.

.

venerdì 24 gennaio 2014

Quando la pontellizzazione non è più solo un rospo in gola

Bella partita e complimenti al Siena. Aggiungendo qualcosa in più di due parole messe in croce, direi anche bella partita di Mati e complimenti a Neto, decisivo come Compper. che in questo momento è non solo un tedesco più decisivo di Gomez, ma è anche il sedicesimo giocatore a segno in stagione. Sana sofferenza condita con due pali e un rigore solare che non ha visto solo l’arbitro forse perché coperto in quel momento dalla pioggia che come tutti sappiamo non è mai stata troppo solare. Borja Valero sembra ancora in flessione, sbiellato dall’usura, ciucciato dalle streghe che come vedremo più avanti hanno una certe responsabilità sulle dinamiche di quartiere. Bene invece Ilicic, e bene anche Joaquin nell’insolita veste di centravanti. Come sempre Matos ha avuto un buon impatto sulla partita, tanto che lo vorrebbe comprare la Volkswagen per fare i crash test, e riguardo al Siena si è capito il perché ha fatto fuori vittime illustri. La crescita prepotente di Mati Fernandez ci regala un giocatore molto importante per il girone di ritorno ma anche per le coppe, in attesa del disperso Gomez e dell’inserimento di un altro disperso del calcio che conta quale Anderson. L’aria della semifinale ci apre così i polmoni, comincia a prendere coscienza in noi il fatto che un trofeo esiste davvero, che non è tutta una finzione, una sceneggiatura ideata da un qualche malvagio per tenerci prigionieri dentro al maleficio della dismissione, Montolivo sembra proprio che se ne sia voluto andare via per scappare da una carriera stregata, oggi vive felice e contento tra la merda delle sue ambizioni. A proposito di questa nostra condizione di esodati della bacheca, c’è la Samanta che a sua volta è la figlia di una mia cugina di via del Campuccio, che in quanto tifosa sfegatata non è che avesse proprio venduto l’anima al diavolo per una finale di Coppa Italia, ma qualcosa di esoterico l’ha comunque combinato, perché parlando con sua mamma ho capito tutta la preoccupazione che è presente in certe famiglie dove l’accanimento per la squadra del cuore porta poi al concepimento di nipoti che destano più di qualche timore. Cosa ha fatto la Samanta? Nel periodo della pontellizzazione è andata dalla mamma della Gina che di primo lavoro fa la ragioniera, e fare le fatture gli ha consentito di maturare una certa esperienza che poi ha messo a frutto per aprire una seconda attività nella quale fa invece la fattucchiera. Un riferimento sociale per tutto il quartiere, lo è sempre stato specie per le ragazze in odore di marito, anche per certe loro mamme che grazie ai suoi riti propiziatori attivavano procedure severe per far si che le figlie venissero in qualche modo non solo trombate ma soprattutto sposate. La Samanta ha cercato la variazione sul tema visto che ha scelto di trombare senza sposarsi e per questo trova sempre qualche disperato disposto a trombarla senza bisogno della fattucchiera, a lei è sempre interessato di più uscire dalla pontellizzazione per alzare in alto qualcosa che non sia il solito apparato genitale maschile, perché come sappiamo bene tutti, quello si alza ma poi si abbassa più o meno repentinamente. La sua idea era invece quella di alzare qualcosa al cielo e trattenerlo per sempre in alto nel suo cuore di tifosa. Per farla breve la Samanta si è rivolta alla mamma della Gina cercando l’intercessione con una qualche entità conosciuta solo all’intermediaria di via Santa Monaca, ora, con tutto il bene che si può volere a una persona che si arrabatta per far sposare le racchie del quartiere, mi ha racconatato la Sonia che la Gina ha combinato un bel casino, quasi come Montella con il falso nueve. Abituata com’era a far si che accadesse sempre e solo quello, disorientata dalla richiesta della Sonia, forse anche agitata da tutti i caffè che è costretta a bere per produrre i fondi dentro ai quali leggere il futuro sessuale delle poverette, è successo l’irreprabile. Per vincere almeno la Coppa Italia, la Samanta ha passato gli ultimi  quindici giorni a baciare un rospo per vedere se quella certa cosa sarebbe accaduta. Ma ancora non è successo niente. Ad ogni modo, lei e il rospo si sposeranno il prossimo 20 maggio.

194 commenti:

  1. L'importante era vincere e abbiamo vinto, ma io mi tengo i miei dubbi su questo modulo e sui tre finti attaccanti in avanti. Per fortuna in campionato torna (spero) Matri, fra poche settimane tornerà (spero) Gomez e quindi giocheremo con delle vere punte. Sono d'accordo con chi dice che questo modulo non fa rendere al massimo Cuadrado.
    Mati rispetto all'anno scorso è un nuovo giocatore.

    RispondiElimina
  2. Ribadisco quel che scrivevo un anno fa circa: Mati è il miglior giocatore, per completezza di fondamentali, della nostra rosa. Oggi dico, con l'autorevolezza di cui la Confederazione Elvetica mi ha insignito: con lui anch'io ho finalmente il mio Nipote (Chiari col Pek ha il suo Fratello Maggiore... ahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  3. Chiarificatore24 gennaio 2014 08:18

    Hai scoperto il fratello che è in me Colonnello. In effetti il fratello maggiore Pek ogni volta che tocca il pallone guida.

    RispondiElimina
  4. Chiarificatore24 gennaio 2014 08:26

    A proposito dei due fantastici dominatori di ieri, Mati e Joaquin, due autentici fuoriclasse, "riserve" della Fiorentina, viene da pensare a questa rosa viola impoverita e involuta, orfana di Ljajic.

    RispondiElimina
  5. .... e tu pensa dove saremmo se avessimo Gabbiadini o Guidetti...

    RispondiElimina
  6. Prego, Chiari. Adesso per ringraziamento puoi far partire il carico di taggiasche (stavolta anche per Pollock, lo merita). E' in arrivo Musacchio. Formazione per il Genoa: Neto, Fac, Compper, Savic, Cuadrado, Pek, Aquilani (non più proponibile come play, non stiamo a scherzare), Mati, Vargas, Ilicic (Wolski), Matri. 3-5-2, quattrotretre fasullo da esorcizzare.

    RispondiElimina
  7. Non sono nemmeno dichiarazioni di Cosmi codeste, pensa un po' da quali laghetti si pesca.

    RispondiElimina
  8. Sono d'accordo al 100% sulla formazione, d'altronde mi sembra quasi obbligata, con la precisazione che Ilicic ha una sospetta lussazione alla spalla per cui difficilmente sarà in campo. Come seconda punta, spererei quindi - in caso di forfait dello Sloveno - in uno fra Wolski, Matos o Rebic (volendo, si potrebbe schierare in quel ruolo anche Joaquin, ma ha giocato ieri e non so quanto possa essere brillante dopo solo tre giorni).

    RispondiElimina
  9. Brevemente visto che mi pare siano on line gli uomini di buona volontà: a Joaquin preferisco sempre Ljajic, perchè più fresco, giovane e perchè non impone lo spostamento a sinistra di Cuadrado. Mati l'anno scorso non era inserito nel gioco e voleva strafare, oggi è un valore aggiunto. Nella prima mezz'ora ho visto una Fiorentina stile /Guardiola/Spalletti (Guardetti?) che mi entusiasma, e che Montella non mette in campo per ripiego. Ora tocca alla stella del varietà, Mario Gomez, vediamo di che pasta è fatto. Matri arrivato da due giorni era già inserito negli schemi. Lo vorrei vedere punta unica nel 433 o con Matri accanto, per quanto forse si troverebbe più a suo agio con a fianco un Ilicic, non dimentichiamo questa possibilità.

    RispondiElimina
  10. Chiarificatore24 gennaio 2014 09:13

    Colonnello le olive fattele dare Pollock, gliele ho mandate, ne ha in eccesso perché non riesce a mandarle giù, le sta usando come soprammobili. Ah ah ah ah ah ah!!!.

    RispondiElimina
  11. Chiarificatore24 gennaio 2014 09:17

    Lud quello che preferisci tu va preso in campo calcistico solo per fare l'esatto opposto, se si vuole far bene.
    Tu hai scritto in uno dei tanti tuoi deliri che questa rosa rispetto a quella dell'anno scorso è impoverita e che avrebbe prodotto un gioco involuto.

    RispondiElimina
  12. Chiarificatore24 gennaio 2014 09:22

    Ludwigzaller, di prego di non sporcare con la merda che vomiti questo splendido blog, "Stella del varietà" riferito ironicamente e sprezzantemente a Gomez lo vai a scrivere su un sito di gobbi in sintonia con tutti i grandissimi pezzi di merda che ci scrivono.

    RispondiElimina
  13. Io sono perchè Montella abbia gli uomini ideali per fare il suo gioco, ma mi pare noioso ripartire con quel dibattito. Montella è un cuoco molto bravo, col materiale che ha da' il meglio. Non capisco ad esempio tutte queste polemiche sul falso nove, Montella ha giocato più partite con questo modulo che con tutti gli altri, perchè ci crede.

    RispondiElimina
  14. Chiarificatore24 gennaio 2014 09:25

    Ludwig smettila di cambiare discorso, e di fare l'ipocrita, quel dibattito che dici di non voler riproporre lo riproponi ossessivamente ogni giorno.
    Rispondi a quanto ti viene obiettato o vai a cagare.

    RispondiElimina
  15. Va beh, niente da fare, torna la paura di essere gobbi, ma te la lascio Chiari, io ripeto essendo nato in una zona di tifo viola piuttosto acceso, ed essendo tifoso della Fiorentina da quando seguo il calcio non ho paura che una mia critica mi attiri il sospetto di essere gobbo, perchè gobbo non sono, ed anzi al ginnasio, pur pensando a molte altre cose oltre al calcio, ricordo l'antipatia che provavo per loro e per le loro vittorie a raffica ai tempi di Causio.

    RispondiElimina
  16. Chiarificatore24 gennaio 2014 09:27

    Non è una critica la tua, è dileggio, è spregio verso Gomez. Vai a fare in culo.

    RispondiElimina
  17. Chiarificatore24 gennaio 2014 09:28

    Ludwigzaller, fai schifo.

    RispondiElimina
  18. Chiarificatore24 gennaio 2014 09:36

    Non calunniare, Ludwigzaller, non mentire come al solito quando sei in un cul de sac, cioè spesso.
    Io non ho scritto che sei gobbo, ho detto che ciò che scrivi è degno di un sito di gobbi, il che, riferito ad un tifoso viola , è anche peggio.

    RispondiElimina
  19. Ricordo, ai più distratti, il karma enunciato da Montella in estate: "Saremo meno belli ma più vincenti, mi piacerebbe conseguire più partite vinte per 1-0 e non 3-2 o 4-1....". Mi sembra si stia attuando tutto, compresa la maturazione della cerniera difensiva. Per quanto riguarda la "Stella del varietà", salace (e a tratti fastidioso con irriverenza verso Macia e Pradè) LUD, mi sembra che tu non abbia perso l'attitudine a irridere il tedesco (colpevole di un presunto cambiamento di modulo, della defenestrazione di Ademmuccijo tuo, e dei guai- mai palesati- della viola) ma soprattutto continui a strofinare i due sassi (nome scientifico Serbii Puer e Alleman wünderbar) per vedere di riaccendere un fuoco ne sopito e ne mai acceso. Continui a voler redarre una stele di Rosetta (non il l'ex asso viola) che non arriverà ai posteri, "accontentati" di poter guardare e godere questa Fiorentina modello Giardini di Babilonia, la storia ne parlerà.

    RispondiElimina
  20. Chiarificatore24 gennaio 2014 09:41

    Ludwigzaller continui a non rispondere alle obiezioni che ti vengono fatte.
    Vai affanculo.

    RispondiElimina
  21. Chiarificatore24 gennaio 2014 09:46

    Il Karma di Montella non si sta attuando tutto, Sopra, ma di più.
    Siamo ancora più belli, l'anno scorso lo eravamo solo quando c'era Pizarro, e più vincenti.

    RispondiElimina
  22. Chiarificatore24 gennaio 2014 09:48

    Per non parlare della BELLA difesa di quest'anno.

    RispondiElimina
  23. Ciao a tutti gli amici lontani. Dopo diversi giorni di sperduto equatore ieri sono arrivato in una piccola città servita da internet. Sono anni che giro in su e in giù attraverso paesi africani differenti, ma ogni volta mi dico che fa bene un ripassino di valori da noi se non perduti, sicuramente dimenticati. Mi sento privilegiato a poter offrire lavoro a 55 famiglie, gente che chiede poco e da`molto. Da parte mia cerco sempre di soddisfare le loro richieste ed ogni qualvolta torno qui, mi sento gratificato perché il modo in cui vengo riaccolto vuole dire che qualcosa di buono faccio. Scusate il prologo che spero non giunga retorico. Venendo al match sono particolarmente contento per come si esprime Mati da me e pochi sparuti sostenuto contro prevenuti che non lo conoscevano neppure e lo giudicavano senza che avesse mai giocato al 100%. Contento pure per Neto sul quale mi auspicavo un`attesa prima di un giudizio invece tantissimi pseudo lo avevano già bollato un colabrodo. I soliti pseudofalsitifosi voltagabbana con faccia come il culo che volevano Cerci come Nappi. Aggiungo al proposito che va dato grande merito a JORDAN che si e assunto l`onere della battaglia in prima linea contro tutti. Tra qualche giorno ritorno ancora nei luoghi cari a Livingstone e quindi fate il tifo anche per me. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  24. E' tornato chi non dovrebbe mai tornare ed i toni si son subito riaccesi. Aperte le finestre finchè non cambia l'aria non torno, saluto solo Lele l'africano che in realtà mi ha lasciato solo non nella battaglia per Neto, ma in quella contro l'erudito. Se era per nobile motivo lo perdono.

    RispondiElimina
  25. Chiarificatore24 gennaio 2014 10:06

    Grande Lele, buon lavoro, ho avuto, nel mio piccolo, le tue stesse sensazioni, nei miei sette in Costa Rica.

    RispondiElimina
  26. Se tu solo immaginassi dove arrivo, capiresti che lì internet significa fantascienza, il massimo della tecnologia sono le torce con pila e questo è il solo progresso che li differenzia dai secoli scorsi. L`indegno del blog vedo che continua ad inquinare, come detto prima qui si trovano molte persone che han poco o nulla ma degnissime, da noi invece ci sono falsi eruditi che non valgono una loro unghia sporca.

    RispondiElimina
  27. Chiarificatore24 gennaio 2014 10:22

    Chi ama il tennis non si perda la diretta, ora, da Melbourne.

    RispondiElimina
  28. Dell'Africa in realtà conosco poco, ma ho visto realtà in Sud America ed in India che mi lasciano capire bene quello che dici.

    RispondiElimina
  29. Palmare provocazione dalla Svizzera (= «stella del varietà», paragone velenoso col Matri sùbito inserito negli schemi mentre il nefando Gomez aveva solo segnato due gol in due partite e mezzo, niente mea culpa per Mati come non ci fu per Cerci): Jordan allontanato per tutta la giornata, prime reazioni di un macellaro ligure armato di coltellaccio, una pallina sarda da golf arrivata dall'Africa sul lobo frontale, attesi i geometri. Si preannuncia una giornata agitata. Che il quattrotretre sia con voi.

    RispondiElimina
  30. Quando non si hanno le basi, sarò noioso ma tant'è. Se uno ha visto la partita ieri sera, sopratutto nel primo tempo, da che parte attaccava Cuadrado e quale Joaquin ?! Il colombiano a destra, lo spagnolo a sinistra e a destra in alcuni momenti in cui Cuadrado non spinegva. Nel secondo tempo, idem, Cuadrado dalla destra non si è mai spostato mentre Joaquin partiva davanti o più interno. Che il modulo non sia, forse, il migliore, come si è scritto, è motivo di discettare, che lo spagnolo non sappia giocare sia a destra che a sinistra, al pari di Cuadrado è una cazzata che non si può leggere. Che si rimpianga ancora qualcuno che non è voluto rimanerci è da manicomio criminale. Non è una questione di forma, o di educazione, è stare 90' minuti davanti al televisore con sguardo perso e assente oltre il monitor e venire a scrivere una scemenza dietro l'altra perché non si è capito nemmeno quello che si è visto. meglio appoggiarsi a Serse ed Emiliano, loro ci capiscano, e se su 1000 sparano 10 cazzate basta prendere solo quelle ed estrapolarci teorie che manco si conoscono. A chi è privo di tutto questo e sprovvisto di tutto quello riguardante la "visione" di una partita di calcio consiglio prolungati silenzi. Un adagio recitava "meglio stare zitti e lasciare il dubbio di essere uno scemo che aprire bocca e toglierlo".

    RispondiElimina
  31. Per festeggiare adeguatamente la giornata dell'erudizione, il bordello applicherà tariffe speciali. Due maiale al prezzo di una.

    RispondiElimina
  32. Chiarificatore24 gennaio 2014 10:37

    Tutto giusto meno il macellaro, sennò Antoine mi assale.

    RispondiElimina
  33. Insomma allora ieri sera Cuadrado attaccava, meno male che te ne sei accorto Leo, ma forse ti è sfuggito. Per quanto riguarda la posizione in campo,se a destra o a sinistra, non stavo parlando della partita di ieri sera, ma facevo un discorso più generale. La coppia di esterni Ljajic Cuadrado per me era molto più forte di Ljajic Joaquin.

    RispondiElimina
  34. Ma perché invece di offenderlo non lo ignori?

    RispondiElimina
  35. Mi piacerebbe moltissimo, Lele, se potessi darci qualche dettaglio in più sul tuo lavoro. Ho una affetto particolare per l'Africa e gli africani.

    RispondiElimina
  36. Non hai capito una mazza perché non capisci niente di calcio e lo dimostra la cazzata che hai scritto stamane, ed in generale è quello il tuo problema, non capirci niente anche nello specifico. Cuadrado non è un'attaccante, e solo un'idiota può pensare che un giocatore che ha marcato 6 reti in una stagione e mezza lo sia. Tolta a Cuadrado la possibilità di "evoluzione" (ma chi te le suggerisce simili follie....) e che Cosmi mai lo ha schierato neanche ala (si da del cretino pure lui a non averne sfruttato appieno le potenzialità, e si che lo ha avuto per qualche mese) la Fiorentina non ha sacrificato Ljajic ma se n'è voluto andare lui. Adesso gli rimane il girone di ritorno per mostrare qualcosa ma a roma si mangiano le mani perché alcuni lo considerano un mezzo pacco. Non è così ma non è certo un giocatore sul quale potevi costruirci, di già, l'ossatura e le fortune di una squadra come la nostra. E questo non serve il super corso a Coverciano se si ha un briciolo d'intelligenza. Non parlo di te, eh ?! Poi chiosi con una cazzata pazzesca anche questo post, se fosse rimasto Ljajic perché avrebbe dovuto giocare Joaquin, Cuadrado si regalava ?! Sei in malafede, uno sciocco e inutile provocatore, scrivendo Ljajic/Joaquin dimostri una volta di più che a te non interessa scrivere di questo argomento ma solo provocare per ricevere quell'attenzione che sul sitone nessuno ti regala. Qui ti bastano anche i vaffanculo, contento te. Ingrassa con quelli.

    RispondiElimina
  37. Chiarificatore24 gennaio 2014 10:48

    Io sto semplicemente qualificando come merita e come si deve quello che scrive qui e su siti viola, quando lo ritengo opportuno.
    Tu fai il cazzo che vuoi. Lascia fare altrettanto a me.

    RispondiElimina
  38. A me piaceva più di tutti la coppia Cuadrado-Ljajic, Joaquin lo avrei preso comunque compatibilmente col bilancio perchè è un ottimo giocatore e mi sta molto simpatico umanamente, a parte la storia delle corride. Non è certo il peggior rinforzo arrivato a Firenze quest'anno, e ieri sera ha giocato bene e mancato un paio di goal.

    RispondiElimina
  39. Quando si ha la palla noi e si crea per marcare una rete, tutti attaccano e tutti difendono quando si subisce una ripartenza, altrimenti marcherebbero solo le punte, ed invece l'ha risolta Compper su palla inattiva salendo a colpire di testa, attaccava anche Compper quindi. Questo non significa che sia un'attaccante. Davvero, non c'è gusto a rispondere agli imbecilli, c'è il rischio che nessuno si accorga della differenza.

    RispondiElimina
  40. Spero che in quel caso il mio Führer permetta un'eccezione al mio veganismo di neofita.

    RispondiElimina
  41. Di quello che pensi tu, qui, non frega niente a quasi tutti, soprattutto con codesto modo scorretto e provocatorio che hai di porti col solo gusto di seminare zizzania e ricevere improperi. Non hai nemmeno capito cosa ti ho scritto sulle posizioni di Cuadrado e Joaquin e dopo aver fatto l'ennesima figura sei scivolato su altro come se non l'avessi scritto. io lo so che hai letto e ti sei morso la lingua ma a svicolare sempre perdi di credibilità, di autorevolezza, di peso specifico sulla materia trattata. Insomma, senza offesa, perdona l'inurbanità, ma non conti un cazzo. O rispondi o puoi togliere il disturbo. Siamo stati tre giorni in pace e tranquilli, non ti viene a noia di venire a rompere i coglioni ?!

    RispondiElimina
  42. Chiarificatore24 gennaio 2014 10:59

    Caro Francis, a parte il fatto che non è molto elegante da parte tua continuare a consigliarmi cosa devo fare o non fare, come mai non hai mai chiesto, a chi offende e pesantemente e ripetutamente Ludwig sul piano personale, di ignorarlo?
    E lo chiedi invece a me che mi limito a qualificare i suoi scritti come meritano?

    RispondiElimina
  43. I problemi di Leo nascono dal vedere il calcio di oggi con gli occhi di quello di dieci anni fa. È come se un uomo dell'Ottocento vedendo una lampadina avesse esclamato: quella candela non può far luce perchè non è di sego. O vedendo una locomotiva: guarda che carretto senza cavalli.

    RispondiElimina
  44. stefano vienna24 gennaio 2014 11:00

    Io sono ancora sotto choc per la prestazione di Mati ieri sera. Il resto è noia.

    RispondiElimina
  45. Si sa Stefano, basta vedere come sta fuggendo di nuovo dall'argomento iniziato da lui, nemmeno noia, patetico.

    RispondiElimina
  46. Visto che contribuisci a rovinare questo spazio di discussione con interventi dal frasario inqualificabile, il "cazzo che voglio" è fartelo notare

    RispondiElimina
  47. stefano vienna24 gennaio 2014 11:09

    Figurati, fai bene a sporcarti le mani. Comunque, è vero, siamo scadendo nel non-tema per eccellenza.

    RispondiElimina
  48. La donna più capricciosa, COLONNELLO, é meno volubile di un intellettuale "impegnato". Cosa fare? A volte penso che alcuni utenti abbiano la coscienza così sporca da poter loro imputare l'inquinamento dell'Arno; la mia domanda é: hanno faccia da schiaffi o di bronzo? A volte alcuni sembrano come quegli uomini di mondo che per fare i "grandi" confondono le cose ed invece di andare al Buddah Bar, affermano "Andiamo al Maometto Kebab...!". Che storie qui....

    RispondiElimina
  49. Leo non sono mai riuscito a farti capire che quando io, Cosmi o Montella, parliamo di un Cuadrado attaccante non parliamo di un attaccante nel senso tradizionale ma di un esterno di attacco in un 4-3-3 con compiti specifici. E'un ruolo che prima non esisteva, ecco perchè non è facile da classificare. Cuadrado attaccante in senso tradizionale, cioè seconda punta, Montella lo ha schierato una sola volta, contro la Juve mi pare, e fu un fallimento.

    RispondiElimina
  50. Chiarificatore24 gennaio 2014 11:13

    Lo stai sporcando tu con la tua cafonaggine e la tua ipocrisia, visto che altri che lo offendono personalmente e volgarmente non li tocchi. Vergognati.

    RispondiElimina
  51. Direi che si avvicinano di più ad una faccia di pazzo o di mulo, o entrambe, con tutto il rispetto che si deve nutrire per la bestiola.

    RispondiElimina
  52. Chiarificatore24 gennaio 2014 11:13

    Nota la tua patetica ipocrisia che è meglio.

    RispondiElimina
  53. Il bello è che cerca sempre di rifarsi dignità tentando di scriverne una giusta, eppoi è sempre a cercare me, gli manco, gli interessa il mio parere, vuole instaurare un dialogo con me. Cos'altro ?! Ce l'ha coi geometri e gliene manca sempre uno, c'avrà da fare la classificazione energetica del chiosco sul laghetto.

    RispondiElimina
  54. Chiarificatore24 gennaio 2014 11:21

    Francis, le cose falle notare a tua sorella, lasciami perdere, i tuoi ipocriti giudizi li considero spazzatura.

    RispondiElimina
  55. Lud, un attaccante è un attaccante, altrimenti inventiamo un'altra lingua. Se non è facile da classificare chiamalo Gaetano, non attaccante, sarà una definizione nuova e ci si capirà tutti. Ieri sera poi, non so cosa attaccasse Cuadrado, nel primo tempo (seconda parte di esso) è stato a lungo più arretrato che in tutto il girone d'andata, talora addirittura dietro i centrocampisti, per permettere avanzamenti centrali in incursione di Mati e svariare sulla destra di Ilicic.

    RispondiElimina
  56. Se lo chiama Gaetano, il rischio è che poi il bolognese lo scambia per Rino, e così ci racconta di avergli fatto un'intervista post morte.

    RispondiElimina
  57. Chiarificatore24 gennaio 2014 11:34

    Sempre a proposito di rosa impoverita, ha ragione Zemanviola su Matos, e secondo me Rebic vale almeno, e sottolineo almeno, altrettanto.
    E non mi si risponda che se Montella non li vede ci sarà un motivo.
    Montella non vedeva anche Alonso e Romulo.

    RispondiElimina
  58. Luigi, non ricordo cantanti famosi. Diciamo Luigi ma non Tenco, definiamolo così. Zona del campo ?! Chiave di violino vah, mi pare che possa andare.

    RispondiElimina
  59. Certo possiamo sempre trovare un'altra espressione, ho proposto persino left forward ma passavo per anglofono. È come per il falso nueve, il ruolo cambia, le parole si debbono adeguare e qui si sente la mancanza di un Brera Blimp. Era lui a creare il vocabolario calcistico.

    RispondiElimina
  60. Grande Pollock! Comunque una cosa è certa: Cuadrado NON è un attaccante. E' un esterno alto (una volta si diceva ala tornante) che agisce partendo da lontano ed è bravo nella doppia fase attacco/difesa. L'attaccante puro è il giocatore che finalizza il gioco quasi esclusivamnte alla ricerca del gol.

    RispondiElimina
  61. Se posso, Alonso qualche chanches l'ha avuta, a me e parso troppo macchinoso, non scarso sia chiaro. Magari in un calcio più fisico del nostro, e quello inglese lo è, risalta maggiormente. Su Romolo sono d'accordo mal sfruttato e messo in un ruolo dove non rendeva al meglio ma si è esaltato in una squadra i cui valori tecnici sono molto inferiori ai nostri, a volte gioca pure questo in un'affermazione.

    RispondiElimina
  62. Non c'è bisogno di ricorrere all'inglese nè ad un nuovo, improbabile Gianni Brera. L'ho scritto già qui sotto: il ruolo di Cuadrado è quello della vecchia ala tornante, brava nelle due fasi di attacco e difesa. E il cosiddetto falso nueve altri non è che il vecchissimo centravanti arretrato all'ungherese (Hidegkuti). A riprova che nel calcio non si può inventare più niente perché tutto è già stati inventato nei cento e passa anni della sua storia.

    RispondiElimina
  63. Chiarificatore24 gennaio 2014 11:43

    Alonso per me resta quello che avrebbe potuto coprire, e mi auguro possa farlo in futuro, la fascia sinistra, tutta, e nelle due fasi, e col vigore atletico necessario, meglio di chi Montella ha messo davanti a lui.

    RispondiElimina
  64. Chiarificatore24 gennaio 2014 11:44

    Romulo si sta affermando come il migliore di una squadra rivelazione della serie A. Non a caso è nell'orbita di interesse di grandi club.

    RispondiElimina
  65. Ovvio, Pasqual non troverebbe mai spazio, non solo nella Fiorentina, Alonso lo stacca di un paio di spanne quanto a interpretazione del ruolo. Magari dopo questo mezzo buon campionato lo si riprova.

    RispondiElimina
  66. Il problema è che Pasqual sembra godere di ottima stampa. Che sia scarso è chiaro a chiunque capisca un attimino di calcio, ma se ascolti le telecronache, lo danno sempre tra i migliori e non è infrequente che venga oltremodo esaltato sulla stampa. A riprova che per fare il giornalista di calcio la conoscenza della materia è solo un optional. Del resto anche il grandissimo ed inarrivabile Gianni Brera, pur essendo un grandissimo scrittore di calcio, di football in quanto sport ne masticava pochino.

    RispondiElimina
  67. Chiarificatore24 gennaio 2014 11:50

    Sono totalmente d'accordo.

    RispondiElimina
  68. Brera era un illustratore. Gran pennello. Ma sapeva una sega Velazquez di politica e delle mene di Filippo IV.

    RispondiElimina
  69. Diciamo che speravo, si fosse capito tutti che alle provocazioni dello pseudosvizzero era meglio non rispondere. (In ogni caso se non modererai il linguaggio nei MIEI confronti, mi riferisco ai posti di una mezz'oretta fa, non interloquirò più con te)

    RispondiElimina
  70. Il problema di Brera è che interpretava una partita solo in base alle sue convinzioni tecniche che, in pratica, si riducevano all'esaltazione del catenaccio all'italiana, l'unico modulo che, secondo lui, consentiva agli italianuzzi, atleticamente poco prestanti, di battere avversari anche più forti di loro. Brera non riuscì minimamente a capire che cosa c'era dietro la rivoluzione sacchiana, ma capì pochissimo anche la rivoluzione di tutte le rivoluzioni e cioè quella portata dalla Grande Olanda. Inoltre raginava di atletica in base alla razza. Sosteneva, tra l'altro, che italiani ed arabi erano inadatti alle corse di fondo (sic!). Nè riuscì a capire e ad apprezzare la grandezza di giocatori come Rivera ed Antognoni.

    RispondiElimina
  71. Chiarificatore24 gennaio 2014 12:01

    Francis visto il modo cafone, ipocrita e prevenuto col quale ti stai rivolgendo a me, e solo a me, non interloquire più con me. Meglio.

    RispondiElimina
  72. Non so se termini come "tornante" siano davvero utili a descrivere certi ruoli del calcio di oggi. Qui stavo parlando di Brera come creatore del vocabolario calcistico, mi pare che melina ad esempio sia suo. E così tante altre parole.

    RispondiElimina
  73. stefano vienna24 gennaio 2014 12:04

    Su Pasqual però si passa da un estremo all'altro. Domenica è stato forse il giocatore più decisivo insieme a Matri, anzi si può ben dire che la partita s'è vinta sull'asse Pasqual-Matri. Sui suoi limiti ormai c'è poca da dire. Con un centravanti classico, schierare Pasqual ha un suo perché in fase offensiva, dietro purtroppo una o due errori gravi a partita li fa sempre.


    Più in generale, è vero che sono anni che non abbiamo grandi terzini a Firenze. Ed è forse l'unico limite della Fiorentina attuale almeno se si fa il paragone con Juve e Roma. Un discreto Torosidis da noi giocherebbe titolare, mentre fa la riserva a Roma. Per come vedo io il calcio, i terzini sono fondamentali.

    RispondiElimina
  74. Mi chiamavano Organ for housewife, ora House Organ.

    RispondiElimina
  75. stefano vienna24 gennaio 2014 12:11

    Alonso l'ho difeso da chi lo classificava come brocco. Può diventare un ottimo terzino, per adesso è un terzino discreto. Al momento Pasqual (messo nelle condizioni ottimali) e Vargas danno più garanzie anche per una questione di esperienza e di testa. Lo stesso discorso vale per Romulo, tra lui e Mati c'è una categoria di differenza. La Fiorentina attuale è arrivata ad un punto in cui per sostituire i titolari serve un ottimo innesto, uno discreto -e in prospettiva ottimo- non trova spazio.

    RispondiElimina
  76. Chiarificatore24 gennaio 2014 12:14

    Francis, provo a chiarire qui, perché mi sembra più corretto, la mia discussione con te.
    Qui in tanti, a partire dal padrone di casa, amiamo, di quando in quando, per spiegarci meglio, in modo diciamo così "colorito", usare anche termini volgari, crudi, come si fa in un Bar di amici,
    Io sono nel mucchio, non certo il peggiore quanto a volgarità, però vedo che tu stigmatizzi solo le mie espressioni.
    Qui in molti hanno insultato Ludwig, anche sul piano personale.
    Io non mi chiamo fuori, ho fatto la mia parte, diciamo solo che ho sempre tentato di limitare i miei insulti ai suoi scritti, però vedo che non solo qualifichi solo i miei, e mentendo, come insulti personali, e solo a me chiedi di ignorarlo, ma vedo che ignori chi non lo ignora molto più di me, e lo insulta anche personalmente.
    Quindi considero questo tuo modo di rivolgerti a me, prevenuto, ostile, nonché ipocrita, codardo, calunnioso e cafone.
    Lasciami perdere.

    RispondiElimina
  77. A parte la maggiore velocità e la maggiore fisicità con cui si gioca oggi a calcio, che cos'altro c'è nel calcio di oggi che non ci fosse nel calcio di ieri? Gli uomini in campo sempre 11 sono e le misure dei campi e delle porte sono sempre le stesse. In oltre 100 anni tuttti gli schieramenti tattici sono stati provati e riprovati. I ruoli in difesa, a centrocampo ed in attacco quelli sono. Lo so, fa fico chiamare esterno alto un'ala o esterno basso un terzino, ma, alla fin della fiera, che cosa cambia?

    RispondiElimina
  78. Chiarificatore24 gennaio 2014 12:21

    Ottimo su Hidegkuti, Mc, ieri nel sitone li hanno citati tutti meno lui, il più grande interprete di tutti i tempi di quel ruolo.

    RispondiElimina
  79. stefano vienna24 gennaio 2014 12:23

    Diciamola tutta, il buon Joaquin a 32 anni è più pericoloso sotto porta di Cuadrado e si è pure adattato bene a giocare venti minuti da centravanti nonostante fosse ormai al limite dell'autonomia fisica.


    Ora, magari è solo una questione di modulo come dice lo Zaller, ma allora bisognerebbe radicalizzare il problema, cosa che lo Zaller non può fare in mancanza di fonti sull'argomento.


    Radicalizzazione: Se Cuadrado, per essere pericoloso e più decisivo, ha bisogno di una squadra costruita apposta per lui -anzi ha bisogno di un solo giocatore al mondo, il Nutella-, bè, allora questo è un problema suo, non della Fiorentina, non di Montella.


    La forza di questa Fiorentina, e di Montella, è quello di cambiare atteggiamento tattico di partita in partita, nella stessa partita, mantenendo miracolosamente, sempre lo stesso atteggiamento propositivo. E una delle doti di un giocatore moderno è quello appunto di far parte di un progetto tattico del genere.


    Ilicic, tanto bistrattato, ha giocato titolare da falso nueve in tre partite e ha fatto due gol -solo a Torino non ha segnato. Ovvero non ha mai giocato nel suo ruolo preferito, trequartista atipico dietro una punta classica, eppure, tra mille difficoltà, è riuscito a rendersi pericoloso.


    Ragazzi, Wolski ha giocato una partita e mezza e ha fatto gli stessi gol di Cuadrado.

    RispondiElimina
  80. In un ipotetico 433 degli anni settanta si sarebbe giocato con tre centrocampisti di classe: Antognoni, Tardelli, Pecci, due esterni, Claudio Sala e Causio e al centro un Bettega o un Rossi. Avresti avuto il vantaggio di schierare insieme Causio e Claudio Sala, cosa che all'epoca non è mai successo, con gli inserimenti di Antognoni, Cabrini in aiuto all'esterno sinistro sulla fascia, tanta qualità al centro senza il mediano. In pratica Zoff, Gentile Cabrini, Morini, Scirea//Pecci, Tardelli, Antognoni//Claudio Sala, Bettega (Rossi), Causio. Non so se Pecci poteva fare il Pizarro, senz'altro Tardelli alla Borja e Antognoni alla Aquilani.

    RispondiElimina
  81. stefano vienna24 gennaio 2014 12:26

    In sintesi, se Cuadrado ha bisogno di Ljajic come di un fratellino minore, vendiamolo alla Roma, facciamoci dare Nico Lopez e compriamo Iturbe.

    RispondiElimina
  82. Ha bisogno di un esterno di sinistra di pari valore, ce ne sono tanti in giro, mica solo Ljajic...

    RispondiElimina
  83. stefano vienna24 gennaio 2014 12:33

    Zaller, rompo la regola del non risponderti (per la prima e ultima volta), ma, se pensi che Cuadrado è un fenomeno, che si metta giocare da fenomeno a prescindere da chi ha intorno.


    Non è che gli hanno messo accanto i gemelli Filippini, gioca con Valero, Mati, Pizarro, Gonzalo, ha giocato accanto a Rossi, ovvero gente che al pallone gli dà il tu, mentre il pallone invece si rivolge a loro con il lei per rispetto.

    RispondiElimina
  84. Una squadra degli anni Settanta non giocava mai con tre attaccanti, ma al massimo con due e con solo un ala tornante ed un terzino con licenza di avanzare (il fluidificante). Inoltre era un must il mediano i difesa a marcare il trequartista o la falsa punta avversaria (vedi Tagnin contro Di Stefano dnella finale di Viienna della prima Coppa dei campioni vinta dall'Inter). Il 4-3-3 nella sua forma moderna lo si vide per la prima volta applicato dall'Ajax di Crujiff. Ma il famoso WM in pratica di sarebbe tradotto oggi con un 3-4-3, solo che si marcava ad uomo e non a zona. Comunque sia una squadra degli anni Settanta non avrebbe mai schierato due tornanti.

    RispondiElimina
  85. stefano vienna24 gennaio 2014 12:35

    Scusate, ma 'sta minchiata di Cuadrado orfano di Ljajic ha scassato la minchia.

    RispondiElimina
  86. Chiarificatore24 gennaio 2014 12:37

    Ah ah ah ah ah ah!!!!

    RispondiElimina
  87. Infatti questo era un gioco, che ti fa capire le differenze tra i due modi di giocare. Per Bearzot Claudio Sala era l'alternativa a Causio, mai li avrebbe schierati insieme. Inoltre c'erano in campo uno o due giocatori di quantità, Pecci era considerato troppo tecnico, quindi si preferiva un Oriali. In avanti avevi il vantaggio di avere due punte.

    RispondiElimina
  88. stefano vienna24 gennaio 2014 12:39

    No, veramente, se fosse vera, allora la stella del varietà sarebbe Cuadrado, non il poro Gomez che segna pure se lo metti a centrocampo.

    RispondiElimina
  89. Chiarificatore24 gennaio 2014 12:39

    "Tornante" rimane il miglior modo di definire ruolo e calciatori come Cuadrado.

    RispondiElimina
  90. Chiarificatore24 gennaio 2014 12:40

    Ri-ah ah ah ah ah ah ah!!!

    RispondiElimina
  91. Chiarificatore24 gennaio 2014 12:42

    "Fluidificante" rimane il migliore per definire ruolo e calciatori come Alonso e Pasqual.

    RispondiElimina
  92. Il modo di giocare di allora è completamente differente da quello di oggi. A parire dalle marcatre che negli anni Settanta erano ancora a uomo. Nell'Italia dell'82, ad esempio, i difensori marcavano ad uomo e i centrocampisti alcuni ad uomo (quelli di quantità) e altri a zona (quelli di qualità). Le punte, nelle squadre importanti, erano sempre e comunque due.

    RispondiElimina
  93. Provo a ridirlo, Cuadrado ha bisogno di un giocatore speculare a sinistra. Ljajic lo avevi in casa, ma non c'è più, ne esistono però altri. Credo ad esempio che Ramirez potrebbe fare l'esterno sinistro o il centravanti arretrato, ma la società deve anche decidere come gestire Ilicic, che appare in crescita.

    RispondiElimina
  94. Fluidificante, tornamte, stopper e libero sono, per l'appunto, felicissime (e insuperate) definizioni breriane.

    RispondiElimina
  95. Chiarificatore24 gennaio 2014 12:45

    Il primo tornante fu Armano, alessandrino, vecchio amico di mio suocero, buonanima.

    RispondiElimina
  96. Chiarificatore24 gennaio 2014 12:46

    Il primo fluidificante mi pare sia stato Facchetti.

    RispondiElimina
  97. Perché mai Cuadrado dovrebbe aver bisogno di un giocatore speculare a sinistra? Prova un po' a spiegarlo per favore.

    RispondiElimina
  98. Io che sono il tenutario del bordello, tengo a precisare per tranquillizzare la clientela, che non c'è solo fluidificante, ma noi lo forniamo anche ritardante.

    RispondiElimina
  99. Lud mi viene in mente uno dei tuoi termini preferiti, "capzioso", che hai spesso attribuito ai tuoi interlocutori. Ebbene, l'espressione che hai usato oggi nei confronti di Gomez vince la Coppa del Mondo di Capziosità.
    Appoggio il Chiari, neanche il gobbo più malizioso di tutti i gobbi arriverebbe a irridere a tal punto l'aspetto tecnico e la vita extracalcio (che poi, mediaticamente, è sotto i riflettori non meno di quella bel buon Matri) di un campione viola che è fuori per un brutto infortunio, causato da terzi in una irritante lascività arbitrale avversa alla tutela dei nostri giocatori. L'infortunio del tedesco è per questa stagione il più grande cruccio per qualsiasi nato sotto il segno del Giglio, salvo quelli con ascendente Zebra.

    RispondiElimina
  100. Chiarificatore24 gennaio 2014 12:50

    Se si vuole passare con gli stessi calciatori e nella stessa partita da un 3-5-2 ad un 4-3-3, è meglio che a sinistra non ci sia uno speculare a Cuadrado ma uno come Alonso.

    RispondiElimina
  101. Perchè nel gioco che ho descritto, anche con l'esempio della nazionale di Bearzot, si attacca con due esterni, o come si vogliono chiamare, che siano in grado di entrare in area andando all'uno contro uno. Giocatori molto forti, tecnici. Se ne ho uno solo, o l'altro non è altrettanto forte, il modulo perde efficacia. I difensori fra l'altro della squadra avversaria tendono a concentrarsi nella marcatura di quello forte.

    RispondiElimina
  102. stefano vienna24 gennaio 2014 12:59

    E comunque su Cuadrado bisogna che Pradè, Macia e Montella si siedano intorno ad un tavolo e analizzino bene la situazione, spendere quindici milioni per la metà è tanta roba anche perchè una plusvalenza futura dopo che l'hai pagato in tutto venti milioni dipende dal rendimento futuro, ovvero una variabile di per sè molto aleatoria.


    E anche Cuadrado, non vorrei che, per la situazione contrattuale e le voci di mercato, abbia perso un pò di stimoli. Non credo, perché è un bravo ragazzo, ma le pressioni sono notevoli.

    RispondiElimina
  103. Faccio una breve premessa: se rileggo "falso nueve" potrei impazzire seduta stante e non essere più oadrone delle mie azioni o funzioni corporali.
    Cuadrado da un bel po' è molto meno fenomeno del solito, è fuori forma?
    No,visto che corre fino all'ultimo minuto. Gli manca lo spazio verticale. Spazio che ha se viene lanciato e che gli manca se viene messo a fraseggiare dalla trequarti alla linea di fondo. Non trovando spazio converge verso il centro, scontrandosi con la difesa avversaria al limite dell'area. Lo stesso succede, seppur in maniera minore a Joaquin. All'ingorgo davanti alla difesa schierata si uniscono in centrocampisti che non avendo sbocchi in area esuriscono la loro spinta a ridosso di questa. Dietro di loro 70 metri di campo presidiato solo dai difensori che,spesso, sono costretti ad affrontare avversari lanciati indietreggiando.
    Questo è un problema grosso che credo vada rilevato senza farsi fuorviare dalle vittorie. Problema che nasce dalle caratteristiche non complementari di alcuni giocatori col modulo. Col centravanti qualcosa potrebbe cambiare, ma il nostro centrocampo non può sostenere un gioco che lo costringe ad un movimento a fisarmonica da area ad area. Il primo a mostrare la corda è Borja, quello, cioè, che porta il pressing sulla difesa per primo e che arriva a ripiegare fino alla sua area. È un gioco dispendioso perché dilata le distanze tra i reparti, poco produttivo rispetto alla mole di possesso e che regala sempre qualcosa all'avversario.

    RispondiElimina
  104. Fluidificante (Pasqual?), ritardante (Montolivo?), aspergente (Pizarro), claudicante (qualsiasi 9, vero o falso, viola), emolliente (Mati), proteggente (Neto),reggente (Rodriguez), vale niente (....).

    RispondiElimina
  105. La leggi tu così, forse perchè ho aggiunto del varietà o dello spettacolo, ma se termini la lettura io ho aggiunto che voglio vederlo alla prova da solo, con Matri o con Ilicic, il che vuol dire Gomez titolare fisso non appena è pronto con gli altri che ruotano. Quindi...boh! Non vedo la capziosità.

    RispondiElimina
  106. Io non vedo gli ingorghi che dice Stefano, vedo un grande gioco, e la squadra avversaria che soffre perchè arrivano attacchi da tutte le parti: si attacca con i due esterni, col centravanti arretrato (io non uso mai falso nueve), ma anche con gli esterni bassi e con i centrocampisti che si inseriscono, senza dare riferimenti. Anche sul piano spettacolare è un gioco bellissimo. Discuterlo vuol dire discutere Montella.

    RispondiElimina
  107. stefano vienna24 gennaio 2014 13:11

    Ho capito, Foco, ma due osservazioni.


    Primo, le squadre avversarie ci affrontano in un modo solo costringendoci a schiacciarci negli ultimi venti metri. Puntano sulle ripartenze.


    Secondo, il possesso palla continuo è una scelta di Montella, è l'aspetto più intrigante della Maquina.


    Terzo, il maggiore equilibrio si può trovare, e in parte si è trovato, con terzini meno propositivi (come dice sopra Chiari, un Alonso, io ci vedevo bene pure Tomovic a sinistra) oppure con il doppio terzino (Pasqual-Vargas, la vera novità tattica di quest'anno) oppure con un centrocampista più fisico (Anderson?).


    Certo, giocare di ripartenza è più facile da quando hanno inventato il calcio e le contromisure 'assolute' non esistono.


    Tutto questo, non cambia la questione Cuadrado. Non possiamo costruire la squadra su di lui, come su qualunque altro singolo giocatore. O capisce che deve fare altri movimenti oppure amen.

    RispondiElimina
  108. stefano vienna24 gennaio 2014 13:13

    Ti riferivi a Foco, credo.

    RispondiElimina
  109. Chiarificatore24 gennaio 2014 13:17

    Sì ma il ritardante è anche de-sensibilizzante. Meglio ritardare in altro modo.

    RispondiElimina
  110. Cuadrado dà il meglio di sé se parte da lontano. Se lo fai partire negli ultimi 30 metri perde molto della sua imprevedibilità. Intuisco che l'altro esterno avrebbe dovuto essere Ljajic (che se ne è voluto andare,a nche perché temeva di gocare poco). Ma il fatto è che Montella in estate aveva pensato ad un attacco con due punte (Gomez e Rossi), ma l'infortunio del tedesco l'ha costretto a ritornare sul modulo impiegato nello scorso campionato, nel quale già avevamo denunciato le difficoltà a concretizzare per mancanza di un vero centravanti. Ti dò un dato per rifletterci su: nelle due partite intere giocate con Gomez abbiano realizzato 7 gol, nella mezza partita giocata con Matri 3 gol. Schierando un vero centravanti abbiamo realizzato 10 gol in due partite e mezzo, nelle altre 17 e mezzo senza un vero centravanti di ruolo, i gol sono stati 27. Ora ti spieghi perché Montella vuole un centravanti vero?

    RispondiElimina
  111. Stefano, lo schiacciamento è in buona parte auto indotto. Perché semplicemente mancano i movimenti in area che non fa nessuno senza centravanti. E lo stesso centravanti avrebbe bisogno a sua volta di questi , fatti dai compagni, per smarcarsi. Le sovrapposizioni ( quando ci sono, Fac a destra non si sovrappone) portano ad un ammucchiamento di giocatori sulla parte piccola sell'area perché nessuno taglia dentro.
    Il possesso palla è finalizzato alla verticalizzazione, se mancano i movimenti atti a smarcarsi non si verticalizza e quindi si gira e si rigira a vuoto. Hai un impressione di superiorità data dal fatto che il possesso palla è quasi sempre dalla tua, ma intanto dai due occasioni in dieci minuti al Siena.

    RispondiElimina
  112. A parte che Montella si può discutere benissimo, non essendo Vincenzo il verbo incarnato. Poi quello che tu definisci gioco spettacolare, per me è un gioco monco che evidenzia limiti e piccole falle. Il centravanti arretrato che tu magnifichi, oltre ad essere una soluzione d'emergenza, è proprio il più penalizzato da questo modulo, perché non può sfruttare i tagli che i nostri esterni non fanno, essendo appunto esterni e non attaccanti. In pratica tu esalti il nostro difetto più grande.

    RispondiElimina
  113. Certo che si può contestare Foco, l'unico dubbio che ho è che questa tattica Montella la usi per necessità. Lui ci crede, a torto o a ragione.

    RispondiElimina
  114. Dall'Australia, Chiari, una partita senza storia com'era prevedibile. Nel femminile mi spiace per Ivanovic che poteva vincere un nuovo Slam se non si fosse distratta dopo la vittoria con Serena.

    RispondiElimina
  115. Insomma, credevo che il maligno fosse stato estirpato invece si dibatte in un luogo a lui ostile cercando invano di proporre improbabili spiegazioni tattiche, addirittura evocando inspiegabili riferimenti passati. Alcuni di voi cadono nel vecchio equivoco , quello di rispondergli con autorevoli disquisizioni tattiche, ma ragazzi, continuate a schiantarvi contro il muro: al tizio non frega nulla dei vostri scritti, è qui nella sua vera veste ufficiale, il Troll per eccellenza, lo pseudotifoso viola assimilabile al Giannelli, Rino Ceronte che provoca ed irrita. La sua mirabile incompetenza e volgare arte provocatoria' si ciba come un onnivoro delle vostre risposte.
    Ciao Chiari, ho letto alcuni tuoi post su Renzo, poi in altra occasione mi piacerebbe approfondire
    Francis, non so se, a parte te, possa interessare ciò che svolgo qui come imprenditore, ( e altro). Non volendo passare per uno cui piace farsi pubblicità come chi si autoreferenzia (categoria di poveracci) non credo sia il luogo appropriato. Magari con mail privata. Oggi volevo postare una foto ma non me la allega...

    RispondiElimina
  116. L'unica cosa che Montella ha dimostrato certificandola coi fatti, è che Gomez se è disponibile lo mette in campo, e che Matri se è disponibile lo mette in campo.
    Riguardo la presunta sua fede nel gioco senza punte, il massimo che puoi spingerti a supporre, sempre basandosi sull'osservazione delle effettive scelte di Montella, è che tra un attacco "falso" (scusa Foco) ma esperto e un attacco puro ma acerbo, ritiene che il primo gli dia non meno garanzie del secondo. A cantare sono le scelte di ieri sera e di Torino, poi se ha torto o meno non si sa, manca la riprova che sarebbe costituita da un Rebic titolare insieme a Matos.
    Ma la prima punta pura ed esperta, quando c'è, gioca sempre. E se c'è anche Rossi, ovviamente, glielo affianca. Punto.

    RispondiElimina
  117. Chiarificatore24 gennaio 2014 14:26

    Certo, RF avrebbe potuto al massimo vincere il primo set, e solo quello. Tra le donne vedo un periodo di magra, e non mi riferisco solo al nuovo stato della Ivanovic.

    RispondiElimina
  118. Chiarificatore24 gennaio 2014 14:28

    Quando vuoi Lele. Sarà un piacere, come sempre.

    RispondiElimina
  119. Ahahahahahahahahahahah! Il manganello che spruzza olio di ricino... ahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  120. Io credo che Deyna avesse capito meglio di tutti la situazione. Se Ljajic fosse rimasto, avrebbe avuto molte occasioni di giocare. Credo che dentro di sè anche Montella abbia sperato fino all'ultimo giorno che Adem accettasse la proposta di rinnovo. Questo lo metteva in condizione di avere una rosa davvero completa, forse anche troppo ampia, ma abundare è meglio che deficere, dice il proverbio. Il giorno in cui Ljajic ha lasciato il ritiro gli sono girate non poco le scatole e lo ha anche detto in conferenza stampa, dichiarando che era stufo di parlarne. Pensavo che Adem sarebbe stato chiuso da Rossi e Gomez, ma le stagioni sono lunghe. Con Deyna si condivideva il rimpianto per aver perso Adem e a distanza di tempo resto convinto che il sostituto manchi e che questo influenzi in negativo il gioco della squadra in molte circostanze ma specie quando schieriamo il 433. Un saluto a Deyna dovunque si trovi in questo momento.

    RispondiElimina
  121. Lele, a me piacerebbe scambiare notizie sulla tua attività (ho letto che vai anche in Brasile) e anche d'altro in privato, se ti va ti passo il mio e-mail (giagioluc@alice.it). Di calcio qui, finchè c'è il troll, come ho detto non ne parlo. Ho rotto il silenzio solo con questo messaggio

    RispondiElimina
  122. Maligno mi era stato detto anche da Zeman, incominciano ad infittiirsi le prove. Blimp penso la pensino così anche diversi importanti accademici nel mio campo di ricerca. Forse debbo rivedere qualcosa della mia immagine. Mi affiderò allo studio Testa e pubblicherò "Le barzellette di Zaller" come ha fatto Totti.

    RispondiElimina
  123. Lele, se vuoi postare una foto mandamela in posta e la pubblico io.

    RispondiElimina
  124. Condivido l'analisi di Foco, che è uno scienziato degli spazi del terreno verde. Lud, evita di far parlare gli assenti, da ventriloquo di luna park. Magari Deyna torna (speriamo) e dice che non è vero un cazzo quel che gli attribuisci.

    RispondiElimina
  125. E' vero, dietro Serena il nulla.

    RispondiElimina
  126. Chiarificatore24 gennaio 2014 14:51

    E Serena ha i suoi anni.

    RispondiElimina
  127. Era tanto che non leggevo un post di Zaller. Ho voluto riprovare con il suo penultimo, trovandovi tre "Adem", due "Ljajic" e un "433". E' tutto normale, sono tranquillo.

    RispondiElimina
  128. Beh, ma è vegan, quindi può dominare fino a cinquant'anni. Ah ah ah!

    RispondiElimina
  129. Chiarificatore24 gennaio 2014 14:56

    In effetti la sua ri-esplosione, ed a livelli mai raggiunti nella prima, già lo dimostra.

    RispondiElimina
  130. Blimpe, sono d'accordo anch'io sul fatto che Foco sia uno scienziato degli spazi del terreno verde, non so se anche te intendi in quanto coltivatore di Cannabis per uso personale.

    RispondiElimina
  131. Lo ricordo ciò che diceva Deyna, non metterlo sul tuo stesso piano. Con te condivideva solo il dispiacere per la partenza di un giovane così talentuoso (stima peraltro condivisa da tanti qui, a partire da Stefano, da me, dal Chiari e altri), e la supposizione che la società avrebbe potuto muoversi prima per il rinnovo. Tu a ciò aggiungevi una categorica classificazione ad ala sinistra del giocatore, l'idea categorica che fosse indispensabile per un 4-3-3, e il dogma del 4-3-3 come unico modo giocare al calcio, tutte cose che nulla avevano a che fare con gli scritti di Deyna. E che Ljajic avrebbe potuto trovare tanto spazio in questa Fiorentina tu lo dici solo adesso (ad agosto ero io a dirti che avrebbe potuto trovarne a iosa, ma tu nulla... e "dinosauro di qui" e "allocazione di là"...), perchè subito dopo l'acquisto di Gomez parlavi di un disegno che escludeva Adem da ogni disegno tattico.

    RispondiElimina
  132. Chiarificatore24 gennaio 2014 15:05

    E poi Deyna non ha mai sostenuto che Ljajic se ne sarebbe andato per espressa volontà della Fiorentina.

    RispondiElimina
  133. Oltre tutto, Pollock, ne ha passato a Tongo, che da quel punto di vista era innocente come un'educanda e Tongo, appena uscito dal carcere non avendo visto donna da un anno, ci ha fatto sopra una strana reazione... Gli ho passato una foto di Lud, che ha bucato a forza di baci, e ora sta dirigendosi a Pietrasanta: in treno il controllore gli ha detto che il bagaglio a mano non può stare sul grembo del viaggiatore ma negli spazi appositi e Tongo ha precisato che quello non era bagaglio ma lo aveva comunque trattato a mano per un anno e non vedeva l'ora di collocarlo nello spazio apposito. Guarda, Lud, che nella vita può succedere anche peggio e che quando c'è la salute c'è tutto.

    RispondiElimina
  134. Marco Siena, ri ha dato un buffetto virtuale, LUD.

    RispondiElimina
  135. No, Vita! 5 milioni, Marrone e metà Gabbia! Non esageriamo con le pretese! Prendere o lasciare, diceva, il Crisci. E aggiungeva che la Juve ci aveva messo spalle al muro.

    RispondiElimina
  136. Chiarificatore24 gennaio 2014 15:35

    Evvvvai con l'88, facci sognare!

    RispondiElimina
  137. Onestamente ad agosto che Ljajic potesse trovare posto era difficile da ipotizzare. Sul valore del giocatore si era d'accordo con Deyna. Lui pensava che Montella si sarebbe inventato il trequartista per farlo giocare alle spalle di due punte. Ma Montella da quell'orecchio non ci sente. Io avevo proposto invece, pensa un po', che Aquilani arretrasse nella posizione di Pizarro, e che Ljajic ne prendesse il posto come terzo centrocampista. L'idea mi era venuta dopo aver letto una dichiarazione del procuratore di Aquilani. Tuttti pensavamo che la coppia titolare sarebbe stata Rossi-Gomez. Deyna aggiungeva una sua previsione sul fatto che Rossi ne avrebbe giocate poche.

    RispondiElimina
  138. Io ieri ho visto quello che cercherò di spiegare con disegnini bambineschi. In un'occasione Cuadrado ha forzato un bel tiro quasi da fermo, nelle altre non si è prodotto niente. Sta di fatto che qui c'è un esempio, dozzinalmente illustrato, dell'imbuto che si crea attaccando una difesa schierata.
    L'uso della lavagna ha anche funzione evocativa, visto che a Deyna faceva schiantare dal ridere.

    RispondiElimina
  139. Ricordo ricordo, l'invito del Crisci ai "ben più miti consigli"...

    RispondiElimina
  140. salve ragazzacci..con la febbre appena passata riesco a scrivere;nel delirio malefico di ieri sera,vedendo la partita alla televisione(era da tempo che non saltavo il Franchi),vado controcorrente e dico la mia.A me Cuadrado è piaciuto.Non per quanto riguarda le sue "giocate",ma per l'atteggiamento(che qualcuno,non ricordo chi,ha definito irritante,quindi proprio l'opposto di quello che ho visto alla tele).Ha ripiegato tante volte,andando a raddoppiare aiutando Ronchi;non si è intestardito nel dribbling,ma molto spesso,quando ha visto che gli spazi erano chiusi,girava palla all'indietro,mantenendo il possesso palla.Insomma,a me pare che stia maturando anche a livello di "testa".Magari,a causa delle febbre,ho visto cose che voi umani non potevate vedere,o forse erano allucinazioni..ma ieri io l'ho visto così.Di sicuro non ha fatto l'attaccante ahahah

    RispondiElimina
  141. Ipotizzare che avrebbe potuto trovar posto era talmente difficile che non facevo che dirti che di posto ne avrebbe trovato. Deyna diceva che il Rossi post-crociato-bis non avrebbe potuto reggere a ritmi costantemente alti tutte le 50-60 partite previste in calendario, ma anche questo cozzava contro le tue previsioni divmancanza di spazio per Ljajic.

    RispondiElimina
  142. Io invece dicevo che Rossi ne avrebbe giocate tante, ed in effetti è accaduto. Che Gomez si potesse far male non era stato preso in considerazione da nessuno. In nessun punto del mio discorso ho detto che Deyna la pensava su tutto come me. Da persona corretta quale era non ha mai avuto con me il minimo screzio che andasse oltre una normale.

    RispondiElimina
  143. Cuadrado fra l'altro è da tempo oggetto di attenzioni speciali con raddoppi, triple e quadruple attenzioni delle difese. Gli allenatori sanno benissimo che è una delle principali fonti del gioco e lo bloccano.

    RispondiElimina
  144. Chiarificatore24 gennaio 2014 16:50

    Le "attenzioni speciali" verso un calciatore che salta quasi sempre l'uomo sono la cosa più ovvia nel calcio. Il punto è che il lenzuolo è sempre quello, si gioca in 11, non in 12 o 13 per avere "attenzioni speciali", quindi Cuadrado se attira su di sé più uomini apre direttamente o indirettamente altri spazi per i suoi compagni di squadra. Come si vede in ogni nostra partita.

    RispondiElimina
  145. Ah ecco, gli avversari lo bloccano (questi stronzi!) e quindi lui (povero columbiano con uno stipendio da schiavo) non riesce più a segnare con la regolarità che lo ha sempre contraddistinto. Rossi quindi segnava perché non lo bloccavano (questi imbecilli).

    RispondiElimina
  146. Di questo passo si torna allo squadrone di Mihajlovic, senza Cuadrado e con tutti i giocatori al posto giusto. E senza Montella che diciamolo capisce poco di calcio, o così pare da quel che scrivete.

    RispondiElimina
  147. Chiarificatore24 gennaio 2014 16:54

    Stessa succede a centrocampo con Pizarro che attirando su di sé "attenzioni speciali" apre spazi per i compagni e dove fa arrivare palloni con una precisione chirurgica.

    RispondiElimina
  148. Chiarificatore24 gennaio 2014 16:57

    Quando sei con le spalle al muro, Ludwig, perché le tue cagate vengono evidenziate, svicoli, calunni, menti, cambi discorso.

    RispondiElimina
  149. Nessuno contesta Cuadrado, viene rapportato il suo rendimento, molto più basso delle sue potenzialità, alla sua cattiva allocazione. Poi se te dici che rende come sempre e che è nella stessa posizione dello scorso anno, puoi benissimo dirlo, anche io mi presento come cantante/ scrittore , mica me lo impedisce nessuno.

    RispondiElimina
  150. Prandelli avrebbe molto da imparare da Miha sul corretto posizionamento dei giocatori, visto che è stato capace di schierare Ujfalusi terzino, Vargas terzino, Felipe terzino, Santana rifinitore, ecc.

    RispondiElimina
  151. Miha è anche un gran signore, oltreché un animale piuttosto arrapante.

    RispondiElimina
  152. Oltre che animalista, amico della Tigre.

    RispondiElimina
  153. Qui mi dissocio in parte

    RispondiElimina
  154. Ma ti pare sia con le spalle al muro, Chiari? Su chi? Su Cuadrado? Lo sanno tutti che valore ha, se mai è temeraria la tesi che non valga. Oggi Gat ha detto che preferisce Rosina.

    RispondiElimina
  155. Chiarificatore24 gennaio 2014 17:15

    Mi dissocio anch'io, dalla seconda affermazione. Tu Foco sii più preciso o dobbiamo pensare che non consideri Miha un gran signore? Ah ah ah ah ah!!!

    RispondiElimina
  156. Foco hai scritto un post che è molto tuo, gioco sbagliato, giocatori fuori posto, corsie intasate. Francamente non ho capito il senso, se pensi che Montella sia da cacciare subito o gli dai un paio di domeniche per cambiare prima dell'esonero.

    RispondiElimina
  157. Chiarificatore24 gennaio 2014 17:17

    Vedi che svicoli da quelle vere e ti inventi tu le osservazioni dell'interlocutore? Non ti sembra disonesto tutto ciò?

    RispondiElimina
  158. Chiarificatore24 gennaio 2014 17:20

    Vedi che svicoli da quelle vere e ti inventi le osservazioni dell'interlocutore, Ludwig? Ti sembra onesto ciò?

    RispondiElimina
  159. Chiarificatore24 gennaio 2014 17:23

    Chi sta dicendo qui che Cuadrado non vale?
    Cosa c'entrano il Gat ed i suoi deliri con la nostra discussione?

    RispondiElimina
  160. Allora non capisco in che senso sarei con le spalle al muro, se me lo spieghi mi fai un favore.

    RispondiElimina
  161. Chiarificatore24 gennaio 2014 17:31

    Te l'ho scritto qui sotto in forma chiarissima in risposta alla tua pensata sulle "attenzioni speciali".

    RispondiElimina
  162. Chiarificatore24 gennaio 2014 17:37

    Ludwig, ad uno come Cuadrado, e per certi aspetti anche ad uno come Ilicic, se togli spazio è come se togliessi ossigeno. Giocano anche negli spazi stretti ma non si esprimono al massimo.

    RispondiElimina
  163. Si ma Cuadrado è marcato molto più di Pizarro. Non è una pensata mia, ma una strategia di tutti gli allenatori che allenano la Fiorentina. Ovviamente anche nel caso di. Cuadrado si aprono spazi per altri.

    RispondiElimina
  164. Chiarificatore24 gennaio 2014 17:45

    Ovvio che Cuadrado sia marcato di più, perché salta quasi sempre l'uomo. La tua pensata è una ovvietà.

    RispondiElimina
  165. Chiarificatore24 gennaio 2014 17:49

    Secondo me il quarto gol della Fiorentina contro la Juventus è il più bel gol in contropiede che si sia mai visto in un campo di calcio.

    RispondiElimina
  166. Penso che sia da cacciare al più presto lui, Cuadrado e anche Borja se possibile. Se avessi letto tutti i miei post a riguardo di questi mesi, lo avresti capito subito.

    RispondiElimina
  167. Chiarificatore24 gennaio 2014 17:59

    Grande Foco! Ah ah ah ah ah ah ah! Mi manca la tua ironia, io invece mi ci incazzo.

    RispondiElimina
  168. Chiarificatore24 gennaio 2014 18:00

    ....e Jordan più di me. Ah ah ah ah!!!

    RispondiElimina
  169. Beh ma se scrivi che la squadra produce caos non sei così contento del tecnico, o sbaglio?

    RispondiElimina
  170. Non è una pensata mia è quello che fanno le squadre che affrontano la Fiorentina. Ci sono due fissi su Cuadrado ma se ne vedono anche tre.

    RispondiElimina
  171. Anche secondo me, l'ho ancora negli occhi ed e' stato delizioso come Cuadrado sia riuscito a mettere il pallone e Beppe a tirare in quel modo strepitoso. Solo per questo Rinaudo andrebbe sottoposto a molteplici e orrende sevizie.

    RispondiElimina
  172. stefano vienna24 gennaio 2014 18:55

    Uno sul sitone fa notare che la partenza di Dainelli -la cacciata immotivata per volontà del Giubba- segnò la fine della Fiorentina prandelliana.


    Ora, dite quello che volete sul valore di Dainelli attuale, ma le statistiche dicono questo. Io, l'ho detto, spero che torni.

    RispondiElimina
  173. Chiarificatore24 gennaio 2014 18:58

    Certo. E va considerata tutta l'azione, dal suo nascere, perfetta, in tutti i suoi aspetti.

    RispondiElimina
  174. Leopold von Sacher Masoch era austriaco, non per nulla.

    RispondiElimina
  175. stefano vienna24 gennaio 2014 19:05

    E son gusti. Mentre i soldi sono dei Della Valle: se vogliono ringraziare Dainelli per essere stato l'unico che ha mandato a quel paese il Traditore, io approvo. Grande Lancione Dainelli!

    RispondiElimina
  176. Chiarificatore24 gennaio 2014 19:11

    Domenica sera l'88 in campo? Uno spezzone per arrotondare la vittoria?

    RispondiElimina
  177. Dainelli oggi non è quello di allora. Pensiamo comunque ad un caso analogo a quello di Pasqual. Il giocatore era molto discusso. L'amore è scoppiato dopo che è andato via. Anche con l'intento di dare addosso a Prandelli.

    RispondiElimina
  178. stefano vienna24 gennaio 2014 21:09

    Per gettare uno scorcio sulla bassezza umana, basterebbe che Dainelli raccontasse i motivi per cui il Giubba lo cacciò a gennaio, poche settimane prima della partita con il Bayern. Si capirebbero tante cose. Ma Dainelli è un bravo ragazzo e non lo farà.

    RispondiElimina
  179. Io sono d'accordo, ma aggiungo anche la cessione, contemporanea, di Jorgensen, la, sempre contemporanea, squalifica di Mutu e soprattutto l'incredibile "elezione" di Montolivo a nuovo capitano invece di Frey.

    RispondiElimina
  180. stefano vienna24 gennaio 2014 21:12

    Guardano il grande Bayern, le ripartenze le beccano pure loro, e spesso c'è l'ingorgo a destra. Squadra però molto più muscolare della nostra e non meno tecnica.

    RispondiElimina
  181. stefano vienna24 gennaio 2014 21:17

    Adesso, vi rivelo la mia vera identità, sono la Nicola-Claudia di Dainelli. Ma quant'è bello Darione?

    RispondiElimina
  182. Ma che cazzo volete da Cuadrado? Non avete ancora capito di cosa ha bisogno per giocare bene? Ve lo riassumo:
    1) deve giocare attaccante esterno destro nel 4-3-3, altrimenti si intristisce;
    2) l'altro attaccante esterno del 4-3-3, quello sinistro, deve essere Ljajic o uno come Ljajic; assolutamente non deve essere quel brocco di Joaquin;
    3) al centro del 4-3-3 (che deve essere un 4-3-3 si è capito?) deve esserci un falso n..., ehm, un centravanti arretrato e molto tecnico: se Cuadrado vede in area un vero centravanti o comunque un attaccante più alto di 1,75 si mette a vomitare in un angolo e viene altresì colpito da colite acuta: capirete che in tali condizioni non può esprimersi al meglio.

    RispondiElimina
  183. stefano vienna24 gennaio 2014 21:19

    Grande Anto!

    RispondiElimina
  184. stefano vienna24 gennaio 2014 21:20

    Niente, volevo arrivare a 200.

    RispondiElimina
  185. Ma allora tu sei Gilardino!

    RispondiElimina
  186. Al centro sempre Ljajic, al limite sull'esterno si dirotta Rossi.

    RispondiElimina
  187. No! Ljajic è esterno sinistro del 4-3-3! Eccheccazzo! L'ha detto anche Nedo Sonetti!

    RispondiElimina
  188. Anto guarda che quello che hai scritto è vero!

    RispondiElimina
  189. Ho appena letto una raggelante affermazione di Traversi: chi non voleva Matri è affetto da trisomia 21. L'ho dovuta leggere tre volte per sincerarmi di non aver frainteso.

    RispondiElimina
  190. Non si rende conto di quello che scrive allora, veramente un pazzo a piede libero, non solo xenofobo ma disturbato in profondità. Agghiacciante!

    RispondiElimina
  191. Su quale notizia Antoine ?!

    RispondiElimina
  192. Dorf, povero pirla, inforca gli occhiali perché qui ho scritto oggi cinque o sei post e se hanno messo insieme lo stesso duecento e rotti senza Jordan e senza Deyna e senza la dorfina di sorate bagnata e' vo' dire che so' bravi e che c'è i' miele. Dove scrivi tu e scriveva Tritaion (non «Triaton», però, altrimenti si capisce sùbito chi sei: dài scemo, lo sai che tengo archivio bello folto e tutto il lessico specializzato di voi sdaioli uno per uno!) io non scrivo da giugno 2012 e vu mi sembrahe parecchio mosci adesso se un vi scote il Grand Armagnac di tanto in tanto. Eh, Zemanviola in effetti l'è un bischero, che ci vuoi fare, mandacelo qui che coi vostri resti ci abbiamo fatto il sitollock, la reggia del tifo viola. Siamo come la Fiorentina, gobbaccio, ci nutriamo delle pietanze sdegnate del convito di merda altrui: dei Borja, dei Gonzalo, dei Cuadrado, dei Rossi, dei Pizarro, dei Mati e ultimo dei Matri non sapete che farci e allora ci pensa Pollock il ferrivecchi. Insomma, in una parola, Dorf, sei una fava strepitosa ma come trailer del sitollock ti riscatti a bestia che sei.

    RispondiElimina
  193. Se non ricordo male sotto la "pagella alle pagelle".

    RispondiElimina