
  43. Chiarificatore13 gennaio 2014 10:10

    Per quanto mi riguarda io ho sempre cercato di valutare tecnicamente la prova della Fiorentina dei singoli calciatori al di là del risultato.
    Jakovenko è una pippa, e rimarrebbe una pippa anche se ieri avesse realizzato una doppietta.

    Mi è capitato di giudicare bene una prova della Fiorentina dopo una sconfitta immeritata o di giudicarla male dopo una vittoria solo fortunosa. Ciò non toglie che ai fini della nostra felicità conta solo che la Fiorentina vinca, eh eh eh, ma questo è un altro discorso.

    RispondiElimina
  44. Non esulo Chiari, Non lo ritengo un errore, fermo restando che potreste invece avere ragione voi a sostenere il contrario. E' ovvio che io tenda a difendere più il mio pensiero che il vostro. Per mera completezza si osserva comunque che, anche nell’ipotetico caso di sussistenza della responsabilità dell’allenatore, allo stato, pertanto, ma con la più ampia riserva di ampliare le svolte deduzioni e di provvedere all’istruzione della causa ove il Giudice ritenga di dover procedere in tal senso negli assegnandi termini, il gestore del blog chiama a giudizio il sig. Borja Valero per aver indotto l’allenatore all’errore tecnico.

    RispondiElimina
  45. Chiari,per te ed altri è una cazzata a prescindere.Cazzata a prescindere che però stava per portarci 3 punti.Onestamente anche io mi sarei aspettato altre mosse(Matos o Rebic),mica ti dico che anche io avrei messo Iako.Però io faccio un altro lavoro,Montella è stipendiato per prendere queste decisioni.Che se saranno funzionali al conseguimento dei risultati attesi dalla proprietà saranno ricompensati,in caso contrario medaglietta e ciao.Ad oggi,penso nessuno possa sentirsi danneggiato da Montella,nonostante qualche sitollokiano già lo metta in croce

    RispondiElimina
  46. Chiarificatore13 gennaio 2014 10:12

    Se non lo ritieni un errore metteresti Jakovenko anche a Catania, Pollock?

    RispondiElimina
  47. Posto che mandare in campo Yako è stata una cazzata; posto che qualsiasi allenatore può fare una cazzata; posto che probabilmente con Matos o Rebic al posto di Yako probabilemnte non sarebbe cambiato nulla; signori miei, ma di che cosa stiamo a discutere da ieri sera?

    RispondiElimina
  48. Chiarificatore13 gennaio 2014 10:14

    Dkne, Jakovenko è stata una cazzata a prescindere, non per me ed altri, ma per me e la quasi totalità del globo terracqueo.

    RispondiElimina
  49. Messa così è diversa.E messa così mi puoi trovare concorde.

    RispondiElimina
  50. Resa pressoché identica, per me. Ma Rebic può avere un grande futuro, l'altro ovviamente no.

    RispondiElimina
  51. Lo devi chiedere a Montella. Io potrei rispondere nel merito solo dopo aver visto lo sviluppo della partita. Non ho nessuno strumento per valutare chi ha lavorato meglio in settimana.

    RispondiElimina
  52. sembra che arrivi matri alla fine. Non so bene se mi verrà da esultare per un gol di matri

    RispondiElimina
  53. Chiarificatore13 gennaio 2014 10:22

    Allora preciso Pollock, perché vedo che vuoi sfuggire all'interrogativo.
    Se a Catania si determinassero le stesse condizioni, lo stesso svolgimento di Torino, metteresti di nuovo in campo Jakovenko?

    RispondiElimina
  54. Chiari provo a spiegarmi meglio.In funzione di ciò che Montella ha fatto sino ad oggi ed i risultati conseguiti(soprattutto in termini di gioco e sul provare a vincere le partite sempre e cmq) secondo me ha raggiunto una sostanziale credibilità.Se ha fatto questa mossa,che alla quasi totalità è parsa cazzata,l'avrà fatta in conseguenza di:1-allenamenti e stato di forma(forse nell'ultimo periodo durante gli stessi Iako ha dimostarto di essere in stato di grazia((ripeto "forse"));2-avrà pensato che contro il Torino,in quel momento della partita e per le caratteristiche degli avversari,fosse più vantaggioso mettere Iako piuttosto che altri.3-non lo so.

    RispondiElimina
  55. Dopo di questo ho l'impressione che il Pigato non lo vedi nemmeno a Fiorentina scudettata e vincitrice di Champions, Pollock.

    RispondiElimina
  56. Chiarificatore13 gennaio 2014 10:25

    Il problema non è il Pigato, e che è un sì nervoso e senza argomenti.

    RispondiElimina
  57. stefano vienna13 gennaio 2014 10:25

    Sulla bischerata Yakovenko si scriveranno tomi, ma siamo realisti: qui c'è il rischio di fare come la Lazio l'anno scorso che girò a 39 e poi con gli infortuni di Klose, l'assenza di Mauri e con gli impegni 'seri' in Europa League, fece un girone di ritorno disastroso.


    Qui si vedrà la bravura di Montella, ma senza rinforzi adeguati credo che sarà dura. Intanto Roma e Napoli si stanno rinforzando.

    RispondiElimina
  58. Scusa Chiari,ma è inutile che tu lo chieda a me o a Pollock.Ti sto dicendo che la scelta l'ha fatta Montella;e che tale scelta è stata fatta in conseguenza di fatti che io,tu e Pollock non possiamo conoscere.Io dico che se Montella ha scelto di far entrare Iako l'avrà fatto pensando di fare una cosa giusta.

    RispondiElimina
  59. Chiari, allora dettamela tu la risposta che vorresti. Tra l'altro dovrebbero rassicuranti le mie risposte nervose perché ho sempre premesso di non essere così competente in materia. Quindi il pigato me lo meriterei anche solo per il coraggio.

    RispondiElimina
  60. Ecco, Dkne, questo si dice spesso: avrà creduto di compiere la scelta giusta. Ma l'hai mai visto un allenatore che crede di compiere la scelta sbagliata? Solo che, a volte, la compie. E non sempre era inevitabile che fosse sbagliata. Comunque Lud ha provcato questo casino e poi se l'è telata, affanculo a lui e a tutta la Versilia!

    RispondiElimina
  61. Chiarificatore13 gennaio 2014 10:30

    Qui tutti stiamo facendo le nostre valutazioni, Dkne.
    La genericità delle tue giustificazioni, con motivi buoni per tutte le stagioni, alla scelta di Montella dimostra quanto sia difficile spiegarla.

    RispondiElimina
  62. Chiarificatore13 gennaio 2014 10:30

    Esatto su tutto.Eh eh eh!

    RispondiElimina
  63. Chiarificatore13 gennaio 2014 10:32

    Pollock, non voglio assolutamente dettarti la risposta, trovo solo la tua nervosa e senza argomenti.
    Detto ciò il mio Pigato ve lo sognate a prescindere! Ah ah ah ah ah!!!!!

    RispondiElimina
  64. stefano vienna13 gennaio 2014 10:33

    Fossi io quello pagato un milione per allenare la Fiorentina, avrei messo Wolski al posto di Joaquin e lasciato in campo Ilicic fino alla fine, Ambrosini per Pizarro e, mossa della disperazione, uscita di Tomovic (ieri non in partita), arretramento di Cuadrado, inserimento di Rebic o Matos in mezzo.


    Chiaramente, un'altro a caso tra noi avrebbe fatto altri cambi e cosa sarebbe successo non lo sa nessuno.


    La formazione iniziale invece mi è piaciuta.

    RispondiElimina
  65. Neppure ad un nemico giurato offrirei un Pigato, lo Yakovenko dei vini, aaaaaccchhhhhhh!!!! (si fa pe' ride', Chiari)

    RispondiElimina
  66. Chiarificatore13 gennaio 2014 10:36

    Nessun problema, McGuire, Io la stessa cosa penso del Chianti, Ah ah ah ah!!

    RispondiElimina
  67. Quando mi sarò calmato ti risponderò.

    RispondiElimina
  68. Chiarificatore13 gennaio 2014 10:39

    Il fatto stesso che dici che uno può avere un grande futuro significa che uno te lo ha dimostrato e l'altro no, non c'è solo una ragione anagrafica.

    RispondiElimina
  69. Chiari, dovresti essere sottoposto ad un corso di rieducazione enologica! Eh eh eh

    RispondiElimina
  70. Faccio un esempio nel mio campo gradito a Blimp. Se sto leggendo un libro di storia fatto benissimo che apre una nuova strada storiografica non mi importa molto se c'è un errore in una nota. L'entrata di Iakovenko è quell'errore in una nota che non inficia certo il lavoro di uno dei migliori tecnici italiani e neppure risulta risolutivo nell'ottica di questa partita. Spiego perchè: la Fiorentina aveva speso molto nel primo tempo, nel finale ha tirato un po' i remi in barca e rinunciato a quell'arrembaggio che molti qui auspicavano ma che era impossibile e rischiava di farci perdere come a Udine o a Pescara l'anno scorso. Una volta giocate le proprie possibilità di vincere, Montella ha fatto bene a portare a casa il pareggio. Era quello che l'anno passato tante volte gli abbiamo chiesto.

    RispondiElimina
  71. Chiarificatore13 gennaio 2014 10:42

    Anche se fosse, per quanto riguarda i rossi andrei a scuola in Piemonte.

    RispondiElimina
  72. Si Blimpe hai ragione.Ma io,a questo discorso generico,ho premesso che Montella ha dimostrato sul campo,in un anno e mezzo,che le sue scelte sono state giuste.Perchè abbiamo una precisa identità di gioco,anche piacevole;funzionale perchè si vince spesso;efficace perchè si vince spesso anche in trasferta.Quindi ha credibilità.Quando invece un allenatore,con le sue scelte,porta la squadra a lottare per non retrocedere oppure a guardare le partite sei contento se si fa un tiro in porta,allora ritengo più appropriate le critiche( e soprattutto più giustificate).Perchè tale allenatore,in quel contesto,ha dimostrato di non capirci una sega.Ma a Montella(che sia chiaro non è infallibile e sicuramente ha fatto scelte errate,come tutti,compresi gli allenatori più capaci al mondo)un minimo di credito dobbiamo concederlo.

    RispondiElimina
  73. Chiarificatore13 gennaio 2014 10:46

    La "nota" è la partita di ieri, Ludwig. Di quello stiamo discutendo. E se tu di fronte ad un errore nella partita di ieri mi rispondi raccontandomi la storia di Montella a Firenze, ti licenzio in tronco.

    RispondiElimina
  74. La mia risposta è sparita causa sabotaggio del querelato(cui si aggiungerà la mia querela!)

    RispondiElimina
  75. Dkne1



    Si Blimpe hai ragione.Ma io,a questo discorso generico,ho premesso che
    Montella ha dimostrato sul campo,in un anno e mezzo,che le sue scelte
    sono state giuste.Perchè abbiamo una precisa identità di gioco,anche
    piacevole;funzionale perchè si vince spesso;efficace perchè si vince
    spesso anche in trasferta.Quindi ha credibilità.Quando invece un
    allenatore,con le sue scelte,porta la squadra a lottare per non
    retrocedere oppure a guardare le partite sei contento se si fa un tiro
    in porta,allora ritengo più appropriate le critiche( e soprattutto più
    giustificate).Perchè tale allenatore,in quel contesto,ha dimostrato di
    non capirci una sega.Ma a Montella(che sia chiaro non è infallibile e
    sicuramente ha fatto scelte errate,come tutti,compresi gli allenatori
    più capaci al mondo)un minimo di credito dobbiamo concederlo.

    RispondiElimina
  76. Anch'io ho trascorso gli ultimi anni a gestire un impresa quindi anche delle persone. Ecco io non licenzierei e non licenzio chi ha visione e coraggio per un piccolo errore.

    RispondiElimina
  77. Chiarificatore13 gennaio 2014 10:50

    No Dkne, almeno tu calmati!
    Ora si calma anche lui e la mette di nuovo, Eh eh eh!

    RispondiElimina
  78. I rossi piemontesi sono ottimi, ma i toscani pure e all'estero si vendono molto meglio.

    RispondiElimina
  79. Chiarificatore13 gennaio 2014 10:51

    Se lo vede, e non esula, e non lo sminuisce.

    RispondiElimina
  80. Chiarificatore13 gennaio 2014 10:53

    Quanto al "piccolo", permetti a me ed alla quasi totalità del globo terracqueo di non condividere.

    RispondiElimina
  81. Chiari tu dici che Montella ha fatto una cazzata(pensiero del tutto legittimo);io penso che non l'abbia fatta(se permetti pensiero altrettanto legittimo).Quindi come posso dare giustificazione che di per sé è ammettere che è "cazzata" contrastando quindi il mio pensiero?Al limite,cosa che ho provato a fare,cerco di dare "spiegazione".Cmq,onde evitare di entrare in vicolo cieco(che non è corto,ma nemmeno lungo)ed andare direttamente al VIA senza passare dalla prigione sarei per chiuderla qui.Sperando che Montella riceva aiuti dalla società per non perdere stagione(col rammarico della consapevolezza che con Gomez e Rossi al 100% saremmo davanti alla Roma a dar pensieri ai gobbi).

    RispondiElimina
  82. Allora basta minacciar querela!!!!!!!

    RispondiElimina
  83. Dopo essermi parzialmente calmato, devo dire con l'orgoglio tipico del querelato, che le proiezioni in questo momento danno il record delle pagine aperte. Se gli exit poll saranno confermati, per l'occasione farò stampare una gigantografia di Iakovenko per lenire il disagio del Chiari costretto a sopportare il reflusso esofageo provocato dal Pigato.

    RispondiElimina
  84. Chiarificatore13 gennaio 2014 10:57

    Dkne, io dico solo che è una cazzata alla luce del fatto che Jakovenko è un flop evidente che gli altri due invece hanno fatto vedere molto più di lui e del fatto che una cazzata è stata giudicata dalla quasi totalità del globo terracqueo appena Jakovenko s'è alzato dalla panchina.
    Poi è ovvio che ogni opinione diversa anche la più minoritaria, sia legittima.

    RispondiElimina
  85. Chiarificatore13 gennaio 2014 10:57

    Pollock sei perfido e ti querelo per perfidia.

    RispondiElimina
  86. Chiarificatore13 gennaio 2014 10:59

    Anche il Lambrusco si vende meglio.

    RispondiElimina
  87. Voyeurismo dirompente di spioni insoddisfatti?O di qualcuno che vuol imparare(vedi GAT?).Oppure,visto che ne ho fatto parte per tanto tempo,di coloro che non riescono a postare col telefono(colpa di disqus o tua Polock,nel qual caso scatterebbe automatica ennesima querela?)

    RispondiElimina
  88. Parlando di cose serie,pare che Ranocchia sia in partenza; e pare che l'Inter chieda 10 MLN.Con proprietà transitiva abbiamo una cambiale da 35 MLN in difesa!

    RispondiElimina
  89. L'ha lasciato intuire (più che dimostrato), ma non alla Fiorentina.

    RispondiElimina
  90. Chiarificatore13 gennaio 2014 11:03

    Non ho detto che licenzierei Montella, ho detto che licenzierei te per come giustifichi o sminuisci l'errore.

    RispondiElimina
  91. E mi son tenuto basso....

    RispondiElimina
  92. Ma io sono un imprenditore Chiari non un dipendente, quindi non mi puoi licenziare, se vuoi ti vendo l'impresa, guarda il momento non è buono e prendo in considerazione proposte. Ho scelto di essere imprenditore dopo essere stato storico e professore di scuola proprio per non essere licenziato da nessuno!

    RispondiElimina
  93. Chiarificatore13 gennaio 2014 11:07

    Parlavo di te non in quanto imprenditore, che non ho ragioni per criticare, ma in quanto ipotetico, e sottolineo ipotetico, mio subalterno.

    RispondiElimina
  94. ... ma non ad olre 50 euro la bottiglia!!!

    RispondiElimina
  95. Chiarificatore13 gennaio 2014 11:10

    Certo, infatti il Chianti è un vino, il Lambrusco negli USA lo chiamano Italian Coca Cola. Ciò detto i grandi numeri di vendita il Chianti non li fa con le bottiglie da 50 euro.

    RispondiElimina
  96. Io ho parlato di rossi toscani ed in Toscana di rossi non c'è solo il Chianti...

    RispondiElimina
  97. Chiarificatore13 gennaio 2014 11:22

    Certo Mc, lo so e sono d'accordo, sono io che ho fatto una battuta sul Chianti.

    RispondiElimina
  98. Chiarificatore13 gennaio 2014 11:24

    In misura minore, anche perché non ne ha avuto sufficienti occasioni, ma qualcosa ha fatto vedere anche a Firenze.

    RispondiElimina
  99. stefano vienna13 gennaio 2014 11:24

    Manca un pò di fantasia davanti, tra i giovani io punterei su Wolski, più che su Matos e Rebic. Mi sembra l'unico con la dote dell'imprevedibilità, vedi azione del gol in Coppa Italia. Bisogna capire se ha il carattere per emergere e per sopperire all'ancora non avvenuta maturazione fisica.

    RispondiElimina
  100. Divertente che mi immagini così ma sarà molto difficile credimi.

    RispondiElimina
  101. stefano vienna13 gennaio 2014 11:25

    Disfattista!


    (nel suo significato originario, post-Caporetto, di traditore della Patria italica)

    RispondiElimina
  102. Chiarificatore13 gennaio 2014 11:26

    Wolski sembra davvero buono, ma non è una punta. Rebic e Matos sono due punte. Il primo può diventare un gran centravanti il secondo una buona seconda punta.

    RispondiElimina
  103. stefano vienna13 gennaio 2014 11:27

    Servirebbe un giocatore con la testa di Matos, il fisico di Rebic e la classe di Wolski.

    RispondiElimina
  104. Chiarificatore13 gennaio 2014 11:27

    Non ho ragioni per dubitarne.

    RispondiElimina
  105. stefano vienna13 gennaio 2014 11:32

    Ma per come giochiamo noi, schiacciati negli ultimi venti metri di campo, preferisco Wolski, sebbene sia il più giovane dei tre e il meno attaccante. Montella lo considera un futuro interno di centrocampo, non lo so, dipende molto dalla maturazione fisica che di solito cambia le caratteristiche tattiche dei giocatori. Per le stesse ragioni, io preferirei un simil Rossi (Di Natale) a un simil Gomez (Matri).

    RispondiElimina
  106. Chiarificatore13 gennaio 2014 11:33

    Comunque ha ragione il Campanellino nel sitone quando dice che se continua questa marginalizzazione di Vecino, di Wolski e soprattutto, in questa situazione, di Rebic e di Matos, bisogna chiamare in causa l'operato di Pradè e Macia per questi quattro acquisti, che andrebbero a sommarsi alla cazzata rappresentata dall'acquisto Jakovenko. .

    RispondiElimina
  107. stefano vienna13 gennaio 2014 11:34

    Anche perchè Gomez dovrebbe tornare prima di Rossi. Ipoteticamente almeno.

    RispondiElimina
  108. Sentito ieri sera Sconcerti affermare che la Fiorentina non ha alcuna possibilità di andare in CL. Il che, alla luce degli infortuni a Gomez e Rossi, può anche essere vero. Il fatto però è che quella Grandissima Fava diceva le stesse cose ad inizio di stagione.

    RispondiElimina
  109. stefano vienna13 gennaio 2014 11:36

    Guarda, Chiari, a me piaceva anche Alonso, in prospettiva s'intende. Non seguo la Premier, ma pare che stia facendo bene. Su Rebic e Wolski sono ottimista, Matos non mi sembra uno con molti margini di miglioramento.

    RispondiElimina
  110. Chiarificatore13 gennaio 2014 11:39

    Matos è migliorato molto l'anno scorso, non vedo perché non debba continujare a farlo.
    Detto ciò anche a me gli altri che citi piacciono di più.

    RispondiElimina
  111. P.S: ma ancora non è uscita la richiesta del GAT che dovremmo prendere Berardi?E che Corvino è un demente perchè se l'è lasciato sfuggire quando aveva 6 anni?

    RispondiElimina
  112. stefano vienna13 gennaio 2014 11:46

    E' un favone, ma è un campionato strano, con 75 punti si rischia seriamente di arrivare quarti. La Roma non ha le coppe e investe pesantemente da due/tre anni al livello della Juve. Il Napoli ci sta soffiando pure Jorginho e vive ancora sul bonus Cavani.


    La Fiorentina prossima futura al momento è un'incognita e già solo ripetere il girone di andata sembra complicato. Poi se tutto gira bene, ma deve girare tutto bene, cosa che non ricordo sia quasi mai successa.

    RispondiElimina
  113. stefano vienna13 gennaio 2014 12:09

    Se i Della Valle, come sembra, vogliono investire 15 milioni nel mercato, prevedo che abbiano già in mente una cessione eccellente a giugno. E il sacrificato sarebbe... Speriamo almeno faccia un gran mondiale.

    RispondiElimina
  114. Siate franchi: cosa avete pensato (o detto) quando avete visto entrare Yakovenko?

    RispondiElimina
  115. stefano vienna13 gennaio 2014 12:15

    Che Montella s'era fumato una canna nell'intervallo.

    RispondiElimina
  116. Intanto Diego martella. .

    RispondiElimina
  117. Sapendo di incontrare il consenso totale di Blimpe suggerisco, per risolvere i nostri problemi in attacco, l'acquisto di Pazzini ahahahahahah

    RispondiElimina
  118. Influenzato negativamente da un ottimismo deleterio ho pensato che avrebbe risolto la partita.

    RispondiElimina
  119. Almeno si farebbe quattro risate...

    RispondiElimina
  120. Ahahahahahahahahahahah! Comunque, il boom di postaggi che ha provocato Iako nemmeno Emundo in partenza per il Carnevale di Rio, se solo a quel tempo fosse esistito un sito viola.

    RispondiElimina
  121. L'acquisto di Segnamai potrebbe portarmi alla decisione di una querela alla Società Fiorentina per danni fisici permanenti (il mio sistema cardiocircolatorio) e distruzione dei beni (le mie suppellettili domestiche, in volo dalle finestre).

    RispondiElimina
  122. Eppure Segnamai è un giocatore adatto al gioco di Montella! Ha tecnica superiore ad altri attaccanti e buona propensione al movimento. Risulta fra l'altro che Pradè abbia tentato di prenderlo l'anno scorso. Delle due l'una Blimp: o ti entusiasma a suon di goal o ti mette di buon umore coi suoi errori, anche se, a ben pensarci, se sbagliando ci inguaia forse non saresti entusiasta.

    RispondiElimina
  123. Ciao a tutti
    di nuovo a Firenze ieri ho ovviamente visto la partita ed ecco le mie impressioni. Mi scuso anzitutto che non ho il tempo per leggere le vostre.
    Leggo il nome di Ludwigzaller, un conato mi assale e mi dico che alla vergogna non c'e' limite...
    Partita ben giocata, Montella, memore della sbandata romana Tomovic / Gervinho, argina Cerci ( che non assomiglia a Nappi ) con unico possibile Facundo,anche se il romano, che poteva giocare in serie minori, ci fa correre qualche brivido. Bene fino al limite e qui Montella si prandellizza ancora, Ilici ha fatto pena ma non e' il suo ruolo e se ne accorge dopo un'ora impalpabile.
    Matos? Rebic? Macche', queste sarebbero logica, mettiamo Yako che ha dimostrato nulla, cosi' se fa gol passo per genio. Che dire di tenere in campo Joaquin che non ha mai saltato un uomo per tutta la partita e levare Mati per Ambro se non che sono sostituzioni assurde?
    Se si son fatti male Gomez e Rossi non ha nessuna colpa, ma se tiene i sostituti naturali in panca contro una squadra accessibile, di chi se non sua?

    RispondiElimina
  124. stefano vienna13 gennaio 2014 12:56

    Roba buona, magari qualcuno di voi riesce a scoprire il fornitore.

    RispondiElimina
  125. stefano vienna13 gennaio 2014 13:01

    Tra i vari motivi plausibili per l'entrata di Yakovenko, aggiungerei pure quello che Montella sapesse del ritorno dello Zaller sul sitollock e abbia voluto creare un diversivo.


    (non che le altre ipotesi siano più plausibili)

    RispondiElimina
  126. Il Milan esonera Allegri per Tassotti e rischia di essere la retrocessa col monte ingaggi più alto di tutti i tempi.
    Ho la sensazione che i Della Valle vogliano rispondere alla sfiga costruendo una squadra a gennaio che sia solo da ritoccare a luglio. Se qui ci prospettavano sui giornali Marrone e poi viene Anderson, mi sembra che non ci sia nessuna voglia di rinunciare a niente. E questo mi mantiene ben alta l'erezione. Riguardo a domenica e ai cambi, credo che per ora Montella consideri Yako pericoloso e punta quanto i due giovanotti, magari sbaglia ma l'unico che ce li ha tutti i giorni sotto gli occhi è lui. La mia verità è che con Rossi eravamo una squadra monca, senza perdiamo anche l'altra mano. Ci ritroviamo una batteria di giocatori per caratteristiche poco assemblabili in un modulo come un armadio Ikea senza la brugola. Le chiavi di ogni possibile variazione hanno subito lo stesso infortunio ed il corollario di gente che li doveva assistere, non fa scopa insieme. Fortunatamente l'identità e la qualità alta di questa squadra ci impediscono di sgonfiarci e questo è un grande merito di Montella che rimane tra i pochi in grado di plasmare gioco e carattere di un team. In settimana arriverà un attaccante e sarà un calibro in grado di sopperire alle assenze e di giocare con Gomez. La crescita della squadra sta diventando evidente, con il pezzo mancante del puzzle diventerà devastante.

    RispondiElimina
  127. stefano vienna13 gennaio 2014 13:16

    Se arrivassero Di Natale, Anderson e Musacchio, con la crescita di Neto e Roncaglia, con il ritorno di Gomez a febbraio, si può dare un senso importante a questa stagione. Il problema è che la volontà della proprietà non manca -si tratterebbe di un anticipo di cassa dopotutto-, ma il mercato di gennaio non sembra adattato a voli pindarici.

    RispondiElimina
  128. Chiarificatore13 gennaio 2014 13:16

    Io preferisco pensare che, per quanto stigmatizzabile, sia stata una marchetta, visto che è un imperativo sbolognarlo e che nessuno lo vuole.
    Mi rifiuto di credere che Montella consideri Jakovenko anche solo alla pari di Rebic e Matos, in qualsiasi ruolo in attacco..
    Non mi risulta infatti che stiamo cercando di sbolognare Rebic e Matos.

    RispondiElimina
  129. Comunque Chiari, Matteo ha approvato in toto l'operato di Montella a Torino, Enrico, d'accordo con Angelino, ha ribadito che Galliani si è comportato correttamente, come sempre del resto, nell'affaire Montolivo, Gianni è al 100% d'accordo con la tua analisi, Pippo...Pippo ha visto la moglie di Iakovenko e ha detto: "L'è bono pefforza, con quella moglie!". A questo punto credo si debbano rifare le 'pr..' cioè le 'sostituzionarie' tra Iakovenko, Jakovenko e Yakovenko'. Anche il TAR, in questo caso, sarebbe d'accordo con la scelta di Vincenzo, ahahah!

    RispondiElimina
  130. stefano vienna13 gennaio 2014 13:27

    Concludo per ora con una cosa che mi lascia un pò perplesso di Montella. Secondo me esagera con gli spostamenti di uomini durante la partita. Ieri Mati è partito a destra, poi ha fatto la spola tra destra e sinistra, non so se l'avete notato. Poi avrà invertito Cuadrado e Joaquin almeno cinque volte. Ora, secondo me, c'è il rischio di trasmettere insicurezza ai giocatori, alcuni dei quali magari non si adattano facilmente (Valero è più a suo agio, Mati molto meno), e, anche nel caso migliore, si perde d'intensità agonistica perchè quei due-tre minuti di spaesamento ci sono. Magari ch ha giocato a calcio a livelli seri può confermare o smentire questa sensazione.


    Ora non dico che Montella non sappia leggere la partita o che gli spostamenti non siano azzeccati di per sé, ma la loro frequenza a me, da spettatore, mettono ansia.

    RispondiElimina
  131. stefano vienna13 gennaio 2014 13:29

    O almeno ieri forse ha esagerato.

    RispondiElimina
  132. Chiarificatore13 gennaio 2014 13:31

    Tutto giusto mettendo, nei pareri, Matteo al posto di Gianni e viceversa. Eh eh eh!

    RispondiElimina
  133. Dovrei licenziare la stagista, ma non posso, l'è incinta, mi devo fidare, per forza, ahahah!

    RispondiElimina
  134. Chiarificatore13 gennaio 2014 13:38

    Puoi benissimo non licenziarla e fidarti fino ad un certo punto, il che non guasta mai. Eh eh eh.

    RispondiElimina
  135. Anch'io credo che li veda attualmente più o meno nello stesso modo in cui vede Yakovenko, ma ovviamente con un futuro migliore. Rebic andrebbe visto qualche volta per capire se Montella è proprio fesso.

    RispondiElimina
  136. Chiarificatore13 gennaio 2014 13:41

    Ne abbiamo parlato qui sotto, Antoine, il futuro migliore non è dovuto solo all'aspetto anagrafico.

    RispondiElimina
  137. Tu dici che dovrei assumerne un'altra per controllarne l'operato? Ma di questi tempi! Si potrebbe rimediare con una smentita, che non costa niente. Ahahah!

    RispondiElimina
  138. Chiarificatore13 gennaio 2014 13:47

    Qui nessuno parla di fesseria, Antoine, ma di possibili esigenze societarie, di situazioni di spogliatoio, di rapporti personali, di valutazioni sulle persone e non solo tecniche, che a noi sfuggono e che possono essere alla base di alcune scelte.
    Dal punto di vista strettamente tecnico e di quello che hanno fatto vedere in campo, anche a Firenze, tra Jakovenko e Rebic o Matos, non c'è confronto, oggettivamente.
    Infatti Jakovenko è sul mercato e non ha mercato, mentre Rebic e Matos non sono sul mercato ed avrebbero mercato.

    RispondiElimina
  139. Chiarificatore13 gennaio 2014 13:48

    Sottoscrivo, eh eh eh.

    RispondiElimina
  140. Mi risulta che le inversioni di fascia tra gli esterni siano praticate anche da Garcia ad esempio. Servono a non dare riferimenti certi agli avversari e sono studiate.

    RispondiElimina
  141. Zaller:"Del caso Ljajic colpisce la scelta generale di sacrificare un giovane con decine di presenze in A per prendere un diciottenne che non ne ha, un Joaquin che giovane non è, un Ilicic. Non è questa la strada per creare una grande squadra."Te sei come quelli che battono la testa su di un cartello stradale dove c'è scritto "continua"(riferendosi al divieto di sosta") e tu continui,si, ma a battere il capo sul cartello perchè tu hai letto "continua".Possibile che ancora oggi parli di scelta di sacrificare un giovane quando la scelta di autosacrificarsi è stata di nutella?Perchè devi travisare la realtà a tuo uso e consumo?La scelta è stata di nutella!!!!!Che cazzo c'entra la società?Consapevole di non ottenere risposta vado contromano in autostrada,così per vedere che effetto fa...

    RispondiElimina
  142. Non c'è nessuna ipnosi esercitata su Zazà, anzi l'invito accorato a lui a scatenare l'inferno, caro Stefano! E' l'ora di farla finita con geometri, ingegneri, macellari, golfisti, nostalgici dell'impero absburgico, avvocati bisessuali, genovesi mendicanti con cane scabbioso, gestori di laghetti inquinati! All'assalto! E se non bastasse, querela. Diciamo per occupazione illecita e molesta di suolo pubblico.

    RispondiElimina
  143. Chiarificatore13 gennaio 2014 14:18

    Aggiungo alle puntuali osservazioni di Dkne, Lud, che Montella stesso ha dichiarato, non smentito dall'interessato, che Ljajic non è più a Firenze per sua stessa volontà e non ha fatto alcun riferimento a presunti ingaggi più o meno alti, più o meno accettati, che sarebbero alla base del divorzio. Lo avrebbe certamente detto se fosse stata l'entità dell'ingaggio l'oggetto del contendere.
    Non vorrai mica dire che anche in questo caso il tuo Santo n° 2 mente?

    RispondiElimina
  144. Il blog ha toccato 145 commenti, gli ingredienti sono il tono leggero senza insulti ed il parlare di calcio. Obiettivi che si raggiungono con l'autodisciplina e non per imposizione, ma giovano mi pare a Pollock in primo luogo. Io ti suggerisco Dkne di scrivere semplicemente che mi sbaglio su Ljajic e che tu sei convinto che se ne sia andato di propria volontà. Ognuno ha le sue convinzioni più o meno giuste come si vede anche dal dibattito di oggi in cui io svolgo il ruolo dell'ottimista mentre altri vorrebbero cacciare il tecnico.

    RispondiElimina
  145. Io stamane ho effettuato un cospicuo anticipo di cassa, speriamo che i Della Valle mi seguano....Ehilà LELE, ottima analisi, hai ridotto qualcuno, Sitollockiano, come Roberto Carlino preso a calci in faccia!! Ieri show della religione Wicca, evocati spiriti morti: Yakovenko, Pazzini, Zapata e compagnia lacrimante...Ma qui si citano le brugole! Se una cucina completa costa 1.000 euro, quando solo una lavatrice, buona, ne costa almeno 400... Dov'è l'inghippo? Yakovenko è un mobile costato poco, assemblato ma poi non si aprono gli sportelli? COLONNELLO, Yako manca di spinta pelvica con la bella fiorentina....

    RispondiElimina
  146. Lud, niente insulti? E allora vaffanculo, testa di minchia!

    RispondiElimina
  147. Gentile Lud,avrei piacere di sapere,sempre che questo mio desiderio non le ponga disturbo,quale ragionamento l'ha portato ad essere convinto che la scelta di andare via dalla fiorentina sia stata effettuata dalla società e non dal giocatore stesso.Spero di aver fatto richiesta giusta senza aver urtato la sua anima candida.E al contempo la supplico di darmi risposta a tale quesito,che bramo assai.

    RispondiElimina
  148. Chiarificatore13 gennaio 2014 14:26

    Invece secondo me Dkne ha argomentato correttamente, Lud.
    Aggiungo che non puoi continuare a dire che al posto di Ljajic sono venuti un diciottenne, Joaquin e Ilicic, quando soprattutto sono stati acquistati Rossi e Gomez. E' disonesto.

    RispondiElimina
  149. Dkne io sono convinto, ma non lo voglio dare per certo, che Ljajic sarebbe rimasto se la società lo avesse messo sotto contratto in anticipo sui tempi (agosto 2012, autunno 2012, gennaio 2013) ed anche all'ultimo momento pareggiando le offerte di altre società o andandoci vicino, quindi diciamo 1,5/1,7, non 2,5 come ho letto che avrei detto. Peraltro ieri in tv un giornalista fiorentino ha riferito che Pradè trattava Ljajic col Milan, che Cognigni e Panerai se ne sono accorti e che la credibilità di Pradè in società da allora è precipitata.

    RispondiElimina
  150. Ero preoccupato per la pausa improvvisa e insidiosa sul sitollock, in trepida attesa che Zazà sparasse a palle incatenate sul tema Ljajic, uno di quelli che hanno costruito la sua fama e per i quali le teen-agers lo assediano per strada chiedendogli foto autografate e un bacio sulal guancia da immortalare sul cellulare.

    RispondiElimina
  151. Lud, e delle voci su un complotto mondiale plutogiudeomassonico cosa mi dici? Ne ha già parlato Calamai?

    RispondiElimina
  152. Il discorso su Pradè non lo ha fatto Calamai. L'ho proposto per curiosità e per avere altri pareri, io non sono un complottista. Ad ogni modo non andrebbe a favore di Ljajic e della mia tesi che potesse rimanere.

    RispondiElimina
  153. Ufficiale, Jorginho al Napoli. Dopo Nainggolan alla Roma, un'altra notizia non buona, perché scava il divario di classifica se non teniamo dietro col mercato.

    RispondiElimina
  154. Quindi la società in estate (2012),dopo quello che era successo,ma soprattutto dopo che nutella NON aveva dimostrato niente, avrebbe dovuto proporgli un ingaggio più che raddoppiato.Con tutti i relativi problemi all'interno dello spogliatoio.Idem con patatine in autunno.Gli aumenti di stipendio si propongono e si danno quando un dipendente dimostra di valere,non sulla carta.La stessa Juve sta discutendo aumento di stipendio a Pogba oggi,dopo che il francese ha dimostrato di valere,non prima sulle ipotesi.Magari non ce la fanno a trattenerlo,ma la strada è quella.

    RispondiElimina
  155. Non si sono scatenati post sequenziali su Liajic. Allarmante. LUD, come va? Stai bene?

    RispondiElimina
  156. Io penso che poteva valerne la pena, Dkne, visto che alla fine abbiamo speso molto per giocatori non esattamente indispensabili. Se non ricordo male Ljajic incideva sui costi sociali per soli 600 mila euro da spalmare per gli anni del nuovo contratto essendo il suo costo quasi completamente ammortizzato, cui aggiungere l'ingaggio, alla fine Ilicic incide nello stesso modo o di più, ed anche Rebic non incide poco.

    RispondiElimina
  157. Tenere dietro col mercato significherebbe acquistare 2 punte pari valore di Gomez-Rossi,la vedo dura....

    RispondiElimina
  158. 1,2 di ingaggio a stagione, quinquennale da 9 milioni, Ilicic se i calcoli li so ancora fare costa alla Fiorentina circa 1,8 milioni all'anno come ammortamento e 1,2 di ingaggio netto : qualcosa come 4 milioni di euro. Ljajic sarebbe costato solo 1,7 di ingaggio più 600 mila/gli anni del contratto, quindi la metà.

    RispondiElimina
  159. stefano vienna13 gennaio 2014 16:09

    Finalmente si torna a scrivere di Ljajic. Scusate l'attacco di demenza senile, ma perché Pradè e Macia non gli hanno rinnovato il contratto?

    RispondiElimina
  160. Unicamente per far dispetto a Lud, che aveva appena imparato a scriverne il nome corretto (stessa cosa per El Hamdaoui).

    RispondiElimina
  161. Rieccoci a Ljajic, con cui avrei adottato uno modulo attivo (con Anderson passivo).

    RispondiElimina
  162. stefano vienna13 gennaio 2014 16:30

    Se è per questo sono stato uno degli ultimi a capire come si scrive.

    RispondiElimina
  163. Chiarificatore13 gennaio 2014 16:31

    Ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah!!!!!

    RispondiElimina
  164. Comunque abbiamo sempre una sorta di prelazione in caso di rivendita, o qualcosa di simile.

    RispondiElimina
  165. stefano vienna13 gennaio 2014 16:38

    Alonso al Sunderland, tre partite, tre vittorie. Un nuovo caso Ljajic?

    RispondiElimina
  166. Vuol dire che porta fortuna (al contrario del Monto, direi).

    RispondiElimina
  167. Vorrei ricordare al colto e all'inclito che l'offesa preferita dallo Zaller è: coglione.
    Già che ci sono, minacciò una querela per il padrone di casa: troppo paziente (lui sa perché)

    RispondiElimina
  168. Giusto raddoppiare lo stipendio ad uno che non ha mostrato nulla, solo perché si prevede, senza fallo, che il giocatore li varrà e non si devono mostrare tentennamenti dopo 2 anni e mezzo di zero assoluto sul campo. Logico no ?! Difatti, dopo aver sputato nel piatto dove ha mangiato ed essere diventato sordo alle offerte viola è andato a Roma dove sta facendo la differenza e caterve di goal. Più che altro perché qui da noi non avevano pensato a come sostituirlo avendo già preso Rossi, poi Gomez e poi Ilicic. La logica non alberga in chi scrive dietro un monitor ma soprattutto non giungono a conforto per fare un ragionamento sensato tutti gli studi e l'erudizione possibile scovabile pure sul web. Soffermandoci brevemente sulla partita di ieri, non ci sono riprove che avremmo vinto con Matos o Rebic prima, dopo, durante o dall'inizio, si è provato a vincerla, e ci siamo andati vicini, potevamo pure perderla perché un paio di brividi li ha fatti correre pure il Toro ma un pareggio in quello stadio non è certo da buttare. Montella chiede un bomber, non un falso nueve, la davanti, i giocatori che ha sono quelli, non ha colpe se gli hanno azzoppato prima Gomez e adesso Rossi, mi pare già tanto aver vinto il girone EL, passato il turno di CI ed essere quarti in campionato nonostante, pure, un'Ilicic che s'inizia a vedere adesso in campo con un po' di continuità. Parlare di cazzate nello schieramento iniziale o nei cambi mi pare eccessivo.

    RispondiElimina
  169. LUDWIGZALLER e' vergognoso che ti ripresenti qui a scrivere, cazzate o meno. I conati miei derivano dagli insulti (tuoi) che hai volgarmente e vilmente riservato in forma pubblica (sitone) a noi tutti addirittura dedicando un editoriale.( escluso il tuo mentore che continui a leccare). Hai sputato dove hai mangiato offendendo tutti, pure il padrone di casa, lui si e non tu, educato. Ma di che sei fatto? Hai la faccia come il culo, solo per questo comportamento scorretto e privo di qualsiasi dignita', non hai il minimo di credibilita', hai voglia a battere i piedi con l'erudizione, hai per l'ennesima e definitiva volta dimostrato il tuo spessore, veramente un minimo, quello si', storico.
    Se hai raccolto qualche insulto qua e la' ( mai da me, quello che penso di te altro che querela...) e' niente rispetto a cio' che hai scritto su noi, per di piu' senza le palle per dircelo in faccia, no, tu grand'uomo sei andato a belare di la' in cerca di consensi. Non hai attenuanti ne' scusanti e mai ne avrai, vista la reiterazione. Io spero vivamente che ti levi di tre passi e questa volta in via definitiva.

    RispondiElimina
  170. Caro Colonel, mi sa che hai sbagliato il cambio. Hai tolto un attaccante di razza, JORDAN, con un portatore d'acqua, LUDWIG, e ora anche lo spogliatoio si ribella .... nessuno l'ha detto, ma lo dico io: Jordan...ritornaaaa a giocare con noi, dai.

    RispondiElimina
  171. ..comunque Montella ieri c'ha provato e come, a vincere, ma che ci puo' fare se Jocaqui diventa Jocala', se Cuadrado é un po' arrotondado e se Iakovenko gli si trasforma in Iakosvengo? Mette Ambrosini e le sue mutandone di bandone e si para il culo dall' eventuale ribaltone.

    RispondiElimina
  172. Gli editoriali sono stati due (2) in cui sparlava del blog, più svariati post dove chiedeva considerazione perché ferito nell'orgoglio. Nei cambi, se entra lui, è una rimessa certa, chiunque sia ad andarsene perché con lui tranne che scrivere di calcio si può tutto; spargersi fiele dentro soprattutto.

    RispondiElimina
  173. Vigile, Zazà stimola il dibattito, il suo peggio tira fuori il meglio da ognuno di noi. E' vero però che dovrebbe fare mea culpa per le esternazioni su cloaca, come dice Lele. Zazà, Pollock ti ha riaccolto ma rileggi quello che avevi scritto: un altro ti avrebbe bannato. Jordan tornerà, Vigile, fece così anche quando andò via Chiari, dicendo le stesse cose, poi le sue profezie di sventura circa il ritorno del Chiari tra noi si rivelarono fallaci come la nebbia mattutina e lui stesso adesso dialoga tranquillamente col Chiari.

    RispondiElimina
  174. Vero, vero, mi ricordo ancora centinaia di battibecchi brevi, (short batibecks) una caterva di haiku poco zen, mantra infernali e scambi (?) d'opinione...e allora confidiamo che la tua tattica sorta l'effetto sperato

    RispondiElimina
  175. Chiarificatore13 gennaio 2014 21:02

    Lud è indisponente per il suo modo di reiterare testardamente le sue solite tesi sulle quali ha raccolto ripetutamente il dissenso praticamente di tutti noi, andando via ci ha denigrato con l'unica attenuante, che dobbiamo cercare di capire, legata al suo stato d'animo, d'altra parte ho notato, da quando è tornato ,una sua maggiore disponibilità a non ignorare le tesi dell'interlocutore.
    In ogni caso non mi piacciono le esclusioni, mi piace discutere in modo franco e, se serve, anche acceso, con chi vuole discutere.
    Se qualcuno, come Jordan, proprio non sopporta Lud, può tranquillamente ignorarlo, non se ne deve andare.
    Jordan è parte importante della storia del blog, i suoi contributi non sono mai banali e spesso sono preziosi, la sua personalità è forte, la sua assenza quindi si sente, mi auguro quindi che ritorni il più presto possibile.
    By the way, in attesa del suo ritorno la bandiera di netiano doc, e della prima ora, la tengo io.
    Tu Colonnello non ci provare neppure a fare, sul nostro portierone novello Toldo, una di quelle tue battute del cazzo che ti servono solo a distogliere l'attenzione dal fatto che su di lui hai preso una cantonata stratosferica!
    Ci siamo intesi?

    RispondiElimina
  176. Oddio Chiari, appena arrivato un post di argomenti, da lui iniziati, l'avevo sottoposto ma tranne che rispondere........parla d'impallinare e nel carniere ci finisce sempre lui; la beccaccia è prelibata, il tordo alla lunga annoia, il sapore non è fine, la selvaggina economica, un piatto casereccio che mal si presta a palati fini.

    RispondiElimina
  177. Calma, che io l'ho difeso anche contro di te!

    RispondiElimina
  178. Ribadisco la mia posizione su Neto, nel tempo: grande fiducia iniziale, richiesta pressante che subentrasse al catastrofico Viviano, delusione per le chances non sfruttate l'anno scorso, sfiducia per le incertezze palesate nella prima parte del girone d'andata, che collegavo a un mentale flaccido, riconoscimento dei progressi compiuti. Cosa devo dire di più? Il gol di Gobbi non l'ho preso io, Chiari, se poi vuoi sostenere anche tu che era imparabile dovrò tirar fuori una delle mie battute del cazzo. Guarda, sono così mite e accondiscendente che non dico nemmeno, come alcuni fanno, che la guerra non è ancora vinta, che il Nostro deve ancora dimostrare. Io lo prendo com'è ormai e mi fido. Però se le azioni diventano carta straccia mi rimborsi tu, vero?

    RispondiElimina
  179. Chiarificatore13 gennaio 2014 21:32

    Quando mai!?

    RispondiElimina
  180. Chiarificatore13 gennaio 2014 21:36

    Neto sul gol di Gobbi l'ho criticato, Colonnello, ma l'ho sempre difeso nel suo valore, e fin dalla prime sue partite in maglia viola lo paragonai a Toldo, discutendone in particolare con Deyna. .

    RispondiElimina
  181. Chiarificatore13 gennaio 2014 21:42

    Certo Jordan ha difeso Neto anche sul gol di Gobbi, quindi il numero uno dei netiani è lui, ma so che sa che in sua assenza la bandiera è in buone mani.

    RispondiElimina
  182. Guerriglia, qui....COLONNELLO, a te piace sobillare, a me piace vedere le tue capacità da Kofi Annan 2.0; burattinaio. Eheheh ehehehe.....sei nato a Vulpia!! O a Cala Volpe?

    RispondiElimina
  183. Anderson è fatta. Non lo sottovalutate quest'acquisto, quando lui andava al Manchester, Nainggolan, suo coetaneo, giocava nel Piacenza. Pradè sta rifacendo un miracolo tecnico- economico, qui con 6,5 milioni non ci prendi neanche Parolo.

    RispondiElimina
  184. Chiarificatore13 gennaio 2014 21:48

    In certi momenti, non solo in occasione del gol di Gobbi, da sanguigno come sai essere a volte, ti sei lasciato andare in giudizi liquidatori.
    Le azioni di Neto non diventeranno carta straccia.

    RispondiElimina
  185. Intanto Sinisa giganteggia. Lui, Corvino e Cerci, le infamate che avranno preso per via del Santo, che con loro non c'entrava nulla ma che disponeva i fessi all'odio erga omnes! Kofi Annan era un servo degli yankees, quindi ti pregherei di non aggravare la tua posizione per il Gran Giorno, Sopra: la tortura non l'avevo prevista, pensavo a una cosa rapida e nobile, non costringermi a cose che ripugnano alla mia ammirazione per te. Foco, a me Anderson va benone, ad Antoinerouge poi...

    RispondiElimina
  186. Ma certo, non solo pe ril gol di Gobbi, ad esempio per la partita col Verona, dove fu parimenti disastroso (4,8 di media fra gli utenti cloacali).

    RispondiElimina
  187. Che cosa farei se avessi la bacchetta magica? Cederei la mia metà del funambolico Cuadrado ad Occhio Pio Marotta purché mi ricomprasse per intero l’attaccante di Valmontone con l’aggiunta di un certo Berardi. E una prelazione di almeno metà cartellino di Marrone.

    RispondiElimina
  188. Marrone è basilare se vogliamo puntare al terzo scudo, lo volete capire branco di ungulati senza maicure?

    RispondiElimina
  189. Per il gol preso con il Parma l'abbiamo difeso in due e mezzo. Il mezzo sta per Deyna, che l'aveva ritenuto parzialmente colpevole. Per me Neto viene su migliore di Toldo.

    RispondiElimina
  190. Chiarificatore13 gennaio 2014 22:04

    Non mi riferisco a tue critiche su altri gol presi o su singole partite, che sono sempre legittime, per quanto discutibili, ma a tue valutazioni negative di carattere generale che mettevano in discussione il suo valore.

    RispondiElimina
  191. Ma è certo che, ripetendosi le prove negative, avevo diffidato di lui, come ho scritto nel mio post.

    RispondiElimina
  192. Chiarificatore13 gennaio 2014 22:10

    L'ho detto qui sopra, sul gol di Gobbi l'ho certamente criticato, e per me se lo meritava, lui stesso ed altri difensori viola, riconobbero, così come fu riferito da Mencucci se non ricordo male, di aver valutato male la traiettoria. Quindi riconobbe l'errore.
    Essere netiano non significa considerare Neto infallibile.
    Toldo al suo massimo per me fu più forte di Buffon, quindi non dico poco, se lo supererà tanto meglio.

    RispondiElimina
  193. Per quel che ho visto, Anderson non lo sottovaluto affatto. Non so perché abbia stentato a Manchester, ma per il miserrimo campionato italiano è un fenomeno.

    RispondiElimina
  194. (Nessuno in porta); Santon, Ranocchia, Andreolli, Molinaro; Marrone, Montolivo, Impallomeni; Cerci, Gabbiadini, Giovinco.... aaaahhhhh, che squadra, si dominerebbe in Italia e in Europa per anni

    RispondiElimina
  195. Se è Marrone va messo in candeggina.

    RispondiElimina
  196. Chiarificatore13 gennaio 2014 22:13

    O nel cesso.

    RispondiElimina
  197. C'era anche Impallomeni? A volte ne scordo qualcuno. O lo rimuovo, non so.

    RispondiElimina