.

.

giovedì 23 ottobre 2014

Cose turche

Forse è un dato troppo crudo che non vorrei ci portasse a fare considerazioni anche troppo scotte, ma di fatto la Roma in nove partite di campionato ha subito 4 gol, mentre in 36 minuti di Bayern ne ha subiti 5. Purtroppo questa partita è arrivata pochi giorni dopo lo sconcertante atteggiamento che avevo denunciato nel secondo tempo della Lazio, e riassumendo, l’immagine di copertina parla meglio di ogni altra considerazione incrociata, dello stato penoso in cui versa il nostro calcio. Per fortuna c’è Renzi che è intervenuto subito promettendo 80 € a tutti coloro che erano presenti all’Olimpico, tranne i tedeschi perché a loro ci penserà la Merkel con il premio produzione. Intanto un’esorcista ha lavorato tutta la notte per far uscire Zeman dal corpo di Garcia. Le Iene che fanno sempre inchieste interessanti, hanno seguito passo passo il percorso di una banconota da 10 €, da quando cioè è stata emessa fino a martedì sera, e in parallelo anche certi 7 a 1, entrambi alla fine fanno dei giri immensi e poi ritornano. La Settimana Enigmistica per l’occasione ha invitato i suoi lettori a trovare le differenze, la Durex a proposito di pigliarlo in quel posto, ha messo sul mercato un’edizione celebrativa del Settebello scrivendo sulla confezione che neanche Sara Tommasi ne prende 5 in 36 minuti. Per quelli di wikipedia, Sara e non Rino. A Roma nel frattempo sono già in coda per l’iPhone 7, e per questo stasera mi aspetto che la Fiorentina, come del resto ci ha abituati con questa gestione tecnica, possa difendere l’onore del nostro povero calcio preso a pallate, regalando ancora una volta un’immagine migliore di quella evidenziata dal bungee ranking Uefa, anche se purtroppo in palcoscenici minori. Italia alla deriva con l’export di Prandelli e la sconfitta della Juve in Grecia. Se da una parte Babacar resta a casa e l’articolo 18 sarà uno degli ultimi fortunati ad andare in pensione, la notizia buona è la convocazione di Marin, Marko e non Valeria. Poi sono a ricordarvi che è vostro impegno morale quello di mandarmi qualche impressione sulla partita, anche fram-men-tà-ria, se invece non ve la sentite non importa, in qualche modo farò. Passando da Bologna mi sono accorto, che in centro Renzi ha aperto una nuova catena di negozi “Tutto a 80 €”, vuoi che non ci trovi anche un commento sulla partita della Fiorentina in Grecia?


203 commenti:

  1. Giorno. Un no' capito, Pollock, perché un tu la vedi?

    RispondiElimina
  2. Faceva freddo, martedì sera, a Roma. Le mamme romaniste lo dicevano "Esci con il cappotto"....Prese alla lettera!
    Il Bayern per umiliare meglio tutti dona 1.000.000 di euro alla Santa Sede.
    Nessun tedesco ha bevuto acqua in Vaticano. Era piena di clero....
    Toccherà a "quelle" di EL tenere in linea di galleggiamento il nostro ranking UEFA, e questo fa pensare; tra le seconde linee d'Europa siamo i migliori (le 4 in EL), mentre in CL siamo tra i peggiori. Questa é la dura realtà.
    In CL, mediamente, siamo dietro le prime due e anche- alcuni casi- le terze degli altri campionati.
    Eppure gli osservatori distaccati del calcio non vedono questo divario, boh...
    In CL stanno dietro (I club nostrani), prendono gol ovunque, il ranking arranca, l'obiettivo massimo sono gli ottavi (dichiarazioni gobbe), i quarti (ma dovrebbe succedere una Superga per Real, Bayern, Manchester, Atletico, Arsenal, Borussia, etc., ma nessuno la vuole una tragedia!) sono un miraggio eppure non c'é divario? Ma la gente legge i giornali al contrario? Guarda solo i gol senza osservare la desolazione che esiste nel calcio italiano?
    Anni a sfottere/discutere dell'assurdità dei campionati scozzesi o olandesi, portoghesi o greci ed eccoci nella medesima situazione!

    RispondiElimina
  3. Parallele da campioni del mondo...

    1. Cannavaro e Gomorra «Il film danneggia l'Italia»
    Il campione: "non aiuta vederci rappresentati così "Il giocatore del Real Madrid e della Nazionale: «Oggi un mio compagno mi ha detto: italiano uguale mafioso».
    Secondo l' ex Pallone d' Oro, che da tre anni vive e gioca a Madrid, una pellicola del genere «non giova all' immagine del nostro Paese nel mondo. Abbiamo già tante etichette negative» (7-1-09, .corriere.it)
    2. Frode fiscale, Fabio Cannavaro indagato. Gdf gli sequestra beni per 900 mila euro. Nel mirino sua società noleggio di barche di lusso. (22-10-14, repubblica.it)

    RispondiElimina
  4. POLLOCK, Renzi a forza di girare e girare troppo verso sinistra si é ritrovato a destra...

    RispondiElimina
  5. Per non commentare la partita di stasera a risultato noto, valuto questa di difficoltà medio/alta per valore, forma degli avversari e ambiente.

    SOPRA, Renzi vuol cambiare la CE, afferma che con Juncker si allenta il rigore in favore della crescita ( di tasse certo...), fa la voce grossa in Parlamento poi a Bruxelles o Berlino si mette a 90 gradi.

    RispondiElimina
  6. Dalle elementari insegnano: ai popoli meno abbienti o poveri non bisogna dare solo cibo o aiuti ma insegnare loro a produrre..etc etc...
    Ora?stanno facendo qualcosa per il lavoro in Italia? No. 80 euro qua, 80 euro la....Ma cos'é? E perché 80 euro? Perché non 100?
    Gli 80 euro per il figlio vale sino a redditi di 90.000 euro! Scusate ma 90.000 euro sono una soglia di cosa???!? 8.000 euro al mese e gli dai 80 euro? Quello con reddito 90.000 euro li userà per accendere il caminetto...
    Sorpresa: budget per mamme 500.000 milioni. Non c'é copertura!!! Dove li trova, Renzi? Lo spiegherà?
    I pensionati avranno la pensione con 11 giorni di ritardo...che pellegrini 'sti governanti! Che pellegrini!
    Nel frattempo Cina e Russia hanno firmato (10 gg fa) accordo per mega autostrada Pechino-Mosca-Anversa! Tagliati fuori! Anzi a Pechino già hanno costruiti due tronchi da 20 km.!!
    Continuiamo a consegnare l'economia ai cinesi e alla Russia...
    Oramai, paradossalmente, il salario italiano ë regolato dai salari decisi in Cina...

    RispondiElimina
  7. LELE, aggiornamento Mose: occorrono oltre 400 milioni di euro per completarlo. Chi ha fabbricato i cassoni (scoperta recente) pretendeva 50.000 euro a cassone di tangente-non bastava l'apoalto truccato!).
    Ora quei soldi fanno fatica a trovarli, lo stato dove li prende?
    Il Consorzio Mose deve restituire 700 milioni di euro alla Banca Europea Investimenti(!!!) più altre banche italiane, totale: 50 milioni di euro di interessi annui!!
    Entro fine 2014 il Mose deve pagare 128 milioni di prestito, avere dallo stato 270 milioni per proseguire.
    Nel frattempo i tangentati del Mose (Galan, Chisso, Mantovani, etc) hanno patteggiato (massimo 2 anni di domiciliari!) restituendo circa il 5% delle tangenti incassate (che erano globalmente 1.050.000.000....).
    Dettaglio: non si riesce a capire dove siano 250 milioni di quel Miliardo di euro di frangenti...
    Proseguo? Sistemazione e riequilibrio della laguna di Grado. Necessità di almeno 60 milioni di euro.
    Erogati in tre anni 400 milioni di euro.
    Lavori mai fatti! Il collettore? Uno collegato al Mose, come il collettore dell'Expo di Milano.
    I soldi? Boh...chissà dove sono...

    RispondiElimina
  8. E che ne dici del fondo solidarietà INPS che vedrà trattenere lo 0.50%? Nessuno che osi poi ribellarsi alla dittatura delle multinazionali case farmaceutiche. Sai quanto costano i medicinali in Africa, importati ovviamente? Nulla o quasi. E non esiste nessuna sovvenzione, solo normale commercio senza corporativismo, i medicinali costano pochissimo.
    Ci si scandalizza, ma gli italiani non si muovono. Renzi ha il 49% di consenso, poi non ci si lamenti.

    RispondiElimina
  9. http://www.violanews.com/calciomercato/neto-fiorentina-ce-ancora-distanza-per-il-rinnovo-del-contratto-20141023/



    Credevo avesse chiesto chissà cosa, se perdono Neto per non dargli un milione Pradè è da cacciare seduta stante, soprattutto perché non ha affrontato la questione per tempo.

    RispondiElimina
  10. Mah....non ho buoni presentimenti. Spero di sbagliare.

    RispondiElimina
  11. DEYNA, abbiamo trovato un acquirente per Gomez? Tornerà in gruppo tra 15 giorni, dopo una settimana potrà essere impiegato....poi deve ritrovare forma...a occhio e croce a metà dicembre, con campi ghiacciati potrebbe essere in grado di procurarsi di nuovo un piccolo (!!!) infortunio?

    RispondiElimina
  12. Mercafir, problemi con i grossisti e operatori di mercato.
    Spiegatemi, tutto il bailamme e poi chi lo occupa ancora fa casino?
    Mi chiedo perché ne parlino. Sarebbe più logico e onesto che facessero tutte le trattative che vogliono e poi danno un comunicato definitivo.
    A Roma hanno fatto così, con burocrazia e permessi e vari. Ieri hanno risolto e hanno emesso un comunicato "Avanzamento dei lavori che portano alla startup della costruzione. Permessi ok delibere ok" (ho riassunto).
    No, a Firenze si ricama sul nulla.

    RispondiElimina
  13. Meglio giocare alla Playstation, lei ti consolla.

    RispondiElimina
  14. Se mettono la tassa sui puntini di sospensione, tra forum, blog e social network, risaniamo il debito pubblico in sei mesi.

    RispondiElimina
  15. ma anche meno...il mio era infatti un post in codice per renzi...a gennaio baba alla coppa d'africa ed in viola andrea silenzi...

    RispondiElimina
  16. tutti dicono che i rinnovi li tratta da mesi Cognigni e non Pradè. Tutti.

    RispondiElimina
  17. No, scherzi a parte, troppe sospensioni, è faticoso leggere. Sembra che sei Celentano, oppure che c'hai un'enfisema. Già scrivi post d'un pessimismo che Leopardi a confronto era uno che tirava bamba 24h, con tutte 'ste pause viene voglia di toccarsele fino a scartavetrarle, sù.

    RispondiElimina
  18. concordo con LELE, partita difficile stasera. L'anno scorso in casa li ha battuti solo il Benfica, che poi è arrivato in finale. E quest'anno in campionato non hanno ancora mai perso. Dal punto di vista della rosa, loro stanno sul livello di una squadra da 6-7° posto in Italia (Samp, Parma, Lazio, Udinese). E non giocheremo con 2 titolari su 11. Non sto mettendo le mani avanti, dobbiamo vincere comunque, ma questi sono i dati oggettivi con cui arriviamo alla partita.

    RispondiElimina
  19. te lo spiego io in due parole...non riescono a raggiungere l'accordo con questi grossisti che all'inizio di ogni partita casalinga offrirebbero frutta matura a tutti gli abbonati e non...pesche pomodori, cachi del kentucky... forse se si raggiunge l'accordo con una ditta AMERICANA anche vasetti in plastica riciclabile di marmellata u.s.a. e getta direttamente dal kent_cachi......questi frutti sono i piu' getton_ati...come monetine...i grossisti vorrebbero che i della valle pagassero i braccianti che raccolgono ai campi la frutta ma braccini e braccianti non riescono ad accordarsi coi grossisti...per risolvere questi problemi hanno provato anche a contattare un intermediario famoso...il calciatore eric la_mela per rimanere a tema...c'era anche una valletta scelta apposta a tema...aveva la pelle a....buccia d'arancia...

    RispondiElimina
  20. ed invece io che pensavo che a mettere i puntini fosse piu' decifrabile...comunque spesso scrivo camminando in salita. dev'esser quello...

    RispondiElimina
  21. VALTOLIN, chiunque li tratti- i rinnovi-é in grave ritardo. Grave. Gravissimo.

    RispondiElimina
  22. Segnalo l'apprezzabile usanza pescarese di servire il carpaccio di branzino, su un letto di spicchi di mela verde

    RispondiElimina
  23. concordo, assolutamente. È solo che sto cominciando a rivedere atteggiamenti già visti, nella ricerca del capro espiatorio, e dato che le informazioni che abbiamo (pubbliche, io non ne ho altre) dicono diversamente, mi sembra il caso di farlo notare. Non ho particolari simpatie per il nostro ds, ma non credo alla teoria del suo rincoglionimento improvviso, mentre mi pare credibile (e suffragata da notizie piuttosto diffuse) quella di un progressivo ridimensionamento del suo ruolo.

    RispondiElimina
  24. Il Tuo editoriale di oggi trasuda simpatia per la Roma. Nessun accenno al godurioso tracollo greco della Gobba

    RispondiElimina
  25. Sarà che sono in fiera ma sono fiero di te che fai questo tipo di segnalazioni. E poi sarà anche che ho fame.

    RispondiElimina
  26. Alludi forse che son gobbo come i'giannelli?

    RispondiElimina
  27. Credo che sia passato, ab origine, da un estremo all'altro; prima delega totale a Corvino, ora tutto sub-judice e non si muove una foglia che Diego non voglia.
    Cognigni&Co., opinabile o meno il loro ruolo, sono ottimi professionisti nel loro campo, nel loro settore specifico ma il calcio ha bisogno di persone cazzute per stare in alto.
    Gli altri presidenti hanno metodiche di gestione non condivisibili ma a Palazzo hanno peso (loro o comunque le loro società), infatti noi a lamentare torti, gli altri a goderne grazie anche a "pedine" ad hoc (Lotito, Galliani, Marotta, quello della Roma) , gente risoluta e che sa farsi "pesare".
    In 12 anni la Fiorentina non ha prodotto un solo "uomo di calcio" che coordinasse con polso l'interno e l'esterno della società...Ora chi, a trattare con questi filibustieri? Cognigni? A trattare con Raiola? Con Roggi? Con spregiudicati mediatori/manager ai quali hai dato il coltello dalla parte del manico (cfr. Tra tre-3- mesi svincolati....)? Se non sono scemi i procuratori faranno il loro lavoro (che spiego a chi crede alle favolette) : mostreranno le offerte (finte? Vere?) che già hanno in mano...e vai almeno a pareggiarle...!

    RispondiElimina
  28. 100% d'accordo. Non credo che la Fiorentina dei DV possa permettere a Pradé e Macia l'autonomia totale di cui gode Sabatini a Firenze, e però sembra anche a me che siamo all'estremo opposto.
    È per questo che la crociata anti-Pradè che DEYNA ha lanciato sul sitone, per quanto ben intenzionata, secondo me è fuorviante. Non perché io sia convinto che abbiamo per forza il miglior ds del mondo. Ma perché ritengo che si stia creando una situazione per cui lui è il capo quando c'è da prendersi le colpe e non quando c'è da compiere le scelte, e questo porterà inevitabilmente a un divorzio. Che non sarebbe un dramma in sé ma da cui dubito che usciremmo rafforzati, perché Pradè è un uomo di calcio con esperienza e connessioni, e il mio timore è che se passa il concetto che in Fiorentina non vogliamo dirigenti capaci ma solo yesmen, allora crescere sarà difficile...

    RispondiElimina
  29. Camminare in salita con ducento chili addosso l'è unbe' casino!

    RispondiElimina
  30. Ah..ah..ah.no mi riferivo al Suo consueto editoriale quotidiano. Dove da' prova di risoluta caparbieta' perche' qualunque argomento di calcio tratta, arriva sempre alla solita considerazione finale.
    Mi piacerebbe leggere L'ALTRO I Giannelli, quello dal volto umano, che spazia dalla politica al sociale alla passione per l'arte.
    Insomma una variante del solito braccini braccialetti.

    RispondiElimina
  31. mi pare di rivivere l'ultimo periodo di corvino quando i braccini corti e cognigni hanno chiuso il portafoglio scaricando tutte le colpe sull'allenatore. la juve sta intanto rinnovando a pogba e noi a continuare a far ridere con storielle di stadio promesse ridicole e mezzi giocatori bolliti che puntualmente continuano ad arrivare per svernare. ed i giocatori piu' forti che se ne vanno puntualmente. siamo come l'udinese, ma almeno l'udinese incassa dei bei soldini quando vende. non svende come fa la fiorentina...

    RispondiElimina
  32. Gradirei che qualcuno chiedesse al clone chi è andato via dalla Fiorentina ultimamente. Hanno speso 15 milioni per mezzo giocatore, che è un discreto investimento, enorme per le nostre possibilità. Hanno tenuto Gomez per il quale nessuno avrà di certo offerto 35 milioni come dicono i due briachi di gazzose sotto spinta, ma che ad un prezzo ragionevole poteva anche essere venduto. Chi se ne è andato? Ljajic? ma per favore, è un elemento che sposta gli equilibri? Per 12 milioni prendo di meglio se mi riesce. Gli errori non sono di braccino corto, il braccino è quello che può essere nella nostra dimensione, son proprio cazzate. Perchè se vendi Ljajic a 12 (presi bene) ma poi ne spendi 9 per Ilicic è una cazzata. Se non rinnovi in tempo il contratto ad un portiere giovane che hai affermato e valorizzato, è una cazzata. Se il messo del padrone si vuol mettere a fare il DS e fa una czzata dietro l'altro, è disorganizzazione. e critiche si possono fare, quindi, ma non a cazzo di cane.

    RispondiElimina
  33. Il problema di fondo è uno solo, secondo me: si può essere competitivi con questo monte ingaggi?

    RispondiElimina
  34. Io credo che in una società organizzata ci deve essere, prima di tutto, il rispetto dei ruoli. Uno non può voler fare il mestiere dell'altro, soprattutto se dietro coperta. Chi opera sul mercato deve essere scafato ed esperto di mercato. Lo devi scegliere, dopo di che ti devi fidare, limitandoti a controllare che non esca dalle linee finanziarie imposte dalla società. Se Cognigni non si fida più di Pradè e Macìa, li può anche mandar via, e ceracre di prenderne di migliori, ma quello che non può fare e mettersi in capo di essere più bravo lui magari fidandosi invece di un procuratore perchè gli ha fatto fare un paio di affari buoni. E' deleterio, è fuorviante, mina alla base tutto. Perchè l'allenatore si sente anche lui tradito, e la sua insicurezza si riflette sul gruppo dei giocatori, che vedono alcuni compagni brancolare mesi nelle trattative di rinnovo o altri invece fare contratti sostanziosi in pochi giorni. Così Cognigni si oppone alle richieste di Neto (dando la colpa a Pradè, che ce l'ha per non aver risolto prima) e spinge Tata che gli ha portato Ramadani, e Montella glielo tiene in panca. Quousque tandem abutere patientia nostra?

    RispondiElimina
  35. Si può esserlo ai livelli che si dichiarano. Non si vince lo scudetto, a meno del verificarsi di millanta congiunture favorevoli, ma tra terzo e settimo posto ci siamo. D'altra parte le chiacchere fanno poca farina. Se hai 60-70 milioni di fatturato non ne puoi spendere più di 40-45 in salari. Ma si può lottare per il terzo se siamo bravi, se si smette di fare le guerre in casa, se si rispettano i ruoli, se si sanno scegliere i collaboratori, se no si va verso il settimo o magari più giù come già è successo in passato.

    RispondiElimina
  36. ed a gennaio torna gilardino...

    RispondiElimina
  37. Assente per motivi di lavoro ne approfitterei per tirare una linea su alcuni principi.A)Guardiola gioca senza una punta vera.B)Guardiola gioca senza mediano incontrista.3)La società Fiorentina ha operato contro il proprio mister comprando un giocatore contro il volere del tecnico stesso(pagandolo fior di quattrini).Chi asserisce quanto sopra è 1-in malafede,per cui si può definire troll il cui unico scopo è provocare, per incentivare risposte al fine di aumentare il numero dei commenti sul proprio blog.2-è in buona fede,per cui dopo mesi di discussione ,si percepisce che ragionare di calcio con questi eventuali soggetti è completamente INUTILE.Fatto questo preambolo vorrei invece sottolineare un aspetto che è stato trattato in modo superficiale.Guardiola non mette il modulo al primo posto,ma come ha ben specificato LELE(almeno mi par di ricordare fosse lui),mette semplicemente in condizione i propri giocatori di rendere al meglio.Cioè adatta il suo gioco(parlando di moduli) ai giocatori in rosa.Ad esempio,martedì il Bayern ha giocato in tutti i modi fuori che con il 4-3-3.Durante quest'annata ha giocato con una punta,con due,con un trequartista o senza.Insomma ha variato molto.C'è un aspetto che ha contraddistinto il gioco di Guardiola,sia a Barcellona che a Monaco;che non è mai venuto meno che è il tratto distintivo del suo gioco .Il filo comune che unisce le due squadre.Il pressing feroce e veloce.Il voler a tutti i costi recuperar palla nel minor tempo possibile.Come ben specificato dallo stesso allenatore nel dopo partita.La palla va riconquistata immediatamente.Ed il pressing attuato dalle squadre di Guardiola è specifico:vanno a pressare ai limiti dell'area di rigore avversaria ed i difensori salgono sino oltre la metà campo.Così facendo il pressing si attua in 35-40 metri.E si è visto bene quando martedì è stato fischiato il fuorigioco(inesistente) a Jervighno che era partito dalla propria metà campo e non c'erano difensori tedeschi nella propria metà campo.E mi permetto di dire che il il possesso palla successivo al pressing,oltre che alla filosofia del "meglio aver la palla noi che gli avversari" è anche fisiologico. Perchè dopo aver attuato quel pressing descritto prima,i giocatori devono anche riprendere fiato.Non potrebbero fare quella tipologia di pressing,ed appena riconquistata palla, ripartire a mille all'ora per tutta la partita.Quindi,dopo aver ripreso il possesso,tengono palla sino a che non creano i presupposti per andare a concludere;in qualche modo "riposandosi".Ma ripeto,secondo me il vero trade d'union(si scrive così?) tra le squadre allenate da Guardiola è il pressing,attuato con quella metodologia.Non lo sono i moduli,i falsi nove,i falsi incontristi o quant'altro.

    RispondiElimina
  38. comunque io non sono IG...quello dei braccini e braccialetti e' un altro...

    RispondiElimina
  39. perche' la roma qualche anno fa era come noi...poi loro stanno portando avanti il progetto coi fatti...noi a chiacchiere come sempre...e' come se questa societa' fosse guidata da dei politici che ti raccontano le favole ogni 3x2. la juve invece vince sempre quindi e' assurdo fare paragoni fiorentina juventus...e' come paragonare i'civitella con i genoa...

    RispondiElimina
  40. Si, si può essere competitivi. Non vincere.
    La Juve é competitiva per la CL? Si ma delle ultime 9 partite ne ha vinte solo 2.
    La Juve é competitiva e competerà sino agli ottavi; Le mancano quei 2 giocatori che possano fare la differenza ma che non sono arrivati causa nessuno che ha voluto Vidal (che é quello che abbiamo visto sinora, non migliora, non va oltre).
    Il monte-ingaggi della Juve occorre per spadroneggiare da noi, non per vincere in Europa. Vale la pena, per loro?
    La Fiorentina é competitiva per un posto in CL? Si, da tre anni ma per due(e questo é già in dubbio) non c'é andata.
    La Fiorentina é competitiva sino al 4o posto ma mancano quei 2 giocatori che possano fare la differenza e che non sono arrivati causa che nessuno ha voluto Cuadrado (che é questo? Crescerà?).
    Vale la pena contenere gli ingaggi per essere competitivi ma non raggiungere l'obiettivo?

    RispondiElimina
  41. concordo. Con il settimo monte ingaggi del campionato non si vince lo scudetto ma, l'abbiamo dimostrato, in condizioni favorevoli (una campagna acquisti perfetta, un allenatore che le azzecca quasi tutte, un paio di avversarie in difficoltà) il terzo posto è a portata. Se fosse arrivato quello, erano già 30 milioni in più per crescere.
    Poi è evidente che le contraddizioni si spostano solo in avanti, nel senso più diventi grande più i giocatori si aspettano un ingaggio da grande. Ma d'altra parte dovresti anche essere in grado, come società, di trasformare i successi sportivi in fatturato, cosa che invece non è stato fatto, finora, e motivo per il quale, a quanto ho capito, è stato preso il nuovo dg.

    RispondiElimina
  42. Vidal credo abbia grossi problemi fisici dovuti alla mala gestione dell'infortunio al ginocchio prima dei Mondiali...Quando era sano si è dimostrato giocatore di classe mondiale, in giro per l'Europa ne vedevo davvero pochi così agguerriti e completi.

    RispondiElimina
  43. Esatto, ed è proprio la priorità assoluta che Bielsa impone alle sue squadre, insieme al continuo movimento [non concepisce che un giocatore si fermi a riprender fiato durante la partita, vuole che si muova costantemente ad occupare gli spazi, naturalmente a tratti anche a velocità minime].

    RispondiElimina
  44. è vero, però, vale per lui lo stesso discorso che vale per Cuadrado: le megaofferte dei top club non sono arrivate. Penso comunque che si tratti anche di un discorso di visibilità, comunque.

    RispondiElimina
  45. difesa alta, movimento continuo... dov'è ho già sentito queste cose? C'era una volta un boemo...

    RispondiElimina
  46. Hai visto che Dunga, oltre a Neto, ha convocato anche il tuo Mario Fernandes per le amichevoli di novembre della seleçao?

    RispondiElimina
  47. No, ora guardo le convocazioni, grazie!

    RispondiElimina
  48. comunque almeno di una cosa va dato atto a Montella: è stato il primo e il più deciso a credere in Neto.

    RispondiElimina
  49. Ma Romulo è l'ex nostro?

    RispondiElimina
  50. Mi piacciono molto queste ultime convocazioni comunque, sta mettendo dentro molta gente che per me era rimasta incomprensibilmente fuori...

    RispondiElimina
  51. Tutto giusto ma devi accoppiare una grande preparazioni fisica se no scoppiano come le vesciche e giocare alti senza fare quel tipo di pressing è solo suicidio tattico.

    RispondiElimina
  52. Non lo so ma credo di no, c'è un altro Romulo, mediano che giocava nel Vasco e che ora è nello Spartak. E' un '90 e non era affatto male.

    RispondiElimina
  53. Trait-union (o trait d'union) ma non voglio fare il professore, DKNE1...anche a me alcune volte capita di scrivere una parola in modo sbagliato.....(non ho usato Wikipedia...eh eh eh eh eh eh..)...

    RispondiElimina
  54. non credo, non era stato naturalizzato italiano?

    RispondiElimina
  55. Le squadre di Bielsa per quel che ho visto hanno allora avuto sempre buoni preparatori, coi nostri non saprei...

    RispondiElimina
  56. beh infatti quel boemo non è famoso per le preparazioni blande, eheh...

    RispondiElimina
  57. Era stato convocato a Coverciano ma che mi ricordi non ha mai esordito, boh

    RispondiElimina
  58. Grandi preparatori e giocatori che ci credono, che non fanno i lavativi, per questo Zeman ha avuto tanti insuccessi quando ha avuto degli arrivati nel team.

    RispondiElimina
  59. Ma ha accettato la polpetta avvelenata....Tata.
    Non lo saprò mai ma spero che Tata non sia una strategia per gestire l'affare-Neto!

    RispondiElimina
  60. all'epoca sinceramente l'avevo presa come un'operazione più finanziaria che calcistica: hai l'occasione di prendere un titolare a zero, lo prendi, lo valorizzi e poi ci fai la plusvalenza.
    Ma non sapevo del mancato rinnovo di Neto, quindi a posteriori potrebbe tranquillamente essere come dici.

    RispondiElimina
  61. Immagina, VALTO, la discussione per il rinnovo di Neto: "Ehi, noi abbiamo sempre creduto che potesse essere il titolare della Viola! Con Montella abbiamo creduto in lui!"......"Giusto, ma ora stiamo parlando del portiere- o uno dei- della nazionale brasiliana, gringo!"....ah ah ah ah ah ah...Vai Cognigni, suerte....

    RispondiElimina
  62. Romulo è quello della Spartak Mosca, come pensavo. Dunga non ha convocato nessun "brasiliano" essendo il brasileirao nella fase decisiva a novembre, dietro insistenza dei club ed ha aperto il ventaglio per vedere da vicino gli "stranieri" che stava seguendo.

    RispondiElimina
  63. ma infatti credo che questa sia un caso esemplare in cui il settore tecnico va in una direzione (Neto titolare fisso) e la proprietà in quella opposta (mancato rinnovo per 50 mila euro). Speriamo sia un caso circoscritto, perché altrimenti saremmo davvero nei problemi. Anche perché un allenatore se fa cazzate lo cambi, mentre il rappresentante della proprietà, a prescindere, te lo tieni.

    RispondiElimina
  64. Gianneli, ma perché non ti spari?

    RispondiElimina
  65. A parte che hai sbagliato commento(hai invaso Jordan),ma io,da umile e consapevole ignorante ho chiesto come si scriveva.Sai,non ho l'abitudine di altri di passare ore a far ricerche su wiki(sbagliando pure l'oggetto della ricerca!);e non mi riferisco a te.Comunque caro Sopra da oggi sei nel mirino della mia Beretta.Riga dritto e testa china o saranno guai(potrei chiuderti in una stanza buia con uno svizzero ed un bolognese per una decina di ore ahahah)

    RispondiElimina
  66. Dato per assunto che DV è il massimo, almeno dei conosciuti, che ci possiamo permettere come proprietà, in fatto di organigramma societario lasciano molto a desiderare.
    Ho vissuto da vicino la gestione Pontello, essendo amico di famiglia, e pur con le ombre degli ultimi anni, si son sempre avvalsi di esperti del settore molto preparata e gente di valore professionale molto alto. Cito, in ordine sparso, Allodi, Nassi, Corsi, Baretti, Righetti e magari scordo qualcuno. Coi DV invece, per i motivi bene espressi da Jordan, da anni siamo di fronte a persone che poco o nulla ci azzeccano col calcio, cosa non irrilevante che certamente causa vuoti decisionali nel migliore dei casi, o scelte sbagliate. Come già rilevato da tutti, se non riescono a rinnovare con Neto e aggiustare con Baba, qualcuno dovrà pure essere licenziato.

    RispondiElimina
  67. Preparazione fisica di sicuro.Ma sia a Barcellona che a Monaco non mi pare non ci fossero giocatori "arrivati".Secondo me è che dopo aver fatto quel pressing e recupèerato palla sono gli avversari a correre a vuoto mentre tu in qualche modo riprendi fiato.Se ci fate caso il pressing di Guardiola,seppur intenso e feroce,dura poco,pochissimo(in termini temporali)

    RispondiElimina
  68. Anche perchè corrono per una zona ristretta di campo(portando i difensori alti).Quasi tutte le altre squadre,quando attuano il pressing,lo fanno a comparti stagni.Con i difensori che non salgono così tanto,per cui invece che coprire ed attaccare in una zona di 35-40 metri,sono costretti a farlo in una zona di 60-70 metri.Questo sì che è dispendioso,sia per la zona più ampia sia per il tempo che attuano il pressing

    RispondiElimina
  69. eheh, è vero, ma sicuramente ben prima di me, e, cosa molto più importante, ben prima dei giornalisti e della proprietà.

    RispondiElimina
  70. Ehi, io temporalmente vengo immediatamente dopo Jordan!

    RispondiElimina
  71. Da qualche parte ho letto che Gomez può giocare SOLO nel 4-4-2 o nel 3-5-2.Mentre sarebbe completamente inadatto al 4-3-3.Magari mi sbaglio(e non sarebbe certo la prima volta),ma nel 2011-2012,nel Bayern Monaco che arrivò in finale contro il Chelsea,e dove Gomez fece uno sproposito di gol(compreso una quadripletta in CL),Gomez non giocava centrale con Ribery-Robben ai lati in un 4-3-3?Grazie a chi vorrà togliermi questa curiosità!

    RispondiElimina
  72. Aneddoto: incontro Fuser e gli chiedo proprio della preparazione del grande Zdengo, lui scuote la testa e dice: in spogliatoio mi guarda ( e sono bello tirato...) e mi chiede il mio peso forma. 74 kg, dico e lui no, 70. Rispondo a 74 mi si vedono le costole, non riesco mai a ingrassare, lui, ok ok, 70. Allenamenti pre campionato allucinanti e a cena poca roba. Poi al bar per il caffè, dieci cucchiaini di zucchero! Una sofferenza mai provata, ma dopo qualche mese te ne accorgevi in campo!

    RispondiElimina
  73. ma certo che giocava nel 4-3-3. Nel 4-3-3 autentico, quello composto da un centravanti e due ali. E non solo quell'anno, anche prima, anche quando incontrò noi. Ma ovviamente questo è completamente ignorato da chi quel Bayern non l'ha mai visto giocare, neanche contro di noi in Champions...

    RispondiElimina
  74. ahahahaha,bastardo!

    RispondiElimina
  75. ma allora si può dire che, alla luce dei fatti e da quanto dimostrato da Gomez nel modulo 4-3-3,chi asserisce che il tedesco è inadatto a giocare nel 4-3-3,sta dicendo una cacata pazzesca?

    RispondiElimina
  76. Io invece son tra gli ultimi.Sino a quest'anno sempre nutrito dei dubbi.Dubbi per adesso spazzati via,tanto è vero che ho detto che farei a cambio solo con Handanovic

    RispondiElimina
  77. io sono stato gradualmente convinto l'inverno scorso, e sono definitivamente passato dalla parte pro-Neto, come la stragrande maggioranza dei tifosi viola, al ritorno di Coppa Italia con l'Udinese.

    RispondiElimina
  78. brillante e badelj non mi paiono acquisti esemplari...vorrei sapere te chi avresti preso...lo sai che il prossimo a partire a zero euro sara' proprio neto...

    RispondiElimina
  79. A me sembra che da un po' di tempo Pradè si occupi di cose che spetterebbero a Macìa, e Conhinhi si occupi di altre cose di competenza di Pradè.

    RispondiElimina
  80. è solo che io non ho ancora capito sulla base di cosa tu abbia questa percezione.

    RispondiElimina
  81. e pensa cosa succederebbe se scoprisse che il vecchio Bayern di Gomez giocava col 4-3-3 mentre ora Guardiola fa il 3-5-2! Un mondo di certezze che crolla in un attimo... Per fortuna non guarda le partite e non se ne accorgerà mai.

    RispondiElimina
  82. Licenzieranno Pradè e Richelieu rimarrà a far danni.

    RispondiElimina
  83. quasi insieme, via. Riconosco gli amici del tempo del bisogno.

    RispondiElimina
  84. Vero, ma ora smettiamola sùbito di celebrarci e celebrare Neto, ho paura che gli portiamo rogna, e inizi davvero con le papere.

    RispondiElimina
  85. Questi non hanno strategie ma furbate istintive sì. Ramadani gli ha detto che aveva un portiere buono che non costava nulla e Richelieu l'ha preso subito, un po' perchè gli sembrava un affare, un po' perchè così metteva il pepe al culo a quel ragazzino brasiliano che cominciava ad avere pretese. Gli offriva il 50% d'aumento e non gli bastava! Ora non gli basta il 100% ma questo è un altro discorso, com è un altro discorso che il 50% rispetto ad un valore che era la metà di quello che prendeva la media dei titolari della squadra non era poi la luna.

    RispondiElimina
  86. ahhhhhhhhhh, che fiatata, DEYNA, proprio nel prepartita!

    RispondiElimina
  87. E' la paura che ho anch'io, le papere le fa anche handanovic, e nemmeno poche, ma ora se le facesse Neto avrebbero effetto deflagrante. per questo mi tocco sempre le palle.

    RispondiElimina
  88. Tanto stasera gioca Tata!

    RispondiElimina
  89. ah è vero. Respiro...

    RispondiElimina
  90. Il nostro ex è infortunato, quindi no. E' stato operato il 30 settembre, mi pare. Almeno un mese fermo. In ogni caso credo che basti una convocazione...

    RispondiElimina
  91. Provate a chiedergli nome e cognome imponendogli una risposta di botto, avrete un quadro reale della sua situazione mentale. Apprezzo tantissimo la sua capacità di passare di cazzata in boiata, e viceversa, con nonchalance e indifferenza inconsapevole, di quello gli va dato atto, ha la faccia speculare al basso ventre.

    RispondiElimina
  92. Intervengo sul discorso tattico riguardante Guardiola ( lo faccio perché avendo vinto l'ennesimo torneo di FIFA alla play, ritengo di averne ampiamente i titoli).
    Non credo che le sue squadre facessero una preparazione particolare e non penso che il pressing attuato da Barça prima e Bayern poi, comporti un dispendio di energie oltre le soglie della normalità. Il segreto, secondo me, è tutto nella copertura degli spazi. Il Bayern, per come la vedo io attua principalmente una sorta di 3-3-3-1, un modulo che mira, appunto, a ridurre gli spazi tra i reparti, permettendo alla difesa di alzare il baricentro della squadra fin da subito e di sistemarsi all'altezza del centrocampo, schiacciando, praticamente, non solo gli avversari, ma tutto il gioco in sessanta metri al massimo. Un modo di giocare che ha come primo obiettivo il non permettere all'avversario di avere tempo e metri per iniziare bene l'azione. Il pressing viene portato in pochi metri quadri, da più giocatori e in maniera molto meno dispendiosa, perché non ci sono grandi rincorse da effettuare dopo, visto che l'avversario col pallone non può distendersi. Seguendo le partite del Bayern in Bundes, ho notato che quasi mai i loro gol sono frutto di azioni in cui tutta la squadra si distende sul campo. Loro spingono, tentano, perdono palla per poco tempo, la riconquistano e sono sempre lì. È un batti e ribatti continuo, facilitato dal fatto che gli avversari non possono sviluppare un'azione classica a causa del poco spazio a disposizione.
    In sostanza, il loro modo di giocare tende a risucchiare tutte e due le squadre in poco più di metà campo, cercando di non lasciare metri sufficienti per far diventare il pressing una cosa dispendiosa.

    RispondiElimina
  93. Ma tu...giochi alla Play per vedere il triangolino?

    RispondiElimina
  94. Sì Foco, ma per fare un pressing asfissiante devi essere sempre sul pezzo, magari non sarà il fiato del mezzofondista che ti ci vorrà ma la capacità di ripeter movimenti brevi e rapidi, pressochè di continuo. Poi, quando il pallone lo riconquisti non è che glielo rendi, ma è lì che devi sfruttare al massimo il " contropiede", perchè trovi un avversario per un attimo sbilanciato, Per farlo devi correre negli spazi che si sono aperti e farci arrivare il pallone. Se non ci arriva, ripressing. Ci vuole una concentrazione mentale mica da poco.. Che poi non si duri fatica non direi, sono parecchi scatti, spesso a vuoto, quasi di continuo.

    RispondiElimina
  95. Da notare il ritorno prepotente, censorio, con sospensorio per avversario...di...LEO LASTRA, eh eh eh eh eh....qui a rispondere sterzando (di la, anzi) e tu con la clava!

    RispondiElimina
  96. Era "...sferzando....".

    RispondiElimina
  97. Se oggi Tata fa qualche papera, il procuratore di Neto chiedera' giustamente la luna..

    RispondiElimina
  98. Infatti, Jordan, io credo che abbiano perso la Champions principalmente a causa del calo mentale seguito ad un campionato praticamente vinto a febbraio. Serve intensità, certo, ma i tempi di recupero sono più veloci, per me, rispetto a chi deve coprire fette di campo più ampie.
    Poi dirò una cazzata, sicuramente, ma da un punto di vista squisitamente geometrico, è un modo di giocare più confacente ad uno spazio di gioco rettangolare, perché si toglie un uomo sul lato più corto e si aggiunge una linea di gioco su quello più lungo del campo.

    RispondiElimina
  99. Principalmente per quello, si.

    RispondiElimina
  100. naturalmente lo possono fare giocatori tecnici e grandi campioni come al barca,real e bayern che fanno al 90% sempre la cosa giusta...lo puoi fare con marcelo ma non con alonso, lo puoi fare con gente che non si chiama vargas ma neanche aquilani che e' tecnico ma non sempre fa la cosa giusta...certamente non lo fai con kurtic, forse col pizarro di qualche anno fa...poi non solo....quando riparti devi saper indirizzare il pallone in modo da rendere l'azione pericolosa...anche borja valero o fernandez sono tecnici, ma non fanno la cosa giusta...non riescono ad essere determinanti in funzione delle punte...non a caso guardiola ha voluto i migliori...guardiola quel gioco la' non potrebbe farlo con chiunque...per questo dico che montella va lasciato in pace...e quando non fai la cosa giusta giocando in un fazzoletto perdi palla...lo puoi fare se hai modric kross,goetze muller,bernat,robben,alonso,alaba e compagnia bella quel gioco la'...o isco,ronaldo ,messi

    RispondiElimina
  101. E ora guardiamoci la diretta testuale di wikipedia, sperando che non vi siano casi di omonimia.

    RispondiElimina
  102. Che cavolo si è mangiato il Berna, peccato che non aveva un difensore su cui far sbattere la palla..eh Deyna

    RispondiElimina
  103. ...modulo privilegiato per eccellenza dal Loco Bielsa...

    RispondiElimina
  104. Per me migliore in campo Badelj, finalmente all'altezza di quello che gli si chiede: interdizione e palleggio rapido con Borja. Ma in generale bravi tutti a parte l'attacco. Ilicic contemporaneamente il peggiore nella continuità di gioco e il più decisivo con quello splendido assist. Un po' spaesato Berna.

    RispondiElimina
  105. Vedo abbastanza male e sento poco: ma anche a me è piaciuto Badelj se l'ho identificato bene, e non male Basanta. Un po' sotto tono rispetto akke prime apparizione Micah. Ilicic che dire, la tua anlisi è perfetta Valto

    RispondiElimina
  106. stefano vienna23 ottobre 2014 20:25

    Vargas imprescindibile, Montella mette la mia formazione: uno solo tra Valero, Mati e Aquilani. Badelj al posto di Pizarro.


    Ripeto, uno solo tra Aquilani, Valero, Mati.

    RispondiElimina
  107. stefano vienna23 ottobre 2014 20:27

    Il mio cambio prefrito da quando Montella allena la Fiorentina: Lazzari per Valero.

    RispondiElimina
  108. La tua con Pasqual al posto di Alonso, presumo

    RispondiElimina
  109. stefano vienna23 ottobre 2014 20:33

    Non dico sui singoli, Alonso è bene che riposi, migliore in campo domenica, dico come struttura. Facciamo addirittura pressing.

    RispondiElimina
  110. stefano vienna23 ottobre 2014 20:35

    Stiamo sprecando contropiedi a go-go, anche questi erano anni che non si vedevano, accontentiamoci.

    RispondiElimina
  111. Si ma tendenzialmente tu, ma anche io, preferisci Alonso?

    RispondiElimina
  112. Siamo una macchina mangia-gol

    RispondiElimina
  113. stefano vienna23 ottobre 2014 20:41

    Vargas mostruoso.

    RispondiElimina
  114. stefano vienna23 ottobre 2014 20:45

    Si, peccato, ma erano anni che non vedevo una cosa del genere, palloni recuperati e contropiedi a raffica.

    RispondiElimina
  115. Basanata e Richards hanno intercettato una marea di calci d'algolo, due belle torri

    RispondiElimina
  116. stefano vienna23 ottobre 2014 20:46

    Cambio Marin-Ilicic di una stupidità rara.

    RispondiElimina
  117. stefano vienna23 ottobre 2014 20:50

    Certo, ad occhi chiusi. Alonso domenica ha annullato Candreva e creato le uniche azioni nitide da gol.

    RispondiElimina
  118. stefano vienna23 ottobre 2014 20:53

    L'ultimo cambio ci fa rischiare il pareggio. E' proprio della Roma.

    RispondiElimina
  119. Ma perchè un si fa lo stadio 'nvece che alla Mercafir all'estero? Così e c'è i'caso che se ne vinca quarcuna 'n casa.

    RispondiElimina
  120. stefano vienna23 ottobre 2014 20:54

    Ho proprio meritato questa vittoria. Adesso mi faccio intervistare da Mediaset e poi torno.

    RispondiElimina
  121. Magari in Brasile, vero

    RispondiElimina
  122. stefano vienna23 ottobre 2014 20:55

    Così ci trasferiamo tutti, magari!

    RispondiElimina
  123. Non ti sei ancora sparato, Giannelli? Fallo!

    RispondiElimina
  124. Ilicic il mio migliore in campo. Badelj dà segni di risveglio e sprazzi di personalità. Borja in netto recupero. Berna sparito dopo il gol mangiato, evidentemente l'ha sentito, quell'errore. Dietro il migliore è Basanta.
    Pallino sempre in mano alla Viola, che, nonostante una formazione poco provata, riesce a far girare palla, anche piuttosto velocemente. Davanti manca una punta - punta, ma siamo in trasferta e gli spazi più larghi aiutano a non soffrirne troppo. Fino ad ora, la Uefa League ha detto che siamo una squadra che potrebbe fare la sua bella figura in Francia, Grecia e Bielorussia anche con le riserve.

    RispondiElimina
  125. Credo che Cuadrado giochi condizionato dal dover dimostrare di valere l'ingaggio che chiede

    RispondiElimina
  126. stefano vienna23 ottobre 2014 21:41

    Lascia stare quelli là, diamo però i meriti ai giocatori, non al tecnico che finora ci ha fatto perdere una marea di punti per la sua fissa di schierare i Tre Trequartisti Mancati. Oggi hanno giocato quelli che Montella non vede perchè ottenebrato dalla sua giallorossità. E purtroppo prima o poi ci ripropinerà il grande nulla.

    RispondiElimina
  127. Visto nulla, ottimo risultato e gironcino in archivio.

    Approfitto di Voi...


    Prestazione del Micah? Pronto per Domenica? Debutto di Marin?

    RispondiElimina
  128. stefano vienna23 ottobre 2014 21:44

    L'ho pensato anche io. Ed è ridicolo accusare Cuadrado che è uno che dà sempre tutto in campo. Speriamo che il vero problema di questa squadra -l'ex napoletano, ora lupetto da tre soldi- venga inquadrato e che si eviti di gettare la croce addosso a chi -il 99% dei giocatori- dà il massimo per questa maglia.


    Dai, Belva, te che vivi ancora a Roma, cercagli un appartamento a Testaccio.

    RispondiElimina
  129. stefano vienna23 ottobre 2014 21:46

    Marin è un altro alla Mati o alla Valero. Se ce ne sono più di uno in campo si ricomincia col grande Nulla. Micah ha giocato bene, ma il problema lo sai non sono i terzini. E' il romanista che siede in panchina.

    RispondiElimina
  130. Lasciamo perdere. Mi trovo a Pescara dove vivono familiari di Di Francesco. Amici del posto danno per scontato lui l'anno prossimo a Firenze. La cosa non mi piace. Per niente

    RispondiElimina
  131. stefano vienna23 ottobre 2014 21:50

    Il più grande, quando lo nomini, mi fai commuovere.

    RispondiElimina
  132. 'Orca Eva Belva, stavo leggendo la risposta di Stefano, poi scivolando giù ho letto di Di Francesco, MA MI ci volete mandare una sera a letto tranquillo che già c'ho il mal di stomaco...

    RispondiElimina
  133. stefano vienna23 ottobre 2014 21:52

    Un altro romanista. E' la fine. Lo stesso Zeman da quando è andato alla Roma s'è rincoglionito. E' come una malattia contagiosa, non si torna indietro. Gente che è predisposta a fare figure da sboroni come quella di martedì sera.

    RispondiElimina
  134. e tutto questo l'hai visto nei 10 minuti in cui ha giocato Marin? Dall'euroautogol tentato da Lazzari, che diciamo?
    Stefano, io leggo sempre volentieri le cose che scrivi perché sono intelligenti e interessanti, però questa anti-Valero e anti-Montella ti porta a condannare senza appello chi ancora non hai visto, come Marin, e a rivalutare chi stasera ha toccato un pallone e ha rischiato di metterlo nella nostra porta, come Lazzari.

    RispondiElimina
  135. stefano vienna23 ottobre 2014 21:55

    Oggi hanno giocato i giocatori, Montella poteva pure andare al cinema, come ha fatto martedì sera per non vedere la sua Rometta umiliata. La sua presenza in panchina può solo far danni, come quando ha fatto uscire Ilicic per far entrare il sosia di Mati-Valero.

    RispondiElimina
  136. Micah ottimo come sempre, lo adoro anche negli errori di irruenza, ha una personalità da Premier che spicca in campo a prescindere. Marin è entrato per un quarto d'ora in cui abbiamo fatto difesa e contropiede, quindi non c'è niente da dirne né nel bene né nel male, l'unico pallone che poteva toccare (e probabilmente mettere in gol) gliel'ha negato Cuadrado per egoismo.

    RispondiElimina
  137. Sono tornato alle 20.40 perciò non ho visto nulla, il post-Lazio non mi ha stimolato a cercare di rimandare l'ultimo appuntamento di oggi, spingendomi a pensare che fosse meglio un uovo oggi che un uovo domani.
    Mi limito a dare un voto alla cazzo (sperando non sprofondare fino allo zallerismo): 10 per tutti, perchè in Europa continuiamo a vincere, nonostante la sconfitta dei Giggid'alessi contro i Giovani Cioccolatai continui a ricordarci che oggi le squadre italiane faticherebbero anche contro squadre dello Skureggistan.
    Per commenti più dettagliati, mi affido alla lettura dei vostri

    RispondiElimina
  138. stefano vienna23 ottobre 2014 21:57

    Sono sempre contrario agli esoneri, ci si può anche mettere d'accordo che Montella rimane l'allenatore, ma non decide nè chi mandare in campo nè chi sostituire.

    RispondiElimina
  139. Mah..sono solo voci di conoscenti, spero fasulle. Pare che con Montellik siano piuttosto amici e anche soci in qualche attivita' economica. Qui a Pescara Di Francesco e familiari hanno delle attivita' e anche un ristorante dove si mangia bene

    RispondiElimina
  140. Speriamo davvero che siano solo chiacchiere, se arriva Di Francesco vado in depressione, eheheheheh

    RispondiElimina
  141. stefano vienna23 ottobre 2014 22:00

    Non sono contro Valero, anzi, impara a leggere perchè ha il vizio di mettere in bocca agli altri cose che non hanno detto e non dicono. Ti scuso solo perché sei giovane.


    Sono contro chi fa giocare Mati, Valero, Aquilani tutti insieme. Intiendes?

    RispondiElimina
  142. Infatti mentre me ne parlavano stamattina e' arrivato un nubifragio

    RispondiElimina
  143. Entiendo, però oggi ce n'era un campo solo uno e per te era troppo lo stesso, a quanto leggo, data la gioia per la sostituzione. Sbaglio?

    RispondiElimina
  144. stefano vienna23 ottobre 2014 22:05

    A 20 minuti dalla fine si può pure rinunciare a Valero. Oggi era l'unico, vero, questo riconoscerai lo dico da tre mesi. E io mi sono divertito di nuovo a vedere la Fiorentina.

    RispondiElimina
  145. Tornando al discorso su Neto, secondo Radio Blu è vicino l'accordo per il rinnovo a 1,2 milioni netti l'anno di ingaggio. Se è vero che quest'estate lui avrebbe firmato a 1 milione l'anno e la società non ha voluto perché offriva 50-100 mila euro meno, io al posto di DDV convocherei Gnignigni o chi per lui e gli direi che mi deve 400mila euro all'anno.

    RispondiElimina
  146. E però metterne dentro uno solo, Marin (che hai già etichettato come "trequartista mancato"), a Valero già uscito, è stato un tragico errore, mentre far entrare Lazzari che si improvvisa miglior attaccante del Paok è stata una genialata. Mah. Tu di calcio ne capisci probabilmente più di me, però a seguire le ossessioni finisci fuori strada, a mio parere.

    RispondiElimina
  147. io spero che lo riporti a fare il manager nelle aziende, di danni per la Viola ne ha già accumulati sin troppi...

    RispondiElimina
  148. Questa sera ho fatto un eurogol su punizione, campionato di calcetto, e la vittoria mi ha arriso. Stranezza: sono il più alto in squadra (1,90) ma gioco basso...mah.....eh eh eh eh eh eh eh eh......
    Comunque: vittoria fuori casa, vittoria in Europa, vittoria su un campo imbattuto, vittoria sulla capolista greca, vittoria senza punte, primi nel girone, turnover perfetto, recuperato Marin, recuperato Richards, Vargas abile e arruolato, nessun gol preso, teniamo Noi il ranking a galla.
    Che cazzo pretendere??!?? Non l'ho vista ma godo comunque.
    Solo cose positive....solo cose positive.....solo cose positive.......

    RispondiElimina
  149. contiamo i giorni perché ciò accada...

    RispondiElimina
  150. Ma finché si limita a fare il controllore per conto di Diego va bene, è quando comincia ad avere ruoli operativi che fa danni

    RispondiElimina
  151. ormai si è lasciato prendere la mano e se non arriva quello di sopra a levargli il gingillo di mano son cazzi acidi...


    ... per noi...

    RispondiElimina
  152. mi raccomando se ti capita il rigore...

    RispondiElimina
  153. ah certo. Solo che ormai mi pare evidente che quel ruoli non gli basti più. Il punto è che finché esautora sistematicamente ADV mi può dispiacere personalmente ma fino a un certo punto, quando inizia a farlo con i dirigenti che lui stesso ha incaricato di gestire tecnicamente la Fiorentina, allora comincia a fare danni alla Fiorentina, e quindi cominciano a girarmi i coglioni.

    RispondiElimina
  154. Uno degli ultimi contropiedi che abbiamo fatto mi ha ricordato il gol del 2-0 della Nazionale in semifinale contro la Germania ai Mondiali del 2006, con la differenza che in quel caso Gilardino passò la palla a Pippero smarcatosi sulla destra, mentre stasera Cuadrado si è intestardito a tirare invece che passarla a Marin. Sarebbe stato il gol a chiudere la partita, invece un pochetto abbiamo sofferto nel forcing finale greco. Che serva di monito per il futuro, non sempre può andare bene, il colpo del KO va dato.

    RispondiElimina
  155. Riprendo il post su Cuadrado. Non ho accusato nessuno, magari ho scritto male. Ho detto che non mi è piaciuto perché è stato egoista e non ha passato la palla a Marin, che era in posizione migliore di lui. Lo so che da' tutto in campo con il cuore e le gambe, e non credo neanchè alle favole che non si sia impegnato per mal di pancia. Non mi sembra proprio il tipo. Ma benedetto ragazzo, se vuole diventare veramente un top player, deve ragionare di più: anche se avesse segnato, avrebbe fatto comunque la cosa sbagliata, Marin era più libero. Non dico che Cuadrado non debba provare la soluzione personale, visto i numeri che ha, deve farlo quando è la cosa migliore da fare. Guardare, purtroppo, il Capitano (ma quello della Roma, ahimè) e carpire qualche segreto.

    RispondiElimina
  156. Ti mettiamo in campo al posto di Ilicic, se dovesse servire

    RispondiElimina
  157. stefano vienna23 ottobre 2014 22:46

    Valto, scusa l'alterazione, ma rileggi quello che hai scritto sotto. Io ragiono, sei tu che mi sembri ossessionato da quello che scrivo. La vena polemica fine a se stessa, ovvero quella che stai usando nei miei confronti nelle ultime settimane, ti porta a perdere di vista l'oggetto della discussione, che è il bene della Fiorentina.

    Togliere un centrocampista, diciamo di manovra, per uno di contenimento a 20 minuti dalla fine quando vinci fuori casa è l'ABC del calcio, non serve capirne di calcio, si fa così, punto e basta. La mia battuta era, appunto, riferita al fatto che questi cambi 'umili' non si vedevano da un bel po' e me ne sono rallegrato.

    Togliere l'unica punta -oggi Ilicic- e mettere un nanetto di 1,50 è l'ennesima minchiata di un allenatorino che ha avuto la fortuna di non fare la gavetta perchè, se una cosa del genere la fai nei campetti di periferia, entrano i tifosi nello spogliatoio e ti mollano due ceffoni.

    RispondiElimina
  158. stefano vienna23 ottobre 2014 22:50

    Insomma, scusa la lezioncina o pistolotto, diciamo che potrei essere il fratello maggiore che rompe le scatole a quello più piccolo. Oggi, poi, godiamo per una vittoria importante, per noi e non solo per noi.

    RispondiElimina
  159. Diamo a Cesare cio' che gli compete. Rinunciare a Gonzalo
    e' stata una scelta coraggiosa

    RispondiElimina
  160. Probabile tu abbia ragione, STEFANO, ma ricorda sempre l'indole della viola di Montella. Attaccare, attaccare gli spazi.
    Vero anche che un tizio, ad esempio uno tra tanti..tale Trapattoni Giovanni, ci faceva incazzare per attuare l'Abc del calcio, in molte partite....O sbaglio?

    RispondiElimina
  161. Se è vero quello che hanno pubblicato circa il contratto di Cuadrado, il fatto che ci siano bonus legati al numero di gol non mi lascia affatto tranquillo.
    Mi sembra un incentivo a cacare il cazzo in caso di spostamento a centrocampo.

    RispondiElimina
  162. guarda, da parte mia nessuna polemica nei tuoi confronti, non rispondo neanche spesso ai tuoi commenti, proprio perché non mi interessa innescare queste dinamiche. Su Montella la vediamo diversamente, e ci sta, non escludo che possa aver ragione tu, lo vedremo. Mi sono permesso di farti notare, però, che abbia fatto rischiare molto di più il pareggio Lazzari di Marin, e che per etichettare quest'ultimo come trequartista mancato mi pare presto. Tutto qua. La mia paura è che la tua critica di Montella ti porti a giudicare male alcuni giocatori, e credo sia un errore. Poi è solo la mia opinione, per quello che vale.

    RispondiElimina
  163. no, eh, non cominciamo a chiamarlo Cesare, povero, eheh...

    RispondiElimina
  164. Osservazione acuta. E questo spiegherebbe anche un pizzico di egoismo in campo

    RispondiElimina
  165. Aggiungo e poi non vi rompo piu' le scatole: finalmente con Richards e Basanta si sono visti due che staccano di testa

    RispondiElimina
  166. stefano vienna23 ottobre 2014 23:13

    Sì, Montella ha inventato l'attacco degli spazi. E' l'allenatore più rivoluzionario degli ultimi 40 anni. Prima di lui, c'era Trapattoni, anzi no, Nereo Rocco.


    L'unico dubbio di questo quadro idilliaco è, ma Nereo Rocco quando stava perdendo toglieva tutte le punte per difendere la sconfitta di misura?

    RispondiElimina
  167. stefano vienna23 ottobre 2014 23:14

    Con Vargas si è anche visto un centrocampista -almeno uno- che rischia di segnare, anzi ha segnato.

    RispondiElimina
  168. STEFANO Questione Marin. Credo di soffrire di una forma lieve di prosopagnosia che è una malattia che rende difficile il riconoscimento visivo delle persone (è la malattia descritta nell'Uomo che scambiò sua moglie per un cappello) e a distanza tendo a confondere giocatori che ho visto poche volte: ma io Marko Marin fare fuori la sampdoria con il WB me lo ricordo (anacoluto volontario) e mi ricordo anche che ero in un albergo a Courmayeur. L'ho visto altre volte (non moltissime) e nel ricordo tutto mi sembra tranne che assomigliasse al Borja o al Mati odierni. Poi sul cambio - dal punto di vista tattico - ti do ragione, Ilicic punta avrebbe tenuto più alta la squadra.Comunque, anche con questa perplessità sul cambio, l'ingresso di Marin in campo mi sembra una novità importante.

    RispondiElimina
  169. Tatarusanu 6+; Richards 6.5, Tomovic 6+, Basanta 7, Pasqual 5+; Kurtic 6-, Badelj 6.5, Borja Valero 6+, Vargas 7; Ilicic 6+, Bernardeschi 4.5 [Cuadrado 6--, Lazzari 5.5, Marin s.v.]. Fiorentina da trasferta e da Coppa, con impostazione - impostazione, non modulo, impostazione - verticale, a recuperare palla in prossimità della difesa e rilanciare il gioco con la maggior velocità possibile, bypassando il palleggio di centrocampo e il possesso palla. Ci sono ancora molte pecche, in questa modalità, dovute anche alla mancanza di veri attaccanti in campo, ma è strada da percorrere con convinzione, anche creando fasi di questo tipo nelle partite casalinghe. Ché la nostra lentissima, compassata, innocua interpretazione del tiqui taca spagnolo l'hanno studiata e metabolizzata anche i sassi, neutralizzandola sempre più facilmente innalzando barricate a Firenze. Curare quindi l'intensità, i movimenti senza palla, il pressing, gli schemi offensivi di ripartenza appena riconquistata palla: su questo dovrà lavorare Montella nei prossimi mesi. E non si gridi al tradimento del modello spagnolo o del calcio offensivo, ché sono i principi alla base del calcio di due Maestri come El Loco Bielsa e Pep Guardiola, al di là delle amenità sui moduli, che lasciano il tempo che trovano. Ed ora i singoli interpreti. Tata non deve fare gli straordinari, ma dà sicurezza coprendo sempre bene lo specchio della porta, e dimostrando freddezza nella gestione della palla. Richards meno brillante di altre volte, soprattutto in fase offensiva, ma è un muro invalicabile di testa e nel corpo a corpo. Sicuro Tomovic, autore anche di un bel recupero scivolato in area, pur mantenendo le solite difficoltà in impostazione. Ottimo Basanta, invalicabile in marcatura, sempre primeggiante nel gioco aereo, autoritario nelle chiusure e nei recuperi. Da vedere al più presto accanto a Gonzalo, preferibilmente in una difesa a tre. Male al solito Pasqual da terzino, in entrambe le fasi. A centrocampo, passi avanti di Badelj, non trascendentale ma ordinato e veloce di pensiero nel chiudere gli spazi e dirigere il gioco, autore anche di un buon tiro da fuori. In crescita Borja, anche se è ancora lontano dal gran todocampista che conosciamo. Un po' sottotono Kurtic, sulla sinistra Vargas si conferma incursore micidiale [un gol, un palo, e un altro inserimento di testa con brutto impatto], ritrovando anche un paio di spunti alla lui sulla fascia. Davanti, tutto sommato positivo Ilicic, che giocando in verticale con spazio davanti è un altro giocatore. Nell'azione dell'assist allo sciagurato Bernazzini di stasera dimostra che quando ci crede può essere un giocatore vero: pressa in corsa tre uomini, per rubare infine il pallone e andar via sul fondo a cercare l'assist. Bernardeschi ci fa capire il perché Montella non lo schieri dall'inizio: Nervoso [un'entrata a martello sulla tibia dell'avversario meriterebbe il rosso diretto], supponente, simulatore, non basta l'eleganza a nascondere gol sbagliati pazzinianamente, e palle perse in maniera scoraggiante. Vorrei vederlo però dietro Babacar. Cuadrado subentra bene, ha gamba e brillantezza, ma in due occasioni si macchia di gravissimo egoismo, impedendo tra l'altro a Marin di bagnare il ritorno in campo con un gol quasi sicuro. I top player non agiscono così.

    RispondiElimina
  170. Che desolazione le squadre italiane: due vittorie (una dovuta, considerando che, come mi ricordava un "collega" finnico, la Finlandia non si è mai qualificata per i mondiali) e un pareggio in casa con una francese.

    RispondiElimina
  171. stefano vienna23 ottobre 2014 23:34

    Deyna, ma se rimetti in campo Mati, Valero, Aquilani, tutti insieme appassionatamente, te le impostazioni -son d'accordo, non moduli- di questo tipo non le vedrai mai. Servono altri tipi di centrocampisti, Vargas, Kurtic e il bistrattato Lazzari. Uno di quelli sopra, al massimo due se Aquilani lo metti davanti alla difesa.


    Poi, leggevo sul sitone che qualcuno si lamentava del poco possesso palla del secondo tempo. A loro vedere 10 azioni da gol -90% ripartenze veloci- fa schifo. Ma che si mettano a tifare Roma come quello che siede sulla nostra panchina.

    RispondiElimina
  172. Sta iniziando la fine di un ciclo a Napoli?
    http://www.fiorentina.it/it/news/articolo.37.19364/napoli-perde-con-lo-young-boys-i-tifosi-prendono-a-bastonate-e-sprangate-il-pulllman.html

    RispondiElimina
  173. stefano vienna23 ottobre 2014 23:37

    Corto, pure tu, non ce l'ho con Marin, dico solo che non lo puoi fare entrare al posto dell'unica punta -seppur atipica- che era essenziale per far salire la squadra -cosa che un nanetto non può fare. Più in generale, Marin è un altro alla Mati, alla Valero, più di uno non possiamo permettercelo, collezioniamo trequartisti col vizio del non-gol. A forza di cercare di spiegarvelo, mi state facendo venire l'ulcera

    RispondiElimina
  174. Esatto DEYNA per essere un folle (GAT dixit e lo dixit molte volte!) sei estremamente lucido, dobbiamo verticalizzare, il modulo conta ma non è tutto.Tra l'altro Ilicic (lo abbiamo visto più volte) ha un senso compiuto solo con questa impostazione,e mi sembra anche Badelj (almeno per come l'ho visto negli spezzatini su youtube, surrogati indegni dei tuoi compattini)

    RispondiElimina
  175. STEFANO,leggi il mio post per favore, così ti eviti l'ulcera: "Poi sul cambio - dal punto di vista tattico - ti do ragione, Ilicic punta avrebbe tenuto più alta la squadra.".
    Non vedo tantissimo calcio estero e per questo quando escono nomi sono uno dei primi a chiedere (non baso i miei post su wikipedia), ma secondo me Marin non assomiglia a Borja o Mati, è più come Liajc (in realtà in potenza molto più forte, magari con meno senso del gol, questo non saprei dirtelo)

    RispondiElimina
  176. La cultura della sconfitta.

    RispondiElimina
  177. Tu hai la fissazione che Borja Valero è un trequartista. Non lo è mai stato, non lo è e non ha nemmeno le caratteristiche per esserlo. Nella sua vita ha fatto più il regista di centrocampo o la mezzala a tutto campo, mai il sostegno alle punte se non in un paio di occasioni con la Fiorentina per libidine montelliana. Lo è stato un po' più Mati in gioventù ma non lo è più nemmeno lui. Marin con tutti e due c'entra come i cavoli a merenda. Lui sì è (o era quando correva) un trequartista-seconda punta, velocissimo e mobile. Quindi il cambio con Ilicic non lo vedo affatto scandaloso, coprono in maniera e con caratteristiche anche morfologiche diverse, lo stesso ruolo e più o meno la stessa zona di campo. Marin si era ben liberato al goal se quella capra tattica di Cuadrado gli avesse passato il pallone, in quei dieci minuti che gli hanno concesso.

    RispondiElimina
  178. stefano vienna23 ottobre 2014 23:56

    Figurati se seguo il calcio estero, è tanto se riesco a vedere la Fiorentina. Ljajic, l'ultimo nostro, segnava. Marin non penso che abbia mai segnato tanto (non è un Götze per intenderci) e allora ci troviamo da punto a capo, se lo fai giocare devono giocare altre due punte col senso del gol, ci s'ha poi Cuadrado. A quel punto rimangono due posti a centrocampo, chi ci metti, altri trequartisti mancati? In questo senso -puramente numerico- Marin va ad occupare il posto di uno tra Mati e Valero.

    RispondiElimina
  179. Sì come ruolo, non per caratteristiche e interpretazione dello stesso. Ljajic è uno che vuole i palloni sui piedi per partire in dribbling, Marin è molto più veloce e molto più mobile senza palla, va molto più in verticale.

    RispondiElimina
  180. stefano vienna23 ottobre 2014 23:59

    Jordan, abbiamo finito senza punte di peso in avanti, concedendoti che Marin è una punta, cosa su cui per ora sospendo il giudizio.


    Valero, come Mati, lo chiamo, tra il serio e il faceto, trequartista mancato. E' una presa per il culo, non di Valero, ma del romanista ex-napoletano a cui piace collezionare trequartisti mancati, appunto.

    RispondiElimina
  181. Quello che volevo dire, ma tu sei stato più bravo di me.
    Non vedrei scandaloso un tridente Marin-Gomez-Cuadrado

    RispondiElimina
  182. stefano vienna24 ottobre 2014 00:04

    Neanche io, solo che poi non metterei nè Valero nè Mati a centrocampo, bensì Vargas-Aquilani-Kurtic.


    Quindi si torna al solito punto, uno tra Mati, Valero e Marin. Ho finito il Maalox.

    RispondiElimina
  183. stefano vienna24 ottobre 2014 00:06

    Lo vedremo Jordan, ma il mio discorso non è sui singoli. A me va bene Marin dietro le punte, ma poi non voglio vedere nè Valero nè Mati a centrocampo. Per me, quindi, numericamente sono tre alternative per una casella sola.

    RispondiElimina
  184. Ljajic ha segnato per mezza stagione, poi ha sempre fatto tre o quattro gol a campionato. Nella Roma sinora ne ha fatti 8 in un campionato e quasi mezzo. 4 a campionato li faceva anche Marin. Ilicic segna molto di più? Punte vere non ne abbiamo, cioè ne abbiamo tre, due rotti, uno a riposo precauzionale, e allora?

    RispondiElimina
  185. Quello che intendevo prima con "magari con meno senso del gol di Liajc non saprei dirtelo " è questo: Marin era il re degli assist, numeri impressionanti, se invece di fare assist avesse tentato la soluzione personale magari in carriera avrebbe fatto più gol di Adem.

    RispondiElimina
  186. stefano vienna24 ottobre 2014 00:13

    E allora Marin dietro a Babacar(Gomez) e Cuadrado. Centrocampo Vargas-Aquilani-Kurtic oppure Vargas-Badelj-Aquilani.


    Se Marin è quello del Werder, purtroppo Valero e Mati diventano seconda e terza scelta. A parer mio.

    RispondiElimina
  187. stefano vienna24 ottobre 2014 00:13

    Se è il re degli assist me ne rallegro, ma allora Valero e Mati non ci servono più.

    RispondiElimina
  188. Vargas a centro campo per me è palla persa. Vargas è dirompente se ha spazio, sulla fascia in partite come quella di oggi. 3-5-2 Cuadrado, Aquilan (Kurtici,Pizarro (Badelj), B.Valero,(Mati), Vargas; Babacar, Gomez
    Se Marin torna lui o lo metti dietro ai due rifacendo il centrocampo dietro (dei tre almeno uno deve avere caratteristiche prettamente difensive e di recupero palla), o lo affianchi ad una delle due punte togliendo l'altra.

    RispondiElimina
  189. Può essere ma il primo anno giocavamo spesso e bene con

    pizzaro

    borja aquilani

    cuadrado toni jojo

    oppure

    pizzaro

    borja aquilani

    cuadrado jojo liajc



    Secondo me alla fine dipende da chi è più in forma e meno dal modulo. Ma è un parere personale e un po' ignorante
    Vi saluto vado a letto domani mattina ho la sveglia alle 6 a.m. per andare a correre
    buonanotte

    RispondiElimina
  190. Abbiamo finito senza una punta perchè non le abbiamo disponibili. D'altra parte in quella situazione tattica di fine partita servivano anche a poco. C'era da contrattaccare in velocità. Con un po' più di cervello nella testa di Cuadrado si facevano due o tre gol.

    RispondiElimina
  191. Per me i giocatori vogliono fare il culo a Benitez.

    RispondiElimina
  192. Sono d'accordo sulla disamina, a parte forse il giudizio su Badelj: ordinato si, ma TROPPO veloce di pensiero a giudicare dal numero di passaggi sbagliati in controtempo e di ingenuità. Ha comunque un buon senso della posizione

    RispondiElimina