.

.

lunedì 2 aprile 2012

Indecorati al valore

E' toccato a Natali e a Pasqual la triste incombenza di portare i libri in tribunale, dopo che sulla pratica di questo campionato è stato vergato il fallimento con due bei Rigoni, e ora non rimane che andare all'asta per vedere di salvare il bene dalla serie B sperando che come per incanto non si presenti anche il Lecce, all’incanto. La squadra ha dimostrato di avere una manovra pesantemente ipotecata dalla paura, ormai indebitata fino al collo nei confronti dei tifosi e della propria dignità, non c'è nessuna equità tra gli stipendi percepiti e il rendimento dei giocatori, evidentemente c'è Equitalia che invece pesa come un macigno su una classifica rateizzata fino al dissanguamento. Non è tempo delle polemiche che baratto volentieri con la richiesta di accesso al credito della fiducia per cercare tutti insieme la maniera di tirare fuori il meglio e non il peggio da questo gruppo, stringendoci intorno alla squadra per far diventare il Franchi un fortino e non un panfortino che tutti prendono a morsi con gusto. La società deve però imporre il silenzio a quei giocatori che invece di concentrare le proprie energie per tirarci fuori da una situazione nella quale hanno contribuito a infilarci, le sperperano straparlando di cose che non gli competono, così come Rossi che deve smettere di dichiarare che lui la squadra l'ha trovata così, perché poteva anche non accettare l'incarico se riteneva che fosse tanto scarsa, si prenda anche lui le sue belle responsabilità e ci porti fuori da questo tunnel. L'appunto che ho fatto alla società e ad alcuni giocatori ha la presunzione di essere costruttivo proprio perché adesso è il momento di essere famiglia vera, bisogna farsi forza per superare le difficoltà, poi faremo tutte le analisi e chi preferisce il genere anche i processi, perché oggi il rischio è veramente grande e ce lo ha mostrato proprio la squadra  nel deserto del suo gioco, anzi nel dessert del suo gioco che sa tanto di budino tremolante. E proprio per questo un appunto lo faccio anche ai tifosi della Fiesole con i quali non condivido una protesta masochista come quella di scioperare per un tempo davanti alla partita più importante in un momento delicatissimo, a me sembra che gli interessi siano comuni e quindi più logico fare di tutto per salvare il salvabile prima di chiedere il conto. Se c'è bisogno di sangue per una trasfusione di attributi e cuore non ci si può dimostrare delle rape così, perché è notorio che non se ne possa tirare fuori da un simile atteggiamento scaduto prima nel rancore, e scivolato poi nella logica della rivendicazione, una faida del sentimento che è sbagliata in assoluto e clamorosamente nei tempi, come il tempo di Natali nel passaggio all'indietro, di Pasqual nel rinvio e di Delio Rossi nell'abbigliamento. Adesso è ufficiale la nostra seria candidatura alla retrocessione, ufficiale come il “giudiziario” che si è presentato negli spogliatoi alla fine della partita per mettere i sigilli sul pacchetto di ciccingomme di Delio Rossi fino alla restituzione dell'intero debito delle aspettative di tutti coloro che lo avevano accolto in trionfo ed avevano investito su di lui i risparmi di una vita di tifosi, gli stessi che oggi si ritrovano truffati come negli anni 80, dopo aver fondato Rete Mia, aveva fatto l'imbonitore televisivo Giorgio Mendelio attraverso la sollecitazione abusiva del pubblico risparmio, e il tifoso conscio della difficoltà di riavere indietro il maltolto è diventato ormai schievo della paura.

65 commenti:

  1. TOCCA L'ALBICOCCA2 aprile 2012 11:01

    Io non so,Leo,se l'ultima riga del tuo post precedente sia rivolta a me,anche se è pure possibile che sia come dici tu.
    Vorrei spiegare da cosa nasce la mia incazzatura,partendo dal presupposto che io nemmeno ieri ho fischiato e che più che seguire ovunque la Fiorentina,io come altri,non
    possiamo fare.
    A me di "ammettere" che la proprietà ha commesso una serie di errori,anche gravi non risulta poi così difficile,non sono l'avvocato di nessuno se non di me stesso,il fatto di
    lottare per non retrocedere non mi turba e nemmeno finirci mi toglierebbe il sonno.
    Quello che mi fa incazzare è che se quest'anno,anche disputando un campionato mediocre,si fosse poi concluso con l'investimento per lo stadio,sarebbe stata la svolta
    decisiva,perchè questo è un passaggio troppo importante per il futuro,anzi direi che è questione di vita di morte,sportivamente parlando ovviamente.
    Perchè chi parla di stadio pieno non appena i DV si leveranno dai tre passi è un illuso e
    non conosce bene la situazione.
    Certo,magari sull'onda del cambiamento sarebbe pure così,ma poi alle prime difficoltà
    seguite dai primi freddi o dai primi caldi la gente ritornerebbe sulla poltrona e,come vado
    ripetendo da mesi,una Fiorentina senza tifosi è una Fiorentina che non potrà più esistere.
    Per questo il mio rancore verso questi giocatori aumenta di volta in volta,e pur perfettamente coscente delle responsabilità dei DV,nonostante che qualcuno pensi il contrario,non riesco a comprendere come si faccia a non rendersi conto che è stato
    un suicidio di tutto l'ambiente,a comiciare da chi ha seminato solo veleni ritenendo
    Mihajlovic un usurpatore,Montolivo un martire,Corvino il male assoluto e così via.
    Io non sono un difensore ad oltranza delle mie idee e,sbagliando,sono stato tra quelli
    che ha creduto che sacrificare Mihajlovic sarebbe stato un bene se ciò avesse riportato
    serenità nell'ambiente,invece sono stato un bischero perchè ho pensato che chi mi diceva
    che allo stadio sarebbe tornato non appena quello schifo del serbo fosse sparito fosse in
    buonafede.
    Per questo adesso non credo più agli stessi che dicono che senza i DV,Firenze e la
    Fiorentina rinasceranno.
    Sono giunto,amaramente alla conclusione,che della Fiorentina importa veramente solo
    a pochi intimi,la maggior parte sono diventati tifosi di sè stessi,delle loro idee,dei loro
    amici allenatori o giocatori e anche presidenti.
    Io se Prandelli,tanto per capirsi,tornasse ad allenare la Fiorentina lo sosterrei di nuovo senza nessun tipo di problema perchè ho la coscienza apposto di non aver messo minimamente il bastone tra le ruote nè a lui nè a chi ha dovuto sostituirlo,qualcuno invece che ha pensato che senza di lui non valeva più la pena tifare Fiorentina un esamino dovrebbe farselo.
    Così come farei,sempre con la coscienza apposto, se arrivasse una nuova proprietà.
    Però,che adesso,un ambiente capeggiato da giornalisti e procuratori,dopo aver contribuito
    seminando depressione e veleni a piene mani,venga a dire ai tifosi di stringersi intorno
    alla squadra,mi fa veramente sorridere.
    E' stata tirata troppo la corda da tutte le parti,adesso la frittata è fatta.
    Bisognava essere furbi,farsi fare lo stadio e poi,casomai,spingere per un'altra proprietà.
    Non si è avuto nè la pazienza nè la furbizia per farlo,adesso ci becchiamo quel che sarà,
    perchè per i bischeri,la storia insegna, non c'è paradiso.

    RispondiElimina
  2. No Tocca, a te non rivolgo niente in particolare, la pensiamo allo stesso modo su molti aspetti figurati. Comprendo in toto la tua amarezza, non pensare che io mi diverta. La tua rabbia e delusione la esterni volendo parlare di calcio e di stadio, io in questo momento non ci riesco. Ce l'ho a morte con tutti. Non accetto che questa squadra sia in questa posizione, non accetto che una simile proprietà, gli allenatori avvicendatisi e questi giocatori lascino imputridire una stagione fino a questo punto. Non ce l'ho con la dirigenza dato che non c'è. Avevamo un DS tempo fa, tre anni fa, che non c'è più, e un contorno che non c'è mai stato. Stadio ?! Non è quello il problema, la cittadella si. I fratellini hanno tutto il diritto di prendere le loro decisioni ma se sono contenti di bruciare 30 mln l'anno è un problema loro, non ci fanno un figurone, neanche da imprenditori. Si son messi di traverso per promesse non mantenute, fra un paio di anni i soldi per la cittadella vengono fuori da queste stagioni disastrose, anche nei bilanci. Già hanno diminuito del triplo il valore del parco giocatori, non se ne rendono conto ma la situazione gli è sfuggita di mano, se se ne rendono conto allora la B è il problema minore. Io voglio pensare turno per turno, vorrei rimanere in A anche il prossimo anno. Ho sempre scritto di salvezza tranquilla perché con il Chievo dovevi fare questi benedetti 3 punti, al momento che non sei capace di farli mi caho addosso pure io. Un'altra volta in B non ci voglio finire. Il tifo allo stadio è un altro errore che Firenze poteva risparmiarsi, qui Pollock ha ragione a piene mani, questa era una partita fondamentale, è stata sbagliata la tempistica, il modo è completamente mancato il senso di appartenenza a questi colori, a questa maglia. Ma di cercare ogni Domenica i motivi di questo sfascio.....a me è passata la voglia. Scriviamone pure, ragioniamoci sopra, cosa cambia ?! Quando un Rossi non ne viene a capo siamo messi bene di nulla. Sai come la penso al riguardo, i motivi li ho scritti da due anni e mezzo fino ad oggi. Non vanno condivisi basta prendere atto dell'evidenza attuale e farsene una ragione. Il credito, per quello che mi riguarda, è finito da un pezzo, dal primo all'ultimo componente di questo baraccone. 

    RispondiElimina
  3. Colonel Blimp2 aprile 2012 12:10

    Pollock, dopo la sviolinata che ti ho appena fatto sul sitone ESIGO, sulla terrazza d'Oltrarno dove tua moglie ti schiavizza per la pulizia e per il servizio a tavola, ESIGO la livrea (per te, naturalmente) e un deferente deversamento di carbonara sul mio piatto e di Armaiolo di San Fabiano nel mio bicchiere senza che schizzo o goccia veruni macchino non dico mie vesti ma tovaglia o tovagliolo.

    RispondiElimina
  4. Preferendo non commentare nemmeno l'oscena prestazione di ieri, lascio per adesso un commosso omaggio a un eroe del calcio di una volta,  quell'era dei magnaccioni anni '70 tutti basettoni, pelo in vista e catenacci dorati, che non avevan paura di scomporsi il taglio trendy o di perdere la passatina in campo...http://www.youtube.com/watch?v=TdX6BCVuJcY

    RispondiElimina
  5. TOCCA L'ALBICOCCA2 aprile 2012 12:37

    Approvo Deyna e mi associo al ricordo di Giorgione Chinaglia...

    RispondiElimina
  6.  

     


    Sottoscrivo tutto Tocca, tutto, mentre il Blimpe prima mi
    aizza la muta di cani e poi vorrebbe venire a baciarmi sulla guancia mentre gli
    servo un Cervaro della Sala in terrazza, devo anche dire che San Frediano o non
    San Frediano, servire qualcosa della sala in terrazza non è proprio da tutti. La
    mia carbonara Blimpe prevede prima di tutto i maccheroni romani, il guanciale e
    non la pancetta, il pecorino romano, pepe e poi una grande dolcezza di mano per
    non fare affrittellare l’uovo come invece è riuscito benissimo a Natalone. Le
    mie serate in terrazza terminano tutte con la proiezione di un Vittorione tronfio
    sulla balaustra e subito dopo la messa in scena di una piece teatrale dove io
    faccio Vittorio e la Rita chiaramente la Rusic, scenografia scarna che trasuda tanto
    di teatro d’avanguardia, poi un fax da dove fuoriesce una fideiussione così a
    prima vista abbastanza colombiana, e mentre la Rita mi manda affanculo, mio
    figlio indossa la maglia di Boateng. Tra un po’ Blimpe sarà tempo di trattamento
    stagionale, e come una Cenerentola un po’ più pelosa mi troverai in ginocchioni
    con l’olio di lino, sarai a gradito ospite e per ringraziarti dell’aiuto ti
    farò un aglio olio di lino e peperoncino.

    RispondiElimina
  7. Ti rispondo anche qui, Leo:
    Non sono d'accordo sull'insipienza di Mihajlovic, Leo. Prima di noi aveva curato la fase difensiva dell'Inter di Mancini con ottimi risultati, aveva allenato il Bologna con poca fortuna (ma la squadra era oggettivamente penosa) e aveva allenato il Catania facendogli raggiungere il record di punti in serie A (certo, Montella l'ha battuto ma Sinisa li aveva presi a campionato in corso) e facendogli battere l'Inter di Mourinho, la Juventus a Torino e la Fiorentina di Prandelli. Se poi quello che l'ha seguito in viola ha fatto peggio vuol dire che tante colpe che gli sono state date effettivamente non ce le aveva, no?

    RispondiElimina
  8. Intervento da applausi il tuo, Tocca, non sposterei una virgola.

    RispondiElimina
  9. Ti ho risposto Deep, sull'altro editoriale. Ma non cambia di una virgola adesso stabilire chi sia meglio fra Miha e Rossi, di solito bastano i numeri per capire la differenza e per ora non sono accostabili. Uno ha vinto trofei e campionati, l'altro ha due esoneri su tre. Discutere l'evidenza ha poco senso Deep.

    RispondiElimina
  10.  

    Dopo aver letto i saluti che mi ha mandato Zeman sul sitone
    vorrei inviargli un dispaccio, sempre se
    trovo qualche buonanima a consegnarglielo.


     


    “Riverberi di esistenza dall’esilio: contraccambio il saluto
     a Zeman al quale tengo a far sapere che
    tutte le volte che viene a trovarmi qualcuno e lo porto orgoglioso in terrazza i
    complimenti si sprecano, perché ho ingaggiato un maestro dell’arte topiaria che
    mi è costato l’equivalente dell’Imu, e tutti e dico tutti, mi fanno i
    complimenti perché riconoscono nel bosso l’inconfondibile sagoma di Hitchkok.
    Io glielo lascio credere perché non ho il coraggio di dirgli invece che ho
    voluto far raffigurare Vittorio Cecchi Gori, così loro non mi insultano ed io
    ho la grande soddisfazione di vedere l’ombra di Vittorione proiettarsi  ancora sulla mia balaustra. Ah, mia moglie non
    la chiamo più Rita ma direttamente Rusic.”

    RispondiElimina
  11. Chi sia meglio tra un allenatore e un altro è discorso da sesso degli angeli, quando poi si vuol paragonare un quasi debuttante con uno onusto di battaglie spesso vinte e più spesso pareggiate, ancora di più. A Firenze, nella situazione di questa squadra, ha fatto meglio e farebbe meglio Sinisa che ne ha capito abbastanza alla svelta i limiti (anche se gli facevano dire il contrario) che Delio Rossi che ancora non sembra averli capiti e mi sembra si sia consegnato mani e piedi alla comintern. 

    RispondiElimina
  12. Jordan permettimi, a giochi normali, senza lo sfascio attuale, a chi consegneresti una squadra per poter ambire ad una posizione in europa, a Miha o a Delio ?! Se mi dici il primo mi arrendo, niente di male, eh ?!

    RispondiElimina
  13. Non ho detto questo, ho detto che questa situazione l'aveva capita meglio Sinisa di quanto non abbia fatto Delio e che, alla luce di quel che è successo, sarebbe stato meglio averlo lasciato lavorare ed essercelo tenuto. Avremmo di sicuro qualche punto in più.

    RispondiElimina
  14. C'è un  nuovo arrivo che in questo momento sta lottando con i tornelli, mi ha appena scritto Lele60 che appena liberato dalle pastoie tecnologiche sarà dei nostri.

    RispondiElimina
  15. Allora scusa Jordi, avevo capito male. Capita. Benarrivato anche a Lele60.
    Caro Gianni, dopo l'appartenenza alla SdA vuoi riformare un'altra confraternita ?! Pensavo fosse bastata la lezione eh eh eh eh eh

    RispondiElimina
  16. No Leo perché qua si può dire che Dio viene subito dopo Prandelli mentre di là era fuori dal podio dopo Corvino e i Della Valle. Un grazie al messaggero che ha recapitato la missiva,  c'è una tale interazione ormai con il Sitone che si sentono gli spifferi.

    RispondiElimina
  17. Chiarificatore2 aprile 2012 17:17

    Caro Franco, ti rispondo qui perché qui si stanno discutendo in modo aggiornato gli stessi argomenti. Le responsabilità sono anche della proprietà chi lo nega, si tratta di bilanciarne il peso  cercando di capire la situazione specifica ed di evitare discorsi di carattere general-generico. A parte il fatto che anche in linea generale quando si  parla di calcio a ben vedere le colpe ed i meriti principali sono sempre dei calciatori, poi dei tecnici e poi semmai la proprietà. Fatti una valutazione su chi s’è preso i meriti principali ( ed in  molti casi unici) del grande Real,del grande Milan, della grande Ungheria, della grande Olanda, etc.,etc.,etc. Nel caso specifico nostro se vedessi una rosa da bassa classifica  che si impegna e lotta allo spasimo per salvarsi salverei in pieno i calciatori e darei la colpa principale alla proprietà e al DS che hanno ridotto così in basso la nostra rosa. Ma così non è, con tutti gli errori che possono essere stati fatti nella gestione societaria del dopo Prandelli, che io non mi nascondo, comunque c’è sempre una rosa di tutto rispetto che, ripeto, anche se la allenassi io  dovrebbe quanto meno garantirmi campionati tranquilli, poi me la prenderei con la società perché non mi garantisce l’alta classifica. Quindi il marcio e l’inadeguatezza principali, e sottolineo principali, stanno nella squadra e in chi  la allena, che rendono  troppo al di sotto di quanto dovrebbero, in ogni caso. Tu stesso infatti in chiusura lo ammetti quando dici che non staresti a sproloquiare su altri  argomenti se Amauri avesse fatto tre o quattro gol e, aggiungo io, tutta la squadra avesse fatto il suo mestiere sulla base delle sue capacità indiscusse o almeno con decenza.

    RispondiElimina
  18. Inverti l'ordine del podio Gianni, così non si capisce. eh eh eh eh

    RispondiElimina
  19. Mi sembra che tu abbia stravolto un po' le cose, Leo, perché a Catania non fanno bene tutti, se facessero bene tutti Atzori non sarebbe stato esonerato e Sinisa non l'avrebbe sostituito. Per quanto riguarda la differenza tra Mancini e Mihajlovic posso pure essere d'accordo ma che la fase difensiva la curasse Sinisa non è un'opinione sulla quale concordare o meno, è così. A Bologna ha preso una squadra in corsa, una squadra penosa ed è stato rispedito al mittente ma era anche la sua prima esperienza. Qui da noi l'anno scorso ha fatto 38 partite senza Jovetic, un girone senza Montolivo, quasi un girone senza Santana, una ventina di partite senza Mutu e ha giocato tutto il campionato con Babacar riserva di Gilardino eppure ha raggiunto 51 punti. Lo voglio proprio vedere a Delio quello che riuscirebbe a fare nella stessa situazione. E poi scusa, Leo, ma tu sai quanti esoneri ha subito in carriera Delio? Ti dico una cosa, Leo, fino a un paio di mesi fa ritenevo Delio superiore a Sinisa ma dopo averlo visto all'opera....che Dio ce ne scampi e liberi (come dice mio suocero).
    Intanto il Genoa s'è portato avanti con l'obiettivo salvezza mandando in culo Marino e riprendendo Malesani, spero vivamente che dopo la goleada di sabato prossimo seguiremo il loro esempio.

    RispondiElimina
  20. Sinceramente mi fa onco commentare l'ennesima brodezza dei nostri brodi, che, una volta giunti al fondo, si stanno premurando di scavare. Neppure mi stimola il trovare di chi sia la colpa in un siffatto troiaio. Di sicuro i primi reponsabili sono i giocatori, perché sono loro che vanno in campo e "giocano". Dopo vengono tutti gli altri: Miha, Delio, il Fattore Pugliese, Gnigninni, Mencucci e compagnia cantante. Ormai non me la prendo neanche più, soggetto cone sono ad una profonda crisi di rigetto (in tutti i sensi). Se ci salveremo, sarà perché quei fessi del Lecce si son comprati l'anno scorso la partita col Bari e poi, per rientrare, hanno venduto la partita con la Lazio. Questo hanno detto gli investigatori di Bari, affermando di avere un quadro probatorio completo delle combine. Ma, per la miseria, a tanto ci siamo ridotti!
    P.S. Ho letto che si comincia a parlare di un ritorno di Prandelli alla Fiorentina. Lui stesso sembra che non abbia smentito. Fosse vero, sul sitone si prepara il Te Deum per il Santo.

    RispondiElimina
  21. Deep tu mi porti Atzori, io ti porto Sinisa, Simeone, Montella e Zenga! Mi sembra che lo stravolgimento non sia mio. Tutti, e ripeto tutti, hanno fatto bene. Atzori ha fallito ?! 'sti cazzi!!!! eh eh eh eh eh Nell'Inter curava la fase difensiva ?! Me lo dici tu. Non lo so e m'importa il giusto. Mancini sta facendo "benino" mi sembra, lui ha due esoneri sul groppo e via. Porto numeri e statistiche Deep non valutazioni personali.

    RispondiElimina
  22. Si ma, Leo, l'anno in cui Sinisa ha fatto bene era proprio l'anno in cui Atzori ha fatto male. Lo sai che anche Prandelli ha subito un paio di esoneri agli inizi della sua carriera da allenatore, vero?

    RispondiElimina
  23. McGuire penso sia più facile che un cammello passi per la cruna di un ago che Diego si riprenda Prandelli. Che sul sitone (e non solo lì) abbiano già cominciato la campagna è vero, ma..."no hope". Fantasie di vedove.

    RispondiElimina
  24. La missiva te l'ho passata io, mi sembra che tu l'avessi chiesto. Ho fatto male? poi mi paghi il francobollo.

    RispondiElimina
  25. Hai fatto bene Jordan,ah ah, me lo chiedevo chi fosse stato, oggi è stata una giornata strana, nella quale si sono tenute le porte aperte tutto il giorno con il sitone, che alla fine mi è venuto il torcicollo per il riscontro. Quasi quasi domani mi verrebbe voglia  di mettere in mezzo tutti quelli dei siti, dal Guetta in poi, si, si voglio proprio  fare un bel rimescolone eh eh se mi viene qualche idea...mmh mmh mi ci vole qualcosa per l'ispirazione, ora provo con il VoV..

    RispondiElimina
  26. Deep non so dove tu voglia andare a parare, Miha ha fatto bene l'anno che Atzori è stato esonerato ma prima ha fatto bene Zenga, dopo Simeone e poi Montella, ergo, a Catania si respira aria buona. Sarà Pulvirenti che siede in panchina (non che me lo aspetti da ADV o chi per lui) sarà che Lo Monaco ha imbroccato qualche anno buono, saranno i giocatori, sarà l'insieme di cose, e allora ?! Prandelli ha subito due esoneri (con Zamparini andrebbe a spasso pure Ancelotti e Capello!) ma nel corso della sua pur breve carriera ha dimostrato di saper crescere, di evolversi, cosa che per ora il serbo non manifesta. Delio ha alzato due o tre coppe, non una, ha vinto campionati in C ed in B, ha uno status di allenatore ben diverso. Miha ha tutto ancora da dimostrare e pensare di accostarlo a questi due è pura fantasia. Diventerà bravo ma urge un condizionale al momento. Ha fatto bene a Catania (aridaglie!!!) ed è stato esonerato a Bologna e a Firenze, non a Venezia e Lecce. Cosa tu voglia comunicarmi dicendomi che Miha è buono non lo so, o che sia paragonabile al suo precedessore o successore neanche. Numeri, risultati, vittorie (coppe o meno importa il giusto) sono questi che decretano il valore di un allenatore. Al momento Delio e Prandelli sono su un altro pianeta, Miha è ancora sulla terra, ma terra terra. Al momento.

    RispondiElimina
  27. Caro Leo, per lo meno documentiamoci prima di scrivere panzane:
    Palmarès:
    Allenatore
    Campionato italiano di Serie B: 1
    Salernitana: 1997-1998
    Coppa Italia: 1
    Lazio: 2008-2009Le 2 o 3 coppe sono diventate una sola e vinta dopo più di 10 anni di carriera e giocando in casa contro la Samp ai rigori, gli scudetti in c credo tu li abbia sognati perché ne ha vinto uno solo in B. Lungi da me il voler paragonare Cesare con Sinisa, troppa strada dovrà percorrere il Serbo prima di avvicinarsi a Prandelli (almeno secondo me). Molta meno strada invece dovrà percorrere per raggiungere Delio. Comunque il punto del discorso non sono le coppe, altrimenti che figura farebbe il povero Cesare? Mica vorrai insinuare che Delio sia migliore di Cesare perché Prandelli non ha vinto niente? Il punto del discorso, dicevamo, era un altro e cioè l'insipienza di Sinisa che per me non c'è perché se bastano i freddi dati di 2 esoneri per dare di insipiente a Sinisa la stessa cosa si doveva dire di Prandelli. Anche Delio l'anno scorso è stato esonerato e quest'anno forse lo sarà (spero di no in quanto significherebbe che le cose sarebbero precipitate).

    RispondiElimina
  28. Colonel Blimp3 aprile 2012 08:44

    Ma Lele, l'avete bloccato all'antitacheggio con un libro nella tasca interna del cappotto? Pago la cauzione io, ma liberatelo! O Pollock, ti sta arrivando pubblicità gratuita a fiumi dal sitone, Multinick in testa, qui rischi di dover far fronte solo con la forza pubblica come le Gallerie Lafayette il primo giorno dei saldi! 

    RispondiElimina
  29. Chiarificatore3 aprile 2012 09:13

    Se siamo proprio sicuri che si tratti di Lele, qualcosina, senza allargarci troppo, per la cauzione posso metterla anch'io.

    RispondiElimina
  30. E' Lele è Lele, anzi nella mail che mi ha scritto intrappolato dentro al tornello, ha fatto proprio riferimento all'invito, che lui ha definito gentile, di Blimpe, che all'anagrafe del Sitone è Don. Aiutatelo!!!

    RispondiElimina
  31. Chiarificatore3 aprile 2012 09:31

    Ma non abbiamo l'esperto Orcio? Lui forse può farlo gratis!

    RispondiElimina
  32. Chiari se mi evochi cosí non posso rimanere in silenzio. Sono incasinatissimo al lavoro, ma non capisco cosa succeda a Lele. Intanto cominci a postare come anonimo, e metta la firma in fondo. Quale sist operativo sta utilizzando e quale browser? Forza Lele, vogliamo sentire un tuo commento. Giá che ci sono ho letto in tutta fretta in qua e in lá. Analisi approfondite, sul sitone gente che schiuma rabbia contro i Dv. Penso che ora non ci siano soluzioni tecniche, ma semplicemente una bella dose di culo cercando di stare concentrati al massimo e buttare in campo tutto quel che si ha. E speriamo che dopo il Milan ci siano squadre demotivate, fino alla partita finale, con il Lecce, dove metterei i più veloci, tipo Romulo per giocare in contropiede, facendo barricate in 10 davanti a Borucco....

    RispondiElimina
  33. Colonel Blimp3 aprile 2012 09:43

    Chiari, circa le tue riserve sulla cauzione ti ho anticipato in messaggio che ancora sul sitone non è passato. Intanto, promessomi dal suonator di grancassa sfondata, sullo steso sitone, che verrò presto spalmato (immagino con caponata di Giorgio), mi stravacco in poltrona, a cosce larghe, attendendo leccata mariaschneideresca. Mi preoccupano solo gli zampilli sull'Heriz al centro del salotto che, a suo tempo, pagai cifra che potrebbe, solo a citarla, condurre il Chiari in sala rianimazione.

    RispondiElimina
  34. Grande gusto Blimpe sulla scelta dell'Heriz che spero antico, geometrico e tra i miei preferiti.

    RispondiElimina
  35. Colonel Blimp3 aprile 2012 10:10

    Caro Pollock, io prendo in conto solo e soltanto i geometrici, disprezzo il floreale introdotto dai francesi nel diciottesimo secolo, il floreale da parvenu, il floreale da sora Linda. Gli iraniani sono ben contenti di rifilare a prezzi inumani quei tappeti occidentalizzati agli incompetenti danarosi, ma loro, in casa propria, tengono solo geometrici e di villaggio, colori naturali. Intanto non so come nascondere a Tocca il prossimo sbarco del Favone, urge sorveglianza a vista, quello è capace di impiccarsi anche con un fazzoletto o con un elastico, se non trova altro. Patetico, infine, il Tant'Urli (che un si capisce nemmeno ichhe discei...) Tutti uniti attorno alla squadra, proclama adesso, dopo aver attaccato Miha, Corvino e i Della Valle fino ad avere il nemico in casa! E ti raccomando poi Vomituro, il promotore dello sciopero delinquenziale di domenica scorsa! Rediholi!!!!!!!!! Gobbi!!!!!!!! Viva Jordan che l'ha detto!!!!!!

    RispondiElimina
  36. Colonel Blimp3 aprile 2012 10:12

    "Icche disce", naturalmente, nell'ultimo post: ma icche vu avehe messo, i' correttore a i' vernaholo?

    RispondiElimina
  37. Accattati un caucasico Blimpe se già non ce l'hai, intanto Jordan per averlo detto è sotto assedio di una Memoria storica. Io intanto passo sull'Internittenza prima che mi si incazzi Orcio.

    RispondiElimina
  38. Chiarificatore3 aprile 2012 10:27

    E no Colonnello ti ho anticipato io, dimostrando tutta la tua ingratitudine nei mie confronti. Eh eh eh. Quanto al mobilio di casa e arredi vari, io dieci anni fa rientrando in Italia, per non correre rischi  mi sono affidato al signor IKEA. Quanto al tifo nel sitone c’è una memoria storica che senza il dubbio ricorda solo quello che vuole e come lo vuole. Le circostanze! le circostanze! I momenti opportuni! I momenti opportuni!E’opportuno stare zitti per un  tempo intero facendo pesare lo 0-5 in una partita decisiva per la nostra salvezza? E’ opportuno contestare già dal ritiro estivo di Cortina? E’ opportuno contestare Cerci quando sta entrando in campo ?

    RispondiElimina
  39. Va bene Deep, tre promozioni e una coppa su tre finali, va meglio così ?! Va meglio. Quindi ?! Miha non è insipiente per i due esoneri, è insipiente perché non ha ancora avuto un acuto, un gioco piatto e noioso che non ha portato un risultato che valga la pena ricordare, non ha mai cambiato marcia, e il tutto, avendo saltato a piè pari quella gavetta che gli sarebbe tanto servita. Si è accomodato subito al tavolo dei grandi (serie A) senza averne la statura e l'esperienza e difatti i risultati sono questi. Se vuoi continuare a paragonare questo allenatore agli altri due continua pure Deep non ci sono problemi, ognuno vede il calcio alla sua maniera, non si deve essere d'accordo su tutto. Tu gli concederesti altre chanches, io no, non alla Fiorentina. Al momento lo ritengo l'anticalcio fra il panorama degli allenatori in Italia, magari fra qualche anno crescerà, migliorerà e diventerà pure bravo. Fra qualche anno.....

    RispondiElimina
  40. Tranquillo Blimpe, ormai mi sono sbilanciato e devo fare da guardia a buon Tocca che non faccia atti inconsulti.. Sul buon Gat, che certo ti punzecchia di continuo, pensp che in questo ambiente sarebbe divertente, più rilassato. So che ci legge sempre più, perchè è aggiornato sulle definizioni. Gat che ci leggi, sotterra l'ascia di guerra con il Colonnello e i suoi cavalli, se vieni qui, portaci ironia e non avere il problema di dimostrare superioritá intellettuale. Semplicemente vieni a divertirti e a discettare del nostro amore calcistico.

    RispondiElimina
  41. Le vittorie: non è da questi particolari che si ggiudica un allenatore! parafrasando la bunueliana Concita De Gregorio, mio attempato sogno erotico, e qui faccio una concessione allo scatenato Colonnello. E meno male per il Pret Nof di Orzinuovi, che di vittorie in carriera [si parla di coppe internazionali, serie A, coppe italia perfino] ne può vantare punte. Ma ne ha di tempo davanti, come dice LEO, in fondo la sua breve carriera è iniziata solo nel '93...Ma io a questo punto ho perso ogni pudore, e lo dico a chiare lettere: "Aridatece Sinisa!"!! Non mi andrebbe giù una squadra retrocessa sul campo e salvata dalla giustizia sportiva, voglio vedere questo branco di debosciati presi una volta per tutte a calci nel culo, e fatti correre a racimolare i punti che ci mancano per la salvezza. Mi spiace per il buon Delio - che sarebbe potuto essere un buon allenatore ed insegnante di calcio in altra situazione, con altri uomini - ma qui e ora mi pare smarrito, incapace di motivare la "squadra" e, soprattutto, ormai scaricato nei fatti dai signorini.

    RispondiElimina
  42. Colonel Blimp3 aprile 2012 11:25

    In verità, Orcione dei Servizi Deviati, dei punzecchiamenti non mi sono mai accorto: o c'è imperizia del punzecchiatore oppure ho la pelle d'elefante. Né ho mai fatto guerra ad alcuno per motivo di calcio, questo è invece il vezzo del triangolo stalinista-emiliano del sitone che si nutre a caponata di merda, onde chiedergli ironia è veramente ironico, seppur d'ironia involontaria.

    RispondiElimina
  43. Colonel Blimp3 aprile 2012 11:38

    Eh, Concita, Concita...! Ricordi lo stranguglione che prese a Zeman quando ne evocai la desiderabilità? Credo che almeno Tocca sappia, in questo caso, superare i clivaggi ideologici. Non so se leggesti, ieri, Deyna, il mio medaglione per Giorgio: era in parte dedicato alla tua delibazione. Sì, circa Sinisa: m'importa assai con chi, io voglio salvarmi!

    RispondiElimina
  44. Deyna nel '93 allenava le giovanili. Vogliamo considerare cosa e quanto ha allenato per poter vincere trofei ?! A me mi vien da ridere, allora ditemi quanti allenatori "vincenti", di trofei ci sono in serie A e cosa allenavano. eh eh eh eh eh A volte a pensar male si fa peccato.......

    RispondiElimina
  45. Comunque qualcosa ha vinto Deyna. C'è chi ha fatto meno mi sembra. 

    RispondiElimina
  46. Il medaglione per Giorgione l'ho letto e mi è piaciuto, Colonel, se intendi quello che postasti sul Sitone...Anche la descrizione delle caratteristiche di giocatore è calzantissima. Non ricordavo invece l'elogio della Concita - cet obscur objet du désir!  purtroppo la chitarra è sua, e la suona quando vuole lei... - ad uso zemaniano, ma sono sicuro che il Tocca in questo caso non spregerà le larghe intese. Prandelli nel 93/94 venne chiamato a primavera alla guida della prima squadra atalantina, ma finì in B, non riuscendo a salvarla. E' poi vero che proseguì quindi con la Primavera fino al 97, e da qui in poi la storia la conosciamo tutti. E ripeto, come allenatore di serie A non ha vinto nulla, nulla di nulla. Questo non vuol dire che non sia un buon allenatore, ma una delle condizioni necessarie per essere un grande tecnico è quella di vincere almeno un trofeo importante, prima o poi.

    RispondiElimina
  47. TOCCA L'ALBICOCCA3 aprile 2012 12:52

    Non so se fosse Lenin o sempre quel mio amico di Verona,però mi è stato insegnato che la topa unn'ha colore..sicuramente del mio amico veronese era la massima "buso sè buso
    e gazo non gà ocio"...

    RispondiElimina
  48. TOCCA, il povero Renato Buso da Gavorrano sarà in massima allerta allora...

    RispondiElimina
  49. Concordo al 100% con Deyna che saluto volentieri visto che era dai tempi del sitone che non interagivo con lui.
    Leo, quello che ti ostini a non capire è che Sinisa non ha avuto nessun acuto perché si è ritrovato in rosa una manica di rammolliti, gente senza palle e il fatto che Delio stia trovando gli stessi problemi (e sono buono verso Delio) lascia pensare che non era propriamente colpa di Sinisa.
    Secondo me con una rosa rinnovata sin dall'immediato dopo-Prandelli avremmo avuto ben altri risultati con Sinisa in panchina.
    D'altronde, benché a Catania facciano tutti bene, lì gli acuti li ha fatti, non si vince 3-1 contro l'Inter di Mourinho perché in panchina vicino a te si siede Pulvirenti, non si vince a Torino contro i gobbi perché l'ambiente di Catania è buono e non si fa il record di punti nella storia del Catania se il manico non è di valore visto che il manico precedente li aveva trascinati sull'orlo del baratro.
    Comunque possiamo anche piantarla, tu non gli daresti altre possibilità nella panchina viola e io rispetto la tua opinione, io lo rivorrei oggi stesso.
    Ripeto: il Genoa ma anche il Cagliari precedentemente si son mossi per la salvezza riparando agli errori fatti e richiamando i vecchi mister. Noi?

    RispondiElimina
  50. TOCCA L'ALBICOCCA3 aprile 2012 14:00

    Massima allerta anche per te,Deyna,e camminare rasente il muro..il passo tra perdersi in fantasticherie sulla Concita e ritrovarsi un Grillini alle spalle è breve...

    RispondiElimina
  51. Chiarificatore3 aprile 2012 16:51

    La parola concha in Centro e Sud America ha molti  significati, uno molto intrigante, che in italiano si potrebbe tradurre con gnocca,  e che nel suo vezzeggiativo locale si può variare in conchita, quindi siamo in pieno argomento, Deyna e Tocca, nel  quale  ben si possono considerare non i grillini ma i genovesi grilletti,  in italiano i clitoridi.

    RispondiElimina
  52. Deyna mi rendo conto che un Viareggio e un campionato di B vinto non decretano un "grande" allenatore, difatti stavo chiedendo quanti "grandi" allenatori annovera oggi la serie A, e cosa hanno allenato, ma vedo che non c'è trippa per gatti. 

    RispondiElimina
  53. Jordan l'ha anche scritto e firmato sul giornale (e non come Jordan). Ora gira con la scorta ma icche va' detto e va' detto!

    RispondiElimina
  54. Jordi preferisci la pererecca, il priquito o il tabacco ?! eh eh eh eh eh Qui sta diventando un sito vietato ai minori. 

    RispondiElimina
  55. La perereca (con una "c" soltanto) o che si domanda? Basta che non mi mandiate un cesto di granocchie.  

    RispondiElimina
  56. Scusa la doppia c, quando la vedo balbetto eh eh eh eh Gli altri due aggettivi non ti dicono niente, eh ?! Si vede che non sei nordestino. Le granocchie non ti toccano, solo roba di 1a cat. come al Tocca. 

    RispondiElimina
  57. La perereca è una ranocchietta, come la passera è un uccellino. Vidao acaba nao, cabacim que è bom! (o vediamo se mi traduci questa!)

    RispondiElimina
  58. "acaba assim" Jordi, non farmi correggere te, tu lo conosci molto meglio di me. eh eh eh eh Oltretutto vidao è una giria quindi non molto corretto ma a naso "La bella vita non finisce, finisce così quello che è buono". Sbaglio ?!

    RispondiElimina
  59. Grazie! "acaba assim" è la dizione corretta su cui si fonda il doppio senso. Ma non si capirebbe perchè o cosa dovrebbe essere buono. Invece il "cabaço", diminutivo cabacim, è altra cosa, buona, sempre in argomento. Peccato che duri una volta sola.

    RispondiElimina
  60. E' tipico jiria che si dice quando si sta molto bene, ad esempio stravaccati in piscina o sulla riva del mare sorseggiando una caipirinha sotto il sole dei tropici: "Vidao acaba nao!" Che "vitona" non finire, no. E l'altro dice "Cabacim que è bom" con un suono molto vicino a quell' "acaba assim" che dicevi ma con altro significato, molto più malizioso.

    RispondiElimina
  61. Grazie Jordan, lezione appresa!

    RispondiElimina
  62. E questa Jordan la conosci: Alecrim alecrim, dourado que nasceu no campo sem ser semeado.
    Ai, meu amor, ai meu amor,
    que me disse assim:
    que a flor do campo é o alecrim.

    RispondiElimina
  63. Ciao Deep, e son novo, qui! Tocca, tra Grillini e grilletti tu ci fa' festa, da queste parti! Ora mi s'è scatenato anche il boccaccesco Jordan con le sue malizie brasiliane...Comunque all'erta e ci sto, non ti preoccupare, che c'è sempre il rischio di vedersi sbucare un Cordelio [no, no, non il Ciancichella!] da dietro l'angolo!

    RispondiElimina
  64. Alecrim = Rosmarino è una delle poche spezie mediterranee che si trovano da quelle parti Orcio. Già se chiedi la salvia son dolori. 

    RispondiElimina
  65. Alecrim, quello che a Vicchio gli è i'ramerino, si trova sì, ma è meno odoroso del nostro. Invece del prezzemolo (salsinha) usano il coriandolo che è molto simile, di foglia un po' più grande, ma con sapore diverso. Nel pesce, nella muqueca, è bono. La cucina brasiliana comunque non è molto speziata, è piuttosto semplice.

    RispondiElimina