.

.

domenica 8 aprile 2012

Una Milano bevuta

E' Sbocciata la primavera tra il grigiore del nostro campionato e quello delle periferie di cemento della città che invece lo comandava, è sbocciata tra le tangenziali intasate, come le vene di chi ha provato a fare sfaCeli e di chi li ha fatti davvero come la Fiorentina sul campo, di chi finalmente con il giglio sul cuore ha addobbato a festa la navata centrale di una Milano bevuta con un uno-due di JoJo e Amauri a un minuto dalla fine, che fa appunto uno a due. Nell'infiorata che non ti aspetti c'è tutto quello che c'era maledettamente mancato fino ad oggi, Diego che cammina sulle acque dei Navigli mentre dalle sue cucine filtra il profumo del grande rilancio, la squadra che dopo la visita del Re Sole si ritrova proprio nel giorno più difficile, quel Re Mida che ha voluto salutare il suo ritorno toccando De Silvestri e trasformandolo in Briegel, un operazione di pranoterapia che rimarrà negli annali delle plusvalenze. Andrea dall'altra parte della crisi che si è speso con grande generosità, che ha speso ripianando il bilancio, e che ha ricucito gli strappi della mongolfiera rattoppandola giusto in tempo per farla volare sopra la Scala del calcio, determinato come non si era mai visto, facendo un grande lavoro nel rassicurare la tifoseria, servendogli così l'antipasto del pranzo di Pasqua sul cabaret del rilancio, menù che lo chef sciarpato di cachemire avrebbe illustrato alla squadra dopo che in settimana aveva accuratamente scelto l'Agnelli da sacrificare, anche se si chiama Elkann. E la squadra ha risposto, ha ritrovato l'anima e il senso di appartenenza partendo da una difesa che apre il cuore a vedere Nastasic e Camporese accompagnare per mano Natali verso la sua dorata pensione, perché allora il futuro è anche qui e si tinge di Viola, proprio il giorno che dei due capitani di stagione non c'è traccia, che Vargas trascorre la domenica tra le paturnie di chi si sente addosso una maglia troppa stretta e non solo perché mangia troppo, e non sarà un caso se la squadra si scrolla di dosso anche i malumori dello spogliatoio proprio il giorno che la fascia al braccio se la mette chi invece, campione vero tanto che il Re Mida non ha avuto bisogno di toccare, il rinnovo del contratto l'ha firmato già da tempo senza ritenere i progetti societari inadeguati alle proprie ambizioni. Una squadra che finalmente si abbraccia e ci abbraccia tutti dopo il gol di Amauri, come una squadra vera deve fare. Ora basta davvero con i giocatori con la Pallavicino al piede, abbiamo visto che possiamo e dobbiamo ricostruire lontani, molto lontani da chi ritiene inadeguata la maglia con il giglio al proprio valore, perché rivogliamo la nostra Fiorentina fiera e non in ferie per campionati interi trascorsi con giocatori in attesa di andare altrove, e l'antipasto di ieri apre il cuore anche a quello che vogliamo sia il prossimo campionato, quello del rilancio, dal quale laveremo bene la scia di schiuma delle lumache che ci hanno indegnamente rappresentato, soprattutto dopo le indiscrezioni che risuonano dolci e che raccontano di scenari Mercafir bonificati dal volo degli avvoltoi, una prospettiva che rilancerebbe non solo la Fiorentina, ma Firenze con note sapide di futuro, in un presente nel quale si è fatto di tutto in città perché questo futuro potesse non esserci. Ringrazio la squadra per questa scossa di adrenalina che ci ha fatto risentire finalmente vivi dopo una settimana non certo facile per chi ha sempre cercato di costruire con serenità, di ricostruire in un clima certamente più adatto all'autodistruzione e nel quale proliferano a pancia piena quelli che io definisco i germi della tifoseria. Ma la Fiorentina è di tutti e tutti dobbiamo sperare di poterne gioire insieme, prima finendo dignitosamente questo campionato e poi andando a raccogliere gli interessi di questi due campionati di sofferenza, lasciando da una parte le antipatie personali, tutti insieme Della Valle compresi. Un ringraziamento anche a Corvino che a Firenze lascia un bel ricordo, e una buona Pasqua a tutti, di cuore. 

43 commenti:

  1. Chiarificatore8 aprile 2012 10:13

    Una riflessione suggerita oggi dal poeta quando  riscontra l’effetto positivo provocato dai due capitani che non c’erano e da quello che c’era. Quando si parla degli ultimi due anni di Montolivo in viola non lo si può fare solo dal punto di vista strettamente tecnico. Se se ne parlasse solo per quello che vale tecnicamente, sarei completamente d’accordo con Jordan e con Leo e potremmo chiuderla lì. I gravi problemi di disistima da parte mia nascono non per la sua legittima ansia di cercar maggior gloria altrove, ma dal come nel frattempo abbia  indossato indegnamente la maglia di capitano mettendo contemporaneamente in piedi una farsa indecorosa e gettando fango sulla società che lo ha fatto crescere trattandolo sempre con i guanti e che lo voleva perno in campo nei prossimi cinque anni, dal  come non abbia saputo tenere uniti e motivati lo spogliatoio e la squadra in questi due anni, con tutte le conseguenze negative che ne sono derivate sul campo, spogliatoio e squadra dove  è leader incontrastato di fatto, fascia o non fascia, quindi principale responsabile in campo nel bene e nel male, per motivi oggettivi, di anagrafe calcistica, tecnici e di ruolo. Si badi bene, nell’indicare queste  sue gravissime responsabilità non intendo neppure per un attimo attenuare quelle , per quanto  non altrettanto gravi ,societarie nel gestire il suo caso e nell’aver lasciato marcire una situazione che andava risolta prima. Chiediamoci  come mai la quasi totalità dei tifosi viola pur non infierendo su di lui, pur pronta ad applaudire fino all’ultimo le sue buone giocate, pur consapevole del suo  valore, lo mal sopporta in maglia viola. Chiediamoci come mai  per la quasi totalità dei tifosi viola l’assenza di Montolivo nel trionfo di ieri a S.Siro è stata la ciliegina sul dolce che ha reso tale trionfo  semplicemente perfetto. Anche se lo so che ve la state già passando benissimo, RI-BUONA PASQUA A TUTTI!

    RispondiElimina
  2. Colonel Blimp8 aprile 2012 11:03

    Spero che la postazione accattata mi passi il Disqus e mi permetta di aprire finestra imprevista sui miei amici del VTF (Vero Tifo Viola). Riparto da Tocca: ora mi fa fatica riaprire il sitone e non ho tempo (devo aiutare per i preparativi, una cosa odiosissima, io sono un radical chic che non per nulla frequenta questo salottino radical chic e voto per la donna schiava, incatenata ai fornelli e all'aspirapolvere: viva le donne di destra o qualunquiste o comunque sottomesse nunc et semper!) ma non ci sono soltanto le due incomprensibili insufficienze (quella a Kharjà, anche per motivazioni, degna del Dell'Olio dei tempi d'oro, o a meglio dire di princisbecco), ci sono le sufficienze risicate per non pochi, c'è (se ben ricordo) un 7 scrio scrio a Delio (e quando ha commesso disastri prendeva 5,5: una scala numerica mediocremente appiattita, come succede ai pavidi e nel giudizio sfuocati insegnanti), come se si volesse gettare acqua sul fuoco per una vittoria malaugurata. Circa la Fenech: sì, il problema del sito è la mancanza di femmina; non che io auspichi lo sbarco delle montolivette (due delle quali hanno il pacco, peraltro) ma se continua così e Pollock non pubblica nemmeno qualche foto o Tocca non mi rifocilla con regolarità con video sapienti, la prossima volta che facciamo risultato ed esco fuori dalla gioia (ancora roco per i berci di ieri al gol di Amauri, con la vecchia che abita da sola i 150 metri sopra mio cognato, gallico acalcistico anche lui sbalordito dalla mia follia, a battere con la scopa sul pavimento e a gridare «Mais vous êtes tombés fous???»), rischio di farmi Jordan di brutto. Su Monto, il Chiari, Deep e Tocca hanno detto tutto, il male che ha fatto è difficilmente calcolabile, tornare a lui in questo finale di campionato mi sembrerebbe una regressione colpevole e dannosa, così come riproporre Gambero (ma ve l'immaginate ieri cosa sarebbe stato con lui in campo?). Sono d'accordo sulla sfortuna in certe gare, ma essa è stata cercata, esattamente come la buona fortuna quando premia. Però è vero che quando il Padrone c'è e si vede, si tocca, si palpa, i risultati parlano: non c'è solo demagogia strumentale, Jordan, nel rimproverare la sua latitanza, e questo anche lui dovrebbe capirlo. Berlusconi e Agnelli il tempo lo trovavano (di Zampa e di Preziosi non parliamo, per cortesia, oppure, per dirla col Buzzanca tante volte partner proprio della Fenech ma in quel caso di Delia Scala, donna di fascino disumano, dovrò dire «Mi vien che ridere!»)

    RispondiElimina
  3. TOCCA L'ALBICOCCA8 aprile 2012 11:11

    Dibatteremo in serata o domani del match,in questo momento ho la socera a ore 6 (alle spalle in gergo militaresco),insomma mi trovo nella stessa situazione di Mexes con Amauri ieri pomeriggio,non mi posso distrarre...

    RispondiElimina
  4. Colonnello, guarda che il giorno prima, quando ancora nessuno (e nemmeno io) sapeva del blitz di Diego con la squadra, avevo scritto un articolo intitolato "Il ritorno di Diego". Quanto conti e quanto fosse già ventilato lo so quindi bene, però non si può pretendere che faccia il De Laurentiis che dal calcio prende il 70% del fatturato. Tra questo e distaccarsi completamente come ha fatto negli ultimi due anni, c'è il giusto mezzo, che vuol dire perdere almeno un po' di tempo, una tantum, per organizzare il tutto, e far sentire che c'è.

    RispondiElimina
  5. Concordo in tutto e per tutto con Chiarificatore e col Colonnello (ho notato anche io delle pagelle un po' troppo soft in alcuni casi e troppo poco in altri, Kahrja ne è esempio lampante).
    Comunque Tocca, 'un so te ma io preferisco avere la mi sòcera a ore 6 che uno come Amauri, dice che fa ombra!!!

    RispondiElimina
  6. Colonel Blimp8 aprile 2012 18:22

    Siccome ho qualche ruttaccio da sfogare, mio cognato offre ancora ospitalità informatica e per rivedere Matisse la prenotazione del taxi è alle 18,30, ho giusto il tempo per puntualizzare su Montolivo: che sia superiore a Kharjà è chiaro, di tanto poi non così chiaro, che negli ultimi anni lo abbia dimostrato ancor meno. Kharjà quest'anno è stato limitato dagli infortuni, dalla follia ferroviaria e dall'ostracismo dei tecnici, non troppo giustificato visto il contesto stagionale. Se quando tutto gira anche Kharjà gira, è vero tuttavia che nulla gira se cominciamo a regalare due uomini, uno in difesa (l'osceno Gambero) e uno a centrocampo, appunto il melenso assente-presente, il cui contagio, nell'antiprofessionalità, è stato dirompente. A tal proposito, vorrei mettere in guardia contro la tabula rasa: questa rosa è valida, solo da integrare con due grossi centrocampisti (l'euclideo Romizi già potrebbe coprire un ruolo e allora sotto con un mancino di fascia bestiale) e un centravanti urlatore, prendendo in considerazione la cessione di Vargas, Boruc e Cerci. Il resto (sicuri partenti Natali e Marchionni), sia da campo sia da panca me lo tengo, se Delio, come sembra, ha finalmente superato la fase delle regole (intese come marchese) che l'aveva tutto scombiccherato, anzi me lo tengo stretto, e se Felipe si conferma la chioccia a Camporese la fa lui, e Ljajic sta perdendo il verde e De Silvestri dalle critiche e dalle esclusioni ci ha guadagnato tanto e Romulo è una risorsa che ci sorprenderà e Pasqual non è un fenomeno ma nemmeno un brocco e per la maglia ci sente e ha sempre dato e alcuni Primavera il prossimo anno saranno già sulle rampe e io insomma questa Fiorentina, tornato in trono DDV, me la coccolo come quando da ragazzino passavo mezze ore a guardarmi le foto dei miei eroi, a lisciarmele, a sognarci sopra, manco fossero le passeracee che Pollock ci risparmia in questo sito spartano e, in quanto tale (per etimo culturale), vagamente buchesco.

    RispondiElimina
  7. TOCCA L'ALBICOCCA8 aprile 2012 18:39

    Leggo che molti dileggiano la tesi per la quale senza Montolivo si sia giocato meglio e vinto,con onestà dico che probabilmente non hanno tutti i torti,però chiedo la stessa onestà a chi vorrà rispondermi.Se vi dicessero di rigiocarla con Montolivo stasera stessa voi che fareste,la rigiochereste?Non vorrei che ci si confonda nel confondersi,qui l'unica cosa tutta da dimostrare è che si sarebbe vinto comunque con lui in campo,senza invece non c'è bisogno di dimostrarlo visto che è successo...eh,eh,eh..a dopo buhaioli..

    RispondiElimina
  8.  O Tocca o che discorsi tu mi fai? Uno cha ha vinto lo cacio rigioca lo cacio? Bisognerebbe che fosse grullo a bono! Io e un la rigiocherei nemmen con Messi e Pelè di vent'anni! Ma questo icche c'entra? Io un voglio dimostra' proprio nulla, sto solo confutando la tesi che si è vinto perchè...Si è vinto per tutt'altri motivi e li ho belle scritti.

    RispondiElimina
  9. Quella maglia di Pelè ragazzino al suo primo anno al Santos che ho messo qui sotto magari farà venir le bolle a qualcuno, ma è del Santos, con i gobbi non ci ha mai avuto niente a che fare. Se il nuovo DS, chiunque sia, (ma io sono per Lo Monaco, voi non so), ce ne portasse uno simile, così per gradire e cominciare bene...

    RispondiElimina
  10. TOCCA L'ALBICOCCA8 aprile 2012 19:42

    Icchè tu ti scaldi Jordan,miha parlavo di te,comunque visto che anche una battuta ti fa arruffare il pelo,torno serio e ti dico che queste battute il meglio fico del bigoncio,come lo
    chiami te,se l'è cercate con il lanternino.
    Tutto lo stadio col Chievo sapeva che sarebbe stato ammonito e lui,nel rispetto della sua metà tedesca,ligio al dovere,non ci ha voluto deludere.
    Il sospetto che si sia voluto evitare una prevedibile figura di merda a San Siro è alto,ma si
    può sempre sostenere che il destino cinico e baro gli abbia giocato,dopo Nocerino,anche questo scherzetto.Sfortunato.
    Del resto se questi dubbi avessero assalito chi invece,all'incontrario di lui,la figura di merda si apprestava a doverla fare,si potrebbe sostenere che proprio questa considerazione abbia dato al gruppo dei reduci la forza per dimostrare che chi si estranea dalla lotta...
    Ma la verità è un'altra,e tutti la sappiamo,e cioè che lui lo ha fatto per noi,aveva previsto tutto..quindi anche se non c'era voto 7 e Kharja voto 5 per lesa maestà nell'averlo sostituito con l'aggravante di aver pure vinto la partita,ed anche un bel 5 a Camporese,
    casomai Gamberini se la prendesse a male...

    RispondiElimina
  11. TOCCA L'ALBICOCCA8 aprile 2012 19:49

    Il tono è da intendersi chiaramente scherzoso,non vorrei tu mi sbranassi...

    RispondiElimina
  12. Chiarificatore8 aprile 2012 20:00

    Io invece mi aspetto un bel repulisti, Colonnello, per ragioni psicologico-motivazionali prima ancora che tecniche, e che riguardi tutti i reduci del periodo di Prandelli, non perché siano degli appestati, anzi  quella fu una stagione molto bella,  ma  creò al suo finire rendite di posizione e malcontenti che sono ancora da estirpare. Forse potrebbe bastare un cambio di equilibri nelle spogliatoio a favore dei post prandelliani  e dei nuovi, ma in questi due anni si sono formati anche nuovi e secondo me perversi intrecci. Abbiamo bisogno di una identità e di una personalità di squadra nuove che oggi non ci sono. La possibile conferma di Gamberini, ad esempio,  sarebbe un brutto segnale non solo tecnico. Sui nuovi acquisti siamo d’accordo. Romizi andrebbe riportato subito all’ovile, è, come dici tu,  un geometra del centro campo, un perfetto playmaker,  ha  un grandissimo senso della posizione, è una calamita per palloni,sa trovarsi sempre al posto giusto, non sbaglia mai, è capace anche nei contrasti e nel recuperare la palla, una via di mezzo tra Ancelotti e Pirlo per intenderci. Andava fatto crescere, ma da noi che ne avremmo avuto anche tanto bisogno,  a Bari secondo me è sprecato. Karjia se non ricordo male ha fatto pochi mesi fa un strepitosa Coppa D’Africa, poi venne l’infortunio, in rosa me lo terrei stretto. Stesso discorso vale per Lijajc al quale va data fiducia anche se non  ancora il posto fisso in squadra, ha doti e potenzialità incredibili, non mi preoccuperei come fa Terim ( che saluto da qui e che vorrei qui, mi piace molto, anche nel suo estremismo voluto e provocatorio, come legge le partite e come giudica i calciatori)per la sua muscolatura, anzi non  vorrei che fosse a scapito dell’agilità, da lui ci si aspetta velocità di manovra, capacità di creare superiorità numerica,  estro ed inventiva, alla Giovinco per intenderci. Rossi da qui a fine campionato ha la possibilità di guadagnarsi la riconferma, e tutto sommato me lo auguro, per il suo modo di vedere il calcio e per quello che ha fatto vedere prima di venire qui, anche se qui non lo ha ancora fatto vedere. Certo a San Siro anche lui ha fatto un bel passo nella direzione giusta.

    RispondiElimina
  13. Concordo con Tocca, l'ho detto subito che l'ammonizione se l'era presa apposta perché credeva che a S.Siro avremmo fatto una ricca figura di sterco (sinceramente lo credevo anche io) e lui, visto che lì ci andrà a giocare il prossimo anno, se la sarebbe voluta evitare.....che uomo di merda!!! Comunque come dice il Tocca senza di lui e con Kharja (su di lui concordo con quanto scritto dal Colonnello) abbiamo vinto e a me questo basta, squadra che vince non si cambia.
    Colonnello per quanto riguarda la rifondazione io la penso più come il Chiari, per me abbiamo aspettato fin troppo tempo a liberarci delle zavorre costituite dal gruppo ex Prandelli. Io degli attuali terrei solo Boruc, Neto, Cassani, Camporese, Nastasic, Pasqual, Behrami, Kharja, Salifu e Jovetic. Richiamerei anche io Romizi e manderei in prestito Ljajic x vedere se in un altro ambiente (magari in serie B o in una bassa serie A) riesce ad estrinsecare (mi sento molto Delio Rossi) le sue indubbie doti.

    RispondiElimina
  14. Ma perché continuate a puntare su Romizi come titolare ?! Quale logica seguite per affermare che un giovane sia pronto per la serie A senza che abbia mai calcato il campo ancora; Camporese e Liajc lo dimostrano, ci sono dei tempi per far maturare dei ragazzi, che spesso non vengono mantenuti. Date del bollito a Gamberini e spergiurate sulle qualità, a scatola chiusa, di un ragazzo che ha tutto da dimostrare. Volete un prospetto da titolare nella prossima stagione e magari lottare per l'europa. Non capisco come si possa ragionare di calcio su queste basi. Se Romizi diventerà bravo, e nessuno può saperlo, ben venga in prima squadra. Io sono per farli giocare i giovani, ma gradatamente, un po' alla volta, non puntarci a occhi chiusi. 

    RispondiElimina
  15. Chiarificatore9 aprile 2012 08:00

    Leo, perché continui a stravolgere quello che scrivono gli altri per cercare la polemica a tutti i costi? Pensa che ho scritto su Romizi esattamente quello che dici tu. Dove avrei scritto che va fatto giocare subito come titolare? Si stava giusto parlando, col Colonnello e con Deep, di spogliatoio, di prima squadra, di rosa per l’anno prossimo, non di undici titolare o t’è sfuggito? Ho scritto infatti ben altro, che Romizi andava fatto crescere a Firenze, non lo si è voluto fare? lo si faccia subito recuperando il tempo perduto, perché non la maglia da titolare ma  l’esordio in serie A con la maglia della Fiorentina il signor Romizi  se l’era già meritato in questo campionato, per quello che aveva fatto vedere dando spettacolo ripetutamente in nazionale prima di venire a Firenze e per quello che stava facendo vedere anche a Firenze nelle amichevoli, perché gli occhi per vedere li abbiamo tutti,  caro Leo, infatti ce lo sta continuando a far vedere, ma purtroppo con un  altra maglia. In ogni caso per capire , come chiedi  tu, se  è buono per la serie A, cosa di cui io sono convinto, ma questa è una opinione, bisognerà pur provare a farcelo giocare in serie A qualche volta, o no? E se qualcuno invece in serie A non ce lo ha visto se ne dovrà assumere la responsabilità visto che è il suo mestiere vedere i giocatori, ed il campo sia in nazionale che a Firenze che  a Bari gli sta dando torto. Lo scandalo del  mancato impiego di Romizi nella Fiorentina a fronte di chi è andato in campo a far schifo,lo stanno sollevando anche i sassi a Firenze, e non solo. Quanto ai tempi per farli maturare certi giovani, a Firenze ci sono stati due anni, ma la mia impressione è che in buona misura si siano sprecati per insistere testardamente su  veterani che ci hanno portato dove ci hanno portato. Il punto critico caro Leo, che tu ti rifiuti di considerare in ossequio al non voler criticare Rossi così come facevi  invece con Sinisa  e con gusto( eh,eh,eh), è che la formazione titolare di Rossi è la seguente: Boruc, Cassani, Gamberini, Natali, Pasqual, Berhami, Montolivo, Lazzari, Marchionni, Amauri, Jovetic ( giovane ma già titolare con Prandelli). Possibile che in due anni di schifo della squadra titolare, neppure un giovane talento sia riuscito a scardinare questa gerarchia? Eppure S.Siro, e non solo,  mi pare che abbiano  abbondantemente dimostrato che ce n’erano tutti i presupposti, le possibilità e soprattutto la necessità.

    RispondiElimina
  16. Chiarificatore9 aprile 2012 08:06

    Nella formazione titolare di Rossi ho messo erroneamente Marchionni al posto di Vargas, ma il discorso non cambia.

    RispondiElimina
  17. Sono d'accordo con Chiari, Leo, nessuno di noi ne chiede la titolarità inamovibile, semplicemente di poterlo vedere in campo gradualmente come, secondo me, sarebbe dovuto già succedere quest'anno!

    RispondiElimina
  18. Chiari tu affermi "
    un geometra del centro campo, un perfetto playmaker,  ha  un grandissimo senso della posizione, è una calamita per palloni,sa trovarsi sempre al posto giusto, non sbaglia mai, è capace anche nei contrasti e nel recuperare la palla, una via di mezzo tra Ancelotti e Pirlo per intenderci" Uno così il campo lo deve vedere subito! Non deve essere inserito gradualmente, non deve essere valutato, o meglio, tu lo hai già fatto e con le caratteristiche che gli attribuisci, nel nostro centrocampo attuale,  le deve giocare tutte, da titolare. Ho stravolto qualcosa ?! 

    RispondiElimina
  19. O Tocca ma quando mai ho solo tentato di sbranarti? se te tu scherzi perchè un lo posso fare anch'io? A Kharja e un gli ho dato 5 per lesa maestà, ma nemmen 7 a prescindere per il motivo opposto, ha giocato una discreta partita quando quasi tutti han giocato alla massima continua e quindi è più facile per tutti. Ho tifato per lui come per tutti quelli in viola, anche quell'altro finchè quella maglia gliela fanno mettere. Invece sembra vu vi divertiate a inventare leggende metropolitane più o meno verosimili come questa che si sarebbe fatto squalificare apposta. Ho detto più o meno verosimile, magari anche vera o forse nemmen per sbaglio. Il tuo sillogismo prevederebbe una fronda interna contro l’ex-capitano ma tutte le cronache finora han sempre detto il contrario. Behrami insorse con dichiarazioni pubbliche quando ci fu la decisione di togliergli la fascia, insomma non c’è mai stato nessun segnale che fosse un sopportato, anzi, direi l’opposto. La partita di S.Siro non è stata giocata contro Montolivo, è un falso storico il dirlo e pensare che Delio Rossi non lo rimetta in campo mercoledì è fuori dal mondo, perchè ce lo rimetterà e qui accetto scommesse.

    RispondiElimina
  20. Leo su Romizi gli è preso una fissazione, come succede ai tifosi, che si innamorano di questo o quel giovane, soprattutto se pare perseguitato dai "cattivi". A me piace restare con i piedi per terra e mentre non dico affatto che non possa diventare davvero un punto fermo della Fiorentina futura, nemmeno mi riesce di esserne così sicuro, deve ancora mangiarne di pappa e dimostrarne di cose. L'anno prossimo lo riprenderei ma non ci baserei certo sopra il nostro centrocampo. Insomma quando sarà finalmente andato via l'origine di tutti i nostri mali (per taluni) a sostituirlo non mi basta nè Kharja, nè Romizi, non ci pigliamo per il sellino.

    RispondiElimina
  21. Anch'io ho una mezza fissa per Romizi - tanto per smentire le mie manie sudamericane - e penso che andava lanciato già quest'anno, non da titolare fisso, ma da prima alternativa di centrocampo, ché le partite da giocare non mancano. Sono anche convinto che si sarebbe guadagnato il posto fisso, ma questo è un altro discorso. Come playmaker davanti alla difesa [non come mezzala, né in altri ruoli di centrocampo], sono pronto a scommetterci, è già ora più forte di Montolivo. Come sono pronto a scommettere, con Jordan, che quest'ultimo verrà riproposto da Delio contro il Palermo. 

    RispondiElimina
  22. TOCCA L'ALBICOCCA9 aprile 2012 12:40

    La leggenda metropolitana è stata quella che fosse insostituibile,e l'hanno creata i suoi
    manager e una critica compiacente.
    Si fosse perso,e di questo sono sihuro,qualcuno,non te e nessuno che scrive qui,non avrebbe perso occasione per sottolinearlo e ci avrebbero riempito i'capo sulla tragedia calcistica che la sua dipartita avrebbe comportato.
    Invece s'è vinto,quindi rido e derido io,lui non te sia beninteso.
    Si può dire che forse insostituibile non è?
    Lodi e Bradley,tanto per citare gli ultimi due affrontati,non sono peggio di lui,o,per meglio
    dire non sono peggiori del Montolivo di questa stagione.
    Le dichiarazioni dei giocatori poi te le raccomando,ad esempio,quando pubblicamente
    dichiarano che la squadra è con l'allenatore sona a morto,puntualmente da lì a poco
    l'allenatore salta...
     

    RispondiElimina
  23. Chiarificatore9 aprile 2012 12:47

    Grazie Deyna e Tocca avete scritto meglio di me esattamente quello che avrei voluto scrivere io. Torno ad apparecchiare la tavola e a grattugiare il formaggio. 

    RispondiElimina
  24. Infatti Jordan il nocciolo è questo, sono fissazioni. Descrivere così un prospetto e poi affermare che lo si vorrebbe introdurre gradualmente è un controsenso. E poi si chiede di argomentare. Tocca, non raccolgo perché ti amo eh eh eh eh eh Onestamente è persino inutile continuare a parlarne. Due mesi ed il dente è tolto. Magari se Diego lo blandisce ti tocca vederlo altri 4 o 5 anni come auspica il GAT allora si che son dolori Ah ah ah ah

    RispondiElimina
  25. Chiarificatore9 aprile 2012 13:04

    Leo non solo non è un controsenso è la cosa più logica:un PROSPETTO richiede GRADUALITA'. Il punto è che la gradualità non ci è stata concessa, anzi  è stata mandata via, ma su questo tu e Jordan preferite cambiare discorso e buttarla in caciara, divagando, distorcendo, etc., etc. Quanto alle fisse, ce 'l'ho per il bel gioco, per i risultati, per i giovani di talento come Camporese, Nastasic, Lijajc, Romizi, Romulo che sia Sinisa che Rossi secondo me non hanno saputo valorizzare ed utilizzare quanto e come meritavano e come necessitava la Fiorentina, il tutto in ossequio alla montolivizzazione della squadra e dello spogliatoio.

    RispondiElimina
  26. Montolivo non sarà il male oscuro della Fiorentina ma si avvicina molto. Ha ragione Tocca, in molti pensano sia insostituibile ma è un giocatore come ce ne sono a decine, almeno questo è ciò che ha fatto vedere a Firenze. Per il rendimento che ha avuto quest'anno non penserete mica, Leo e Jordan, che con Romizi (o Kharja) avremmo fatto peggio, vero? No perché se pensate questo allora è inutile parlarne.

    RispondiElimina
  27. TOCCA L'ALBICOCCA9 aprile 2012 18:10

    Leo,un penserai miha che vi voglia provocare,però non è vero che si potrebbe anche non parlarne,perchè per anni abbiamo parlato e straparlato di Marco Rossi,che però a sua scusante aveva il fatto di non percepire nemmeno lo stipendio,eppure non è stato,a mio
    avviso giustamente,risparmiato e la sconta ancora.
    Poi ci sta anche che sia una fissazione mia e di altri però io alle coincidenze c'ho sempre creduto poho e comunque o tutte o nessuna.
    Si dice che non sia una coincidenza che la migliore partita della stagione sia coincisa,appunto,con una maggiore presenza di ADV e DDV però dovrebbe essere
    sicuramente una coincidenza,tanto da non parlarne nemmeno,il fatto che in questa
    partita mancassero proprio quei tre giocatori,l'ex capitano,l'attuale capitano e lo stuntman
    peruviano e senza dimenticare Cerci,che non da oggi,sarebbe troppo facile e vi capirei,ma da mesi andiamo dicendo che sono delle mele marce.
    Lui poi minaccia anche chi sa quali rivelazioni a fine campionato come se qui fossimo tutti coglioni e gli unici svegli invece siano lui e Pallavicino.
    Vorrei ricordare al gatto e alla volpe che degli errori societari ci siamo accorti tutti,non
    c'era bisogna che s'immolasse lui,accettando magari un ingaggio raddoppiato solo
    per farci un piacere ed aprirci gli occhi.
    Come direbbe qualcuno...http://www.youtube.com/watch?v=fa3a50pLmu8&feature=endscreen&NR=1
     

    RispondiElimina
  28. Max che tu pensi che questa annata disastrosa sia figlia, illegittima, di quei quattro che nomini mi sembra un po' azzardato. Penso che non abbia funzionato tutta la squadra, in toto, e non salvo nessuno fino a Marzo. Così come non salvo nessuno fra la dirigenza in primis, e la proprietà. Tu indichi nei più talentuosi e dotati, tecnicamente e fisicamente, i mali oscuri dei risultati, io indico la totalità degli interpreti conscio che in campo si va in 11 e non in 7 o 8 e se mi aspetto la "giocata" o la risoluzione di un match fra quelli che indichi mi aspetto che i meno dotati sputino sangue e rabbia mettendoci l'anima. Dato che non ho visto la seconda non capisco perché dovrebbe essere automatica la prima. Si sono adagiati, accomodati, a lungo, su una situazione, su una routine che chi doveva gestire e vigilare non ha fatto. Essendo ragazzi strapagati e straviziati non mi meraviglia che ci siamo trovati a questo punto. Quando il gatto non c'è, il topo balla. E' pacifico che la carica debbano suonarla chi indichi, è altrettanto pacifico che chi porta l'acqua e fa legna agevoli il compito. Io non voglio parlare di Corvino, Cognigni, Mencucci, Teotino, ADV & DDV per dire che i colpevoli principali e responsabili di questa annata sono loro, ma ANCHE loro si. Poi, che Miha sia quello che sia, che Rossi abbia avuto un impatto meno favorevole di quello che credevo non è una scusante, anzi. Ma è chiaro che i responsabili principali siano i giocatori. E loro, solo loro, possono tirarci fuori dalla situazione nella quale ci hanno cacciato. Semplice no ?! Così si spiegano tante cose, non ci vuole molto. Da Marzo il trend è cambiato, non so se te ne sei accorto, ma a Catania -1 punto, Parma -2, Genova -2, insomma, senza la dabbenaggine di qualche singolo, aggiungi 5 punti e guarda dove siamo in classifica. E questo andando al minimo sindacale che la squadra sa o potrebbe offrire. A volte, un episodio, un risultato danno un significato differente alla stagione e individuare in Cerci, Gamberini, Vargas e Montolivo gli autori del "delitto" lo trovo riduttivo. Hanno responsabilità equamente suddivise con i loro compagni. Molti di questi se ne andranno, penso che il prossimo DS lo abbiano già contattato (spero in Lo Monaco) e che sia già stato messo al corrente della situazione, anche se è abbastanza chiara per gli addetti ai lavori, anche quelli esterni. Non credo ad una rivoluzione, salvo Mercafir o che Diego decida, da par suo, di rilanciare di brutto sul piatto, quindi ci saranno alcune cessioni, i parametri 0, e forse un'illustre partenza. Ma se questa viene valutata la strada giusta per il rilancio va accettata di buon grado. Rossi conferma il suo curriculum di ammazza grandi, ma ahimè, conferma anche quello del pallottoliere annesso quando gioca con squadre inferiori sulla carta. Offre un calcio che diverte, cosa che Miha non sa ancora cosa sia, un calcio più spumeggiante del santo, ma da semi-zemaniano, anche meno coperto, meno attento alla fase difensiva. E' il suo storico che dice questo, non io. Ma credo che per i nostri obbiettivi possa andare bene, meglio incazzarsi di quando in quando, centrando l'europa con una certa ricorrenza, che fare campionati anonimi, zeppi di sbadigli per un 11° posto. Spero gli diano una squadra che lo accontenti, se poi fallisce non sarò certo io a giubilarlo, un DS e una proprietà all'altezza faranno quanto dovuto. Mi aspetto una presenza costante dei padroni, perché se credi alle coincidenze, il fatto che dopo 3 anni il padrone si sia affacciato per riportare serenità e richiamare tutti al proprio dovere ha funzionato. Eccome se ha funzionato.

    RispondiElimina
  29. TOCCA L'ALBICOCCA10 aprile 2012 00:17

    Tutto quello che scrivi è condivisibile,e lo potrei tranquillamente sottoscrivere.
    Rimango un po'male sul fatto che non riesci a condividere con me e tanti altri l'ironia che circonda il personaggio Montolivo e il suo entourage.
    Pur essendo una storia umanamente drammatica porta con sè delle punte altissime di comicità involontaria.
    In altri tempi ci saremmo fatti insieme due risate sull'irresistibile cavalcata di Nocerino a suon di gol,manco fosse un attaccante,e con ben due apparizioni al Camp Nou.
    La favolosa risatina con scoreggia annessa nel minuto di raccoglimento prima di far fuori
    Mihajlovic,le sue fans che dal nulla sono apparse nei siti web e la fantozziana assenza
    in quella che probabilmente sarà l'unica partita da ricordare in questo campionato.
    Invece non lo fai,ma non solo tu,e sinceramente mi dispiace.
    Che le colpe principali in generale siano della società,intesa come proprietà e dirigenza è indubbio,che però non si distingua tra le colpe o gli errori di chi i soldi,pochi o tanti che siano,ce li mette,da quelli che invece i soldi li riscuotono è una cosa che faccio fatica a
    capire.
    Contesterò questa proprietà quando lo riterrò opportuno,spero che si cambi rotta in tempo e qualche timido segnale s'intravede all'orizzonte,ma dileggerò sempre e comunque
    personaggi pessimi come il nostro ex-capitano specie quando scivolano su una buccia di banana dietro l'altra,almeno,nel frattempo, mi faccio due risate.
    Sarebbe divertente farlo insieme,se invece ogni battuta che faccio su Riccardino non viene
    presa come tale e tutte le volte si ricomincia da capo con la distribuzione delle responsabilità,il pesce puzza sempre dalla testa e via discorrendo,ne prendo atto e vorrà
    dire che me le faccio e ci rido da solo.
    Poi,s'intende,ti voglio bene uguale...

    RispondiElimina
  30. Tocca, l'ironia su Monotolivo posso anche condividerla. I nomignoli che si è guadagnato (?) sul sitone sono impagabili. Quelli di Terim mi fanno scompisciare ma anche quelli di utenti meno noti non sono affatto male. La tua rabbia, o ironia, è così accentuata perché sei consapevole di perdere un giocatore forte. Fosse un brocco non t'importerebbe niente che si svincoli. Nei tuoi commenti leggeremmo "Fortuna che 'sto brodo si svincola.....anche a 0 euro! Tutto va bene pur di disfarcene" ma dato che i giocatori li sai riconoscere, a denti stretti, devi ammettere che perdiamo un bel pezzo nell'organico. La veemenza con la quale in troppi si scagliano identificando in lui il colpevole principale di due stagioni assurde mi porta, non a difenderlo, e neanche a giustificarlo, ma a fare una disamina serena su quanto vale il giocatore. Tanto. Che questo tanto, negli ultimi due anni, non si sia visto è lampante, ma che pochissimi abbiano dato anche meno che poco lo è altrettanto. Si cerca sempre il capro espiatorio o l'agnello sacrificale da dare in pasto ogni volta che si deve giustificare uno scempio. E' successo con Prandelli, con Mutu, Frey, Gilardino, adesso c'è finito lui nella gogna mediatica, ed in subordine, Vargas, Cerci ed anche Gamberini. Non ci sfiora mai il dubbio che anche fra quelli che rimangono ce ne sarebbe diversi da riempire di scapaccioni. No, più facile con lui, che finirà al Milan (perché non Atalanta o Chievo c'è da chiederselo) perché ci ha tradito, ha rubacchiato due anni di stipendio (ma gli altri no, eh ?!), perché ha avvoltoi che ne curano la procura (gli unici in serie A sembra, mai chiedersi perché in due anni si sono persi 6 giocatori a parametro 0, o regalati.....) insomma, l'unico giuda che abbiamo in squadra e che da tanti viene ritenuto scarso tecnicamente, con uno spessore umano da 2 micron e con una colonna vertebrale di un verme riesce a farsi odiare e far parlare così tanto di lui anche quando non gioca. A me dispiace questo, accanirsi contro l'untore di turno. E' scarso ?! Gioiamo perché lo perderemo. Era bono ?! Capisco questa rabbia, questa ironia, il disprezzo e l'odio che tanti manifestano per ripulire la coscienza anche agli altri giocatori, rei pari suo, di due stagioni orrende. Sai quali sono le battute che mi fanno più ridere di tutte Tocca ?! Quelle che garantiscono che senza di lui giocheremo meglio, che anche Kharja (quello di S.Siro) è sufficiente per sostituirlo, che la manovra ne guadagnerà, la palla correrà più veloce etc.etc. Queste si che mi fanno ridere. Intendiamoci, me lo auguro perché penso verrà preso un valido sostituto, che il centrocampo verrà rimpolpato nel numero e nella qualità, quindi sarà così ma non posso credere che Prandelli, Mihajlovic (oddio, lui non fa testo), Rossi e Allegri siano degli sprovveduti di cui 3 lo hanno sempre schierato e l'ultimo bisognerà vedere se gli farà fare tutte quelle panchine che in tanti si augurano. Se poi si ha l'ardire di contestare le scelte di 4 allenatori differenti probabilmente abbiamo sbagliato mestiere. 

    RispondiElimina
  31. "
    ma che pochissimi abbiano dato anche meno che poco " lapsus, volevo scrivere "ma che tanti abbiano dato anche meno che poco".

    P.S.: Tocca ti voglio bene anche io. Non dubitarne mai. 

    RispondiElimina
  32. Chiarificatore10 aprile 2012 08:54

    Permettimi di intromettermi in questa discussione tra te e Tocca, Leo.  Lo faccio proprio perché anche io non faccio fatica a condividere quanto hai scritto prima. Voglio solo farti presente che proprio per la grande stima che circondava Montolivo a Firenze, le grandi aspettative che esistevano su  di lui, da parte di tutti i tifosi viola, tra i quali certamente il sottoscritto, e da parte della società , la delusione per il suo comportamento fuori campo e poi tutto sommato anche in campo è stata grande. E’ stato UNA COLONNA dei cinque anni di Prandelli, doveva essere per i tifosi e per la società, se non proprio,quasi  il nuovo Antognoni, e comunque LA COLONNA della Fiorentina del dopo Prandelli.  A lui sono state date le chiavi della Fiorentina in campo, naturale che sia da considerare tra in giocatori non l’unico ma il principale responsabile, al di là delle sue prestazioni che non sono state le peggiori ma comunque deludenti in sè e soprattutto in quanto leader, del molto che non è andato bene. Non si tratta quindi di farne il capro espiatorio perché le responsabilità sono di tanti, fuori e dentro il campo, ma in campo lui aveva le maggiori responsabilità del funzionamento della squadra, quindi è naturale che alla resa dei conti gli si addebitino queste responsabilità maggiori, tanto più che quella squadra e quella rosa non erano e non sono proprio formate da sprovveduti, e che quindi un vero leader ed un vero capitano doveva, in campo e nello spogliatoio, saper stimolare, far funzionare ed esaltare da par suo.

    RispondiElimina
  33. Potrei anche condividere Chiari se lui fosse stato sotto contratto (rinnovo) e volesse rimanere a Firenze, ma sono due anni che si sapeva sarebbe andato via. Da un giocatore coinvolto nel progetto, per la maglia e felice di rappresentare questi colori mi sarei aspettato quello che avete scritto tu e il Tocca, da uno, che da due anni, ha deciso di far valigie, sebbene tecnicamente più dotato, mi aspetto un rendimento che oscilli fra il lusco ed il brusco, come tutta la squadra del resto. Fra quelli che rimangono e percepiscono uno stipendio, lauto pure il loro immagino, non ho visto segnali differenti in queste due stagioni, perché additare solo lui, anche quando non gioca ?!

    RispondiElimina
  34. Ringraziamo il Magic Raven del Don se siamo arrivati a questo punto. Non lo rimpiazzeremo con un D'Agostino (che pure era nostro) ma, se ci va bene, con un prospetto da non meno di 7-8 milioni. Un giocatore già fatto di questa caratura non lo paghi meno di una quindicina di milioni. Il Corvino delle ultime 5 campagne acquisti è da ufficio indagini. 

    RispondiElimina
  35. TOCCA L'ALBICOCCA10 aprile 2012 11:27

    C'è del vero in quello che dice Chiari,per quanto mi riguarda invece credo di non essermi spiegato bene,ci riprovo anche sul capitolo proprietà.
    Io abitualmente parlo sempre di recente passato o immediato futuro,probabilmente è un limite,quindi quando parlo di Montolivo lo faccio riferendomi all'ultimo Montolivo,a quello
    che poteva darmi e non mi ha dato e a quello che potrà darmi da qui alla fine.
    Questo Montolivo,e non quello che anch'io ho difeso,per esempio,quando anni fa di là
    qualcuno preferiva Aquilani,da quando ha deciso due anni fa legittimamente di sfilarsi la
    maglia viola di dosso,non lo difendo più e ritengo le sue prestazioni ben al di sotto della
    soglia per cui un giocatore va ritenuto "insostituibile".
    Non lo è,chiaramente non lo è per me,ma non è per questo che mi ritenga superiore a chi
    lo ha allenato,però non mi ritengo nemmeno una merdaccia,nel senso che di partite ne
    ho viste tante,tutte allo stadio e qualcosina ci capisco,non fosse altro per osmosi.
    Certo che sono arrabbiato,e quindi sarcastico,lo sono però per motivi differenti da quello
    che pensi tu.Lo sono perchè è un superbo e si è circondato di personaggi che non mi
    piacciono.Lo sono perchè è così superbo da aver voluto pubblicamente dichiarare,con un campionato intero da giocare davanti,che lui se ne andava.
    Pirlo,e sto parlando di Pirlo non Montolivo,nonostante si sapesse che se ne sarebbe andato se ne è guardato bene dal dare l'impressione di sfidare quello che è stato per anni
    il suo pubblico e che avrebbe dovuto esserlo per un anno ancora.
    Ha evitato siparietti e ha fatto in silenzio quello per cui era pagato,giocare come aveva sempre fatto e non alla meno.
    Lui invece ha sbattuto la porta in faccia ad una città intera e solo il fatto che qualcuno
    lo ha eletto come proprio beniamino nella lotta alla società ha impedito che venisse sommerso di fischi,cavandosela,tutto sommato,con poco.
    Con quel suo bel faccino ha preso per il culo molti,non me.
    Veniamo alla proprietà.
    Ci sono dei momenti in cui conviene fare buon viso a cattivo gioco.
    Io personalmente ritengo che lo stadio sia di vitale importanza per la Fiorentina,se ce lo
    faranno bene,altrimenti,gioco forza,tutto sarà rimesso in discussione.
    Siamo ad un bivio ed aspettiamo,manca poco,facciamoci furbi.
    Nel frattempo si può ancora parlare di calcio,giocato e non,ed anche di Montolivo.

    RispondiElimina
  36. 100% d'accordo con Tocca!

    RispondiElimina
  37. TOCCA L'ALBICOCCA10 aprile 2012 14:32

    Deep,Leo è un osso duro,ma secondo me ci piglia per le mele e in camera c'ha un bambolotto con la maglia n°18 pieno di spilloni..poi arriva qui nel salottino radical chic e si dà un tono..eh,eh,eh...

    RispondiElimina
  38. Beccato! Come volevasi dimostrare........eh eh eh eh eh eh

    RispondiElimina
  39. Ahahahahahahahah pensa che io neppure lo sapevo che Montolivo ha (forse ormai dovrei dire aveva) la maglia n.18.....ho rimosso dalla mia mente tutto ciò che lo riguarda!

    RispondiElimina
  40. TOCCA L'ALBICOCCA10 aprile 2012 18:09

    Sinceramente e sempre col sorriso sulle labbra,Leo,non ti pare una stranissima coincidenza che sia mancato a torino con la Juve,e a milano sia con l'Inter che con il Milan...non avvalorerà del tutto la mia tesi del "chi si estranea dalla lotta" però qualche dubbio lo lascia,o no?

    RispondiElimina
  41. Più d'uno, Tocca, più d'uno!

    RispondiElimina
  42. Direi che sarebbe più appropriato un boia chi molla, ed in questo caso hai perfettamente ragione eh eh eh eh eh eh....

    RispondiElimina
  43. Chiarificatore11 aprile 2012 07:39

    Evidentemente quello che succede in campo ed i risultati relativi, nel sitone sono un optional. Montolivo da Il Muro viene descritto come lo sognavamo, persino più forte di Antognoni. Peccato che non è andata così perché in questi due anni ho visto un’altro Montolivo, senza carattere e leader sì ma del nulla, quelle cose che dice Il Muro gliele ho viste fare solo negli ultimi quindici minuti che ha giocato in nazionale, un po’ poco, sarà perché non ha rinnovato, come dice Leo, ma qualcuno lo avvisi Il Muro. Chi glielo dice Leo e Lele?

    RispondiElimina