.

.

sabato 10 novembre 2012

Le verità del cugino di Vargas

Dopo le rivelazioni uscite ieri sul Corriere dello Sport Stadio nelle quali sono emersi alcuni particolari sul mancato rinnovo del contratto di Montolivo, il cugino di Vargas su un emittente di Genova ha raccontato la toccante storia che ha coinvolto invece il giocatore peruviano, un fatto di cronaca fiorentina che è stata tenuta nascosta dalla società Viola, ma che alla fine ne ha minato il rendimento a Firenze fino a metterne in serio dubbio anche la carriera, visto come ancora oggi Manuel non riesca a uscirne psicologicamente, cercando nella birra quel conforto artificiale che invece lo spinge sempre di più verso un baratro saccarometrico. E’ una storia d’amore finita male la sua che il cugino ieri ha avuto il coraggio di rendere pubblica con la speranza di sensibilizzare un ambiente focalizzato solo a contestarne il rendimento non conoscendone affatto le profonde cause che lo hanno causato, ricordando anche che la notte del ribaltamento con la Porsche in Piazza Pier Vettori fu proprio quello nel quale il giocatore fu sconvolto e coinvolto nell’incidente stradale che tanto ha fatto parlare, una corsa disperata che il cugino ha raccontato con l’aggiunta di un filo di commozione a crudo. L’inizio della crisi di Vargas, quello per intendersi nel quale le galoppate sulla sinistra sono scomparse dal suo repertorio coincide con la scomparsa di Beatrice, una fruttivendola di Santo Spirito del quale il peruviano si era perdutamente innamorato un giorno che cercava la menta per il mojito. Lei aveva un banco di frutta in Santo Spirito, da quando però era caduta rovinosamente da un fico, quel frutto era stato bandito dalla sua mostra, poi era diventato una fobia. Quando si parlava di sesso la sua poteva essere solo la “passera”, nient’altro che ricordasse la causa di quelle fratture multiple, mora come una mora e bellissima come una composizione di frutta da matrimonio, i suoi occhi avevano una strana forma che ricordava quella di un fico adagiato su un fianco. Aveva anche una strana intolleranza emotiva verso Ficarra, senza mai riuscire a capire bene il perché, visto che invece con Picone andava molto d’accordo, Vargas che se ne era innamorato subito era diventato ormai un suo storico cliente. Lei non lo vedeva proprio e anzi lo aveva scambiato per uno che vendeva la Nazione al semaforo in fondo al viale Europa, lui subdolo intanto aspettava, come quella sera che la sorprese terrorizzata dallo stalking messo in atto dal meglio fico del bigoncio di tutta San Frediano. La rassicurò e poi la invitò prima a cena, e dopo la macedonia, a casa. Disperata allora si lasciò andare, si baciarono e dalla sua bocca uscirono tutti i sapori della frutta esotica del suo banco, un campionario che si portava sempre con se per deformazione professionale. Vargas aveva pronto il colpo di scena, il suo pezzo forte, scenografico, un rituale seduttivo che aveva imparato da un playboy di Lima. “Vado in bagno mettiti comoda”, lui sicuro di stupirla lei già sul letto tutta avvolta dal desiderio quando si apre la porta del bagno ed esce quella fava in costume adamitico, corpo scultoreo e solo una foglia di fico a coprire il sesso. Una trovata tale che quella foglia se la sarebbe dovuta mettere anche in testa perché a lei si annebbiò subito la vista, cominciò a sudare fruttosio mentre le salivano i valori del diabete, del colesterolo e dalla glicemia. Il sangue diventò sciroppo di mele, la pelle si coprì di peluria come una pesca. La chiesa di Santo Spirito fu addobbata con albicocche e ciliege di Vignola, ed era tutto uno sputar di noccioli mentre l’epitaffio sulla tomba recitava “ sono arrivata alla frutta”. Il resto è noto, lui non si è più ripreso e l’epitaffio sulla sua carriera è lo stesso di quello di Beatrice sulla tomba.

78 commenti:

  1. Le ammissioni della Branchini Band , forse dovute solo al disperato  desiderio  di ristabilire un rapporto positivo con i DV, per noi non sono niente di nuovo, sapevamo già tutto e lo abbiamo detto chiaro e forte per anni, nel sitone e qui. Io penso che tutte le persone ragionevoli lo sapessero. Ora lo sanno tutti. Ed ora tutti hanno finalmente capito in quale ambiente si annidava il marcio, la causa principale, più grave e pervasiva, la vera origine delle nostre difficoltà degli ultimi due anni, difficoltà che hanno inevitabilmente coinvolto, ed in certi casi  travolto, tutti, anche le persone oneste, in campo, a bordo campo e negli uffici della Fiorentina.Sono rimasti solo in quattro o cinque deliranti nel sitone, che fanno finta di non capire e parlano ancora di responsabilità societarie e via infangando la Viola. Ancora sostengono che le cose ora sono cambiate perchè finalmente è cambiata  la proprietà. La proprietà è sempre stata stessa, che ha potuto rifondare solo quando è riuscita a far pulizia del marcio che si annidava in casa, inquinante e incollato sino a fine contratto.Ma cosa sto a ripetere? Non serve a nulla, questi fanno solo vomitare, con questi, francamente, neppure vale la pena di stare lì a discutere, la loro è malafede allo stato puro, di bugiardi, calunniatori e mestatori. Ma possono solo rimestare la loro merda, e noi possiamo solo augurare loro buon appetito.

    RispondiElimina
  2. "DV blinda Montella. Galliani lo vede per il dopo Allegri: impossibile" . EVVVVVVAAAAAAAIIIIIIIIIIIIIII!!!!!!!!!DISMISSION:IMPOSSIBLE!  

    RispondiElimina
  3. Fiducia africanaArrivare
    terzi vuol dire tanti quattrini,un budget importante per la prossima
    campagna aquisti e cifre importanti per il bilancio.Siamo in corsa con
    Napoli che stecca sovente e il gioco non e' fluido come con
    Lavezzi,dunque non risultano imprendibili.Il Milan,che pensa che il
    posto in CL gli spetti per diritto,cerchera'di scassinare il forziere
    UEFA in tutte le illecite le maniere.La squadra e'tecnicamente povera,a
    parte l'egiziano e Pato,paga prevedibile crisi a seguito
    della scellerata epurazione dei senatori in un anno solo ed e' squadra
    da 6/7° posto.Credo siano giustificati i timori per aiuti abitrali
    :galliani,uno dei massimi responsabili della scarsissima
    credibilita'della Seria A, ha tessuto rete mafiosa potente e domani ci
    sara'da stringere il culo,ogni qualvolta segnamai e Ambrosini(un
    maestro) si tufferanno in area.Passare indenni Milano significherebbe
    grande prova di solidita',anche un punto andrebbe bene,ma ovviamente non
    senza aver provato a vincerla,che doti per riuscirci ne abbiamo in
    abbondanza.Era senz'altro meglio averli incontrati quando erano in
    confusione totale,senza Pato e con Emanuelson in panca,ma in mezzo e
    dietro sono davvero scarsi,dove Bonera fa quasi rimpiangere Kaladze..e
    il portiere era buonino 10 anni fa'.Davanti partirei,come quasi
    tutti,con Ljiajc/El Ham,capaci di duettare a livelli
    tecnici inarrivabili per gli scarsoni milanisti,mentre un Toni,pur in
    gran forma,lo vedo piu'prevedibile,tuttavia credo Montella non
    escluda Mati a priori.
     
    A dopo il match Forza Viola.
     
    Lele
     

    RispondiElimina
  4. Ludwigzaller, tu sostieni quanto segue: "ci fu un distacco della famiglia Della Valle dalla Fiorentina, che compromise il lungo lavoro dei Prandelli e dei giocatori e coincise con la bocciatura del progetto della Cittadella: un colpo da ko che Diego non seppe assorbire."  A parte il fatto che io trovo tale tua affermazione alquanto discutibile,ma questa è un'opinione personale,  essa mi appare  anche stranamente monca, perché vedi,   chi la sostiene non può non pensare che,  prima Prandelli e  poi Montolivo,allora  abbiano fatto benissimo a volersene andare dalla Fiorentina. O sbaglio? E se non sbaglio, tu allora  lo pensi?  E se lo pensi perché non lo dici?  Lud, io penso che uno debba avere il coraggio delle proprie opinioni ed esplicitarle fino in fondo, completamente.

    RispondiElimina
  5. La formazione ideale ce l'ha suggerita stanotte il liGATtropo: aggiungere Montolivo per formare rombo di centrocampo, ottimo. E il modo per realizzarla esiste davvero: Allegri piazzi Montolivo davanti alla difesa, se Montolivo giocherà per l'avversario come spesso capita, il rombo è fatto.

    RispondiElimina
  6. Ahahahah, in effetti parrebbe la quadratura del cerchio.

    RispondiElimina
  7. Il verme è  uno scemo al cubo, e  continua a dimostrare  di essere anche un falso ed un bugiardo patentato. Prima dice che non avrebbe detto niente di male su Nocerino, poi che la Fiorentina non doveva  divulgarlo.

    RispondiElimina
  8. LELE,non scrivere con la paura,che la viola quest'anno non conosce,di San Siro,dell'arbitro e di Galliani,scrivere di pareggio il giorno prima del match non si fa,questa stagione si parte più che alla pari,anzi,come da bambini facciamo battere l'inizio a loro,come si faceva con i più scarsi.CHIARI,scriviamo da due anni di quest'aborto di calciatore,un masochista del Prato verde,un incompiuta calcistica,ne un 10 ne un 8,ne un volante ne un metronomo;negli ultimi 2/3 anni io non ho mai mai visto un suo inserimento in area,un suo stacco aereo,un suo pallone "cioccolatino con post-it:solo da appoggiare in rete!",non ho ascoltato una sola dichiarazione o frase da leader(Pasqual parla da leader,Jovetic parla da leader,Pizarro parla da leader,El Sharaawy parla da leader,Osvaldo parla da leader,Lui no!).Giunge il redde rationem,domani

    RispondiElimina
  9. Ancora, il gentiluomo sarebbe lui che ha preso per il culo la Fiorentina per due anni consecutivi? E dove sta scritto che una gaffe così clamorosa, fatta durante la sua vergognosa farsa a danno della Fiorentina,  la Fiorentina non doveva divulgarla?

    RispondiElimina
  10. Ho letto or ora, caro Vitalogy, la sceneggiatura della «Morte dei notti viventi», con le due apparizioni, da parodia polanskiana, del flebizzato a Teroldego. La replica al Sopra è catastroficamente morettiana, fancazzista-fallimentare (cfr. «Ecce Bombo»: «giro, vedo gente, mi muovo, conosco, faccio delle cose»), quella su Baresi è incomprensibile, non si capisce chi l'avrebbe paragonato a uno dei nostri, che sono fortissimi ma tra i quali nessuno lo sopravanza nel complesso, infine circa l'ormai famigerato rombo al forno su un letto di patate e di olive c'è che non solo il Tonto lo sfascerebbe con la sua nullità, ma che farebbe saltare gli esterni, che quell'imbecille però continua a riproporre nel suo schema sul quale, a occhio e croce, Freud deve aver scritto qualcosa nei suoi appunti ancora inediti sulla paranoia degli ipodotati.

    RispondiElimina
  11. CHIARI, lo Scaravaggio è un raffinato dandy, altro che verme: da Giorgino il suo piatto preferito è un taglio di casu marzu sardo, accompagnato da vermentino.

    RispondiElimina
  12. Comunque, pur rassicurato dalla partita col Malaga, io non sono tranquillo, ragazzi: Romeo è un arbitrucolo, senza più carriera davanti, con uno score di solo 15% vittorie esterne: ha fatto un saliscendi di categorie che appare esito di ripetute bocciature. Questo va a Milano con una mission, non impossible.

    RispondiElimina
  13. Deyna, queste tue lezioni di calcio sul sitone devono essere a pagamento. Fammi una procura, ci penso io a riscuotere.

    RispondiElimina
  14. Circa l'offertona sul piatto a Corvino: ma non aveva sostenuto, il biberonato a Marzemino (e il troiazzo multiniccoso con lui), che Montolivo era stato cacciato dalla Fiorentina, quotidianamente vessato, che il suo più grande desiderio era di restare? Se c'era quest'offerta, portata in Società dai suoi procuratori sùbito dopo il Mondiale, cadono tutte le balle suesposte: erano due anni che lui voleva andar via, in tutti i modi e con tutte le chicanes.

    RispondiElimina
  15. Eccerto, Colonnello, ormai si son svelati! Ahah Chiari, grazie per la premura, ma tanto non verranno mai compensate...

    RispondiElimina
  16. Dalla risposta di Deyna arguisco finalmente che il paragone era tra Baresi e Passarella. Tralascio il «mezzo indio», dall'inferenza goebbelsiana usuale per il maniaco del Nebbiolo: sul merito non saprei riuscire definitivo. Credo che si tratti di due grandi e che per il campionato preferirei Baresi, per competizioni internazionali Passarella. Baresi era più continuo e più amalgabile con uno stopperone classico, più elastico tatticamente, più pronto nei rientri, più sensibile alle necessità mutevoli del match. In tutto il resto, nulla ma proprio nulla escluso, era superiore Passarella.

    RispondiElimina
  17. Infine, una secchiata d'acqua sugli entusiasmi volatili: noi non lottiamo per lo scudetto e, salvo che nel quinquennio dorato (per assestamento di complesso formidabile), la Fiorentina non ha mai lottato per lo scudetto, si è eventualmente in più casi «trovata» a lottare per lo scudetto. Lo scudetto non è programmabile a Firenze, lo è da sempre, in Italia, in sole tre piazze corleonesche. E' programmabile un posto Champions, a Firenze, e infatti quest'anno esso è alla nostra portata. Chi vocifera di obiettivi più alti come doverosi, come sta facendo ad esempio un imbecille pseudoabbonato che ancora a luglio diffondeva il verbo della pontellizzazione, lo fa per farci del male, per poter sparare a zero alle prime difficoltà, rinfacciando il divario fra risultati e obiettivo (fantastico suo). Tanto, quel che deve avvenire, avverrà, se è qualcosa di molto bello. Io per domani mi accontento di un pareggio, alla vigilia non programmo di più e se arriva, il di più, godo anche meglio.

    RispondiElimina
  18. Per domani, come già detto da molti tra cui io, temo gli arbitri e Pato. Per il resto, il gioco l'abbiamo meglio noi, la difesa l'abbiamo meglio noi, a centrocampo abbiamo più qualità noi, e in fatto di personalità loro non hanno più gli uomini di una volta. Solo in attacco vedo più qualità in loro, a maggior ragione quando siamo senza Jovetic.
    Colonnello, il Gat ha anche scritto che Passarella non ha vinto il Pallone d'Oro: e grazie al cazzo, manco Maradona e Pelè hanno potuto vincerlo per motivi di regolamento.
    Tornando al bi-annoso dibattito, mi conforta vedere che stavolta l'opinione della tifoseria intera non è spaccata al riguardo: ai racconti di Montolivo e di "Pallavicino caduto da cavallo" ci credono solo il Gat e le 3-4 sceme del suo sciame, che si stanno sempre più coprendo di ridicolo, non paghi del ridicolo di cui si coprono ormai da lungo tempo.

    RispondiElimina
  19. No, inizialmente diceva che avrei paragonato Rodriguez a Baresi, che avrei sostenuto essere pressoché equivalenti. Mentre avevo detto l'esatto opposto, chiedendogli anzi chi era che delirava così, visto che Baresi era - ovviamente - nettamente superiore, pur restando Gonzalo un grande centrale tra i contemporanei. Poi il discorso è scivolato sul confronto Passarella vs Baresi...

    RispondiElimina
  20. Al Sopra che ha scritto che non ha mai visto uno stacco aereo di Montolivo: e che bisogno ha di staccare? E' la palla che va su i'capo a lui

    RispondiElimina
  21. Cazzo, Vitalogy, la foto mi fa pensare a un aneddoto su Nereo: si presenta da lui un suo vecchio giocatore del Padova, in disarmo e ormai svincolato, e che gli chiede di prenderlo, anche come ultima riserva, al Milan. Per convincerlo abbozza qualche scatto e qualche scivolata, lì nel giardino del Paron, il quale gli fa allora: «E di testa, ci sei ancora?», «Paron sì, la varda un po'!» e comincia a staccare. «E questa, colpisci questa!» e il Paron gli lancia una vecchia palla medicinale che teneva nella spazzatura col frascame da buttar via: l'altro salta e si frantuma contro quella boccia. Il Paron raccontava che mai avrebbe creduto che quel cretino non riconoscesse una palla medicinale e dunque lo scherzo conseguente e anche ammetteva di essersi preso una bella paura, perché il cretino era rimasto a terra stordito per diversi minuti e già il Paron aveva temuto lo scandalo dovendo chiamare il pronto soccorso.

    RispondiElimina
  22. Leggo che l'abbeverantesi a Grignolino è andato a prendersi di fava per l'ennesima volta. Principesca la replica del Sopra (quel coglione dello Pseudosenese s'intromette per riproporre il suo disco rotto ma nessuno lo caga), eppur vedo che Deyna omette due repliche elementari: Merlo non ha mai giocato nel Milan sibbene nell'Inter, facendo clamoroso flop (lo rifilammo, ormai finito, per 900 milioni di lire d'epoca), e liquidare il problema tattico del rombo con un «Non annoiamo il lettore...» manifesta l'imbarazzo e l'incompetenza globale dell'imbecille, in ciò sprezzantemente rimbeccato da Lud.

    RispondiElimina
  23. Un Vitalogy in condizioni di forma strepitose...ahahahahahahahah! Mou ha detto a Cristiano che deve lasciarlo fuori, in questo turno, che di fronte a questo Vitalogy minor cessat:


    10/11/2012 15:21:08
    Vitalogy, ...Finchè scrive michiate non fa del male a nessuno, l'importante è che non gli rinnovino più la patente

    RispondiElimina
  24. Ad ogni modo, come è un mistero la ragione per cui a Firenze tonnellate di carta sono state sprecate per quelle nullità degli atalantini del cazzo, così il tempo di vita che abbiamo dedicato replicando ai Cinque Magnifici Coglioni dalla vite da buttare (Schreber, Troiazzo, Matto, Baseballista, Multilocke) ci verrà rinfacciato da San Pietro dinanzi al portone, temo.

    RispondiElimina
  25. «Dalle vite», nel mio ultimo post. Ed ecco l'ultimo post di un malato mentale inculato a fuoco:





    10/11/2012 15:25:59
    Daniele, Ormai per noi non e piu una sorpresa ci siamo
    abituati,se penso a quante domeniche grige ci a riservato la fiorentina e
    quamte delusioni negli anni
    Vedere gioire tifosi avversari davanti alla telecamera a spregio e noi a
    testa bassa a fargli il terzo tempo. Domenica sara' cosi....Tante
    lacrime e tutti in piedi ad applaudire questo grande campione montolivo
    che si sta consacrando ad alti livelli cosa che la nostra fiorentina non
    gli ha mai concesso a causa della sua pochezza».

    RispondiElimina
  26. A me invece ricorda un'estate di tanti anni fa, primi anni '80...Preparazione estiva nei giovanissimi, arriva il presidente - un fanfarone che soleva esibirsi in ogni modo, per mostrare che manteneva prestanza fisica, anche oltre i 50...però simpatico - ed entra al campo in bici da corsa, senza mani, e si fa lanciare la palla sulla testa dai ragazzi, da fallo laterale, restituendola ogni volta al mittente, mentre sfilava. Gli tiro al volo, rapidissimo, un pallone medicinale ad altezza petto, va in presa, ma ovviamente cade di lato co sto pallone in mano, rovinando a terra. Tra bestemmie tali da oscurare il cielo estivo. Però ho giocato lo stesso, la domenica dell'esordio, non potevano privarsi del cecchino su punizione, ahaha

    RispondiElimina
  27. Colonnello, ho una cattiveria, ma dopo l'ennesima raffica di insulti del bolognese non sono riuscito a tenermela. Quel Daniele penserei che sia la nicolaclaudia mascherata, in alternativa un buontempone della redazione che tenta invano di creare un minimo di discussione per incrementare il numero di post, perchè la maggioranza schierata contro Montolivo ha numeri bulgari!

    RispondiElimina
  28. ho scritto una cattiveria

    RispondiElimina
  29. Leggete questa, è da una intervista a Constant: «L’anno scorso ho giocato come terzino sinistro a
    Genova: il Milan aveva chiamato il mio allenatore al Genoa, Pasquale Marino, e
    gli aveva detto di farmi giocare esterno sinistro gli ultimi sei mesi,
    nell’ottica di prendermi per giocare in quel ruolo». Si aspettano deferimenti, direi. E poi c'è chi vorrebbe lottare per lo scudetto... O gente, ma non vedete che sembra la Cuba di Batista, questo paese di merdissima?

    RispondiElimina
  30. Come le battevi, Deyna, alla Montolivo?

    RispondiElimina
  31. Ricordo bene, in quella fine degli anni '70, alcune operazioni scellerate delle milanèsi: Merlo preso dalla Fiorentina ormai finito, appunto; lo scambio Anastasi-Boninsegna tra juve e Inter [Bonimba era vecchio ma segnava ancora la sua decina di gol l'anno, Pietruzzo deluse completamente], e lo scambio Capello-Benetti tra juve e Milan, con Don Fabio ai minimi termini, e Benetti che entrò nella fase migliore della carriera.

    RispondiElimina
  32. Vitalogy e Deyna, il 14 di novembre sembra che sia davvero una data da segnarsi: pioverà sangue dal cielo, la terra si sommuoverà, paurose apparizioni luminose sconvolgeranno il pianeta. E finalmente sapremo, ma sarà troppo tardi.

    RispondiElimina
  33. Ahah no, Colonnello, alternavo il tiro effettato alla Zico [vabè, si fa per intendersi...] alla bomba pieno collo alla Antognoni.

    RispondiElimina
  34. Mi chiedo cosa mettermi per il 14, cosa sia de mise per una fine del mondo... Nell'incertezza opterò, credo, per una composizione casual, giubbotto+velluto a costone+scarponcini scamosciati e sciarpetta scozzese (tonalità beige-verdi, per l'insieme). Arrivare al dunque, fra tuoni gracchianti e lampi marmorizzanti, come in una giornata qualunque, presentarsi indifesi davanti alla Rivelazione, senza jattanza.

    RispondiElimina
  35. C'è già una preview dell'Apocalisse imminente:

    http://www.youtube.com/watch?v=EKV4gbEAo0I

    RispondiElimina
  36. Quel che più lo fa incazzare è che lo si consideri normalissimo utente, lui che vede, prevede e realizza. Questo è più demente degli altri Quattro Magnifici Coglioni messi insieme e un tempo, lo confesso, non l'avrei creduto. Attualmente la mia classifica per botulismo della materia cerebrale è: 1) Schreber; 2) Baseballista; 3) Multilocke; 4) Matto; 5) Troiazzo.

    RispondiElimina
  37. Un capolavoro, Deyna, e mi piacerebbe sentire un commento da AntoineRouge, cinefilo d'eccezione.

    RispondiElimina
  38. http://www.youtube.com/watch?v=0SgJyVS37tU&feature=related
    Dopo il Sacrificio del Martire, dov'è finita tutta quella bellezza?

    RispondiElimina
  39. 10/11/2012 16:25:05 
    Ludwigzaller, Ginevra
    Montolivo e' forte. Non piu' forte di Pizarro Valero Aquilani, ma altrettanto forte si. In questo concordo con Gat. La differenza se mai sta nel fatto che i tre attuali sono estremamente motivati e felici di stare a Firenze, mentre temo, anzi sono certo, che il lombardo Montolivo sognasse il Milan.
    Da oggi, Pollock, l'ingresso nel blog dovrà essere a pagamento, per Lud, con cifra da valutare attentamente dal Chiari, e da redistribuire tra gli utenti. 

    RispondiElimina
  40. Vitalogy, ti hanno censurato quel che veniva dopo «due anni», nel tuo post su cloaca, o l'hai omesso per errore? Una volta, in Aquitania, mangiai un eccellente rombo allo Champagne, funghetti di Parigi, scalogno e besciamella. Il ristorante aveva al tempo, lo ricordo, una stella Michelin: ho appena verificato sull'ultima guida e ne ha scroccato una seconda. Comunque, dal mio rombo le lische montoliviane le avevo scartate tutte: i gat[ti] si mangiano invece anche quelle, com'è noto (ahahahahahahahahah!).

    RispondiElimina
  41. Uh, perdonami, Vitalogy! Avevo scambiato «riscaldate» per un attributo (ahahahahahahah!), invece era verbo. La «mia» versione mi piaceva tanto di più ma è vero che lasciava pendente, stranamente, la frase.

    RispondiElimina
  42. Colonnello, non mi hanno censurato e non ho omesso nulla, più probabilmente non mi sono espresso al meglio in quella frase, intendevo dire che loro da oltre due anni ci riscaldano quella novella sul rinnovo di Montolivo. E per il 14 tremate tutti!

    RispondiElimina
  43. Africa di sopraSOPRA,no,io
    paura?Ah sei giovane,avresti dovuto conoscermi in campo...eh eh.Ho
    scritto che ai sensi della classifica,anche un punto non sarebbe male,se
    viene dopo aver cercato la vittoria.Passato indenne questo ostacolo,che
    si configura ostico piu'per le pressioni esterne e relazioni col potere
    arbitrale che per il valore dell'avversario,possiamo dire che a un
    terzo del girone,abbiamo incontrato tutte le piu'forti e concentrarci
    sulle medie piccole.Ho letto Stramaccioni e sono ben d'accordo,siamo
    forti e ci temono.Il nostro potenziale e'ancora non bene misurato,ma
    certo che domani scendiamo in campo senza Jove,il che non deve
    abbattere,ma un vantaggio non e' di certo,dato che se non segna,tiene
    all'erta due avversari,
    cosa impossibile per Ljiajc o Mati che non possiedono la stessa caratura.
    Lele
     

    RispondiElimina
  44. Fra i tanti che non ci capivano una mazza e che sono spariti c'era Kikko da Parigi, un fiancheggiatore dei Cinque Magnifici Coglioni che scriveva da buffone (ad esempio: «01/10/2010 17:25:10 kikkodaparigi, asnieres (quartieraccio pienda rabi vicino parigi) Dottor Manetti, soffro demorroidi daddu anni , icché lami consiglia??? abbracciati avviolati dappa rigi») per farsi notare e non diceva mai nulla di calcio: chissà che fine ha fatto.

    RispondiElimina
  45. Scoperte le persone che il 14 forniranno i ragguagli al Gat!
    http://www.youtube.com/watch?v=IrmzfbYrfH8

    RispondiElimina
  46. Vittoria della primavera viola, che allunga il passo in testa alla classifica,in casa del Novara secondo in classifica; gol di Iemmello e spettacolare performance di Acosty in serie B. Il sitone perde colpi.

    RispondiElimina
  47. Vi frega talmente poco della fiorentina che siete  patetici :(spa)rlate solo di  Riccardo ....... una litania   , ne parlate  voi  Fiorentina.it  addirittura ADV   curatevi ragazzi  ........... comunque la fiorentina ha ottenuto un ottimo risultato a milano  ,tra un po' avrete le pagelle

    RispondiElimina
  48. Magda! Ci sei anche tu in quel filmato?

    RispondiElimina
  49. Figueroa, il miglior centrale difensivo nella storia del football, è premiato come miglior difensore dei Mondiali '74, quelli della Rivoluzione. Chi scrive paragonando la sua velocità mentale, di gioco e di corsa, per il calcio, a quella di Santana o di Pietrangeli per il tennis, può forse occuparsi di tennis ma non può occuparsi di calcio, almeno non del calcio che non conosce.

    RispondiElimina
  50. Vitalogy... ahahahahahahahah! E Gaber te lo ricordi? E meno male che non c'è il Riccardo, che anche da solo perde a biliardo... ahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  51. Magda, noi parliamo di Fiorentina 24 h al giorno, a turni alterni. Ma alla vigilia della partita col Milan, stanti le dichiarazioni del Clan, di che vuoi che si parli? Ma della Merdaccia, è chiaro!

    RispondiElimina
  52. Quel che è inaccettabile è che Pallavicino sia uscito fuori con quelle dichiarazioni-boomerang senza averle prima concordate con le pie donne ai piedi della croce: è stata una mancanza di delicatezza vergognosa, due anni di fregnacce sbugiardate in pochi minuti da un procuratore irresponsabile.

    RispondiElimina
  53. AHAHAHAHAHAHAHAHAHAH

    RispondiElimina
  54. Jordan, quando va meglio, quando tutto è passato, diccelo: sono convinto che ci leggi, anche se il patema ti paralizza il dito e senti quanto sia indegno pensare ad altro. Ma parlando d'altro, caro amico, talora il duol si disacerba. Con grande affetto per te e per la tua famiglia.

    RispondiElimina
  55. Domani Riccar...di'...no al rinnovo potrebbe per la prima volta sorprenderci!Immaginate un tackle deciso.L'avrà mai fatto?Sa cos'è un'inspirata decisa?Rijkaard quando ha saputo chi indossa attualmente la maglia che fu sua ha querelato Berlusconi,a mo' di Lodo Stronzaggine!Albertini,l'ex milanista,ha tolto il poster del Milan dal suo ufficio in Lega!Albertini,ex sindaco,ha tentato di ricandidarsi per promulgare una legge regionale contro la lentezza della manovra in campo!Rivera diserta lo stadio!Barbara Berlusconi è l'unica felice poiché il Monto sposta il focus dal patologico Pato,oramai rincoglionito per la Patonza.Ma soprattutto:le montolivine saranno già bagnate?A me come calmante prescrivono,come calmante,la stessa medicina di Facundo:il Viagra(ripeto,come calmante),alle De Pin-Up?

    RispondiElimina
  56. Sopra, in realtà a me Pato fa paura, è l'unico che temo insieme all'arbitro, non so in che condizioni sia adesso ma con noi ha uno score non da poco...

    RispondiElimina
  57. Sopra, riproponi il vecchio dilemma, che si credeva superato, fra piacere vaginale e piacere clitorideo: piantala con questi dibattiti Seventies, si cresce, ci si svezza, vengono altre mode. Vivi col tuo tempo, vedi che c'è chi trova lento Figueroa e fulmine di guerra Montolivo, tu non capire se vuoi ma ferrinianamente adéguati, almeno.

    RispondiElimina
  58. Come entro, ci trovo il Pazzini, il Pazzini ch'e' sempre depresso.
    Fra un sospiro, un lamento e un espresso
    ha negli occhi l'infelicita'. 
    L'infelicita'
    Poi c'e' il Gian Aldo, il Gentile e il Carmelo
    e un balordo che chiamano Dante,
    dice lui che fa il rappresentante,
    di divine commedie, ma nessuno lo sa. 
    Ma per fortuna che c'e' il Riccardo
    che da solo gioca al biliardo,
    non e' di grande compagnia
    ma e' il piu' simpatico che ci sia.
    Uuuuh, che noia qui al bar, che noia la sera, la sera vedersi qui al bar.
    Che noia qui al bar
    Entra la Claudia, con quella biondina,
    che ho saputo che vive a Bordighera,
    non c'e' santi vien qui ogni sera,
    se ci parlo non rispondera'.
    Non rispondera'
    Poi c'e' il Monto, che gioca al pallone,
    mette giu' un sacco d'arie e pretese,
    cambia d'abito sei volte al mese,
    e' riserva pero' in serie A.
    Ma per fortuna che c'e' il Riccardo
    che da solo gioca al miliardo,
    non e' di grande compagnia
    ma e' il piu' simpatico che ci sia.

    RispondiElimina
  59. Bravo, Deyna, vedo che hai puntualizzzato sul sitone intorno al più grande difensore che mai abbia calcato un campo di calcio, a colui che lesse le situazioni in campo con l'anticipo che mai, mai, mai alcun giocatore ebbe o avrà. «El área es mi casa, y ahí entra quien yo quiera»: vi lascio con questo suo aforisma che nessun attaccante potè smentire.

    RispondiElimina
  60. Blimp naturalmente mi fido dei tuoi riferimenti. Mi sembra strano che il miglior libero sia stato scelto tra i giocatori di una squadra eliminata al primo turno, con una sconfitta e due pareggi. Evidentemente si e' ritenuto di premiarlo anche se non aveva avuto modo di mettersi in mostra in partite decisive.

    RispondiElimina
  61.  merdaccia e' la tua squadra   e merdacce siete voi  ................. ora me ne vado perche' puzzate parecchio. Adios mierda

    RispondiElimina
  62. Arrivano i troll,ai quali scriviamo:noi sparliamo?Bilanciamo chi ne scrive con nocumento alla giustizia calcistica,ne scriviamo per chi scrive di lui e non di Valero o Cuadrado,ne scriviamo perché noi godiamo a leggere delle stronzate da gente che non conosce la differenza tra un tornante ed un ala,tra un metronomo ed un mediano,tra un fulcro e una bandiera,tra un uomo e un maschio,tra un calciatore e un giocatore,tra una bandiera e una banderuola,tra traditore e tradito,tra temporeggiatore e traditore,tra un capitano e una passata,tra il sentito dire e la realtà,tra un procuratore operante pro domo sua e un ds pro domo nostra.A noi ce piace de magna e beve,a noi ce piace de parla' e scrive de chi volemo.Così è se vi pare,altrimenti v'attaccate!E tirate forte!

    RispondiElimina
  63. Si mise in mostra, Lud, perché ad esempio cancellò dal campo Müller nel match con la Germania, in cui quelli che saranno campioni del mondo soffrirono come mai più dopo salvo in finale. Nel 1976, due anni dopo, fu eletto giocatore dell'anno dalla Fifa, inoltre.

    RispondiElimina
  64. Così tuonò ADV, sciogliendo la Merdaccia al sole delle sue parole e glassando con la crema d'essa Yo el supremo collezionista di figuracce omeriche:





    «Le chiacchiere stanno a zero,
    i suoi procuratori avevano studiato bene il modo per portarlo via da Firenze, è
    andato al Milan, una delle squadre piu’ forti del mondo, non voglio tornare in
    polemica con lui, ma i suoi procuratori….Il suo procuratore Branchini ha fatto
    i suoi interessi per portarlo a Milano, ma è una cosa normale essendo lui
    vicino al Milan, Pallavicino è un fiorentino doc, e mi dispiace per questo. Ma
    ormai è il passato, pensiamo ai nostri, sta giocando bene, ma basta dire
    stupidaggini su di lui. I loro procuratori ci hanno messo due anni per portarlo
    via da Firenze, basta dire stupidaggini.. E’ il passato..»

    RispondiElimina
  65. Magda attacca Andrea Della Valle!!Ma neanche Ellery Queen o Agatha Christie riuscirebbero a mettere insieme tanti colpi di scena,stupidaggini,smascheramenti,trasformismi,verità clamorose(ma svelate da indizi lasciati dai colpevoli).Che tristezza.

    RispondiElimina
  66. Grandi chiose da parte di ADV e del Sopra!

    RispondiElimina
  67. Ieri la claudiona, che pretendeva di saperne più di Amoruso, si difende dicendo che costui era un uomo un Corvino. Oggi a magdona ci fa sapere che ne sa più del proprietario del club... Un fanatismo del genere non l'avevo mai visto verso niente e nessuno, queste sono fuori di testa

    RispondiElimina
  68. A volte mi chiedo: ma solo noi abbiamo un GAT, oppure ce l'ha ogni tifoseria?
    Per esempio: esiste un GAT catalano che pontifica cose del tipo "Dani Alves non vale Botubot" o "Carrasco crossava meglio di Messi" o "il 14 mi dicono la verità sulla cessione di Figo al Real"?

    RispondiElimina
  69. ahahaha Anto, e magari col codazzo di una comare di Girona, una di Salamanca e una di Minorca!

    RispondiElimina
  70. Flashback: Ricky, il retroscena. Anni fa, ad inizio carriera, qualcuno adescò il giovin virgulto, e tutt'oggi non se lo è levato dalla testa...

    http://www.youtube.com/watch?v=NK5zqArEL9g

    "Mi dai un'asticella?"
    "Cosa?"
    "Un'asticella!"

    RispondiElimina
  71. Leggo soltanto ora quanto riferito da Attila (grazie) sul problema familiare di Jordan. Auguri di cuore, caro amico.
    Andrà tutto bene.
    Mia figlia aveva 9 anni quando le fu diagnosticata una "cisti" cerebrale, sulla cui evoluzione nessuno era in grado di esprimersi. Giorni, mesi, anni di attesa, di paura, di angoscia, di smarrimento totale. Poi la diagnosi definitiva: malformazione congenita. Mia figlia sta bene. Da quattro mesi lavora all'ospedale Torregalli di Scandicci, reparto ostetricia. Aiuterà a nascere tanti fratellini e sorelline viola.
     

    RispondiElimina
  72. Anto immenso! Almeno quanto ADV. «Non mi occupo di Montolivo. Mai partecipato ad alcuna riunione o trattativa in 8 anni»: bene, e allora mi spieghi perché parli di lui e contro Corvino, sulla questione e alla stampa, da due anni e l'hai fatto anche ieri? Se non c'entri e non partecipi non sai nulla e allora non rompere il cazzo. Logica sotto zero e il «forza viola» finale sa di presa per il culo che speriamo di ricacciarti domani nella strozza. Comunque io ragazzi ve la butto là: se Facundo me lo spacca in campo mi sta anche bene perdere. Ma deve spaccarmelo bene bene bene, che la febbre al troiazzo gli venga davvero e non per finta, sulla poltrona dalla quale lo vedrà con l'abbonamento Sky per le partite del Milan. Jordan per sempre, Jordan nei cuori, Jordan il vero amico.

    RispondiElimina
  73. S'è svegliato anche il baseballista, che lo fa solo da incazzato quando gli toccano  Prandelli e Montolivo, e da gaudente  se la Fiorentina perde. E lui sarebbe il tifoso.Questa volta anche  fuori luogo, sporcando e ammutolendo i commenti alla conferenza stampa di Montella. Immaginarsi cosa avrà pensato Montella  se ha avuto la disavventura di andare a vedere cosa pensano delle sue parole i tifosi viola nel sitone. Lì imperversano  in 4 o 5, tra sabotatori e sabotatrici, che hanno provato pateticamente, per due anni, a  sabotare la Fiorentina e la Fiorentina è tornata grande,  che provano disperatamente ogni giorno, da quando è nato, a sabotare questo Blog e questo Blog è sempre più grande. A quanto pare l'unica cosa che stanno riuscendo a fare con successo è sabotare il sitone, lo stanno letteralmente demolendo. Fossi il proprietario di fiorentina.it  chiederei a loro i danni. 

    RispondiElimina
  74. E manco si vergogna ad augurarsi un gol di Montolivo.

    RispondiElimina
  75. Nessuno dei sabotatori ha mai scritto una frase da tifoso,un periodo con attenzione alla viola,un commento decente che innalzasse il livello,loro,di supporter.Nulla.Solamente appunti specifici all'apparenza dediti alla causa,in realtà velatamente costruiti per far notare errori,appunti specifici,mancanze.Loro.....distonia.it.......parvenzacuoreviola.it......mintendodicalciocome lasuocera.it.Loro.

    RispondiElimina
  76. Chiari, ma come fannno a chiedere danni a dei collaboratori? Dopo l'allontanamento, tempo fa, di uno che stava bonificando la cloaca, adesso essa è affidata al multinicchismo cretinico dei Cinque Magnifici Coglioni, è un disperato attorcersi nel vuoto cadendo dal settimo piano. La partita di oggi è la loro ultima carta, dopo di che il fronte della pontelizzazione e dell'atalantismo si sbriciola e a loro rimane solo la capsula di cianuro. Ma oggi un pareggio è buono e i margini di vittoria mi sembrano esigui.

    RispondiElimina