.

.

domenica 5 ottobre 2014

Bene o male

La partita di stasera dovrebbe comunque rilasciarci lo scontrino, perché è arrivato il momento di pagare il conto, salato o meno, ma speriamo che ci dica finalmente qualcosa di più dopo questo strano inizio di campionato cominciato un po’ a mezza altezza, come la scelta non proprio ideale di certe traiettorie che facilitano il portiere sul calcio di rigore. Nel bene o nel male è necessario uscire da questo sottovuoto. Bene o male vuol dire vincere o perdere, non certo pareggiare magari in rimonta come a Torino. E investirei anche tutto l’anticipo del TFR pur di vedere Mazzarri, tutto rosso a differenza di Renzi, lamentarsi per una sconfitta rimediata al 93°. Bene o male come le domeniche di chi è tifoso. Vittorie e sconfitte, entusiasmo e depressione. La gioia e la delusione, stati d’animo che fanno parte del nostro mondo, sono il sedano, la cipolla e la carota di un tifoso battuto. Si passa dall’eccitazione, dalle aspettative piene come panini con la frittata avvolti nella stagnola, al trionfo o al dramma, per questo vogliamo uscire da questo stallo che non è ne carne e ne pesce. Purtroppo nella vita di un tifoso non ci sono solo gli infortuni di Gomez e Rossi, oppure l’ansia per la paura di perdere certi giocatori a fine contratto, ci sono anche i pareggi. E i pareggi sono brodo di dado, non hanno più quel sapore consolatorio di una volta quando la vittoria valeva due punti, quando ancora c’erano le mezze stagioni. Oggi per un tifoso come me peggio di un pareggio c’è solo scoprire che Tommaso ha cominciato a fumare, e se almeno fosse ancora come il pareggio di una volta, quando cioè fumare faceva bene come appunto pareggiare. Oggi sembra impossibile, eppure specie in America si usava così. Dagli anni ’50 in poi, sigarette, pipe e tutti gli attrezzi per fumare tabacco sembravano essere tra i giochi più gettonati da regalare ai propri figli per farli sentire “proprio come tuo papà”. Erano i bei tempi che il pareggio faceva sangue e classifica, erano i bei tempi in cui fumare non faceva male, anzi la pubblicità della Camel recitava “le sigarette più fumate dai dottori”. Non mi sarei incazzato perché Tommaso ha cominciato a fumare, e neanche in caso di pareggio contro Mazzarri, perché i miei beniamini a cartoni animati fumavano come turchi, e poi le sigarette di caramello o cioccolato, Spiderman che ti insegnava ad avere i super poteri mediante l’utilizzo di cicchini, il set da agente segreto fumatore. E non come stasera che se invece pareggi poi ti fumano i coglioni.




 
 

129 commenti:

  1. Un buongiorno a Gaia.

    RispondiElimina
  2. Guarda come dondolo, guarda come dondolo....

    https://www.facebook.com/video.php?v=925604300787809&set=vb.100000147422241&type=2&theater

    RispondiElimina
  3. Oggi giocheranno contro (tra di loro) le 4 di EL e le due di CL...Poi dici che tutto non é combinato.....
    Calcio scommesse di nuovo in auge, tra insabbiature, ritardi, inciuci e personaggi implicati (tipo il Sassuolo e Squinzi...).
    Da segnalare: ieri la Pro Vercelli in campo con maglia verde come quella della Juve a Madrid- e infatti la P.V. ha perso 1-0, ben gli sta....
    Salifu in rete ma si stira.....Iemmello gol (e sono 3) al 92'......Balotelli in panca in Inghilterra, neanche in tribuna con l'Italia....
    DEYNA rifugge dalla maglia nuova, mentre la massa la apprezza...
    Mio figlio di 8 selezionato per il Cittadella ma ho detto no.

    RispondiElimina
  4. Va di moda il giochino di trovare a chi somiglia Bernardeschi, tra Benedetto Ferrara [C. Ronaldo], Sergio Battistini [Kempes], e Ludwig Zaller [Vialli]. Io dico che può rassomigliare vagamente a un Lamela minore, pur essendo per ora più dalle parti di Robbiati, ossia pochi lampi con rasoiate chirurgiche e passaggi filtranti al bacio, tra lunghe pause. Naturalmente la prospettiva è molto più grande rispetto a Spadino nostro, del quale ha troppo più fisico, corsa, gioco aereo e resistenza.

    RispondiElimina
  5. Prepartita: venisse confermata la formazione preposta sul sitone, c'è da star male, troppe le str... le disfunzioni tattiche.
    Su tutte, la micidiale, in senso negativo, difesa a quattro che impoverisce un già debole centrocampo se venisse escluso Kurtic, con Pizarro titolare. Questo mix di str...disfunzioni tattiche, risulterebbe da solo una pozione di cianuro. Speriamo che la crisi interista sia vera e le indiscrezioni siano str...

    RispondiElimina
  6. Prosegue il mio lunghissimo corteggiamento a Cartman su sitone, manco fosse la Gaia. Però con l'invocazione del Loco Bielsa mi ha fatto definitivamente innamorare...

    RispondiElimina
  7. Contro l'Inter che goca il 3-5-2, mettere un difesa a 4 con Tomovic e Pasqual (o Alonso) terzini è roba da manicomio. Ti metti in inferiorità nel mezzo dove rischi di essere mangiato senza guadagnare un cazzo sulle fasce dov e ci metti due mediocri. Kurtic, Aqulani e Mati sono indispensabili ed un quarto centrocampista non sarebbe male. Difesa a tre con Savic, Gonzalo e Basanta, Cuadrado, Aquilani, Kurtic,Mati e Vargas (se può), davanti i BB e correre, parecchio.

    RispondiElimina
  8. E' per un bene superiore, il Sitollock: mi sacrifico alla causa.

    RispondiElimina
  9. E' la formazione che ho fatto ieri e oggi su sitone, tranne Alonso per Vargas, concordiamo...

    RispondiElimina
  10. Eh sì...Comunque ci vedo un po' Lamela un po' Berardi, ma naturalmente va visto sui 90'

    RispondiElimina
  11. Vialli?!?!?!?!????????

    RispondiElimina
  12. Io la butto lì: Rivaldo

    RispondiElimina
  13. E' vero, non ci avevo pensato...Ha un che di Rivaldo, che è ovviamente inavvicinabile.

    RispondiElimina
  14. Mi hai convinto, mi sacrificherò qualora sul sitone dovesse comparire Cartwoman

    RispondiElimina
  15. La mia paura è che Vincenzino scazzi per l'ennesima volta la formazione. Nel qual caso la vedo brutta a prescindere dalla forza dell'Inter, che non mi pare trascendentale. Purtroppo quella delle cazzate di Montella è diventata una consuetudine disarmante, che fa il pari con le spiritosaggini (si fa per dire) del DJ. A tal proposito si veda l'articoletto scritto oggi da quello scemo su Repubblica.

    RispondiElimina
  16. Luciano, poi Bielsa, ceramente.

    RispondiElimina
  17. Diciamo che ad oggi è una seconda punta che può partire da varie posizioni, sicuramente ha tecnica all'altezza della categoria e all'esordio si mostra interessante sia al tiro che nell'assist. Non è mai facile decifrare ancor più dettagliatamente ruoli di esordienti di questo tipo, che crescendo possono affinare più le qualità di bomber come altre qualità. Analizzando le sole caratteristiche tecniche, direi che intanto è folle il paragone con C.Ronaldo, che nasceva come puro dribblomane di fascia (e che negli anni si è sviluppato come punta esterna o centrale in virtù della castagna che ha), e di cui Berna non ha affatto il passo. Non ci vedo somiglianze con Vialli, centravanti che siccome era completo è probabile che lo Zaller ce lo voglia far passare per falso nueve ante litteram (e magari vorrebbe lo stesso per Berna, è fissato, si sa), ma invece sempre centravanti nasceva. Non conosco Kempes, ai tempi del mondiale '78 cacavo ancora nel pannolino. Tra Robbiati e Lamela lo vedrei più vicino all'argentino, Spadino giocava in un'epoca tendenzialmente fanatica del 4-4-2 che tendeva a tagliar fuori i fantasisti leggerini come lui (che certo ci metteva del suo, non crescendo mai in fatto di costanza nei 90 minuti), Spadino deve buona parte del suo successo ai calci da fermo, sui quali non so come sia Berna. Al nostro non manca nulla, può migliorare in tutto a parte che non potrà mai avere il passo di C.Ronaldo, sarebbe bello se maturando si rivelasse un Mutu, cosa possibile se sviluppa in temperamento.

    RispondiElimina
  18. Berardi mi pare avere uno scatto più bruciante, alla Pepito. Berna mi pare non ce l'abbis

    RispondiElimina
  19. Iemmello per me è uno da serie A. lo ricordo a Pistoia, semifinale di un Viareggio di qualche anno fa, assoluto protagonista insieme allo stesso Salifu, Piccini, Acosty e Carraro (per me, allora, e sbagliando, ad oggi, il più forte di tutti). Ha ottima tecnica e visione del gioco superiore per una lega Pro. Son contento che stia venendo fuori, ad alcuni serve più tempo e un po mi dispiace che non sia più controllato da noi...

    RispondiElimina
  20. p.s. perchè hai detto no al Cittadella?

    RispondiElimina
  21. Bel post Pollock,che rievoca ricordi,dalle prime sigarette fumate furtivamente,fino allo smascheramento con conseguenti incazzature dei genitori(ormai neanche più di tanto),finite con tarallucci e vino col tempo.Bene e male,vittorie e sconfitte,giorno e notte,non sono sempre contrari,a volte sono contigui,dissimulati in assurde promiscuità.Ciò che somiglia meno e dista da entrambi è la neutralità,che può essere la mediocrità di un pareggio,l'attesa sotto la soglia di entrambe,il purgatorio.Statisticamente contiamo molte vittorie contro i nerazzurri,condite spesse volte da goleade a nostro favore,non ultima quella del 4-1 del 2013(Strama in panca) famosa per il coro "il pallone è quello giallo".Molti anche i pareggi,diversi i dubbi sulla formazione iniziale,che si sta trasformando un pò,come il tallone d'Achille per Montella,che ha dilapidato diversi primi tempi da diverso tempo.Credo comunque che questa partita sarà un crocevia importante per noi stasera,ho la sensazione più che speranza,che a prescindere dal colore della sfera e dal logo WV sulle maglie solo per tonight e per una nobile causa,che giocheremo una grande partita imbrigliando con un centrocampo alto le ripartenze(se vogliamo usare questo termine)"catenacciare Mazzarriane",non credo in una difesa a 4 stasera.Della toto formazione poco m'importa quest'oggi,ciò che mi preme è lasciare il purgatorio dove siam finiti in questo momento e iniziare a salire.Il Berna?Andrei cauto con i paragoni,ma fosse stato Argentino,sarebbe già sui taccuini di qualche grande club,anche se non è detto che non ci sia già.In altre League oltreconfine,sono più predisposti verso i giovani,rischiando anche,quì si parla ancora di rischio di bruciare...mah!!!Non ricordo chi,ma fra i tanti nomi quello forse più accattivante potrebbe essere Lamela(anche se al Totthenam non sembra stia facendo faville al momento).Buona domenica e Avanti Viola,Avanti con i tre punti così non fumano i coglioni(e quì si potrebbero aprire altre parentesi)come dice Pollock...

    RispondiElimina
  22. la difesa a 3 dovrebbe esserci sempre, per le caratteristiche dei nostri, dietro e non solo, contro Mazzarri poi... spero che dopo le musate che ci ha preso lo scorso anno (e prima contro il Napoli) abbia capito dove andare a parare...

    RispondiElimina
  23. inizi a preoccuparmi, eheheheh

    RispondiElimina
  24. stefano vienna5 ottobre 2014 14:17

    Onestamente della difesa mi preoccupa il giusto (ancora qui a discutere di difesa a tre o a quattro). In casa non si segna, dentro più attaccanti possibili o comunque gente che segna, quindi Aquilani, Kurtic, Berna, Baba, Ilicic, Cuadrado, Vargas. A letto los tres tenorettos!

    RispondiElimina
  25. Beh quando ho letto "Vialli" mi sono chiesto anch'io com'è che lo Zaller non abbia pensato semmai a Mancini, che per quanto concerne il gioco in attacco era uno a cui Berna potrebbe effettivamente somigliare. Poi però ho scartato questo paragone, perchè Mancio sapeva giocare anche più arretrato ed essere un gran dispensatore di palloni per un gioco offensivo più corale (come ha fatto Totti in qualche periodo della sua carriera), e poi al di là del caratterino di merda aveva una classe sui livelli di Baggio, di cui era meno veloce, ma il piedino quasi quasi l'aveva anche superiore.

    RispondiElimina
  26. Quando quella allora tanto decantata "nidiata dei '92" vinse lo scudetto Allievi Nazionali, quello in cui credevo di più era De Vitis. Quando passarono alla Primavera invece avrei detto Piccini.

    RispondiElimina
  27. Sì, la differenza è soprattutto quella, Berardi va via in prima a Bernardeschi.

    RispondiElimina
  28. Sarebbe bello, ma Mutu è distante anni luce...

    RispondiElimina
  29. Prima di uscire a godermi un paio d'ore d'aria, stavo guardando i risultati e la classifica aggiornata... Siamo lontanini se vinciamo, meglio non pensare all'eventualità di un pari o di una sconfitta... Vabbè, esco vah...

    RispondiElimina
  30. C'entra invece con il primo Vialli, quello della Samp, che di potente non aveva nulla ma giocava sulla velocita', partendo da destra e accentrandosi per il tiro.
    Il "potenziamento" muscolare di Vialli e la sua trasformazione in centravanti, sono un'altra storia, scritta in atti processuali.

    RispondiElimina
  31. No al CITTADELLA, LOUIS, perché 8 anni sono pochi, perché é distante 40 km e perderebbe mezza giornata per tre volte a settimana, perché il Cittadella è in B ma sino a quando? Qui con il fallimento del Padova già ad Aprile 230 bambini avevano cessato attività...

    RispondiElimina
  32. Inter 7, Napoli tre punti, la Lazio oggi già tre (3) gol...ma il Sassuolo solo a noi ha negato un golletto??!

    RispondiElimina
  33. A me d'ora in poi interessa molto anche della difesa invece...Non hai sempre davanti Genoa o Sassuolo.

    RispondiElimina
  34. Ciao Belvaromana, benarrrivato.

    RispondiElimina
  35. 'Ndò stá?

    RispondiElimina
  36. Ne parlavo tempo fa del Mancio, grande sottovalutato...Un genio per come orchestrava calcio là davanti.

    RispondiElimina
  37. Sì, ricordo anche il Vialli cremonese che andò in Messico nell'86, ma Bernardeschi veloce non è, e coi piedi fa cose del tutto diverse...

    RispondiElimina
  38. Bienvenido alla Belva

    RispondiElimina
  39. stefano vienna5 ottobre 2014 17:19

    Se la mettiamo così, non è che Valero e Mati, per dirne due a caso, siano di grande aiuto in fase difensiva.

    RispondiElimina
  40. Parlavo proprio dei difensori, non della fase difensiva. In un centrocampo a tre nel 3-5-2 nella versione spagnoleggiante di Montella, comunque, io non sono per i tre tenori né per la loro eliminazione, ne vorrei due più un incontrista dai piedi educati. Quindi a turno due tra Pizarro, Mati, Borja e Aquilani, e Kurtic a rappresentare quanto di più vicino abbiamo a un incontrista. Badelj in teoria è un tenore che sa anche fare una buona interdizione, ma è ancora spaesato, e si mostra più lento di quanto ricordassi, per ora non è proponibile come titolare.

    RispondiElimina
  41. http://www.violanews.com/altre-news/momento-no-per-balotelli-adesso-e-sotto-sorveglianza-20141005/



    Capitan Passata© inganna il tempo in attesa del rientro...

    RispondiElimina
  42. Sampdoria a 14 punti. Se non è sorpresa questa...
    Già, ma il Miha è un razzista incompetente, che vince soltanto grazie alla "Slava" Ortodossa.
    Se sarà il solito pareggino, i doriani ci avranno già doppiato.
    Io sto con Montella, però vediamo di darci una svegliata. E di non schierare il Pek e Valero assieme, da subito.
    Belva (benvenuto!), forse sì. Il Vialli della Cremonese di Mondonico era anche più sottile del Berna, se non sbaglio. Però è sempre stato più punta, anche allora.

    RispondiElimina
  43. A cosa deve ridursi una società di calcio, che paga pure milioni di euro di stipendio! Questo è peggiore di Cassano!

    RispondiElimina
  44. Vergognoso! Un rigore per la Juve che non fischierebbero mai ad altre squadre!! A noi non l'hanno mai, MAI, dato così. Buffonata! Mafia. Vergognosi i gobbi!

    RispondiElimina
  45. Rigore per la juve, gol di Tevez. Garcia suona il violino all'arbitro, espulso. Ljajic da fuori insulta pure la bisnonna dell'arbitro. Non so se l'impatto col pallone fosse dentro l'area, ma sono rigori che non vedo fischiare MAI. Gobbi de mmerda.

    RispondiElimina
  46. Coscienza sporchissima dell'arbitro, sùbito rigore per la Roma!

    RispondiElimina
  47. capisco, ragioni da vendere, e ti auguro di affrontare lo stesso "problema" tra qualche anno, quando lo chiameranno in qualche squadra di giovanissimi o allievi nazionali, eheheh

    RispondiElimina
  48. Compensazione. Quegli abbracci ci sono in ogni corner....ammonizioni "nervose", l'arbitro rischia di perdere il controllo del match...fagiolate a go-go...

    RispondiElimina
  49. Questo c'era eccome però. Gol di Totti! Aguante Roma, carajo!

    RispondiElimina
  50. la cosa bella è che più di un gobbo dopo il rigore che gli hanno fischiato contro a Bergamo ha tirato fuori la solita frase fatta "stasera nessuno dice nulla"...

    ... ma arriverà quel giorno...

    RispondiElimina
  51. Questo era rigore, dai, l'ha affondato.

    RispondiElimina
  52. stefano vienna5 ottobre 2014 18:36

    Il rigore della Juve c'era tutto, i romanisti sono abituati a fare tre/quattro passi avanti (ricordatevi Totti contro di noi). Assurdo quello dato alla Roma, con Totti che si attacca a Lichtsteiner.


    Comunque le due peggiori squadre del calcio italiano per atteggiamenti e coperture varie. Uno schifo indegno di un paese civile (uno dei tanti però).

    RispondiElimina
  53. stefano vienna5 ottobre 2014 18:38

    La barriera della Roma fa tre passi avanti e saltano con le braccia larghe. Come fanno sempre contro di noi.

    RispondiElimina
  54. stefano vienna5 ottobre 2014 18:45

    Una farsa pro-Roma secondo me. Le cose cambiano, ormai contano più i lupi che gli agnelli.

    RispondiElimina
  55. stefano vienna5 ottobre 2014 18:46

    Chiellini ha l'intelligenza calcistica di un tacchino allevato in batteria.

    RispondiElimina
  56. Gooooooooooooooooooool! Iturbe! Vamos Argentina, carajo!!!!!

    RispondiElimina
  57. Mah.......'sto secondo rigore lascia altri dubbi...

    RispondiElimina
  58. 2o della Juve, intendevo. Era fuori area.

    RispondiElimina
  59. Piede trascicato e soprattutto fuori area, ladri di merda.

    RispondiElimina
  60. stefano vienna5 ottobre 2014 18:51

    Sulla linea, e poi intervento di Pjanic da espulsione.


    L'unico rigore che non c'era era quello della Roma.

    RispondiElimina
  61. O Stefano, obiettivi va bene, ma tu se doventato gobbo?

    RispondiElimina
  62. stefano vienna5 ottobre 2014 18:55

    Pjanic è entrato come un macellaio ad altezza ginocchia. Non sei molto obiettivo, capisco che giocano i gobbi, ma pure gli altri sono di una simpatia unica.

    RispondiElimina
  63. Basta, l'antico odio torna in tutta la sua virulenza, al diavolo la sportività. Richiamo su quel cesso a cielo aperto di stadio i poteri ancestrali degli indios Mataco e Guisnai: da qui a giugno sarà un'ecatombe di infortuni per i gobbi, finiranno il campionato con la Primavera.

    RispondiElimina
  64. stefano vienna5 ottobre 2014 18:56

    Quello della Roma è stato creato da Totti, che si è aggrappato a Lichtsteiner. Cosa mai vista prima, dai. Ma non perdiamo il lume della ragione.

    RispondiElimina
  65. stefano vienna5 ottobre 2014 18:58

    Giocano contro una loro simile. Non dimenticarlo. Pensiamo a noi che gli dèi indios ci farebbero più che comodo.

    RispondiElimina
  66. stefano vienna5 ottobre 2014 19:00

    Ma spiegatemi per quale motivo Lichtsteiner si doveva attaccare a Totti in quel modo? Veramente una sceneggiata ridicola del Pupone, furbo però, questo sì.


    Il primo rigore: ma perchè la barriera della Roma può fare tre passi avanti a braccia alzate?

    RispondiElimina
  67. stefano vienna5 ottobre 2014 19:09

    Comunque due squadre ridicole.

    RispondiElimina
  68. L'ardore/rabbia/grinta/cattiveria delle due squadre dell'Olimpico noi la pagheremmo con 5 ammoniti e due espulsi...

    RispondiElimina
  69. Partita brutta e nervosa. Pensavo che potessero giocare meglio. La Roma mi sembra comunque più in palla e più pericolosa quando riesce ad attaccare.

    RispondiElimina
  70. Non sto vedendo la partita, ma per principio preso do ragione a Stefano su tutti i rigori.
    Forse Belva (che saluto) mi può capire

    RispondiElimina
  71. Errata corrige: "Partito preso.."

    Speravo che il rientro di Marin dopo la sosta fosse sicuro ma se anche lui twitta questo:
    All the best to the team tonight! Forza! I hope to be back on the ground after the international cap break. #FiorentinavsInter #A
    mi incomincio a scoraggiare

    http://www.firenzeviola.it/primo-piano/marin-forza-viola-spero-di-tornare-dopo-la-sosta-165232

    RispondiElimina
  72. stefano vienna5 ottobre 2014 19:41

    come minimo. La partita di oggi è lo specchio di quanto sia caduto in basso il calcio italiano.

    RispondiElimina
  73. Il catino della Juve, per il campionato italiano, vale veramente 10 o 12 punti in più...ma la somma delle "sviste" é sempre pro-bianconeri, non ci piove.

    RispondiElimina
  74. stefano vienna5 ottobre 2014 19:59

    Io ho visto un rigore regalato alla Roma e uno dubbio alla Juve (il secondo) che però probabilmente si poteva dare, il fallo di Pjanic c'era ed era da espulsione, forse un centimetro fuori area. Ma è l'atteggiamento complessivo della Roma che non condivido.

    RispondiElimina
  75. Sto con stefano, odio i romanisti come (se non più) i gobbi...

    RispondiElimina
  76. esatto. Capisco l'odio per i gobbi, ma la squadra di Unidebit e americani, oltre a spendere in oltraggio a qualsiasi regola, e a coprire una tifoseria di assassini (termine tecnico, da maggio), di certo non scherza in quanto a coperture....

    RispondiElimina
  77. stefano vienna5 ottobre 2014 20:04

    No, ma a parte il tifo o l'odio, i giocatori della Roma sembravano quelli della Banda della Magliana. Se per battere i gobbi ti devi abbassare al loro livello, allora meglio seguire un altro sport.

    RispondiElimina
  78. Comunque, alla fine, rome deqqui, roma dellà, ma hanno vinto ancora questi, da Conte ad Allegri, la musica non cambia... a me non fa ne caldo ne freddo, potessi farei sparire dal calcio entrambe, e con loro i loro odiosi tifosi. Pensiamo a noi che è meglio...

    RispondiElimina
  79. per me è un sentimento nuovo, la Roma dei Sensi la sentivo molto vicina a noi, ma la nuova Roma arrogante e boriosa, oltre che pesantemente protetta, emersa l'anno scorso, per me, è una strisciata.

    RispondiElimina
  80. stefano vienna5 ottobre 2014 20:07

    Formazione montelliana che non condivido. Imbottita di centrocampisti segnamai. Ma vogliamo provarle a vincerle le partite!!! Dentro Berna, al posto di Mati. O almeno Vargas. A calcio bisogna metterla dentro e pure abbastanza spesso.


    Comunque meglio Mati di Valero, al momento.

    RispondiElimina
  81. stefano vienna5 ottobre 2014 20:12

    Io alla Roma di Zeman feci anche l'abbonamento -vivendo ancora a Roma- anche se a mezzi con un amico giallorosso.

    RispondiElimina
  82. stefano vienna5 ottobre 2014 20:13

    E pure oggi con una punta e mezza in campo. Boh!

    RispondiElimina
  83. Hasta la victoria siempre!

    RispondiElimina
  84. Gooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooool! Baba è un fuoriclasse. Punto.

    RispondiElimina
  85. stefano vienna5 ottobre 2014 20:55

    madonna santa!!!! Ho visto adesso il replay

    RispondiElimina
  86. Montella gli aveva detto: "è forte, ma deve cercare di più il gol". Non gli si potrà più dire che non ascolta gli allenatori, di sicuro...

    RispondiElimina
  87. Goooooooooooooooooooooooooooooooooooooooool! Cuadrado è tornado!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  88. doppia rabona di Mati, Cuadrado che salta l'uomo e tira, la chiamavano Maquna...

    RispondiElimina
  89. E' tornata anche la Maquina! Incrociamo le dita, e avanti così.

    RispondiElimina
  90. eheh, great minds think alike...

    RispondiElimina
  91. il vero scandalo della giornata sarebbe che Ranocchia finisse questa partita...

    RispondiElimina
  92. ragazzi il mio streaming è saltato, qualcuno ne ha uno stabile?

    RispondiElimina
  93. http://xrivx.blogspot.it/p/6.html#www.rojadirecta.me

    RispondiElimina
  94. Peccato solo per il commento in inglese - ma almeno non è italiano - ma gli streaming in spagnolo mi son saltati tutti.

    RispondiElimina
  95. 4 tiri verso la porta avversaria, 2 gol e due parate difficoltose di Handanovic; forse Montella ha trovato "la virata" giusta, con meno orizzontalità e più profondità.

    RispondiElimina
  96. stefano vienna5 ottobre 2014 21:39

    Migliore in campo Alonso. Quando entra Bernardeschi (per Mati)?

    RispondiElimina
  97. stefano vienna5 ottobre 2014 21:41

    Manca Valero, comunque si gioca sempre con una punta. Se Mati deve fare il trequartista allora mettiamoci Berna che almeno segna.

    RispondiElimina
  98. stefano vienna5 ottobre 2014 21:52

    Centrocampo che non fa filtro.

    RispondiElimina
  99. Che cazzo fa, toglie Babacar.

    RispondiElimina
  100. credo sia anche per la mano, mi pare sensato non correre rischi...

    RispondiElimina
  101. Gooooooooooooooooooooooooooooooooooool! Tomovic! E mi era piaciuto anche prima, stasera! Grande esultanza!

    RispondiElimina
  102. stefano vienna5 ottobre 2014 22:19

    Grande Nenad! Troppe critiche soprattutto qui. Il problema non sono mai stati i terzini. Oggi Alonso e Tomovic migliori in campo.

    RispondiElimina
  103. Cazzo, Tomovic ha scoperto il Bertoni che c'è in lui

    RispondiElimina
  104. Ahahahaha "il pallone è quello bianco il pallone è quello bianco"

    RispondiElimina
  105. Che dirà Mazzarri: che l'Inter ha perso perchè la palla era stranamente rotonda, il prato verde etc etc

    RispondiElimina
  106. stefano vienna5 ottobre 2014 22:35

    Quando stamattina dicevo che non mi preoccupava tanto la difesa...


    C'è Batigol in tribuna

    RispondiElimina
  107. Vero, gol alla Daniel [Handanovic inguardabile]

    RispondiElimina
  108. Che bella la gioia la fischio finale con Borja che solleva Montella ,lo stratega sollevato e con lui anche noi

    RispondiElimina
  109. Dispiace per Brillante, un gol sarebbe stato ottimo per il morale. Sfortunato, perchè il giorno dopo della cavolata (peraltro) con la Roma è sceso nelle gerarchie anche e sopratutto per l'arrivo di Kurtic e quindi avrà tendenzialmente poco spazio, invece dovrebbe giocare per prendere fiducia

    RispondiElimina
  110. stefano vienna5 ottobre 2014 22:43

    Lo so che vi sto sulle palle, ma (1) la difesa a quattro tanto criticata è la migliore del campionato -dopo i gobbi, ma appunto- con solo tre gol subiti; (2) Oggi Alonso migliore in campo, da anni che non vedevo un terzino così forte a Firenze, perfetto, e Tomovic che fa un grandissimo gol: i terzini non sono il problema; (3) senza Valero la media-punti è 2,8, sarà un caso, ma rimane il fatto che meno tenori giocano e meglio è.

    RispondiElimina
  111. Stefano: 0) non mi stai sulle palle; 2) vero, i numeri sono numeri, ma è anche vero che se le altre squadre si chiudono forse la difesa è meno impegnato (è la priam partita che ho visto per intero di campionato); 2) Bravo Alonso e bravo Nenad, però una distrazione di Alonso mi sembra di averla vista a inizio secondo tempo, quindi quasi perfetto; 4) che il Valero di quest'anno spompato possa rimanere in panchina è sacrosanro, almeno recupera. Bisognerebbe vedere la media con un Borja in forma.

    RispondiElimina

  112. La maledizione del sassuolo ha folgorato mazzarri-in due partite ha recuperato le sue sette reti

    RispondiElimina
  113. stefano vienna5 ottobre 2014 22:55

    Non ce l'ho con Borja, a cui voglio bene, ma è un discorso più ampio, è inutile imbottire il centrocampo di trequartisti mancati, per me tra Aquilani, Valero e Mati ne deve giocare uno solo. Sono tre doppioni, e al momento Aquilani è il più forte.

    RispondiElimina
  114. Neto7 Tom 7.5 (per il gol, sempre meglio i'mi omino) Gonzalo 6.5 Savic 6.5 Alonso 7 Kurtic 7 Mati 6.5 Aquila 7 Pek 7 Cuad 8 Baba 8

    Stasera son di manica larga, gli episodi indirizzano le partite, i voti ed i destini. Il gol di Torino potrebbe aver cambiato la storia e la carriera di quel bimbone nero che sta lassù e segna un eurogol; sul Cuad ho pensieri strani e forse (ma se ne riparla semmai domani, con calma) gli s'è trovato il ruolo (segnali in merito già nel finale di stagione, aver avuto almeno lui contro i napoletani); Kurtic uomo fondamentale, Neto sempre più da rinnovare con Aquila a stretto giro di posta, Montella vien fuori come il vino buono, alla distanza. E ora recuperiamo uomini e forze che alla ripresa ci aspetta un clientaccio a pari punti. La rincorsa è iniziata, su col morale, e avati Viola!

    RispondiElimina
  115. Neto 8; Tomovic 7.5, Savic 7+, Rodriguez 7+, Alonso 7.5; Kurtic 7, Pizarro 8.5, Aquilani 7, Mati Fernandez 7+; Cuadrado 8, Babacar 8.5 [Bernardeschi 5.5, Vargas 5.5, Brillante 6]. Sotto lo sguardo compiaciuto e benedicente del Gran Nume Tutelare Batigol, la Maquina torna a ruggire in pista! Con una formazione che non avrei mai messo in campo [non fosse altro che per la difesa a quattro], Montella vince strategicamente la partita fin dalle prime battute, dominando l'Inter di Mazzarri con un gran possesso palla finalmente intenso e finalizzato alla rete. Sblocca il risultato un missile di Baba, che si conferma potenziale fuoriclasse: pochi centravanti classe '93 in Europa sono capaci di siglare un gol del genere. Poi, è tutto un dominio a tratti perfino imbarazzante per i biscioni, coronato da un altro gan gol di Cuadrado, finalmente tornaDo. Nella ripresa lasciamo all'Inter uno stereotipato tentativo di rimonta, gestendo benissimo la situazione e trovando persino il terzo gol. Una delle più belle ed emozionanti partite dell'era Montella, che torna prepotentemente alla guida, in tutti i sensi, della Maquina ultimamente un po' abbandonata a sé stessa, nel garage della mediocrità. Neto: sempre sicuro ed autorevole, para bene un tiro da fuori controllando a due mani in tuffo disteso, e poi nella ripresa si supera con uno scatto di reni degno del miglior Courtois. Sempre più una sicurezza. Tomovic mi sorprende, trasformandosi da elementare terzino buono in fase difensiva ma impacciato in proiezione, in un motore perpetuo di fascia, con buone penetrazioni che trovano la consacrazione in un'infilata in area con tiro sul primo palo di un inguardabile Handanovic degna del mitico Daniel Bertoni [©Anto]. Savic roccioso e insuperabile, spietato nell'anticipo, e meno grezzo del solito in appoggio. Grande Gonzalo, leader della difesa sempre puntuale in direzione e in rottura. Alonso grandioso nel primo tempo, cala un po' nella ripresa, ma mostra progressi incredibili sul piano della continuità, della sicurezza, della bravura nelle due fasi. A centrocampo, splende il Pek, che a onor del vero stasera avrei introdotto solo nella ripresa a ritmi calati, temendo che sarebbe stato massacrato dal muscolare centrocampo interista. Invece il Maestro danza con risolutezza, nasconde e gioca il pallone come vuole, detta i tempi, con un piglio da condottiero e un'essenzialità che a volte trascura. Ottimo Mati, anche se cala nel secondo tempo, e bravo anche Aquilani, a coadiuvare Pizarro. Kurtic è un po' troppo irruento, ma utilissimo nel dare sostanza. Davanti, Baba si conferma la rivelazione: il missile terra-aria con cui sblocca il risultato è sparato da una canoa, eppure va a segno, come una delle perle del miglior Drogba. Impegna Handanovic anche nella ripresa, e fa un gran lavoro di sponda [splendida quella che per poco Cuadrado non trasforma in doppietta] e di pressing. Sarà difficile per Gomez ricacciarlo in panchina. Cuadrado torna sui suoi livelli, lasciando da parte fronzoli e velleità da prima donna, e giocando per l'essenziale. Gran gol con tiro rapido e velenosissimo, poi il quasi bis con azione sgusciante in area, e salvataggio di Handanovic di gamba. Tra i subentrati, solo Brillante si rende utile sfiorando il gol con un doppio tiro [psicologicamente acuto stavolta Montella a inserirlo a partita vinta, a differenza della brutale sostituzione di Roma], mentre Vargas vaga con poco costrutto per il campo, e Bernardeschi non riesce a mettersi in evidenza, fallendo una penetrazione stroncata da Juan Jesus, e non riuscendo a impegnare e tenere bassa la linea arretrata dell'Inter. Ma vi saranno altre occasioni. Notte emozionante, come l'esultanza di Tomovic, notte magica in tenuta viola con calzoncini neri, che mi fa pensare a vecchie e gloriose Fiorentine miti di bambino...Notte splendida che mi fa dire che non voglio morire prima di aver visto il Terzo.

    RispondiElimina
  116. Bravi tutti stasera, bella partita...ma ancora una volta il punto di riferimento è stato Aquilani. Forse oggi meno "appariscente", ma davvero insostituibile in questo momento.

    RispondiElimina
  117. stefano vienna5 ottobre 2014 23:07

    Neto: 7,5
    Savic-Gonzalo: 7 (altra buona prestazione, nonostante siano poco coperti dal centrocampo)
    Tomovic: 7,5
    Alonso: 8
    Pizarro: 5,5 (niente di che, ma sempre meglio non farne a meno)
    Aquilani: 6,5
    Kurtic: 6
    Mati: 5,5 (uno dei trequartisti mancati messo a fare il trequartista)
    Cuadrado: 7
    Babacar: 8 (gol eccezionale)

    RispondiElimina
  118. e io che credevo di essere stato di manica larga, eheheh...

    sul Baba avvertivo da tempo, Berna ancora un po indietro in Italia, ripercorre, per adesso, la stagione di Matos, ma il potenziale è infinitamente più alto...

    RispondiElimina
  119. dico solo tre cose: grazie Montella per la strategia grazie Mazzarri per l'incompetenza (partita pensata per il catenaccio, di fronte allo svantaggio non un'idea), bentornata maquina. Il resto, pagelle comprese, dopo, quando avrò liquidato gli ospiti a casa.

    RispondiElimina
  120. Che bella la viola in braghe nere...Bella! Divisa da riproporre!

    RispondiElimina
  121. Sì, ma cos'è un trionfo della Fiorentina senza il Commenton de' Commentoni?

    RispondiElimina