.

.

venerdì 30 novembre 2012

Ergo sarà ergonomica

Quando si dice una passione a tutto tondo s’intende capace di sopportare i momenti difficili, di tipo smussato proprio come il nostro attacco che domenica con la Samp sarà più ergonomico anche del famoso starnuto di Pininfarina che a causa della sindrome da coefficciente aerodinamico che lo aveva colpito negli ultimi anni della sua vita, si rifugiava spesso nella galleria del vento da dove si era messo in testa di dare al suo starnuto meno resistenza all’aria di una Lamborghini Miura. Per dire che il nostro attacco domenica sera avrà la sindrome di Pininfarina, privo cioè di punte, una rotondità d’insieme che ho voluto rappresentare nella foto attraverso quella collana anche se i più sospettosi, quelli per intendersi della pontellizzazione, dubiteranno addebitandomi pensieri sotterranei rivolti a rotondità sostanzialmente diverse e molto meno metalliche, sospetti volgari ma per un certo verso anche coerenti, per non dire prevedibili, perché in questo scetticismo di maniera esce fuori tutta la cultura del sottobosco che Diego ha sempre denunciato, l’esistenza cioè delle cosiddette Mammelle Ebe. Il problema della carenza di punte esiste però, a prescindere dagli infortuni o dalle pontellizzazioni che tra l’altro avevano previsto anche i Maya, una rotondità che a differenza di quella del cognac, non è sinonimo di qualità ma di difficoltà, perché la Samp si abbasserà dietro la linea della palla quasi come Brunetta pur d’intasare gli spazi, e allora potrebbero davvero essere cazzi. Ma la rotondità che è normalmente insita nel nostro gioco, proprio nei casi di una carestia di reparto dovrebbe avere la prerogativa di garantire l’aggiramento delle difficoltà. Come? Con la logistica della manovra. Perché ci vuole qualcosa che sia piacevole non solo all’occhio ma anche al tatto, e allora che cosa potrebbe essere meglio per la mano se non la manovra, che alla fine è quella che identifica proprio una squadra alla mano, senza eccessivi narcisismi sempre fini a stessi, che portano poi a un gioco barocco privo di incisività, a un vero delitto della praticità, agli inutili fronzoli che riservano incognite come la verità della Franzoni a Cogne. Ce l’ha insegnato proprio il Barcellona che preferisce la ricerca degli spazi alla punta di concezione più statica, con quel modo di far girare la palla fatto apposta per allargare le maglie della difesa in modo da creare i famosi spazi per gli inserimenti verticali, non per forza delle punte ma di chiunque si butta negli oliati meccanismi che sono come le fettunte, che annichiliscono per non dire che abbrustoliscono gli avversari sulla gratella, quello che alla fine vuole proprio Montella. L’unica cosa che mi preoccupa in una partita dove anche il pronostico si vergogna ad essere palesemente tale, è il fatto che non potremo neanche puntare a fare tredici perché lo abbiamo già fatto contro la Juve Stabia, quale altro giocatore potremo mandare in rete potrebbe diventare il tema del giorno, chi si butterà in quei famosi spazi che diventano centravanti all’occorrenza, e la seconda foto è uno scatto rubato agli appunti tattici di Montella dove è chiaro il riferimento alle torri gemelle che non ci sono più come del resto il centravanti classico, quello cosiddetto di peso, o in un concetto di calcio che sta via via scomparendo e che lo stesso Toni ha rappresentato prima di essere abbattuto dal terrorismo tattico di Glik Laden, la torre appunto, e la soluzione è proprio nei movimenti a scalare fino agli interpreti dal baricentro più basso e quindi più veloci a infilarsi negli spazi per toccare le vette della rotondità di manovra, e non come pensano i maligni della pontellizzazione, di toccare con mano le rotonde tette.

37 commenti:

  1. Ancora zero commenti? Allora ne aggiungo uno io. Ciò che in materia di goal segnati la Fiorentina di Montella abbia raggiunto numeri analoghi a quelli delle Fiorentine di Mutu e Gilardino, nonostante si venga dicendo che ha una potenza di fuoco molto inferiore. Sono certo che anche domenica riusciremo perciò ad ovviare all'assenza delle punte titolari con i giusti inserimenti dei centrocampisti e con El Ham, del quale però continuo a non essere un fan sfegatato in quanto lo vedo bravo ma estremamente macchinoso. Seferovic è ugualmente macchinoso quando prova ad andare oltre la sua tecnica individuale, ma velocissimo e risolutivo quando agisce d'istinto e si esibisce in tiri al volo, girate e colpi di testa. Non dimentichiamo che ha già al suo attivo parecchi pali. La tecnica è utile al centravanti, ma ci sono stati grandi attaccanti, e penso a Graziani, che non aveva certo piedi di velluto. 

    RispondiElimina
  2. Ciò che colpisce è che in materia: errata corrige.

    RispondiElimina
  3. Infatti, Ludwig,  io a gennaio non cercherei  tanto l'attaccante puro con affanno,  quanto di  garantire al centrocampo la stessa qualità anche in assenza di uno o due del trio delle meraviglie.

    RispondiElimina
  4. Buongiorno,LUD...oggi fosse poker avresti aperto tu,ma sembra non ci sia neanche un cip...se c'era almeno un piccolo uccellino poteva esserci un micro-cip,invece nulla.Bella la nostra passione a tutto tondo,senza neanche un Larrondo in avanti o al limite il grande Rondo,torre e cuore dei Boston Celtics(ieri espulso,non fa per noi);noi siamo quelli del Tondo Doni,da architetture a sesto tondo o al massimo a tutto sesto;ciò porta alla mente un uomo da carattere alla Bragadin,tale Agnolin,che proferì al gobbo di turno "Te fazo un sesto tanto..." e Bettega piagnucolone lo rese pubblico dopo una partita vergognosa.Si,possiamo pensare al gioiello di Pininfarina,la Miura e ringraziare di non avere Preziosi che acquistò Kazuyoshi Miura.L'arte è rotondità,sinuosità,curve che immortalano la bellezza,le punte e gli spigoli indicano dolore,bruttezza figurata;come la bruttezza dei Mammella Ebe,che avrebbero voluto il derby con la squadra di Mammarella all'Ardenza.Gli angoli sono per noi la gioia del gol che verrà,l'angolo è dove andava messo il Monto,ottuso come un triangolo mai effettuato perché lui va per linee orizzontali,senza orizzonte passato(secondo lui)ma con un tramonto auspicato(per lui).La nostra manovra è delizia per i cinestetici,addirittura esaltazione per i cinefili del Sitollock.Sicuramente i ciclisti Doria scaleranno,lo faranno diligentemente i nostri se attaccati,pur con le difficoltà tricologhe del caso,poiché a Mati andrebbero scalati i capelli,al Pek rinforzati ma a Borja Valero cosa dire?Che i pidocchi gironzolano sulla sua cabeza con gli avvocati al seguito.Ora la bacheca annunci:AAA baby-sitter con provata esperienza offresi,assicuro sia dolcezza sia polso per il vostro piccolo.Telefonare ore pasti ad Annamaria F.-Bologna).

    RispondiElimina
  5. Beh, Sopra, io un cip l'ho messo, sotto, e venendo da un genovese, non è poco.

    RispondiElimina
  6. Caro Sopra, aveva davvero assai da dire Penna Bianca, che a Novellino, che lo affiancava uscendo dagli spogliatoi a Torino per big match quando il Perugia minacciava il primato gobbo, disse testualmente: «Ragazzo, ricòrdati in quale stadio stai giocando!». La risposta fu un vaffanculo di cui l'eco ancora risuona in riva al Po: da allora i giornali torinesi cominciarono, come per caso, una campagna tambureggiante contro Novellino caratteraccio e dribblatore avulso.

    RispondiElimina
  7. Be',BLIPM,Novellino non si dimostrò un novellino,mentre si dimostra più ingenuo(o più mamma Ebe?)che novellino Mr.Quartagenerazioneviola che è molto risentito per le critiche ad Antognoni,motivo per il quale aveva deciso un volontario esilio dal sitone:cosa non inventerebbero coloro che criticarono pur di avere ora un dolcino,un biscottino,magari un novellino da intingere nel latte delle mammelle di ebe,purtroppo a secco ora.Faccio notare lo sdegno in casa Juve per il caso Corino-Rubentus,con la striscia desneyana che, parafrasando verità per troppo tempo nascoste causa editoria e media veteroinginocchiati a casa Agnelli,diventa renudista ad honorem.

    RispondiElimina
  8. Mancando Jovetic-Ljajic-Toni, mancando Aquilani, immaginando che El Ham sarà titolare mentre Seferovic andrà in panchina, e ritenendo che un 3-5-2 con  El Ham e Mati in avanti non sia la soluzione migliore, per domenica mi aspetto qualche novità tattica.

    RispondiElimina
  9. Potrebbe anche provare la coppia El Ham/Cuadrado davanti con Cassani sulla fascia. Mati non mi sembra ancora integrato.

    RispondiElimina
  10. Ricordo la polemica Bettega vs Agnolin, da qualche parte nel garage degli orrori ho un vecchio Guerin Sportivo con loro due in copertina, dopo quella famigerata partita. Lud, ho un grosso vuoto di memoria, e lo dico senza ironia: oltre a quello col Toro, quali sono stati gli altri "parecchi pali" di Seferovic? Comunque di lui penso che abbia qualche qualità interessante, ma non sia ancora nemmeno lontanamente pronto per giocare nella Fiorentina, a meno che non abbia un'improvvisa crescita a ritmi forzati in questi giorni. Vecino: fortunatamente Brovarone e il giornalista Magrini ristabiliscono la verità sul giocatore, descrivendolo per quello che è in campo, ossia un centrocampista con licenza di tiro, e non una punta.

    RispondiElimina
  11. Sopra, penso che Quartagenerazione sia in buona fede, è un vero fanatico di Antognoni [molto oltre l'amore e la considerazione che gli portiamo tutti noi, credo che lo ritenga superiore anche a Cruijff e Zico o poco ci manca, solo Maradona reputa un marziano irraggiungibile], il suo fastidio per gli sbeffeggiamenti al Mito è reale, può benissimo essersi allontanato dal sitone a causa di ciò. 

    RispondiElimina
  12. https://www.google.it/search?um=1&hl=it&newwindow=1&tbo=d&biw=1280&bih=606&tbm=isch&sa=1&q=sexy+pronostico&oq=sexy+pronostico&gs_l=img.3...80560.86190.0.87300.8.7.1.0.0.0.132.865.0j7.7.0...0.0...1c.1.OrZmcGHgcQ8

    Impazza la moda del sexy pronostico. Pensate a cosa ci siamo risparmiati con il transfuga Capitan Cartapesta [©Conhinhi] al Milan! Le voluttuose nudità delle montolivette, profanate da scritte a pennarello "Montolivo 5-Resto del Mondo 0"!

    RispondiElimina
  13. Quindi,DEYNA,il Quartagenerazioneviola è una trasposizione alla Ingmar Bergman di ciò che Magda ha fatto sceneggiare da Plauto: l'amore(sportivo per Quartag.,fisico per Magda)per un calciatore.

    RispondiElimina
  14. Si parla di prove di 4-3-3 in allenamento ma non capisco con quali uomini: Cuadrado a destra c'è, ma a sinistra chi? Pasqual finto esterno di tridente, alla Delio con Vargas? E a centrocampo chi? Migliaccio tra i due sommi? Come Aldo Fabrizi alla cerimonia degli Oscar in mezzo a James Stewart e a Cary Grant? Solo in difesa avremmo soluzioni credibili e anzi ottime, con quel modulo.

    RispondiElimina
  15. Un 4-3-3 possibile con questi uomini potrebbe essere:

                                      NET...ooops, VIVIANO

      RONCAGLIA           RODRIGUEZ        SAVIC           TOMOVIC

                 OLIVERA [Migliaccio]     PIZARRO      BORJA VALERO

                                            MATI FERNANDEZ

      CUADRADO                                                           EL HAMDAOUI

    RispondiElimina
  16. Via, Deyna, e Mati lì che c'entra?

    RispondiElimina
  17. Centravanti arretrato, a prendere palla dai centrocampisti e lanciare le punte per i tagli...Un "diez", insomma, grossolanamente, se vogliamo. Non che questa squadra mi entusiasmi, messa così, ma sempre meglio che vedere l'orrore, con Pasqual a fare l'ala/seconda punta...

    RispondiElimina
  18. Blimp tra l'altro non son mica così convinto che Aldo Fabrizi, come attore, fosse peggio dei due americani. Certo fisicamente era, diciamo, un po' diverso..........

    RispondiElimina
  19. Potrebbe creare due corsie laterali con quattro esterni che si scambiano: due esterni destri, come Cassani e Cuadrado e due sinistri: Pasqual e Romulo, due centrali (Rodriguez e Roncaglia), tre centrocampisti: Pizarro, Valero, Mati, ed un'unica punta, Seferovic o El Ham. In pratica: Viviano, Cassani /Roncaglia Rodriguez /Pasqual, Cuadrado/ Pizarro, Valero, Mati/ Romulo/ El Ham (Seferovic). Lo scopo sarebbe quello di mettere in difficoltà gli avversari con gli inserimenti degli esterni e il movimento dei centrocampisti in modo da creare superiorità numerica e garantire possesso di palla in avanti. In pratica il modulo che si è visto nel secondo tempo con la Juve Stabia.

    RispondiElimina
  20. Come esterni destri Cassani e Cuadrado si fanno preferire e sembrano ben assortiti. Cassani le poche volte che è apparso quest'anno non ha fatto male, tutt'altro. Come esterni sinistri credo che Pasqual prenoti un posto come sempre, l'altro posto se lo giocano Llama e lo stesso Tomovic, che in quel ruolo in coppa ha fatto benissimo. Romulo può giocare sia a centrocampo che come esterno tanto a destra che a sinistra, è il vero jolly. Migliaccio potrebbe entrare per Mati in caso di necessità di difendere il risultato.

    RispondiElimina
  21. Esatto,LUDWIGZALLER,esatto:mercoledì avevo sotto di me,nel 2o tempo Cuadry,Cassy,Van Romulen che hanno creato sempre superiorità numerica.BLIMP,Mati a Lisbona ha giocato molto da rifinitore,per non parlare del periodo Colo-Colo,lui vero incantatore di serpenti,vero incartatore di cioccolatini per El Chupete Suazo(cfr.Colo-Campêon,doppio Dvd bootleg-La Tienda del futbol sudamericano en la tu casa)

    RispondiElimina
  22. Nel secondo tempo della partita con la Juve Stabia la nostra superiorità è stata schiacciante, hanno tirato sia i centrocampisti che gli esterni, oltre che naturalmente l'attaccante e la squadra avversaria ha sofferto subendo meno goal di quante siano state le chiare occasioni. Una strada da proseguire domenica, a dimostrazione delle alternative tattiche offerte dalla rosa.

    RispondiElimina
  23. Lud, se a Firenze la nostra superiorità contro la Juve Stabia non fosse stata schiacciante ci sarebbe da preoccuparsi.

    RispondiElimina
  24. In teoria si, Blimp, ma dopo il primo tempo non dirmi che non ti era venuto qualche dubbio.

    RispondiElimina
  25. Lud, lo sapevo che avresti ceduto di nuovo alla tua addiction, ma io la tremenda coppia di terzini sulla fascia destra Comotto-De Silvestri non la voglio più vedere! Ahahah. Andiamoci piano poi col trarre conclusioni dalla partita con lo juve Stabia, squadretta di serie B, per quanto ben organizzata da Pierino Braglia.

    RispondiElimina
  26. Cuadrado e Cassani hanno già giocato insieme in coppa Italia con Tomovic esterno sinistro. In campo c'era anche Romulo. Non mi meraviglierei se questi quattro fossero in campo anche domenica. O se a sinistra ci fosse Pasqual. La partita era facile ma qui si parlava di efficacia del modulo. E non dimentichiamo che facile o difficile nel primo tempo abbiamo rischiato non poco.

    RispondiElimina
  27. Ludwig, scusami se mi intrometto, ma nel primo tempo abbiamo rischiato non a causa di questo o quel modulo, ma semplicemente perchè in campo c'era la Fiorentina B e per giunta non molto determinata.

    RispondiElimina
  28. L'undici africano




    3 4 2 1 o 3 4 3
     

     

                              Viviano

    Roncaglia          Gonzalo      Tomovic(Savic)Borja      Migliaccio        Pizarro              Pasqual  

              Cuadrado                 El Ham                         Seferovic  

     

    Lele(coach)
     

    RispondiElimina
  29. 1) O 4-3-2-1 così:

                                                      VIVIANO

       RONCAGLIA                SAVIC               RODRIGUEZ             TOMOVIC

             ROMULO(DELLA ROCCA)    PIZARRO             BORJA

                             CUADRADO                          MATI

                                                   EL  HAM
           
    --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

    2) o 3-4-2-1 così:

                                                  VIVIANO

                   RONCAGLIA            GONZALO            SAVIC

    ROMULO(CASSANI)        BORJA           PIZARRO        PASQUAL

                          CUADRADO                           MATI

                                                EL HAM                   

    RispondiElimina
  30. Oops, in una ho scritto Gonzalo e in una Rodriguez, vabè

    RispondiElimina
  31. Secondo me vedremo una staffetta tra El Ham e Seferovic, con Pasqual e Cassani sulle fasce, 3 in mezzo (solito ballotaggio Savic-Tomovic), centrocampo Valero, Pizarro, Mati e Cuadrado in appoggio. Ci sono troppi destri forse, ma non penso che rinunci ai meglio piedi avendo poca forza davanti, fino a prova contraria che spero ci dia il marocchino, che mi piace una cifra, veloce di pensiero e di piede. Ricambio un saluto a Lele di qualche tempo fa: scusa caro africano, ma vengo da un periodo molto intenso (come tanti immagino) dove ho frequentato il sito in modalità read-only con qualche incursione qua e là. Certo Lele vedere oggi Pizarro andare oltre le mie pur fiduciose aspettative e vedere come anche tu ormai lo consideri insostituibile nello scacchiere storico attuale mi fa molto piacere. Oggi la catena di comando a mio parere è la seguente: ADV-Pradè-Macia-Montella-Pek (con i colonnelli Borja e Gonzalo e l'assaltatore Facundo).
    Ciao! 

    RispondiElimina
  32. La numero 2 di Vitalogy mi convince più che tutto.

    RispondiElimina
  33. Sulla partita di coppa, vorrei chiedervi un commento a questa riflessione, anche se forse è meglio attendere anche la prossima sfida con l'Udinese: siamo una bella realtà, certo ma si vede che siamo in fase embrionale anche per il fatto che fatichiamo a reggere più del fronte campionato. Certo, una amichevole e una partita di coppa non possono portare ad un giudizio certo, ma qualche indizio si affaccia. Insomma, a me pare che, tolti i giocatori di maggiore esperienza (e qui il ruolo di Pek, Valero e Gonzalo) il resto della squadra debba crescere mentalmente parecchio. Le prospettive sono ottime, non voglio fare la checca isterica, vediamo cosa succede al prossimo impegno di coppa.

    RispondiElimina
  34. Azz, scusate, e scusa Vita: la tua numero 2 è come la pensavo io, non l'avevo letta attentamente. Copyright di Vita anyway...

    RispondiElimina
  35. 'un ti preoccupare Orcio, non sono geloso delle formazioni, tanto di sicuro non l'avrò azzeccata eheheh

    RispondiElimina
  36. Milan che beneficia di una follia di Barrientos che trancia Nocerino frontalmente da ammonito e si fa cacciare. Pareggio in evidente fuorigioco e Catania in bambola con raddoppio di Boateng. Il Milan è cresciuto, un aiutino qua e là e ce lo ritroveremo in mezzo alle palle prima o poi....

    RispondiElimina
  37. Frattanto, il Milan vola su ali gentilmente offertegli dall'arbitro. Lo scopo è chiaro.

    RispondiElimina