.

.

mercoledì 15 ottobre 2014

Associazioni di confine


Bardonecchia non so perché mi fa venire in mente Scarnecchia, l’hotel Betulla, Montella, e il cucchiaio con il quale ho mangiato il "bicerin", il gol di Bernardeschi. Anche se a Deyna è rimasto di traverso. Sono associazioni di confine, e passare da una all’altra attraverso il Frejus costa 43,10 €. Ma io non passo di là, mi tengo Bardonecchia, l’hotel Betulla e il cucchiaio del bicerin, risparmio e così poi non devo tornare. Vorrà dire che Deyna berrà un bicchier d’acqua. Anche se l’andata e ritorno converrebbe di più perché costa 53,80. Rimango di qua. Al limite posso finanziare un transito di sola andata al Giannelli anche se mi costa caro visto che è  un transito eccezionale, oltre 900 €. Leggo che Gomez intanto non è ancora pronto, perché lui il transito dall’infortunio alla guarigione se lo fa a piedi. Considerato ormai un patrimonio dell’Unesco, e costato un patrimonio, il suo cammino per uscire fuori da un infortunio equivale a quello per arrivare a Santiago di Compostela partendo da Roncisvalle, che non so perché mi ricorda Della Valle. Forse perché è lui che continua a pagarlo. Tra Bardonecchia e la Francia c’è il Frejus, tra Gomez e il ritorno in campo c’è invece la via Francigena. Il dottor Manetti nel report medico di ieri ha precisato che la storia clinica di Mario Gomez è cominciata nel Medioevo, un lungo percorso che se vedrà Gomez arrivare a Santiago con ancora del fiato da spendere, gli permetterà di spingersi oltre fino a guardare l’Oceano Atlantico dall’estremo promontorio di Fisterra, che non so perché mi ricorda che in fondo sono un tifoso terra terra. E per un Richards, uno Joaquin e un Marin che rientrano, Marin che non so perché mi fa venire in mente il "bicerin", si insomma, per tre giocatori che rientrano c’è un nuovo infortunio che si paventa e che mi spaventa più di quello di Gomez. La Gaia ha perso la voce. Allora ho deciso di partire anche io per il pellegrinaggio fino a Santiago di Compostela, non tanto per motivi religiosi, e non tanto per ottenere benefici in una sorta di catarsi interiore. Solo per far ritornare la voce alla Gaia. E mentre vado vedo cristiani, ma non mancano appartenenti anche ad altre comunità religiose. Vedo le categorie più disparate, novizi in attesa di prendere i voti, coppie in crisi come Graziani e Pulici, che tentano il viaggio insieme al fine di ritrovare l'equilibrio nei rapporti, fondato sui veri sentimenti, vedo falsi nove pentiti delle loro bugie, vedo fedeli che intraprendono il pellegrinaggio per rafforzare la propria fede. Io niente di tutto questo, sono l’unico che non cerca nessuna voce dentro di me, ma solo quella della Gaia. Non sono partito a piedi, ho scelto la bicicletta perché il cammino in bicicletta è profondamente diverso dal cammino a piedi, sotto diversi profili. In una giornata una persona come Gomez mediamente percorre a piedi 25/35 km, in bicicletta può tranquillamente triplicare queste distanze. Sono dati medi, se il percorso è pianeggiante il differenziale può essere anche superiore, in caso di salite diminuisce. Ne consegue che il tempo da impiegare è, all’incirca, un terzo di quello a piedi. E io voglio che alla Gaia torni la voce molto prima di quanto Gomez non impieghi ogni volta per tornare in campo dopo un infortunio. Con la foto di copertina ho voluto riassumere in maniera poetica il senso del mio viaggio a Santiago di Compostela in bicicletta pensando alla voce della Gaia. Si, solo alla voce.

PS: la bicicletta non è una bicicletta fino in fondo. Si insomma, per le salite. 


82 commenti:

  1. Parallele gobbe:

    1. Platini: "Io resto tifoso, Juve sempre Juve." (24/11/2011 it.eurosport.
    2. Platini: "La moviola in campo? Spero mai."

    RispondiElimina
  2. ..."se il tiro di Babacar andava fuori era un'altra partita..."..."Eh, Bernardeschi ha trovato difensori che l'hanno fatto girare..."......."..,.questa Inter vale nulla..."...
    Questi refrain sono fastidiosi.

    RispondiElimina
  3. A Mutu non gli andava proprio di farsi tre mesi in India

    RispondiElimina
  4. POLLOCCONE, leggi un po' l'ultimo passaggio.. credo che ti leggano anche i gazzettari.. bravo bravo.

    http://www.violanews.com/stampa/talento-bernardeschi-tra-brunelleschi-e-il-padre-nostro-20141015/

    RispondiElimina
  5. mutu: sarebbe servito soprattutto subito, a gennaio c'andrei più cauto: bisogna vedere come stanno gli ospedalizzati (gomez e marin soprattutto, rossi più che altro quanto gli manca ancora) e che hanno combinato Baba e Berna. tenendo conto che c'è anche ilicic. e volendo joaquin (che cederei). e cuadrado, che montella sembra voler impostare da attaccante.
    insomma, se a gennaio fossimo sempre in emergenza - dubito - allora ben venga, altrimenti non saprei, forse potrebbe comunque servire come uomo spogliatoio per insegnare i trucchi del mestiere ai giovani e per trasmettere quella carica che alla nostra squadra manca. certo, nel caso avessimo recuperato tutti saremmo davvero troppi.
    ad ogni modo, credo che questa sia tutta aria fritta, perché dopo 3 mesi di inattività non si combinerà niente.

    RispondiElimina
  6. Pende in effetti all'attacco siamo in tanti(al netto di infortuni).Infatti,tra le mie innumerevoli previsioni NON regolarmente realizzate,ne avevo fatte una:che prima della fine del calcio mercato la società avrebbe dato via qualcuno;se giovani in prestito(Baba,Rebic,Berna),se maturi venduti(Cuadrado,Joaquin,Gomez,Ilicic).Alla fine,a parte Rebic, si son tenuti tutti.O che lo sapevan che ci sarebbe stata moria di attaccanti?

    RispondiElimina
  7. Boh, Deyna, io l'ho belle e rivisto 10 volte i' gò d'i Berna ma la deviazione un mi riesce a trovalla. Forse ti confondi con la scarpata che prende il difensore, in ritardo.

    RispondiElimina
  8. Se a gennaio saremo sempre in emergenza, (ma non credo e soprattutto non spero) non sarà Mutu ad arrivare. E siatene contenti.

    RispondiElimina
  9. Infatti non si vede nessuna deviazione. In più, è evidente la volontà del Berna a tentare quel tipo di calcio, non cerca la potenza ma vuole piazzarla. Gol suo al 100%.

    RispondiElimina
  10. Pende, Mutu più lontano sta da Firenze meglio è. L'India era la soluzione giusta.

    RispondiElimina
  11. la domanda da farsi e' la seguente...rientra prima gomez o rientra prima rossi...e che dire di richards rotto e di marin rirotto...abbiamo preso giocatori gROTTI di nome e di fatto...

    RispondiElimina
  12. http://www.violanews.com/news-viola/under-21-splendido-gol-di-bernardeschi-in-italia-slovacchia-20141014/



    La deviazione è netta, guarda anche il giro che prende la palla...Naturalmente il gol per i tabellini è di Bernardeschi, discutevo la sua capacità di fare un gol così come è venuto fuori, perché sul sitone ieri parlavano di Maradona...lasciamo stare.

    RispondiElimina
  13. Anche sul sitone la deviazione l'han vista in tanti, trattandosi dell'italia e non della Viola non mi faccio certo accecare dal tifo.

    RispondiElimina
  14. Ieri mi sono viso ben benino Bernardeschi, finora apprezzato solo negli hailaiz.
    Ottima davvero la tecnica, unita ad un carattere spiccato e voglia di immettere energie al servizio della squadra, componenti necessarie e non scontate.
    Se resta coi piedi ben per terra, possiamo contare su una seconda punta con prospettive d'alto lignaggio calcistico. Il futuro è luminoso, come il sendero...
    Neto Baba e Berna potrebbero essere davvero i muri portanti del nostro futuro prossimo.

    RispondiElimina
  15. Si può definire un colpo alla Maradona, senza scomodare paragoni irriverenti per tutti, non solo per Berna. D'altra parte anche tu usi iperbole per incensare Mutu, ottimo giocatore, ma nemmeno avvicinabile a Edmundo. Comunque dall'angolo della ripresa, la deviazione non la puoi vedere e questo è un dato oggettivo, Deyna. Per intuire se c'è stata davvero, l'unico modo è osservare come calcia, e il movimento della gamba e piede, dicono inequivocabilmente che cerca questo tipo di calcio.
    Non capisco tuttavia questa voglia di sminuire la giocata.

    RispondiElimina
  16. Edmundo finché la testa l'ha in qualche modo sorretto è stato inavvicinabile per chiunque, a Firenze, e chi lo nega? Ero tra l'altro un suo grande ammiratore, e ho scritto più volte che è il giocatore che mi ha più entusiasmato in Viola. Per Mutu parla la sua storia in Viola, il suo rendimento, eccelso. Bernardeschi: non mi piace che si attribuiscano a un giocatore meriti che non ha, specie se si tirano in ballo degli dei come El D10S e Messi...Tra l'altro è bene non fargli montare la testa. Il giro della palla e la traiettoria dopo l'impatto con l'avversario sono chiarissimo indice appunto di deviazione. Magari il tiro sarebbe entrato lo stesso anche senza, chi lo sa, ma non certo in quel modo.

    RispondiElimina
  17. Gli hanno nominato il Dio Maradona e lo fanno incazzare. Ognuno ha i suoi altarini. Il tiro l'ha indubbiamente cercato, il resto è lana caprina.

    RispondiElimina
  18. Deyna,se quel gol l'avesse fatto Suarez che te la menavi così a trovare la deviazione?

    RispondiElimina
  19. Effettivamente Roncisvalle offre la rima per DellaValle,è l'arrivo consigliato della prima tappa,che parte da Saint Jean Pied de Port,perlomeno da dove partii io 5 anni fà orsono.Si varcano i Pirenei a 1450mt circa e 8ore di cammino.Quando vidi il primo cartello per Santiago di Compostela indicato a 800km,iniziai a pensare di aver fatto una follia,ma tutte le più grandi avventure o esperienze che ho vissuto,le ho iniziate con questa esclamazione,persino quella che mi ha portato ad amare visceralmente la Viola,cosa non scontata.C'è chi intraprende El Camino per motivi religiosi,spirituali,culturali,ed altro ancora,me compreso,per molti motivi sono venuto a patti con dolori alla schiena,piedi,infiammazioni, e quant'altro,ma se decidi di andare avanti i tuoi limiti e debolezze,diventano forza e tenacia.33 giorni,5000fotografie,senza internet,solo un vecchio telefono per comunicare con dolce metà(ancora qualche giorno fuori casa e avrebbe minacciato di buttarmi fuori eheh),e poco altro,13kg di zaino dove ho racchiuso l'essenziale per sopravvivere,compresa la carta magnetica per il denaro(poco) strettamente necessario,esperienza indimenticabile,a Finisterre,dove si brucia un abito indossato per tradizione,la vista sull'oceano è qualcosa di incredibile,ho capito dopo perchè gli Spagnoli pensassero fosse in quel luogo la fine del mondo su terra,prima che Colombo salpasse con le tre caravelle...Consiglio a Pollock di iniziarlo a piedi,magari arrivato a Pamplona durante l'Encierro la Gaia riacquista la sua voce sensuale,a Burgos Mario Gomez ritorni SuperMario anche di Stoccarda,a Sahagun Giuseppe Rossi riprenda a fare il fenomeno laddove aveva lasciato,a Leon Baba e Berna diventino due certezze "blindate"dalla società,ad Astorga(meravigliosa)Neto ed Aquilani mettano due belle firmette sul contratto,a Ponferrada Marin e Richards si scrollino dai loro muscoli di cristallo e giochino immuni da ricadute,a O'Cebreiro(quanta fatica)Montella trovi la giusta quadratura del cerchio tattico.A questo punto si può pure prendere la bici,la Galizia pur bellisima è il tratto più affollato,troppo caos,troppe persone che fanno "il Camino del week-end"(tipo l'autista della domenica),disturbando quasi chi è venuto da lontano,fino a Santiago.Certo è che se tutte questo puzzle si ricomponesse,tornerei anch'io nel tratto finale fino a Finisterre,stavolta scalso,perchè sarebbe davvero la fine del mondo... Buona giornata Icone del blog(concordo col Sopravvisuto,che saluto!)

    RispondiElimina
  20. Deyna, la deviazione non si vede, c'è poco da fare, il colpo lo cerca e merito a lui che viene premiato da un golasso. Nessuno scomoda quelli ai piani alti ma questo i numeri ce li ha. Se è bravo lui, e soprattutto quelli che gli gravitano attorno, a fargli tenere collegata la cabeza, siamo di fronte a qualcosa di grande.

    Finalmente, dopo quel mingerlino che partiva da centrocampo, li saltava tutti e depositava in rete.

    Sono anni che aspetto di potermi di nuovo emozionare per robe del genere in tinta Viola...

    RispondiElimina
  21. Sì, avrebbe sciupato il gol, ma Suarez è ovviamente di un altro livello...

    RispondiElimina
  22. Adesso si,ma se non ti dispiace(essendo italiano) spero che Bernardeschi diventi anche migliore.Sai com'è,a me interessa la Fiorentina.Se avessimo 11 italiani e si vincesse lo scudetto e sarei contento,te no forse

    RispondiElimina
  23. Sì, il tiro l'ha cercato - anche se su sitone c'è addirittura chi dice che volesse fare un assist all'uomo che correva verso la porta sulla sinistra, con la palombella - il gol per i nuovi regolamenti è indubbiamente suo, ma la traiettoria per cui viene esaltato non gli sarebbe mai uscita così, senza la deviazione.

    RispondiElimina
  24. Oh Deyna, questa della deviazione del difensore sul tiro di Berna fa il paio con la tua teoria dell'autorete di Perin sul tiro di Rossi l'anno scorso nel 5-2 di Marassi...

    RispondiElimina
  25. Leggo comunque su Violanews (se è vero) che il Berna ha un cane che si chiama Birillo, come quello del Melandri

    RispondiElimina
  26. Farei una grande fatica a seguire una Fiorentina con undici italiani in campo, la cosa sicura è che in quel caso non vinceremmo mai lo scudetto, eheh

    RispondiElimina
  27. Rossi è mezzo italiano mezzo americano, quindi a dir tanto gli posso dare mezzo gol su quella papera di Perin che caccia il pallone in rete; Bernardeschi è tutto italiano, quindi il merito della traiettoria è tutto del difensore, anche se per regolamento il gol è di Bernardeschi!

    RispondiElimina
  28. Ecco:

    http://www.youtube.com/watch?v=l0oVQRSSNh4

    RispondiElimina
  29. Grande Effemberg, ottimo post. Più che un utente del blog,ti considererei il vice editorialista perfetto complemento dell'editorialista in chief. Con il tuo post mi hai ricordato il mio progetto del Camino, purtroppo non realizzato a suo tempo.Spero di potermi cimentare nell'impresa quando i miei figli saranno un po' più grandi. Per il momento mi devo limitare alle passeggiate nelle amate dolomiti.

    RispondiElimina
  30. Bisogna trovargli uno spazio all'Effe, Boss...

    RispondiElimina
  31. A me del gol interessa relativamente. Quello che mi ha fatto più impressione è la capacità di Berna di fare o tentare sempre la cosa più giusta, che sia uno scarico o una percussione in dribbling. Sul gol di Longo, sette giocatori su dieci, al 90', avrebbero cercato l'azione personale, lui ha servito un compagno meglio piazzato. La tecnica c'è, tanta, soprattutto a livello balistico, ma quello che lo rende diverso è l'intelligenza calcistica. La stessa che gli ha permesso, dopo trenta secondi dall'ingresso in campo, di servire Baba a Torino, con un filtrante a coefficienza 9. Io un ragazzo di vent'anni così decisivo e così apparentemente privo di difetti, non me lo ricordo. Nemmeno a livello internazionale. Anche i Messi e i Ronaldo, più provvisti a livello di bagaglio tecnico, erano meno cerebrali e più incentrati sul proprio istinto.
    Questo è un campione che ha meno possibilità di bruciarsi di uno di trent'anni.

    RispondiElimina
  32. Ma infatti il paragone giusto - non che siano così simili - è con Totti, non con i fenomeni dalla marcia in più come i Messi o i Ronaldo. Esattamente per l'intelligenza calcistica...Deve ancora dimostrare tutto, ovviamente, com'è naturale che sia a 20 anni.

    RispondiElimina
  33. Quello è vero,ma sei così poco tifoso?

    RispondiElimina
  34. io in realtà sto progettando l'altro itinerario, il cammino settentrionale, la Valtolina non è mai stata nel Paese Basco e mi piacerebbe farglielo conoscere. Inoltre vicino alla costa si mangia da dio...

    RispondiElimina
  35. Giornali unanimi: Bernardesky migliore in capo. Punta. Puntoooo!

    RispondiElimina
  36. Lulic: "andiamo a Firenze per portare a casa dei punti". Insomma, anche questi vengono a cercare lo 0-0... Un campionato di impavidi braveheart, proprio...

    RispondiElimina
  37. Mi trovavo meglio quando ancora non avevo preso in odio l'italia, e non erano ancora arrivati gli stranieri. Per sopportare una tale situazione oggi, nessuno degli undici italiani dovrebbe mai vestire la maglia azzurra, quindi immagino non sarebbe una grande squadra [ma nemmeno con undici azzurri lo sarebbe, eheh]. Torneranno i tempi di Gola, Rossinelli, Zuccheri, Amenta, Braglia, Sella, Ricciarelli?

    RispondiElimina
  38. ma non è che ora Babacar ce lo chiamano in Coppa D'Africa?

    RispondiElimina
  39. Sono tornato adesso a Firenze, 20 gradi di differenza. Stamani a Bardonecchia erano 4 gradi. Mi sono fermato a Genova a mangiare la farinata. Ho letto del riferimento al link che parla di Bernardeschi in chiave Brunelleschi inviato dal Pende. Secondo me loro si riferiscono ad un altro blog e non al mio. Ovvero al BLOG quello con l'eco. Io la penso un po' come Deyna, anzi di più, per me Bernardeschi voleva passare la palla indietro al nostro portiere. Effe, che dire lo avrai capito che sono talmente democratico che può scrivere persino i' Giannelli. Quindi se vuoi puoi scrivere anche un editoriale. Me lo mandi in posta, io lo faccio vidimare dal BLOG unico e inarrivabile e poi lo pubblico.

    RispondiElimina
  40. ecco, già di solito tra gennaio e febbraio andiamo bene...

    RispondiElimina
  41. Macché vice, da promuovere seduta stante! Il bucaiolo innamorato (non canta Ranieri ma Narciso) ha perso identità.

    RispondiElimina
  42. Il Senegal di 4 gg fa gioca bene ma non conclude, quindi...

    RispondiElimina
  43. A parte che Totti è un vero fenomeno, anzi ci metto la F maiuscola (non certamente Mutu, tra i due un oceano) è deleterio e prematuro scomodare giganti, il ragazzo ha grandi qualità, grande avvenire davanti perché baciato da madre natura. La differenza tra una giovane speranza e una realtà, la fa poi il cervello, che per un campione non è un optional, di una qualità di quelli citati.

    RispondiElimina
  44. EFFEMBERG, Roncisvalle riporta alla storia...Andai ad Arches, nei Vosgi, dove c'é una cartiera antichissima, dove lavorano cotone indiano, acqua senza azzurranti ottici...straordinari! Ebbene entrando nel paese c'é una roccia con l'impronta del cavallo di Carlo Magno. Magia.

    Question-time: da "0" a "100", in percentuale, quali dei seguenti contratti verranno sistemati pro-viola?

    1) Aquilani
    2) Neto
    3) Bernardeschi (rinnovo)

    RispondiElimina
  45. Ci sono differenze enormi, se Aquila firma mi fa piacere, se no, mi spiace ma me ne faccio una ragione, siamo su i trent'anni. Gli altri due che siano ancora a rischio mi fa incazzare, sono il nostro futuro. Neto poi è un farsi del male clamoroso, è qui da 4 anni e gli hanno fatto di tutto, se firma c'è solo da ringraziarlo. Prade' ha mostrato limiti inequivocabili.

    RispondiElimina
  46. Totti è stato un fenomeno a livello di campionato italiano, nel suo ambiente natio iperprotettivo, dal quale giustamente non si è mai staccato. A livello internazionale è stato un ottimo giocatore come ce ne sono diversi, non riuscendo mai a lasciare una grande impronta né in CL, né agli Europei, né ai Mondiali. A me incanta ancora vederlo giocare, per carità, amo vedere come riesce a mandare in porta i compagni anche da fermo, ma ha sempre giocato a una velocità di quattro marce indietro rispetto ai veri fenomeni come Messi, Ronaldo [Fenomeno, appunto] o anche C. Ronaldo, ed anche il piede, pur ottimo, non ha mai avuto la sensibilità disumana di Maradona o Zico. Senza contare che se è la testa a fare il fuoriclasse, tra sputi, reazioni, vaffanculeggiamenti e "rincorse al negro" ha dato spesso l'immagine di un fuori di testa, danneggiando gravemente le sue squadre nei momenti decisivi. Limite condiviso con Zidane, che però è uscito di capa molto meno di frequente.

    RispondiElimina
  47. Più che dire a Effe di scrivere quello che gli pare (a parte qualsiasi cosa di negativo sulla Gaia) e io glielo pubblico, che devo fare? Andate nel BLOG di chi sapete voi a proporre interazione. Io invece sono multitasking (e vorrei fare interazione con la Gaia a proposito di democrazia).

    RispondiElimina
  48. La tua ultima frase presta il fianco a settimane di grevi battutacce, ne sei consapevole, sì?

    RispondiElimina
  49. Ti scordi il Totti di Zeman, che correva e pressava come un matto. Un fenomeno non deve necessariamente essere anche podista, Rivelino lo era ma giocava da fermo, Zico andava a due all'ora. Il computo finale della carriera di Totti lo annovera come vero fuoriclasse che non può essere sminuito anche da qualche caduta di stile evidente. Poi in campo simpatico non è, ma questo è un altro discorso. Se accettava il Real lo avrebbe fatto girare alla grande, altro che ambiente protettivo. Oggi magnificano Modric, che potrebbe portargli le borse...

    RispondiElimina
  50. Certo, ve l'ho buttata in pasto proprio per questo.

    RispondiElimina
  51. Alle 21:10 su laeffe (canale 50) c'è Marco Paolini con "Il Milione". Lele, ho perso talmente l'identità che adesso dico anche i programmi TV. Effe scrivimi un editoriale così vado un giorno alle terme.

    RispondiElimina
  52. POLLOCK, smettila di scrivere cose che hanno bisogno di un alibi....ah ah ah ah....

    RispondiElimina
  53. Rebic rientrato domenica (60') e già di nuovo infortunato.....uhuhuhuh....Un terno al lotto la sua cessione! Immagino el pueblo di utonti se avessimo avuto il tris di punte infortunato....ah ah ah ah....

    RispondiElimina
  54. Beh stavolta alla spalla, assolutamente non preventivabile.

    RispondiElimina
  55. Sì, vabbé, ma ce n'ha sempre una

    RispondiElimina
  56. ottimo, una specie di special guest rende il locale ancor più prestigioso, non può suonare sempre il resident, eheheheh

    RispondiElimina
  57. Concordo con quanto scritto sotto da Lele in risposta ai quesiti del Sopra. Non rinnovare Neto (a parte il giramento di palle mio, ma quello conta il giusto) mi sembrerebbe come martellarsi i cosiddetti. Effettivamente il brasiliano non è che sia stato mai trattato benissimo, dai primi due anni in panchina, all'arrivo di Viviunodinoi e poi quest'anno quello del Tata. Sembra lo facciano apposta a fargli girare i coglioni per levarselo di torno. Perderlo a parametro zero vorrebbe poi dire aggiungere alla perdita tecnica quella econominca...

    Per Bern non credo ci siano problemi, Aquila lo vedo difficile, ci sono una marea di esuberi ma anche di questo bisognerebbe chiedere conto a Pradè che ci ha riempito di bubboni strapagati...

    RispondiElimina
  58. Vi pregherei di non usare il termine "esuberi", in questo periodo mi provoca forti gastriti.
    ( scherzo...in parte)

    RispondiElimina
  59. stefano vienna15 ottobre 2014 21:52

    Ekdal piace a Montella? Un altro trequartista mancato. Ma cos`è una sindrome? Collezioniamo un doppione dopo l'altro.

    RispondiElimina
  60. stefano vienna15 ottobre 2014 21:55

    Ma questo Bernardeschi pare abbia un solo difetto: non è un trequartista mancato.

    RispondiElimina
  61. stefano vienna15 ottobre 2014 21:58

    Oh, Vincenzo, e lo vogliamo far giocare 'sto ragazzo!

    RispondiElimina
  62. stefano vienna15 ottobre 2014 22:03

    Ekdal: un Valero in prospettiva, no, anzi, un Mati meno fumoso, no, no, un Badelj più veloce.

    Ma mettiamoli tutti in panchina e mettiamo una punta vera (vedi sopra).

    RispondiElimina
  63. Ah..ah..ah..un "Badelj piu' veloce".
    Praticamente chiunque

    RispondiElimina
  64. Verissimo SOPRA,luoghi magici,pregni di storia.Dalla Route Napoleon nei Pirenei Francesi all'ingresso in Spagna sulla Carrettera Nacional,estenuante in verità,vi sono moltissime testimonianze del passato.Particolare emozione fù la visita alla Reale Collegiata,gotico Francese,cappella dello SpiritoSanto,detta anche Ajedrez de CarloMagno,assistetti dopo lunghi anni ad una messa,in onore ai pellegrini diretti a Santiago,un monaco mi dette un biglietto,che ancora conservo,come tantissime cose di quella meravigliosa esperienza. Sul question time,invece,credo e mi auspico che all'ordine del giorno vi sia da "sistemare"subito Bernardeschi ed aggiungo Baba,su Neto credo non ci siano problemi,perlomeno il ragazzo ha dichiarato di voler rimanere,i persupposti ci sono,ma adesso e prima di una eventuale esplosione.Aquilani non ultimo come ordine affettivo,ci sarebbe da ragionare di più,rinnovare si,ma senza svenarsi,credo trattino su queste basi,in ogni caso spero rimangano tutti.Saluti

    RispondiElimina
  65. stefano vienna15 ottobre 2014 22:11

    L'ho scritto io, ma a me fa quasi più ridere un Mati meno fumoso, un trequartista col vizio del non-gol.

    RispondiElimina
  66. Facci caso: quando corre Badelj non alza i tacchi da terra.
    Chissa', forse e' legato alle sue radici

    RispondiElimina
  67. ahah,no Pollock grazie,partecipo volentieri come tu sai,ma da spirito libero,sempre che questo venga accettato.Scrivere è stata un pò la mia formazione e passione se vogliamo,ma col tempo ho cambiato indirizzo,anche se non ho perso il"vizio".Come scribacchiavo anche ieri,conosco bene le difficoltà dell'aggiornare un blog quotidianamente e tenere "sotto controllo"(come fai te per esempio)il tutto,fino a tenere una certa linea di condotta generale,a me personalmente non è riuscito...Buon Lavoro,se proprio devi andare alle terme da mane a sera,beh dai,per una volta posso anche fare il sacrificio,ho paura però che i tuoi ascolti "calino",in virtù della "concorrenza"ehehe...!!!Ciao

    RispondiElimina
  68. Ciao Valto,del Camino Ingles,al quale tu ti riferisci,ho sentito parlare da un caro amico che lo ha intrapreso dopo aver fatto 4 volte quello tradizionale.Molto più votato al turismo,alla discrezione di coppia,essendo meno frequentato.Pochi servizi e distanti uno dall'altro,più costosi anche,ma panorami mozzafiato,molti percorsi paralleli vista oceano,spiagge magnifiche,insomma buen camino con la Valtolina,chissà che non convinca anche Effemberghina e ci incontra per una Paella y Cerveza in terra Basca...

    RispondiElimina
  69. Sono un ospite Lele,spero gradito.Non credo abbia perso identità,il "guascone"gioca con noi,ma Tu lo sai meglio di tutti credo...ehehe.Ciao Lele

    RispondiElimina
  70. Troppo buono Corto,troppo buono,sono un collaboratore,come tutti voi,nè più nè meno,che scrive volentieri in questo luogo di Icone(nessuno escluso),come dice anche il "nostro" Sopravvissuto.Per quanto riguarda il Camino,pensa solo che lo avevo in progetto da 7/8 anni prima di partire,per un motivo e altro non riuscivo a realizzare questo mio desiderio fino a quando puff...non ho esitato quando mi si è presentato il momento giusto.Vedrai accadrà anche a te un giorno,te lo auguro e comunque ti limiti il giusto,diciamo che le Dolomiti sono un bel passeggiare ehehe,prendilo come un training preCamino...Ti saluto a presto

    RispondiElimina
  71. Grazie Louis,più spazio di questo...eheheh.Bisognava riempire in qualche modo il vuoto lasciato dall'Amata Viola...Ciao

    RispondiElimina
  72. Gia' chiuso? Tutti gia' a nanna? Neanche.tu Deyna ti credevo sintonizzato sul fuso dl rio della plata. Qui sono neanche le 17 e ho il volo alle 20.40. Vabbe' chiudo e mi leggo il libro. Hasta manana por la noche

    RispondiElimina
  73. Tornato ora da calcetto (si giocava alle 22!) dopo giornata nel ficaio di Lubiana (eh...il lavoro...sono sacrifici!), un gol ma nessuna possibilità di battere il rigore come dal video di LOUIS postato ieri.
    CORTO, tengo un po' aperto, serranda a metà, magari passa FOCO o VALTOLIN con ciò che ha ruminato oggi e lo comunica a noi...

    RispondiElimina
  74. Tutto tace.

    RispondiElimina
  75. Ma icche vu fate 800 Km a piedi? ma che siete briachi?

    RispondiElimina
  76. Sì ma quella volta taglia come spada, ha fatto perdere il mondiale (per nostra fortuna) alla Francia. Che Totti potesse fare la storia di Coppa Campioni giocando nella Roma che se si qualifica è già tanto è un po' troppo pretendere. In Champions si afferma chi gioca nel Barcellona, nel Bayern e oggi poco di più

    RispondiElimina
  77. Suarez è uruguagio, se l'avesse fatto Higuain o El Kun ci rompeva i coglioni per una settimana!

    RispondiElimina