.

.

domenica 11 novembre 2012

Gli ottomila

Siamo proprio curiosi di vedere se la Fiorentina soffrirà di vertigini nello scalare le difficoltà di una partita che potrebbe aprire una via sulla cima della classifica, oppure se al contrario potrà fare addirittura free climbing sullo scheletro del gigante Milan ferito a morte dal ridimensionamento, fino ad arrampicarsi al terzo anello per abbracciare la gioia dei propri tifosi. E’ una partita che ci dovrà raccontare due verità, la capacità della Fiorentina di fare gli ottomila insediandosi così tra le squadre più forti del campionato, e allo stesso tempo ridimensionare definitivamente la stagione del Milan, aprendone la crisi dopo avergli tolto l’ossigeno delle ambizioni. E’ una grande occasione, di quelle che avevamo conosciuto anche con Prandelli, ma che si erano sempre fermate al campo base prima dello strappo finale, ferme al rammarico di non essere riusciti a sfruttare la vicinanza dal confine che ti permette di raggiungere la grande vetta, quello di scalare l’ultimo tratto che ci divide dalla dimensione delle grandi squadre, e che alla fine ti consente di piantare la bandiera col giglio sul grande sogno. La Fiorentina ha dimostrato una grandissima facilità di gioco, una capacità di diventare squadra in tempi molto ristretti, e questo ci lascia pensare anche ad una certa maturità e professionalità che potrebbe permetterci oggi di superare questo esame d’ammissione al corso di laurea per diventare una grande squadra. Un altro ingrediente che da sapore alla partita, inutile negarlo, è la presenza di Montolivo che il tifoso Viola percepisce come chi se ne è andato perché ha ritenuto la nostra dimensione a lui non più consona, e lo ha fatto senza nessuna riconoscenza, facendoci un danno economico enorme, che per fortuna è stato transennato e messo in sicurezza dalla bravura di chi ha saputo costruire comunque una squadra competitiva. E l’occasione diventa tripla quindi, confermarsi sul campo come una grande realtà, con il timbro della Scala del calcio sulle nostre rinnovate ambizioni, affossare il Milan togliendo una concorrente dalla corsa ai posti che contano, e allo stesso tempo insinuare in Montolivo il dubbio se l’asticella l’ha veramente alzata oppure abbassata, e se la Fiorentina saprà sfruttare l’occasione, alla fine potrebbero esserci dieci punti tra il grande progetto scelto da Riccardo e quello abbandonato senza nessun riguardo. E proprio questa potrebbe essere la spezia per dare un sapore più ricercato alla partita da regalare al palato dei tifosi, dentro al piatto della consacrazione, la seconda foto è un augurio, vedere Montolivo uscire da una partita diventata la tomba delle sue ambizioni, uno zombie con il quale scambiarsi a fine gara l’asticella delle ambizioni in cambio di un mazzo di rose rosse che rappresentano la passione Viola che Firenze ha ritrovato forse anche grazie al suo addio. Mentre la passata diventa filo spinato nei suoi pensieri.

113 commenti:

  1. Vedo un pericolo nel modo in cui ci avviciniamo alla partita. Troppe aspettative, la si considera già vinta. Le critiche ad Allegri, gli elogi di Galliani a Montella, i calcoli dei tifosi: tutto ciò mette la squadra milanese nelle condizioni migliori. Allegri se fosse furbo ci lascerebbe giocare per poi colpire in contropiede. La squadra dovrà essere più forte anche di questo eccessivo ottimismo che oggettivamente la sfavorisce. In avanti vedo bene El Ham con Ljac. Per me questa è la sua partita.

    RispondiElimina
  2. Ludwig, non confondere il clima che c'è tra noi tifosi, che è quello che descrivi tu, con  quello dello spogliatoio viola, fatto di gente non solo molto competitiva ma anche molto navigata.Detto questo, c'è poco da girarla, è una partita da tripla, e solo perchè si gioca a S. Siro. E' bello il fatto che ne siano consapevoli  anche in casa Milan. D'accordo su El Ham e Ljajic, ma anche ragionevolmente fiducioso che qualsiasi cosa faccia Montella si riveli quella giusta.

    RispondiElimina
  3. Anch'io, come Lud, vedo troppe aspettative per questa partita, sembra che andiamo a giocare a Siena, non a Milano: questa ubris ci ha gia' punito per l'altra partita giocata a San Siro.
    Pure io vedo bene la coppia d'attacco Ljajic - El Hamdaoui, veloci, tecnici, penso possano dialogare bene, il Batavo-marocchino dovrebbe essere quello che aggredisce la profondita'.
    Poi, se Montella decide di far giocare Toni va bene, avra' le sue ragioni, mi sembra che capisca di calcio piu' di me, Lud e Chiari...

    RispondiElimina
  4. Devastante capolavoro Melancholia, caro Colonnello (a mio avviso il più significativo degli ultimi anni assieme a INLAND EMPIRE), ma così definitivo nel mettere in immagini il vuoto dell'esistenza che è quasi da non consigliare. Fa giustizia, ad ogni modo, della pretesa misoginia di Lars, stante la figura barbina che fanno tutti i personaggi maschili del film.

    RispondiElimina
  5. Per carità, Montella è un genio: uomo freddo, razionale, intelligentissimo. Poi mi spiegherà come mai per festeggiare si era inventato un modo stupido come l'aeroplanino. Vedendogli fare l'aeroplanino confesso che mi ero convinto che fosse un novello Jovanotti. Metta in campo chi vuole, ne sa sicuramente più di noi, ma potrebbe sorprenderci con El Ham e giocarsi Toni a partita iniziata. La hybris circolava anche prima di Italia-Spagna agli Europei e sicuramente non ci favorisce. Dobbiamo essere più forti anche di questo assurdo ruolo di favoriti che ci stanno affibbiando.

    RispondiElimina
  6. Melancholia è un capolavoro che continua ad opprimerti per settimane. Non ho dubbi: capolavoro assoluto. Lars è il Guardiola del cinema e dopo la morte di Stanley K. il più grande regista in circolazione. Tra lui i nostri c'è la stessa distanza che c'è tra un maratoneta dilettante e Bikila.

    RispondiElimina
  7. Scusa se mi intrometto fra cotanto senno, AntoineRouge, ma la Selma di Dancer in the  Dark, tra l'altro strepitosamente interpretata da una grandissima cantante, è una delle più belle e grandi  figure femminili della Storia del Cinema. Non sapevo di questa assurda pretesa misoginia di Lars von Trier.

    RispondiElimina
  8. Perchè la Kidman secondo voi usciva male da Dogville?

    RispondiElimina
  9. Ne esce benissimo, da tutti i punti di vista. Appunto.

    RispondiElimina
  10. Straordinaria figura femminile esaltata da Von Triers, la Kidman di Dogville, anche se preda di profonde insicurezze e paure (che però credo appartengano anche al regista). 

    RispondiElimina
  11. LUD,il modo stupido di festeggiare i gol della sua carriera,Montella,lo ha ideato per rispondere a chi all'epoca diceva che era magro,basso e poco adatto a fare la punta,quindi non era in grado di fare il centravanti;in seguito dimostro di saper fare reparto da solo.L'aeroplano vola alto,lui volava e faceva volare le sue squadre.Mi associo alle lodi per Dogville e la sua interprete.Riguardo Milan-Fiorentina:conosciamo che è tipico delle grandi squadre destabilizzare gli ambienti avversari con dichiarazioni all'apparenza gradevoli,da "allisciamento" ma che in realtà mirano solo a creare questioni sterili;Juve-viola e si tira fuori Jovetic e le sue ambizioni,con la gobba che lo concupisce....Contro la Roma si tirerà fuori la questione Montella e gli ex,con la Roma che lo rivorrebbe,il mister....con l'Inter gara della bravura tra Strama e Montella....col Milan complimenti loro a go-go.That's strategy.

    RispondiElimina
  12. L'aeroplanino era il gesto liberatorio e infantile di un uomo timido e serio, che dovendo esultare «come bisogna fare» e «perché gli altri lo fanno», lo fa un po' goffamente in modo «come gli altri si attendono». E' la bestemmia di un lord, che quelle cose non sa dirle.

    RispondiElimina
  13. L'impressione che Montella fosse intelligente la ebbi il giorno della sua presentazione a Firenze e lo scrissi pure, rimasi sorpreso anch'io. Prima lo sottovalutavo, ma semplicemente perchè non lo avevo mai ascoltato, non tanto per l'esultanza ad aeroplanino. Non sono neanch'io un amante delle esultanze "coreografiche", però quella dell'aeroplanino la trovo abbastanza innocente, si tratta solo di alzare le braccia in orizzontale anzichè in verticale, e può simboleggiare il volo del giocatore e della squadra dopo il gol: in fin dei conti ne vediamo di molto più stupide, tra l'altro Montella la iniziò quando giocava nel Genoa che era ancora un ragazzino.
    Mi pare molto più idiota il togliersi la maglia, che oltre a causare l'ammonizione lo trovo un gesto senza alcun collegamento col fatto di aver segnato, la vedo solo come una trovata tamarra per mostrare i dragoni o le tigri tatuati sulle spalle del giocatore.  

    RispondiElimina
  14. Concordo con Blimp sul fatto che l'aeroplanino fosse il gesto di un timido che cercava di dare una immagine più sfiziosa di se stesso. Come se Kant l'avesse fatto al termine delle sue lezioni a Konigsberg. Poi abbiamo scoperto appunto che Montella è un kantiano e il contrasto con l'aeroplanino è apparso stridente. Meglio così: io lo preferisco timido, perfezionista e preparato com'è. 

    RispondiElimina
  15. Di quel grande artista ammazzageneri vorrei raccomandare, ai margini, «Il grande capo», commedia che si equilibra tra Adorno e «Bringing up, baby!», tra Houellebecq e Cukor. Da sola, vale tutta la filmografia di... (aggiungere nome a caso scegliendo tra quelli di cui si parla da Marzullo).

    RispondiElimina
  16. Anche io, come Vitalogy, ho imparato a conoscere il Montella uomo da quando è a Firenze, confesso che quando era a Roma m'ero fatto, sbagliando, un'idea diversa di lui, ma non per l'esultanza che invece, tra le tante stupide, trovo molto spontanea ed infantile nel senso migliore del termine, e non necessariamente contraddittoria con il Montella di oggi, altrettanto naturalmente  persuasivo e capace sia nelle sue dichiarazioni che soprattutto in quello che fa oggi di mestiere.

    RispondiElimina
  17. Ah, a tal proposito, proprio 5-6 giorni fa Montella era ospite ad una trasmissione in TV dove gli hanno chiesto un parere sull'espulsione di Destro di domenica scorsa: Vincenzo senza mezzi termini ha detto "è giusto così", e ha aggiunto che lui di recente ha fatto il culo a suo figlio per essersi tolto la maglia dopo aver segnato un gol, eheheh

    RispondiElimina
  18. Segnalo, su Gobbentus.it, l'interminabile panegirico, da parte di una maniaca del clitoride, su Segnamai. In cloaca ormai si parla soltanto dei tre atalantini perenni, è un sito monotematico e monofecale. Del resto, anche Van Gogh non faceva che dipingere girasoli e sedie impagliate, anche con la febbre a 38, soprattutto con la febbre a 38 (ahahahahahahahahah!). Dismission: impossible!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  19. Ah, a proposito! «Non posso dirti che tifo Milan perché direi una macroscopica bugia io tifo Riccardo Montolivo e in qualsiasi squadra vada io lo seguirò»: bene, suo diritto, s'era capito da tempo nonostante le sdegnose denegazioni, ma che c'entra col calcio? E che c'entra con la Fiorentina? Il problema è che sui siti milanisti non pubblicano queste stronzate e fra quelli fiorentini uno solo, perché lavora per il re di Prussia.

    RispondiElimina
  20. BLIMP,ad un'attenta analisi endoscopica prima,alive in un secondo tempo,si notano negli escrementi monofecali tracce di vermi.....ah ah ah ah ah ah.Dovremmo attuare,dopo la fase di degobizzazione,la fase di sverminazione;mi offro volontario,sempre avuto cani da sverminare.Almeno i "Cani arrabbiati" di Mario Bava alla fine hanno la loro......(P.S.:Ciro Ferrara ha appena preso una sabongia in pieno viso,su palla calciata in fallo laterale.Stupendo,un gobbo colpito!)

    RispondiElimina
  21. Un giorno vuoto parleremo anche dell'"evoluzione" delle esultanze nel calcio, molte a mio avviso ben più aberranti dei tatuaggi più tamarri. Lud, sul sitone han messo in bacheca un articolone della Lanza su Pazzini, tu piazzi lì la catastrofica italia-Spagna di Prandelli...La scaramanzia, perdio, la scaramanzia! Comunque oggi sono indeciso se guardare o no la partita, se non piove forte mi vado a fare un giro, forse, tanto è già persa, a Milano...Montolivo poi non può che segnare il gol dell'ex, come Pazzini se si alza dalla panca.

    RispondiElimina
  22. Eh sì, il sitone pare essersi arricchito della presenza di un altro inclito clitoride...com'era la sua gaffe, Colonnello, le interviste a bocca aperta? La bocca inesausta?  Non ricordo esattamente.

    RispondiElimina
  23. Ripropongo ancora il talismano, per oggi:

    RispondiElimina
  24. Altafini fu querelato, una volta, da uno spettatore napoletano (quando Josè giocava nel Napoli!) perché sentitosi offeso da un gesto di esultanza che il diabolico opportunista aveva fatto sotto di lui dopo un gol. Altafini si difese vittoriosamente in tribunale sostenendo, con documentazione filmata fatta venire dal Brasile, che era modo di esultanza tipicamente sudamericano (gesto dell'ombrello verso il cielo ma non accompagnato da ciaffata della mano sinistra sulla piega del braccio destro). Deyna, a non guardarla potreste pentirvene sia tu sia Barry: tu se vinciamo, Barry se perdiamo.

    RispondiElimina
  25. Deyna, è una giovencona, un'arcaica mater italica, che se le piglia l'uzzolo e ti chiappa in un vicolo cieco ti sbatte al muro, le mani sul collo, e ti spolpa muggendo orgasmo fulmineo ma tremendo. In tivù le sue papere e le sue sconnessioni sintattiche sono degne del Masala ma appare più savia e più tifosa che nei suoi exploit in cloaca.

    RispondiElimina
  26. Sono giorni che  si parla solo di Montolivo... a me della partita di oggi fanno paura Pato (che ci segna sempre, e si è sbloccato contro il Malaga) e Boateng (che torna titolare). Se questi due e il Faraone savonese sono in forma, bisogna ammettere che il Milan è più forte, nonostante la difesa mediocre che hanno.

    RispondiElimina
  27. Faccio notare la minaccia,neanche velata,di Nicchi:"Il bello deve ancora venire...";speriamo non sia oggi!

    RispondiElimina
  28. Non mi rovinare il rito! Comunque dopo il dismesso [quello sì, davvero! ahahah] Cuadrado Club, pare sia stato fondato ufficialmente il Montolivo Club, se mi dite che anche in questo caso si spera nel suo gol [non ho visto, dove?]. Tristezza senza limiti, spero solo che in questo caso non ci rivoghino Capitan Bromuro©, com'è arrivato da noi Cuadrado. Ma confido in Montella, al di là dell'ovvia diplomazia, tra le righe si capisce che sarebbe tutt'altro che entusiasta di ritrovarselo in rosa.
    .:: This Mission? Impossible! ::.

    RispondiElimina
  29. Non è più forte in assoluto, no davvero, Anto, ma oggi può esserlo, per via di tanti fattori. Uscire con un punto! Se chiudiamo in pari il primo tempo ce la facciamo.

    RispondiElimina
  30. Venendo alle esultanze, a me infastidiscono molto quelle troppo costruite a tavolino, quelle dei metrosessuali alla CR7 che sparano le pose ad uso telecamere, e quelle perennemente rabbiose senza motivi scatenanti. Dovrebbe essere un momento di gioia pura, anche scomposta magari, ma autentica. Alcune mi son rimaste impresse: il salto con pugno al cielo di Pelè e Passarella [che imitavo da ragazzetto, dopo i gol]; il gesto del Bati alla bandierina, da conquistador [ci mancava giusto un Montolivo steso sotto il suo piede a pelle di leone, per essere perfetta]; il folle Szarmach ai Mondiali di Argentina '78, che dopo uno splendido gol in tuffo di testa al Perù si rialza, e aspetta i compagni immobile, a braccia aperte...Anche la mitraglia di Osvaldo a riprendere quella del Maestro, contro juve e Torino, mi ha fatto alquanto godere. Di gran classe l'inchino un po' paraculo ma elegante del Fenomeno.

    RispondiElimina
  31. Devo dirti, Deyna, che l'esultanza del Bati su Irina mi fece abbastanza cahare, come in genere non sopporto tutti i sequestri privati di una gioia invece pubblica (il gesto della culla di Bebeto anche mi fece esprimere gran diarrea senza parti solide).

    RispondiElimina
  32. Mi è piaciuta quella di Caudrado, tra le esultanze: perchè era spontanea, complicata ma soprattutto perchè ha incantato i raccattapalle. In generale sono un nostalgico dell'epoca delle esultanze limitate.

    RispondiElimina
  33. Formazioni ufficiali: con Savic optiamo per maggior rudezza, preoccupati dall'attacco milanista; Aquilani dal primo minuto, a uccidere il loro centrocampo con merdaccia; Toni-Ljajic, coppia alla Aguilera-Skuhravy, forse la meglio assortita fra quelle che la nostra rosa d'attaccanti può permettere.

    RispondiElimina
  34. Formazioni ufficiali:




    Milan: Abbiati; De Sciglio, Mexes, Bonera, Constant; Ambrosini, Montolivo, Emanuelson; Boateng; El Shaarawy, Pato.
    Fiorentina: Viviano; Roncaglia, Gonzalo, Savic; Cuadrado, Aquilani, Pizarro, Borja Valero, Pasqual; Toni, Ljajic


    Quindi in difesa è stato scelto Savic e non Tomovic, in attacco c'è Toni accanto a Ljajic, mentre a centrocampo vedremo finalmente il  Trio Meraviglia.


    FORZA VIOLA!!!!

    RispondiElimina
  35. I più grandi sono, a mio avviso, Lynch, Sokurov e Malick. Von Trier sta nei primi cinque, comunque. Il quarto per me è Cronenberg. Ma si fa torto a tanti.

    RispondiElimina
  36. Inatnto Dybala esalta Deyna e fa sprofondare nel merdone il troiazzo febbricitante per indigestione di caponata di Giorgio.

    RispondiElimina
  37. Qui si parrà la tua nobilitade (Inferno II, 9).

    RispondiElimina
  38. Colonnello quella lì la febbre alta ce l'ha perennemente

    RispondiElimina
  39. AntoineRouge, ho combattuto molte battaglie, coi miei amici, a favore di «The tree of life», sul quale, da parte della critica americana e italiana (meno, da parte della francese) sono state scritte cazzate imperiture. Tra l'altro, miglior ruolo di sempre per Brad Pitt, attore in assoluto non apprezzato secondo i meriti e considerato a torto come un mero stuzzicatore di clitoridi.

    RispondiElimina
  40. Deyna, eccoti l'auspicio, con tanto di risata di soddisfazione, apparso ieri sul sitone nei commenti alla conferenza stampa di Montella , di quell' autentica merda fatta uomo:"...oltre logicamente al grande Traversi, l'unico che li ha smerdolati in eterno ahh ahhh, e adesso se domani segna Montolivo che faranno? ahhh ahhh,...".

    RispondiElimina
  41. Se El Hamdaoui non gioca neanche oggi mi domando se è giocatore da Fiorentina. Sulla carta doveva essere la sua partita.  Forse ha bisogno di un gol per sbloccarsi, penso che comunque entrerà nel secondo tempo. Un pensiero affettuoso a Jordan che spero abbia intatto lo spirito per seguire la sua squadra.  Tra qualche tempo magari lo contatterò ancora per sapere come va e, nel caso, vi farò sapere.

    RispondiElimina
  42. Seguo molto meno il cinema, da qualche anno a questa parte, quindi non sono aggiornatissimo...Negli ultimi vent'anni ho adorato Monteiro e Cronenberg [che mi pare tuttavia in calo, pur rimanendo dignitosissimo], Ferrara, e Sokurov è un autentico Maestro. La produzione più recente di Lynch non mi esalta. Malick se la prende comoda, ma sa sempre sfornare film molto personali. Tre o quattro film di Kitano li trovo grandiosi. Mi piacciono molto i coreani. 

    RispondiElimina
  43. Bella roba, Chiari, bella roba...

    RispondiElimina
  44. Attila, ci farai cosa preziosa anche trasmettendogli il nostro affetto. Di El Ham Montella ha detto bene in conferenza stampa, deve ancora perdere qualche chilo, e poi la coppia che scende in campo appare più assortita, con un Toni di cui si spera reminiscenza platonica di alcune sue dragate, da più giovane, su grande palcoscenico. Chiari, comunque quello non è Barry ma il suo tassinaro.

    RispondiElimina
  45. Di Dybala quasi mi dispiace, speravo rimanesse inutilizzato e sottotraccia, con geniale prelievo di Macìa-Pradè a prezzo ribassato a gennaio...Comunque ha dei mezzi impressionanti, ora chiedo la percentuale a Nuvola che se l'è preso al fantacalcio.

    RispondiElimina
  46. E' ora! Si metta in moto la Macchina da Gioco! A poi! Alè Fiore!

    RispondiElimina
  47. BORJA VALERO!

    Deyna, anche tu stai seguendo lo streaming in lingua spagnola col telecronista che al secondo gol si è chiesto "ma era Borja valero o Messi?"

    RispondiElimina
  48. GRAZIE IMMENSA VIOLAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  49. Signori: siamo nella storia della Fiorentina. Questa squadra gioca con una sicurezza ed una padronanza che anche la pur bella Fiorentina di Prandelli non conosceva. Un abbraccio telematico a tutti e un pensiero anche per Jordan. 

    RispondiElimina
  50. Ci scusiamo per la momentanea interruzione dell'aplomb, ma abbiamo un collegamento straordinario dalle abitazioni del Colonnello, di Chiari, di Lele, di Deyna, e di tutti i TIFOSI VIOLA de verdad. Le normali trasmissioni riprenderanno il prima possibile.

    - tutti in piedi salutando sportivamente gli avversari con un altafiniano gesto dell'ombrello, ma alla fiorentina, non alla brasiliana - "Siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiì! A casa, brodiiiiiiiiiiiii! Lezione di calcio, torello a centrocampo e palla nascosta per tutta la partita, fìccatela su per il culo l'asticella, o Merdaccia! La Fiorentina più bella dall'84! Sempre avanti! Alè Fiore!!!!!!"

    Un abbraccio ideale a Jordan, spero la situazione si stia risolvendo, ed abbia potuto seguire la partita e godersi questa gioia.

    RispondiElimina
  51. Oddio, e ora come faccio a mettermi al commentone? Come faccio? C'è solo godere! E Paolone e Daniele che a gara vogliono succhiarmi la fava! Chi privilegiare, tra i due! E a chi dei due, reclamanti, sbatterlo in culo per primo? Ahahahahahahahahahahahah! Lud, siamo la miglior Fiorentina che io abbia mai visto e la miglior squadra in Italia, per gioco, dopo il Milan di Sacchi e l'Inter di Helenio. Io ringrazio umilmente i Della Valle, principi rinascimentali, Pradè, genio einsteinaino che si lascia alle spalle tutti i DS italiani del dopoguerra eccetto Allodi, Montella, il più grande allenatore italiano in attività e uno dei quattro o cinque migliori al mondo, i calciatori, la cui tecnica di base è, mediamente, da vertigini, la cui dedizione è commovente, il cui spessore caratteriale è da spartani alle Termopili, la cui serietà professionale è quasi masochistica in un mondo di merde e di coglioni come quello del calcio italiano. Mi chiudo adesso in una gioia senza fine.

    RispondiElimina
  52.  

    Segnalo …da
    “Quelli che… ci ‘garba’ Montolivo” il gruppo Facebook con la nostalgia di
    Riccardo…


    “ Claudia Santedicola
     E’ 40 anni che tifo Fiorentina. Da
    ragazza, gli allenamenti il giovedì, lo stadio, e come mito il ragazzo che
    giocava guardando le stelle. Poi per un lungo periodo la vita ti fa avere altre
    priorità, il lavoro, il marito, i figli piccoli, anche se dentro resta sempre
    il tifo per la tua squadra. Ho ricominciato a seguire più assiduamente la Viola
    nel primo periodo di Prandelli, e molto lo devo a un ragazzo che all’inizio mi
    ricordava proprio Antognoni. Un po’ come molti di noi credo. Poi piano piano
    Riccardo Montolivo ha preso il sopravvento, vederlo giocare mi da emozioni che
    non ricordo di avere mai provato. Dopo il mondiale, è cominciato quella
    telenovela che ha trasformato una favola in un incubo. Il comportamento della
    tifoseria è stato assurdo, ma credo sia dovuto proprio al fatto che tutti
    volevano la nuova bandiera e si sono sentiti traditi, anche se non è così. Ma
    così hanno voluto farci credere, e le masse si fanno condizionare facilmente.
    Adesso che Riccardo Montolivo non è più nella Fiorentina non riesco più a
    entusiasmarmi della Viola, anche se dopo due anni abbiamo finalmente una
    squadra che gioca a calcio. Vado allo stadio, ma non riesco a sentire quella
    partecipazione. Non faccio altro che pensare di quanto sarebbe bello ci fosse
    ancora lui come capitano in questa Fiorentina. Domenica andrò a S. Siro, per la
    prima volta e quando ci penso riesco solo a pensare che vorrei Riccardo
    segnasse e facesse vincere il Milan. Non credo ci sia bisogno di aggiungere
    altro…………..” AAAAAAAAAHHHHH…  AAAAAAAAAHHHHH…
    AAAAAAAAAHHHHH… MA ANDAHE A RIGOVERNARE… TEGAMI!!!!


    RispondiElimina
  53. ahahahah Montolivo segna più dei nostri centrocampisti ahahaha

    E'VI SI VA NI'CULO E PORTO SEIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII!!!!!!!!!!!!!!! 

    RispondiElimina
  54. Grandissimo esordio in sitollock di Martelli51, grandissimo! Ahahahahahahahahahahah! E poi dovevo chiudermi in un silenzio di gioia: 'na sega... ahahahahahahahahaahahah! «Quanto sarebbbe bello se ci fosse ancora lui»... ahahahahahahahahah! Pur con questo squadrone riuscirebbe a farci lottare per la retrocessione, ecco quanto sarebbe bello.. ahahahahahahahahah! Martelli51, sei un dio ad aver trovato questo delirio... ahahahahahahahah! Poraccia, sarà per un'altra volta, d'altra parte per 10 anni il mercoldì noi a vedere le seirei americane in tv, Monto impegnato in Champions, nevvero? Ahahahahahahahahahahahaahahahahahahahaahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahhahahahahahahahahahahahahahahahahhahahahahahahhahahahahahahahhahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  55. Ahahahahah, stesse parole che ha scritto su La Nazione come "Fiorellina", ma lì era stata più precisa, gli anni eran 42. Roba da pazzi, ma era evidente. Il diluvio dall'Olimpo del Calcio oggi ha fatto piazza pulita di finti tifosi, soci dell'ex Cuadrado Club, tantopeggisti, groupies dello Scaravaggio e di tutto quell'immondezzaio che si finge viola, ma ha le strisce tatuate sulla pelle. Puppatecelooooooooooooo!

    RispondiElimina
  56. Grandissimi, grandissimi, grandissimi!!! Bellissima partita, anche il Milan ha giocato bene, ma non abbiamo dimostrato di essere superiori. Non c'è stato il consueto possesso palla a centrocampo, abbiamo verticalizzato di più e siamo ripartiti spesso in velocità, quando vogliamo siamo devastanti. Poi la difesa del Milan ha fatto il resto.
    Le mie pagelle:

    VIVIANO 6,5: sempre sicuro, non ha fatto parate particolari, devo dire che sul gol subito non è sembrato molto reattivo, ma non è colpa sua se il Pazzo era solo in area;

    RONCAGLIA 7: dalle sue parti non si passa;, subisce un sospetto rigore in area milanista e poi mezzo minuto dopo fa lo stesso fallo che ha subito mezzo minuto prima: il rigore contro, ovviamente, viene dato.

    RODRIGUEZ 7: grande regista difensivo, sicuro e carismatico, però il pasticcio sul gol subito è anche colpa sua.

    SAVIC 7: duro ma efficace, vorrei rivedere anche lui sull'azione del gol del Milan, ma nel complesso merita il voto dei colleghi di difesa.

    CUADRADO 7,5: sulla fascia destra, sulla fascia sinistra,  al centro: è comunuqe esplosivo

    AQUILANI 6,5: fa vedere cosa vuol dire avere un centrocampista che sa inserirsi in zona gol; tende perà ad alzare la palla invece di giocarla  a terra come i compagni di reparto; il lato positivo di questo è però che fa dei bei lanci; esce stremato;

    PIZARRO 7,5: al minuto 77 e secondi 38 sbaglia un passaggio; per il resto è un gigante.

    BORJA VALERO 8: l'altro gigante del centrocampo, fa tutto bene e in più segna un gol alla Messi, saltando gli avversari con la leggerezza di una farfalla;

    PASQUAL 6,5: buona partita, ma sbaglia troppi cross

    TONI 6: un assist per Aquilani, si conquista molti falli (parecchi l'arbitro casalingo non glieli fischia), ma spesso non riesce a dialogare nello stretto con il compagno d'attacco (non è nelle sue corde, d'altronde), vanificando alcune belle azioni

    LJAJIC 6: dà una mano al centrocampo, si sbatte molto, l'impegno è notevole, ma incide poco


    MATI 6,5: fa il contrario di Aquilani. gioca bene palla a terra, dà velocità alla manovra, ma nell'occasione avuta si mangia un gol

    EL HAMDAOUI 6,5: grande tecnica, ha la palla attaccata al piede... pure troppo, a volte potrebbe anche passarla; si è sbloccato con un gol stupendo, in Olanda ne ha segnati parecchi così

    CASSANI 6,5: entra benissimo in partita, meriterebbe pure il gol per l'inserimento, lo stop stupendo e l'idea di tirare sul primo palo; purtroppo tira proprio sul primo palo.

    RispondiElimina
  57. A voler essere perfezionisti, avrei tolto il gol di culo di Forrest Giamp©, ed avrei fatto segnare Pizarro [che ci ha anche provato], così andava a segno tutto il nostro magico centrocampo, sotto gli occhi di Capitan Cloroformio. Ma non si può avere tutto.

    RispondiElimina
  58.  Deyna questa te la dedica la tua amica con 38°, sul finale c'è anche "il piccolo Riccardino Fuffolo" HAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHA
    AHAHAHAHAHAHAHAHAHAH
    http://www.youtube.com/watch?v=DjhiMU2kjQ4

    RispondiElimina
  59. ah, e benvenuto a Martelli51, la chiosa finale m'ha distrutto AHAHAHAHAHAHAHAH!!!!!!

    RispondiElimina
  60. Ahahahahahahahahahahhaha la febbre della domenica sera! Ntu culo a Riccardino Fuffolo, ahahahahahaahahahahahhahaah!

    RispondiElimina
  61. Essendoci dei limiti all'imprevedibilità del calcio, l'unico avversario credibile era, per questa trasferta, l'arbitro, il quale, infatti, almeno nel primo temo, ci ha seriamente impensieriti concedendo ai rossoneri un rigore generoso e non espellendo Bonera. Solo una fortunosa giocata di Mexes ha permesso all'orrido Pazzini di andare a segno, ma la vittoria non è mai stata in discussione: troppo manifesto il divario tecnico tra le due squadre per non dominare, pur a San Siro. Montolivo: un godimento averlo come avversario. Viviano 6; Roncaglia 6,5; Gonzalo 8; Savic 7; Cuadrado 6,5; Aquilani 6,5; Pizarro 7,5; B. Valero 8; Pasqual 6,5; Ljajic 6; Toni 5,5; Mati 6; El Hamdaoui 6; Cassani 6.

    RispondiElimina
  62. Ecco, ma se me lo puppa con la febbre, poi l'influenza me l'attacca? Ahahahahahahahahahahahahahah! E dalla provincia di Imperia, presso Ventimiglia, per farci una ricchissima pipa collettiva, mettersi in lista, prego, le zie vengono dopo le nipoti... ahahahahahahahahaahahah!

    RispondiElimina
  63. Colpevole dimenticanza:

    MONTELLA 8: ha dato un gioco stupendo alla squadra, che ha assemblato in poco tempo con 18 giocatori nuovi. Fenomenale. La sostituzione di Toni con Cassani ci ricorda che, da giocatore, ha avuto per cinque anni Capello (dal quale ha preso, ritengo, anche la gestione del gruppo ampio, la gestione del turnover, il carisma sul gruppo e la capacità di leggere le partite).


    RispondiElimina
  64. Come pisciare dopo 10 ore che non la fai,come cahare dopo 8 ore che l'hai trattenuta,come ruttare dopo aver bevuto cocacola,come una venuta con la donna che inseguivi da sempre,come stare seduti al sole in una domenica di settembre,come quando facemmo 2-3 ai gobbi,come guardare il viso di Galliani in una domenica come questa,come un post che lascia Gat senza parole,come vendicarsi sul compagno di scuola bastardo,come una pietanza perfetta,come la prima in paytv tanti anni fa,come quelli che s'inventeranno di tutto pur di giustificarsi,come un Viviano esultante a casa sua stasera,come quando Magath fece giustizia,come quando il Borussia fece giustizia,come quando Gerrard fece giustizia,come quando Amauri si ricordò di essere attaccante,come senza Jovetic cambia nulla,come abbiamo sempre avuto ragione,come gli anti hanno sempre avuto torto,come le montolivine e i loro occhi con fard gocciolante,come una pernice di montagna cantata da Cocciante,come il Marocco nuovo frontiera,come senza Tomovic cambia nulla,come noi ed il calcio siamomuna cosa cosa unica,come,come il Milan per 20 minuti con 4 attaccanti e zero tiri in porta,come Montolivo che da mezzala finisce a centrale di difesa e se durava ancora un po' giocava dietro la porta.come.......cazzo si farà a raccontare o scrivere di queste due ore di Zumo de
    Catalunya?

    RispondiElimina
  65. Non mi dire che ti fa schifo, tutto grondante?!?!?!? Devi solo pensare che siamo «persone speciali» e tutto diventerà più facile, a ingoiare... ahahahahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  66. P.S.: se proprio volete parlare di Montolivo, penso che abbia anche giocato bene, ma non mi sono piaciute due entrate veramente cattive sui nostri nel primo tempo; poi si è dato una calmata, evidentemente Allegri o qualcun altro gli ha spiegato che, se avesse continuato con  certi fallacci, l'arbitro, pur casalingo, non  avrebbe potuto esimersi dal cacciarlo fuori.

    RispondiElimina
  67. Stavolta, su vostro consiglio, me la sono vista in streaming con commento sudamericano: sono proprio bravi, cappero! E sembrava di stare sulla Riblogghita di Pollock!

    RispondiElimina
  68. Su, attenta, coi denti no, ma non hai ancora imparato alla tua età? Ahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  69. Anto io penso che Montolivo abbia preso in mano le chiavi del centrocampo di questo Milan, e non so quanto sia un bene per gli zozzoneri, perchè in effetti è proprio un Milan ad immagine e somiglianza di Montolivo. Credo che Borja gli abbia dato non una lezione di calcio, ma La Lezione di calcio.

    RispondiElimina
  70. Adesso se vuoi sputare c'è il pappagallo, lì vicino, sul parquet no... ahahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  71. .....come Montella che fa cambi che non  ti aspetti e......non ne sbaglia uno, proprio come...un  genio.

    RispondiElimina
  72. ahahahahahahahahahah

    RispondiElimina
  73. Con i denti,BLIMP,si chiama "Rigatone",l'avevo dimenticato?Evidentemente il climaterio le fa essere un po' più aggressive....

    RispondiElimina
  74. Colonnello, faccia riporre previamente la dentiera, ne vien fuori un'opera di rara delicatezza, ahahahahahahahahha

    RispondiElimina
  75. Dal sito di un tifoso milanista esasperato, evidentemente, tale Victor Hasbani:

    Montolivo 0 Il pacco dei Della Valle che Galliani, da buon imbecille ha scartato senza problemi. L’uomo che l’anno scorso non riuscì a mandare in Serie B la Fiorentina, dovrebbe farcela perfettamente col Milan di quest’anno.

    RispondiElimina
  76. Deyna... ahahahahahahahahah! Tanto, i pochi che le restavano glieli ha buttati giù questa vittoria... ahahahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  77. Senti un po', Deyna, ma se lo legge quella che me lo sta puppando di gusto 'sto genio d'immigrato (credo, dal cognome) rischia grosso!

    RispondiElimina
  78. Ahahhahahaahhaahahah, ad ogni gol viola denti che van giù come birilli...strike!

    RispondiElimina
  79. Commentino:noi i rigori non li realizziamo più ma anche per gli avversari(Parma,Milan)è un po' carbonella,a Milano si parte sempre con la prima ammonizione a noi,si continua con il solito rigore che a parti invertite non fischierebbero mai(Toni ne prende di randellate sul groppone!),segnano proprio i centrocampisti che non lascerebbero nessuno spazio per giocare a Montolivo,goduria perché il 3o gol ha inizio da un passaggio laterale di 20 metri(il solito!)di Montolivo terminato in fallo laterale causa pressing viola a fine partita(dopati i nostri?No.Dosati),Viviano prende gol senza parare mai,Pato non tocca palla mai,margini di miglioramento impressionanti,senza una punta di ruolo 4o o 5o attacco della serie A,con difesa a tre abbiamo la migliore difesa del campionato,frequentare Borges Valero ha elevato anche il livello di Cassani(più preciso del solito e più puntuale),questa squadra ha la calamita verso la porta avversaria,Mati è perfetto come primo ricambio dei 3 centrocampisti titolari.VIVIANO:6,5(partita d'allenamento)-RONCAGLIA 7(si diverte da matti)-GONZALO R. 7(sua maestà la difesa)-SAVIC 6,5(Nastasic?O' chill'era?)-PIZARRO 7,5 (il Common rail della squadra)-BORJA VALERO 8,5 (Dio ha scelto lui per reincarnarsi calciatore)-AQUILANI 7(integro,elegante,decisivo,perfido,combattente che picchia.Così!)-CUADRADO 8(un Quadrato pitagorico,anzi Achille che raggiunge e supera la tartaruga,dopo due millenni!)-PASQUAL 6,5(compitino silenzioso,poco appariscente,lui ancora sta ancora festeggiando il gol di Genova)-TONI 6,5 (si sfianca,sfianca Bonera graziato dalla giacchetta gialla,ottimo il ponte:schema puro)-LIAJIC 6,5(oscuro,zanzara fastidiosa,dedito alle consegne)-MATI F. 7(si diverte da mat...i.Questa volta incide e tanto,sontuoso il suo possesso palla)-CASSANI 6,5(mi hai fatto tirare una parolaccia col palo preso)-EL HAM 8(Allah oggi ha scelto lui per manifestarsi,Allah è grande ma ElHam di più).MONTELLA 9(primo tempo da 9,5 per ciò che ha inculcato nei suoi.Il nostro piccolo grande Kaiser,il nostro Re che mette a nudo gli avversari,il nostro sapore del sud,la mozzarella di bufala sulla pizza).

    RispondiElimina
  80. Il Cuadrado club alla fine è nato, ma con finalità un po' diverse da quelle iniziali. Io mi candido a fare il presidente.

    RispondiElimina
  81. Guarda, Lud, che è carica che non porta grana, sennò il Chiari l'occuperebbe di già.

    RispondiElimina
  82. ...intanto il Liverpool ha messo dentro Suso nell'importante partita col Chelsea. Peccato, difficilmente se ne priveranno, era un altro giovane per cui speravo nel colpaccio di Macìa...

    RispondiElimina
  83. Ormai è prassi la ripubblicazione di quanto è qui postato laggiù nel merdaio.

    RispondiElimina
  84. Bona ragazzi, da "uomo tastiera" quale sono, esco ad aperitivare in Florence, per una Milano da bere!

    RispondiElimina
  85. Commento africano alla partita


    PRIMO
    TEMPO 0 - 2 !!!!!Va sezionato in tre parti: primi 15 minuti a livevlli
    stratosferici.In Italia solo il Milan di Sacchi sapeva operare un
    pressing cosi'efficace,dove tutti i dieci in campo si muovono a scalare
    le posizioni..Va elogiato in primis Ljajic,autore per me di una prova
    tattica esemplare.Passati sontuosamente in vantaggio,per mezzora abbiamo
    smesso di giocare,tradendo le nostre attitudini e affindandosi ai
    lacioni di prandelliana memoria,in cui Savic e'emerso in negativo per
    everne sbagliati 3 su 3.Quindi anestetizzati fino al rigore
    generosamente concesso(ovvio)che altrimenti non avrebbero mai tirato
    in porta,e giallo incredibile.Lo sbaglio ci ha finalmente svegliati e
    abbiamo ricominciato a giocare nell'ultimo quarto d'ora,dove il migliore
    in campo,il sublime BORJA oltre a dimostrare cosa vuol dire toccare
    livelli di Ardiles,Charlton,Overath,davanti al tonno lentolivo,insaccava il secondo.Ora,sappiamo
    che l'arbitro qualcosa combinera'(rigore e la mancata espulsione dello
    scarissimo Bonera ne e'esempio)e supportera'le disgustose pantomime del
    falloso,provocatore e simulatore Ambrosini & c.Dobbiamo ricominciare
    a giocare con palla a terra,fraseggi stretti che loro soffrono,magari
    pensare di immettere El Ham per cercare il secondo giallo a Bonera,e
    cercare piu'sovente Cuadrado.Montella dovra'fare attenzione allo stato
    d'animo di Pizarro,col giallo addosso e un po'nervoso,e attenti che al
    primo fallo,lui o Fac lo spediscono fuori!

    Dai!

    ECONDO TEMPO:E VAAIIIIIIIII!

    PUR 
    SENZA JOVE,espugnamo S.Siro, il che mi riporta indietro nel tempo
    quando ero presente sugli spalti nello 0 2 con firma di Baggio nel
    finale,e 1 3 tripletta del Bati(al cui proposito,poi,Colonnello ti
    diro'il perche'della dedica ad Irina...eh eh)E come nel primo
    tempo,dobbiamo prendere una labbrata per ricominciare a giocare come
    sappiamo,sintomo che siamo fortissimi,ma ci sono dei momenti che ce ne
    dimentichiamo,ma solo perche' questa macchina da calcio e'stata
    concepita e montata in soli pochi mesi:miracolo.Comunque,nel secondo
    tempo,abbandonando il lancione,la differente qualita' e'venuta fuori e,a
    parte la valutazione dei singoli che lascio agli specialisti,la cosa
    piu'incredibile e'che la macchina e'costruita talmente bene,la tattica e
    tecnica e'talmente sopraffina,che abbiamo battuto il Milan a Milano
    senza due,JOVETIC e NASTASIC,che se solo ce lo avessero sussurrato,lo
    scorso anno,ci si sarebbe piegati in due!!!Si puo'togliere uno mettere
    un altro,ma il motore gira sempre a pieni giri.Con l'arbitro che in
    questa frazione e'stato impeccabile,e con Pizarro che ha alzato il suo
    livello,per gli strisciati non c'e' stata storia,la difesa e'un
    bunker,Viviano si e' sporcato i guanti solo per qualche cross dalla
    trequarti,Mati finalmente concreto,anche se facilitato tatticamente dal
    risultato e dall'essere entrato fresco quando gli avversari avevano
    speso,poi restati in dieci.El Ham,se viene in forma,e'ottimo e oggi ha
    gonfiato la rete e la fiducia cresce.Molti si divertiranno a dare
    insufficienza a Ljajic io,che non do'mai voti,gli do' 7.Abbiamo un
    fenomeno,Cuadrado che puo'giocare a destra e sinistra e non capisco
    come la nazionale non convochi Borja,che quando e' su questi
    livelli,spesso,lo ritengo alla pari di Xavi,se non di piu'.

    Nessun
    traguardo ci e' precluso,siamo forti,corretti,seri,giochiamo il miglior
    calcio,segnano tutti,abbiamo migliore proprieta'possibile,un nuovo
    stadio da fare e il miglior tecnico sulla piazza.Wow!

    Lele

    P.S
    e passatemi la soddisfazione di vincere con classe la'dove l'asticella
    doveva essere piu'alta,ma ora e' dieci punti piu'bassa.Ciao,Montooo...

     
     

    RispondiElimina
  86. Confesso che, sul palo di Cassani, ho spento tutto, maledicendo l'universo per paura di essere di fronte a film troppe volte visti in passato e dal finale che va sempre di traverso...

    Poi riaccendo, perché non posso stare senze, dopo neanche 5 minuti e vedo 1-3... sospirone di sollievo e giustizia fatta.

    Romeo scandaloso nel primo tempo ci manda al riposo col magone e la paura che possa (voglia?!?!?) mettersi tra noi e l'indiscutibile, ovvero vittoria Viola in quel di San Siro e pochi discorsi...

    Capitolo partita:

    grandissima Viola che ancora una volta entra in campo per giocare la partita senza specchiarsi sugli avversari, pare che Montella sia definitivamente riuscito nell'intento che insegue da luglio, quello di plasmare una simil SpagnaBlaugrana che fa del possesso palla sempre e comunque la propra fede e indole. Così il Pek (gigantesco), Borja (mostruoso) e Varenne (in crescita) nascondono la pelota ai corridori (e pochissimo altro) milanisti per quasi tutto il match. Si rischia qualcosina solo ad inizio ripresa quando Albertino nostro cala e inizia a menar pedate rischiando la cacciata, ma qui Montella cala l'asso e ancora una volta, invece di spedire dentro un Migliaccio qualsiasi, lancia il Mati che ti cambia la partita. Il tutto dopo un altro cambio molto coraggioso come quello avvenuto in occasione della staffetta Liajic-Mounir... Giustissima ed azzecatissima anche l'ultima sostituzione con l'ingresso di Cassani che ricorda a tutti di essere pur sempre un nazionale e spegne le residue velleità milaniste.


    I furti e le mine sapientemente poste ad inizio cammino pesano oggi come macigni sulla strada di una squadra evidentemente pronta sin da subito per lottare per il MASSIMO traguardo.


    p.s. spettacoloso il gol di Mounir

    RispondiElimina
  87. Sì Leo, concordo su Liaijc. Per me ha fatto la migliore partita della stagione, ha dimostrato di essere molto maturato, soprattutto tatticamente, comunque si vede il lavoro fisico che hanno fatto su di lui... Anche quello, oltre ad una buona dose di "cure e attenzioni sulla testa del bimbo" sta dando i suoi frutti...

    RispondiElimina
  88. Simpatico incontro a San Siro tra le pasionarie del Montolivo Fan Club, munite del loro binocolo d'ordinanza. Dopo la partita, tutte a cena da Little Giorgy invitate dal protege.

    RispondiElimina
  89. Deyna, le hai immortalate con la febbre, forse da sane si sarebbero presentate più appetibili.

    RispondiElimina
  90. Ljajic ha infilato tre ottime prestazioni consecutive, ma la migliore per me è stata quella di Genova. La mancanza di Nastasic rispetto a Savic, Lele, la sento soprattutto quando c'è da fare il lancio, o tenere palla nel fraseggio stretto. Difensivamente, il montenegrino pare invece addirittura più maturo, anche per i due anni in più. Pizarro nel primo tempo si è occupato più della fase difensiva, nella ripresa è salito in cattedra assierme a Borja, che ha fatto davvero una partita alla Ardiles. Ed è vero, si è avvicinato molto a Xavi, che è ancora più preciso e geometrico nelle giocate, ma non ha, anche per l'età, il dinamismo del nostro.

    RispondiElimina
  91. Beh, Colui che ha voluto alzare l'asticella, per poterci meglio passare sotto, ha di che meditare.

    Il contrappasso esiste.

    RispondiElimina
  92. Vargas era il classico esterno, bravissimo nel suo ruolo ma limitato a certi compiti, corsa sull'out, cross. Cuadrado cos'è? A mio parere molto di più perchè copre zone del campo molto più ampie ed ha una varietà di colpi che fanno di lui un centrocampista universale, più che il classico esterno. Da alcune partite a questa parte strafà con grande giovamento per la squadra.

    RispondiElimina
  93. Vargas, quando era in condizioni decenti, sapeva anche inserirsi per vie più centrali, e provare il tiro da fuori o la penetrazione letale in area. Cuadrado è superiore tecnicamente, e nel gioco di centrocampo. Facesse anche i cross di Vargas sarebbe la perfezione fatta esterno.

    RispondiElimina
  94. Appunto: non è un esterno classico, Deyna, ha altre frecce nel suo arco ma da' nell'insieme un contributo eccellente e forse superiore a quello del Vargas migliore.

    RispondiElimina
  95. Dipende, per questa squadra preferirei il miglior Cuadrado, per le squadre di Prandelli col centravanti d'area [Toni, Gilardino] e il gioco sugli esterni, il miglior Vargas. 

    RispondiElimina
  96.  http://www.violanews.com/giovanili/e-nata-una-nuova-stella-viola-federico-bernardeschi-20121111/

    RispondiElimina
  97. Nessuno lo sapeva ma "quella" asticella era per ballare il Limbo;oltre che bassa è anche difficile da interpretare,intanto oggi Esfialte ha ballato,eccome se ha ballato.....

    RispondiElimina
  98. Nella seconda riga ovviamente la frase è "ma NOI abbiamo dimostrato di essere superiori"

    RispondiElimina
  99. Quando ci vuole ci vuole,senza pietà!!!e così scrissi stasera:Canterbury,tu sei il Re dei Buffoni.Rileggiti i tuoi post e quelli dei tuoi compagni di merende,ma leggi bene,altrimenti arriva quello che si firma "Iniziamo a dare di pagliaccio"e ti fulmina.Che coraggio che hai....la vergogna non sai dov'è di casa.Avete scritto tante cattiverie che neanche le ricordate.Isterici,neanche checche,solo isterici.".C'hanno la faccia come il culo.NuvolaViola commovente.

    RispondiElimina
  100. Louis, l'hai visto giocare? Io quest'anno non ho ancora visto la Primavera...

    RispondiElimina
  101. Sopra, sei stato grandissimo! Il Multilocke ne è stato sputtanato definitivamente. Saluto invece il post di NuvolaViola che, se non mi sbaglio, è, da tanto che non gliene leggevo uno così, di tifosa viola e non di un bambolo coglione, presuntuoso, mediocre e giuda: adesso faccia le umili scuse ai Della Valle ed è prosciolta, almeno da me, se non ci riparla più, ma proprio più, di quel bambolo coglione, presuntuoso, mediocre e giuda. Scusate il ritardo per il commentone ma ho avuto lunghi bagordi dopo la vittoria storica. Ancora un po' di tempo, prego: tanto sono cazzate, il solo pensiero che conta è quello di Montella, di fronte al quale io mi pongo come i gollisti classici di fronte a Lui (= «Le Général à déjà pensé pour nous tous!»). L'Atalanta ci riavvicina l'Inter ma alla prossima dobbiamo ciucciarcela noi: vabbè, oggi ci siamo allenati con l'Atalanta2... ahahahahahahahahah! Dismission: impossible!!!!!!!!

    RispondiElimina
  102. Non è lisippeo, è prassitelico, il Sauroktonos, ma il concetto è quello. E ora rivediamoci un po' di partita, non si finirebbe mai di godercela.

    RispondiElimina
  103. No, un'altra cosa: questa grande, consacrante vittoria, che ci rende coscienti della nostra forza incommensurabile, la dedico, a nome di tutti gli utenti del sitollock (consentitemelo), a Jordan, di tutti amico, a tutti caro e che deve aver saputo della vittoria dei suoi colori, che sono sicuramente anche quelli di suo figlio al quale va il nostro pensiero affettuoso e beneaugurante.

    RispondiElimina
  104. Incredibile, questo ha fatto un gol UGUALE a quello di Van Basten nella finale degli Europei '88
    http://video.repubblica.it/sport/taison-come-van-basten-il-videoconfronto/110228/108612

    RispondiElimina
  105. Ahahahahhaha, il travetstito.

    RispondiElimina
  106. http://video.repubblica.it/sport/fallo-laterale-in-faccia-all-avversaria-ammonita/110013/108397

    RispondiElimina
  107. Sopravvissuto, sembra incredibile, sembra un'invenzione, ma in una sera come questa si può leggere una cosa come questa, da Paolone Giannelli uscito dalla tomba in cui il trionfo di questo pomeriggio l'aveva rinchiuso per sempre (si credeva, si sperava...). Godetevela tutta, in attesa di ritrovare, domattina, il referto delle angosciose visioni notturne di Yo el supremo in preda alla grappa:






    «11/11/2012 22:31:33
    gustavo coriandolo, ho letto ora i commenti sull'altra
    notizia..le inutili offese a Fernandez96...Che ha ragione e aveva già
    preannunciato quello che poi ho scritto io su questa notizia. Con
    Sorrentino in porta e Pellissier davanti ci si giocava lo scudetto. 2
    milioni di euro li pigliavi tutti e due. Ma per fortuna c'abbiamo
    l'ultrà in porta...»

    RispondiElimina
  108. E adesso una domanda: ricordate, nella storia del calcio italiano, un mercato che abbia portato tanti grandi giocatori, spendendo così poco, disfacendosi per così poco degli indesiderabili, con attivo finale di bilancio? Ve lo ricordate? Voglio dire: le ha azzeccate tutte, Pradè, tutte, e ha concluso un numero spropositato di operazioni, in entrata e in uscita. Il migliore, qualcosa sbaglia. Questo qui, non ha sbagliato nulla. Come Montella. Questi sono dei mostri, è una coppia che trasforma in oro quel che tocca... Senza gli arbitri vergognosi, saremmo in testa. E un'altra domanda, timoroso come sono di riuscire fazioso. Ma una squadra al mondo che giochi meglio di noi, tolto il Barça, la conoscete? Una squadra che imponga il proprio gioco a chiunque? A chiunque? Io, il prossimo anno, un Barça-Fiorentina me lo vorrei vedere e vorrei alla fine, quale che sia il risultato (sul quale avrei qualche speranza), computare il possesso palla. Montella ha anche convertito qualche timoroso per il centrocampo tutto qualità, i migliaccisti, quelli del «ma in fondo anche il Barça non ha forse...». No, no: la qualità, tutta la qualità, nient'altro che la qualità, solo la qualità. Come il Barone di Münchhausen, ci tiriamo su per il codino. Che grandi, che grandi... Sono atterrito da tanto bene... Come noi nessuno, nessuno...

    RispondiElimina
  109. Prima della buonanotte, su Viviano: avrebbe meritato 5.5 perché sul tacco di Mexes ha dormito parecchio, ma si merita la sufficienza per quell'esultanza scatenata in faccia a Pato e Montolivo, dopo il rigore sbagliato dal papero. A volte bisogna apprezzare il fatto di avere in porta ViviUno di Noi©. E poi dare un'insufficienza in una giornata come questa non mi pareva giusto.

    RispondiElimina
  110. Non è sul tacco, Deyna, è sul rimbalzo che non è stato reattivo: ma sarebbe stato gol al 90% comunque. E' sicuro che un ultrà, al di là delle ironie spese al proposito, è importante in squadra a stragrande maggioranza «straniera». E di Vuturo non si parla più? Poveraccio, un altro caduto della Lotta per il Progresso. Tutunci non disperare! Ti rimane sempre il baseballista («al massimo 55 punti»: ahahahahahahahahahahahah!). Cuadrado: non farci sognare, continua a darci questa realtà! Dismission: impossible!!!!!!!

    RispondiElimina
  111.  No Deyna, ancora no, aspetto l'occasione per andare a vederlo dal vivo... Di solito ne approfitto al "Viareggio", una sorta di mondiale primavera dove tutti giocano al 150% ed è meno difficile sbagliare valutazioni... speravo tu mi potessi dare un antipastino... -:)))

    RispondiElimina