.

.

venerdì 3 ottobre 2014

La crisi siamo noi

Una tranquilla serata di possesso palla intervallata qua e là dai soliti 3 gol di coppa, se non fosse per il modesto Badelj, il tentato suicidio di Pizarro in diretta e la fitta ai flessori di Richards, che alla fine inquinano un po’ le prove che Bernardeschi è davvero un predestinato. Anche Ilicic per una volta riesce ad uscire dal ruolo dell’uscere alto, magro e ciondolante, diventando protagonista di gol e assist invece del solito parcheggio a lisca di pesce. La partita regala tante e tali ispirazioni che dopo la smorfia di Micah Richards è stato affisso  subito un altro striscione, che questa volta però inchioda la società alle proprie responsabilità per aver adottato con la complicità di Save The Children un tipo di preparazione a distanza sbagliata. Quella del City. Ma a parte gli striscioni  che sono una forma di incontinenza intellettuale che fa parte della movida, dispiace davvero per questo ennesimo infortunio, e non vorremmo mai che Pato avesse individuato proprio la Fiorentina come ambiente ideale per rilanciare la propria fragilità muscolare. Sappiamo con sicurezza che nascosto in qualche squadra giovanile di periferia potrebbe esserci anche un parente giovane di Cois da utilizzare contro i Della Valle per fare ancora street art del tifo. Un arte che purtroppo ha perso molto di quelle caratteristiche che la scuola di bottega fiorentina era sempre riuscita a tramandare. E con la crisi oggi è venuta a mancare anche la verve espressiva di una volta, come se gli striscioni venissero scritti da tanti Bucchioni, oppure dai militanti dell’Isis. A questo proposito invidio tanto i romani che proprio in risposta alle minacce dell’Isis “Conquisteremo la “vostra Roma”, distruggeremo la croce e prenderemo le vostre donne”, parole ben più pericolose di quelle dei Della Valle contro Renzi, hanno dimostrato di saper sorridere. Non hanno reagito in maniera mencia attaccando striscioni mononota come ormai sono quelli che escono dalla scuola fiorentina, ma una roba che dimostra che c’è chi ha ancora un friccico ner core pe’ sognà lo scudetto. Non è Garcia più bravo di Montella, Sabatini di Pradè o Pallotta di Della Valle, no, siamo noi che non siamo all’altezza, loro sono in testa ma non a caso, e infatti sfornano striscioni in risposta alle minacce dell’Isis che valgono la pena di essere letti “Se te porti via mi moglie la croce c’è l’hai tu a vita”, oppure “Daje che ve damo 80 euri a tutti”, non c’è paragone, così le vincono tutte facili e noi stiamo lì a sprecare lenzuoli con i quali potremo invece impiccarci. Lo sanno che siamo poca roba e allora giù un altro “Se arrivate verso le 17 nun pijate er raccordo che restate imbottijati”, seguito subito a ruota da “Nun fate poi via Nazionale che è piena de buche”. Un uno due che ti tramortisce, poi arriva Totti che di esterno destro non prende il palo come Borja Valero, e ti piazza un bel “E miraccomando non dimenticate mia suocera, è una cattolica impenitente”. Vorrei leggere questa leggerezza nei nostri striscioni, non tanto per paura di retrocedere in B, ma per non retrocedere dal Rinascimento al buio del Medioevo.




80 commenti:

  1. sono dell'idea che contro l'inter dovremmo lasciare pizarro in panchina. grandissima stima per lui ma pare in un declino fisico inarrestabile. siete d'accordo?
    DEYNA, ultimamente numerose capatine a lucca ed ho provato la gastronomia "il cuore": niente male, niente male.

    RispondiElimina
  2. L'importante è che contro l'Inter giochi Aquila, che è il nostro centrocampista piùin forma.

    RispondiElimina
  3. Se vi legge il CHIARI...............!

    RispondiElimina
  4. Non vado quasi mai a cena fuori, e quando vado è quasi sempre nel locale di un amico. Non conosco "Il Cuore", se vuoi stare un po' fuori Lucca ti consiglio "La Baracca" [mi pare si chiami così], ci ho mangiato ottimamente anni fa...
    Pizarro non lo farei giocare contro l'Inter, non è al momento la partita adatta per lui, e penso che se ieri ha giocato è in previsione di una sua esclusione domenica.

    RispondiElimina
  5. mah se il Pek ha sbagliato qualche tocco ieri sera non vuol dire che sia finito. Lasciarlo fuori ha senso se può rendere meno imprevedibile il nostro gioco spostando in avanti la regia, come fatto con l'Atalanta, ma non la prenderei come regola, se la maquina in questo periodo gira poco è anche perché abbiamo spesso lasciato in panca il motore...

    RispondiElimina
  6. Ciao a tutti. Pek é declinante e anche quando era al massimo (primo anno da noi, sua migliore ed irripetibile stagione) non assicurava un filtro degno di chiamarsi tale. Contro le squadre mazzarriane serve molta lotta nel mezzo, quindi mi pare scontato che stia in panca, con obbiettivi di titolarità contro squadre più malleabili, oppure in spicchi di match ove si dovesse malauguratamente recuperare.
    Quindi centrocampo con Kurtic, Mati con Aquila che si fa adesso preferire a Borja, sul quale sembra avviato un tiro al bersaglio. Dopo il fantastico primo anno, in conseguenza a questo erano valutate buone anche prestazioni mediocri, ora il contrario, non gli perdonano nulla. Addirittura ho letto un auspicabile rispolvero di Lazzari al suo posto, roba da incubo. Borja non era un bluff e tornerà quello di prima.
    Mi spiace molto per Richards, che stava entrando di prepotenza nella formazione base Neto, Kurtic, Mati, Baba (Richards) e altri sei...

    RispondiElimina
  7. Il Pek per me è ancora indispensabile alla Maquina, solo che deve essere centellinato, specie in momenti come questo in cui è reduce da problemi fisici, e la partita con l'Inter non mi sembra la più adatta a lui. Vero anche che l'Inter ci è comunque superiore atleticamente e come cattiveria, a centrocampo, Pizarro o no. Lazzari e Pasqual in campo insieme con la Fiorentina nemmeno nei miei peggiori incubi [o ricordi], potrei non reggere.

    RispondiElimina
  8. Ciao una sega!!

    RispondiElimina
  9. Dignene, cortese Pollock!

    RispondiElimina
  10. La Fiorentina,per mezzi e tecnici e mentalità, è adatta al gioco europeo.Perchè in Europa,a differenza delle squadrette italiche,si cerca di giocare,anche contro avversari più quotati.E per la Fiorentina,trovare squadre che ti lasciano giocare,che cercano cmq di attaccare,è manna.Certo che non sono test probanti per adesso,ma non è un caso che in Europa siamo sempre andati mediamente bene mentre le altre italiane hanno sempre faticato.E sempre caso non è che in Italia Montella soffra molto.Già domenica contro l'Inter,nonostante l'Inter sia squadra d'alta classifica,vedremo i nerazzurri coperti,chiusi come Giorgio il lunedì,pronti a ripartire.Come abbiamo già visto Genoa e Sassuolo.Contro chi si chiude abbiamo difficoltà enormi,che per adesso Montella non è stato capace di aggirare.Contro squadre che lasciano giocare,cercando di fare gol e non solo di evitare che noi lo facciamo,andiamo a nozze,molto più delle altre italiane.

    RispondiElimina
  11. Perché lui pensa che noi siamo qui ad aspettare che lui ci saluti!!!!

    RispondiElimina
  12. verissimo. Aggiungo che mentre ci sta tranquillamente che Genoa e Sassuolo vengano a Firenze a cercare un pareggio in casa di una grande, che l'Inter sia ridotta così fa davvero tristezza. D'altra parte credo che Mazzarri sia l'uomo che ha fatto perdere più punti di ranking all'Italia nella storia...

    RispondiElimina
  13. A prescindere dall'Europa o meno, se non sbaglio la Fiorentina di Montella ha un rendimento in trasferta pari al 50% di vittorie.

    RispondiElimina
  14. Mentre è a fare i suoi comodi, a lucidare il ferro 3 al Cuccu!

    RispondiElimina
  15. Peccato solo che c'è stato un travaso, ora non si vince più in casa.

    RispondiElimina
  16. Anche un travaso di bile.

    RispondiElimina
  17. Penso che debban giocare di certo Kurtic e Aquilani, il terzo può essere una staffetta Mati-Borja perchè tutti e due i novanta minuti al 100% non li reggono. Ma io farei un 3-5-2 con il duo BB davanti (ma Cuadrado e Gomez stanno in piedi?).

    RispondiElimina
  18. Per codesto è un bel po' che abbiamo difficoltà, da quando non c'è più Pepito più o meno. Del resto a far tiki-taka a velocità Montedomini fai apparire difese insuperabili anche quella della Rondinella. Proprio non abbiamo il minimo concetto di come affrontare chi sta chiuso nella propria metà campo a tirar pallate.

    RispondiElimina
  19. mah, è vero, ma è anche vero che l'anno scorso sbloccavamo spesso queste situazioni con uno scambio nello stretto tra Rossi e Borja o con un dribbling di Cuadrado. Senza questi, diventa tutto più difficile...

    RispondiElimina
  20. Una gara come quella di ieri è sicuramente salutare.Posso anche concordare con chi definisce questi gironi iniziali di E.L. come semplici nel grado di difficoltà condite da logoranti viaggi infrasettimanali,ma personalmente le ritengo utili per saggiare,anche se in minima parte,la competizione mai semplice Europea,che non sempre ti garantisce un risultato scontato e dà possibilità a diversi giocatori di essere parte in causa della squadra,soprattutto per il proseguo della stagione. Note positive,sicuramente Bernardeschi,ma non vorrei celebrarlo troppo,tanto ci spero in lui.Lazzari,resurrezioni o meno(ed il cognome la dice tutta),ad Udine non ha fatto male,si diceva doveva esser ceduto?E' mancato l'acquirente giusto?Altro esubero che affolla una rosa in overbooking?Bene,almeno ha i piedi buoni,la stagione è lunga,proviamoci anche con lui(come se non bastassero molti altri).Aquilani,rinnovare please,è un ragazzo intelligente Alberto e Zavaglia un uomo oldstyle,piazzati El Ham e compagnia(magari anche Lazzari eh),avremo qualche Euro per convincere e spalmare.Vorrei dire anche Ilicic,perchè anche se i bonus-salvezza stanno esaurendosi,questo benedetto ragazzo i colpi ce li ha,proporzionati alle problematiche tattiche e di collocazione nella Viola,tutti stanno lavorando per non buttare al vento 9milioni nonchè le cavolate dette nel Viviano_Affair,madeve però lui lavorare più di tutti,caratterialmente soprattutto,saremmo bischeri due volte se perdessimo anche questi denari.Ottimo bilanciamento di minutaggio per i probabili titolari di domenica,anche se non dimenticherei Mati e Kurtic, l'internazionale però non mi sembra messa bene in quanto acciacchi a centrocampo,chissà!Tata,buon portiere,sicuramente concreto e ben piazzato,ma io che ho sempre visto un qualcosa di grande in Neto,difendendolo fino allo scorso anno,sono di parte e anche tranquillo,poichè Neto non ha più bisogno di essere difeso,ora è un vero grande portiere,con un gran carattere che lo stà consacrando.Vero qualche errore lo scorso anno lo ha commesso,di piazzamento su punizioni,di respinte approssimative sul piede dell'attaccante in questione,ma se abbiamo giocato la finale di C.I.lo scorso anno,a parte il calendario agevole,lo si deve a lui in quella sera contro l'ostica Udinese...chi era presente ricorderà il suo nome urlato come ad un gladiatore.In porta insomma,siam tranquilli e bravo Tata.Note stonate,lo stop di PanteraRichards che davvero non ci voleva,altro di così eclatante o qualcosa di nuovo nel bene o male,se vogliamo,non è sembrato esserci.Saluti.P.s.post di Pollock breve,intenso,ironico,speranzoso(sia per chi sogna su Berna,che per chi si vuol liberare della moglie,ehehe).

    RispondiElimina
  21. Lo riposto di qua, oggi, perchè lo ritengo un post magistrale. Riassume lo stato d'animo di cui parlavo ieri sera con Stefano e tutti gli altri. E' una cosa difficile, per me, da spiegare. Valto, al solito, mi semplifica la vita. Quella consapevolezza di avere finalmente LA SQUADRA che ogni tifoso sogna, il bomber possente e realizzatore affiancato dal brasiliano dal talento infinito ed imprevedibile. E dietro la regia di un grande numero 10, il più forte, dopo Baggio del dopo Antognoni. Quella sensazione, di supremazia, di forza, di spavalderia e paura di nessuno, riusciremo a provarla ancora? Questo è il mio sogno più grande...



    valtolin






    Louis







    15 ore fa
















    quell'anno c'era effettivamente un'aria particolare intorno alla
    viola, lo percepivo anch'io che all'epoca vivevo ben lontano da Firenze e
    dallo stadio. L'anno di Malesani la squadra si era trovata
    improvvisamente consapevole di potersi giocare lo scudetto, con l'arrivo
    di Edmundo a spostare automaticamente l'asticella verso l'impossibile. E
    per quanto io sia rimasto da allora un fan sfegatato dal mio
    conterraneo teorico e pratico del 343, e per quanto il Trap avesse i
    tratti intollerabili di cui giustamente parlava Stefano (ricordo ancora
    le bestemmie di mio padre per l'ennesimo ingresso di Tarozzi e Bettarini
    appena eravamo in vantaggio), devo dire che il suo arrivo diede alla
    squadra una sicurezza dei propri mezzi che prima non aveva. Ci sentivamo
    una grande squadra, pronta per vincere, e in effetti lo eravamo, perché
    avere Rui Costa dietro a Bati ed Edmundo era tanta roba anche in un
    campionato in cui il Parma aveva Veron dietro a Crespo e Chiesa e la
    Lazio Mancini dietro a Vieri e Salas. Non so se con un tifoso viola
    l'avremmo vinto, può essere. Di certo con il Trap l'avremmo vinto, senza
    quello che sappiamo. Senza dubbio. Tutti sapevano che la Fiorentina
    avrebbe vinto, era una cosa che si sentiva nell'aria, anche nella
    campagna veneta. Un destino. E quando manchi gli appuntamenti col
    destino, si sa, la punizione è dietro l'angolo. In effetti mi sembra che
    siamo in punizione da allora. L'anno dopo lo vivemmo come un giro
    d'onore, una tournée in giro per l'Europa della squadra che, l'anno
    prima, aveva quasi vinto lo scudetto, e che si sentiva già un'ex grande.

    RispondiElimina
  22. Comunque io il Pek non l'ho visto male ieri sera. La palla persa purtroppo ce l'ha nelle corde, e, se ci fate caso, ci casca ogni volta che comincia bene e prende eccessiva sicurezza credendo di potersi permettere qualsiasi cosa. Però è inutile: con lui a pieni giri si va più veloce, il pallone cambia fronte più celermente e si vede addirittura qualche imbucata se gli altri 4 di centrocampo ne hanno voglia. Per domenica giochi chi gli pare, io voglio i 3 punti per ricominciare, appunto, a sognare. Non mi levate anche questo. Avanti Fiorenza!



    p.s. a proposito di tifosi viola della lucchesia: Fiorentina-Napoli, finale di coppa italia, 3 maggio scorso. Il nostro pulmann si ferma ad un autogrill nell'aretino, arrivano altri convogli di fratelli viola, tra cui uno che porta giù vari viola club della lucchesia, scende uno già alticcio con la maglia del flamengo, non so perchè mi viene incontro con una lattina di birra, ci mettiamo a parlare di calcio e della Viola soprattutto... Non so perchè, però mi venne subito in mente il Deyna, anche se la maglia non era quella di un club argentino, ahahahah

    RispondiElimina
  23. Quando si vinse a San Siro con la tripletta del Bati ebbi fortissima la sensazione che finalmente ci andavamo a prendere quello che arbitri e sorte ci avevan rubato nei primi anni '80. Avevamo l'attacco più forte del mondo, dominavamo le difese altrui in maniera quasi imbarazzante. Ricordo quando Edmundo fece buttar fuori Montero contro la juve, non riuscivano ad arginarlo, gli andava via da tutte le parti...e Batigol segnava a raffica, sfondava ogni muro. Un vero peccato non aver sfruttato quell'anno.

    RispondiElimina
  24. Ero io cazzo, incredibile! Ci siamo conosciuti allora!

    RispondiElimina
  25. quando mi piglia la saudade la vado a rivedere quella partita, il primo tempo di Edi è roba da marziani...

    RispondiElimina
  26. ahahahahahahahahahahahahahah

    RispondiElimina
  27. Non l'avevo letta,bravissimo Valto,hai riportato fedelmente uno stato d'animo comune a molti tifosi all'epoca,una sorta di "reinnamoramento"della stessa donna ed il previlegio provato per quella scelta.Quella Squadra meritava maggiori soddisfazioni,ma ci ha regalato molte emozioni,che solo gli innamorati sanno cogliere.Bravo anche Sopra che ha riportato,per i "ritardatari e i non quotidiani"come me,un post che regala dolci ricordi,conditi da un pizzico di rammarico,ma siam tifosi della Viola,orgogliosamente!

    RispondiElimina
  28. Ah ah t'ho fregato. Ah ah ah. Ahahahahaha. Comunque 30 anni fa avrebbe potuto essere vero, allo stadio andavo a volte con la maglietta del Flamengo in onore a Zico. Quasi sempre però andavo con la maglietta viola o dell'Argentina.

    RispondiElimina
  29. Si trova su youtube? Ce l'avevo in vhs ma è andata persa dopo un allagamento del garage...

    RispondiElimina
  30. Chi non ha vissuto il 55-56 con Julinho e Montuori non ha vissuto l'estasi. 4-0 e 2-0 ai gobbi, 33 partite senza perdere, anzi, vincendo spesso, lo scudetto matematico a sei giornate dalla fine, la rumba di Julinho a Pavinato, Pecos Bill che pareva un marziano anche lui. E chi li rivive più?

    RispondiElimina
  31. lo sapevo che non potevi essere te, non corrispondeva il personaggio, maglia a parte (comunque, bellissima e originale), ma in quelle occasioni si vedono personaggi che a raccontarli non ci si crederebbe... una giornata campale, potrei scriverci un libro, peccato per la conclusione, sportiva e, soprattutto, non....

    RispondiElimina
  32. Digressione......
    Il Vostro idolo Renzi: "L'Europa deve cambiare, troppa burocrazia, troppi iter complessi..."......... Ah ah ah ah ah ah ah ah........Vede la pagliuzza, non la trave....ah ah ah ah ah ah.......7 mesi che ho chiesto una conversione per un garage in magazzino, 9 moduli riempiti, 4 uffici per le pratiche, tasse e balzelli pagati....Nessuna risposta! Ah ah ah ah ah ah.....Vai Renzi! Vai, ora la truffa legalizzata del Tfr...vai Renzi! Ah ah ah ah......,Renzi bacchetta l'Europa...ah ah ah ah ah ah.....Graaaaande!

    RispondiElimina
  33. eh quello è il racconto preferito di mio padre, per lui ovviamente La Squadra è quella, per sempre, in assoluto.

    RispondiElimina
  34. Eccolo, e che colpa ce n'ho io se n'i cinquantacinque unn'ero neanche ne' pensieri di mi pà... :-) .... te almeno l'hai vissuti, pensa a noi poeracci che ci tocca accontentassi di fassi rizzà la fava senza mai inzuppalla.... ;-)

    RispondiElimina
  35. @ Deyna, intanto beccati questa, che anche qui c'è da ride (per non piange...)

    https://www.youtube.com/watch?v=dm2a4RtIttQ

    RispondiElimina
  36. Qualche anno fa andai a San Giuliano Terme a vedermi un Fiorentina-Pisa del Viareggio, nel pre-partita conobbi due garfagnini, uno osservatore della Viola, e ci guardammo insieme tutta la partita [primi passi di Babacar, impressionante, Mazuch e Aya in campo]. Dopo non si riusciva a smettere di parlare di calcio, e andammo a fare una bevuta di rosso, passando in rassegna tutti i talenti under 23 del panorama calcistico internazionale, ahahaha. Ci salutammo come fratelli, e in effetti in qualche modo lo siamo, una Fratellanza. E' una cosa che si percepisce a pelle, appena uno dice "Ah, anch'io sto per la Fiorentina!"

    RispondiElimina
  37. Mi dissocio sùbito dall'inclusione nella cerchia degli idolatri.

    RispondiElimina
  38. Maledizione, una di queste sere tocca rivederla ahahah

    RispondiElimina
  39. verissimo, come il piacere che uno prova quando trovi un altro che mastica calcio, solo chi ne è "malato" può capire...

    RispondiElimina
  40. madonna quella partita col Milan. Quel Bati aveva raggiunto la pienissima maturità, anche se i numeri non sono quelli del '94, lui era diventato molto più forte, con un'intelligenza davvero rara per un giocatore di quel tipo. Tra l'altro partiva quasi sempre molto arretrato se non addirittura dall'esterno, alla faccia di chi crede che il 9 classico sia un palo piantato in mezzo all'area. Una combinazione di potenza devastante, coordinazione sempre perfetta, w una fame atavica di gol e vittorie che risultava, semplicemente, irrefrenabile. Bati era frustrato dal fatto di essere uno dei più forti attaccanti del mondo (a quei tempi, chi c'era più forte di lui, come punta? Ronaldo forse. Ma altri no) in una squadra che non vinceva. Ma la sua frustrazione estiva diventava, ogni settembre, un'iniezione di energia purissima a tutta la squadra, che doveva vincere, perché lui aveva deciso che doveva vincere. Una lezione per i tanti top player frustrati più o meno presunti...

    RispondiElimina
  41. Via, sarà meglio che vada a sistemare un paio di clienti, sennò che ni racconto, di Edmundo? Che poi son circondato da gobbi...

    RispondiElimina
  42. Comunque si è sempre sottovalutata quella difesa: Toldo in porta, Torricelli ancora caricato a pallettoni e qualcos'altro dall'esperienza nei gobbi, Repka simil-Vierchowood, il tanto disprezzato Heinrich che oggi pagherei per avere terzino di sinistra in una difesa a quattro...

    RispondiElimina
  43. io la prendo ovviamente come una provocazione...

    RispondiElimina
  44. Repka però collezionava rossi come pochi al mondo. Heinrich fu anche l'autore del lancio per il famosissimo gol di Bati all'Arsenal, o sbaglio?

    RispondiElimina
  45. Eppoi scappo davvero, guardatevi l'accelerazione che porta al cross per il gol di Heinrich... terzultimo e penultimo controllo in velocità, quasi buttato fuori dal campo da un "mingherlino" come West e poi palla al bacio per il tap-in del tedesco... mah... 01:02:00

    RispondiElimina
  46. Ragazzi...se Edmundo fosse stato cervello munito,sarebbe entrato tra le leggende del calcio(e a Firenze e un l'avremmo mai visto)

    RispondiElimina
  47. Clienti gobbi ne ho diversi anch'io. Premetto che sono sempre parimenti etico e corretto con tutti, italiani, stranieri, extracomunitari, bianchi, neri, uomini, donne, gay, travelli, ricchi, poveri, medi, fihe, cesse, medie, giovani, vecchi, medi, comunisti, renziani, democristiani, berlusconiani, fascisti, simpatici, poco simpatici, quelli che ti fanno regali, quelli che ti offrino l'aperitivo al bar, quelli che in casa loro ti offrono il caffè e la sigaretta, quelli che non ti offrirebbero nemmeno un bicchier d'acqua, quelli che t'aiutano a trovare altri clienti, quelli che gl'importa una sega di te... Ma per arrotondare, una categoria di mira dovevo prenderla, e tirare inculate ai gobbi ti ripaga di tante partite rubate e prese di culo subite!

    RispondiElimina
  48. Chiedo venia,Louis,ma mi appariva il Sopra come autore del tuo post(Disqus gaffe),dunque bravo Te che hai riportato il "Valto-pensiero"che è anche poi il nostro.Ti saluto

    RispondiElimina
  49. Io l'ho inzuppata du' volte (ma la prima la un n'ha prezzo) e penso un mi ritocchi più. Vedrò di contentammi in senso non metà forico finchè e ce la fo.

    RispondiElimina
  50. ahahah quadretto molto dettagliato e veritiero di andamento societario attuale,mi permetto di aggiungere e son pronto a scommettere che coloro che non offrono neanche un bicchier d'acqua,magari son quelli per giunta gobbi...eheheheh!!!

    RispondiElimina
  51. il senno di poi...

    RispondiElimina
  52. Il TFR in Europa non ce l'ha nessuno, a fine contratto, solo in Italia... quindi sono tutti dei truffatori legalizzati? Maurizio Landini ha detto che è d'accordo con il TFR anticipato... è un cretino anche lui? Ma andate sul sacro blog, grilloidi, a cliccare la pubblicità sulle slot machine

    RispondiElimina
  53. follia parlarne adesso, ma per la fascia sinistra (visto che vargas invecchia, pasqual non lo voglio più vedere [e credo nemmeno montella] e alonso è più terzino che tornante] prenderei guardado, che il valencia ha lasicato in prestito, senza motivo, al psv

    RispondiElimina
  54. Richards 10 giorni

    http://www.violanews.com/news-viola/report-medico-richards-ce-lesione-out-10-giorni-20141003/

    RispondiElimina
  55. Lo proponevo quest'estate...

    RispondiElimina
  56. Non mi ero informato, credevo che negli ultimi due anni avesse giocato pochissimo esclusivamente per scelta tecnica, invece pare abbia sofferto di continui problemi fisici. Stanno esagerando, una scommessa val la pena farla, ma riempire la squadra di mezzi rotti no.

    RispondiElimina
  57. ritornando al pek, poiché rientro adesso in casa: io stravedo per lui, com'era e com'è, e la partita di ieri non l'ho vista. quello che voglio dire, è che con l'inter c'è bisogno di intensità, che già per caratteristiche nostre c'è un po' estranea: dunque aquilani e kurtic; poi mati ci vuole assolutamente. il pek, purtroppo, nelle ultime uscite lo vedo in grande declino fisico, poi se ha spazio col pallone fa quel che vuole, ma in mezzo a medel, kovacic, guarin e hernanes temo se lo sbranino. se avesse un pochino più di forma fisica potrebbe stare anche fra roy keane e gattuso, tanto la palla non la fa strusciare a nessuno.. va be', vedremo!

    ad ogni modo: ne vogliamo parlare di roy keane? che giocatore!

    RispondiElimina
  58. Per l'Inter o un si parla di quello? Ora un ni starà miha altri tre mesi a ciucciassi l'adduttore?

    RispondiElimina
  59. sì ma non credevo non ci puntassero, forse l'han fatto fuori per puntare su orba, boh. ha sempre avuto qualche problemino di continuità, però insomma, si parla di un bel giocatore, e sicuramente se l'hanno spedito a giocare nella serie A olandese te lo darebbero a buon rpezzo. da pensarci.

    RispondiElimina
  60. spero che questo sia l'anno delle "conferme": abbiamo provato i "colpi" per tentare il salto, a giugno valutiamo, chi non torna integro ciao ciao.

    RispondiElimina
  61. Solo due righe prima di una riunione che mi attende,anche perchè ci sarebbe da scrivere un poema sull'attuale situazione politica e rispettivi tempi che ho dovuto"subire"anch'io rischiando intanto investimenti(indipentemente se piccoli o grandi,ma è il concetto).Nella rapida escursione generale nei siti a me graditi,ho velocemente visionato uno spezzone della puntata tratta da Servizio Pubblico,dove in una apparentemente di facile lettura frase di DDV,il quale afferma che anche Berlusconi riesce finalmente a godersi la vita,mentre Renzi governa,stà racchiusa una sacrosanta verità.Un paradossale piattume e stallo,dopo fiumi di parole e speranze profuse a giovani e non.Un promesso miracolo Italiano parte seconda(iniziato dall'imbalsamato di arcore),ma senza pane per diventare pesce e neanche carne ahimè.Rimane il tozzo,di pane(fortunatamente ho qualche olivo)ed ognuno lotta per il proprio condimento e per quello di altre famiglie,se si resiste nel dar lavoro a qualcuno.TFR,Soprasseduto,vero esiste solo in Italia,poichè nel NordEuropa(dove ho vissuto molti anni)quasi non ce né bisogno...Io lo vedo come una sorta di rimborso ai danni morali ed economici che lo stato deve a molti dei suoi cittadini,fine carriera lavorativa,quelli onesti però,attenzione.I "furbetti del quartierino ne accumulano sempre 2/3 volte di più,vanno a cena col politico di turno o con mediatori,sono moralisti,benpensanti,bacchettoni e tentano di mescolarsi al gregge,ma lasciano fuori sempre la coda...

    RispondiElimina
  62. Renzi è un involucro vuoto, nel migliore dei casi. Ok siamo d'accordo su tutto,TFR, art 18 ( dove le verità sta nel mezzo, imprenditori che cercano di approfittare nella giungla dei cavilli, lavoratori che non hanno bene in presso il senso di lavoro, imbevuti da tessere sindacali) 80 €, annuncite cronica che fa pensare davvero ad un malato mentale. Purtroppo avvierà con successo le privatizzazioni, che non porteranno alcun beneficio economico, ma solo vantaggi per grandi privati sostenuti dalle banche a danno del sociale che viene annientato. Ci sarà un altro stonfo vero, in rampa di lancio è arriverà, come arrivano tutte le rese dei conti: si chiama INPS. Ovvero un buco pauroso generato dai folli e traditori della Patria Monti e Fornero. Ad oggi non ne parla nessuno, stanno aspettando il momento giusto per iniettare il panico e quel giorno il nostro ex sindaco re buffone, chiederà conto agli italiani e alle loro pensioni. Ricordate, il conto alla rovescia è iniziato da tempo ed irreversibile. Draghi rappresenta il fallimento vero della zona euro, nessun progresso come sogno prospettato, dal 2002, anzi erosi patrimoni, fallimenti delle aziende piccole e medie, povertà e depressione in aumento, Da anni lo scrivo, se non usciamo dalla zona Troika/CE, nous somme foutu.

    RispondiElimina
  63. Io Guardado l'avevo visto, guardato....Una coppia sulle fasce Guardado-Cuadrado sarebbe un concendrado di forze! A Pasqual direi "Chi ha dato ha dato, ora tocca a Guardado...".

    RispondiElimina
  64. Un giornalista gobbo che si chiama Gianluca Losco è tutto un programma. Pensare in uno scambio Jaquinta-Gale è roba da fantascienza anche nel 2010.

    RispondiElimina
  65. ahahahahah, te pensa che io in clientela c'ho un gobbo deluxe, un ex giocatore juventino (12 anni di militanza, sticazzi), e manco gliel'ho detto che tifo Viola, sennò si insospettisce e comincia a pensare a imboscate, ahahahahahah

    RispondiElimina
  66. E pensate che Jordanone Edi lo conosce pure ma fa il prezioso, eheheheh

    RispondiElimina
  67. La prima settimana senza infortuni pago Negroni a tutta la ciurma, oggi i 10 giorni di Richards, maremma ladra (visto che si parla di gobbi)...

    RispondiElimina
  68. Me l'immagino che banda deve essere, Deyna che daresti per presenziare? Eheheheh...

    RispondiElimina
  69. Suppongo sia uno alto che vive nel pistoiese! Ho vinto??

    RispondiElimina
  70. ahahah beh a volte sì le due cose coincidono!

    RispondiElimina
  71. Lele, cosa intendi per resa dei conti INPS? Blocco, revoca pensioni? Non che a me cambi molto, ma se quel giorno arriva e arriva relativamente presto?

    RispondiElimina
  72. Ahah tempo fa raccontai qui un aneddoto della mia adolescenza. Lui ha un figliolo mio coetaneo (anno più anno meno), che una volta si mise a fare il bulletto con un mio amico grassoccio, timido e buono come il pane (almeno finchè 'un gli cahano i'cazzo, come scoprii da allora, ahahah), il mio amico inaspettatamente reagì e lo sistemò in "due tempi", rinfacciandogli che una era per lui, l'altra per il gobbo di so'pa'!

    RispondiElimina
  73. Il papà maledetto mi ha "regalato" una delle mie più tremende delusioni viola: andai a vedere la sfida dell'82/83 tutto speranzoso di rivincita con i ladri dello scudetto dell'anno precedente, ma segnò proprio il perticone. Ho molti flash di quella gara: Tardelli che sega Passarella, che cadendo gli stampa una perfida, seminascosta gomitata in faccia ---> espulso [o ammonito?] solo Tardelli; punizione per noi, in barriera Furino [già ammonito] al solito fa avanzare a passettini i compagni...si avvicina l'arbitro per ammonirlo di nuovo, e lui prontamente scuote Prandelli, che teneva a braccetto, urlandogli di stare al suo posto in barriera ---> ammonito Prandelli; splendida marcatura di Ferroni su Pablito Rossi, eroe del Mundial; Platini davanti alla difesa a cercare di fare il regista, ma molto spento; un vivace Sandro Bertoni nel finale.

    RispondiElimina
  74. Voglio assolutamente un video Jordan, sono disposto a pagare! Un compattino di 50' del genere non ha prezzo! Ma in che rapporti sono oggi i due amici/nemici Edmundo e Romario?

    RispondiElimina
  75. Questo psicodancing che all'entrata ha un gradino ad altezza variabile, cosa fa? Chiude? É presto?
    Io ho rivisto il mio "14" e mi veniva da piangere.
    Il Barca di Crujiff é stato uno degli spettacoli più godibili del secolo scorso....
    E quando giocava lui, invece....poesie scritte con i tacchetti.
    Crujiff, unico.

    RispondiElimina
  76. Mito. Me ne innamorai totalmente guardando il film di Ciotti

    RispondiElimina
  77. Appunto amici/nemici, si insultano ma in fondo si ammirano, perchè sanno di essere entrambi di una razza per certi versi superiore (per altri lasciamo perdere, ma anche qui sono simili). Però, ti ripeto, li ho persi un po' di vista perchè quando sono in Brasile sto soprattutto nell'area di Santos, e mio figlio che sta a Rio, sta fuori tutta la settimana per lavoro Comunque glielo chiedo è lui amico di loro e soprattutto di Edinho (non quello del Fluminense e dell'Udinese) che era procuratore e amicissimo di Edmundo.

    RispondiElimina