.

.

martedì 7 ottobre 2014

Una gragnola di sassi sul parabrezza

E’ martedì e il menù non può che prevedere l’antipasto servito ieri dalla Nanni su Radio Toscana, la solita scarica di parole rese commestibili dal suo scilinguagnolo amico, una gragnola di sassi sparati sul parabrezza del blog con la forza di un camion che ci precede sull’Appennino: “Se la squadra scende in campo con i pantaloncini neri un motivo c’è, e ce lo svela in serata la moviola. Al rallentatore infatti si vede bene che è stata solo una ripicca dei Della Valle nei confronti di Renzi. E sbaglia il Patron, perché non solo il Premier li preferisce a quelli rossi, ma sfrutta la vittoria della Fiorentina per fare uno dei suoi amati spot. Subito dopo gli highlights della Domenica Sportiva, Renzi annuncia che i gol di Babacar e Cuadrado sono solo un anticipo sul TFR. Mazzarri invece che è sempre rimasto fedele a certi colori, si è presentato in sala stampa rosso in faccia di rabbia, in aperta polemica con lo stesso Renzi e con tutti quei tifosi che oggi sostengono che Babacar non sia nero ma diversamente rosso. Infine c’è polemica anche sul nuovo sponsor apparso ieri per la prima volta sulla maglia, perché se c’è una parte del tifo che lo apprezza in quanto rappresenta da sempre il simbolo della macchina del popolo, l’altra, quella cioè che ama di più i pantaloncini neri, per dimostrare quanto sia nella realtà così poco popolare, li invita a portare la Golf a fare il tagliando”. E così la Gaia mi offre il là per parlare anche di un aspetto della nostra vita che ci vede perennemente in lotta nel cercare di riporre con cura le emozioni più belle. Per conservarle al meglio. Buone e pronte all’uso come i carciofini o i pomodori secchi della nonna, ma senza  che rimangono così unte. Visto che l’estate non estate è ormai alle fine non fine, io che amo i colori malinconici e rassicuranti dell’autunno ho una soluzione per seccare le foglie in quel microonde della nostra vita. E questo vale per tutte le cose più belle, il gol di Babacar, le vittorie della Fiorentina tutte, la Gaia che legge le cose che scrivo, basta scegliere le foglie preferite che siano ancora fresche nella nostra mente come quel gol di Cuadrado, o come appunto la voce della Gaia che ci sussurra di un Babacar diversamente rosso. Insomma che siano foglie ancora fresche ed elastiche. Niente foglie secche e già cadute come le sconfitte. Niente delusioni. Basta mettere ogni singola foglia tra due tovaglioli di carta, posizionare il tutto su un piatto da microonde e mettere in forno. Dopo 30 secondi verificare lo stato delle foglie, più la foglia è spessa o umida, più tempo ci vorrà. Se la foglia non è ancora seccata, basta continuare ad intervalli di 30 secondi. Bisogna fare attenzione che le foglie non prendano fuoco, proprio come qualsiasi altra cosa lasciata nel forno a microonde troppo a lungo. Quindi mantenerne il controllo e non aspettare fino a quando le foglie sono croccanti. Perché esse manterranno il riscaldamento e continueranno l’essiccazione per alcuni secondi al di fuori del forno a microonde, e non vale la pena dar fuoco a casa solo perché l’autunno non arriva. Mentre se il lunedì non arrivasse la Gaia ad incendiare il nostro vano scale, mi sembrerebbe già subito inverno.


133 commenti:

  1. Tutto ricomincio' con un'estate indiana. E l' estate indiana ebbi la fortuna di intravederla a Ewanston sul lago Michigan un lontano novembre di 7 anni fa, se ami i colori dell'autunno Pollock e se non l'hai vista ancora e se puoi, ti consiglio di andare a vederla. Ho provato a vederla sul web (ci sono webcam e webcam puntate nei boschi del nord america) ma non e' la stessa cosa.
    Un saluto a tutti

    RispondiElimina
  2. Grazie Corto, e in attesa di vedere quei colori, intanto mi concentro su quelli della Gaia. Così d'Oltrarno.

    RispondiElimina
  3. L'avvento, ancorché sussurrato, di Gaia nel Sitollock, sembra aver riportato quell'ossigenazione da tanto tempo persa. Infatti il bucaiolo padron di casa crede possa bastare una verniciata in superficie per redimersi ed ottenere il visto poetico. Oggi sono pubblicate foto degne di alte esposizioni, una Magnifica Gaia scenica come une sensuelle papillon, una naturale che riporta a Ivo Livi e Prévert, insomma la contrapposizione esatta delle tette e culi che il sanfredianino ci aveva abituato. Potere delle grandi donne..

    RispondiElimina
  4. Lele, non pensavo che la gente di Borgognissanti potesse strutturare anche dei pensieri, vi ho sempre più considerati adatti a ristrutturare qualche bel mezzanino.

    RispondiElimina
  5. Ristrutturiamo anche quelli visto che non c'è verso di trovare niente in vendita. Al contrario di quello che succede dalla parte sbagliata dell'Arno.

    RispondiElimina
  6. Finita l'epoca del soft-core, qui. Immagino proprio di si....

    RispondiElimina
  7. Non vi lamentate di questa mia certa vena, che oggi, e in maniera strumentale, addebitate alle grazie (non il ponte) della Gaia. Mi avete o non avete sempre considerato "il poeta"? Semmai siete stati voi che mi avete corrotto l'anima facendomi scivolare nell'inferno del soft-core!!!

    RispondiElimina
  8. Da noi in effetti ci si vende anche i' culo.

    RispondiElimina
  9. Anche questo!!??! Già scarichi i barili?

    RispondiElimina
  10. Torniamo hard-core...Brolin oggi.

    RispondiElimina
  11. https://www.youtube.com/watch?v=7MMY7Tr1aeg



    Brividi.

    RispondiElimina
  12. Garella è superbo, ma chi è quello sopra? Ce l'ho sulla punta della lingua...Tra l'altro somiglia a un personaggio di Prison Break.

    RispondiElimina
  13. Certo, per apparire bello agli occhi della Gaia!!!

    RispondiElimina
  14. Scusaste se cambio argomento, ma vorrei ritornare, brevemente, sull'assenza del Colonnello. Argomento di ieri, che leggo con un po' d'attenzione solo ora. Conoscendolo meno di (quasi) tutti, forse non dovrei interpretare, ma lo faccio lo stesso. Secondo me siete fuori strada, se pensate che sia scomparso perché ha avuto a che dire con questo o con quello, men che meno con Pollock. In fin dei conti, discussioni più o meno colorite ce ne sono state parecchie, qualcuna anche con il sottoscritto. Secondo me il motivo è un po' più serio. E qui mi fermo, anche perché credo profondamente nel rispetto dei "cazzi altrui". Concludendo, in memoria del blimp, non posso esimermi, sulla purezza della lingua: gragnola non mi piace, boss, anche se si può. Meglio, "cruscamente", gragnuola.

    RispondiElimina
  15. Ci ho pensato prima di scegliere tra i due. Ma sono di San Frediano e alla fine ho scelto di essere popolare fino in fondo. Ricordo ai più distratti che su questo blog il più ignorante sono proprio io.

    RispondiElimina
  16. E adesso vi rivelo un retroscena. Ieri sera intorno alle 23:00 ha scritto I'Giannelli su un vecchio editoriale, probabilmente pensando così di non essere osservato, una manovra insomma. Chi ci sia dietro e perché non so. Io però in qualche modo gli ho fatto capire che tutto osservo.

    http://pollock-pollock.blogspot.it/2014/10/quelli-usciti-dalla-bucchioni-di-milano.html

    RispondiElimina
  17. Non vedo a cosa servirebbe, tra l'altro parla di una cosa avvenuta posteriormente...Scarti senza incertezze l'ipotesi del rincoglionimento?

    RispondiElimina
  18. io sono ignorante e penultimo arrivato, ma non ho mai creduto all'esistenza del Giannelli, palesemente alter ego caricaturale di qualcuno che di calcio ne capisce e si diverte a provocare...

    RispondiElimina
  19. Sono d'accordo con Valtolin, per me non esiste il Giannelli e quella manovra segreta lo dimostrerebbe.

    RispondiElimina
  20. Riprendo qui due spunti che ho letto ieri.
    Fa riflettere la teoria espressa dall'amico di Valto secondo la quale Montella ci vedrebbe ineluttabilmente come un viatico per ben altri palchi e per questo anteporrebbe una linea guida di calcio, piu' per attrarre consensi da rinomate società, che per conseguire il massimo risultato con la nostra.
    Detto che reputo l'ambizione giustificata in ogni professionista, il quadro presunto, non mi pare cosi' campato in aria. Montella non lo dice né puo' farlo, ma da parole e comportamento, un po' questa mira, la si evince. Personalmente spererei che ogni tecnico viola diventasse tifoso come noi, ma la cosa é impossibile. Possibile, anzi doveroso facesse il bene supremo alla causa di chi lo paga, quindi trovo panalmente perseguibile( ah ah ) la citata teoria, che spero rimanga tale.

    RispondiElimina
  21. Ma tu hai le notifiche, come può sperare che ti resti inosservata? E poi, anche fosse, a che gli servirebbe piazzare nel passato un post che parla della partita di domenica? Gomblottista! Che poi sia un personaggio creato ad arte per portare certi concetti disfattisti all'interno dei siti è lampante.

    RispondiElimina
  22. Boh? Io ad un certo punto, in passato, ho pensato che fosse un modo come un altro per "tenere su" il numero dei post, oltre la barricata. Non è che ci stai provando anche tu? Molto meglio la Gaia, nel caso.
    Per oggi, tempo scaduto. A rivederglielo!

    RispondiElimina
  23. tenete conto che gran parte dei fiorentini che conosco, se gli nomini Fiorentina.it, dice "ah sì, il Giannelli, i braccini..."

    RispondiElimina
  24. Le tue perplessità sono anche le mie Deyna, mentre a Ljuka dico l'associazione Gaia-Giannelli è irrispettosa.

    RispondiElimina
  25. beh, che ti faccia riflettere ora, come se la sentissi per la prima volta mi pare strano, avendola tu espressa, se non sbaglio, qualche settimana fa, eheheheh.
    Io non lo escludo, ci sta assolutamente (anche se fino a un certo punto, perché a un tecnico serve farsi conoscere per un gioco ma anche per dei risultati, perciò dubito sempre dell'ipotesi che si possa cercare il primo a discapito dei secondi), ieri sera volevo però aggiungere un altro spunto: a voi, questo tentativo di "fare un gioco da grande squadra" ha fatto così schifo? Perché io mi ci sono trovato proprio bene, personalmente. E credo che l'idea che a Firenze si debba giocare alla Sinisa perché non ci possiamo permettere di puntare allo spettacolo come le grandi sia indice di un provincialismo post-prandelliano che, quello sì, offende i nostri colori e la nostra storia.

    RispondiElimina
  26. con quel coro, brividi davvero.

    RispondiElimina
  27. Babacar:
    Il ragazzo viene acquistato dal lungimirante Corvo ( che si sta prendendo innumerevoli rivincite nei confronti del pretino. Uno comprava i buoni, l'altro li lasciava partire, uno su tutti Osvaldo. Vero che ci son state anche ciofeche, ma il saldo é enormemente attivo, cito Jovetic, Nastasic, Cerci, Romulo, Behrami, coi quali si é fatto tre mercati, e gli attuali Neto e Baba)
    Venendo a El Kouma, sul quale riponevo dubbi di natura attitudinale, quali sarebbero i meriti di Montella? Farlo giocare? Qui, se conferma questo folgorante inizio, siamo di fronte ad un novello Didi Drogba, che ricordo alla sua età non cosi' forte. Neppure il superquotato presunto erede, il certamente buono Lukaku.
    I meriti, all'incirca, vanno al 30/40 % a Novellino, che ne ha stimolato le risorse, il restante tutto a Baba stesso. Ora lo ha messo centravanti, ruolo naturale, ma spero vivamente che non lo sposti largo quando Mario sarà pronto, piuttosto utilizzato come faceva Radice con Pulici Graziani e come attualmente Guardiola fa con Lewandoski e Thomas Muller.

    RispondiElimina
  28. No Valto, sono assolutamente d'accordo nell'attuare gioco da grande squadra sempre che questo non voglia dire correre contro mulini a vento, contro le logiche pratiche per affermare le teorie. Le grandi vincono anche provincialmente e non solo con gioco spumeggiante, per questo devo dire che non sopportavo il Montella dello scorso anno, mentre cerco di intravedere meno testardaggine in questo, in quelli che ritengo suoi integralismi di pensiero. Cerco, ovvuiamente sforzandomi, di vedere del buono anche in partitacce come quella di Bergamo, perché anche le atre vincono male ( viste alcune vittorie dell'attuale Barca assolutamente inguardabili) ma sempre se si antepongono gli interessi viola a quelli del proprio ego.
    Detto che mi son garbate rare partite di Sinisaviola, certamente portatore di altre teorie, chiedo quali risultati avrebbe conseguito Montella con quella disastrata rosa, incancrenita dalla presenza di un traditore, il cappone mosciolivo, rosa degna solo in due tre elementi, primi tra tutti Behrami e Jovetic

    RispondiElimina
  29. Jovetic tra l'altro assente per infortunio per un bel po'... Infatti sui risultati io concessi all'epoca e concedo ora a Sinisa tutte le attenuanti. Gli imputavo e gli imputo l'assenza di una qualsiasi idea di gioco, questo sì. Ma concordo sul fatto che Montella non avrebbe fatto molti più punti di lui, quell'anno.

    RispondiElimina
  30. Non so quantificare i punti, di certo far giocare bene quelli era roba dura.

    RispondiElimina
  31. per me il merito di Montella sta nell'apertura mentale nei confronti di un giocatore che aveva lasciato la Serie A non propriamente in gloria, e che un altro allenatore avrebbe potuto vedere con pregiudizio. Invece, a quanto ne sappiamo, Montella ha insistito perché restasse, quando qualcuno in società voleva venderlo per far cassa (questo dice anche tanto sulla differenza tra il Montella immaginato da alcuni, odiatore di centravanti, e il Montella reale, che pur di averne uno punta i piedi con la società). Un comportamento normale da buon allenatore, intendiamoci, niente di eccezionale. Ma non sono sicuro che altri l'avrebbero fatto (vedi Prandelli). In generale concordo con te, comunque: la grande maggioranza dei meriti sono sicuramente di Novellino e del giocatore.

    RispondiElimina
  32. sì, sono d'accordo, figurati. E meno male che a un certo punto è tornato Jojo, altrimenti...

    RispondiElimina
  33. Sto guardando attentamente da un po' di tempo il Bayern, non perché abbia simpatia per i tedeschi e Guardiola, anzi, ma trovo interessante e innovativo,(questo si', non certo il centravanti arretrato quando hai Messi, ovvero scoperta l'acqua calda) schierare due centravanti sempre e non solo occasionalmente.
    Lewandoski e Muller titolari, con Pizarro che talvolta subentra.

    RispondiElimina
  34. Il gioco da grande squadra è quello che ti fa vincere i campionati, il resto son discorsi. Il gioco da grande squadra è il possesso palla esasperato e sterile senza la capacità di aumentare i ritmi e non un gioco di rimesso con ripartenze fatte con i tempi e le velocità giuste? E chi l'ha detto? Si può giocar bene e vincere col 40% di possesso palla e giocar male e perdere col 70%. Montella gioca così perchè crede di più in questo gioco, perchè ha un organico che mal si adatterebbe ad altro (ma anche qui si potrebbe parlar della storia se nasce prima l'uovo o la gallina), non credo proprio per promozione personale. Sinisa crede più in un gioco di rimessa, più verticale, più veloce fregandosene del possesso palla. In teoria ed in generale, senza con questo dare giudizi tecnici sul professionista, sarei più per dar ragione a lui. Credo sia più facile ottenere risultati così. Comunque si può giocar male in un modo e nell'altro e se la Fiorentina di Sinisa giocava male è difficile giudicarne per questo solo il tecnico. Cone quella banda di vincoli e sparpagliati giocar bene era utopia, in qualunque modo.

    RispondiElimina
  35. Rifiuto la teoria dell'amico di Valto. Che chi allena la Fiorentina sogni il salto sulla panchina del Real è nell'ordine naturale delle cose, ma in certi palcoscenici ci vieni chiamato più facilmente in virtù dei risultati che del mero gioco espresso. Soprattutto nell'epoca d.M. (dopo Mourinho), in cui si è secolarizzato il concetto di "tituli" che a sua volta ha radicalizzato le etichette di "vincente" e "perdente", con quest'ultima inesorabilmente attribuita a tutti coloro che non hanno sollevato coppe da quella nazionale in su.

    RispondiElimina
  36. per ora del Bayern quest'anno ho visto solo la partita di Champions col City, e devo dire che la loro pericolosità in quell'occasione è aumentata parecchio quando hanno tolto Muller e messo Robben. Anche a me l'esperimento pare interessante, però a me un esperimento che prevede di tenere in panchina uno dei 5 giocatori più forti del mondo ha qualcosa che non va...

    RispondiElimina
  37. comunque il colonnello ormai è arrivato a rispondere sistematicamente sul sitone a quello che scriviamo qua, credo ci sia del divertimento, per quanto perverso. Ne approfitto per comunicargli che i dubbi sulla mia identità se li può tenere, se gli servono per giocare e confondere le idee a qualche utonto. Basta che non ci creda davvero...

    RispondiElimina
  38. Ottimo, come sarebbe il non plus ultra vincere sempre come domenica.
    Tra la stagione 81/82 e la 83/84 come gioco espresso, c'era di mezzo l'oceano, ma si fosse vinto a Cagliari, dello stratosferico 352 di De Sisti, lui si' innovatore, pochi si ricorderebbero.

    RispondiElimina
  39. ieri sera mi chiama un amico napoletano, uno dei pochi estimatori di Benitez rimasti in quella città, e mi dice "ormai per quest'anno ho solo due obiettivi: andare a vincere a Milano alla prossima giornata causando l'esonero dell'odiato traditore Mazzarri, e fregare l'allenatore a voi a fine stagione". Ho trasmesso anche a lui quello che ho scritto più volte qui, e cioè che credo che nel bene o nel male Montella sarà libero a giugno, che non gli auguro una piazza ad oggi impossibile come quella napoletana, e che potrebbe essere la stagione dei grandi ritorni a casa: un napoletano a Napoli, un fiorentino a Firenze, un Cholo all'Inter.

    RispondiElimina
  40. In campionato parte sempre con quei due. Certo che lasciare Robben fuori fa pensare, ma forse vuole ottimizzarne le risorse fisiche.

    RispondiElimina
  41. Dai Giannelli che ce la fai a trovare l'editoriale giusto!!!

    i'giannelli ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "San Di Francesco":

    e pensare che secondo tanti esperti montella era un bidone,adesso e' all'improvviso un genio del calcio...e comunque sara' dura inserire gomez in questa squadra...gia' con cuadrado non funziona...il piu' adatto per giocare con gomez sara' marin se si reggera' in piedi...

    RispondiElimina
  42. sì, può essere, del resto avere Robben come cambio del 60° è uno di quei lussi assoluti per spaccare una partita che sappiamo Guardiola apprezzi. Boh, devo dire che, sarò rimasto traumatizzato da quella serata in cui stavo nel parterre di ferrovia e me lo vedevo correre contro, cattivo e inesorabile come la morte, però per me è davvero uno dei più grandi, oggi secondo solo a Messi e Ronaldo ma ancora superiore anche ai vari Neymar, Suarez, Cavani, anche all'Ibra di oggi. Al mondiale era irrefrenabile.
    Sull'esperimento del doppio centravanti vedremo, sarebbe una bella innovazione se riuscisse, io purtroppo la Bundesliga non riesco a seguirla, ci darò un'occhiata al prossimo turno di Champions, grazie della segnalazione.

    RispondiElimina
  43. Vorrei, una volta per tutte, ristabilire che non ho nessuna antipatia preconcetta per Montella, giudico e dico la mia in base a cio' che vedo.
    Lo scorso anno, pur con un onorevole quarto posto, ho visto spettacoli tattici veramente scarsi, e se siamo arrivati davanti alle milanesi, é esclusivo demerito loro, pîu' che merito nostro. Ma di questo abbiamo anche troppo discusso e ognuno resterà della sua idea;
    Quest'anno é molto bene ricordarsi bene ogni qualvolta se ne ha la possibilità, che la rosa a disposizione del tecnico é mooooolto buona e completa in ogni reparto, con la sorpresona Baba in cassa, quindi nessuna scusa dietro agli infortuni di Rossi e Gomez. Dietro alle due primattrici, ci possiamo stare bene noi, eccome, altro che sesto posto!
    E soprattutto, battere l'Inter non deve essere una prodezza o eccezione, piuttosto queste debbono essere viste le lugubri esperienze con Genoa e Sassuolo.

    RispondiElimina
  44. che per battere l'Inter di domenica non ci volesse un miracolo, è vero. Che una rosa con due ventenni esordienti in Serie A come prime opzioni offensive sia automaticamente da terzo posto, invece, mi pare un'ipotesi un po' ardita. Con Rossi e Gomez, sarei stato d'accordo con te. Ma se Baba e Berna faranno bene sarà stata un'eccezione, non la normalità. Normalmente le "grandi" tengono quelli come loro al Sassuolo o alla Sampdoria, non ci fanno i campionati.

    RispondiElimina
  45. Montella credo che in quelle condizioni sarebbe andato in B, o si sarebbe dimesso. Non credo la lotta per la salvezza sia roba per lui...In quegli anni bui ci han salvato Boruc, Behrami e Jovetic, ed anche Nastasic, da giovanissimo, si fece onore. Per il resto, buio e raccapriccio, Montolivo in testa a tutti.

    RispondiElimina
  46. ma i'giannelli - non la persona, ma il personaggio di fantasia, intendo - secondo voi, è mai stato reso felice dal tifare fiorentina? siccome è la cosa che a me vien naturale, ma certo, se dovessi esser frustrato ogni domenica non mi farei remora alcuna a lasciar perdere.

    ad ogni modo, non so, ho la sensazione che fra un po' comincerà a tirare una brutta aria su questo blog, e me ne dispiacerebbe moltissimo se venisse inquinato, perché anche quando ho poco tempo per scrivere come ultimamente, passare di qui e leggervi - di fiorentina, cibo o di cazzate qualunque - è sempre piacevole.

    RispondiElimina
  47. Non ti preoccupare, I' Giannelli non potrà mai essere peggio di uno di Borgognissanti. Se invece lo fosse, ci penserò io a ristabilire l'equilibrio grazie a uno strumento democratico come la censura.

    RispondiElimina
  48. DEYNA, era Ruben Sosa!!

    RispondiElimina
  49. L'"adorabile" DON DIEGO, diventato "il tecnico" COLONNELLO BLIMP, sta completando la sua trasformazione in "prezzemolo"-cambia-prospettive.
    So che stai ardentemente leggendo, COLONNELLO, ma ti (non Mati...tuo protetto) prego di tenere bene il punto su alcuni giocatori, non puoi (tua abilità) scrivere con giudizi indefiniti e da assemblare che poi a seconda della prestazione mettono in luce il tuo lungimirante parere "a cose fatte".
    La maieutica ti appartiene, la demagogia no. Tu osservi ma sei osservato.

    RispondiElimina
  50. Lele qui non sono d'accordo, perchè pur riconoscendo l'enorme potenziale (in parte già diventato realtà) del Baba, e mettiamoci pure quello di Berna, è sacrosanto quello che dice Valto sui giovani. E ci aggiungo pure la questione della panchina, fondamentale per avere la meglio in partite stronze come quelle con Sassuolo e Genoa. La Roma ha sofferto contro Parma e Verona, al 90' le ha sfangate, dopo aver fatto i cambi in attacco (tra Totti, Destro, Gervinho, Ljajic, Florenzi, togliendo a 20 dalla fine una volta gli uni per gli altri e la volta dopo viceversa), noi fin qui oltre agli eterni assenti (Gomez, Rossi, Marin) abbiamo talvolta fatto i conti anche con le assenze degli esterni con potenziale offensivo, ritrovandoci col solo Ilicic e i due giovani a dover gestire una partita e per giunta anche quella di 3 giorni dopo. L'Inter di domenica era una squadra di morti di sonno, ma se due gran giocate individuali non li ammazzano in 20 minuti, potevamo ritrovarci nuovamente 0-0 a 20' dalla fine a chiederci se avevamo un Destro e un Gervinho freschi freschi da mettere.

    RispondiElimina
  51. Facendo un misto degli utlimi 50 di ieri sera con i primi e altrettanti di oggi cosa devo commentare? Della Gaia penso un ci sia da dire nulla, si commenta, bene, da sola. Sul giannelli e sul colonnello avete già scritto di tutto, di più. Magari potrebbero essere la stessa firma, chi può dirlo? Non mi stupisco più di niente, virtualmente parlando. Per me la fotografia perfetta l'ha scattata Jordanone in un post di ieri sera ed il mio pensiero sull'elemento è pari pari a quanto scritto da Stefano.

    p.s. per Sopra, tutte quelle facce, con molti altri ex campioni erano riportate sul sito della gazza qualche giorno fa, Sosa, ottimo giocatore, non lo avevo riconosciuto nemmeno io.

    RispondiElimina
  52. Lele, sull'Inter, me compreso, facevamo ben altri discorsi non più tardi di una decina di giorni fa...

    RispondiElimina
  53. C'erano anche questi, LOUIS?

    RispondiElimina
  54. In parte anche compreso me, alla vigilia del campionato avevo ipotizzato Juve-Roma prime distaccate dalle altre due, e noi con Milan, Inter e Napoli a contenderci ad armi pari le piazze dalla terza alla sesta. L'Inter più forte di noi non l'ho mai ritenuta, men che meno con Mazzarri che ho sempre ritenuto un allenatore buono per salvare la Reggina ma troppo ottuso per una big, anche se le due scoppole prese contro Cagliari e noi vanno ben oltre ogni mia aspettativa.

    RispondiElimina
  55. sì, le foto sono proprio quelle...

    RispondiElimina
  56. Non fà una piega...!!!

    RispondiElimina
  57. Madonna come sta! Eccolo in Prison Break:

    http://www.flash-screen.com/free-wallpaper/uploads/200809/icos/1220410974.jpg

    http://img4.wikia.nocookie.net/__cb20110729090331/prisonbreak/images/6/60/Wade-Williams-3-500x375.jpg



    Comunque era fortissimo Ruben Sosa, mi piaceva un sacco...Un'estate ci furono insistenti voci su VCG che voleva costituire la coppia Bati-Sosa

    RispondiElimina
  58. Caniggia è meraviglioso.

    RispondiElimina
  59. la migliore di quella serie, per me, era questa...

    RispondiElimina
  60. sarà che non sono fisionomista, ma l'unico che riconosco è Caniggia...

    RispondiElimina
  61. Ciao Lele,sul concetto delle Milanesi arrivate dietro per loro demerito,mi trovo abbastanza d'accordo,ma giudicare l'operato di Montella lo scorso anno,personalmente lo trovo davvero arduo,poichè si dovrebbe tener conto di troppe cose che hanno negativamente influito sul rendimento generale.Come fai notare giustamente,quest'anno la rosa si è rinforzata notevolmente nei reparti,questo fà si che il "libretto delle giustificazioni" và esaurendosi,anche se continuiamo a far meno di un certo Rossi(ahimè).Vorrei riconoscere anche i meriti della permanenza di Berna e Baba,presumo siano dovuti perlopiù a Vincenzo,con conseguenti prese di responsabilità,quindi sicuramente sarà per lui un anno decisivo,nel bene o nel male.Personalmente credo molto nel terzo posto,non solo lo spero da tifoso.Battere l'Inter,sulla carta è più difficile che aver la meglio su Sassuolo e Genoa(pur se non è scontato)anche se sono sempre tre punti in palio e non di più,vincere contro le strisciate,ha un fascino diverso.Giustamente,come scrivi Te,non dovrebbe essere un evento,ma la normalità.Saluti

    RispondiElimina
  62. A proposito di assenti, Leo e Foco che fine hanno fatto?

    RispondiElimina
  63. A me basterebbe che il Baba facesse 1/3 di quello che ha fatto l'immenso Bati...

    RispondiElimina
  64. anch'io consideravo Inter e Napoli come nostre concorrenti alla pari per il terzo posto, ma a ranghi completi. Senza Rossi e Gomez la nostra rosa diventa sensibilmente inferiore alle loro. E lì entra in gioco la differenza tra un buon allenatore come Montella e un buffone come Mazzarri...

    RispondiElimina
  65. Foco ha messo su un centro massaggi farlocco a Caracas, Leo non so.

    RispondiElimina
  66. Non mi sono risparmiato di esprimere qualche perplessità su Montella (soprattutto da gennaio a maggio 2014), ma alcuni di voi li trovo ingenerosi su tutti i fronti. Deyna, un campionato per la salvezza l'ha fatto a Catania chiudendo a metà classifica con obiettivo in cascina con larghissimo anticipo, non senza prendersi responsabilità pesanti, quale ad esempio tenere in panchina il bomber dell'anno precedente nonchè idolo di casa, lasciandolo poi partire a gennaio, e dimostrando in seguito di averci visto giusto, dato che nei due anni e mezzo successivi Maxi-Cono non ha combinato una sega da nessuna parte.

    RispondiElimina
  67. Apperò!!!

    http://www.violanews.com/altre-news/ferrero-su-delio-rossi-guadagna-senza-fare-niente-io-mi-vergognerei-20141007/

    RispondiElimina
  68. Riconosco solo Caniggia e Virdis, questo con la camicia a quadri non so chi sia, ma ha un non so che che mi fa pensare al Napoli

    RispondiElimina
  69. In effetti nel Napoli c'ha giocato, ma prima ha fatto faville da noi...

    RispondiElimina
  70. Erano Branco e Berthold, LOUIS.

    RispondiElimina
  71. Parlavo della situazione particolare nello sfascio fiorentino...Anche Sinisa prese il Catania sul fondo e lo fece risalire, ma era una situazione sana, là. Con le mele marce avrebbero fatto malissimo tutti, Montella compreso, che anzi in una situazione del genere credo avrebbe fatto peggio di Sinisa. In un progetto tecnico diverso, basato su un certo tipo di gioco come ora qua, claro che preferisco Montella...

    RispondiElimina
  72. Schumacher il portiere

    RispondiElimina
  73. Il primo è Branco, l'ultimo Caniggia.

    RispondiElimina
  74. Colombo partito da Palos, Ferrero da Genova; uno ha scoperto l'America, uno l'acqua calda.
    Attendo una sconfitta del Doria contro la Juve o una grande con arbitraggio scandaloso, solo per vedere-lo spero- uno show di Ferrero...

    RispondiElimina
  75. Fantastico. Inutile chiedersi che vino sia...

    RispondiElimina
  76. anche perché in una piccola ci sono mille fattori... Guarda Maran a Catania: il primo anno ha fatto anche meglio di Sinisa e Montella, il secondo il baratro...

    RispondiElimina
  77. Siete troppo pronti a farvi trascinare dal presente e dalle antipatie. Mazzarri è arrivato anche secondo col Napoli ed ha fatto bene quasi dappertutto. Con questa Inter non deve esser facile per nessuno, ma credo che sia più un problema di proprietà e di ambiente a questo punto.

    RispondiElimina
  78. eheh, con un amico milanista e fan sfegatato di Virdis da ragazzino abbiamo in programma di andare a berci un bicchiere di cannonau da Pietro Paolo appena c'è l'occasione di passare per Milano...

    RispondiElimina
  79. Comunque se il Coronel non vuol tornare a malincuore l'accettiamo, ma che almeno ci mandi in risarcimento il Marquis Martelloni, o almeno un po' di fiha [scusa Gaia]!

    RispondiElimina
  80. Berthold? Sembra Dan Aykroyd

    RispondiElimina
  81. Mi piace molto il cannonau...Specie se accoppiato al casu marzu, che non è certo per i deboli di stomaco. Virdis era un bel giocatore, perse un po' di tempo alla juve agli inizi, ma poi si fece valere.

    RispondiElimina
  82. Se si gioca col doppio centravanti vero lo svizzero si ammazza. O forse non se ne accorge nemmeno e dice che uno è un'ala e l'altro un falso nueve?

    RispondiElimina
  83. dipende: se perdessimo, sarebbero due centravanti, imposti da Pradé che di notte ha sequestrato Montella dettandogli la formazione; se vincessimo, sarebbero un "esterno alto" e un "falso nove", geniale invenzione montelliana...

    RispondiElimina
  84. Presto l'Inter richiamerà Matías Jesús Almeyda...

    RispondiElimina
  85. Regna uno strano clima in questi giorni fra utenti del sito e del blog.Leggo di scambi incrociati di pensieri in spazi contrapposti,ma non entro nel merito di cose che non conosco,essendo l'ultimo arrivato quì e partecipando da poco più di un anno nel sito.Le foto postate da Pollock quest'oggi avvalorano senz'altro la sua nomea di poeta,chissà non vi sia un nesso con l'attuale condizione ambientale iniziale.L'autunno richiama all'unicità tipica dei colori,alla beltà dei paesaggi con relative foschie,ad un passaggio di solarità verso l'oscurità dell'animo inteso come malinconia,tipica dei poeti,che"catturano"questo momento,fonte d'ispirazione e di stati d'animo da trascrivere,fotografare o semplicemente custodire nell'animo,solo a Lui è dato saperlo o chi percepisce vibrazioni tra le righe se sentito chiamato in causa.Mie impressioni ovviamente,non di settembre ormai passato,bellissima poesia canzone della Premiata Forneria Marconi,ma Ottobrine.Sul capitolo Blog,credo vi siano pochissime differenze tra questi ed i social-network,una su tutte è l'identita che quì è rappresentata da un nick(o più di uno),nell'altro vi è la vera identità(o presunta vera).Fin quando non interviene la censura,è concessa fin troppa libertà su ambedue le situazioni:quella di giocare,"cazzeggiare",discutere,ironizzare,moltiplicarsi,inventarsi,dividersi e chi più ne ha più ne metta,ma anche trattare argomenti seri e leggeri,leggere piacevolmente qualcuno,confrontarsi,avvicinare contatti lontani,può veder nascere"amicizie"virtuali, insomma la materia è complessa e tratta molti punti di sociologia e scienza di osservazione di fenomeni sociali,in conclusione ritengo sia importante l'atteggiamento che si ha dietro una tastiera,dove a volte possiamo nascondere la nostra identità,ma non il nostro modo di essere...Abbiamo i mezzi per capire e scegliere,anche se spiriti liberi nel web.Scusate se non ho parlato di calcio quest'oggi,ma se ne sta già parlando abbastanza,persino in parlamento.Sosta salutare,soprattutto per la Fiorentina,che dovrebbe recuperare qualche pezzo mancante per un puzzle che immagino bellissimo,con i colori dell'autunno.Saluti

    RispondiElimina
  86. Ho sbagliato, va detto. Un po' su tutto, credo. Bene, sono contento (forse).
    Aspetto con trepidazione i post de i'Giannelli (chiunque lui sia) al posto giusto, i non rimpianti di Stefano, le perplessità del Sopra, le dichiarazioni di Pendel e di Deyna, il CD della PFM (molto spesso ritornano, sempre più bianchi), le lamentele di Mazzarri (di riffe o di raffe la sistemerà, l'Inter, e ci romperà le scatole), i rigori per la Roma (e per la Juve, ovvio), la fuga di Montella ed i post della Gaia (che rispetto, checché ne dica il boss). Ma su gragnola, no. Non cedo nemmeno di un millimetro. Gragnola? Brutto!

    RispondiElimina
  87. http://video.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/twin-peaks-allora-e-vero-nuovi-episodi-nel-2016/179318/178092

    RispondiElimina
  88. http://video.repubblica.it/sport/germania-stoppelkamp-da-record-gol-da-oltre-80-metri/177829/176565

    RispondiElimina
  89. Foco mi ha detto che torna presto. Di Leo non so.

    RispondiElimina
  90. La gragnuola di sassi é una sassaiuola nell' aiuola, maremma bucaiuola!

    RispondiElimina
  91. E se la gragnuola di sassi fosse lanciata da una mariuola, la maremma allora sarebbe maiala!

    RispondiElimina
  92. Deyna, il casu marzu cui alludi è quel formaggio spalmabile con i vermicelli? Se è quello piaceva parecchio anche a me, ma ultimamente non sono più riuscito a trovarlo, e mi hanno risposto che è stato tolto dal commercio, purtroppo.

    RispondiElimina
  93. http://www.youtube.com/watch?v=CwLoE2f8JpI

    RispondiElimina
  94. Dopo tutte le foto di oggi, ne posto una io...


    Al cuor non si comanda, il più grande di tutti...











    https://www.facebook.com/gabrielomarbatistuta9/photos/a.1398921663683330.1073741830.1398914480350715/1500397763535719/?type=1

    RispondiElimina
  95. Sì, è quasi spalmabile, un formaggio caprino "marcio" colonizzato dalle larve della mosca del formaggio, inizialmente. Credo ci sia un'organizzazione a tutela del casu marzu, non so se abbiano ottenuto la continuazione della produzione come prodotto storico...Mi pare che debbano regolamentare il percorso di crescita delle larve, addirittura, ma non ci sono stato dietro.

    RispondiElimina
  96. Beccalossi fuori dal coro: “A Firenze l’Inter si è risparmiata per il Napoli”


    Deve essere letale la frequentazione di certi salottini sportivi, ahahahah


    Lunga vita ai' Masala ed un dolce pensiero per il grande Mario Ciuffi...

    RispondiElimina
  97. altro che Cuccureddu... http://instagram.com/p/t2_X5UBzE7/

    RispondiElimina
  98. Effettivamente, visto che c'erano...





    https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10205005394118654&set=p.10205005394118654&type=1

    RispondiElimina
  99. nella mia si vede meglio, ahahahahahah

    RispondiElimina
  100. L'avevo postata? Boh...

    RispondiElimina
  101. Polster?...no....si....Posti polster o il poster di Polster?

    RispondiElimina
  102. Pollock posso permettermi di segnalarti un refuso nel riquadro delle tue informazioni personali: conusciuta invece di conosciuta. Scusa ma e' una specie di deformazione professionale (anche se non lavoro nell'editoria).

    RispondiElimina
  103. http://www.ilsecoloxix.it/rf/Image-lowres_Multimedia/IlSecoloXIXWEB/sport/foto/2012/02/04/PATO6-F120203195613.jpg

    RispondiElimina
  104. https://m.youtube.com/watch?v=CwLoE2f8JpI

    RispondiElimina
  105. http://ccs.infospace.com/ClickHandler.ashx?ld=20141007&app=1&c=qtypehosted&s=qtype&rc=qtypehosted&dc=&euip=95.238.124.80&pvaid=43e39d7147544ecd80d24b89adb2195b&dt=Desktop&fct.uid=eac0b1412b844a3d966b2f3aee5f1db6&en=wFwOv0Mq3bQrK4mUr%2bVwtBgooLFrS2MRkY5nxbqb7AI%3d&du=http%3a%2f%2fupload.wikimedia.org%2fwikipedia%2fcommons%2f7%2f7e%2fAlexei_Mikhailichenko.jpg&ru=http%3a%2f%2fupload.wikimedia.org%2fwikipedia%2fcommons%2f7%2f7e%2fAlexei_Mikhailichenko.jpg&ap=13&coi=772&cop=main-title&npp=13&p=0&pp=0&ep=13&mid=9&hash=C96720A37064A9DFE069B872EEC58754

    RispondiElimina
  106. bel giocatore, un po matto ma col pennellone accanto formava una gran coppia d'attacco di un bel Genoa...

    RispondiElimina
  107. http://ccs.infospace.com/ClickHandler.ashx?ld=20141007&app=1&c=qtypehosted&s=qtype&rc=qtypehosted&dc=&euip=95.238.124.80&pvaid=d98c7ac21c1142f9ab934fb3fda79cee&dt=Desktop&fct.uid=e631e2d4f0d3485783c1ae30e3a6e907&en=wFwOv0Mq3bQrK4mUr%2bVwtBgooLFrS2MRkY5nxbqb7AI%3d&du=http%3a%2f%2ftmw-foto.tccstatic.com%2fstorage%2falbum%2fthumb1%2f3aafa16d860ddca390ca1c6ecdf3132d-01089-1362674765.jpeg&ru=http%3a%2f%2ftmw-foto.tccstatic.com%2fstorage%2falbum%2fthumb1%2f3aafa16d860ddca390ca1c6ecdf3132d-01089-1362674765.jpeg&ap=5&coi=772&cop=main-title&npp=5&p=0&pp=0&ep=5&mid=9&hash=8F0B976661C9F50634BBDC96583761FF

    RispondiElimina
  108. Mikajlichenko? (cazzo, mi ero dimenticato di lui l'altro giorno quando elencavamo i pochi russi che avevano ben figurato al di fuori dai campionati russi), Elkjaer e Sammer

    RispondiElimina
  109. esatto, il russo della Samp...

    RispondiElimina
  110. Ops ho fatto un casino dell'ottanta, volevo dire nella foto sotto ero indeciso tra Mikajlichenko, Elkjaer e Sammer, questo pelato qua sopra invece non saprei

    RispondiElimina
  111. Beccalossi ha detto: "L’Inter si è risparmiata con Cagliari e Fiorentina per essere al meglio contro il Napoli". Penso fosse una battuta, non che parlasse sul serio.

    RispondiElimina
  112. stefano vienna7 ottobre 2014 23:26

    La foto dell'anno rimane quella dell'editoriale passato. Nenad in mezzo ai tifosi viola ha fatto talmente rosicare i'Giannelli che è apparso sul blog. Io la utilizzo come screen saver con l'aggiunta di una scritta: i terzini non sono il problema!



    A proposito di identità multiple, ma siamo sicuri che il Colonel non sia tra noi già da sempre?

    RispondiElimina
  113. stefano vienna7 ottobre 2014 23:31

    Valero che va a giocare a golf con Batistuta... O Borja scherzavo, dai, un posto in squadra ti si trova.


    P.S.: come vice-Aquilani alternandosi con Mati.

    RispondiElimina
  114. stefano vienna7 ottobre 2014 23:31

    Tipo Dieci Piccoli Indiani

    RispondiElimina
  115. stefano vienna7 ottobre 2014 23:43

    Mati-Valero-Badelj-Marin: quattro vice-Aquilani. Ma non sono troppi?

    RispondiElimina
  116. stefano vienna7 ottobre 2014 23:54

    Ieri poi ho avuto un incubo, un centrocampo Valero-Badelj-Aquilani-Mati.

    RispondiElimina
  117. Io ho avuto un incubo: Kurtic fuori!

    RispondiElimina
  118. stefano vienna8 ottobre 2014 00:11

    Ahahah, bè è un po' lo stesso incubo.

    RispondiElimina