.

.

mercoledì 17 settembre 2014

Il problema non è la prostata


Sono in difficoltà e non penso di essere nemmeno il solo, ero preparato a gestire problematiche di tipo diverso, quelle più strettamente legate al passare inesorabile del tempo, come controllare la prostata almeno una volta l’anno e gestire con nonchalance il bisogno di allontanare le etichette in modo da poterle mettere a fuoco. Gli occhiali invecchiano e sono una confessione che ancora non voglio rilasciare. Non sono un pentito, ma occhiali o meno sono in difficoltà soprattutto a leggere le partite di calcio, ogni giorno di più, e dicevo di non essere solo perché come me vedo gente annaspare dietro a 4 3 3 che si trasformano in 3 5 2 con la stessa facilità di un politico a cambiare giubba, mentre la statura non è più un riferimento preciso come lo era un tempo, ne quella morale per i politici, oggi un esterno alto deve essere in grado di diventare anche basso. Detti del tipo “altezza mezza bellezza” non sono più applicabili al calcio moderno, perché la bravura sta proprio nel saper ripiegare e quindi abbassarsi. Un nano ha lo stesso appeal di uno spilungone, e se capace di buttare il cuore oltre l’ostacolo non sarà più quello cantato da De André che il cuore ce l’aveva invece troppo vicino alla bandierina del calcio d’angolo. Il terzino non fa più solo quello per cui nasce, deve saper spingere fino sulla linea di fondo, l’ala invece deve rincorrere a ritroso fino alla propria area. Se solo si mettessero d’accordo e ognuno a casa sua, correrebbero parecchio meno. C’è gente che per seguire la linea della difesa, le distanze tra i reparti, il cambio di modulo in corsa, l’inversione schizofrenica di fascia in modo che un sinistro giochi a destra e viceversa, alla fine non segue più la partita. Uno si aspetta il bomber e si ritrova un Giuda, o meglio, un falso nove che toglie punti di riferimento alla difesa ma anche a chi cerca di capirci qualcosa come me. La grafica poi non aiuta, perché una volta ti mostrano la formazione in verticale facendo vedere il portiere nella parte bassa del monitor, la volta dopo in quella alta, poi orizzontale, e prima che hai capito il verso giusto hanno tolto la slide. Il punteggio e il tempo trascorso sono ormai relegati in alto a sinistra, in finestre sempre più piccole come quelle delle case popolari in San Frediano. Illeggibili. Alla fine non sai chi è sceso in campo e a che minuto siamo, non c’è nemmeno lo spazio per stendere un lenzuolo da quelle finestre, e in più  gli allenatori continuano a rimescolare le carte. Problemi che mi porto anche fuori dal campo, proprio come chi si porta il lavoro a casa. Volevo andare in vacanza a Vieste, digito su Google e mi esce fuori un giocatore del Napoli che tra l’altro è sposato con la sorella di Hamsik. Ieri sera ho dovuto parcheggiare sulle strisce blu, ho cercato la macchinetta per fare il biglietto, va bene che era buio e che mi ostino a non arrendermi a strumenti capaci di migliorare la messa a fuoco, e che solo dopo un quarto d’ora l’ho finalmente trovata sul muro vicino alla farmacia, ma non ci si capisce più una sega davvero, o forse era semplicemente guasta, perché ho continuato a mettere monetine su monetine, e invece dello scontrino sono uscite solo scatole di preservativi.

106 commenti:

  1. Ieri ho provato invidia pura: Borussia Arsenal è stato uno spettacolo in tutti gli aspetti. L'organizzazione e tattica tedesca, hanno asfaltato gli inglesi, rei, nonostante tanti ottimi giocatori, di mortificarli attraverso un tecnico enormemente sopravvalutato. Velocità, pressing e efficienza in uno sviluppo perfetto di un 442 che spinge sempre, una manovra semplice che ha visto un Immobile innalzarsi a livelli europei di eccellenza, centravanti vero e senza fronzoli, torello che quando parte palla al piede sembra un quad 4x4. Onore al superbo Klopp, tecnico che ha saputo costruire questo meccanismo come Franck Muller. L'invidia si è estesa all'ambiente, un quadro tifosi che straboccavano dallo stadio.
    Bentornato McGuire.

    RispondiElimina
  2. Bentornato a McGuire, spero che i problemi si siano risolti.


    Domani sera Gonzalo sarà squalificato, per cui giocoforza almeno uno fra Basanta e Richards verrà messo in campo.
    Sembra anche che partiranno titolari Tata e Badelj e che in corso di partita esordirà Kurtic. Almeno vedremo finalmente giocare i nuovi acquisti.

    RispondiElimina
  3. Simeone e Klopp sono al momento i tecnici più esaltanti in Europa, almeno ad alti livelli. La tifoseria del Borussia non è una novità, è uno spettacolo. A volte leggo resoconti di vecchie partite della Fiorentina, e vedo numeri di spettatori impressionanti, anche il triplo rispetto a domenica. E mi viene la nostalgia di tempi che non ho nemmeno vissuto...

    RispondiElimina
  4. Smaltita la delusione per il mancato arrivo di Fernando - speriamo sia solo rinviato - devo dire che credo avrà ragione Leo, alla fine: Kurtic in questo centrocampo giocherà molto.

    RispondiElimina
  5. Una trentina di anni fa la capienza del Franchi era decisamente maggiore - non c'erano posti numerati, c'erano i gradoni - e in certe partite c'erano 60.000 spettatori. Adesso la capienza è di poco più di 40.000 e non sempre è pieno.

    RispondiElimina
  6. Interessante

    http://www.lavoce.info/serie-a-quanto-conta-allenatore/

    RispondiElimina
  7. Ho letto che prima ancora in certe occasioni gli spettatori reali allo stadio erano quasi 90.000, addirittura...Trent'anni fa allo stadio venivo, ed era uno spettacolo. Mi pongo delle domande sull'eventuale nuovo stadio, si parla di 40/45.000 posti...Ma non sarà castrante basarsi sulla situazione momentanea? Anche vero che fare uno stadio da 70.000 posti per poi vederlo semivuoto sarebbe brutto, ma non so...

    RispondiElimina
  8. Penso sia una grande stronzata, in realtà, questo "bootstrap" non si può applicare al calcio. Come fai poi a valutare l'impatto psicologico e motivazionale dell'allenatore, magari nell'intervallo, cosa che è poi quella fondamentale?

    RispondiElimina
  9. Incasellare il calcio, le sue dinamiche...follia. O poco da fare nella vita.
    Mi sembra l'equivalente di "Digita il tuo nome, segno zodiacale, etc, etc.." e ti dirò se il tuo partner é quello giusto...Ah ah ah ah ah ah ah...."Siete della vergine? Spostatevi, sta arrivando un Toro che esce da Mercurio....."mah ah ah ah ah ah ah....."Ha voglia di etero!".....ah ah ah ah "potresti dare alla luce, tra 9 mesi, Minosse..." Ah ah ah ah ah....

    RispondiElimina
  10. Ad oggi penso che fare uno stadio da più di 45.000 posti - massimo 50.000, a voler strafare - sarebbe inutile. Il gobbacci stadium ha circa 40.000 posti, se non sbaglio.

    RispondiElimina
  11. D'acchito penso che i soldi mancano anche per biglietti popolari, si dice per la crisi, indicazione falsa e fuorviante, ma questo è un altro discorso. In Germania i redditi dei dipendenti sono in linea coi nostri, ma problemi economici li hanno pure in Spagna e Francia, dove gli stadi sono sempre pieni. Non va sottovalutato l'aspetto politico della FIGC, stadi poco prequentati sono anche frutto delle gestioni mafiose del potere, striscia che viene da lontano, quando Boniperti gestiva tutto, passando poi per Moggi e Galliani, personaggi che creato danni enormi e allontanato gli italiani da un concetto meritoccratico. Lo scollamento dalla politica e da brutta gente come tavecchio e lotito, è perché non sopportano più questo andazzo, non credono che la competizione sia regolare, il che si riflette poi col disinteresse. Siamo un paese alla deriva in tutto.

    RispondiElimina
  12. Un bentornato a McGuire ed un forte in bocca al lupo per la sua salute. Buona giornata a tutti.

    RispondiElimina
  13. p.s. ma che gol Immobile!

    Mi piace parecchio come giocatore, peccato non aver mai provato a trattare almeno la metà granata...

    RispondiElimina
  14. Spiace ammettere che hai colto, LELE; spiace non darti ragione ma osservare e subire questo sistema,
    Assurdo chiedermi 44 euro per mia figlia, all'epoca 3 anni (!!!) per Chievo-Fiorentina (44 per altro figlio di 4 anni e 44 per altro di 8, all'epoca)... Sono scemi ed esosi!.
    Io sto diradando le uscite allo stadio (Firenze) perché é assurdo chiedere certe cifre, restare 30 minuti in fila ai tornielli, bagni indecorosi, bar come mense per poveri, il parcheggio (almeno un'ora prima per non mettere l'auto al PalaSasch!), gambe (1,90) messe sulle spalle del tizio davanti a me..,,l'ultima partita Firenze é costata, tre viaggio-cibo-biglietti, circa 500 euro! Ci sarebbero agevolazioni per nuclei familiari ma devi fare una tessera, devi stare connesso, devi dare fila per ritirare. Passa la voglia...E gli altri si ammazzano lo stesso...

    RispondiElimina
  15. La maldicenza insiste,batte la lingua sul tamburo,fino a dire che un nano è una carogna di sicuro,perchè ha il cuore troppo vicino al buco del...centrocampo,e molti "piccoletti" nel calcio,da quella zona del campo in avanti,hanno fatto faville, dotati nel talento dalla statura di Dio.Mentre si assopiscono le voci sul processo post Genoa,prematuro ed esagerato,anche se è giusto tener conto di alcune avvisaglie fondate,le parole lasciano la scena a main-sponsor e sponsor tecnico con vigilia di E.L.,almeno per un attimo respireremo uno strano clima Europeo "minore".Un dovere competere per provare a vincere l'ex coppa uefa,poichè questa deve essere almeno la dimensione abituale della Viola,lottando possibilmente per la Champions.Non mi ero illuso questa estate nel nostro ottimo precampionato,non mi deprimo adesso,anche se alcuni dubbi hanno preso forma,ma in questo caso la vittoria aiuta sempre a riprendere il cammino.A proposito di schemi,ricodo di un concetto di Michels(ex Ajax '70)il quale sosteneva che i medesimi si sviluppano sul campo mentre la palla gira,non sulla lavagna.Da qualche anno e non può essere argomento di paragone con la Viola,sono molto compiaciuto dal calcio proposto da Klopp col suo Borussia.Su questo tema,ognuno sviluppa possibilmente la sua idea,anche se ci si esaspera troppo con i numeri,a volte si dovrebbe considerare che da diversi anni l'aspetto tattico si è aperto a diverse soluzioni e la flessibilità nei ruoli si sta notevolmente evolvendoAlcune mitiche figure denominate stopper,libero,terzino fluidificante,mediano di spinta,regista,ala,stanno lasciando il posto a centrali di difesa,esterno basso,mezzala esterna d'attacco o falsi nueve cari a qualcuno,insomma,chi per passione,chi ha letto almanacchi,chi semplicemente osserva,chi ha praticato,chi si improvvisa,etc etc,il calcio è una materia accessibile a tutti,ma non per tutti.Il Pitagora dalle scarpette Cruyff affermava che il calcio di per se è semplice,la cosa più difficile è giocarlo con semplicità.Aggiungo io,anche osservarlo...passo e chiudo

    RispondiElimina
  16. 90000 credo sia un'esagerazione ma parecchi ce n'erano a quel famoso Italia-inghlterra con Piola in campo e troppi ce n'erano in quel Fiorentina-juventus quando cedettero le ringhiere in maratona e parecchi vennero di sotto. Certo è che era pieno zipizzo e non c'erano formaggini.

    RispondiElimina
  17. LELE, torno un po' sull'argomento di prima: sale cinematografiche (soprattutto le storiche) chiuse o riciclate, le nuove sale cinematografiche (belle, avant e perfette) mezze vuote causa anche il fatto che dopo neanche un mese puoi vedere il film a casa, quasi come il calcio- che puoi vedere a casa...
    Ai concerti fanno il quasi-pieno i big, i grandi nomi attesi (tickets da 45 euro in su per non sedersi, molte volte!) mentre altri artisti hanno metà o un quarto dei biglietti invenduti.
    Si, prezzi popolari ma per cosa? Per chi?
    La gestione del sistema sicuramente é un problema, come per un qualsiasi esercizio commerciale: se non mi piace atteggiamento, se non mi va giù come vengo trattato-non-trattato, se non condivido politiche e prezzi...non vado più.
    Lo stadio é diventato un luogo dove io, come tutti, vengo spersonalizzato, vengo trattato come animali da incanalare, sistemare; uno steward in tribuna ha diritto di vita o di morte sul tuo caffè o sul tuo sgranchire le gambe, mentre in curva fa finta di non vedere...Sempre le stesse cose siamo a disquisire ma chi di dovere non toglie problemi.
    Ora: tessera del tifoso, tornielli, carta di credito agganciata alla tessera del tifoso, registrazioni varie, perquisizioni prima del varco, guai se se sei senza documento (la tessera sanitaria o codice fiscale per loro equivale a un Kleenex)...cosa altro inventeranno per prevaricare chi vuole andare a vedere una partita tranquillamente?
    Avessimo le palle (assoconsumatori, avvocati, utenti, etc.) avremmo denunciato tutti quelli che hanno permesso l'ingresso di Jenny 'a carogna all'Olimpico e tutti quelli che non hanno controllato l'introduzione di petardi, bombe carte, etc. C'é stata un'omissione, qualcuno non ha ottemperato al suo lavoro ma nessuno ha detto o fatto nulla. Sbaglio? Idealista come sempre?
    L'assurdità ve la scrivo : Monza, Sacile, Rovigo, Casal Di Marmo (Astrea), Pistoia, Lucca, Teramo, Rieti, Brindisi...tutti stadi più comodi di quelli di serie A!!!!
    Dopo che una moglie legge queste cose é difficile convincerla a lasciar venire i bambini allo stadio, e io senza i miei piccoli ultras viola non voglio andare...
    Come me tanti altri...

    RispondiElimina
  18. Immobile tra poco sarà incomprabile per le italiane, come Verratti.

    RispondiElimina
  19. Controeditoriale allineato.

    RispondiElimina
  20. Bravo Effe!Klopp è un tecnico che ha UNA visione di gioco,ma quella la insegna bene,benissimo.E che chiede giocatori adatti(quindi con particolari caratteristiche) per sviluppare al meglio tale idea.Non varia,non inventa,non cambia ruoli ai giocatori.Intensità terrificante nella propria metà campo per recuperar palla e ripartenze micidiali a velocità difficilmente sostenibili per i più.L'unico rischio che corre(e non è rischio da poco) è che poco a poco vengono trovate le contromisure.Lo steso Montella,dopo il primo anno,si è trovato ad affrontare squadre allenate da marpioni,che hanno intuito come e dove potevan far male(recupero palla e ripartenza veloce).Senza voler nulla togliere agli allenatori tedeschi,se Klopp allenasse in Italia,dopo il primo anno(salvo aggiornamenti e variazioni) sarebbe messo in grande difficoltà(ad esempio giocare con squadre chiuse stile Genoa domenica).Ma detto questo,Klopp mi garba assai;ed ancor più mi piace vedere giocare la sua squadra

    RispondiElimina
  21. Ramos, Immobile, Aubameyang...Klopp ha tre punte da ruotare e nessuna delle tre é inferiore alle altre; tre attaccanti moderni, efficaci e non a caso sono andati tutti e tre a segno- tra campionato e coppa.
    Noterei che ieri la difesa dell'Arsenal era imbarazzante, così...per dire ciò che avevo notato.

    RispondiElimina
  22. Mi piacerebbe affrontare questo tema Sopra,mi sono espresso a tal proposito in qualche raro post sul sitone questa estate,purtroppo ho molti impegni,forse stasera "accedo" sul tardi.Due parole:la scarsissima mentalità del tifoso medio Italiano è figlia di una inesistente politica sportiva organizzativa,senza regole,senza servizi,senza organizzazione,stadi rattoppati in prossimità di un mondiale(dopo il 90 solo stai nuovi,casualita?Tornelli, celerini e tessere,proibizionismo allo stato puro la risposta.Stadi inaccessibili,prezzi assurdi=merdaset(mi scuso)e Sky le risposte.Tempo finito time out.

    RispondiElimina
  23. Il buongiorno di una tifosa della Fiorentina...
    17/09 08.13
    NuvolaViola
    Magnifico Tevez!

    Chiaramente zero sulla Fiorentina, come spesso succede. Boh...

    RispondiElimina
  24. Mah, Sopra, poi bisogna vedere se la nostra Königin der Nacht è veramente tifosa viola come dice.

    RispondiElimina
  25. risultati relativi a tifosa della Fiorentina
    forse cercavi tifosa della Juventus
    cerca anche tifosa del Gat

    RispondiElimina
  26. Ho letto il saluto di McGuire di ieri, gli mando un abbraccio, sperando che legga anche oggi!

    RispondiElimina
  27. Mah FOCO, ieri ho visto il Borussia straripante, molto ordinato che sapeva benissimo cosa doveva fare in ogni angolo del campo. Certo che la sua manovra é semplice, un blocco pressing due linee di quattro, e palla ai due davanti che vanno via che é una bellezza ( Auba che conosco a memoria, é migliorato nella profondità anche se resta leggerino). Immobile ha fatto un partitone oltre che un gran gol. Il mio pero' é un parere molto parziale, non seguo la BL.
    Posso invece parlare( male) dei gunners, rimpinzati di stelle, col Wenger, tra le altre facezie, si é inventato Sanchez mezzala o mezzapunta, lasciando senza idee centrocampo e non rafforzando una difesa mediocre. Pure in campionato stentano molto, non si capisce che tattica adottano, un ammucchiata davanti che soffoca la manovra. Il bellissimo giocattolo imbattuto dell'anno dei Pires, Vieira, Bergkamp & c. é lontano anni luce.

    RispondiElimina
  28. Ma io infatti penso che il Borussia possa giocare molto bene contro squadre con i problemi dell'Arsenal. Le difficoltà nascono contro le squadre che si chiudono, contro le quali viene a mancare la costruzione a centrocampo e il riferimento in attacco per il gioco sulle fasce. Le ho viste tutte del Dortmund e posso confermarti che a volte le punte, che preferiscono gli spazi ampi, tendono a pestarsi i piedi e a privilegiare azioni individuali. Qualcuno dovrà per forza modificare il suo gioco, per trovare sempre posto. È una questione di automatismi da migliorare, problema che adesso hanno quasi tutti. Sull'Arsenal diciamo la stessa cosa.
    Io continuo a pensare che il Liverpool sarà la sorpresa, anche se Rodgers, modificando il gioco d'attacco, ha fatto, secondo me,una cazzata. Il rifinitore non è una mossa ideale per una squadra nata per il 4-3-3. Quello vero.

    RispondiElimina
  29. Riprendo qui, SOPRA. La lontanaza da Firenze mi impedisce di constatare le difficoltà, che leggendo da te, reputo quasi insormontabili. Vedere una partita é impresa eroica. Io lo scorso anno ne vidi 3 o 4, ma ricordo bene quella col Cagliari, arrivai dallo Scheggi per andare alla Maratona e pensavo di passare dal lato Militare, invece feci il giro pesca ( come diceva i'mi babbo) arrivando poi alla fila di 500 mt davanti ai tornelli quindici minuti prima del match. Pensai, faccio in tempo, invece, mi persi i primi cinque minuti, dovendo lasciare attaccato alle sbarre esterne il mio ombrello, che non poteva passare perché non pieghevole...( miracolosamente ritrovato li' a fine partita).
    Niente in confronto a quello che hai descritto

    RispondiElimina
  30. leggervi, mentre sono in partenza per qualche giorno di lavoro + vacanza all'estero mi ha fatto venire una gran voglia di stadio, e così, in coda all'imbarco, ho comprato un biglietto per il Sassuolo mercoledì prossimo. Devo dire che l'odiata tessera in questo è davvero comoda... Andiamo a infamare un po' padron Squinzi, sperando che i ragazzi ci mettano del loro.
    Per il resto, che dire? Lo stadio di cui parlate voi non l'ho mai vissuto, e lo rimpiango di cuore. La spirale tra calo delle presenze e aumento dei prezzi mi sembra irrefrenabile ormai. Lo stadio nuovo potrà far bene alla società e forse alla squadra, ma dubito ne farà ai tifosi...

    RispondiElimina
  31. Purtroppo.....Immagina che io, se tutto fosse normale, potrei partire da Padova (2 h secche in auto) alle h.12,30, arrivare a parcheggiare alle 14,30/45 ed entrare ma é impossibile.

    RispondiElimina
  32. Io son stato abbonato dal 77 al 94 e di stadi pieni ne ho visti.

    RispondiElimina
  33. Capisco, stoico quando vieni a Firenze per la partita, da qui il nick, ah ah ah!
    Io in confronto ho un gran culo, ci arrivo in bici ( se quelli di S. Frediano non passano il ponte Vespucci per rubarsela)

    RispondiElimina
  34. Montella scherza col fuoco: Chi vince l'Europa League va in Champions? "E' uno stimolo, come lo è per le altre. Il pensiero però c'è, sarebbe una cosa importante. Ci permetterebbe di arrivare anche sesti in classifica...".

    RispondiElimina
  35. Beh, io preferirei arrivare dodicesimo e vincere l'Europa League che arrivare terzo e non vincere un cazzo.

    RispondiElimina
  36. Pare che siano specializzati nelle borse finto Gucci, ultimamente

    RispondiElimina
  37. Sieee Gucci, e piglian di tutto, anche quelle di paglia...

    RispondiElimina
  38. Sì, ma mi pare insista troppo co sta storia del sesto posto, pare un modo per dire che non ha una squadra competitiva per entrare in CL dal campionato...

    RispondiElimina
  39. Il problema è che vincere l'EL è molto più una lotteria rispetto all'arrivare terzi... ma per chi crede nei talismani (io no) abbiamo Marin, che ha vinto le ultime con Chelsea e Siviglia, da "non giocante"...

    RispondiElimina
  40. Beh, FOCO, contro chi si chiude è dura per tutti. L'Arsenal per me sta regredendo insistendo con un tecnico arcaico, ingombrante pure nella gestione del club.
    Il Liverpool non sono così sicuro che voglia abrogare il, vero, 433. A meno che consideri Moutinho mezzapunta, mentre l'ho visto mezzala pura. Piuttosto credo che Rodgers stia provando varie soluzioni per evitare gli prendano le misure e per valutare quanto e come può rendere Balo. Il problema è che nessuno lo sa. (In bocca al lupo.)

    RispondiElimina
  41. "Montella a frenare...", uno dei freni a mano tirati dei quali parla Beha....

    RispondiElimina
  42. Una telecamera di Sky ieri ha seguito tutti i movimenti di IpoMario Balotelli. Gli eredi dell'inventore del mezzo usato dovrebbero chiedere i danni.
    La CEE dovrebbe aprire un'inchiesta, nominare una commissione.
    Inizio a pensare che Balo ci mette del suo ma i media sono veramente alla canna del gas, nel cercare scoop, news, etc.

    RispondiElimina
  43. Se la cosa ti può interessare, Ballo è, volente o no, personaggio mediatico internazionale. Sul suo trasferimento CNN sport ha dedicato 15 minuti, a Canal+ durante le partite in PL gli han puntato una telecamera solo per lui. Poi nell'intervallo e fine partita parlano quasi solo di lui.

    RispondiElimina
  44. Io parlo del Montella mediatico, non ho letto Beha...

    RispondiElimina
  45. Balotelli farà la solita striscia di buone partite, poi ripiomberà nell'indolenza, o peggio in uno scontro totale con ambiente e media. Da Suarez [che pure non è equilibratissimo, diciamo, ma è fuoriclasse vero] a Balotelli il Liverpool ha fatto una caduta vertiginosa.

    RispondiElimina
  46. Non provarci, qui dentro non puoi commentare le parole di Montella.

    RispondiElimina
  47. Io penso che ne farà soprattutto ai tfosi invece perchè al Franchi ci si bagna e, per buona parte, non si vede un cazzo. In uno stadio moderno è tutt'altra situazione.

    RispondiElimina
  48. In questo senso mi fa pensare un po' a Cantona, fuoriclasse più nei media che in campo, anche se credo che il francese fosse amato di più, nonostante le sue magagne

    RispondiElimina
  49. Io sono affezionatissimo al vecchio Franchi, tra l'altro è una perla storico-architettonica, ma obiettivamente non è più proponibile nel 2014, ed è comunque stato ormai deturpato ai tempi del Mondiale '90. Spero in uno stadio ben disegnato, spero ancora in Castello, spero che vengano ripetute le accortezze usate ai tempi per il manto erboso e il drenaggio del terreno.

    RispondiElimina
  50. Cantona col Manchester United ha dimostrato tanto, calcisticamente...

    RispondiElimina
  51. Via basta, sono impazzito, mi arrendo al 4-3-3 e al falso nueve: tra gennaio e giugno via il Dinosauro, via Pepito Swarovsski, via Cuadrado! Largo al tridente barcelloniano Mendez-Vietto-Dybala! Dentro anche Musacchio dal Villarreal in difesa! Fernando in mediana a cacciare palloni da riconsegnare ai nostri creativi! Stracciato il record dei gol della Fiorentina di Zio Lajos! La Roma di Garcia e ZemanViola cacciata dalla cartina geografica calcistica! Per il Terzo!

    RispondiElimina
  52. Sul contenuto sono anche d'accordo, ma non tanto da esaltarmi a vederlo segnare con quella maglia di merda. Al contrario, ogni volta è una pena, una fitta al cuore.

    RispondiElimina
  53. Cantona aveva un impatto sulle partite ibrahimovicesco.

    RispondiElimina
  54. A Leeds e Manchester ha dimostrato e vinto tanto, ma solo nelle competizioni inglesi se non ricordo male, nelle Coppe europee e in nazionale non ricordo segni lasciati da lui. Nello United ci ha giocato nella prima metà degli anni '90, quando i rapporti di forza Premier/Serie A erano l'opppsto di quelli odierni. A quel tempo guardavo molta Premier (su Capodistria, poi diventata Tele+ all'inizio sempre in chiaro, poi messa a pagamento) e il red devil che mi esaltava di più era Kanchelskis (quant'è piccolo il mondo) con le sue fughe sulla fascia e cross...

    RispondiElimina
  55. ah, e le difese inglesi di quegli anni erano, almeno tatticamente, di un dilettantismo record

    RispondiElimina
  56. Sul bel dibattito che avete intrapreso sugli stadi: che dirvi, l'ultima partita vista? Fiorentina - Napoli, 03/05/2014 stadio Olimpico, curva sud... Devo aggiungere altro?

    RispondiElimina
  57. Se si ripete l'espressione "falso nueve" mi faccio esplodere il nick. Vi avverto.

    RispondiElimina
  58. sono con Vita, Cantona ha avuto più impatto mediatico che calcistico, anche se rimane un gran giocatore ma quelli che hanno fatto la storia, anche nei red devils, sono altri...

    RispondiElimina
  59. È vero, ma tutto circoscritto alla sola Premier dei primi anni '90, quella in cui anche Fashanu riusciva a segnare uno sproposito di gol, nonostante quelli che sbagliava a porta vuota fossero ancora di più dei tanti che realizzava.

    RispondiElimina
  60. La Roma potrà stare sulle palle, ma va detto che vederla giocare è un piacere.

    RispondiElimina
  61. E in panchina hanno uno che non s'è montato la testa. Che se toglie una punta ne mette un'altra. Cose semplici. Nel mondo fantastico di un Masaniello, invece, tutto è capovolto e il sole gira intorno alla terra.

    RispondiElimina
  62. Mi fa piacere scoprire di non essere il solo a pensarla così, siamo una ristretta mimoranza, Louis!

    RispondiElimina
  63. a me Florenzi (che Garcia inserisce spesso al posto di una punta) pare meno attaccante di Cuadrado, Berna e Ilicic, ma sono opinioni...

    RispondiElimina
  64. Ma poi, non ho capito cosa intendono (in Svizzera, soprattutto) per "falso nueve": è un trequartista messo in mezzo all'attacco - tipo platini in finale di Coppa Campioni contro l'Amburgo (ahahahaha, scusate) - o può anche essere anche un centravanti o comunque punta tecnico e veloce, tipo Paolo Rossi, Diaz o Romario?

    RispondiElimina
  65. Sto seguendo Brahimi, che mi aveva colpito durante il mondiale (prima non lo conoscevo)

    RispondiElimina
  66. Non so se domani riuscirò a metterlo nell'editoriale.

    RispondiElimina
  67. bravissimo. Intendono entrambe le cose, facendo, ovviamente, una gran confusione.

    RispondiElimina
  68. Valto, c'è da dire che togliere un attaccante e mettere Florenzi quando vinci 4-0 ci può stare, mentre togliere un attaccante per inserire un centrocampista quando devi segnare ha meno senso.

    RispondiElimina
  69. E' giusto, per me è un interno/ala con gran corsa e propensione all'inserimento... ma da qui a catalogarlo attaccante ce ne corre... un mini Nedved, per capirsi...

    RispondiElimina
  70. e che avevo segnalato qui al termine di Germania-Algeria

    RispondiElimina
  71. Intanto un paio di tifosi del CSKA accoltellati

    RispondiElimina
  72. l'hotel francese mi ha illuso con Psg-Ajax su Canal+, ma era una burla, è criptato. Mi consolo con Bayern-City sulla Zdf, anche se sinceramente non è una gran partita. Tanto altetismo, tanto dinamismo, poche idee. Spunti interessanti: il Bayern ha un 4-3-3 vero con 3 vere punte (Lewandowski, Mueller e Goetze), dimostrando che Guardiola è molto meno ottuso di quanto lo vorrebbero in Svizzera; Benatia mena come un fabbro come faceva in Italia, e mi sa che durerà poco; non ho ancora capito modulo né formazione del City, si scambiano tanto e si muovono tanto, ma non sono sicuro che dietro la tattica ci siano tante idee. Di certo Jojo in campo non guasterebbe, ma quello è il cuore che dice la sua.

    RispondiElimina
  73. Al Mondiale mi ha impressionato positivamente anche Slimani

    RispondiElimina
  74. Bayern nettamente superiore, comunque, anche se nonostante la sfilza di top player in attacco, non riesce a concludere. Stoici Company e De Michelis a difendersi dall'assedio.

    RispondiElimina
  75. come volevasi dimostrare, alla fine i crucchi gliel'hanno fatto. Bayern con la bava alla bocca fino alla fine, altro che Guardiola moscio. Si può fare il possesso palla e avere carattere, evidentemente, del resto non si capisce perché le due cose dovrebbero escludersi. E Robben, sarò rimasto traumatizzato quella sera, quando ero in parterre di ferrovia e me lo vedevo correre incontro mostruoso, per me resta uno dei 5 più forti al mondo. Anzi, dei 3: oggi, al netto dell'età, è più decisivo lui di Neymar e Bale.

    RispondiElimina
  76. Molto più vicino a Perrotta che a Nedved, eheh

    RispondiElimina
  77. Si va dal centrocampista che si inserisce al tiro [Fabregas, falso nueve con la Spagna], al trequartista che ha momenti da punta pura, ma sempre inserendosi da dietro [Messi], alla punta mezzasega che non può giocarsela sul fisico in area, così staziona al limite e gioca di tecnica e rapidità al tiro [Pepito Rossi a Firenze]. Insomma, ogni giocatore che sia sotto l'1.80 e i 75 kg grossomodo va bene, ahahah

    RispondiElimina
  78. Cantona è stato escluso dalla Francia per scazzi, quando era nettamente il miglior attaccante che avevano...Se chiedete a un tifoso dell' United chi è stato Cantona, vedrete che lo mettono nel loro Gotha, in posizione altissima. E non penso sia allucinazione collettiva, non sono montolivette.

    RispondiElimina
  79. mah. Dai due presunti "non attaccanti" entrati a Roma, Ilicic e Joaquin, sono arrivate cose più pericolose che da Gomez. Ma non ho voglia di tornare su polemiche già passate, ché poi mi prendo dell'adoratore perché non strillo "cruficige!" abbastanza forte.

    RispondiElimina
  80. sono molto incuriosito dal Messi che torna a giocare da 10 di cui parlava FOCO nei giorni scorsi. La più grande delusione del mondiale, per me, era stata vedere Leo completamente trasformato in 9, capace di saltare l'uomo e di fare da terminale del gioco l'attacco ma completamente privo della capacità di ispirare i compagni, lanciare, creare gioco, un'involuzione davvero stupefacente rispetto a qualche anno fa. Se davvero è come dice FOCO, il calcio sta recuperando uno dei suoi più grandi talenti di sempre, e non posso che esserne contento. Vedere chi era nato Maradona morire Inzaghi mi stava mettendo una tristezza...

    RispondiElimina
  81. Stasera non ho seguito un granché il Barcellona, aspetto il parere di McGuire, osservatore privilegiato. La differenza che ho notato io è che Lionello ha ampiato il raggio d'azione, partecipa di più al gioco e ha abbandonato quello spicchio campo dal quale, lo scorso anno, partiva sempre a ridosso dell'area altrui.

    RispondiElimina
  82. Mamma mia come ci starebbe bene Ramon Diaz in questa Fiorentina!

    RispondiElimina
  83. Penso che il problema sia convincerlo, anche perché da 10 rischia di perdere contatto con i numeri di C. Ronaldo come goleador. Comunque sia il problema si porrebbe lo stesso, con l'inserimento di Suarez. Di positivo c'è che può prendere un po' meno botte, e rendersi più utile alla squadra, e probabilmente divertirsi e divertire di più giocando. Io sono favorevole.

    RispondiElimina
  84. comunque ho sempre considerato Ciro Immobile un onesto bomber da bassa classifica e niente più. Da ciò che mi dite, sta dimostrando ben di più. Mi farebbe piacere essermi sbagliato, in questo caso, dato che il ragazzo mi è simpatico. Vedremo...

    RispondiElimina
  85. Oggi ennesimo segnale negativo proveniente dal comandante, affermazioni giubbonesche sul tifoso che si monta la testa. Ma la testa del tifoso a me pare si nascondi sotto la sabbia dimenticandosi del recente passato si nega l'evidenza. Come allora fu troppo Amore e Amore malriposto.

    Caro Masaniello, chi purtroppo si montello' la testa sedeva al timone, guidello' la nave dritta sopra scogli appuntiti e l'abbandonello' di nascosto prima dello schianto. Vuoi per caso ripercorrerne le gesta? O sei semplicemente fuori della Grazia di Dio causa tempesta ormonale?

    Intanto domani salto. Meglio non addormentarsi troppo presto. Domenica scorsa alle Quattro e quindici dormivo davanti al computer.

    RispondiElimina
  86. Ah ecco, il lume della ragione arde ancora... Cominciavo a disperare.

    RispondiElimina
  87. se è così, è bene che se ne vada, per lui e per noi, perché evidentemente le sue aspettative e quelle di una parte importante della piazza non coincidono. È tutto da dimostrare, dal mio punto di vista, che quelle della società siano più vicine a quelle della piazza che alle sue, e credo che la storia sarà destinata a ripetersi. Ma spero di sbagliarmi, ovviamente: magari Colantuono ci porta il terzo...
    Per quanto mi riguarda, critico spesso Montella per scelte tecniche, ma non per i richiami alla realtà, che nel merito condivido, per quanto sgradevoli e poco aziendalisti. Sentirmi raccontare palle è una cosa che non mi è mai piaciuta...

    RispondiElimina
  88. Il tifoso viola, quello più puro, o meglio quella categoria di tifoso viola il cui Dasein (esistere) si immedesima con la Fiorentina, con la sua storia, con il suo ruolo e significato politico (nel senso nobile del termine, di appartenenza alla polis). Lo si trova spesso fuori Firenze, ma non storcete il naso voi nati sulle rive dell'Arno, vale anche per voi, ma è solo che nel tifoso di natali barbari, le ragioni della scelta emergono più chiare e si rivelano come paradigmatiche, ergo più acili da interpretare. Nel barbaro, è una scelta strettamente legata alla storia viola, spesso tramandata (tramite contagio) da chi si innamorò di una Fiorentina -piccola e bella- che sfidava il potere, le grandi città e che spesso le sconfisse. Una Fiorentina che all'epoca divenne per almeno un decennio squadra simbolo del Paese, come l'inter e la Juve sebbene in quanto loro antitetica. Ma è, allo stesso tempo, una scelta che va ribadita, una scelta moralmente libera in senso kantiano, ovvero categorica, un dovere morale, una testimonianza. Non si rimane tifosi viola -dentro e fuori Firenze- senza avere la consapevolezza di una inferiorità manifesta e delle sofferenze che questa debolezza procura e procurerà. E' una rinuncia, più che una scelta. Può forse avere in sè elementi escatologici, un pò come le prime comunità cristiani, ma per confutare questo dubbio dovrei scriverci un saggio, non un post.


    Capite bene, che sentir dire da un mercenario -ah Machiavelli c'aveva pure avvertito- posto a capo delle milizie fiorentine che il tifoso viola tende a montarsi la testa mi spinge a dissotterrare l'ascia di guerra -ah Don Diego, in una delle sue manifestazioni più riuscite, c'aveva pure avvertito. Ma cosa ne sa il mercenario del tifoso viola? Si è mai posto nella sua vita il quesito di cosa vuol dire tifare Fiorentina?


    Sentir dire? Ma quante volte le abbiamo sentite dire queste mischiate? Io che mi monto la testa, voi che vi montate la testa, ma quale testa poi? Io tifo viola col corpo -ovvero tutto quello che negli animali circonda il tubo che dalla bocca porta all'ano-, non con la testa, nè con l'anima. Quindi non mi posso montare la testa in quanto tifoso viola, non sarei diventato tifoso viola in partenza, tanto per intenderci.


    Detto questo, dichiaro ufficialmente guerra al mercenario di turno, ma non guerra totale, guerra come continuazione della politica con mezzi non pacifici, non diplomatici. Conscio che in ogni caso la guerra la vincerà il tifoso viola: o il mercenario rinsavisce, capitola e chiede scusa oppure tanto, prima o poi, toglierà il disturbo. Ci mancherebbe solo che un Masaniello vinca questa sporca guerra, la sua fine è comunque segnata.


    E se scendo a Firenze queste cose gliele vado a dire in faccia, con ben altri toni e con un linguaggio da boscaiolo della Carinzia. Idiota!

    RispondiElimina
  89. Valtolin, non prendertela, ma questi discorsi li abbiamo già fatti quattro anni fa con quelli della setta. Nel post qua sopra ho mai parlato di aspettative o di piazzamento? E allora che cazzo c'entra il tuo discorso? Ho parlato di terzo posto o di Colantuono? Ho parlato di grande rosa o tessuto le lodi dell'azienda?


    Ho parlato di un allenatore che nelle ultime due partite -che per la cronaca, si potevano pure perdere entrambe- ha dimostrato di avere dei gravi squilibri psichici. Allora, vogliamo parlare di questo? Se mi rispondi che, secondo te, non hai visto nulla di strano, allora mi va bene. Ma se mi metti in bocca cose che non penso e non ho scritto, allora lasciamo perdere.

    RispondiElimina
  90. no, STEFANO, nel post qui sopra non hai parlato delle scelte compiute nelle ultime due partite, ma delle parole di Montella stasera, che ti ha fatto arrabbiare dicendo che qualcuno si è montato la testa...
    Hai citato le partite? Dove? Io vedo solo riferimenti alla conferenza stampa. Se vuoi parliamo delle partite, ma non dirmi che invento le cose, ho risposto esattamente a quello che hai scritto tu, poi può non essere d'accordo, figurati, sono l'ultimo degli scemi, però l'argomento, cioè le dichiarazioni di Montella sulle aspettative di piazzamento in conferenza stampa, e il paragone con Prandelli, l'hai scelto tu, io ti seguo.
    Ripeto quello che ho detto: le scelte dell'allenatore sono discutibili, ma quanto invita a ridimensionare le aspettative sul piazzamento, per me, ha perfettamente, per quanto tristemente e forse inopportunamente, ragione.
    Che i miei argomenti evochino cose già sentite può essere, devo notare però che i tuoi, dall'origine geografica non fiorentina dell'allenatore alla sua carenza di ambizione di vittoria alla sua mancanza di affetto verso la viola, ricordano molto da vicino quelli degli anti-DV, solo riferiti a un capro espiatorio diverso. Perfino il riferimento al sesto posto, che quando arrivò da ADV a Moena, fu oggetto di una mezza rivolta dei soliti noti sul sitone, ora diventa la pietra dello scandalo quando lo fa Montella. Curioso, no? Sembra che la reazione debba essere automaticamente quella e l'unica libertà di scelta sia il bersaglio verso cui tirare la pietra. Non mi piace questo gioco, scusami ma è così.
    Comunque questi discorsi lasciano il tempo che trovano: il clima che si sta creando è facilmente leggibile, la stampa aziendale ha già decretato, e l'uomo, a differenza di Prandelli, è sveglio e non ha vocazioni suicide: a giugno saremo liberi dal folle Masaniello. Cosa che di per sé non mi preoccupa: gli allenatori, anche quelli che ammiro, passano, la viola resta, ne verrà un altro e farò il tifo per lui. E però, purtroppo, ancora una volta i nodi verranno al pettine. Io credo che le aspettative basse di Montella, che tanto ti hanno fatto arrabbiare, corrispondano oggi alla capacità economica della società, con margini di variazione, ampiamente (tant'è che Montella, con una rosa peggiore di questa, ci ha portato un terzo e un quarto posto, non un sesto) e che chi lo sostituirà difficilmente potrà darci di meglio. Ma ovviamente siamo qui, anno dopo anno, e speriamo ogni anno che il prossimo sia migliore. Con Gasperini verso la Champions!

    RispondiElimina
  91. Leggo su sitone:

    Le critiche? "Ci stanno, fanno parte del nostro mestiere. L'allenatore non deve però perdere l'equilibrio, nel bene o nel male. Vedendola da qui mi pare che ci si sia montati un po' la testa, ma l'importante è che non perdano l'equilibrio i miei giocatori".



    Chi dice che Montella si riferisse ai tifosi? A me sembra che il bersaglio siano i giornalisti...

    RispondiElimina
  92. Continui a mettermi in bocca parole e concetti assenti dai miei pensieri. Forse proprio non c'arrivi.

    RispondiElimina
  93. E' ufficiamente rinata la Sda (vedi post sotto). Diceva Marx, che la storia si ripete sempre due volte, prima come tragedia poi come farsa. A me quelli della Setta 1.0 mi erano sempre sembrati dei farlocchi. Vediamo la nuova generazione se ribalta il detto, ma dai primi fochi non sembra.


    P.S.: tranquilli, se continua così, Masaniello non arriva a Ognisanti.

    RispondiElimina
  94. può essere. A me pare di essermi riferito quasi letteralmente ai tuoi due post, ma non escludo la possibilità di non essere scemo, assolutamente.

    RispondiElimina
  95. Magari mi sono spiegato male io.

    RispondiElimina
  96. o ci si unisce alla caccia alle streghe o si è adoratori? Bah. Il giochino non mi piace. Non ho nulla da dimostrare a nessuno, se vedo critiche a mio parere sproporzionate lo dico, poi so che valgono quel che valgono, cioè ben poco. Ma non è con la caricatura e le etichette denigratorie che si arriverà da qualche parte...

    RispondiElimina
  97. può essere anche quello. Quello che ho capito io è che l dichiarazione di Montella sulle aspettative troppo alte ti hanno ricordato lo scaricabarile dell'ultimo Prandelli. A me invece sono sembrate parole oneste, e ho aggiunto che penso in ogni caso che il rapporto sia compromesso, ma temo non arriverà qualcuno di meglio. Nessuno dei due ha nominato partite o scelte tecniche, a quanto mi risulta.

    RispondiElimina
  98. Quando un allenatore comincia nella confusione più totale, di gioco, di testa, di cuore è lecito preoccuparsi. Il resto son discorsi che lasciano il tempo che trovano: terzo posto, sesto posto, aspettative, sono solo frasi gettate lì. E scusa, a mettere contro proprietà e allenatore, non ho iniziato io. Dimmi in uno dei miei post sotto dove nomino o solo alludo alla proprietà.
    No dimmelo, sul serio.

    RispondiElimina
  99. non sei stato tu e non sono stato neanch'io: è il titolo di apertura del sitone, in questo momento, a rappresentare le parole di Montella come un attacco ad ADV. Io ho notato un'altra cosa, e cioè che ci sono dei tratti comuni (ovviamente non voluti) tra le critiche che porti a Montella e quelle che molti portano ai DV. A me questo schema non piace per niente, l'idea che in una situazione difficile il tifoso sia costretto al gioco della torre tra società e allenatore. Non ti sto accusando di niente, sto interloquendo, semplicemente, provando a ragionare insieme.

    RispondiElimina
  100. Fu proprio la Sda a creare il gioco della Torre perchè faceva comodo. Io critico Montella su questioni tattiche e umane, non ne faccio nemmeno un discorso di punti. Sugli errori della società se ne può parlare, ma non vedo il nesso. Se Montella ha a disposizione delle rape, che ne ricavi il meglio. Il rischio grande è che sia ormai completamente fuso di testa.

    RispondiElimina
  101. Anzi a dirla tutta, visto l'ora tarda, non è che ADV stia messo proprio bene da quel punto di vista. Infondo gli si vuole bene anche per questo. Ma non avendo influenza su decisioni tecnico-tattiche i danni che potrebbe eventualmente fare sono limitati. Il suo maggior pregio -di Andrea- è che infondo è rimasto una persona umile, conscia dei propri difetti.

    RispondiElimina
  102. con tutto il rispetto, STEFANO, è evidente che non stai discutendo con me di questioni di ora ma con altri di questioni di anni fa. Va benissimo, ma allora non ho motivo di continuare a partecipare, e vado a dormire. La mia notazione sull'assonanza tra le cose che dici di Montella e quelle che molti dicono dei DV resta lì, fanne ciò che vuoi.
    C'è un precedente, di una Fiorentina ambiziosa e in crescita che aveva un giovane allenatore votato a un calcio spregiudicato e offensivo. Quando il rapporto si ruppe, la proprietà decise di rilanciare e prendere un allenatore dal curriculum indiscutibile. Malesani mi piaceva un sacco, ma di fronte al Trap mi zittii come tutti. Ecco, se domani Montella fosse cacciato, vorrei che la società chiarisse che lo si abbandona perché è lui a non essere all'altezza, perché noi vogliamo qualcosa di meglio, e non perché noi non siamo in grado di rispondere alle sue ambizioni. Buonanotte, alla prossima.

    RispondiElimina
  103. Sda, Falsonueve, Guardiola, tridente, CL, Roma....solita minestra. VALTOLIN, mi hai convinto, andrò a Fiorentina-Sassuolo. Chiudo io, alle h. 02,18...alle 6,30 ci sarà la sveglia!

    RispondiElimina