.

.

sabato 6 settembre 2014

Novità

Vi chiederete quale scusa ho trovato oggi per mettere il nuovo distributore del latte macchiato. Me lo chiedo anche io, ma dentro di me sento l’eco, un rimbombo che non facilita certo l’acustica delle risposte. La Rita sono anni che mi guarda e si fa delle domande. Penso che ne verrà a capo specie dopo che si è fatta intestare la casa. Avevo pensato di fare un riferimento scontato, presentando il distributore come il nuovo modello Fellaini, poi con tutti i “sottocosto” che ci sono in giro mi sono reso conto di non essere troppo concorrenziale. Non così troppo scontato insomma. Lasciamo stare la partita di ieri che non c’è niente da festeggiare, è stata solo la definitiva risoluzione del contratto di sponsorizzazione con la Opel ancora in essere dai tempi di Pontello e Agroppi. Allora non si era riusciti a trovare una data utile, poi anche un po’ per colpa della Mazda che non è mai stata troppo collaborativa ci siamo trascinati fino a ieri, perché una volta cessata quella collaborazione così ostativa si è finalmente riusciti a trovarne una per sponsorizzare il restyling dell’Ascona. E lasciamo stare soprattutto la nuova tegola Rossi, che adesso ha sfondato il tetto di tutte le sfighe. Allora se proprio dobbiamo festeggiare qualcosa, facciamolo per un evento che ne valga veramente la pena, visto che per il Terzo i tempi non sono maturi, insomma non c’è ancora la matematica. Così ci ritroviamo intorno alla nuova macchina del latte macchiato che a differenza delle altre ha una diversa concezione dell’erogazione, in questo modello infatti viene previlegiata proprio l’altezza dell’erogazione tramite una spillatura diretta da quel tipo di augelli che così tanto la caratterizzano. Si, tutti intorno va bene, ma a festeggiare cosa? Ah già è vero! No, perché davanti a certi augelli ho difficoltà a ricordarmi il perché sono davanti a certi augelli. Comunque per farla breve, qualcuno che legge il blog mi ha proposto di farne anche un estratto in versione radio, delle pillole, in una sorta di rubrica sulla Fiorentina/calcio che andrà in diretta tutti i giorni, qualche minuto di Riblogghita, naturalmente con tutti i riferimenti che rimandano al blog. Ci stiamo studiando un po’. Adesso ho volutamente taciuto i particolari tipo il nome della radio toscana, che vi darò non appena, e se riusciremo a confezionare una versione di reciproco gradimento. Infine, potessimo avere oggi un commento di chi solitamente ci spregia, sono convinto che direbbe che ci sono più distributori del latte che utenti nel nostro blog.


106 commenti:

  1. Ora si comincia ad andare su distributori moderni ed appetibili, lascia perdere quei cessi della lucchesia che ci hai propinato finora. Su Pepito non so che dire. probabilmente solo che la medicina, anche a quelli che si spacciano per i più alti livelli, è ancora molto vicina alla stregoneria. Dall'infortunio del boia livornese (d'adozione) si son titillati la minchia per un anno per scoprire che doveva fare un intervento e stare fermo altri sei mesi? Sanno un cazzo loro come funziona: provando e riprovando...Come siamo più ganzi noi ingegneri.

    RispondiElimina
  2. Ora si ricomincia col toto-formazione. vediamo di andare un po' a logica:
    1) portiere. Per me il problema non si pone. Neto e Tata in fila, in panca.
    2) difesa a 4 o a 3? Per la prima non abbiamo, nè abbiam preso degli esterni bassi validi. Tomovic da un lato e Pasqual e Alonso dall'altro son rimediotti. Richards e Basanta, uno destro, l'altro mancino, nascono e sono centrali esterni di difesa a 3, ruolo per il quale abbiamo uno strano affollamento invece.
    3) Si direbbe quindi che bisognerebbe giocare con la difesa a 3 che però implica la presenza di esterni di centrocampo validi e qui abbiamo solo Cuadrado adatto all'uopo. A sinistra si posson metter Pasqual, Vargas, Alonso, ma anche qui siamo al rimediotto non certo al giocatore indiscutibile.
    4) centrocampo a 3. Qui non ci sono problemi. Con l'immissione di Badelj abbiamo un vice di tutti e tre i tenori molto valido, e con quella di Kurtic un aumento delle capacità nella fase di recupero palla. Fernando sarebbe stato meglio, però anche lo sloveno non è da buttar via.
    5) attacco. trequartisti in abbondanza: Ilicic, Marin, Bernardeschi, mentre davanti, se si va sulle due punte, ci sono solo Gomez e Babacar, visto che Pepito si rivedrà (speriamo) a primavera. Quando uno dei due avrà il raffreddore sarà promosso punta uno dei trequartisti o sarà riesumato il marocchino matto. Se Gomez torna Gomez può bastare anche così, se no saran cazzi amari a meno di sperare in Babacar a quote modenesi il che mi sembra un sogno.
    Insomma 3-5-2:
    Neto; Richards, Gonzalo, Savic (Basanta); Cuadrado, Aquilani, (Badelj, Mati) Pizarro (Kurtic, Badelj), B.Valero (Badelj), Vargas (Alonso, Pasqual); Gomez, Babacar
    che può diventare un 3-2-3-1-1
    quando manca una punta, con i due mediani alla brasiliana (Kurtic e Pizarro o Kurtic e Badelj o chi volete tra i tre più Aquilani) i tre centrocampisti a tutto campo (incluse le fasce) (Cuadrado, Aquilani, Borja Valero, con inserimento di Mati per dar fiato) e Marin o Ilicic o Bernardeschi dietro l'unica punta ed a sostegno di quella. Il tutto condito col sale Simeoniano o Contiano perchè se no si va, comunque, poco lontano.

    RispondiElimina
  3. Attenzione Poeta, da quell'erogatore di raw milk temo possano sortire bisfenolo A, silicone e altri inquinanti/tossici, qui c'arrestan tutti!
    Jordan, leggendo un po' le cronache di Rossi in questi giorni mi son venuti dei dubbi riguardo l'operazione che avrebbe dovuto fare a gennaio...a cosa? Il ginocchio ci dicono che è stabile, e il menisco sembra essersi incrinato quest'estate...A meno che anche il collaterale non necessitasse di una sistemazione. Ma chissà poi se ce la dicono tutta. Di sicuro è stata sbagliata alla grande la gestione, tra Fiorentina e nazionale. Formazione: credo sarebbe utile partire con Neto; Savic [Richards], Rodriguez, Basanta [Savic]; Cuadrado, Badelj [Aquilani], Pizarro [Badelj], Borja Valero, Alonso [Vargas]; Gomez, Babacar. Se poi ci fossero problemi di coesistenza tra le due punte, Inserire Marin, con Ilicic e Bernardeschi in alternativa...Anche perché Marin chissà quando sarà pronto.

    RispondiElimina
  4. Comunque la rigirate la formazione 'ideale' è sempre quella, almeno in partenza: DUE PUNTE, la Vespa, tre centrocampisti, quattro difensori di cui due sono centrali e gli altri due possono a turno giocare più laterali o più accentrati (di solito quello di sinistra più largo e più avanti, ma all'occorrenza lo steso lavoro lo può fare il destro) anche nel corso della stessa partita.


    Ma, se qui si infonde saggezza calcistica secolare, in panchina siede Masaniello convintosi che sia iniziato il nuovo millennio.

    RispondiElimina
  5. Insomma alla fine falso tridente Gioacchino(Vargas)-Gomez-Cuadrado, allacciate le cinture di sicurezza che avete installato sulle poltrone, alto il rischio di caduta a causa di improvviso attacco catalettico durante le partite della vostra squadra del cuore.

    RispondiElimina
  6. Simpatica la caffelatte...Ha in testa l'albero Foppa Pedretti (che é anche omonimo dell più grande esperto di Leonardo da Vinci in Italia) ma non ha due seni, c'ha du' borracce...Non ha due capezzoli, c'ha du' chiodi.
    Chiodi come quelli che Giuseppe Rossi deve aver messo a Cristo, come si dice dalle mie parti per uno che si attira infortuni o sfighe in continuazione ("Ehi, ma X di nuovo operato alla gambe?"..."Eh si, lui é quello che ha messo i chiodi a Cristo...", concetto che sembra punire qualcuno per un peccato commesso...).
    La cosa più insensata da fare, purtroppo, é pensare di fare affidamento su di lui per il rush finale (che non ci premia da due anni) anzi, credo che Montella avrà già pensato ad impostare una squadra assolutamente senza di lui, per tutto l'anno. Sono troppo negativo? Sono disfattista? Non credo: la sequela di infortuni, ricadute, microtraumi legati alle ginocchia di Pepito iniziano ad essere esponenziali, come le aspettative che avevamo e che potremmo avere con lui a pieno regime; un pieno-regime che c'é stato per mezzo campionato.
    Motivo di vera discussione potrebbe essere il tentare di capire come mai dopo un infortunio come quello patito abbia portato, di fatto, a non disporre di Pepito- se i tempi saranno quelli enunciati- per un anno (da Fiorentina-Livorno a gennaio o febbraio prossimo...i due scampoli di fine campionato non contano nulla).
    Colpa del recupero affrettato? Non doveva giocare a maggio?
    Colpa della gestione "dell'infortunio", dove tra giocatore e società non c'é stata unità d'intenti, nonostante fosse stato condiviso l'Iter di guarigione e riabilitazione?
    Colpa solo della questione Nazionale Italiana?
    Dall'esclusione per il Brasile sino al ritiro pre-campionato, cosa é successo? C'erano scricchiolii?
    Giuseppino ha fatto tutto di testa sua? Tecniche Usa vincenti?
    L'amico di Rossi, Ajeje Brazzo, non si accorgeva di nulla (erano sempre insieme, Mimí e Cocó.
    Ora a Montella la palla, con la capacità che dovrà mostrare per permettere alla società di non tornare a cercare una punta a gennaio, more solito.
    Intanto sembra che Marin non sarà pronto neanche per la partita contro il Genoa, dove ci sarà l'obbligo del risultato pieno, considerando che le due favorite del titolo difficilmente si lasceranno scappare i tre punti.
    Il Terzo? Il terzo recupero di Giuseppe Rossi.

    RispondiElimina
  7. io non credo che vedremo il falso tridente che cita STEFANO. In particolare, non credo che vedremo mai più Vargas in attacco né Joaquín titolare, soluzioni che Montella ha adottato raramente e in emergenza l'anno scorso e mai da aprile in poi. Per il resto, credo che cambi poco: che giochiamo col 3-5-2, col 4-3-1-2 o col 4-3-2-1, stiamo sempre parlando di due punte + Cuadrado, soluzione che tutti auspichiamo da tempo, quindi non vedo grandi dibattiti. Il punto è che senza Rossi la seconda punta sarà per forza di cosa significativamente più debole della prima che sia Baba, Marin, Berna o Ilicic. E non è colpa di Montella, è così e basta.

    RispondiElimina
  8. Il terzo posto se proprio tutto gira per il verso giusto, ma ne dubito. Montella a giugno ebbe a dire, più o meno: "Non ci fosse stato il Mondiale, non avrei fatto rientrare Rossi per il finale di stagione". Chiarissimo come ci siamo subordinati alle volontà del giocatore e della nazionale italiana, con l'ulteriore beffa che ci siamo poi ritrovati il giocatore rotto per aver forzato troppo, e lui non è andato al Mondiale.

    RispondiElimina
  9. Sfogo qui la mia tristezza: con Rossi niente ci era precluso. Senza dobbiamo sperare nell'esplosione di almeno uno tra marin, baba o ilicic. Ma il terzo posto mi sembra oggettivamente difficile.. Speriamo a gennaio di essere ancora in lizza per tutto, magari a quel punto la situazione di pepito sara' piu' chiara e la societa' si comportera' di conseguenza. Ma non chiediamo miracoli a montella..

    RispondiElimina
  10. concordo pienamente, il ridimensionamento degli obiettivi è inevitabile, poi da tifosi ci speriamo sempre, ma perdere il giocatore più forte per la maggior parte della stagione, in particolare per una rosa strutturalmente povera come quella che la nostra dimensione ci impone, non può non fare la differenza.

    RispondiElimina
  11. concordo: e sarebbe una bella formazione, e una volta rientrato marin veramente forte. consideriamo che 14-15 squadre, anche senza rossi, sono più scarse di noi: vincere tutte quelle partite lì, tutte, e gli scontri diretti fare il nostro.
    io ho grande fiducia nei giovani, ilicic si ritrova l'occasione di una carriera (se rossi non si fosse rotto, una volta recuperato marin credo avrebbe giocato pochissimo..), marin è forte, inutile girarci intorno; gomez e cuadrado sono certezze. l'importante è che montella schieri la difesa a 3 e non a 4: e Neto- richards - gonzalo - savic (o basanta che può sostituire tutti questi) è forse la migliore della serie a.

    RispondiElimina
  12. Una vecchia fiamma di POLLOCK ha terminato la gestazione. Scarlett Johansson è diventata mamma! Un parto complicato, poi fortunatamente il ginecologo ha capito cosa fare per aiutarla: smetterla di masturbarsi.

    RispondiElimina
  13. condivido in toto la formazione, e aspettiamo il rientro di marin. anche così, non siamo lontani dal napoli, possiamo farcela. certo, siamo nel mischione, ma ho fiducia

    RispondiElimina
  14. per quanto riguarda il 3-5-2, per me la questione è molto semplice: c'è qualcuno, tra Vargas, Pasqual e Alonso, in grado di fare l'esterno sinistro garantendo in particolare la fase difensiva, dato che già l'esterno destro ha caratteristiche principalmente offensive? Se sì, benissimo, se no, giocare a 4 diventa il male minore.

    RispondiElimina
  15. Esatto, centrato il punto; la società non ha gestito la situazione Rossi. Lui ha fatto quello ch voleva. Io non credo funzioni così nelle società top.

    RispondiElimina
  16. Su Rossi non mi espimo, chi ci capisce qualcosa é bravo e credo c'abbiano capito poco anche in società, purtroppo.
    Col rispetto dovuto, STEFANO, spero che quella fomazione non scenda mai in campo. Joaquin in campo insieme a Cuadrado avrebbe il duplice effetto devastante di spostare il colombiano a sinistra ( cosa avenuta troppo spesso la scorsa stagione) ed aprire voragini, non proteggendo un centrocampo cosi' sfoltito, che poi per DNA filtra nemmeno il thé. La difesa a quattro é dannosa, vuoi per la scarsa attitudine dei nostri, vuoi perché abbasserebbe ancor piu' il nostro baricentro, come a Roma. Con o senza Rossi a mio parere il modulo migliore era e sarà sempre il 352 che si avvale di un Cuadrado in grado di farlo variare talvolta in un attacco a tre punte.

    Lo scorso anno si finiva la voce per una seconda punta che fosse tale, ora che pare Baba sia all'altezza, vuoi lasciarlo fuori?
    (ha visto cosa ha fatto Orban?)

    RispondiElimina
  17. No, la società puo' consigliare ma non imporre decisioni ad un suo professionista tesserato, é sempre e solo lui che decide in ultimo.

    RispondiElimina
  18. Il trecinquedue resta la nostra salvezza, con i tre la dietro a randellare, Badelj davanti a loro, Vargas e Alonso larghi, Valero e Pizarro a fare gioco per Gomez e Babacar. Un trecinquedue animalo, con il croato e cucire le due linee ma soprattutto con Babacar che deve essere a buoni livelli, altrimenti Montella lo toglie e mette un trequartista alla Ilicic
    Ricapitolando: sperare che Basanta si integri e che "a 3" funzioni, sperare che Badelj sia l'archetipo di quel che occorreva a centrocampo e non un surrogato, sperare che Alonso si imponga, sperare di non dover vedere Vargas e Joaquin in usi impropri, sperare che Pek e Valero giochino ad alti libelli, sperare che Babacar sia un po' Pepitesco nelle realizzazioni....Speriamo.

    RispondiElimina
  19. Non il tuo Orban, ah ah, il Presidente dell'Ungheria.

    RispondiElimina
  20. Immagini quel ginecologo? "Per 9 mesi l'ho vista e toccata a Scarlett!!!" avrà urlato......

    RispondiElimina
  21. Orbene, due Orban? (Mortacci, DEYNA, basta nominare un qualcosa di argentino e subito esci dalla tana......! Buono a sapersi....

    RispondiElimina
  22. Rodriguez! Era Belen.....DEYNA.....ah ah ah ah ah...

    RispondiElimina
  23. Oh, ma avete letto? La Riblogghita potrebbe andare in radio. Gliela vogliamo dare almeno una pacca sulle spalle al Poeta?

    RispondiElimina
  24. Che ne dice il nostro argentino di questa notizia:

    http://www.violanews.com/calciomercato/retroscena-di-mercato-dallargentina-la-fiorentina-si-era-mossa-per-romero-20140906/
    ?



    Concordo sul 3-5-2 l'importante poi è vedere Cuadrado dal lato giusto del campo, l'abbaimo valutato 40 milioni, sarebbe meglio eviatare di farlo giocare in ruoli meno congeniali. Io ho fiducia nelle capacità di Montella, come già detto, ma a volte si crede troppo più intelligente degli altri e si inventa soluzioni balzane..

    RispondiElimina
  25. Spolverando....appaiono ricordi...

    RispondiElimina
  26. Tu c'ha ragione, noialtri siamo tutti bestie, dietro a rossi e la zoccola con le puppe della vigorsol alla liquirizia. Bravo bravo, pollock!

    RispondiElimina
  27. Bravi tutti, il blog lo facciamo NOI!!

    RispondiElimina
  28. Io ci metterei di mezzo anche i medici che quando son troppi, come i cuochi, rovinan la cucina. Se uno si deve operare o no lo devon dire loro mica la Fiorentina o il giocatore, e se dicono che può non farlo e poi si va nei casini e deve farlo difficile dare la colpa a Cognigni o a Rossi stesso. Il menisco se lo è rotto dopo? Dubito se no è di lolla davvero.

    RispondiElimina
  29. Dallo scalo internazionale di Foco anche il Grand Armagnac si vuole felicitare:

    "E così e così e così... anche le pulci tossiscono! Signor Pollock, abbia un po' di pudore! Lei sulle onde, e regionali! Ma vada al mare in Versilia, allora, dove la stagione è già di per sé infausta e le stazioni balneari chiedono l'aiuto del governo, lo stato di calamità peggio che se la Fiorentina avesse acquistato Morrone e Gasbarroni, come per anni avevo suggerito ma che dico, intimato! Suvvia, come potrebbe Lei sostenere parte nobile in commedia, quando io, che sono io, e cioè, semplicemente ma solarmente, io, mi arrabatto da quarant'anni, da quando papà mio capì che nulla vale una raccomandazione per sistemare un figlio deficiente, al fine di scrivere un pezzo al mese sui soliti ignoti del blues and soda di passaggio a Bologna la grassa perché hanno forato giusto al casello dell'A1! Stai a vedere che un ignorantello di bassi natali, incomparabili all'ostello marchesale (discendiamo infatti da un marchese fasullo di Matilde di Canossa, che si credeva nei suoi giorni e rimase invece incinta dello stalliere) in cui di veder la luce ebbi la fortuna, la qual certo poi negli anni si merita a non fare un cappero da mane a sera. Lei, povero polloccuzzo, povero tifosuccio di un cappone come Gonzalo, di una bufala incaica come Vargas, di un indio sdozzo come Roncaglia, di un giocattolino inutile come Mati Fernandez, Lei alla radio e io allo specchio dell'armadio e mai allo stadio? Alla specchiera col ciuffo calante mentre Lei usurpa un ruolo solo a me spettante? E mentre io mendico fica su badù Lei con le masse starebbe a tu per tu? Io che millanto soggiorni a Montecarlo e Lei che d'invidia mi fa soffrire il tarlo? Io che mi fingo amico dei Savoia e intanto Lei dei disfattisti, degli antiviola si erige a boia? Io che mi atteggio a critico musicale e Lei che della mia Juve per radio dice ogni male? Io che mi vanto di esser razzista e Lei che mi tratta da esibizionista? Lo dico a Dan, ti faccio chiudere, il tuo blog è morto, sei volgare: il Pulitzer dei poveri è Mio, come il formaggino.

    GRAND ARMAGNAC
    "

    RispondiElimina
  30. Devo dire che non è male...ah ah ah ah

    RispondiElimina
  31. Eran già uscite voci su Romero, è un buon centrocampista: dinamico, tignoso nell'inseguire gli avversari e spezzare il gioco, molto maturo in campo per l'età, senso del gioco corale, buoni inserimenti al tiro. Non lo vedo prontissimo per incidere ai nostri livelli, però. Un centrocampista difensivo che mi piace è Kranevitter, davvero forte.

    RispondiElimina
  32. E' scatenato, mi si dice che come voce narrante abbia già contattato la Sandrelli, per far rosicare l'omonimo giornalista.

    RispondiElimina
  33. Ammetto che anche io come Pende mi ero perso dietro le tette..

    congratulazioni Pollock!

    RispondiElimina
  34. Grazie Deyna.
    Kranevitter non lo conosco, ma le ultime partire di calcio argentino le ho seguite per vdere Munoz ai tempi in cui si diceva sarebbe arrivato alla Fiorentina (era il nuovo Samuel, se non sbaglio?). Ho visto che gioca nel River Plate. Magari gli darò una occhiata su Roja, così il buon GAT darà del folle anche a me.

    RispondiElimina
  35. COLONNELLO in crisi di identità. Forse é lui la chiave di "Identità violate" (Kiefer Sutherland, Angiolina Giolí, Ethan Oc'...).

    RispondiElimina
  36. Eppure c'é chi, pur deriso, é riuscito a portare la Fiorentina in Svizzera...

    RispondiElimina
  37. Un grazie cumulativo. Il blog è ancora vivo e da qualcuno anche apprezzato grazie soprattutto a voi che giornalmente lo alimentate.

    RispondiElimina
  38. Si si, grazie qui, grazie là, ma tu resti comunque un bucaiolo.

    RispondiElimina
  39. Kranevitter è molto buono, non appariscente, ma tanta sostanza in mezzo al campo. Munoz non arrivò da noi perché si ruppe - tanto in questi giorni non parliamo d'altro... - il ginocchio, cosa che mi sembra avergli tolto un po' di velocità, anche nei cambi di direzione. Ai tempi era fortissimo per l'età, certo da sgrezzare, ma Corvino ci aveva visto bene. Comunque ha ancora 23 anni, pian piano è cresciuto in italia, secondo me se trova l'allenatore giusto è ancora in tempo ad affermarsi in una buona squadra.

    RispondiElimina
  40. Io lo vidi dopo l'infortunio e lo trovai lento. Sono d'accordo che i giovani bisogna valutarli nel lungo periodo: vedi Alonso che l'anno scorso era immaturo e quest'anno è molto migliorato. Il fatto è che con Prandelli non avrebbe mai giocato e forse sarebbe stato bruciato definitivamente, in questo il talento di Corvino nello scoprire giovani talenti (innegabile i suoi difetti sono altri) era antitetico alle politiche di Prandelli. Sui giovani il pur cauto Montella è un pasdarn rispetto a Prandelli.

    RispondiElimina
  41. Condivido in toto quello che scrive sotto Jordan su tattica, formazione e uomini. In effetti con lo stop di Rossi davanti siamo già contati (il mio Socio Pisano mi manifestava inquietudine al riguardo già stanotte in uno dei suoi sms agnelliani delle 01:22, ahahahahah, Grande Gasp!), rimanendo i soli Baba e Mario come punte, speriamo che il tedesco abbia dato in quanto a sfiga e rimetta il male dello scorso anno altrimenti risiamo alle porte coi sassi e ad aggrapparci a SuperBaba che comunque per me è pronto alla grande ribalta. Congratulazioni Pollock!

    RispondiElimina
  42. Come a conferma delle tesi di Jordan sul binomio medicina e stregoneria:

    http://www.firenzeviola.it/primo-piano/dott-d-amario-rossi-report-confuso-lo-stop-163509

    Ovviamente spero abbia ragione questo professore D'amario.

    Nel frattempo, sembra affiorare l'ipotesi di una permanenza di El Ham per l'infortunio a Rossi. Non sarebbe la prima scelta ovviamente ma una mano potrebbe darla

    RispondiElimina
  43. che peraltro può giocare sia come centravanti che come seconda punta

    RispondiElimina
  44. Almeno questo scatto ha apportato stamane quello zucchero che non uso mai nel primo caffè del giorno,un doppio espresso in tazza grande,forte,deciso,primo step di lucidità necessaria per affrontare ed organizzare il lavoro ed il resto.Dopo una giornata impegnativa,non ho avuto modo di accedere ad internet o tv,un sottofondo di DeAndre',direzione ostinata e contraria,ed un sorso di buon Matusalem 18year,hanno accompagnato il riordino di alcune "cianfrusaglie" lavorative,donna già a letto,nuovi segni sul divano del gattino di due mesi appena compiuti,che del tiragraffi distante appena un metro proprio non vuole saperne,insomma tutto nella norma o quasi.Leggere stamane sul sito e Violanews dell'ennesimo lungo stop di Rossi,mi ha molto rammaricato.Una amarezza calcistica importante,ma Giuseppe tornerà ancora,anche se questa ulteriore tappa del suo personale calvario lo colloca sempre più verso il punto di non ritorno,invece tornerà,farà il percorso inverso dello scorso campionato e ci condurrà nei posti che contano per la Champion's L.Concordo co Deyna quando parla di responsabilità societarie,altrochè,la società decide ed ha l'ultima parola riguardo ogni suo tesserato o dipendende seppur milionario,a meno che vi siano punti contrattuali ben specifici,ma non credo sia questo il caso.Che poi L'ACF abbia avallato qualche punto sul programma di recupero concordando con"AldoBaglio Bongiorno"(grande professionista)il legittimo desiderio di Pepito di partecipare alla vetrina prestigiosa dei Mondiali,può essere legittimo.Credo che questo Incidente sia frutto del buonismo,in questo caso comprensibile umanamente e psicologicamente,ma questo aspetto dovrebbe essere rivisto con un po' più di sano egoismo,per non dire cinismo se si vuole competere a certi livelli.Non per tornare indietro,ma non sono uno di quelli che ha reputato il fallo del poco nobile Rinaudo killer,non era meglio dire per un giocatore sano,lo è stato per Giuseppe in un momento dove reggeva da solo con le sue invenzioni la baracca e senza possibilità di tirare il fiato,ma questo è un mio pensiero.Il presente pieno di numeri(molti ragionieri del sito si imbattono fino allo stremo in noiosi numeri 433-4321-352 e prefissi vari)non è nero,non credo nella redenzione del mago di Rotterdam,ma credo che i nuovi faranno bene(Gudelj-Marin),credo che in attesa del fenomeno navigheremo a vista,come la visione di questa fanciulla,assoluta autonomia di un momento gaudente,simulazione ed agonismo,estasi di un seno che trascende il reale e tutto si condensa nel gioco erotico...!!!Buon sabato a tutti

    RispondiElimina
  45. A proposito di querele..

    http://www.violanews.com/news-viola/gianluca-di-marzio-cuadrado-e-agente-per-vie-legali-contro-brovarone-20140906/

    RispondiElimina
  46. Nilmar è svincolato...

    RispondiElimina
  47. Ciao EFFE, anche io non credo a una resurrezione del Mago di Kralingen nato a Rotterdam, se per resurrezione pensiamo ai livelli in cui giocava all'Ajax con Suarez, quantomeno per motivi di età e di inattività, nonchè di livello di campionato. Però ti assicuto preferirei vedere lui in campo che un Borja Valero trasformato in un falso nueve, (finale di Coppa Italia docet), almeno il marocchino ha il senso del goal . Certo sarebbe una terza scelta dopo Gomez e Babacar. Poi concordo il salto di qualità nella la stagione della Fiorentina passa da come giocheranno Badelj, Marin e, aggiungerei, Richards

    RispondiElimina
  48. Sono abbastanza, non del tutto, sicuro che nei contratti dei top players, ci sia la clausola che la scelta definitiva in caso di operazione o terapie varie, sia a carico di chi queste le subisce e non della società, EFFE. Questo non esenta la Fiorentina di leggerezze o sbagli che da qualche parte ci son stati per forza, ma penso anche Rossi ci abbia messo del suo. Le dichiarazioni odierne di Gallinari, sono estremamente gravi. Insomma roba gestita male, intermezzo frenetico per giocare il mondiale che presupponeva un recupero per inizio campionato in grande forma. Nubi su come/quando é avvenuta questa ennesima ricaduta.
    Credo tuttavia che la società fosse certissima della buona salute di Giuseppe, senno' la cessione di Rebic sarebbe stata addiruttura delittuosa.
    Oggi ( e per me anche prima) ci sarebbe servito come il pane.

    RispondiElimina
  49. http://www.violanews.com/altre-news/sentite-gallinari-steadman-e-stata-una-scelta-sbagliata-potrei-scaldarmi-20140906/

    RispondiElimina
  50. http://www.calciomercato.com/news/crack-e-operazioni-sbagliate-la-seconda-vita-di-rossi-261474 Non ricordo il nome del primo chirurgo che operò Rossi in Europa, ma evidentemente l'errore grosso l'ha fatto lui, non Steadman...

    RispondiElimina
  51. Fosse sano sì, ma mi sembra che anche Rebic - si parla di problemi minori, per carità - abbia un ginocchio infiammato da un anno, ormai...Non so quante partite garantisca se prima non guarisce.

    RispondiElimina
  52. Certo che spreco di talento, El Hamdaoui...

    RispondiElimina
  53. la penso anch'io così: rebic da sano sarebbe stata la prima alternativa a Rossi e Gomez, e con l'EL avrebbe giocato in toto 30-35 partite..
    però, se anche lui è martoriato, che recuperi altrove con calma e giochi quelle che per lui son partitelle, in serie b tedesca

    RispondiElimina
  54. lui forse ne varrebbe la pena: ma resterei comunque così, abbiamo tutto per far bene. basta frignare, risorgi, oh viola!

    RispondiElimina
  55. Chissà se è ancora un giocatore di calcio...Nei suoi panni non era per nulla male.

    RispondiElimina
  56. La penso come Pende, siamo apposto così, là davanti. Abbiamo Baba&Berna ed è l'ora che giochino. Ci lamentiamo che in Italia non vengono mai lanciati i giovani, che per crescere devono giocare etc etc etc. Ieri sera ho visto un goccio di Under, Berardi mi conferma l'impressione che siamo di fronte ad un possibile top dei prossimi dieci anni, parla poco, si vede il giusto ma non fa mai cose banali ed ha una castagna micidiale. Berna mi pare ancora un po indietro, gli manca l'anno di A del compagno ma penso sia il momento di aprire la stalla a questi puledri o rimarremo sempre col dubbio, penso che Montella vada in questa direzione, l'impiego e la fiducia in Baba lo confermano, la grave assenza di Pepito aiuterà, se non altro.

    RispondiElimina
  57. Rebic è un operazione voluta dal ds occulto, Ramadani...

    RispondiElimina
  58. Una grande operazione, direi...Una volta sgrezzato - e guarito bene, si spera - abbiamo per le mani una delle seconde punte più forti in Europa.

    RispondiElimina
  59. Ora n'ha inventata un'altra. Cambiassi nick un gli basta più, ora fa l'esule mascherato. Poerannoi! (se sapesse chi l'era qualche anno fa...)

    RispondiElimina
  60. se pensiamo a come era visto ramadani i primi tempi delle gestioni Jovetic/Liajic/Nastasic ... mi dicevano tempo fa che oggi il mercato dei maggiori club europei lo fanno lui, Mendes, Brozzo e pochi altri...

    RispondiElimina
  61. dimenticavo Raiola...

    RispondiElimina
  62. Forse ci mancano contatti in Sudamerica, perché di giovani forti non ne vedo arrivare in Viola, da laggiù. Macìa sicuramente li conosce già dai 14/15 anni in su, ma penso manchi il successivo anello alla catena. Non sarebbe male farselo, perché vedere i Dybala, i Vietto, i Paredes, i Gaston Silva, i Mendez ecc, che non arrivano o vanno ad altri mi indispone un po'...

    RispondiElimina
  63. Sì, perse parecchia velocità, in seguito un po' ne ha riacquistata. Ripeto, sarei curioso di vederlo con un buon allenatore...

    RispondiElimina
  64. Son due anni che gioca nei paesi arabi e chi l'ha più visto? Era un ottimo centravanti, molto tecnico, frenato da infortuni e gestione poco oculata dei procuratori. In inizio carriera una lunga diatriba Corinthians-Olympique Lyon l'ha tenuto fermo un bel po'. Comunque ha avuto anche un periodo di gloria e valutazioni importanti. Fosse quello di tre anni fa lo piglierei subito. E' un '84 non è mica vecchio, ma sulla voglia di rimettersi in gioco, pieno di petrodollari com'è non ci giurerei.

    RispondiElimina
  65. Però un gli è riuscito a andacci a lui che fa finta che Massaciuccoli sia i'lago di Ginevra. La fantasia la un gli manca, gli è i' resto...

    RispondiElimina
  66. O ragazzi ma un vu ci avete da fa' proprio un cazzo 'n tutto i'giorno? passi pe' pensionati come me, ma voi e vu see giovani ancora, armeno vu dite.

    RispondiElimina
  67. E' stato un po' una fava, diciamocela tutta: invecchiato Luis Fabiano, deludente Fred, fuori per problemi fisici Leandro Damiao...Se restava a giocare in un calcio competitivo probabilmente avrebbe avuto la sua chance mondiale in Brasile.

    RispondiElimina
  68. Grande Pollock;è possibile sapere qualcosa in più riguardo la radio? E grande Colonnello,in gran spolvero...a quando il rientro ufficiale?Anche io appartengo alla categoria del" viva i giovani".Eppoi c'è Marko...A proposito,Dabro doppietta.Ma é forte davvero come dicono questo ragazzo?

    RispondiElimina
  69. Appena verrà definito vi darò tutti i riferimenti, tra l'altro la radio è possibile seguirla anche in streaming, così chiunque se vorrà la potrà ascoltare.

    RispondiElimina
  70. per me no problem, tutt'altro, fa piacere;

    RispondiElimina
  71. o Jordan, hai mica recenti nuove di Boschilia?

    RispondiElimina
  72. A me Dabro pareva un talento raro a livello europeo, per l'età...Ma si sa, questi maledetti compattini di 50' ingannano.

    RispondiElimina
  73. Poi fanno diventa`buchi.

    RispondiElimina
  74. Meglio guardassi le partite intere mentre la moglie tromba, dai retta...Così buho un tu doventi!

    RispondiElimina
  75. Gioca nel S.Paolo e gioca spesso anche in prima squadra, ma è un '96, promettentissimo ma sempre un '96, tre anni meno di Bernardeschi e Babacar.

    RispondiElimina
  76. Tanto la un n'è miha pattona! e un ci riman le ditae!

    RispondiElimina
  77. per me tu po' fare icche tu voi tanto le querele tu le becchi te pe' le cazzate che si dice noi.

    RispondiElimina
  78. Non potevano mancare i complimenti di lui che in quanto ex frequentatore mi conosce molto bene:

    "Complimenti per la tua nuova avventura radiofonica, Pollock, complimenti di cuore perché sai che sono sincero e che non ce l’ho con te anche se qualche volta vorrei che tu prendessi l’ebola. Tu hai il solo torto, per andare dietro ai numeri (e poi, che numeri? Buongiorno, buonasera, foto di insopportabile impudicizia su parti del corpo femminile che sono orgoglioso di non aver mai visto se dev’esser una simile sconcezza, e dici di far 300 post alla fine della giornata: bravi tutti così, eccetto me), di lasciar scrivere gente che sarebbe espulsa da qualsiasi consesso civile: ti capisco ma non ti giustifico perché la prima regola di un blog dovrebbe essere il rispetto fra gli utenti pur nella diversità delle opinioni e ciò anche quando, come nel mio caso, non ci sono opinioni, per lo meno non sensate. Come sai, io sono uno storico di professione: c’è chi dice un grande erudito ma io non mi sento tale e non farei più che leccare la fava a chi me lo dicesse e siccome sono io che lo dico dovrò farmi asportare qualche costola, come fece Dannuncio. Sta di fatto che noi storici abbiamo il viziaccio della precisione e se tu dici di avere più contatti e più commenti devi provarlo: se lo provi, non replicherò ma passerò ad altro che non c’entra nulla e così via, perché questo è il cammino della scienza, fare domande che non vogliono risposta. Sul tuo blog ho trovato gente che stimo, come il Colonnello: lui mi dà di testa di cazzo ma io non me la prendo perché so che mi vuol bene e io glielo riconosco e se gli ho augurato di ottenere l’ergastolo è con perfetta consapevolezza dei suoi meriti ma anche di qualche suo difettuzzo veniale. Poi, però, c’è gente come Lele e lì mi arrendo, perché quando a degli argomenti, per cazzosi che siano, si risponde che io non ho mai tirato un calcio a un pallone, che sono scorretto nella discussione e che sono infantilmente presuntuoso, ci si pone a un livello così basso ma così basso che nemmeno Cuccureddu quando da bambino scendeva dai monti a valle col gregge (questa è una battuta finissima, ad esempio, che sul tuo blog, caro Pollock, non verrebbe nemmeno capita). L’invidia è tanta, perché io faccio cultura incastonato, come gemma, dentro un sito che vanta 47 presenze giornaliere al netto di quelle assicurate da Locke ma non di quelle portate da Barry. Passo come un folletto da Nuno Gomez a Ainstain, da Quadrado a Cartesio da Fabriano, da Aristocane agli Aristogatti a Marin (che per me è un esterno, da quando venti giorni fa ho sentito per la prima volta il suo nome) e google è per me quello che Osvaldo fu per Prandelli: lo strumento buono nelle mani sbagliate. Senza rancore, pronto ad accoglierti sul mio prestigioso blog quando sarai ridotto sul lastrico, il tuo
    LURID BALLER"

    RispondiElimina
  79. Credo che il COLONNELLO abbia bisogno di trombare. (Potrebbe mettere incinta una donna con lo sguardo, per come sta ora...).

    RispondiElimina
  80. Non c'è neanche bisogno di chiederlo!

    RispondiElimina
  81. Dabro è un '97 dal grande fisico staripante con i coetanei ma se lo fai giocare con chi ha 2-3 anni di più devon venir fuori tante cose che è presto per un '97 avere. Tuttora regala due anni in primavera dove il limite è il '95, ma quest'anno deve venir fuori. Caso mai è coglione farlo tappare da un Gondo che è già, pure se giovane anche lui, fuori livello in primavera e rischia di perderci solo tempo.

    RispondiElimina
  82. Miracolo che l'abbia col solo Lele e che continui a ritenere le definizioni ricevute dal colonnello dei confetti di Sulmona. Se non scrivesse cazzate dieci volte al giorno sarebbe pure un piacere sapere che non esiste.

    RispondiElimina
  83. Io vorrei sapere i`che gl`è preso, se si diverte a fare l'Esule ( il Colonnello ovvio...) Quando tornerà, se mai tornerà? Scompare, così d'un tratto, come faceva in campo. Per me c'ha ragione il SOPRA.

    RispondiElimina
  84. Lo dicono sulle orme di Neymar, a 14 anni quando il Guarani lo regalò al S.Paolo (favori di presidenti) successe un grande casino. A parità di età son simili, ora c'è da vedere tutto il resto che non è il più semplice.

    RispondiElimina
  85. Iemmello, ancora a segno.

    RispondiElimina
  86. Madonna che silenzio c'è stasera.

    www.youtube.com/watch?v=n0-sF6zqogY

    RispondiElimina
  87. Questione Chiellini-FIGC- Juve, ennesima prova di quanto contìno alcune società e che se vogliono decidono loro come si cura un giocatore.

    RispondiElimina
  88. Per forza, si sono sfogati tutti in giornata. Forse ha ragione il patriarca brasilomugellano, questi sitollocckisti non fanno una bella cippa, da mattina a sera. Lasciamo perdere il blimp, che ormai sta sfiorando il mito dementiae, tutti gli altri non hanno la benché minima scusa.
    D'obbligo i complimenti al boss, per il gran coniglio estratto dal cappello da prestigiatore, conditi da qualche preoccupazione, per la voce narrante che dovrebbe declamare e nostre minchiate. Propenderei per il Bambi, sempre che sia possibile rintracciarlo, dalle parti di Piazza Cestello. Sarà che, per me, il Bambi dei tempi del liceo era un ragazzetto magro magro, con la cespa fellainiana, l'occhio languido, l'eskimo verde e la dyane. Una delusione cocente, quando si è trasformato in un animale di spicco della politica locale, tutt'altro che languido ed emaciato. Vorrei il Bambi prima versione, soltanto per nostalgia.
    Per quanto riguarda la viola, insisto sul 352, senza se e senza ma. Possibili variazioni sul tema, con trequartista (sarebbe trequattrista, avendone almeno tre - quattro d'avanzo).
    Su Beppino vorrei stendere un velo pietoso, pur convenendo che l'intera questione è stata gestita maluccio da Fiorentina e da procuratore.
    Su Marin, invece, vorrei chiarimenti. È vero? Esiste? Riuscirà mai a scendere in campo, oppure è stato preso per far la controfigura di Rossi in Colorado, sutura compresa? Michelino, pane e menischino.
    Sul numero, limitato, di attaccanti in rosa, non so se preoccuparmi o meno: pochi ma buoni, sarebbe più che sufficiente. Poi penso alla discontinuità di alcuni, all'inesperienza di altri, alla fragilità di altri ancora. Un po' di fifa c'è, inutile negarlo. Va bene comunque. Poveri ma belli, con il piccolo Lord.

    RispondiElimina
  89. Chiudo? Oh, hanno lasciato lasciato un graffito sulla saracinesca. C'è scritto :" Marconi vaffanculo!". Che avranno voluto dire?

    RispondiElimina
  90. Ciao a te CORTO V.non ho nominato volutamente Richards poiché inconsciamente di fatto lo reputo migliore di un Tomovic sia in fase difensiva che di spinta,indisciplina tattica per indisciplina,da ciò che ho visto in youtube o spezzoni di vecchie partite,dalle parti del colosso Inglese non credo si passi tanto facilmente,o meglio,me lo auguro.Reputo il reparto difensivo rinforzato,vedo bene sia una difesa a 3 o 4 con elementi intercambiabili nei ruoli,ovviamente manca Nesta;-),insomma se disporremo dei tenori al loro posto,con l'innesto di Badelj e spero del ristabilito Marin,sul quale spero molto,ed affilato le punte,credo che possiamo giocarcela con tutti.Per quanto riguarda la finale di Roma,solo 4 flash:1-privi di Gomez,Rossi,Cuadrado,Mati reduce da infortunio,Borja era uno dei pochi che potesse sortire in attacco tentando di produrre qualcosa,ma non mi sento di giudicarlo nell'ultima parte di campionato dove è apparso sottotono e in debito di ossigeno,assolto con formula piena.2-l'immagine di Ilicic mentre scocca col suo sinistro il "famoso"tiro del possibile pareggio mancato incredibilmente nel finale,un momento lunghissimo in cui ho vissuto contrastanti emozioni fino all'urlo strozzato in gola e l'incredulità e quant'altro(ti lascio immaginare)di chi avevo intorno.3.l'aver poco dopo ripreso in mano una sigaretta dopo tre travagliatissimi anni in cui avevo faticosamente chiuso col tabacco,tre tiri son bastati per capire la sciocchezza che stavo facendo,ad oggi ancora resisto,fino alla prossima finale?4-l'inadeguatezza organizzativa,indegna,inappropriata,scandalosa e potrei continuare fino all'alba su questo punto,ma è meglio finirla qui,avremo modo...notte un saluto,tra un po' buongiorno!

    RispondiElimina