.

.

lunedì 15 settembre 2014

L'assassino

Si parla di manovra involuta, di lentezza e di prevedibilità, che tradotto fanno, contate male, 10 occasioni da gol di cui almeno 3 da una metro e mezzo, il resto tra tiri sbagliati e controlli approssimativi.  12 calci d’angolo, 15 tiri, possesso palla bulgaro che contribuisce ad alzare la percentuale di stranieri in squadra. Faccio due calcoli e mi esalto un po’ non solo perché  ‘sta volta Pinilla non ci ha segnato, penso e aspetto gli sfaceli di quando tutta questa montagna di difetti verrà corretta o quantomeno limitata. E soprattutto aspetto che torni il centravanti. Non voglio parlare di fortuna, ma ricordo che la Roma ha vinto ad Empoli grazie ad un colpo di testa del portiere avversario. C’è delusione, certo, un punto in due partite con zero gol all’attivo sono fattori che facilitano la propensione alla depressione e incentivano la caccia al bersaglio unico, quello da sempre preferito nel calcio. Poi anche se ricomincia la scuola e il traffico, voglio schierarmi tra i non colpevolisti dell’uomo a quella sbarra che fa da telaio alla panchina, tendo più ad evidenziare i lati positivi e promuovere la fiducia piuttosto che lo scoramento. Del resto la cultura è importante anche se il prezzo da pagare è l'aumento del traffico. Tatarusanu, Richards, Basanta, Badelj, Brillante, Kurtic, Octavio, Marin: otto acquisti, zero minuti. Sicuramente una considerazione va fatta, un tema che lancio lì, se cioè l’allenatore non ha potuto e/o voluto usufruire dei rinforzi di mercato. Certo però che anche senza i rinforzi di mercato mi sembra ci sia poco da parlare di tattica in senso negativo, visto il Genoa dominato e impossibilitato a produrre una qualche fase offensiva. Mi sembra che si possa parlare invece più realisticamente di lentezza nella regia, movimenti sbagliati ed errori tecnici individuali. E malgrado tutto ciò a me la Fiorentina non è dispiaciuta affatto soprattutto nel primo tempo. Per questo sono fiducioso, non capiterà spesso che Gomez fallisca così miseramente, lui insieme a tutti quelli che hanno partecipato al festival del gol sbagliato, con una nota di demerito per Bernardeschi che scazza in modo incredibile un colpo di testa da un metro centrando Perin che non era un bersaglio. Non ho festeggiato lo scudetto a Roma perché mancava ancora la matematica, ma oggi con un punto in più posso dire che siamo almeno più vicini. Questo è il mio messaggio. e su questa scia di positività cito solo i giocatori che mi sono piaciuti di più come Babacar, il reparto difensivo tutto al netto dei piedi di Tomovic, Cuadrado e Aquilani. La partita comunque la vince il pubblico, consoliamoci con la coreografia, un gran colpo d’occhio quello del Franchi a fronte delle immagini televisive di stadi deserti. La vince anche quando applaude l’uscita di Marione Gomez, per qualcuno già ribattezzato Tanque Gomez. Per festeggiare il punto che ci avvicina al Terzo e per combattere i luoghi comuni, tra i quali c’è anche quello che vede l’assassino tornare sempre sul luogo del delitto, che nel calcio è delimitato dall’area tecnica, sono andato a mangiare la pizza sempre nello stesso locale, per scaramanzia e perché ne fanno di ottime, anche se forse un po’ troppo grandi. Infatti, spesso chiedo una mezza pizza, perché una intera non ce la faccio a mangiarla. ieri però, sono rimasto un po’ deluso come se me l’avesse servita Gomez. Quando alla mia richiesta di avere una mezza quattro stagioni, il cameriere mi ha detto che non era possibile perché non esistono più le mezze quattro stagioni.



145 commenti:

  1. E mettiamo pure d parte che le palle gol si son create ( e vorrei anche vedere contro questo miserrimo Genoa ) la squadra ha ricalcato il solito, noioso, pedante, lento, prevedibile calcio che denuncio dallo scorso anno, quando passai per eretico, colui che osa criticare Sir Montella. Il successo incredibile del primo anno, a questo punto si deve catalogarlo come frutto di un ragazzo caso irripetibile, giocatori arrivati a Moena alla spicciolata che trovarono un meraviglioso mosaico soprattutto grazie alle migliori stagioni delle cafrierei di Pek e Borja. Quell'anno Monty ha illuso tutti, me per primo. Chiamato a confermarsi, Monty ha mostrato il suo valore, medio.
    La squadra risulta infatti lentissima, con un preparazione atletica sotto standard, gli schemi sono palla a Cuadrado. Niente che si possa indicare come frutto di tattica studiata dal tecnico. Inoltre mette e toglie giocatori dal campo come gettare una manciata di riso ai matrimoni, a Roma toglie Baba per Joaquin, ieri Gomez dopo nemmeno un'ora, operazione sadomaso, atta ad aumentare la crisi del tedesco. Certo, se Ilicic non prende la traversa, se Berna la mette dentro...certo se se se se se . Intanto non si è fatto un gol, intanto il testone sbaglia cambi sempre e comunque. Presuntuoso che Prandelli sembra un ragazzo al confronto.

    RispondiElimina
  2. Scusate i refusi da tablet. Quelli che moltissimi oggi vedono come difetti montelliani, sono pari pari quelli che annunciai molto tempo fà. Niente di speciale mica son veggente, solo mi credo in grado di valutare il gioco espresso, in quei casi al netto Giuseppe Rossi. Il quarto posto lo scorso anno ha solo un nome: Giuseppe Rossi. Niente che possa ascriversi al tecnico. Niente di niente.
    Buio totale. E non credete sia responsabilità di chi scende in campo, mettiamo Garcia o Spalletti, e vedi come corrono, vedi grinta, vedi schemi. Il calcio di Montella è un calcio accademico a ritmi over 40, con schemi di calcetto.

    RispondiElimina
  3. Cattivo, Lele. Ma il discorso fila che è una meraviglia. Si attendono smentite, dall'interessato. Già giovedì.

    RispondiElimina
  4. Non c'è bisogno di smentite. Parlano i risultati (due stagioni, non due partite) E' sicuramente più semplice identificare un responsabile. Niente di nuovo. Lo avevo appunto scritto.

    RispondiElimina
  5. c'è chi ce l'ha, Garcia, eppure alla prima assenza di Totti è stato messo sotto dall'Empoli senza fare un tiro in porta...

    RispondiElimina
  6. Ci dimentichiamo troppo presto che il gioco della Fiorentina negli due anni è stato apprezzato in tutto il mondo. La Fiorentina ha imposto il proprio gioco a tal punto da battere anche il record delle vittorie esterne. Vincere fuori casa era spesso stato un sapore sconosciuto.

    RispondiElimina
  7. Ammetto di non aver visto la partita (i bambini volevano andare in spiaggia e li abbiamo portati, sono gli ultimi giorni...) ma solo la sintesi. Con queste poche basi, poco posso commentare:
    1) mi sembra di aver capito che abbiamo dominato e che in pratica c'è stata una sola squadra in campo, ma che non siamo riusciti a segnare. Questo è un difetto che di fatto ci portiamo dietro da due anni, il fatto di concretizzare poco la mole di gioco che produciamo;
    2) Ljuka dice che siamo indietro nella condizione fisica, evidentemente ho io sbagliato clamorosamente quando, in precampionato, dicevo che la preparazione sembrava fatta per partire ;
    3) la sostituzione di Babacar è stata obbligata per crampi, quella di Gomez non l'ho proprio capita: giocava male, è vero, ma per sbloccarlo bisogna farlo stare in campo, nel finale sarebbe stato utile avere almeno una punta di ruolo in campo;
    4) se dobbiamo giocare a 4 dietro, perché si continuano a prendere difensori centrali che possono essere adattati a terzini anziché terzini veri?
    5) i nuovi acquisti non possono giocare?
    6) non riguarda noi, ma... cos'è successo a Gasperini? anni fa era un allenatore che faceva giocare le sue squadre (beh, insomma, le sue... la sua: il Genoa) in maniera spettacolare, ed era decisamente offensivista; ora invece è diventato un catenacciaro, boh.

    RispondiElimina
  8. tra l'altro io ieri ho visto ben poco tiqui taqua. Pochi tocchi di prima, pochi passaggi uno di seguito all'altro in velocità, poche sovrapposizioni e inserimenti, insomma, un calcio sempre basato sul possesso, e comunque in grado di schiacciare l'avversario nella sua metà campo per tutta la partita, ma poco montelliano oltre che poco efficace. Può essere che si tratti di appannamento fisico di Pek e Borja, che però ho visto attivi in fase difensiva. Non vorrei quindi che si trattasse di un'indicazione tattica: tentate meno la giocata, non buttatela di prima, salite meno, non scopritevi, così non si prende gol. Questo sì sarebbe un errore di Montella, per quanto benintenzionato. Il tiqui taqua difensivista proprio no, vi prego.

    RispondiElimina
  9. Ljuka, sei recente qui, sappi che osare muovere critiche a Montella vuol dire veder insorgere la SDA n. 2.
    Valto, parliamo seriamente, davvero credi che una partita due cinque di Garcia possono essere messe in relazione col nulla di tattico di Montella?
    Riconosco in te uno attento e non dietro ai luoghi comuni, a Roma abbiamo passato la metà campo nel secondo tempo solo perché era una loro scelta.
    Poi, oh, mica ho detto che si arriva decimi, o detto che dai questa rosa a Garcia o Spalletti e vedi calcio vero. D'altra parte si dimenticano 2 partite vinte nelle ultime 11? Sarà colpa della società, nevvero?
    No Rossi no party.

    RispondiElimina
  10. Ljuka, non dare retta a Lele, è di Borgognissanti. Bisogna avere pazienza. Qua nessuno adora nessuno. Semmai c'è qualcuno che tendenze uguali e contrarie, e demonizza. Il messaggio di oggi era quello del maggior equilibrio. Montella del resto commette errori come qualsiasi altro essere umano compresi quelli che la dovrebbero buttare dentro e non lo fanno. Come del resto ha commesso lo stesso Spalletti, che qua si evoca come il Messia e che invece qualcuno ha relegato in tribuna a guardare gli altri.

    RispondiElimina
  11. 1) E' vero, 2) Non so se è un problema di condizione fisica, Fondo ne abbiamo più degli altri di questi tempi, i finali son sempre nostri, anche a Roma. Non abbiamo velocità d'esecuzione ma questo credo c'entri di più con le condizioni di almeno due dei tre tenori. 3) Guarda che non beccava pallino, aveva sbagliato un goal clamoroso ed era andato in buca, 4) Lo dico da mesi, 5) Potere potrebbero, almeno alcuni, 6) Dopo la cura di calci in culo che ha preso ha messo giudizio e pensa alla pagnotta.

    RispondiElimina
  12. Che la Fiorentina giochi molto compassata, senza la grinta di una Roma o di una Juve (ma anche di una Inter adesso) mi sembra evidente. Che questo sia colpa del tecnico in quanto ne riveste le caratteristiche da DNA o dei giocatori guida, per lo stesso motivo, può essere fonte di discussione. Certo che non abbiamo un Najngolan nè un Totti, nè un Vidal, nè un Pogba e se Garcia o Conte, per far due nomi, sarebbero capaci di far diventare tali Borja e Pizarro è almeno discutibile. E' anche vero che i giocatori nell'organico non capitano a caso e che, dopo due anni, uno ha quello che vuole avere, almeno come caratteristiche di base. Insomma un buon dibattito, ma anche a me piacerebbe di vederli parecchio più incazzati.

    RispondiElimina
  13. La mia richiesta insistente di mercato da due anni è un interno (ma anche due) col cambio di passo, senza il quale vedo in Cuadrado esterno di 3-5-2 l'unica soluzione per compensare tale lacuna, che è stata l'unico neo che ho visto ieri (e che vedo spesso), oltre alla poca determinazione in area (ma questa è da addebitare all'atteggiamento dei singoli, non dell'allenatore). Ho condiviso le scelte degli uomini mandati in campo, ma non i movimenti chiesti loro. Poi non ho condiviso i cambi: per me un grande centravanti non va mai tolto neanche quando ssta facendo cacare (a meno che tu non abbia un altro grande centravanti in panchina), fino al '94, specie quando stai dominando l'area altrui, resta pur sempre il più accreditato a trovare una deviazione in porta, che sia anche uno scoordinato tocco di ginocchio o di orecchio (mi vengono in mente gli scudetti gobbi costruiti su 1-0 su 1-0 con spizzata finale dei Trezeguet); l'ingresso di Ilicic: poco sensato senza Gomez, per non parlare di quello di Pasqual. Si grida all'appannamento di Borja, ma anche quando ha la condizione del centrocampista onnipresente, lui il cambio di passo non ce l'ha. Continuo a non capire il beccare Aquilani, che per me resta il migliore lì nel mezzo.

    RispondiElimina
  14. Infatti, Ljuka, dai retta ai sanfredianini, vedrai come ci si ritrova.
    L'invito alla calma sarebbe sensato se fosse una partita espressa male, anche diverse, solo che qui ci si attiene al dogma che Montella è indiscutibile, certamente e volutamente dimenticando, che i risultati raggiunti, salvo il primo anno, sono in linea con la rosa messagli a disposizione, rosa a suo dire che lo onorava e onora. Io non sono fondamentalista, mi reputo in grado di valutare oggettivamente, come voi dunque ci chiedo: quando è stata l'ultima partita davvero ben giocata, con ritmo, schemi, sovrapposizioni, e finalizzazioni?
    Aspetto paziente...
    Anto, la mia critica non è bloccata alla condizione fine a se stessa, mettiamo pure che ci sia, ma se non sanno dove correre a cosa serve? Le soluzioni tattiche sono alla base del lavoro del tecnico sennò basta il preparatore atletico.

    RispondiElimina
  15. Sono d'accordo su tutto.
    Per quanto riguarda i centrocampisti, come diceva Jordan, evidentemente si comprano giocatori che abbiano caratteristiche richieste dal tecnico. Badelj è forte, ma è lento, non mi sembra uno da cambio di passo, Mati nemmeno lo è, forse Kurtic è un po' più dinamico. Il primo anno veniva utilizzato Romulo, che tatticamente è (o era) un gran casinista, ma era l'unico veloce.

    RispondiElimina
  16. Resta il fatto che l'anno scorso ci sono stati degli sbagli nella preparazione fisica, che spero quest'anno non si siano ripetuti.

    RispondiElimina
  17. Meno male che Pollock c'è!Concordo in toto con l'editoriale odierno.Lele perdonami,ma non mi torna che se uno ha una visuale diversa dalla tua in merito a Montella debba essere conseguentemente un adoratore a prescindere.Allo stadio ed a caldo non mi sono piaciuti i cambi di Baba e Gomez.Il primo ho saputo dopo che aveva i crampi,mentre il secondo pare stesse bene (fisicamente).Quindi rimango della mia idea,cambio errato;perchè, come già detto dal buon Vita,uno come Gomez è cmq capace di fare gol su una palla sporcata,su di un cross o su ribattuta.Ed alla fine,quando sei sullo 0-0 e gli altri buttano la palla in area, forse Gomez sarebbe stato utile.Detto questo ieri ho visto una squadra che voleva vincere ed una che non voleva perdere;ho visto almeno 3 palle gol CLA-MO-RO-SE che sono state buttate alle ortiche;ho visto un portiere che non si è sporcato i guanti;ho visto che,rispetto all'anno scorso,non abbiamo preso ripartenze(anche perchè l'altra squadra mi è sembrato che non potesse-volesse passare la metà campo).Ho visto che le altre(che a noi piace sempre guardare ed ammirare) vincono per autogol senza tirare in porta o perchè gli avversari gli regalano 3 gol;ho visto una pretendente allo scudetto perdere malamente in casa col Chievo.Alla fine il calcio(soprattutto i risultati conseguiti) è determinato dagli episodi;episodi che nelle prime due giornate ci sono stati avversi(in fin dei conti,con la fortuna avuta dagli altri,avremmo 4 punti).Ma questo non dev'essere una scusa per non migliorare,e tanto meno un modo per dire che va tutto bene.Montella deve trovare il bandolo della matassa e deve farlo anche velocemente(perché una sconfitta o pareggio a Bergamo aprirebbe varchi enormi per i gufi che non aspettano altro che infamare la società per le risorse male allocate).Giovedì mi aspetto un ampio turn over(così da dare senso alla partita di ieri).D'altra parte il Mister è lautamente pagato per far fruttare la rosa a disposizione;rosa che quest'anno(tra un 15 giorni almeno) è la più completa e varia che a Firenze abbiamo visto da decenni.

    RispondiElimina
  18. Lele, se dici che i risultati raggiunti sono in linea con la rosa messagli a disposizione, dici quello che dico.

    RispondiElimina
  19. Vero, ed è infatti agli atti. Poi altra domandina interessante (rinnovando la mia pazienza illimitata alla prima posta, soprattutto se arrivano precisazioni da S.Frediano)
    a cosa serve una difesa a quattro in partite come quella di ieri?
    Già fu nociva a Roma contro chi non schierava attaccanti col risultato di farci arretrare vicino a Neto e ieri chi dovevano marcare? Tomovic ha piedi da terza serie, e lui dovrebbe salire?
    Il nulla tattico...

    RispondiElimina
  20. Lele,capitolo Rossi.Vero,l'anno scorso il quarto posto è stato determinato in gran parte da Pepito.Indiscutibile,concordo pienamente.Ma non ci vedo motivo d'accusa nei confronti di Montella.Forse che le altre squadre che arrivano davanti a noi non debbano ringraziare il "campione"?La differenza è che a Firenze hai UN Pepito,a Roma,Milano e Torino(in ruoli magari anche diversi) ne hanno minimo 4-5.Non è forse lecito pensare che se la Juve dovesse fare a meno di Vidal,Pogba e Tevez col cazzo che avrebbe fatto 102 punti?Non è forse lecito pensare che la Roa,senza Bati e Totti,nel 2000 col cazzo che vinceva lo scudetto?Lasciando perdere i casi eclatanti(vedi Maradona ad esempio);o Messi a Barcellona e Ronaldo a Madrid(nonostante abbiano 47 fuoriclasse cadauna).In definitiva,il fatto che i nostri risultati possano (e debbano aggiungo io) essere determinati da Pepito(o Gomez se torna quello vero),mi risulta di un'ovvietà disarmante.Questo NON deve diventare un alibi per Montella(l'assenza di Pepito),ma deve costringerlo a trovare soluzioni alternative e funzionali.E mi aspetto che lo faccia(per il bene soprattutto della Fiorentina).

    RispondiElimina
  21. LELE, ognuno sceglie che fare, che dire e anche che stile di discussione adottare. Definire chiunque non si unisca alla tua caccia alle streghe contro Montella come "setta degli adoratori" chiama, come risposta, che io ti definisca "vedova di Delio Rossi". A te sembra un modo utile di discutere di quali sono i problemi della Fiorentina e di come sia possibile risolverli? A me no, ma ovviamente ognuno fa le proprie scelte.
    Dato che hai fatto l'esempio di Garcia, ti ho risposto su quello, e ribadisco: hai visto la Roma sabato? Perché a me risulta che, esattamente come l'anno scorso, appena Totti non è più in campo, la Roma si scioglie come neve al sole. Sabato non ha fatto un tiro in porta, tanto che per farla vincere il portiere avversario l'ha dovuta buttare dentro da solo. Mica dico che Garcia è scarso o che la Roma non sia una squadra forte. Ma faccio notare che se avessimo giocato come ha giocato la Roma sabato, altro che caccia alle streghe, avresti già lanciato la crociata contro il francese infedele.
    Le mie critiche a Montella, intanto, le ho fatte anche stavolta, e circostanziate: secondo me, al netto dell'appannamento fisico di Borja e Pek, ha dato indicazioni tattiche meno spregiudicate del solito, fedele al programma di prendere meno gol dell'anno scorso, e contando che un maggior peso in attacco avrebbe compensato. Scelta benintenzionata e che per questioni di pochi centimetri in un paio di occasioni non è stata premiata. E però scelta che non condivido, perché tanto i giocatori che abbiamo quel gioco lì sanno fare, e che se devi giocare facendo possesso per tutta la partita, è bene a mio parere farlo in maniera più offensiva possibile. Mi sembra che il modello, più del Barça di Guardiola, sia diventato la Spagna campione del mondo del 2010, che fino alla finale andò avanti col suo "tiqui taqua difensivo" a metà campo senza far vedere nulla di bello e stracciando i coglioni all'intero pianeta.
    A differenza loro, però, noi abbiamo delle punte vere davanti. Ieri sono state loro, purtroppo, a fallire. Non credo che lo faranno ancora.

    RispondiElimina
  22. sottoscrivo parola per parola. Dire che "la Fiorentina vinceva per merito di Rossi" è una tautologia: Rossi è il più forte giocatore della Fiorentina, ci mancherebbe non avesse meriti nelle vittorie della propria squadra. Che manchi, mi sembra altrettanto un'ovvietà. Dato che però mi risulta che l'allenatore abbia preso parte alla costruzione della rosa in attacco (con la scelta di investire su Baba e Berna), sta a lui ora farla rendere.

    RispondiElimina
  23. Quindi è allenatore normale che non deve essere esente d critiche argomentate e non difeso aprioristicamente come fai tu.
    Lo sorso anno siamo in finale di CI per Rossi e il culo, e l'Inter si massacrò da sola, il Parma coi nostri scarti era appena dietro.
    La verità non la vuoi vedere. Senza Rossi non cava nulla e non da ieri. Dici bel gioco apprezzato in tutto il mondo,magari ti riferìsci al primo anno, io ascolto commentatori francesi e inglesi e ti assicuro che a vederci si annoiano.

    RispondiElimina
  24. Nessuno cava niente senza Tevez, Totti, Iguain ecc ecc

    RispondiElimina
  25. Io vedova di Delio Rossi, questa è bellina davvero. Tu sei nuovo,
    la battuta, scherzosa come sempre ci si rimbalza col mio amico Pollock, era rivolta a lui, tu qui lo scorso anno non c'eri.

    RispondiElimina
  26. Un allenatore che aspira alla CL deve essere indipendente dalle capacità eccelse di un singolo. Se questo diviene determinante, come è dimostrato, l'allenatore non apporta niente di suo. Aspetto risposta alla domanda...che ripeto: ultima partita davvero ben giocata, con ritmo, conclusioni, grinta, schemi. Sempre paziente...

    RispondiElimina
  27. Infatti son arrivati davanti anni luce...magari mi sarebbe piaciuto vedere Montella con Amauri, Felipe, Marchionni, Cassani se fosse stato in scia per lunghi tratti di campionato.

    RispondiElimina
  28. Ha fatto un buon lavoro anche a Catania.

    RispondiElimina
  29. Lele, difesa a 4: parliamone.
    Quali giocatori abbiamo avuto come terzini destri?
    1) Tomovic: centrale di difesa, gioca bene come centrale di difesa a 4 o come centrale di difesa a 3, può anche fare il terzino in difesa a 4;
    2) Roncaglia il suo meglio lo dà come centrale destro in una difesa a 3; può fare anche il terzino in una difesa a 4;
    3) Diakité è un centrale di difesa (a 4 o a 3); come terzino destro è un adattato.


    4) Adesso abbiamo preso Richards, un altro difensore che ha dato il suo meglio come centrale di difesa (a 3 o a 4), ma che può giocare come terzino in una difesa a 4, pur non essendo il suo ruolo.



    Da tutto questo cosa se ne deduce? Che il target richiesto è un giocatore che può giocare sia come centrale destro in una difesa a 3, sia come terzino destro in una difesa a 4, per poter passare agevolmente, nel corso della stessa partita, da uno schema all'altro. Se però mi dite che ieri abbiamo giocato tutta la partita con la difesa schierata a 4, il ragionamento cade e non capisco perché si prendano tutti giocatori con quella caratteristiche, anziché terzini destri veri.

    RispondiElimina
  30. Bene, prendo atto che pure questo anno il santino n.2 riesce a vivere di rendita per il notevole, è vero, campionato di due anni fa. Sempre pronto e ravvedermi nel caso, alleluuja, si riveda un calcio decente ed ovviamente felice di questa eventualità. A bientot.

    RispondiElimina
  31. Lele sei ingeneroso oltre che essere di Borgognissanti. Dire che Juve e Roma e Napoli ci sono arrivate davanti non tiene conto delle nostre dimensioni. E anche della nostra storia recente.

    RispondiElimina
  32. Parla come mangi.

    RispondiElimina
  33. Lele, ho scritto:".Questo NON deve diventare un alibi per Montella(l'assenza di Pepito),ma deve costringerlo a trovare soluzioni alternative e funzionali.E mi aspetto che lo faccia(per il bene soprattutto della Fiorentina)."Quindi concordo con te.Un allenatore deve trovare qualcosa per poter apportare le modifiche necessarie(altrimenti,giustamente scrivi,a cosa serve?).D'altra parte,in una squadra come la Fiorentina,giocare con o senza Rossi per lungo periodo, necessariamente ne comporta diversi risultati(altrimenti,se senza Rossi Montella dovesse far meglio,mi chiederei inversamente a cosa serve Rossi..).In una partita o per un piccolo ciclo si può sopperire(e ci deve pensare l'allenatore a trovare il modo);per un campionato (o mezzo),il gioco ed i risultati ne risentono.Ripeto ancora una volta(per non passare da adoratore,anche se a tutt'oggi ho difficoltà a capire perché) che Montella non è esente da errori(come tutti gli altri allenatori al mondo);che la preparazione fisica dell'anno scorso è stata cappellata(e questo è purtroppo un dato oggettivo;ed in questo caso, invece ci sono allenatori che da questo punto di vista raramente sbagliano).Che il gioco della Fiorentina è involuto rispetto al primo anno(per un insieme di motivi,alcuni ascrivibili al Mister, altri alla "sfiga",vedi infortuni).Dette queste cose di Montella,come ho già avuto modo di dire diverse volte,quest'anno è l'anno di svolta(per il mister).O bene bene o male male.Perchè,volenti o nolenti,l'anno scorso è palesemente poco indicativo per quanto riguarda alcuni aspetti per poter emettere giudizio positivo o negativo;per me l'anno scorso,arrivare quarti con tutto quello che è successo,comprese le "sviste" arbitrali contro dirette concorrenti,Inter e Napoli su tutte, e gli infortuni avuti,è stato un mezzo miracolo;magari per te è stato il minimo,questione di punti di vista.

    RispondiElimina
  34. Mangio così. Se vuoi te lo dico in cinque lingue.

    RispondiElimina
  35. Lele perché "santino"?Perché "adoratori"?Sinceramente non mi pare che qua ci siano adoratori che vedono Montella come santino.Che modo di discutere è mai questo?Se qualcuno vede più positivo di te è un adoratore?Mah...

    RispondiElimina
  36. Devo andare, Gianni, ma rispondo brevemente. Mi chiedi di firmare su quarti posti? Non firmo niente in avance (anticipo per te), vorrei giocarmele tatticamente bene e poi il risultato sarà quello del campo. Se non ci fosse la speranza di salire il ranking, allora rassegnamoci. I giocatori in rosa sono oltre le nostre capacita societarie, che lo dimostri pure Monty.

    RispondiElimina
  37. Ti rimando a sotto, sono sfottò. Ma siete fiorentini o cosa???..
    ...che modo di discutere è mai questo...mamma mia, ma icche l'è diventato questo sito? Bonaaaa!

    RispondiElimina
  38. per aggiungere una nota non so ancora se di gioia o di rimpianto, probabilmente entrambe le cose: anche sabato uno Ljajic inutile orpello decorativo, nella Roma di Garcia. Come rovinarsi la carriera per qualche dollaro in più...

    RispondiElimina
  39. Beh, guarda che su questo blog siamo in diversi a non essere fiorentini e nemmeno toscani...

    RispondiElimina
  40. non oso affacciarmi sul sitone, perché ho tanto da lavorare e poca voglia di rovinarmi la giornata. Qualcuno è andato in esplorazione e può riferire?

    RispondiElimina
  41. O Lele,un avevo capito che l'erano sfottò!!Ci s'avvede gufaccio,a presto

    RispondiElimina
  42. No ci vo soltanto quando si vince per veder piangere i pezzi di merda. Se ci vo ora piango io.

    RispondiElimina
  43. Chi può dire se quello sia il suo limite? Così almeno ha preso qualche dollaro in più. Potrebbe anche essere stata una buona operazione di marketing. Che sia un fenomeno lo deve ancora dimostrare.

    RispondiElimina
  44. No Valtolin..come sempre dopo pareggio o sconfitta non mi azzardo neppure lontanamente.D'altra non è difficile immaginare la solita pippa di chi ha sicuramente goduto per il gol sbagliato da Gomez.Così potrà dar fiato alla fissa delle risorse male allocate.Il classico tipo di personaggi che della Fiorentina importa una sega,ma di poter dire "l'avevo detto" suscita fellatio immediata.

    RispondiElimina
  45. ormai fenomeno non lo diventerà più. Però gioca anche pesantemente sotto il livello del 2012-2013. È un giocatore incompiuto che aveva trovato una dimensione interessante solo in un certo tipo di gioco. Abbandonandolo, a quanto si vede, si è suicidato. Avrà preso qualche dollaro in più, ma vista l'età non mi pare una grande investimento, dato che voglio vedere chi gli farà mai più un contratto di quelle dimensioni...

    RispondiElimina
  46. e vi piglia peicculo! L'è in ferie a bisbocciare! Montella un po' su ' icculo e gli sta davvero, però e toni e son pe' fa tirella e vu ci cascate come tonni. Soprattutto i'capo (che però anche lui fa finta pe' fa' post)

    RispondiElimina
  47. Io son ingenuo,non è un problema...anche se alla fin fine mi pare che un sia solo "presa di culo"....da oggi cmq sarà vedova di Delio Rossi.Che sia messo agli atti

    RispondiElimina
  48. Valtolin, io di entrare sul sitone non ci penso neppure: piuttosto chiamo un mio amico genoano che ha visto la partita e che mi parla della Fiorentina sicuramente molto meglio di quanti commentano in quel loco.

    RispondiElimina
  49. Anchen lui, come Toni, se avesse previsto la sequela di scarogna dei due attaccanti titolari l'anno scorso avrebbe forse rinunciato a qualche dollaro in più. Però con Rossi e Gomez sani o non avrebbe fatto anche qui tanta panca come a Roma? Il problema è che non è Pelè come lui quasi crede.

    RispondiElimina
  50. attenti che iniziate a farmi essere d'accordo col dj, mi preoccupo. Da Facebook:


    Benedetto Ferrara Due
    14 hrs ·
    Quando Gomez ha sbagliato quello sotto di me ha urlato: MONTELLA LEVALO
    Quando Montella poi lo ha levato lo stesso ha urlato: MONTELLA MA CHE CAZZO FAI

    RispondiElimina
  51. Io, lo confesso, sono vedova di De Sisti da quasi trent'anni, vedova di Eriksson da venticinque e vedova del Male da sedici.

    RispondiElimina
  52. Quella ci sta chi di SdA ferisce di Delio perisce. La presa di culo riguarda i toni non la convinzione di base che esiste, ma su quella c'è poco da dire si tratta di opinioni ed anch'io entusiasta al 100% del calcio montelliano non sono mai stato.

    RispondiElimina
  53. il problema non è che a Roma fa panca. È che quando entra fa cahà.

    RispondiElimina
  54. io son "vedovo" di Bernardini, guarda un po' e sentirlo paagonare a Prandelli mi faceva veni' la cirrosi epatica!

    RispondiElimina
  55. come succede a chi fa molta panca e come è successo anche qui per due anni e mezzo

    RispondiElimina
  56. Anto, onore a voi, ma mi rifacevo alla scarsa capacità di recepire sfottò tipca di noi fiorentini. Ma che avete preso la permalosita` congiunta..?

    RispondiElimina
  57. Comunque che Gomez abbia un blocco psicologico mi pare evidente, e anche comprensibile: il suo obiettivo era andare al Mondiale e, causa infortunio doppio (il peggiore della sua carriera, in effetti) non ci è andato. In più, senza di lui, la Germania è diventata Campione del Mondo. Poi, tornato in Nazionale, si è mangiato tre gol ed è stato fischiato dai suoi ttifosi tedeschi; nella partita successiva è rimasto in panchina e la Germania ha vinto. Qui da noi ha fatto due partite pessime mangiandosi pure un gol...
    I bomber quando non segnano si intristiscono, penso che debba giocare fino a che non segni. Io oggettivamente non so se giovedì sarebbe meglio mandarlo in campo sperando che segni o tenerlo a riposo in vista della partita di domenica prossima a Bergamo. Io sono più propenso per la seconda ipotesi.

    RispondiElimina
  58. Inizio tra 30 secondi a leggervi, intanto, POLLOCK, nel locale di ieri c'era anche frittata? Ieri ne sono state fatte 4 o 5 al Franchi...

    RispondiElimina
  59. Vedova di Delio, a me che ho difeso Ljiajc sin da subito contro moltissimi, scrivendo io sto con Adem sul sitone più che sfottò mi pare provocazione. Appena ti vedo ti do du puntate...

    RispondiElimina
  60. Vi ricordo che il Genoa "dominato" dalla Fiorentina la domenica prima aveva offerto 8 palle gol nitidissime al Napoli, quest'ultima squadra un po' con pezze al culo peggio di noi. Il Genoa abbiamo messo sotto, non una metropolitana o una concorrente per un piazzamento.

    RispondiElimina
  61. Io sì, nella prima e ultima parte del suo primo campionato. Nella mia squadra ideale avrei visto meglio un incontrista in mezzo al campo e un centravanti vero [magari più tecnico e dialogante di un Gomez], ma quella Maquina non me ne faceva avvertire troppo l'assenza. L'anno scorso invece il calo di gioco è stato netto, e anche quest'anno mi pare ci stiamo avviando sulla stessa strada. Tre punti fondamentali:
    - mancanza di schemi e movimenti offensivi
    - mancanza di cattiveria agonistica e sottoporta
    - mancanza di velocità


    Dobbiamo ancora vedere all'opera tutti i nuovi, però, l'unico che ha giocato per ora è stato Brillante, ed era meglio se restava in panca.

    RispondiElimina
  62. Bella la foto di Montella su quello sfondo, Poeta. Starebbe bene nell'editoriale, il giorno del Terzo.

    RispondiElimina
  63. Teoricamente, Anto, con la formazione di ieri, almeno quella del primo tempo, il confine tra 4-3-3 (o varianti di 4-3-qualcos'altro) e 3-5-2 sarebbe molto labile, una questione di una ventina di metri più in qua o più in là di Cuadrado, Alonso e Babacar. Nella pratica, è stato caricato Babacar degli oneri difensivi di cui era stato alleggerito Cuadrado, che a sua volta privava la mediana delle sue brucianti partenze con e senza palla. La pochezza del Genoa (o del suo atteggiamento rinunciatario) non ha scoperto il pentolone dei nostri limiti difensivi, hanno lasciato l'iniziativa a noi, che la palla l'abbiamo tenuta e sappiamo che solo col possesso sappiamo difenderci. I ritmi sono stati bassi perchè sono quelli dettati dal nostro centrocampo quando hanno il pallino. Poteva anche andar bene così perchè tutto ciò è bastato a schiacciare il Genoa e a creare diverse occasioni senza concederne agli altri, ma non ci è bastato. E allora si va a guardare chi poteva dare di più in fase offensiva, e come. Per me Cuadrado, partendo da più lontano, poi Babacar sfiancandosi meno e girando più intorno alla zona di Gomez, poi Alonso se l'avessimo lasciato badare alle diagonali più da quinto che da quarto, infine Borja e Aquilani che per vie centrali avrebbero potuto inserirsi, in alternanza, a dare quel sostegno alla manovra che invece è stato troppp spesso preteso dai piedi di Tomovic sulla fascia. Poi per carità, potevamo vincere anche così e lo strameritavamo, ma il giorno in cui si presenta una squadra più arrembante di questo Genoa torniamo a rimetterci nelle mani del pallottoliere, sperando che dei 7 gol complessivi ne riservi uno in più per noi.

    RispondiElimina
  64. Abbiamo messo sotto la squadra che ci ha indicato il calendario. Spero che non sia una colpa anche questa.

    RispondiElimina
  65. condivido alcune cose, però sinceramente nel primo tempo io ho visto la difesa a 3 quasi sempre... Gonzalo stava sulla linea del dischetto, Pizarro scendeva verso di lui (tipico della difesa a 3), Savic molto decentrato a sinistra, Alonso sulla linea dei centrocampisti. Poi scalavano a 4 quando partiva il Genoa. L'ultima mezz'ora l'ho dovuta seguire per radio, però la prima ora mi è sembrata davvero più a 3 che a 4.

    RispondiElimina
  66. Infatti giocano a tre ma gli esterni diventano Tomovic e Alonso, più Tomovic che Alonso, nonostante che sia il più negato a fare il fluidificante. Se vuol giocare a tre metta i tre difensori centrali e Cuadrado e Vargas (Alonso, pasqual) esterni e le due punte e faccia poche invenzioni del cazzo. Quando gli allenatori prendono le fissazioni di modificare i ruoli dei giocatori per le loro alchimie cominciano a farmi incazzare.

    RispondiElimina
  67. sì, diciamo che giocavamo con una specie di 3-4-1-2, con Alonso che faceva l'esterno di centrocampo e Cuadrado in giro a fare quello che gli pareva, costringendo il terzo centrale di difesa, cioè Tomovic, a fare anche il terzino aggiunto. Dicevo solo che non me la prenderei con la difesa a 4, perché non l'ho vista. Il punto è, dato che giochiamo a 3, di far funzionare il modulo a 3.

    RispondiElimina
  68. Difficile manifestare critiche a Firenze, come vorrebbe LELE, che non ha tutti i torti; nessuno discute le 9 palle gol, nessuno può mettere in dubbio il dominio viola ieri, nessuno può affermare che la viola abbia giocato male. Perfetto, credo tutti concordi.
    La questione é, qualcuno l'ha digitato, che siamo quelli che rimangono al "Se la palla entrava...", "Se prendeva lo specchio...", "Se la fortuna...", "Siamo stati sfigati...", "Perin nostro orsetto da colpire...", "E gli altri vincono pure su autorete...", "Quelli che vengono aiutati..."; attenzione: anche io sono solito affermare ciò che ho scritto, ironizzando molto, ma forse sarebbe il caso di soffermarsi sugli spunti che tutti (la maggior parte, pardon) avete offerto, grazie a Montella: 1) Mancanza di imprevedibilità, 2) Nessun schema tattico nuovo, 3) intestardirsi con ibridi (Ilicic o Tomovic) che ne sono regalati agli avversari e ne fungono da interpreti buoni. No. Sono inutili messi in campo in quel modo, non stiamo sfruttando le caratteristiche di quei due giocatori (presi casualmente ad esempio) i quali non danno nessun valore aggiunto alla squadra.
    Quel che scrive LELE mi sembrava un po' troppo prevenuto (un annetto fa, 6 mesi addietro) ma non ha tutti i torti, su alcuni concetti legato a situazioni tattiche o di uomini.
    Certo che dobbiamo essere soddisfatti perché abbiamo creato 10 palle gol ma é la stessa cosa di quando giochi a calcetto: giochi bene, crei, sfiori il gol ma non segni perché (alla nostra età!) arrivi con uno o due secondi di ritardo!
    Idem la viola che é lente. Bel calcio ma senza velocità, persa un anno fa circa, siamo prevedibili, ci hanno memorizzato.
    La stessa cosa é successa dopo 3 o 4 anni al Barcellona: disinnescato! Quindi due allenatori per cambiare il modulo! Comunque era stato "disinnescato" o rischiava di essere disinnescato Guardiola.
    Abbiamo visto anche Garcia che dopo un anno con tattica sorprendente (velocità estrema in campo!) già quest'anno ha mutato leggermente l'assetto e il modulo, presentando una Roma che gioca si sulle fasce ma ha inserito una novità: centrocampisti messi 10 metri più avanti e uno a turno che va tra le due linee avanzate e uno che retrocede andare manforte agli esterni che salgono. Troviamo la Roma con uno dei centrocampisti che va a fare il quasi il terzino, dando possibilità all'esterno di dialogare con chi sta tra le linee, andando più agevolmente in profondità.
    Vero anche che si la passata stagione, sia due anni fa la Maquina era irriconoscibile tra settembre e ottobre, poi improvvisamente riprese i suoi ritmi e il suo gioco.
    Cambierà qualcosa da Monty o attendiamo che arrivi la velocità?

    RispondiElimina
  69. Pollock, come tutti i fanatici fondamentalisti soffri di un penoso distacco dalla realtà, e sei avviato a ripetere con Montella la triste vicenda culminata con l'adorazione di Prandelli. Prendi atto della tragica realtà finché sei in tempo, e cambia subito il titolo dell'editoriale: non può essere che "CRISI".

    RispondiElimina
  70. Un altro problema: schierare insieme dietro, nella stessa partita, due mastri ferrai come Tomovic e Savic vuol dire rinunciare in partenza all'impostazione da dietro.

    RispondiElimina
  71. Meglio il distacco dalla realtà che quello dello retina.

    RispondiElimina
  72. Io non me la prendo con i numerini, me la prendo col fatto di far giocare la gente fuori ruolo. Tomovic non un fludificante, Babacar non è un'ala, Cuadrado non è un trequartista.

    RispondiElimina
  73. mettiamola così: Richards ieri si è guadagnato un posto da titolare quantomeno nella prossima partita, e speriamo che funzioni.

    RispondiElimina
  74. Infatti sulla fase difensiva non ho niente da eccepire, almeno ieri, merito del nostro possesso-palla agevolato dal non-Genoa. Sono i movimenti negli ultimi 30 metri che potevano esser fatti meglio, l'avversario di ieri era di quelli da battere almeno 3-0. Che poi i tre punti sarebbero ugualmente arrivati anche con l'1-0, e mi accontentavo lo stesso, però ancora non ci siamo, almeno per me. Non stronco nessuno, ma consolarsi con quanto di buono visto ieri è controproducente, le prestazioni delle prime due partite sono da squadra da metà classifica, se vuoi la Champions vanno corrette tante cose, finchè sei in tempo.

    RispondiElimina
  75. ma è un altro che non un fluidificante (anche lui mastro ferraio) ma solo (era) un ottimo difensore centrale.

    RispondiElimina
  76. è vero, anche l'anno scorso partimmo giocando male, però almeno facevamo risultato, almeno contro le piccole, e questo mascherava le difficoltà nel gioco. Ne fosse entrata una ieri, le carenze nel gioco ci interesserebbero molto meno oggi. Però vorrei evitare di dover pescare l'Evento Imponderabile, quale fu l'anno scorso la partita con la Juve, per rinascere.

    RispondiElimina
  77. Garcia e' a suo modo un genio. Non tanto per le indiscusse abilita` tecniche supportate da una rosa ampia e di qualita', quanto per la sua capacita' di essersi sintonizzato con la piazza romanista, della quale alimenta la pancia anche con polemiche strumentali (cfr lq polemica su Repka o le lamentele sul rugby giocato all'olimpico) che piacciono tanto alla spirito vittimista dei romanisti.
    Passando a Montella, concordo pur essendo un Montelliano con Lele. Il primo anno ci ha stupito con un gioco di rara fattura. L'anno dopo la maquina si e` involuta anche per il calo del centrocampo {escluso il tanto contestato Aquilani} e dalla decimqzione dell`attacco. In questo acenario sono mancate le riserve: e qui e' difficile dire di chi e' la reaponsabilita' . Di Montella o del duo che ha preso giocatori non pronti. Direi di entrambi vedendo ad esempio che con altri allenatori vecino e alonso hanno giocato bene, mentre yako e bakic sembrano errori di mercato. Quest anno le seconde linee sono di qualita'. Vediamo che succede nel prosieguo.

    RispondiElimina
  78. Prandellizzazione in corso.

    RispondiElimina
  79. concordo, assolutamente: il gioco ancora non è sufficiente per il terzo posto. Sarebbe stato sufficiente per vincere col Genoa, al netto degli errori in attacco, ma per fare una grande stagione bisogna giocare meglio, indubbiamente.
    Il mio dubbio però, è quello che ho espresso sotto: non sarà che il fatto che abbiamo giocato meglio in difesa e peggio in attacco sono collegati? Non è che Montella ha consigliato e ottenuto prudenza? La mia impressione è questa, e penso sia stato un errore, per quanto benintenziato,

    RispondiElimina
  80. https://www.youtube.com/watch?v=zrzMhU_4m-g

    RispondiElimina
  81. eh, ho capito, questo c'è.

    RispondiElimina
  82. Schierati a quattro veniamo ad avere una difesa mediocre, schierati a tre siamo discreti, per il campionato italiano. Soprattutto, si manifestano meno i limiti tecnici...Io vedrei bene una linea Savic [Richards]-Gonzalo-Basanta [Savic], da portare avanti per tutta la stagione, senza ripensamenti.

    RispondiElimina
  83. per carità, mai,

    RispondiElimina
  84. anche perché oramai ci conoscono e il centravanti quasi marca gonzalo, costringendo a far impostare savic. siccome anche richards avrà gli stessi problemi, cominciamo a pensare seriamente a basanta, oppure a far abbassare di più il pek (che a me non è dispiaciuto come si legge altrove, palla fra i piedi ha giocato bene, il problema è che anche lui ha 35 anni e non si muove quasi più ed è anche meno rapido)

    RispondiElimina
  85. mi sembra la soluzione migliore, ed anche la più semplice, in realtà..

    RispondiElimina
  86. il Pek ieri si è abbassato, com'è normale per un regista di fronte a una difesa a 3, però sappiamo bene che è una scelta pericolosa, perché se iniziano a pressarlo pesantemente, quando è così basso, si rischia una palla persa in una zona molto pericolosa.

    RispondiElimina
  87. Tra parentesi, il Guincamp ha battuto il Bordeaux... non sarà chissà che squadrone, ma non sono certo una banda di raccattati come quelli che (escluso il Dnipro) abbiamo incontrato l'anno scorso.
    Contro di loro però va fatto turnover, eh... dentro in particolare i nuovi acquisti.

    RispondiElimina
  88. Neto, Gonzalo, Borja, Aquilani, Cuadrado e Gomez li metterei senza se e senza ma. Savic pure. Se Richards e Basanta sono in condizione, dentro uno dei due a completare il terzetto dietro. Indeciso tra la conferma di Pizarro e il lancio Badelj. A sinistra preferibilmente Vargas. Uno tra Ilicic, Bernardeschi e Babacar a supporto di Gomez. La parola turnover lascia il tempo che trova quando le partite sono da vincere (e quando mai non lo sono?) ai migliori non puoi rinunciare, l'anno scorso per rimontate lo svantaggio a Panduri servirono gli innesti, provvidenziali, di Borja e Cuadrado

    RispondiElimina
  89. Basanta: è arrivato in fondo al Mondiale con l'Argentina; è alto circa 1.90; ha 30 anni; causa anche problemi burocratici è arrivato tardissimo da noi. Non credo che a settembre vedremo il miglior Basanta, spero che se entra non venga subito messo al palo come pippone, quando magari è solo in ritardo di forma. In Messico l'avevo un po' perso di vista, c'è solo un particolare che mi inquieta: ai Mondiali l'ho visto saltare poco su Fellaini, rispetto al Basanta che ricordavo nell'Estudiantes mi sembrava aver perso elevazione, sintomo di declino atletico [ricordo il Vieri terminale, che quasi non si alzava più da terra]. Ma magari era solo un problemino momentaneo, un doloretto, chissà. Aspettiamo con fiducia. Anche Richards son curioso di vedere in che condizioni è, dopo due anni di quasi inattività agonistica, speriamo in bene. Stesso discorso vale per Marin, ultimamente infortunato cronico. Giovedì metterei dentro Kurtic, e magari Badelj nella ripresa.

    RispondiElimina
  90. Mica ha tanto torto, Mambo...:
    Strepiti eccessivi, starnazzati in gran parte da gente che alla partita non ci va mai.
    E che dal vivo, rappresenterebbero un 0,1% dispersi in uno stadio che canta.
    Sono le controindicazioni del web, baby, dove un gruppetto sparuto crede di far testo nella vita reale.
    Vabbè... parlando della partita, ma non solo, mi sorprende che nessuno abbia fatto caso a un 'Piccolo' particolare. Ovvero:



    Ecco che succede a 'iniziare' il mercato il 1 di settembre.



    Il Mister per tutta l'estate non sapeva che uomini avrebbe allenato, e il modulo conseguente.
    Poi gli salta Rossi, e Cuadrado, messo sul bancone del pesce tutta l'estate, resta.
    Vi meravigliate che ancora non abbia le idee chiare? Non credete che l'improvvisazione con cui è stata affrontata l'ultima campagna trasferimenti possa avere delle ripercussioni fra i giocatori, e nell'amalgama degli stessi?
    Prima di un paio di mesi sarà impossibile avere un'idea chiara di quello che sarà il cammino della squadra. Se ci riuscite adesso, vuol dire che avete lapalla di vetro.
    Le mie, invece, di palle, sono già piene alla seconda di campionato, di questo atteggiamento forcaiolo.

    RispondiElimina
  91. Vedo che Montella fa già discutere, eheheh...


    Come ho già scritto penso, fra l'altro, che quest'anno sarà il suo ultimo a Firenze, salvo risultati clamorosi... credo che qualcosa si sia rotto tra lui e parte della dirigenza, probabilmente riguardo a giocatori richiesti e non arrivati. Per me sulla mancata vittoria di ieri ha parecchie responsabilità, ma il tutto penso non vada mescolato con quanto di buono fatto nei primi due anni. Il fatto che si vada piano non lo imputo alla preparazione fisica, ci sono giocatori che non stanno bene (Valero), altri che non dovrebbero essere più il fulcro della squadra (Pizarro) ma che, per un motivo o per l'altro, continuano ad essere fondamentali. Ci sono poi errori di impiego di alcuni giocatori in ruoli sbagliati come Tomovic da esterno nel 352 (il 433 va bene per le lavagnette sky...), e Cuadrado. Già meno direi Babacar che anche come punta esterna sta facendo a mio avviso molto bene. Domenica, comunque, partita già da semi/ultima spiaggia. Non vincere a Bergamo in abbinata con un successo del Milan ci manderebbe a -7 da una delle 3 concorrenti champions dopo appena 3 giornate. Fate vobis...

    RispondiElimina
  92. anch'io credo che questo sarà l'ultimo anno di Montella, anche se dovessimo arrivare terzi. A differenza di altri, però, non sono praticamente entusiasta nei confronti del dopo. Credo che la familiarità con le zone alte della classifica che abbiamo sviluppato in questi 2 anni non debba trarre in errore: è il risultato di una combinazione eccezionale di giocatori e gioco, al di sopra della nostra dimensione economica, e per mantenerla, o addirittura crescere, servirà un'altra combinazione eccezionale di giocatori e gioco, che non do assolutamente per scontata. A tornare al bienno buio ci si metterebbe davvero poco, soprattutto se si chiudesse la stagione con risultati scadenti e rotture pubbliche tra società, tecnico e città. Abbiamo già dato, non credo che Montella debba restare a vita ma non credo neanche che ci possiamo permettere di perdere due anni ogni tre per ricostruire tutto da capo. Chi crede che dopo Montella ci siano la crescita, il messia di Certaldo e il Terzo, deve avere informazioni diverse da quelle di noi comuni mortali su prospettive societarie e budget. Insomma: non mi impicco se Montella chiuso il terzo anno, al di là del risultato, cambia aria, ma, ripeto, meglio un giorno da Montella che cento da Gasperini, non vorrei che, un'altra volta, insieme a un allenatore se ne rottamassero le ambizioni di vittoria.

    Per restare all'oggi, non credo che Bergamo sia l'ultima spiaggia, perché a Bergamo non vince mai facilmente nessuno, Ma è chiaro che di vittorie abbiamo bisogno, subito. L'anno scorso almeno l'EL servì a quello. Speriamo in giovedì.

    RispondiElimina
  93. Per molti, me compreso, le frizioni tra Montella e società/operatori di mercato stanno condizionando la gestione della squadra.
    Io sono profondamente convinto che nessuno dei nuovi arrivati sia stato richiesto da Montella. Nessuno.
    Infatti eccetto Brillante (!!) a Roma, su 6 cambi potenziali (Roma e Genoa) non é mai entrato un nuovo acquisto (e su 22 da mettere in campo nei due match, mai uno nuovo). Normale? Sto ingigantendo la questione?
    Tra giovedì e domenica? Mette ricambi in EL e Bergamo i soliti noti?
    Neanche sotto effetto di oppiacei avrei immaginato di vedere un tridente Ilicic- Bernardeschi- Cuadrado....
    La stessa situazione di Rafa Benitez, e infatti sono due squadre con problemi simili.

    RispondiElimina
  94. Ciao SOPRA perfetto nel ricordare che Montella ha avuto i nuovi acquisti 15 giorni fa (era quello che intendevo con vediamo nel prosieguo). Aggiungerei che se Gomez non segna non e' colpa dj Montella (o almeno e' al 50 per cento con Low visti i gol mangiati con la nazionale). Resto convinto che questo sia un anno spartiacque per il nostro tecnico. Considerando l'eta lo considero un allenatore piu bravo della media che pero' ha ancora qualche punto debole. Spero ne abbia il tempo a Firenze.

    RispondiElimina
  95. Sulle presunte frizioni tra Montella e la dirigenza non ci sono indizi ufficiali, poi per carità, tutto può essere, in questo calcio i cicli di un allenatore in una società e in una squadra sono fisiologicamente portati a bruciarsi in pochi anni, e anche se Montella si sentisse in diritto di fare rimostranze alla proprietà e ai direttori, questi altri potrebbero tranquillamente muoverne abbastanza a lui. Ma la stagione è appena iniziata, Montella è rimasto senza se e senza ma, dei rinforzi anche di caratura internazionale gli sono arrivati, quindi fino a prova contraria considererò certe voci solo come delle inutili illazioni (pur nella consapevolezza che prima o poi il rapporto finirà senz'altro), che vorrei non fossero neanche prese in considerazione.

    RispondiElimina
  96. concordo, nel senso che quest'anno lo affronteremo così ed è bene essere compatti. Poi credo anch'io che l'estate prossima molte cose cambieranno. Mi premeva solo far notare che non è assolutamente detto che cambino in meglio, se i risultati non saranno positivi, anzi. Chi Spalletti vuole, Delio Rossi stringe.

    RispondiElimina
  97. SOPRA, nessun atteggiamento forcaiolo, visto che già nella seconda parte del campionato, s'era giocato malissimo, col Comunale terra di conquista di molte squadre, quindi il problema prosegue sulla linea della scorsa stagione e non quindi dopo queste due giornate, perché la confusione tattica era già manifesta. Che siano limiti ( per me si') o fatti contingenti, ma non c'é nessuna prova ed ognuno si tiene le sue idee. Durante lo scorso, ero contrario all'allora ipotetico avvicendamento in corsa con Spalletti ( per me irraggiungibile) o con chiunque, invocavo che Montella si giocasse le sue chanches in finale CI, che bene o male s'era meritato, poi a bocce ferme, sano e definitivo chiarimento con la proprietà. Ora si possono avanzare molteplici teorie, sul mercato e rapporti con la società, ma, scusami questa non é roba di due giornate allora non vale prendere posizione ed additare pretestuosamente l'insoddisfazione degli elementi comprati, come scusante. Montella e società hanno avuto tutto il tempo per chiarire gli obiettivi, trovare intese sul mercato ed eventualmente prendere decisoni, cosi' come ha fatto Conte se il panorama non lo soddisfaceva. Se Montella ha deciso di restare, vuol dire che era soddisfatto, senno' sapeva cosa doveva fare, i DV non trattengono nessuno controvoglia. Troppo facile ora giustificare mesi di arruffamenti tattici e arzigogoli perché, poverino, non gli comprano il richiesto. Un cambio adesso lo vedo una tragedia peggiore, il tempo per divorziare c'era, ma non scordare, meglio un mediocre tecnico motivato, che uno buono che stronfia e non ci crede, vedi ultimi sei mesi del Pranda.

    RispondiElimina
  98. Il mio augurio finale era che potesse aprire un ciclo a Firenze. Pero' secondo me potrebbe fare una scelta alla Mazzarri anche andando in CL, magari come dicono al Napoli sostituendo Rafa.
    Non mi sembra ci siano allenatori molto piu' appetibili in giro. Io sono una vedova del colonello... Lobanovsky (ma mi manca l altro colonello Blimp) ma ormai e' un po' tardi

    RispondiElimina
  99. Come spesso mi accade, sono d'accordo col Vita anche sulle presunte frizioni fra Montella la società (o almeno i Direttori): mi sembrano illazioni allo stato puro, non corroborate dai fatti. Non mi sembra che la società abbia acquistato giocatore che Montella non voleva.
    (Apro una parentesi: esattamente un anno fa, sempre Vita ed io facemmo la seguente osservazione: a tutti noi sembrava che mancasse un vice-Gomez, mentre Montella si lamentò del fatto che mancasse un vice-Pek, nonostante i centrocampisti in rosa anche allora fossero parecchi).
    Analizziamo il mercato:
    1) Cuadrado è rimasto (mi sembra che Montalla ne è contento, l'ha anche detto);
    2) è arrivato il vice-Pek (tale è Badelj, anche se con caratteristiche e fisico diversi);
    3) è arrivato pure un altro centrocampista, Kurtic;
    4) Richards è - come ho detto qualche ora fa - un altro centrale che può fare il terzino: evidentemente, visto che è il quarto con queste caratteristiche in tre anni, è Montella che li chiede così; non penso che glielo facciano per dispetto;
    5) forse è Marin a non essere stato richiesto da Montella, ma sinceramente non mi sembra che i trequartisti gli facciano schifo.


    L'unico appunto che si può fare ai Direttori - che probabilmente è stato fatto da Montella, che sicuramente è stato fatto dai DV, Mencucci e Cognigni, e che tutti noi abbiamo fatto - è che la rosa è troppo ampia, visto che non sono riusciti a piazzare gli esuberi.

    RispondiElimina
  100. Chi accetta di allenare la Fiorentina, lo fa sapendo che il mercato gli porterà occasioni piuttosto che prime scelte e che succederà, per complessità di trattative e budget, in un periodo del mercato che , molto probabilmente, non consentirà una partenza si campionato con tutte le caselle pronte e al posto giusto. Il mercato ha portato giocatori da aspettare per motivi fisici e giocatori che, secondo me, il tecnico deve imparare a conoscere.
    Detto questo, io cerco di notare le differenze rispetto allo scorso anno e in queste due partite ho fatto caso ad una cosa: nonostante il centrocampo non giri al meglio, abbiamo subito solo tre tiri nello specchio della porta.
    Con la difesa a quattro, lo scorso anno, subivamo molto di più, segno che, pur giocando con tre quarti dei difensori dello scorso anno, almeno a livello difensivo, qualcosa è migliorato.
    Il centrocampo, ieri, è stato la causa di quella lentezza che non ci ha permesso di sviluppare azioni rapide e più incisive, però, pur con questo problema, siamo andati al tiro una decina di volte e abbiamo avuto più gente in area rispetto a come eravamo abituati. Niente di trascendentale, ma piccoli cambiamenti che nell'arco di una stagione potrebbero essere decisivi.
    La squadra gira in maniera farraginosa, centrocampo e attacco faticano, però questo già poteva bastare, ipoteticamente, per pareggiare a Roma e battere il Genoa.
    Se Gomez avesse preso , anche con la spalla, quel pallone al 14mo, adesso non staremmo tanto a parlare di tattica. Purtroppo anche la tattica ha bisogno di gambe e testa al suo servizio.

    RispondiElimina
  101. beh se ha problemi col mercato della Fiorentina e la reazione è andare al Napoli, auguri. Fatico a vedere Montella in un'altra grande piazza italiana, tutte ancora più esigenti della nostra, sinceramente per quanto sia un suo estimatore non lo vedo pronto a giocarsi lo scudetto. Credo che la Fiorentina fosse la piazza perfetta per un allenatore talentuoso, emergente ma non ancora affermato, e credo che continui a esserlo. Poi è ovvio che saranno i risultati a decidere, come sempre nello sport.
    Fedele alla linea "crescere per non decrescere", al suo posto vorrei uno più forte di lui, il problema è che, sui nostri standard di ingaggio e di budget per il mercato, non ne vedo. Più forti di lui sono probabilmente Spalletti, Conte, Garcia, tutta gente che è abituata a prendere almeno, quando fa proprio male, il doppio di quanto prende Vincenzino, e ad allenare rose che costano il doppio. Per sostituirlo bisognerebbe avere il colpo di culo che avemmo con lui, cioè trovarne uno giovane e senza troppe pretese ma bravo. Magari Iachini reduce da una buona annata a Palermo in scazzo con Zamparini. Oppure ho paura che rischieremmo di cambiare in peggio. Ma è presto per parlarne, intanto l'allenatore della viola è lui e spero ancora in un'annata positiva.

    RispondiElimina
  102. 101 commenti da leggere, veramente troppi. Scelgo un "vabbè", Valtolinianamente.
    Possiamo fare un ragionamento poco tecnico tattico e molto terra terra? Io ieri mi sono annoiato, risultato a parte. Mio figlio, prima volta nella storia, si è messo a pispolare sullo smartphone, durante la partita. Per il resto, attorno a me, musi lunghi e nervosismo. Noia a livelli inusitati, anche per Montella.
    Non si tratta di vincere o perdere, si tratta di divertirsi. In altre occasioni mi sono innervosito, per partite buttate alle ortiche o per furti organizzati, ieri no. Ieri mi sono semplicemente annoiato. E non si tratta neanche di capacità tecniche dei singoli, si tratta di organizzazione di gioco. Probabilmente è un momento così, di calo fisico. Probabilmente con un po' più di gambe la situazione cambierà. Probabilmente nessuno arriva dove deve arrivare, per centimetri, e nessuno fa quello che deve fare, per centimetri. Si torna sempre lì: se hai quello bravo bravo, una partita come ieri la vinci; a me però interessa relativamente. Non sarei stato più soddisatto se Borja, o Gomez, o Bernardeschi, o Gonzalo, l'avessero buttata dentro.
    Sarei invece molto più contento se Montella non parlasse di sesto posto quando Andrea Della Valle parla di terzo e se Pradè e Macia avessero accontentato, davvero, l'allenatore. Ho seri dubbi, in merito. Si può non schierare neanche uno dei nuovi, con Tomovic, Borja e Pizarro in quelle condizioni? Si può evitare di farli scendere in campo, anche da subentranti? Si può fare, senza polemizzare con Direttori e Società? Vincenzino vuol dimostrare che ha una rosa scarsa? Lo sa, il nostro allenatore, che se non si è soddisfatti ci si può anche dimettere? Troppe domande, zero risposte. Zero, come i gol fatti.

    RispondiElimina
  103. Allenatori piu "scafati" esistono e sono quelli che hai citato ma sono fuori budget, gli altri sarebbero scommesse. Quando dico Napoli sottintendo una acelta alla Mazzarri andarsene in una squadra da rifondare (sempre che il Napoli lo sia, cosa che sospetto, rispetto ai risultati attesi dalla piazza) anche e soprattutto dopo una stagione vincente alla Fiorentina. Andarsene da vincitore da una squadra che per limiti di fatturato puo' non essere in grado di superarsi puo' essere una strategia razionale.Mazzarri sara' ricordato come l'allenatore che ha portato il napoli al secondo posto.

    RispondiElimina
  104. Io non ho scritto che Montella non sia soddisfatto degli acquisti. Io ho scritto che nessuno di quelli (presunti) indicati da lui é stato preso. Concetti completamente diversi.
    FOCO, credo sia vero in tuo primo assunto, per un allenatore che viene a Firenze; come per chi tifa Fiorentina, sa cosa può dare e a cosa può ambire, non cosa può chiedere.

    RispondiElimina
  105. Boh? Zero risposte, anche qui. Rispondo però con una domanda: - Si può far (benino) tutte le amichevoli, con la difesa a tre e in campionato passare, di bel bello, a quattro? Si può, evidentemente. Eppure erano gli stessi di ieri, Rossi a parte (con il bilancino, già allora). Qualcuno mi spieghi il perché, di grazia. La mia impressione? Le idee sono poco chiare a prescindere dal mercato.

    RispondiElimina
  106. http://www.fiorentina.it/it/news/articolo.37.17359/dal-colorado-giuseppe-rossi-alle-prese-con-il-suo-primo-video-rap-video.html



    Ma in che mani l'abbiamo lasciato.

    RispondiElimina
  107. Nonostante il rientro di Cuadrado, la bella atmosfera oltre che il bel clima del Franchi ed un Genoa piuttosto modesto,la Viola rimane a secco anche oggi.Sembra che la modesta striscia casalinga delloscorso campionato si allunghi.Effettivamente in campo,a parte qualche eccezione,c'era la maggior parte degli interpreti della recente stagione e questo punto potrebbe già essere materia di analisi.Del mercato si è già detto molto,dei nuovi arrivati,evidentemente non ancora in condizione o quant'altro,ancora poche ombre,ma noi siamo nati per aspettare...Zero reti in campionato dopo due giornate,ed un punto,non lasciano spazio a buoni presagi,ma la cosa che più mi ha deluso ieri è stato sicuramente il risultato,queste son partite da vincere assolutamente.Non son bastati qualcosa come venti tiri e occasioni clamorose da due passi mancate per scarsa precisione o lucidità,schiacciando un avversario che ha ricorso alla difesa ad oltranza e mostrato difficoltà nella costruzione del gioco.Ne bastava uno alla Naingollan-palo-schiena:avrebbe mascherato la non ottimale tenuta atletica,qualche errore di Montella(anche per sua ammissione),avrebbe sbloccato certi meccanismi che solo il sapore delle vittorie infondono,avrebbe placato i soliti dal bicchiere mezzo vuoto,avrebbe dato a Dirigenti,Presidente,Allenatore più convinzione nelle dichiarazioni di fine partita nel vedere il calice mezzo pieno.Al momento io vedo un bicchiere pieno a metà,tra fiducia incondizionata dovuta a prescindere,ma anche perplessità e qualche legittimo dubbio nell'attuale 'work in progress'Montelliano.Il tour de force è alle porte,le altre concorrenti sembra si siano rinforzate(a parte il Napoli),presto capiremo quale può essere la nostra dimensione e quella di Mister Vincenzino ex settebellezze,diventato l'enigmatico.

    RispondiElimina
  108. a questo punto la via d'uscita diventa la spregiudicatezza:


    -------------------------------------Neto-------------------------------------------
    ----Richards/Tomovic----------Gonzalo/Basanta--------------Savic/Alonso---
    Cuadrado-------Aquilani/Kurtic---------Badelj/Pek------------Valero/Vargas
    -------------------------------Marin/Berna---------------------------------------

    ------------------Gomez------------------------Babacar-----------------------

    Se ne prenderanno due a partita, ma almeno se ne fanno 3, e ci si diverte un po'.

    RispondiElimina
  109. Ho cercato di non pensare alla partita di ieri. Come ho cercato di dimenticare quella contro la Roma. Per me c'è stata in entrambi i casi una gestione assurda da parte di Montella. Non mi va neanche di spiegare il perchè.

    RispondiElimina
  110. El Loco Bielsa sta rilasciando dichiarazioni polemiche verso la società, riguardo gli acquisti. Da giugno con El Loco, per il Terzo [realisticamente posto, non scudetto, ma gioco e divertimento assicurati]!

    RispondiElimina
  111. Scherzo, ovviamente, io spero che Montella resti, ma anche lui deve maturare, come dicevo al GAT.

    RispondiElimina
  112. http://www.fcinter1908.it/ultim-ora/bielsa-sempre-piu-loco-non-mi-assumo-responsabilita-progetto-om-perche-123386



    Sarebbe perfetto per i DV, ahaha

    RispondiElimina
  113. Marin non so se è in condizioni di scendere in campo. Neto; Richards (Savic), Gonzalo, Savic (Basanta); Cuadrado, Aquilani Pizarro (Badelj), Kurtic (B.Valero), Vargas (Alonso, Pasqual); Gomez (Babacar), Babacar (Ilicic, Bernardeschi).

    RispondiElimina
  114. Io comincio ad avere paura della maturazione di Montella. Più passa il tempo più si comporta in modo sempre più incomprensibile. Sta anche dimostrando una certa instabilità emotiva.

    RispondiElimina
  115. eh ma il gioco era proprio quello di immaginare un 3-4-1-2 con i due esterni offensivi e i due tenori centrali, eheh

    RispondiElimina
  116. Se Marin torna quello che era c'è da provarci ancora ci andrei piano

    RispondiElimina
  117. Se discutessimo solo di quello che sappiamo per certo finirebbero molti spazi di discussione, a comincicare dalla Riblogghita. Ci sono segnali che fanno capire molte cose, a chi vuole, e Sopra è sempre molto attento. Questo non giustifica e/o colpevolizza nessuno. Io per primo quest'anno sono molto più severo con Masaniello (ahahahaha, mi garba questo soprannome). Restano i numeri, e non sono bei numeri. Domenica a Bergamo primo spartiacque, altroche. Bisogna riprendere i due punti buttati per non dover recuperare sempre di più. Ancelotti e Mauro ci danno in corsa per il titolo, che vorrà dire? Pollina e il Betti ieri sera su Platinum ci davano tra il sesto e settimo posto, mi son fatto una bella risata e ho girato di là, c'era il Buk e mi sono addormentato... Stasera mi sorbo anche il Calamai e completo l'opera...

    RispondiElimina
  118. Per l'immediato concordo, ma se Borja torna in forma è impensabile lasciarlo fuori. Marin non si sa quando potrà giocare, pare sia stato mal gestito a Siviglia, e abbian passato l'estate a rimetterlo a posto.

    RispondiElimina
  119. Uhm, e ora arrivano addirittura i commenti dei robot multinick sul sitone ispirati alla vulgata svizzera: il progetto montelliano tradito, Gomez e Ilicic, le risorse male allocate...
    Evidentemente qualcuno ha iniziato ad attingere dal blog elvetico argomenti utili alle proprie campagne antiviola. Speriamo che l'utile idiota (termine tecnico per definire chi inconsaevolmente aiuta il nemico, non insulto) se ne accorga e smetta di fornirli...





    claudio Gomez e'quello che non serve a8d una squadra
    agile e imprevedibile come era la fiorentina il primo anno di montella.
    Con quei soldi e qull'ingaggio non ci siamo potuti permettere grosse
    alternative. Penso che il problema siano prade e macia, ho visto tanti
    bidoni arrivare e poi partire, tante false speranze che hanno impedito
    la costruzione di una squadra che potesse puntare in alto. C i vorrebbe
    sabatini....


    momò Per Gomez abbiamo dovuto cambiare impostazione della squadra. Ci occorreva un centravanti di manovra,agile.
    Con lui e Ilicic, la fiorentina non solo non diverte Più, ma nemmeno segna.
    Con Rossi in campo si potevano mascherare le difficoltà, senza di lui sono lampanti.

    RispondiElimina
  120. Pensavo avremmo lottato per il quarto posto insieme all'Inter. Poi si è rotto Rossi, il Napoli è entrato in crisi [profonda e sostanziale, credo], l'Inter mi accorgo di quanto sia stata costruita bene, e il milan pare più forte di quanto la rosa dica [effetto Inzaghi?], e gli arbitri lo rivorranno in Europa. Tutto sommato direi che siamo ancora in lotta per il quarto posto, e i rivali diventano Napoli e milan, l'Inter mi pare più forte, goleada col Sassuolo a parte. Medel si è inserito in modo fantastico, Kovacic sta crescendo come un'erbaccia, Icardi sta maturando [i mezzi, si sa, sono incredibili], Osvaldo sente fiducia e gioca carico a molla. Se Ranocchia limita i danni, potrebbero addirittura lottare per lo scudo.

    RispondiElimina
  121. c'è sempre Mazzarri, migliore alleato di chiunque non sia interista, pronto a entrare in azione, riproponendo la punta unica e Kovacic mediano...

    RispondiElimina
  122. Deyna, sei troppo equilibrato per farti vincere dall'amarezza. L'Inter, è vero, è stata costruita bene e spendendo il giusto, bisognava accorgersene subito, però. Il Milan non mi convince, ma non ha le coppe, per adesso ha avuto anche un discreto culo, vediamolo dopo la decima.

    RispondiElimina
  123. L'Inter ha fatto una partita insulsa contro un Torino ridimensionato e se Larrondo faceva tirare il rigore ad un giocatore di calcio, adesso avrebbe meno appeal. Due partite dicono poco.

    RispondiElimina
  124. Equilibrato non lo son per nulla, ahah...Il mercato dell'Inter mi era piaciuto, ma non credevo raggiungessero questa compatezza, e lo dico non pensando alla goleada, ma alle potenzialità che ho visto anche contro il Toro, pur castrate dalla prudenza mazzarriana. Il milan non convince neanche me, ma non vorrei che Inzaghi fosse un motivatore, un catalizzatore di energie...Non sono catastrofista comunque, è che non ci vedevo da Terzo né da CL, ma da lotta per il quarto posto, e così continuo a pensarla. Cambiano solo i contenendenti...

    RispondiElimina
  125. ... senza Rossi purtroppo RIsiamo in quel range; 3°/5° posto ma per il terzo deve andare tutto liscio e per noi è quasi chimera;
    il centrocampo dell'Inter è da podio, se la gioca con quelli di Roma e Juve, davanti sono un po contati e dietro hanno aggiunto Vidic, li vedo in pole per la terza piazza, ora come ora, ma siamo solo all'inizio...

    RispondiElimina
  126. Bah, troppa negatività, per me. Veniamo da un quarto posto con una rosa utilizzabile decisamente più debole, potenzialmente, di questa. I problemi riscontrati, secondo me, trovano causa per lo più nella forma psico/ fisica di due giocatori cardine, che non può essere cronica. Che Gomez non è integrato non credo sia un problema tattico, ma dato da un'atteggiamento del giocatore cominciato al quindicesimo del primo tempo. Al primo pallone sbattuto dentro, avremo più movimento da parte del centravantone e più possibilità di passargli palla. Borja ricomincerà presto a stoppare divinamente palla e non rallenterà o spezzerà più la manovra. Poi i nuovi verranno inseriti e solo allora avremo l'arsenale completo. Ripeto: se Marione avesse impattato quella palla, pure di schiena, invece che accartocciarsi come radicchio trevigiano sulla griglia, adesso staremmo parlando di altro.

    RispondiElimina
  127. probabile Foco, purtroppo un gol segnato/sbagliato decide partite e campionati, normale che le discussioni ne siano figlie... Io non sono affatto pessimista, penso che non appena qualche palla andrà in buca torneremo a far paura... Buona serata a tutti, vado a vedermi che minchiate sparano stasera nei vari talk show i malati viola come me...

    RispondiElimina
  128. Meglio se guardi Montalbano

    RispondiElimina
  129. ahahahahahah vabbè via farò un poino di zapping...

    RispondiElimina
  130. E' vero quello che dice FOCO troppa negativita'. Nonostante siano passate due sole partite e sapendo che e' troppo presto per dare giudizi. L'Inter parti' bene anche l'anno scorso poi crollo' e si riprese che era tardi. Certo l'Inter e' migliorato. Noi stiamo giocando con la formazione dell'anno scorso a parte Babacar. Le seconde linee sono buone, Badelj per quello visto su YouTube e per giudizio unanime e' un potenziale titolare, Babacar mi dite e' piu' pronto di quanto lo fossero Rebic e Matos lo scorso anno. Ora sta a Montella tirare il meglio da una rosa molto ampia. Io voglio essere ottimista. Mi rimane comunque il dubbio che sia l'ultimo anno di Montella,ripeto alla manierra svizzera la mi (ipo)tesi: un piazzamento dal terzo posto in su sarebbe una ottima rampa di lancio per negoziare un buon contratto con un'altra squadra e contemporaneamente un obiettivo difficilmente ripetibile due anni di seguito per la nostra dimensione attuale. Un attore razionale opterebbe, offerte permettendo, per un'altra squadra.

    RispondiElimina
  131. Ma il Grande Zot non ha voglia di fare commentone e pagellone?

    RispondiElimina
  132. Entra Campanharo nel Verona, ottima partita fin qui della dupla Dybala-Vasquez.

    RispondiElimina
  133. Dybala proprio un bel giocatore!

    RispondiElimina
  134. Lo voglio in Viola, carajo! Giusto ora, dribbling in un fazzoletto e tiro rapidissimo all'angolo, deviato dal portiere...

    RispondiElimina
  135. l'Inter l'anno scorso è stata frenata da due cose: l'infortunio di Icardi, che l'ha costretta con Palacio unica punta per parte della stagione, e l'insipienza criminale di Mazzarri, che teneva in panchina o umiliava tatticamente uno che studia da top player come Kovacic... Risolto il primo e messa a frena dalla società la seconda, è normale che crescano. Ma la seconda è sempre in agguato...

    RispondiElimina
  136. L'Inter ha un limite nella sua impossibilità di cambiare pelle. Le opzioni sono un 3-5-2 o un 3-4-2-1 che però non possono prescindere dai tre difensori dietro e da due uomini che debbano coprire tutta la fascia. Il centrocampo è più protetto da Medel, ma il gioco lo devono fare gli interni e i tre dietro non possono sostituirsi ai centrocampisti per far ripartire decentemente l'azione. Nelle due partite fino ad ora giocate, emerge che Il Torino li ha messi in difficoltà costringendoli a fare la partita per poi ripartire, mente il Sassuolo si è consegnato, come lo scorso anno, cercando presuntuosamente di contrastarli con una formazione d'attacco. Rompono e ripartono bene, agevolati dai movimenti dei loro attaccanti, ma se trovano la difesa schierata, hanno problemi e si espongono soprattutto sulle fasce dove, per forza, concedono superiorità. È una squadra tosta, sicuramente, ma manca loro qualcosa di importante. Li vedo molto male, per esempio, contro la Roma che assorbe l'impatto altrui grazie a De rossi che porta la difesa a cinque e ai suoi interni molto dinamici, per poi ripartire forte sugli esterni. Delle altre, il Napoli mi sembra una pentola a pressione, l'ambiente cova e mugugna e qualche giocatore come Callejon è tornato su standard più consoni alla carriera pre- napoletana. Il Milan non è credibile, anche se Menez sembra in stato di grazia, il centrocampo è povero tecnicamente e numericamente e la difesa è abbastanza perforabile per lentezza. Quando calerà l'entusiasmo, si renderanno conto che non basta togliere un centravanti per essere la Roma.
    Roma che sembra ancora imballata. Sabato ha rubacchiato una vittoria importante per il fatto che è venuta senza i pezzi grossi in attacco, ma se la loro intenzione è quella di preservare i big ogni volta che c'è la champions, allora si ipervalutano. La Juve è sempre la Juve per l'autorità che mette in campo. Giocano con un pilota automatico impostato da tre anni. Però c'è meno rabbia e il rischio di dominare certe partite per poi non portare a casa il bottino si è intravisto.
    La Lazio mi piace, sarà rognosa quest'anno. Il laziale medio, per fortuna, non capisce un cazzo di pallone e l'ambiente esterno potrebbe rovinare il campionato di una squadra costruita discretamente.
    Il Parma retrocede. Ieri quando ho visto la formazione iniziale non ci volevo credere. I valori sono pochi e a fine cottura. Ghirardi ha fatto l'offeso per l'EL, ma mi è sembrata una scusa per vendere senza comprare. Infatti a mercato finito ha fatto il suo ritorno. Mi dispiace per Donadoni, una persona seria.

    RispondiElimina
  137. Guardavo Jesolu dell'Hannover...che tocco di palla di che intelligenza! Spagnolo della cantera madrilena. Bel giocatore.

    RispondiElimina
  138. ho guardato mezz'ora del programma di calcio di Merdaset. Ho dovuto spegnere per non vomitare. Ho scritto in estate che vedevo in Inzaghi le potenzialità per un ottimo allenatore, e lo confermo, ma stanno celebrando come fosse una Champions un 5-4 col Parma... Fosse capitata a noi la notizia sarebbe stata: la Fiorentina prende 4 gol dal Parma. Per loro, è un trionfo.
    Unica chicca della serata, un insolitamente velenoso Manuel Pasqual, che, a domanda su affinità e divergenze tra Conte e Prandelli, risponde: "C'è chi è un vincente, e chi no."

    RispondiElimina
  139. Parma che schierava bestiacce come Ghezzal, Belfodil, Jorquera, De Ceglie e Felipe. Serie B in venti partite.

    RispondiElimina
  140. Joselu...Sì, in passato ha colpito anche me. A 24 anni si muove molto bene, segna ancora pochino, ma penso debba ancora far vedere tutto il suo potenziale. A parte che è bravo in aria, mi impressionò anche al tiro, sembrava quasi ambidestro.

    RispondiElimina
  141. Oh, stasera manco Ljuka passa? Sembrano quelle serate d'inverno di quando facevo il barista di paese. Quando la mia ragazza finiva il turno e le subentravo io, cosa che abbassava drasticamente le presenze. Rimanevano solo i duri che non si facevano attirare da un bel visino, ma solamente da un frigo ben fornito di birra. Solo che qui siamo scarsi anche ad alcolizzati. Vabè, dò lo straccio e chiudo. Il deodorante nel cesso non ce lo metto più, tanto c'avete una mira di merda.

    RispondiElimina