.

.

mercoledì 24 settembre 2014

La bella e la bestia

Sono in viaggio verso la curva sud d’Italia, poi torno con calma a giochi fatti. Quando la curva Fiesole cioè si sarà già svuotata. Italo, Salerno e poi in auto fino a sud della piana di Campotenese. Là dove le grandi opere sono molto lontane dall’essere finite. Così come la nostra sfiga che sembra sempre un cantiere aperto di quelli fissi tra Barberino e Rioveggio. Mai che si possa scorrere senza rimanere bloccati tra le recriminazioni e la sfortuna, mai una stagione liscia come una cerniera lampo. Ed ecco il viaggio allora. Pollino, luogo dove lo dice il nome stesso serve l’antistaminico. Calabria, malgrado noi poveri illusi che cerchiamo di accorciare le distanze appaltando sogni di viabilità a momenti e futuro incerto. Vado per combattere quella bestia della sfiga, mentre la bella ve l’ho già presentata nei giorni scorsi. Una Gaia scienza quella della scaramanzia, specialmente al sud. Per qualche giorno sarò ospite di un eremo nel Parco Nazionale del Pollino. Contro il Palazzo, contro la scalogna nera ancor prima della terza maglia che forse metteremo in segno di lutto dopo la morte di un commesso viaggiatore in fila proprio sulla Salerno - Reggio Calabria. E poi anche contro Saturno contro. Unici compagni, alcuni frati di un ordine dalla disciplina ferrea e dal codice etico un po’ in disordine, per di più predicato con la dura cadenza bresciana. Saranno giorni intensi, lontano dal mondo e dalla sua vita convulsa fatta di stiramenti e di appuntamenti che saltano come i legamenti. Lontano dagli infortuni di Gomez e di Rossi, dall’indolenza di Ilicic e dalla traversata in solitario di Cuadrado lungo tutta la spina dorsale della squadra. Andrò a dormire al tramonto e mi sveglierò all’alba come in una sceneggiatura di Tarantino. Consumerò pasti frugali in un refettorio spoglio come il guardaroba di un set a luci rosse, e patirò anche un po’ di freddo nella mia piccola cella. Tutto questo per ritrovare me stesso smarrito in qualche aeroporto della vita. Per vedere chiaro dentro di me come quando la Rita mi fa pulire i vetri. Sono sicuro che così riuscirò finalmente a maturare un proposito che sono sicuro riuscirò anche a mantenere finché campo, o meglio finché la Fiorentina non scenderà di nuovo in campo. Mai più viaggi low cost della speranza. Se la scarogna passa da sola, bene. La prossima volta rimango in San Frediano anche se si dovesse rompere Babacar. Non voglio più rischiare di incontrare Paolo Brosio. Appena arrivo vado subito a pregare in bresciano. Per stasera.

131 commenti:

  1. Sulla Salerno-Reggio c'è un punto in cui, nello stesso momento, mi caddero le palle e la speranza per la sopravvivenza della specie umana. Dovresti riconoscerlo, ci hanno posto una scultura di Pomodoro ad imperitura memoria : due globi enormi.
    Speriamo che, mentre tu starai in mezzo ai frati, noi si faccia al Sassuolo un bello scherzo da prete. Ho sensazioni positive, lo dico già dagli albori di questa giornata, ben conscio che potrei beccarmi del menagramo se le cose non dovessero andar bene. Però sento che sarà la notte del Baba. E la serata dei contropiede.
    Intanto sarà lunga attesa, specialmente per chi, come noi, si è dovuto svegliare ad un'ora in cui i trans si struccano.

    RispondiElimina
  2. Riscrivo qui. Valto, non ho mai scritto e pensato tu fossi un adoratore, quello è riservato a Pollock. E neppure sono così giustizialista nei confronti di Montella. Anche se non mi convince da un anno a questa parte, non ho mai infatti chiesto la sua testa a campionati in corso, auspicando un tirar le somme a giugno con la società. Hanno deciso di confermare la collaborazione, ok, io speravo di no, ma non in corsa. Piuttosto i nuovi e recenti infortuni dei nostri attaccanti, oltre che grave danno tecnico, rinvieranno ancora la sua oggettiva valutazione. Do' atto che l'handicap è evidente per gli obiettivi prefissati, ma non mi piaceranno le scusanti che inevitabilmente verranno in superficie ogni qualvolta il Monty non mi stupirà con esperimenti tattici illogici e nocivi tipo difesa a quattro e 433. Detto questo, la rosa da molto buona passa a buona, qualità che permette ad un buon allenatore di trovare soluzioni alternative per far bene senza piagnistei.
    Formazione per stasera: KURTIC ed altri dieci.

    RispondiElimina
  3. oggi scommetto sulla staffetta Gioacchino-Berna al fianco di Baba e Cuadrado.

    RispondiElimina
  4. Lele, penso che stasera si testerà Baba prima punta al posto di Gomez, e che in base alle risposte del ragazzo si deciderà se proseguire così fino al rientro del tedesco, o se rimettersi a fare nuovi esperimenti, che diventerebbero inevitabili se Baba non dovesse mostrare il fisìc du rol (Colonnello vieni a correggermi il francese!)

    RispondiElimina
  5. Vi scrivo stiracchiandomi, con il mio massaggiatore, Ponzio Pilates, in azione...
    Il CorSport ipotizza e scrive falso-tridente Joaquin-Babà-Cuadrado. Surprinsing, per chi cerca up-rising.
    Sensazioni positive anche per me, non so perché...
    Pensavo a chi ha acquistato la nuova maglia, visto che tra poco vedremo quella con lo sponsor...un po' una sóla.
    POLLOCK, vai a risolvere l'annoso dilemma legato al ponte sullo Stretto? Cioè, si può unire un popolo che quando parla sputa e uno che quando parla aspira?

    Vi saluto, vado al piano sotto, da Lud. Un bacio per tutti (100% Giuda).

    RispondiElimina
  6. Avendo vinto mi son preso la briga di leggere il sitone ed relativi blog.Valtolin,due cose:1-quello che tu rimproveri a LUD è esattamente il motivo per cui,all'interno del blog, c'erano 40 utenti che lo infamavano,costringendolo(per la gioia di molti) ad abbandonare. Perchè la sua è una maleducazione enorme,ma di quelle subdole.Nel senso che non offende con parolacce,ma offende pesantemente con i suoi comportamenti,mancando TOTALMENTE di rispetto agli interlocutori.In quanto non risponde MAI alle osservazioni fatte;non ammette MAI di essersi sbagliato(ironia della sorte quotidianamente chiede che qualcuno si scusi!).E soprattutto,come tu hai ben sottolineato,preferisce che la Fiorentina vada male(se non attua i moduli ed il modo di giocare che lui predilige),pur di poter dire "io l'avevo detto" e di poter chiedere le scuse.Da tifoso questo comportamento lo trovo maledettamente offensivo.Esempio:quando Deyna ha riportato (pazientemente,molto pazientemente) fatti concreti,numerosi e alla portata di tutti,che Montella VUOLE il centravanti classico,LUD non ha mai risposto,se non dopo molti,moltissimi interventi.E la risposta è stata che Montella POTREBBE anche pensarla così,ma che probabilmente non è vero in quanto dipendente della società.Inoltre,quando trova qualche "ex giocatore,esperto giornalista o allenatore" che in qualche modo va incontro alle sue tesi,lo pubblica a supporto del suo pensiero,dando per scontato che sia la verità assoluta.Se la stessa cosa la fai tu,ti trovi davanti due tipi di risposta:una non risposta(cioè soprassiede,non ti calcola proprio perchè dovrebbe ammettere di essersi sbagliato,cosa che gli provoca uno scompenso psico fisico inenarrabile),oppure un "non conta quello che dice in quanto non rispecchia il suo vero pensiero".

    RispondiElimina
  7. Napoli centrale

    RispondiElimina
  8. Ma quello che ancora alcuni di voi non hanno capito,in particolare Deyna in quanto assente per mesi,e tu perchè non lo conoscevi,è che il suo modo di fare è studiato a tavolino.In quanto desidera ardentemente che il suo blog sia visitato e commentato.Quindi ha capito che comportandosi in un certo modo gli utenti,presi dalla disperazione e dalla rabbia,gli rispondono aumentando il numero dei commenti(anche se il 74% sono commenti suoi).Per sua stessa ammissione dialoga con chi "conta" e non con con altri.Il suo giochino inerente le offese ricevute,atto a passare da vittima è il seguente:tu porti numeri,fatti oggettivi,date,pensieri a supporto di una tua tesi(ovviamente in contrasto con la sua).Lui non risponde(come gli hai giustamente rimproverato più di una volta) MAI.Esasperato,dopo tanti post,magari ti scappa una "parolina" di troppo.Dopo un millisecondo vedi che lui ti risponde,ma non a quello che tu pazientemente hai scritto,ma solo alla parolina semi offensiva,facendo la vittima.Giochino che qui sul blog faceva quotidianamente(così come quotidianamente,alla fine,esasperati ed arrabbiati,TUTTI gli utenti si lasciavano andare ad offese).Infine devi sapere che ci sono due tipi di offesa,seguendo il pensiero LUDDIANO: quelle fatte da te,da me,da Leo,McGuire etc etc,che sono deprecabili ai limiti della querela.Quelle fatte da coloro che contano(vedi il Colonnello,che ogni giorno gli offendeva la mamma,la suocera,la ragazza,lui stesso),che non erano offese,ma un semplice modo di esprimersi da toscanaccio.

    RispondiElimina
  9. Io posso fare copia-incolla di quello che scrissi quasi un anno fa e che quindi praticamente "dissi in faccia" a Lud stesso:

    "Allora, parlandoci in maniera molto chiara, dobbiamo prendere atto che su questo blog esiste il problema Ludwigzaller. Ci ho messo un po' a capirlo, all'inizio ero contento della sua presenza nel forum perché mi sembrava una persona molto pacata che esprimeva le sue opinioni con calma ed educazione, a differenza della maggioranza degli utenti del sitone. Beh, sbagliavo. Mi sembra ottima la disamina del Chiari di stamattina: il problema non è quello che Lud sostiene, il problema non sono le cagate che scrive, perché ognuno ha la sua opinione e tutti noi, chi più chi meno, scrive cagate. Il problema (e qui mi rivolgo a Leo) non è nemmeno che Lud capisca o non capisca di calcio. Il problema è più generale e penso che possa venir fuori quale che sia l'argomento in discussione. Il problema, grosso, di Lud è il suo modo di atteggiarsi con gli altri, il suo modo di discutere e di affrontare gli argomenti. Di fatto con Lud è impossibile avere qualsivoglia dialogo - ci ho messo un po' a capirlo ma alla fine l'ho capito - visto che lui ripete sempre la stessa tesi senza tener conto di quanto dicono gli altri: non risponde a tema a obiezioni che gli vengono poste, ma ripete quanto detto prima dell'obiezione, non motiva le sue asserzioni se non con motivazioni che non c'entrano niente, non risponde a domande precise, svia la conversazione quando prende una piega che non gli piace, rigira la frittata e cambia discorso quando messo alle strette. Inoltre usa esattamente il metodo contrario a quello che Simenon descrive essere il modus operandi del Commissario Maigret che ho descritto ieri: pur di avvalorare le sue ipotesi, distorce la realtà, gli avvenimenti, le dichiarazioni interpretandoli secondo quanto conviene a lui. Se un evento o una dichiarazione di una persona non combacia con una sua tesi, nega che l'evento sia avvenuto oppure sostiene che quella persona ha mentito.In ultima analisi, è una questione di logica, ancor più che di dialettica, lo si è visto in certe conversazioni avute anche al di là del calcio, mi sembra che Lud non sappia, o faccia finta di non sapere, utilizzare il più semplice sillogismo, e di fatto non comprende, o fa finta di non comprendere, quello che gli altri hanno scritto. A obiezioni precise, poi, risponde laconicamente che ha già risposto (e non è vero), a discorsi complessi e articolati risponde che sono capziosi e non risponde nel merito.
    La conclusione è che Lud - come gli ho detto un po' di tempo fa - è oggettivamente un troll, per questo sito. Ho già detto anche che devo capire se è un troll doloso o colposo. Secondo Lele e Stefano Vienna è doloso, secondo Blimp è colposo. Io sono indeciso."

    RispondiElimina
  10. Perfetto Anto;esattamente il mio pensiero

    RispondiElimina
  11. In classifica?

    RispondiElimina
  12. Esempio di offesa LUDDIANA"Faccio anch'io i complimenti a chi ha saputo capire che Kurtic era un grande giocatore. Certo si tratta dell'unica valutazione azzeccata in vita loro, Deyna. Anche statisticamente si sa che prima o poi ci devi cogliere. "Non vi sono parole offensive tradizionali,ma il post nel suo complesso è altamente offensivo.Classico di LUD.Ora,se qualcuno gli rispondesse per le rime,ovviamente LUD farebbe la vittima lamentandosi delle offese ricevute.Esempio invece dell'essere NON tifoso viola,ma solo dei propri pensieri(pochi e ripetitivi):. "Il Maestro Manzi prima o poi dovrà fare autocritica, è sulla buona strada perché ha già elaborato un paio di interessanti exit strategies che non ho mancato di annotarmi. Ad esempio ad un certo punto ha scritto: Gomez non sarebbe il primo giocatore straniero che fallisce: ah, ecco!"Quel "ah ecco" finale racchiude esattamente quello che è LUD.Tifoso delle proprie idee.E che per aver ragione non ci penserebbe nemmeno un nano secondo nello scegliere tra le vittorie della fiorentina,magari con tripletta di Gomez,ed eventuali sconfitte con Gomez che fa cacare.Ovviamente la scelta sarebbe la seconda opzione,senza se e senza ma.

    RispondiElimina
  13. E per concludere,se sul suo blog non scrivessero gli utenti del sitollock(compresi gli ex),se la canterebbe e se le suonerebbe da solo.Poco male si intende...

    RispondiElimina
  14. in assenza (non giustificata) del Colonnello, rispettando la gerarchia, ti correggo io: le physique du role

    RispondiElimina
  15. E' il nuovo centrale del Sassuolo che marcherà il nostro falso nueve.

    RispondiElimina
  16. Marchio di fabbrica, definizione giurica: "Il marchio è una parte importantissima nella strategia di vendita e di lancio di un'attività, perché è l'elemento principale con il quale viene identificata e successivamente memorizzata un' azienda. E' il tipo di privativa che conferisce al titolare, persona fisica o giuridica, il diritto esclusivo sull'uso del segno distintivo depositato per contraddistinguere prodotti e/o servizi. Il marchio può essere una parola, una figura, colori, varie forme, o queste cose combinate contemporaneamente. In base alla legge marchi, per essere registrato, il marchio deve possedere due requisiti di validità fondamentali: * la capacità distintiva o originalità * la novità. Tali qualità distintive assicurano che il marchio, per poter essere validamente depositato, sia nuovo e non confondibile con marchi anteriori". Appare chiaro che non è il caso della Fiorentina di Montella, poiché il 4-3-3 non è stato certo il modulo più utilizzato, né Montella l'ha inventato né utilizzato in esclusiva. Soprattutto, l'ha utilizzato - volendo concedere che fosse un reale 4-3-3 - solo costretto dalle circostanze [calo drastico di rendimento di Toni e mancanza di alternative serie nel ruolo di centravanti, infortuni di Gomez, ecc], non per una scelta calcolata e voluta. Infatti quando ha a disposizione tutti gli uomini da lui voluti non lo propone MAI, né puro né impuro. A proposito di questi aggettivi, LUD, non so se te ne accorgi [penso di sì], ma stai facendo del 4-3-3 un simulacro che rasenta certi tipi di fanatismo ideologico o religioso, distinguendolo addirittura per gradi di purezza. Non esiste nessun tipo di 4-3-3 ariano, è solo un modulo, e come tale ve ne sono diverse interpretazioni possibili: con due ali e un centravanti puro, col falso nueve e due trequartisti spostati leggermente sull'esterno, con due ali e un falso nueve, con un nueve falsissimo [cfr. Fabregas centrocampista nella Spagna 2012] e due trequartisti, con un centravanti puro, una seconda punta un po' larga e un'ala, e così via. La tua "via al 4-3-3" non solo banalizza un modulo, ma distorce completamente il pensiero di Montella che (a) non ha mai applicato un 4-3-3 "puro" come dici te, al limite impurissimo, anche data la difesa che solo a tratti era a quattro (b) non ne ha il culto, perché ha detto in tutte le salse che vuole giocare con un centravanti che faccia anche i gol sporchi, in sostanza che segni in tutti i modi e in tutti i tipi di partita una certa quantità di gol (c) se ne fotte dei moduli, per lui conta solo l'idea di calcio, e perculeggia costantemente i giornalisti quando parlano di numerini.

    RispondiElimina
  17. Anche io ho avuto modo, tempo fa, di discutere con quel soggetto. Ma dopo pochissimi post mi resi conto che non c'era discussione nè reale confronto, ma solo argomentazioni distorte, accuse infondate, realtà modificate a proprio piacimento. Noto senza stupirmi che è tipico del personaggio, visto che con tutti si comporta alla stessa maniera. Per quanto mi riguarda, dato che sono una persona semplice ma molto, molto incline a dir le cose in faccia e spesso bruscamente, ho deciso di ignorarlo e smettere di commentare. Soprattutto dal momento in cui venni accusato di maleducazione e arroganza. Io, arrogante...!!
    Fatto preambolo, mi chiedo: ma perché continuate a parlarne? Perché partecipate ai suoi blog? Cioè, in sintesi: ma che cazzo ve ne frega? Così, giusto per curiosità...

    RispondiElimina
  18. In effetti...alle 11 di stamani i commenti sono SOLO di sitollockiani ed ex,a parte UNO solo.Oggettivamente bisogna dare atto allo svizzero di Massaciuccoli che la sua strategia studiata a tavolino funziona....

    RispondiElimina
  19. Ed infine,questo blog che "doveva andare a morire"(non certo alla radio ahahaha) perché infestato da utenti offensivi,maleducati,rutteggianti e scureggioni,come mai adesso è un laghetto lindo e pulito dove si parla di calcio,cucina e cucito(a parte qualche divagazione socio culturale su alcuni utenti sofferenti di problemi di onnipotenza)?Come mai questo cambiamento è avvenuto il giorno stesso in cui UN utente è andato via?Coincidenza?Oppure abbiamo TUTTI fatto un corso di bon ton?Ai posteri l'ardua sentenza(che ardua non è per niente...)

    RispondiElimina
  20. a proposito,ma stasera gioca Krasic?(ahahahahha)

    RispondiElimina
  21. Gran corsa, scatto, sarebbe ideale per il 4-3-3 puro!

    RispondiElimina
  22. Vita, quando Baba iniziò ad affacciarsi in prima squadra, notai un tentativo di somigliare a Balo pure negli atteggiamenti indolenti, figli di una mentalità non rara negli africani. Sinisa disse che arrivava agli allenamenti, credendo di fare un piacere agli altri. Ne ho annotati diversi di buoni finiti in serie minori non all'altezza delle loro potenzialità. Da questo assunto, mi sono stropicciato gli occhi vedendolo lottare su ogni pallone contro il Real, partita amichevole finché si vuole, ma che gli ha fruttato anche i complimenti, non certo dovuti, di Ancelotti. Dando il giusto tributo a Novellino, uomo di calcio che ha fatto davvero un grande lavoro sul ragazzo, passo a fornire aggiornamento della mia formazione, che lievita in indicazioni:
    Kurtic, Baba e altri nove.

    RispondiElimina
  23. Anche in campo ha un atteggiamento completamente diverso: prima era molto molle, e in fase di non possesso si limitava a corricchiare svagato, mentre ora è molto più deciso, ha il gusto di fare a sportellate, e pressa come un pazzo. Oltre che sulla mentalità lo staff di Novellino deve aver lavorato anche sul fisico, perché prima di Modena Baba si infortunava costantemente, là ha trovato continuità e si è considerevolmente irrobustito.

    RispondiElimina
  24. Se entrambi crescessero come possono fare, un futuro attacco Babacar-Rebic sarebbe di una potenza impressionante...

    RispondiElimina
  25. Forse anche le battutine del cazzo di Simona Ventura erano a vanvera e questo è davvero un '93 al quale doveva esser dato il tempo anche di farsi il fisico

    RispondiElimina
  26. Per me Novellino ha fatto un mezzo miracolo. Agire sulla mentalità e inculcare la sopportazione al sacrificio fisico, è roba ardua.

    RispondiElimina
  27. e io ce l'ho sempre con voi che gli date spago. Mi sembrate "Cecco mi tocca","dai Cecco toccami che la mamma la un vede!", "mamma, Cecco mi tocca!". Se uno lo considero come lo considerate voi, e mi associo in pieno, non lo cago nemmen di striscio e punto.

    RispondiElimina
  28. Sì, Lele poi ci potrà informare meglio sulla storia dell'età dei calciatori africani. Fino ad alcuni anni fa poteva essere credibile che ci fossero ampi divari di età tra carta di identità e realtà, oggi non credo, visti i mezzi messi a disposizione dalla scienza...Un tipo di fisico come quello di Babacar, comunque, richiede più tempo per essere costruito e "riempito" rispetto a quello di un Rossi...

    RispondiElimina
  29. Pitino l'ho appena detto qui sotto, i misteri della psiche umana.

    RispondiElimina
  30. Lele hai colto nel segno.Forse a quei tempi(quando esordì) era veramente troppo giovane,sia di testa che di fisico.Se il lavoro iniziato da Novellino fosse finito (in modo corretto) da Montella,potremmo trovarci un grande attaccante per le mani,davvero.

    RispondiElimina
  31. Comunque ripensando ai moduli, il 4-2-3-1 che va tanto oggi, Bayern e Germania in primis, credo sia una creazione di Menotti per l'Argentina Campione del Mondo '78. Una difesa a quattro comandata dall'immenso Passarella, un cacciapalloni come Gallego davanti alla difesa a proteggere il todocampista Ardiles, le ali Ortiz/Valencia e Bertoni in linea col trequartista Kempes che si inseriva in area, e il centravanti Luque...Certo per fare un modulo del genere sono indispensabili i Gallego, i Mauro Silva, i Mascherano, i Javi Martinez...

    RispondiElimina
  32. Allora ora fai come Cristo: fermati a Eboli!

    RispondiElimina
  33. Parlando di moduli e facendo venire l'orticaria a Stefano,secondo me,con tutti i titolari a disposizione il 3-5-2 era il modulo ottimale.Sempre che fosse attuato con Cuadrado da una parte e Vargas(ot simila) dall'altra.Altrimenti avrebbe ragione Stefano,non sarebbe un 3-5-2,ma un 5-3-2.Come quello di Conte(Lich e Asamoah) o come quello mazzarriano(Maggio e Zuniga ieri,Johathan/D'ambrosio e Nagatomo/Dodò oggi).Ma il modulo in fin dei conti è un falso problema.Perchè(infortuni a parte) quest'anno Montella ha veramente una rosa completa,composta da uomini con caratteristiche diverse fra loro.Quindi assisteremo(secondo me) ad una continua variazione sul tema,a seconda dello stato di forma,del turnover e dell'avversario che andremo a trovare.Tanto per Montella i moduli contano il giusto.Importante è l'atteggiamento nel complesso della squadra

    RispondiElimina
  34. Jordan,dopo averci battuto i'capo adesso la penso esattamente come te;il fatto che ne parli è per tentare di spiegare(anche se vedo che non ce n'è bisogno)a Deyna in quanto assente per mesi,ed ai relativi nuovi(Valto,Liuka etc etc) il perché di alcuni nostri comportamenti stizzosi nei confronti dello svizzero lucchese.E ne approfitto per dirvi che sul blog di LUD non sono io il multinick che sta riportando i nostri interventi(tra l'altro facendo pure confusione,addebitando a me post di Deyna).

    RispondiElimina
  35. ahahah "...up patriots to arms, AAANGAGE VUUU..."

    RispondiElimina
  36. Mah, per me fate troppi tentativi di fenomenologia sullo Zallero. Per me è semplicemente uno che vede il calcio a modo suo, crede di capirci ( come tutti del resto) e non accetta appunti che mettano in discussione questa sua convinzione ( come parecchi del resto).
    Personalmente, i motivi per smettere di interloquire con un soggetto esulano dal fatto che si sia d'accordo o meno. Io smetto di avere un dialogo se vengono a mancare una certa umiltà , ironia e autoironia e se si resta confinati nei limiti minimi del rispetto personale. Se ci sono, si puó continuare pure a viaggiare all'infinito su rette parallele di modi di veder le cose, tanto ognuno, intimamente, è convinto d'aver la ragione dalla sua parte. Se vengono a mancare, il soggetto in questione mi sparisce da sotto agli occhi senza nessun problema .
    Parlando d'altro,
    quando si parlava di Baba, tempo fa, ci si dimenticava che fosse solo un diciassettenne lontano migliaia di chilometri da casa. È stato giudicato finito che non aveva ancora venti anni senza tante attenuanti, coprendolo di giudizi che avrebbero distrutto un uomo molto più maturo. Io ci ho sempre sperato e lo scrissi anche all'inizio della scorsa stagione. I mezzi li aveva, l'età era ancora molto verde, mi sembrava un peccato mortale non credere ad una crescita personale che poi è difficoltosa per tutti.
    Come per Vargas, sono enormemente felice che le cose siano migliorate, ed è una felicità che prescinde dal fatto che abbiano una casacca viola.
    Poi , se stasera Billy serve anche due fichi al Sassuolo, sarò ancora più contento.

    RispondiElimina
  37. " se non si resta confinati" più in alto...

    RispondiElimina
  38. Baba e Balo hanno in comune una cosa ben più importante del colore della pelle, e cioè il fatto di essere stati dotati dalla natura di doti fisiche eccezionali che hanno permesso loro di fare i fenomeni fin da quando erano ragazzini senza dover mai fare fatica. Loro sono sempre stati i più alti, i più veloci e i più forti in ogni partita fin da quando erano alle medie, vincendo ed emergendo quasi senza sforzo. Un Giuseppe Rossi a 10 anni era un nanetto non particolarmente veloce, e per diventare il grande calciatore che sognava di diventare si è dovuto fare un culo tanto passando ogni pomeriggio della sua vita a provare a migliorare il suo sinistro, ora dopo ora, giorno dopo giorno, finché non è arrivato a quel sinistro killer che tanto ci ha fatto godere l'anno scorso. Secondo voi quale tra questi due percorsi di vita forma maggiormente il carattere allo spirito di sacrificio? L'indolenza è tipica di chi è sempre stato il migliore senza dover sudare e doversi mettere in discussione, soprattutto da giovanissimi. Poi alcuni crescendo si rendono conto che nel mondo degli adulti essere grandi e grossi non è garanzia di successo, e se vogliono emergere si devono fare il culo. Sembra che Baba abbia appena fatto questo scatto di maturazione, spero che sia così e che possa diventare il grande campione che madre natura gli ha dato la possibilità di diventare.

    RispondiElimina
  39. E anche Balo ha ancora margini, anche se sempre più ristretti. Alla sua età, Michael Jordan era il Balotelli dell'NBA, fenomeno individualista montato e perdente, e poi è diventato l'esatto opposto. Chissà che Balotelli non abbia la fortuna di incontrare il suo Phil Jackson e l'umiltà di riconoscerlo e ascoltarlo.

    RispondiElimina
  40. Un insulto razzista! POLLOCK, ti svelo perché Cristo si è fermato a Eboli; non é vero che si fermò li perché Matera e Potenza gli facevano schifo, non é vero che fu fermato dopo aver ingerito mozzarelle alla diossina, non è vero che ospite dei casalesi (che stanno molto più su......ma stanno anche in Campania!), no.
    Cristo si fermò a Eboli perché voleva stare a Eboli. Punto.
    Non a caso un altro profeta, disciplina diversa, volle andare li. Dirceu.

    RispondiElimina
  41. Novellino sta già plasmando bene Acosty.
    Certo che una viola con Baba, Piccini, Acosty, Fazzi (sta giocando bene a Perugia), Bernardeschi (anche se pescato da Giovanni Galli) in rosa...sarebbe un altro lascito di Corvino! Alcuni diventerebbero paonazzi. Oltre che con i capelli biondi pettinati benissimo....

    RispondiElimina
  42. Lele, sono d'accordo con quanto hai spiegato su Baba dal suo esordio a oggi, stasera mi auguro di vederlo titolare e incisivo (non obbligatoriamente segnando, ma almeno tenendo impegnati i centrali avversari e non restando avulso dalla manovra). A propostito del tasto sui ragazzini da te toccato, e riallacciandomi anche al sogno canterano ipotizzato qua sotto dal Sopra, un mio mezzo parente, che è socio di un noto locale della movida estiva della zona, mi ha detto che tra la seconda quindicina di agosto e la prima di settembre, per più volte a settimana, il locale è stato frequentato da un giovane di proprietà viola -uno di cui parlano bene- che ogni volta nè è uscito solo a chiusura e ben imbenzinato di cocktails nello stomaco e nella (appannata) mente. Ora, lungi dal voler fare il bacchettone (certe cose a vent'anni le abbiam fatte tutti o quasi), penso che questo sia il modo più veloce per far rimangiare le promesse, soprattutto per uno che ha la sua prima chance di giocare tra i professionisti e che è convalescente da un brutto infortunio. Problemi soprattutto loro, ma un po'ce le fanno girare, a noi che prospettiamo loro un futuro dopo averne viste le qualità tecniche.

    RispondiElimina
  43. Comunque avvicinare Balo a Baba é esclusivo merito del colore, sai quanti attaccanti fisicamente prestanti ci sono in Inghilterra e Francia. Da noi sono rari ed é per questo che si creano somiglianze tecniche. Dopo Varsavia, io avrei consegnato a Baba la maglia titolare, ma non estremizzato a sinistra, dove perdono di valore le sue qualità, piuttosto messo proprio accanto a Gomez il quale si sarebbe giovato del lavoro piu' pesante che l'altro avrebbe fatto.
    Si é visto che l'attuale Gomez solo in area non regge l'impatto, per ora.
    E dato che Montella si diverte a stupirci con Alonso e Pasqual insieme, esempio, propongo la seguente soluzione:
    Kurtic, Baba, Neto in porta e per le altre otto maglie, lancio in aria e ammucchiata di tutta la rosa per acchiapparle.
    (soluzione dettata dal SOPRA mi pare)
    DEYNA, gli anni venivano sforbiciati facilmente una volta, complice un'anagrafe di fatto inesistente, specificatamente nei villaggi sperduti, una cultura che non dà all'età una vera importanza ( mi succede talvolta di chiederla e per sentirmi rispondere, prima dell'indipendenza o dopo...) ed ovviamente le federazioni complici.
    Nota esempio la vittoria del mondiale under 17 del Ghana contro il Brasile, dove era facile scoprire avessero una media molto piu' anziana. Per citare esempi famosi, Weah e Kuffour ( che per anni é stato fermo a 18...e lo so perché ero li' ) avevano 4/5 anni in piu', ma quasi tutti quelli della loro generazione. Oggi é diverso, i controlli sono migliorati e Baba ha senz'altro gli anni dichiarati.

    RispondiElimina
  44. rebic o camporese?

    RispondiElimina
  45. "La società mi ha accontentato", "Siamo tutti uniti...", "Lotteremo per traguardi importanti...", "...Sapevo che il budget era questo e non ho mai fatto richieste alla societá...", "Sono contento degli uomini che ho..."; dopo queste risposte preconfezionate dall'SS Napoli è messe in bocca a Benitez, presto vedremo veramente 11 maglie tirate in alto e chi le prende, chi salta più in alto-afferrandola- gioca (penalizzati Gargano e Insigne).

    RispondiElimina
  46. Non è africano, e siccome è uno ancor meno "arrivato" di quelli nominati da Pende, invece di infierire lo tutelo mantenendo stretto riserbo sul nome. Ho citato il suo caso solo perchè, oltre a essere recente, spesso noi ci sbilanciamo su qualcuno che promette, ma queste fave poi ci fanno passare da incompetenti, ahah, quando invece si rovinano spesso da soli (ovviamente sperando che questo ragazzo non arrivi a tanto).

    RispondiElimina
  47. Hegazy è africano tecnicamente, quindi si tratta di Venuti, claro.

    RispondiElimina
  48. E Roger Milla quanti anni aveva in più dei dichiarati? Già con l'età dichiarata ha giocato un Mondiale (dove ha pure segnato, mi pare) a 42 anni, se poi ne aveva anche qulcuno in più...

    RispondiElimina
  49. Conseguita da Montella la cintura nera, primo Dan, di sfiga: si è fermato anche Vargas.

    RispondiElimina
  50. Siete d'accordo con i 40.000 posti previsti per il nuovo stadio, di cui 4.000 assicurati per gli ospiti? In vista di un rilancio ambizioso e un futuro in CL a me sembrano pochini...D'accordo che non si può fare il passo più lungo della gamba, ma qualcosa in più occorrerebbe. Mi sa che tengano di più alla parte commerciale circostante...

    RispondiElimina
  51. Nema problema, c'è Occhio di Pernice, per gli amici Quasimodo.

    RispondiElimina
  52. Che gran giocatore, Dirceu...Sottovalutatissimo

    RispondiElimina
  53. Comunque Sarri è un eroe.

    RispondiElimina
  54. Il merdus stadium ne conta 41000 e loro potrebbero riempirlo anche se fosse ventimila sopra. Credo che la dimensione sia quella giusta per bacino d'utenza.

    RispondiElimina
  55. 40.000 per vederlo pieno 6 volte l'anno (Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma, Lazio), poi lo vedremo con 35.000 spettatori la maggior parte delle volte....

    RispondiElimina
  56. Ma sì dài, almeno in questa epoca il Franchi non arriva (quasi) mai a 40.000. Forse uno stadio più confortevole in fatto di visuale, poltroncine, bar, cessi, parcheggi, intemperie e logistica farebbe tornare qualcuno che ha smesso. Ma anche il nuovissimo stadio della squadra più tifata d'Italia ha 40.000 posti e non si riempie mai. Però è anche vero che questo stadio si trova ad una estremità del paese, e buona parte dei gobbi nell'altra. Boh, la questione è intricata. Attualmente direi che 40.000 è una soglia ragionevole per le dimensioni di Firenze e della Fiorentina, e per il momento storico. Se può esser costruito con struttura modulare, si taglierebbe la testa al pomodoro (così reinvito anche Antoinerouge!)

    RispondiElimina
  57. La juve non mi pare abbia mai avuto un grandissimo numero di tifosi da stadio, e quelli che magari avrebbe non si sobbarcano certo lunghissime trasferte dal profondo Sud...

    RispondiElimina
  58. Il periodo in cui giocarono a Milano, in casa, riempirono sempre il Meazza. Uno stadio più ampio se lo potrebbe permettere una squadra metropolitana. La Roma ha presentato un progetto da 52.000 posti credo sia anche una questione di sicurezza: è molto più semplice controllare uno stadio pieno e senza vuoti che uno stadio in cui sarebbe possibile muoversi a causa di questi. Un seggiolino, un numero, un biglietto, un identificato.

    RispondiElimina
  59. Scusate la mancanza di suddivisione dei periodi, sono stanco come la merda...

    RispondiElimina
  60. A me sembra un peccato non lasciare un margine, e basarsi solo sui dati attuali, che penso siano ai minimi storici. Solo per la novità, la maggior comodità e l'appeal del nuovo stadio, si dovrebbe considerare un incremento di 5/10.000 unità, se non da subito in un anno o due. Se non lasci quel margine, ti castri da solo...

    RispondiElimina
  61. Incrediile inzaghi,ieri ha rinunciato al falso nove!.Chissà il soggetto che ne pensa,visto che aveva indicato il Milan come ulteriore squadra adottante tale modulo(ovviamente chi sommessamente gli aveva fatto notare che giocava così causa infortunio di Pazzini ed arrivo all'ultimo giorno di mercato di Torres non ha ricevuto risposta alcuna)

    RispondiElimina
  62. Lo stadio da 40.000 posti va bene,a condizione che ci sia una squadra che lotta ambiziosamente;anche se tanti che oggi non vengono per la scomodità,per la pioggia,per la visuale, verranno.

    RispondiElimina
  63. Piove sulla signorina Silvani.

    RispondiElimina
  64. Per me c'è anche un altro aspetto: siccome i fatturati di 60-70 milioni di euro non è che lievitino significativamente con 5.000 biglietti venduti in più, e siccome con un'eventuale richiesta di 80.000 biglietti a fronte dei 40.000 posti la società potrebbe rispondere raddoppiando i prezzi (facciamocene una ragione, non è un ente no-profit, nonostante ci siano in ballo i sentimenti dei tifosi), credo che considerino più importante vedere lo stadio sempre pieno che avere una tantum 5-10.000 spettatori più del solito. Lo stadio senza "vuoti" è un'immagine più fotogenica e telegenica di uno stadio più grande ma con dei vuoti, quindi un'immagine più appetitosa per le TV e il merchandising nel mondo, voci che se riesci ad ampliarle ti portano ben altro incremento di guadagno rispetto al vendere qualche biglietto in più.

    RispondiElimina
  65. Stasera qualche soggetto farà il tifo per la Fiorentina,per la prima volta dall'inizio del campionato

    RispondiElimina
  66. Soggetto:"Ultima chiosa a Valtolin: con il modulo da cui sarei ossessionato, la Roma è favorita per il titolo."Al soggetto andrebbe ricordato che gli ultimi 3 scudetti sono stati vinti da una squadra che ha SEMPRE giocato col 3-5-2(5-3-2).Quindi?

    RispondiElimina
  67. Non a caso senza falso nueve il milan non ha vinto.

    RispondiElimina
  68. Questa può essere una buona ragione, speriamo non ci rimettano col tempo troppi tifosi della Fiorentina che vogliono sostenere la squadra...

    RispondiElimina
  69. come la merda, lo uso spesso anch'io. spesso come la merda. è poliedrico

    RispondiElimina
  70. Velocemente:
    1) E' ufficiale: Foco porta sfiga. Anche Vargas, sembrerebbe. Siete autorizzati tutti a vivere con ansia e terrore, pensando ai seguenti tesserati: Gonzalo (gamba polverizzata tre volte, nel sottomarino); Pizarro e Borja (schiene fragili per età e stanchezza); Mati (caviglia in pappa ogni tre per due anche da noi); Marin (nemmeno è partito, che sia già rotto?), Hegazi (neanche a parlarne). E per fortuna che abbiamo "prestato" appena in tempo Piccini (andato), Rebic (andato), Camporese (questione di giorni).
    2) E' ufficiale: nessuno farà più l'attaccante nella formazione viola. Gomez, cassato un tre, sarà inserito come esterno difensivo basso a sinistra (un "alto basso", in pratica) e Rossi, visti gli ultimi problemi di mobilità, diventerà portiere. Babacar, invece, giocherà da centroboa pallanuotistico, sempre che si riesca a trovare un costume che contenga la sua prorompente "vitalità". Ilicic, vista la sua ritrovata mobilità, sarà dipinto di rosso e bianco ed utilizzato come boa (in senso stretto). Il Berna, assieme a Vargas, in panchina: quando si spettinano è un problema, non solo per gli avversari. Il Pek, per dare equilibrio alla squadra, sarà spostato avanti (così, almeno, avremo anche un "basso alto").
    3) Foco desertifica anche le risorse del blog. Ieri sera nessuno in casa (son rimasto fuori, con camomilla al Biancosarti e tutto il resto), erano tutti nel blog dentro al blog a spintonarsi per parlare straniero. Se il Pollock non torna presto, Deyna, Val ed il Sopra ce li giochiamo: si rifugeranno in terreno neutrale, di là dallo specchio.
    4) Sarri è il mio eroe (sono in prima linea con il polacco). Se continua, lo voglio ad allenare la Viola: non si vincerà nulla lo stesso, ma uno così sono disposto ad ammirarlo a prescindere.

    RispondiElimina
  71. no ma ragazzi la cosa più folle è che a me il 4-3-3 piace un sacco...

    RispondiElimina
  72. Vero Vita..ma come i tossici procedo per gradi;ad oggi ho smesso di postare sul suo blog,mi limito alla presa di culo.Inoltre avendo vinto sono andato sul ditone

    RispondiElimina
  73. Ci sono più modelli da seguire:
    a)Inghilterra: allo stadio come a teatro, prezzi inaccessibili ai comuni mortali, pienone, quattrini da tutto il mondo che ti guarda, squadre competitive a livello internazionale;
    b)Stella Rossa: stadio enorme ma vetusto, pienone, torcide, facinorosi, totalmente tagliato fuori dall'accesso alla Champions che invece in altri tempi ti permettevi anche di vincere.
    c)Dortmund: sintetizza il meglio di Inghilterra e Stella Rossa tagliando fuori il peggio di entrambe, squadra oggi competitiva quasi quanto le inglesi con possibilità di superarle negli anni futuri.
    d)Firenze?
    e)Italia?

    RispondiElimina
  74. È che ho sempre sognato, un giorno, di indossare quella maglia e, piano, piano, la prospettiva di una convocazione s'avvicina...

    RispondiElimina
  75. comunque ci rinuncio, avete ragione voi, è inutile. Scrivo un post di una pagina in cui faccio l'elogio del 4-3-3 e mi risponde dicendo che la Roma col 4-3-3 vince. Boh. O è completamente scemo (e non credo) o davvero ha la faccia come il culo nell'ignorare completamente quello che dicono i suoi interlocutori. Bah.

    RispondiElimina
  76. Intanto, a quindici chilometri da casa mia...

    http://www.ternieprovincia.com/index.php?act=news&id=13421

    RispondiElimina
  77. volevo dirvi che nel frattempo il PAOK è primo in classifica in Grecia. Mi sa che sarà di gran lunga la trasferta più tosta...

    RispondiElimina
  78. Il soggetto è come quello che va contro mano in autostrada urlando:" ma quanti pazzi ci sono che vanno in contromano???"

    RispondiElimina
  79. Via, vo a mangiare un paninozzo e poi mi dirigo la Franchi stadium a vedere la doppietta di Baba.Bona

    RispondiElimina
  80. Usa il 4-3-3 con falso nove?

    RispondiElimina
  81. Oggi vedremo il vero 4-3-3. Lo farà il Sassuolo. Lo dicono le caratteristiche dei suoi terzini, quelle dei centrocampisti e quelle delle punte. Lo diranno anche i movimenti in attacco e quelli del centrocampo. Logicamente noi giocheremo in maniera diversa da loro. I loro mediani difficilmente si scambieranno la posizione, i nostri ruoteranno come il solito. I loro terzini proveranno ad arrivare al cross più dei nostri. I loro attaccanti manterranno fasce e posizioni, mentre i nostri agiranno in maniera meno rigida. Noi faremo molto possesso palla come al solito, mentre le loro dinamiche saranno più verticali, come prevede l'ortodossia di un calcio con tre attaccanti veri. Insomma, nonostante verranno entrambe presentate con numerini simili, solo una disegnerà sul campo quel tipo di schema. E io spero che vinca quell'altra.

    RispondiElimina
  82. Ovviamente secondo me.

    RispondiElimina
  83. Manca coraggio sulla trequarti. Servono penetrazioni. Baba è dinamite ma non viene innescato con passaggi decenti. Frulliamo attorno all'area come da tradizione di questo schieramento con le "ali". Mancano le palle del Pek.

    RispondiElimina
  84. All'ultima frase, toglierei "del Pek". Ha senso anche così, forse anche di più. Quel che volete: 433, 352, 4321, 4231, 4222... Mi annoio come da tempo non succedeva. E meno male che c'è andata mia mamma al posto mio, allo stadio.

    RispondiElimina
  85. Sassuolo con tattica peggiore del Genoa. 4-3-3? Zeman bestemmierebbe, guardando il Sassuolo, banda di mentecatti venuti a giocare anacronisticamente per lo 0-0, con nessuna anima santa che spieghi ai modenesi che esiste la regola dei tre punti....Mortacci loro!!

    RispondiElimina
  86. stavo per scrivere esattamente la stessa cosa. Altro che Zeman. Perdita di tempo sistematica al 30* del primo tempo. Che imbarazzo. In serie B loro e quello sfruttatore schifoso del loro padrone...

    RispondiElimina
  87. Ho visto solo 20 minuti per problemi tecnici, gli stessi che mi rendono disagevole accedere al sitollock. Quindi parlo con poca cognizione di causa. Aveva senso lasciare fuori Mati fino all'84? SOPRA d'accordo che le squadre si chiudono a testuggine, ma possibile che non riusciamo mai a segnare?

    RispondiElimina
  88. Niente, non c'è verso di uscire da questo tipo di gioco che ci impermeabilizza l'area di rigore altrui. Secondo avversario reso inerme ma lasciato vergine dopo novanta minuti di preliminari inutili. Senza penetrazioni, senza uno schema mirato a servire gente davanti al portiere, rimaniamo impantanati ai lati dell'area, dove nessuno si sogna di buttarsi dentro creando ingorghi inutili.
    Non è più questione di centravanti, ma di mancanza di un minimo di conoscenza dei movimenti essenziali d'attacco. Cuadrado tutto fantasia è pari e patta con il Cuadrado mortificato a centrocampo. Tanta bellinezza, intesa nei due possibili significati. Ormai facciamo sei passaggi anche sui corner.
    Me ne sbatto il cazzo dei no-look a centrocampo.
    Ad un certo punto, il commentatore di Sky ha detto che Montella li rimproverava perché facevano troppo giro-palla e non sfondavano mai. Cosa che mi fa pensare: è lui che non si sa spiegare, o sono i calciatori che si cacano in mano e non si prendono responsabilità?
    Urge iniezione di nerbo, altrimenti diventerà campionato inutile già a Natale.

    RispondiElimina
  89. Non so alla TV,ma allo stadio ho assistito ad una farsa;11 sulla linea di porta,con l'unico scopo di distruggere.Inoltre non saremmo la Fiorentina se lo sculo non ci accompagnasse sempre e comunque.Valero,1 millimetro ed era gol.Palo clamoroso anche di Cuadrado.20 tiri.Certo abbiamo le nostre colpe...Ma giocare contro chi difende in 11 sulla linea di porta.Bisogna che Montella ed i giocatori trovino qualche soluzione quando si gioca contro questi anti calcio.Tipo sulle palle da fermo.

    RispondiElimina
  90. anch'io avrei messo dentro Mati e non Ilicic al posto di Cuadrado.

    RispondiElimina
  91. Guardando i gol ho visto che l'Inter ha fatto 2 gol su calcio piazzato ,di cui uno diretto;la Roma ha vinto su calcio piazzato;la Juve ha sbloccato su calcio piazzato(rigore);il Napoli ha sbloccato su calcio piazzato.Esattamente quello che intendevo io....

    RispondiElimina
  92. Come col Genoa, un gol avrebbe dato la stura alla goleada. Ma quel gol lo devi cercare con la bava alla bocca. Altrimenti son tutti minuetti del cazzo.
    Prima un po' di furore , poi ci mettiamo parrucca, cipria a scarpe con la fibbia.

    RispondiElimina
  93. Nell'andata del primo anno di Montella, quando Jovetic c'era e non c'era, Ljajic segnava ancora poco e l'unico a buttarla dentro su azione era ogni tanto Toni, ne segnammo una caterva sui calci piazzati, dal ritorno ai giorni attuali sono diventati via sempre meno fino a sparire

    RispondiElimina
  94. La forma fisica per la viola c'é, il gioco- pur prevedibile ma comunque intenso (e con velocità che sta salendo decisamente)- produce la solita mole di potenziali azioni pericolose che però si fermano a..."pericol...".
    Questa sera grande spirito e abnegazione di tutti, ali e punte che ripiegavano per riconquistare subito la palla, terzini propositivi ma la palla in area non arrivava mai come si deve; pochi cross, mai tagliati, troppe palle morbide e soprattutto nel secondo tempo grandi assembramenti in area con la palla che però riusciva ad essere "ad hoc".
    La Fiorentina brutta prende tre punti a Bergamo, la Fiorentina bella non vince oggi. Eppure la massa ha scritto che a Bergamo non meritavamo. Oggi?
    Due pali, tre belle parate (ricezione e presa pessima, per Consigli!) e nessun pericolo in difesa. Kurtic è quello che occorreva per tenere coperta la linea difensiva.
    Andremo a prendere tre punti a Torino, giocando male.
    Oggi nessuno ha giocato male, mancato solo il gol. Pagelle belle...

    NETO SV, poteva stare anche Lazzerini a raccogliere palle sul fondo. Cosa dire? In-operoso.

    TOMOVIC 6: vispo, attento, fluidificante più del solito. Cosa dire? In- atteso.

    SAVIC 6,5: non passa nessuno, anche perché nessuno attacca. In-attaccabile.

    GONZALO 6,5: pulito, preciso, nullafacente causa non-attacchi. In-cattedra.

    ALONSO 6: corsia libera, ogni tanto faceva a capocciate con Cuadrado (primo tempo) o con Valero (ripresa). In-ciampatore.

    KURTIC 6,5: c'è, c'é, c'é! Quando si accorge che lui vale due dei modenesi decide di andare anche a fare l'ala. Spende energie ma é lucido. In-auge.

    VALERO 6,5: cicca una palla-gol che un bambino avrebbe messo all'incrocio, coglie il palo con tiro da "Alla Goriziana". Ricama belle trame. In-ripresa.

    AQUILANI 6,5: uomo-ovunque, corridore indefesso ma senza tiro in porta; Montella lo schiera, pur senza rinnovo. E fa benissimo. In-fieri.

    JOAQUIN 6: bella prestazione, per quasi un'ora tiene botta. In-apnea (dopo).

    CUADRADO 6,5: qualcosa fa sempre accadere, pur senza istinct-killer. In-palla.

    BABACAR 6: inventa un paio di situazione pericolose ma non ci sono palle nitide, pulite per lui. Presenza imponente, darà soddisfazioni. I(m)n-ponente.

    BERNARDESCHI SV: anonimo. I(m)n-pomatato.
    ILICIC SV: anonimo. In-utile.
    MATI F. SV: poco tempo per cambiare il volto della partita. In-panchina.

    MONTELLA 6: con quello che rimane del parco attaccanti fa il possibile. Paga lui gli errori medici? Paga lui l'attacco giovane? In-defesso.

    RispondiElimina
  95. Rigore della Juve vergognoso. Allora ogni partita dovrebbero fischiarne 2 o 3...

    RispondiElimina
  96. Davvero...roba da ufficio inchiesta

    RispondiElimina
  97. Statistica impiatosa quella che vede un gol segnato e differenza reti a -1. Inizio che doveva essere in discesa e ci vede oltre metà classifica. Non riesco a capire se siamo fuori condizione (probabile) o se siamo già su buoni livelli fisici. La preoccupazione per questo inizio di stagione comincia a salire in quanto: manca un risolutore davanti, il top player per vari motivi (forma, contratto, posizione e stimoli) per ora ci fa rimpiangere di non aver trovato il giusto acquirente, a centrocampo la palla gira ma troppo lentamente, sugli esterni difensivi è meglio stendere un velo pietoso. Ora attendiamo che Marin si sveli e speriamo che sia una ventata di fresco, in quanto il resto per ora sa di muffa.

    RispondiElimina
  98. Neto s.v.; Tomovic 5.5, Savic 6-, Rodriguez 6, Alonso 6+; Kurtic 5.5, Aquilani 6+, Borja Valero 6+; Joaquin 6, Babacar 6+, Cuadrado 5.5 [Bernardeschi 5-, Ilicic 5, Mati Fernandez s.v.]. La Maquina si è trasformata in un macinino d'epoca, ben lustrato, dalla bella linea vintage, ma che ormai procede con la lineare, esasperante "velocità" del trattore del lynchiano "Una storia vera". E' titicche titocche, e del più scadente. Nessun cambio di marcia, nessun cambio di idee, nessuno schema offensivo per penetrare il muraglione del Chievo. Possesso palla come lenta agonia, soprattutto per il povero tifoso viola. Non è questione di moduli, e nemmeno di uomini: mancano movimenti, convinzione, condizione fisica, palle. Certo, ad aver avuto Gomez e Rossi nei loro cenci magari il golletto ci scappava - alla fine abbiamo ugualmente colto due pali - ma la prestazione sconfortante contro una banda di raccattati sarebbe rimasta, con i problemi ineludibili. Neto? Nemmeno una parata. Tomovic e Savic pochissimo impegnati dietro, e al solito approssimativi coi piedi, specie il serbo chiamato ahinoi ad attaccare sulla fascia. Meglio Alonso, che si inserisce con personalità in avanti, tira, anche se è ancora impreciso al cross. Buono Gonzalo, anche se col passare del tempo si innervosisce per frustrazione. Passo indietro di Kurtic, che cala coi minuti, mentre Aquilani fa due buone aperture di tempo. Borja ancora non brillante, ma in crescita, e avrebbe meritato il gol per come si è portato avanti la palla in palleggio ed ha toccato di esterno cogliendo in controtempo Consigli. Solo palo. Palo anche per Cuadrado, meno esibizionista del solito [recente], ma molto fumoso al netto di rotazioni di caviglia e no look. Bene Joaquin, che purtroppo è agé. Grande impegno di Babacar, mai innescato come si deve. Ma lotta, anticipa, si rende pericoloso e prova il tiro. Impalpabili i due fantasmi mancini subentrati, specie Bernardeschi, giocatore ecologico, a impatto zero sulla partita. Occorre un cambio di mentalità, una sterzata. Sùbito.

    RispondiElimina
  99. Senza polemica,davvero,cosa di diverso avreste fatto voi nei panni di Montella?

    RispondiElimina
  100. I movimenti servono per creare spazio e liberare qualcuno al tiro;l'uno due veloce serve a saltare l'avversario.Ma se una squadra difende in 11 in 15 metri trovare un metro di spazio diventa difficile,difficilissimo;certo che qualcosa in più me l'aspettavo

    RispondiElimina
  101. Avrei dato a questa squadra qualche schema offensivo, visto che in tre anni ancora non se n'è vista traccia. Naturalmente non lo avrei potuto fare nel pre-partita...

    RispondiElimina
  102. Non resta che vincerle tutte in trasferta, allora, e mettere in conto gli 0-0 casalinghi.

    RispondiElimina
  103. Non mi piace- di regola - evocare cavalieri bianchi che vengano a salvare pulzelle viola, pero', con il caveat di prima, insisto nel dire che Ma ti era stato il migliore domenica, non e' neanche nella lista UEFA, possibile non riesca a giocare tre partite di seguito. O quantomeno due e mezzo? In generale mi sembra ci sia un po' di inerzia nei cambi che sembrano arrivare sempre un po' tardi.

    RispondiElimina
  104. Magari non giocheremo sempre contro squadre che di chiudono solo in 20 metri davanti alla porta senza mai passare la metà campo,e magari non prenderemo 2 pali a partita..ma con questo non voglio dire che non si poteva fare di più.Ho detto che Montella ed i giocatori devono trovare soluzioni per bucare le squadre così chiuse.Ma che sono 3 anni che non si vede uno schema mi pare una visione pessimista quantomeno...o forse sono io troppo buonista non lo so..

    RispondiElimina
  105. Sarebbe buona regola commentare sempre il giorno dopo la partita, nell'immediato non sono sereno dopo partite come questa, ma la mia incontinenza mi impedisce di trattenermi.

    RispondiElimina
  106. Due partite uguali al Franchi senza fare gol a squadre nettamente "inferiori" (un tempo si sarebbe detto "di pellegrini") non sono un caso. Se lo ammettessero sarebbe già un passo avanti. Questa squadra è stata lobotomizzata, le è stato fatto il lavaggio del cervello con la storia del possesso palla, del non buttare via il pallone etc. Tant'è che è diventato un problema anche dover fare il cross sul calcio d'angolo, perché non c'è la certezza che la palla vada a qualcuno dei nostri, ragion per cui anche in queste circostanze si aspetta che il compagno venga vicino alla lunetta per poi passargli il pallone e sentirsi sollevati. Non oso pensare la disperazione se putacaso ci venisse assegnato un rigore: si potrà battere di seconda ? Si può passare la palla indietro a Neto?

    RispondiElimina
  107. Anche a un inguaribile ottimista come me oggi questo gioco ha fatto cacare il ca..o. Una volta chi assediava le città vinceva comunque perché affamava la popolazione, ci volevano mesi, anni, ma era inevitabile. Pero' da quando hanno istituito i 90 minuti non é cosi' semplice. Urge trovare soluzioni alternative, senno' qui altre città oltre a Genova e Sassuolo opteranno per la difesa a tartaruga, che consiste a ritirare la testa nel guscio e aspettare che l'arbitro fischi la fine

    RispondiElimina
  108. Penso che Montella non avrebbe potuto fare molto di più stasera, forse una sola cosa: tentare nel secondo tempo un azzardo inedito, una mossa della disperazione. Parto da chi era a disposizione: nessuno dei due potenziali bomber da 15-20 gol a testa, solo due promettenti attaccanti imberbi (e stasera si è visto) e qualche centrocampista con nelle corde qualche inserimento in area: SOLO A QUESTA GENTE SI POTEVA CHIEDERE IL GOL, CHE E' L'UNICA COSA CHE CI E' MANCATA E CHE ABBIAMO CLAMOROSAMENTE ACCAREZZATO IN DUE OCCASIONI! Formazione iniziale obbligata (si può discutere se era meglio partire con Berna o Ilicic anziché Joaquin, ma tant'è, avrebbero comunque giocato per forza di cose tutti e tre, chi prima chi dopo), impostazione del gioco inevitabile: se non teniamo palla noi ci affettano, se non abbiamo nessuno per cui verticalizzare o per cui crossare si può solo tenere palla guadagnando la trequarti altrui mattonella per mattonella, facendo salire tutti i nostri, ad uno ad uno. E così è stato fatto. Oltre a Neto c'erano due soli difensori bloccati dietro, dovevamo partire anche senza quelli? Certo, Tomovic con i piedi che ha non dovrebbe fare il fluidificante, ma questo abbiamo e a lui abbiamo dovuto chiedere di spingere in assenza di un Maicon. Alonso invece spinge, non è ancora molto preciso in fase di cross ma si fa sentire e degli inserimenti nelle gare precedenti li ha mostrati. Babacar, Cuadrado e Joaquin (o chi per lui) senza dubbio, Aquilani e Borja qualche inserimento ce l'hanno, Kurtic pure. Non c'è stato posto per Pizarro (scelta azzeccata: lui in area non ci entra, la palla l'abbiamo tenuta anche senza di lui, Aquilani pressa più di lui), e volevate Mati? Mati al posto di chi? Di Aquilani e Borja che sono i nostri migliori centrocampisti? Di Kurtic che oltre a inserirsi è quello più dinamico e combattivo? Condivido quasi niente di quello che sto leggendo stasera, questa partita non è per niente simile a quelle mal giocate dell'anno scorso, quando eravamo in balìa delle scorribande di chiunque. L'unico appunto, riallacciandomi all'azzardo che avrebbe potuto tentare Montella: dopo 10 minuti della ripresa, quando hai appurato che il Sassuolo è completamente schiacciato negli ultimi 16 metri, che riesce solo a fare catenaccio, che è inerme in quanto le sue ripartenze sono rese impossbili dal tuo 100% di possesso palla, nel in momento in cui metti Ilicic e Berna togli, da quella cazzo di fascia levaci Tomovic (anziché Borja) che in area non ci entrerà mai nella sua vita e rischia tutto arretrando leggermente Cuadrado, maremma impestata nella merda.

    RispondiElimina
  109. Come al solito. Non si gioca così se si vuole vincere. Si gioca sempre allo stesso modo, con questi cavolo di tre centrocampisti di cui uno completamente incapace di un'intuizione decisiva. Per me si deve giocare in un altro modo, via Valero e dentro una punta o almeno Ilicic. Anche a venti minuti dalla fine, mai che si cambia sistema di gioco: esce Joaquin entra Bernardeschi. Ma come si pretende di vincere in questo modo. Al massimo si evita di prendere gol. Insomma Montella alla fine gioca per non perdere, come Trapattoni o meglio come ai tempi in cui la vittoria valeva solo due.

    RispondiElimina
  110. Montella potrebbe anche cambiare sistema di gioco. Rinunciare ai tre centrocampisti, schierarne solo due e inserire una punta. Ma niente, nemmeno quando mancano venti minuti, nemmeno quando si gioca contro 10 (col Genoa), nemmeno quando si sta perdendo (Roma).


    Capirei se l'obiettivo nel gioco del calcio è quello di fare i record di possesso palla. Io, a questo punto, preferirei un Serse Cosmi e manderei Montella al Napoli che tanto fra un pò si libera la panchina.

    RispondiElimina
  111. Anche chi assediava le città aveva i suoi 90 mn.+ recupero, vedi "I Tamburi della Pioggia". Per il resto sono completamente d'accordo con te: nonostante il centravanti ex primavera (che comunque, fra l'altro, è stato uno dei migliori non essendo forse ancora completamente lobotomizzato) la superiorità di mezzi in situazioni come stasera è schiacciante, e buttare via punti e occasioni di salire in classifica in questo modo è molto grave.

    RispondiElimina
  112. Volevi vincere? Via Valero (che è quello che stava per farti vincere) e dentro una punta? E quali punte c'erano in panchina?

    RispondiElimina
  113. Ma basta. Io avrei tolto Valero e inserito uno a caso tra Ilicic o Bernardeschi o Vargas o Marin quando sarà. Rendiamoci conto che la maggior parte degli allenatori scenderebbe in campo con due interni (Aquilani oppure Kurtic), due esterni (Joaquin e Cuadrado), due punte/semipunte. E la scusa delle assenze non vale perché Montella avrebbe giocato così anche se ci fossero stati Rossi e Gomez. Avrebbe comunque fatto giocare tre interni di centrocampo.


    Nemmeno a venti minuti dalla fine gli viene in mente questo cambio elementare (che nemmeno a voi venga in mente mi fa pensare a un rincoglionimento generale).


    Io mi sono rotto i cosiddetti. Voi continuate pure a non capire.

    RispondiElimina
  114. Il cervello è fatto per pensare, Buran. Ecco pensaci un mesetto e poi ne riparliamo. Ma vi hanno fatto il lavaggio del cervello.


    Io rimpiango Prandelli, almeno quello del primo anno che giocava con Fiore e Jorgensen esterni, due mediani, e una punta e mezza (a volte due punte).


    Quando vedo Valero con la palla nell'area avversaria, già so che non segneremo.

    RispondiElimina
  115. La triste verità è che vi siete rimbambiti pure voi. Sembra che seguiate la Fiorentina da due anni.


    Io mi ricordo Fiorentine non sempre esaltanti che giocavano per vincere. E non mi ricordo Fiorentine dove c'erano sempre e comunque tre interni di centrocampo. E' vero che iniziò Prandelli con Montolivo-Liverani-Donadel(Kuzmanovic), ma anche il Giubba all'inizio c'aveva fatto vedere un altro sistema di gioco. E spesso il Giubba quando era begli ultimi minuti era in svantaggio o doveva segnare per forza, rompeva gli indugi, sbilanciava la squadra e levava un centrocampista.


    Ma voi dormivate?

    RispondiElimina
  116. Ah dimenticavo, i grandi saggi del blog hanno già individuato i colpevoli: i terzini.

    RispondiElimina
  117. Montella mette tre interni in una partita del genere e poi si lamenta che fanno possesso palla.

    Io dico solo una cosa (e chi mi conosce sa quanto mi pesa):

    Prandelli (primo anno):

    Due punte (non mi ricordo bene, Pazzini-Bojinov?)

    Jorgensen-Pazienza-Donadel-Fiore

    difesa a quattro (con due terzinacci che nemmeno mi ricordo il nome)

    E al Franchi si vincevano quasi tutte, spesso con due/tre gol di scarto.

    RispondiElimina
  118. Montella questo schema non lo prova nemmeno se sta perdendo tre a zero. Come oggi, esce Joaquin entra Bernardeschi. Ma andasse a cagher!

    RispondiElimina
  119. "Due punte (non mi ricordo bene, Pazzini-Bojinov?)"



    !!!! Toni (31 gol)

    RispondiElimina
  120. 1) Non sono Buran (che comunque stimo e rispetto)
    2) Hai zallerianamente non-risposto, aggirando con della fuffa tutte le domande concrete
    3) Hai gattianamente usato frasi offensive solo perché ho visto cose diverse dalle tue in tema di calcio.
    4) Io non ti ho offeso e non offenderei mai una persona solo per divergenze calcistiche, nemmeno se pensa che Cuadrado non sia un uomo di fascia.
    4) Ti stai ponendo da insolente maestrino saputello, eri più simpatico fino a una settimana fa, cioè fino a quando non l'avevi mai fatto
    5) Ne riparleremo tra un mesetto? O più esattamente volevi dire tra 28 giorni?

    RispondiElimina
  121. dici che tra avere in campo la scarpa d'oro e un esordiente in A c'è differenza, in termini di capacità offensiva? Ma no, dici così solo perché sei rimbambito e ti hanno fatto il lavaggio del cervello...

    RispondiElimina
  122. Ma no Valto, è così lucido che pensa che stasera avessimo in panchina Toni, Pazzini e Bojinov pronti all'uso. E ce l'ha con Montella che non li ha messi. E se l'è rifatta con me che ho osato chiedergli quali punte ci fossero in panchina. A proposito, Stefano, più sotto ho risposto al tuo attacco personale.

    RispondiElimina
  123. Dopo una giornata intensa,impossibilitato a raggiungere il Franchi,ho deciso appositamente di non avere notizie calcistiche,fino all'arrivo a casa,non è stata una bella sorpresa scoprire il risultato di pareggio.Dagli highlight su violachannel e dai vostri commenti,presumo sia stata una sorta di continuazione di Fiore-Genoa,se la partita durava un altro quarto d'ora,probabilmente non avremmo marcato.I due pali hanno ristabilito ciò che è ci è stato concesso in termini di fortuna a Bergamo,ma quello di Borja,9 volte su 10 entra in porta,e quì l'incazzatura prende una piega che mette in seria difficoltà il mio equilibrio.Per il resto,non avendo visto la partita(anche se la immagino),non mi incanalo sulla disamina tattica.I nostri sono pareri personali che ci permettono di argomentare gli spazi concessoci,o quelli in cui decidiamo di partecipare,ma la sostanza non cambia,è il campo che decide i verdetti,a prescindere da come vediamo o vorremmo vedere la nostra Amata giocare e possibilmente vincere e forse anche con un pizzico di presunzione,correggere alcuni aspetti,che proprio non riusciamo a digerire!Il presente attuale indica dei numeri non certo confortanti,sia la media inglese,la classifica,la differenza reti.Da aggiungere la solita tiritera di infortuni ormai quasi un marchio di fabbrica,le solite parole di Montella che rasentano enigmi filosofici neorealistici,il Pres. senza poteri ADV che dispensa un moderato ottimismo velatamente malinconico,Pradè impeccabile aziendalista,che non me la racconta più giusta,ma cerca di non darla a vedere,insomma ho come la vaga impressione che l'entusiasmo e la bella atmosfera che si respirava intorno a questa squadra,anche se colpita dalle infauste disavventure del recente campionato,si stia dissolvendo,al pari del buon Brunello che ho degustato questa tarda sera.Ovviamente lo ritengo un mio pensiero,spero errato,ma dopo aver parlato al telefono con un amico che ha assistito alla partita,il quale non ha fatto altro che incanalare argomenti sui quali preferisco glissare,poichè a caldo non si è abbastanza razionali,aggiungiamoci le code,i semafori e magari quella sera non trovi neanche libero il parcheggio abituale,ed il cocktail è servito,quale decidete voi.Su di una frase però mi viene da riflettere:perchè ADV parlava in estate di lotta per i primi sei posti,salvo poi rassicurato dalla permanenza Cuadrado probabilmente,ha alzato la mira alla lotta per i primi tre posti,ricevendo da Montella una continuazione di segnali di disagio,già ampiamente aquisiti dalla fine del recente campionato???Misteri che forse rimarranno senza risposte,ma molti indizi stanno minando alla solidità di questo gruppo.Io ritengo ancora che questa squadra possa fare bene(lasciamo I have a dream col terzo scudo),ovvio che con 4 punti in più in tabella si ragionava meglio e la realtà avrebbe dissolto qualche più o meno importante perplessità.Hasta la vista

    RispondiElimina