.

.

domenica 22 aprile 2012

Vincere è norma edwigente


Una bene e una male significa che oggi sta a quella bene, poggio e buca fa pari come Poggi e buchi sarebbe invece un bel Cansino, e potrebbero essere proprio loro, la Daniela e la Tini, i fondo schiena propiziatori per mostrare forse definitivamente la schiena al fondo della classifica. A pensarci bene però oggi è parecchio dura, perché sembriamo davvero nel cosiddetto vicolo cieco, visto che per vedere una qualche vittoria insperata ci siamo giocati già parecchi jolly, e per riuscire a vedere qualcosa in un vicolo cieco ci vorrebbero dei begli occhiali spessi come culi di bicchiere o di Cassini appunto, o inserire nella forassite che ospita il nostro impianto di gioco, anche una bella Guida che ci porti alla Gloria di un'altra vittoria di prestigio. Già dato però, e mi sembra che la Poggi e la Cansino non siano sufficienti per ritirare su gli attributi di una squadra senza punte, testa e testosterone, l'unico e ultimo disperato tentativo che ci è rimasto, non è tanto quello di far scendere in campo Cerci, cioè anche quello, ma solo se coadiuvato dal bagno purificatore dalla sfiga della vera regina, anzi dalla doccia che ci permette così di ammirarla in tutto il suo splendore, quando ancora cioè Montezemolo pensava a lei e non a Italo. Si sa il mondo cambia, le mode pure e i gusti non se ne parla nemmeno, a me piace ricordarla così, sperando che Cerci faccia il Pierino e che a Montolivo gli si drizzi almeno il tiro e trovi finalmente la porta, smettendo una buona volta di stare lì sempre a guardare il gol dal buco della serratura. E' vero anche che con lei sarebbe più adatto un Semioli invece di un Cerci, perché con Pippo Franco c'è sempre stata una certa affinità in scena, però anche Alessio ha una buona dose di faccia a culo e chissà mai, ma sì, facciamoci pure questo bel film in tutti i sensi, doppi sensi compresi, e compresa anche la vittoria, che più è difficile e meglio sarà visto che la strada per la salvezza è ancora lunga proprio come la coscia di Giovannona, e allora è bene che la fantasia corra, vada pure lì, alla coscia e alla vittoria, e vista l'ora non si butterebbe via neanche Vittoria Mezzogiorno. Vogliamo una squadra senza tante seghe mentali, per quelle abbiamo già abbondantemente dato, perché i tre punti sarebbero davvero Vitali al netto da Alvaro sempre pronto a sbirciare da tutti i buchi possibili, e non vorremmo mai che poi risultasse un osservatore di Stramaccioni mandato a spiare gli schemi di Delio, e non più i fondoschemi da Dio come faceva una volta. Ma poi non c'è neanche tutto questo gran tempo di fare tanti scongiuri che è già comincia la partita, e infatti non so nemmeno perché scrivo, e così non vorrei aver bruciato l'Edwige, ma alla Fenech non abbiamo più niente da perdere e quindi è bene tentarle tutte, c'è un solo grande problema, perché se davvero la dovessimo vincere e qualcuno pensasse di riconoscere un qualche merito propiziatorio a questa deriva pecoreccia del blog, il problema sarebbe per il post successivo, perché bene o male ce le siamo giocate quasi tutte, forse c'è rimasta la Giorgi ma lì il problema sarebbe quel Bruno che potrebbe innescare la commedia degli equivoci, e a ricordare la sua esperienza sulla panchina Viola anche quella degli orrori, e poi quella Lory Del Santo che però sarebbe un richiamo troppo forte a Prandelli. Potremo fare un salto nel presente, abbandonare le nostalgie adolescenziali, e sostituire una coppia datata come quella Montezemolo-Fenech proponendo la freschezza di quella attualissima Montolivo-De Pin, così prima della partita con la Roma vi schiaffo una bella foto di Celeste sotto la doccia. 

60 commenti:

  1. Ci dice merda. Un punto lo avrei firmato prima del match ma il rigore andava segnato. Liajc deve capire che per diventare un grande giocatore, in una stagione come questa, in questa partita ed a quel punto del match un rigore deve essere insaccato. Peccato ha giocato bene, l'unica macchia. Incredibile ma vero: con un attaccante di ruolo l'avremmo vinta oggi.
    Assurdo averne uno solo in rosa, e neanche al top.

    RispondiElimina
  2. Pigliala dal lato pieno della bottiglia, Leo. La squadra è viva, lotta, è ben registrata dietro. Purtroppo si allunga la lista dei punti regalati, da Catania ad oggi siamo già a otto che sono ben di più del miracolo da tre punti di Milano.

    RispondiElimina
  3. Chiarificatore22 aprile 2012 16:21

    Molto rammarico per l’occasione persa col calcio di rigore, è vero Leo e Jordan, ma nonostante ciò la prestazione è stata molto positiva ed incoraggiante per quanto riguarda le restante parte di campionato. Io ho visto un Lijajc che ha solo bisogno che si creda in lui facendolo crescere, senza metterlo sempre sotto pressione durante la partita, e sul banco degli imputati alla prima occasione, e se non ho capito male la curva Fiesole la pensa come me, poi ho visto due centrali difensivi  giovanissimi e monumentali , Cerci e Karjia impressionanti e che da qui a fine campionato io non toglierei più dall’undici di partenza.

    RispondiElimina
  4. Pollock, visto il silente mortorio  [ridondanza?] che è diventato l'Artemio oggi, proporrei in curva Jenny Tamburi.

    RispondiElimina
  5. Chiari, la difesa a tre potrebbe essere una soluzione anche per l'anno prossimo [incrociando le dita per la A...], permettendoci di far giocare contemporaneamente Camporese e Nastasic, che titolari in una difesa a due rappresenterebbero un azzardo forse ancora troppo grosso, per un'intera stagione. Con un Natali deluxe, ovvero un centrale guida esperto ma non vecchio, e soprattutto capace anche di giocare a calcio [Geromel?], potremmo creare un "fortino" niente male.  Da scegliere con cura, poi, i due treni di fascia.

    RispondiElimina
  6. Postilla: non credo che Rossi sia così scarso come lo dipingete. Non ho visto i giocatori allo sbando come col serbo, vedo una discreta organizzazione, impegno, pochi schemi è vero, ma con una squadra raffazzonata e con il morale sotto i tacchi (come spesso gli è capitato) siamo qui a fare la conta (come dice Jordan) dei punti mancanti, spesso figli di errori dei singoli e non della manovra corale. Se rimane o no lo sanno loro, non sarei certo disperato per una sua conferma. 

    RispondiElimina
  7. Il Bogio ci fa un torto, però non quanto Segnamai (meglio di Osvaldo, parola di CPM, e cioè Cretina Per Montolivo: ahahahahahahahahah!), il quale ci priva delle sue esilaranti comiche rimanendo imbronciato in panchina (dove avrebbe invece dovuto relegare Milito, sempre a dire di CPM: ri-ahahahahahahahahah!). Pagelle facili, oggi, le imbrocca anche Cecca: sei un po' avaro con Salifu, Deyna, però. Il Genoa nel merdone, coi nostri resti, Lecce indomito ma con Jojo e Amauri li battiamo anche in casa loro, se servirà. Gambero dovrebbe aver perso il posto, circa il Melenso speriamo che la prova del nove sia bastata, dinamometro e risultati s'impennano senza di lui, ma la lobby è potente. Quanto ci sarà costata l'Atalanta! Capisco, Deyna, che ormai tu abbia paura anche dell'acqua fredda, si chiami pure Bonaventura... E Verratti, perno del Pescara zemaniana? Che me ne dici?

    RispondiElimina
  8. Chiarificatore22 aprile 2012 18:02

    Certo Deyna, tanto più che quest’anno in qualche modo s’è collaudato quel modulo difensivo centrale ( hai visto che bel vedere i due ragazzini non solo in copertura ma anche con la palla al piede?),   quanto ai  treni di fascia, se restassero  i cinque  in organico ( De Silvestri, Romulo, Cassani, Vargas, Pasqual), nella loro versione de luxe non saremmo messi così male. Certo se, come pare,  Vargas se ne andrà, a sinistra mi sentirei meno tranquillo.

    RispondiElimina
  9. Chiarificatore22 aprile 2012 18:10

    Bisogna riconoscere che il Genoa ha scritto una pagina nuova nella storia del calcio, una sceneggiata che manco a Napoli sanno fare di meglio. Eh,eh,eh,eh,eh,eh,eh.

    RispondiElimina
  10. Colonel, ormai devo fare delle scelte, e ho deciso che devo tralasciare serie B italiana e calcio francese e inglese [che invero non mi piacciono], se voglio continuare ad avere una parvenza di vita, al di fuori dell'hermitage. Quindi con gran dispiacere ho visto giocare solo due volte il Pescara della Zemanlandia, quindi Verratti [che in una delle due partite era peraltro assente...] non me la sento di giudicarlo. Posso dire solo che il talento c'è, anche se i piccoletti come lui o Insigne o sono veramente straordinari, o trovano difficoltà poi in serie A. Bonaventura invece mi piace molto, e non trascuro il fatto che abbia la benedizione di Antognoni. Chiari, una difesa a tre Camporese-Geromel [o anche Coates, Dedè, Rhodolfo...]-Nastasic mi farebbe dormire in una botte di ferro, come quel filosofo dell'antichità. Romulo-Vargas sugli esterni era una mia ipotesi di inizio stagione, ma la vedo fuori dai pensieri di Delio, credo saranno entrambi ceduti. E Cassani, De Silvestri e Pasqual, per diversi motivi, non mi danno sicurezze con quel modulo.

    RispondiElimina
  11. Romulo dovrebbe avere una chance con la Roma, per via della contemporanea assenza di Pasqual e di Vargas. Al posto di Cassani (oggi forse il peggiore dei nostri, prima del rigore di Ljajic) probabile il rientro di De Silvestri, motivato contro i giallozozzi. Davanti, proverei Jojo con Cerci in grande spolvero, Amauri subentrante se andiamo sotto o per vincerla nel finale (ma un pareggio sarebbe d'oro). Assolutamente ancora fuori le due zavorre che già oggi non c'erano. Valutare affaticamento di Lazzari, che oggi ha corso molto e fino all'ultimo: Salifu dentro, sennò, con Kharjà davanti a lui oppure rinnovata fiducia a Ljajic se il rigore sbagliato non lo smobilita.

    RispondiElimina
  12. Può sembrare prematuro dirlo ma  con Nastasic siamo di fronte ad una stella di sicuro avvenire .  Dopo aver segnato già due gol ed averne sfiorati diversi altri, di questo ragazzo deve essere ammirata la freddezza con la quale sfodera interventi di prim'ordine sia in difesa che in area avversaria. Se molti dicono che la squadra deve essere rifondata attorno a Jovetic, d'obbligo dovrebbero aggiungere anche Nastasic con tanto di lineetta di congiunzione.  Per me siamo di fronte ad un difensore che entrerà di diritto nel novero degli eletti all-time che hanno frequentato l'area bassa viola.  

    RispondiElimina
  13. Non è prematuro Attila, il ragazzo che ha stoffa lo si è capito da un pezzo, adesso la sta mostrando con costanza e a parte qualche inevitabile sbavatura alla quale assisteremo, data la giovane età, c'è solo da sperare che rimanga il più a lungo possibile. Camporese deve ancora dimostrare di essere fatto della stessa pasta, a occhio e croce ci siamo quasi, lo voglio vedere alla lunga prima di sbilanciarmi; di certo serve un compagno di reparto "anziano" che li cresca, non sono in grado di dirigere una difesa, e vorrei vedere, ma non gli manca niente per poterlo fare in futuro. Nastasic è già un pezzo in la. 

    RispondiElimina
  14. Caro Attila, ho creduto di rendergli omaggio, sul sitone, con una dettagliata analisi della sua prestazione, a mio avviso la migliore tra quelle dei nostri e, in assoluto, leggermente mostruosa. Ha da poco compiuto 19 anni, ha giocato quasi tutto il campionato da diciottenne, in contesto difficilissimo: non ricordo difensore, nel campionato italiano, che più giovane abbia mostrato simili qualità essendo titolare (Nesta esplode, con 25 presenze, nel '95-'96, con un anno in più, Franco Baresi appena pareggia Nasty) se si toglie Maldini, che lo avanza di un anno. In campo internazionale, Figueroa l'immenso, unico e irraggiungibile arriva a riconosciuta grandezza giusto alla sua età. Stop.

    RispondiElimina
  15. Non ho cominciato la litania che mi aspettavo e non le dò esca, tanto nelle vostre fissazioni non vi spostano neppure le cannonate e, se si fanno risultati, che giochi il marocchino o chi è meglio di lui me ne frega il giusto. Se porta bene che rimanga pure in panca il miglior centrocampista che abbiamo. Vengo più al serio e concordo con Attila, Nastasic è un '93 di super-lusso e concordo con Leo che Babbo Natali gli è però, oggi, indispensabile. Camporese è stato oggi su livelli simili, ma mi sembra ancora lontano dal serbo come
    continuità di rendimento. C'è anche da dire che il modulo odierno, molto protetto, li ha aiutati abbastanza. Comunque c'è da leccarsi le dita. Qualcosa di buono anche quest'anno di merda ed il panzone ce l'hanno pur portato.

    RispondiElimina
  16. Caro Leo, è inutile che ci provi, gli occhi x vedere le partite ce l'abbiamo tutti e tutti noi abbiamo visto un notevole cambiamento nel sistema di gioco di DR dalla partita col Milan in avanti e cioè: "primo non prenderle" il che era proprio quello che chiedevo io insieme all'allontanamento delle 2 zavorre (Gamberini e Montolivo). In effetti sono straconvinto che senza il Moscio avremmo visto ben altra gara anche contro il Palermo. Ora l'importante è non reinserirli più e il gioco è fatto. Boruc 6,5 sicuro; Camporese 7 come l'anno scorso; Natali 6,5 guida bene la difesa; Nastasic 7 mastino; Cassani 6 corre e copre; Kharja 6,5 senza Montolivo vale 10 volte di più; Behrami 7 mostruoso; Lazzari 6,5 vedi Kharja; Ljajic 5 bene per la prestazione ma il rigore......; Cerci 7 smagliante; Acosty e Salifu 6 aiutano; Montolivo e Gamberini 10 vi vogliamo così; Rossi 7 sembra aver capito l'antifona, bravo ma......lento!!!!
    Attila concordo con te, siamo di fronte ad un talento!!!

    RispondiElimina
  17. Il completo affossamento di Romulo anche se nelle pochissime occasioni dategli non ha fatto sfracelli, lo ritengo una delle colpe di Delio. Non è di facile utilizzo, ma se lo gasi e lo sciogli è un'arma letale, (per gli altri) ed io l'ho visto, soprattutto per quel gioco di rimessa che adesso stiamo finalmente facendo. Corre, aggredisce gli spazi, crossa, tira con buona tecnica, nel collettivo si perde e non dirgli di guardare la posizione perchè si blocca e non sa più cosa fare. Lo devi saper usare, ma se lo sai fare ti può essere utilissimo.

    RispondiElimina
  18. Beato te Deep Purple che tu hai trovato il colpevole! E' un grosso errore giudiziario, però, se si fa risultato, come ho già detto, a me va bene tutto.

    RispondiElimina
  19. Deep a te rimane nella mente la partita con il Milan perché i 3 punti presi erano inaspettati. Io segnali li ho visti già a Parma, a Catania, a Genova, vero che in mezzo a queste prestazioni ci sono anche batoste pesanti da mettere in conto ma è altrettanto vero che se su Sinisa non ci sono più molti dubbi, su Delio, da inizio campionato e con una squadra ad hoc allenata secondo i suoi dettami (centravanti permettendo!) avremmo visto un calcio differente. Fare bene nella Fiorentina di quest'anno era improbo per qualunque allenatore ti venga in mente e quando gli è stata consegnata con l'elettroencefalogramma piatto non era facile neppure salvarla. Magari non ci riuscirà, magari si, a fatica, ma il paragone che tu ed alcuni altri vi ostinate di fare fra i due proprio non regge. Le categorie vanno rispettate, ce ne sono almeno un paio fra i due. Se poi non si è capaci di vederle allora è un altro discorso. 

    RispondiElimina
  20. Io direi che, a conti molto fatti, la nostra stagione ha sofferto di tre tabi, una per reparto: una a carico degli allenatori a part entière, una in compartecipazione di essi con la Società, una a carico di Dirigenza e Corvino in comunella. Gambero ce l'hanno sull'anima Miha e Delio, Montolivo i due trainer e la Società («la farsa è finita!»: hai visto mai? E poi cessione di Romizi a gennaio), per il centravanti responsabilità alla Società che non ha voluto mollare Gilerino stracotto ad agosto (la soluzione migliore) e poi ha sopportato e permesso la farsa numero due, quella di Corvino con El Hamdaoui a gennaio (Amauri doveva essere riserva di lusso). Smerdate una squadra nel ruolo centrale di ognuno dei tre reparti e vedrete se non ve la giocate per la B anche con buona rosa.

    RispondiElimina
  21. Jordan...mi sembra di non essere neppure il solo!!!
    Leo, come puoi aver visto progressi a Parma, Catania e Genova se in mezzo ci sono state le batoste? Al massimo puoi dire che a Parma, Catania e Genova abbiamo giocato bene ma non che Delio avesse finalmente capito come far giocare la squadra x non perdere punti nella maniera in cui sono stati persi. Io continuo ad aver dubbi pure su Sinisa, tu dagli una squadra rinnovata nell'immediato dopo-Prandelli e sono convinto che avremmo visto tutta un altra storia. Se questo mi rende cieco di fronte alla grandissima statura tecnica di Delio non so che fare, di certo io non ti vengo a dire che sei un incompetente e gradirei lo stesso trattamento anche da parte tua.

    RispondiElimina
  22. Tutti i problemi si riportano ad uno solo, ma tu lo chiamavi Magic Raven. La gestione del caso Montolivo è tutta sua, una tragedia. La gestione di Romizi, idem, altra tragedia. Il regalo di D'Agostino, idem, nuovo bagno di sangue (soprattutto economico, ma anche tecnico). La gestione del centravanti addirittura comica nel finale con quell'accusa di "calcio burocrato" che deve aver fatto saltare il tappo anche a Diego, finalmente. Su Gamberini è l'unico punto nel quale non c'entra, anzi, ha portato quel Nastasic che noi tutti, giustamente, ora esaltiamo. Comunque la B ce la giochiamo anche perchè siamo polli ed un pochino scarognati. Quattro o cinque punti in più dovevamo averli, anche essendo quelli che siamo ed avendo giocato come abbiamo giocato.

    RispondiElimina
  23. Grandissima statura tecnica di Delio.......ci proverò Deep, più avanti, ma ci proverò.
    Don per una volta concordo con te su parecchi punti. Su Montolivo e Gamberini no, ma ognuno ha le sue fissazioni, io le mie, tu le tue. Io mi aggancio al saggio qui sotto, troppi troiai in una sola stagione che hanno rovinato un'abbata facendola diventare di sofferenza. A eupalla adesso credo anche io: esiste. 

    RispondiElimina
  24. Non colgo, Jordan, l'errore (e in solitudine, per di più) di Corvino in materia montoliviana: non lui aveva il potere di mandare in campo il Loffia, dove tanti guasti ha fatto. Il centrocampo, senza di lui, corre di più, trova migliori equilibri interni, fa viaggiare più rapidamente il pallone. Delio, a differenza di Miha, ci è infine arrivato: speriamo che ci rimanga. Ma Domenico da Roma, tempo fa, illustrò magistralmente i freni di lobby a dar continuità alla sua benefica assenza.

    RispondiElimina
  25. "un abbata" scusate.....un annata. 

    RispondiElimina
  26. Per Delio posso solo ripetere che è un allenatore che ha dimostrato nel passato qualità indubbie che a Firenze abbiamo intravisto a sprazzi, come il sole in questi giorni. Lo giudico potenzialmente migliore di Miha ma se i due allievi presentano entrambi un compitazzo non posso assegnare buon voto a uno dei due, a differenza dell'altro, solo «perché è lui».

    RispondiElimina
  27. Tu sai benissimo che codesta tua teoria che Montolivo sia deleterio per la manovra viola non la condivido nemmeno in parte, quindi non a quello mi riferivo, al farlo giocare o meno, perchè queste scelte spero siano responsabilità dei tecnici e solo di loro. Mi riferivo invece alla gestione del caso fatta in maniera assurda, umorale e cogliona. Un giocatore come Montolivo che ha un ottimo valore di mercato, se non ci vuole stare lo vendi, con le buone o con le cattive, quando hai tu il coltello dalla parte del manico e non quando l'ha lui. Se invece di Kharja o Olivera o Salifu, l'alternativa fosse stata oggi, ad esempio, un Hernanes (comprato dalla Lazio per 9 milioni due anni fa), o simili, comprato con il ricavato dalla vendita, non ci sarebbe stato tutto questo putiferio per far giocare un atleta dimezzato e sputtanato di fronte al pubblico.

    RispondiElimina
  28. Deep non è sempre il numero che fa la ragione. Anche contro Sinisa erano in tanti. In genere le fissazioni sono contagiose.

    RispondiElimina
  29. Montolivo ha fatto flanella contrattuale imparabile, onde il solo mezzo per fargli venir saggezza era escluderlo lotitianamente dalla squadra (e lì emergono le responsabilità societarie), con danno minimo peraltro. Il tanto spregiato Kharjà (quest'anno menomato da infortuni e da follia ferroviaria, la quale ultima dimostra una volta di più quanto tiri un pelo di fica) nonché quel ragazzo nero (e aggiungo Lazzari, che due allenatori hanno giustamente difeso, questo sì, contro la Beozia fiorentina) hanno dimostrato di fare reparto, e miglior reparto, con l'immenso Valon, senza di lui. Certo, con Hernanes si stava anche meglio, ma basta poco per star meglio senza Mortimer.

    RispondiElimina
  30. Che Kharja e Lazzari valgano anche una suola di Montolivo è opinione alquanto opinabile, e nemmeno poco. Non ho mai capito il giochino dei paragoni quando non hanno ragione di esistere. I due rimarranno alla Fiorentina o hanno mercato per squadre tipo Lazio e Udinese, l'altro giocherà nel Milan ed ha mercato per Arsenal e Bayern, o che son tutti stupidi gli allenatori ?! 

    RispondiElimina
  31. Chiarificatore22 aprile 2012 21:44

    Notizie incredibili, la prima però prevedibile : 1) Appena espulso il portiere della Roma per un fallo da ultimo uomo e  da  rigore meno evidente di quello su Lazzari. 2)Ha ragione Violadispagna Colonnello, ho trovato un bellissimo video, dell'Istituto Luce sul sito Cubovision, di 8 minuti della partita Italia-Inghilterra del 1952 giocata al Comunale di Firenze, risultato 1-1, c’erano 90.000 spettatori, incredibile ma vero.

    RispondiElimina
  32. Intanto esonerato Malesani, e arriva De Canio. Io vi darei Preziosi care merde, bona!!!!

    RispondiElimina
  33. O perchè tu vuoi litigare? Paragonare Salifu, Kharja e Lazzari, come valori tecnici di giocatori di calcio, a Montolivo, a me mi fa veni' le bolle e ti dovrei risponde' male. Mi censuro e mi trattengo sapendoti un amante del paradosso. Montolivo non era da lasciare in tribuna quando ormai era troppo tardi,  per fare come quello che se lo tagliava per far dispetto alla moglie, ma, caso mai, prima per indurlo a più miti consigli che erano firmare un prolugamento con clausola rescissoria per una cessione futura o condordare una cessione
    immediata. Non è stato fatto, anzi si è creato ad arte (complice quell'altra volpe dello Gnigni) un clima da fucilazione alla schiena che ha solo danneggiato i rapporti di gruppo ed il rendimento in campo. A castrarsi si sarebbe sentito meno male. Roba da dilettanti allo sbaraglio.

    RispondiElimina
  34. Chiari, i dati ufficiali riconosciuti sono quelli che ho riportato, a quell'epoca si poteva raccontare proprio quel che si voleva. Che Montolivo abbia potenzialità superiori a quelle di Kharjà nessun dubbio, che lo vogliano all'estero lo raccontano i suoi procuratori, che lo prenda il Milan a costo zero non dev'esser per lui cos' esaltante, che le grandi squadre non toppino mai gli acquisti di ventisettenni e passa è un dogma, infine che senza Montolivo la squadra abbia fatto meglio e contro due grandi squadre per giunta è indubitabile. Insomma, starei al dato empirico ed eviterei di ritrovarmi in B per amor di uno stop elegante e di una veronica in disimpegno.

    RispondiElimina
  35. «Cosa esaltante», naturalmente. Chiari, la Roma gioca contro la Juve, dunque l'espulsione era di rigore, se mi si concede il bisticcio. A noi era già grassa che un arbitro palesemente ostile fischiasse il penalty, figùrati se butta fuori Julio Cesar.

    RispondiElimina
  36. Don caro, Montolivo la differenza l'ha fatta in champions con Liverpool e Bayern, magari non le hai viste. Che Wenger e Van Gaal abbiano chiesto lumi sul suo cartellino è storia documentata. non credo sia stato per le veroniche o lo stop. Poi ognuno la vede come vuole ma non stravolgiamo i fatti please. 

    RispondiElimina
  37. Batjuska, ma immagina se voglio litigare io, e per un ragazzotto col cervello di un colibrì, poi! Nel penultimo mio post c'è tutto quel che posso dirti sul merito, di galileiano. Sul «prima» vorrei intenderti meglio: per me fin dall'inizio della stagione, così da poterlo vendere per qualche danaruzzo a gennaio. Nell'estate del 2010, invece, la Proprietà, impaurita già dall'avere silurato Prandelli, con conseguente avvelenamento del clima, non aveva voluto cedere i cinque più o men disutili elefanti (dinanzi all'ipotesi già si arrotavano i coltelli, presso la tifoseria decerebrata, ululando «Dismissione!»), con calcolo calamitoso, come gli eventi successivi hanno provato. Vendere con profitto per il Magic è sempre stato pane quotidiano, addirittura lo si rimproverava di attitudine maniacale in quel senso, figurarsi se non l'avrebbe venduto, il Mortimer, come avrebbe venduto il Cazzottatore Notturno a 20 milioni l'anno precedente e Gila e Buddha (un altro provetto ricattatore contrattuale, quest'ultimo). Solo su Vargas ha ingordamente traccheggiato e ne è stato castigato. Date mancia competente a quel valletto che ha portato la notizia di Preziosi. E un buffetto sulla guancia da parte mia, non dimenticate!

    RispondiElimina
  38. Chiarificatore22 aprile 2012 22:24

    Infatti Colonnello ho premesso che la prima notizia "incredibile" era anche prevedibile.

    RispondiElimina
  39.  Colonnello, sono d'accordo pressoché su tutto a proposito di Montolivo ma quando dici che finalmente Delio ha capito a differenza di Sinisa che il moscio non deve più giocare dimentichi un paio di cose: 1) quando c'era Sinisa, Kharja era sperduto nel Freccia Rossa e molto spesso infortunato; 2) c'erano ordini superiori che obbligavano Sinisa a schierarlo.
    Jordan, lo so che il numero non fa la ragione ma i fatti si e i fatti dimostrano incontrovertibilmente che senza il moscio sia Kharja che Lazzari rendono molto di più quindi perché continuare a darsi “schicchere” nelle palle schierandolo ancora?
    Leo, come vuoi, io ti aspetto....lo sai che ti voglio bene, eheheheh!!!

    RispondiElimina
  40. Chiarificatore23 aprile 2012 08:13

    Nel mentre che a Corvino si sta dando la colpa anche di quando a Firenze pioveva, a me piace rimarcare invece che  certe sue presunte malefatte come Kharjia e Lazzari non si stiano rivelando tali, e che Nastasic si sta rivelando un suo capolavoro al pari di Jovetic e di Berhami, e che altrettanti capolavori, quali  le miracolose cessioni del super stipendiato  portiere-tonno e del molto ben pagato Gilardino, portano la sua firma. Certo alla fine Corvino non sembrava più lui, logorato dalle difficoltà e dall’ambiente, ma  mi piace ringraziarlo oggi per quanto sopra ed in particolare, da genovese fiorentino anti-genoano quale sono, per questi due "regalini-ricordo" che ha rifilato a Preziosi, non potete immaginare quanto mi ci stia divertendo con i miei amici genoani. A proposito  stanno cercando il nuovo Merola per la colonna sonora di quanto è successo ieri sul terreno di Marassi. Eh,eh,eh,eh,eh.

    RispondiElimina
  41. Chiarificatore23 aprile 2012 08:28

    Oggi,non so perché, in fondo siamo ancora nella merda, ma sono di buon umore e voglio anche io spezzare una lancia  a favore di Rossi. Raramente ho visto una squadra così spietata sulle ripartenze come la Juventus, la Roma, anche in 11 contro 11, ha dimostrato che contro questi gobbi si possono prendere tanti gol, tanti più se ti vanno in vantaggio subito. Deyna, hai visto come fanno funzionare bene ed a tutto campo il 3-5-2?

    RispondiElimina
  42. Chiarificatore23 aprile 2012 09:02

    Ah dimenticavo! Sempre a proposito di buon umore ( e di Corvino), tra le presunte malefatte di Corvino che rischiano di rivelarsi capolavori,  se continua così mi  sa che dovremo metterci anche Cerci. Concordo con chi dice che ieri ha disputato, pur senza segnare, in  assoluto la sua miglior partita in maglia viola. Mi ha impressionato non solo la velocità e la capacità di entrare con la palla anche in spazi stretti, quindi la sua adattabilità a qualsiasi modulo, ma quella palla che controllava sempre perfettamente e teneva incollata al piede in qualsiasi circostanza senza mia perderla, al contrario di quanto, tante volte, gli capitava in passato.

    RispondiElimina
  43. Chiari, Cerci è questo, luci (abbaglianti) e ombre (lunghe come quelle del tramonto).

    RispondiElimina
  44. Deep anche io te ne voglio. Chiari prima di inserire Lazzari e Kharja fra quelli del "buon rendimento" aspetterei.....Certo che vi bastano 6-7 partite per cambiare giudizio. Un mese e mezzo discreto a fronte di 6 dove il loro apporto è stato prossimo al nulla et voilà eccoli che tornano ad essere pezzi necessari o non affatto male. Capisco che ci si deve aggrappare a qualunque speranza per uscire da questo momento ma tremo al pensiero che diventino titolari inamovibili nel prossimo anno, significa che l'asticella delle ambizioni è scesa a picco. Tutto va bene purché non sia un'altra annata come questa, sto rivalutando l'anno precedente, noioso ed inutile alla morte, ma in quanto a sofferenza.....

    RispondiElimina
  45. Lazzari e Kharja hanno disputato un campionato aberrante [più il primo, che ha potuto giocare con continuità e senza problemi fisici]. Quando sono arrivati, li consideravo delle buone riserve, ma mi hanno deluso su tutti i fronti. Ora ad ogni modo, per motivi diversi, si stanno riprendendo, ed è giusto mandare in campo loro. Per la prossima stagione, però, orripilo a pensarli titolari, e tutto sommato ci penserei due volte anche a tenerli in rosa, visto che non sono nemmeno di primo pelo. Cerci merita un discorso diverso. Ha mezzi ancora in gran parte inesplorati, e con un bel po' di lavoro sulla testa, oltre che sulla tattica, potrebbe diventare un elemento importante, se non un titolare fisso. Come punta pura, però, come tornante di fascia non credo abbia l'umiltà per imparare a questo punto della carriera, né molta attitudine al contrasto e al sacrificio nella corsa. Se Delio [o chi per lui] troverà la maniera di sfruttarlo al massimo delle sue potenzialità, potremmo ritrovarci in casa un pezzo da novanta. Certo che le sue mattane  non lasciano tranquilli...

    RispondiElimina
  46. Chiarificatore23 aprile 2012 14:24

    Certo Leo, se hai la bontà di
    leggermi nel topic di oggi vedrai che ti ho anticipato, io non vedo né Kharjia né
    Lazzari titolari il prossimo anno, il secondo neppure nella rosa ( ma questa è
    una mia opinione), ciò non toglie che, da qualche partita ed in un momento che serve, i due si stiano
    guadagnando il pane e stiano dimostrando, il loro valore anche se non eccelso, ma anche di non essere esattamente una malefatta di Corvino, considerati i vincoli operativi.   

    RispondiElimina
  47. Il topic di oggi l'ho letto dopo, facevo riferimento a quello più sotto. Scusa Chiari. Deyna, ma và ?! D'accordo su tutto, anche su Cerci. Sapesse quanto vale e quello che sa fare, altro che pezzo da novanta. E' sempre il cerebro il suo problema, finché non lo esplora e lo ingrandisce sono problemi, allo stato attuale le dimensioni sono quelle di un pisello. Non il suo. eh eh eh eh eh Ha tecnica e corsa, fondamentali sconosciuti a tanti, io m'incazzo ogni volta che ne combina una. Se perde certi atteggiamenti e si mette in testa di valorizzarsi davvero è un mezzo fuoriclasse, se diventa pure umile, lo è in toto.

    RispondiElimina
  48. Deep che Kharja e Lazzari rendano di più senza Montolivo è un'altra idea tua che comprovi con un paio di partite. Come con un paio di partite giocate con una vis agonistica tutta diversa, perchè il culo finalmente frizza e per gli interventi dall'alto, fai i confronti tra la Fiorentina senza e con. Che si giochi meglio togliendo quelli che giocano meglio è una teoria che difficilmente mi farai recepire.

    RispondiElimina
  49. Cerci è una punta che raggiunge il suo "habitat" migliore nelle partite come quella di ieri quando è ispirato. Con questo gli ho posto tutti i limiti che ha di entrare in un organico in pianta stabile. Giocando come lui o sei Messi o spesso vai in panca. In una Fiorentina che finalmente gioca di rimessa può avere il suo ruolo, visto che è uno dei pochi, forse l'unico, che attacca gli spazi senza paura.

    RispondiElimina
  50. Chiari, ma Kharja e Lazzari guadagnano 800000-1000000 di euro vuoi che non siano in grado nemmeno di giocare qualche partita a livello di sufficienza? e questi me li chiami begli acquisti? A Corvino dò tutte le colpe che ha, le specifico una per una e non ne invento nessuna, forse qualcuna la tralascio, così come gli dò i meriti che ha avuto, soprattutto in passato. Ma Kharja, Munari, Lazzari, il Tanque, Olivera, metterli tra i meriti ci vuole della fantasia.

    RispondiElimina
  51. Chiarificatore23 aprile 2012 17:14

    Meriti? Begli acquisti? Chi ha
    mai usato questi termini riferiti a Kharjia e Lazzari, o altri che citi tu, Jordan? Meriti Corvino
    ne ha, begli e bellissimi acquisti ne ha fatti e molti, ma sono altri. Quanto
    ai due di cui sopra ho semplicemente detto che da qualche partita a questa parte
    si stanno guadagnando lo stipendio e che in fondo si stanno rendendo utili in
    una situazione difficilissima. Questo secondo me andrebbe  riconosciuto con onestà da parte di tutti.
    Quanto alla mia  opinione sul loro futuro
    ti rimando ad altri miei post di oggi. 

    RispondiElimina
  52. Ma Jordan, che Montolivo giochi bene è una tua opinione, quindi per me non c'è nessun problema a lasciarlo fuori e i risultati mi danno ragione, sia sul fatto che senza Montolivo si giochi meglio sia sul fatto che senza Montolivo, Kahrja e Lazzari, rendano di più. Questa è una mia opinione (e del Colonnello e di Deyna e di Tocca e mi scuseranno altri se litralascio) che ha lo stesso valore della tua.

    RispondiElimina
  53. Deep io penso che il valore dei giocatori non sia mutabile nel tempo. Con lui in campo si è raggiunto dei risultati (grazie anche agli altri per carità) che dai tempi del cotonato non erano più alla nostra portata. Parlo delle due champions (4 senza penalizzazioni) disputate di cui una ad alti livelli, con lui (e anche gli altri per carità) in campo. Sarebbe come dire che il Barcellona gioca meglio senza Messi (con tutte le riduzioni del caso) o che l'Argentina avrebbe vinto un mondiale in più se non ci fosse stato Maradona (con tutte le riduzioni del caso anche qui). Ciascun giocatore ha un valore che non è determinato dall'affezione dei tifosi verso di lui, né ai suoi procuratori, un valore che non muta come le stagioni e che rimane costante finché integre sono le caratteristiche del giocatore (ancora giovane, tecnica eccellente, senso della posizione, visione di gioco etc.etc.). Il grigiore di Montolivo in campo negli ultimi due anni ha provocato (non solo a causa sua) un 11° posto ed una lotta per la salvezza quest'anno, ma non perché sia scarso o sia diventato brocco, ma perché demotivato e con poco carattere. Questo non sposta di una virgola quello che è e rimane il suo valore in generale, elevato. Pensare che con Kharja e Lazzari, o chi vuoi, al suo posto, avremmo fatto meglio o stiamo facendo meglio non è un dato di fatto ma solo una tua opinione, in contrasto, molto in contrasto, con quella di allenatori che del calcio hanno fatto il loro lavoro. Parlo di Prandelli, Rossi, quel gran brocco di Sinisa, Allegri, insomma, il tuo dato di fatto è risibile rispetto la stima di cui gode verso chi di pallone ne mastica molto più di te e di me. 

    RispondiElimina
  54. Che tu abbia un'opinione diversa dalla mia è legittimo, che tu dica che i risultati ti danno ragione, meno. La Fiorentina ha vinto e ben giocato decine di partite con Montolivo e se ne ha vinte una senza non è che questo provi proprio niente. Non è che giochi meglio senza Montolivo, giochi con più concentrazione e più applicazione di squadra da tre partite a questa parte e chi va in campo ne trae vantaggio. Voi confondete la causa con l'effetto. Sul fatto che Kharja poi si possa pestare un po' i piedi con Montolivo si può anche discutere, giocano più o meno nelle stesso ruolo, ma che c'entra Lazzari proprio non lo so e nopn vedo grosse differenze di rendimento tra quando ha giocato con Montolivo (quasi sempre) e quando senza (un paio di partite).

    RispondiElimina
  55. Tre partite, Jordan? Col Palermo c'era lui e s'è visto.

    RispondiElimina
  56.  I risultati che abbiamo raggiunto nel recente passato, Leo, sono merito di tutti tranne che di Montolivo (se non in piccolissima parte), non voglio commentare i tuoi paragoni con Messi e Maradona, ti dico solo che avresti potuto scegliere altri giocatori e l'esempio sarebbe stato più calzante (che so, Ruggeri al posto di Maradona!!!). Sono d'accordo comunque che il suo grigiore sia dovuto alla mancanza di carattere ma se dici che la cosa è circoscritta agli ultimi 2 anni sbagli, almeno secondo me. Montolivo ha fatto un anno solo degno di nota, quello che portava ai mondiali sudafricani; sia prima che dopo (naturalmente il dopo è stato il peggio del peggio) non ha fatto altro che svolgere il suo compitino. Non ricordo bene quando parlavi della sua grande partita contro il Liverpool.......bene in quell'occasione a me non è rimasta impressa la gara del moscio bensì quella di Zanetti, probabilmente la più bella partita che io abbia mai visto fare ad un centrocampista della Fiorentina dai tempi di Antognoni. Che poi gli allenatori lo preferiscano è dovuto anche a delle cause, Prandelli ha una vera e propria fissazione (peggio x lui), Sinisa era costretto (freccia rossa e infortuni a Kahrja ne impedivano l'utilizzo) e Delio ci ha messo un po' ma forse alla fine l'ha capita.
    Jordan ti ha già risposto il Colonnello ma aggiungo una cosa: se non hai visto la differenza tra le partite contro Milan e Inter e quella contro il Palermo allora forse la fissazione ce l'hai tu!!!

    RispondiElimina
  57. Nei paragoni mi sembra di aver sottolineato le forzature ma tant'è. Ma affermare che abbia fatto un solo anno degno di nota mi pare una forzatura ben peggiore. Sinisa non l'ha utilizzato solo quest'anno....causa il freccia rossa (mi vien da pensare che tu e il serbo avreste preferito Kharja ?! eh eh eh eh) ma anche il passato, in tutte le partite che ha potuto giocare. Che così tanti allenatori siano fissati sul suo utilizzo mi fa propendere a credere che abbiano ragione loro Deep, non tu. Non è un raccomandato, questo lo devi capire. A Liverpool non ha giocato bene ?! Pareva lui il Gerrard viola ma non insisto, d'altronde nelle pagelle ci sono anche due punti di differenza ogni domenica a seconda del redattore ma ritengo sia stata una delle sue migliori. Ometti il Bayern ma capisco il perché. Delio, forse, avrà capito che le ultime 6 (non 38) partite di campionato, per quello che dobbiamo fare per salvarci, forse, il suo utilizzo può essere non determinante (demotivato, sottotono, aggiungici quello che vuoi...) e quindi proporre soluzioni alternative utili alla bisogna. Il bello di questo allenatore è che i giocatori li guarda in faccia e non ha problemi a prendere scelte anche impopolari se necessario. A me è piaciuto anche quando non si è raccattato boccino, è stato uno dei pochi a lottare e crederci anche quando eravamo sotto, ma si sa, da lui in troppi si aspettano che prenda la squadra per mano, contrasti, recuperi palloni, faccia lanci smarcanti per gli attaccanti (?) soli davanti al portiere e che segni almeno una quindicina di goals a campionato. Chiaro che se le aspettative sono queste è una manna dal cielo che se ne vada e per fortuna se ne andrà. 

    RispondiElimina
  58. Praticamente concordo solo sull'ultima frase, Leo!
    :-)

    RispondiElimina
  59. Hai visto cosa?  Ho visto una partita giocata abbastanza bene dalla squadra pur con un compito tattico ben più difficile, per noi, che quello con l'Inter, nella quale il miglior centrocampista viola in campo chi è stato? Kharja forse? Non avrà strabiliato, ma il centrocampo del Palermo è più forte del nostro ed accanto non aveva certo dei fenomeni.
    Il tuo amico svizzero ha scritto un post stranamente lucido sull'argomento (a parte il casino che fa con i numeri e le statistiche che non sono certo il suo forte). L'avrai di sicuro letto, ecco, una volta tanto ha detto il vero, quello è il vostro approccio alla materia, da prevenuti.

    RispondiElimina
  60. Jordan, cencio dice male di straccio, allora... Circa lo Svizzero di Compiobbi posso dirti che leggo un suo post su dieci (in quel caso solitamente rispondo provandogli quanto è fava): come già scrissi una settimana fa, non avendo letto ancora tanto scibile che mi sarebbe necessario non posso dedicare il mio tempo di lettura a chi non ha mai calciato un pallone.

    RispondiElimina