.

.

domenica 1 aprile 2012

L'orata giusta

Anche se piovesse e diventasse scivolosa da cogliere, oppure se non piovesse ma il sudore delle mille sgroppate la rendesse tale, anche se la dovessimo vivisezionare, squamare e diliscare, sarebbe comunque opportuna. Anche se dolce è vincere e non dormire, anche se vincere vorrebbe dire abbracciare un tuo compagno, anche se il compagno di Dolce si chiama Gabbana e quello che devi abbracciare dopo aver vinto è un voltagabbana. Scivolosa, guizzante, ancora viva e fresca, la riconosci sempre dall'occhio che non deve essere spento come invece quello di Cerci dopo aver spento una spigola e mangiato gli spigoli della brace credendo che fosse nero di seppia. Bisogna pescarla con tutte le forze, e se ce ne sono poche ne vanno comunque trovate delle nuove, con il carattere e la motivazione per non cadere nella rete delle ripartenze del Chievo, e anzi fargli presente che se hanno tanta voglia di ripartire, qualche buonanima che gli riaccompagna alla ristazione la troviamo senza nessun problema. Va servita ai tifosi senza tanti intrugli per fargliela gustare appieno, lasciamo perdere per carità la panna o la maionese che sanno tanto di svantaggio, ci mostrino invece un partita fresca che non abbia bisogno di essere coperta da salsine per mascherarne la scarsa qualità, l'inadeguata conservazione e l'approvvigionamento datato, ma un bel pomeriggio di quelli appena attraccati, di quelli che a Napoli direbbero che si sente ancora il sapore del Marek. E quando saremo al commento dovremo sviscerarla con l'entusiasmo di chi è riuscito a portarla a casa, e non eviscerarla per metterla nel forno con le patate e i patemi, perché si sa che se non si è abituati a maneggiare bene il forno diventa pericolante e non pericoloso, come la classifica di chi lotta per salvare la pelle e non la cottura, di chi è in apprensione per la rimanenza nella massima serie e non per le rimanenze che sono sempre un indizio che gli invitati non hanno gradito. Data l'importanza potremo anche chiudere un occhio se ce ne fosse servita una di quelle allevate, perché ci sono dei buoni allevamenti come anche devono esserlo gli allenamenti e diventare cruciali per portare sulla tavola del consumatore finale un prodotto sano e di una qualità soddisfacente, specie per un pubblico esigente e soprattutto bisognoso come il nostro. Non c'è altra pietanza che ci possa riempire meglio oggi la panza, è proprio arrivata l'orata di portarla a casa e di pagare il conto di questo campionato, un conto salato ma che pagheremo anche volentieri se alla fine, dopo esserci alzati dalla partita, potessimo mostrare soddisfazione per quella che sarà stata una bella vittoria e non un pesce d'Aprile. 

42 commenti:

  1. Ciao Pollock, buona domenica. Speriamo che oggi Amauri vinca la palma del migliore in campo grazie a suo gol decisivo. E speriamo, parimenti, che la Fiorentina vinca la palma della migliore della giornata. Oggi pesto alla genovese direttamente da bottega di Zena... Piuttosto: dov'è finito il Chiari? Parlando di Sale, cioccolata e Pigati da offrire si è subito eclissato....:)

    RispondiElimina
  2. Chiarificatore1 aprile 2012 10:50

    Eccomi Orcio, non dobbiamo solo sperare ma pretendere da chi scende in campo che sia la formazione giusta, quanto all'ora richiamata da Pollock, anche se al ginevrino gli sta saltando qualche dato
    statistico, chi meglio di chi vive in quella città può dire che è quella giusta?  

    RispondiElimina
  3. Buona domenica a tutti, io invece sarà perché non ho pace come dice la Rita, oppure perché creativo braccato dalla quotidianità, ma ho messo su un chili con carne. Mi sento un po' Terence Hill e ho sentori sentori di Vargas sul retrogusto della partita. 

    RispondiElimina
  4. Sconfitta che è un macigno sul nostro campionato. Girano le balle e mille. Penso che Delio sarà accantonato. Abbiamo 8 partite ma la vedo durissima, specie in casa, proprio come profetizzava Tocca, anche se oggi per un tempo la Fiesole ha cantato. Così tanto per tentare una analisi che mi faccia sfogare: ma togliere Amauri, pur nullo nel primo tempo, e vedere Vargas in area a giocare da punta ha senso?

    RispondiElimina
  5. Che errore madornale aver mandato via Sinisa x prendere Delio, scusatemi se mi ripeto ragazzi ma sono avvilito. Sono molto pessimista, fortuna che il Lecce si è fermato sul palo.

    RispondiElimina
  6. Quando Natali (non me l'aspettavo!) e Pasqual (me lo aspetto ogni Domenica) compiono due errori madornali ed osceni, nella loro stupidità, Delio o Miha non c'entrano niente. Palla tranquilla, da gestire come meglio ci aggrada, solo due errori così assurdi le trasformano in occasioni da goals. Intendiamoci, il Lecce ci sta agevolando la vita ma tre punti in casa con il Chievo vanno fatti!

    RispondiElimina
  7. Leo ti sei mai chiesto perché gli errori madornali che hai descritto sono iniziati da quando in panchina c'è Delio?

    RispondiElimina
  8. Colonel Blimp1 aprile 2012 18:40

    Sì, il problema, come dice Deep, è che con Delio gli errori difensivi si sono moltiplicati. E' più facile sbagliare senza tranquillità e organizzazione di assetto. D'altra parte, abbiamo incassato finora (soprattutto grazie alla media di Sinisa, occorre dire) quanto la Lazio: se fossimo stati provvisti di gioco più produttivo anche le sbavature difensive sarebbero state insomma assorbibili. Oggi, sia chiaro, nemmeno una chiara azione da gol, nemmeno una e Ljajic su punizione taglia bene ma se c'è un portiere valido respinge, la palla non era angolata. A Milano grandinerà, dopo di che, sperando che il Lecce con la Roma in casa non colga più di un punto (ci credo, in effetti), sarebbe il momento giusto per tornare a Miha o la catastrofe, che sogno in incubo in casa di Cosmi, appare inevitabile. Quel che più mi sorprende è l'assenza di pressing: un allenatore nuovo, se offensivista, può aver difficoltà a far quadrare le peculiarità tecniche del materiale che trova, ma almeno quello deve assicurarlo, oltre alle formule di raddoppio in possesso di palla. Credo che sia ormai perpetuamente incerto, il Delio, fra l'ascoltare il cuore e salvare il culo, rimanendo così a metà del guado, incerto sulla corsia di sorpasso mentre di fronte arriva il TIR. Comunque vada è bruciato per l'anno prossimo, direi, e la sua carriera prende un'ammaccatura che non so se riuscirà a ripicchiare.

    RispondiElimina
  9. Chiarificatore1 aprile 2012 18:55

    In questi due anni, anche contando solo su quello che abbiamo in casa, ci sarebbe stato tutto il tempo per costruire gradatamente e rendere amalgamata, esperta ed affidabile una formazione del genere: (4-3-3)Boruc, Romulo-Camporese- Nastasic-Vargas, Berhami-Romizi-Montolivo, Cerci-Jovetic-Liajc , con Salifu al posto di Cerci fuori casa per un 4-4-2. Questa squadra garantirebbe  estro , velocità, agonismo, spettacolo, determinazione e molti più punti di quelli che (non)stiamo facendo. Non c’è stata la capacità di farla questa squadra, non c’è stato il coraggio, e siamo qui ancora nelle mani dei senatori che da due anni ci stanno portando sempre più a fondo,  verso serie B,  sperando che sia il Lecce a salvarci. I harakiri della difesa sono diventati ormai un costante e triste, per non dire raccapricciante, emblema di questa situazione penosa.

    RispondiElimina
  10. Colonel Blimp1 aprile 2012 19:07

    Caro Chiari, trovo la tua formazione troppo sbilanciata nei due laterali ma, occorre dire, non avrebbe saputo prendere più gol a bischero dell'attuale e ne avrebbe fatti ben di più. Ti dedico questa perla che ho appena pescato, fra le tante che mi sono letto in fretta dopo un buio ritorno misantropico dallo stadio (Marco da Siena è in linea dalle 18,40, per dire quanto sia falso che abbia abbonamento, a meno che non torni a casa con elicottero personale), è del Multinick idiota che è sconvolto non dalle sorti della Viola ma dalla sconfitta nell'assurda guerra di religione che aveva impostato pro-Delio. Queste personalizzazioni sono un male terribile del tifo fiorentino, Chiari, si punta su un uomo facendone un'ipostasi della maglia contro la maglia medesima e ciò continua dopo l'uscita di scena dell'uomo stesso, fino a desiderare il peggio alla Viola in nome del fuoriuscito. Leggi qua:

    01/04/2012 17:44:16


    danilo curva fiesole,


    E IO GODO, godo per i DV, godo per i sapientoni stile Jordan o Don Diego
    che facevano gli sbruffoncelli, godo per chi ha sempre criticato e buttato
    fango su Cecchi Gori, godo da pazzi nonostante io le partite della Fiorentina
    le segua allo stadio dal 70.Godo e basta, si và in B? bene, io son contento, è
    quello che meritiamo. 

    RispondiElimina
  11. TOCCA L'ALBICOCCA1 aprile 2012 19:08

    Io credo che Rossi non faccia nemmeno più la formazione,altrimenti non si spiega
    il perchè solo lui e pochi altri non abbiano capito quello che da giorni andavamo dicendo,
    ovvero che presentarsi davanti a Paloschi e Pellissier con la coppia Natali-Gamberini fosse un suicidio annunciato.
    Non è tanto l'errore in sè il problema,quanto il fatto che già tre volte erano sgusciati via ed è molto probabile che l'assist abbia solo anticipato di qualche minuto l'inevitabile.
    Per il resto una prestazione in linea con altre performance casalinghe di quest'anno con l'aggravante di aver concesso a questo gruppo di presunti fenomeni anche il lusso di autogestirsi.

    RispondiElimina
  12. Beretta, grazie.

    RispondiElimina
  13. Tocca io penso che, in una partita casalinga, davanti ad una squadra in confusione totale come la nostra e col rischio sempre più reale di finire di sotto, una tifoseria ufficiale che fa il suo primo timido coro al 4' della ripresa per chetarsi subito di nuovo, riesce ad essere ancora peggio della squadra oscena che ha. Meglio giocarle tutte fuori se questo deve essere il contributo del dodicesimo. Si contesta, si urla e si bercia contro quando l'arbitro fischia la fine, ma finchè la palla ruzzola ci si deve metter l'anima, anche sugli spalti. Se no non si chiamino tifosi, si chiamino spettatori che vanno a vedere quello che li fa divertire, cinema, teatro o stadio che sia.

    RispondiElimina
  14. TOCCA L'ALBICOCCA1 aprile 2012 20:00

    Pensi che non lo sappia Jordan?
    Purtroppo questo siamo diventati e anche in questo caso ce la siamo cercata,ma adesso
    sarebbe troppo lungo stare a spiegare i perchè i per come.

    RispondiElimina
  15. Anche a me, Chiari, la tua formazione appare troppo sbilanciata negli esterni bassi, Romulo (a proposito, a chi dobbiamo mandare la corona di fiori?) nelle poche gare in cui è stato utilizzato ha dimostrato grande tecnica unita però a poca sagacia (ricordo ancora con orrore la gara col Torino in precampionato quando un negretto 18enne granata lo ridicolizzò), lo vedo meglio come esterno alto. Concordo con te, Colonnello, domenica c'è il rischio goleada ma spero che finita la quale si torni all'antico, lo spero vivamente!

    RispondiElimina
  16. Che Natali e Gamberini, lasciati soli con Paloschi (a proposito ce lo volevan dare per Montolivo, visto che non prenderemo niente ci faceva proprio schifo?) e Pellissier avrebbero visto le streghe lo aveva detto il Don ma non gli va merito eccessivo, era quasi ovvio. E' vero che grosse alternative non ce n'erano e, se c'era da rischiare un figuraccia meglio farlo fare ad un vecio che ad un ragazzino rampante, però, se proprio non hai di meglio, almeno proteggili, non lasciargli le praterie accanto, gioca un pochino più raccolto. Invece si ha una squadra sempre allungata e velleitaria che si spenzola in avanti senza avere il minimo concetto dei movimenti offensivi (andare a scuola dai due sopra e da tutto il Chievo che, pur nei limiti tecnici individuali, gioca, come squadra, molto meglio di noi). Orcio, Amauri dice che l'ha tolto perchè non stava bene, non doveva nemmeno entrare e sembra l'abbia chiesto lui di uscire, penso sia vero se no sarebbe stata pecionata troppo grossa anche per il Delio in stato confusionale attuale. I gol son venuti per due corbellerie ciclopiche, ma, siccome si ripetono ad ogni domenica, bisogna smettere i considerarle casi sfortunati e cercare invece un certo determinismo causale. Perchè giocatori esperti con degli anni adi A alle spalle, e nemmeno pochi, fanno della cazzate da difensori di lega giovanile svagati?

    RispondiElimina
  17. Chiarificatore1 aprile 2012 20:41

    Colonnello e Deep, io non ho voluto  fare la formazione perfetta ma una formazione anche con quello che di alternativo e promettente c’è in casa, formazione  che secondo me garantirebbe di  più, da tutti i punti di vista ed anche in copertura, di quello che s’ è visto in questi due disastrosi anni e, particolare non trascurabile, in prospettiva futura.

    RispondiElimina
  18. Colonel Blimp1 aprile 2012 20:47

    Io non ho mai avuto meriti eccessivi, me lo dice anche mia moglie, Jordan, ma che quei due messi insieme siano una jattura lo dico da sempre. Ne ho poi appena accennato nel mio commento al match, ma vorrei qui ribadire che quando c'è carestia un punticino va anche bene e allungarsi a gambe mozze e senza però un'idea, nel finale, è stata una cazzata che un Mondo, tanto per dire, non avrebbe mai commesso. Leggo peraltro  or ora sul sitone, caro Jordan, che il Multinick ci accusa di formare, con Deyna,  triade malefica causa di tutti i problemi attuali della Viola (avessi questi poteri manderei un po' di poisse a chi mi ha rigato la macchina l'altra notte davanti al cine...), mentre Pollock è riproposto a presunto sconcio (alla maniera mia di me) con due suoi post (Chiari se la cava con uno soltanto), in quanto (mis)intenditore, dallo stesso pazzo di cui sopra e che ieri asseriva che chi scrive sul sito del Poeta si «estranea». Si prospetta una guerra di siti, la più ridicola fra tutte, col Gatto (del Carlino) e il Tordo (di San Lorenzo) ai cannoni, strana coppia di coreggioni a salve: mi perdoni Sua Maestà Britannica se, in quel caso, diserterò per troppo tedio e lascerò quello «sbruffoncello» di Jordan a combattere, mentre Pollock preparerà le vettovaglie per me solo.

    RispondiElimina
  19. Impuntare le due cazzate (mi soffermo sull'oggi) fatte da Natali e Pasqual sui goals al modulo ed alle scelte di Rossi lo trovo ridicolo. Cosa caxxo c'entra Rossi se (come giustamente sottolinea il Jordi "bom rapaz") due navigati di serie A compiono minchiate che neanche in interregionale........Non difendo Rossi, se va via a Giugno ben venga un degno sostituto, mi aspettavo di più, ha dato di meno, ha le sue colpe, cambiamo, non ci sono problemi. Ma se viene Mourinho e i giocatori sono questi, demotivati, sgonfi, senza palle né dignità né coraggio i risultati saranno simili, di poco meglio o di poco peggio. 

    RispondiElimina
  20. Chiarificatore1 aprile 2012 21:00

    Ti ho anticipato nella tua decisione, Colonnello, di un decina di giorni. Quanto al revival di un mio post nel sitone, lo riscriverei fino all’ultima lettera, quindi che dire, visto che di questi tempi non ho voglia di farlo, mi hanno risparmiato la fatica. Eh eh eh.

    RispondiElimina
  21. Questo sfascio produceqnche una guerra di siti: è davvero allucinante...

    RispondiElimina
  22. Volevo aggiungere che da qualche mese giochiamo nettamente meglio fuori casa che al Franchi, segno che l'ambiente e il condizionamento su questi fragili giocatori si sta rivelando determinante. Fino ad ora eravamo con un cuscinetto di sicurezza grazie alle prestazioni tra le mura amiche, ora queste mura sono la nostra prigione.... Manca concentrazione, gamba e organizzazione. Errore per errore, vale la pena rischiare qualche giovane come Nasta. Il fragile Amauri è troppo solo. Jovetic è comprensibilmente in flessione, dopo una buona prima parte dell'anno. Chievo crocevia all'andata e al ritorno. Sabato tutti ci danno per agnello sacrificale, avessimo almeno un po' di grinta non partirei sconfitto. Visti quelli di oggi, tremo al pensiero.

    RispondiElimina
  23. TOCCA L'ALBICOCCA1 aprile 2012 21:57

    Te trovalo pure ridicolo,Leo,ma siccome ne avevamo discusso proprio alla vigilia di questa
    partita di do la mia opinione su cosa trovo ridicolo io.
    Trovo ridicolo che un bischero qualsiasi come me uno dei due centrali oggi in campo non lo avrebbe messo e guarda caso,proprio centralmente,siamo stati infilati molte altre volte
    prima e dopo la frittata di Natali.
    Trovo ridicolo che ci si affidi ai luoghi comuni come quello dei veterani migliori dei giovani per giocare queste partite,specie poi quando queste partite le perdi comunque e sempre per errori marchiani sia dei singoli sia di piazzamento proprio di questi veterani.
    Trovo ridicolo che Natali parli in settimana di futuro proprio lui che non ne farà parte di sicuro e trovo ridicolo che Behrami dia giudizi che non gli competono.
    Invece entrambi ci hanno voluto rendere partecipi di qualcosa che non atteneva alla
    partita che ci apprestavamo a giocare,dimenticandosi che il loro cervello è già tanto
    se si riesce a focalizzare su una cosa alla volta.
    Zitti devono stare e concentrati solo ed esclusivamente su quello per cui vengono pagati,
    il resto,ripeto, non è di loro competenza.

    RispondiElimina
  24. Chiarificatore1 aprile 2012 22:04

    Non c’è alcuna guerra tra i siti, Orcio, nel sitone ci sono alcuni utenti disfattisti che, utilizzando il sitone per moltiplicarsi artificiosamente con i cloni, lo rendono nello stesso tempo inospitale per chi vuole ragionare con serietà su quanto sta capitando alla Fiorentina. Tra gli altri in buona fede c’è nervosismo, ma in un momento come questo è più che comprensibile, sarebbe strano che non ci fosse, e poi con questi altri, che poi sono la stragrande maggioranza, si riuscirebbe a ragionare. Sulla redazione non so che dire, forse stanno cercando di fare qualcosa, ma il caso Pollock dimostra la loro sprovvedutezza nel  sapere cosa censurare e cosa no.

    RispondiElimina
  25. Chiarificatore1 aprile 2012 22:20

    Aggiungo, Orcio,  che questi disfattisti, così come disturbano in vario modo  chi vuol discutere seriamente nel sitone, nello stesso modo sembrano infastiditi dal fatto che in questo blog si discute seriamente e serenamente. Ma questo è un problema loro.  

    RispondiElimina
  26. Chiarificatore1 aprile 2012 22:27

    Pensandoci bene ,Tocca, su Berhami ti devo dar ragione. Quella sua sortita, per quanto non abbia rivelato alcunché di nuovo e manifestato in lui un carattere risoluto anche fuori dal campo, non è stata una gran cosa.

    RispondiElimina
  27. Io non ci combatto più, gli ho lanciato un obice contro il dodicesimo uomo e non vo nemmeno a leggere gli insulti che non mancheranno. Posso stare a perdere il mio tempo con un mentecatto che si moltiplica per cinquanta o con qualche altro sfigato cronico? Peccato perchè anche lì alcuni con cui vale la pena di parlare sono rimasti. Speriamo che si accorgano presto di questo luogo (loro e non quegli altri). Comunque le incazzature non mi mancano nemmeno in TS che ho ribazzicato oggi dopo lunga assenza. Che banda di rincitrulliti anche lì!

    RispondiElimina
  28. Tocca e Don, che Nastasic sia il meglio fico del bigoncio penso lo sappiano bene, anche Delio Rossi. Che però si sia affidato allo spogliatoio è abbastanza evidente, credo non sappia più che pesci pigliare. Però se i due centrali li lasci soli nella prateria si trovan male, di più se son lenti di piede o di pensiero, ma anche in ogni modo. Non si sarebbe trovato bene nemmeno Nastasic in una situazione tattica come quella odierna perchè il Chievo, se lo lasci giocare come gli piace e come gli riesce meglio, è clientaccio per parecchi, ha fatto anche 1-1 con la Juve a Torino nemmen tanto tempo fa. 

    RispondiElimina
  29. Max se quegli errori li avessero fatti due ragazzini vedremmo un futuro ancora più grigio di quanto non sia oggi. A posteriori avremmo voluto in campo i ragazzi visto che i "veterani" hanno toppato ma in caso di risultato identico avresti manifestato la stessa amarezza e delusione che hai adesso ?! Ogni partita fa storia a se e non ci sono riprove, al posto di Rossi avrei fatto le stesse scelte, non è adesso il momento di affidarsi all'inesperienza e alla giovane età. Mancano poche partite, se devo inseguire qualcuno in viale dei Mille è meglio che sia un brodo poco più giovane di me e non un ragazzino, oltretutto non lo piglierei neanche. 
    Oggi anche un punto poteva andare bene e se ci salveremo non sarà per nostra "bravura" ma perché quelle dietro sono anche più scarse della Fiorentina attuale. Domenica con il Milan son dolori ma questo era messo in preventivo da mesi, è questa battuta d'arresto in casa coi clivensi che non era preventivata da nessuno. A questo punto possiamo davvero  iniziare a provare qualche brivido. Serio. 

    RispondiElimina
  30. TOCCA L'ALBICOCCA1 aprile 2012 23:57

    Allora la pianto lì,se voi pensate che questo sia il massimo che questo allenatore può fare,cioè affidarsi a chi il prossimo anno se ne andrà,si può anche fare festa e cominciare
    a sperare nel calcioscommesse,ammesso e non concesso che nessuno dei nostri cervelloni vi sia implicato.
    Del resto è dall'inizio dell'anno che sostengo che c'è un gruppo di "prigionieri" capeggiati da Montolivo che ci avrebbe condotto alla rovina,mi avete preso per bischero rispondendomi che sarebbero stati proprio loro che ci avrebbero salvato e che non ne potevamo farne a meno.
    Quando vi accorgerete che loro sono i principali responsabili e che senza peggio non si
    poteva fare,sarà sempre troppo tardi,del resto se dopo 30 partite indegne di Montolivo,
    un rigore a bischero contro il Lecce e l'errore oggi di Natali,più la minchiata di Gamberini a Catania(tanto per citarne solo alcuni) ancora oggi li considerate,al pari di Rossi,degli
    intoccabili non so proprio cosa possa farvi cambiare idea...

    RispondiElimina
  31. Max ti sei già costruito tutta una serie di convinzioni che non provo nemmeno a discutere. La pensi così e rispetto il tuo pensiero pur non condividendolo. A me della caccia al colpevole di turno è venuto a noia. Prima era Prandelli il problema, con le macerie, la ricostruzione etc.etc. poi è diventato Mihajlovic, brodo come pochi, prima osannato e poi chiesta la testa a gran voce anche dal Don e dal Chiari. Evviva la coerenza! Oggi è Rossi il problema. Potrei fare come loro e dire che Mihajlovic ha lasciato un bel cumulo di macerie e con lui avremmo fatto lo stesso di adesso, se non peggio, ma preferisco sorvolare. Così come sorvolo che la "gran" difesa di Mihajlovic era imperniata su Gamberini e Natali, la "sua" coppia titolare e che oggi, gli stessi, vengono visti come la peste & il diavolo insieme.
    Capisco lo scoramento, la rabbia, la delusione, la volontà di voler difendere certe affermazioni/previsioni fatte, in buona fede, in certi momenti della stagione (il 7 alla campagna acquisti ah ah ah ah) o l'avvento di mister Delio (ero uno fra quelli) MA adesso bisogna resettare tutto. Siamo nella cacca fino al collo perché dopo la partita di oggi non dipende più da noi. La squadra vale davvero dal decimo all'ottavo posto ma rende come una da retrocessione e fare liste di colpevoli in questo momento non serve a niente. E' tempo perso. Nel calderone ci butto tutti, capito Max ?! Tutti. E m'importa una sega di chi scende in campo. E' dai tempi di Baggio che non contesto ma mi sta tornando la voglia ed ho già detto tutto(non che importi a qualcuno, eh ?!). Non vedo l'ora sia Giugno, non vedo l'ora, a salvezza raggiunta, di assistere a questa benedetta ricostruzione, di vedere questo fantomatico autofinanziamento, di ascoltare quali saranno i proclami per il prossimo anno. Quegli degli ultimi due li ritengo, oggi a maggior ragione, delle autentiche provocazioni. Non capire di calcio non è una vergogna, approfittarsene no, a tutto c'è un limite. 

    RispondiElimina
  32. Chiarificatore2 aprile 2012 06:44

    Io non riesco a capire dove tu veda l’incoerenza Leo. Se c’è è  tra le aspettative che crea un  tecnico ed i risultati che ottiene. Sinisa l’ho accolto fiducioso, ha iniziato a deludermi subito ( l’archivio del sitone è lì a dimostrarlo) grossomodo per gli stessi motivi per i quali mi sta  deludendo Rossi, che a sua volta avevo accolto in modo ancora più fiducioso.

    RispondiElimina
  33.  Leo in parte sono d'accordo con te, quando scrivi che con questi giocatori neppure Mourinho tirerebbe fuori qualcosa di buono sono al 100% con te, a maggior ragione dico che la sostituzione di Sinisa con Delio è stata devastante. Sono meno d'accordo quando sostieni che gli errori dei singoli non c'entrano con le scelte di Delio. Già ieri ti avevo posto una domanda alla quale mi sembra tu non abbia risposto e cioè ricordi queste cavolate madornali fatte dai nostri difensori prima che arrivasse Delio? E perché questo? Come ha scritto giustamente il Colonnello con l'arrivo di Delio i nostri difensori sono stati sempre meno sicuri di se e sempre meno sicuri di una fase difensiva che li mette fin troppo alla mercé degli attaccanti avversari e la non sicurezza di se (e la non fiducia verso il sistema di gioco del mister) porta a commettere errori su errori.
    Orcio anche con Sinisa quando eravamo al Franchi sembrava di essere in trasferta, non dimentichiamolo.
    Concordo con Tocca quando dice che questi “giocatori” non hanno bisogno di altri imput che non siano “domenica prossima si gioca con......”. Questi dovrebbero essere gli unici dati che le loro menti dovrebbero elaborare, senza aggiungere niente altro. Ripensando quindi alle parole di Behrami, nonostante mi trovi d'accordo con lui, dico che come uscita se la sarebbe potuta pure risparmiare.

    RispondiElimina
  34. Guarda, Leo, io avevo dato 7 alla campagna acquisti/cessioni estiva ma mi son bastati 2 mesi per capire che avevo preso una cantonata clamorosa. Sappi però che c'è ancora chi pensa che questa sia una squadra da Europa League e che solo x colpa di Sinisa, l'Europa League, non è stata raggiunta.
    Comunque, Chiari, se eri fiducioso in Sinisa e dopo poco ti ha deluso ed eri fiducioso in Delio e dopo poco ti ha deluso magari la delusione non è da imputare ai 2 tecnici ma ai giocatori, no?

    RispondiElimina
  35. Leo, condivido tutto del tuo ultimo post. Aggiungo: Rossi ha detto, più o meno testualmente: "per vincere le partite non bastano i buoni giocatori, ci vogliono anche gli uomini". Ecco mi sembra che noi siamo carenti sia di buoni giocatori, sia di uomini. Indipendentemente dall'età. Jordan, è sacrosanto quello che dici sulla protezione di una difesa composta da giocatori lenti, ma se l'attacco facesse (avesse fatto) qualche gol... Nelle condizioni attuali, a mio modesto avviso, si dovrebbe soltanto pensare, umilmente, a "fare catenaccio". Il Chievo si è dimostrato nettamente "più squadra" di noi: corsa, raddoppi, pressing altissimo, Paloschi e Pellissier hanno fatto un lavoro mostruoso. Ma quando Rossi provò a chiedere a Jovetic di pressare il portatore di palla (come Cavani, ma anche come Rooney, aggiungo io), subito lo si è accusato di "straparlare", di "perdere", così, il giocatore...E già, l'allenatore. Importante,certo. Non decisivo. Ci si aggrappa a tutto: agli oroscopi, al Dr. Di Bella, al mago Otelma, a chi suggerisce i numeri al lotto...

    RispondiElimina
  36. Chiarificatore2 aprile 2012 08:45

    Deep,  io ho scritto qui la mia personale graduatoria delle responsabilità dei sei soggetti coinvolti dove ho messo in testa a tutti i calciatori, quindi con me sfondi una porta aperta. C’è una rosa a Firenze che anche se la allenassi io dovrebbe garantire almeno il centro classifica. Detto ciò, caro Franco, una loro responsabilità non marginale ce l’hanno anche i tecnici ( che ho messo al terzo posto, dopo i tifosi) che si sono avvicendati, a partire dall’ultimo Prandelli ( definizione molto precisa, sia  dal punto di vista temporale che tecnico,anche se Ludwig nel sitone adesso ci dice che non vuol dire nulla, evidentemente s’è dimenticato di quei suoi ultimi mesi da incubo). E quale responsabilità abbiano i tecnici dal mio punto di vista l’ho detto: il non aver saputo dare una NUOVA IDENTITA’ alla Fiorentina del dopo Prandelli, non essere stati capaci di cambiare le gerarchie nello spogliatoio, l’aver ridotto la Fiorentina a doversi affidare, dopo due anni e rotti, ancora ai veterani, l’aver emarginato,  mortificato, non valorizzato risorse tecniche alternative molto promettenti che avevamo ed abbiamo in casa, per rifugiarsi e piegarsi alle logiche storiche e conservative dello spogliatoio, in sostanza a gente che, come ci ricorda Tocca, tra poche settimane se ne andrà. Certo oggi è dura, non si può fare in pochi giorni quello che non s’è fatto in due anni, però la formazione alternativa che ho proposto ad esempio, secondo me molto più convincente sia per l'oggi che in prospettiva futura,la si poteva gradatamente provare e costruire con coraggio, continuità  e determinazione, nel corso del tempo.

    RispondiElimina
  37. Non è più un problema di formazione o di valore di uomini, non è più una questione tecnica, non lo è più da un bel pezzo. Questa è una squadra lasciata a se stessa da tempo. Il valore dell'organico, se ben motivato, può portarti a ben altre situazioni di classifica. Se non motivato dovrebbe avere, oggi, 38-39 punti per un valore tecnico "minimo" sulla carta che non è certo inferiore a chi ci precede, e che avrebbe potuto raggiungere anche in regime di autogestione. Se ne abbiamo 33 un motivo c'è. Manca una proprietà, c'è stato un DS inviso a molti, per parecchi mesi, e che non ha fatto neanche bene il suo lavoro inimicandosi parecchi giocatori; si è mai visto 6-7 giocatori che si svincolano in due anni in una squadra di serie A ?! Si sono succeduti due allenatori che non ne vengono a capo. Il primo per inesperienza e insipienza (a mio avviso), il secondo (che avrebbe entrambe, sempre a mio avviso) sta facendo pure peggio. Ed ancora si scrive dei singoli.......Adesso, visto che non sei capace di fare i 3 punti della vita in casa con il Chievo, bisogna vedere quello che fa l'unica inseguitrice, il Lecce. Per questo motivo ho asserito che non dipende più da noi. Ieri è scesa in campo la squadra migliore, e l'esperienza e la motivazione doveva essere automatica, un obbligo anche da parte di chi se ne va. Montolivo è stato il migliore in campo se non ve ne siete accorti e viene meno anche la questione complotti o gruppi divisi all'interno dello spogliatoio o capeggiati da chissà chi. Non sono giocatori abituati a certe situazioni, non hanno palle, né orgoglio né dignità. A parole si mangiano tavoli e sedie, nei fatti, se un topolino s'incazza con loro, prima li annichilisce e se si vuol levare lo sfizio, li schiaccia pure. 

    RispondiElimina
  38. Non sono d'accordo sull'insipienza di Mihajlovic, Leo. Prima di noi aveva curato la fase difensiva dell'Inter di Mancini con ottimi risultati, aveva allenato il Bologna con poca fortuna (ma la squadra era oggettivamente penosa) e aveva allenato il Catania facendogli raggiungere il record di punti in serie A (certo, Montella l'ha battuto ma Sinisa li aveva presi a campionato in corso) e facendogli battere l'Inter di Mourinho, la Juventus a Torino e la Fiorentina di Prandelli. Se poi quello che l'ha seguito in viola ha fatto peggio vuol dire che tante colpe che gli sono state date effettivamente non ce le aveva, no?

    RispondiElimina
  39. A Catania fanno tutti bene Deep, c'è da chiedersi il perché. A Bologna lo hanno capito in tempo dove era il suo posto, lontano dal campo. Mancini è tre categorie sopra a Miha, inutile pensare che contasse qualcosa. A Firenze ci abbiamo messo un po' prima di accorgercene, poco male. Magari diventerà pure bravo Deep, ancora c'è tempo e deve ancora fare una stagione davvero buona, non due o tre, una. 

    RispondiElimina
  40. Due centraloni, uno di lento pede, l'altro essenzialmente valido (era) in marcatura ma che ha bisogno della bussola per spostarsi, si trovano in difficoltà se non protetti adeguatamente dai compagni, soprattutto se gli avversari son piccoli, sguscianti e sanno attaccare gli spazi. Lasciato nel mezzo al posto di Gamberini (che gioca però a destra) anche Nastasic si sarebbe trovato in difficoltà se non fosse cambiato altro. Il fatto è che contro una squadra come il Chievo non si può giocare così lunghi. Il Chievo ha pareggiato anche a Torino con quella Juve che ce ne ha dati cinque, non è clientino facile se giochi come vuole lui e gli permetti le ripartenze. Nastasic lo sanno che è il meglio figo del bigoncio, penso che non lo vogliano rovinare costringendolo a "impossible missions"

    RispondiElimina
  41. Solito post partito il giorno dopo. Se ripeto i concetti non è perchè sono vecchio e rincoglionito ma per colpa dei tornelli.

    RispondiElimina
  42. Chiarificatore2 aprile 2012 19:37

    Scusa il ritardo con cui te lo dico, Franco, ma ti ho risposto sotto l'editoriale di oggi, dove si discutono gli stessi argomenti.

    RispondiElimina