.

.

giovedì 25 settembre 2014

hotelreginatuttominuscolotuttoattaccato


Ho trattato con un ristoratore vestito da personaggio di Fellini per vedere la partita riuscendo  a strappare “Diretta gol” a scapito di Juve – Cesena,  un modo tutto fiorentino di attirarsi le maledizioni dei presenti  che già stavano seguendo la partita da 10 minuti. L’ingresso del ristorante Happy Moments di Galdo è una sorta di omaggio a una Dallas in piena spending review. Luci fucsia a perdifiato, un semicerchio in triplice filar di led fitti come i capelli di Berlusconi, per una Calabria post  atomica. Su “diretta gol” i collegamenti con Firenze fanno un monte immagini di 4 minuti scarsi + i messaggi di Foco ad integrare le informazioni,  per un totale di un cena di merda a 40 € in due. Vino della casa, uno chardonnay veneto con il nome del ristorante sull’etichetta. Non ho visto una sega, so di due pali asfittici, dell’ingresso di Ilicic e Berna, della solita sterilità abbinata all’insolita capacità di non subire gol. Parlatene voi perché per me il meglio della giornata doveva ancora venire. Con una 500L inguidabile imbocchiamo nuovamente la Salerno – Reggio Calabria in direzione sud  per uscire a Campo Tenese dove la segretaria ci aveva prenotato le camere all’Hotel Regina nel Parco Nazionale del Pollino. Un quattro stelle dove siamo arrivati intorno alle 23:00. Albergo molto frequentato in questo periodo anche perché nel tratto interessato dai lavori di rifacimento di strada e gallerie per un futuro migliore. Appena siamo entrati ho letto sul volto del ragazzo con la cresta, il panico, ma ho pensato a certe rughe di espressione enfatizzate da quel taglio di capelli inadatto per uno che sta alla reception di un quattro stelle, che non sia Nainggolan. “Abbiamo una prenotazione per due camere a nome…” La risposta è stato uno sguardo perso oltre Mormanno,  accompagnato da un silenzio che sembrava non avere via d’uscita. Poi si è scosso, ha preso tutto il coraggio che aveva dentro e con gli occhi bassi tipici del cocker “non ho nessuna prenotazione”. Tiro fuori la mail della segretaria con la conferma della prenotazione e l’allegato dell’autorizzazione al prelievo sulla carta di credito aziendale. E’ diventato più piccolo, in totale ha guardato la mail 12 volte non riuscendo a capire perché gliel’avessi mostrata visto che lui già ci aveva detto che non c’era nessuna prenotazione. “Guarda sulle mail in arrivo, l’indirizzo della segretaria è questo, inviata martedì alle 14:30”. Le ricerche sono state lunghe e infruttuose. “Dov’è che devo mettere il nome della segretaria?” Intanto fa una telefonata a casaccio senza risolvere niente. “Non abbiamo due camere ma una sola”.  Il suo sguardo è quello di chi ha visto la morte in faccia. “Una singola?” gli faccio. Il mio invece è lo sguardo di quello che c’ha la faccia a culo e che da un problema vede un’opportunità di divertimento inaspettata. “Nooon una singola, ma con tanti letti, non so se vi va bene perché c’è la finestra a soffitto”. Quel noon pronunciato con enfasi era stato liberatorio, perché con quella che era una singola ma che non lo era nella realtà perché così piena di letti, ci aveva trovato la soluzione, poi però quella finestra sul soffitto lo aveva riportato nel marasma di chi si trova in una situazione ingestibile per chi fa quello di lavoro in una reception di un hotel a 4 stelle. “Voi non avete pagato”.  Una frase buttata lì a secco, preso dal panico forse per pararsi il culo nel caso che la mattina dopo avessimo preteso addirittura di non pagare. “Mi dai la password per la connessione internet che devo lavorare?”.  Mi guarda impietrito e si tocca entrambe le tasche come a cercare qualcosa, forse proprio quello che gli avevo chiesto. “hotelreginatuttominuscolotuttoattaccatomavalentoperquestostiamofacendoilavori”. Tutto d’un fiato perché io quando gli ho detto che dovevo lavorare, gliel’ho detto a merda già prevedendo quello che poteva succedere, come a dire sono cose importanti che se non funziona allora mi hai rotto il cazzo ti denuncio ti faccio chiudere e ti taglio quella cresta di merda. La camera effettivamente aveva un letto matrimoniale uno singolo e due letti a castello. Mancava solo un amaca. La finestra era effettivamente sul soffitto. Il televisore, un tubo catodico incastrato su una mensola d’angolo con schermo 11 pollici. hotelreginatuttoattaccato mi connetto e mi chiede username e password, ridigito hotelreginatuttoattaccato. Niente. Evvvvvvai  così almeno posso scendere di nuovo. E’ alla macchina del caffè, mi vede e non lo avrebbe mai voluto fare. “Mi dai username e password, sai prima di venire a disturbarti di nuovo ho fatto un po’ finta di niente ma lui continua a volerle ancora username e password”. E’ uscito dal bar e si è avviato alla reception dove c’erano due clienti appoggiati lì a parlare. Ne ha toccato uno sulla spalla e a lui ha chiesto username e password. Il bello è che anche uno di loro mi ha detto “hotelreginatuttoattaccato e oggi sei fortunato perché di solito va lento.  Per fortuna Daniele è ingegnere e il suo telefono ha condiviso la connessione dati con il mio pc (tethering). La doccia era fredda. Pubblico prima di andare a letto perché domattina potrebbe succedere l’inverosimile. M’importa una sega dello zero a zero.


Ultimo aggiornamento

Poi all’improvviso un ruglio nella notte. Forse un orso del Pollino ha scelto uno dei tanti letti. Era invece il fragoroso schiantarsi di quello di Daniele. Ecco il perché ce n’erano tanti. L’ingegnere trasloca sul letto a castello sotto la finestra sul soffitto. Che poi di lì a poco si rivelerà un amplificatore di pioggia della Bose.  Al check-out  quel signore molto anziano mi ricordava qualcuno, quando mi ha chiesto di firmare la liberatoria per mandare in onda la candid camera mi è venuto in mente. Nanni Loy.
 

145 commenti:

  1. ..."e se vai all'hotel Supramonte(staccato) e guardi il cielo,tu vedrai una donna in fiamme e un uomo solo e una lettera vera di notte e falsa di giorno,poi scuse accuse e scuse senza ritorno.E ora viaggi,ridi vivi,o sei perduta col tuo ordine discreto dentro il cuore.Grazie al cielo ho una bocca per bere e non è facile,grazie a te ho una barca da scrivere e un treno da perdere e un invito all'hotel Supramonte dove ho visto la neve"...questa è l'ora dei poeti e dei farabutti diceva un mio caro nonno,l'uno non esclude l'altro,metaforicamente il poeta descrive la parte irrequieta e farabutta dell'anima.Questo tuo post mi riporta a questa canzone del grande Faber di cui ho una grande passione musicale,che descrive alcuni momenti della sua forzata prigionia in Sardegna.Sembra tu stia vivendo,ovviamente senza risvolti drammatici,a parte qualche grottesca situazione,un'esperienza simile...in Calabria...eheheh davvero una doccia gelata lo 0-0...!!!Buon risveglio e speriamo non ci siano altre disavventure!!!

    RispondiElimina
  2. A questa squadra mancano due cose: un gioco d'attacco efficace e la capacità di alzare i ritmi. Troppi palloni pretesi sui piedi e pochissimo movimento a dettare sulla corsa. La prima opzione, lí davanti, è l'azione personale partendo da fermi, cosa che, a meno che tu non sia Messi, serve solo a fermare l'inerzia della squadra e , al massimo, a ricominciare il giro-palla. Quando incontri una squadra chiusa, la cosa più importante deve essere il movimento senza palla, movimento che serve ad offrire possibilità di passaggio e a portare via l'uomo, aprendo, quindi, spazi senza i quali non si è pericolosi. Se si gioca con quattro uomini di fascia, sarebbe opportuno che questo movimento lo facessero principalmente loro. E, possibilmente, coi tempi, la convinzione e l'aggressività giusti.
    Altrimenti è tutto un ricominciare l'azione che si sposta lentamente da un lato corto dell'area all'altro. Quando si critica il
    Cuadrado attaccante, è perché è estremamente carente in queste cose, che per un giocatore che pretende di essere risolutivo, sono l'abc. Se lui prende palla da fermo, ne salta due e la mette all'incrocio, sicuramente ha fatto una gran cosa a livello individuale, sicuramente porta un beneficio, ma con la squadra c'entra poco. Esattamente come dieci tentativi falliti di fare la stessa cosa. Ieri mi ha fatto tenerezza un Baba con la giusta attitudine, la giusta forma e i giusti movimenti, ma quasi mai messo in condizione di fare il suo mestiere. E con chi deve interloquire il centravanti, solo con i centrocampisti?
    Di buono c'è stato il fatto che per la quarta partita non abbiamo subito reti e che in cinque partite totali, avremo preso, al massimo, sette tiri nello specchio. Mancherebbe poco, davvero, ma non so se quel poco derivi da una scarsa predisposizione all'insegnamento di Montella o, piuttosto, ad una inadeguatezza di certi calciatori.
    Bah, vedremo.

    RispondiElimina
  3. Parole sante Foco, ma proprio lì (movimenti senza palla e velocità) sta la differenza tra la grande squadra ed un gruppo di giocatori di buone basi tecniche.

    RispondiElimina
  4. Mi verrebbe da chiedere, Pollock, ma i ché tu ci sei andato a fare? Ovviamente non potevi non andarci...buona fortuna!
    Partita...qualche novità? Può essere definita tale la manovra che da un anno rende l'aria dello stadio e quella di chi è collegato, soporifera? Novità l'accampamento nella metà campo avversaria? Novità il lentissimo tittiche/possesso palla infruttuoso? Novità l'assenza di schemi scardina difese arroccate? Novità, o stupore, se squadre nettamente inferiori alle nostre terze scelte, vengono a Firenze ad edificare fortini? No, non sono novità, come non lo è l'incapacità di Montella a trovare soluzioni che evitino due pareggi casalinghi con Genoa e Sassuolo e come ripeto da tempo, niente altro che abulici prosiegui di tante troppe dello scorso campionato giocate male. Poi ognuno la vede come vuole, come deve essere, ma niente di questo deve sorprendere. Almeno non me. Se ho antipatia per Montella allenatore, è per queste attitudini che ha radicato nei giocatori che si passerebbero la palla anche su rigore, come dice bene Buran, una lobotomia collettiva! Poi si va a dare occhiate a come giocano le altre, come se questo debba consolarci. Per favore, restiamo nelle mura domestiche che è meglio. E poi tanti se...tanti ma...Speravo di sbagliarmi, io avrei dato il benservito a Montella a giugno, medaglina e grazie di cuore, e c'è ancora molto tempo per farmi ricredere, ma l'onda continua ed oggi sono ancora a sommare un'altra prestazione mediocre di un allenatore mediocre e testone.

    RispondiElimina
  5. È da un anno che lo diciamo, ma i che ci sta a fare un tecnico?
    Se devono giocare così, basta dargli il pallone e via...

    RispondiElimina
  6. Ho aggiornato l'editoriale dopo il check-out. Bona buhi!!!

    RispondiElimina
  7. Grandi atmosfere Effe, grazie.

    RispondiElimina
  8. Già Foco... ma chi ci deve pensare a risolvere queste beghe, noi?


    Come scrivo da quando son tornato, le attenuanti per Montella (per quanto mi riguarda) si sono esaurite con la seconda stagione. Basta con gli infortuni, basta con le assenze, basta con le scuse.

    Non può più essere un caso se da 8 mesi (OTTO) il Franchi sembra diventato il Camp Nou per l'Albacete di turno, ma a parti invertite. Vedi questa squadra ed hai la sensazione che segnare una rete sia un'impresa titanica. Si parla di occasioni ma escludendo i due pali (e a chi rammenta la sfortuna ricordo i pali che invece ci hanno dato una bella mano non più tardi di 4 giorni fa) non si ricordano miraoli di Consigli o affanni divensivi emiliani.

    E badate bene che le barricate le fanno tutti anche a Roma, Torino e Milano, solo che gli altri, bene o male, la buttano dentro, prima o dopo.

    Non ho voglia di fare disamine tecniche, a che servirebbe? Io vedo una squadra a cui mancano ancora le palle (ed era quello il quid che chiedevo a inizio anno a Montellino), si va a due all'ora e non è di sicuro un problema di condizione, manca la famosa garra e a questo punto non vedo medicine, spero di sbagliare, sarà che oggi piove e vedo più nero di quel che è ...

    RispondiElimina
  9. Perchè individualmente non mi sento di dire che ha giocato male nessuno (a parte Cuadrado che è ben aldisotto dei suoi standard anche se ieri dice che giocavano il 4-3-3!). E' che ben raramente ci si muove senza palla e in velocità sì che, quando succede, sembra più un caso che un qualcosa di studiato. Ci affossiamo in area senza avere il rapinatore d'area nè l'uomo abile in acrobazia o vispo nelle mischie, Babacar è bravo e si muove bene, ma è adatto, lui, come, più ancora, Gomez, ad altro tipo di gioco. Si crossa per lo più male telefonando pallonate per le capocce dei difensori che con noi sembran tutti fenomeni. Si tiene 70% di possesso palla, ma è un possesso per lo più sterile, di cicisbei cui piace passarsela. Si fa 0-0 perchè, e meno male, si riesce almeno a non subire, ma se ci facessero un goal si perde anche, perchè noi un si rifa nemmen pe' Pasqua. Si è avuto anche il solito sculo, due pali, clamorosi, a portiere battuto, è vero, ma se si fosse vinto 1-0 con due tiri in porta in novanta minuti di possesso palla, i discorsi per me sarebbero stati gli stessi. Di diverso i tre punti, anche meritati in fondo, ma il gioco ed i suoi difetti son quelli e non vedo miglioramenti.

    RispondiElimina
  10. Eh, Jordan, i pali li ha presi anche l'Atalanta. La ruota gira...

    Eppoi, forse, è anche l'ora di affrontare il discorso attaccante. CI si arrampica (tutti, me compreso) sugli specchi andando a spulciare le caratteristiche che dovrebbe avere quello da mettere la davanti. Qui, dall'11 gennaio scorso, il giorno della nostra tragedia sportiva, l'infortunio di Pepito, chi ci metti ci metti, lassù, fa la figura del pippone. Dico, sarà un caso o forse, dopo quasi un anno, bisognerebbe provare almeno a porsi delle domande? E non mi riferisco certo a noi che si scrive du cazzate qui da Gianni...

    RispondiElimina
  11. Lo so e domenica dissi a chi diceva che si era avuto culo che anche con quello mica si era in pari. Ci è andata bene a Bergamo e male in casa con Genoa e Sassuolo, (e nemmeno benissimo a Roma alla fine) ma il discorso è un altro e prescinde da Eupalla.
    Quanto al centravanti l'ho appena scritto che facciamo un gioco per il quale i centravanti che abbiamo c'entran poco, soprattutto quello che si è pagato un sacco di quattrini. C'entrava Pepito invece, uno col fondo della rete nel DNA, rapido, bravo nell'1-2 e vispo. Se si seguita così si rovina anche Babacar che invece a me piace un sacco, ma è centravanti di manovra anche lui, da ampi spazi, non da aree affollate come la metropolitana di Tokyo alle 7 di mattina.

    RispondiElimina
  12. Pian pianino la teoria secondo la quale il primo anno montelliano fu tanto sbalorditivo, quanto frutto di diverse fortunatissime componenti, prende campo anche nei più scettici. La teoria l'ho fatta mia da tempo. Lo scorso anno si giocava allo stesso modo di adesso, solo con Rossi in più che oscurava e in parte ha ovviato alla mancanza di organizzazione e schemi. Se fosse stato in campo ieri, probabilmente una palla sarebbe entrata, ma i problemi sarebbero stati gli stessi. Come da sempre, i giocatori sono e saranno gli unici primi attori, in campo vanno loro, si rendono conto se quello che gli viene richiesto porta i risultati di manovra e se ci credono, l'entusiasmo cresce e tutto scivola facilmente, vedi primo anno, vedi la Roma.
    Se succede il contrario, scatta nella testa una reazione sconsolata, non ci credono più e si chiedono cosa cazzo stiamo facendo? Spero vivamente di sbagliarmi, ma l'espressioni nella faccia di Gomez (che non voglio assolvere in toto) mi dicono questo. Mi auguro che questo scenario sia lontano, ma qualcosa di non buono c'è.

    RispondiElimina
  13. La penso uguale, il Baba piace moltissimo anche a me. Vediamo se tra lui ed il suo staff (saranno una decina, o icchè ci stanno a fare, sennò...) trovino un rimedio, ormai che basta metterne dieci davanti al portiere per tornare a casa con il risultato l'han capito anche i sassi...

    RispondiElimina
  14. Io invece dopo i nuovi infortuni di Gomez e Vargas ho deciso di fare un passo indietro nelle critiche, dopo aver affermato per nove mesi che non capivo certi incaponimenti di Montella su alcuni giocatori fuori ruolo. Mi sembra che ora si stia esagerando e che la frustrazione porti per forza a cercare capri espiatotori, qualcuno a diventare completamente matto e chiedere l'inserimento nel secondo tempo di punte che manco ci sono. State accusando di mancanza di schemi offensivi uno che al primo anno aspettava Berbatov che non arrivò, e dopo le ovvie difficoltà iniziali (le stesse di oggi, solo che i calci piazzati ci risolsero parte dei problemi) riuscì a creare un meccanismo prolifico con Jovetic (che tanti di voi non ritenevano nemmeno una punta) e Ljajic (che tanti di voi non ritenevano nemmeno un giocatore di calcio). Per il secondo anno pensa una squadra con due vere punte, una gli si rompe subito, l'altra a gennaio, e viene accusato di non vedere tre giovani che quest'anno non si stanno facendo valere neanche in squadrette di Serie B. Veniva accusato (in questo anche da me) di regalare un uomo schierando Pasqual, che ieri non ha visto il campo nonostante l'assenza di Vargas. Al terzo anno viene accusato di mancare di schemi offensivi (ma non devono partecioare anche le punte? Ma quali punte abbiamo?), quando ha cercato di costruire una manovra che porti al tiro mezzepunte e centrocampisti per compensare l'assenza di chi i gol sa farli davvero. Sì, una punta c'era (vabbè, Baba): volete un gioco cucito tutto attorno ai cross per lui? E contemporaneamente non volete la monosoluzione? No, non riesco a seguirvi più, sarà che mi girano ancorai coglioni per tutte le occasioni fallite

    RispondiElimina
  15. Pensavo che quello della reception fosse il laziale Nanni o il portoghese Nani...con Eloy del Genoa. Il Genoa con sponsor Elah....Eloy-Elah.

    RispondiElimina
  16. Vita, aspetta, non facciamo un minestrone. Io posso parlare per me stesso e dirti che:
    A non ho mai ritenuto gente pronta i vari Wolsky, Vecino; Bakic & co. infatti mi scappava da ridere nel leggere chi lo scorso anno accusava il tecnico di stagione deludente considerando (allora sì) le assenze di Gomez e Rossi (soprattutto).

    Sul primo anno concordo con quanto hai scritto, alle diatribe su Jojo e Liajic non ho mai partecipato, anzi ho riconosciuto più volte di aver bollato come ciuco troppo presto il secondo.


    Ma adesso, permettimi, le cose sono un attimo diverse. Al posto dei giovani sono stati presi sostituti come Badelj, Kurtic, Basanta, Richards. Cuadrado, per un motivo o l'altro c'è ancora.


    Io chiedo più rabbia agonistica, più velocità e un cambio di sistema offensivo visto e considerato (siamo d'accordo, almeno su questo) che con questo si va maluccio.

    RispondiElimina
  17. Grazie VITA, sempre animale a sangue freddo. Razionale come sempre. Condivido il tuo post. (Credo di essere rimasto l'ultimo avvocato di Montella, anche Taormina s'é tirato indietro. Attenuanti generiche tante, concorso di colpa si ma l'arma del delitto chi la possiede? Dov'é? In Colorado? A Livorno? A Monaco di Baviera?.....Pensateci, rileggendo VITA).

    RispondiElimina
  18. Il problema di ieri della gara col Genoa è la mancanza del gol. Richards e Basanta invece sono due difensori, Badelj un regista e Kurtic in interno che quattro giorni fa ha segnato. Senza punte possiamo confidare SOLO (non "anche", ma sottolineo: SOLO) sui gol di gente come lui: ma vi sembra cosa da nulla la squadra menomata? Pensa che io ad agosto chiedevo una punta prima che altri difensori

    RispondiElimina
  19. Vita, da quando si è rotto Rossi, io ho visto davanti: Cuadrado, Matri (doppietta ieri sera), Gomez, Ilicic, Babacar. Tutti hanno fatto maluccio. Non si tratta di crocifiggere nessuno, ma anche continuare a trovare attenuanti, prendere tempo (mentre gli altri fanno punti), scaricare il ballino sui mancati arrivi o sulle lacune della rosa non mi pare obiettivo. Tutto qui.

    RispondiElimina
  20. Sapete perché ho deciso di guardare le partite in streaming? Così almeno do la colpa a quello per la lentezza del gioco. E' bello poi pensare che si sia fermato il frame quando JGC40MilioniVirtuali si blocca davanti all'avversario per interminabili secondi...

    RispondiElimina
  21. Ieri ho avuto l'impressione che, nonostante le palle da gol create, non avremmo segnato MAI nemmeno se la partita fosse durata quattro ore. Non so se è colpa di Montella o dei giocatori, fatto sta che ognuno vuole il pallone sui piedi e nessuno si smarca inserendosi in avanti (i famosi movimenti senza palla), che sia sulla fascia o che sia in mezzo all'area. Anzi, ho notato che l'unico che talvolta si inserisce sulla fascia è il buon Tomovic, il quale però poi non sa crossare. La verità è che siamo troppo lenti, come manovra e come caratteristica dei giocatori. I movimenti senza palla sono sfiancanti, perché devi buttarti nello spazio in avanti e, su dieci movimenti (leggi: scatti) che fai, nove sono inutili e solo una volta ti arriva la palla, ma quella volta che ti arriva si crea il pericolo, ma sono loro l'essenza del calcio moderno. Altrimenti, contro difese così chiuse, l'unica è mettersi a tirare da fuori, ma sembra che (a parte Kurtic, che anche ieri ci ha provato) non facciamo neppure questo.

    Il bello è che a nessuno dei nostri ieri darei l'insufficienza, nessuno ha giocato male: a parte Neto cui non si può dare un voto e Aquilani, nettamente il migliore in campo, gli altri si attestano tutti sul 6 in pagella. La differenza è che, se da Tomovic od Alonso o anche Kurtic non è che ci si aspetti di più, da gente tipo Cuadrado o Ilicic (per quel poco che ha giocato) ci si aspetta di più di una partita senza errori ma anche senza acuti.

    RispondiElimina
  22. Tutto quello che volete, ma se anche lo stesso Montella ammette che ci giriamo troppo intorno, evidentemente un problema c'è. Ieri quello che è andato più volte al tiro è Borja, cosa che per una squadra in pressione continua per novanta minuti, denuncia una falla di sistema che esclude gli attaccanti. Anche con attaccanti ragazzini, se hai i tempi giusti, li metti in condizione di poter concludere.
    Anche ieri Joaquin e Cuadrado, hanno sempre cercato la penetrazione palla al piede, sempre partendo da quella porzione di campo che va dalla lunetta all'area piccola della fascia di competenza. Una forzatura che obbliga il resto della squadra ad aspettare, da fermo, l'esito dell'azione individuale e lascia il centravanti immobile in mezzo ai difensori. È lì che ci blocchiamo, perché se si viene ostacolati con successo, si è costretti a ricominciare l'azione da fermi e a difesa schierata. Se poi i terzini rimangono timidamente sulla trequarti, diventiamo ancora più prevedibili. E questo succede a prescindere da chi sia il centravanti.

    RispondiElimina
  23. Che scarico il ballino sono delle parole, un fatto invece è che dei 5 che hai nominato, Gomez non l'hai praticamente mai avuto, Ilicic e Matri hanno deluso, Baba c'è da ora, Cuadrado non nsce punta, è stato adattato più avanti dopo gli infortuni delle punte vere, e siccome qualche gol l'ha fatto, e siccome gli attaccanti non utilizzati l'anno scorso (Rebic il nuovo Batistuta, Wolski il nuovo Boniek, Matos il nuovo se stesso, i tre giovani a cui facevo riferimento erano questi, che l'anno scorso costituivano per tanti ragioni di attacco a Montella) mi pare che in squadre di/da seconda seconda divisione abbiano ancora meno spazio di quello che dava loro Montella, faccio fatica a capire la ricerca pee forza di un capro espiatorio.

    RispondiElimina
  24. ma infatti dare la colpa al centravanti non ha gran senso: Babacar ha giocato nettamente meglio di Gomez, ma non l'ha buttata dentro. Il punto è che gli schemi c'erano: vi ricordate il gol di Pasqual al ritorno di coppa con l'Udinese? Eppure ieri sembrava non ci fossero, tanto che a un certo punto ci si è trovati a fare un contropiede con Cuadrado che lancia e Valero che corre, con risultati immaginabili: lancio impreciso e corsa insufficiente. Se ognuno fosse stato al suo posto, sarebbe stato gol al 90%.
    Poi non sottovaluto la sfiga: a parte i due pali, sarebbe bastato mezzo rimpallo favorevole, un sassuolino che si toglie per un secondo dalla scarpa, e avremmo sbloccato la partita. Il punto è che vorrei una squadra che sa sbloccare anche le partite bloccate.

    RispondiElimina
  25. Occorreva, col Sassuolo, giocare meno di...suola e più sassate? A Sassomarconi una sessione col Sassuolo sarebbe stata innaffiata con Sassicaia?

    RispondiElimina
  26. Mah, io ho visto Tomovic e Alonso che si inserivano sulla fascia, solo che poi o crossavano male o la ripassavano indietro. Io non darei la colpa a loro.

    RispondiElimina
  27. L'asfisssia corale dello sviluppo del gioco, non è assolutamente dovuta all'affrontare squadrette che si chiudono. Chi si ricorda gli osceni spettacoli contro Lazio, Inter, Milan in casa, ricorderà pure che non si tirava in porta perché non esiste soluzione veloce che porta a questo. Tutte le speranze erano e sono riposte nell'azione individuale di Rossi e Cuadrado. Possiamo stare mesi a discutere, ma questa è la realtà. Non mi preoccupano due pareggi in casa, che ci stanno (come non mi parve preoccupante la sconfitta col Pescara, dove si crearono occasioni vere) mi preoccupa, e molto, l'inerzia di Montella, una linea piatta da troppi mesi dove non salta fuori nulla di alternativo in campo e che porta sempre al piangersi addosso e trovare scusanti. Purtroppo c'è ancora chi pensa che per superare Genoa e Sassuolo ci sia bisogno di Vidal o Gervinho. Diamo la nostra rosa a Garcia, anche senza le punte titolari e vedrai come questi si stirano ben bene. Diamo la Roma a Montella, e vedi come rallentano. Dico Garcia per dire uno bravo davvero, non un presunto.

    RispondiElimina
  28. Anto, io contesto loro i tempi dell'inserimento e la convinzione. Tu, terzino, non devi partire perché vedi che gli altri sono bloccati, devi buttarti a prescindere, come da schema.

    RispondiElimina
  29. Sopra, qui in tanti vedono la Fiorentina dell'anno scorso, io invece la squadra la vedo quella dell'andata di due anni fa, che giocava giocava ma non segnava salvo qualche rara azione personale di Jovetic o qualche deviazione di Toni, per il resto segnammo una caterva di gol da calcio piazzato. In tanti tifosi invece ci vedo quelli di 4 anni fa, quando difendevo quasi da solo Miha dal tormentone "non ha dato uno straccio di gioco", quando a centrocampo non aveva nessuno (D'Ago arrivato mezzo rotto, Lazzari a pernici, Montolivo inetto, Behrami ancora non arrivato), Jovetic fuori col crociato, Mutu squalificato per le pastiglie di Nonna Kakera, Vargas a fare da navigatore di rally urbano al cugino briaco, Ljajic beccato ancor prima che toccasse palla, Cerci fischiato ancor prima che toccasse palla, Gamberini ex giocatore, Gulan mai giocatore. Le uniche certezze? I portieri, Natali (t'immagini te?), il pluririciclato Santana, Donadel (che dire? ke dire? Khedira?), Pasqual riesumato dall'oblio, Camporese esordiente 18enne, De Silvestri che ha un piede un Arno e un piede in Bisenzio, Gelatino eremita in attesa di un crossetto da spizzare. Eravamo salvi già a febbraio, si chiuse a 51 punti, si beccavano pochi gol, ma tutti ce l'avevano con Miha per lo "straccio di gioco". Si vive di tormentoni, oggi c'è quello degli schemi offensivi. Quando giocavo io si provavano con la gentile presenza degli attaccanti, quando ci mancavano non la buttava dentro nessuno, eppure una testimonianza così pare diventata fantascienza. Ma la Roma e la Juve ce l'hanno qualche punta o vincono col solo Babacar?

    RispondiElimina
  30. Infatti, LELE, il problema é sempre e solo Montella, che attualmente ha la squadra a tre punti dal terzo posto (obiettivo vero, non dimentichiamolo) e scontro diretto, a breve, in casa. O guardiamo tutto o guardiamo nulla.
    Forse il passo di Roma e Juve condiziona ancor più la tifoseria viola ma siamo nel gruppone, ancora.
    A me non sembra neanche che Garcia, ad esempio, abbia migliorato Liajic. A Garcia hanno comperato calciatori integri, pronti, ottimi.

    RispondiElimina
  31. Ma guarda che Tomovic si butta, eh, solo che poi non sa che cazzo fare della palla. A quel punto, l'ho detto più volte, se dobbiamo giocare con la difesa a 4, bisogna prendere un terzino che sappia crossare e non usare sempre un centrale adattato a terzino.

    RispondiElimina
  32. Un'altro mistero, per me, a parte l'acquisto di terzini-non terzini nonostante spesso si giochi a 4 dietro, è la presenza di tante mezzepunte. Ora, io spero che Marin sia presto disponibile e che torni quello di qualche anno fa, ma non avrebbe avuto più senso prendere una punta vera? Un Pinilla o similari, intendo.

    RispondiElimina
  33. Avete tutti un po' ragione. Escludendo il sottoscritto, che ha torto a prescindere, leggo ottime analisi tattiche. Nonostante questo, ho faccia tosta di scrivere sulle vostre argomentazioni, mettendoci pure un po' del mio.
    Riassumendo:
    a) La viola usa il passaggio laterale per mettere in crisi la fase difensiva degli avversari: il tiqui taca, o meglio, i passaggi in orizzontale da una fascia all'altra del campo, dovrebbero indurre errori alle "scalate" avversarie ed i nostri dovrebbero approfittarne per infilarsi nei buchi.. Nel nostro caso, però la palla gira troppo lentamente: così nessuno sbaglia, tra i nemici. La palla viaggia piano sia perché la testa di alcuni non è più quella di due anni fa, sia perché altri sono troppo lenti, nel passaggio. Uno tra i più lenti è, per assurdo, il veloce Cuadrado. Quando il gioco passa tra i suoi piedi, scorrono invariabilmente secondi preziosi che permettono alla difesa avversaria di sistemarsi. Ergo, o salta un paio di uomini seduta stante (uno non basta, mai), creando così la superiorità numerica, oppure è finita. E spesso è finita, perché o perde palla, o prende calcioni. Problema. Soluzione: facciamolo giocare dove gli avversari i calcioni non possono darli e dove il suo tener palla non è un problema. In area di rigore, il più possibile, partendo da poco al di fuori. Male che vada prendiamo punizioni dal limite.
    b) La viola ha evidenti problemi di finalizzazione. Il motivo principale è l'assenza di "killer Beppino". Lui, una delle due palle finite sul palo l'avrebbe buttata dentro. E adesso saremmo, insensatamente, almeno per me, a fare altri discorsi. Altri problemi possono essere ricondotti alla gestione tecnica. E' evidente che spesso arriva sotto porta, per meriti suoi, chi ha il tiro dello zero a zero, per demeriti suoi. Problema. Soluzione: si prende il soggetto (o i soggetti) e si costringe a migliorare, in fase di finalizzazione. Ci sono allenamenti appositi (in fin dei conti se ci è riuscito Ljajic, non vedo perché non lo debbano fare anche Borja e Cuadrado).
    c) Alcune accortezze, forse, sarebbero sufficienti a migliorare da subito. Mi spiegate perché una squadra che ha problemi di realizzazione non schiera inizialmente neanche uno, e ci sono, che sia in grado di battere a modo una punizione o che sia capace di tirare da lontano? Mi spiegate perché (sta male?) non schiera l'unico in grado di inventare qualcosa, a centrocampo? In casa, secondo me, Pizarro è essenziale, mentre in trasferta se ne può fare a meno. Mi spiegate perché si continuano a fare traversoni da tre quarti, con la difesa schierata, quando sarebbero forse più utili scambi stretti, anche partendo dalle fasce? Mi spiegate perché nessuno entra, palla al piede in area di rigore? Dribbling a centrocampo invece, si sprecano. Problema. Soluzione: certe cose le deve insegnare l'allenatore, sia relativamente ai fondamentali (il tiro è essenziale, così come il colpo di testa), sia riguardo alla gestione tattica (tiro da lontano, dribbling in area, velocità di passaggio).
    Va bene, basta, vi ho copiato abbastanza.

    RispondiElimina
  34. PS: ebbene sì, Cuadrado punta. Ma non andate a dirlo a nessuno.

    RispondiElimina
  35. Sì, ci voleva uno così, se non due

    RispondiElimina
  36. Bisogna tornare a scuola calcio, credo.
    Situazione strana: attacco senza pallottole, difesa che sembra impermeabile. Ribaltate le parti, grazie a centrocampo più attento.
    C'è di peggio: Jason ha lasciato i Take That.
    Attendo il penultimo degli stronzi che invochi El Hamdaoui.

    RispondiElimina
  37. Anche quello di invertire le rose di Montella e Garcia mi pare un discorso che lascia il tempo che trova, almeno fino a quando la nostra non sarà forte quanto la loro. Chi vince sempre non è che chiuda sempre i primi tempi sul 3-0, spesso si sfiancano sul pari fino alla fine e poi ti superano sul finire con i cambi: non sarà favorito chi ha la panchina più forte (nei giocatori, più che negli allenatori)? Questi si permettono di tenere Pjanic in panchina non so quante volte, ma volete metterlo col Matirabona? Ieri esce Totti all'80', entra Destro, al 90'vincono. Noi ne avevamo punte da far subentrare? Bernardeschi? Sicuramente meno punta di Destro, ma a parte ciò, poniamo sia punta anche lui: non dà più certezze un Destro? Ne dà di più un Berna (o Rebic, o Wolski, o Matos)? E perchè? Perchè Berna ha segnato di più o solo perchè siete liberi di dire quello che vi pare e piace? E poi, prima di chiedere cosa farebbe Garcia con la nostra rosa, perchè non gli chiedete se scambierebbe la sua rosa con la nostra?

    RispondiElimina
  38. Sopra, il Sassuolo ieri ha praticamente rinunciato ad attaccare, non scherziamo, sennò mi viene il dubbio che le partite non le vediate. A Bergamo, non certo a Madrid, senza il paloamico se ne pigliavano almeno un paio...

    RispondiElimina
  39. E giocava senza Zaza&Bern...

    RispondiElimina
  40. Beh, senza il paloamico ne prendevano due anche da noi ieri, eh...


    C'è stato anche il gol che si è mangiato Cuadrado nel finale con ciabattata alle stelle.

    RispondiElimina
  41. Ancora una volta la sintesi la fa il Mondo: ""I viola contro l’Atalanta mi sembravano meno belli e più concreti, ed
    ero contento. Il divertimento viene solo dalla vittoria. Ieri il
    Sassuolo si è coperto molto, doveva dopo i 7 gol presi a San Siro. La
    Fiorentina le sue occasioni le ha avute, in questo momento è
    fondamentale non parlare troppo di Gomez e Rossi. Babacar e Bernardeschi
    devono sentire fiducia, senso di responsabilità, e non devono ritenersi
    solo delle alternative".
    A proposito, ma qualcuno ha idea del perché un allenatore lombardo, che non ha mai giocato per la viola e l'ha allenata solo un anno in B, con tanto di esonero appena arrivato in A, tifi per la Fiorentina?

    RispondiElimina
  42. Non so voi, ma io della trista partita di ieri salverei la cosa più bella che ho visto: lancio di Aquilani da 60 metri sul piede di Borja sulla fascia sinistra e stop fantastico di Borja stesso.
    Poi l'azione è sfumata perché nessuno si è inserito o è andato ad aiutare lo spagnolo (vedi sotto), ma quel lancio e quello stop sono stati stupendi.

    RispondiElimina
  43. Certo Anto, ma se dopo 4 giornate sei ad un solo gol fatto, su un tiro bello quanto casuale, per come la vedo io, c'è più di qualche problema...

    RispondiElimina
  44. Mondonico è tifoso della Fiorentina fin da bambino, quando c'era lo squadrone di Julinho e Montuori.

    RispondiElimina
  45. Questo è sicuro, e l'ho scritto sotto

    RispondiElimina
  46. Non attaccare non è nello stile del Sassuolo, che ne piglia 8 più volentieri che rinunciare ad attaccare. Forse qualcuno gli ha impedito di tenere palla per via di un possesso totale della sfera e della sua trequarti, forse pensavano di fregarci in ripartenza ma con Kurtic al posto di Pizarro la mediana è più elastica quando si tratta di tornare in pressing.

    RispondiElimina
  47. credo anche che senza Berardi e Zaza, anche volendo attaccarci, non avrebbero proprio potuto. Impensierirci con Sansone, Floccari e Floro Flores mi sembra difficile...

    RispondiElimina
  48. Vita, io ti voglio bene, ma l'hai visto chi ci giocava a centrocampo, ieri sera, nel Sassuolo? E davanti mancavano i due attaccanti titolari... se mi devo vantare di non aver fatto tirare in porta questi, a Firenze, mi sa che ho sbagliato squadra...

    RispondiElimina
  49. sempre ottimo Valto, a proposito, visto Antei?

    RispondiElimina
  50. sì l'ho scritto sotto, il loro gioco normalmente si basa su velocità e tecnica di due grandi attaccanti sugli esterni, senza quei due il loro catenaccio non aveva alcuna possibilità di diventare contropiede. Sinceramente tutto si può dire della difesa della Fiorentina, ma non che la possano impensierire Floccari, Sansone e Floro Flores.

    RispondiElimina
  51. sinceramente mi ha impressionato di più Vrsaljko, che già l'anno scorso mi era piaciuto molto al Genoa e che davvero speravo prendessimo. Diversamente dal solito, dato lo schieramento tattico, è rimasto in fisso in copertura, ma lì è stato davvero bravo a bloccare sistematicamente Alonso, costringendo sia lui sia Berna a stupidi falli in attacco. Inoltre quando Cuadrado era sulla sinistra l'ha praticamente annullato, mentre sulla destra ha trovato un po' più di spazio. Davvero un bel giocatore, che mi dispiacerà molto vedere in bianconero l'anno prossimo.
    Di Antei ho notato solo un buon senso della posizione nel non lasciarsi mai scappare Baba sui cross, ho intravisto buone potenzialità in copertura, anche se davvero l'ho visto poco, dato che la palla in mezzo all'area ci è arrivata molto raramente...

    RispondiElimina
  52. lo so chi avevano a centrocampo, lo so che fanno cahare, non ho detto che non lasciarl loro palla era impresa ardua, ho detto solo che per me non hanno attaccato più per costrizione indotta dal nostro gioco che per loro scelta

    RispondiElimina
  53. Le analisi fatte sino ad ora sono tutte condivisibili,anche se molto diverse tra loro.Probabilmente perché qualcuno tende a vedere il bicchiere mezzo vuoto,altri mezzo pieno;il bicchiere è quello,si tratta di punti di vista.Personalmente(anche se non conta un cazzo) sono vicino a Vita e Sopra(che saluto cordialmente).Di certo Lele ha messo in evidenza dei limiti che sono oggettivi(anche se,sempre dal mio punto di vista,vede troppo nero).Alla fine,concetto che ripeto Luddemente,nel 95% dei casi sono gli episodi a determinare i risultati.Compreso il 7-0 dell'Inter sul Sassuolo(estremizzando e provocatoriamente parlando).Se entrava la palla di Cuadrado,magari finiva 4-0,chissà.Alcuni episodi sono cercati e trovati(quindi per bravura)e mi riferisco ai calci piazzati;il primo anno,con Vio,noi sbloccammo e facemmo risultato tante volte segnando su calcio piazzato(punizione,angoli).Determinando il risultato e di conseguenza dando sostanzialmente giudizio positivo(in funzione anche dei punti raggiunti).Altri episodi sono invece frutto di circostanze fortunose o di sviste arbitrali.La stessa Roma(che per inciso gioca meglio di noi ed ha una rosa migliore e meglio assortita) ha 12 punti.2 li ha presi a Empoli giocando malissimo,ma segnando su autogol del portiere;contro di noi è stata baciata dalla fortuna,non per il gioco espresso(meritava,soprattutto per i primi 60 minuti),ma per il palo clamoroso e per i due gol sbagliati.Sempre per bravura,ma pur sempre per episodi non derivanti dal gioco spumeggiante che molti vorrebbero vedere,ieri l'Inter ha vinto con due calci piazzati;la Juve ha sbloccato con un rigore(tra l'altro uno dei più ingiusti degli ultimi anni),il Napoli ha sbloccato su angolo,la stessa Roma ha vinto su calcio piazzato al 90esimo.Vero Lele,con i se e con i ma non si va da nessuna parte(condivido),ma nonostante tutto,con un pizzico di fortuna in più avremmo qualche punto a nostro vantaggio(compensando cmq i 3 punti di Bergamo,ove la fortuna ci è stata amica).Perché dico questo?Perché in definitiva sono ottenebrato dall'ottimismo,ed in situazioni difficili cerco(non so quanto inconsapevolmente) l'aspetto positivo.In fin dei conti stiamo parlando di centimetri,e noi uomini sappiamo bene quanto siano importanti...o no?!

    RispondiElimina
  54. il Sassuolo ne prende 7 sempre e solo con l'Inter, lasciamo proprio perdere queste goleade politiche vomitevoli, per favore...

    RispondiElimina
  55. Ahahahaha!! Pollock, ma tu m'hai fatto sbollire d'un colpo la rabbia di ieri sera colla tua esilarante, alle lacrime, disavventura. Anzi, scusa se rido, ma é troppo bello l'hotelreginatuttoattaccato. Vale un Paolo Rumiz d'annata

    RispondiElimina
  56. condivido DKNE1, il punto è capire perché gli episodi quest'anno ci sono
    sistematicamente sfavorevoli. Il nostro gioco non è cambiato, e tutto
    sommato, a parte la scarsa brillantezza di alcuni (Valero però è in
    crescita, e meno male), non ho critiche pesanti da fare al gioco.
    Il problema, però, è che gli episodi gli anni scorsi ci davano ragione a
    causa di fattori chiamati Stefan Jovetic, Adem Ljajic, Luca Toni e
    Giuseppe Rossi. Se quel numero ieri sera l'avesse fatto Rossi al posto
    di Valero, sarebbe entrata al 100%. Purtroppo, come ho scritto di là,
    fare il Barcellona quando manca il nostro Messi è davvero difficile. E
    proprio perché non ho critiche particolari da fare al nostro gioco, e
    quindi non vedo margini di miglioramento enormi, credo che Montella si
    dovrebbe inventare qualcosa di diverso, almeno finché non torna Pepito.
    Credo che davvero la soluzione ai nostri problemi, al momento, stia
    nella crescita di forma di alcuni singoli (Valero e Cuadrado) e nella
    creatività dell'allenatore, che spero non ci deluderà.

    RispondiElimina
  57. Vabbè via, prima di andare a pranzo, alleggeriamo un po la discussion...


    Martedì sera, Castellani di Empoli...


    Uscita dello stadio, il mì fratello (tifoso BIlanista) commenta la partita con i compagni di fede e dice: "Ma che si gira dietro con Zapata"...


    Viene affiancato da una testa lucida che ascolta e sghignazza...


    A quel punto il mì fratello lo riconosce e gli fa: "Oh, grande Mister, prossima panchina?"


    Lui lo guarda, continua a sghignazzare e gli risponde "Mi sa che di Zapata, se t'alleni, sei meglio anche te..."





    p.s. per chi non l'ha capito, era Luciano Spalletti...

    RispondiElimina
  58. LOUIS, a Firenze senza paloamico il Sassuolo ne beccava due. Un ineffabile, geometrico, lucido VITALOGY ha spiegato, ed io amplio, che il nuovo modulo asfittico, grazie a Kurtic, permette al centrocampo di avere sempre superiorità numerica (e di palleggio, trademark!) ma soprattutto di rintuzzare meglio, coprire meglio. Kurtic si sta rivelando un chirurgo con capacità anche infermieristiche. Poi che ci sia qualcosa non va è lampante, chiariamoci, nella locomotiva viola.

    RispondiElimina
  59. SOPRA, sul resto sono d'accordo, ma Kurtic ieri sera non mi è proprio piaciuto. Grinta, palloni rubati, ma appoggi sistematicamente sbagliati, con 4 o 5 palle regalate agli avversari. Non drammatizzo, perché credo gli ci voglia semplicemente tempo per assimilare il palleggio della maquina (nel finale di partita già si orientava meglio), però ancora per me non ci siamo con lui.

    RispondiElimina
  60. Certo che quando troviamo squadre così chiuse,in 11 schierati in 25 metri a partite dalla linea della porta è difficile.Senza Rossi e Gomez(in forma) diventa un'impresa segnare.Però(ed in questo concordo con Lele e Deyna) l'allenatore è pagato per questo.E messe da parte sfortuna e centimetri,mi aspetto che vengano trovate delle soluzioni efficaci.Perchè di squadre che giocheranno come il Sassuolo ed il Genoa ne verranno a Firenze.E non possiamo permetterci di pareggiare o perdere sempre e cmq.E nemmeno sperare che la fortuna giri.Io non lo so,ma spero che lo sappia l'allenatore,altrimenti son cazzi quest'anno

    RispondiElimina
  61. DKNE1, che ringrazio per l'intervento e saluto con piacere, condensa un po' tutto, con tutti che condividono tutto, restando però ognuno sulle sue posizioni.
    Il problema, LELE, non é tanto se fai il test di Rorschach e ci vedi Montella, bensì se guardi Montella e ci vedi il test di Rorschach...ah ah ah ah ah ah ah ah ah......oramai........ci affidiamo agli psicoterapeuti per capire Montella...ah ah ah ah ah ah ah....JINGLEEEEEEEEE, guardone a guardia di Certaldo........tu cosa vedi nel test di Rorschach, Spalletti! Ah ah ah ah ah...ah ah ah ah..

    RispondiElimina
  62. comunque avevate ragione sul fatto che per LUD sparare corbellerie è una strategia per riempire il blog di gente che lo infama e far crescere i numeri: oggi ha scritto cose di buon senso e ovviamente nessuno lo considera e i suoi numeri languono...

    RispondiElimina
  63. Sopra, la superiorità ce l'avevi anche lo scorso anno, perchè con 3 centrali (i tre tenori o chi per loro) più almeno uno dei due esterni che si aggiunge alla bisogna (se non tutti e due) è difficile andare in inferiorità (è matematico). Ma è un palleggio lento, non ce n'è uno dei 3+2 che si butti, che chieda un unodue e vada dentro. Ci ammassiamo al limite dell'area, scarico sull'esterno che si blocca perchè gli altri hanno capito che quello da raddoppiare è Cuad, sia che giochi a destra o a sinistra e allora l'esterno che fa? Guardate bene le partite. Sfruttiamo molto più spesso la destra; la palla finisce a Tomovic che davanti a Cuadrado che arretra per sottrarsi alle marcature portandogli vicino due avversari. Risultato, il serbo è costretto al passaggio laterale sull'interno (spesso Aquila) o addirittura dietro su Gonzalo. Giropalla e dall'altra parte succede la stessa cosa. E così all'infinito con passaggi laterali dal 1° al 90°.

    RispondiElimina
  64. Era molto bella anche l'azione che ha portato al palo di Borja: verticalizzazione di Cuadrado, sponda intelligente di Babacar, entra Valero che controlla deliziosamente in corsa e sempre con la palla incollata coglie in controtempo il portiere. Peccato.

    RispondiElimina
  65. Era per dire, SOPRA, che per stirare il Sciasciuolo, non servono grandi stelle, bastano quelli di ieri con un filo di logica messi in campo, con un'idea tattica diversa dalla strucinapallepossessopallamontelliano. E forse con Garcia ho sparato troppo alto, é un livello che Monty non puo' arrivare, bastava un Donadoni.

    RispondiElimina
  66. Scusa era VITA.
    DKNE, non vedo troppo nero, vedo come lo scorso anno meno Rossi.

    RispondiElimina
  67. SOPRA, é vero siamo a tre punti dalla terza, come era vero che prima della prima giornata eravamo a pari punti della Juve.

    RispondiElimina
  68. l'unica cosa bella fatta da Cuadrado nell'intera partita

    RispondiElimina
  69. Mutu come sta? Su Instagram posta solo foto di svacco in piscina. Epperò.

    RispondiElimina
  70. Per giocare nel Pune non credo gli ci voglia molto più allenamento. Se vuole tornare in viola neppure, a giudicare dai ritmi, ahahaha

    RispondiElimina
  71. sai facile da stanare, eheh...
    Comunque quello che ci manca in questo momento sarebbe proprio uno come lui, o anche molto meno, basterebbe un Marco Sau o uno Ljajic: una seconda punta tecnica che sappia palleggiare sulla trequarti ma anche saltare l'uomo, scambiare con Baba e metterla in porta. Ieri davvero mi sembrava mancasse quello, se Alonso è quello che ha più il coraggio di tirare in porta...

    RispondiElimina
  72. Siamo fermi al palo e non solo per i due legni colpiti,quello di BorjaV. 9 volte volte su 10 entra dolcemente in porta,ma in qualche modo dovevamo pur scontare quelli a nostro favore in quel di Bergamo,alla Viola storicamente,non viene mai perdonato nulla,non è vittimsmo da provinciali o da perdenti,è semplicemente cronaca.La metafora con cui ho iniziato il post si estende al momento al concetto di squadra che sembra una sorta di continuazione impalpabile dello scorso campionato.Montella(che ho sempre difeso,ma stò terminando i bonus)che pur provando nuove soluzioni,non apporta quella concretezza che dovrebbe portare ad un cambio di tendenza,soprattutto in casa.La società che sembra aver smarrito quell'entusiasmo nato da una camicia sudata esultante di un presidente senza pieni poteri,che da qualche mese lascia trapelare alcune forme di punti oscuri,cominciando dalla fine dello scorso travagliato campionato,passando per il caso Cuadrado con relativo incomprensibile mercato,attraversando la vicenda Rossi e le sue ambiguità,per concludere con gli scambi di battute(filosofie-vedute) allenatore-presidente che lasciano alquanto perplessi oltre che fomentare dubbi ad una piazza facilmente incline alla depressione.Credo che nella comucazione,in generale,la società ACF Fiorentina abbia dei grandi limiti e basterebbe davvero poco per colmare questi difetti,non serve davvero essere quotidianamente davanti ai microfoni,telecamere o quant'altro(tipo lasciare intendere mezze notizie riportate in malo modo da giornalisti(alcuni dei quali lasciamo perdere)vicini o presunti alla società.Ci sarebbe bisogno una figura carismatica che ogni tanto dica come stanno realmente le cose,nel bene o nel male(mia opinione).Per quanto riguarda la Viola vista in campo,sembra che pur tentando di cambiare o personalizzare moduli,questa squadra a mio avviso rimane con lo stesso sistema di gioco,asfissiante possesso palla,logorroico ed orizzontale fino alle aree di rigore avversarie(del Franchi),priva purtroppodi verticalizzazioni nelle vie centrali e dell'elemento,che con la sua velocità,imprevedibilità,giocata,tiro dal limite,assist scardina difese,riesce a velocizzare un meccanismo che lo scorso anno ci ha fatto intravedere una strada da percorrere.In questo momento però questo fenomeno è fermo ai box tra Houston e New York,l'altro suo collega(spero torni presto almeno quello di Stoccarda),spero non si faccia venire l'idea del Dottor stregon Wohlfahrt da Munchen...Ritengo che in certe partite ed in certi momenti del match,allenatore e giocatori dovrebbero essere così bravi da cambiare il modo di stare in campo,ricercando la profondità e la lunghezza,con un Cuadrado ad esempio che invece di esser servito palla al piede converge verso il centro,con un Baba lanciarsi e non sempre tornare indietro a prendersi palla,abbassare il baricentro per avere più campo per attaccare,insomma qualcosa che lasci intravedere segnali che facciano cambiare le indescrivibili performance dello scorso campionato contro lazio,inter,milan alla quale ho assistito senza partecipazione.Montella è il nostro Mister e lo sostengo ancora ottimisticamente,pur dubbioso,ripartiamo per Torino dai Granata facendo cerchio e non affondando in questo iniziale sconforto che si percepisce,altrimenti la strada potrebbe rivelarsi sconnessa.Lucidità e possibilmente cinismo,in attesa del Fenomeno,e la sua integrità si spera.Auf wiedersehen

    RispondiElimina
  73. Amoruso, stavolta ci azzecca, secondo me.

    Lorenzo Amoruso, ex difensore della Fiorentina, ha parlato ai microfoni di Lady Radio del momento della squadra viola: "Mi aspetto qualcosa in più da Montella, troppi cambi di modulo e troppi giocatori impiegati creano confusione. Il tecnico non riesce a trovare la soluzione per sbloccare le partite più difficili. Alla Fiorentina mancano le verticalizzazioni e gli inserimenti, fa molto possesso palla, ma non corre. Sembra una squadra incapace di cambiare modo di giocare".

    RispondiElimina
  74. una notazione: ho sentito ieri in diretta alla radio mentre pedalavo verso casa le parole di ADV, e non c'era davvero polemica. I giornalisti continuavano a insistere chiedendogli di commentare le parole di Montella di ormai 10 giorni fa sul "montarsi la testa", alla ricerca di una polemica tra società e allenatore che però ADV ha dribblato più e più volte. Alla fine ha detto solo "glielo chiederò, cosa intendeva", per liberarsi dalla pressione, ma davvero si è trattata molto più di insistenza dei giornalisti che di volontà di fare polemica da parte di ADV, che come tutti sappiamo non è propriamente uno con una grande abilità oratoria, quindi figuriamoci se si mette a mandare messaggini trasversali...

    RispondiElimina
  75. Lele noto che batti il tasto di Rossi,grazie al quale abbiamo raggiunto tali risultati.Indiscutibilmente vero,sino ad un certo punto però.In quanto non è che abbia giocato per due anni senza saltare partita,nevvero?.L'anno scorso solo il girone di andata.Nonostante questo,siamo arrivati quarti ed abbiamo battuto 2 record:il numero di vittorie esterne ed il numero di giocatori andati a segno(il primo anno).Ma a parte questo non seguo il tuo ragionamento.La Fiorentina ha Rossi(e ce l'ha causa gli infortuni,perché fosse stato sano di certo non sarebbe a Firenze per ovvi motivi);il punto è che ha solo Rossi(in parte Cuadrado e l'altro che avrebbe dovuto essere determinante è fermo ai box da un anno,Gomez).Le altre squadre,di giocatori determinanti come Rossi ne hanno in numero maggiore,magari in altri ruoli.Dilungandomi un po'(perdonatemi):la Juve senza Tevez avrebbe avuto lo stesso rendimento?sino a ieri aveva segnato praticamente solo lui.In ogni caso,tolto Tevez,ha Vidal(difensore,centrocampista attaccante che segna come un centravanti normale),Pogba,Marchisio,Pirlo;e la difesa della nazionale(che all'estero magari fa cacare,ma in italia è bastante per essere sempre la squadra meno battuta in fatto di gol,grazie anche e soprattutto ai centrocampisti universali e COSTOSI che ha in organico).La Roma Strootman,DeRossi(6,5 mln annui,qualcosa vorrà dire..),Naingolan,Totti Jervigno,Destro,ora Iturbe(28 pippoli) e Pjanic(che non a caso l'ha fatta vincere ieri con una punizione splendida).E nel passato,rimanendo alla Fiorentina,non abbiamo raggiunto alcuni risultati per la presenza di grandi giocatori,tolto i quali avremmo fatto la metà?Batistuta(non a caso,quando si fermò abbandonammo il sogno scudetto,e non a caso,l'anno che è andato a Roma hanno vinto lo scudetto),Toni per due anni.E le altre squadre?Sacchi,l'innovatore(vero,non ironico) aveva Maldini e Baresi,i tre olandesi etc etc.Infatti,uscito da quel contesto non è MAI riuscito a fare qualcosa di decente.Mi fermo qua perchè gli esempi sarebbero decine e decine(Messi a Barcellona,CR7 a Madrid).Quindi non capisco questo imputare a Montella l'aver raggiunto tali risultati solo per Rossi.E mi pare normale che senza Rossi e Gomez si faccia più fatica,si sia meno belli e si facciano meno punti.Altrimenti,se così non fosse,non capirei perchè strapagare in termini di ingaggio alcuni giocatori.Detto questo,che Montella debba fare qualcosa in più per porre rimedio alla mancanza di gol e debba trovare alternative per sopperire alle assenze mi pare chiaro(tanto è vero che l'ho scritto più di una volta).Se invece si pretende di lottare per il titolo senza i nostri due terminali offensivi lo trovo pretestuoso e fuori luogo(certo,vincere col Sassuolo in casa,al netto dei pali e del catenaccio inguardabile attuato,lo avrei preteso)

    RispondiElimina
  76. Caro Foco Amoruso può aver pure ragione.Ma generalizzando trovo molto più sensate le critiche di LELE,che non si fa influenzare dai risultati.Perchè LELE,anche se avessimo 3-4 punti in più,avrebbe ben chiaro il suo pensiero,coerente e preciso.Amoruso,come tutti(giornalisti,giocatori,allenatori)ragionano in termini di risultato e basta.Se si fosse fatto gol invece di prendere i pali,o si fosse segnato col Genoa senza sbagliare quei bovi incredibili,pur avendo giocato nella stessa maniera,adesso sarebbero a parlare di miracolo Montella.Perchè 9 volte su dieci vanno dove tira il vento(immaginate se si fossero permessi di criticare Montella a 10 punti...)

    RispondiElimina
  77. Magari se n'aveva 9, un s'è mica perso, un n'esageriamo.

    RispondiElimina
  78. Lele, dovresti sapere che non sono per forza nè un difensore di Montella (se ricordi quanto mi rimaneva sul cazzo, lo scorso girone di ritorno, la sua insistenza su uni pseudo4-3-3 che ci faceva snaturare 4/11 di squadra non portandoci benefici nè in attacco nè in difesa, sai benr quanto digerissi la presenza fissa di Pasqual di cui non ho mai capito l'utilità), e dovresti sapere che non sono un fanatico di questo cavolo di kitikaka (se ricordi quanto volevo un centravanti alla Gomez, se ricordi quanto volevo dei mediani alla Nainggolan, dei terzini veri, e se ricordi anche che d'estate ritenevo prioriaria un'altra punta a Richards e Basanta). Fatta questa premessa: con gli uomini di ieri, guardando chi c'era in campo e chi c'era in panca, non so quale altra impostazione si potesse cercare. E vorrei saperlo da chi lo sa, altrimenti si continia a parlare solo per attaccare questo o quello, che in questo momento è l'ultima cosa di cui abbiamo bisogno.

    RispondiElimina
  79. nel mio ottimismo sfrenato consideravo se avesse girato tutto bene:1 punto a Roma,due in più col Sassuolo,due in più col genoa

    RispondiElimina
  80. Lo dico a mente ma mi sembra si sian fatti 37 punti all'andata e 28 al ritorno. 37 è media da 3-4 posto, 28 da 6-7. Rossi ha voluto dire più o meno questo e per ora siamo al ritmo del ritorno, anche se parlare di ritmo dopo solo quattro partite è un po' prematuro.

    RispondiElimina
  81. di Roma non mi sembrava ne avessi parlato. Comunque è vero se si fosse comprato Culovic si era vicino alla vetta, invece ha giocato solo la partita di Bergamo! Ma Culovic in pianta stabile non gioca (quasi) per nessuno ed è più cagionevole di Pepito e Gomez messi insieme.

    RispondiElimina
  82. Oh DKNE, o come faccio a rispondere punto per punto, mi ci vole una settimana! Cerco di essere sintetico. Vero che ogni squadra ha la sua gemma, la nostra è Rossi poi Cuadrado. Lo scorso anno, Rossi coi suoi guizzi ha coperto un gioco sterile. Quando non ha più giocato, gli score poi sono stati frutto di invenzioni del colombiano, o di uno dei nostri tanti buoni, tipo AQUILA che ne fece 3 in un match, ma, e pongo qui l'accento, nulla e poi nulla che riporti ad uno sviluppo corale incisivo.
    La differenza con gli esempi che porti, è che gli altri ovviano se le gemme mancano, noi no.
    Verticalizzazioni, sovrapposizioni, smarcamenti, velocità, pressing alto, rabbia, agonismo, schemi, alternative, attacco agli spazi e via dicendo, cioè l' ABC del calcio, sono parole a Montella sconosciute. Bisogna farsene una ragione, ed io me la sono fatta da tempo. Ma non voglio convincerti, se ti garba questo tran tran, ok.

    RispondiElimina
  83. Si Jordan,vero.Infatti ho sottolineato l'importanza di Rossi,anzi l'assoluta necessità di averlo in squadra.

    RispondiElimina
  84. Culovic ha firmato per la Roma l'estate scorsa e non lo molleranno per un bel po', vedendo quanto continua a risultare decisivo per lor...

    RispondiElimina
  85. condivido che l'assenza di Rossi sia al cuore dei nostri problemi, ma credo che dire che "lo scorso anno, Rossi coi suoi guizzi ha coperto un gioco sterile": quel gioco era fatto per far scattare i guizzi di Rossi, come di Jovetic l'anno prima. Non è che Rossi era una variabile esterna a quel gioco, anzi, ne era una componente fondamentale. Infatti secondo me ora, senza di lui, dovremmo pensare seriamente a cambiare almeno in parte il gioco.

    RispondiElimina
  86. Cmq io difendo Montella per quello visto il primo anno ed intravisto successivamente;e per l'assenza di Rossi e Gomez.Ma se ben ricordi,quando fu annunciato l'ingaggio di Montella, io entrai a lutto.Volevo Zeman e di Montella non vedevo un lato positivo nemmeno dopo averci ragionato un bel po'.Non mi fidavo e di certo sarebbe stata per me una delle ultime scelte.Quindi non lo sto difendendo certo per interesse.Diventato allenatore viola,da quel giorno ho sperato che facesse non bene,ma benissimo.Di certo non ho gufato contro come fa qualcuno (specialmente in Svizzera) per poi dimostrare di aver avuto ragione.

    RispondiElimina
  87. Eh dillo a me...Non per nulla sono un ammiratore dei tre

    RispondiElimina
  88. idem, anche a me, che all'epoca per motivi personali seguivo un po' distrattamente, l'ingaggio di Montella sembrò una nuova tappa di ridimensionamento. Certo, bastò pochissimo a farmi cambiare idea.
    Sono tuttora un suo estimatore, ma è vero che ora è a un altro momento di svolta della sua carriera: o dimostra di sapersi inventare qualcosa di diverso in un momento in cui la squadra, per questioni strutturali, fatica a rendere efficace il suo gioco, o vorrà dire che ancora non è maturo per essere un grande allenatore.

    RispondiElimina
  89. lo so, in fatto di calciatori abbiamo palesemente gusti molto simili, il punto è che con il gioco di Montella senza un giocatore di quelle caratteristiche diventa davvero difficile essere pericolosi.

    RispondiElimina
  90. Per ora, come ho già detto, ha giocato solo una partita su quattro per noi, che è un po' poco. Speriamo torni presto.

    RispondiElimina
  91. terzi per tiri in porta, nell'intera serie A, e ultimi per gol fatti.
    Mi sembra che queste due statistiche dicano molto di quello che c'è da dire: le occasioni si creano, ma mancano quelli giusti per realizzarle.
    Speriamo che Montella si inventi qualcosa per farci segnare anche senza attaccanti, come 2 anni fa.

    RispondiElimina
  92. Come ho avuto modo di ricordare, nell'andata di due anni fa segnammo una caterva di gol da calcio piazzato con gli schemini di Vio (poi diventati via via sempre meno fruttuosi, fino a sparire), più qualche azione personale di Jovetic e qualche cross per Toni, per il resto era una Fiorentina simile a quella di quest'inizio di campionato (possesso possesso e poche entrate in area); nel ritorno fece la differenza l'esplosione di Ljajic

    RispondiElimina
  93. Dkne ciao,vedo che siam tutti sulla stessa lunghezza d'onda rispetto la figura di Montella.Così come voi,a parte la sorpresa iniziale condita in verità da un velato scetticismo,ho da subito percepito un entusiasmo salutare e sono sopravvissuto(come il nostro amico Sopra)alle sventure post Prandelliane,"riavvicinandomi"fisicamente al Franchi,fin quì ho non molto da rimproverare al Mister(inteso come primi 2 anni),ma ora mi piacerebbe da parte sua una piccola evoluzione calcistica,che in verità magari stà provando a fare e non possiamo pretendere risultati immediati,viste anche le solite sventure(o sculo chiamatelo come volete)che ci perseguitano.Dunque più coraggio nell'intraprendere quello che Lele marca decisamente nel post quì sotto.Tutto quì.Non credo però Lele che alcune delle cose che tu sottolinei giustamente aggiungo,siano a Montella sconosciute,bensì vanno plasmate a secondo del suo credo calcistico,mi sembra assurdo che un ottimo attaccante come è stato lui,non sia in grado di elaborare tattiche alternative che portano a soluzioni per segnare senza entrare con il pallone in rete come sembrava volessimo fare lo scorso anno.Per il resto,avessimo ora 4 punti in più come avremmo meritato,saremmo a parlare d'altro,saluto entrambi.

    RispondiElimina
  94. Brovarone:
    Sarà la conclusione più scontata e più banale del mondo, ma con Mario
    Gomez e Giuseppe Rossi questa Fiorentina, in questo ultimo anno e mezzo,
    compresa la finale di Roma, avrebbe fatto molto male a tanti...se non
    si riconosce questo io mi rifiuto di discutere di pallone...la verità e'
    che questa società se davvero avesse voluto cercare la chiusura del
    cerchio definitiva avrebbe dovuto avere ben altro atteggiamento nel
    mercato appena concluso. E soprattutto lo stesso mercato avrebbero
    dovuto farlo i dirigenti incaricati da regolari contratti, e non certo
    chi gestisce la parte finanziaria di aziende che producono borse e
    scarpe ....oggi paghiamo questo, e non solo sul campo....adesso basta
    girare intorno al problema.....BVB

    RispondiElimina
  95. Tutto il resto è 'nduja

    RispondiElimina
  96. Vincenzo, se mi stai leggendo: cambia, o ti cambiano.

    RispondiElimina
  97. Come ti avevo sussurrato, Gaia, questi non ti filano più.
    Comunque, siccome so che mi leggi e attendi i miei post, ti scrivo:
    Non cambiare, resta così. A presto.
    Ah ah ah ah ah.....i cavalieri della tavolata rotonda dimenticano la damigella....aaaah, devo pensare anche a questo, io!

    RispondiElimina
  98. insomma, Brovarone avvalora la tesi, di cui già si era parlato, di un evidente spaccatura tra Cgngn e l'asse Madé-Montella. Plausibile. Sicuramente molto più dell'ipotesi "Pradé cattivo gerontofilo che fa il mercato contro Montella, nonostante si conoscano da anni, siano venuti a Firenze insieme come blocco unico e abbiano costruito insieme la squadra del primo anno" che spopola in Svizzera...

    RispondiElimina
  99. Gaia, quando il telecronista ha detto, domenica, "La viola gioca a casa della Dea...", ho temuto un'invasione di atleti nel tuo castello, invece era il campo dell'Atalanta! Fiiiuuuuù, l'abbiamo scampata.

    RispondiElimina
  100. Stronzate, quelle scritte da stampa o blaterate in tv.
    La cosa certa, Muzio Scevolamente, e che a Montella non hanno comperato quel che aveva chiesto (leciti o possibili che fossero gli acquisti). Punto.
    Aaaah....mi son bruciacchiato la mano!!

    RispondiElimina
  101. certo, ma sia gli schemini di Vio sia l'esplosione di Ljajic (esplosione relativa, capiamoci, stiamo parlando di 7 gol e neanche tutti decisivi) li considero meriti di Montella. Deve tirare fuori un altro coniglio dal cappello.

    RispondiElimina
  102. Beh Ljajic dopo l'esplosione ne fece 10, di gol, a fronte di uno solo segnato nell'andata. Ma non fu solo questione di gol, faceva assist dopo fantastiche azioni personali, creava superiorità numerica, regalava imprevedibilità...proprio quello che ci vorrebbe ora.

    RispondiElimina
  103. Onestamente non so che dire...dal basso della mia conoscenza calcistica, direi che vedo una squadra lenta. Che non gioca male, per carità. Ma è molto lenta. La palla passa da dx a sx sulla 3/4, mentre la difesa avversaria si schiera con tutta calma rendendo quasi impossibile affondare.
    E anche quando, come ieri sera Cuadrado (poco) e Joaquin riuscivano a saltare
    l'uomo e metterla in mezzo, le maglie bianche erano cmq in numero superiore
    alle viola. E lo stesso dicasi per la partita contro il Genoa e altre ancora.
    In molti criticano Gomez come "inadatto" al calcio della viola,
    e per carità ci può anche stare; ma anche con un centravanti molto mobile e
    tecnico come Babacar le cose non mi paion diverse. Quello che manca sono le
    penetrazioni come quelle che hanno portato al palo di Borja (a proposito..che
    delizia il tocco in controtempo....roba da grandissimi...): ecco, su questo
    dovrebbe lavorare Montella. Aumentare questo tipo di verticalizzazioni, questi
    inserimenti veloci. I giocatori con la tecnica per farla non ci mancano, siamo
    zeppi di trequartisti. A patto però di lavorare sulla velocizzazione della
    manovra, altrimenti rimaniamo appunto al palo, come ieri sera. Che se avessimo
    giocato per una settimana, non avremmo segnato comunque.
    Non siamo stati fortunati, questo è vero, però dovremmo essere
    più veloci e ficcanti. Le soluzioni? Non ne ho la più pallida idea, faccio
    tutt'altro nella vita e grazie al cielo non tocca a me decidere. Posso però
    provare a fare qualche ipotesi, starà poi a voi darmi di fava.
    La prima è giocare con due punte (che non abbiamo?) mobili,
    che si scambino spesso. Creare quindi più movimento e velocità in avanti, in
    maniera tale da non affossare l’unico attaccante di turno nel mezzo dell’area
    in mezzo a tre marcantoni. Leggasi Gomez vs. Biava, per esempio, ed aumentare
    anche le possibilità di inserimento per i centrocampisti. Una seconda punta
    potrebbe essere Cuadrado (eresia, lo so)?... che almeno i tre che si porta
    sempre addosso li toglierebbe dall’area anziché dalla fascia.
    La seconda è proporre, visto che come
    dicevo siamo strazeppi di trequartisti, un 4231. Due mediani in mezzo (Aquilani
    Kurtic, ad oggi) e 3 ¾ isti che agiscono vicino alla prima punta scambiandosi
    velocemente le posizioni. E i terzini potrebbe rimanere più bloccati, dato che
    quando salgono non contribuiscono granchè alla manovra offensiva.
    Così, a cazzotto, mi vengono in mente queste due cose…però sono pronto ad
    essere seppellito di insulti senza nessun problema…
    Finisco: leggendo il sitone, ci sarebbe da tagliarsi le vene. Ad oggi, niente
    ci è precluso, anche se i punti dalla vetta sono già sette. Ma non è questo che
    mi preoccupa(rebbe), perché cominciando a infilare filottini di vittorie si fa
    presto a torare in su. Il fatto è: riuscirà il nostro Vince a far qualcosa?

    RispondiElimina
  104. Pitino penso che qualsiasi proposta in merito al modulo ed alla metodologia di gioco da parte di noi utenti sia ugualmente degna di attenzione e rispetto(compreso il 4-6-0 svizzero),sino a che non diventa un mantra o chi lo propone non pensa di aver trovato la pietra filosofale .In fin dei conti,se bastasse un DKNE,un Jordan,Un Lele,un Deyna etc etc(mi scusino gli esclusi,sono i primi venuti in mente,ma vale per tutti noi) per sistemare le cose ed a rendere la Fiorentina spumeggiante,frizzante e vincente,a che pro pagare fior di milioni agli allenatori?

    RispondiElimina
  105. il 4-2-3-1 a me in generale piace moltissimo, però lo vedo davvero scarsamento adatto alla nostra rosa e al nostro gioco. Kurtic e Aquilani sono dei mediani solo perché noi siamo abituati ad avere tutti trequartisti, in qualsiasi altra squadra sarebbero considerati mezzale (mezzeali?), per fare quel modulo dovresti avere giocatori ben più di quantità, credo, vedi Napoli. Inoltre il 4-2-3-1, da quello di Spalletti a quello di Benitez, è costruito su transizioni rapidissime dei 3 trequartisti, tutti votati al contropiede e alla rapidità. Dato che non mi sembra abbiamo questi giocatori, finiremmo per schierare i 3 trequartisti intorno all'area come ora, e saremmo al punto di partenza.
    Non credo proprio che sia il modulo il problema, purtroppo...

    RispondiElimina
  106. E ci mancherebbe altro che io possa anche solo lontanamente pensare di avere la soluzione!! A me i calcio piaceva giocarlo e piace guardarlo, ma da qui a dire che ne capisco qualcosa ce ne corre!! Io penso solo che non mancherebbe poi molto ad arrivare a risultati diversi, e quindi butto lì alcune ipotesi.

    RispondiElimina
  107. no, probailmente hai ragione. Allora diciamo che un mediano potrebbe essere Badelj, anzichè Aquilani. E kurtic ci potrebbe stare. I trequartisti potrebbe essere, almeno due su tre, Cuadrado e Marin per esempio. Che non sono due lentoni. Ma si fa giusto per parlare, eh...

    RispondiElimina
  108. Infatti era il senso della mia risposta..ed io di sicuro ne so meno di tanti(a parte uno!)

    RispondiElimina
  109. ahahahahah!! Più di quello ne sappiamo tutti...!!!

    RispondiElimina
  110. sìsì certo, anch'io do sempre per scontato che quelle che facciamo qui sono chiacchiere da bar, ci mancherebbe, almeno le mie lo sono di sicuro.
    Boh, ma un modulo come quello di cui parli, in che modo sarebbe diverso da quello con cui abbiamo giocato ieri sera, ad esempio?
    Un centravanti, due esterni un po' arretrati, 3 centrocampisti di cui uno più avanzato (Valero) e due più arretrati (Kurtic e Aquilani)... Che lo chiamiamo 4-3-3, 4-3-2-1 o 4-2-3-1, mi sa che quello è.

    RispondiElimina
  111. beh, si, se la leggiamo così ci può stare. Ma al di là dell'aspetto numerico, io penso all'attitudine degli eventuali trequartisti. Vorrei velocità, scambi di posizione e di palla molto veloci per creare almeno i presupposti di pericolosità. Certo se poi vedo entrare Ilicic piantato per terra, allora inutile stare a parlar di numeri...

    RispondiElimina
  112. eh, appunto, questo volevo dire. Concordo con te su quello che dovremmo fare, ma, appunto, dovremmo farlo in ogni caso, che sia scritto 4-3-3 o 4-2-3-1 o 5-5-5...

    RispondiElimina
  113. la tripletta col Pescara già retrocesso andrebbe cassata dagli annali del calcio, DEYNA, per questo non la contavo. Assist ne fece 5, non pochi ma neanche tantissimi.
    Comunque non volevo sminuire Ljajic, anzi, sapete tutti bene che lo riprenderei subito, ma solo ridimensionarne l'esplosione, per me molto legata al nostro stile di gioco e che infatti non si è confermata appena ha cambiato aria.

    RispondiElimina
  114. Gaia, li vedi? Dio, come amo Guglielmo Marconi!(anche Tesla).

    RispondiElimina
  115. Il problema principale di Montella è che pare si sia dimenticato che il calcio è un gioco di ricerca di spazi. Lui invece privilegia il possesso di palla finalizzato a se stesso con il risultato di non trovare sbocchi a causaa anche di una lentezza di fondo di questa squadra. Rossi nello scorso mezzo campionato ha coperto magagne che, come giustamente rileva Lele, erano già ampiamente presenti. Oggi, senza Rossi, con un Gomez a meno di mezzo servizio ed un Cuadrado che sarebbe stato meglio cedere in estate per rifondare una squadra ormai prevedibile, le magagne sono aggallate con cristallina evidenza.
    Io penso (e spero) che questa sia l'ultimo anno di Montella a Firenze perché mi sembrache abbia già dato tutto quello che poteva dare alla nostra squadra. Al di là dal concedere un minimo di credibilità ad un perditempo come Brovarone, quand'anche il fannullone avesse ragione, Montella ha comunque il dovere di tirare fuori il meglio da quella trentina di giocatori che ha a disposizione. Sempre, ovviamente, che ne abbia le capacità.

    RispondiElimina
  116. sembra che la rifondazione del Bologna sarà affidata a uno che conosciamo... Uno di Vernole...

    RispondiElimina
  117. Azz... vorrà mica dire che alcuni dei migliori talenti slavi resteranno al di là dell'Appennino?

    RispondiElimina
  118. quello che ho scritto stamani...

    RispondiElimina
  119. Poi magari, con calma, un giorno, assieme a Montella, e per onestà intellettuale, bisognerà cominciare anche a tirare le orecchie ai Direttori, perchè anche loro stan facendo come i gamberi... siam fermi ai capolavori Borja e Gonzalo eh, fo pe divvelo...

    RispondiElimina
  120. Ragionate più terra terra, non fate i sofisticatevi che di calcio non ci capiamo comunque una mazza, e soprattutto, de-Liveranizzatevi il cervello.


    A venti minuti dalla fine, con gli avversari che fanno le barricate, a volte come col Genoa con avversari ridotti in dieci. Che fare?


    Si mette un giocatore offensivo e si leva uno dei centrocampisti da manovra (o addirittura un difensore). Non si cambiano solo gli interpreti (Bernardeschi per Joaquin).


    Addirittura mi tocca leggere che Valero non si può togliere perchè è andato una volta vicino al gol. Ma Valero va sempre vicino al gol, rarissimo è le volte che fa gol o fa un assist decisivo. Se c'è uno che tichitaca pure quando va a spasso con la moglie, questo è Valero. Almeno togliamolo per tentare l'arrembaggio finale. Invece niente, sempre fino alla fine.

    RispondiElimina
  121. STEFANO, su tante cose si può discutere, ma dire che "raramente fa un assist decisivo" parlando del terzo nella classifica degli assist, l'anno scorso, mi pare un po' ingeneroso.

    RispondiElimina
  122. A parte che non ho scritto che non puoi togliere Borja perchè aveva sfiorato il gol, eri più gradevole fino a una settimana fa Stefano, e non per Cuadrado trequartista e Vargas interno: posso avere simpatia e rispetto anche per uno che afferma sciocchezze calcistiche del genere, è il tuo recente modo di porti che risulta fastidioso. Non so perchè, ma il tuo modo di porti degli ultimi giorni riunisce il peggio di uno Zaller, di un Gat e di un fiesolo. Problemi tuoi

    RispondiElimina
  123. Pitino, le tue osservazioni possono anche essere tatticamente condivise, ma restano due aspetti fondamentali che vanno oltre e che andrebbero sempre anteposti: mentalità e atteggiamento. Mi viene in mente, a questo proposito, una partita che con noi un c'entra nulla, Inter Atalanta, che vidi. Inter attaccava ma i bergamaschi rispondevano colpo suo colpo, e alla fine poi vinsero meritatamente con doppietta di Bonaventura. Bene, la differenza non la fece la disposizione tattica, seppur importante ovvio, ma la voglia di proporsi negli spazi, di non subire e rispondere, di non accontentarsi, di correre fino allo sfinimento, di cercare sempre di superare l'avversario in quel caso più blasonato. Alla fine furono premiati, grazie a coloro che erano in campo, ma anche e soprattutto grazie alle motivazioni del loro tecnico. Con questo cosa vorrei dire, che Colantuono sia migliore di Montella? No, il ranking non mi ha mai stuzzicato, ma vorrei vedere sempre quell'atteggiamento e mentalità. Due elementi a noi sconosciuti e con quelli tranquilli, con Genoa e Sassuolo 6 punti.

    RispondiElimina
  124. sì, ma a quel punto chi mettevi che avevi il solo Baba, già in campo, e sfinito?

    RispondiElimina
  125. Non credo, temo, che potrai vederla, quella mentalità. Non è roba che, di colpo, appare in un fine settembre al terzo anno di gestione.

    RispondiElimina
  126. Infatti ho speranze vicino allo zero.

    RispondiElimina
  127. Ciao Effe, non credo che si debbano guardare solo i crediti Genoa Sassuolo = 4 punti in più, magari sottraiamo i 2 di Bergamo? Personalmente non mi esprimo in base al risultato quindi anche fossimo a 9 punti, ragionerei allo stesso modo. Magari un poco più sollevato, ma fondamentalmente non mi faccio influenzare dai risultati se questi arrivano per vie diverse che non siano un calcio coerente.
    Montella grande attaccante, trova difficile imprimere soluzioni valide in attacco, che dirti... teoricamente dovrebbe essere avvantaggiato, ma allo stesso tempo per la difesa, visto che se l'è trovata di fronte tutta la vita. Boh!

    RispondiElimina
  128. Io penso che due anni fa, fu scelto il 3-5-2 per le caratteristiche di alcuni giocatori, ma anche per il fatto che, avendo completato la squadra praticamente al ridosso dell'inizio del campionato, questo modulo era quello più duttile e quello che richiedeva meno automatismi. Per situazioni contingenti siamo stati costretti a cambiare e, a quel punto, sono venute a mancare le nozioni e certe specificità tecniche di qualche interprete. Nessuna squadra dispone di calciatori sufficienti per mutare radicalmente la propria connotazione tattica a seconda di chi scenda in campo. Tantomeno noi.
    È vero che si cambia spesso modulo, ma questo non vuol dire che ogni modulo usato, venga poi interpretato con le giuste modalità. Senza i movimenti ed i tempi giusti, particolari che si metabolizzano provandoli per mesi, un modulo e solo un semplice schierarsi sul campo.
    Trovo sbagliato, per fare un esempio, che un calciatore come Tomovic non abbia una connotazione certa, sicura. Perché in questo modo ti ritrovi solo interpreti incerti che possono, al massimo, tirare fuori la prestazione sufficiente.
    Serve un'identità tattica forte, data anche dalle caratteristiche dei giocatori, ma che poi, una volta scelta, possa fare da binario sicuro per questi ultimi. Non aumenti il ritmo se allo stesso tempo ti risistemi in campo in maniera incerta.
    È ora di certezze, si è ancora in tempo. L'estemporanità non garantisce nulla.

    RispondiElimina
  129. Scusate errori di battitura, ipad pigro e mani grosse.

    RispondiElimina
  130. Veramente problemi nostri, ovvero di vedere una stagione buttata nel cesso. La differenza tra me e loro e' che se le cose si sistemano torno nei ranghi come un bravo soldatino. Mi dirai che sono stato il primo ad interpretare certi segnali.

    RispondiElimina
  131. Ma adesso ci sono quelli che insultano Rossi su internet perché festeggia l'anniversario con la sua ragazza? Ma sono fuori di testa.

    http://www.fiorentina.it/it/news/articolo.55.17900/tifosi-delusi-dallavvio-di-stagione.html

    RispondiElimina
  132. Ieri il Lipsia ha vinto 3-1. Commper titolare. Rebic neanche in panca...in mezzo a questo bailamme fiorentino, ricordiamo quest'affare della viola, ceduto, incassato e mai in campo. Che collezione potevamo avere??! Rossi, Gomez, Rebic- i tre infortunati doc!

    RispondiElimina
  133. Pitino hai centrato il punto, bastano due interni, aquilani e kurtic. Davanti 4 giocatori offensivi. Almeno gli ultimi venti minuti o se si deve recuperare: Vargas, Joaquin, Cuadrado, Berna, Babacar piu' Marin e Gomez quando tornano. 4 a scelta.

    RispondiElimina
  134. Rispondo pure a Louis, senza provocare. A quel punto, a metà del secondo, cosa avrei fatto: uno tra Vargas, Ilicic, o Bernardeschi al posto di Valero. Se poi Babacar non ce la faceva più, uno dei dei due rimasti in panchina.
    Per me si doveva semplicemente provare almeno 20-25 minuti a giocare con un altro assetto tattico, più sbilanciato e meno Maquinoso. Anche a rischio di prendere gol. Che ne so:


    Bernardeschi-Aquilani-Kurtic-Cuadrado
    Ilicic-Babacar(Vargas)


    Con questo assetto avrebbe probabilmente giocato il Sassuolo se fossero andati in svantaggio. Perchè noi no?

    RispondiElimina
  135. a me sembrano molto simili alle sostituzioni che ha fatto Montella: negli ultimi 20-25 minuti di cui parli abbiamo giocato esattamente con quei giocatori, con l'unica differenza che c'era Valero al posto di Cuadrado. In più è anche entrato Mati, anche se secondo me troppo tardi.
    Avessi detto che andava tolto un difensore, capirei la radicalità della tua critica a Montella. Ma tu proponi di togliere Joaquin (un'ala) e Valero (un 10) per mettere Bernardeschi (un'ala) e Ilicic (un 10). Non eri quello che criticava Montella perché cambiava i giocatori ma ruolo per ruolo senza mutare l'assetto offensivo?

    RispondiElimina
  136. Come tutti i partiti che vanno bene e sono al potere, imploderemo con guerre intestine...eh eh eh eh...

    RispondiElimina
  137. da queste prime giornate si ha l'impressione di un campionato italiano che si va spagnolizzando, nel senso di un divario crescente tra le prime due e le altre: tra le prime due e l'Inter ci sono 4 punti, mentre nei successivi 4 punti ci sono 10 squadre, con il Napoli alla pari del Cesena.
    Pessimi segnali per il nostro calcio, che perde eccellenze (tale è stato il Napoli nelle ultime stagioni e tali sono state le milanesi storicamente) e va verso un modello sempre più aziendale (Pallotta style). Bene per la Fiorentina, perché in questo contesto il terzo posto sembra ampiamente contendibile per quasi tutte: in questo momento è terza l'Udinese, e dietro ci stanno appunto le 10 squadre in 4 punti di cui sopra, un gruppone in cui non sfiguriamo.
    E però se è così, serve trovare il guizzo che ci permetta lo scatto decisivo, per occupare quantomeno strutturalmente il gruppetto degli inseguitori tra la testa della corsa bianconerogiallorossa e il gruppone dell'anonimato. Scusate il linguaggio, ma sapete, è tempo di mondiale di ciclismo, già fremo. In sintesi: in classifica per noi non è ancora successo nulla, abbiamo ottime prospettive ancora aperte ma qualcosa deve cambiare perché restino tali. Cosa sia questo qualcosa ancora non ce l'ho chiaro: può darsi che Borja e Cuadrado resuscitino ridando vigore alla maquina, e mi farebbe solo piacere. Oppure può darsi che ci sia bisogno di un netto cambio di gioco, confido che Montella ne sia capace, però il tempo per gli esperimenti è poco, soprattutto perché Gomez comunque tornerà, e ristrutturare un gioco senza attaccanti rischia di farcelo sviluppare decentemente proprio per quanto riavremo finalmente un attaccante.
    E poi c'è Marin, da scommessa low cost ad attesissimo messia. Potranno lui e Cuadrado trasformarsi in Ribery e Robben facendo del nostro un vero 4-3-3, quello in cui Gomez è una macchina da 25 gol all'anno? Difficile, non del tutto impossibile. C'è anche l'alternativa di un 4-4-2 con entrambi gli esterni di centrocampo molto offensivi (Cuadrado e Marin), tanto da diventare di fatto un 4-2-2-2, ma in quel caso i 2 interni di centrocampo non possono certo essere particolarmente tenorili... Tante opzioni, una miriade di mezzepunte (Cuadrado, Marin, Ilicic, Valero, Mati, Bernardeschi, Joaquin), 1 sola punta vera arruolabile al momento. Que será será, ma Baba dentro la deve buttà.

    RispondiElimina
  138. Io chiudo ma alla fine, cosa abbiamo deciso di mandare a dire a Montella? LELE "Sloggia!"?
    VITALOGY "Resta!"?
    VALTOLIN "Tanto rumore per nulla"?
    JINGLE (da succursale) "Luciano è appollaiato!"?
    STEFANO "Cambi, tre cambi!"?
    FOCO "Veloci!"?
    Sopravvissuto "Schnell! Schnell!"?
    POLLOCK "Tuttoattaccatocolculoalla panchina!"?

    RispondiElimina
  139. Il bipolio spagnolo ha visto vincere l'Atletico Madrid quest'anno. Niente è impossibile. Il problema nostro è quello che dici in fondo, che mi sembra che la squadra sia stata fatta senza un progetto tattico ben chiaro in mente. Sembra si voglia sfruttare le fasce con gli esterni bassi e ci si mette gente che, quando arriva in fondo, non sa alzare un pallone, sia a dritta che a manca, ci si riempie di trequartisti quando in squadra c'è a fatica posto per uno e si cerca di trasformare in trequartista anche l'unico elemento di fascia di valore mondiale che abbiamo. Puntando sul possesso palla esasperato a ritmi lenti non abbiamo chi è fondamentale in questo tipo di gioco, uno che la butti dentro da fuori, rapido e preciso nel calcio lungo (l'unico forse è Kurtic che non sempre gioca). Abbiamo centravanti forti in progressione ma lenti nel breve e li infogniamo in aree di rigore affollate più della metropolitana di Tokyo la mattina nell'ora di rush. Insomma mi sembra si vada un po' a rampazzo, sia in campagna acquisti, sia nello schieramento in campo. Speriamo che se la cavi.

    RispondiElimina
  140. Vargas era in tribuna infortunato. Ilicic e Bernardeschi li ha messi e non han certo risolto gran che anche se Ilicic, che è uno dei pochi che tira da fuori e sa battere le punizioni lo vorrei in campo in queste partite. Come vorrei Mati che non mi entusiasma, ma che sa andare in verticale e può provocarsi calci di punizione o di rigore. Queste partite si vincono anche così se non si riesce, e non è facile, bucare con la manovra.

    RispondiElimina
  141. Se prendi uno di vent'anni, apparentemente integro, e si infortuna con chi te la vuoi prendere? Io me la prenderei con i medici, E' possibile che questo è un anno che ha problemi infiammatori e non ne venga a capo?

    RispondiElimina
  142. Se uno pensa di fare di Tomovic un esterno basso alla brasiliana, di Alonso un difensore puro, di Cuadrado un trequartista e di Babacar un'ala, gli farei una vaccinazione contro la prandellite galoppante che lo deve aver assalito.

    RispondiElimina