.

.

mercoledì 28 novembre 2012

Per questa rosa la prosa sembra doverosa cosa

Traspare in maniera evidente anche a un demente o a chi per lui lo è diventato a forza di pacche sulla nuca, che la Fiorentina è ad oggi più poggio che buca, è facile anche per chi ha una visone del calcio più truce, perché la bellezza del gioco che produce la si deduce persino in controluce, piacevole, almeno quanto uno scorcio della Valdinievole, diventa poi abbagliante come la città di Dante, quando le belle giocate cominciano a essere tante. Solo un minotauro o un minorato come Massimo Mauro possono cercare di gettare fango, proprio mentre il nostro calcio affascina col ritmo del tango. E come per un pizzo che lascia intravedere, anche il nostro obiettivo è tornato tornito come un magnifico sedere, e intanto piove, sull’ Inter come sulla Juve, mentre la Viola non delude, piove sui volti silvani ma non sui napoletani, e mentre ci avviciniamo spediti alla vetta per far festa, Toni viene spedito in nosocomio dopo un testa a testa. E a Firenze è subito manicomio. Anche il tifoso più tosto non è insensibile a questo terzo posto, e se prima il Vuturo sembrava solo un duro, oggi è tornato ad essere un tifoso puro, che è già sotto la sede a declamare la sua fede “ Quando è un po’ che non ti sento allora mi assento. Dalla ragione fino alla grigia prigione dove i sogni vengono sfrattati perché non pago più la pigione. E senza la passione i miei pensieri sdrucciolano rovinosi fin dentro al Mugnone. Allora sono pianti. E mi stordisco con il Chianti. Mentre non mi pento e non rallento. Consolo il mio tormento disegnandoti aiuole di parole. Da Campo di Marte fino a Gaiole. Mi ubriaco di te con pensieri di tannino. Mesto, mi curo con il tuo mosto lasciandoti nei miei pensieri sempre al primo posto. Mentre bevo l’ultimo tuo successo tutto d’un fiato. E non guido. Mi dico Pietro non sei Guido. Se bevi troppo Chianti ti schianti. E allora rido e bevo di più per sfracassarmi laggiù proprio dove ci sei tu. Che sei davvero uno schianto”. Potere del bel gioco al limite del fuorigioco, e non è un’eresia che le infamate di un tempo sian diventate oggi poesia, penso solo all’amore che covo, e se Pradè ci avesse comprato anche Bovo avrei potuti dire t’amo pio Bovo. E se parliamo di cose serie e non delle miserie di chi si da tante arie ma non salirà più sulla nostra fuoriserie, è indicativo che in squadra non ci sia quell’ingrato di Montolivo, giocatore cavia che sarebbe adatto oggi per il turner over contro la Juve Stabia. E adesso vorrei farla io la dichiarazione d’amore mentre aspetto la prossima partita contando le ore, ma a differenza del Vuturo non la declamo ma la scrivo su un muro, che rimanga lì almeno per un mese come quando venivano vergate le offese, dal vicino e dalla sua cazzo di erba fino al pezzo di merda, piove sulle tamerici mentre ancora non si ritrovano le pernici, nasi e parrucche da pagliaccio mentre oggi gioca Migliaccio. Concludo con la dichiarazione mettendoci dentro anche l’altra passione “ Prometto di amarti anche se in porta non c’è più Sarti, per me sarai sempre la più bella anche quando non ci sarà più Montella, e quando a Pizarro compariranno le prime rughe gliele riempirò tutte con la pasta d’acciughe”.

64 commenti:

  1. Solo l'assenzio può far declamare le tue sublimi parole,le tue rime baciate,le tue note elevate,tutto ciò non per andar contro il vate ma per disegnar scenario futuro,con o senza Vuturo."A modo mio" è tornato e qualcuno l'ha incoronato,noi l'abbiamo un po' cahato,diciamo di striscio,più per concentrare i pensieri su un turno di coppa che deve andar liscio.Chiaramente andrà liscio sia col tango,forse senza argentini in campo,sia con la polka,anche senza Borja.Non lasceremo scampo a quelli del fox-trot(letterale) che trotterellano su siti e blog alla ricerca del colpo da volpe,slavo poi scaricar le colpe e alla disperata ricerca di un golpe negli ultimi due anni.In questa cella non attendo la puella,anche se indicata a dispetto del solitario,preferisco "quella" e allora sapete che vi dico:nel pomeriggio alla Laurenziana,in serata al Franchi.

    RispondiElimina
  2. Sopra, non è quindi silenzio assenzio.

    RispondiElimina
  3. Intanto il Dubitante sentenzia che la tecnica di base non fa che il 10/20% di un calciatore: l'80/90%, insomma, decide chi è meglio fra Dpnadel e Pizarro. Sorvegliatelo a vista ventiquattr'ore su ventiquattro, che non metta occhio e mano su oggetti taglienti o su lacci: per il momento resti in isolamento, il medico lo vedrà questo pomeriggio, per i familiari attendere una settimana, nel frattempo giù di brutto con gli antipsicotici.

    RispondiElimina
  4. Vai avanti pure col solitario Sopra, che invece che accorciarti la vista ti aguzza l'ingegno ed arricchisce la tua creatività, lascia le puellas ( accusativo,da ogni punto di vista, perchè ti distrarrebbero ) a chi è a piede libero.

    RispondiElimina
  5. A me piacevano parecchio, fino a qualche anno fa, gli articoli di Prizio, ma mi sembra che, dopo le querele da parte dei DV (che in effetti potevano evitarsi) si sia un po' incartato, per cui adesso scrive articoli di cui si capisce poco o niente.
    Forse sono io che sono un po' tardo di comprendonio, ma ho letto l'editoriale di stamane su firenzeviola e sono rimasto con un enorme punto interrogativo sulla testa. Ma cosa voleva dire?

    RispondiElimina
  6. Mi sono permesso di invitare A Modo Mio qui, se accetterà ( ma non credo) non vi preoccupate per il rinfresco di benvenuto, come al solito ci penserò io.

    RispondiElimina
  7. Nel pomeriggio alla Laurenziana, la sera al Franchi: ottimo programma Sopra, la Laurenziana è uno dei posti più belli del mondo per chi ha certi interessi che nutro anch'io. Mi sorge il dubbio a questo punto che questo sia un club di letterati mascherati da tifosi. Sicuramente questa veste compete a Blimp, a me, e a te, Sopra. Ma da certi riferimenti e citazioni credo che molti altri abbiano trascorsi di tal fatta! E non dimentichiamo il padrone di casa che esibisce una scrittura fantasiosa e forbita.

    RispondiElimina
  8. GUBE,noi mai silenziosi,pur usando polpastrelli per urlare sdegno.Mai silenzio assenzio ma neanche faremo la fine di Massenzio.Il Sitollock si pone come i lucchetti di Ponte Milvio,li dove si combattè,noi poniamo lucchetti d'amore per la viola,curando una trasposizione storica che non transiti per via Traspontina,troppo vicina al Vaticano,dove non andiamo ne a pregare il santo ne a sperare di avere ano per le nostre partite.BLIMP,il Dubitante dimostra che quando giocavamo a pallone lui pettinava le bambole,che quando la viola gioca lui smacchia il giaguaro.Per lui consiglio Lexotan,in dosi elefantiache.

    RispondiElimina
  9. Lud, la fantasia ce l'ho solo perché non ho dovuto studiare per averla, e la mia scrittura più che forbita è condita dalla strada e felice come se nascesse in Piazza San Felice dove spalle al muro a sinistra si va in via Romana, davanti in Santo Spirito, un po' spostato sulla destra in via Maggio e sulla destra in Piazza Pitti. Quella che si dice appunto una posizione felice.

    RispondiElimina
  10. Accampamenti africani in fase di spostamentoHo capito Chiari,stai tentando di alterare gli equilibri del blog.Gia'era insopportabile di la',ora lo vuoi pure qui...
    Non c'e'problema,dato che sono ospite,ma in quanto tale,non ci penserei nemmeno un secondo e leverei immediatamente le tende.
    Lele
     

    RispondiElimina
  11. Carissimo Lele secondo me stai esagerando. Intanto se non ricordo male fu Pollock, prima di me, ad invitarlo, ed è anche per questo che mi sono permesso di farlo a mia volta. Poi non capisco di quali equilibri tu stia parlando. Io in linea di principio sono  per non chiudere la parta in faccia a nessuno, anzi sono per il massimo di dialettica, tanto più tra tifosi della stessa squadra.

    RispondiElimina
  12. Il problema, Chiari, è il galateo del sitollock, cui Yo el supremo non saprebbe adeguarsi: è come chiedere a uno zubo di non mangiare con le mani e di non scaccolarsi a tavola, è più forte di lui, anche se col nuovo nick sta facendo degli sforzi, a tratti però vanificati, come illustrai ieri, dal riemergere prepotente del vecchio Yo.

    RispondiElimina
  13. La mia opinione, Colonnello, è che in ogni caso non si giustifica la preclusione. In questo stupendo blog  abbiamo discusso in modo acceso, a volte anche non rispettando il galateo tra noi, ne siamo usciti rinsaldando la nostra amicizia, per quanto virtuale, la nostra reciproca stima, anche  provando e  correggere alcuni nostri eccessi.

    RispondiElimina
  14. La strada ha alimentato migliaia di scritture Pollock, spesso gli artisti più creativi vengono da lì ed è risaputo.

    RispondiElimina
  15. CHIARI,stroncata la tua idea con intervento deciso....questa oligarchia è meritocratica,decisa,coopta ma non opta per tua pulsante idea.LUD,la Laurenziana è orgasmo per la mente,come la Marciana di Venezia o la Cini;ho la fortuna di frequentarle,tra le varie.El GUBE mente,come i dotti mai proni agli elogi.(P.S.:CHIARI:dirotta Yo El Sup-erego su un blog juventino....)

    RispondiElimina
  16. Secondo me A Modo suo nel blog durerebbe quanto un gatto sull'Aurelia.

    RispondiElimina
  17. Africa a modo mioInfatti,caro
    amico Chiari,la tua tesi teoricamente non fa una piega,e c'e'solo da
    lodarla,ma e'nella pratica il problema(per me).Lungi da me l'idea di far
    ostracismo a qualcuno,tra l'altro non in casa mia,figuriamoci,ma
    l'equilibrio che ho  accennato e'stato colto dal Colonnello.Credo che
    non saprebbe reprimere le sue voglie di protagonismo,che guarda
    bene,sono in ognuno di noi,ma non espresse in forma cosi'sgraziata e
    maleducata.Personalmente c'ho avuto qualche scambio duro all'inizio,poi
    non ho mai ribattuto a nulla,che per me era tempo perso.In tutti i
    casi,non sono io che detto le condizioni,anzi,ma se lui atterra qui,il
    numero dei partecipanti restera'invariato,magari in qualche forma
    sara'arricchito i blog,quindi no problem,ma non mi va la sua
    vicinanza,in nessuna delle maniere e mi scuso con tutti se non so essere
    politically correct.(come magari dovrei)Lele
     

    RispondiElimina
  18. Ho capito, risparmio il rinfresco. Eh eh eh.

    RispondiElimina
  19. Ok Lud, street art, e allora ti regalo una foto.

    RispondiElimina
  20. Pollock, stazione Leopolda?

    RispondiElimina
  21. TOCCA L'ALBICOCCA28 novembre 2012 11:54

    Intanto gli eventi hanno superato il mio consiglio di abbozzarla con Viviano e così adesso,
    Houston,abbiamo un problema mentre sarebbe bastato cucirsi quella boccaccia cosa che ai fiorentini evidentemene non riesce.
    Eppure io sono fiorentino e l'avevo capito in tempo,quindi come ebbe a dire Gene Wilder in Frankenstein Junior "SI..PUO'..FARE!",bastava volerlo.
    E a poco vale l'autoassolversi dicendo "si potrà dire" oppure "figuriamoci se Viviano legge",ognuno,nel suo piccolo,ha contribuito.
    Per quel che vale,da ora in poi si può pure continuare,tanto la frittata è fatta...

    http://www.youtube.com/watch?v=rdkecMOT1ko

    RispondiElimina
  22. Armandoti di Montella
    di tiqui taca intontitolancia el desafioma gustandoti la pajellache alla puellaci penso io.

    RispondiElimina
  23. Argh. Voleva essere:

    Armandoti di Montella/ di tiqui taca intontito/ lancia el desafio/ ma gustandoti la pajella/ che alla puella/ ci penso io.

    RispondiElimina
  24. La stoccata di Cognigni


    Non rinuncia a qualche stoccata all’indirizzo di alcuni ex viola, il presidente esecutivo della Fiorentina, Mario Cognigni, che ha detto al Corriere dello Sport-Stadio:
    “Per me essere gentiluomini significa soprattutto avere il coraggio
    delle proprie scelte delle proprie dichiarazioni, pubbliche e private;
    non cercare di scaricare su altri responsabilità per decisioni assunte
    pro-domo-propria. Certo, non è da gentiluomini raccontare amenità su
    incontri mai avvenuti, né tantomeno nascondere l’esistenza di accordi
    già presi. Comunque il futuro della Fiorentina è troppo
    bello e intrigante da vivere e scoprire per perdere altro tempo a
    voltarsi indietro sulle macerie di una stagione da dimenticare. Se
    proprio devo farlo, preferisco ricordarmi dei veri gentiluomini, quelli come Ujfalusi. E, ad immagini negative di capitani di cartapesta (il riferimento, nemmeno tanto velato, è a Montolivo ndr) e professionisti del sabato sera,
    mi piace sovrapporre la faccia limpida e trasparente di un uomo di
    trentacinque anni che per questa maglia lotta e suda come un ragazzino
    (si riferisce a Pizarro e Toni, ndr)».

    RispondiElimina
  25. Grande Conhinhi! Mito! Il Capitano di Cartapesta è epocale! Però anche sto giornalista ci vuole invecchiare Pizarro, e c'ha 33 anniiiiii!

    RispondiElimina
  26. Deyna, parlando della riserva di Pizarro per l'anno prossimo, visto che tu ed io siamo gli unici che si ricordano dell'esistenza di Romizi, io penso che il nostro debba cambiare scuderia, altrimenti le cose per lui a Firenze saranno sempre complicate, a meno che a lui vada bene così.Tu  cosa ne dici?

    RispondiElimina
  27. Tocca, tu sai che io sono d'accordo con te, ed anche sul fatto che le forze dell'ordine, eccetto quando non sia  opportuno per la delicatezza dell'incarico, si debbano e si possano identificare. Quel Carabiniere va cacciato dall'Arma, immediatamente. 

    RispondiElimina
  28. TOCCA L'ALBICOCCA28 novembre 2012 13:00

    La presunta frase del Carabiniere e la reazione susseguente sono figlie del medesimo chiacchiericcio inutile e autolesionista.
    Quando non si ha di meglio di cui parlare si può sempre stare zitti specie quando le cose vanno bene.
    Detto questo,Chiari,ripeto che da adesso in poi possiamo accodarci anche noi nello
    spaccare il capello in quattro su ogni intervento di Viviano,tanto ormai quello che contava,
    ovvero la tranquillità del ragazzo,è andata a farsi benedire.

    RispondiElimina
  29. Sono stato un grande frequentatore di biblioteche Sopra, oltre alle citate direi Querini Stampalia e Correr a Venezia, senza dimenticare Riccardiana, Statale di Lucca e le pisane Normale e Universitaria attualmente chiusa a tempo indefinito e le care sale consultazioni e manoscritti della Nazionale di Firenze. Ora Google Books mi risparmia spesso il viaggio ma mi sottrae l'atmosfera e gli incontri con gli amici/colleghi/nemici.

    RispondiElimina
  30. Non lo so Chiari, non so in che rapporti sia Pradè con Pallavicino, né quanto Macìa, Pradè e Montella stesso stimino Romizi...Al di là di tutto questo, uscire dalle mani di Pallavicino non può fargli che bene.

    RispondiElimina
  31. Le aspettative suscitate da Romizi la dicono lunga sulla differenza del clima calcistico fiorentino. Un anno fa giocatori come lo stesso Romizi o Salifu sembravano punti di arrivo per una piazza che era punto di arrivo per giocatori decisamente mediocri. Con Pizarro e Valero in rosa, Romizi e Salifu sono stati dimenticati in fretta. Naturalmente niente vieta che una loro maturazione getti le basi per un rientro in rosa. Ma anche se fossero a Firenze penso che sarebbe estremamente arduo per loro ottenere una maglia, visto che perfino Migliaccio fa panchina e qualcuno parla dell'arrivo a febbraio di Ralf. Montella comunque segue attentamente i giovani, li vede in allenamento e li valuta. Ci ha fatto sapere che Hegazy è ottimo, ha lodato anche Neto e sta facendo un grosso lavoro per motivare e lanciare definivitamente Ljiajic. Una chiosa mi pare obbligatoria: secondo alcuni la maggior colpa di Prandelli è non aver vinto la Coppa Italia. Prandelli schierava spesso le riserve e talora questa scelta gli è stata fatale. Montella farà lo stesso. Poi non si venga a dire che ci manca la "coppuccia Italia". 

    RispondiElimina
  32. Tocca, a me sembra che si esageri co sta storia di Viviano...Non posso venire allo stadio, ma chi ci va mi dice che è idolatrato; i giornali non mi sembra l'abbiano mai attaccato o montato campagne stampa contro; i siti che parlano di Fiorentina l'hanno trasformato in un tormentone estivo, con articoli su articoli, sembrava che se non arrivava lui non ci saremmo potuti iscrivere al campionato...E da quando il campionato è iniziato sono stati molto morbidi anche quando ha sbagliato, mai insufficienze gravi, mai critiche cattive. Insomma, mi sembra che qualche appunto sulle sue prestazioni faccia parte del suo mestiere...Piuttosto, spero che far notte nei locali non sia un'abitudine, ma un'uscita che si è concesso prima del giorno libero, non c'è bisogno di altre falene notturne, dopo la notte delle pernici e i capitani di cartapesta...

    RispondiElimina
  33. Alcuni siti parlano di una rissa scoppiata stamattina tra tifosi a causa di...Viviano. Insomma l'argomento è all'ordine del giorno, Deyna. 

    RispondiElimina
  34. La mia opionione è nel mezzo tra quella del Tocca e quella di Deyna. Da un parte trovo condivisibile l'invito a moderarsi, a godersi il momento, e a non andare sempre a cercare il pelo nell'uovo quando si tratta del nostro portiere; dall'altra è utopistico (e forse anche ingiusto nei confronti dei suoi compagni) pensare che attorno a un giocatore della squadra si possa o si debba costruire una cortina di silenzio.
    Mi auguro che questo episodio col carabiniere resti un caso, se non proprio isolato (è utopistico anche pensare che Viviano non incontri un'altra fava per strada che gli faccia una battuta infelice, così come allo stesso Borja potrebbe capitare di incontrare un Paolone o un Giannelli della situazione in carne e ossa, che gli dica "siee se t'eri bòno un retrocedevi col Villareal; sono personaggi pubblici, sono coscienti degli onori e degli oneri), almeno un caso non quotidiano.
    Allo stadio la situazione è ben diversa da quella che si può leggere sul sifone, perchè i critici sono in percentuale minore e le voci isolate non arrivano sul campo, dove invece sentono solo la voce grossa e univoca della maggioranza.
    Penso che lo stesso Viviano abbia spalle abbastanza larghe per non farsi condizionare da ciò che gli dice un bischero per strada, si tratta pur sempre di uno che gioca in Serie A, dove semmai è davanti ai fischi di uno stadio intero che emerge la differenza tra chi è emotivamente fragile e chi sa reagire con personalità da fuoriclasse. 
    Insomma, non credo che siamo ad un punto di non ritorno, comunque trovo sia il caso di parlarne in modo diverso, non proprio di star zitti come piacerebbe al Tocca, ma almeno di moderarsi e pensare più che altro a sostenerlo.

    RispondiElimina
  35. Vitalogy, io mi auguro che dal giornalaio Roncaglia incontri invece il Dubbio che gli gridi contro: «Scarponaccio, c'ha sempre avuto ragione Traversi, a Torino senza te vincevamo, il primo gol è una scazzata tua!». Dopo tre minuti arriva l'Ofisa per le misure. Circa il carabiniere: io posso anche ammetter la battuta se i due si conoscono, sennò è follia bella e buona ed è preoccupante, per il cittadino comune, sapere di esser difeso da tutori dell'ordine di quella fatta. Ad ogni modo vi raccomando poi quel cinocefalo che si spaccia per body guard solo per alzar le mani. Tutti i portieri della Fiorentina hanno avuto i loro momentacci, a Firenze (il grandissimo Albertosi pur anco, a causa della frequentazione di ippodromi), ma non si era mai giunti a episodi come questo, eppure Viviano non è il peggior keeper titolare della nostra storia (ne ricordo almeno tre, uno deceduto, che valevano meno, anzi meno assai). E' l'enfasi sul portiere-tifoso che gli nuoce tanto quanto gli giova.

    RispondiElimina
  36. Non metterei sullo stesso piano Salifu e Romizi. Il primo è giocatore di quantità, molto volonteroso e forte fisicamente, ma non un mostro di tecnica e intelligenza tattica. Appena arrivato a Firenze lo vidi giocare nella Primavera e non mi impressionò per nulla, l'anno dopo invece lo vidi migliorato, e soprattutto rimasi felicemente sorpreso da una sua bella partita a Milano contro l'Inter, e da qualche percussione in cerca del gol, indice di personalità. Poi calò di nuovo. Non ci faccio molto affidamento, a dire il vero. Romizi è invece un fine cervello calcistico, geometrie innate, buon piede, e non si risparmia certo in campo. Lo vedo perfetto per stare nella rosa della futura Fiorentina, e crescere con calma.  Tra i nostri non trascurerei nemmeno Bakic, ora frenato da un infortunio al Toro, ma talento straordinario, mi ricorda un po' Boban. Deve solo velocizzarsi un po'. E poi c'è Capezzi...

    RispondiElimina
  37. TOCCA L'ALBICOCCA28 novembre 2012 14:47

    Il problema di internet è che amplifica tutto e troppo.E' chiaro che una discussione qui non dà noia a nessuno,Viviano compreso,però già ieri vi avevo raccontato come a Torino,in un posto dove non si vedeva niente avevo intorno qualcuno che invece gli errori di Viviano li aveva visti benissimo,segno che se li era già immaginati a prescindere.
    Comunque la mia era un'analisi preventiva per il bene della Fiorentina,ormai se le danno pure quindi figuratevi se non se ne può discutere noi.

    RispondiElimina
  38. Capita a tutte le tifoserie di prendere di mira qualche proprio calciatore, spesso stupidamente ed in modo autolesionistico. I tifosi viola non sono da meno, anzi, basta ricordare certe critiche stupide e rumoreggiamenti che investirono IN CAMPO, rendendo difficile la loro vita in maglia viola, in vario modo,  i vari Maggio, Balzaretti, Pazzini, Cerci, salvo poi, magari da parte degli stessi che fischiavano, lamentarsi per la loro cessione. Nel caso di Viviano siamo vicini a quel punto di non ritorno, come dice Tocca, con l'aggravante che neppure ci si sta rendendo conto della delicatezza del suo ruolo, dove la serenità ,la sicurezza dei propri mezzi, la fiducia attorno che ti perdona anche l'errore, sono presupposti fondamentali, sia per giocare bene sia  perchè in quel ruolo gli errori si pagano subito cari. Un portiere poi , di fatto, non è tra quei giocatori  che durante la partita si sostituiscono, ed anche prima di togliergli la maglia da titolare bisogna pensarci due volte, se non ci sono motivi veramente validi, tecnici o anagrafici.
    Su Viviano in certi ambienti della tifoseria s'è creato un clima di ostilità preventiva che porta a vedere come parabile ogni gol che prende, anche quelli che ad ogni portiere,anche il più grande è capitato di prendere, senza essere stato poi messo sotto processo. Infatti, ripeto, in Italia da parte di chi osserva la Fiorentina non esiste alcun caso Viviano,  a Firenze in certi ambienti sì, come mai?

    RispondiElimina
  39. Sottoscrivo in pieno Deyna qui sotto su Romizi , Salifu,  etc.

    RispondiElimina
  40. Il comportamento del Carabiniere è molto più grave di quello del presunto body guard, Colonnello. Il Carabiniere è  istruito e pagato per  proteggere il cittadino e soprattutto come tutore dell'ordine. Nel caso pare che abbia dato vita al disordine. 

    RispondiElimina
  41. VITALOGY,sii sereno...B.Valero non incontrerà mai Paolone o i'Giannelli,quando i due devono uscire vengono affissi manifesti,come quando c'è il circo;diciamo che si attua un specia di tam-tam...come quando scrive sul sitone Yo/A modo mio:ci sono vedette,si transenna virtualmente il sito,si allerta il genio civile,il gabinetto di igiene mentale.Questi individui,per motivi diversi ed eterogenei,hanno dei filtri umani che opacizzano le loro figure...prendi quello che con una ciabatta fragrante piena di peperoni sullo stomaco,commentava positivamente le ciabattate di Montolivo,al quale Cognigni regala una frase che presupporrebbe il diventare talpa e sotterrarsi,avendo pudore poi di non mettere neanche una croce,su quello che noi volevamo portabandiera,portavoce ed invece è stata una croce.

    RispondiElimina
  42. Quando la pomelica su Casarsa era dell'Africa ancora più arsa Eh
    si Tocca,anche io la pensavo cosi',ma va detta tutta non e'solo una
    critica sana e costruttiva,e'un insano spaccargli le palle e c'e'dentro
    tutta la contraddizione di noi fiorentini.Si dice che va criticato,ma
    quando ero allo stadio tutte le domeniche,a Mareggini,che era 20 volte
    piu'scarso,mica gliele frantumavano cosi',in piu'un mi pare uno con un
    carattere alla Buffon,tanto per dire,quindi c'e'solo da augurarsi che il
    prossimo intervento sia un gran bell'intervento,senno'quello si
    puo'cacare addosso e un se la leva piu'.A Firenze siamo strani
    davvero,quando uno e' preso di mira un c'e'verso.Mi ricordo quante
    leticate ho fatto per Casarsa,che stava sul culo un si sa perche',o per
    Di Chiara,o per Laudrup...tutta gente se non fischiata,perlomeno
    bubata,che andata via a respirare aria pulita,si e' espressa al meglio.Lele
     

    RispondiElimina
  43. L'Africa si crogiola nel professionismo di PizarroIl
    dopo Pizarro,Chiari,non e'roba urgente.Per fisico,ruolo,e
    professionismo a 360°,ha ancora davanti minimo due anni ad alto
    livello,senza problemi e nel caso,nel panorama nazionale
    Nangoillan(talent scout Vita)e'il migliore senza dubbio.Parlare di
    Romizi mi resta difficile,i ricordi son molto sfuocati,senza contare che
    adesso siamo irreversibilmente una societa'da posizioni alte e non ci
    possiamo permettere esperimenti.
    Lele
     

    RispondiElimina
  44. Che vorrà dire?

    RispondiElimina
  45. Anche io penso che Pizarro abbia davanti a sè ancora due anni buoni, Lele, infatti parlavo di una sua giovane riserva, magari da metterci in casa subito, tanto da sostituire il Pek quando serve senza far sentire troppo la sua mancanza ( come invece è capitato in ultimo contro il Torino), e farlo crescere nel frattempo. 

    RispondiElimina
  46. Per gli anni ancora utili di Pizarro toglierei quell'"almeno", Lele, ma uno o due buoni ancora li fa anche per me. Nangoillan però non lo vedo come suo sostituto, è un po' che non lo vedo, ma da quel che mi ricordo è un combattente dal buon piede, ma non un regista, siamo più dalle parti di Ralf o di Behrami [con tecnica]...bel giocatore, però. Casarsa!  Mitici i suoi rigori da fermo, ripresi anni dopo da Signori. Va detto anche che a Firenze non veniva sfruttato bene, andato a Perugia Castagner lo mise a fare il rifinitore, e giocò benissimo. Anche Speggiorin fece un gran campionato, nel Perugia delle meraviglie, che finì imbattuto dietro al Milan di Liedholm. Fiorentina: per come la vedo io, insisterei sui tre centrocampisti, ma considerando che Pizarro dovrà rifiatare un po' più spesso [specie se andremo in CL...] ed Aquilani va centellinato, ci vorrebbe un quarto centrocampista di alto livello in grado di sostituire entrambi,  e magari ogni tanto anche lo stakanovista Borja, in una logica di turn over. In quel ruolo, vedo benissimo Canteros. Romizi pure andrebbe più che bene, come backup. Come terza "riserva" vorrei invece un incontrista che sappia anche giocare, ma dalla qualità migliore rispetto a Migliaccio, un simil-Ralf, insomma. Mi rifiuto di parlare di De Rossi come fanno sul sitone, per me è fantacalcio, anche se non dubito che Pradè e Montella cerchino di tentarlo. Ma i costi sono proibitivi. Ed anche se ADV impazzisse e decidesse di metterci su 25 milioni, diciamo, più 5 di ingaggio, non mi sembrerebbe una gran mossa investire tutte le risorse su un 30enne, per il centrocampo.

    RispondiElimina
  47. Pizarro è sempre stato un grande calciatore, ma a questi livelli non mi pare abbia mai giocato. Rispetto a qualche anno fa, ha forse visto ridurre la sua resistenza, ma in compenso ha maturato una sicurezza nei propri mezzi, una intelligenza tattica e una esperienza nella scelta della giocata in considerazione del momento in cui si trova la partita che non hanno eguali nel panorama calcistico italiano. Penso che attualmente sia superiore a Pirlo.

    RispondiElimina
  48. Pollock, secondo com'è, a giugno te lo spiego.

    RispondiElimina
  49. A Roma lo ho visto giocare spesso a questi livelli,  Pizarro, infatti Spalletti lo considera un top player...Ed è per questo che lo ho sempre sognato per la Fiorentina. Però ora ha raggiunto una continuità mostruosa, e pare libero - incrociamo le dita - da problemi fisici [che ci sia da ringraziare anche la preparazione fatta con Zeman?]. Sta forse giocando un po' sopra i livelli del Pirlo dell'anno scorso, direi, a quello attuale è nettamente superiore.

    RispondiElimina
  50. In Africa sono stati scoperti i ruoli scopertiAnto,hai
    colto nel segno.Io ad inizio stagione, lo vedevo addirittura in panca,e
    titolare il centrocampo Borja/Aquilani/Mati,non perche'sono pazzo,ma
    per quello che hai detto:sta facendo il suo miglior campionato,e questi
    livelli non li aveva mai raggiunti,nemmeno con Spalletti.Credo che gli
    abbia giovato il modulo/motivazioni/ambiente,senno'e'impensabile
    questo rendimento.Deyna,anche io consideravo Nangoillan un ottimo
    cursore con piedi discreti,ma devo riconoscere che quest'anno e'
    migliorato molto in costruzione e tecnicamente non e' uno scarparo,se lo
    hai visto contro il Napoli,era imprendibile e non ha perso un pallone
    uno.In tutti i casi non si puo'ricercare una fotocopia del cileno,se
    perdessimo qualcosa in costruzione,ci sono gli altri due,e il belga tira
    bene anche in porta.De Rossi e'fantacalcio,se avessimo quei soldi pensi
    che li mettano su lui o su...Bale?I ruoli scoperti per stare lassu'a
    lungo sono centravanti ed esterno sx.
    Lele
     

    RispondiElimina
  51. Casarsa da noi giocava centravanti arretrato, con Desolati aveva un senso, ma è vero che aveva doti da rifinitore per essenza, un interno destro bellissimo (un po' alla Merlo) e che copriva l'intenzione, stop di palla e cross girato tendenzialmente sublimi. Era lento, senza sinistro, senza tiro dalla gittata, fuor di possesso stava con le mani sui fianchi ad attendere. Erano il suo incedere indolente, la sua musoneria e i capelli lunghi a indispettire parte della tifoseria, che aveva atteggiamento simile a quello avuto verso Cerci, e del resto anche Casarsa rispondeva mandando affanculo i cretini. Quando si tolse qualche soddisafazione a Perugia non ce le mandò a dire e fece pure bene.
     

    RispondiElimina
  52. A Radio Fiesole parlano di acquistare un uomo di fascia,a gennaio...uno da 5/6 gol che possa giocare su entrambe le fasce.Il profilo sembra quello di Gomez....

    RispondiElimina
  53. Antoine e Lele, non si tratta solo di Pizarro, si tratta di  calciatori giusti, al posto giusto,  con l'allenatore giusto ed il gioco  giusto. Tutto ciò porta molti, per non dire tutti, a dare il meglio di sè. Vogliamo parlare di Valero e Rodriguez? Dello stesso Aquilani per quel poco che s'è visto?  Di Roncaglia? Di Ljajic, di Romulo, di Cuadrado e persino di Pasqual e Toni? Se tanto mi darà tanto, da El Ham c'è da aspettarsi sfracelli! E qualcosa in anteprima s'è già visto.

    RispondiElimina
  54. Gomez lo trovo troppo offensivo per sostituire Pasqual [è quello che farebbe, essendo intoccabili Cuadrado e Jovetic], manderebbe a puttane tutto il meccanismo della Máquina...Ma Montella potrebbe sorprendermi anche in questo. Vero Colonnello, Casarsa era così...Desolati, pensa, era il mio giocatore viola preferito, quando ero bambino. Trovo fosse un po' sottovalutato, perché esordì giovanissimo in serie A [a 16 anni se non erro] cominciando subito a segnare, e a 20/21 anni segnò 11 [una partita con suo gol fu cambiata a tavolino, mi pare] e 9 gol, tra l'altro in poche partite, tenendo più o meno una media di un gol ogni due incontri. Poi subì varie fratture alle gambe, e non fu più lui. A pari età non segnava meno di Pruzzo, Giordano e Altobelli, per carità più forti, ma non era un  cattivo attaccante. Si parla di Lodi per gennaio.

    RispondiElimina
  55. Braglia,l'antesignano dei rigori tirati da fermo...Comunque tra C2 e C1(o comunque la nuova 3a Serie) ènun allenatore quotato,vincente,carismatico e a Castellamare sta facendo un lavoro con i fiocchi,con giovani ed un paio di senatori.DEYNA,Lodi è un Pizarro molto meno mobile ma con più senso della posizione,e può fare il 10 o anche il metodista,tipo un 5 brasiliano.Ragazzi,sono giamin zona stadio e fremo,scusate,vi lascio....per la viola!A dopo il match!

    RispondiElimina
  56. Mi lasciava perplesso l'idea di puntare su Lodi come elemento cardine del centrocampo. L'inserimento di un giocatore con le sue caratteristiche in un centrocampo già ben organizzato e rodato come il nostro mi pare invece semplice ed auspicabile. Speriamo proprio che arrivi. 

    RispondiElimina
  57.  Da Calciomercato.com



    Ogni settimana Calciomercato.com fa il punto della situazione per analizzare i principali errori arbitrali in Serie A, aggiornando una classifica 'virtuale' senza sviste che
    tenga conto solo di quelle che hanno inciso sui risultati. Ovviamente
    il prodotto finale va preso con le pinze, in quanto ci sono troppe
    variabili in gioco.


    Giornata sfortunata per i rigori: non c'era quello
    assegnato al Milan con la Juve mentre non vengono fischiati quelli in
    favore di Atalanta, Bologna e Cagliari rispettivamente contro Genoa,
    Sampdoria e Napoli.
     


    CLASSIFICA VIRTUALE (Squadra - Punti virtuali - Punti reali - Saldo):

    Fiorentina 28 28 (0)

    Juventus 28 32 (+4)

    Inter 27 28 (+1)

    Napoli 26 30 (+4)

    Roma 26 23 (-3)

    Lazio 25 26 (+1)

    Catania 22 19 (-3)

    Parma 22 20 (-2)

    Atalanta 18 18 (0)

    Torino 17 15 (-2)

    Udinese 16 16 (0)

    Milan 15 18 (+3)

    Sampdoria 15 16 (+1)

    Cagliari 14 16 (+2)

    Palermo 14 14 (0)

    Bologna 12 11 (-1)

    Siena 12 11 (-1)

    Pescara 11 11 (0)

    Genoa 10 12 (+2)

    Chievo 8 12 (+4)

    RispondiElimina
  58. Secondo me Bersani gli ha dato du' pappine a Renzi come i nostri allo Stabia, proprio sottogamba!

    RispondiElimina
  59. Beh Gonfia i giornali confermano il tuo giudizio sulla partita ma non quello sul confronto Bersani Renzi, eh eh eh. Parlano di bel confronto, tra persone oneste e chiare, e di sostanziale pareggio,anzi forse con una piccola prevalenza di Renzi. Detto questo non c'è il minimo dubbio che al ballottaggio vincerà Bersani, con tutti gli apparati politici, parlamentari  e sindacali che lo appoggiano. A me Bersani andrebbe anche bene, è un'ottima e capace persona, tanto più che incalzato da Renzi ha rinnovato il Partito anche lui, il punto è che secondo me alle elezioni politiche non prenderà voti a sufficienza per fare quello che sa e che vuole, sarà condizionato-ricattato  da Vendola, come capitò a Prodi con  Bertinotti che poi addirittura  lo mandò a casa favorendo Berlusconi, o sarà costretto a rifare la grande maggioranza con i berluscones e col Monti bis, cosa che nella prossima legislatura non servirebbe più, anzi sarebbe negativa.

    RispondiElimina
  60. Chiari, in effetti mi sono un po' allargato nel giudizio. Il mio dubbio è: se vince Renzi, alle politiche prenderemmo tanti voti da poter governare da soli? Comunque tutti uniti per un futuro migliore per tutti gli italiani.

    RispondiElimina
  61. Gonfiantini come l'Arno.

    RispondiElimina
  62. Diciamo, Gonfia, che alle politiche Renzi avrebbe più possibilità di farcela, visti sondaggi. Detto questo, sono pienamente d'accordo con te sul tutti uniti nel centro sinistra per il futuro dell'Italia e degli italiani.

    RispondiElimina
  63. Pollock, spero di rimanere negli argini, anche se sono un torrentello di campagna.

    RispondiElimina
  64. Chiari, dipenderà molto dalla nuova legge elettorale, se la faranno. Dubito comunque che la maggioranza attuale ne licenzi una che permetta la governabilità ad un partito che non farà alleanze, né con Vendola né con altri nel caso di Renzi. Come Veltroni mi pare. Staremo a vedere.

    RispondiElimina