.

.

lunedì 8 settembre 2014

Ona ona ona...

Non potevo non ricordarla, perché l’ho tanto amata da piccolo e continuo a farlo anche oggi, mentre per mia sorella come per tutte le femmine era un giorno che finiva in lacrime. Ce la rifacevamo con loro e così bastava che la loro bellissima lanternina colorata venisse colpita da un pallino di stucco, per dimostrare la teoria che quella dei maschi aveva una vita più longeva. Eravamo piccoli cecchini armati di cerbottane che facevano la gioia del mesticatore di via de’ Serragli, la mia era il tubo in alluminio di un lampadario, ci divertivamo come matti nel tiro a segno di quelle splendide rificolone. Il Bambi che è sempre stato un esagerato non solo con le droghe, ricordo che non si limitava a colpire le rificolone, per lui il bersaglio era allargato anche a chi le portava in giro. Si sarebbero poi vendicate aspettandoci dietro l’angolo dell’adolescenza. E allora giù seghe. La festa della Rificolona del 7 settembre è un appuntamento immancabile per tutti noi fiorentini, la ricorrenza che scandisce l’arrivo dell’autunno, che per me come allora rimane un momento di spensieratezza, oggi la festeggio e l’apprezzo in altro modo. Una spensieratezza un po’ più torbida. Ma la festeggio sempre come ho fatto anche ieri. Le sue origini risalgono a prima dell'800, quando i contadini scendevano in città per festeggiare la natività della Madonna in Santissima Annunziata, e vendere i loro prodotti agricoli sotto il loggiato. Come oggi succede quando andiamo a Gardaland per cercare di scansare le file, così per assicurarsi una postazione vantaggiosa alla fiera, partivano dalle loro abitazioni in piena notte, utilizzando delle lanterne appese in cima a dei bastoni, per illuminare il cammino. Il termine “rifiholona” sembra derivi infatti da fierucola, ovvero una fiera di scarsa rilevanza. In base ad altre interpretazioni, la parola avrebbe a che fare con lo spirito goliardico e canzonatorio tipico di quelle fave che siamo noi  fiorentini. Le contadine che giungevano in città avevano spesso un aspetto goffo e trasandato, e questo naturalmente era motivo di scherno da parte dei cittadini di Firenze, che usavano appellarle come “fierucolone”. La desinenza colone o culone, unita al prefisso “fiera”, divenne così un modo per riferirsi a queste donne trasandate e dai floridi posteriori. L’espressione, poi evolutasi nel tempo in rificolona, andava così a indicare una persona giunonica e sempliciotta. Per questo l’amo ancora, un tempo mi ci perdevo dietro per spararci lo stucco, oggi a quei giunonici didietro sparo le mie ultime cartucce.




103 commenti:

  1. Avvisiamo gli utenti che è stato installato un nuovo lettore di badge. Lo trovate qui sopra. Basta strisciare la propria card nell'apposita fessura. Dopo i distributori, una nuova tecnologia per l'accesso sicuro al sito. Per una Riblogghita più moderna e funzionale.

    RispondiElimina
  2. Sto andando sulle Dolomiti (per lavoro) ma vedo che il blog è in mani sicure.

    RispondiElimina
  3. Tranquillo. Ci penso io qui. Almeno fino alle 10, ora in cui i bioritmi mi manderanno affanculo.

    RispondiElimina
  4. Pezzo tra i migliori di sempre. Forse Molnár ti ha inconsciamente ispirato. Per me l'autunno che veniva era annunciato dalla vendemmia. Dai miei nonni arrivavano parenti, amici e lavoratori occasionali e i pranzi, per qualche giorno, erano tavolate di una ventina di persone.
    Facce che adesso non ci sono più. Ognuna che mi raccontava una storia o mi faceva uno scherzo. Sembrano secoli.

    RispondiElimina
  5. di corsa, solo per esprimere la mia approvazione per il soprastante culone.

    RispondiElimina
  6. Un pezzo che suscita ricordi è un bel pezzo. Si.

    RispondiElimina
  7. Porca zozza che brutto quando capisci che certe cose non torneranno mai più!! Nostalgia di alcune persone...Saudade di vecchi luoghi....
    Nella vita paghiamo la modernità, l'uptodate per poi rincorrere alcune cose del passato.
    Nella vita tutto ha un prezzo, beato chi paga a rate...

    RispondiElimina
  8. Bellissimo post Pollock. Io sono cresciuto come Perin nelle terre redente dagli avi di VALTOLIN dove mancano tradizioni comuni che ti leghino veramente al territorio che abbiano il sapore del buon tempo antico, buono perché eravamo ragazzi e la Juventus aveva ancora solo una stella sulla maglia.. Un Po` come i romanzi di London, Twain e Stevenson e - perché no - Molnar soppiantati dà saghe fantasy dal meno forte sapore yankee :-)

    RispondiElimina
  9. Parallele Balotelliane (mangavano da un bo'...)

    1. Milan, Balotelli compie 24 anni: è l'ora della maturità. (12-8-14, sportmediaset.mediaset.it)
    2. Balotelli al Liverpool, Taarabt è sicuro: "Dimostrerà che ora è maturo" (25-8-14, goal.com)
    3. Balotelli al Liverpool: "Mario fantastico, Mario magnifico". I tifosi dei Reds hanno già trovato il nuovo coro per il numero 45. (2-9-14, sportmediaset.mediaset.it)
    4. Balotelli, prima follia a Liverpool: calcio in testa ad un avversario in amichevole. (5-9-14, leggo.it / Augusto Rasori)

    RispondiElimina
  10. È soprattutto un bel blog allora...

    RispondiElimina
  11. Io sono cresciuto con i romanzi di Jules Verne

    RispondiElimina
  12. La rificolona! Ho ancora negli occhi la serata della rificolona, con tutte le lanterne illuminate sui longarni, uno dei ricordi più belli.
    Io ero bambino/ragazzino e con il numero 10 c'era l'Unico Dieci

    RispondiElimina
  13. I ragazzi della via Pal.
    Dumas padre.
    Salgari.
    Oliver Twist.
    Tom Sawyer.
    I miti greci.
    Verne.
    Il tutto spruzzato di fumetti e robottoni giapponesi.
    Non è che si può ricominciare il giro, eh?

    RispondiElimina
  14. L'isola del tesoro
    Tom Sawyer
    Huckleberry Finn

    Il barone di Munchhausen
    Tre uomini in barca
    Tre uomini a zonzo
    e molti altri che mi verranno in mente...


    Anch'io fumetti (Paperino, Asterix, Braccio di Ferro, Snoopy, Geppo...) e cartoni giapponesi... e sono passati più di tren'anni...

    RispondiElimina
  15. Telegraficamente (sono al lavoro) e non posso far incassare i tax payers. Alla tua lista Foco aggiunderei: Robinson Crusoe e Verne [come Anto] Kipling e una scoperta di due anni fa`: La guerra dei bottoni, simile ai ragazzo della via Pal, ma piu solare e senza morti per polmonite (adatto anche al caro Lijuka quindi!)
    Fumetti: Tex, Zagor, Mister No Ken Parker piu Marvel DC e historietas argentine il tutto condito da una spruzzata di strips americane della golden age.

    RispondiElimina
  16. Giusto, Corto! Robinson Crusoe, Il libro della Giungla...

    Il giornalino di Gianburrasca

    Inoltre mi ricordo ancora i libri che NON ho mai finito: Viaggi straordinari di Saturnino Farandola e David Copperfield.

    RispondiElimina
  17. Zora, Primo, Lando, Oltretomba, Jacula.....continuate....

    RispondiElimina
  18. Da bambino i miei eroi erano Pecos Bill e Calamity Jane, della quale ero innamorato (da grande ho visto le foto...lasciamo perdere sembra fosse anche lesbica) mentre mi stava sulle palle la "Piccola Sue" che pecos Bill non dimenticava mai. Troppo giovani per sapere di cosa parlo, forse solo igGonfia, chissà?. Dopo arrivò Tex Willer che conoscete tutti. Poi basta, o che ci si mette a leggere i fumetti da grandi! Romanzi: sempre dell'adolescenza, Tom Sawyer e l'Isola del tesoro, poi i ragazzi della via paai. La guerra dei bottoni è abbastanza datato, fu anche un film, francese, di successo. La saudade si ferma lì, ed ai romanzi di Jorge Amado che ho letto, per la maggior parte in brasiliano, tutti.

    RispondiElimina
  19. Però quello di sopra è un bel culo, altro che fumetti!

    RispondiElimina
  20. Nell'etimologia della parola c'è tutto. C'è la fiha e c'è il culone. I fiorentini sono maestri nella sintesi del concetto. A parlar del 7 di settembre (che in Brasile è la festa dell'Indipendenza, ma non c'entra un cazzo) mi viene in mente di quando, universitari andavamo in riva d'Arno in cerca di qualcosa una di quelle sere. Tra noi c'era anche il genio della chimica, piccolino, con gli occhiali, tutti trenta, timido e riservato come tutti quelli che prendono tutti trenta. Stavamo tampinando tre discrete figliole quando un ragazzino sgattaiolò tra noi e loro e dette una bella tastata di culo alla più carina di quelle. Indovina chi prese la labbrata che fece volar gli occhiali? Son quelle foto che ti rimangono nella memoria di un 7 di settembre di tanti, troppi anni fa.

    RispondiElimina
  21. Non "ci" ringiovanire troppo Jordan. Blek Macigno, Capitan Miki, Il Cavaliere solitario, l'Uomo Mascherato, Mandrake, senza parlare di Dick Dinamite, Cino e Franco ed affini. E dulcis in fundo, Flash Gordon. I libri, alla seconda puntata.

    RispondiElimina
  22. Mio fratello era un fan di TEX, ad oggi ha gli originali da 1 a 100 (mi pare che quel numero si intitolasse Supertex fosse a colori ma non son sicuro)
    Io tutta la Marvel e Asterix, insieme a Diabolik, Kriminal ( Spalletti ) e Alan Ford.
    Cerbottane...credo impossibile spiegare oggi i pirulini con lo spillo per tirare alle lucertole, sembra l'età della pietra. E a proposito di pietre, che battaglie a sassaiola! Non c'è che dire, siamo stati fortunati, vedere gli adolescenti odierni coi telefonini collegati a Feisbuc e Uozzap tutto il giorno...

    RispondiElimina
  23. Tutti questi li hai letti nelle ristampe Sopra! Cino e Franco, Flash Gordon (che addirittura era il fumetto che più piaceva a mia madre che ora ne ha 93!), Mandrake, l'Uomo mascherato, eran tutti personaggi dell' "Avventuroso" che era in auge fino agli anni cinquanta. Io lo andavo a leggere, 5-6enne, dal mio amico del muro accanto, che aveva sette o otto anni più di me e che poi è stato il mio medico per tanti anni (ora è in pensione anche lui). Ah poi leggevo anche l'Intrepido che aveva una grafica che mi attizzava soprattutto nei personaggi femminili. Io ci ho sempre pensato fin da piccolo.

    RispondiElimina
  24. Tex 100 e 200 a colori.

    RispondiElimina
  25. ...Il Corriere dei piccoli?

    RispondiElimina
  26. Bel pezzo..io ieri ero in piazza a festeggiare.Avendo 2 bimbe ancora piccole mi posso concedere questi lussi.Certo che le cose son cambiate.Ai miei tempi eravamo molto più cattivi e bastardi(incredibile ma vero vedendo gli adolescenti di oggi);la cerbottana era un'arma che veniva usata in modo improprio.Ieri invece vedevo solo ragazzini dai 7 ai 12 anni massimo che quasi chiedevano il permesso prima di sparare alle rificolone.Pollock,quel culone è "culone" solo perchè in primo piano,o sbaglio?

    RispondiElimina
  27. Gran pezzo, o Poeta.
    Avete già detto tutto voi riguardo ai "romanzi di formazione", aggiungo che da bambino rovistavo tra i libri del fratello di mio nonno - una figura poliedrica come ce n'erano ai tempi: macellaio considerato uno dei migliori della Toscana per qualità delle carni, ci venivano anche da Livorno e addirittura da Firenze, consigliere comunale dopo aver preso la via dei monti nell'ultimo periodo della guerra, e una serie di letture vastissima quasi da autodidatta - e rimasi incantato da "Il vagabondo delle stelle" di Jack London, oltre a leggermi [non so quanto ci capii,,,] tutto "O velho e o mar" in portoghese, libro lasciato da un parente emigrato a San Paolo. Pure "L'uomo che ride" di Hugo mi affascinò molto, ma quello lo lessi quando facevo le medie, assieme a "L'idiota" di Dostoevskij. Spinto da una delle famose parodie di Paperino mi lessi anche Saturnino Farandola, un libro bellissimo a quell'età. Fumetti: da piccolo ho depredato la collezione di mio zio, quindi si può dire che ho vissuto l'infanzia della generazione di Jordan, e...anch'io ero innamorato di Calamity Jane! Quando d'estate invece i miei mi portavano al Tonfano [Bagno Lucia, un covo di tifosi viola, probabilissimo che il primo imput sia venuto da lì...], mi facevo comprare delle buste bianche a sorpresa, con dentro i fumetti della Marvel. Ho amato quelli un po' più marginali, come Silver Surfer e Devil, ed anche il Doctor Strange.

    RispondiElimina
  28. Sassaiole e combattimenti con le canne, tra gli improperi di mio padre che aveva paura che un giorno o l'altro ci perdessi un occhio. Mio nonno invece mi insegnava a usare il bastone e a lanciare il coltello, ahah.

    RispondiElimina
  29. Esatto Jordan la Guerra dei bottoni è ante grande guerra. Io l`ho letto da grande inizialmente per capire se era adatto all`età di mia figlia. Sui fumetti americani in particolare Flash Gordon segnalo la splendida ristampa della LOAC disponibile ovviamente su amazon.

    RispondiElimina
  30. Le cerbottanate e peggio gli "sfregi" alle lucertole mi facevano incazzare invece, feci a botte con un coetaneo proprio quando lo vidi tagliare una coda. Tornò a casa che era una maschera di sangue [il naso zampilla, a 9 anni], la maglietta da bianca era diventata rossa che nemmeno Tarantini o Neeskens nella finale del '78, sua madre non parlò alla mia per mesi, ahahah

    RispondiElimina
  31. "Il parco di Bomarzo", di Vinicio Capossela...canzone che parla della follia di Orlando. Per osmosi fa venire in mente...

    RispondiElimina
  32. Il signor Bonaventura, Bibi e Bibò gemelli terribili e Capitan Cocoricò con la Tordella, moglie tremenda. Flash di memoria, ma son più di sessant'anni fa.

    RispondiElimina
  33. Le lucertoline le ho sempre difese anch'io. Non rompono i coglioni a nessuno e sono anche belline. Invece ero molto merda con le mosche. Ne ho fatte stragi. Ma loro, soprattutto d'estate, i coglioni li rompevano eccome!

    RispondiElimina
  34. Anch'io ero un serial killer di mosche, mi chiamava pure una vicina amica di mia nonna per "ripulirle" la cucina! Ricordo ancora la paletta sc[hi]acciamosche, era gialla, ora c'è tutta roba elettroniha. A me piacevano molto i gecki, qui detti tarantole, che invece facevano inorridire le femmine di famiglia. Devo ammettere però che avevo un vizio crudele: nel muro a pietra laterale della chiesa, nei buchi, facevano le tele i ragni, e io ci lanciavo formiche per vedere il ragno uscire, pungerle, e avvolgerle in quella specie di sarcofago bluastro...

    RispondiElimina
  35. Ho deciso di informarmi il meno possibile su Rossi, d'ora in poi, perché non c'è più da capirci nulla. Dagli USA dicono che il ginocchio è stabile, dal CTO no [ma sarà vero quel che riporta quella giornalista?], sull'utilità e sui tempi dell'intervento scelto ci sono opinioni diversissime tra Londra, Colorado e Firenze...A quel che sembra, la sutura del menisco non garantisce la tenuta del ginocchio, e a Rossi ci vorrà qualche mese in più per il recupero rispetto a chi ha un ginocchio senza i suoi precedenti. Quindi da 4/5 mesi probabilmente si andrà a 6/7. Ma a quel punto non era meglio fare anche l'intervento di plastica ecc, come dicono a Firenze e Londra, e riavere forse un ginocchio "sicuro"? I mesi fuori sarebbero stati 12, ma considerata l'estate di mezzo siam lì...Questo vale naturalmente se il ginocchio non è stabile, ma vai a sapere chi ascoltare. La società in tutto questo giustamente tace.

    RispondiElimina
  36. La mia stessa scelta, DEYNA..BAsta parlare di Pepito. La società prenda esempio dalla Nuve su come si tutela un proprio calciatore (e duole scriverlo).

    RispondiElimina
  37. POLLOCK, le tue ultime due righe sono state usate da un venditore di ricariche, di cartucce per stampanti...Ha millantato proprietà di aggancio, giocando con il tuo scritto. Vedi? Allarghiamo orizzonti, oggi siamo anche marketing, mentre altri devono fare marchette.

    RispondiElimina
  38. Le lanternine colorate,le luci,i colori,la folla,le cerbottane improvvisate,tutto materiale che riporta un velo di nostalgia ed un sano sorriso,che si è trasformato in beffardo non appena scorrevo con il dito fino a quella meravigliosa prospettiva della seconda immagine,mentre con l'altra mano tenevo una tazza di caffè.Notevole post "Mr" Pollock con finale ad effetto,anzi direi,col botto!Un antipasto di cruditè di pesce accompagnato ad un vino fruttato non molto aromatico che funge da apripista,dove si mischiano gusti leggeri,leggiadri,che ci impegnano nella collocazione dei sapori.Compariamo il tutto alle nostre origini,ai legami con la nostra terra,alle tradizioni,alla scoperta della tipicità,ai fumetti,ai cartoni che accompagnavano le improbabili gesta che fedelmente tentavamo di riproporre con scarsi risultati,i primi approcci con le ragazzine,dove chi riusciva nell'impresa di toccare un fondoschiena,era già il donnaiolo del gruppo per non parlare dei piccoli seni,insomma,sentimenti della gente comune.Secondo piatto direi astice alla catalana,quelle manine di donna,come le chele saporite,e la coda da spolpare,da condire con pomodori rigorosamente maturi,cipollotti,sale,pepe,immancabile "olio d'oliva"...e direi Champagne stavolta,assolutamente!!!Diciamo che anche in questo menue,è racchiusa la differenza tra allora ed oggi in senso generale,ora non ci si lascia permeare dagli odori,si tende all'astrattismo.Le donne sono una straordinaria invenzione,vi ho lavorato molto a rincorrere il mio ideale,non cancellerei niente,neanche quelle sbagliate.Le donne gratificano,rassicurano,fanno incazzare,ci fanno vivere(immaginate l'inquilino del secondo piano che sogna il culo della signora del quarto),magari se guardiamo più in alto nel palazzo,succede ciò che è successo ieri a Pollock...;-)!!!Dov'ero ieri?Sono uno che lavora molto,quindi mattina occupata,pomeriggio?Ovviamente bighellonando dietro alla mia donna che doveva vedere per un abito,tra gli sguardi solidali di chi come me,era senza football da vedere,ma soprattutto senza Viola.Saluti

    RispondiElimina
  39. Su Firenzeviola, nel mezzo dell'articolo sul tour de force settembrino/ottobrino scrivono così: "...... sarà già tempo di turno infrasettimanale, con il Sassuolo di Eusebio Di Francesco (corsaro un anno fa al Franchi in un pirotecnico 4-3) che farà visita nello stadio che tra un anno potrebbe essere il suo...".
    Io non sapevo che Di Francesco era un candidato alla panchina viola....

    RispondiElimina
  40. grande stima per Di Francesco, che mi sembra un allenatore promettente, ma credo ci sia un limite a quanto possiamo comportarci da succursale giallozzozza... Seriamente, con Montella c'è andata bene, ma diventare strutturalmente la buca della sabbia dove far giocare i futuri allenatori daaa Riomma, no, grazie. Meglio Luciano.

    RispondiElimina
  41. Di passaggio, solo per complimentarmi per l'editoriale... Se Dio vole sabato si comincia sul serio...

    RispondiElimina
  42. Richards già nella mischia? Possibile? Fuori Tomovic...?
    Badelj? Fuori Aquilani?
    Basanta, gioca? (DEYNA esentato dalla risposta!).
    In difesa la mezza sdozzina o l'enclave ex slava?

    RispondiElimina
  43. Basanta non saprei, ho letto che ha cappellato nell'amichevole...

    Richards penso parta subito, Tom andrà a riposare visto che iniziano gli impegni ravvicinati, davanti Marin non sembra ancora pronto...

    RispondiElimina
  44. purtroppo da ragazzino le cazzate si fanno...ora se vedo una violenza su un animale oltre che incazzarmi, mi fa star male. Se tu sapessi quanti ultimamente ne ho salvati.

    RispondiElimina
  45. Devil il mio preferito.

    RispondiElimina
  46. Boh SOPRA, per me é facile, Aquila, Borja( nel suo ruolo) e Badelj.
    Dietro se abbastanza pronto, Richards.

    RispondiElimina
  47. Credo e spero di giochi a tre dietro, Richards, Gonzalo, Savic. Non credo rischi Basanta che ha giocato molto poco con gli altri. Non credo invece che metta Badelji al posto di Aquilani, a meno che non vogliano fare pressioni per il rinnovo contrattuale. I tre tenori, se non hanno problemi, sono quelli. A partita in corso ci può essere qualche cambio.

    RispondiElimina
  48. Dici questo solo per pararti il culo dall'Esercito delle 12 Scimmie di Antoine Rouge, ahah. Scherzi a parte sì, idem.

    RispondiElimina
  49. Io penso che dietro giocheranno Richards-Gonzalo-Savic, e a centrocampo Aquilani. Badelj comunque credo che troverà molto spazio in stagione, e anche Kurtic si ritaglierà il suo spazio. Basanta ha bisogno di un po' di tempo, anche visto il fisico, ma se è sempre quello dell'Estudiantes giocherà molto, è uno che dà sicurezza dietro.

    RispondiElimina
  50. Vedi che quando non si parla di poppe ci si trova d'accordo!

    RispondiElimina
  51. Claro que sì...Ma trovo naturale che si tenda a far giocare inizialmente Savic [un '91 da far crescere di valore sul mercato e in campo] e Aquilani [abbastanza in forma, e nazionale], in luogo di Basanta e Badelj, appena arrivati. Sarebbe anche un atto di sfiducia grosso farli fuori e metter dentro i due appena arrivati, a meno che non si vogliano dare segnali ad Aquilani che non rinnova.

    RispondiElimina
  52. Deyna, anch'io ho letto Saturnino Farandola dopo aver letto la parodia di paperino, solo che non l'ho mai finito. Da bambino non l'ho finito perché l'ho trovato noioso, poi non ho più avuto occasione, né voglia... stesso discorso per il Copperfield di Dickens: da bambino l'ho abbandonato perché lo trovavo troppo triste, penso che morirò senza mai averlo letto tutto...

    RispondiElimina
  53. Pek in panca, anche se col Genoa in casa troppi rischi a centrocampo non si dovrebbero correre, pero'.

    RispondiElimina
  54. Basanta ha giocato poco con gli altri? E Richards, quanto ci ha giocato?

    RispondiElimina
  55. Anche il mio, mi entrò nel cuore piano piano...Ricordo che inizialmente era "ospite" di un supereroe più famoso, per poi avere il suo fumetto.

    RispondiElimina
  56. Dunga ha tutti e due i difensori centrali rotti. Con l'Ecuador giocherà con Danilo, Miranda, Marquinhos e Luis Felipe. Marcelo non l'aveva nemmeno convocato, l'ha chiamato dopo per l'infortunio di Alexsandro. A me sembra il più forte di tutti. Intanto è in pista anche quel Fabinho di cui si diceva come laterale destro.

    RispondiElimina
  57. Maicon buttato fuori dalla seleçao per motivi disciplinari. Dunga non scherza.

    RispondiElimina
  58. A Miranda ha fatto molto bene la cura-Simeone, è molto più attento di quando giocava in Brasile...Anche Dunga vedo che ignora Dedè, che però non so come stia giocando ultimamente. Devo riprendere con gli streaming brasiliani...Mario Fernandes farebbe bene ad andare a giocare in Europa, in Russia non cresce e difficilmente Dunga lo prenderà in considerazione. Non dev'essere però granché mentalmente, ricordo un paio di cazzate incomprensibili fatte in passato [una sparizione immotivata di qualche giorno, e il rifiuto a una convocazione in nazionale]. Del resto non può essere che quella la tara, perché fisicamente e tecnicamente è un mostro.

    RispondiElimina
  59. Non può certo ripartire da lui, il Brasile che dovrà riscattare (tra 4 anni..quanti ne avrà Maicon? 36?) un passivo mondiale, sia per il gioco sia per il risultato. In Russia sarà durissima ma se non arrivano in finale faranno bene a restare in Europa, dove gioca la maggior parte della Selecao...eh eh eh eh eh...

    RispondiElimina
  60. Alonso deve continuare a giocare, VALTOLIN, credo siamo d'accordo su questo; grave se Montella ancora non avesse deciso per la piena fiducia allo spagnolo. Pasqual giocherà in EL, magari.
    Pizarro a Roma era in apnea, non di fiato, a Roma...lo pressavano dalla scaletta d'ingresso al verde e ha sofferto, con lanci da 60 metri invece che dai soliti 40 metri....Badelj può fare il cerebro costruttore? Io sarei propenso ai tre tenori (tutti in campo, alleluia!) e Badelj nella ripresa, per uno dei tre che rifiata per la Coppa.
    Davanti personalmente punterei su Bernardeschi, soprattutto perché sarà metà settembre, e come ho già scritto, il giovane vuole giocare, vuole giocarsi le sue chance...altrimenti chiederà la cessione, é stato chiaro e va apprezzato per questo. Torniamo al solito discorso: puntiamo o no su un giovane nostrano?
    Se Montella mette Ilicic o é per provare se finalmente rende per 9 milioni o per provare sbriciarono definitivamente.
    Purtroppo la questione- Rossi condiziona anche la gestione delle punte, poiché sembrano cambiare gerarchie, con Pepito in campo e risultati acquisiti Montella poteva sperimentare, osare, far "turnare" più serenamente le punte....Credo che Vincenzino davanti ci sorprenderà, e spero in positivo?
    Io non vorrei vedere la viola con il solo Gomez davanti.

    RispondiElimina
  61. Su Ilicic é "provare a bruciarlo definitivamente...." E non "sbriciarono"(IPad che va da solo...).

    RispondiElimina
  62. Può darsi, anzi probabile, ma secondo me farebbe un monte di cazzate. Per me per giocare a 4 non abbiamo esterni bassi. Richards terzino si avvicina molto a De silvestri, mentre centrale di destra è una bestia. Nel City il campionato l'ha vinto da centrale, qundo l'hanno spostato sulla fascia ha perso il posto e smesso di giocare. Di là poi non se ne parli, Alonso è in progresso ma le sua lacuna difensive non ne fanno ancora un difensore affidabile di dfiesa a 4, e di Pasqual non se ne parli.

    RispondiElimina
  63. SOPRA, su Alonso concordo, e infatti dico che vedremo l'alternanza con Pasqual nel corso delle 7 partite, non certo nel corso della prossima.
    Pizarro dà il meglio contro le squadre che non pressano troppo a centrocampo,
    questo lo sappiamo bene, non al caso l'anno scorso fece due prestazioni
    sontuose col Catania (squadra che del resto riuscì a far risplendere
    anche Pasqual e Matri, e ho detto tutto). Come sai sono un grande estimatore dei tre tenori, ma credo che l'esperimento Brillante a Roma abbia mostrato quanta fretta abbia Montella di trovare alternative a centrocampo, a ragione, vista l'età media e il numero di partite da giocare. Perciò credo che vedremo Badelj titolare, se non già domenica, sicuramente giovedì prossimo.

    Attacco e difesa mi sembrano collegati, e lo dico anche per rispondere a JORDAN: Montella non prova la difesa a 3 da quando è rientrato dal Sudamerica, non l'ha messa in campo neanche col Lugano, dubito proprio che la vedremo dal primo minuto domenica. Credo che la ragione, se provo a capire cos'ha in testa il mister, sia un maggiore investimento sulle doti offensive di Cuadrado, in assenza di Rossi, un po' come nelle ultime partite dello scorso anno, quando giocò tra il trequartista, la seconda puntata e l'ala, comunque quasi completamente libero da compiti difensivi. È chiaro che se dev'essere un importante terminale offensivo, allora non può fare l'esterno del 3-5-2 e dobbiamo giocare a 4. L'opzione 3-5-2, come ce la immaginavamo quest'estate, era basata su aver Gomez e Rossi, due punte di peso, davanti. Può essere ancora sperimentata se gioca Baba al posto di Rossi, che è l'unica altra punta vera al 100% che abbiamo. Ma se invece sono in campo Ilicic, Berna o Marin, credo proprio che vedremo sistematicamente Cuadrado spostato in avanti e di conseguenza difesa a 4. Con le conseguenze negative che giustamente indicava JORDAN, ma la coperta quando si tira da una parte scopre l'altra, lo sappiamo.
    Poi, capiamoci: nel secondo tempo con la Roma Alonso ha giocato più tempo sulla linea di centrocampo che nella propria trequarti, con dietro la difesa che scalava 3. Ma credo che resterà una soluzione a partita in corso, non la formazione di base, a me che non si decida di puntare in blocco sulla coppia Gomez-Baba, che permetterebbe a Cuadrado di fare l'esterno a tutta fascia senza troppe responsabilità offensive.

    Sull'attacco, mah. Da Ilicic alla fine sono venute le due palle più pericolose, contro la Roma. E contro le piccole ha spesso fatto cose rilevanti, in passato. La mia unica paura è che sia la soluzione 4-3-2-1 con lui e Cuadrado dietro a Dino, sia quella 4-3-3 con Cuadrado e Berna sugli esterni e Dino in mezzo, mettano tanto, troppo peso sulle spalle del nostro centravantosauro preferito, il quale non è uscito proprio benissimo, psicologicamente, dalla pausa nazionali. Non ho una soluzione preferita, in questo caso, perché tra il fatto che Dino, Baba e Berna non c'erano l'anno scorso e quello che Cuadrado non c'era quest'estate, non li ho mai visti giocare insieme, e perciò fatico a immaginare quale sarebbe la soluzione più efficace. Spero che Montella abbia le idee ben più chiare di me (e ci mancherebbe, dato che io lo stipendio lo prendo per fare altro).

    RispondiElimina
  64. ah, poi magari sarò smentito tra 5 minuti, ma quella su Emeghara mi sembra una bufala del suo procuratore. Se avessimo voluto una punta, avremmo preso Pandev che non aspettava altro. Avrebbe senso solo una punta di esperienza ed efficacia sicura, se non crediamo abbastanza in Baba e Berna. Ma di uno come Emeghara che ce ne facciamo?

    RispondiElimina
  65. Anche io schiererei il 3-5-2, in quanto più adatto, soprattutto, ai nostri difensori e ai nostri centrocampisti: in difesa Gonzalo, Savic e uno fra Richards, Basanta e Tomovic; Cuadrado e Vargas (o Alonso) sugli esterni; i Tre Tenori a centrocampo (con Badelj e Kurtic pronti a subentrare... ma io, per motivi psicologici, metterei titolare di nuovo Brillante); Ilicic (o Baba o Berna) a supporto di Gomez.


    Se si giocasse con la difesa a 3, siamo sempre con il problema degli esterni di difesa, o terzini che dir si voglia; in questo caso, inoltre, a centrocampo inserirei un Badelj o un Kurtic al posto di un tenore, per avere maggior filtro.

    RispondiElimina
  66. Valto, si stanno offrendo tutti, anche Hugo Almeida.
    Io penso che, fra Marin, Ilicic, Berna e Baba siano già troppi, per un posto. Se si prendesse un altro attaccante tipo Emeghara o Almeida o simili, i quattro sopra citati avrebbero tutto il diritto di incazzarsi.

    RispondiElimina
  67. Vedi Valtolin, io Cuadrado punta proprio non lo vedo. E' un puledro selvaggio "formidable" quando è in moto "fort minable" quando lo accalchi in aree intasate. Per me deve venire da dietro, sempre, meglio se sulla fascia dove, grazie alla prestanza atletica che è altra dote precipua, può fare tutto il campo, uno dei pochi in serie A, forse l'unico con la sua qualità. privarsi di un esterno da 3-5-2 dei migliori al mondo per inventarsi una punta mediocre mi sembra prandellite allo stato acuto. Di punte ne abbiamo due sole, è vero, un campione da ritrovare, ed un giovane che sta finalmente mostrando le sue enormi potenzialità. Inoltre abbiamo un vagone di mezze punte - trequartisti. C'è bisogno di inventarne un altro che, invece, nel suo ruolo, è unico? Della difesa a tre o a quattro ho già detto, ma non ne faccio una guerra di religione, basta che Alonso o chi per lui in fascia sinistra, stia un po' più avanti o un po' più indietro e che Richards o chi per lui si allarghi un po' e passiamo dal 3 al 4 o viceversa, come a Montella piace fare. Però l'impostazione di partenza per me deve essere a 3, e Cuadrado deve giocare esterno. Poi Montella farà tutt'altro. Se vince bravo, se perde...potrò almeno dire che avre fatto diversamente.

    RispondiElimina
  68. sì, ma infatti non dico assolutamente che quello che dici non abbia senso, anzi. Dico solo che, da quello che ho visto nelle ultime settimane, mi sono fatto l'idea che Montella la pensi diversamente. Vedremo se avrà ragione. A me gli esperimenti di Cuadrado punta lo scorso anno sono piaciuti, però erano tutti con squadrette, e quindi valgono fino a un certo punto e ho ancora il dubbio che abbia ragione tu. Credo che domenica capiremo un bel po' di cose in più.

    RispondiElimina
  69. Grazie Pollock per questo panorama magnifico, mozzafiato, che fece dire a Ungaretti "Mi illumino d'immenso" appena vide questo po' po' di Ri-fica-culona dal buco della serratura del bagno. Quest'immagine mi fa comprendere appieno perché associo, inconsciamente, la "Rificolona" alla "Festa del Grillo", anche se sono in stagioni diverse

    RispondiElimina
  70. ANTO, lo scrissi anche io, su Brillante; o dal primo minuto o anche mezz'ora nella ripresa ma deve tornare subito in campo, altrimenti si emargina psicologicamente.

    RispondiElimina
  71. Pecos Bill, misteri insoluti: come facevano le frange di calzoni a stare SEMPRE diritte e inteccherite? Le inamidava? Davy Crockett come faceva a muoversi normalmente con uno stivale in un piede e nell'altro una ciabatta?

    RispondiElimina
  72. come ogni volta che torno in patria, la prima sera è riempita da una quantità di sarde in saor che voi non avete idea... Un'esperienza per stomaci più abili. Roba che donerebbe a Nainggolan il dinamismo del peggior Pizarro. È dall'alto di questo stato mentale e fisico superiore che condivido con voi questo contributo interessante: http://crampisportivi.com/2014/09/05/lenigma-di-marko-marin/

    RispondiElimina
  73. Come scrive giusto Jordan, per la difesa a 4 continuiamo a non avere gli esterni bassi. E, a questo punto, visto che nemmeno in questa sessione di mercato estiva ne è arrivato uno che sia uno tra destra e sinistra, considerando anche che Cassani non è mai stato visto da Montella mi vien da pensare che si voglia andare avanti con lo schema 352. Che continua ad essere il più adatto agli uomini a disposizione. La bega è a sinistra dove, a mio avviso, e per motivi diversi, ne Alonso ne Pasqual danno garanzie. Alla fine il meno peggio è sempre Vargas...

    RispondiElimina
  74. Hans Baluschek " Sommerfest in der Laubenkolonie" , 1909, Brohan Museum, Berlino

    RispondiElimina
  75. Abitualmente detesto le prediche e chi le fa, ma una tantum salgo sul pulpito. Nel weekend della rificolona, a me la festa l'ha fatta un evento sinistro, inteso non come aggettivo ma come sostantivo. Vado dritto, dal rearviewmirror (chi ha amato il grunge capirà...) vedo lontano un puntino che in pochissimi secondi si fa via via sempre più nitido, decelero e metto la freccia perché devo svoltare; ora vedo il centauro sculettare in qua e in là, non riesce più a domare il suo 750cc, mi si schianta sulla bauliera. Spavento per me, non tanto per l'incolumità mia, quanto per quella della mia dolce passeggera, ma soprattutto per quella di chi sta rotolando per le terre. La sorte vuole che non stiano passando altri veicoli, la tuta un po' gli fa, insomma se la cava con qualche livido. Tiro il sospiro di sollievo, mentre quello della mia "Rita" (non t'allarmar poeta, è un nome di fantasia in onore del tuo blog!) arriva dopo un po', sono scherzi dello choc. L'emulo di Valentino spiega che non si aspettava che avrei rallentato, dava per scontato che sarei andato a dritto, ma si assume la colpa e riconosce spontaneamente che avrebbe potuto andare un po' più piano. Ma voi l'avete mai vista una moto andar piano? Io ricordo di no, ma a parte questo è risolto anche il problema ultimo nell'ordine di priorità, in quanto perlomeno a Firenze l'obbligo di assicurare i mezzi è ancora esaurito dalla quasi totalità dei proprietari. Sbrigato tutto, realizzo che nella fase di soccorso non avevo voluto dar peso al fastidio che avvertivo al collo, ma d'altronde me lo dicono tutti che ho l'abitudine di pensare prima agli altri che a me stesso. Stamani un dolorino c'era, in diversi mi suggeriscono di andare al CTO e vedere se ci mangio un po'. Insomma, il classico consiglio che tutti sono buoni a dare e tutti sono buoni a seguire. Peccato però che sono anche tutti buoni a lamentarsi delle interminabili ore di coda quando hai davvero bisogno del Pronto Soccorso, come sono tutti buoni a lamentarsi dei premi eccessivi delle polizze. Non esito a rispondere che non mi pare il caso, infatti stasera mi è passato già quasi tutto.
    Immagino allora che vi chiederete cosa vi caho i'cazzo a fare se tutto è finito bene. Avete ragione, ma nel mio sedile posteriore avrebbero dovuto esserci la mia "cognata" col suo bimbo di due anni. Un contrattempo, provvidenzialmente, aveva modificato i loro programmi. In un'altra casa come tante c'è una bimba della stessa età, ma la cavallina fortunatamente non è storna e il papà a casa gli ritorna. Mi chiedo a che cazzo servano certi bolidi, ho sempre pensato che non dovrebbero circolare, anche se capisco che cozzino con le logiche dell'economia. E pure estendendo il discorso alle auto, mi chiedo perchè andare a 200 solo perchè alcune ne sono capaci. Non so cosa ci sia da dimostare, a premere un pedale siamo capaci tutti. Scusate se sono stato prolisso, ma penso che certe riflessioni siano più lievi quando le conseguenze non sono gravi. A volte è troppo tardi per fare considerazioni.

    RispondiElimina
  76. Sottoscriverei, ma sembra che Montella stia progressivamente spostando Vargas verso il centro del campo, dove tra l'altro la concorrenza è più serrata. L'impressione è che la fascia sinistra sarà come all'inizio dell'anno scorso oggetto di contesa tra Alonso e Pasqual

    RispondiElimina
  77. Ma se si deve prendere questa gente , reinseriamo in rosa El Hamdaoui, che comunque quando è stato messo in campo qualcosa di buono l'ha fatto. Di sicuro non vale meno di loro, a parte il fatto che è di spalla tonda...

    RispondiElimina
  78. Bel post Vita, tutto è bene quel che finisce bene, dai...

    p.s. per il resto, non occorre il cto, bastano un paio di certificati del dottore, eheheheheh....

    RispondiElimina
  79. Sono perfettamente d'accordo

    RispondiElimina
  80. Corto, penso che l'impiego di Vargas in quella zona del campo sia dovuta più che altro al fatto che prima dei botti di fine mercato (soprattutto nella prima trasferta) fossimo ehm, CORTI (eheheheh) a centrocampo... Un saluto...

    RispondiElimina
  81. Adoro le sarde in saor, cazzo, sono anni che non le mangio

    RispondiElimina
  82. Grecia 2006: sto facendo un tratto di autostrada appena inaugurata e poco trafficata, sto sorpassando (con la mia Uno), un camion che comunque, nonostante la mole, pestava. Dietro arriva in corsia di sorpasso, a non meno di 200, un bolide a due ruote che non accenna minimamente a rallentare. Non ce la faccio a chiudere il sorpasso e mi stringo al camion aspettandomi il peggio. Il pazzo passa fra me e il guard rail come un proiettile. Miracolo nessuno si scontra, il camion suona (non so se a me ma probabilmente al motociclista) io rallento, lascio perdere il sorpasso e accosto, e finalmente respiro...

    RispondiElimina
  83. eh, non me lo dire, me ne sono sconfanato una porzione da almeno 2-3 persone, ora sono alla disperata ricerca di un grappino per uccidere il tutto...

    RispondiElimina
  84. Paese che vai, rificolona che trovi...

    RispondiElimina
  85. Pensare che qualche volta me le ha fatte pure mia moglie (non è veneta, ma ha trovato la ricetta e le fa bene), solo che a lei non piacciono (ai bambini figurati...) e quindi ogni volta mi è toccato mangiare doppia porzione. Adesso che me le hai fatte venire in mente, le dirò di prepararle (difficile, perché su 4 persone le mangerei solo io).

    RispondiElimina
  86. Non ci avevo pensato. La partita con la Roma non l'ho vista (per fortuna), con il Betis (o con il Malaga, boh, brutta l'età) mi ricordo che Vargas avesse giocato più al centro...ma probabilmente hai ragione tu, anche se Montella ha un po' il vezzo di ricollocare i giocatori

    RispondiElimina
  87. non le ho mai cucinate, mi limito ad abbuffarmi quando passo di qua, all'occasione. Sono anni che mi riprometto di farle, le ho viste fare da mia nonna talmente tante volte, e non è per nulla difficile, è solo questione di pazienza... A Venezia fanno la versione "da signori", ingentilita dall'uvetta, che qui in terraferma non si è mai affermata...

    RispondiElimina
  88. In effetti hai ragione, Vita, pensando alle moto, avevo una Ducati Multistrada, i molti che non conoscono le moto non sanno che ha circa 150 cv. E pochissimi sanno cosa vuol dire 150 cv su una moto, in pratica una roba pazzesca che spesso vanno in mano a chi non sa governarli sentendosi dei Valentino come quello che ti è salito sopra la bauliera . Delle auto meglio che non parlo...

    RispondiElimina
  89. Intanto benvenuto, Buran (ma quando sei arrivato' qui?). Se agli italiani si possono appiccicare un sacco di vizi, in qualche paese straniero (mi viene in mente la Francia, più di tutti tra quelli che ho visto) ho avuto l'impressione che pestino ancora di più. Tanto per agevolare chi non conosce le strade... La Uno l'ho avuta anch'io, usatissima, nel '95, appena avevo preso la patente, reduce da 4 anni di cinquantino a due ruote. Era quel che era, ma almeno niente più acqua e venti gelidi, una manna per uno studente squattrinato, potevo dare passaggi, e rispetto ad altre utilitarie aveva un "dietro" un po' più ampio per le trombate (altri tempi, ancora non c'erano i siti per pubblicarne i video e nemmeno il sitollock!). Un fenomeno su un'auto me la ripiegò a fisarmonica nel '98, e lì lo presi nel baugigi poiché mi liquidarono il valore commerciale (un milione di lire) constingendomi a rottamarla. Ma la Uno nel 2006??!! Mitico!!!

    RispondiElimina
  90. Succede VITA, e si racconta!! Anche a me é capitato di rischiare tanto (miracolato 15 anni fa)....ma siamo gente dritta e tosta!!

    RispondiElimina
  91. Provo a spiegare come vedo la vexata quaestion difesa a 3 o a 4. Giocare a tre dietro dipende sì dagli interpreti, ma ancora di più dall'organizzazione di gioco.


    Mettiamo, per esempio, la triade più adatta al 3-5-2 ovvero Savic-Gonzalo-Basanta. Ora diamo per scontato che Cuadrado e Pizarro giochino titolari: il primo può certo fare tutta la fascia, ma per inerzia tende a fare l'attaccante aggiunto e ha, comunque, bisogno di uno che gli porti via almeno un giocatore arrivando da dietro, mentre Pizarro richiede copertura/assistenza dall'esterno di centrocampo ovvero il terzo di centrocampo tende a d accentrarsi). Ecco, allora sulla sinistra il vuoto lo deve riempire Savic che quindi tenderebbe a fare il quarto di difesa più che il terzo, spingendosi davanti in fase di possesso palla (per liberare Cuadrado).


    Insomma, il 3-5-2 lo si può vedere sulla carta, ma non lo vedremo sul terreno di gioco. Senza Pizarro, con un regista più di copertura (Badelj? O l'idea Fernando), si potrebbe eventualmente arrivare ad un 3-5-2 sporco, più un 3-4-3 con l'esterno di centrocampo (Kurtic?) che, in fase di possesso palla, si allarga sulla fascia per liberare Cuadrado e consentire a Savic di fare il terzo centrale.


    Un 3-5-2 più radicale sarebbe invero uno solo, una formazione atipica con due esterni di centrocampo più difensivi e Cuadrado seconda punta:


    Neto
    Savic(Tomovic)-Gonzalo-Basanta(Savic)
    Micah-Aquilani-Pizarro-Valero-Alonso(Pasqual)
    Cuadrado-Gomez


    Che spero di non vedere mai.

    RispondiElimina
  92. In sintesi, Cuadrado lo vedete in molti come esterno di centrocampo nel 3-5-2. Chiaro, atleticamente lo può fare e, in determinate situazioni da gioco, lo fa pure. Ma far giocare Cuadrado come un Lichtsteiner è ontologicamente impossibile. Il secondo al massimo fa qualche sovrapposizione senza palla in avanti a tagliare la difesa. La Vespa ha tutto un altro modo di giocare.


    Se volete il 3-5-2 (reale, non cartaceo) vi tocca sperare in Micah Richards o forse Kurtic come quinto di sinistra. E Cuadrado a quel punto farebbe l'ala pura.

    RispondiElimina
  93. ma infatti il 3-5-2 piace, almeno a me, proprio perché una sua versione con Cuadrado esterno lo renderebbe anomalo, quasi un 3-4-3. Un 3-5-2 classico stile Mazzarri (neanche quello di Conte in realtà era così, perché lì erano Vidal e Pogba, a turno, a fare la punta aggiunta) non lo contemplo neanche, semplicemente perché si basa su un'idea di calcio difensivista che non disprezzo in generale ma che non ha niente a che vedere con il gioco che ha portato avanti la Fiorentina negli ultimi due anni, che per me va aggiustato, sistemato, reso più equilibrato e più efficace, più cinico, ma non certo smantellato e trasformato in qualcosa che non c'entra niente.
    Del resto anche quando Montella lo ha fatto, il 3-5-2 (in particolare nel 2012-2013), lo ha fatto esattamente come dici, cioè con Cuadrado ben più punta che terzino. E per me va bene così, sinceramente.
    Il punto è che il 3-5-2, per non essere un 3-4-1-2 alla Guidolin (e se c'è una squadra agli antipodi, rispetto alla viola, come modo di giocare, è certamente l'Udinese), ha bisogno di due punte vere. In assenza di Rossi, l'unica punta vera che abbiamo è Babacar. Quindi per me quando giocherà lui, l'eventualità ci sarà. Senza di lui, con Gomez unica vera punta, credo che saranno necessarie soluzioni col tridente, o col doppio trequartista, ecc., che richiederanno Cuadrado più avanti, e ci costringeranno quindi alla difesa a 4.

    RispondiElimina
  94. Ripensandoci, Kurtic è meglio di Micah per fare il quinto di centrocampo nell'unico 3-5-2 reale:

    -----------------------------------------------Neto--------------------------------------------
    -----------------Savic(Micah)----------Gonzalo----------Basanta(Tomovic)---------
    -------------Aquilani(Mati)---------Pizarro(Badelj)----------Valero(Marin)-----------
    ---Kurtic(Micah)--------------------------------------------------------Alonso(Pasqual)--
    ------------------------------Cuadrado------------------------------------------------------
    ----------------------------------------------Gomez(Babacar)-----------------------------


    P.S. provo con effetti speciali, ma dubito che Disqus lo accetti.

    RispondiElimina
  95. Il punto è che il 3-5-2 con Cuadrado esterno non diventa un 3-4-3, perchè il terzo centrale di difesa è costretto ad allargarsi soprattutto in fase di possesso palla, quindi l'intero edificio della difesa a 3 crolla: i centrali rimangono due.


    Almeno così è come la vedo io.

    RispondiElimina
  96. ---------------------------Neto-------------------------
    --Savic(Micah)----------Gonzalo----------Basanta(Tomovic)-----
    ------Aquilani(Mati)----Pizarro(Badelj)----Valero(Marin)------
    Kurtic(Micah)--------------------------------------Alonso(Pasqual)
    -------------Cuadrado-------------------------------------
    --------------------------Gomez(Babacar)-----------------





    (prova)

    RispondiElimina
  97. Guglielmo Marconi entusiasta....esperimento riuscito. Ora si può mettere in campo la viola, con schema!

    RispondiElimina
  98. hai perfettamente ragione, il rischio c'è, anche se in realtà, quando abbiamo giocato con quel modulo, 2 stagioni fa, se non sbaglio era soprattutto la mezzala destra Aquilani a sovrapporsi con Cuadrado per fare quello che dicevi, più che Savic. Alla fine il 3-5-2 funziona soprattutto sugli inserimenti dei centrocampisti, che infatti quell'anno segnavano parecchio. Boh, non sono un grande estimatore di quel modulo in generale, per le ragioni che ho già detto, però la vedo un po' meno drammatica di te.

    RispondiElimina
  99. L'ho rottamata da poco, era del 1993, comprata usata nel 2003 con 40.00 Km (io ne ho fatti altri 38.000). La prima generazione con marmitta catalitica.

    RispondiElimina
  100. Io Cuadrado seconda punta (ruolo in cui per qualcuno sarebbe addirittura "devastante") non ce lo vedo proprio, e neanche terzino. Mi sembra che sia sprecato o renda poco in tutti e due i ruoli. Intendiamoci,non è un brocco e quindi in certe partite può anche rendere bene, ma non credo proprio che siano i panni giusti per lui. Per me o terzo di destra davanti nel 4-3-3 o esterno di centrocampo (preferibilmente destro) nel 3-5-2 che è il ruolo in cui ha sempre reso meglio.

    RispondiElimina
  101. Ed eccoci all'ultimo giro, bicchierini pronti per un Amaro Lugano...ho raccolto i foglietti di oggi......

    - nessun Sitollockiano eccetto il sottoscritto sfogliava fumetti vietati ai minori. No. Tutti gli altri utenti eruditi con classici...

    - A Marko Marin hanno dedicato un articolo su "Crampi sportivi", il titolo del blog si addice (quasi) a un calciatore della Fiorentina...

    - il 3-5-2 ottimale anche se alcun interpreti hanno bisogno dell'interprete...

    - Gomez soffre, Bernardeschi s'offre...

    - i fiorentini mai hanno depositato copyright per la Rificolona e i cinesi han fatto la coperta dell'acqua calda con le loro lanternine volanti...

    - per i non-fiorentini la Rificolona fa venire in mente quella cosa...

    - Buran trova un reperto e Sgarbizza il La Riblgghita...

    - Questa sera a cena riso, pachino e gamberoni doc...

    - Maicon mai con ritardo e per una volta paga...

    - il romano Tajarol (Lupa Roma ma 2 anni in Promozione, 3 in Eccellenza, 3 in D) fa 259 partite con 207 gol (domenica prima volta in C).

    - De Biasi vince in Portogallo con il miracolo-Albania ma é mistero su come siano sbarcati, quelli spudoratamente Sqhiperia, a Lisbona...

    - Il portiere del Minturno (Lt, Eccellenza) si chiama Berisha, come quello della Lazie di Lotrito...

    - Godeas (39 anni) e Acampora (38) coppa gol del Monfalcone...

    - Sarde in saor ottime a Grado come a Chioggia...

    - Mai appellare un Chioggiotto "Peocio"...

    - Effenmberg rimembra...

    - Montella aveva chiesto un Lucano, lo han portato a Lugano...

    - Greg Luganis non era svizzero...

    - La Luganega meriterebbe più considerazione...

    - ViTA non rischia la vita ma la Rita?...

    - la nuova maglia della Rondinella é molto Olympiacos ma la rondine raffigurata é enorme...Rondinone, ora?...

    - L'outlet sembra out ma tutti vanno in....

    - BLIMP come il titolare di una lavanderia, si é dato alla macchia...

    - Coperta la Maratona bassa, non bastava la Torre in mezzo a nascondere 1/4 di campo....

    - FOCO poteva essere "Il re del capo spalla" invece é il"principe del "capocollo" ma intanto tra capo e collo capiterà la moglie di Bojinov, il bulgaro...

    - i bulgari erano e sono cioccolato buonissimo, a forma di cupola, ripieno di panna...le bulgare invece...

    - anche domenica, probabilmente, neanche un nuovo acquisto in campo...

    - Diego Della Valle bastona Marchionne...come piace a noi...

    - Jovetic problemi muscolari....

    - Perú: straordinario il gol di Santillan durante la partita del campionato peruviano tra Real Garcilaso e Leon de Huanuco; incredibile pallonetto dalla distanza del difensore Ivan Santillan Atoche, dalla fascia sinistra ha mirato e segnato, circa 35 metri...

    - Workaholic della Fiorentina, qui. Tutti....

    RispondiElimina
  102. Cuadrado giocoforza trasforma il 3-5-2 su carta in un 4-3-3 sul campo. Ho provato a spiegarlo, ovvero costringe il terzo centrale di difesa (quello destro) a svolgere mansioni di terzino destro. Poi magari sbaglio, ma Tomovic non si trova sempre al limite dell'aria avversaria per caso o perché fa di testa sua. Insomma la 'vera' difesa a tre con Cuadrado esterno non la vedremo mai e infatti non l'abbiamo mai vista. A meno che non costringi Cuadrado a cambiare radicalmente caratteristiche tecniche, che però è un sacrilegio. Naturalmente capisco il problema, non avendo un vero terzino destro sarebbe meglio la difesa a tre, ma allora bisogna rivoluzionare la squadra con Cuadrado davanti (che a me piace poco) e inserire un esterno destro alla Lichtsteiner (Micah? Kurtic? Bernardeschi???)

    RispondiElimina
  103. Un pò è drammatica, se il 3-5-2 con Cuadrado a centrocampo si trasforma giocoforza in un 4-3-3 (mia tesi), allora non avendo un vero terzino destro tanto bene non va.


    Soluzioni parziali: Aquilani più largo come hai notato anche tu (che però si adetterebbe a mansioni poco congeniali), magari con Badelj al posto di Pizarro; oppure, più radicale, Cuadrado seconda punta e un centrocampista in più che sia però più esterno di Aquilani.

    RispondiElimina