.

.

giovedì 8 novembre 2012

USA e getta

Vince Barack Obama mentre davanti alla locandina della Nazione in Piazza Santo Spirito un vecchio fiaccheraio dava la colpa a quel barackone di Corvino, un po’ perché rincoglionito e un po’ perché Pantaleo gli stava sul culo a scoppio ritardato, e allora borbottava scatarrando per terra gli interessi passivi maturati dal vizio del mezzo Toscano, facendo polemica col vecchio DS dopo aver capito che avevamo comprato Ogbonna. Gli Stati sono Uniti mentre Firenze non tanto,  come sempre, tra chi tifa contro i Della Valle e chi invece aveva puntato tutto su Romney come nuovo attaccante da prelevare a gennaio, pensando si parlasse di Rooney, quel Whaine che in città, per chi mastica giusto due parole d’inglese tanto per cercare un approccio alla carlona con un turismo da inculare il prima possibile, era parso wine, il fedele compagno del panino col lampredotto, da preferire e per combattere proprio quel turismo mordi e Fiuggi. Si perché Firenze è piena di “rintronahi”, che pensano che quel tipo di turismo “veloce” sia inteso come quello di chi mangia un panino con un bicchiere d’acqua, che è una bestemmia nella patria dell vino “bono”, come chi ieri, prima s’è incazzato con i Della Valle tanto per assolvere al dovere quotidiano, e poi s’è scagliato contro la pubblicità. Ero a mangiare dal trippaio di Porta Romana e il malumore già si tagliava come il centopelli, c’era uno che pur non essendo assessore asseriva di essere in difficoltà a seguire un film su Rete 4 proprio per via della pubblicità che lo spalmava in un tempo infinito pari a quello concesso alla Lazio per pagare l’Irpef, e proprio a proposito di tutta questa pubblicità che ti martella dalla mattina alla sera, rimarcava il suo disgusto dopo che su tutte le locandine in città, ma anche sui giornali e in radio, invece dei soliti titoli di politica o di cronaca, ieri aveva trovato un così largo spazio la pubblicità a caratteri cubitali della Cobrama, “tanto un vu’le vendehe più a nessuno le macchine” era stato il suo commento pieno di sarcasmo misto a salsa verde, scambiando di fatto il presidente degli USA per il concessionario Volkswagen di Scandicci. Il mondo del tifo è molto variegato, quello fiorentino in certe sue sfumature è sia variegato che col variatore, come quando con il Ciao si pedalava per aiutarsi sulla salita del San Gaggio, perché Firenze è molto popolare e allora arranca nel suo provincialismo, specie nella sua popolazione meno giovane che soffre l’ondata massiccia di tutti questi stranieri dai nomi impronunciabili, e più ci si allontana dalla città e più soffre, e negli ultimi due anni dove il bel gioco ha latitato, il vero spasso almeno io l’ho trovato andando nelle campagne intorno a Firenze, a respirare quell’ironia involontaria tipica di una popolazione più ruspante. Alla casa del popolo di Montespertoli per esempio, rubizze figure uscite sane e salve ma a fatica dal pranzo della domenica, appesantiti da indumenti fradici di calorie, tra rutti in vernacolo, nomi storpiati, digestioni lentissime con derive d’abbiocco quasi catatoniche, vivono troppo lontano da fatti così importanti come le elezioni americane, vicinissimi invece alle cose più materiali di tutti i giorni. Imbattibili nel far tornare i conti. Gente capace di tirare fuori dalla terra il proprio sostentamento, e in un annata triste come quella scorsa ho assistito al modo più casereccio e allo stesso tempo geniale di ottimizzare le risorse. Soprattutto in tempi di crisi. In una sala colma di passione e di sofferenza, in maestosa solitudine, un eroe della pennichella esultava come un bambino al replay del gol della Fiorentina di cinque minuti prima, In piedi e a braccia alzate verso un surrealismo da far accapponare la pelle anche a Dalì. Mi era sembrato davvero uno spregio quello di sentire gente infamarlo sostenendo che era sempre lo stesso gol e che quindi valeva solo uno, io invece avevo fatto finta che s’era raddoppiato. Pezzo di merda! Intanto davanti al circolo Vie Nuove “ yes we can” è già diventato Yepes e Ujcani.

61 commenti:

  1. Mai, Pollock, la bandiera americana sventolò più gloriosamente su un pennone! Questa qui, cui perdonerei anche il montolivettismo (non c'è pericolo, non è racchia, non ha bisogno di compensi), a occhio e croce è del Colorado e sta festeggiando la vittoria di Baracche per Ispanici al grido di «Yes, we cannabis!».

    RispondiElimina
  2. Che Montolivo tirasse con Prandelli più che con Miha ancora non l'hai provato, Lud, in tanti post che hai scritto sull'argomento. Montolivo nasce trequartista nell'Atalanta, più disponibile al tiro che nel ruolo che gli costruirà poi Prandelli, non impara a tirare con Prandelli, è una risorsa che ha di base e che non realizza a pieno a causa della lentezza e della scolasticità del suo approccio, come descrisse in un post memorabile quel grande intenditore di Drago che aspettiamo qua sul sitollock da sempre.

    RispondiElimina
  3. Non ho provato che tirasse di meno, ma è pacifico che con Sinisa, anche per altre ragioni ben note, il giocatore abbia subito una involuzione tattica e tecnica. Se anche questo non lo ritieni vero allora mi arrendo.

    RispondiElimina
  4. Chiarificatore9 novembre 2012 00:28

    Stesse a me ( "e meno male che non sta a te!", direte voi, soliti cazzoni) in assenza di Jovetic metterei là davanti Ljajic e El Ham, convinto che  si  integrerebbero alla perfezione. Invece Montella farà come vuole lui e c'avrà anche ragione, eh eh eh.

    RispondiElimina
  5. L'attuale miglioramento di Montolivo può essere spiegato con il fatto che al Milan si impegna di più, ma fa giustizia sulla vecchia idea che sia un giocatore lento ed inutile. Come previsto (almeno da me) si è inserito, gioca bene ed è sempre tra i migliori. Non ho alcun dubbio sul fatto che a Firenze sia stato ben sostituito: da giocatori come Valero che non lo fanno assolutamente rimpiangere e che gli sono probabilmente superiori. C'è chi dice che il centrocampo della Fiorentina sarebbe ancora più forte se ci fosse anche Montolivo, ma francamente trovo questo discorso pretestuoso ed inutile. 

    RispondiElimina
  6. Chiarificatore9 novembre 2012 00:28

    Che tu ti arrenda non lo credo neppure se lo vedo, Lud.

    RispondiElimina
  7. Chiarificatore9 novembre 2012 00:28

    E' un diesel!

    RispondiElimina
  8. Chiarificatore9 novembre 2012 00:28

    S'è spostata da sola (da Firenze).

    RispondiElimina
  9. Faresti bene, Lud: a Firenze il giocatore era in vacanza da quando non rinnovò il contratto e si accordò col Milan, subito dopo i Mondiali.

    RispondiElimina
  10. Chiarificatore9 novembre 2012 00:28

    L'ultimo sacrosanto post del Colonnello mette una pietra tombale sull'attendibilità di qualsiasi considerazione tecnica su Montolivo che si basi sui suoi ultimi due anni a Firenze. L'ho scritto qui sotto, era un auto posteggiata da spostare. Un diesel!

    RispondiElimina
  11. Chiari, la maggior parte degli strilloni (per dirla col Sopra) opta per la tua soluzione (che condivido), una minoranza delira di Mati+Ljajic, una minoritaria pensa a Toni+Ljajic, pochissimi a Mati+Toni, nessuno (mi pare) per Toni+El Ham. Ma l'uomo vede e Montella provvede.

    RispondiElimina
  12. E' il faro di una squadra depauperata di stelle, in crisi e con allenatore licenziando, ha segnato due autogol (come dice Deyna) ma noi dovremmo incensarlo. Ma de che?????? Giocatore da squadra di centro-classifica, come Segnamai.

    RispondiElimina
  13. Dicci piuttosto, Lud, di questo Hajrovic, ventunenne centrocampista del Grasshoppers sotto contratto fino al giugno 2015, per il quale ci sarebbe un'asta fra noi e la Lazio.

    RispondiElimina
  14. Queste le parole di Estiarte, braccio destro di Guardiola:  «In Italia non si gioca più il miglior calcio europeo, anche se c'è una
    squadra che mi piace da pazzi: la Fiorentina di Montella. Come gioca
    bene! Contestano che non segna molto? Intanto il pallone ce l'hanno
    loro, andatelo a recuperare!». Senza commento!

    RispondiElimina
  15. Anch'io voto per Ljajic+El Hamdaoui (il primo ha giocato a Genova una delle sue migliori partite in viola e il secondo ha lasciato intravedere indizi di doti mirabolanti), anche se Mati è una risorsa che merita di essere recuperata. Ha quasi tutto per emergere. Il "quasi" è dettato dall'incapacità, sino ad ora manifestata, di dialogare proficuamente con i compagni e di trovare la corretta posizione in campo.

    RispondiElimina
  16. ATTENZIONE : Sono riuscito a mettermi in contatto con Jordan.  Lui sta bene ma ha qualche preoccupazione per suo figlio che sembra avere qualche problemino di salute, che però deve ancora essere valutato.  Può anche darsi che non sia niente di serio. Tuttavia Jordan in questo momento non se la sente di discutere di calcio.  Quindi lo aspettiamo,  fiduciosi che i suoi pensieri scompariranno e che tutto si risolva per il meglio.  Mi ha chiesto di salutare tutti a suo nome, cosa che faccio volentieri.    Rinnovo a lui i miei sinceri auguri affinché tutte le sue preoccupazioni vengano presto dissipate.

    RispondiElimina
  17. Mi associo agli auguri di attila a Jordan.

    RispondiElimina
  18. La salute di Jordan e famiglia innanzitutto. Mi associo agli auguri.

    RispondiElimina
  19. Chiarificatore9 novembre 2012 00:30

    Auguri sentiti anche da parte mia a Jordan ed alla sua famiglia. 

    RispondiElimina
  20. LUD,abbiamo provato a fare come il Gran Maestro La Vallette a Malta,lui strenuo difensore dell'isola ma tu sei stato più tenace degli Ottomani dell'epoca e su Montolivo hai vinto ai punti,quelli di sutura alle nostre teste che cozzavano contro le tue tesi.CHIARI,pur non essendo cliente della (banca)Coop io coopto tuo tandem d'attacco,contando sul fatto che i movimenti di El Ham sono poco conosciuti,per ora.Faccio notare l'ennesima rivoluzione,modifica ai campionati minori ma continuano ad ignorare i problema del grande calcio...,straordinario il titolo di Stadio,sembrava i gobbi avessero vinto la Champions!Bene per la solita vittoria delle banche negli Usa e AUGURONI di cuore a Jordan ed erede!

    RispondiElimina
  21. Colgo l'opportunità di essere ospite in questo blog per rispondere all'interrogativo,proferito ieri sera,di Antonio Conte:"Sono stato io ad esultare al gol del Chelsea".Sicuramente leggerai questa risposta Antonio ma sappi che ingannevole,poiché tanti,più dell'immaginabile hanno esulato iersera.Ora ho un dubbio:mi leggerai?O non ti dedichi a letture colte?Sei un altro che non alza l'asticella bensì solo la voce?Dimenticavo,probabile ti abbiano bocciato anche all'asilo,quindi....ab agro,tu.

    RispondiElimina
  22. Al terzo rigo è "esultato",in luogo di esulato.

    RispondiElimina
  23. Chiarificatore9 novembre 2012 00:31

    Il boato in sala stampa a Torino al gol di Moses in presenza del parrucchino che, dopo i capelli,  perde anche la testa, non ha prezzo. Grande Torino! 

    RispondiElimina
  24. TOCCA L'ALBICOCCA9 novembre 2012 00:32

    Anche io mi associo.

    RispondiElimina
  25. Lo sentivo che c'era qualcosa che lo impediva. Jordan, ti voglio bene, e sono convinto che non sarà nulla. Sono con te col mio cuore di padre.

    RispondiElimina
  26. E adesso, per far apprezzare pienamente il divario fra una grande persona (Jordan) e una testa di cazzo di levatura mondiale (il Giannelli), ecco a voi un sottoprodotto della merda in forma di post:






    «08/11/2012 10:49:37  i'giannelli, Fosse solo pato. I pericoli arriveranno da
    tutte le parti come piovesse. Da destra bojan, a sinistra l'egiziano al
    centro pato e pazzini. Da fuori montolivo. Ed i minuti sono 90. Solo un
    miracolo potra' salvarci. Se finisse pari mi lascerebbe amaro. io a milano
    vorrei vincere ma bisogna essere realisti. Non dovremo farli mai
    avvicinare alla nostra porta».

    RispondiElimina
  27. Notate, o Amici, che secondo il Giannelli favissimo solo un miracolo può salvarci, però sarebbe amareggiato se pareggiassimo, siamo più forti ma bisogna essere realisti e cioè rassegnarsi a perdere coi più deboli. A questo punto la gogna non basta, si tratta di fargli passare una barra indandescente attraverso il Grande Canale, a questo deficiente senza pari.

    RispondiElimina
  28. Auguri a Jordan e al figlio anche da parte mia

    RispondiElimina
  29. Forse sono eccessivamente dietrologo e complottista per mia natura, ma sospetto che i'giannelli e paolone siano due invenzioni della redazione per attirare un po' di commenti, dopo il fuggi-fuggi creato dall'abbassamento del livello delle conversazioni ad opera di vari isterici maleducati e multinick

    RispondiElimina
  30. Intanto il gat ha evitato di replicare a tutte le risposte schiaccianti che gli sono arrivate ieri: qualche giorno di silenzio, poi nella notte tra domenica e lunedì vergherà nuovamente il solito papiro su Montolivo, a prescindere da quelli che saranno stati il risultato della gara e la prestazione del giocatore.
    Fa come quello che prende la multa per non aver pagato il parcheggio mentre era a pagare una multa presa per non aver pagato il parcheggio mentre era a pagare una multa presa per non aver pagato il parcheggio...

    RispondiElimina
  31. Sono d'accordo, Vita, o loro o il baseballista che cerca sfogo e consolazione ai suoi dolori. Ad ogni modo, se credono di risollevare il livello con questi due pagliacci virtuali stanno freschi. Del resto, non vedo resipiscenza redazionale circa il multinickismo villano, hanno permesso al Dorfino imbecille ed eunuco, sotto le pagelle, uno show suicida e sùbito in rotta. Di sicuro, con questa coppia (in effetti, è un solo coglione sovradimensionato) alimentano di lazzi il nostro aureo sitollock e quindi continuino pure così.

    RispondiElimina
  32. Ahahahahahahahahah... Vitalogy! Attendiamo allora la sua prossima, romeriana notte dei morti viventi... ahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  33. In bocca al lupo al grande Jordan, sperando si risolva presto e bene la situazione familiare. Quanto al complottismo, Paolone e i'Giannelli sono così caratterizzati nel loro disfattismo, da sembrare in effetti inventati. Voglio dire, il vero disfattista col culto della dismissione di questi tempi vincenti si eclissa, tornando sui fondali col suo brown submarine, in attesa di periodi migliori, ossia sconfitte della Fiorentina, o avvisi di garanzia per Della Valle [ma anche un mezzo gol di Montolivo, per i meno strenui e radicali, a volte può bastare a cagionare la riapparizione miracolosa].

    RispondiElimina
  34. Forza Jordan, la famiglia e la sua salute prima di tutto. Ti sono vicino!

    RispondiElimina
  35. Mi associo agli Auguri per Jordan e la sua famiglia.

    RispondiElimina
  36. ahahah Colonnello in effetti un che di questo della foto ce l'ha l'autore dei pipponi notturni

    RispondiElimina
  37. Ah, e chi non vuole che si parli ancora di Montolivo, se la rifaccia prima con Pallavicino per primo!

    RispondiElimina
  38. Chiarificatore9 novembre 2012 00:33

    Mette tristezza anche il flop del Bardazzi, col suo tentativo fazioso, nemmeno tanto recondito,di ridare un po' di fiato agli anti-viola e filo-montolivo del sitone. Oltretutto immediatamente ridimensionato l'espertone, quanto a competenza calcistica,  dal deynone nostro.

    RispondiElimina
  39. Intanto il viscido Pallavicino, libero dalla presenza di Corvino, cerca di riconquistarsi le simpatie dell'ambiente viola, sperando in nuovi affari da concludere con una Fiorentina sempre più ambita dai giocatori. 

    RispondiElimina
  40. I'Giannelli è ufficialmente bipolare.Urge modifica alla Legge Basaglia,non si possono ammassare tanti degenti sul sitone.Certo che se con Montolivo si fosse applicato il sistema applicato al ragazzino nuotatore,rasato a zero per la scarsa performance in Svizzera,il Milan avrebbe un calciatore totalmente glabro e pelato.

    RispondiElimina
  41. Bardazzi deve aver battuto i'capo... se è vero che stando con lo zoppo si impara a zoppicare, mi sa che stando con Pallavicino si impara a cadere da cavallo

    RispondiElimina
  42. ahahah ma guarda che senza passata non sentirebbe più stimoli per giocare a calcio

    RispondiElimina
  43. Non vedo bipolarità nel Giannelli, Sopra, solo una costante, profonda depressione unipolare, con punte di pessimismo cosmico.

    RispondiElimina
  44. Grandissimo, talentuosissimo, bellissimo, amatissimo River Phoenix.

    RispondiElimina
  45. Facundo Roncaglia si sta scaldando nel picadero, per domenica.

    RispondiElimina


  46. Si ceni! Per quanto comunicatomi, con gnocchi di fave alla menta; hummus di ceci con crostini di farro; pomodori grigliati. Vino: Nero di Troia.

    RispondiElimina
  47. Mi unisco agli auguri a Jordan, ti s'aspetta!

    RispondiElimina
  48. ANTOINEROUGE....My own private Idaho.

    RispondiElimina
  49. Eh ma non vale, hai pure il cuoco/a! Io invece farommi cous cous di farro con curcuma, burro chiarificato [in onore del Chiari], zenzero, cipolla ed erba cipollina, quindi solita caduta nell'abisso della sarcofagia con braciolina di maiale allevato all'aperto, con aglio e rucola. Vino: primitivo di Manduria.

    RispondiElimina
  50. Beh, se è stato allevato all'aperto non vedo cosa possa obiettare al coltello del macellaio. Mica vorrà anche vivere il porco! L'hummus l'ho preparato io, gli gnocchi sono una gentile concessione.

    RispondiElimina
  51. Africa solidale


    In bocca al lupo,JORDAN.
     
    Lele

    Un augurio a Jordan e alla sua famiglia al quale mi associo anch'io.Sono a Milano e non ho potuto farlo prima.

    Ti aspettiamo
    Gianni

    RispondiElimina
  52. Deyna, sei stato colpito basso, non so se te ne sei accorto... La nostra cattiva coscienza e la nostra cattiva logica di carnivori ci rende i Paolone, i Giannelli, i Barry e i Mambo di AntoineRouge.

    RispondiElimina
  53. Ahah ma mica volevo scaricare la coscienza, con quell'"allevato all'aperto", era solo per sottolinearne la qualità. In generale e per gli altri onnivori, naturalmente, ché Antoine non lo può vedere come alimento. Ad ogni modo la morte c'è stata, ma almeno la vita l'ha fatta buona...

    RispondiElimina
  54. Deyna, alimenti paolonescamente la polemica di AntoineRouge... Al quale confesso il mio imbarazzo di carnivoro-gobbo di educazione, d'ambiente e di cultura, il quale rimuove goffamente ogni volta che un vegano o come cazzo vi chiamate lo inchioda alla sua miseria. Comunque non escludo che con la tua martellante campagna tu riesca a farmi franare, un giorno o l'altro.

    RispondiElimina
  55. Chiarificatore9 novembre 2012 00:37

    Anche io t'ho capito nel senso che poi hai spiegato, Deyna. Il fatto è  che hai provocato AntoineRouge con la battuta sulla sarcofagia, ed a lui non è parso vero cogliere l'occasione per aumentare in te il senso di colpa che già era ben presente in quel diminutivo "braciolina", eh eh eh.

    RispondiElimina
  56. .Oltre ad avere qualche amico vegano e qualcun altro vegetariano, ho un parente abbastanza stretto che è vegano, e ho avuto per qualche anno una fidanzata vegetariana: al di là dell'immensa difficoltà di conciliare pasti sia in casa che fuori, confesso che quando mi rinfacciano le mie abitudini alimentari non ho argomentazioni valide per replicare a loro (e difatti non replico, ma non riuscirei mai a convertirmi), a cui mi permetto di fare solo un'obiezione seria e una faceta: 1)faccio veramente fatica a comprendere il rifiuto di uova e latticini qualora provengano "dall'aia". 2)I dolci vegani, fatti usando ad esempio la banana come coagulante (si fa per dire) alternativo all'uovo, pur sforzandomi di mangiarli quando me li servono, li trovo disgustosi.
     

    RispondiElimina
  57. Ti dirò, Colonnello, che fatico a definirmi vegano. Io sono vegetariano: sono quelli che così si definiscono che non lo sono, dato che uova, latte e derivati non crescono nell'orto.

    RispondiElimina
  58. Quanto alle obiezioni di Vitalogy: 1) non c'è modo di allevare animali per sfruttarne i derivati senza uccidere; 2) tutto sta alle capacità del pasticcere.

    RispondiElimina
  59. A "pasticcere" manca una "i".

    RispondiElimina
  60. Leggo ora di Jordan, al quale voglio dire che gli siamo vicini e a cui auguro che tutto si risolva per il meglio, sperando quindi di poterlo incontrare (virtualmente) al piu' presto.

    RispondiElimina
  61. Leggo anche che avete disquisito di Montolivo. L'altro giorno ho visto il secondo tempo di Milan - Malaga ed effettivamente il Monto e' stato uno dei migliori, dei suoi, anche se bisogna dire che e' un Milan dove spiccano anche Emanuelsson, il quale gli anni scorsi era sempre uno dei peggiori e quest'anno eccelle, e Bonera, per anni panchinaro milionario e oggi guida della difesa quasi fosse un Baresi o un Nesta.
    Il Monto evidenzia pero' sempre la sua inquietante caratteristica, di cui ho gia' parlato, di essere discontinuo all'interno della stessa partita: gli ho visto fare un gran recupero sull'avversario e un lancio stupendo all'attaccante, poi subito dopo ha sbagliato di cinque metri un facile appoggio laterale e si e' fatto superare, direi quasi uccellare, da un avversario in maniera sconvolgente. Mi sembra che questo ragazzo stia dilapidando le sue capacita' tecniche ed atletiche, che non sono indifferenti, non solo per la cronica mancanza di personalita', ma anche evidentemente per scarsa concentrazione. Resta il fatto che sta giocando molto meglio che da noi negli ultimi due anni (ci vuol poco, direte), e' al livello delle sue migliori stagioni in viola e dell'Europeo di quest'anno.
    Direi comunque che del Milan preoccupa l'attacco, con i ritrovati Pato e Robinho e con il Faraone savonese, non certo il centrocampo, desolante se si pensa al Milan degli ultimi 20-25 anni. Non parliamo della difesa, poi (a proposito, non so se nello staff del Milan c'e' anche un dietologo, ma, se ci fosse, andrebbe licenziato in tronco e radiato dall'Ordine, visto Mexes).

    RispondiElimina