.

.

domenica 7 settembre 2014

La purezza dell'oggi

Quando non c’è il campionato non so voi ma a casa mia (cioè sua) la Rita alza subito l’asticella. “Si va di qua, si va di là”, e non è che puoi dire qualcosa, perché lei lo sa benissimo che tu ti senti in colpa e che devi assecondarla, così: e la pizza quella napoletana vera doppia pasta, e l’outlet a Barberino per fare l’affare della vita, e il giro in centro imbottigliati in una mandria di coreani, e l’Ikea che tutto costa poco, ma che siccome costa poco devi comprare tutta l’Ikea che così invece costa tantissimo. E poi ti ritrovi nel dramma, il fine settimana è già finito e sei diretto un’altra volta in ufficio. La gente non è incazzata il lunedì perché deve andare a lavorare, è incazzata per quello che ha dovuto passare durante la sosta del campionato. La Rita pianifica, ha il calendario del campionato, così nelle soste comprime tutti gli eventi possibili, ci sono certe soste dove prenota due rappresentazioni teatrali contemporaneamente, per ottimizzare, io da una parte e lei dall’altra, poi la sera ce le raccontiamo. Il fine settimana senza campionato non è un fine settimana, è un tour come quello dei giapponesi che in tre giorni devono visitare Roma, Venezia e Firenze, poi tornano a casa pensando che il Papa mangia il lampredotto e i fiaccherai guidano le gondole. E’ furba, testa la tua attenzione, ti coinvolge, e quando sei a guardare Picasso alla Strozzina ti chiede cosa ne pensi di quella tela, e te gli rispondi che la suturazione di un menisco comporta una convalescenza più lunga che non se fosse stata eseguita un’asportazione, insomma se Picasso ha tutti quei cazzo di periodi colorati, il nostro in mancanza di Fiorentina è sicuramento il periodo più nero. Tra infortuni reiterati e soste per la Nazionale è dura. Insomma, lei le studia di sotto terra per sfruttare al massimo l’occasione favorevole, copre bene tutti gli spazi e poi riparte con rapide idee in verticale. Ieri mi ha portato a una festa paesana, una delle tante che si svolgono durante l’estate. Questa era basata tutta sull’antica cultura contadina, quindi oltre alle cene a base di tipicità locali, c’erano anche esibizioni di gruppi folk e dimostrazioni di antichi mestieri. C’era l’antica bottega del fabbro, dove faceva vedere in diretta come si fa un ferro di cavallo, quella del cartaio, che fabbricava fogli di carta pergamena davanti agli occhi meravigliati dei passanti, e così via.  Due palle che a confronto il titicche titocche di Prandelli era una passeggiata di salute. Poi finalmente qualcosa di valido, la fedele ricostruzione di un bordello medievale. S’è incazzata e mi ha trascinato via “Che volgarità!!” ha esclamato. Quando poi il tour de force giunge al termine, almeno io mi ringalluzzisco e tento di piazzare dell’entusiasmo dell'ultima ora per il magnifico tempo trascorso insieme, con la consapevolezza dolosa che tutto ciò che accade negli ultimi minuti rimane sempre più impresso. Così una volta tornati dentro ai vestiti del nostro tempo, lontano da simili rozze volgarità paesane, ho cercato di stupirla elogiando le linee della nostra modernità, così tanto disprezzate in una città come la nostra dove si esalta soprattutto il marmo del Rinascimento, il vicolo, lo scorcio mozzafiato. Ho cercato di farle apprezzare la mia sensibilità rivolta all’oggi, insomma Rita, non c’è solo l’inquinamento e la coda sui viali, l’ho invitata ad alzare gli occhi questa volta non solo sulla storia, ma piuttosto a guardare la purezza di certe linee della modernità di certi palazzi dalla bellezza asciutta ed essenziale, panorami metropolitani freddi ma puliti. E così la serata è finita con una labbrata, come se fosse colpa mia se la gente tromba alla finestra.

65 commenti:

  1. Oggi è un buongiorno a mezzo tra quello di Effemberg sul post di eri, misto alla buona notte, e quello del Grande Zot che ci aiuta ad esortare Foco a tenere duro:

    "Basta con tutti questi complimenti, adesso! Adesso, infatti, la domanda è solo una: dov'è finito il Colonnello? Allora avevano ragione Ludwig e Chiari: con la vostra protervia fate scappar la gente! Birbanti! Anche la radio, adesso! Ma sono solo gli ultimi sussulti, prima che la tragica profezia di Lud, questo gigante di un sito in espansione, si avveri.
    P.S.
    Foco, sono contento per te. Un consiglio per uscire dal tunnel psicologico: torna agli antichi amori, a quello che hai studiato, ai libri (hai testa eccellente). Lascia perdere la rabbia di vivere, quella puoi ritrovarla quando vuoi, è la cosa più facile. Vivi da saggio, fuori del lavoro. La saggezza, ad esempio, dei tuoi commenti tecnici su sitollock. Aggiunger tenebra a tenebra non dà luce, non è come la somma dei meno in aritmetica.

    IL GRANDE ZOT"

    RispondiElimina
  2. Un commento al titolo dell editoriale La purezza dell'oggi. Oggi qui si respira aria pura, salubre e frizzante colorata di viola, un viola acceso, critico ma sempre e solo positivo e costruttivo. Se lo si può fare è anche e soprattutto perché un partecipante, finalmente ex, fu allontanato non dal padrone di casa, che in verità manco si fregava della sua nptesenza, ma dalla stragrande maggioranza di noi. Con lui l'aria era appestata, e il Sitollock riprese a germogliare viole, insensibile ai feticci che auguravano la sua morte. La purezza dell'oggi..

    RispondiElimina
  3. c'è un articolo che dice che pepito avrebbe dovuto far una ricostruzione totale del ginocchio: francamente, mi sembra assurdo, se il legamenti sono a posto non c'è bisogno di "ristabilizzarli" come c'è scritto e che in realtà non vuol dire niente. bah. il classico articolo del malumore. in realtà la sutura del menisco è l'opzione migliore per una maggiore stabilità futura (glielo potevano anche togliere, ce l'avevamo alla 5-6 giornata e magari con terapie specifiche si faceva una corazza muscolare intorno al ginocchio tale che non si sarebbe più rotto: poteva essere, ma poteva anche rompersi definitivamente), dunque, in realtà, bah, bastava quella e una pulizia dell'articolazione.
    poi c'è un altro articolo che invece parla di un rientro a metà dicembre (dopo 3 mesi di stop): mi sembra fastascienza anche quella, i tempi di recupero sono variabili ma non possono essere decurtati del 50%, e soprattutto lui non è nelle condizioni di poter accelerare (come, invece, ad esempio fece hegazy. a proposito! anche lui s'è rotto due volte il crociato, eppure sempre stabile adesso: questo per supportare quel che dicevo prima, se gli interventi si fanno bene si recupera, nel 2014, le terapie conservative e segate del genere servono semplicemente a rimandare. poi certo, ci sono anche quelli non fatti bene..).

    anima in pace fino a febbraio, importante tenere duro fino lì, poi se ne riparla. abbiamo una difesa molto forte (se i giocatori vengono messi nel proprio ruolo), un centrocampo altrettanto, e un attacco che annovera comunque giocatori di talento, oltre a gomez. la champion's è possibile.

    RispondiElimina
  4. Io su Pepito ho steso un velo su, ieri; non credo più a nulla.

    RispondiElimina
  5. Parallele viola...Quel che in realtà pensava:

    - Brovarone ha detto "Cuadrado ha cambiato procuratore, ho la notizia!"

    - Brovarone pensava "Cazzo, cagatemi".

    RispondiElimina
  6. In medicina ci capiscono il giusto quelli che dicono bravi e che ci si dedicano, immaginati gli esterni che parlano per sentito dire o per aver fatto il riassunto di qualcosa letto su wikipedia! Tanti articoli sull'argomento son roba da barzelletta della Domenica del Corriere di un tempo. Sul ginocchio di Pepito ci han capito poco i luminari e cazzate ne hanno fatte, visti i risultati, volerci capir da fuori e fare addirittura previsioni di rientro è roba solo da riderci su. Continuo a sperare che non l'abbiano rovinato per sempre ma fuori che incrociar le dita credo non si possa fare.

    RispondiElimina
  7. Hegazy si operò da Mariani a Roma...Il fatto che si sia rotto due volte fa pensare che sia stato operato male alla prima, come Rossi [che tra l'altro se non ricordo male alla prima non aveva Steadman ma un altro, l'errore grave lo fece lui a quanto pare]. Di Mariani sono anni che da Roma me ne parlano male, quando ci andò Mutu tremavo quasi, ma chissà quanto c'è di vero nelle voci che si creano attorno a un professionista...

    RispondiElimina
  8. Pepito ha un'autonomia per 3-4 mesi l'anno, a volerla allungare, dopo i rischi di ricadute ed eventuali ri-rotture sono troppo elevati. Quattro interventi sono troppi e non sono frutto di singoli errori dei luminari che lo hanno avuto in cura. E' un'ex, un potenziale grandissimo ex, che ha espresso solo un 30% di quello che poteva essere.

    RispondiElimina
  9. Rossi il primo intervento lo ha fatto a Valencia quindi non credo proprio fosse Steadman, ma son tutti, più o meno esperti, apprendisti stregoni, o, meglio, la cosa è tanto complicata che finora, nonostante gli enormi passi fatti da scienza e tecnologia, niente è matematico. Io smisi di giocare a calcio cinquant'anni fa per una brutta lussazione alla spalla che allora operavano in pochi e con molti rischi. Buffon a 35 anni è ritornato in serie A ed in nazionale per infortunio simile. Roggi e Rocca giovani nazionali, han visto le loro carriere stroncate di brutto per lesione ai crociati, ora si parla di Rossi, ma tanti rigiocano senza grossi problemi. Insomma progressi ne sono stati fatti, enormi, ma la medicina continua ad essere molto empirica perchè tratta di soggetti con mille varabili. A questo aggiungi la natura umana che porta a commercializzare e a seguire chi chiacchera meglio molto di più di chi meglio fa.

    RispondiElimina
  10. Io direi di sì invece Leo, quattro interventi son frutto anche delle cazzate fatte dai luminari che li hanno effettuati a cominciare dal primo, quasi tragico. Adesso può anche darsi che sia un ex, anche se io continuo a sperare di no, ma chi l'ha ridotto così non siamo certo noi, ma chi ci ha messo i ferri del presunto mestiere.

    RispondiElimina
  11. L'Ikea e gli Outlet sono il modo che hanno le donne per punirci.
    Ho passato giornate intere a fare da appendino per centinaia di vestitini, scarpe, camicette, gonne e pantaloni che regolarmene venivano provati e non acquistati. "Come mi sta?" "Bene" " Uhm, ma che dici? Ma non lo vedi che non mi risalta i malleoli?"
    Negozi pieni di invasate intente a trebbiare gli espositori, occupare camerini per ore e consumare coglioni altrui, invece che carte di credito.
    E maschi addobbati di stampelle che si scambiano occhiate di sofferenza mista a solidarietà.
    Io sono convinto che questo sia un modo per far pagare al genere maschile, colpe vecchie millenni. E credo anche che ci sia una regia femminile che abbia concepito con crudeltà questi posti pialla-testicoli. Altrimenti come ritenete possibile che in questi negozi, come per magia, sparisca il segnale 3G, unica speranza di evasione per mariti e fidanzati?
    Poi, dopo sei ore in piedi ad aspettare che la tua lei abbia finalmente trovato quel capino indispensabile che ti ha costretto a fare 150 chilometri di domenica, se trovi un negozio di tuo gusto, non fai in tempo a varcarne la soglia che ti senti dire alle spalle: " Uff, ancora non hai trovato niente? Fai veloce che i tacchi mi fanno male ai piedi".
    Chi non ha mai sognato di lasciare la propria donna lì, in quel cazzo di Outlet e fuggire in macchina verso la libertà?

    RispondiElimina
  12. Se non ricordo male Miani si ruppe un malleolo.

    RispondiElimina
  13. Giancarlo fu operato da Calandriello, allora definito uno dei più competenti.
    Ma già durante il decorso della guarigione avvertiva che qualcosa non andava.
    Si mise in contatto con un attaccante che subì più o meno la stessa frattura, mi pare Mariani del Toro, operato da un professore di Torino con risultati eccellenti, in rapporto alla complicata situazione. Se è tornato a giocare è grazie a lui.
    Rossi invece è un vero rompicapo, quello che resta purtroppo certa è l'incertezza, mi si passi l'ossimoro, del suo futuro.

    RispondiElimina
  14. Esatto. Le ultime due righe sono la fotografia del calciatore e della Fiorentina, in rapporto a lui.

    RispondiElimina
  15. Infatti il segnale che sei proprio cotto senza rimedio e senza possibilità di fuga è quando in uno di questi posti ti ci si senti quasi bene. Vuol dire che la passione ti ha proprio obnubilato ogni capacità di intendere e di volere e sei in balìa di Lei. A me è capitato, di rado, ma è capitato

    RispondiElimina
  16. Il grande quesito é, ora: da 88.0 a 108.0 quale sarà la frequenza POLLOCKiana? E con quale frequenza ascolteremo "i post"?

    RispondiElimina
  17. Riporto dal confino del mio blog, di cui la Francia è amante e non gli blocca la blogspottitudine:

    Anonimo07 settembre 2014 13:30
    A Barberino l'ultima volta ho lasciato 450: per un'occasionissima, diceva lei. Può essere, ma 4 ore cronometrate sono prezzo altissimo, per giunta alla derrata. Almeno però lì ci si svaga un poco e v'è una topaia di giro che appaga l'occhio. Consiglio, fra le stanziali, le commesse di Cerruti e di Bottega Verde.

    SAN MICHELE AVEVA UN GALLO (a big cock)

    RispondiElimina

    RispondiElimina
  18. Eh eh...Mi sembra che un romanzo di Giuseppe Culicchia inizi proprio cosi'... :-)

    RispondiElimina
  19. Ah, non lo sapevo. Non lo conosco ma evidentemente questa è una delle tragedie maschili odierne.

    RispondiElimina
  20. Nemecseck in mezzo a noi!!!

    RispondiElimina
  21. Ovvio Pat, mica considero i tifosi un aggravio i carico per il suo ginocchio/legamento........Mettici un'errore, forse due, ma qui son quattro interventi, di suo, in quel ginocchio, fra quelle cartilagini, nel mezzo di quei bei legamenti non è rimasto più nulla; ricostruzioni, ripuliture, stress, carichi gravosi che ne compromettono anche la mobilità, recuperi che inficiano la massa muscolare, adesso ci abita il cristallo, con tutta la sua bellezza, purezza e fragilità. Il primo stronzo che gli stringe una forbice o lui che, per generosità, in una partita che conta, lo mette a doppio lavoro ecco che risalta la fortezza, quel castello di lavoro che tanta terapia, fiducia, carattere e allenamento non può tenere più insieme. Non l'avremmo mai pagato 10 milioni se in Spagna non avessero già capito dove andava a parare dal primo infortunio e dal primo intervento.

    RispondiElimina
  22. Puzza di militare lontano un miglio. Ricovero di pluri graduati questo. eh eh eh eh

    RispondiElimina
  23. Baggio aveva tutti e due i ginocchi ridotti più o meno così ed era vent'anni fa, eppure ha giocato, e bene, fino a 37 anni. Mai dire mai.

    RispondiElimina
  24. nell'Outlet di Barberino?

    RispondiElimina
  25. Certo all'Ikea era peggio, se invece che un monte di shortinhos ti mettevano in capo un armadio a tre ante!

    RispondiElimina
  26. Non c'è dubbio, la speranza è l'ultima a morire, io sono entrato in quell'ordine di idee, è uno di quei rari casi che ad aver torto si gode come ricci.

    RispondiElimina
  27. Jordan, lo sai la donna media che cazzo compra all'IKEA? Le pile, perdio! Una scatola da venti mini- stilo del cazzo che nel telecomando del televisore, durano mezza settimana. E, forse, un'orchidea micragnosa che costava di meno al Lidl sotto casa.
    Si, prendono subito il metro all'entrata, ma perché è gratis!
    Ma poi, se una c'ha casa arredata in maniera completa, che cazzo ci deve andare a fare in un discount di mobili?
    A pranzare con le polpettine svedesi e la torta a fette.
    Che a me, tra parentesi, fanno cacare.
    E se ti leggono in faccia che c'hai i coglioni stracciati dopo due ore di niente, s'incazzano e ti strillano in faccia che ogni volta che si esce devi fare quella cazzo di faccia sofferente.
    Giuro, in certi momenti ho pensato di chiedere la castrazione chimica.

    RispondiElimina
  28. Dal mio blog: le correnti del blog spiegate al tenutario di un altro blog

    SAN MICHELE AVEVA UN GALLO (a big cock)


    Ludwig la tua rozza genericità è sconsolante. Il quadro esatto delle posizioni ideologiche è questo:

    Tendenza LA BIRRA DEL TRAPPISTA: Jordan, Lele, Stefano.

    Tendenza STO COI FRATI E ZAPPO L'ORTO: Deyna, Vitalogy, Orcio, Corto, Anto.

    Tendenza PER IL RE, PER LA PATRIA E PER SUSANNA: Sopravvissuto, Valtolin, Foco, Pollock, Dkne.

    Tendenza CARICA DI BALAKLAVA E POI CAZZI LORO: Chiarificatore, Gonfiantini, Pendelluft, Blimp.

    Tendenza CERCO IL PELO NELL'UOVO DEL PHTIRUS PUBIS: Ljuka.

    Tendenza BIPOLARE-ESTETICA: AntoineRouge.

    Tendenza SA UNA SEGA LUI: Ludwig.

    RispondiElimina
  29. Il nuovo arrivato da Pollock gioca con la mencia aggressione luddica circa "I ragazzi della via Pal" (il nick è il nome di un personaggio del romanzo). Già questo lo rende interessante, più dei discorsi oziosi sul ginocchio di Pepito. Ma da sorvegliarsi, Lud, da sorvegliarsi! Qui ti prendono per le mele anche coi nick! E' la morte di un blog.

    IL GRANDE ZOT

    RispondiElimina
  30. Tenutario...Maitresse à penser?

    RispondiElimina
  31. Si Nemecseck è il bambino che viene infilato nell'acqua gelida dalle Camicie Rosse e muore di polmonite.. nick allegro, direi. Comunque I ragazzi della via Pal è uno dei miei romanzi di formazione preferita.. non vedo l'ora che mia figlia sia un po' più grande per farglielo leggere


    PS Pollock almeno tua moglie guarda il calendario, la mia è capace di piazzare cene con amici la sera di Milan-Fiorentina 1-2 e non è un mero esempio..

    RispondiElimina
  32. Comunque a quel che ricordo Calandriello ad Antonio combinò proprio un bel pasticcio, nonostante fosse molto stimato. Chi ci rimise le mani rimediò al danno, ma l'Antognoni di prima non si rivide più, e non credo proprio che sia stato solo per il naturale corso del tempo e per lo stop troppo lungo. Legamenti, va detto che ognuno è diverso, un caso a sé, un giocatore può tornare piuttosto bene dalla stessa operazione che rovina un altro. Ho comunque notato che diversi campioni dopo la rottura del crociato cambiano modo di giocare, eliminano fronzoli, torsioni e cambi di direzione pericolosi, e mirano dritto al sodo. Se questo li rende meno spettacolari, dall'altro canto li fa concentrare di più sullo scopo del calcio, ossia fare gol o farlo fare. Parlo naturalmente di attaccanti perché sono loro i più a rischio, menando le danze. Prendo ad esempio Jovetic: avrà perso agilità, avrà acquistato peso per sorreggere l'articolazione con la muscolatura, ma l'abbandono di tante segatine a-la CR7 penso sia anche e soprattutto frutto di una scelta consapevole verso l'essenziale.

    RispondiElimina
  33. Ah, tristezza Foco, aumenta una tendenza, TdC prive di considerazione e schiaffami dentro senza ripensamenti..........

    RispondiElimina
  34. Non c'entra nulla, ma non ricordo: Attila c'è mai passato da qui? Non il Flagello di Dio degli Unni, dico, parlo di quello del Sitone. Dove non vedo più nemmeno Quarta Generazione Viola, con cui parlerei volentieri di Antonio [era praticamente il suo agiografo], talenti in genere, e del prof. Mariani, che temeva come la peste per i nostri giocatori, e quasi si augurava ci si operassero i giallorossi.

    RispondiElimina
  35. C'è passato, molte volte e lungamente ma non ho idea che fine abbia fatto.

    RispondiElimina
  36. Non ho mica capito. Non è mica mia la classificazione qui sopra.

    RispondiElimina
  37. Ah ecco, mi pareva di avercelo visto, forse i primi tempi che entrai io...

    RispondiElimina
  38. Anche dopo......

    RispondiElimina
  39. Ah no ?! Si vede che leggo di fretta.............non faccio tendenza. Un pregio!

    RispondiElimina
  40. Intanto a Terni sono tutti innamorati di Bojinov. Però in tribuna cercano la compagna...

    RispondiElimina
  41. Un'anteprima dal blog d'acqua dolce, sono stati inseriti dei simpaticissimi botta e risposta visivi. Però la rubrica "Ferro 3 con Cuccureddu" si fa attendere.

    RispondiElimina
  42. Allora non era solo colpa di crociati e tendini d'achille il suo precoce declino...

    RispondiElimina
  43. Bella B quest'anno, per adesso le new entry danno del filo da torcere. Qualche pensionato di troppo ma anche tanti giovani interessanti.

    RispondiElimina
  44. Per questa c'ha lasciato la moglie. Pare le abbia detto : " Cara ti amo ma vaffanculo."

    RispondiElimina
  45. Che altro dire, in effetti: "Cara ti amo ma vaffanculo te, i Gigli e l'Ikea."

    RispondiElimina
  46. Era il suo compleanno giorni fa. Gli ho fatto gli auguri su facebook

    RispondiElimina
  47. "Ferro 3. Sa casa serrada."

    RispondiElimina
  48. FOCO, fatti latore di un messaggio per il COLONNELLO, che rischia di creare la stessa situazione di Totó tornato dalla guerra ma non riconosciuto (forse BLIMP é Totó?): quel che sta facendo é una degenerazione, come il concetto di "Scambiatevi un segno di pace"; oramai, durante la messa, i fedeli sono sui banchi come gli scattisti, pronti a rotazioni di 360gradi per dare...la mano? Noooo! Oramai sono all'High-five, sono alla pacca sonora sulla spalla, al petto contro petto dei calciatori dopo un gol, allo strizza-guancia.
    Ecco, per BLIMP siamo a qualcosa del genere in ambito virtual-blogghista.
    Dovrà mondarsi prima di tornare e sarà soggetto di perculeggio-major.
    POLLOCK, l'hai spedito a fare un corso tipo "Albertone il Dentone" per declamare in più lingue alla radio?

    RispondiElimina
  49. massima solidarietà al compagno Pollock. Per quanto mi riguarda, reduce da una settimana di lavoro infernale quanto appagante, non ho intenzione di compiere un solo gesto fuori dal divano e, complice la donna altrove, ci sto riuscendo. Fuori dalla porta di casa c'è scritto "pausa di campionato, chiuso per lutto". Il massimo sforzo che posso fare è allungare il braccio (gesto a me permesso in assenza di disabilità dellavalliana) fino al blocco note in cui sto componendo la lista per il Fantacalcio in vista dell'asta di venerdì prossimo. Solite regole autoimposte: max 4 giocatori della viola, no gobbi, corsia preferenziale a Toro e Verona nonché ai giocatori la cui consonante finale richiami origini serenissime (cosa che l'anno scorso mi ha fruttato il pontino, nipote della bonifica, Perin).
    A proposito di bonifica: dio, patria e padroni sono parole a cui non tengo particolarmente, per usare un eufemismo. Consideratemi un Vargas: l'età può costringermi ad accentrarmi un po' rispetto all'estremo sinistro del campo, ma sull'altra fascia non mi vedrete mai.
    In questa strana azienda che ci troviamo a sostenere, il padrone è l'ultimo dei miei interessi, nel bene e nel male. Sostengo i colori al di là dei cambi di azionariato, mi affeziono alle maestranze, e ammiro in particolare un giovane caporeparto campano, che negli ultimi due anni ha aggiunto qualità e innovazione al prodotto. Peccato che in Svizzera ancora non l'abbiano capito e lo continuino a confondere con una propria rappresentazione mentale, ossessiva e autodistruttiva, schiava di precetti ideologici mai applicati da nessuno. Per fortuna quello vero è molto meglio. Le maestranze apprezzano, i clienti non mancano, la concorrenza invidia, sotto lo sguardo stolido di un padrone sempre più inafferrabile. In attesa della rivoluzione, e oltre...

    RispondiElimina
  50. Non ce le rimise, Calandriello, come ho sotto detto, ma uno di Torino cui non ricordo il nome.

    RispondiElimina
  51. Pollock, pare che ieri sera Prandelli e compagna abbiano cenato con Antonio e signora in un ristirante di San Frediano, ne sai qualcosa?

    RispondiElimina
  52. TWD una delle mie serie preferite. Per adesso pochi errori rispetto ad altre.

    RispondiElimina
  53. No, ero di pizza appunto.

    RispondiElimina
  54. ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah

    https://www.facebook.com/video.php?v=758081237586755&set=vb.100001546587065&type=2&theater

    RispondiElimina
  55. io mi ricordo che andò a Zurigo per un consulto dal prof Schreiber che era quello che aveva operato Desolati. Consigliò un nuovo intervento ma non mi ricordo se lo fece lui.

    RispondiElimina
  56. So' morto...........ah ah ah ah ah ah

    RispondiElimina
  57. Lui almeno è divertente, anche senza mille nick e il naso da pagliaccio.

    RispondiElimina
  58. Visto lo stipendio fisso che il presidente del Napoli, il figlio & affini ciucciano dall'SS Napoli...oltre un milione di euro a testa.
    Mentre Diego della Valle che ha fatto un prestito a tasso zero alla Fiorentina viene deriso....

    RispondiElimina
  59. Ma Della Valle è braccino corto! Questo invece è Mano Lesta.

    RispondiElimina
  60. Sensazioni confuse (manco più pensieri, ormai).
    1) Brovarone aveva la notizia. Ma la notizia (di reato) è arrivata prima. Lucci e persici, caduti nella rete, sembra si siano offesi. Previste vie legali per il buon Bernardo, frate trappista e consumatore accanito di birra.
    2) Deyna ieri ha (ri) cambiato logo, manco fosse Palmolive: : - Ieri ho cambiato sapone... argentino, calmo e sboccato, per giunta.
    3) Mia moglie mi ha portato, in tutto, tre volte all'IKEA, con tempi di percorrenza sul giro di tutto rispetto: il peggiore? Un'ora e cinquantacinque minuti. Gli outlet nemmeno visti (i vestiti se li compra da sola, e li paga pure). La amo, per questo.
    4) Foco inizia a dare preoccupanti segnali di sdoppiamento di personalità. San Michele, prega per lui. Sbaglia anche, nel definirmi: allergico come sono, faccio di tutto per evitare di fiutarlo, il vento. Quanto al pelo, se del genere giusto, se ne può anche parlare.
    5) Val, il piccolo Lord caporeparto non lo faranno mai, neanche in Svizzera. Al fantacalcio, forse. Mi sono limitato a giocarci una delle prime annate: risultati niente male (32° posto nella classifica generale, mi pare, con colpi di culo a ripetizione, compravo e vendevo a casaccio). Stagione irripetibile, mai più iscritto.
    6) I ragazzi della Via Pal (anche Cuore, in effetti) li ho sognati di notte per anni. Mia nonna, quando mi svegliavo ansimante e sudaticcio, diceva: - Sta' a vedi che ha preso la polmonite! Ed io, urlando: - La polmonite no! Tutto, ma la polmonite no! Corto, se le vuoi bene, falle leggere Percy Jackson. Fallo anche per me, ti supplico.
    7) Bojinov, quanto lo capisco. Foco, se gioca titolare, il fine settimana è occupato (e facilmente controllabile).
    Bene, per stasera ho dato. Non scrivo più, sui post-it è troppo scomodo, Nemmeno fossero viola. Boss, almeno a questo provvedi, di grazia. Tra un po' passa il Sopra, raccoglie i miei pizzini e tira il bandone. Ma la chiave sotto lo stoino o dentro al vaso dei gerani, no?
    Martedì l'Italietta arrabbiata di Conte. E nemmeno il volley, a farmi compagnia.

    RispondiElimina
  61. Non sarò l'ultimo, c'é FOCO che torna dalla caccia.
    Oramai, LJUKA, anche per il Sitollock vale "Smetto quando voglio" ma sappiamo che non funziona...
    Sono riuscito a "spizzichi e bocconi" a seguire anche la Mostra del Cinema di Venezia, grazie al Principe Giovanni Alliata di Montereale, pronipote del fulgido Giorgio Cini (ditelo a BLIMP, lui e il suo Martelloni...nome omen?), mio amico carissimo. Cosa dire del Lido? La cosa più apprezzata é stata la parola "Fine", oltre allo scempio dei profani alle prese con le consonanti a caso di Alba Rohrwacher, la premiata.
    - Wolski e Camporese non giocano neanche in B, la corazzata Bari cozza contro il pragmatismo del Perugia e del nostro Fazzi...
    - Bakic neanche era in campo a La Spezia, la B tedesca riposava.
    Cosa commentare? 'Sti giovani viola che fanno?...in affanno.
    - La cronaca nera riporta la notizia di tre (3) morti per sbadigli tra i fruitori odierni di siti viola....
    - Parla ancora l'ex promessa del calcio italiano (barese! stip' ca' trôv') Lorenzo Amoruso, a 50 anni (più o meno)...ed é ancora una promossa....
    - Colombo abortì l'America, non riuscì a farla sua, riuscirà Montella a partorire un attacco da vertice, da molti gol?...Mai dare terre promesse a chi non sa mantenerle (Faber docet)...
    - Pepito Rossi come il mio cane, che ha problemi con gli ossi (di pollo)...
    - Tatarasanu sbanca con la Romania in Grecia, spettatori paganti zeromila, sembrava...Marica ha uccellato Manolas?
    - Gomez in panca, Müller monstre...
    - Lewandowski esagerato ma...Come cazzo si fa a far giocare le qualificazioni a Gibilterra??? Giocano con le scimmie...
    - Far Øer cosa te lo dico a fare, con un portiere che era un orsetto...
    - Pogba segna un gol da distanza impossibile...(un metro.....a porta vuota!)...
    - Mikhataryan sempre in ottima forma...
    - Il Portogallo ha incontrato la sua Corea, con Berisha miracoloso e De Biasi sugli scudi...
    - L'Ucraina sugli Scud...
    - Kolarov a 160 km/h...
    - Le squadre di Lotito: Lazio ferma, Bari sconfitto, Salernitana vincente nel finale in trasferta..
    - Giorgio Corona segna ancora a 41 anni...
    - Ferretti l'Argentino bagna l'esordio a Padova con doppietta...
    - Franca il brasiliano ne fa tre...
    - Fatticcioni (nostro ex stopper della Primavera tre anni fa) va alla Torres...
    - A BLIMP faremo l'anti HIV, a FOCO no, la moglie di Bojnov é pulita...
    - Steadman fa rimpiangere Mariani...
    - Müller, Reus, Göetze mangiano tre gol a testa (più o meno), quindi é un problema della Germania, non di SuperMario Gomez...
    - Le onde radio non arrivano dal mare...
    - A Venezia un film su Leopardi e la sua vita adolescenziale senza stimoli. Vietate allusioni ad un ex utente del Sitollock....

    RispondiElimina
  62. in effetti il Bari non può che cozzare...

    RispondiElimina