.

.

domenica 19 gennaio 2014

Il tè con i biscotti

In attesa d’immatricolare la vittoria in Sicilia vi devo alcune spiegazioni su certi miei atteggiamenti che potrebbero essere scambiati per un eccesso di tolleranza. Del resto questo blog non è un albergo e giustappunto nemmeno una casa di tolleranza. Caso emblematico è quello di un utente che frequenta per un periodo, poi non frequenta più e comincia ad utilizzare la distanza che ci separa per riempirla di parole non propriamente gentili, una per tutte proprio “Casa di tolleranza”, poi usa la stessa morbidezza lessicale di quelle parole così grondanti tolleranza, come Pollicino usava le molliche di pane per ritrovare la strada maestra. Pollicino, che in quanto piccola estremità calza a pennello con l'eru-dito. E io che faccio? A voi sembra che io non faccia, perché sempre secondo voi sarei molto tollerante o superiore a certe parole solo apparentemente morbide e gentili, tanto da passarci sopra. E’ giusto invece che vi confessi che non c’è niente di così elevato nel mio comportamento, anzi, il mio è al contrario un atteggiamento calcolato, fatto di mero interesse e di zero apertura mentale, non lascio mai niente al caso, e delle volte mi querelo persino da solo. Questo per dirvi quanto sia basso il mio profilo, mi sento un abitante degno di certe sale parto dove le suore recitano il ruolo delle protagoniste invece delle preghiere. Vi chiedo di riconsiderare la mia figura, sentitevi garantiti e protetti da un gestore calcolatore e non da un prono mollaccione. Vi faccio un esempio per giustificare il perché è possibile che io accetti in casa mia una persona che non mi ha descritto come suo ideale interlocutore e che quando torna a trovarmi, per ringraziarlo della sua franchezza confusa, gli faccio trovare pronto il tè con i biscotti.  Io faccio sempre entrare in casa mia certe persone che si presentano come eruditi ispettori dell’Inps o della Asl, anche quando capisco subito che in realtà è solo un pretesto per rubarmi dei soldi. Ma io, mansueto come un’alce mentre bruca il muschio scandinavo, quasi sempre faccio comunque finta di cascarci e mi faccio fregare di buon grado un po’ di denaro. D’altra parte, ed è per questo che mi definivo un calcolatore spietato, trovo molto più comodo essere truffato a domicilio piuttosto che dover uscire per andare fino alla banca. E poi sono convinto che c’è un disegno, sono convinto che niente avviene per caso, anche quando uno sembra querelare a caso, tutto ha una sua logica e un suo fine in questo mondo, il ritorno del figliol prodigo potrebbe concatenarsi con la vittoria a Catania che a sua volta innesca altri avvenimenti apparentemente incomprensibili come appunto una querela, se presi singolarmente estrapolandoli dal contesto. Mi riferisco per esempio alle leggi della fisica che preordinano le orbite compiute dai corpi celesti (vedi immagine anche se in bianco e nero), o alla teoria della relatività, tutte cose abbastanza ovvie delle quali si conoscono i meccanismi che le determinano e la loro utilità nel contesto universale. Nutro però qualche incertezza per altri fatti, che nel loro realizzarsi sfuggono alle mie indagini e ai miei studi, per quanto possano essere approfonditi. E non mi riferisco al fatto che Seedorf sia diventato il nuovo allenatore del Milan senza esserlo mai stato prima, perché anche Montolivo è diventato capitano senza prima essere mai stato uomo. No, ma come, ad esempio, quando mi capita di pestare una merda di cane subito girato l’angolo di via del Leone.

223 commenti:

  1. Buongiorno, che poi per me è quasi buonanotte. Mi sveglierò in tempo per vedere il primo gol di Matri ed il quinto(?) di Romulo. Intanto vi auguro una buona giornata e informo Pollock che ho postato il pezzo comune in differita.
    A più tardi, non litigate e non sparate agli svizzeri.

    RispondiElimina
  2. Chiarificatore19 gennaio 2014 09:08

    Può un tifoso viola oggi non essere galvanizzato per l'esordio di Matri, fortemente voluto, così come Berbatov, Toni, Larrondo e Gomez, da Montella, e compiacersi invece per il gol di Ljajic, oltretutto realizzato, come spesso gli capita, nella più facile delle circostanze?

    RispondiElimina
  3. Chiari, ti dirò che io non sono galvanizzato per l'esordio di Matri, sia perché è un prestito secco, sia perché è poco più di un modesto attaccante (in termini assoluti). Lo trovo sopravvalutato anche esteticamente. Poi, che segni e segni, così da farci vincere e vincere.

    RispondiElimina
  4. Oltretutto è il quarto gol e non il quinto.

    RispondiElimina
  5. Chiarificatore19 gennaio 2014 09:21

    Io ho fatto una domanda un po' più complessa, Antoine.

    RispondiElimina
  6. Chiarificatore19 gennaio 2014 09:23

    Di Larrondo, Montella l'anno scorso lamentò solo il ritardo con cui fu preso, infatti quest'anno si è compiaciuto non solo per l'acquisto di Matri ma per la tempestività con cui gli è stato messo a disposizione.
    La differenza tra Larrondo e Matri, così come quella tra Sissoko, anche lui arrivato l'ultimo giorno utile, e Anderson) dimostrano , così come tutta la campagna acquisti estiva, la crescita della società, la clamorosa evoluzione delle sue operazioni di mercato, alla faccia di chi, delirando, parla di involuzione.

    RispondiElimina
  7. In quanto allo Zaller, abbiamo a che fare con uno che - parole sue - vuole "emergere" sul web. È quindi consequenziale che goda se le sue previsioni, in genere nefaste per la Fiorentina (così sono per la necessità che ha di emergere) si avverano. Il suo tifo per Ljajic va visto in quest'ottica. Vi disturba? A me intristisce.

    RispondiElimina
  8. Chiarificatore19 gennaio 2014 09:26

    Matri non era il massimo anche dei miei sogni, ciò non toglie che se torna al suo massimo possa coprire alla grande un vuoto che s'è creato nella Fiorentina, ed in particolare in quella che ha in mente Montella. Ciò è più che sufficiente per galvanizzare un tifoso, mi pare.

    RispondiElimina
  9. Chiarificatore19 gennaio 2014 09:29

    Certo intristisce il comportamento dello svizzero, soprattutto perché sembra quello di un personaggio triste.

    RispondiElimina
  10. Sì Chiari, il tuo era un preciso riferimento allo Zaller, che però non delira, ma cerca di emergere sul web differenziandosi. Lui non crede davvero a ciò che scrive.

    RispondiElimina
  11. Chiarificatore19 gennaio 2014 09:31

    Il punto è, Antoine, che la strategia scelta, più o meno consapevolmente, per emergere è proprio quella di delirare.

    RispondiElimina
  12. Chiarificatore19 gennaio 2014 09:39

    La provocazione intellettuale-culturale è un metodo virtuoso di interloquire.
    In pochi però se lo possono permettere e, ancora in meno, sistematicamente. Chi vuole adottarlo questo metodo, e tanto più sistematicamente, non avendone nella maniera più assoluta i mezzi, non solo si espone al ridicolo, diventa famoso, ma come lo scemo del villaggio. Da qui la tristezza che suscita.

    RispondiElimina
  13. stefano vienna19 gennaio 2014 10:04

    Scrissi qualche giorno fa che i due attaccanti più forti della Roma sono Destro (più forte attaccante italiano) e Ljajic, mentre Gervinho è sopravvalutato e Totti fa quello che può. E che Garcia mi ha sorpreso per la sua difesa del Nutella che a Roma erano già pronti ad immolare a capro espiatorio per la mancata vittoria dello Scudetto -dopo naturalmente gli arbitraggi ostili solo a loro, in quanto squadra della città capitale d'Italia, con club di parlamentari, presidente del Coni, RaiSport come organo ufficiale e i miliardi occulti di Unicredit.

    RispondiElimina
  14. Chiarificatore19 gennaio 2014 10:09

    Il più forte attaccante italiano è Rossi.

    RispondiElimina
  15. stefano vienna19 gennaio 2014 10:10

    Detto questo, Gomez-Rossi sarebbero sopra Destro-Ljajic come coppia d'attacco. L'errore magari è stato vendere Ljajic ad una diretta concorrente, ma al Milan non si poteva regalare e non so quante altre squadre hanno bussato alle porte viola e quanto hanno offerto.


    Allo Zaller, come nota Antoine, importa solo lo scandalo magari condito da insulti da denuncia penale.

    RispondiElimina
  16. stefano vienna19 gennaio 2014 10:12

    Diciamo così, più forte centravanti italiano e secondo attaccante dopo Rossi (che però al momento è fuori). L'avevo già scritto prima del tuo intervento sotto al primo post.

    RispondiElimina
  17. Chiari scusa fa tristezza solo l'insistere a chiamarmi in causa, come se in assenza di questo tema non si sapesse di che parlare. Leggi i pezzi che ho dedicato sul blog a Cuadrado e Montella e ti renderai conto che io ho, come tutti, le mie preferenze e fisse. Mi piace un certo tipo di gioco, amo certi interpreti. A me piacciono Giuseppe Rossi, Montella e Cuadrado, e non impazzisco per il centravanti di area. Jordan non amava Rossi, tu sei sempre pronto a far scattare la critica verso Montella, lo stesso Jordan faceva a pezzi Viviano per preparare la strada a Neto. Inoltre mi riservo un diritto di critica, non ho il complesso del falso tifoso perchè conosco la storia viola nelle pieghe, seguo la Fiorentina da decenni e vivo in Toscana: non so se per voi è lo stesso, cioè se potete vantare una storia viola così lunga che inizia appunto dal sacco col giglio che usavo per andare alle gite alle medie.

    RispondiElimina
  18. Chiarificatore19 gennaio 2014 10:17

    Ho precisato perché avevi scritto attaccante.

    RispondiElimina
  19. Montella:
    "Matri ha giocato sia da prima che da seconda punta, nel 3-5-2 e come unico attaccante, è un giocatore versatile. Ci siamo mossi in fretta per prendere un giocatore che volevamo e che ci serviva."

    RispondiElimina
  20. Chiarificatore19 gennaio 2014 10:28

    Ludwigzaller, io ti chiamo in causa e continuerò a farlo in quanto tifoso viola e semplicemente perché ti chiami in causa da solo e ripetutamente qui ( dove sei tornato strisciando come un verme senza dignità dopo averci denigrato ed insultato in blocco ed aver auspicato la nostra fine) e nel sitone, cioè in siti di tifosi viola. Dovresti persino essermi grato, perché, per tua stessa ammissione, è quello che vuoi, essere chiamato in causa purchessia. Il punto è che lo fai in modo triste, come lo scemo del villaggio, delirando provocatoriamente. I tuoi deliri ripetuti ossessivamente li ho già puntualmente elencati. Vatteli e leggere e prova a rispondere invece che ripeterli maniacalmente o cambiare discorso.

    RispondiElimina
  21. Chiarificatore19 gennaio 2014 10:34

    Esattamente quello che voleva e nei tempi in cui voleva.

    RispondiElimina
  22. Chiarificatore19 gennaio 2014 10:38

    Quanto alla tua storia di tifoso viola, Ludwig, io non la metto in discussione, anche se iniziare solo alle medie è un po' tardi, io ad esempio iniziai già all'asilo infantile, in prima elementare recitavo la formazione viola esattamente come l'Ave Maria. Eh eh eh.

    RispondiElimina
  23. Come al solito o non capisci un cazzo o ti diverti a provocare. Che a me non piace Rossi non so dove l'hai letto. A gennaio dello scorso campionato avrei investito in uno già pronto per aumentare le probabilità di Champions, ed avevo dubbi sull'affidabilità fisica del giocatore, ma questo non c'entra niente con l'apprezzamento per Rossi. Infatti non siamo andati in Champions ed ora ci troviamo un giocatore bravissimo, che ha fatto i miracoli, ma che è di nuovo all'ospedale. Non ho mai fatto a pezzi nessuno ma ho sempre detto che l'operazione Viviano, essenzialmente di marketing, avrebbe rischiato di farci perdere un portiere giovane nettamente più forte. I fatti anche qui, non mi sembra stiano dandomi torto. Detto questo non mi nominare, io non ti nomino se non provocato perchè la mia disistima in te come persona è totale e non voglio averci a che fare.

    RispondiElimina
  24. Sono tornato Chiari molto episodicamente peraltro solo perché ci sono state prese di posizione chiare del gestore del blog, di Blimp ed anche tue. Quindi non di mia iniziativa, ma per amichevole desiderio di attutire le polemiche in un momento in cui se ne sentiva o così mi pareva il bisogno. Che i miei siano deliri se permetti è "delirante". Sono opinioni come le altre, qualche volta la società mi soddisfa altre volte no. Non pretendo investimenti folli e neppure lo scudetto. Ho detto mille volte che per me la gestione Della Valle è la migliore possibile, non so cosa vuoi di più.

    RispondiElimina
  25. Vincere oggi sarebbe determinante per il nostro cammino;a noi non serve un giocatore che segna solo il 3-0 o il 4-0 per poi sbagliare clamorosamente i gol del 1-0.A noi servono giocatori veri,uomini veri.Non sottovalutiamo Matri,ci riserverà non poche sorprese.Puó giocare sia da punta che da seconda punta;in profondità o per i corsa.Scambi nello stretto o in contropiede.Io sono assai fiducioso,e col rientro di Gomez voleremo verso alti lidi,in culo a chi critica le scelte societarie(veramente ridicoli questi ultimi).

    RispondiElimina
  26. "Per amichevole desiderio di attutire le polemiche" falso come le monete di bronzo! per patente desiderio di aumentarle le polemiche,che è il tuo scopo principale. Appena appari c'è un coro di vaffanculo e a te sembra di attuttire le polemiche! Ma vattene ridicolo.

    RispondiElimina
  27. Mi farebbe piacere non essere nominato in mia assenza con insulti tuoi se ti è possibile e non chiedo troppo ad un professionista dell'informazione.

    RispondiElimina
  28. Oggi si vince 3-1.In culo alla scaramanzia

    RispondiElimina
  29. Mi guardo bene dal parlare di te se non vieni qui a rompere i coglioni per provocare. Per me fuori di qui non esisti.

    RispondiElimina
  30. Chiarificatore19 gennaio 2014 11:22

    Io sono contro le esclusioni, Ludwig, e non ti considero uno
    che, di solito, interloquisce insultando. Questo ho detto.

    Diciamo che con i tuoi deliri ami insultare
    l'intelligenza dell'interlocutore, e che sei maleducato nel rimuovere,
    nell'ignorare, i suoi argomenti quando ti mettono in difficoltà, come hai fatto
    anche ora.

    Ciò detto sei andato via per tua volontà, il
    padrone di casa non ti ha mai cacciato, dopo di che, ripeto, ci hai insultato in blocco dal sitone,
    hai auspicato la nostra fine, ed ora come un verme senza dignità e come se
    niente fosse sei tornato. Molto triste da parte tua.

    RispondiElimina
  31. Sono curioso e fiducioso anche io su Matri, come credo tutti. Tranne, ovviamente, la pletora becera dei tifosi o pseduo tali, che ammorbano i vari siti con lamentele insopportabili e piagnone. Pensano di incarnare la vis polemica toscana/fiorentina ma fanno solo prudere le mani a chi li legge. Meno male che c'è il sitollock per disintossicarsi. Partita dura oggi per vari motivi, non ultimo la tendenza di Vincè ad avere cuore d'asino in trasferta un po' troppo spesso. Peccato perchè il purosangue che ha per le mani con un pizzico di cattiveria in più sarebbe ancora più in alto, infortuni o no, con buona pace dei coglioni frustrati che aspettano al varco il minimo passo falso per uscire dai loro bui anfratti.

    RispondiElimina
  32. Chiarificatore19 gennaio 2014 11:24

    Sottoscrivo.

    RispondiElimina
  33. Ho messo un anti virus contro chi scrive minchiate,fa diventare spazio bianco gli scritti.Funziona a quanto pare,vedo 3 spazi bianchi e la mia giornata è migliore.Jordan se vuoi te lo passo...

    RispondiElimina
  34. Grazie, passa, così il mio fegato ti ringrazia

    RispondiElimina
  35. Insipiente in linea di massima concordo;però é un dato di fatto che Montella ha una delle migliori statistiche della storia viola in merito alle vittorie esterne e che a cavallo dell'anno scorso con l'inizio di questo ha inanellato la serie record(comprese le coppe) di vittorie esterne.

    RispondiElimina
  36. www.antiminchiamlud.it

    RispondiElimina
  37. Io invece un po' meno. Abbiam fatto 17 punti in dieci partite fuori casa, uno meno della Roma e due del Napoli (che però ne han giocate nove), ma siamo quarti anche in questa classifica, ben prima dell'Inter che è a 13, e tutti gli altri a dieci o meno. Insomma tutta questo "cuore d'asino" mica lo vedo. Simao in lena con la nostra posizione generale, non vedo defaillances particolari fuori le mura.

    RispondiElimina
  38. Chiarificatore19 gennaio 2014 11:36

    E' verissimo quello che dici, DKNE, diciamo che la tendenza di cui parla Insipiente si è manifestata alcune volte. Io ad esempio l'ho vista due volte a Roma ed a Torino.

    RispondiElimina
  39. Scusate la polemica ma "cuore d'asino" detto di Montella non è esattamente uguale alle critiche distruttive dei toscani che Insipiente ha appena ricordato? Non è ugualmente destabilizzante antipatico offensivo?

    RispondiElimina
  40. Chiarificatore19 gennaio 2014 11:38

    L'ho scritto anche sopra, è vero quello che dici. Forse è più esatto dire che la tendenza di cui parla Insipiente s'è vista alcune volte. Io ad esempio l'ho vista due volte a Roma ed a Torino.

    RispondiElimina
  41. Chiarificatore19 gennaio 2014 11:41

    Le critiche distruttive sono quelle sistematiche, e/o generalizzate, e/o preponderanti, e/o infondate. Punto. Se non capisci questo, è un problema tuo.

    RispondiElimina
  42. Chiarificatore19 gennaio 2014 11:43

    Io oggi Montella non lo cambierei con alcun altro allenatore al mondo, eccetto Guardiola, ciò detto non è un Santo, e per me qualche volta in trasferta si è cagato addosso.

    RispondiElimina
  43. Questa è sistematica perché si riferisce ad un atteggiamento del tecnico e direi infondata. Gli altri due aggettivi mi sembrano poco precisi.

    RispondiElimina
  44. Chiarificatore19 gennaio 2014 11:46

    Non è sistematica appunto perché si riferisce ad UN atteggiamento, una tendenza più o meno marcata, io ad esempio ho parlato di episodi, ed ha una sua ragion d'essere.

    RispondiElimina
  45. stefano vienna19 gennaio 2014 11:47

    Invece io oggi sono moderatamente pessimista per la partita di oggi. Il Catania ha un tipo di gioco che ci ha messo spesso in difficoltà, Aggiungiamoci le fissazioni tattiche del Mister (che speravo superate, vediamo magari ci sorprende in positivo) e l'involuzione -legata anche al modulo- di Cuadrado. Certo, avere Matri e l'assenza di Lodi moderano alquanto i rischi che correremo.

    RispondiElimina
  46. Chiarificatore19 gennaio 2014 11:48

    Mentre invece dire che Montella quando apprezza gli acquisti di Gomez e di Matri mente, vuol dire fare non solo una critica distruttiva, ma insultare, calunniare e disprezzare Montella.

    RispondiElimina
  47. Aggiungerei Udine. La tendenza di punti fatti in trasferta è mille ori in confronto al passatto più o meno recente. Mi riferivo più all'approccio che al risultato finale in sé.

    RispondiElimina
  48. Loro giocheranno alla morte,questo é sicuro;sono praticamente all'ultima spiaggia.Inoltre noi non subiamo gol da tanto tempo(e la legge dei grandi numeri ha un suo perché).Ma noi siamo troppo più forti,per questo ho pronosticato 3-1 per noi;ad un risultato diverso dalla vittoria non voglio neppure pensarci...Anche per non leggere domani rimpianti nutelleschi

    RispondiElimina
  49. stefano vienna19 gennaio 2014 11:59

    Non subiamo gol da quando appunto Montella non schiera la formazione che pare schieri oggi pomeriggio con Pasqual terzino sinistro e falso tridente. Ovvero quella di Udine e Roma, le due ultime due sconfitte in trasferta.

    RispondiElimina
  50. stefano vienna19 gennaio 2014 12:10

    Per come la vedo io, non si tratta di coprirsi troppo, ma di farlo bene o male. Non si tratta di attaccare poco, ma di attaccare bene o male. Se Montella vuole fare il 4-5-1 (e oggi con un centravanti di ruolo potrebbe anche starci) che almeno metta i giocatori giusti al posto giusto e che ci sia equilibrio tra le due fasi. Ho ancora negli occhi la sconfitta di Udine e soprattutto il secondo tempo (il primo nemmeno si giocò così male) dove eravamo tagliati a fettine da gente come Allan e Basta, due discreti giocatori niente più (Udinese che non ha più vinto dopo quella partita).

    RispondiElimina
  51. Mi pare sia un discorso che riguarda TUTTE le partite quindi sistematico. Per quanto riguarda certi acquisti io temo sempre che i dirigenti non accontentino l'allenatore, è pericoloso e dannoso. Non vuol dire che Montella sia un robot, quello me lo metti in bocca tu, c'è una dinamica ovvia.

    RispondiElimina
  52. stefano vienna19 gennaio 2014 12:22

    Tra l'altro il Catania gioca con un 4-3-3 simile a quello di Roma e Udinese, ovvero che punta sulle ripartenze.

    RispondiElimina
  53. Chiarificatore19 gennaio 2014 12:26

    Tendenza, più o meno marcata, per me visibile in alcune partite, non significa tutte.
    Impara l'italiano, erudito.

    RispondiElimina
  54. Chiarificatore19 gennaio 2014 12:29

    Hai detto che ha mentito. Lo hai calunniato. Vergognati.

    RispondiElimina
  55. Chiarificatore19 gennaio 2014 12:31

    Io non ho detto che tu hai detto che Montella è un robot. Anche qui menti. Vergognati.

    RispondiElimina
  56. ..e questo tuo intervento non é seminare zizzania, eh? proprio no?? ne sei sicuro?

    RispondiElimina
  57. E invece dare dell'asino a Montella è ottima cosa.

    RispondiElimina
  58. Sai, mi ricordi un numero di Asterix intitolato " la zizzania" (credo) dove c'era un personaggio che come apriva bocca creava ,appunto, situazioni inestricabili di conflitti verbali, e l'autore metteva in verde questi dialoghi, per far capire che erano quelli indotti dalla zizzania provocata da questo personaggio. Divertentissimo. Su un giornalino pero', nella vita un po' meno...

    RispondiElimina
  59. Vigile, Asterix aveva certe edizioni con dei disegni bellissimi.

    RispondiElimina
  60. Qualsiasi cosa dica Montella, LUD, ha un appendice che la rende digeribile, anche se non piace (non ti piace la melanzana? Anche se la mangi la digerisci...): l'autorevolezza. Se Montella parla della duttilità di Matri, ciò significa che sa che cosa ha acquistato la società. Soprattutto ha affermato un qualcosa a suo "rischio e pericolo"(contro quelli COME TE): che può fare la prima e la seconda punta, quindi il Mister si assume una responsabilità (concetto difficile in Italia!), anzi due: è soddisfatto e ha trovato un giocatore-che al di a della fisicità diversa- può fare come Rossi, ciò predicatore nel deserto li davanti oppure essere uno dei due per un thé nel deserto. Importante ci siano i biscotti, come quando si richiama un cagnolino, come quando ci sono degli ospiti, come quando si vuol calmare un bambino, come quando qualcuno viene a trovarti, come quando...fuori piove, e tu vieni a cercare riparo o a tentare di vendere i tuoi ombrelli; ricorda che non comperiamo cineserie, cose di basso prezzo e basso valore.

    RispondiElimina
  61. «Sopravvalutato esteticamente»... ahahahahahahahahahah! Impagabile AntoineRouge! Continua l'interesse per Parolo, mio vecchio pallino e superiore di due spanne all'Infame: a quel punto la liquidazione del Pek appare scontata, con l'Anderson in rosa per giunta alla derrata (Ambrogio finirà fuori dai ranghi naturalmente, come la scorsa estate il surreale Migliaccio). Notevole ingresso dell'Insipiente! Un altro delinquente che va ad aggiungersi a questo balzacchiano club dei diecimila, il Vautrin dei quali non è chiaro se sia Pollock o Lud (gradirei che mi si lasciasse la parte di Rastignac, grazie! E quindi manca crudelmente una Delphine, grazie!). Circa il mio assistito, vorrei riunciare per una volta al mio tradizionale ricorso alla clemenza dei giudici e all'altrettanto stanca riproposta dell'incapacità d'intendere e di volere. Egli è stato evocato, egli ha risposto all'appello, signori della corte! E, come per incanto, il sitollock è partito, in una sonnacchiosa domenica mattina prima della gara, col doppio dei post in contesto similare. E voi vorreste condannare un uomo così? Voi non siete uomini, siete fiere spietate, siete stati allattati da tigre ircane!

    RispondiElimina
  62. La tua presenza non doveva essere episodica e senza parlare di calcio? Che ci vai a fanculo una volta per tutte? Non ci interessa quello che pensi su quello che si dice noi. Ti vuoi levare dai coglioni?

    RispondiElimina
  63. Non ce ne frega nulla di quello che pensi. Te lo metti in quella testaccia dura di provocatore? Vattene fuori dalle palle. NON TI SI VUOLE!!!

    RispondiElimina
  64. Se vi interessano le ripartenze del blog con i post del mentecatto erudito e le polemiche che provoca, a ma non interessa più, e me ne vado io. Tutti e due non ci si sta e lo dico per l'ultima volta.

    RispondiElimina
  65. Giudice, le chiedo di invitare le forze dell'ordine a far allontanare dall'aula il parente della vittima che sta esplodendo in intemperanze! Anche il peggiore dei criminali (ci si va vicino in questo caso, in effetti) ha diritto alla difesa in uno stato di diritto!

    RispondiElimina
  66. Oh, Vigile, anche a me è venuto in mente "Asterix e la zizzania": se non ricordo male era un agente infiltrato dei Romani per far litigare gli abitanti del villaggio di Asterix e causarne la rovina.

    RispondiElimina
  67. Non capisco perché, d'improvviso, ti rivolgi al Colonnello dandogli del "voi".

    RispondiElimina
  68. Perché sono molt autorevole, Anto... Comunque a me non «interessa» nulla, mica l'ho evocato io, stamattina, salvo lamentarsi che poi risponda.

    RispondiElimina
  69. Sì, ma tu sembri pascerti della sua presenza

    RispondiElimina
  70. Ma se ho postato per sessantatreesimo sul sitollock, stamani! Mi è rimasta la carcassa, voi (dico «voi»-voi) ve lo siete spolpato ben bene. E chiedo scusa al mio Führer per la metafora impiegata.

    RispondiElimina
  71. Chiarificatore19 gennaio 2014 14:08

    Per quanto mi riguarda non ho inviato Lud a rientrare e neppure ne chiedo l'esclusione. Sua è stata la decisione di andarsene sua, ed incoerente, è stata la decisione di tornare. Solo Pollock può decidere chi può o non può scrivere qui. In ogni caso, ripeto, il fatto che sia tornato a scrivere qui è umiliante soprattutto per lui. Io le sue cazzate in qualsiasi sito viola le scriva, quindi ovviamente incluso questo nostro, non le perdo di vista e continuerò a criticarle, come faccio anche in altri casi che mi sembra opportuno criticare.

    RispondiElimina
  72. Chiarificatore19 gennaio 2014 14:09

    Ah ah ah ah ah ah!!!!

    RispondiElimina
  73. Per me può scrivere chiunque, anche l'avvocato di chi mi querela per dire che non la pensa come la sua assistita.

    RispondiElimina
  74. Perchè non mi rivolgo solo al Colonnello, non è un plurale maiestatis.

    RispondiElimina
  75. Formazione ufficiale: 1 Neto, 40 Tomovic, 2 Gonzalo Rodríguez, 15 Savic, 23 Pasqual, 14
    Fernandez, 7 Pizarro, 20 Borja Valero, 11 Cuadrado, 32 Matri, 66 Vargas. Quattro tre tre fasullo, fuori Fac, dentro Pasqual, Cuadrado e Vargas fuori posizione... Vincenzì ce la mette tutta per non farcela vincere, ma i nostri ragazzi cercheranno di smentirlo.

    RispondiElimina
  76. Ma parlare di Fiorentina e evitare sistematicamente di replicare a chi ci sta sui maroni è difficile? Io vengo a leggere e scrivere per parlare di Fiorentina, passione comune a tutti noi, direi. Leggo le formazioni ufficiali e ho toppato la previsione: gioca Mati, ma siamo con 4-3-3. Davanti le frecce sulle fasce fanno paura: speriamo che Matri sia in palla con tutte le palle che arriveranno. Necessitiamo di inserimenti di centrocampisti e Mati-Borja ce lo possono garantire. Speriamo che dietro ci sia la tenuta delle ultime partite. Avanti senza paura!

    RispondiElimina
  77. Chiarificatore19 gennaio 2014 14:34

    Ottimo l'inserimento di Mati in gran forma. Vargas meglio in un 3-5-2, come Cuadrado, ma anche così potrebbe essere l'assist man giusto per Matri, che oggi ne farà due, anche se esteticamente è sopravvalutato, ah ah ah ah ah!!!

    RispondiElimina
  78. Se ho capito, Fac era in dubbio per la convocazione, Pasqual era scontato che rientrasse. Speriamo che Vargas renda comunque e che supporti Matri, così come gli altri centrocampisti, perché altrimenti vedo l'attaccante un po' solo...

    RispondiElimina
  79. Concordo su Mati, contento che giochi.

    RispondiElimina
  80. stefano vienna19 gennaio 2014 14:38

    Appunto è un 4-5-1, bene Mati e non Ambrosini, ma Roncaglia fuori e Pasqual dentro (in un ruolo che non sa fare) preoccupa molto.

    RispondiElimina
  81. Esatto, mi piacerebbe ricordarmi il nome del personaggio, sarebbe un bel nickname

    RispondiElimina
  82. In......10.......la .......Lazio.......vince.....facendo......tre.....picchi......all'.......Udinese..........!

    RispondiElimina
  83. Ah sì, è «scontato»? E perché è scontato? Perché il professor di fisica provando e riprovando ha scoperto che lo stronzo cade fumando? Ma è così che il professor di chimica soffiando in un cannello si è resa incandescente la punta dell'uccello!

    RispondiElimina
  84. Dai, non t'arrabbiare, non ne vale la pena. E poi senno' quell'altro si sente troppo importante

    RispondiElimina
  85. In presenza del centravanti di peso mette due esterni pure come era auspicabile con un Mati capace di suggerire per vie centrali avendo licenza di far male più degli altri centrocampisti. In questa trasferta può essere giusto schierarsi a 4 dietro ma davanti non c'è certo un tridente, l'unica nota stonata, Pasqual. Se rimane schiacciato dietro come immagino, indovinando una diagonale su otto darà apporto risibile al pacchetto, se aspetta l'uomo sarà saltato sistematicamente, avrei schierato un difensore che conosce i fondamentali.

    RispondiElimina
  86. Davvero Jordan, dargliela vinta non ha senso, facciamoci il sangue amaro, siamo in diversi, se prendere di stupido da tanti utenti lo fa sentire importante o crede di "contare" vediamo di ricordarglielo una trentina di volte il giorno.

    RispondiElimina
  87. evvai Mati! allora unn'ero troppo di fori nella mia formazione di ieri, infatti ti volevo davanti come spalla di Matri

    RispondiElimina
  88. ..e Matri ora !! che dà ragione di esistere anche a Pasqual

    RispondiElimina
  89. Cross da sinistra di Pasqual, zampata di Matri e gol: da quanto tempo attendevamo di poter vedere anche questo genere di gol. E quanti detrattori si cominceranno a ricredere....

    RispondiElimina
  90. Mati, Matri... Matrix?

    RispondiElimina
  91. Ma porca puttana, Tomovic, ripigliati!!!!!!!!

    RispondiElimina
  92. Si vede chiaramente che Montella non voleva Matri,questo inutile giocatore...ahahahah.Comunque il mio pronostico di 3-1 spero non si avveri a questo punto.Che il nipotino batta i record di imbattibilità!

    RispondiElimina
  93. Paqual in tutti tre i gol, Pizarro il condottiero virtuoso, Mati incursore top, Matri super. Ora vietato addormentarsi

    RispondiElimina
  94. Il bersaglio è il Napoli, un punto per volta e gli sfiliamo la champions da sotto il culo.

    RispondiElimina
  95. P.S.: sino ad ora Pasqual migliore in campo...e chi lo tiene ora il Gasbarroico?

    RispondiElimina
  96. Pollockone sei stupendo. Ti ho nel cuore.

    RispondiElimina
  97. Chiarificatore19 gennaio 2014 15:53

    Doppietta di Matri prevista, eh eh eh, ottimo Mati previsto, eh eh eh, ed anche fa gol.
    Pasqual che si rilancia alla grande, al suo massimo.
    Pizarro che vale il prezzo del biglietto.
    Il pallone è quello giallo, il pallone è quello giallo, il pallone è quello giallo!!!

    RispondiElimina
  98. P.S.S..:Jordan non fare i' bischero!Un tu l'hai messo l'antivirus?Funzione dammi retta..quando tu vedi qui' nome salta ai post dopo!

    RispondiElimina
  99. Tutti i Rinaudo del calcio nel nostro destino, ma vaffanculo!!!!!!!!!1

    RispondiElimina
  100. Maquinismo puro.

    RispondiElimina
  101. Azzoppato il buon Tomovic, inserire acqua di Lourdes nelle borse Sixtus immediatamente...possibile ci debbano toccare sempre degli zappaterra indegni e scorretti? Il fallo era cattivo e intenzionale. oltre che in ritardo.

    RispondiElimina
  102. E' il trionfo concettuale del centrattacco, ruolo che verrà spiantato dal gioco del calcio il giorno in cui verranno meno anche quello del portiere e quello del centrale difensivo. Passo sopra la doppietta e ricordo per onestà che avrei voluto, come molti altri qui, un centravanti diverso da Matri, più prolifico cioè e non effimero nella sua permanenza fiorentina: ma il gol di Mati Fernandez, in sé prodezza balistica di un giocatore la cui grandezza è stata misconosciuta dai tifosi, è propiziato da una difesa di palla organica a quel tipo di giocatore che con l'infortunio di Gomez avevamo purtroppo perduto. Il pur per altri versi grandissimo Pepito a quella palla non sarebbe arrivato perché soverchiato fisicamente oppure sarebbe arretrato di cinque metri facendo ripartire il tikitaka: Matri invece difende alla Bonimba ed è gol del sopravveniente. Così, dai primordi del calcio. Così, nel ventiduesimo secolo ancora, ci potete scommettere, se un asteroide impazzito non avrà fatto del nostro pianeta quel che il falso nueve ha fatto del cranio di Zazà.

    RispondiElimina
  103. Chi al posto di Tom adesso?

    RispondiElimina
  104. E menomale che 'unn'era lo stesso, come si era tenuto a precisare in settimana. E' uguale spiaccicato, te possino!

    RispondiElimina
  105. Inevitabile Musacchio. Oggi ottimo Tom sulla destra a pompare, peccato.

    RispondiElimina
  106. Rodri diffidato, non giocherà la prossima, oltre tutto!

    RispondiElimina
  107. Immensa prestazione del Pek, all'altezza dei più grandi nel ruolo degli anni Sessanta e Settanta!

    RispondiElimina
  108. Grande saggezza nella sostituzione di Matri, gli etnei hanno perso la testa, basta vedere il fallo di Spolli che non so come il guardalinee non abbia potuto vedere!

    RispondiElimina
  109. E stiamo pure giocando con un Borja al minimo!

    RispondiElimina
  110. Ma Matri lo sa fare l'esterno? Sennò lo rimandiamo indietro.

    RispondiElimina
  111. Mi piacerebbe tenere l'inviolabilità, pe' sentire icche disce poi qui' grullo che definiva da Florentia Viola la nostra difesa!

    RispondiElimina
  112. Eh, teste di hazzo, 'nde vu' siehe andati? Miha l'è finiha! E' voglio ancora du' go'!

    RispondiElimina
  113. Mati Fernandez, un ottimo mezzo giocatore, come disse quello. Il primo dei non eletti, come disse quell'altro. Gente priva di autorevolezza.

    RispondiElimina
  114. Comunque se mi fate restar solo per forza che sono autorevole!

    RispondiElimina
  115. Bene allora ne approfitto: Zazà capisce molto di calcio, molto! Voi, una sega!

    RispondiElimina
  116. In fondo se abbiamo vinto è grazie al quattro tre tre e alla capacità di Matri di assumere le vesti di un falso nueve. Vargas sembrava Ljajic, anche fisicamente se si vuole.

    RispondiElimina
  117. Traversa immane di Mati, il crisopodico.

    RispondiElimina
  118. Pollock è una fava. Cazzo merda piscia. Gomez dinosauro.

    RispondiElimina
  119. Con Gabbiadini sarebbe stata tutta un'altra partita.

    RispondiElimina
  120. Speriamo che Anderson non si riveli un acquisto di merda come Matri oppure il dissidio fra Montella e dirigenza scoppierà in tutta la sua asprezza.

    RispondiElimina
  121. Non c'è nulla di più volgare di un vero nueve.

    RispondiElimina
  122. Il problema del vero nueve è che banalizza le trame offensive, le rende prevedibili. Se non lo capite siete dei cazzoni. Al massimo, dei geometri.

    RispondiElimina
  123. Questo ormai è il sito del colonnello Blimp, avevate male allocato le risorse ma adesso la musica cambierà.

    RispondiElimina
  124. Ranocchia ormai panchinaro a Milano(dopo aver fatto segnare tutti i centravanti del campionato);Mazzarri ungulato perissodattilo

    RispondiElimina
  125. Stop di petto elegantissimo da parte di Mati: gua', AntoineRouge, se non mi porta alla tua parrocchia Mati non ci riuscirà mai nessun altro!

    RispondiElimina
  126. Abbiamo lasciato un quarto di palla-gol al Catania in tutta la partita.

    RispondiElimina
  127. Mi pare innegabile che io sia il più autorevole di tutti:pronosticato 3-1, sono veramente immenso!

    RispondiElimina
  128. Ti ha fregato il mancato acquisto di Dainelli, DKNE, sennò la previsione sarebbe stata perfetta.

    RispondiElimina
  129. e i felsinei hanno fermato i flegrei, vamonos!

    RispondiElimina
  130. Top 5 di oggi: 1) Pizarro, il Faro d'Alessandria, il Colosso di Rodi, il Kasparov della Fiore con i suoi tagli d'alfiere, di torre, e di regina. 2) Matri, la ventata di freschezza, il ponentino che ha soffiato sul caldo di Catania, gli occhi della gioia 3)Mati, tessitore, stilista fromboliere di genio, prepara le collezioni primavera- estate 4) Pasqual, presidio eccezionale e cavalleria leggera allo stesso tempo, una schizofrenia militare che farebbe venire la bile agli strateghi dell'esercito 5) Savic, geniale inventore del magnetizzatore del cuoio, arma segreta nascosta negli scarpini.
    Bene gli altri

    RispondiElimina
  131. Chiarificatore19 gennaio 2014 17:00

    Praticamente è come scopare.

    RispondiElimina
  132. amplesso etneo

    RispondiElimina
  133. Chiarificatore19 gennaio 2014 17:06

    Di più, è un'ammucchiata con Bologna e Genova.

    RispondiElimina
  134. Secondo tempo utile solo come riscaldamento defaticante.
    Oggi basta un attaccante vero, contro una squadra mentalmente già retrocessa. Matri fa quello che deve fare una punta che è tutto quello che poi ci serviva. Grande prova di Pizarro che se tutte le squadre lo ignorassero come ha fatto oggi il Catania, potrebbe andare in pensione con quarant'anni di contributi. Buono Mati, per il gol e per quel suo correre come se avesse le infradito quest'oggi produttivo.
    Non mi sono piaciute le ali, poco incisive sulla partita e che non hanno saltato l'uomo neanche quando del Catania c'era rimasto solo lo stadio. Borja a scappamento ridotto in una partita in cui non si è sentita l'urgenza di una sua prestazione monstre.
    La difesa sta diventando un fattore, l'ennesima partita senza subire gol è un dato importante che pare consolidare il fatto che dietro abbiamo abbandonato le amnesie. Mettiamo pressione al Napoli e andiamo a superarli a casa loro.

    RispondiElimina
  135. NETO 7 (uscita bassa alla Ghezzi, a rischiare l'osso frontale), TOM 7 (imperioso nelle proiezioni), RODRI 7,5 (radar e fioretto), SAVIC 7 (nessun orrore stilistico, oggi, e mai infinocchiato), PASQUAL 7,5 (dopo inizio spastico raddoppia più volte magnificamente su Vargas e presenzia in ogni nostra rete, poi attentissimo come giammai), CUADRADO 7 (oggi lavoro essenzialmente di cucitura, ma da bottega di Bruges, spreco di palloni ridotto pressoché allo zero), PEK 8 (una palla persa abatinesca, nel finale, altrimenti Overath più De Sisti), BORJA 6+ (che si sia potuto prescindere da lui, ancora in giornatuccia, per sfondare il groppone ai siculi dà l'idea della nostra valentia), MATI 8- (la classe, la classe, il resto ne consegue, e corre pure), VARGAS 6,5 (mica che faccia cose eccezionali, ma c'è e se Pasqual può dimenticarsi di esser Pasqual è per lo spazio che gli scava 'sto matto, il quale conserva più di un volt di quel che è stato), MATRI 8 (match-winner, nueve senza aggettivi), FAC 7 (non si passa, di lì), MATOS 6,5 (molto attivo, scapita soltanto dal confronto col mattatore che ha sostituito).

    RispondiElimina
  136. per forza é risentito, il polpaccio, dopo la pedata: magari é anche incazzato.....

    RispondiElimina
  137. Matri stesso sembrerebbe abbia detto che non dovrebbe essere nulla di importante, acne perchè ci ha giocato sopra e benissimo.

    RispondiElimina
  138. Quanto era che non si vedeva un goal come il primo di Matri? Cross basso e anticipo sullo stopper e palla dentro. Goal da centravanti, ma il centravanti non c'era. Ora c'è e son cazzi loro.

    RispondiElimina
  139. stefano vienna19 gennaio 2014 17:39

    "E' il trionfo concettuale del centrattacco, ruolo che verrà spiantato dal gioco del calcio il giorno in cui verranno meno anche quello del portiere e quello del centrale difensivo".



    Come sei retrogrado, Colonel. Ma non lo sai che il portiere nel calcio moderno è ormai un falso portiere ovvero ormai ha preso il posto del centrale difensivo?

    RispondiElimina
  140. Dispiace per Tomovic, era in forma super

    RispondiElimina
  141. stefano vienna19 gennaio 2014 17:41

    Sì, e bisogna anche dire che Pasqual e forse anche un falso tridente diventano meno prevedibili con un centravanti-centravanti, tra l'altro con una buona tecnica di base come Matri.

    RispondiElimina
  142. a memoria non si vedeva dal primo gol di mario gomez..

    RispondiElimina
  143. stefano vienna19 gennaio 2014 17:43

    Che sfiga! E sono già quattro ginocchia saltate: Hegazy, Gomez, Rossi, Tomovic.
    Speriamo che non sia troppo grave.

    RispondiElimina
  144. stefano vienna19 gennaio 2014 17:44

    Quello di Genoa, certo. E come notava Colonel, il primo gol spiega ancora meglio quanto c'è mancato Gomez.

    RispondiElimina
  145. infatti non sono per niente convinto che i due possano convivere

    RispondiElimina
  146. Neto 6,5 non lo impegnano praticamente mai ma non sbaglia nulla e c'è sempre e l'imbattibilità prosegue. Tomovic 6,5 bravo finchè c'è, ritarda un cross all'inizio e si contenta del calcio d'angolo, se crossa subito Matri era già andato a chiudere sul primo palo ed avrebbe segnato ancora prima. Gonzalo 6 non brillantissimo, forse il riposo gli farà addirittura bene, comunque oggi non era difficile Savic 7+ recuperi importanti, pare il più in palla là dietro. Pasqual 7 fa i cross di tutti e tre i gol ed è più che presente, l'accoppiata con Vargas funziona, Mati Fernandez 7+ conferma l'ottimo momento, il goal è da virtuoso del tiro, ed è vivace sempre, Pizarro 8 quando è così e chi lo discute, onnipresente direttore d'orchestra, B.Valero 6+ un po' in ombra rispetto agli altri due colleghi di centro campo sbaglia più del dovuto pur essendo spesso presente, Cuadrado 6,5 gioca più indietro, quasi da centrocampista e nell'affollamento della metà campo catanese non è che trovi molti sbocchi. Nel secondo tempoi c'è pura accademia e quasi una decisione di non infierire che lo frena. Matri 8: due gol e un assist in un tempo oltre ad un paio di validi interventi aerei difensivi e cosa si può chiedere di più? Habemus centravanti, vero! Vargas 6,5 gestisce bene la fascia sinistra con Pasqual ma è meno brillante del capitano se pure molto utile anche lui, Roncaglia 6,5 secondo tempo facile nel quale è difficile mettersi in mostra, però lui gioca bene, Matos 6,5 lotta con lo scorrettissimo Spolli (spero in una prova televisiva che gli dia 3 o 4 giornate di squalifica, il pestone sul capo è roba da criminali) e dà il suo contributo, anche se il confronto con Matri può essere impietoso, Ambrosini 6+ entra negli ultimi venti minuti ad amministrare ed amministra. Un paio di buoni interventi di testa dietro.

    RispondiElimina
  147. Però il Rinaudo deve essere il cognome delle merde. Anche questo ha fatto un intervento a bestia mica da poco

    RispondiElimina
  148. Certo che Frison fa cagher... Non è facile che un centravanti diventi prolifico all'età di Matri, ma occorre dire che, abbinando solidità e tecnica, in un meccanismo sommamente predisponente come quello viola ciò può succedere. E non mi preoccupa né la coesistenza con Mario né quella con Pepito (ovviamente, tutti e tre insieme non giocano).

    RispondiElimina
  149. stefano vienna19 gennaio 2014 18:14

    Credo poco al caso. Giocando al calcio in un campionato dove domina il non-gioco, gli arbitri consentono ai nostri avversari, spesso in affanno, interventi al limite. Poi se uno dice che Agazzi (l'arbitro neanche se n'è accorto) e Rinaudo erano da punire passa per piagnone, figuriamoci.

    RispondiElimina
  150. Spolli ha fatto volontariamente un gesto addirittura criminale. Mi sembra un miracolo che Matos non si sia fatto male seriamente. Ma la prova televisiva, in un caso come questo, è ammissibile?

    RispondiElimina
  151. stefano vienna19 gennaio 2014 18:22

    Ma appunto non è un caso che abbiamo tanti infortuni su azioni/falli di gioco, poi qualche volta ti dice bene e non si infortunano.

    RispondiElimina
  152. stefano vienna19 gennaio 2014 18:25

    Matri ha una media di quattro gol a partita in maglia viola.

    RispondiElimina
  153. Facile oggi stilare pagelle, ma non vedo nessun commento a come la squadra è stata messa in campo dal mister. Domenica scorsa eravamo impauriti, Montella ce la metteva tutta per far cacare, trovava scuse invocando assenza di una punta per nascondere suoi limiti. Oggi direi che la presenza di un attaccante vero ha fatto capire quale era il limite di domenica scorsa, che un punto in casa Toro non fosse da buttare. Oggi con tre pere nel primo tempo, gioco senza grandi sbavature, zero gol subiti per la quarta volta consecutiva in campionato, secondo tempo di relax e palleggio, un plauso all'allenatore lo si può dare. O no?

    RispondiElimina
  154. Domenica scorsa ci siamo trovati in una situazione limite, con l'attacco davvero spuntato. Ilicic andava provato, dopotutto dieci milioni di investimento non si buttano così. Purtroppo però il suo contributo non è stato rilevante. D'altra parte, il Torino è una squadra decisamente più temibile e messa meglio in campo. Ben sedici punti separano in classifica Catania e Torino. Per quanto riguarda il dibattito sul centravanti io sono d'accordo con Montella: la Fiorentina deve avere più assetti a disposizione, deve poter giocare in tanti modi diversi per sorprendere gli avversari con le varianti tattiche. Il modello è la Roma, che schiera al centro dell'attacco sia una punta più classica come Destro che Totti o Ljajic. Per quanto riguarda le previsioni bravo a Dkne che l'ha azzeccata, ma se permettete meno bravi sono stati quelli che avevano definito Montella asino per la sua vigliaccheria in trasferta (sic).

    RispondiElimina
  155. Orcio, ti rispondo: se hai Matri è un conto, se hai Pepito è un altro e allora Pepito devi affiancarlo come non affianchi Matri e come Montella non aveva fatto purtroppo anche in altre occasioni. Togliamo l'inconsistenza del Catania, che comunque giocava disperato e valendosi di un cambio d'allenatore per la sferzata: la mossa chiave sono stati gli sganciamenti molto frequenti e significativi di Tom e di Pasqual, inusuali in un 4-3-3 classico ma consentiti dalla posizione arretrata di Cuadrado e di Vargas che scalavano in copertura durante i raddoppi. La vena podistica di Mati (sostituito assurdamente contro il Toro) e di Pizarro (in crescita, indubbiamente, rispetto al match precdente) hanno poi aggiunto sodezza al livello tecnico non meno che sublime dei due cileni. Per concludere: Montella ha avuto una pessima performance contro il Torino, una ottima oggi. Nessun commento del Chiari, impegnato nella distribuzione dei suoi beni, che sta lanciando dal terrazzo ai bisognosi.

    RispondiElimina
  156. Blimp, grazie per la risposta, ti stavo pungolando, ma mi interessava il contenuto. Concordo con la tua analis in toto, specie sul discorso delle fasce, dove importantissimi sono stati gli scambi e le coperture di Vargas e Cuadrado, meno devastanti oggi, ma foondamentali, come ha fatto notare Pasqual nel post partita parlando di Vargas in tal senso.
    Spiamo di aver già dato con gli infortuni e se cosí si prospettano tempi interessanti e felici

    RispondiElimina
  157. Finché non c'è sintonia fra tecnico e società continueranno ad arrivare giocatori non richiesti, non graditi, ed il tecnico purtroppo sarà costretto a schierarli. Chiaro che siano il frutto del caso simili scelte e si deve incrociare le dita perché insistendo in questi duelli vengono mandate a puttane le stagioni e si rischia di rimanere con un pugno di mosche in mano. Spero che ritorni il sereno fra Montella ed il duo del mercato, la società, perdurando queste situazioni continueranno ad essere presi giocatori sgraditi. E' un dato di fatto che sia inspiegabile l'acquisto di Matri e che Montella, a differente di Conte, lui si uomo tutto d'un pezzo (Vedi Llorrente tre mesi in naftalina......) sia un provocatore nato mandandolo in campo per fargli capire quanto fosse superfluo l'acquisto dell'ennesimo centravanti. La casa di tolleranza servirebbe a chi fino ad 1 minuto prima della partita continuava a spacciare deliri e follie come fatti assodati e che dopo attacca con un discorso nuovo, differente, come se non l'avesse mai scritto; servirebbe eccome questa casa, basta una farmacia di quelle buone per tenerlo sedato e innocuo.

    RispondiElimina
  158. Chiarificatore19 gennaio 2014 19:20

    Il mio commento l'ho fatto prima della partita Colonnello, anticipando quello che poi è regolarmente successo: doppietta di Matri e grande prestazione di Mati.
    Cosa vuoi di più?


    La mia fiducia nasceva fondamentalmente dal centrocampo con Pizarro, e non Ambrosini, playmaker dal primo minuto, cosa che Montella fortunatamente fa quasi sempre, salvo le volte in cui si caga addosso.

    Assurdo a Torino fu aver messo Jakovenko ed aver giocato con Ilicic come finto centravanti ed unica (non)punta. A Torino si è cagato addosso, come due volte a Roma ed a Udine.
    Speriamo che non succeda più.

    RispondiElimina
  159. Leo guarda che i dubbi riguardano l'utilizzo di Matri assieme con Gomez. Oggi Gomez non c'era e Matri era titolare senza concorrenza e poteva svolgere il suo ruolo naturale. In generale, io continuo a nutrire dubbi su diversi giocatori arrivati a Firenze che col progetto di Montella c'entravano pochissimo, da Ilicic, che penso sia uscito ormai di scena, a Rebic, che rivedremo se mai in futuro ma non era pronto per una squadra che punta al terzo posto.

    RispondiElimina
  160. Chiarificatore19 gennaio 2014 19:25

    Un alluce di Matos, da quanto s'è visto anche oggi, vale più di tutto Jakovenko. E da come l'ho visto, anche a Firenze, mi sembra che Rebic sia persino più forte di Matos.

    RispondiElimina
  161. Inutile ciurlare nel manico, che tu non ricordi neanche quello che scrivi è pacifico, basta scorrere gli editoriali di questi ultimi 5 giorni, non c'è nemmeno da fare una grossa ricerca. Spari cazzate ma sul carro dei vincitori ci vuoi sempre salire, anche dopo l'ennesima ricopertura come questa, hai voglia, adesso, a scrivere che i tuoi dubbi riguardavano altro. Correttezza vuole che ammettessi di aver preso l'ennesima topica e di non capire niente di dinamiche societarie vedendo buio dove c'è luce abbacinante. Vergognati.

    RispondiElimina
  162. Non sai scrivere un commento senza insulti, credimi è un grande limite tuo Leo. Più volte io mi sono rifatto ad una dichiarazione di Montella del 7/1/2014 secondo la quale il nuovo attaccante doveva saper fare anche la seconda punta e l'esterno. Come prima punta Matri sembra funzionare, come seconda punta va verificato, come esterno non credo proprio possa giocare.

    RispondiElimina
  163. Eh no, tu hai scritto e riscritto che l'acquisto di Matri ti lasciava più che perplesso perché incompatibile con Gomez. Sarebbe stato cioè utile in assenza del tedesco, ma inutile una volta che fosse tornato. Adombrando anche il dubbio che fosse stato acquistato contro il parere di Montella. Non provare a cercare di cambiare le carte in tavola, non stai parlando con degli scemi.

    RispondiElimina
  164. Montella : "Matri può giocare con Gomez e anche con Gomez e Rossi insieme". LUDWIGZALLER, vedi un po' tu cosa rispondere a Montella, quello ti vuole smerdare....Mi raccomando, metti ben a nudo i difetti di Montella, dai!! Quello, Vincenzo, mica sa alternare le punte come Garcia....

    RispondiElimina
  165. Le parole sono di Montella: è necessario un giocatore che possa giocare con Gomez ed anche come esterno. Ho già detto che come unica punta Matri ha funzionato, per quanto riguarda il suo utilizzo come punta accanto di Gomez si è aperto qui ed altrove un dibattito. Esterno Matri non potrà mai esserlo. Dunque sussiste comunque una certa differenza rispetto all'identikit tracciato da Montella ma quanto questo possa essere un problema avremo modo di vederlo in seguito.

    RispondiElimina
  166. Beh in questo caso Sopra avremmo un Rossi che parte dall'esterno. E se non sbaglio c'è chi, come Leo, ha detto le peggiori cose di questa possibilità. Ad ogni modo credo che questa sia la classica ironia montelliana cui ormai siamo abituati.

    RispondiElimina
  167. Montella ha detto che Matri può giocare con Gomez d anche con Rossi, tutti quanti assieme. Sia possibile o no, non lo so, ma questo ha detto. Tu per una settimana hai scritto e riscritto che Matri non può giocare con Gomez, che il suo acquisto era pressoché inutile o quasi e che Matri era stato acquistato contro il parere di Montella. Adesso, da disonesto intellettuale che dimostri di essere, cerchi di smentire ciò che che hai sostenuto senza fare un minimo d'autocritica, così come sei tornato su questo sito senza scusarti con alcuno. Sai che considerazione ho di te e purtroppo trovi sempre il verso di confermarmi che è quella giusta.

    RispondiElimina
  168. Lud, quando Montella ti smentisce fa dell'ironia...

    RispondiElimina
  169. stefano vienna19 gennaio 2014 19:58

    E i'giannelli comincia a diventare un interlocutore serio, non possiamo fare a cambio, il mercato di riparazione è aperto o già chiuso?

    RispondiElimina
  170. Mcguire sai bene che sulla compatibilità con Gomez c'è un dibattito aperto anche su questo blog. Che possano giocare tutti insieme credo che sia un travisamento delle dichiarazioni di Montella o un gioco, più probabilmente un travisamento.

    RispondiElimina
  171. Fuor di metafora, Lud. doversti dire: "Scusatemi, ho sbagliato. Matri può anche giocare da seconda punta ed è questa la ragione per cui Montella ne ha caldeggiato l'acquisto. Da parte mia ho deidubbi sul fatto che possa giocare da esterno". Tu invece cerchi di resettare ciò che hai detto fino al giorno prima e fai finta di aver sostenuto il contrario.

    RispondiElimina
  172. Secondo me è un travisamento Blimp, Montella ha detto che Matri può giocare sia assieme a Rossi che assieme a Gomez. Non che possono giocare tutti e tre insieme. Se poi avvenisse Leo avrebbe torto marcio sulla collocazione di Rossi come attaccante esterno. Ah la dialettica!

    RispondiElimina
  173. Ti ho risposto sopra. Quanto al travisamento delle dichiarazioni di Montella sta di fatto che certe cose le ha dette, perché le hanno riportate tutti i siti. Forse scherzava, forse no, ma di certo ha dato il suo gradimento all'acquisto di Matri, proprio perché attaccante in gardo di fare sia la prima che la seconda punta. Nessuno ha parlato di un suo impiego da esterno, a quel che mi risulta.

    RispondiElimina
  174. Stefano, non scherziamo, Giannelli di calcio ne sa quanto Louis, l'araldo di Larrondo, o quanto il senese di Cerci pippa fantasmagorica. I' Giannelli lo preferisco da gobbo laggiù che da intenditore del menga qui. Lud, ma che può giocare con Mario l'ha detto.

    RispondiElimina
  175. In generale, Lud, sei smentito dal fatto che abbiamo giocato con un centrale centrale, poco o nulla arretrante, che tiene impavido la posizione e sul quale Montella ha costruito un gioco di fasce a raddoppi e coperture scambievoli e di penetrazioni centrali dove lui fa sponda.

    RispondiElimina
  176. stefano vienna19 gennaio 2014 20:07

    Sul caso Stamina, alcuni scienziati accusano i media, in particolare il programma Le Iene. Parla di "esempio eclatante di irresponsabilità nella pratica della libertà d'informazione" e di "danni irreparabili a persone e alla sanità pubblica" lo storico della scienza Corbellini, secondo cui nel programma televisivo, "interpretando al peggio la filosofia situazionista, che mescola finzione e realtà, sono state asserite circostanze insussistenti per manipolare e spettacolarizzare le sofferenze di malati e parenti", mentre "i fatti provati che condannavano Stamina sono stati trasfigurati".



    Come dargli torto?

    RispondiElimina
  177. stefano vienna19 gennaio 2014 20:10

    Anche i gobbi hanno un anima, Colonel. Ho più dubbi solo su quelli della maggica.

    RispondiElimina
  178. Quando il Centrale Centrale non ce l'hai ti arrangi e possono anche venir fuori ottime ricette. Ma i fondamentali restano i fondamentali. Quindi sempre meglio avercelo, il C.C., e lasciar che siano gli altri ad arrangiarsi.

    RispondiElimina
  179. L'anima l'hanno venduta: è col ricavato che comprano gli arbitri.

    RispondiElimina
  180. stefano vienna19 gennaio 2014 20:15

    E comunque sempre meglio che stare qui a discutere sul tradimento 'futuro' di Montella (la cui pazienza ha raggiunto un limite palesemente manifesto in tutte le sue dichiarazione pre e post-partita) e su Ljajicicce falso nueve.

    RispondiElimina
  181. Quella del tradimento futuro di Montella fa pensare agli oroscopi: qualcosa di buono o di cattivo succede sempre, sul lavoro o in amore o alla salute. Un giorno Montella non sarà più della Fiorentina: banale, direi. Un giorno noi tutti moriremo. Domani si leverà il sole.

    RispondiElimina
  182. A questo punto ce l'ho anche con voi che gli rispondete a questo verme strisciante privo di spina dorsale che ha la faccia come il culo e torna sempre nonostante i calci in culo che piglia. Non ci interessa un cazzo di quello che pensi di Matri, di Gomez, di Montella, del 4-3-3 e del calcio in generale sei un "hommemerda" che non deve apparire da queste parti. Chi ha a cuore le sorti di questo blog non lo caghi nemmen di striscio per favore, visto che si ostinano a lasciare le porte aperte ed entra di tutto.

    RispondiElimina
  183. stefano vienna19 gennaio 2014 20:22

    Intanto il giornalista giallorosso (lo so è un ossimoro) Vocalelli si lamenta del favore che il Milan ha fatto alla Fiorentina un favore cedendogli Matri.

    http://www.repubblica.it/rubriche/tackle/2014/01/19/news/matri_subito_decisivo-76384442/?ref=HRERO-1

    E questo nel secondo giornale d'Italia, anch'esso voce, a pari di Rai Sport, della squadra più aiutata (finanziariamente e politicamente) d'Italia.



    Lo stesso giornale che indirizzò Calciopoli in combutta con i Carabinieri della Capitale (quelli con le forbici anti-Della Valle).


    Certo, è anche il giornale dove scrive ancora uno che scrive da 70 di politica e non ne ha mai azzeccata una: l'infallibile al contrario Scalfari.

    RispondiElimina
  184. Piuttosto, la buona prova di Pasqual e la necessità di provvedersi di un difensore, dopo l'infortunio a Tom ed essendo sempre in ballo Dainelli, potrebbero provocare un rigurgito di violenza su sito di Foco. Autore: il Grand Armagnac. Situazione da tenere sotto osservazione e da denunciare eventualmente alla polizia postale.

    RispondiElimina
  185. Chiarificatore19 gennaio 2014 20:25

    Ah ah ah ah ah!!!

    RispondiElimina
  186. Ben detto Jordan. Ora pensiamo che un annetto fa Catania fu fatale a Neto, che oggi invece vi celebra il record di imbattibilità dal 2000 in poi. Mi fa piacere leggere che anche tu saluti il primo gol di Matri come schema a lungo mancante tra i nostri di attacco. Oggi si è visto come un attaccante di peso sia molto utile alla squadra che non ha bisogno di sfiancare i vari Borja e Cuadrado, riservandoli per momenti più importanti e sfide più complicate. Oggi ho anche capito il mazzo che si è fatto il buon Pepito a giocare un intero girone in un ruolo dove il peso è molto importante. Nel secondo gol di Matri, invece ci ho visto la capacità di andare sempre e comunque verso il portiere, cosa che anche questa mancava un po' al Pepito, che rende al meglio vicino all'ariete come accennato nella meravigliosa e abbagliante prestazione di Genova alla seconda di andata. Se aggiungiamo un Mati che ha capito il calcio italiano e ora appena riceve palla è reattivo e non gliela porti via se non con un fallaccio, con Aquilani a riposo, mi domando solo: ma un difensore backup di Gonzalo in questo mercato, il recupero di Mario Gomez e poi possiamo aspettarci decisamente una seconda parte di anno scoppiettante, neh?

    RispondiElimina
  187. Lud abbozzala! Smettila perché non ti scrivo più neanche che rompi i coglioni, io degli inviti alla tolleranza con uno come te non li accolgo. Smettila di rigirare frittate e princìpi. Io ho scritto che Matri è incompatibile con Gomez perché le ritengo due punte centrali. Mai mi sono sognato di sostenere che Matri fosse qui per un dispetto o un'attrito fra Montella e i DS/DG. STOP! Tu hai scritto, anzi, hai dato per certo, che fra tecnico e DS ci sono dinamiche che portano a scontri e che questa "tendenza" è da evitare ed invertire perché pericolosa. Non c'entra un cazzo il 4-3-3, l'esterno, la seconda punta nel tuo ragionamento, tu hai affermato una cosa che con l'utilizzo o un ruolo non c'entra niente. Ma proprio niente. Vai per i sessanta o li hai già passati, sarebbe ora che per una volta nella vita ti comportassi da uomo anche perché, fra non molto tornerai bambino. Tu ti sei messo avanti con il lavoro. Complimenti.

    RispondiElimina
  188. Ma la prossima contro il gobbaccio Gasperini la difesa come la sistemiamo? Vero che Savic e Roncaglia sembrano tirati a lucido ultimamente ma Gonzalo è il vero perno della retroguardia. Compper? E' un po' che non si vede. Tomovic out quindi scelte praticamente obbligate con difesa a tre, o sbaglio?

    RispondiElimina
  189. McGuire l'hai definito tu un hommemmerda e mai definizione fu più appropriata, e poi ci stai a discutere? Lascialo perdere che parli solo con chi ce l'ha rivoluto questo lombrico.

    RispondiElimina
  190. Ho allertato i cani l'unità cinofila anti-lacca da capelli.

    RispondiElimina
  191. ...e 200...complimenti all'oste Pollock!!!

    RispondiElimina
  192. Orcio io ci spero ed incroccio le dita. Certo è che dopo una partita come quella di oggi c'è da entusiasmarsi, però il Catania nel secondo tempo era una banda di morti e la partita è durata 45'. Stranamente un arbitro intelligente che non ha concesso recupero finale. In genere son così ottusi da essere capaci di farla durare tre o quattro minuti di più.

    RispondiElimina
  193. Chiarificatore19 gennaio 2014 20:52

    C'è Pasqual, tirato a lucido.
    Contro il Genoa io prevedo Roncaglia-Compper-Savic-Pasqual.

    RispondiElimina
  194. Il Genoa gioca con una sola punta vera, Gilardino, gli altri sono centrocampisti. Per questo potrebbero bastare Compper e Savic centrali, ma io spero si torni al 3-5-2 che con Matri potrebbe dare risposte offensive importanti.

    RispondiElimina
  195. Chiarificatore19 gennaio 2014 21:11

    La penso come te Foco, ma ho l'impressione che il 3-5-2 lo vedremo solo quando tornerà Gomez.
    Per adottarlo ora dovrebbe far giocare Rebic o Matos con Matri, e sembra che non ne abbia l'intenzione.
    Poi rimane il problema che nel 3-5-2 uno tra Pasqual e Vargas deve stare fuori, e temo che Montella sia più propenso ad escludere Vargas.
    Secondo me contro il Genoa vedremo lo stesso schema di oggi.

    RispondiElimina