.

.

lunedì 29 settembre 2014

Una squadra che piace alle nonne

Ilicic purtroppo non ha potuto partecipare a “Corri la Vita” in quanto corri e non ciondola, mentre Richards pur essendo un ‘88 è così straripante da ricordare un ‘66 come l’Arno. Alla fine sarà solo un pari da infilare nel rosario delle domeniche di penitenza, un pari che ancora una volta mostra una squadra dalla forte personalità, che gioca in trasferta come se fosse in casa, ma che ha serie difficoltà ad andare in gol. Per fortuna dimostra anche di avere la forza di reagire al vantaggio di Quagliarella andando a riprendersi almeno quel punto che non fa morale, che non fa classifica, e che alla fine non ti permette nemmeno d’incazzarti per bene. Un punto da prendere come un Aulin per il mal di testa. Siamo una squadra che per adesso piace più alle nonne che ai nipoti, perché sembra seguire certi consigli premurosi e dal sapore antico, anche se ad andare piano non si va tanto sano visto che comunque si rompono tutti, e non si va nemmeno tanto lontano, al massimo si arriva al Bobolino. Certe nonne non sanno che oggi c’è Italo, l’Alta Velocità, la Roma e la Juve. L’Aulin non ci può aiutare perché il mal di testa ci viene a guardare la testa della classifica. Lontana come Scandicci prima della tramvia. Una squadra dai foschi orizzonti ma da un nitido sviluppo orizzontale della manovra, l’unico che va dritto in verticale è Diegone Della Valle quando attacca Renzi. Montella ha più alibi di Amanda Nox, ma la Fiorentina ha comunque una caratura tecnica superiore a Genoa, Sassuolo e Torino, alibi che non giustificano tre pareggi che non fanno sangue, e che ci collocano nei paraggi di buche e poggi. “Sarà presto”, come diceva quello che non riusciva a vendere le camiciole di lana sulla spiaggia. Speriamo allora che rinfreschi presto sul mare di problemi che sembrano frenare la squadra. Colpisce la lentezza di Badelj superiore anche all’avanzare della fila fuori dagli Uffizi, e colpisce anche Borja Valero, fuori fase come se gli mancasse il Polase. Se con la riforma del lavoro Renzi ci permetterà di licenziare con un semplice tweet, speriamo che con la riforma del calcio, Tavecchio ci consenta di mandare in gol Gomez e Rossi con una semplice mail. Intanto Montella assediato dalle critiche si è comprato una stampante 3D per fabbricarsi l’alibi nel caso si rompa anche il pullman della squadra. A Firenze circola voce che subito dopo aver sponsorizzato Di Francesco, a Bucchioni si sia posato in faccia un camaleonte diventando subito marrone. Spero mi si voglia riconoscere che lo striscione scritto l’altro giorno a favore di Bernardeschi e Babacar venga considerato uno schema. Un’efficacia espressiva la mia, che per questa squadra equivale a trovare un Gronchi rosa. Non vorrei passare però per un cafone visto che ho scritto parole di affetto solo per la nostra BB, e non ho fatto gli auguri all’unica vera BB, i suoi anni non si dicono, ma è sicuramente un risultato migliore del pareggio a Torino, diciamo che per un gol come quello suo ci vogliono due Bernardeschi e due Babacar.

PS: oggi la Riblogghita è su Radio Toscana  "Ape Gaia" dalle 14:00 alle 15:00


88 commenti:

  1. Giorno. Non ho visto il match, posso solo commentare i vostri commenti. Stanno varando i nuovi treni di alta velocità, ma il nostro gioco prosegue a ritmi di tradotta. Lode a Baba che leggo si è confermato al pari di Mati, che indico da almeno un anno il miglior tenore. Quindi la formazione prende forma pian pianino:
    Neto, Kurtic, Baba, Mati e altri sette (sempre che uno non sia Ilicic)
    Oggi non posso dir nulla su Monty, se non che spesso è meglio stia zitto. L'accenno ai genitori del Berna è un delirio, se detto pubblicamente.

    RispondiElimina
  2. Solito dominio della partita e solito possesso palla che crea poche occasioni da gol a causa del gioco lento, anche se meno lento della partita contro il Sassuolo.
    1 - Molto bene Babacar, l'unico che tagliava in mezzo e dettava il passaggio, un gol se l'è mangiato, un altro quasi, ma non si è depresso, ha continuato il suo gioco e il suo movimento e alla fine ha segnato.
    2 - Mati fantastico, anche se è calato alla distanza; nel primo tempo, visto che Badelj si nascondeva, era lui il regista della squadra, poi ha giocato a tutto campo.
    3 - Il Berna ha fatto in un minuto quello che Ilicic non ha fatto in un'intera partita.
    4 - Su Ilicic va fatta una qualche valutazione, lui non è certo il fenomeno dipinto dal Gat, ma è comunque un buon giocatore, non capisco perché si sia ridotto un ectoplasma che vaga nella trequarti avversaria senza trovare lo spunto giusto; per adesso è persino peggio dell'anno scorso. Una volta si è liberato bene al tiro, Babacar gli ha portato via gli avversari e lui (Ilicic) si è trovato al limite dell'area il pallone sul sinistro, senza avversari davanti se non il portiere, la porta spalancata, ma ha ciabattato incredibilmente fuori. Sarà un problema psicologico (ma quanti cazzo ne abbiamo con problemi psicologici?), ma comincio a dubitare che sia recuperabile.

    RispondiElimina
  3. 5 - Richards mi è piaciuto, forte fisicamente, veloce e con grande personalità, detta il passaggio sulla destra in attacco e copre bene - salvo qualche sbavatura da correggere - in difesa. Di testa le prende lui. Mi sembra decisamente migliore sia di Tomovic che di Roncaglia.
    6 - Borja Valero è fuori forma, inutile girarci intorno, attualmente a centrocampo peggio di lui c'è solo Badelj (vabbé, non considero Lazzari...), il quale però almeno ha la scusante di essere appena arrivato nel campionato italiano.

    RispondiElimina
  4. Non posso che condividere Anto, ah ah.
    Riguardo Mati, lo scorso anno, quando era di moda ricercare un vice Pek, io dicevo che non ce n'era bisogno perché già in nazionale cilena faceva meglio in quel ruolo e non solo.
    Spero che adesso lo si utilizzi come titolare inamovibile, e Pek in EL, visto che il primo è incredibilmente fuori lista.

    RispondiElimina
  5. Contro l'Inter il centrocampo penso debba essere il migliore possibile attualmente, ossia Kurtic- Aquilani-Mati (oppure Aquilani-Pizarro-Mati, più offensivo).
    Contro la Dinamo possono giocare benissimo Badelj (che si deve integrare con i compagni) e Borja (che deve entrare in forma).

    RispondiElimina
  6. Io vengo spesso tacciato per quello che vede il bicchiere mezzo pieno ma vedo che é una delle nostre specialità assolvere alcuni, esaltare altri, stupirsi per determinati soggetti calcistici.
    Abbiamo giocato contro Genoa e Sassuolo (lotteranno per non retrocedere, visto la penosa prova del grifone anche ieri...Gasperini sembra un cacciatore cieco) e il Torosauro (Quaglia- Amauri, assente quest'ultimo), quindi anche per giudicare quelli piaciuti (Richards) bisognerà vedere nel proseguio; calendario perfetto, mi sembra, visti gli arrivi di Inter e Lazio: vivere o morire.
    Ragazzi, il Torino "delle fasce" di Ventura, il Torino del gioco arioso ieri per buona parte della gara ha avuto lo stesso atteggiamento delle due squade affrontate in precedenza e non capisco chi ha affermato che "...il vantaggio granata é meritato...".
    Kurtic é l'unico che ha detto e fatto secondo le consegne ("Il mister ha chiesto di tirare di più da fuori"), Ilicic ha abbattuto un charter, Mati tiro strozzato come una donna che non smette di parlare e devi far qualcosa...
    Zeman ha abbattuto il fienile travestito da castello di Mazzarri, a me della EL frega nulla (impossibile vincerla, a meno che non resuscitino tutti i titolari e siano freschi e allegri), e domenica deve schierare la migliore formazione, affanculo la trasferta di coppa!
    Unica paura mia: che la squadra si assesti troppo dietro, tanto da venire definita "la mina vagante".

    RispondiElimina
  7. Lele, comunque ieri ho avuto sensazioni migliori rispetto alla gara contro il Sassuolo. Come ho già detto, nella partita con gli emiliani ho avuto l'impressione che non avremmo mai segnato (pur avendo colpito due pali), ieri invece si capiva che un gol lo potevamo fare, forse perché il Baba ha giocato meglio, forse perché il Torino sembrava maggiormente perforabile visto che si chiudeva meno (infatti si è reso più volte pericoloso, mentre il Sassuolo mai ha varcato la nostra metà campo).
    Ieri Montella ha messo un campo una formazione quasi obbligata e ha azzeccato i cambi (che erano anche loro quasi obbligati). Si capiva che avremmo pareggiato quando ha tolto Richards (ottimo, comunque) per Bernardeschi: sono quelle mosse che - anche psicologicamente - fanno capire alla squadra che deve attaccare seriamente. Insomma, anche se Ilicic dormiva e Richards giocava bene, è stato decisivo togliere il difensore e non il trequartista per far entrare Berna. Da questo punto di vista, Montella ha capito l'errore di Roma.

    RispondiElimina
  8. Su Mati mi prendo qualche merito anche io, sempre difeso fin dal primo anno. In compenso mi sa che devo far ammenda su Ilicic

    RispondiElimina
  9. Sopra, il Sassuolo contro di noi non ha praticamente varcato la metà campo, il Genoa ha fatto un tiro con rovesciata volante di Pinilla all'88', mentre il Toro ieri ha creato diverse azioni da gol, non mi sembra abbia giocato allo stesso modo.

    RispondiElimina
  10. Io avrei tolto Pasqual senza cambiar niente al tuo discorso. Richards, a meno che non fosse fuso, dava peso e sostanza su quella fascia.

    RispondiElimina
  11. Se mette Pasqual contro l'Inter andrò in un bacaro alle 20,45 di domenica, ad ubriacarmi.

    RispondiElimina
  12. Mati è in forma e gioca bene, ma per me continua a non avere nulla a che fare con Pizarro che è abituato a stare molto più dietro. Uno che ama partire sempre in dribbling non può essere un regista.

    RispondiElimina
  13. Sì, ma dalla sua parte (la destra) poteva scalare Kurtic, mentre dalla parte di Pasqual si sarebbe creato il vuoto (e non dirmi che il vuoto c'era già ehehehehehe).

    RispondiElimina
  14. Il Torino ha avuto almeno tre occasioni da goal nitide, il goal, quel diagonale di Quagliarella salvato da Neto nel primo tempo e l'errore di Darmien. Noi forse una di più, le tre di Babacar e quella di Ilicic. Insomma niente a che vedere con Genoa e Sassuolo che hanno avuto un'occasione in due contro una quindicina nostre.

    RispondiElimina
  15. Passavi a una difesa a tre con Richards, Gonzalo e Savic, che, magari il brasiliano lo teneva meglio di Pasqual. poi se devi dare un segnale di attaccare e metti un attaccante per un difensore un po' ti devi scoprire per forza.

    RispondiElimina
  16. Pensiamo positivo,think big.Avendo capacità che voi comuni mortali non avete,venerdì scrissi:"Neto in forma strepitosa(anche se col Sassuolo potevo andarci pure io in porta,non cambiava niente).Difesa ermetica.Attacco sterile?No problem,la legge dei grandi numeri ci dice che domenica segnamo.Il punto sarà se ne basterà uno solo...Esordio di Richards dal primo minuto(pare).Per non uscire più(sperem).Baba che forse potrà giocare come più gli aggrada,lanciato negli spazi(che a questo giro dovrebbero esserci)".Fatta questa auto celebrazione in puro stile svizzero,tornando a parlare seriamente,ieri ho visto cose che non vanno ed alcune che danno speranza.Le cose che non vanno sono riconducibili ad una mancanza di velocità e di cattiveria agonistica;giochiamo lenti,senza cambio passo.Ilicic è talmente brutto che peggio di così non potrà fare.Dov'è finito il giocatore visto a Palermo?Indicativa la ciabattata a specchio libero,con tutto il tempo di tirare decentemente.Inguardabile.Montella deve stare più calmo,non si può assistere a quelle sclerate(non nei toni,ma nei contenuti) nel dopo partita.Nervoso?badelj da rivedere,perchè lento ed impacciato.le cose positive:Neto su tutti(grande parata su Quaglia,incolpevole sul gol).Richards,una iena.Considerando che era la prima da titolare i margini di miglioramento sono ipoteticamente enormi.B2,finalmente!Adesso attendiamo Marin,dopo la sosta sarà il nostro trampolino.

    RispondiElimina
  17. Andando fuori tema..Ieri ho visto il derby della lanterna.Ma Okaka era così forte?E soprattuttto era così "grosso"?ha fatto reparto da solo;non riuscivano a tenerlo,fisicamente una roba impressionante.

    RispondiElimina
  18. Sì, difesa a tre, ma a sinistra chi mettevi?

    RispondiElimina
  19. Viene da un (ennesimo) infortunio, prima di considerare Marin abile e arruolato aspetterei un pochetto... ha tempo a tornare Gomez, intanto

    RispondiElimina
  20. ma non gioca Diaz in quel ruolo nel Cile, con Mati invece a fare il 10?

    RispondiElimina
  21. amici romanisti mi dicono che grosso lo è sempre stato, ma tecnicamente non c'era proprio... Ma di grandi promesse che deludono in una "grande" per poi trovare la propria dimensione altrove, è piena la storia del calcio...

    RispondiElimina
  22. concordo. i più in forma in mezzo sono aquilani-mati-kurtic, ma in mezzo metterei l'italiano (o al massimo lo sloveno), non mati (che comunque deve giocare assolutamente)

    RispondiElimina
  23. Okaka era considerato una grande promessa, ma aveva qualche imbarazzo nel coordinare fisico e pallone, diciamo...Oggi non ha risolto del tutto, ma fa impressione, si porta via i marcatori attaccati alla maglia come fossero fuscelli, è anche difficile anticiparlo perché devi fare il giro dell'isolato.

    RispondiElimina
  24. comunque ieri abbiamo riprovato il rombo a centrocampo per la prima volta da Roma (Badelj/Pek dietro, Kurtic a destra, Valero/Aquilani a sinistra, Mati davanti), e tutto sommato ha funzionato. Il punto è se la conferma c'è posto solo 2 attaccanti davanti (Cuadrado e Babacar), mentre se vuole far giocare Berna come ieri sera bisogna tornare a 3 in mezzo. Il punto è che finché abbiamo 3 attaccanti sani in tutto, dubito che Montella li vorrà mettere tutti e tre insieme dall'inizio...

    RispondiElimina
  25. adesso c'è da tapparsi il naso per una settimana, poi dopo la sosta dovremmo avere tutti a disposizione, fuorché rossi. anche marin, probabilmente sarà a posto, seppur da inserire gradualmente. ergo per cui:
    - la sfibrante trasferta di minsk la snobberei (seppur tenga moltissimo alla coppa): abbiamo le riserve per fare bene e comunque abbiamo tutto anche per recuperare un passo falso; mentre con l'inter non possiamo sbagliare, bisogna tenere il passo fino alla sosta e poi comincerà il recupero;
    - in bielorussia 4-3-1-2: tata - richards (zanon) - tomovic - basanta (che spero di vedere presto anche in campionato) - pasqual; badelj - pek (kurtic) - lazzari - borja; berna (ilicic) - gondo. quelli tra parentesi sono i cambi, per far riposare i giocatori probabili titolari con l'inter.
    - domenica prossima 3-5-2: neto - richards - gonzalo - savic; cuadrado - aquilani - pek (kurtic) - mati - vargas; berna (ilicic) - babacar. se non dovesse recuperare vargas, 4-3-2-1 con alonso sulla sinistra, i tre tenori e cuadrado e berna dietro babacar. anche se ho un po' paura nel lasciare pizarro in queste condizioni in mezzo ai cagnacci dell'inter, onestamente, per cui si potrebbe mettere aquilani davanti la difesa e mati e borja (se sta in piedi, sennò kurtic) ai lati.

    hold on per l'ultima settimana poi sono convinto che ci divertiremo e non avremo più questi musi lunghi.

    RispondiElimina
  26. mah, io normalmente sono ottimista ma quell'anticalcio di Mazzarri col suo catenaccio vergognoso ci mette sempre in difficoltà. Certo, vincere contro di loro sarebbe un'iniezione di fiducia non da poco, in vista del ritorno di Gomez e Marin. Ma è davvero dura. Speriamo che Icardi non si riprenda in tempo e che noi riusciamo a farne almeno due, dato che il gol di Osvaldo lo possiamo già scrivere sul tabellino oggi...

    RispondiElimina
  27. La lotta più appassionante sino a maggio 2015 sarà per il terzo posto, poi la lotta per lo scudo e per ultima la lotta per non retrocedere.
    Per la prima siamo fuori, per la terza siamo fuori (??! Eh eh eh eh eh...), praticamente le altre (Roma e Juve) determinano l'obiettivo viola.
    Non siamo in grado di avere autodeterminazione, siamo lo specchio dell'Italia.
    Capitolo Minsk: lo fanno apposta! Partenza da Venezia con il Trans-Europa Express (che non é il treno di chi cambia sesso), divagazioni tra Caucaso, tundra, Gobi (non gli strisciati...) e mar Morto (che prende il nome da Ilicic) sino a Novosibirsk e poi tornare indietro; nel frattempo annunciare stazioni impreviste o sconosciute e far scendere (come per i cani in autostrada) nell'ordine: Ilicic, Badelj, Yakovenko (conosce la lingua, può essere utile al branco) e Lazzari....Anche se quest'ultimo non ha colpe. Quindi ripartire di corsa...
    Alternativa: far giocare a Minsk: Tatarusanu- Tomovic- Pasqual*- Badelj*- Hegazy- Basanta- Yakovenko*- Lazzari*- El Hamdaoui*- Ilicic*- Gondo.

    (*gli inutili sino ad ora).

    RispondiElimina
  28. complimenti per la formazione enunciata in stile vintage, con il 4, il 7 e l'8 al loro posto... Sei proprio un nostalgico.

    RispondiElimina
  29. Mi è sfuggito, cos'ha detto Montella dei genitori di Bernardeschi?

    RispondiElimina
  30. Non ha detto direttamente ai genitori di Berna,ha fatto un discorso generico(anche se era in risposta ad una domanda su Berna,quindi facilmente riconducibile a lui).Il succo è che alle volte non sono i giocatori giovani che si montano la testa e pensano di essere arrivati,ma il "contorno",genitori,amici,procuratori etcetc

    RispondiElimina
  31. "Bernardeschi? Ha grande potenzialità, ma non vorrei che ricevesse
    complimenti esagerati per quello che ha fatto. Non deve avere fretta e
    non si deve montare la testa. Mi appello anche a chi gli sta intorno ed
    ai familiari, che tante volte hanno più fretta dei giocatori giovani."

    RispondiElimina
  32. Beh se è così non mi sembra fatta troppo fuori dal vaso...Se l'entourage di Bernardeschi [procuratore, famiglia...] si è montato la testa e fa pressioni, può anche dargli una strigliata pubblicamente, magari la capiscono meglio.

    RispondiElimina
  33. ma infatti ha pare la classica tempesta in un bicchier d'acqua. È chiaro che qualsiasi cosa dica Montella, ormai, è un'occasione per dargli in testa, e non essendoci questa settimana nulla da imputargli sulla partita, ci si attacca a quello che ha detto fuori. Non mi scandalizzo, e credo non lo faccia neanche lui: il mestiere di un allenatore è questo, e che il tecnico di una grande squadra, con 6 punti in 5 partite, sia sotto pressione è cosa assolutamente normale e giusta. Sta a lui rispondere correttamente a questa pressione.
    Che Bernadeschi abbia fretta di giocare lo sappiamo tutti, del resto fino all'infortunio di Rossi continuava a chiedere, anche pubblicamente, di essere mandato in prestito per potersi mettere in mostra. Normale che un ragazzo di talento pensi alla sua carriera, altrettanto normale che l'allenatore della Fiorentina pensi invece al bene della Fiorentina.

    RispondiElimina
  34. Ljuka se tu trovi un'insicurezza in Neto nel goal tu sei peggio del Colonnello. Tiro da cinque metri, rasoterra, perfido che sbuca in mezzo a sei gambe di allocchi, loro sì, Il portiere è più innocente della vergine dei boschi. Per il resto, è vero, di grandi parate ne ha fatte una sola, ma non ha sbagliato nulla (un rinvio di piede sì, vedi che vedo) dando sempre impressione di grande sicurezza incluse un paio di uscite in mischia che molti gli imputano non essere il suo forte. 6,5 - 7 abbondante.

    RispondiElimina
  35. Ah, qualcuno telefoni a Tohir e gli spieghi un paio di cose, tipo ad esempio che è inutile comprarsi una succursale in Sardegna se poi ci si dimentica di riscuotere i puntuali 6 punti all'anno (che invece Livorno e Chievo non dimenticano mai di recapitare)...

    RispondiElimina
  36. Questa volta concordo con Jordan.Un grande portiere si vede quando fa un intervento decisivo sull'unico tiro in porta(vedi quello su quaglia),non come Perin che riceve 65 tiri in porta a partita.Sul gol è incolpevole.Se parava anche quella era da oscar.Quaglia l'ha messa in un punto per lui irrangiungibile,tra l'altro con tiro partito tra 4 gambe.Se fa errori non mi tiro certo indietro,ma ultimamente mi pare inattaccabile

    RispondiElimina
  37. Sapevo che saresti arrivato, Jordan, Ti spiego (e non pretendo di aver ragione, mai fatto il portiere): secondo me l'errore sta nell'andarci di mano, su quel tiro. Tempo ce n'era poco, per arrivare alla palla, rasoterra, ma non così angolata. Se ci va di piede, arriva prima e la prende. Frazioni di secondo, scelta sbagliata. Capita. L'errore, se c'è (per me c'è, claro), resta veniale. E resta anche il fatto che sia stato uno dei migliori ( o dei meno peggio, se vogliamo).

    RispondiElimina
  38. L'Okaka romanista non era tanto grosso, ma era un ragazzino. E' così già da un paio di anni, direi. Rimasi impressionato quando lo rividi (Spezia, se non sbaglio). Innegabile però che ci abbiano lavorato parecchio, sui suoi muscoli. Se lo hanno gonfiato troppo, lo dirà la sua carriera.

    RispondiElimina
  39. ... l'importante è non esagerare e non dare la colpa a Montella anche per Ilicic... Questo è un bidone, punto.

    RispondiElimina
  40. Qualche annotazione:

    Neto completamente incolpevole sul gol, nell'occasione puppano in prima battuta Gonzalo, in seconda Pasqual che era dove non doveva essere e fa la solita figura difensiva

    Sulle dichiarazioni di Montella: legittime, giuste, veritiere, sacrosante, punto.

    Sul breve periodo: far riposare i più importanti in vista di domenica, nel gironcino abbiamo già tre punti e la prima svolta stagionale è quella di domenica con l'Inter...

    Sul medio lungo periodo: se non recuperiamo alcuni titolari siamo peggio di Milan e Inter, inutile illudersi, una formazione come quella di ieri non può competere per un terzo posto in un campionato mediocre quanto volete, ma pur sempre impegnativo.

    Questa è la realtà, Montella si può criticare (io per primo l'ho fatto non più tardi di mercoledì u.s.) ma oggettivamente ridotti in questo stato siamo la peggio delle pretendenti alla champions...

    RispondiElimina
  41. Di piede non credo ci possa arrivare e la reazione è d'istinto e di tempo, coperto com'era, ce n'era davvero poco. Di piede aveva salvato con l'Atalanta, ma era più da lontano e con visuale aperta. Comunque se si discute il portiere su quei gol diciamo che ogni goal che passa può essere imputato al portiere perchè è l'ultimo e quello che si becca le cazzate di tutti.

    RispondiElimina
  42. Sì, ma Yako e Mounir nella lista Uefa non ci sono. Lazzari invece è presente, e anch'io lo farei giocare a Minsk.

    RispondiElimina
  43. Yeees! Aggiungo a punti di LOUIS:

    - Neto non va più discusso, personalmente non tremo più con lui...

    - Dichiarazioni di Montella in stile Mazzone. Non volevamo allenatori umani e educatore?

    - riposare più titolari possibili di domenica si, lasciare (come detto) alcuni giocatori in Russia o zone limitrofi...

    - Noi possiamo solo migliorare, qui non condivido il discorso sulle milanesi- LOUIS, poiché noi ancora non abbiamo mostrato nulla del potenziale, mentre io ritengo che Milan e Inter siano queste, cioè già hanno mostrato i loro pregi, ora arriveranno i difetti (dall'1-4 di San Siro ai due mediocri pareggi a Cesena ed Empoli).

    - Montella ha colpe e attenuanti (non solo generiche), eventualmente sarà condannato per omicidio colposo....o col peso (delle defezioni!)?

    RispondiElimina
  44. Comincia la trasmissione di Gaia. Attenti che dopo v'interrogo.

    RispondiElimina
  45. nemmeno hegazy c'è

    RispondiElimina
  46. Sopra, quando dico che, attualmente, siamo peggio delle milanesi mi riferisco solo ad una valutazione degli "uomini" abili arruolabili dal mister. Ci manca tutto l'attacco titolare e a centrocampo quelli buoni (escluso Mati ed il nuovo arrivato Kurtic) son tutti mezzi e mezzi... Chiaro che quando (speriamo presto) rientrano i pezzi da novanta me la gioco con tutti, due davanti escluse...

    p.s. Neto va fatto rinnovare veloce, lo ribadisco...

    RispondiElimina
  47. Continua il momento difficile e da qualsiasi prospettiva la si guardi,attualmente la Fiorentina,intesa come giocatori e società,sembra offrirsi come un terreno fertile a giudizi prevalentemente calamitosi.Faticoso fare i conti con la Fede,quando sembra che questa ti volti le spalle.Difficile difendere ancora un Ilicic imbarazzante che si prospettava avesse solo problemi di inserimento,salvo poi appurare che non può più essere questo il motivo(tecnica indiscutibile,ma inutile alla nostra causa).Complicato prendere atto che la formazione iniziale regali o favorisca sempre qualcosa all'avversario,moduli a parte,salvo poi aggiustare sempre tutto con un Aquilani(misteriosamente in panca) o Pizarro,ieri Berna,domani chissà...Enigmatico dare una spiegazione sulla incrinatura estiva avvenuta tra Montella e ADV,che ha comportato un mercato incerto fino alla fine,un prolungamento annuale nel rinnovo di Pradè che genera ulteriori dubbi sulla programmazione e continuazione di un'onda positiva che avevamo cavalcato con l'avvento di Vincenzino.Arduo accettare che i nuovi arrivati non siano in nessuno dei casi al meglio delle loro condizioni,che ci siano infortuni a ripetizione che richiamano a sospetti,da materie astrologiche,a dubbi sulla preparazione psico-fisica dal team di selezionati nei settori dal Mister.Insomma ci sono molti aspetti che sembrano dar conforto alle nubi nere tempestose,ma la Fede mi induce a guardare ancora ottimisticamente questo travagliato momento.Dall'ingresso di Aquilani che ha messo quella determinazione necessaria,confortando inoltre un indomito Mati F.,fino al raggio di sole dell'azione gol Berna-Baba,in cui ho intravisto sprazzi di futuro Made in Florence,che spero abbia un seguito,per il nostro bene.Per il resto,sulla partita è stato sviscerato quasi tutto,dai soliti errori difensivi(quasi imbarazzanti Pasqual-ed un fin lì sufficiente Gonzalo,sull'azione del gol Granata)Richards buona e confortante prova fino ai due contropiedi granata del finale primo tempo,Kurtic non male,Badelj anonimo,Valero a sprazzi nel primo tempo,poi il recente(forza Borja,ritorna quello del primo anno,bravo todocampista non Iniesta)Baba bella prestazione da vero9 non killer,ma corre,lotta,torna,fa reparto,entra in area in verticale,segna un gol su tre,il ragazzo si farà,o preferivate Matos/Matri?Mati moto perpetuo,Neto,tra sicurezza e garanzia c'è ancora da fare,ma l'ombra di Tata mi tranquillizza;speriamo l'ombra di Gomez ci restituisca SuperMario quello vero,quella di Cuadrado lasci libero JGC11 e che in ultimo le nubi tempestose abbandonino la testa di un Montella palesemente a disagio(chissà che non aleggi anche per lui l'ombra di una pelata,che vaga libera tra Certaldo e l'Europa,saluto l'amico Z.V).Una bella giornata di sole e due passi all'aperto farebbero bene forse a tutto l'ambiente,compresa una bella boccata fresca,che non diventi gelida come il clima che ci attende a Minsk...

    RispondiElimina
  48. Grande Effe, bellissimo post, as usual...

    RispondiElimina
  49. http://www.violanews.com/calciomercato/pato-vuole-litalia-sara-proposto-alla-fiorentina-20140929/

    RispondiElimina
  50. ma ce l'ha, una figlia bona, ADV?

    RispondiElimina
  51. E bravo Pollock, che si becca 'sto bacio radiofonico eheheheh.
    Gran pezzo, pure meglio del primo. Comunque, Gaia, con quella voce può leggere anche i risultati delle analisi, sarebbe sempre un bel sentire.

    RispondiElimina
  52. Mi sembra che non si sia più rotto da quand'è in Brasile, va bene il clima e i ritmi più bassi, ma probabilmente ha ragione lui quando incolpa milan Lab. Ci saprà dire Jordan in che condizioni è, certo nei suoi cenci o anche al 70% sarebbe un rinforzo formidabile, uno che sposta parecchio il piatto della bilancia.

    RispondiElimina
  53. Sarebbe un'altra scommessa su un giocatore che ha avuto parecchi infortuni, tipo Rossi o Marin. Certo che, se Pato fosse fisicamente abbastanza a posto sarebbe un colpo fantastico, del livello di Pepito Rossi.

    RispondiElimina
  54. Ahahahahahaha, mi sa che è quella che l'ha rovinato, comunque, oltre a Milan Lab ahahahaha anche il Milan Lap ahahahaha

    RispondiElimina
  55. Cambiato il rating di Ilicic: da A- a BB+, in pratica da "intelligente è portato ma non si applica" a "si applica ma é deficiente".
    Eppoi lui rende difficile anche la vita a mio zio, che ha un amico non-udente!!
    Esistono bestemmie per i non udenti??!?

    RispondiElimina
  56. DEYNA, ANTO, ancora uno che "se fosse nei suoi cenci?" O "un'altra scommessa"?...Bastaaaaaaaaaa! No a Pato. Di bisillabo basta Neto.

    RispondiElimina
  57. Sì, ma inverti le sillabe...

    RispondiElimina
  58. C'hai la fissa!! Gaia, perdonali....so' regazzini....

    RispondiElimina
  59. Pato al 100% è molto più forte di Pepito Rossi al 100%, non son nemmeno paragonabili...E' che sono anni che non lo si vede più a quei livelli, pur essendo ancora un 25enne...

    RispondiElimina
  60. So che se lo rimpallano tra Corinthians, propietario del cartellino, e S.Paulo a causa dell'ingaggio alto che crea casini con gli altri. Fisicamente sta bene, quegli infortuni muscolari che aveva grazie al Milan lab sembrano superati bisogna vedere se hanno lasciato strascichi. In campo non va male ma è in perenne contrasto con la tifoseria che da lui vorrebbe la luna. Credo che a noi farebbe un sacco di comodo ma non so di quanto si contenti come ingaggio. E' giovane, è un '89, di tempo per rirpendersi ne avrebbe e non ha certo avuto gli infortuni di Pepito. L'anagramma che suggerisce Anto è challenging.

    RispondiElimina
  61. http://www.fiorentina.it/it/news/articolo.37.18123/giovanni-galli-neto-oggi-e-il-portiere-piu-forte-del-campionato-italiano.html

    RispondiElimina
  62. Segnare vedo che segna - anche al Flu, impattando temporaneamente il gol di Fred - ma lo spunto c'è sempre? Nella Fiorentina ci starebbe a meraviglia, per l'ingaggio non so proprio a quanto potrebbe scendere...

    RispondiElimina
  63. Spiegalo al Colonnello, che gli ha dato 5,5 (???) per la partita di ieri, sostenendo che il gol subito è 8anche) colpa sua.

    RispondiElimina
  64. Il Colonnello è chiaramente malato, è arrivato ai livelli di Armando Impruneta sull'argomento.

    RispondiElimina
  65. Ha gli stessi procuratori di Fernando, magari si prendono tutti e due a gennaio (in prestito perchè grana un ci s'ha) e ci fanno lo sconto comitive.

    RispondiElimina
  66. La Gaia ha fatto dimenticare un po' il calciomercato ma io, instancabile come Corvino, continuo a lavorare sottotraccia: è partito l'invito a Buster, ottimo conoscitore di calcio...

    RispondiElimina
  67. Buster è sempre stato uno dei miei preferiti, ricordo di averlo invitato personalmente subito dopo la nascita del blog utilizzando il suo profilo su Fi.it. Anche se non sono convinto che lo legga.

    RispondiElimina
  68. Pato in prestito a gennaio vorrebbe semplicemente dire che Pepito non c'è più. No grazie.

    RispondiElimina
  69. Pepito non ci sarà comunque...Dopo un'operazione come la sua dicono che i tempi siano di 4-5 mesi, per lui data la situazione mettiamone uno in più, e fanno sei. Rientrerebbe in campo i primi di marzo, metti un mese per trovare una condizione decente, e siamo ai primi d'aprile, a stagione ormai già quasi decisa. E' chiaro che a gennaio si dovrà muovere qualcosa, sempre sperando che Gomez non abbia nuovi intoppi.

    RispondiElimina
  70. ora bestemmi, Deyna...

    RispondiElimina
  71. Finale di tempo col Palermo vicino al gol coi due argentini: grande azione personale del Mudo Vasquez conclusa sul palo esterno, poi occasione per Dybala, che sbilanciato tiene palla e tira addosso a Marchetti in uscita. Ecco, gol della Lazio.

    RispondiElimina
  72. Pato era destinato a diventare uno dei più forti al mondo, e già faceva la differenza in una serie A migliore di quella attuale, a un'età verdissima...Tira con tutti e due i piedi, è veloce e potente, stacca di testa...Rossi non ha mai segnato così, nemmeno alla lontana, ed è meno completo.

    RispondiElimina
  73. Tripletta di Djordjevic.

    RispondiElimina
  74. Nel ricordare che domenica é andato a segno Seferovic, oltre al crack Piazon, nell'Eintracht....

    Mi focalizzerei su una cosa lampante, oggettiva, liquida, chiara: questo Palermo ha bisogno di Ilicic.

    RispondiElimina
  75. Considerazioni sparse.
    Anche per me Pizarro non è più imprescindibile, da almeno un anno.
    Neanch'io vedo Mati regista.
    Il Pato 17/18enne era di parecchie spanne superiore a tutti, oggi però penso che finirebbe anche lui più nelle mani di Manetti che di Montella, quindi lo lascerei dov'è.
    Oggi non ho potuto seguire Gaia, mi scuso e le propongo una cena disinteressata per farmi perdonare.

    Domande sparse.
    Come si chiama il colonnello pagellaro?
    Contro la Dinamo Minskia, turnover totale (come farà Mazzarri, non rischierà di non avere i migliori contro di noi, gl'importa una sega a lui dell'EL), parziale, o squadra migliore?
    Se qualcuno ha visto la Samp, che gli è sembrato di Soriano?

    RispondiElimina
  76. Solo due cose: Pato è stato grande fino a 21/22 anni...Soriano ieri non mi ha impressionato granché, ma gli ho visto fare belle partite.

    RispondiElimina
  77. Considerazioni giuste, VITA....
    Il Colonnello? Jingle Bells.
    A Minsk Yakovenko, El Hamdaoui, Lazzari, Montolivo, Munari, Ilicic...
    Soriano uno di quelli che sino a 6 o 7 anni fa avrebbe giocato al massimo a La Spezia...
    (Nessuno della Samp appetibile per me. Al limite Gabbiadini...).

    RispondiElimina
  78. Su Pato con me sfondi una porta aperta, ho posto l'accento su quell'età solo per rimarcare quanto fosse fenomeno, forse in diversi non si ricordano di quanto fosse per noi bestia nera in quegli anni.

    RispondiElimina
  79. pato ha recuperato dai fastidi oramai. in un campionato di serie A riuscirebbe a giocare 30 partite, adesso, e la cosa equivarrebbe ad almeno 20 gol. magari.

    RispondiElimina
  80. Io mi ricordo un Fiorentina - Milan, ai tempi di Prandelli, completamente dominata da noi che ci siamo mangiati un sacco di gol (Pazzini?) per poi subire il gol di Pato al novantesimo.

    RispondiElimina
  81. Io mi ricordo un Gamberini costantemente mangiato vivo.

    RispondiElimina
  82. Ricordi tutto alla perfezione (a parte il minuto, mancava più o meno un quarto d'ora alla fine, ma non sposta di una virgola il succo di quanto dici), si inventò un gol per nulla facile alla prima palla che attraversò la nostra area, aveva 18anni ed era arrivato in Italia da pochissimo. Ce ne ha fatti poi degli altri nelle gare successice

    RispondiElimina
  83. Io vorrei una formazione un po' più seria, ma potrebbero andarmi bene anche i nomi che hai fatto, se la strategia fosse quella di portarselì fin la per poi smarrirli

    RispondiElimina
  84. io non voglio portare rogna, ma mi ricordo l'ultima volta che a gennaio arrivò il fenomeno brasiliano in prestito: retrocessione e fallimento...

    RispondiElimina