.

.

martedì 29 aprile 2014

Non tutte le mamme sono maiale

Se penso a certi approcci alla finale così molli mi viene subito in mente la faccia di Prodi, lui che a differenza di chi ha la faccia a culo, scoraggia e basta. Sono l’esercito dei tifosi scoraggiati, quelli che viaggiano verso la finale con lo scoramento nel cuore invece dell’orgoglio. Ma quali paure? Quali infortuni potranno mai fargli temere di non essere all’altezza? Di non giocarsela alla pari con chicchessia. E qua forse viene fuori proprio la sfrontatezza di chi è invece potuto crescere con una mamma di San Frediano, quella che ti ha trasmesso tutta la saggezza di un quartiere così popolare. Un quartiere nel quale qualsiasi finale va sempre giocata, noi diciamo infatti che l'ottimista vede il bicchiere pieno mentre il pessimista è stato arrestato. Vi ricordo che ci vuole carattere e che proprio in San Frediano è stato inventato quel “legittimo impedimento” spesso invocato dagli avvocati di Berlusconi. Ed è successo quando Il Bambi disse alla Fedora “Vorrei tanto restare a farti le coccole, ma devo andare a trombare un’altra ragazza, capiscimi”. E allora forza e coraggio, non è affatto maiala, come invece lo sono certe mamme di qualche altro quartiere, perché a quelle sempre incinta di futuri cretini noi preferiamo una bella maiala di Cinta. Che è molto meglio di quella che insegna ai figli a lanciare le banane. E dopo quanto è successo a Dani Alves mi sono reso conto che c’è stato del razzismo anche nei miei confronti. Sono andato a rivedere le foto scattate in Maremma perché ce n’era qualcuna che non mi aveva convinto del tutto, e infatti guardando meglio quello che per esempio pensavo fosse un cavalluccio marino, mi sono accorto che era stato invece un gesto intollerante di chi mi stava cercando. Come il serpente trovato nel bagno. Ma a proposito delle mamme che ci hanno fatto crescere così tanto fieri e senza paure delle banane, vorrei spendere due parole per far capire a chi non è nato da queste parti, quali sono questi preziosi dettami. Perché le mamme tipiche d’Oltrarno intanto ti insegnano a rispettare il lavoro degli altri, e se proprio ti vuoi suicidare perché mancano Gomez, Rossi e Cuadrado, ti consigliano di farlo fuori di casa visto che hanno appena pulito. Mamme che ti insegnano a pregare, a pregare Dio che non ti sia caduto nessuna briciola di pessimismo da finale sul tappeto. La vera mamma sanfredianina è quella che t’insegna la logica popolare, perché lo dice lei, ecco perché. La mamma Diladdarno ti insegna ad essere previdente, non ti dice soltanto che le partite durano 90 minuti + recupero come potrebbe fare un Varriale qualsiasi, no, ti insegna che ti devi sempre assicurare di avere le mutande pulite, perché non si sa mai che fai un incidente e ti devono visitare. Da questa parte dell’Arno la mamma è anche quella che ti insegna l’ironia, perché se provi a ridere ti fa piangere lei. La mamma in questo quartiere di menti eccelse nasce con la scienza infusa perché è quella che ti insegna la tecnica dell’osmosi, proprio come quando ti dice di chiudere la bocca e mangiare. Donne di polso e sempre allenate alla vita, perché la mamma che ha a che fare con i figli di San Frediano è costretta a insegnarti anche il contorsionismo, così poi ti può invitare a guardare che sei sporco dietro al collo. La mamma di qua d’Arno ti insegna che la vita è dura e quindi ti allena alla resistenza, perché con lei non ti alzi da tavola fino a quando non hai finito tutto quello che hai nel piatto. Anche se è sempre vissuta in un quartiere di città, la mamma Diladdarno ti insegna ad amare il ciclo della natura, e quindi come ti ha fatto ti disfa. La mamma da queste parte sa come si sta al mondo e ti insegna il comportamento da non tenere, e lo fa esortandoti a smetterla di comportarti come il tu’ babbo. La mamma di San Frediano è quella che ti insegna cos’è l’invidia, quando ti fa presente che ci sono milioni di poveri bambini che non hanno genitori meravigliosi come i tuoi. La mamma, la mamma, la mamma, e il babbo? Il babbo di San Frediano non è mai in opposizione della mamma, al limite è solo diversamente concorde.

46 commenti:

  1. Ok, ragazzi, parliamo della formazione per la finale: sappiamo che Cuadrado è squalificato, che Gomez non è disponibile e che Rossi è grasso che cola se gioca venti minuti.
    Penso che si partirà da una difesa a quattro, con Tomovic, Savic, Gonzalo e Pasqual (ma io metterei Vargas), il centrocampo con i tre tenori non si discute, rimane da vedere chi saranno gli altri tre a scendere in campo: logica vorrebbe che giostrassero Joaquin e Ilicic dietro a Matri, però c'è sempre la possibilità che Montella schieri un attacco di stampo zalleriano lasciando Matri in panchina per inserire Wolski oppure Matos, anche se io ho idea che in una partita come questa Vincenzì si affidi ai giocatori più esperti, quindi non al polacchino e al brasiliano. La mia paura è che metta in campo una formazione più coperta, togliendo un trequartista e inserendo un centrocampista in più che, considerando che Mati è in dubbio, temo sia Ambrosini. Dico "paura" perché una squadra schierata in questa maniera non difenderebbe bene comunque e avrebbe difficoltà a segnare, io invece schiererei una squadra più offensiva, capace di far male al Napoli.

    Insomma, io schiererei:
    Neto; Tomovic, Savic, Gonzalo, Vargas; Aquilani, Pizarro, Borja; Joaquin, Ilicic; Matri

    E spero che non schieri:
    Neto; Tomovic, Savic, Gonzalo, Pasqual; Aquilani, Pizarro, Ambrosini; Borja; Joaquin, Ilicic

    RispondiElimina
  2. La batteria napoletana prevede tre giocatori offensivi (Higuain, Martens, Callejon) e centrocampo a 2 (max 2 e mezzo..eh eh ehe ), quindi io dietro giocherei con tre bloccati (o quasi), Savic-Diakité-Gonzalo, centrocampo maramaldeggiante (Pek-Valero-Aquilani-Tomovic-Joaquin) e davanti Ilicic e Matos. Spregiudicata ma coperta.

    RispondiElimina
  3. Dopo aver scritto un libro, dopo viaggio pagato e soggiorno pagato dalla SS. Napoli, ieri ennesima marchetta di Varriale. Disgustoso. La Rai non pagherà mai lo stipendio di quel tizio con i miei soldi. Mai. (E decidesse una tinta definitiva per i capelli! Ogni settimana diversa! Sembra una donna!)

    RispondiElimina
  4. Sopra, il Napoli è forte sulle fasce e la tua formazione mi sembra un po' carente in quel settore: mi sembra che tu metteresti a destra Joaquin e a sinistra Tomovic, per cui la formazione sarebbe sbilanciata da una parte. Comunque può essere un'idea, del resto anche la formazione da me proposta si può trasformare in un 5-3-2 molto spregiudicato con Tomovinc, Gonzalo e Savic in difesa e con Joaquin e Vargas sugli esterni.
    In avanti non penso che Montella inserisca Matos, penso si affidi a giocatori più esperti.

    RispondiElimina
  5. Cosa ha fatto Varriale?

    RispondiElimina
  6. Diciamo che non é stato politically correct. Varriale sta al Napoli come Mazzocchi sta alla squadra romana del suo cuore.

    RispondiElimina
  7. Con Montella è veramente difficile fare previsioni.Scindo tra la formazio e che vorrei in campo e quella che secondo me Montella farà giocare.La mia:Neto;Tomovic-Gonzalo-Savic;Pek-Aquila-Valero-Vargas-Joaquin;Ilicic-Matri(ebbene si,Matri...sono un conservatore e secondo me potrebbe essere la sua partita).Quella di Montella:Neto;Savic-Gonzalo-Tomovic-Pasqual;Pek-Aquila-Valero;Joaquin-Ilicic-Matri(Matos)

    RispondiElimina
  8. Credo giocheranno sia Pasqual sia Matri. PoiTomovic, Savic, Gonzalo, i soliti tre in mediana, l'assassino di tori, Ilicic.

    RispondiElimina
  9. Quella che prevedi, AntoineRouge, è una formazione a perdere.

    RispondiElimina
  10. Qualche sito ventila l'ipotesi di Borja al centro dell'attacco e l'idea non mi piace affatto, ma mancando anche Cuadrado che ultimamente in fase conclusiva è stato colui che ha ovviato alle due croniche note assenze pesanti, stavolta comprendo la tentazione di preferire un esperimento cervellotico ad una soluzione tradizionale con un Matri che pare regredito a livelli dilettanteschi, o un Matos la cui crescita in zona-gol si è fermata al Panduri.

    RispondiElimina
  11. Non sono convinto che escluderà Diakitè

    RispondiElimina
  12. Se metti Valero più in avanti insieme a Ilicic e Joaquin (probabilmente i tre si alternerebbero nelle posizioni) devi però inserire un altro centrocampista al posto di Valero: considerato che Mati è fortemente in dubbio e che Andow è sempre un oggetto misterioso, alla fine verrebbe inserito Ambrosini. Sinceramente è una soluzione che non mi convince molto.

    RispondiElimina
  13. Matri è vero che sembra imbrocchito e che un cuor di leone non lo è mai stato, spero però che - a 30 anni - riesca ad avere gli stimoli giusti per dare tutto in una partita così importante.

    RispondiElimina
  14. Se si deve proprio giocare zallerianamente senza centravanti, volendo far congetture, un'altra possibilità potrebbe essere quella di avanzare Vargas a supporto, insieme a Joaquin, di Ilicic.

    RispondiElimina
  15. stefano vienna29 aprile 2014 12:21

    Giocare con mille attenuanti una finale può essere un vantaggio. I favoriti sono loro, ai nostri, Montella compreso, si chiede l'impresa. Anche io sarei per rinunciare a Matri almeno dall'inizio con Joaquin centravanti. Valero purtroppo quest'anno ha evidenziato limiti.

    RispondiElimina
  16. Io sono per Matos davanti, più mobile di Matri, più rompiballe per i difensori; lui può svariare in lungo e in largo alla Cuadrado...

    RispondiElimina
  17. Stefano, sai che, pensandoci bene, l'idea di Joaquin centravanti mi attira? È un giocatore di gran classe, ha fisico, buon tiro, è esperto, grintoso e nei momenti decisivi ha dimostrato di esserci. Può essere una buona idea.

    RispondiElimina
  18. Non farei giocare Vargas, non sará partita per la sua staticità, farebbe fatica. Si Matos-Ilicic-Joaquin (lui abituato a queste partite), lo spagnolo ha sangue freddo, o Panduri o Napoli per lui non cambia.

    RispondiElimina
  19. Berlusconi: "Non vendo il Milan. Vale 500 milioni". Che tenerezza i vecchietti che ragionano ancora in lire. (Riporto la battuta...).

    RispondiElimina
  20. Caro Zemanviola, non posso proprio tornare perché sono un superquerelato latitante. Lì da te poi c'è gente che non scherza. Gente che usa l'avvocato anche per comprare il gratta e vinci. C'è ormai troppa suscettibilità per un reietto della società come me. Se invece vuoi il Colonnello, allora non ti resta che venire qua e rischiare anche te la tua bella querela.

    RispondiElimina
  21. Querela da una querula?

    RispondiElimina
  22. Zemanviola per i pezzi di colore, Ljuka per l'analisi e si va in culo anche alla budellona. E i profughi torneranno. Anche LUI. Perché le colline sono in fiore.

    RispondiElimina
  23. Su Eta Beta ho pescato ricorrenza inconfutabile, ripetizione di hapax fra i due siti. Poiché la poligenesi appare, di fronte a specimine così raro, filologicamente non economica, l'utente in questione mi appare indiscutibilmente essere... Beh, un sitollockiano dei più cari a tutti (i sitollockiani, ovviamente... ahahahahahahah!) e non propriamente luddofilo (strano, eh? Ahahahahahahahahahah!). Renzi e Lucia dovrebbe essere Nudo, ma chi è Nudo? Come si nicca adesso, fra qua e là? Questo è un mistero che ancora non ho dissipato, lo confesso.

    RispondiElimina
  24. Meglio tardo a che mai.

    RispondiElimina
  25. Colonnello, un intreccio che potrebbe rilanciare addirittura l'uso del vimini. Dovrò dedicare ampi appezzamenti di editoriale alla materia. Vedo contaminazione incrociata degli alimenti tra i due siti. Il mio nick appare ormai di là più che sulle carte processuali in quel di Parma. E ZemanViola è un batterio davvero aggressivo per lasciarlo proliferare così libero. Domani dovrò almeno nominarlo nell'editoriale per intrappolarlo nelle sabbie mobili di questa malsana palude.

    RispondiElimina
  26. Coppa al Real. Ricordatevelo, Foco lo disse.

    RispondiElimina
  27. Che risolaha il Bayern! Das Ende des Tiki-takas?

    RispondiElimina
  28. Le mode durano 4-5 anni poi vien fuori sempre il solito, difesa accorta e ripartenze, non catenaccio ed il Real non può farlo, troppa qualità ma al servizio del più classico gioco all'italiana. Chiari torna, serate così non puoi mancare.

    RispondiElimina
  29. Occhio che Mou pratica lo stesso gioco!

    RispondiElimina
  30. Non c'è nemmeno da muovere grosse colpe al Bayern che gioca con la formazione tipo, quella schiacciasassi del campionato e della champions, nessun atteggiamento sbagliato, solita aggressività e palleggio sfiancante ma quando non entri in area è fine a se stesso, noi ci abbiamo fatto il callo. Incredibile la difesa però, su due palle inattive pareva allenata da Vio.

    RispondiElimina
  31. No Leo, Vio ha solo la responsabilità di quelle a nostro favore, una S.r.l. insomma, ahahah!

    RispondiElimina
  32. Ah, facciamo schifo nature la dietro ?! eh eh eh eh eh eh

    RispondiElimina
  33. Sì, è cosi, per ammissione dello stesso Montella, troppe le variabili, così disse. Ma che si concentri poco, troppo, sulla fase difensiva è sotto gli occhi di tutti. Ultimamente Diakité ha dimostrato chiaramente che con un buon colpitore di testa saremmo più forti e spero che lo schieri sabato prossimo.

    RispondiElimina
  34. Sarebbe folle rinunciare alla sua fisicità, a me piace Mobido.

    RispondiElimina
  35. Concordo al 100%. Chiari, vorremmo tutti sapere quello che ne pensi al riguardo, e non solo. Dai, non fare il bischero!

    RispondiElimina
  36. Hoeness in tribuna, o 'un dovea essere in galera avendo rinunciato all'appello?

    RispondiElimina
  37. PoKer del Real. Ha rubato la K ed è rimasto il tihi-taha, finito vino!

    RispondiElimina
  38. Mamma mia che purgata, vabbé che in finale non sempre ci arriva la migliore ma stasera il migliore è stato nettamente il Real, onestamente il 4-0 non me l'aspettavo. Peso peso peso!

    RispondiElimina
  39. Il Bayern ha perso la coppa vincendo il campionato con troppo anticipo. Ha perso tensione agonistica, una cosa che non può spegnersi mai. Si rischia di passare settimane sgonfie e arrivare alla partitissima con troppa adrenalina che , se non diluita nel tempo, blocca i ritmi e le gambe.

    RispondiElimina
  40. A dire il vero a Madrid aveva giocato davvero bene e manco meritava la sconfitta di misura, stasera l'uno-due incassato in quella maniera ha spento tutte le lampadine, più che energie nervose serviva una carica muscolare che a questo punto della stagione è difficile avere, la trovi se la partita si mette in un certo modo. La difesa è mezza squadra, s'è visto col Trap, con Capello, con Mou, con Ancelotti, puoi pure marcare pochi goal ma se ne becchi ancora meno vai avanti tu, poche ciance. Dobbiamo migliorare la nostra prima ancora di farci tante seghe mentali con moduli, top player e filosofie di gioco. Diteglielo allo scemo sul laghetto.

    RispondiElimina
  41. Le azioni di Incidanpiù Igiocatori salgono di un 30%.
    In ribasso gli indici TICTOC.
    Stabile il FUTBAL.

    RispondiElimina
  42. Curioso quello che hanno riportato in telecronaca: "Simeone ha dichiarato che se vuoi fare l'allenatore non puoi sbagliare la preparazione, il ritiro". Apriti cielo! eh eh eh eh eh eh
    Sulle azioni e gli indici concordo, CR7, 16 goal in 10 partite di CL, muti tutti.

    RispondiElimina
  43. Guardiola lo confermano se vince la coppa di Germania, e chissà che basti! Campionato e coppa nazionale non sono certo un fallimento ma a quelle latitudini negli ultimi anni sono abituati a ben altro. Considerata la stroncatura di Moyes al MU non sarebbe peregrina un'ipotesi premier. Quattro sono troppi, troppi da giustificare a certi livelli, non ci corrono 5 goal a vantaggio del Real col Bayern, che l'abbia cannata mentalmente, fisicamente o filosoficamente poco importa, queste sono legnate che non lasciano lividi ma ossa rotte nel profondo e non sempre calcificano bene.

    RispondiElimina
  44. Il problema di Guardiola è che il Bayern nel suo complesso ha un tasso tecnico sicuramente inferiore non solo a quello del Real (e si è visto stasera), ma molto minore di quello del suo Barcellona migliore. A meno che non si vogliano paragonare ottimi giocatori come Robben e Ribery a fuoriclasse assoluti come Messi, Xavi e Iniesta.

    RispondiElimina
  45. Sul tasso tecnico inferiore a questo Real non concordo proprio Mc, il Bayern ha assoluti campioni in ogni dove ed un paio di fuoriclasse, i motivi sono altri.

    RispondiElimina
  46. Non sono d'accordo, Leo. Il problema del Bayern è che ha solo ottimi giocatori, ma nessun fuoriclasse. Altrimenti avrebbe fatto a polpette il Real. Il fatto che sia uscito sconfitto così nettamente dal doppio confronto mi sembra sia la dimostrazione migliore di quanto sostengo. Questo Real possiede un fuoriclasse stratosferico (Ronaldo) ed una miriade di giocatori di ottimo livello, specie in attacco, dove ha due esterni devastanti (Bale e Di Maria). In più ha gente esperta, alcuni dei quali hanno vinto pure un mondiale. Mi dici che cosa ha vinto gente come Robben, Ribery, Schweinsteiger e Lahm? E alcuni di loro sono già a fine carriera. La classe non è cosa che si può comprare al mercato e quella del Bayern, lo ripeto, è inferiore (e molto) rispetto a quella che possono mettere in campo sia il Real che il Barça. Non sono altri i motivi della debacle di ieri sera.

    RispondiElimina