.

.

sabato 4 ottobre 2014

Lungo il pendio della bugia

Non amo molto la simulazione, e non solo quella fatta per beneficenza da donne caritatevoli che fingevano orgasmi multipli per non umiliarmi. Non mi piacciono le sceneggiate in generale, nemmeno quelle che mettono in evidenza temi importanti come l’amore, il tradimento e l’onore. Isso, essa e ‘o malamente, l’eroe positivo, l’eroina e l’antagonista non fanno per me. Figuriamoci se mi piacciono quelle messe in scena sui campi di calcio, e soprattutto quelle sui campetti di periferia del nostro calcio. In questo caso sono totalmente dalla parte degli arbitri, perché certe scene di finte gomitate in faccia, e tutti questi Attilio Regolo che rotolano lungo il pendio della bugia fatta di contorsioni accompagnate da urla di dolore, che richiamano massaggiatori di facciata all’uso pietoso della morfina, non si possono più vedere. La mia è una crociata contro il dolore per un falso crociato che salta. E’ davvero fastidioso questo ricorso all’inganno, anche il falso nove è pura simulazione tattica, perché continuando così, agli occhi dell’arbitro, il giocatore alla fine viene visto come la donna nei canoni più stretti della sceneggiata per eccellenza, quasi sempre in termini negativi, pronta a tradire l’amato. Da qui il largo uso di giocatori stranieri che poi hanno ispirato Gaspare Di Maio in “Core furestiero”. E anche Wanda Nara si è ispirata alla sceneggiata napoletana con “Te lasso” cantata a Maxi Lopez, con la sceneggiatura di Icardi, mentre il nostro Cuadrado ha ispirato “‘O motorino”. Mi scuso per questo sfogo, ma il calcio degli inganni non fa per me, lasciarsi cadere è antisportivo, e penso a Tommaso che a forza di vedere partire di calcio una volta ha simulato l’appendicite per estorcermi un Xbox. Siccome la Rita ha il cartellino facile tutto è rientrato e adesso il furbo si lascia cadere solo sul divano. Ma io che amo il terzo tempo, il fair play, gli stadi senza barriere, il giocatore che fa cambiare a suo danno la decisione dell’arbitro, vivo la mia passione da separato in casa, dove tra l’altro ultimamente non vinco più neanche tanto spesso, ma in compenso ho trovato chi non regala solo delle brutte figure al nostro calcio con il suo atteggiamento equivoco, ho trovato figure che invece mi piacciono davvero tra quelle che più amano tuffarsi. Dove? Nella scollatura delle ragazze che le indossano.


51 commenti:

  1. Simulo un commento che simula un commento: "Che bel post! Meglio una scollatura piuttosto che una scollinata!

    RispondiElimina
  2. Ed annegar m'è dolce in questo mare

    RispondiElimina
  3. I pendii delle bugie sono sconnessi,impervi,molte volte vi si cade,inevitabilmente.Ma chi non ha mai raccontato una piccola bugia,anche se a fin di bene,specie tra innamorati.Chi non ha mai compiuto una piccola simulazione,non così sciocca come il Busquets(credo) del Barca nella foto.Chi non si è mai avvalso di qualche mezzo per ottenere un risultato anticipato in qualsiasi campo,non così eclatante ma furba mano de Dios"Maradonesca".Oggi si celebra S.Francesco nel mondo sacro,in altri siti si riportano ricorrenze di compleanni profani,Cuccureddu da Alghero,che poi male non fece,con quella maglia dal giglio rosso new style grande e cerchiato,novità dell'epoca,j.d.farrows lo sponsor;uno dei tanti doppioni ricorrenti nell'album delle figurine panini dell'epoca.Ahi quello scudetto mancato-rubato,come volevo ci fosse stato riconosciuto nel tempo.Come desideravo che tangentopoli si fosse estesa a calciopoli in quel periodo e non più tardi,fino a restituirci il terzo scudo,un pò come successe in seguito con l'inter del tifoso guido rossi.In certi momenti,presi dal desiderio di giustizia,di integrità morale,di onestà,quando queste vengono meno,tutti noi commettiamo "peccati veniali"o saremmo disposti a commetterli,a difesa delle tali,salvo poi magari pentirci e concludere che il terzo và vinto sul campo ed in questa vita.Veritas filia temporis,la verità è figlia del tempo e ne trascende,la bugia è inganno che emerge nel tempo.Si parlava ieri in un post in cui si è sfiorato l'argomento politica,a proposito di bugie,concordo molto con ciò che scriveva Lele,sul fatto che la manovra tfr andrà pesantemente a gravare sulle casse dell'inps e sulle piccole imprese,aggiungo il fatto che il tfr fà già parte del salario del lavoratore.E' come ottenere un aumento del salario netto attingendo dallo stesso salario lordo,in particolare quella quota di salario che viene mensilmente accantonato per far fronte alla perdita del posto di lavoro.Oltre il danno,la beffa,facilito il licenziamento in cambio di una manciata dei tuoi euro,ti tolgo la valvola di sicurezza.Job act,articolo 18,tutto polverone per accentuare la guerra tra poveri,l'economia politica è una vera scienza del potere,irraggiungibile a noi "comuni mortali"in questa triste situazione in cui ci vengono raccontate quotidiane falsità dai soliti cortigiani al governo...P.s. Forse avrei dovuto divedere il post in più trance quest'oggi per far più numero,magari simulando nel numero dei commenti...saluto tutti buon sabato

    RispondiElimina
  4. Jordan,da qualche parte ho letto di un Romario futuro statista e aspirante politico,ti risulta o è una bufala?Chissà non scelga Edmundo come stretto collaboratore...ehehe

    RispondiElimina
  5. l'amore per il basket, la critica della sinistra spagnola che fa politiche troppo centriste uguali a quelle della destra, una consapevolezza del suo ruolo pubblico rispetto all'uso dei social media che praticamente nessun suo collega ha...
    Con quest'intervista Borja si è confermato essere un grande uomo, di quelli da avere nel cuore. Se per caso ricominciasse ad avere anche un po' di fiato in campo, magari.

    RispondiElimina
  6. EFFEMBERG, quella del TFR è una truffa legalizzata, una stronzate clamorosa.
    Le persone dovrebbero ragionare, non farsi intortare!
    E io devo mettere il TFR nella busta paga dei miei dipendenti già ora, tassati, con oneri...tutti per lo stato? E i dipendenti? Vedersi mancare un giorno "quei soldi" già spesi durante l'attività lavorativa stipendiata?!
    Renzi: "Be' cosa dire...le persone si ritroverebbero 180 euro in più in busta che é già...una...una....", neanche é riuscito (sarebbe stato vergognoso) a dire "bella somma"!
    Una truffa legalizzata o l'ennesimo drenaggio a chi paga gli stipendi, ancora non so quale delle due scegliere....E gli assicuratori gongolano, perché con quei 100 euro faranno stipulare polizze, c'é già una metodologia pronta!!
    E la gente imbocca tutto......poveretti!

    RispondiElimina
  7. Simulo di essere una persona colta e cito l'inizio di una poesia di Pessoa in tema con il post di Pollock

    Il poeta è un fingitore.
    Finge così completamente
    che arriva a fingere che è dolore
    il dolore che davvero sente.



    PS la peggiore simulazione del millennio penso sia quella di Destro con il Cagliari l'anno scorso. Roba da squalificarlo per un anno.

    RispondiElimina
  8. Concordo con te SOPRA, il TFR è meglio che rimanga un risparmio forzoso per il futuro. Già le pensioni future saranno basse se poi i dipendenti si saranno già spesi anche il TFR ci saranno ancora più pensionati indigenti. Allora se proprio deve essere, meglio farlo confluire in un fondo pensione. Continua la politica del differire i problemi, tanto nel futuro a governare non ci saranno loro. Un po' come la storia dei derivati degli enti locali, che - secondo me - è stata troppo sbrigativamente liquidata come frutto della furbizia delle banche cattive contro i poveri amministratori ingenui

    RispondiElimina
  9. L'Atletico becca tre (3!) gol in 13 minuti..............! Con chi ha perso la Juve??!?!?!?

    RispondiElimina
  10. Simulo di vivere a Vienna a Ginevra: domani voglio vedere un 4-3-3 con falso nueve!

    RispondiElimina
  11. Krasic tra i candidati, tra i primi 50....

    RispondiElimina
  12. I "Derivati"? Come sempre guadagno per banche, faccendieri, personaggi laterali......vergognoso anche questo!
    Immagino i comuni che avevano assessori con competenze economiche scarse o legate solo agli affari locali...bocconi deliziosi per gli squali dell'economia!

    RispondiElimina
  13. che ciò che faccia Renzi sia una truffa lo darei per scontato. E però, come giustamente diceva EFFEMBERG, il Tfr sono soldi dei lavoratori, non di altri. Parlare di "drenaggio a chi paga gli stipendi" significa non tener conto che "chi paga gli stipendi" con il Tfr sta incamerando (e dovrebbe accantonare, per legge) soldi non suoi, ma dei suoi dipendenti. Che poi tra lasciarli alle aziende o darli allo stato possa essere preferibile la prima ipotesi, è un'opinione, può essere vera. Basta che ci mettiamo d'accordo sul fatto che il Tfr è un prestito forzoso fatto da ogni dipendente all'azienda per cui lavora. Come se ogni azienda avesse una piccola banca da cui attingere credito senza bisogno di mostrare alcuna garanzia. Non li lamenterei, diciamo...

    RispondiElimina
  14. Sobillatore! Allora Sobis, brevilineo brasiliano che arrivó al Betis (se non sbaglio) cos'era??
    Vado oltre CORTO? Comunica a Lud che l'ultimo centravanti boa-statico é stato Gianfranco Mannarelli! Ah ah ah ah ah ah...

    RispondiElimina
  15. A me i soldi per il TFR non li da nessuno.....boh.....

    RispondiElimina
  16. l'ho fatto un paio d'ore fa, ma ovviamente non si vedrà sul sitone se non, forse, domani...

    RispondiElimina
  17. quelli sono soldi contrattualmente previsti come parte del salario di ogni dipendente, quindi, legalmente, soldi dei dipendenti, che vengono invece lasciati all'azienda perché gli accantoni e li dia ai dipendenti alla fine del rapporto, come salario differito. Ma sempre salario è.

    RispondiElimina
  18. Mannarelli, che chiamavamo affettuosamente Nannarelli, vista la sua scarsa dinamicità..ah ah ah

    RispondiElimina
  19. Una bella intervista della Nanni

    http://www.stamptoscana.it/articolo/spettacoli/personaggi-gaia-nanni-affrontare-caos

    RispondiElimina
  20. http://www.violanews.com/altre-news/mondonico-montella-ha-dimostrato-che-si-puo-vincere-anche-senza-attaccanti-20141004/



    Continua il processo camaleontico di Ludwig Zelig, anche oggi ha beffato la stampa trasformandosi in Emiliano Mondonico.

    RispondiElimina
  21. eheh, in realtà sono d'accordo col Mondo, nel senso che è vero che Montella ha dimostrato di potersela cavare anche senza una prima punta. Altra cosa è dire che, a differenza di quanto lui stesso abbia sempre detto, non se la caverebbe ancora meglio avendola...

    RispondiElimina
  22. Sopra gli assicuratori gongolano fino a un certo punto perchè:
    1) di assicuratori e compagnie ce n'è troppe.
    2) certe polizze o piani equiparabili le fanno stipulare anche le banche (e le Poste).
    3) pensionati+disoccupati+inoccupati penso siano più dei contribuenti
    4) Ci sono categorie di contribuenti che il TFR manco ce l'hanno (oltre a te, gli stessi agenti e subagenti assicurativi).
    5) Solo le aziende con più di 50 dipendenti accantonano sistematicamente poichè costrette a versare a Fondinps qualora il dipendente abbia fatto il silenzio/assenso anzichè aderire alla previdenza complementare, tante piccole aziende invece manco accantonano.
    6) se uno quei 100 euri mensili "in più" li usa per camparci subito, non può usarli per le polizze

    RispondiElimina
  23. Si il TFR è salario differito, che viene erogato normalmente alla fine del rapporto di lavoro, ma è anche una forma di finanziamento per le imprese.
    Il mio pensiero è che anticipare il TFR in busta paga significherebbe forse far ripartire i consumi, ma anche frenare gli investimenti in ricerca e sviluppo delle PMI italiane. Quindi significherebbe alimentare una crescita debole e non strutturale di lungo periodo. In più, differire una parte di salario significa dotare il lavoratore di una polizza implicita per il futuro: in caso di perdita di lavoro il TFR può darti respiro per un certo periodo, ovvero ti può aiutare a estinguere un mutuo (consideriamo che molti giovani compreranno la casa tardi e probabilmente gli esbori per il loro mutuo si protrarranno negli anni della pensione). Per questo lascerei il tutto come è.

    RispondiElimina
  24. no ma certo, infatti per quello ho detto "che poi tra lasciarli alle aziende o darli allo stato possa essere preferibile la prima ipotesi, può essere vero", intendevo proprio che almeno, lasciati all'impresa, possono essere investiti, e quindi, in un momento come questo, creare ulteriore lavoro. Non mi andava solo il discorso "alle aziende toccherà sborsare il tfr per i lavoratori", perché quei soldi, in principio, sono dei lavoratori. Poi se al momento è più utile per l'economia che vengano lasciati alle imprese, ci può stare, non sono contrario in linea di principio. Ma è un prestito che i dipendenti fanno all'impresa per cui lavorano, non un regalo, basta ricordarsi questo.

    RispondiElimina
  25. allora concordiamo su tutta la linea!

    RispondiElimina
  26. Prandelli ha spezzato le reni agli avversari...1-2.

    RispondiElimina
  27. Mandorlini sa far giocare a calcio,la sua squadra...non male il riccioluto-razzista.

    RispondiElimina
  28. Ma i mezzi Ottomani sono i Quattromani?

    RispondiElimina
  29. stefano vienna4 ottobre 2014 21:46

    Ti riferivi a me? Sul falso nueve prendevo in giro lo Zaller quando ancora frequentava il blog, anzi mi ha pure minacciato di denuncia.


    Per domani, basta che non giochi Valero e si vince facile. E comunque io da anni chiedo a gran voce il 4-2-3-1 o un 4-4-2 con due punte vere. Vivrò pure a Vienna, ma i tre tenori non li reggo più. Abbiamo due interni di centrocampo decenti Aquilani e Kurtic, Pizarro e Vargas che li farei comunque giocare il più possibile. Gli altri dovrebbe essere riserve di Aquilani (Mati e Valero, in questo ordine). Meglio Lazzari.

    RispondiElimina
  30. Vediamo se domani Mazzarri fa un 9-0-2, al Napoli era riuscito a fare anche il 10-0-1 a volte, lasciando il solo Cavani in avanti. Mazzarri mi piaceva nella Samp di Cassano e Pazzini, poi nonostante i buoni risultati di Napoli mi sembra si sia involuto

    RispondiElimina
  31. sostenitori viola, non esageriamo...

    RispondiElimina
  32. stefano vienna4 ottobre 2014 21:50

    Neto
    Tomovic-Gonzalo-Savic-Alonso
    Aquilani-Kurtic
    Berna-Ilicic-Vargas
    Baba


    Se Pizarro e Cuadrado sono disponibili:


    Neto
    Tomovic-Gonzalo-Savic-Alonso
    Aquilani-Pizarro-Kurtic
    Berna-Baba-Cuadrado


    Mati e Valero in tribuna. Vargas e Lazzari pronti a subentrare a centrocampo.

    RispondiElimina
  33. Solo per il 4-3-3 che hai difeso a oltranza, ma era uno scherzo affettuoso (almeno questa era l'intenzione, spero non ti sia offeso) come nei confronti di Lud (il vero fautore del falso nueve) al quale personalmente non posso rimproverare nulla se non una certa cocciutaggine nel difendere le sue tesi. Per fare ancora il colto, mi ricorda il vecchio Jonathan Oldbuck del romanoa L'antiquario di Sir Walter Scott, quando espone la sua teoria secondo la quale un fosso della sua tenuta di Monkbarn è un vallum romano (tesi che sarà smentita dal vagabondo che gli racconterà la vera storia del fosso, in una scena del libro per me memorabile)
    Con affetto

    RispondiElimina
  34. Ti posso anche seguire, ma Mati in tribuna no, non in questo momento.

    RispondiElimina
  35. stefano vienna4 ottobre 2014 22:23

    Lo sai come la penso, Corto. Io mi auguro di vedere un altro tipo di calcio, con più giocatori offensivi e meno tenori e mezzi tenori possibili -con l'eccezione di Aquilani e di Pizarro.

    RispondiElimina
  36. stefano vienna4 ottobre 2014 22:28

    Sul 4-3-3 non ho mai speso grandi lodi, almeno quello visto l'anno scorso con Montella, con tre tenori e una punta e mezza. Se fosse vero 4-3-3 come quello che fa Garcia o quello del primo Zeman (alla Lazio) allora sarei più positivo. Ma appunto i centrocampisti di un 4-3-3 offensivo non potrebbero essere nè Mati nè Valero, che sono due trequartisti mancati, adatti a poco, solo ad alzare il possesso palla, non essendo quasi mai decisivi. Adatti a farmi addormentare durante la partita.

    RispondiElimina
  37. Io sinceramente non sono legato a nessun modulo in particolare e a un tiki-taka un po' incocludente come quello degli ultimi tempi, preferisco di gran lunga una squadra più dinamica e veloce. Però credo che quelli più in forma debbano comunque giocare e secondo me Mati, per il quale ho un debole, e Aquilani sono i più in forma.
    Se devo scegliere il mio modulo preferito (forse l'ho già scritto) è il 4-4-2 del compianto Colonello Lobanosvki, ma lui aveva Yaremchuk, Yakovenko (quello buono), Zavarov, Belanov e Blochin etc etc.

    RispondiElimina
  38. 1) Neto, 2) Tomovic, 3) Alonso, 4) Kurtic, 5) Savic, 6) Gonzalo R., 7) Cuadrado, 8) Aquilani, 9) Babacar, 10) Mati F., 11) Bernardeschi/ Ilicic (che sembra l'oggetto sul quale punta Montella...).

    RispondiElimina
  39. Questa (considerando che manca Richards, ma non voglio riaprire la vecchia querelle) "te la compro", per usare una espressione abusata che trovo abbastanza irritante.

    RispondiElimina
  40. Scusa SOPRA ma disqus mi segnalava il post come di Stefano, non tuo..

    RispondiElimina
  41. Neto; Savic, Rodriguez, Basanta; Cuadrado, Kurtic, Aquilani [60' Pizarro], Mati Fernandez, Alonso; Bernardeschi, Babacar.

    RispondiElimina
  42. Come dal Livorno è passato direttamente all'Entella?

    RispondiElimina
  43. Ti meravigli? A me sembra uno da Serie C, il Montero (per scorrettezze) dei poveri, un tipo per un calcio che non c'è più...

    RispondiElimina
  44. Sì, ma dalla A all'Entella diretto è brusca come retrocessione...

    RispondiElimina
  45. Montero comunque devo ammettere che quand'era all'Atalanta ho sperato ardentemente venisse a Firenze...

    RispondiElimina
  46. http://www.violanews.com/news-viola/foto-vn-ecco-le-maglie-viola-per-fiorentina-inter-20141004/comment-page-1/#comments



    L'accozzaglia di colori, il contrasto tra gli stili, il permanere delle orrende strisce dorate, il posizionamento e la dimensione del logo...Raccapriccio.

    RispondiElimina
  47. SOPRAVVISSUTO,credo tu non abbia ben letto o mal interpretato la natura del concetto che volevo esprimere,magari ho lasciato intendere un finale di libera interpretazione,ma scrivere TFR oltre il danno la beffa,mi sembra eloquente come pensiero.Solo per chiarire,come son solito fare in circostanze di malintesi.In sostanza,non ho usato il termine stronzata o truffa legalizzata,ma il senso mi sembrava sottinteso e non è neanche detto che accada.Renzi?Lasciam perdere...Le persone ragionano abbastanza,son finiti i tempi della pigrizia mentale dovuta al troppo benessere,la trincea apre la mente.Diceva un mio amico pluridecorato"la mente è come un paracadute mentre ti lanci nel vuoto,non serve se non si apre".Di questi tempi sai benissimo anche te che bisogna stare svegli...!!!Gli assicuratori?Alcuni vanno in giro a vendere pentole con polizze all inclusiv...!!!

    RispondiElimina
  48. Hai capito perfettamente la natura del concetto che volevo esprimere.

    RispondiElimina
  49. Sopra,ti reputo una persona intelligente,dai...!!!

    RispondiElimina