.

.

venerdì 24 ottobre 2014

Forse ho scoperto perché

Ho visto solo il secondo tempo ma in compenso ho mangiato benissimo anche il primo, pesce, “Da Francesco” a Bologna. Lo chef è di Siracusa mentre la ricciola, prima cruda e poi cotta, non so, sicuramente fresca. Ci sono proposte non comuni sui vini e allora ho scelto una bottiglia di “Zanotto col fondo”, realizzato con metodo classico rinunciando così ad utilizzare la denominazione di "Prosecco" per lanciare un prodotto a se già molto apprezzato all’estero. Prodotto a Tarzo vicino a Conegliano, in questo caso il fondo è sinonimo di qualità, i lieviti in sospensione vengono mantenuti in bottiglia durante la fase di spumantizzazione, e saltando il passaggio della sboccatura i lieviti determinando caratteristiche aromatiche peculiari. Saltando io invece il primo tempo mi affido al racconto di “Foco” che ringrazio ”Allora, primo tempo in cui la Fiorentina fa molto possesso per poi provare a verticalizzare sugli esterni, dove si inseriscono Vargas a sinistra ed Ilicic a destra. Cioè i più vivi e propositivi del primo tempo. La prima grande occasione è per Ilicic che approfitta di un retropassaggio  di testa del terzino destro, che lo mette in condizione di andarsene sul fondo e metterla indietro dal lato destro dell'area piccola. Palla perfetta per Berna che viene in corsa ma che, da poco più di dieci metri, la spara alta. Dopo quell'errore,il gioiello sparisce, pur correndo molto, non riuscendo mai a dettare un passaggio o tenere un pallone. Badelj scambia bene con Borja ed i centrali difensivi, mostrando segni di ripresa, tanto che osa un tiro dalla lunga distanza. La palla indirizzata verso l'angolo sinistro, viene deviata dal portiere di casa. La partita, per il tempo in questione, è tutta così, con i nostri che cercano,fraseggiando, di trovare l'imbucata dalle fasce per i centrocampisti che si buttano dentro e i padroni di casa che si esprimono in un paio di attacchi a testa bassa, ben rintuzzati da una difesa dove spicca la calma di Basanta e la fisicità di Richards. Tata, come sempre, glaciale come la miglior birra a luglio. Borja si sta riprendendo il centrocampo, nonostante gli austroungarici continuino a dichiarargli guerra. Pasqual si conferma ai suoi soliti livelli in viola. Il gol viene da una di quelle azioni che ti ho descritto sopra: la palla scorre veloce in fraseggio verso Ilicic che non si fa prendere dalla smania di tirare e serve un gran pallone a Vargassone che si vede ribattere il primo tiro al volo e poi appoggia sulla respinta del portiere. Palla sempre tra i nostro piedi e in un paio d'occasioni, con un po' di freddezza in più in fase di rifinitura, avremmo potuto essere molto pericolosi. Un paio d'entratacce su Kurtic e una su Vargas, testimoniano che i greci non erano venuti per scroccare la doccia calda. Fine primo tempo.” Grazie delle linea Foco, che riprendo per dire cosa? Intanto che Bernardeschi e la Fiorentina a differenza mia si sono mangiati il raddoppio, sono andati cioè più sulla quantità che sulla qualità, e per onestà, dopo le due bottiglie di cui sopra, non è che ricordi molto altro a parte il risultato, e quindi non vorrei fare certe figurucce rischiando come fanno altri di raccontarvi fischi per fiaschi. No, preferisco non raccontare ma sottolineare che questa esperienza sensoriale mi ha fatto capire che dietro a certi errori si possono nascondere tante cause, diciamo delle valide attenuanti. Probabilmente molta gente beve e poi scrive.


96 commenti:

  1. Mettevi due foto "giuste" e potevi anche evitare lo scritto, allora.
    "Che si approfittino della mia opera! Io poi mi approfitterò dell'opera dei miei approfittatori!" (Jodorowsky, che sarà a Trieste a breve).

    RispondiElimina
  2. Se il match coi greci era giudicato delicato e portatore di eventuali crisi, ecco che la risposta è stata netta e positiva. Il PAOK è stato messo in condizioni di inferiorità, nonostante sia una buona squadra. Finalmente Montella ha preparato bene l'approccio alla gara, presentando una squadra veloce e propositiva.
    Come regola vuole, non sono mai i moduli a determinare i risultati, ma l'atteggiamento e come li si interpreta. Ieri mi sono sembrati rapidi nelle gambe e nel pensiero, hanno difeso alto e sono ripartiti negli spazi. Mi ha sorpreso positivamente Ilicic, volenteroso portatore del primo pressing, interprete corretto del ruolo non suo di centravanti giovandosi degli spazi necessari per distendere il suo antiestetico modo di correre. Ottimo il partner Vargas e due dietro invalicabili, Basanta e Richards che sinceramente dovrebbero essere considerati almeno alla pari di un Gonzalo in netto regresso. L'inglese mostra potenza e anche saggezza tattica in una difesa perfetta, che ha visto Tata spettatore non pagante. Non valuto Bernardeschi per non infierire su un giovane, ma siamo mooolto indietro.
    Saluto questa nettissimo vittoria, portatrice di un messaggio inequivocabile e chiarissimo:
    LA ROSA A DISPOSIZIONE DI MONTELLA È RICCA E AMPIAMENTE SUFFICIENTE PER UN OTTIMO CAMPIONATO E EL. Nessuna scusante.

    RispondiElimina
  3. Aggiungo e anticipo: a Milano spero di vedere Basanta e Richards titolari, farei un pensierino a Vargas e Cuadrado larghi ma appena dietro a Baba e Pek finalmente a sedere. Dove non importa basta che non si alzi.

    RispondiElimina
  4. Era solo per dare una mano a chi è in difficoltà. Non come voi che appena uno prende lucciole per lanterne vi mettete a fare gli ecologisti.

    RispondiElimina
  5. Altro che. Nove undicesimi cambiati in coppa poche se lo possono permettere. Alcune riserve sembrano meglio dei titolari. Due portieri bravi

    RispondiElimina
  6. Ho preso nota del ristorante

    RispondiElimina
  7. Rileggendo qua e là i commenti di ieri mi è sorto un amletico dubbio:sono l'unico(o uno dei pochi e rari) che quando la Fiorentina vince godo,godo e godo?Senza andare a spaccare il capello in 4 o cercare il pelo nell'uovo come si suol dire?

    RispondiElimina
  8. Non siamo in molti

    RispondiElimina
  9. il problema di questa fiorentina non sono le riserve, che comunque contro un avversario come potrebbe essere l'atletic bilbao verrebbero asfaltati, ma i titolari...sarebbe servito almeno un gran centrocampista che non hanno preso,perche' pizarro contro certi avversari incide poco...come incidono poco molti titolari...cuadrado non sempre riesce ad essere determinante ed ilicic non ne parliamo...poi c'e' bernardeschi che non mi pare pronto e baba che forse e' la sorpresa, ma non gli puoi chiedere di farti il rossi ed i gol che servirebbero per stare in alto in classifica...con gomez spompato e joaquin brodo...con marin da valutare...come dico sempre la fiorentina, e qui parlo dei titolari, vince quando non trova dall'altra parte chi la ostacola e chi ha delle armi per controbattere. a quel punto i nostri giocatori che a vittorie non hanno esperienza, e nemmeno a certi livelli, non sono in grado ne di controbattere e soprattutto di far girare dalla parte loro una partita che sta andando nella direzione sbagliata....aprite gli occhi!...la nota positiva e' montella che in questi anni ha dato la giusta mentalita' per far si che chi scende in campo su terreni di gioco non facili come quello di ieri, riesce a stare in partita con concentrazione nonostante il livello dei suoi calciatori lasci molto a desiderare...

    RispondiElimina
  10. Tra i vari editoriali odierni leggo addirittura chi scrive con punte di rammarico e di tristezza per aver vinto rinunciando al gioco;gioco chi scrive avrebbe voluto per la Fiorentina.Io sono basito,esterrefatto...LEO dove sei????????

    RispondiElimina
  11. Ti ricordo che oggi ho sollevato un problema serio, molti bevono e poi scrivono.

    RispondiElimina
  12. A proposito di chi non gode...

    RispondiElimina
  13. Tra l'altro ieri abbiamo anche giocato bene, non solo vinto: non avremo fatto il 95% (iperbole dialettica, ndr) di possesso palla come contro il Genoa, ma abbiamo fatto un buon pressing (bravo Ilicic) e creato parecchie occasioni da gol. Dietro non abbiamo rischiato praticamente niente.

    RispondiElimina
  14. POLLOCK, lucciole per lanterne? Dove? Dove sono le lucciole?!?

    RispondiElimina
  15. A parte la caratura dell'avversario, non eccelsa ma comunque non è da sottovalutare, considerato che un'altra squadra italiana contro un'altra squadra greca di alta classifica ci ha perso, la partita di ieri ha dimostrato una volta di più che Ilicic per rendere ha bisogno di spazi larghi.

    RispondiElimina
  16. DKNE1, ieri il mio unico commento é stato sullo spasmo post-eiaculatio sportivo...

    RispondiElimina
  17. Per favor, ANTO, basta con "Salvate il soldato Ilicic"....In Italia gli spazi non ci sono, purtroppo.

    RispondiElimina
  18. http://www.ilpost.it/2014/10/23/video-gol-rabona-lamela/



    Gol in rabona del Divin Sborone.

    RispondiElimina
  19. Guarda, Sopra, è più forte di me, non so neanch'io perché voglio salvare il soldato Ilicic anche se finora ha deluso profondamente; forse perché lui, pur non essendo il fenomeno decantato dal Gat, al Palermo ha dimostrato di essere un buon (forse ottimo?) giocatore e non la pippa inguardabile vista qui a Firenze.
    Mi sembra di essere come Charlie Brown quando gioca a football con Lucy: lui sa che ogni volta lei gli toglierà il pallone facendolo capitombolare, ma ogni volta ci riprova sperando che lei non lo faccia. Ecco, io ogni volta spero che Ilicic si svegli e diventi un attaccante decisivo, anche se razionalmente so che non accadrà mai.

    RispondiElimina
  20. Fantastico... cosa si fa pur di non calciare di destro...

    RispondiElimina
  21. La mia speranza è che peschi qualche perla dal limite, per poterci recuperare 6-7 milioni dei 9 spesi.

    RispondiElimina
  22. chi dice che abbiamo vinto rinunciando al gioco, non sa di cosa parla. Abbiamo giocato, e bene. Da quando la qualità del gioco coincide con la percentuale di possesso palla? Misteri. Sull'1-0 fuori casa abbiamo amministrato e lasciato l'iniziativa anche agli altri, com'è normale, ma non ho certo visto mazzarrismo in campo, ma una squadra che intelligentemente si difendeva e ripartiva, com'è normale che sia.

    RispondiElimina
  23. Che fa parte del gioco del calcio, che è anzi il modo più facile per giocar BENE a calcio. Ma perchè perdete tempo a leggere chi non sa seguire più nemmeno wikipedia?

    RispondiElimina
  24. Ci sono sì basta saperseli procurare, datelo al generale Sinisa e tornerà un giocatore di calcio.

    RispondiElimina
  25. mah, a me il nostro gioco basato sul possesso piace anche. Ma di certo non è l'unico al mondo, e mai vorrei un allenatore che sa giocare in un modo solo, una specie di anti-Trap. Abbiamo già dato con l'originale, grazie...

    RispondiElimina
  26. A me piace quando si è capaci di accelerare e verticalizzare all'improvviso, quando si è capaci di fare pressing asfissiante in fase di recupero palla. Quando si fa titicche-titocche per farselo metter nel baugigi alla prima palla persa mi vien voglia di scendere in campo e prenderli tutti a calci in culo a cominciar dalla panca. Ieri invece per me si è giocato bene, come in genere si gioca bene fuori.

    RispondiElimina
  27. Adesso che ho goduto a sufficienza posso parlare di tattica.Al terzo anno di Montella possiamo affermare che:in trasferta ed in Europa(genericamente) abbiamo conseguito ottimi risultati(tra cui l'1-1 a Torino con i gobbi schiacciasassi);in campionato facendo addirittura il record di vittorie esterne.Nel calcio di Firenze questa è una novità(le vittorie esterne numerose),così come è una relativa novità la mancanza di vittorie interne.Ci siamo sbizzarriti a cercare di capire i motivi.Moduli,atteggiamento,stadio,avversari.Quale che sia il motivo,la realtà ci dice questo.Allora io ho la soluzione:la settimana precedente una trasferta facciamo preparare la partita a Montella,la settimana precedente la partita casalinga a qualcun'altra.si rischia di vincere lo scudetto!

    RispondiElimina
  28. Ilicic è un patchwork di qualità e limiti. È svelto di piede, ma gli manca lo spunto per partire dopo il primo dribbling. È grosso ma non piantato, particolare che gli impedisce di difendere bene il pallone e di prendere un pallone di testa. Ha bisogno di spazi per partire in progressione palla al piede, ma gli spazi larghi lo confondono sulle scelte. Ha un gran sinistro, ma troppo spesso lo usa per spostarsi la palla sul destro.
    Per me il suo ruolo ideale sarebbe stato l'interno destro, ma è un'eventualità che lui ha rifiutato ancora prima del primo allenamento in viola. La sua stagione migliore l'ha fatta nel Palermo di Delio Rossi, dove con Pastore formava la coppia di trequartisti dietro l'unica punta. Quel palermo giocava con un 3-4-2-1 che produceva grossi strappi e pochissimo possesso. Lui e l'argentino agivano in quaranta metri, prendevano palla appena dopo il centrocampo e aggredivano gli spazi partendo palla al piede. Ecco, quel modo di giocare, Ilicic, non l'ha mai abbandonato ed è la causa delle sue difficoltà. Lui si muove come allora, con la differenza che la nostra squadra satura gli spazi col palleggio, portando sulla trequarti avversaria molti effettivi. Torna troppo per poter fare efficacemente l'attaccante e copre poco per poter fare il centrocampista. Per me, ha solo un modo per poter diventare decisivo ed è capendo che deve fare un gioco più orizzontale, limitando la propensione a portar palla cercando di finalizzare tutto il suo movimento alla rifinitura e al tiro.
    Insomma, imparando a fare la seconda punta.

    RispondiElimina
  29. Infatti.... anche da un punto di vista psicologico, sarebbe stato fondamentale che entrasse la magnifica punizione di Roma, quando prese la traversa.

    RispondiElimina
  30. Mah, sarà che lo streaming era merdoso, ma io ho visto un buon possesso palla. Altrimenti non si sarebbero visti un buon Badelj e un Borja in risalita, no?

    RispondiElimina
  31. A proposito di mercato:la Roma,che secondo qualcuno aveva scommesso sui migliori giovani,quelli di prospettiva,diminuendo l'età media(!),pare che voglia liberarsi della giovane scommessa Cole.Ed ha rischiato di perdere l'altro giovane che gioca sulla fascia destra(Maicon) a causa di un carattere che si deve ancora formare;per non parlare della grandissima promessa che gioca in porta(DeSanctis).All'attacco poi c'è quel giovanotto col numero 10,pare promettere bene anche lui.Il vice capitano(capitan "futuro" non a caso),seppur ancora imberbe ha personalità da vendere(strano per un non ancora maggiorenne).E vogliono venire a prendere i nostri,a cominciare da Pasqual.Che nonostante l'età vetusta pare sia degno sostituto del giovanissimo Cole.

    RispondiElimina
  32. nel primo tempo, certo. Nel secondo abbiamo giocato più di rimessa, ma lo trovo assolutamente normale, anche perché abbiamo giocato di rimessa a modo nostro, e cioè puntando a recuperare palla e costruire e non solo a distruggere.

    RispondiElimina
  33. Analisi corretta. Con Gomez qualcosa ha fatto vedere. Paradossalmente, spalle alla porta, gli riesce di fare il play maker dell'area di rigore, se ha attaccanti veloci accanto che fanno movimento.
    Comunque e' troppo lento per la serie A. Non sfondera' mai. Utile in coppa

    RispondiElimina
  34. Riporto un intervento di Cartman visibilesul sitone.Inutile dire che mi trova d'accordo,mi sembra molto lucido e centrato."Il più che positivo turno di coppa,consolida le solite dinamiche che circondano la Fiorentina da tempo.Una di queste è il valutare scadenti le prestazioni dell'anello debole della campagna acquisti,in questo caso Badelj,anche quando sono positive.Il croato,ormai è stato scelto come emblema di un mercato schifoso e anche davanti a partite buone sarà sempre insufficiente.
    Situazione già successa a Liajc,Romulo,Cerci e molti altri,considerati degli Scarsoni fino al momento dell'esplosione e poi insostituibili fenomeni.
    Lo stesso Basanta ha dimostrato,a chi ne aveva bisogno,che un giocatore che disputa 1/4 e semifinali mondiali in una nazionale di prim'ordine può giocare tranquillamente anche in serie A.
    Non sono mai stato tenero con Pradè,ma siamo sicuri che tra Basanta,Richards,Badelj,Marin e gli altri nessuno può essere titolare in Serie A?
    Magari ha sbagliato nel giudicarli Montella?"

    RispondiElimina
  35. Perché noi tifosi tendiamo a dimenticare un particolare: ci sono anche gli altri.

    RispondiElimina
  36. Marin era infortunato. Richards pure. Gli altri li sta inserendo con la giusta gradualita'

    RispondiElimina
  37. Vero Belva.Non ho specificato che mi riferivo essenzialmente alla prima parte.Marin e Richards penso che appena appena abili arruolati e trovata la condizione saranno titolari.Su Marin è una speranza,perchè il giocatore mi è sempre piaciuto(e non dimentichiamo che sino agli infortuni era considerato un futuro campione,di quelli veri.Richards è semplicemente il miglior marcatore tra tutti i nostri difensori.Se i muscoli reggono

    RispondiElimina
  38. Badelj ha giocato spesso titolare anche in campionato, Richards anche al netto dell'infortunio, Marin era rotto. Basanta per me va benissimo, ma vogliamo togliere Savic? A me sinceramente non dispiace avere un'ottima riserva in difesa, una volta tanto.

    RispondiElimina
  39. Adesso faccio la parte del pessimista.Essendo un seguace della legge dei grandi numeri,sia nel bene che nel male,in considerazione che sono 3 anni consecutivi che vinciamo a Milano sponda rossonera(cosa mai verificatasi nella storia della Fiorentina),di riffa o di raffa la serie si interromperà.per questo,solo per questo,oggi metterei la firma per un pari a Milano.

    RispondiElimina
  40. Dk, le considerazioni di Cartman e tue sono, a mio modo di vedere, corrette. Come d'altra parte dice anche Lele, inaugurando la pagina, la rosa è migliorata, rispetto allo scorso anno. Quantomeno nei rincalzi (chi siano poi i rincalzi è un problema di tipo diverso). Non a caso ci possiamo permettere di far rifiatare diversi giocatori, quest'anno. Almeno nel gironcino EL. Rimane un'ultima considerazione, che poi è la maggiore pecca del nostro tecnico, secondo me. Non sempre Vincenzino riesce ad adattare il suo gioco alle caratteristiche dei calciatori a disposizione. Spesso tende, purtroppo, a fare l'esatto contrario. Speriamo che da Salonicco si sia invertita la tendenza. Proprio ieri sera scrivevo: -finalmente respiro. E respira anche la viola, con più spazio a disposizione e più profondità. La palla va finalmente nella direzione giusta, oserei dire...
    Moduli? E chissenefrega.

    RispondiElimina
  41. Cabala a parte, per me invece quello che conta e' essere in ballo e su piu' fronti. In fondo, la linea di demarcazione della scorsa stagione e' stato il giovedi' nero di EL. Con Rossi fuori dai giochi, tutti avremmo messo la firma per passare il turno rinunciando al terzo posto. La sola idea che si possa andare a S.Siro o in qualsiasi altro campo per fare punteggio pieno', e' gratificante.
    Poi vada come vada.
    PS Cuadrado con la Lazio era stanco. Ieri andava a mille, si e' vista la differenza

    RispondiElimina
  42. E' vero, si son presi giocatori di valore simile ai titolari che non li faranno rimpiangere magari, ma che nemmeno aggiungono molto se giocano al posto di quelli. Si avrà quindi più facilità di turn-over o nel superare eventuali problemi di assenze, almeno in molti ruoli, ma non si fa il salto di qualità che si sarebbe fatto con un titolare indiscusso. A questo si aggiunga il problema serio delle punte. Ne abbiamo due teoricamente ottime ma che in un anno e mezzo han fatto mezza stagione (Rossi) in due. Siamo quindi con due ragazzi del '93 e del '94 che diventeranno anche fenomeni, che già son buoni ma che non possono assicurare quella continuità di rendimento che ci vorrebbe per un tiotlare della posizione.

    RispondiElimina
  43. i giovani sono Sanabria, Ucan e Paredes, Brovarone mi dice che il secondo è un crack pazzesco e anche Paredes è considerato da tutti gli addetti come un futuro possibile top..

    RispondiElimina
  44. Se il napuriello si decide a giocare a 3 dietro, lascia la fissazione della difesa a 4 e del centrocampo a 3...

    Se recuperiamo definitivamente Micah, e Marin...

    Se Mario non sta fuori altri 3 mesi per il nulla...


    Se Rossi torna almeno per febbraio...


    forse...

    RispondiElimina
  45. L'usato sicuro

    RispondiElimina
  46. Pizarro fuori almeno 10 giorni.

    RispondiElimina
  47. Io invece lo toglierei Savic per Basanta, Valto, almeno lo si faccia giocare dall'inizio per poterlo valutare compiutamente. Ieri non ha sbagliato nulla.
    Inoltre credo si possa essere quasi tutti d'accordo che Richards per Tomovic, possa offrire un valore aggiunto importante in tutte le fasi ma soprattutto in spinta. Ora, speriamo, come accenna Ljuka, che Montella abbandoni esperimenti tattici e metta i giusti nelle giuste caselle, come ieri. Quindi, non insista con Cuadrado punta come con la Lazio, che vedo invece perfetto esterno destro dieci metri dietro il vertice Baba, con un Vargas speculare a sinistra.

    RispondiElimina
  48. Dopo aver messo un codice alla carta di credito aziendale, onde evitare usi impropri (si può usare solo per aprire la porta del Pollock-bacaro), tipo prelievi per prezzolare utenti che tendono a minare l'establishment viola, vorrei spendere due parole sull'unica squadra che gioca sempre -o quasi- con lo stesso piglio (anche se non piglia i tre punti), con la stessa voglia (che non significa determinazione) di fare risultato: la Fiorentina.
    Per la stampa e i media fa più notizia il pareggio di merda dell'Inter che la vittoria viola, per i media conta più il focolare di contestazione (Terra dei fuochi....cosa aspettarsi?) al Napoli piuttosto che la vittoria viola.
    L'analisi attenta dice che due fattori esterni al campo da gioco inficiano gli onori che la Fiorentina dovrebbe avere; i fattori esterni sono:
    - Moratti lascia l'Inter
    - i Tifosi assaltano il pullman del Napoli
    Questi due accadimenti avrebbero, secondo i dettami dell'educazione, una sola considerazione da fare: 'sticazzi! Ma...'sticazzi veramente!!
    La stampa moralizzatrice che non opera in tale senso- altrimenti di cosa scrive se tutto é sereno?- preferisce sempre ciò che é esterno al rettangolo verde.
    Torniamo al punto?
    Oggi panegirici pro-Moratti (così coprono anche l'oscenitá nerazzurra) poiché "Hanno messo in piazza cose privati, debiti, sofferenze bancarie, difficoltà...", dice l'affossa bilanci; tentare di far passare 16 vittorie in primo piano rispetto a 200.000.000 milioni di debiti é proprio da stampa-dilettante. Mio pensiero.
    Invece di pensare che solo un lontano parente di Sandokan, dal Borneo poteva abboccare all'amo-Inter (e inizino a pensare che tra 2 o tre anni Berlusconi mollerà e non ci sarà anima viva per il Milan, salvo qualcuno che debba rendere un favore al papà di Renzi) e pianificare non solo il rilancio ma anche gli investimenti (silente silente roba da 400.000.000 di euro!) la stampa magnifica Moratti. Altro che "Il vezzo italiano di far grandi cose...", qui incensano un'altro Cragnotti (colui che "suicidò" Gardini, per intenderci!), che lascia una voragine indicibile. Domande sulla prova oscena dell'Inter, a Mazzarri? Zero. Zero.
    A Napoli bestemmie e promessa di mazziate per tutti ma forse Benitez ha il pizzo sui cambi del turnover?
    La Fiorentina? 5a pagina, 6a (per dire), come se tutto fosse normale.
    Ecco il punto: é normale quello che sta facendo la viola? Nel bene e nel male.
    Se un allenatore incide appena il 20% o il 30%, quanto c'é di Mister Montella nella sconfitta di domenica e quanto c'é di Montella nella vittoria di ieri?
    Qui é come nelle cause: l'avvocato vince se il suo assistito ricostruisce tutto per bene (ma l'avvocato non lo dirà mai!), l'avvocato perde se sbaglia mossa (ma non lo dirà mai!). Quindi?
    Stadio infuocato e imbattutissimo, capolista greca, massiccio turnover, la viola veniva da brutta sconfitta e il merito di chi é? Di Ilicic?
    Ieri sera Mazzarri ha detto subito "Oh, avevo tanti titolari fuori, giochiamo ogni tre giorni...", chiaramente lo speaker neanche ha provato a fare il suo lavoro chiedendo "Perché Mister, gli altri giocano una volta al mese? Perché gli altri non fanno turnover?".
    La pacatezza (che molti anche qui contestano) di Montella é proprio quello che invece serve; non esaltarsi troppo per la vittoria, non abbattersi tantissimo per la sconfitta. Dai serenità e riceverai serenità, dai nervosismo e avrai nervosismo.
    Forse perché so già che lo rimpiangerò (come ho rimpianto Malesani) ma io credo che troppo, troppo, troppo facilmente si dimentica che Vincenzo Montella é a capo di un progetto che da due anni é orfano delle due colonne portanti (inutile ricordare i nomi).
    Nonostante ciò continua a far stazionare la squadra in alto (salvo parentesi momentanea), continua a marchiare a fuoco le prestazioni europee.

    RispondiElimina
  49. Ucan può insegnare a giocare al calcio a molta gente, campioni più affermati compresi...Ma lo ricordo un po' lento. Se lo ritrovo vi mostro un suo gol alla Socrates. Paredes è molto forte, ma anche lui ha difficoltà di inserimento in italia.

    RispondiElimina
  50. Adesso capirete perché lascio scrivere i'giannelli, gli voglio fregare la borsa falsa di Gucci alla su donna!!
    Jingle Bells
    Cortese Ludwigzaller, per compiacere Lotitosuperstar, ovviamente: due rigori negati, un'espulsione non comminata, un gol in fuorigioco. Saggissimi, asciuttamente definitivi Paolo Roma e Cartman (quest'ultimo giustamente apprezzato e fervidamente atteso, come leggo, in quel salotto aureo della tifoseria viola che è la Ghita: non si è cooptati là senza grandezza, benché qualche ilota/idiota vi si sia invitato da solo e il padrone di casa ecceda in accogliente clemenza, forse a fini borseggiatori tipicamente sanfredianini). E veniamo a Foco, uno dei massimi intenditori e scrittori viola di calcio nel web, creatura umana di rara qualità: gli segnaliamo la ristampa di 'Pietroburgo' di Belyj, immane capolavoro misconosciuto della letteratura russa, e la traduzione, per i tipi di Fazi, di 'Imagen de John Keats', che Deyna forse avrà letto nell'originale e che è un selvoso romanzo critico in cui la finestra della stanza di Cortázar (unico argentino che sfiderà i secoli: astenersi soprattutto da Soriano, citato dalle fave snob! La raccomandazione vale doppio in sito calcistico) lettore si apre, alla Serra, davanti a lui, col libro in mano e in poltrona, e Buenos Aires entra, luminosa e armonicamente chiassosa, straniando la musa gracile e iridescente di Giannino tisico.

    RispondiElimina
  51. su Richards sfondi una porta aperta con me, per lui stravedo, anche se terzino non è e la sua irruenza in avanti ci provocherà buchi. Fisicità, personalità ed esperienza ai massimi livelli compensano. E Tomovic come riserva è un bel lusso che sono contento di avere.
    Su Basanta per Savic, boh. Ieri Basanta è stato bravo, ma anche di Savic abbiamo poco da lamentarci in fase di marcatura. Io non mi scandalizzerei se si alternassero, ma neanche se avessimo per una volta una riserva forte, no?
    Cuadrado nella linea di trequarti dietro a Baba ha giocato con l'Inter ed è andata bene. A me piacerebbe un giorno vederlo punta alla Gervinho, credo che ne sia capace, ma ci servirebbero Totti e Pjanic in costruzione (magari Marin e Berna, in prospettiva, ma certo non ora), quindi per ora sono d'accordo con te, e a quanto ho capito anche Montella.

    RispondiElimina
  52. Eccolo al 2.20, come si può notare senza alcuna deviazione dei difensori eheh

    https://www.youtube.com/watch?v=_Tp4Y4PIOyg

    RispondiElimina
  53. Ucan dicono tutti che sia potenzialmente un fenomeno, anche se non credo che sia stato comprato per giocare quest'anno...

    RispondiElimina
  54. 4 milioni di prestito oneroso biennale, più altri 12 se lo vogliono riscattare.

    RispondiElimina
  55. Ho letto il libro di Cortazar a fine anni '90, molto bello e sentito, anche se forse qualche pagina è un po' ridondante, a quel che ricordo. Soriano non sarà il grandissimo esaltato da Gianni Minà e latinoamericanisti vari, ma lo trovo parecchio godibile. Una rivelazione per me è stato...Jorge Valdano, non avrei mai sospettato potesse disegnare su carta immagini così pregnanti, su quello che è stato il suo mondo da calciatore. Pietroburgo è un capolavoro indiscutibile, non credo abbia molto da invidiare ai Fratelli Karamazov, ai Demoni, a Resurrezione o alle Anime Morte...

    RispondiElimina
  56. B.C. si, piange.

    RispondiElimina
  57. Una difesa a tre Richards-Rodriguez-Basanta mi pare il meglio che si possa mettere in campo, con ampio spazio a Savic per alternarsi con l'inglese [incline ai problemi fisici, quindi da non spremere] e con l'argentino [che a sua volta può far rifiatare Gonzalo, all'occorrenza].Queste le prime scelte, poi in una stagione c'è spazio anche per Tomovic, ma a questo punto Hegazy deve andare a giocare, dopo due anni di stop non può marcire in panca.

    RispondiElimina
  58. ma davvero vi ha convinto più Basanta in una partita che Savic in 2 anni? Lo dico come domanda vera, eh, per sapere. A me ieri sera è piaciuto, però prima di dire che il titolare dev'essere lui e non Savic, sinceramente, lo vorrei rivedere, anche per la differenza d'età e di conseguenza di prospettiva per la Fiorentina.

    RispondiElimina
  59. Basanta mi ha convinto negli anni argentini...Devo dire che lo trovo un po' calato fisicamente, stacca meno di prima e ha perso un po' di rapidità, nulla di grave comunque. E' molto più intelligente in campo di Savic, occupa meglio gli spazi e vede le distanze, è migliore nel gioco aereo e in impostazione. Va benissimo anche un'alternanza, fatto sta che non può essere trascurato.

    RispondiElimina
  60. Savic: il nostro longevo, per almeno altri 8 anni, centrale. Non ha la classe dei centrali come David Luiz, almeno però compie meno svarioni clamorosi del brasiliano; David Luiz, andato a farsi grande accanto a Thiago Silva, dopo che Ivanovic gli parato il culo a Londra....Ah, quando il look colpisce più della classe....

    RispondiElimina
  61. Punti di vista, hombre....(quindi sono uguali!?? Eh eh eh eh eh....DEYNONE!).
    A proposito ma hai un fluido con le donne? Come le conquisti? Visto sul sitone che hai una corrispondenza di affinità con una virginea donzella con emblema Pontellesco....ah ah ah ah ah ah ah...ve pòssino!!

    RispondiElimina
  62. Ovviamente per tutto il resto son diversissimi, eheh

    RispondiElimina
  63. Non credo a Cuadrado punta, il meglio lo dà in progressione e non ha intelligenza calcistica. Quando parte ragiona poco, Gervinho invece ha i tempi e sa dare anche palla. Io Basanta lo proverei anche se Savic mi sembra un po' maturato.

    RispondiElimina
  64. (E' un discorso già fatto, me ne rendo conto) Se si gioca con la difesa a tre, Savic, che è destro ed è schierato a sinistra ha qualche problema ad impostare con il piede sbagliato: le pochissime volte che l'ho visto schierato sul centro-destra mi è parso molto più a suo agio. Basanta, che se non sbaglio è mancino, si troverebbe molto meglio di lui sul centro-sinistra, schierando dall'altra parte Savic stesso oppure Richards.

    RispondiElimina
  65. Deyna for President! Il grosso limite di Savic è effettivamente quello di essere un esecutore, non male, ma senza il carisma e l'intraprendenza del leader. Non sto parlando dal punto di vista tecnico, ovviamente. Ha i difetti di riccioli d'oro, ma purtroppo non i pregi. Essendo giovane ha ancora, spero grandi, margini di miglioramento. E poi può stare a destra e a sinistra. Basanta, invece, quello è e quello resta. Una giusta miscela non sarebbe male, mettendo anche Michelone tra gli ingredienti, anzi. Potrebbe insegnare al montenegrino qualcosa di utile, per crescere.
    A proposito di Richards, non fateci troppo la bocca... Se conosco Pradé, a fine stagione il nottolone viene rispedito al mittente.

    RispondiElimina
  66. Richards appartiene al filone degli "Anderson", ho capito...

    RispondiElimina
  67. Rientro da impegni vari dal Mugello,ciò nonostante ho potuto guardare a sprazzi il match.Come Pollock(editoriale molto interessante specie la parte eno-gastronomica),ho consumato un ottimo primo piatto andando sul sicuro:tortelli alla Mugellana.Sul tardi vedendo gli highlights in nottata e leggendo qualcosa quest'oggi anche da voi,sembra che la Viola abbia giocato un buon primo tempo.In Europa esistono pochi esami facili,da come abbiamo potuto evincere da questi giorni di Coppe,per cui ritengo che la nostra partita non sia stata affatto semplice,motivo per accogliere con soddisfazione questa terza vittoria in EL,ottenuta con una squadra priva di molti titolari,ma con un'idea di gioco diversa ed interpreti stavolta giusti a mio avviso,per cui bravo Montella.Fiorentina6,5 all'esame in Greco,al contrario della goeba rimandata,come le altre Italiane fatta eccezione del Toro,5 alla stampa che oggi parla di tutto,fuorchè di ciò che deve parlare,ossia proposte, denunce, stimoli per un calcio,il nostro,sempre più alla deriva.Le prestazioni migliori,credo vadano associate a Vargas ed Ilicic,di questo ne sono enormemente contento,specie per lo Slovensk,i cui crediti stanno esaurendosi,di sicuro non per mancanza di tecnica,cosa su cui tutti siam d'accordo;spero possa ritagliarsi anche al Franchi(non per colpa tutta sua)i bonus di permanenza,prima di gennaio.Badelj mi è sembrato sempre ben posizionato,anche se forse un tantino lentino,ma da rivedere.L'Azzurro Pasqual non pervenuto,sembra riservare alla zazzera posticcia le sue doti di aggressivo-cursore-crossatore.Kurtic un pò avulso,Berna non pervenuto,ma non ne farei un dramma,chi pensa di trovare un campione bello fatto in casa già pronti-via-decisivo,deve ridimensionarsi,tempo(vale anche per Baba).Vorrei inoltre che Cuadrado(neo mister 3 milioni sembra)scenda dal piedistallo,non deve dimostrare il suo valore assoluto,bensì quanto può essere importante,anche se lo è indubbiamente.Nel finale invece di tirare(ci poteva anche stare)poteva mettere in condizione un compagno che ne aveva seguito intelligentemente l'azione,davanti alla porta,tale Marko Marin,l'icognita per molti,ma non per me,per quello che ho potuto ammirare in Bundes e riportando parole che hanno speso su di lui voci autorevoli.Non discuto ora sulle "querelle" di mercato venute fuori recentemente,ne se questi giocatori(Marin-Richards)non siano effettivamente stati richiesti da Montella,ma questi due elementi in forma,non solo giocherebbero in serie A(mi fa ridere,con rispetto,chi sostiene il contrario),ma anche in una Viola che lotta per il terzo posto,poichè noi lotteremo per un posto Champions,viste soprattutto le antagoniste.Poi certo,tutto può succedere ,tutto si può dire,il Paok sicuramente oltre l'ardore agonistico non è andato,la lazio lotitiana si è pericolosamente riavvicinata ai poteri(se mai si è allontanata),il milan non ha le coppe,il napoli si riprenderà(i tifosi,meno),ma questa vittoria propedeutica,riporta un briciolo di serenità,in vista della delicata sfida di domenica con un affamato e voglioso milan,ma con ancora molti limiti tecnico-tattici.Non reputo assolutamente scontato il fatto che la nostra striscia positiva contro i rossoneri in trasferta,si debba assolutamente fermare,l'atteggiamento di squadra tenuto oggi mi è piaciuto,procedere please,oggi non firmerei per un pareggio,domenica sera verso le 22,chissà...Saluti.In attesa di Marione,forza Marko,fai vedere chi sei.Alles Gute!

    RispondiElimina
  68. Stefano Armandi24 ottobre 2014 20:27

    100 per cento nella sconfitta di domenica. Zero per cento nella Vittoria di ieri. Montella puo' solo fare danni da qui alla Fine.

    RispondiElimina
  69. per me su Savic non stai vedendo giusto, eppure di tempo per vederlo ne hai avuto, eheheheh

    RispondiElimina
  70. Quindi, se ho capito bene, occupi il prestigioso Palazzo Spada

    RispondiElimina
  71. Come sono i tortelli alla Mugellana?

    RispondiElimina
  72. Già, però la Juve ed altri grossi club europei chiedono Savic e sono pronti ad andare tranquillamente sopra i 10 milioni... Chissà com'è che l'ultratrentenne Basanta è marcito in Sudamerica...

    Io capisco l'enfasi che suscitano gli argentini ed i sudamericani in genere, è successo, qui a Firenze, con lo stesso Roncaglia, eppure che Tomovic era migliore ve lo scrivevo quando ancora imperversava il FacundoFacebookShow...

    Ecco, mi pare che su Basanta (che è comunque tutt'altra cosa rispetto al Fac) si ricalchino le solite strade...

    RispondiElimina
  73. Non dico sia scarso eh, come ho detto in passato anzi credo che possa diventare un centrale forte, in un contesto di squadra diverso, tipo sotto Mazzarri, Mourinho o Conte, anche. In una difesa dove contano molto i sincronismi col centrocampo e la tecnica individuale per impostare, però, lo vedo penalizzato. In marcatura è già bravo, tranne gli errori dovuti ai difetti che dicevo, nel gioco non vedo grandi margini di miglioramento.

    RispondiElimina
  74. Tomovic non è che abbia fatto ste gran cose, eh...Lo vedo come un'onesta riserva, apprezzabile in quanto duttile, ma nulla più. Come ho appena scritto sotto penso che in squadre organizzate diversamente come juve, Inter o addirittura Chelsea, Savic farebbe meglio che da noi. Il nostro gioco ne evidenzia più i limiti che i pregi...

    RispondiElimina
  75. Neachè io conoscevo Pietroburgo, e credo che lo comprerò appena finito di rileggere i due libri che mi porto in giro. L'anno scorso avevo dato fondo alla letteratura russa, rileggendo i capolavori dell'ottocento da Gogol a Turgenev.

    Foco Gipi è molto bravo, ricordo la sua biografia LMVDM La mia vita disegnata male, GIPI è l'erede spirituale del grande PAZ altro fumetto da non perdere e lo dice uno che in generale preferisce altre ambientazioni. Do un consiglio anche io: i fumetti di Cosey dai volumi di Jonhatan (il suo alter ego di carta) ai one-shot, come Viaggio in Italia.
    Grazie a Jingle per la segnalazione anche se non rivolta a me

    RispondiElimina
  76. Deyna, il discorso è molto più semplice, in TUTTE le difese, salvo i Bayern, Real O Barcellona della situazione, c'è SEMPRE un centrale con i piedi un po meno peggio cui viene lasciato il compito di impostare. L'altro pensa a fare il difensore, che se Dio vuole, ancora serve, anche nel 2.000. E ringraziamo di averne uno tignoso che la butta in maratona, mena quando è il caso e quasi sempre senza farsi vedere dall'arbitro.

    Lo so, sono all'antica e l'ho già scritto, ma se non ha almeno un difensore con queste caratteristiche, sei lesso...

    RispondiElimina
  77. la descrizione di Tomovic è corretta, difatti non ho mai scritto che era arrivato il nuovo Vidic....
    ... e quindi se l'altro gli ha fatto (legittimamente) la panca, pensa a che livelli è... ed è finito pure in nazionale... mah...

    RispondiElimina
  78. Esatto. Siamo in occupazione pacifica permanente, col beneplacido delle autorità, cosa da sottolinare. Non è esclusa una piccola trasferta a Firenze, pare che questo fine settimana ci sia un'apericena lunga un paio di giorni dalle parti di una certa stazione eheheheheh

    RispondiElimina
  79. Non avendo fuoriclasse nel ruolo, basterebbe far giocare i centrali a favore di piede. Basanta non è migliore di Savic, in assoluto, però è un mancino che gioca a sinistra, un particolare che sembra una cazzata, ma che in realtà serve a creare meno impacci sia in fase di appoggio che in fase di interdizione. La difesa a quattro amplifica certe piccole problematiche, perché aumenta gli spazi.

    RispondiElimina
  80. Pazienza lo venero. Cosey lo conosco poco, perché sono po' lontano dalle tipologie tipo Eura ( Dago a parte), ma lo prenderò sicuramente in considerazione. GIPI, per me, è un grande scrittore nel corpo di un fumettista.

    RispondiElimina
  81. per la difesa a 4 non abbiamo gli uomini, quelli citati sono tutti centrali di difesa, io penso che l'allenatore faccia semplicemente giocare quelli di cui si fida di più e probabilmente, salvo Richards che quando sarà in condizione entrerà tra i titolari, quelli che vediamo sempre dall'inizio sono quelli che ritiene i migliori; faccio notare che alla lunga sulle scelte Montella ha quasi sempre avuto ragione, soprattutto sui difensori, vedasi appunto il dualismo Tomovic/Roncaglia...

    p.s. per me quella del piede di calcio, per un difensore, non è una priorità e conosco molti allenatori che mettono altre peculiarità come prevalenti per il ruolo.

    RispondiElimina
  82. Palazzo Spada? A Roma? Dove c'é la Biblioteca del Senato?

    RispondiElimina
  83. Infatti parlavo di problematiche della difesa a quattro per i centrali.

    RispondiElimina
  84. sì, anche io penso sia un problema di caratteristiche, comunque Basanta mi piace ed è sicuramente un elemento che ha rafforzato il complesso difensivo, lui al posto di uno dei titolari non indebolisce il reparto e non è affatto poco...

    RispondiElimina
  85. Beh insomma, ragione...La finale di CI l'abbiam persa per la mossa Tomovic su Insigne, Roncaglia a tipi così non ha mai fatto toccar palla. Facundo ha dei difetti [scarsino di testa, a volte eccessivamente irruento], ma era nettamente il più veloce dietro, marcava bene, e aveva un bel tiro. Certo da terzino rendeva molto meno, ma nella difesa a tre sarebbe andato bene anche quest'anno.

    RispondiElimina
  86. E questa...?

    RispondiElimina
  87. lo davano in quota Ramadani, in realtà

    RispondiElimina
  88. ripieni di patate

    RispondiElimina
  89. in materia di fumetti consiglio vivamente, uscito in questi giorni, "Dimentica il mio nome" di Zerocalcare.

    RispondiElimina
  90. Preso da inizio settimana e divorato. Michele (Zerocalcare) è un genio assoluto. Una cosa veramente nuova nel panorama fumettistico italiano. Poi, un giorno, ne parleremo approfonditamente.

    RispondiElimina