.

.

lunedì 26 novembre 2012

Palle

Grande Fiorentina, personalità e carattere da vendere come il culo di Montolivo da parte del suo clan di coccodrilli al mercato dei raziatori dove Galliani gestisce il servizio di ronda, capace di imporre il proprio gioco anche se depauperata di qualità da squalifiche e infortuni, e da un episodio sfortunato come il secondo gol che avrebbe ammazzato anche uno dei pachidermi amici di Moira Orfei. Ma non la Fiorentina che rafforza così la sua autostima, gioca fino alla fine per vincere costruendo occasioni su occasioni e dimostrando la consapevolezza della grande squadra, evidentemente determinata a voler lottare per raggiungere obiettivi di testa. Con tutti i problemi che ha avuto in questa trasferta, compresa la candid camera della sfortuna che trasforma un cross velenoso in gol, sul quale sono evidenti la responsabilità di Gonzalo, è Borja Valero il suo manifesto, che ad ogni pareggio invece di festeggiare si precipita a recuperare il pallone per riportarlo a centrocampo. E’ stata la conferma che la Fiorentina lotterà per la Champion senza porre limiti alla provvidenza, all’interno di una gran bella partita nella quale anche il Toro ha fatto la sua parte dimostrando che Montella ci vede lungo quando elogia le capacità di Ventura, perché la sua squadra è viva e sa perfettamente cosa fare, l’azione che porta al gol di Cerci è un bellissimo biglietto da visita del tecnico. L’unico che ancora sembra un passo dietro è Mati che sporca un po’ quella maglia da titolare con una prestazione nella quale non riesce a cambiare passo, confermando così una mancanza di lucidità sotto porta che contrasta non poco con le sue qualità tecniche, probabilmente il suo adattamento al nostro calcio non è ancora concluso, per il resto la Fiorentina dimostra a chi ancora non l’avesse capito che sarà dura batterla, e intanto domenica dovremmo recuperare Pizarro e finalmente anche JoJo, poi con un apporto di El Ham un po’ meno a spot, questa squadra dovrebbe girare la boa del girone di andata con il solo eventuale disagio delle vertigini. Montella ha fatto un grande lavoro davvero perché non solo ha dato alla Fiorentina il dono del gioco e del coraggio ma anche il carattere che permette alla squadra di reagire in maniera devastante e immediata, come se il gol subito le procurasse benefiche scariche di adrenalina. Ricordo agli amanti dell’uovo affrittellato con dentro il fatidico pelo, che dalla settima di campionato, ovvero dall’inizio di ottobre, la Fiorentina è in testa alla classifica, e se Cuadrado viene considerato in calo quando si procura un rigore e fa un assist, quando sarà in giornata dovrebbero farlo giocare almeno con una cintura da sub di quelle coi piombi, una sorta di difficoltà aggiuntiva per compensare la raggiunta dimensione di campione assoluto che serve a ridicolizzare fasce e fasce laterali di avversari fatti a fette e poi abbrustoliti col fuoco di quelle fascine, per farci gustare tutti i sapori dell’olio nuovo come nuovo è il modo di fare calcio della Fiorentina nel panorama italiano. Ricordo agli amanti del buffet che non è sempre possibile servirsi una vittoria, perché può succedere di trovare un contendente di pietanze in bella mostra che nella calca lavori bene coi gomiti per tenere la posizione favorevole, insomma che non sia propriamente d’accordo di farti svuotare il banco, come del resto non lo è stato il Toro, squadra molto concreta e non certo facile da battere nel proprio stadio, a questo proposito vediamo domenica come sarà più capace di noi la Juve di affrontarlo nel derby, bianconeri in evidente digestione lenta da buffet di Champion che intanto beccano a Milano, mentre la Fiorentina non proprio nella sua miglior versione, gioca sempre per vincere e comunque non ci sta mai a perdere, il Toro ci ha aspettato e incornato ben due volte per sterilizzarci i sogni, ma anche se feriti, abbiamo dimostrato di avere più palle anche del Toro.

95 commenti:

  1. La domanda che ci si pone e': ma il Gat riuscira' a resistere? Resistera' dal postare sul sitone, dopo che Montolivo ieri e' stato capitano del Milan che ha sconfitto i gobbi? Resistera' dal rinfacciare a Deyna l'errore di Gonzalo sul secondo gol (ah, i paragoni con Baresi!) e la partita mediocre di Olivera?

    RispondiElimina
  2. Io veramente non riesco a capire come si faccia a non vedere,
    sul secondo gol del Torino,  il  clamoroso e decisivo errore del nostro
    centrale, errore che avrebbe ingannato e sbilanciato qualsiasi portiere, Jascin
    compreso, il tutto per darne la colpa a Viviano,   dire poi che sul primo gol Viviano ha avuto
    le mani molli vuol dire confondere il ralenti con la realtà, le mani le ha
    avute molto più molli allora Buffon nel rigore non parato al Milan. Informo
    inoltre che il presunto problema Viviano è un’altra delle leggende metropolitane
    che si stanno costruendo, in particolare nel sitone ed in parte anche qui da
    noi, dal nulla, perché in Italia non risulta esistere tale problema,  Viviano è considerato in assoluto da tutti
    gli osservatori, dagli esperti più accreditati, i quali stanno tra l’altro
    seguendo con grande attenzione la Fiorentina per quello che sta facendo,un buon
    portiere, meritatamente confermato nel giro della nazionale,  e che finora, ieri compreso, nella Fiorentina
     ha fatto il suo lavoro, e non vengono
    segnalate sue papere o cappelle che dir si voglia.  

    RispondiElimina
  3. Scusate la divagazione, ma fino ad un certo punto. Voglio fare da qui un applauso al meraviglioso risultato, ottenuto da Renzi, nelle Primarie del Centrosinistra, che lo hanno visto, contro tutti i giganteschi e conservatori apparati, presunti dirigenti, politici e sindacali, della sinistra da rottamare,   prendere la maggioranza dei voti della parte più moderna, più evoluta, più sana, più colta, più produttiva, più onesta,  sia dell'attuale che della storica  grande e saggia SINISTRA riformatrice e progressista italiana. Grande Renzi, grande leader politico progressista e riformatore italiano, come tutti i più esperti osservatori di cose politiche nel mondo moderno, a partire dagli USA, stanno dicendo da anni. Grande Toscana, grandissima Firenze, da dove ancora una volta partirà la rinascita italiana ed europea.

    RispondiElimina
  4. Su Viviano ho scritto ieri quanto potevo, fin nel mio ultimo post, caro Chiari. Vorrei aggiungere che i voti di stima e di disistima per i giocatori, come per i compiti di greco o per gli orali di filosofia al liceo, a seconda del soggetto interessato, sono la peggiore delle iniquità: il migliore della classe (Rodri) può commettere cappella gravissima, la testa di turco della classe può far prova non indegna (Viviano). Sul primo gol Cerci irrompe solissimo (Savic e Pasqual di ciò colpevolissimi) da due passi su azione velocissima e buco (o finta) di Santana (mi sembra) al centro, spara una canna e ha tutti gli angoli di scelta. Sul secondo Savic permette cross che sembra Pasqual e non lui e Rodri cicca il pallone, effettuoso e abbastanza forte, coprendolo: Buffon ci arriva (credo), se Viviano non ci arriva non lo lapido, soprattutto se mi ha fatto prima due interventi (il primo, in particolare) che hanno evitato il 2 a 0. Spassoso il Dubbio (rara figura d'incompetente per giunta col mestruo), il quale incolpa Roncaglia (?!?!) del primo gol, al solito proclamando di prima che solo lui ci ha visto giusto e fave tutti gli altri.

    RispondiElimina
  5. D'accordo Colonnello, come ho scritto anche io ieri qui nel mio primo post subito dopo la partita,prima che le stesse cose le scrivesse Fiorentinanews. Il mio richiamo a Buffon, in relazione al PRIMO gol preso da Viviano, è legato al fatto che se ti affidi al ralenti e non tieni conto della velocità reale, per giudicare, nel rigore di ieri a S.Siro Buffon sembra ancora di più avere le mani di burro.

    RispondiElimina
  6. Concordo in tutto e per tutto su ciò che ha scritto Pollock, inclusa la sua osservazione sul fatto che dalla 7° giornata in poi siamo primi: non a caso, pochi giorni fa, avevo scritto che un'idea più realistica sull'obiettivo della nostra volata finale l'avremmo avuta al termine della 6° di ritorno, dopo che ci saremo tolti per sempre Napoli, Juve e Inter dal calendario.

    RispondiElimina
  7. E ora qualche parola sull'Uomo in Grigio, sul Mediano Qualunque. Come per Viviano, c'è un rapporto di tifo e di orgogliosa appartenenza, da parte di Zombolivo, nei confronti del Milan: ieri, pur senza impianto elettrico (dispone soltanto di candeliere), si è battuto come un leone, come autentico capitano (finalmente) di una squadra che ha resistito, con catenaccio provincialoide (e che per valore a Zombolivo conviene, riserva sarebbe nella Fiorentina attuale), agli assalti di una Juve cieca e smussata. Renzi ha ottenuto un gran risultato, Chiari, se si considera che l'Apparato era schierato al 95% per Bersani e che l'afflusso alle urne è stato all'incirca quello delle ultime primarie del PD ma stavolta col voto di tutta la coalizione (con affluenza inferiore decide sempre il trinariciuto, di solito). Vendola però riporterà i voti su Bersani, quindi il secondo turno è segnato: ad ogni modo Renzi è ormai soggetto inaggirabile per il PD nazionale, un boccone amaro da ingoiare per il futuro vincitore (un altro grigio). Tutto questo lo dico per obiettività ma anche per accademia, quel che succede alla mia destra mi lascia indifferente.

    RispondiElimina
  8. Bellissimo post. Pollock. Condivisibile in toto.

    RispondiElimina
  9. Caro Anto, ha resistito, pare, pur dimenandosi stanotte nella sua bara di vampiro. Pensa piuttosto alle sofferenze del baseballista, che ha esultato al gollonzo di Birsa fracassando il tavolo di cristallo del salotto e si è subito buttato sulla tastiera, per il suo Grande Ritorno, giusto il tempo per El Ham di ricacciarglielo in culo a profondità inaudite.

    RispondiElimina
  10. Sulla metà udinese di Cuadrado si avventano Inter e Barça: se è così possiamo solo vendere cara (ma mooooolto cara) la pelle di questo campione, finora il più decisivo della nostra stagione.

    RispondiElimina
  11. Che Montolivo, quando tira fuori le palle, sia un bel centrocampista io l'ho sempre sostenuto. Che non lo abbia fatto per due anni a Firenze, salvo il secondo tempo contro l'irresistibile  Novara, è solo un' aggravante nei suoi confronti e nei confronti di chi a Firenze, per due lunghi anni, lo ha accettato così o fatto finta di non vederlo, senza mai metterlo in discussione. Quanto a Renzi, caro Colonnello, dovresti invece interessartene anche da radical chic quale sei, perchè la probabile vittoria di Bersani al ballottaggio sarà un vittoria di Pirro, in quanto significherà una vittoria insufficiente della sinistra alle prossime elezioni politiche, cosa che porterà ad un Monti bis e, quel che è peggio, sostenuto di nuovo da una maggioranza di unità nazionale, con dentro, come ora,  anche i berluscones. Renzi è l'unico che ha la possibilità di portare il centrosinistra da solo al governo. Detto questo perdendo il ballottaggio, Renzi diventerà il capo del Partito Democratico e lo rinnoverà, ma per l'Italia tutto sarà rimandato. 

    RispondiElimina
  12. Un grande gruppo: la panchina schizza in piedi ad abbracciare chi segna (anche coloro che, come Cassani, sono chiusi in formazione titolare e hanno per questo perso la Nazionale), nessun mugugno (se non quello di Della Rocca, incompreso Overath de noantri che cercheremo di piazzare a gennaio al mercatino delle pulci), allegria fuori dal campo (ma allegria di ragazzi responsabili). Una squadra, insomma. E una grande guida, il che spiega il resto.

    RispondiElimina
  13. Cuadrado è un fenomeno, ma, secondo me più decisivi di lui sono, nell'ordine, Montella, Pizarro e Valero. Sarà più importante, entro un paio d'anni, trovare il sostituto di Pizarro, magari mettendocelo in casa al più presto. 

    RispondiElimina
  14. Sono convinto in effetti, caro Chiari, che Bersani porterà il PD al disastro, o se vuoi al mezzo disastro, con conseguente stallo dopo le elezioni e ritorno inevitabile (e stavolta con più forti poteri, più forte legittimazione da parte degli impotenti) dell'Uomo della Provvidenza (mi sembrava che lo fosse anche per te, fino a qualche tempo fa...), del Professore Senza Concorso (beh, già con Berlinguer avemmo il Rettore-Ministro Senza Pubblicazioni: ci manca soltanto ormai, per la mazurka, un Professore-Presidente della Repubblica Che Non Ha Mai Insegnato).

    RispondiElimina
  15. Guarda all'Inter cos'hanno fatto con Sneijder, Chiari: da noi è mancata la Società, occorre ammetterlo. In tribuna e poi vediamo! Il danno procuratoci è stato incalcolabile e va ben al di là dell'apporto tecnico.

    RispondiElimina
  16. Colonnello, Monti E' STATO l'uomo della Provvidenza ( alias l'immenso Giorgio Napolitano) ed ha(nno, entrambi) salvato l'Italia, non ha potuto fare di meglio perchè prigioniero di questa maggioranza assurda, con dentro i berluscones. Però c'è un tempo per ogni cosa, un Monti bis, uguale all'attuale, ancora con questa maggioranza,  nella prossima legislatura, sarebbe negativo per il paese.

    RispondiElimina
  17. Scrivendo quello che ho scritto su Montolivo  e la Fiorentina qui sotto, anche io stavo pensando al caso Sneijder, Colonnello. 

    RispondiElimina
  18. Ciò che abbiamo appreso nel nostro rapporto col calcio,quel che continuiamo a vedere ed imparare,dai media,dalle persone e dal rapporto diretto con la "Res viola",grazie al nostro essere calati dentro situazioni,costruisce il quadro consapevole di ciò che sappiamo di noi stessi rapportati al calcio e dei protagonisti.Ma è proprio della sfera dei sentimenti e delle emozioni,dal loro irrompere nei pensieri,quando l'emotività interferisce,spesso in maniera contraddittoria,con ciò che razionalmente conosciamo e vediamo e che spesso desumiamo,ecco qualcosa di incontrollabile e potentissimo che rende deboli rispetto a come vorremmo essere e quindi ci influenza.Questa debolezza è anche forza che permette di sognare,anche ad occhi aperti,di progettare e desiderare.Questa forza,spesso,condiziona anche i voti personali ai nostri eroi sia in Campo di Marte sia away.Così Viviano si presta a giochi di prestigio di chi lo assolve,a meri conti della serva di lo accusa,a visioni oniriche di chi lo vede da 7,5 milioni di euro,a reali rendiconto di chi non capisce le cause di mani burrose come un culo di foto polockiana,a chi lega cause ed effetti ad errori dei difensori,innescando così una vertigine senza fine,quella vertigine che oramai allieta i nostri pomeriggi domenicali,canticchiano la canzone di Giorgia(che ci allietava al "Classico" di Roma tanti anni fa col papà)"Vivi....davvero.....Vivi.....davveeeero....".

    RispondiElimina
  19. Per la serie "Bqck to the past" brillante intervento di Magda da Bordighera,sotto la notizia 23:57 Milan-Juve 1-0 Marotta.....Credo che le montolivine abbiano una concezione da rêverie su Montolivo.

    RispondiElimina
  20. Stime africaneMi
    tocca ancora scriverti,stimato amico Deyna,per farti notare scivoli
    ancora nella tua avversione a Viviano,che non riesci a frenare,sembra
    quasi che c'hai un fatto personale.Quando lo facevi contro montolivo
    sono stato sempre al tuo fianco,ma non puoi continuare a sparare su un
    viola,che oltre ad avere nessuna responsabilita'ieri,si e' pure tagliato
    lo stipendio per venire qui,eccezione in un mondo di ipocriti viziati e
    venali.Sull'indegno,non e'la prima volta che si e' notata la verve
    guerriera mostrata ieri,anzi,e'una costante da quando veste la maglia a
    strisce.Il diametrale impegno viola/rossonero,sarebbe da portare,fosse
    ammissibile,nelle aule di tribunali per richesta danni:da noi si
    allenava soltanto e gli fregava un cazzo nulla se s'andava in B.A lui
    auguro,con franchezza,giorni fiorentini futuri poco sereni.Su questo
    tema da notare la giusta presa di posizione dell'Inter nei confronti di
    Schneider,azione che avremmo dovuto attuare pure noi contro
    l'indegno.Tornando a ieri,e a mente fredda,la squadra non m'e'piaciuta
    nell'approccio.Sento dire che il Toro e'una buona squadra,io dico che
    e'veramente poco,senza i nostri due errori,avrebbe fatto meno di
     nulla,Cerci fin li'era stato fumoso,Santana un autodribbling.Per me
    piu'che un punto conquistato,sono due persi,con altro spirito
    dall'inizio eravamo a due dalla vetta altro che storie!E'vero che una
    mentalita'vincente la si crea col tempo e finora abbiamo miracoli,ma ci
    troviamo nel bel mezzo della bagarre CL,non vanno sprecate l'occasioni
    che si hanno e si deve avere la stessa concentrazione sia con le grandi
    che con le minori.
    Chiari,in pieno accordo con la tua disamina
    politica.Vendola dice che non sosterra'Bersani,io ci credo poco, e
    comunque scardinare la mentalita'veterocomunista che ancora e'intrisa
    nel loro DNA,e' dura.Speriamo bene...Caro Colonnello,sul nostro ex polo
    di destra meglio non accennare nemmeno.
    Leggo ora che,Colonnello,definisci Monti l'uomo della provvidenza...se
    per provvidenza intendi che lo hanno voluto i grandi gruppi
    bancari/assicurativi che minacciavano speculazioni mortali contro
    l'Italia,quindi in pieno ricatto,allora ok,ma se auspichi un Monti
    bis,si fa prima a chiedere l'eutanasia invece di una morte lenta e piena
    di sofferenze.E'un burattino in mano dei grandi poteri,li'per attuare
    politiche di supremazia contro i deboli...Che Iddio che ne scampi e
    liberi (insopportabile il teatrino di Casini a favore di Monti)che ce lo
    tenga lontano il piu'possibile,lui e i suoi ministri,una truppa
    armata pericolosissima ed elitaria.Lele
     

    RispondiElimina
  21. La media voto di Viviano sui quotidiani nazionali è di 5,6, si vede che ieri esente da colpe non è stato. Non sono voti politici che si danno a chi prende 2 goal, ho visto ampie sufficienze anche a chi ne ha presi 2 o di più, evidentemente qualche addetto ai lavori ha visto corresponsabilità insieme ai suoi compagni. Dal mandarlo al rogo al dire che non ha commesso errori ce ne corre. Il secondo goal ce l'ha tutto sul groppo, sul primo se ne può anche parlare.

    RispondiElimina
  22. Anche se non mi ha mai entusiasmato, non ritenevo Viviano un problema per la Fiorentina. Tuttavia, penso che ieri abbia manifestato una insicurezza allarmante. Per quanto riguarda la prima rete, anche se Cerci tira da cinque metri ed ha tutte le opzioni possibili, il Nostro, anziché saltare inarcando la schiena, cade all'indietro come sbilanciato da un sedere ingombrante. Imparabile sarebbe stato qualsiasi tiro laterale, soprattutto se rasoterra, ma Cerci mira la figura. Sulla seconda rete, Viviano sarebbe stato ovviamente da assolvere qualora Gonzalo avesse deviato il cross in modo percepibile. Ma la traiettoria, oltretutto lenta, non muta e lui sta a guardare, battezzando la palla fuori: l'errore è marchiano. Infine, goffo, insicuro e indeciso si è dimostrato in occasione di un'uscita sulla destra nel tentativo di anticipare un avversario (non ricordo chi fosse), il quale è invece giunto prima sulla palla, salvo tirarla, per fortuna, sulla faccia del nostro portiere.

    RispondiElimina
  23. Quello è un cross lento, con una parabola ridicola che NON può insaccarsi sul secondo palo passandogli ad un metro. Ha valutato male traiettoria, velocità, intervento del suo compagno (è obbligo prenderla ?!), ha dimostrato scarsa reattività e non ha coperto adeguatamente la sua area di pertinenza. Non è un errore di poco conto, è un indecisione grave che determina il risultato di una partita. Fortunatamente si è trovato la via del secondo goal altrimenti la sua media voto sarebbe scesa sul 5 pieno.  

    RispondiElimina
  24. Nessuno dice che Viviano non abbia  commesso errori (chi non li commette? andatevi a vedere tutti i gol presi da Buffon e da Cech, anche solo quest'anno),  ma sicuramente c'è,  nel sitone , qui da noi ed in certa parte dei tifosi, chi lo sta mettendo sotto processo e lo vorrebbe al rogo, mentre della eventuale necessità di  questo processo e conseguente rogo non c'è alcun riscontro da parte degli osservatori, dei tecnici, degli addetti ai lavori, ed esperti in campo nazionale.

    RispondiElimina
  25. Proprio perchè il cross non sembrava irresistibile  Viviano  è rimasto spiazzato dal clamoroso liscio ( quello sì) del nostro centrale. Cose che capitano anche nelle migliori famiglie, ma dove, nel caso, è chiarissima la  responsabilità nettamente principale del nostro difensore, che infatti ieri, subito dopo la frittata da lui fatta, s'è messo le mani ai capelli.

    RispondiElimina
  26. Una volta ho scritto che un portiere si giudica per l'ordinaria e la straordinaria amministrazione: interventi normali, che non si debbono sbagliare da un lato, parate straordinarie che cambiano la partita. Boruc era un ottimo ed attento numero uno, ma poche volte stupiva, Frey ai tempi d'oro ha salvato molti risultati ed era una punta di diamante della Fiorentina di Prandelli. Viviano mi sembra francamente peggiore di entrambi, incapace di parate decisive, talvolta appare insicuro anche nelle parate ordinarie. Resta da capire come mai Neto non sia stato mandato in prestito per poterlo meglio valutare in vista di una promozione a titolare.

    RispondiElimina
  27. Non credo che Viviano abbia avuto ieri grosse responsabilità sui due gol, anche se, con un pizzico di attenzione in più, almeno uno poteva evitarlo. Ma il discorso su di lui è vecchio e risale a questa estate. Semmai credo che sia stato un errore non dare Neto in prestito per meglio valutarlo in prospettiva futura. Perché se per riscattare Viviano occorrerà spendere davvero 7 milioni e mezzo, una cifra del genere non vale davvero la candela.

    RispondiElimina
  28. Senza nulla togliere a Frey, che nei primi 3-4 anni ha fatto la differenza salvandoci un sacco di risultati, gli interventi del francese talvolta venivano sopravvalutati perchè ci metteva una plasticità superflua, uno stile che catturava la platea. La forza vera di Frey, nei suoi anni migliori, era la sua reattività fuori dal normale, che era sufficiente a colmargli le sue lacune: senso della posizione così così, uscite zero (sia sulle palle alte che provenivano dalle fasce, sia su quelle basse provenienti da vie centrali). Era uno che si sentiva più sicuro restando sulla linea di porta, confidando nella sua esplosività, che spesso gli permetteva di volare da un palo all'altro. Ma talvolta a questi interventi era obbligato proprio dal fatto di partire in posizione sbagliata (Buffon, in questo senso, è uno che raramente ha "rubato l'occhio" con interventi per la platea, ma il suo senso della posizione e la sua prodronanza dell'area piccola gli consentono quasi sempre di prevenire la necessità degli interventi alla Frey). E una volta che la reattività di Frey è diminuita, vuoi per l'accumularsi di infortuni, vuoi per i 12kg di sovrappeso che mise su, diventò un portiere qualsiasi. Boruc sicuramente era vicino più alla tipologia dei Buffon che a quella dei Frey, brillava per senso della posizione e padronanza dell'area piccola, e sebbene esteticamente il suo stile non fosse nulla di che, bloccava la palla molto più del francese, che spesso preferiva coordinarsi per respinte di pugno a lunghissima gittata, quando invece la palla era bloccabilissima. Insomma due portieri forti con due stili diversi, ma a me trasmette più sicurezza uno come il polacco.
    Viviano ieri lo ritengo incolpevole sul primo gol e molto colpevole sul secondo, ma non da solo. Però è il nostro portiere, e certe valutazioni preferirei che le rimandassimo a dopo le restanti 25 partite, quando ci troveremo a discutere il suo riscatto. Per ora sarebbe bene sostenerlo e basta.

    RispondiElimina
  29. C'è di meglio che Viviano, nel ruolo, e 7,5 milioni per riscattarlo sono fuori dal mondo, quest'anno la nostra difesona (ieri però in barca, in occasione dei gol) gli ha risparmiato grattacapi, né penso che le critiche possano o debbano farlo andare in tilt se è un professionista (non mi pare che nessuno lo attacchi sul personale, come fatto con Cerci, assurdamente e svegliando la nemesi), ma sul secondo gol le sue responsabilità sono minoritarie, comunque compensate dai due brillanti interventi precedenti. Chi stupisce è Rodri, che due minuti prima era stato autore di gol finalmente su rigore e che deve essere stato deconcentrato da quell'ennesima pagina di gloria stagionale (peraltro, suo record di gol personali segnati in un campionato e palma di miglior centrale del campionato italiano per rendimento fino alla scorsa settimana), visto che in più, all'ultimo minuto, esce dall'area con un pazzesco colpo di tacco alla cieca per aria che rimette palla al contropiede granata (ciò conduce a punizione che viene battuta nel mucchione in area e che avrebbe potuto portare a quel  che successe a Parma). Io non vedo un approccio di spirito sbagliato alla gara, Lele, vedo alcuni errori individuali, alcune prestazioni inferiori alla media, alcune incompatibilità tattiche iniziali. Ma la squadra c'era e lo ha dimostrato: ripeto che cinque palle-gol in trasferta, oltre i due gol, sono molte. Non si possono vincerle tutte e pareggiare in casa del Toro (squadra a Firenze nei giorni scorsi sottovalutata: speriamo che anche la Juve la snobbi) è onorevole.

    RispondiElimina
  30. La scheda di Vitalogy su Frey e Boruc è perfetta. La gestione di Neto, come dice McGuire, è stata sbagliata (vogliamo concedere un erroretto a chi, come Pradè, ha venduto tutto e comprato uno squadrone? Certo, come Roma dimostrò, sui portieri non sembra chiapparci come sul resto). Non credo che arriverà un portiere a gennaio: a giugno sicuramente, perché l'onere del riscatto, a quella cifra, è insopportabile.

    RispondiElimina
  31. Buffon è stato un grande portiere, ma non certo un pararigori, dove, tra i portieri che sono stati della nazionale, se la gioca con Zenga quanto a mediocrità nel fondamentale. A più tardi per parlare di Viviano, che invece ha il suo punto forte proprio in questo. Peccato che sia dallo scarso, al mediocre al sufficiente pressoché in tutto il resto...

    RispondiElimina
  32. E poi c'è il problema Pasqual, anch'esso risolubile soltanto a giugno, perché non è a metà anno, con squadra in lotta Champions, che si toccheranno certi equilibri, trattandosi di capitano e di giocatore strenuamente dedito alla causa. Sembra sempre in via di progresso nell'attenzione alla fase difensiva e nella cura dei cross (fu tra i migliori contro l'Atalanta) e poi tira fuori prestazioni come quella di ieri (il peggiore in campo di gran lunga, a mio avviso). La lagna sulla sua non convocazione in Nazionale è poi imbevibile: in una difesa a quattro far giocare Pasqual è da rappresentativa nazionale di staterello bessarabico.

    RispondiElimina
  33. Criticare Buffon per il rigore di Robinho mi è incomprensibile: ci arriva, è già tanto, su un rigore discretamente angolato e secco. Mi ha ricordato la deviazione sul rigore coreano nel 2002, salvo che in quel caso la palla schizzò fuori dalla porta. Insomma, non arriverei a scomodare il più grande portiere della storia del calcio italiano, insieme a Olivieri, per giustificare Viviano.

    RispondiElimina
  34. E stasera una sana gufata per Inter e Napoli, non solo perchè nostre concorrenti, ma anche perchè se la meritano a prescindere. Noi giocammo la UEFA per vincerla, con serietà fino a maggio, sempre di giovedì, fino alla semifinale; ma col cazzo ci hanno mai spostato il campionato al lunedì. Quest'anno invece concedono lo slittamento, per concedere riposo da cosa? Dalle figure di merda che rimediano schierando riserve e Primavera, prendendo tre pere da squadrette di terza fascia? Riposo dalla non-fatica con cui hanno fatto perdere all'Italia un posto in Champions, e con cui nel giro di poco saremo superati anche dalla Francia, e poi da Russia, Ucraina, Portogallo e Olanda?

    P.S. Colonnello, io nella prestasione di ieri ci ho visto molto di ciò che dice Lele, a partire da tanti palloni persi per passggi e dribbling tentati con suffcienza. 

    RispondiElimina
  35. Vitalogy, ho segnalato quel che dici nel mio commento, ma l'ho messo in relazione, appunto, alla certosina pressione sui centrocampisti e su Cuadrado, nel primo tempo pagante per i granata, come sapevamo conoscendo Ventura. Insomma, Vita, esistono gli avversari, esistono, diamine, e Ventura ha costruito un Toro che segna poco (se in più non segna Cerci, chi vuoi che marchi dei loro davanti? E dovevamo comprar Bianchi, ad ascoltare Yo el supremo nella bara del vampiro!) ma impermeabile e non con catenaccio, ma con difensivismo elastico: se aggiungi che lo schema con Mati davanti è andato subito in crisi e che Olivera e Aquilani, per la prima volta insieme, hanno mostrato di non quagliare (anche questo l'avevo scritto nel commento) vedi che gli errori, da nervosismo e da malinteso, ne sorgono naturali.

    RispondiElimina
  36. In alcune occasioni, Colonnello, mi è sembrato che i nostri dessero un po' di cose per scontate. Per il resto, le difficoltà sono state quelle che avevi previsto, e nel complesso trovo che sia stato un punto prezioso, sia perchè la partita era nata male ed è proseguita peggio, sia perchè in tutto ciò tutto abbiamo allungato una bella striscia di imbattibilità. 

    RispondiElimina
  37. Arrivo tardi, quindi non posso che sottoscrivere il giudizio tecnico di Leo e Antoine sul Viviano di ieri, e quello di Lele sul Toro [pure io l'ho visto ben scarso] e Monti. ViviUno di Noi©: non porto davvero avanti nessuna crociata, e mi sta perfino simpatico, però non voglio che il suo essere tifoso viola lo renda immune da critiche tecniche. Come per tutti i giocatori, scrivo quello che vedo, che sia sbagliato o no. Non ne chiedo [un'impossibile] cessione a gennaio, né l'avvicendamento con Neto, che è fermo da troppo tempo per fare subito meglio di noi. Spero però che a giugno non venga riscattato, specialmente a 7.5 milioni, perché lo ritengo un punto debole della Maquina, e a quella cifra una follia.

    RispondiElimina
  38. Non di noi, ma di lui, ovviamente.

    RispondiElimina
  39. Secondo  me non è il tempo di discutere Viviano semplicemente perchè non ha fatto cose tali che meritino la sua messa in discussione, altra cosa sarà valutare a fine campionato, come per qualsiasi altro,  se ed a quali condizioni varrà la pena confermarlo/riscattarlo.
    L'esempio del rigore subito da Buffon serve non per fare dei paragoni di situazioni diverse ma solo a capire come il ralenti possa ingannare, perchè al ralenti sembrava che lo avesse già parato, certo se ci andava con i pugni come  Melo lo avrebbe parato, ah ah ah, ma le scuole per portieri dicono che sui rigori non si fa così. Quanto alla partita della viola c'è poco da fare tante considerazioni, è successo quello che succede alla Fiorentina quando manca Pizarro ( che io considero dopo Montella e con Valero i più insostituibili), tutto lì, quando manca lui ne va della pulizia , delle geometrie e tutto sommato dell'efficacia del nostro gioco, con conseguente vantaggio per l'avversario, e non mi riferisco solo alla nostra fase offensiva ma anche a quella difensiva, perchè, come insegna il calcio spagnolo, il possesso palla è anche la miglior difesa.

    RispondiElimina
  40. Ovvio che un atleta con dodici kg. in più perda di efficacia e reattività. Vale per Frey ma anche per un ciclista come Cancellara e persino per Alonso. Frey resta il miglior portiere che la Fiorentina abbia avuto nellultimo decennio, nonostante la ricorrente accusa di uscire poco e il trattamento umiliante ricevuto dal ct francese. Accusa francamente un po' capziosa se alla fine di molte partite lo si doveva ringraziare per aver salvato il risultato. Un atleta però non dovrebbe mai perdere il controllo del proprio peso per la stessa ragione per cui un commercialista non deve perdere di vista gli aggiornamenti legislativi in materia fiscale. E' una questione di professionalità minima. 

    RispondiElimina
  41. Povera Italia calcistica e non solo, dopo Buffon che teorizza la legittimità del biscotto ecco Berlusconi: "'Vincere con un rigore dubbio e' la cosa che da' maggior soddisfazione."Cosa c'è di più immorale che dire cose del genere da parte di un ex Capo del Governo? Inoltre, anche i ladri patentati dicono che rubare è la cosa che dà maggior soddisfazione.  Infatti l'analogia non è casuale. 

    RispondiElimina
  42. Secondo me del Silvione è più grave la seguente affermazione: "Montolivo è il nuovo Pirlo". Dimeticavo: splendidamente goduriose le foto scelte da Pollock.

    RispondiElimina
  43. TOCCA L'ALBICOCCA26 novembre 2012 16:42

    Ho letto e visto uscite peggiori e scomposte di quella di Viviano,per esempio quella su Renzi di Marini o della stessa Bindi,tanto per citare le ultime...eh,eh,eh..
    Comunque non ne farei un dramma se Napoli e Inter risucchiassero la goeba anche se così facendo ci supererebbero momentaneamente,più casino c'è lassù e meglio è.
    Anche perchè Napoli e Inter devono venire a farci visita e mantenendo le distanze....

    RispondiElimina
  44. Immagini duqnue, l'amico dello stalliere, quanto deve aver goduto la Juve a strappargli lo scudetto col gol-non-gol di Muntari... Veramente, dovrebbe scrivere un manuale per aspiranti suicidi: la Merkel glielo pubblicherebbe a spese della Bundesrepublik.

    RispondiElimina
  45. AntoineRouge, sei negli squadroni della morte dell'animalismo! Ad ogni modo confesso che ad ogni notizia di incornati a Pamplona o in corrida mi dico sempre che ci sono maniere meno sceme per andarsela a cercare.

    RispondiElimina
  46. Molti hanni fa lessi di un pescatore rimasto fulminato per aver lanciato la lenza sopra un filo dell'alta tensione: trovai la notizia elettrizzante.

    RispondiElimina
  47. hanni! Come mi è uscito non so.

    RispondiElimina
  48. Tocca, questa volta siamo d'accordo anche politicamente.

    RispondiElimina
  49. E ti ci metto anche la Camusso.

    RispondiElimina
  50. TOCCA L'ALBICOCCA26 novembre 2012 17:23

    Te lo dovevo Chiari,sei uno dei pochi che ha capito che sparare su Viviano potrebbe portarci solo guai ma evidentemente non si ha ben chiaro cosa vuol dire far gioco di squadra.Anche i tifosi devono fare la loro parte e se serve mordersi la lingua.

    RispondiElimina
  51. Vai con Bonanni, allora, Chiari! Lele, ottima ri-replica al perdigiorno e contraddittoriamente vaneggiante Dubbio su cloaca! Però di quel che avevo scritto su Monti non avevi inteso mazzam.

    RispondiElimina
  52.  Approcci fondamentali africani


    Colonnello,l'approccio
    e'fondamentale e quando siamo scesi in campo,io ho rilevato una certa
    sufficienza,o almeno,come dice Vita,una certa scontatezza,e ritmi molto
    blandi.Mi ricordo contro l'Inter,pronti via e sembravamo invasati con
    ritmo altissimo,idem i primi venti minuti col Milan,ma d'altra parte
    riuscire a immettere le giuste motivazioni anche con squadre minori e
    tenere alta l'intensite'(cito Sacchi che era un martello in questo
    senso)e'arduo,vuoi perche'siamo squadra di  assemblaggio giovane,vuoi
    che a stressare troppo i giocatori c'e'il rischio di rigetto.Resta
    comunque vero che siamo lassu' e per restarci non dobbiamo attendere un
    puntata nei denti per reagire con la rabbia e mettere in campo la
    differenza tecnica,ma imporla da subito.

    Deyna,Viviano
    e'certamente un buon portiere,ma,per quello mostrato finora,non ha la
    prodezza nel suo bagaglio tecnico,quindi non aspettiamoci delle
    grandissime parate,o almeno non ci facciamo la bocca.Infatti quando il
    rendimento dei nostri guerrieri in difesa e'calato,ecco che sono
    arrivati due gol.I soldi per il suo riscatto sono tanti per il suo
    valore e si sa,ma ne abbiamo gia'parlato anche
    troppo.Prade'sapra'valutare al meglio la sua delicata posizione.

     

    Lele

    RispondiElimina
  53. Bonanni non c'entra, Colonnello, semplicemente va rottamata anche lei, nell'interesse della grande e gloriosa CGIL,  dove pure c'è bisogno di aria nuova. Certe volte quando apre bocca Di Vittorio e Lama si rivoltano nella tomba.

    RispondiElimina
  54. Africa sorpesa come Pasqual nella terra di nessuno


    Infatti,mi
    hai sorpreso,Colonello,ad affibbiare casiniamente a Monti virtu'di
    'rescue',felice dunque d'aver travisato.Io non vorrei arrivare ad
    usare gli aggettivi che gli riserva Barnard,ma siamo vicino...
    Lele
     

    RispondiElimina
  55. Max io la lingua me la mordo volentieri e non ne chiedo certo l'accantonamento, ritengo positivo il suo campionato finora, ma tu guarda un po', ma ieri l'ha combinata grossa ai miei occhi. Lo scrivo e basta senza partire con crociate di diffamazione perché ritengo Neto più forte. Ha sbagliato, trovo ridicolo addossare colpe maggiori ad un difensore che cicca l'intervento quando quella è una palla che non può e non deve insaccarsi a quella maniera. Birsa effettua un cross che, salvo incocciate dei cugini, deve essere presa prima da Gonzalo, e non ci piove, e in seconda battuta dal portiere che non può impalarsi come una bella statuina senza fare un passo, allungare un braccio o muovere un muscolo anche solo per farla andare fuori. Lo scrivo qui e non sul sitone per dare fiato ai suoi detrattori. Ha sbagliato ma non si discute la figura o la sua importanza all'interno della società o per il tifo viola. Si è pareggiato, non casca il mondo, siamo a discutere di un'annata eccezionale che non peggiorerà certo per un pareggio a Torino. Ha pure fatto un'intervento, non due come dicono, di assoluto livello ma per me poggio e buca non fa pari. Quando faccio un errore non mi consola fare altre cose buone o molto buone, in quell'occasione ho sbagliato. Penso lo si possa scrivere serenamente senza dargli un tono più serioso di quanto comporti. 

    RispondiElimina
  56. La Camusso è nuova di palcoscenico, chissà perché sarebbe da rottamare e chissà quali posizioni di potere avrebbe da difendere, lei che si è battuta da subito solitaria contro quel Monti che oggi i maldestri suscitatori e creatori del mostro vorrebbero affrettarsi a smontare (troppo tardi!), lei non ha dimorato per decenni ai vertici come quel vuoto destro di Lama, demolitore della CGIL, quindi che Lama si rivolti nella tomba è più che normale.

    RispondiElimina
  57. «Pasqual nella terra di nessuno»... ahahahahahahahah! Caro Pollock, il problema è che dietro c'è quel Llama che ha fatto pena quando schierato dall'inizio.

    RispondiElimina
  58. Pasqual è certamente un punto debole (ieri l'ho trovato disastroso), ma sino ad oggi è stato dignitoso. Llama credo lo rivedremo mercoledì.

    RispondiElimina
  59. Ecco, Leo, dei due interventi positivi di Viviano, solo il secondo - ossia quello sul tiro a mezza altezza ben deviato con distensione in tuffo - mi è sembrato notevole, il primo [sul rasoterra] ci mancava anche non lo parasse! Comunque da Viviano io non mi aspetto gli interventi eccezionali saltuari [che invece sono nelle sue corde, o meglio erano, prima dell'operazione], ma che prenda buona parte del parabile, ed è in questo che mi sta deludendo. Ripeto, finché la difesa regge a livelli alti non è un problema, appena cala sì, e lo si è visto ieri.

    RispondiElimina
  60. Sì, insieme a Migliaccio, a Hegazy e, forse, a Della Rocca (Jojo per un tempo).

    RispondiElimina
  61. A giugno Colonnello andare dal Lione con i soldi in bocca, per usare un'immagine jordaniana, e portarsi a casa l'argentino Monzon, un'iradiddio sulla fascia sinistra, tra l'altro dal gran tiro.

    RispondiElimina
  62. Posto che non condivido affatto, per quel che ho scritto, le critiche acerbe a Viviano per la prestazione di ieri, trovo artistico e da immortalare il post che Terim ha appena scritto sul sitone e che qui riproduco: «26/11/2012 17:19:20 Terim, Turchia: Allora, caro SERGIO CLERICI in porta io
    non ci ho mai giocato e non ci ha giocato mai neanche mia sorella che ho
    usato per simulare le non parate di viviano sul campetto vicino casa. A mio figlio di 12 anni il compito di tirare in porta come Cerci e Birsa e
    a mio nipote di 1e 1/2 quello di gattonare davanti alla porta bucando
    il pallone come ha fatto Gonzalez davanti a Viviano! Allora, sul tiro di Cerci mia sorella, non sapendo parare, è rimasta completamente ferma ed
    il tiro di mio figlio le si è stampato letteralmente sulla faccia
    provocando una notevole epistassi nasale!!! Quindi Viviano non ha evitato
    che il tiro entrasse ma, contorcendosi ne ha favorito l'entrata!!sul
    tiro di Birsa (sempre mio figlio) che mio nipote gattonando non è
    riuscito ad intercettare, mia sorella è andata a coprire l'unico angolo
    scoperto, ovvero quello alla sua destra, tuffandovicisi allungando le
    mani, evidentemente escludendo che mio nipote stoppasse ed insaccasse
    nella propria porta sull'altro angolo!!! Viviano invece è crollato su sé
    stesso esattamente come fece con quel gol nell'amichevole estiva dove si
    scrissero fiumi di inchiostro sul suo presunto infortunio!! Non c'ha
    spinta sulle gambe e tempi di reazione zero, poi fate come volete ci
    mancherebbe altro!! Altra perla è Pasqual che guarda Cerci tirare in
    porta da tre metri dopo essere stato battuto sullo scatto!! Mah!!!» 

    RispondiElimina
  63. TOCCA L'ALBICOCCA26 novembre 2012 18:17

    Leo,non è che non si possa dire però rispondimi onestamente.E' dall'inizio del campionato che si spacca il capello in quattro su ogni intervento di Viviano,e non parlo di te ma in generale,ed è quindi ovvio che dagli,picchia e mena prima o poi ci si azzecca.
    Ora,siccome quello del portiere è un ruolo particolare che richiede più tranquillità di altri e
    dato per certo che a -4 dalla vetta senza un buon portiere non ci arrivi,sarebbe meglio darci un taglio prima che diventi un problema.
    Essere tifosi della squadra per cui giochi suscita delle invidie più o meno manifeste e tra le righe dei giudizi su Viviano io un po' di questa invidia ce la intravedo.
    Se ci si ferma adesso la possiamo archiviare tra le cose innocue,se si seguita lo facciamo diventare un caso e addio Europa League e sogni di gloria.

    RispondiElimina
  64. Si questo siamo distante anni luce , Colonnello, la Camusso sindacalmente è molto più vecchia e conservatrice dei grandissimi innovatori Lama e di Di Vittorio, così come dice e dirà la storia.Con lei la CGIL è al palo, c'è bisogno anche lì di gente nuova che capisca e sappia rappresentare il mondo del lavoro di oggi.

    RispondiElimina
  65. Segnalo, sul sitone, il pezzo di Guido Barucco, non per nulla fresco ex-dantino, di analisi statistica della gara di ieri: è quanto di più serio e argomentato io non leggessi su quel luogo di decadenza dalla partenza di Rosati. Da gente in gamba così il sitone, moralizzandosi, potrebbe anche ripartire.

    RispondiElimina
  66. Ha fatto molto meglio in altri suoi scritti, Terim ( che quasi sempre condivido) , sia nel contenuto, in questo caso alquanto discutibile e forzato anche considerando l'ironia, che nella forma, questa volta poco brillante e macchinosa.

    RispondiElimina
  67. Ora Leo, anche TE TI ci metti con Viviano? :-))))


    Finchè ci pensa Deyna, ma lui oramai ha deciso che è sempre e solo colpa sua, eh eh eh, si scherza Deynone..


    Tornando seri, sul primo gol, non ci può ovviamente far niente, per prendere quei missili, da 5 metri, puoi solo sperare che prendano la mira e ti centrino, altrimenti la raccatti nel retone...

    Così come chi dice, semplificando, "Pasqual nella terra di nessuno... "Ma Bianchi Rolando, solo come un cane sul dischetto del rigore, chi lo "guardava", io? Nell'azione del primo gol "spariscono" due dei tre centrali ed anche Oliveira girottola al limite dell'area in evidente ritardo sull'aiuto da portare ai centrali stessi... Evidente l'errore di reparto più che dei singoli...


    Sul secondo gol invece,  mi pare evidente che la leggerezza la commete Gonzalo, acquisto straordinario, in verità, ma che ogni tanto macchia le proprie prestazioni con passaggi a vuoto che ci costano anche carucci...


    Continuare a dare addosso a Viviano lo trovo da martellate sui coglioni, mi ricorda un po la storia di Boruccone, solo che allora c'erano i rosiconi e disfattisti, ora come li vogliamo chiamare?

    RispondiElimina
  68. Mi accorgo solo adesso che Barucco aveva co-firmato con Marco Pecorini (che immagino giovane pur esso) la presentazione tattica delle ultime due nostre partite di campionato: è roba molto seria, molto documentata, molto dettagliata, molto scavata. Bravi, bravi, bravi! D'ora in poi non mancherò di leggerli, alla vigilia.

    RispondiElimina
  69. Post folkloristico-fantozziano quello di Terim Blimp. In pratica ha messo in porta la signora Pina e ordinato a Mariangela di fare la parte di Cerci. Se questo è il metro per valutare calciatori professionistici stiamo freschi!

    RispondiElimina
  70. Segnalo, dal sitone, un ottimo intervento di tale Ittennico (sul quale Vitalogy mi sembra nutra i miei stessi sospetti...) che analizza molto lucidamente i due gol subiti e che vado a riproporvi:

    26/11/2012 18:44:32 Ittennico, firenzeI due gol presi si possono vedere e rivedere per capire ciò che non è andato (se si è preso goal qualcosa non è andato per forza), non per fucilare qualcuno, ma per capire. Il primo goal è tutta la fase difensiva viola che funziona male, si è presi in velocità senza riuscire ad andare mai al contrasto con nessuno. Roncaglia scala a centrocampo mi pare su D'Ambrosio e lo deve fare ma quello lo anticipa passando subito a Santana che scende sulla destra e là va Gonzalo, e anche lui lo deve fare. Lo dovrebbe coprire Olivera che però non rincorre Bianchi e si fa dare venti metri dal centravanti cosicchè Pasqual non sa se coprire Bianchi o Cerci e non copre nessuno dei due. Savic per conto suo era stato portato a destra da Meggiorini, e anche lì il movimento era giusto, meno giusto l'intervento perchè la buca piena nel tentativo d'anticipo. Viviano infine mi sembra, nell'occasione, il più innocente di tutti. Gli tirano da sei sette metri sotto la traversa, via Terim, non scherzare, tua cognata l'avrà presa anche nel naso ma perchè ha tirato il bambino, in porta a Torino non l'avrebbe nemmeno vista passare. Colpe di tutti e di nessuno, insomma. Quelli che han più colpe singole mi sembrano Savic, per aver bucato l'intervento e Olivera per non essere andato deciso su Bianchi una volta visto il movimento di Gonzalo su Santana. Il secondo goal invece chiama in causa solo Gonzalo e Viviano e, parzialmente, Savic per non aver impedito il tiro-cross. Cosa è successo tra i due non si sa, se il portiere l'ha chiamata o se il saltino di Gonzalo a lasciar passare è stato estemporaneo lo sanno solo loro, quello che dico è che, in quelle circostanze, per me è il portiere che comanda, che bercia e che la prende. Non si può prendere un goal da trenta metri quasi dalla linea del fallo laterale. Qui per me le colpe del portiere, più di ogni altro, sono indiscutibili. Questo ripeto, non per fucilare nessuno, Viviano ha salvato almeno una palla goal se non due, in precedenza e gli va riconosciuto, ma perchè se ci si mette ad esaminare una partita è giusto farlo cercando di essere obiettivi nel riconoscere prodezze ed errori.

    RispondiElimina
  71. Chi sarebbe questo Ittenico? Non sono male le sue analisi.

    RispondiElimina
  72. Fra l'altro mi pare che Ittenico riprenda ed ampli ciò che avevo scritto io sotto lo stesso post del sito capostipite. Che cioè le colpe di un goal preso sono raramente attribuibili ad un singolo come usano fare i tifosi che non vedono l'ora di scrivere: è colpa di tizio o di Caio.

    RispondiElimina
  73. Lud, cerca di abbandonare la tua pasticceria pesante elvetica e ridi un po' del terimismo, che non pretende a trascendentalismi. No, caro Anto, Ittennico (utente registrato dal 2007) continua a non sembrarmi davvero Jordan, sarebbe un giochetto cretino di siparietti che non gli conosco, visto che ha abbandonato i due blog per quanto di serio Attila ci ha rivelato. L'analisi del secondo gol è peraltro così scacia che non credo che sia jordaniana se non mi fotografano il Patriarca chino sulla tastiera: il tiro-cross non è da trenta ma da venti metri e la linea laterale è nei sogni, la colpa di Viviano sarebbe nel non averla chiamata e chissà perché se Rodri ci è sopra, davanti a lui, e può respingere, e poi non si chiama mai una palla che si deve raggiungere in tuffo ma quelle di comoda presa o di uscita alta, altrimenti (oltre tutto) un portiere dovrebbe chiamare tutto quel che arriva in area. Via via, se quello è Jordan io sono Marco da Siena. Io lo attendo qua da noi quanto prima e Jordan come sempre.

    RispondiElimina
  74. Ma se non era una battuta la mia Blimp... . Ed anche buona, guarda, me lo dico da solo. Ittenico non è Jordan, per ragioni stilistiche. Jordan ha uno stile più perentorio e nervoso.

    RispondiElimina
  75. Tocca, per quanto mi riguarda ti garantisco che non c'è nessuna invidia [e come sarebbe possibile? mica gioco più, e non ero portiere!], anzi, a me il sogno del giocatore-tifoso che arriva a vestire la maglia della sua Fiorentina piace, ad esempio come riserva Biagianti a me garberebbe...Ma stiamo sui forum e sui blog a parlare di calcio, o ci si autocensura totalmente - perché a quel punto il timore di danneggiare un giocatore vale per chiunque altro si suppone legga fiorentina.it o il Sitollock - o parliamo falsamente bene dei giocatori, esaltandoli anche quando vanno male. Perderebbe senso però stare qui, se permetti. E non servirebbe comunque a nulla, perché Viviano, come gli altri, legge i giornali sportivi e le relative pagelle, guarda i siti a tema, e magari gli dà più fastidio la stroncatura del giornalista di quella del tifoso. E poi, sa benissimo da solo quando fa una cazzata. Sono da sempre d'accordissimo sull'evitare di fischiare i nostri giocatori allo stadio, e non "bubare" nemmeno, perché si rischia di rovinare una prestazione, a caldo. Ma se un professionista va in crisi leggendo siti e giornali, beh, credo abbia sbagliato mestiere, perché deve saper reggere la pressione.

    RispondiElimina
  76. Refuso: distante sta per distanti.

    RispondiElimina
  77. Comprendo il punto di vista di Deyna, ma anche le preoccupazioni di Tocca. Fino a fine stagione il titolare sarà Viviano. Non distruggiamolo psicologicamente, potrebbe anche fare di peggio.

    RispondiElimina
  78. Aquilani fuori due turni, Jojo rimandato alla partita con la Roma: il principino possiamo permettercelo, pur coi suoi cataplasmi, viste le nostre alternative di centrocampo, e quando riemerge dai suoi infortuni è grazia ricevuta sempre, ma Jojo è troppo fragile per rinunciare ai soldi che ci può fruttare per centravantone e esternone di sinistra.

    RispondiElimina
  79. Anto l'avevo sospettato, ma più che sospettarlo ci avevo sperato dato che eravamo in pensiero, però il Colonnello mi fece notare molto persuasivamente alcuni punti per i quali non poteva essere lui. Calzante anche la descrizione in estrema sintesi di Ludwig.  

    RispondiElimina
  80. Max per me la partita è finita ieri, ed oggi non inizierà una raccolta di firme per mettere in discussione il posto a Viviano. Fino alla prossima partita, al netto di qualunque errore che qualsiasi giocatore della Fiorentina possa compiere, non mi vedrai certo battere sempre e solo su quel tasto. Mi aspetto onestà intellettuale quando si analizza i pregi e i difetti di una prestazione, globale e ad personam, non ce l'ho certo con lui e neanche con gli altri componenti della rosa. Solo un deficiente potrebbe alzare un po' di polvere per stare a sottolineare in maniera prolungata un errore che un singolo può fare o permettersi, ho tanti difetti, ma questo non mi appartiene. Oltretutto un pareggio a Torino con il toro era ampiamente prevedibile, non siamo passati dall'inferno al paradiso in 5 mesi, siamo già oltre le più rosee aspettative, guai a lamentarsene. 

    RispondiElimina
  81. Ok, non e' Jordan, peccato, devo dire che i suoi interventi mi mancano. Spero che i suoi problemi siano in via di risoluzione. Che Attila gli porti i miei saluti.
    Ittennico, chiunque sia, fa comunque sempre interventi intelligenti e motivati, e' uno dei pochi (fra quelli che non scrivono qui) che vale la pena di leggere.

    RispondiElimina
  82. Bene per Aquilani. Speriamo possa giocare a Roma, dove servirà la Fiorentina migliore. I periodi di convalescenza di Jovetic sono sempre estenuanti. Sto guardando l'Inter: squadra orripilante.

    RispondiElimina
  83. Il Napoli non merita di vincere una partita ma porta via uno chèque di 3 punti con il timbro "Carattere di Mazzarri",altrimenti codificato con catenaccio senza lucchetti;un pessimo Napoli che vince una partita come quelle si stasera non è un buon segnale,anche se praticano un sano,vetusto,antiestetico gioco all'italiana.Il post di Terim è alta scuola turco-napoletana(eh eh eh eh eh eh!!!),una gag più alla Salemme che alla Fantozzi,occorsa per chiosare(si spera)la querelle su Viviano.Spezzo una lancia,una fiat e una alfa romeo per il nostro numero uno:il rigore parato a Parma,la magia su Bergessio,il suo tocco di pelota superiore a quello di Ricky Alvarez,Gobbi,Llama,Peluso ed altri svariati mancini che pascolano l'erba di serie A.

    RispondiElimina
  84. Non ho mai visto un film di Salemme, Sopra, io mi fermo a Fantozzi, però mi annoiano un po' tutte queste congetture su chi sia il colpevole dei goal. Ittenico ha capito tutto e ha chiosato, come me del resto, che quando si prendono goal così è tutta la squadra, quantomeno tutta la difesa, che ha sbagliato. Evidentemente il complesso gioco di coperture reciproche e sovrapposizioni è saltato e quando una successione logica di atti si rompe, riprendere il filo è quantomai complesso. Terim è uno che pensa di avere sempre ragione, ma non da oggi, almeno dai tempi di Claudio Merlo e anche questo mi annoia. 

    RispondiElimina
  85. L'Inter fa pena.

    RispondiElimina
  86. Impressionante Biabiany, pareva Tino Asprilla ai suoi massimi.

    RispondiElimina
  87. E comunque starò giorni in trance ipnotica fissando questo prospetto:

    CLASSIFICA SERIE A:

    juventus ............................. 32
    Napoli ................................ 30
    Fiorentina ........................... 28
    Inter ................................... 28

    RispondiElimina
  88. Non vorrei ricordare male, ma non era nel 68/69 che per gran parte del campionato ci fu in testa una lotta a tre o quattro squadre...................
    .....................................................................................
    ..................................................................................................

    RispondiElimina
  89. LUD,il mio scritto era più contro chi perpetua lo stillicidio contro Viviano,piuttosto che contro il nostro Numero 1,sul quale io stesso,di pancia,ho dato un giudizio abbastanza severo sulla prestazione di ieri.Se avessimo giudicato Boruc per le cappellate a Roma contro i giallorossi o per le sue uscite alla Uomo Ragno che plana,sai che tiro al piccione facevamo!Questa sera siamo sempre e ancor meglio terzi,con la migliore striscia positiva,col gioco più bello e con la rivalutazione del pari che conseguimmo a Parma,dove nessuno è uscito,tra i club,sudando meno di 7 camicie,o mute,o divise.O intere.O Inter-e,o Inter-he-he-he-he....neanche se giocavano una settimana i neroazzurri l'avrebbero buttata dentro,neanche con le mani;con questa prestazione Strama dimostra poca fantasia,coraggio zero(l'unico che bramo,Guarin,relegato stranamente tuttadestra!)e che riesce a sopperire poco o nulla all'assenza di Cassano,ed in questo Montella lo straccia,prego notare lo score di risultati e gol senza Jovetic.BLIMP,a te che lanci il picchetto da Gecig de noantri nelle trasferte(auspicavi e hai azzeccato il pari di Torino)dico:prossime 3 partite firmo,per 6 punti ma se saranno 7 allora uccelli per diabetici per tutti!!(da Villaggio,a Salemme e ora Banfi...manca solo Lapo Agnelli per completare il poker di soggetti che fanno ridere.O l'ultimo fa piangere?).Al ritorno Montella a Stramaccioni "Userai anche oggi quell'atroce modulo da trasferta?"

    RispondiElimina
  90. Concordo col Sopra su Mazzarri, che non mi è simpatico nè come persona nè come tecnico, benchè i suoi risultati li ottenga.
    Concordo anche con Ludwig sulla condivisione dele colpe dei gol, ieri anch'io avevo parlato così (ma il sifone c'era anche ai tempi di Merlo??).
    Ottima classifica comunque, peccato per la vittoria del Napoli, però fra 2 settimane c'è Inter-Napoli (la stessa giornata in cui noi abbiamo la Roma... poi alla 19° c'è Napoli-Roma)

    RispondiElimina
  91. Preferisco la vittoria del Napoli a una dell'Inter: l'Inter è bene che sia entrata, con la sconfitta di Parma, in ciclo di polemiche, le quali a Milano su sponda nerazzurra sono sempre qualunquistico-devastanti, con Sneijder di mezzo e un Palermo ritrovatosi ormai alle porte. Il Napoli, alla lunga, lo riacchiappiamo, perché valiamo di più (una squadra con Gambero centrale non riesco a prenderla sul serio per la Champions). Sopra, 6 punti sono sicuri, per più aspetta una settimana e ti dico. Circa Ittennico: nel suo ultimo, recente post «a pipa di cocco» o è un depistaggio o comincia a inquietare pure me (ma allora confesso che non capirei più nulla del gioco di Jordan, ma proprio nulla di nulla di nulla e rimarrei deluso: se Attila può portarci nuove e rassicurarci nel senso di cui sopra, sarà benvenuto come sempre).

    RispondiElimina
  92. Eh sì, avevo comprato le azioni a 10 euro, il Colonnello e gli altri sitollockiani me le avevano fatte scendere a 1 euro, ma ora questo "pipa di cocco" me le ha fatte salire a 20 euro, icchè fo, me le tengo o le vendo?

    RispondiElimina
  93. Si poteva forse prevedere questa classifica perché il Napoli era la squadra che aveva il calendario più agevole assieme a noi. Domenica ha il Pescara in casa se non sbaglio. Se vuole stare con le prime la Fiorentina deve fare lo sforzo di conquistare qualche punto in più fuori casa a Roma e a Palermo, un ritmo da scudetto non ammette molti passi falsi. Vincendo in casa e pareggiando in trasferta si arriva a 39 mi pare, poco per nutrire ambizioni di prima piazza, anche se quest'anno ci potrebbe essere equilibrio e quindi quote basse per il titolo di campione d'inverno. Mi pare che mai si sia scesi ultimamente sotto i 40 e talvolta si siano sfiorati i 50 punti. Purtroppo delle tre trasferte disponibili la più agevole l'abbiamo in parte fallita.

    RispondiElimina
  94. Vitalogy, se fa a rimpiattino comincio a sparare qualche bordata sul Mala, a mo' di preavviso, dalla nave ammiraglia: poi sguinzaglio Deyna col repertorio fotografico e AntoineRouge col gaydar e lo vedrai uscire famelico dalla foresta. Ma voglio sperare ancora che sia un depistaggio, in quel caso piuttosto rozzo.

    RispondiElimina
  95. Jordan non sta scrivendo, né qui né la. Tranquilli. 

    RispondiElimina