.

.

sabato 21 aprile 2012

Proni al pronostico


Il quadro psicologico della stagione sta tutto nella sua cornice di pubblico, e parlare di una squadra svuotata sarebbe scontato come una considerazione presa dagli scaffali di un discount, parlerei piuttosto di un sotto vuoto, ma come tecnica di conservazione e non tanto come problematica derivante dallo svuotamento dello stadio, conservazione poi nel senso di mantenimento della proiezione disattesa. Concetto questo che sembra un po' contorto solo per difetto di esposizione, per una patologica ricerca dell’arabesco fine a se stesso, ma che in realtà è di una semplicità imbarazzante, ovvero, la Fiorentina quest'anno ha saputo dimostrare solo di non essere mai stata in grado di confermare i propositi della vigilia. La squadra non è mai riuscita cioè a confermare una prestazione positiva e il risultato che da essa ne era derivato, disattendendo sistematicamente la speranza e il pronostico nella partita successiva, dimostrando così quel lato maledettamente snob del non voler onorare degnamente le sensazioni positive della vigilia. La nostra è a tutti gli effetti una forma di indolenza verso tutto ciò che i tifosi si aspettano dalla squadra, per tutto quello che rientra nel pronostico, dalla superiorità tecnica al fattore campo, fino alla favorevole condizione psicologica maturata in quel preciso momento storico, come per esempio dopo la vittoriosa trasferta di Milano, ebbene si, tutte le partite della cosiddetta conferma le abbiamo fallite. Perché se è vero che la squadra snob rifugge sdegnosa alla consuetudine, rifiutando con tutte le forze il ménage a due con quello scontato di un pronostico senza sorprese, è vero anche che in tutto ciò non c'è solo un atteggiamento, ma anche la patologica indolenza di chi non riesce caratterialmente a confermare le attese, due anime queste che sono presenti nella nostra Fiorentina, tanto che se a Roma dicono “all'anima de li mortacci tua” a Firenze si dice “all'anime di qui' morto di Montolivo”. Ma è anche deliziosamente vero che entrambe sono propense poi a sorprendere, e cioè a stupire attraverso la meraviglia delle vittorie inaspettate proprio nelle partite dove invece il risultato è scontato nella sua strapronosticata sconfitta. Ed eccoci allora alla partita di domani, per fortuna, di quelle che rientrano appunto tra le perse o quasi, come lo furono anche Genova e Parma, senza uno straccio di una punta e con in più quel Montolivo in campo che sembrava fosse stato espropriato della titolarità, come la filiale argentina della compagnia petrolifera spagnola Repsol, con la differenza che quella di Riccardo in campo è una compagnia soporifera, ed era stato quindi deciso di nazionalizzarlo in tribuna per sedare gli spettatori più abbienti in caso di cattivo risultato, avviando così la procedura per la prima eutanasia di gruppo in ambito calcistico, e poi invece si è deciso in extremis di inserirlo a seguito della moria degli uomini gol e quindi nel tentativo di addormentare Lucio e Samuel attaccandogli l'apatia come succede con lo sbadiglio, per cercare in qualche modo di facilitare quelli che proprio punte non sono, chissà se la mossa della disperazione catatonica porterà al risultato desiderato, quello che è importante comunque è che sembra essere proprio una di quelle partite senza nessuna speranza, e alla fine sono queste le notizie che devono riempire di gioia l’animo del tifoso Viola, quello più avvezzo almeno, che intravede nel mulinare scomposto di un Cerci voglioso di assestare pedate vincenti, una sorta di eroe ciociaro che ci consegna la salvezza su un piatto anche se non proprio d’argento, almeno fondo, un piatto tipico delle sue zone, e da un carbonaro della ragione qual'è, cosa meglio di un bello spaghetto alla carbonara con tanto, tanto pepe, quello appunto che abbondantemente versato su un campionato altrimenti poco speziato, ci ha fatto prendere proprio un bello spaghetto. Siamo nelle mani di Dio, speriamo solo che dopo il gol di Cerci non applauda.

11 commenti:

  1. Ah, sarebbe questa la foto propiziatoria di fica atomica in vista della partita con l'Inter! Ma non lo dicevo io che siehe tutti buhi, a partire dal regista? Io questa la spedisco dritta dritta a Gad, per vedere se non lo oscura davvero, come dice Tocca, 'sto sito d'invertihi! Arridateci la Cassini, mondo boia!!!!!

    RispondiElimina
  2. Chiarificatore21 aprile 2012 14:26

    Andiamo Colonnello, non fare l’oscurantista, e non credo che Tocca abbia da obiettare, in fondo sembrano tanti Cipputi, anche se in versione hard, manca solo l’analoga versione degli ombrelli, ma se il poeta l’avesse messa il rischio dell’oscuramento sarebbe stato reale.

    RispondiElimina
  3. Ma son culi maschi o culi femmine? o misti? Comunque la mi sembra una foto propiziatoria a un'inculata, perciò son dell'idea di' colonnello, arridateci la Cassini e la Fenech, così e un c'è dubbi. http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=i3t6BXoYgIQ penso che abbiate tutti bisogno di una rinfrescata di sana cicala accompagnata da ritmi un po' più allegri se no e ci si spara!

    RispondiElimina
  4. Chiarificatore21 aprile 2012 18:50

    A questo punto, se non ho capito male le parole di Giani (correttamente informative e non inesatte o inopportune , parziali e sensazionalistiche come quelle di Ceccarelli), pare che la più importante  variabile legata al progetto Mercafir  sia la procedura ed il relativo costo di acquisizione dell’area da parte della Fiorentina, perché, parliamoci chiaramente,  in qualsiasi procedura si tratta di un progetto confezionato per una grande società calcistica di Firenze , quindi secondo me nessun altro ha interesse a parteciparvi, nonostante nel sitone qualcuno sostenga il contrario. Il  project financing così come se n’era parlato finora ha un suo costo, ma la concessione prevista dalla prossima legge sugli stadi ( se non ho capito male una cosa simile a quanto è stato fatto a Torino per la Juventus) ne potrebbe consentire un altro, molto più basso per il privato. Se così stanno le cose è ovvio che il privato Fiorentina ha tutto l’interesse per l’ipotesi che prevede il costo di acquisizione più basso, tanto più tenendo conto che trattandosi di un progetto ridimensionato rispetto a quello originario, il giro d’affari prevedibile sarà inferiore alle previsioni legate la primo progetto. E’ chiaro che c’è un obiettivo comune che è quello di realizzare il progetto, ma anche interessi non coincidenti, il Comune ha quello di valorizzare, anche economicamente, al massimo l’area,  il privato quello di vedersela assegnata al minor prezzo possibile tenendo conto che la  mission che persegue non è propriamente  speculativa ma principalmente di  realizzazione di una struttura,  qualificata ed indispensabile, al servizio dell’attività una grande società sportiva e quindi anche della collettività. Sulla  possibilità di soddisfare in modo trasparente, corretto,equilibrato ed accettabile da parte di tutti,  questi interessi si deciderà la concreta fattibilità del progetto. O sto sbagliando tutto?

    RispondiElimina
  5. No, non stai sbagliando, anche se i dettagli è difficile conoscerli. E' indubbiamente una fase di "divenire" per cui quelli che dicono "è così" o "sarà così" o bluffano, o dicono castronerie per riempire i topic di posts. La legge sugli stadi non credo sia in antitesi, anzi, credo che dovrebbe facilitare la realizzazione perchè dovrebbe trattarsi in fondo di finanziamenti o sgravi fiscali, restando delegato altrui il dove e il come. L'ho appena detto a quel ceppicone dello svizzero amico del colonnello, è una trattativa, sotto traccia e carbonara, e che si faccia dire a questo o a quello ciò che conviene è abbastanza normale.

    RispondiElimina
  6. Comunque l'ha ragione i' colonnello, e vu siete una massa di buhi, Credeo di avere un'ovazione pe' globeleza, nemmen cagato di striscio!

    RispondiElimina
  7. Chiarificatore21 aprile 2012 19:58

    Guarda bene Jordan, ci sono anche
    culi di donna, io li ho individuati e gli altri li ho cancellati. Eh,eh,eh.

    RispondiElimina
  8. Questo l'aveo belle detto anch'io solo che poi vi ho dato un link ben differente che nessuno ha cagato nemmen di striscio per un'epidemia di buchite che v'ha preso tutti. Ora se un vu lo guardate di corsa tutti quelli a pecoroni e l'avranno i'sopravvento e domani e si piglia un'artra grandinata.

    RispondiElimina
  9. Chiarificatore21 aprile 2012 20:51

    Sto guardando Barcellona-Real Madrid, Jordan, tra il primo
    ed il secondo tempo ho visto la tua globeleza, notevole, chi è?  La versione brasiliana di Valentina di
    Crepax? 

    RispondiElimina
  10. Chi l'è un lo so, l'è la ragazza simbolo di' Carnevale 2012.

    RispondiElimina
  11. Ma e tu'amici e sono una massa di rimbuhiti lo stesso. Non hanno esorcizzato le bande a pecoroni con i' psteriore ben più attizzante di globeleza e pe' quello Ljaicce gli ha sbagliao i' rigore, accidenti a buhi!

    RispondiElimina